Contratti di Quartiere II - Milano. 52 San Siro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contratti di Quartiere II - Milano. 52 San Siro"

Transcript

1 52 San Siro

2 Quartiere S. Siro Quartiere San Siro 53 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione Partecipata

3 Programma nazionale Contratti di Quartiere II Scorcio del quartiere S. Siro prima e dopo l intervento ALER 54 Consegna preliminare: Marzo 2004 Approvazione Comitato Paritetico: Giugno 2006 Alloggi Residenti Anziani (> 65 anni) CONTRATTO DI QUARTIERE II D.G.R. 7/14845 del Portatori handicap 106 Laboratorio di quartiere: Sede: via Abbiati, 4 Tel Società: Metodi s.r.l. Extracomunitari Lo stato attuale Il quartiere: Il Quartiere San Siro realizzato tra il 1931 ed il 1949 è suddiviso in due grossi agglomerati cittadini denominati: Milite Ignoto e Baracca. E il quartiere più consistente tra quelli realizzati dall Aler: comprende alloggi distribuiti in 124 edifici dove sono inseriti servizi compatibili con l edilizia residenziale, quali la scuola materna, attività commerciali, spazi sociali e portinerie. La tipologia edilizia prevalente è rappresentata da edifici in linea di diversa altezza, con altezza prevalente di 3 4 e 5 piani. Il Quartiere è servito, dal punto di vista energetico, da un unica Centrale Termica collocata sotto piazza Selinunte, nucleo centrale del quartiere stesso, dove sono presenti anche attività commercia-li al minuto ed un mercato comunale coperto. L impianto è frutto di un razionalismo sperimentale di inizio secolo attuato per fasi diverse, ma omogenee, con tipologie in linea attente all esposizione eliotermica e ad una equilibrata scansione di spazi privati. Obiettivi/strategie della progettazione edilizia e sociale: Il Quartiere San Siro si presenta come un area sub centrale di Milano, baricentrica rispetto a grossi ambiti di trasformazione attivati, in o prevedibili. Attorno al quadrilatero troviamo, infatti, il Portello in fase di realizzazione, il per la riconversione della Nuova Fiera, l ex Piazzale dello Sport ed in prospettiva l area di possibile dismissione della Caserma Perrucchetti. A questa situazione di grosse potenzialità si aggiungono: la vicinanza dei parchi Trenno, Cave e Monte Stella, del sistema degli Ippodromi ed infine l innervamento del trasporto pubblico, che è decisamente notevole con la vicinanza della MM linea 1 Lotto, la presenza della linea 16 (ex 24), della filovia 90/91 e degli autobus 49 e 95. Non mancano quindi le condizioni per una complessiva riconversione della sub area.obiettivo principale degli interventi presenti e futuri, compreso il P.R.U. L. 493/93 ed il Contratto di Quartiere, è la rottura di questo isolamento per favorire la rigenerazione del San Siro quale normale ambito di città.

