"Architettura per la Terza Età" (Foggia)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""Architettura per la Terza Età" (Foggia)"

Transcript

1 "Architettura per la Terza Età" (Foggia) ovvero: Il sogno è realtà Il nuovo complesso residenziale per la terza età a Foggia è inserito in un disegno urbano di ampio respiro che propone lo sviluppo e il consolidamento delle parti di città contigue (quartiere Candelaro, ospedale, PRU di progetto). Nell ambito di una zona periferica contenuta fra le strade per Lucera e S.Severo e una volta fra i tratturi per L Aquila e per Celano resa marginale dalla doppia presenza del muro continuo dell ospedale e della futura metropolitana, l idea guida dello studio urbanistico è stata quella di superare la marginalità attraverso l individuazione di molteplici connessioni con la dimensione urbana dei luoghi più caratteristici della Foggia antica e moderna. Le destinazioni d uso e le volumetrie indicate dal bando hanno suggerito un idea di città nuova (una ideale rivisitazione della città giardino secondo la concezione dello universal design) che si propone prima ancora per vuoti che per pieni. Ove vuoto vuol dire spazi di relazione, aree verdi di ricucitura, strade, piazze e percorsi protetti che creano una forma urbana, definita per luoghi rispettosi del clima e della cultura locali. All interno di questa parte di nuova città-giardino, trova una collocazione integrata il condominio solidale, un progetto di abitazioni innovative per gli anziani sviluppato sulla base dei bisogni reali di sicurezza e serenità nella vita quotidiana. IL BISOGNO DI SERVIZI INDIVIDUAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO Come in tutto il Mezzogiorno, anche a Foggia la famiglia costituisce il principale supporto all anziano in caso di bisogno. Tuttavia non sempre le condizioni sociali ed economiche sono tali da rendere praticabile tale scelta, che, in situazioni di solitudine e di precarietà delle condizioni abitative, finisce col rendere inevitabile il ricorso alla casa di riposo. Il collegamento con i servizi di assistenza sociale e sanitaria è ancora poco diffuso e affidato prevalentemente alle singole disponibilità familiari. Particolarmente 1

2 utile al mantenimento delle abilità fisiche e cognitive degli anziani sono quelle attività che consentono un coinvolgimento diretto della persona anziana, sia utilizzando le sue capacità di trasferire conoscenza (trasferimento delle pratiche e della memoria: attività di laboratorio, giardinaggio, piccoli lavori manuali, ecc ) sia stimolando quelle di riceverne da altri (partecipazione a percorsi formativi, mostre, gare, eventi musicali, teatrali, sperimentazioni). La localizzazione del condominio solidale all interno dell impianto urbanistico deve rispondere ai seguenti requisiti ed essere: - situato in una zona centrale dell area d intervento inserita in una rete di collegamento viario efficiente; - dotato dei principali servizi di interesse urbano (vicinanza con il polo ospedaliero d interesse sovracomunale), in aree tradizionalmente escluse dai processi di riqualificazione, dove invece la presenza di popolazione anziana risulta consistente; - di una dimensione compatibile con gli indirizzi tecnici previsti dal bando. Il modello insediativo proposto si pone l obiettivo di costruire un prototipo di intervento in favore degli anziani per i quali risulta fondamentale mantenere la propria autonomia e indipendenza, conservare le proprie radici, ma essere al tempo stesso inseriti in un ambiente abitativo confortevole e sicuro, dotato di una rete di sostegno che, al momento del bisogno, renda immediatamente disponibile il circuito dei servizi esistenti. In questo progetto, un ruolo centrale viene svolto dalla rete telematica e dagli impianti di domotica, integrati in un progetto di assistenza che utilizzi il potenziale partecipativo ed operativo degli stessi anziani e della struttura di vicinato, in un processo sinergico con le strutture specialistiche presenti sul territorio, sia pubbliche che del privato sociale. Le abitazioni per anziani sono integrate nella nuova parte urbana, ne adottano i caratteri formali e architettonici, senza soluzione di continuità, ma sono al tempo stesso più sicure, accessibili. E stato curato sia il rapporto fra l alloggio e i servizi di quartiere aperti ai cittadini, che l integrazione fra la cellula abitativa e gli spazi comuni ed esterni. L IMPIANTO URBANISTICO L impianto urbanistico si basa su una semplice griglia ortogonale che ripropone la modulazione per blocchi a corte della zona tardo-ottocentesca di espansione verso la stazione ferroviaria centrale, originariamente limitata a tre piani. Questa misura urbana, adeguatamente proporzionata alle aree d intervento, si deforma rispetto alle preesistenze e alle dimensioni delle varie aree di progetto. Grandi corti aperte, libere dalle auto, strutturano gli spazi residenziali e sono orientate in modo da sfruttare al massimo l illuminazione naturale e lo sfruttamento passivo dell energia solare. Lo schema viario vuole superare la marginalità dei confini e ricollega alla città esistente i nuovi luoghi di progetto. Una rete di percorsi pedonali protetti viaggia indipendente rispetto alla viabilità carrabile e collega le corti residenziali alle aree verdi, alle attrezzature. Sulla base dei principi bioclimatici, l acqua (laghetti, fontane, bacini di raccolta di pioggia) e il verde (viali, parchi, aiole) condizionano beneficamente il microclima della zona e suggeriscono un estensione del parco oltre la metropolitana, quasi dei nuovi tratturi verdi verso Nord. 2