4 Quartiere S. Siro Schema generale degli interventi previsti Opere di Edilizia Residenziale Pubblica Manutenzione Straordinaria sui fabbricati di piazza Selinunte 3, Mar Ionio 3, Zamagna 4, Tracia 1,2,3,4,5,7, Preneste 8, Civitali 2,4, Aretusa 6, Civitali 30 Ristrutturazione Edilizia Civitali 30 scale C-D-E-F. Recupero 49 alloggi sfitti e inagibili. Opere Infrastrutturali Spazi per il Centro socio ricreativo anziani, via Stratico 7. Riqualificazione Piazza Selinunte. Nuova rete riscaldamento. Riqualificazione Asilo Nido v.le Mar Jonio 5. Opere stradali v.le Aretusa. Mercato Comunale p.le Selinunte, 1. Opere non Cofinanziate Azioni Sociali Il programma Recupero 49 alloggi sfitti e inagibili. Parcheggio interrato v.le Aretusa e riqualificazione parterre centrale. Piano di Accompagnamento sociale e progettazione partecipata. Patto Locale di Sicurezza urbana. Portierato Sociale. Mini-alloggi per anziani. Interventi a favore dell occupazione e dell imprenditoria. Progetto integrato per il trattamento del disagio psichico. 55 LOTTI/OPERE COSTO INTERVENTO N. ALLOGGI Manutenzione Straordinaria LOTTO 1 (Selinunte 3, Tracia 1, Tracia 2, Tracia 3) Manutenzione Straordinaria LOTTO 2 (Civitali 2/4, Aretusa 6) Manutenzione Straordinaria LOTTO 3 (Preneste 8, Tracia 5-7) Manutenzione Straordinaria LOTTO 4 (Tracia 4 Selinunte 3) Manutenzione Straordinaria LOTTO 5 (Mar Jonio 3, Zamagna 4) Manutenzione Straordinaria LOTTO 6 (Civitali 30) Ristrutturazione Edilizia LOTTO 7 (Civitali 30) Adeguamento rete riscaldamento LOTTO , , , , , , , ,00 Tutto il quartiere Recupero 49 alloggi LOTTO ,71 49 TOTALE ,

5 Laboratorio di Quartiere e azioni sociali E stato aperto, a fine giugno 2005, il Laboratorio di Quartiere San Siro, sito in v. Abbiati 4, in unità commerciali messi a disposizione da Aler. Il Laboratorio di Quartiere è aperto 2 ore al giorno per tre giorni alla settimana. Il Laboratorio opera come luogo di incontro fra l utenza e la Committenza per la comunicazione del nell insieme e nei suoi dettagli, e con aggiornamenti sugli sviluppi. Questa attività si concretizza, oltre che con scambi di informazioni, osservazioni, suggerimenti etc da parte dell utenza anche con diffusione di materiale cartaceo di supporto alla comunicazione. L attività Progettazione Partecipata è stata affidata, con incarico congiunto Aler/Comune alla società Metodi srl,e dal 2006 con affido diretto da parte del Comune. La società Metodi srl svolge,rispetto a quanto meglio specificato nel Piano di Lavoro per la Progettazione Partecipata, a cui si rimanda per gli aspetti generali e la totalità delle azioni comprese nel CDQ, nell ambito degli interventi previsti da Aler le azioni che possono riassumersi in: Informazione e comunicazione agli abitanti sul costante sviluppo del Programma CdQ; Progettazione partecipata degli interventi sia edilizi che sociali attraverso riunioni, assemblee, incontri, pubblicazioni etc.; Monitoraggio dell utenza interessata dal piano di mobilità; Gestione del Laboratorio di quartiere con apertura al pubblico. 56 Alcuni momenti di iniziative sorte all interno di Progettazione Partecipata

6 Quartiere S. Siro Stato di attuazione Manutenzione Straordinaria LOTTO 1 (Selinunte 3 sc. G, Tracia 1, Tracia 2 scale A,B,C,D, Tracia 3) , dal Consiglio in fase di pubblicazione dell appalto Manutenzione Straordinaria LOTTO 2 (Civitali 2/4, Aretusa 6) , In esecuzione Manutenzione Straordinaria LOTTO 3 (Preneste 8, Tracia 5-7) , definitivo - Da appaltare Manutenzione Straordinaria LOTTO 4 (Tracia 4 scale E,F,G,H, Selinunte 3 sc. A-B-C-D-E-F-H) , definitivo - Da appaltare Manutenzione Straordinaria LOTTO 5 (Mar Jonio 3, Zamagna 4) Manutenzione Straordinaria LOTTO 6 (Civitali 30) - 1ª FASE MANUTENZIONE STRAORDINARIA sc. A,B,G , ,00 71 definitivo - Da appaltare definitivo - Da appaltare 57 Ristrutturazione Edilizia LOTTO 7 (Civitali 30) 1ª FASE RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA sc. E,F,C,D ,60 48 definitivo - Da appaltare LOTTO 8 Adeguamento rete riscaldamento ,00 Tutto il quartiere definitivo LOTTO 9 Recupero 49 alloggi ,71 49 dal Consiglio in fase di pubblicazione dell appalto TOTALE , Costo totale dell intervento Comune Località Costo totale C.d.Q. Intervento Aler Importo cofinanziamento Regionale (intervento Aler) Importo cofinanziamento Aler Altri finanziamenti MILANO Q.re San Siro , , , , ,02

7 Cronoprogramma Generale delle Opere e delle Azioni 58

8 Quartiere S. Siro Progettazione Partecipata Sintesi della relazione sulle attività del Laboratorio di Quartiere a cura di METODI Srl Via Civitali 30, intervento previsto di demolizione e sostituzione degli immobili La notizia dei lavori previsti dal Contratto di Quartiere per questo specifico lotto, ha dato il via, ancora con il termine dello scorso anno, a un comitato inquilini, supportato da un gruppo di attori composto dal Parroco, il Sicet, gli architetti che hanno dato vita al lavoro nei cortili di Sansiro, Rifondazione Comunista. Se già alcuni proprietari avevano manifestato interesse per la proposta di permuta con l ipotizzato edificio che avrebbe dovuto nascere al posto di quelli demoliti, la posizione del comitato, e di altri inquilini è stata di opposizione alla proposta formulata da ALER, negoziando una proposta alternativa, che non prevedesse l abbattimento degli stabili, bensì ristrutturazioni e manutenzioni straordinarie. A seguito di questa prima indicazione di contrarietà manifestata con una raccolta firme e relativa lettera alla sede Aler di Viale Romagna e nel corso del primo incontro di presentazione generale del in modo forte sono stati avviati incontri con il Comitato inquilini e un incontro con il gruppo di lavoro che lo aveva sin li supportato, per raccogliere il loro punto di vista e per maturare la disponibilità a confrontarsi nell ambito del percorso di progettazione partecipata La fase di progettazione partecipata ha visto la disponibilità di ALER a modificare il originario e questo si è rilevato molto importante in termini di clima, permettendo di discutere sulle soluzioni praticabili in maniera costruttiva. La partecipazione è stata animata e costante nei numeri fra le 25 e le 50 persone questo a prescindere dal luogo e dagli orari degli incontri, che si sono tenuti in Parrocchia, - l incontro iniziale con tutti gli inquilini - presso la sede ALER e in Laboratorio -con il Comitato degli inquilini -, e in cortile dal momento in cui è entrato in attività l architetto incaricato del passaggio dalla progettazione preliminare a quella definitiva. Va segnalata la costante presenza del pool di attori che hanno accompagnato gli inquilini in particolare del Sicet che ha facilitato per un verso gli incontri, mentre è parso in altre rappresentarli, riportando posizioni maturate in assemblee svoltesi nella sede del sindacato o comunque da questo gestite. Nel frattempo vi sono stati diversi incontri individuali in cortile mirati ad accogliere le esigenze relative alla mobilità e a spiegare la natura dell intervento, - che hanno permesso il crearsi di relazioni fiduciarie e di fatto hanno reso gli incontri non conflittuali. Rispettoso dei vincoli imposti da quanto proposto nel Contratto e pertanto atteso dalla Regione, il progettista incaricato, Arch. Perotta è andato sviluppando una prima ipotesi progettuale che trasformava il piano di demolizione e sostituzione con un piano di ristrutturazione e manutenzione straordinaria prevedendo la costruzione di un nuovo volume che andava a collegare le scale C D con le scale E F. La prima soluzione elaborata dall Architetto Perotta non ha trovato il consenso dei cittadini, e dalla discussione che ne è seguita si è consolidata l ipotesi alternativa di aumentare il numero delle ristrutturazioni, in modo che i benefici dell intervento potessero spalmarsi il più possibile su tutti gli inquilini. La nuova soluzione proposta dall Architetto ha previsto dunque la ristrutturazione di tre scale rinunciando al nuovo volume -, nonché la manutenzione straordinaria delle parti restanti, includendo un ascensore che serva i numerosi inquilini della Scala A e che sembra essere di facile collocazione e alta resa. Nell ultimo incontro a fine luglio - si è valutata la possibilità di ottimizzare questo intervento, portando le ristrutturazioni a 4 ovvero tutti i corpi scala della parte posteriore del complesso (C-D-E-F), ponendo attenzione - nell ambito del Piano di Accompagnamento Sociale alle situazioni che nelle scale interessate dalla MS, possano trarre beneficio da mobilità interna, con spostamenti consensuali in appartamenti vuoti che rispondono alle esigenze delle persone. Pertanto il al quale si è lavorato è quello che prevede la ristrutturazione delle scale C-D-E-F, la Manutenzione Straordinaria delle scale A-B-G, Questa soluzione implica un piano di mobilità che andrebbe a coinvolgere circa 60 famiglie, il fondamentale consenso di 5 proprietari, e una precisa valutazione economica per quanto riguarda la sostenibilità dell intervento nel suo complesso, specie per quanto concerne la manutenzione straordinaria. Il lavoro di progettazione partecipata ha permesso l emergere di alcune esigenze legate all abitare da alcuni casi di sovraffollamento a quelle delle persone anziane sole, con difficoltà di deambulazione -, nonché favorito un maggior senso di comunità che potrebbe essere terreno favorevole per un lavoro di accompagnamento sociale che possa favorire lo sviluppo di un clima e di relazioni positive. Tema trasversale e fonte di disagio per molte persone è quello della regolazione conseguente ad alcuni casi di occupazione abusiva: resta infatti aperta la questione degli abusivi e delle soluzioni che si intende adottare, tanto in merito alla situazione specifica di Via Civitali 30, che più in generale. 59 Nel mese di settembre si sono tenuti un incontro con i proprietari di abitazioni di Via Civitali 30, per discutere delle possibilità e dei criteri rispetto alla mobilità e alle possibilità di permuta; questo incontro è previsto per lunedì 11 settembre, presso il Laboratorio di Quartiere. A questo incontro sono stati invitati tutti i proprietari, in quanto è intenzione di ALEL di