3 Una grande piazza centrale affacciata sulla stazione della metropolitana, dotata di servizi commerciali e uffici direzionali (la torre) collega le due parti principali d intervento: ad Ovest la zona di edilizia libera a destinazione mista che si ricollega poi con il PRU su via Lucera, ad Est i redents dell edilizia pubblica per anziani e dell edilizia convenzionata affacciati sul nuovo parco urbano, che recupera ed integra le attrezzature sportive esistenti e poi si conclude ancora più ad Est, verso la via per S.Severo con altre maglie a redents ai margini del quartiere Candelaro. Le corti si articolano in schemi morfologici complessi, memori di antichi insediamenti locali, scavalcano le strade, s innalzano negli angoli. Tipi edilizi differenziati (schiera, linea e ballatoio) si inseriscono nella morfologia urbana intrecciata sulla base di una lettura attenta dell esposizione dei lotti. I parcheggi sono previsti in genere interrati ovvero sotto le aree a verde. La cubatura richiesta dal bando di mc. è stata verificata: una sezione morfologica tipica evidenzia le altezze differenziate degli edifici residenziali di edilizia convenzionata e libera (2-3-4 piani), commerciali (2 piani). La torre direzionale (10 piani) raggiunge l altezza maggiore del quartiere sulla piazza centrale. Intorno a questo segno urbano di riferimento si raccolgono le principali attività urbane. Il condominio solidale (4 piani) si affaccia discretamente sulla piazza ove culminano il parco lineare e un canale d acqua. La caratteristica di questa parte urbana innovativa è un habitat di tipo mediterraneo che dispone di molte zone vivibili all aperto attrezzate con verde ed arredo urbano, dotate di adeguati servizi culturali, sociali ed assistenziali da vivere come luoghi d incontro e di scambio. INSERIMENTO DEL CONDOMINIO SOLIDALE NEL CONTESTO URBANO In un lotto collocato accanto alla piazza centrale (ove sono previsti uffici, negozi e residenze), il progetto prevede la realizzazione degli alloggi per anziani, oltre ai servizi assistenziali, sociali e culturali ad essi connessi, che vanno ad integrare le attrezzature generali previste dal piano urbanistico. La continuità morfologica fra la residenza per anziani e le contigue corti residenziali destinate all edilizia convenzionata, la sistemazione accurata del parco pubblico centrale e delle aree esterne (piazza pedonale, i giardini, gli orti, i campi di bocce, una piccola chiesa) assicureranno la corretta connessione fisica e sociale fra gli interventi di edilizia residenziale pubblica e privata, integrando la popolazione anziana all interno del tessuto insediativo. Una trama di percorsi protetti lega il condominio solidale e le residenze contigue attraversando l area del parco centrale, divisa in giardini, orti, zone pergolate, campi sportivi esistenti. Le attrezzature commerciali nella piazza antistante integrano le strutture assistenziali, sociali e culturali di nuova realizzazione. La piazza pedonale, che si collega alla chiesa ipotizzata nel parco, è baricentrica rispetto alla nuova struttura urbana. Questo modello insediativo morfo-tipologico suggerisce un modo non coercitivo di socializzazione, un incontrarsi senza necessariamente cercarsi. Una forma amichevole di vita condivisa, mantenendo autonomia e indipendenza nel proprio ambito domestico. Alle abitazioni per anziani accessibili e integrate sarà collegato un sistema di telesoccorso e teleassistenza, che attraverso l utilizzo di una postazione telematica collocata nel centro per attività collettive annesso, consentirà di offrire, in rete con il vicino Ospedale, un ampia gamma di servizi alla popolazione locale, in particolare agli anziani, in relazione ai loro effettivi bisogni. A tale postazione potranno successivamente far riferimento anche altre sedi telematiche promosse in futuro 3

4 analogamente a quanto sviluppato in questo intervento, con una sensibile economia di gestione delle attività e una maggiore efficacia in termini di prestazioni assicurate. INTEGRAZIONE FRA CELLULA ABITATIVA E SPAZI ESTERNI Il condominio solidale si articola su quattro livelli fuori terra ed uno interrato ed è articolato in unità residenziali autonome servite a ballatoio (a schiera al piano terra), affacciate su due corti semi-aperte rispettivamente sulla piazza e sul parco. Ai ballatoi si accede attraverso collegamenti verticali, scale ed ascensori, inseriti dentro degli spazi comuni concepiti come delle serre-giardini d inverno, apribili d estate. Gli alloggi si affacciano sul ballatoio attraverso uno spazio-soggiorno all aperto, che può essere schermato come una serra con pareti scorrevoli. Questo spazio costituisce una piacevole opportunità di sosta e possibile socializzazione fra la privacy dell alloggio e il luogo d incontro del ballatoio e del soggiorno comune - serra. Lo spazio interno della cellula si collega visivamente con l esterno attraverso la bussola vetrata della loggia aperta sul ballatoio. L arredo e l attrezzatura interna favoriscono l accessibilità e creano attraverso divisori scorrevoli il collegamento visivo fra gli ambienti giorno, notte e dei servizi. L alloggio attraverso questa flessibilità appare più grande e variato nell uso quotidiano. La porosità dell edificio si percepisce sia nel rapporto con l ambiente esterno (la parete a ballatoio tramite le fioriere si sviluppa in una parete verde ) che nelle relazioni fra le parti dell edificio (serre-soggiorni-scale, laboratori artigianali, alloggiologgia-ballatoio). L intervento prevede n 40 alloggi per anziani, oltre ad uno per il custode, con superfici comprese tra e mq, dotati di spazio esterno privato di pertinenza, cantina autonoma e posto auto, servizi collettivi annessi alla residenza, spazi all aperto, percorsi pedonali protetti. Le dimensioni dell intervento sono le seguenti: - sup. utile dei tipi di alloggio: n 29 di circa mq, n 11 di circa 65 mq. - sup. utile totale degli alloggi: mq. - sup. utile, comprensiva degli spazi di soggiorno,lettura: mq. - sup. non residenziale: mq. - sup. parcheggi: mq. - superficie complessiva: mq. - rapporto % SNR/SU : 43 % La distribuzione verticale ai ballatoi superiori, ovvero alle cantine, è assicurata da n 3 gruppi scale con ascensore. Ai vari piani gli alloggi sono distribuiti da un ballatoio longitudinale. Al piano terra, data la vicinanza con il centro di assistenza, negli alloggi disponibili potranno essere localizzati anche anziani con particolari disabilità o forme di disorientamento (con antistante giardino Alzheimer). 4