9 valutare la possibilità di rientrare in possesso della totale proprietà. Lo snodo centrale per la questione è la gamma di ipotesi che ALER potrà proporre ai proprietari, per andare verso la definizione delle forme di permuta ritenute più idonee. In questo senso è previsto un incontro più tecnico e un incontro con tutti i residenti in Via Civitali 30, martedì 12, nel cortile in cui si è presentato il maturato dal lavoro di progettazione partecipata La soluzione proposta, pur non annullando la conseguente mobilità richiesta agli inquilini delle scale C-D-E-F oggetto di ristrutturazione e le conseguenti preoccupazioni e malumori, è stata comunque riconosciuta come rispondente alle indicazioni emerse negli incontri di progettazione partecipata, e come tale non avversata. La soluzione elaborata suggeriva in dettaglio il lavoro di costruzione di soluzioni in merito alle esigenze che la mobilità pone, e a quelle relative all abitare in senso più ampio. A questo proposito si ritiene di proseguire il lavoro di ascolto delle esigenze presenti, per cercare, laddove possibile, soluzioni mirate. In questo senso è ancor più forte il mandato in merito al piano di accompagnamento sociale, tanto che si è ritenuto di rinforzare questo lavoro con una figura di architetto, nell ambito dell azione del Patto Locale di Sicurezza, per quanto concerne le progettualità dei cortili. Pertanto in programmazione vi sono gli incontri con i proprietari e l inizio di incontri con gli inquilini, per entrare progressivamente nel merito delle esigenze relative al piano di mobilità e della qualità dell abitare. Da segnalare i contatti singoli con il Laboratorio, tanto telefonicamente che di presenza, di persone che cercano informazioni e conferme a quanto implicato dal lavoro 60 Manutenzioni Straordinarie Via Mar Jonio 3 Via Zamagna 4 Via Preneste 8 Via Tracia 1,2,3,4,5,7 - Via Selinunte 3 Via Civitali 2,4 Viale Aretusa Rispetto ai lavori di Manutenzione Straordinaria prevista, il lavoro di progettazione partecipata implicava la comunicazione rispetto agli interventi previsti e la raccolta di indicazioni da parte dei residenti che potessero migliorare dove possibile il integrando le esigenze manifestate. La presentazione sintetica e generale dei lavori di manutenzione è stata realizzata in tre diversi momenti: in un incontro pubblico ad hoc al quale erano invitati tutti i residenti nei singoli lotti, nell ambito dell evento di piazza Selinunte e in un incontro di cortile per lotto, resosi possibile tuttavia solo dopo il 21 luglio, data nella quale sono pervenuti i disegni relativi a progetti da parte dello studio incaricato L atteggiamento degli inquilini assume diverse posizioni: dalla incredulità e mancanza di fiducia va sottolineato come vi sia un ritardo di anni a San Siro nell avvio dei lavori del PRU che riguarda parte del quartiere e quindi una sfiducia nella effettiva possibilità di realizzazione dei lavori all auspicio che i lavori inizino presto e vadano a risolvere le criticità percepite. Una delle richieste più frequenti pertanto è quella relativa alla data di inizio lavori Viene sovente segnalato come fondamentale l intervento nei confronti della situazione di sregolazione legata agli occupanti abusivi e ai comportamenti che alcuni di questi pongono in essere. Rispetto ai lavori viene segnalata l esigenza degli ascensori non sempre realizzabili per vincoli di legge e finanziamenti quella di citofoni, delle recinzioni. Le ultime due questioni sono collegate in quanto o viene tenuto sempre aperto. accrescendo la situazione di insicurezza, manifesta da molte delle persone incontrate oppure è impossibile l accesso agli edifici, non potendo chiamare l interno desiderato. Viene inoltre segnalato l interesse a contribuire alle fase di realizzazione per quanto concerne per esempio il piano colore e la sistemazione delle aree a verde. In diversi casi viene anche segnalata l esigenza di verificare la qualità del lavoro dei portieri tema non direttamente inerente i lavori di manutenzione, ma percepito come importante da parte degli inquilini. Vi è comunque informazione e un consenso generale rispetto agli interventi previsti. Nel mese di settembre sono state realizzate assemblee con i proprietari degli appartamenti nei quattro Lotti, nel quale ALER ha presentato i progetti, i costi ipotizzati, le tempistiche, le possibili formule di pagamento. La presenza agli incontri ha visto la presenza di un terzo \ metà dei proprietari presenti. Per il proseguo si è in attesa della conferma del cronoprogramma in merito all ordine di avvio dei cantieri e del passaggio al esecutivo, con relative gare di appalto: queste permetteranno una esatta definizione degli importi per quanto concerne i proprietari e permetterà di avere un quadro effettivo dei lavori che si andranno a realizzare. Il piano di comunicazione e di accompagnamento sociale si articolerà in funzione di quanto sopra, mentre è prevista una comunicazione relativa ai tempi previsti, correlata alle risposte della Regione in merito ai progetti presentati Opere Infrastrutturali La comunicazione si è concentrata in particolare su Piazza Selinunte e Viale Aretusa in quanto in merito agli altri lavori previsti nido e Centro anziani il lavoro di condivisione e progettazione partecipata era stato costruito nel tempo e pertanto iil grado di conoscenza e condivisione in merito ai progetti era già elevato in partenza. Rispetto ai lavori che riguardavano la piazza e la viabilità vi sono stati diversi incontri fra cui quello di presentazione del da Parte dell Architetto Montrasi, progettista del settore Parchi e Giardini, e ua giornata evento di presentazione e confronto con i\le residenti il quartiere, organizzata per sabato 23 luglio. In quell occasione si sono raccolte le osservazioni, i suggerimenti e