5 Le attività previste nel centro servizi sono aperte ai residenti e al quartiere, e avranno un bacino di utenza molto più ampio. I locali comuni previsti nel centro sono: - portineria dedicata postazione telematica di sorveglianza e comunicazione - soggiorno comune, con angolo cottura - sala lettura / atelier / ballo - locali di servizio (lavanderia) - un locale per infermeria ambulatorio, dotato di servizi igienici - locali per poliambulatori e postazione di telemedicina - locali per attività motorie / fisioterapia / idroterapia Il centro servizi è collegato agli alloggi da un sistema di comunicazione e controllo, che consente di intervenire in caso di emergenza. La postazione di controllo è presente nell intervento situata nel locale portierato e raccoglie prioritariamente i messaggi provenienti dalle singole unità abitative per poi smistarli, a seconda delle necessità, nell alloggio del custode (nelle ore notturne, nei week-end, etc) oppure all esterno in altre postazioni remote (118, Ospedale, ecc.) ed ha la funzione di collegare il poliambulatorio e centro assistenza con le postazioni di soccorso socio-sanitario o con la rete telematica disponibile a livello locale. LE ATTREZZATURE INTERNE DELL ALLOGGIO Lo studio accurato dell arredamento interno e l impiego della domotica più aggiornata per gli impianti elettrici e di comunicazione, caratterizza il layout degli alloggi, collegati via cavo con il portierato e la sede dell organizzazione assistenziale per la gestione delle emergenze degli utenti. Ospitano tutti indifferentemente una o due persone, ed eventualmente anche un ulteriore coabitante, e consentono anche l eventuale creazione di un ambito autonomo, ricavabile nel soggiorno, per ospiti occasionali o accompagnatori. Ogni alloggio, dotato di uno spazio porticato d ingresso per garantire maggiore riservatezza agli utenti, è composto da un soggiorno pranzo con cucina autonoma e ripostiglio da un lato e una o due stanze da letto e servizi igienici dall altro. E stata curata l accessibilità degli ambienti e la suddivisione funzionale in spazi serventi e spazi serviti. Il modulo spaziale di riferimento è 1.20 mt, la campata è di 6.00 mt. Tutti gli alloggi dispongono di ampia loggia di pertinenza, accessibile anche per disabili motori, dotata di struttura a pergola per proteggere dal sole. Sono inoltre dotati di cantina, collocata al piano interrato e accessibile attraverso l ascensore, e di posto auto, collegato agli alloggi da percorsi accessibili e protetti. Una luce aggiuntiva è localizzata immediatamente sopra la porta d ingresso, per facilitarne l apertura. La porta è blindata, con maniglia interna ed esterna, separata dalla toppa. All esterno di ogni alloggio, un piano d appoggio immediatamente contiguo alla porta di accesso, consente di depositare immediatamente gli eventuali pesi introdotti in casa o semplicemente di appoggiare la borsa e le chiavi. Le funzioni di vestibolo sono svolte dal locale ripostiglio, generalmente collegato al disimpegno di ingresso. La cucina è 5

6 autonoma e generalmente dimensionata per accogliere anche lo spazio per il pranzo,. La disposizione delle attrezzature è ad elle, in modo da facilitare il flusso dei percorsi. Per gli alloggi destinati a persone anziane con particolari disabilità, potranno essere allestite sperimentalmente cucine accessibili, con attrezzature facilitate (pensili con servetto, sottolavello libero, etc). In cucina si è inoltre scelto di evitare l uso del gas, per scongiurare pericoli d incendio e di incidenti domestici: è prevista l installazione di un fornello elettrico con temporizzatore e segnalatore ottico-acustico, per facilitarne l uso dal parte di persone ipovedenti e ipoudenti. Al soggiorno, che svolge prevalentemente la funzione di relax, è collegata la loggia. In tutti le unità abitative le camere sono ampie, per consentire una libera possibilità di movimento anche in caso di disabilità motoria. La loro contiguità con lo spazio di soggiorno, consente, in caso di necessità dovute a lunghe degenze a letto, di poter creare un eventuale collegamento visivo e funzionale tra i due locali. Il bagno, dotato di sistema di allarme posizionato in prossimità di doccia e WC, è con piatto doccia a pavimento con sedile ribaltabile; le pareti sono predisposte all installazione di eventuali maniglioni, utilizzabili anche con funzione di porta asciugamani; i rubinetti sono a leva, con regolazione della portata d acqua. Nella doccia è installato un miscelatore termostatico per l erogazione dell acqua calda. Tutte le porte finestre sono prive di soglia e le porte interne hanno una luce netta di cm 90, per consentire agevoli movimenti anche con sedia a rotelle. Tutte le pavimentazioni dell alloggio e dei locali collettivi sono antisdrucciolevoli. Ogni alloggio è dotato di sistemi tecnologici aggiuntivi, collegati con la postazione del custode e il centro servizi, per garantire maggiore sicurezza nell uso degli spazi in casa e nell edificio e facilitare il controllo e la gestione domestica (perdite d acqua, presenze di fumi/incendi; emergenze sanitarie; gestione dell impianto termico e delle temperature, dei consumi, etc). Le apparecchiature telefoniche e di interfaccia con i sistemi impiantistici presenteranno un lay-out adeguato per ipovedenti e ipoudenti. I MATERIALI COSTRUTTIVI LE SISTEMAZIONI ESTERNE La progettazione degli edifici è finalizzata inoltre a garantire l impiego di materiali e prodotti locali, a bassa nocività ed emissioni tossiche, e predisposti a garantire livelli più elevati di risparmio delle risorse. A questo proposito si prevede l utilizzo di sistemi di regolazione della portata d acqua in ogni alloggio e nei locali comuni, e l installazione di disgiuntori di rete per il contenimento dell inquinamento elettromagnetico negli ambienti domestici. Un ulteriore apporto alla sostenibilità ambientale viene fornito dal collegamento degli spazi collettivi ad un impianto fotovoltaico, posto sui tetti orientati a Sud, per la produzione di energia elettrica al centro servizi. Saranno inoltre particolarmente curati gli isolamenti termici ed acustici, soprattutto in relazione alla contiguità degli alloggi con locali destinati a funzioni collettive. All esterno, per i noti vantaggi di risparmio energetico e di manutenzione, si utilizzerà una facciata ventilata in lastre di grès porcellanato. All interno le tamponature o i divisori saranno in blocchi di calcestruzzo cellulare autoclavato. Le strutture portanti saranno antisismiche. Tutti gli spazi di distribuzione e i locali comuni sono accessibili; le scale prevedono una differenziazione cromatica tra alzata e pedata e il primo e ultimo gradino sono segnalati con differenziazione nei materiali. Il posizionamento delle luci lungo scale ed elementi di distribuzione tiene conto della necessità di evitare fenomeni 6