10 Quartiere S. Siro le critiche dei cittadini nel corso di momenti strutturati e in numerosissimi incontri individuali. Particolare da segnalare la specificità del gruppo dei proprietari dei cani che frequenta la Piazza Selinunte, mettendo in rilievo indicazioni precise, ma soprattutto rivelando una autentica funzione sociale e di aggregazione, oltre a quella di presidio. Questi ha preso contatto con l'arch. Sonia Samà dell'ufficio Periferie che si è impegnata ad organizzare un incontro con il progettista 'Arch. Montrasi Analoga richiesta stata avanzata da ASCO Sansiro. Allo stato attuale l incertezza in merito agli sviluppi relativi alla Centrale termoelettrica lasciano in sospeso, non permettendo alcuna certa previsione sugli sviluppi relativi anche alla progettazione della piazza. Laboratorio di Quartiere Il Laboratorio garantisce tre aperture al pubblica alla settimana ed è frequentato anche in altri momenti; la sua collocazione infatti si presta a essere un luogo di passaggio per alcuni residenti nelle vie attigue. Da una parte la collocazione del Laboratorio fuori dall area specifica degli interventi previsti rende meno fluida la comunicazione con i diretti interessati rispetto agli interventi negli edifici, ma ha originato un contatto e conseguente attivazione con i vicini di casa di Via Abbiati; i numerosi contatti hanno infatti no solo portato a segnalazioni e lamentele rispetto al degrado della via, ma contemporaneamente portato all attivazione di alcuni residenti, che si sono attivati in prima persona, contattando i gestori dei supermercati limitrofi per la questione dei carrelli abbandonati, contattando AEM per ottimizzare la rimozione dei rifiuti abbandonati, contattando le persone e sollecitandole a comportamenti più corretti. Per molti versi il Laboratorio chiama ad iniziative di questo tipo e a potenziali interventi di animazione di comunità nei singoli cortili auspicando uno stretto lavoro con ALER in tal senso. Il Laboratorio viene contattato, sia telefonicamente che personalmente, da persone che desiderano avere informazioni sul Contratto e sui lavori da questo previsti: alcuni sono proprietari che vogliono informazioni specifiche, altri semplici residenti che vogliono informazioni generali, molti sono inquilini che segnalano situazioni di disagio all interno dei loro cortili, mentre vi sono anche diverse persone che visitano il Laboratorio per offrire la propria disponibilità a fare qualcosa per il quartiere. Questo ultimo dato, oltre a essere molto confortante per un rilancio del quartiere, sembra affermare l opportunità di processi animativi, di sostegno e supporto alle risorse esistenti, alle persone che investono nel luogo in cui vivono; questa infatti vuole essere una linea di lavoro: sostenere il coinvolgimento, l attivazione l assunzione di responsabilità da parte delle persone, invece di una semplice segnalazione e delega. Va inoltre segnalata la frequentazione del Laboratorio, da parte di persone con disagio psichico; questo sottolinea l aspetto di bassa soglia da parte del servizio che si offre, ma implica anche da parte di chi lo gestisce precise consapevolezze e uno specifico lavoro di rete, di collegamento con chi - a partire dai servizi del territorio come il CPS si trova ad interagire e ad aver cura di queste persone. Più in generale il (lavoro del) Laboratorio diviene un sensore delle istanze percepite nel quartiere; in questo senso vale la pena segnalare la forte dimensione di disagio percepito a partire dalla situazione di non legalità presente dallo spaccio di sostanze all abusivismo spesso legato a malavita che rendono comprensibilmente insicura la vita delle persone, con alcune che non vanno in vacanza per timore di non poter rientrare nel proprio appartamento. Questo tema sembra percepito come centrale, imprescindibile per il rilancio del quartiere e pone, anche ad ALER, una richiesta di presa in carico della questione. Altra questione registrata dal Laboratorio è quella relativa agli spazi; il quartiere San Siro non brilla per quantità di luci, si spazi attivi sul versante commerciale e sociale. In tal senso un riflessione che viene sollecitata è quella di una maggiore valorizzazione degli spazi esistenti molti dei quali di ALER per pensare a forme di rilancio, tanto in termini i animazione imprenditoriale che sociale 61 Azioni Sociali Il primo incontro di presentazione - una assemblea pubblica - è stato caratterizzato da forti critiche al Contratto nel suo complesso, per il ritardo di comunicazione e per i ristretti tempi dedicabili alla progettazione partecipata, nonché da una generale avversione per il di demolizione e sostituzione previsto in Via Civitali 30. A questo assemblea sono seguiti diversi incontri individuali, che hanno permesso una più precisa presentazione del piano di lavoro nel suo complesso e nello specifico delle azioni sociali. Gli incontri successivi hanno invece comportato interesse e partecipazione, seppur nella consapevolezza dei tempi ristretti che non facilitano il passaggio a relazioni realmente fiduciarie. Si sono tenuti diversi incontri con rappresentanti di realtà aggregate quelle che frequentano il tavolo delle Azioni sociali,- per confrontarsi sulle ipotesi che si sono andate sin qui delineando e per raccogliere ulteriori stimoli ed eventuali proposte. Nel corso della giornata del 23 luglio si sono raccolte indicazioni da parte dei cittadini e si è organizzato un piccolo dibattito, cui hanno partecipato una quindicina di persone, le cui indicazioni sono diventate patrimonio collettivo. I numerosi contatti e incontri con i diversi attori avvenuti a fine agosto e ai primi di settembre hanno portato a maturare le riflessioni attorno a quanto proporre e sono confluiti in un incontro plenario che ha posto le premesse per tre diversi gruppi di, su specifiche aree tematiche, che poi sono andati a confluire nei progetti per il Patto Locale di Sicurezza. Il lavoro è stato intenso, e ha implicato il confronto fra approcci, culture e metodologie non necessariamente sovrapponentesi. Le