7 di abbagliamento. L impianto di illuminazione nei locali comuni e negli spazi di distribuzione prevede inoltre sistemi automatici di accensione e spegnimento. Gli accessi e tutti percorsi sono segnalati e trattati con pavimentazioni differenziate in materiali e soluzioni cromatiche, in modo da facilitare l orientamento. I locali collettivi sono facilmente identificabili per il trattamento costruttivo particolare, e opportunamente segnalati con differenziazioni cromatiche e apposita segnaletica. Un importante ruolo terapeutico e di socializzazione viene affidato dal progetto al sistema delle corti, del verde e dei percorsi protetti, che collegano gli edifici alle altre isole residenziali. Lo spazio centrale della piazza è stato articolato in zone pavimentate e zone lasciate a terreno vegetale, suddivise in giardini e orti. All interno delle corti e del parco è previsto il recupero delle acque piovane, la separazione delle acque di scarico, con il riutilizzo delle acque grigie a scopo irriguo depurate con un impianto di fitodepurazione. 7

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4.

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4. 1. NOTA GENERALE AL PROGETTO PRELIMINARE Sulla base di quanto stabilito dall Amministrazione Comunale, il presente progetto verrà realizzato per lotti distinti e secondo tempistiche differenti. La prima

Dettagli

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi 5. ANALISI SPAZIALE Distribuzione degli spazi L attenzione nella progettazione degli spazi si affianca alla scelta delle tecnologie più evolute per la gestione della qualità ambientale. L edificio è stato

Dettagli

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE SENIGALLIA LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE RINASCE UN AREA DI SENIGALLIA Si chiama RESIDENZE SAN SEBASTIANO. Un nome che già appartiene all identità cittadina: San Sebastiano è il nome dell antistante

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE ABITAZIONI PERMANENTI URBANE C RESIDENZE COLLETTIVE: residence,

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca Milano - Monza - Cinisello Balsamo Residenza Universitaria denominata U10.2 Piazza dell Ateneo Nuovo, 2 Milano Superficie totale Alloggi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Generalità Il presente intervento ha interessato un lotto localizzato nel territorio del Comune di Calestano,

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

PROPERTY e ASSET MANAGEMENT

PROPERTY e ASSET MANAGEMENT 01 IVIO GENERALE PATRIMONIO Sistema di Gestione per la qualità Analisi giuridica Analisi giuridica Titolo e contratto di provenienza Pesi e Servitù gravanti Contratti o concessioni correlate Terreno Immobile

Dettagli

La natura non è un posto da visitare, è casa nostra

La natura non è un posto da visitare, è casa nostra Una grande magnolia, un oasi verde in città, un corso d acqua, un foglio bianco. La natura non è un posto da visitare, è casa nostra gary Snider il progetto nasce così, con una sfida: dare vita a un nuovo

Dettagli

CROTONE. www.iridegroup.it. Appartamenti tagliati e costruiti... su misura per te

CROTONE. www.iridegroup.it. Appartamenti tagliati e costruiti... su misura per te CROTONE www.iridegroup.it Appartamenti tagliati e costruiti... su misura per te Indice: 01- Il Gruppo 02 - La Filosofia dell Intervento 03 - Il Progetto 04 - La Posizione 05 - Gli Interni 06 - Scheda

Dettagli

g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria

g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria g.w. reinberg, edifici residenziali a salisburgo e vienna, austria Possiamo considerare l architetto austriaco un pioniere dell architettura solare, avendo egli svolto da oltre venti anni attività di ricerca

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO RCHIDUE Associati x l'architettura Arch. Stefano NANNINI arch. Debora INNOCENTI via Castel de Toni, 1/A Casalguidi 51034 (PT) Tel./Fax. 0573.526389; e-mail: archidueassociati@tiscali.it Al Sig. Sindaco

Dettagli

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto.

L area in cui è situato il residence Aurora si colloca alle porte di Pasiano, all incrocio tra via Roma e via Pasiano di Sotto. IMMOBILARE DAL ZIN S.R.L. Ogni cosa che vedo e faccio prende senso in uno spazio della mente dove regna la stessa calma di qui, la stessa penombra, lo stesso silenzio percorso da fruscii di foglie. I.

Dettagli

TERZA ETA : ABITARE IN SICUREZZA

TERZA ETA : ABITARE IN SICUREZZA CONVEGNO TERZA ETA : ABITARE IN SICUREZZA 26 ottobre 2004 Haus Der Familie, Stella Renon (BZ) 1 PARTE ABITAZIONI, PAESI E CITTA A MISURA DI ANZIANI Assunta D Innocenzo e-mail:assunta.dinnocenzo1@tin.it-aea@uni.net

Dettagli

BENVENUTI NEL FUTURO DI ROMA

BENVENUTI NEL FUTURO DI ROMA BENVENUTI NEL FUTURO DI ROMA CITTÀ DEL SOLE È UN INNOVATIVO PROGETTO URBANO ED ARCHITETTONICO NATO CON L INTENTO DI CREARE UN LUOGO CAPACE DI CONCILIARE LA MISURA E LA VIVIBILITÀ DI QUARTIERE CON I CANONI

Dettagli

DESCRIZIONE IMMOBILE IN VENDITA

DESCRIZIONE IMMOBILE IN VENDITA DESCRIZIONE IMMOBILE IN VENDITA 1 Villa Elisa in Mira- Riviera del Brenta Venezia progetto architetto Arnaldo Abate Città: Mira Provincia: Venezia Prezzo richiesto : 1.200.000,00 Proprietario : privato

Dettagli

Il quartiere solare di Linz

Il quartiere solare di Linz Il quartiere solare di Linz di Giordana Castelli La città solare di Linz è un caso di eccellenza dal punto di vista della sostenibilità sociale ed ambientale ed è il risultato della volontà dell amministrazione

Dettagli

Osservatorio Fillea sulla Casa Scheda di censimento Alloggio sostenibile

Osservatorio Fillea sulla Casa Scheda di censimento Alloggio sostenibile Osservatorio Fillea sulla Casa Scheda di censimento Alloggio sostenibile Regione Lombardia Progetto RDB Casa- Sistema innovativo e flessibile di edilizia sociale idustrializzata Scheda Milano n. 23 Fonte

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Gli interventi

Dettagli

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato Studio Tecnico Ing. MASSIMO CECCARINI Cod. Fisc. CCC MSM 56H14 G999V Part. I.V.A. 00036530970 Viale V. Veneto, 13 59100 PRATO Tel. e Fax 0574 29062 / 607600 Prato, li 27/12/10. e-mail: studiomcmp@conmet.it

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Prova pratico-grafica (6 ore) Tema n.1 Consideriamo un edificio

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE.

Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. Facoltà di Economia e Commercio progetto di ristrutturazione dell edificio ex I. R. VE. LA STORIA DELL EDIFICIO GENERALE La nuova sede dell Ospizio di Carità (Regio Istituto di Riposo per la Vecchiaia),

Dettagli

ABITARE A MILANO LA CASA COME SERVIZIO VIA GALLARATE VIA APPENNINI

ABITARE A MILANO LA CASA COME SERVIZIO VIA GALLARATE VIA APPENNINI LA CASA COME SERVIZIO VIA GALLARATE VIA APPENNINI VIA GALLARATE VIA APPENNINNI L intervento di via Gallarate L area di 33.860 mq è compresa in una fascia lunga e stretta tra via Gallarate e via Appennini.

Dettagli

ESERCITAZIONE SU PIANO DI LOTTIZZAZIONE

ESERCITAZIONE SU PIANO DI LOTTIZZAZIONE Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2011/2012 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I ESERCITAZIONE SU PIANO DI LOTTIZZAZIONE 30 aprile e 7 maggio 10,30-13,30

Dettagli

ANDREA FASOLA 6928 Gravesano

ANDREA FASOLA 6928 Gravesano * I materiali definiti nelle immagini sono indicativi INQUADRAMENTO GENERALE * I materiali definiti nelle immagini sono indicativi FRONTE NORD - ACCESSO * I materiali definiti nelle immagini sono indicativi

Dettagli

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE

CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DI MARANELLO RELAZIONE GENERALE MOTTO:LA NAVICELLA DELL INGEGNO 1 PRINCIPI GUIDA GENERALI Il progetto prevede la demolizione del fabbricato

Dettagli

L elaborazione del Progetto è stato avviato e sviluppato dallo IACP di Salerno coinvolgendo consulenti ed esperti dell Università di Salerno.

L elaborazione del Progetto è stato avviato e sviluppato dallo IACP di Salerno coinvolgendo consulenti ed esperti dell Università di Salerno. Il Progetto per Castelnuovo Cilento (Salerno) L intervento per Castelnuovo Cilento prevede la realizzazione di 34 alloggi di Edilizia Economica Popolare, in un insediamento misto in cui sono compresenti

Dettagli

Giardini d inverno. un progetto di luce

Giardini d inverno. un progetto di luce Giardini d inverno un progetto di luce [ cos è un giardino d inverno ] detto anche veranda, serra bioclimatica o serra solare Il piacere è potersi godere la bellezza della natura, nell intimità di una

Dettagli

SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA

SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO AUTONOME PROVINZ BOZEN GEMEINDE BOZEN SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA Bolzano - 25.07.2005 - Bozen COMMITTENTE:

Dettagli

Periodico informativo n. 103/2015

Periodico informativo n. 103/2015 Periodico informativo n. 103/2015 OGGETO: Alberghi: bonus per ristrutturazioni e riqualificazione energetica Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Relazione tecnica. La proprietà dell immobile risulta della Società Città Nuova Srl con sede in Cagliari Via dei Falconi n. 45.

Relazione tecnica. La proprietà dell immobile risulta della Società Città Nuova Srl con sede in Cagliari Via dei Falconi n. 45. Oggetto: Variante alla concessione edilizia ai sensi dell Art. 5 della L.R. 04/2009 di un fabbricato ad uso residenziale sito a Quartu Sant Elena in via Dante angolo via Ravenna. Relazione tecnica Dati

Dettagli

voto peso % voto pesato voto peso % voto pesato valore soglia minima Analisi del sito Analisi del sito

voto peso % voto pesato voto peso % voto pesato valore soglia minima Analisi del sito Analisi del sito SISTEMA DI PESATURA DELLE SCHEDE DEI REQUISITI Modalità di calcolo del punteggio pesato: 1 Voto del requisito x peso = Voto pesato del requisito 2 Somma dei voti pesati del requisito = voto dell'area di

Dettagli

Progettiamo e costruiamo per farvi vivere ed abitare...