11 collaborazioni previste sono molte, alcune inedite; questo è un elemento di interesse da segnalare, una moltiplicazione di relazioni, una modificazione di sguardo, l avvio di collaborazioni su obiettivi comuni. Questo pone le premesse per positive collaborazioni anche sui prossimi gruppi di lavoro che si attiveranno, in merito alla valorizzazione degli spazi, alla comunicazione e in merito alle opportunità offerte dal bando per il rilancio dell occupazione e dell imprenditoria, attorno al quale stanno muovendosi già alcune ipotesi 62 Ancora da segnalare Festa dei nonni (2 ottobre) La proposta di Aler ha trovato subito una buona accoglienza da parte del Centro ricreativo anziani Il giardino e quindi si è proceduto con il Laboratorio che ha fatto da tramite tra Anna Bubico della Presidenza Aler e il presidente del Centro Anziani Sig. Ciro Pecchillo con il quale si sono svolti alcuni incontri di carattere organizzativo, altre realtà coinvolte sono state il Cdi di Piazza Segesta, la S. Vincenzo (suor Cecilia) e la custode sociale di Via Maratta. L'iniziativa ha avuto come evento centrale la festa presso il Centro Ricreativo Anzian i "Il giardino": causa pioggia la festa si è svolta anziché all aperto, in piazza Segesta 11, nel salone della Camera del lavoro, in piazza Segesta 4 Il programma della giornata ha visto l avvio alle ore 15,00 - danze con Thomas (Ass, Musicale Divas) - alle ore 16,00 vi sono stati gli interventi del presidente del Consiglio di Zona 7 Sig Cioffi e dell Architetto Galbiati per Aler, mentre alle ore rinfresco e fiori a tutte le donne presenti L affluenza è stata di circa 200 persone. Sono stati preparati e consegnati a domicilio prima del 2 ottobre n. 20 pacchi con biscotti, caffè e altri generi alimentari, destinati ad altrettanti nonni che per motivi di salute non possono uscire di casa. I pacchi sono stati consegnati dalla Custode sociale di via Maratta, da Suor Cecilia della S. Vincenzo e dal Presidente del Centro Anziani, mentre per i nonni del Centro Diurno Integrato Comunale di Piazza Segesta è stato invece messo da parte un vassoio di pasticcini e salatini consumati in una festicciola privata il lunedì 3 ottobre Animazione delle Periferie Su iniziativa dell Assessore Manca veniamo contattati da Roberto Fera del Teatro Nuove Idee di Porta Romana che ha ricevuto incarico per la realizzazione dell iniziativa. Nell incontro del 19 ottobre Roberto Fera ci ha illustrato i termini della proposta e il Laboratorio ha indicato alcune realtà del quartiere che potevano essere interessate e/o mettere a disposizione spazi e precisamente l Associazione Anziani Il giardino, il Teatro Erbaluce (compagnia teatrale formata anche da persone che abitano in quartiere) per i bambini più piccoli, la Cooperativa Azione Solidale per gli adolescenti. I contatti stanno andando avanti autonomamente. Il laboratorio non è coinvolto a livello organizzativo ma sta solo seguendo dall esterno facilitando le comunicazioni in caso di necessità. Il lavoro con la Provincia di Milano: va