Progettiamo e costruiamo per farvi vivere ed abitare... ILLAZZANO Una filosofia costruttiva che guarda al futuro Cos è liberi nel verde Progettiamo e costruiamo per farvi vivere ed abitare... È una filosofia d avanguardia, per un abitazione che guarda al futuro

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il progetto per la riqualificazione di Piazza dei Martiri e Piazza Vittorio Emanuele II si sviluppa intorno all idea centrale di realizzare un grande spazio urbano con continuità

Dettagli

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO Parco Laghi di Suviana e Brasimone INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ MUSEO DEL BOSCO DI PORANCETO Il Museo è situato in località Poranceto nel comune di Cumugnano ed è ospitato all interno di un unico edificio

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili. COMMITTENTE: Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.it PROGETTO: ELABORAZIONE DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. 338 OGGETTO TITOLO

Dettagli

Le unità ambientali : definizione

Le unità ambientali : definizione Le unità ambientali : definizione Le unità ambientali (UA) rappresentano insiemi di attività compatibili funzionalmente e strettamente relazionate tra di loro in rapporto alle modalità di fruizione da

Dettagli

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA EDIFICIO RESIDENZIALE IN BIOEDILIZIA A BASSO CONSUMO ENERGETICO Piano di Lottizzazione loc. Bassone lotto B5 EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

Dettagli

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti

Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Casa unifamiliare a Morcote, Svizzera A. Paolella, WWF Ricerche e Progetti Il laterizio costituisce il principale materiale da costruzione della casa. La scelta di adottare elementi naturali e sostenibili

Dettagli

Residenziale Le Colline"

Residenziale Le Colline ABITCOOP - COOPERATIVA DI ABITAZIONE DELLA PROVINCIA DI MODENA - Società Cooperativa via Nonantolana, 520 41122 Modena tel. 059 381411 fax 059 331408 registro imprese di Mo, c.f. e p. iva 00671780369 albo

Dettagli

IL POLO del DIGITALE APPLICATO di AREZZO

IL POLO del DIGITALE APPLICATO di AREZZO IL POLO del DIGITALE APPLICATO di AREZZO Progetto arch. Mirko Tamburi L idea di creare un Polo Digitale ad Arezzo nasce dalla volontà di mettere in sinergia le imprese che si occupano di informatica (hardware,

Dettagli

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE IL PROGETTO PILOTA DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER LA RISOLUZIONE URBANISTICA DELLA MAGLIA 21 ESPANSIONE C2 SCOPRIAMO BARI: STRUMENTI

Dettagli

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina, Carta dei valori municipali parte generale schede progetto

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina,  Carta dei valori municipali parte generale  schede progetto Premessa Il percorso municipale, che porterà alla Conferenza Urbanistica Cittadina, prevede la raccolta dei materiali progettuali, riguardanti tutta l area municipale, da acquisire nel corso delle riunioni

Dettagli

SICILIA. Villa I Gelsi. Indirizzo: via Pulizzi (chianu) n. 49, Petrosino, TP, Sicilia, Italia

SICILIA. Villa I Gelsi. Indirizzo: via Pulizzi (chianu) n. 49, Petrosino, TP, Sicilia, Italia Autorimessa è posizionata nel chianu Pulizzi a circa 200 metri dal viale Francesco De Vita, principale via del comune di Petrosino, dove sono presenti la chiesa, il municipio e la gran parte delle attività

Dettagli

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali REQUISITI BASE Gli obblighi di norma si riducono a poche prescrizioni che sinteticamente sono: C D A Il lavabo deve essere di tipo a mensola,

Dettagli

ESSERE IN UN LUOGO UNICO Ville Aimaro

ESSERE IN UN LUOGO UNICO Ville Aimaro ESSERE IN UN LUOGO UNICO Ville Aimaro ESSERE IN UN LUOGO UNICO UNO SCENARIO SUGGESTIVO FATTO DI DELICATI EQUILIBRI PH MARCO NEGRI LOCALIZZAZIONE A 300 metri dalla riva del lago di Garda, a 2 km dal centro

Dettagli

Residenza 25 VERDE MODERNO APPARTAMENTO San Salvario (Valentino) TO

Residenza 25 VERDE MODERNO APPARTAMENTO San Salvario (Valentino) TO IL QUARTIERE Il Po di Torino e la vista sulla Mole Parco del Valentino San Salvario (Valentino) appartamento in una delle È uno dei quartieri centrali più verdi di Torino, poiché nella sua parte orientale,

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Anche un solo gradino all ingresso può compromettere l accessibilità del locale alle persone che utilizzano la carrozzina. ACCESSIBILITÀ

Dettagli

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA Complesso di proprietà di Pentagramma Romagna Spa in via XX Settembre n.38 e Corso Mazzini n.41, sito nel Comune di Cervia (RA). OPERE DI RESTAURO

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

CENTRO VISITE SILVANO MASSOLO AD AISONE

CENTRO VISITE SILVANO MASSOLO AD AISONE Parco Alpi Marittime INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE DI VERNANTE Il Centro visite è ubicato al piano terra di un edificio posto al centro dell abitato di Vernante in Valle Vermegnana. La struttura

Dettagli

Residenza San Michele - Via Pometta - 6500 Bellinzona. Tel: + 41 (0)91 826 23 14 Informazioni e Vendita: REMAX, 6500 Bellinzona Sig.

Residenza San Michele - Via Pometta - 6500 Bellinzona. Tel: + 41 (0)91 826 23 14 Informazioni e Vendita: REMAX, 6500 Bellinzona Sig. Residenza San Michele www.residenzasanmichele.ch Consegna: Estate 205 DOVE SI TROVA BELLINZONA 0 Stazione FFS 2 Asilo Comunale 6 5 9 4 7 2 3 3 4 5 6 7 8 Scuole Elementari Comunali Scuole Medie Liceo

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 20 gennaio 2000 Gazzetta Ufficiale 21 marzo 2000, n. 67 Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali,

Dettagli

Immobiliare LE MURA. Immobiliare LE MURA di Frati Roberto & C. s.a.s. - Iscrizione Re. Agenti Immobiliari N 6402 P.IVA 03686340963

Immobiliare LE MURA. Immobiliare LE MURA di Frati Roberto & C. s.a.s. - Iscrizione Re. Agenti Immobiliari N 6402 P.IVA 03686340963 La prestigiosa Residenza VISCONTI consiste in un elegante complesso Residenziale/Commerciale immerso nel verde e nella tranquillità, a pochi passi dal centro cittadino di MILANO 3, ben servito dalle maggiori

Dettagli

Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli.

Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli. Temi di progetto, aspetti architettonici e dettagli. CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE L inserimento ambientale del progetto tiene conto degli aspetti dell intera area e degli edifici di futura nuova realizzazione

Dettagli

Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL. BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013

Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL. BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013 Programma SPQR Strategia di valorizzazione BNL BNL Direzione Immobiliare Roma, 9 Dicembre 2013 Programma SPQR Strategia Il programma SPQR prevede la razionalizzazione del patrimonio immobiliare BNL a Roma

Dettagli

Complesso residenziale Palagio Anzio Villa numero 2 (villa a misura di bambino).

Complesso residenziale Palagio Anzio Villa numero 2 (villa a misura di bambino). Complesso residenziale Palagio Anzio Villa numero 2 (villa a misura di bambino). Informazioni sulle caratteristiche dell immobile: Tipo di immobile: villa singola con giardino residenziale. Breve descrizione

Dettagli

6. Dati dimensionali degli alloggi

6. Dati dimensionali degli alloggi 10 I Una Comunità per Crescere - Milano 6. Dati dimensionali degli alloggi La superficie residenziale deve essere così distribuita in base alla slp: alloggi tipo A: quadri-trilocali da 100 mq di slp, max

Dettagli

MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. Allegato A) al DM n. 43

MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. Allegato A) al DM n. 43 MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Allegato A) al DM n. 43 Standard minimi qualitativi e linee guida relative ai parametri tecnici ed economici 1. Finalità La realizzazione di alloggi e residenze

Dettagli

Risparmio e benessere Nuovi appartamenti a Senago

Risparmio e benessere Nuovi appartamenti a Senago Risparmio e benessere Nuovi appartamenti a Senago COMUNE DI SENAGO BANDO PUBBLICO DEL 07/11/2007 ASSEGNAZIONE DI AREE IN DIRITTO DI SUPERFICIE PER UN INTERVENTO DI EDILIZIA CONVENZIONATA NELL AMBITO PEEP

Dettagli

CO-HOUSING non solo abitare, un modo per vivere e condividere

CO-HOUSING non solo abitare, un modo per vivere e condividere CO-HOUSING non solo abitare, un modo per vivere e condividere La corte dei girasoli La Corte dei Girasoli è il nome di un gruppo nato nel 2006 su iniziativa di 14 famiglie inserite attivamente nella vita

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E REQUISITI PRESTAZIONALI DEL MANUFATTO EDILIZIO

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E REQUISITI PRESTAZIONALI DEL MANUFATTO EDILIZIO ALLEGATO D LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE E REQUISITI PRESTAZIONALI DEL MANUFATTO EDILIZIO 1. Benessere termoigrometrico 2. Benessere respiratorio, olfattivo e qualità dell aria 3. Benessere visivo 4.

Dettagli

CASE BELLE DA VIVERE E DA GUARDARE IN PRONTA CONSEGNA

CASE BELLE DA VIVERE E DA GUARDARE IN PRONTA CONSEGNA CASE BELLE DA VIVERE E DA GUARDARE IN PRONTA CONSEGNA RESIDENZA I VIGNETI 10 MILANO VIA RIPAMONTI 234/a TEL. 02-33610415 email: informazioni@czcase.it IL PROGETTO La Residenza I Vigneti 10 si trova in

Dettagli

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via della Birona_via Perosi Allegato F Relazione Tecnica Novembre 2014_Gennaio 2015_Luglio 2015 Pietro Giulio Malvezzi Architetto Paola Cambiaghi

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO Progetto: PROGETTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE, ANTINCENDIO E DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DELLA SCUOLA ELEMENTARE RODARI IN VIA

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI BRESCIA VIA CUCCA, 16 PALAZINA DEMANIALE ALLOGGIO EBS0034 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

DATI STATISTICI 2009

DATI STATISTICI 2009 DATI STATISTICI 2009 2/20 3/20 4/20 5/20 6/20 7/20 8/20 ALLEGATO 2 - PROGETTO 'SICUREZZA' 9/20 1.1 PREMESSA Per una struttura di servizio come il Centro Residenziale, la soddisfazione dell utenza costituisce

Dettagli

NUOVI INTERVENTI COSTRUTTIVI IN EDILIZIA AGEVOLATA

NUOVI INTERVENTI COSTRUTTIVI IN EDILIZIA AGEVOLATA C O O P E R A T I V A P O R T A R O M A N A NUOVI INTERVENTI COSTRUTTIVI IN EDILIZIA AGEVOLATA L O C A L I T À A C Q U A B I A N C A - V I T E R B O UNA OFFERTA DI PRIMA SCELTA AD UN PREZZO IMBATTIBILE!

Dettagli

FRUIBILITÀ E QUALITÀ DELLO SPAZIO ABITATO REQUISITO: ORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI SPAZI E ATTREZZATURE (E 8.2) SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO

FRUIBILITÀ E QUALITÀ DELLO SPAZIO ABITATO REQUISITO: ORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI SPAZI E ATTREZZATURE (E 8.2) SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO FRUIBILITÀ E QUALITÀ DELLO SPAZIO ABITATO REQUISITO: ORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI SPAZI E ATTREZZATURE (E 8.2) SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO de 8.2 LIVELLI PRESTAZIONALI E PRESCRIZIONI SPECIFICHE [1]

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE CIABOT DELLE GUARDIE

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE CIABOT DELLE GUARDIE INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco La Mandria CENTRO VISITE CIABOT DELLE GUARDIE Il parcheggio dista circa un chilometro dall edificio; il percorso per raggiungere l ingresso è pianeggiante ed ha il fondo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA-DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICA-DESCRITTIVA 1 Proponente: Centro Culturale Islamico Via Tasso 37 Sesto San Giovanni Realizzazione del nuovo Centro Culturale Islamico di Sesto San Giovanni RELAZIONE TECNICA-DESCRITTIVA data: 12 settembre 2014 aggiornamento:

Dettagli

f o green ro so o lar EcoroofEc

f o green ro so o lar EcoroofEc Ecoroof solar green La copertura di un edificio rappresenta uno degli elementi piu significativi della sua configurazione e funzionamento. Inoltre circa il 25% delle dispersioni totale di energia di un

Dettagli

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 552_Edificio ex corderie Via Granatieri di Sardegna DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 552_Edificio ex corderie Via Granatieri di Sardegna DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Provincia di Venezia Comune di Chioggia 552_Edificio ex corderie Via Granatieri di Sardegna DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Anagrafica COMPLESSO Codice bene Denominazione bene Comune Provincia Indirizzo

Dettagli

CONNESSIONI. Ridistribuire spazi domestici e collettivi

CONNESSIONI. Ridistribuire spazi domestici e collettivi Riqualificazione Quartiere Gretta, Trieste (2008) CONNESSIONI. Ridistribuire spazi domestici e collettivi Realizzato negli anni Cinquanta, il quartiere è composto da file di edifici in linea che ricalcano

Dettagli

Appartamenti in Avenue Montaigne, Paris

Appartamenti in Avenue Montaigne, Paris Appartamenti in Avenue Montaigne, Paris LOCATION: AVENUE MONTAIGNE L immobile, sito a Parigi in Avenue Montaigne, rientra nell 8 arrondissement, in una zona centrale, ben servita e molto prestigiosa della

Dettagli

LOCALIZZAZIONE:PIANO DI ZONA B44 TORRESINA 2 ROMA OPERATORE:ROCHESTER UNO CO0PERATIVA EDILIZIA A R.L.

LOCALIZZAZIONE:PIANO DI ZONA B44 TORRESINA 2 ROMA OPERATORE:ROCHESTER UNO CO0PERATIVA EDILIZIA A R.L. LOCALIZZAZIONE:PIANO DI ZONA B44 TORRESINA 2 ROMA OPERATORE:ROCHESTER UNO CO0PERATIVA EDILIZIA A R.L. Andrea Mereu DATI DI PROGETTO: 1. VOLUME FUORI TERRA: MC. 4.760 (calcolato con interpiano di ml.3,20,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCHI. D.M.1444/68 - Distacchi stradali e distacchi tra edifici. Codice civile + R.E. Distacchi dai confini

RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCHI. D.M.1444/68 - Distacchi stradali e distacchi tra edifici. Codice civile + R.E. Distacchi dai confini RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCHI D.M.1444/68 - Distacchi stradali e distacchi tra edifici Distacchi stradali a) Per l < 7,00 m d = 5,00 m b) Per 7,00 m = l = 15,00 m d = 7,50 m c) Per l > 15,00 m d = 10,00

Dettagli

1.1. Stato dei luoghi e delle destinazioni d uso. 2.2. Consistenza, destinazioni d uso, conformità alle norme, mobilità

1.1. Stato dei luoghi e delle destinazioni d uso. 2.2. Consistenza, destinazioni d uso, conformità alle norme, mobilità INDICE Premessa 1. Inquadramento dell esistente 1.1. Stato dei luoghi e delle destinazioni d uso 1.2. Aspetti urbanistici 2. Analisi proposta progettuale 2.1. Caratteristiche generali 2.2. Consistenza,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

Proposta intitolazione parco interno residenze Parco Vittoria, Portello. Milano / 12 dicembre 2014

Proposta intitolazione parco interno residenze Parco Vittoria, Portello. Milano / 12 dicembre 2014 Proposta intitolazione parco interno residenze Parco Vittoria, Portello Milano / 12 dicembre 2014 INDICE 3 / TRE 4 / QUATTRO 6 / SEI 9 / NOVE 10 / DIECI 12 / DODICI 13 / TREDICI 14 / QUATTORDICI Storia

Dettagli

BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO

BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO LE NOSTRE CASE, BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO Costruire case sane e vivibili, con attenzione all ambiente e al risparmio energetico è un nostro obiettivo primario

Dettagli

your new home JESOLO/VENICE/ITALY

your new home JESOLO/VENICE/ITALY your new home JESOLO/VENICE/ITALY Nympheas mare villaggio concepito come luogo di residenza sul litorale di Jesolo, si inserisce all interno della nuova lottizzazione Nember, nei pressi dell omonima piazza.

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11. (Aggiornamento 31.03.2004) 1 Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 NORME REGOLAMENTARI 1. AMBITI DI

Dettagli

CONDOMINIO PRODUTTIVO

CONDOMINIO PRODUTTIVO 2A+P/A CONDOMINIO PRODUTTIVO PROTOTIPO DI STRUTTURA PER L ABITARE COLLETTIVO 2A+P/A 2A+P/A studio associato via di Monte del Gallo 26-00165 Roma T/F +(39) 06 64400145 office@2ap.it - www.2ap.it 2A+P/A

Dettagli

www.residenzeprincipeeugenio.it

www.residenzeprincipeeugenio.it www.residenzeprincipeeugenio.it RESIDENZE PRINCIPE EUGENIO 12 IMMOBILI DI QUALITÀ. Nelle vicinanze di Corso Sempione, eleganza e tecnologia, si incontrano per dare vita ad una nuova realizzazione residenziale

Dettagli

Allegato A) al D.M. n. 27 / 2011 Standard minimi qualitativi e linee guida relative ai parametri tecnici ed economici

Allegato A) al D.M. n. 27 / 2011 Standard minimi qualitativi e linee guida relative ai parametri tecnici ed economici Dipartimento per l Università, l'altaformazioneartistica, Musicale e Coreutica e per la Ricerca DIREZIONE GENERALE PER L UNIVERSITA, LO STUDENTE E IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO UFFICIO X Allegato

Dettagli

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo città di venaria reale contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo obiettivo generale promuovere l integrazione del quartiere con il resto del tessuto urbano attraverso la riqualificazione

Dettagli

Milano, Febbraio 2013

Milano, Febbraio 2013 CITTÀ DELLA SALUTE E DELLA RICERCA DOCUMENTO ILLUSTRATIVO DELL INTERVENTO Milano, Febbraio 2013 Pag. 2 La Città della Salute e della Ricerca costituirà un nuovo complesso sanitario di ricerca, clinica

Dettagli

Il modo migliore di costruire ECO HOUSING

Il modo migliore di costruire ECO HOUSING Il modo migliore di costruire Desidero una casa così. La filosofia che ispira... Con la tecnologia in legno possiamo offrirvi il massimo del comfort per la Vostra abitazione garantendo altissime prestazioni

Dettagli