segnalato il proseguo dei contatto con la Provincia di Milano, che su sollecitazione di un consigliere provinciale sta valutando l opportunità e la possibilità di implementare alcuni filoni di lavoro, in una logica di complementarietà. I temi di riflessione riguardano il sostegno agli anziani e nel complesso la questione dell interazione fra soggetti differenti Costituzione del Comitato per l attuazione del contratto di quartiere; l individuazione delle figure maggiormente indicate per rappresentare il quartiere nel Tavolo istituzionale che si sta andando a definire, ha implicato al momento una serie di contatti e la raccolta di indicazioni e candidature. Il percorso di definizione vuole un suo momento plenario, previsto per mercoledì 29 ottobre, nel quale condividere i cinque nomi che affiancati ai due già previsti e riservati ai sindacati di categoria -possano portare in quella sede lo sguardo più ampio possibile Il lavoro di mappatura delle risorse locali: questo lavoro ha molteplici intenti: da una parte è una occasione di conoscenza reciproca con tutti gli attori organizzato del territorio, che si tratti di associazioni di categoria, servizi, realtà di volontariato o istituzioni; entrare in contatto personale con le diverse realtà permette un reale ascolto e offre l opportunità di dettagliare in merito Contratto di Quartiere e agli interventi da questo previsti. In questo modo è stato possibile mappare e contattare oltre 35 realtà, a indicare una ricchezza di risorse che insistono sul quartiere, anche se sovente sono poche note e poco in connessione fra loro. La mappatura ha facilitato la creazione di conoscenza e in alcuni casi l avvio di vere e proprie collaborazioni, anche oltre quelle innescate dal PLS. Allo stato attuale vi sono ancora alcuni servizi da incontrare e alcune schede da definire maggiormente in dettaglio. Si sta valutando la forma più efficace ed efficiente per poter condividere le informazioni ricavate. In ipotesi si immagina un formato elettronico, aggiornabile e a disposizione di chi è fornito di computer, mentre si vorrebbe realizzare una cartina e relativa legenda con le schede delle associazioni con traduzione da affiggere in ogni portineria

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale Cos è un piano urbanistico? È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale È uno strumento prima di

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

Efficienza Capitale 1

Efficienza Capitale 1 Efficienza Capitale 1 Efficienza energetica, abbattimento Co2, risparmio e investimenti, controllo social PREMESSA Gli edifici pubblici devono essere i luoghi dove curare il nostro presente. Le scuole

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Privacy in Condominio

Privacy in Condominio 1^ edizione! 1 Privacy in Condominio COSA SI PUO FARE E COSA NO Guida aggiornata al nuovo Vademecum del Palazzo emanato dall Autorità Garante per la tutela dei dati personali a seguito dell entrata in

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli