Programma integrato di intervento per la

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma integrato di intervento per la"

Transcript

1 SERVIZIO PATRIMONIO TECNOLOGIE IMPIANTI Via Trento, Mantova Programma integrato di intervento per la riqualificazione del comparto ex ospedale Montecchi a Suzzara (MN) pag. 1

2 RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA - ESTIMATIVA INDICE Cap. 1: FINALITA ATTUATIVE DEL PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO (P.I.I.) Cap. 2: EVOLUZIONE STORICA DEL COMPLESSO EDILIZIO, ADIBITO AD OSPEDALE Cap. 3: MODALITA ATTUATIVE DEL PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO Cap. 4: PERIMETRAZIONE DEL COMPARTO DEL P.I.I. E INDIVIDUAZIONE DEGLI AMBITI DI INTERVENTO Cap. 5: ELENCO TAVOLE GRAFICHE ED ILLUSTRATIVE Cap. 6: AMBITO 1 Cap. 7: AMBITO 2 Cap. 8: AMBITO 3 Cap. 9: AMBITO 4 Cap.10: AMBITO 5 Cap.11: COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE pag. 2

3 Cap. 1: FINALITA ATTUATIVE DEL PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO (P.I.I.) Il Programma Integrato di Intervento è promosso dall ASL della Provincia di Mantova, proprietaria degli immobili che ricadono negli Ambiti attuativi 1, 2 e 3 del P.I.I. nonché proprietaria degli immobili che si prevede di cedere o alienare al Comune di Suzzara (immobili che ricadono negli Ambiti attuativi 4 e 5 del P.I.I.), al fine sia di riqualificare, sotto il profilo del decoro e dell immagine estetico-architettonica, un area fondamentale del centro storico dell abitato di Suzzara, sia di disporre di spazi adeguati ad incrementare il servizio pubblico a favore dei cittadini affetti da fragilità geriatrica. Il Programma Integrato di Intervento ex L.R. 9/99, inerente la riqualificazione urbanistica del comparto dell ex Ospedale Civile Montecchi di Suzzara e degli immobili a destinazione sanitaria ASL ubicati in centro a Suzzara, prevede, come finalità precipua, il recupero e la riqualificazione dei corpi originari, realizzati alla fine del 1800, dell ex ospedale Montecchi, che costituiscono un patrimonio storico e monumentale per la comunità suzzarese e caratterizzano la realtà urbana del centro di Suzzara. Il Programma Integrato di Intervento prevede di mantenere ai corpi storici dell ex ospedale Montecchi la valenza pubblica che essi hanno sempre mantenuto negli anni, dal momento della costruzione fino ad oggi: essi verranno recuperati e riqualificati funzionalmente in modo da poter accogliere gli uffici e gli ambulatori del Distretto socio-sanitario ASL. pag. 3

4 OMISSIS Cap. 3: MODALITA ATTUATIVE DEL PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO pag. 4

5 L intervento di Recupero e restauro dei corpi storici dell ex O.C. Montecchi (intervento definito nelle tavole grafiche ed illustrative dell Ambito 1 ) verrà dettagliatamente definito nel progetto preliminare, in corso di stesura, che costituirà la documentazione grafico-costruttiva di base per le fasi progettuali di dettaglio (progetto definitivo e progetto esecutivo, a carico della ditta costruttrice) e per la fase realizzativa delle scelte precedentemente operate a livello progettuale. Il costo del Recupero e restauro dei corpi storici dell ex O.C. Montecchi è stato, tuttavia, preventivamente definito già in fase di ideazione dei contenuti del P.I.I.; esso è stato preliminarmente quantificato in ,00. In considerazione della tipologia di intervento e della volontà del soggetto attuatore (ASL della provincia di Mantova) di definire direttamente i vari aspetti progettuali, in modo da assicurare un riutilizzo degli spazi in piena sintonia con le necessità organizzative dei servizi distrettuali ASL, i lavori di Recupero e restauro dei corpi storici dell ex O.C. Montecchi (il cui importo si quantifica preliminarmente al di sotto della soglia comunitaria per l affidamento dei lavori di realizzazione di un opera pubblica) verranno eseguiti in conformità alle modalità previste dall art. 19 comma 1, lettera a) ( appalto per la sola esecuzione di lavori pubblici ) della Legge quadro in materia di Lavori Pubblici. Posto che l ASL è tenuta a realizzare le opere di riqualificazione strutturale e di restauro conservativo della porzione di ex O.C. Montecchi destinata a Distretto socio-sanitario, stimate indicativamente in ,00, in autofinanziamento, ai sensi delle vigenti disposizioni regionali ed agli indirizzi della Direzione Generale Sanità, si è intrapreso in sinergia con il Comune di Suzzara un percorso procedurale atto ad assicurare la disponibilità delle risorse necessarie all' esecuzione dei lavori di recupero e ristrutturazione dei suddetti corpi storici dell ex O.C. Montecchi a mezzo di appalto opere ex art. 19 comma 1, lettera a) della L. 109/94, il cui corrispettivo si articola come segue : a) cessione in proprietà della porzione di terreno, facente parte del comparto ex O.C. Montecchi, adiacente ai corpi da ristrutturare dell ex ospedale, con diritto di costruirvi un immobile, come da planivolumetrico predisposto dall'asl (vedasi tavole grafiche ed illustrative di Ambito 2 ) ed in corso di approvazione da parte della Soprintendenza per i Beni Storici ed Architettonici, per una componente prezzo indicativamente pari ad ,00; b) cessione in proprietà dell'immobile attuale sede del Distretto ASL, sito in via Marangoni n.c. 2 a Suzzara, con diritto di trasformarlo in residenza, come riportato tavole grafiche ed illustrative di Ambito 3, per una componente prezzo indicativamente pari ad ,00; c) pagamento al soggetto attuatore del Programma Integrato di Intervento, da parte della Ditta aggiudicataria, degli Oneri di urbanizzazione e dei Costi di costruzione inerenti l intervento di nuova edificazione eseguibile in conformità a quanto definito ai precedenti punti a) e b); l importo dei contributi concessori afferenti gli interventi edilizi degli Ambiti 1 e 2 ammonta a complessivi ,92. d) a compensazione, sulla base delle offerte di gara pervenute, si regolerà il residuo, positivo o negativo, che in quest ultimo caso verrà adempiuto con pagamento d uso le cui risorse ASL deriveranno dalla vendita della licenza d esercizio della Farmacia ASL di Suzzara. pag. 5

6 La realizzazione degli interventi urbanistici di cui ai suindicati Ambiti 2 e 3, che comportano rispettivamente una nuova costruzione e un cambio di destinazione d uso da area standard ad area a vocazione residenziale, comporterebbe la corresponsione al Comune di Suzzara dei seguenti contributi concessori: o Standard: mq 4.675,04 o Parcheggi pubblici P 1 : mq 695,46 o Oneri di urbanizzazione primaria : ,00 o Oneri di urbanizzazione secondaria : ,00 o Costi di costruzione: ,00 Ai sensi di quanto previsto dalla L.R. 9/99 sui Programmi Integrati di Intervento, si prevede e si condivide la corresponsione al Comune di Suzzara, in luogo delle somme sopra quantificate come standard, di uno standard di qualità costituito dal seguente pacchetto di cessioni immobiliari e di prestazioni, che risultano, direttamente o per finalità socio-sanitarie, assistenziali, storiche, urbanistiche e culturali, a vantaggio della cittadinanza suzzarese e che permetteno l attuazione di un progetto innovativo integrato, condiviso e sostenuto dall ASL e dal Comune, per il massimo recupero possibile delle fragilità geriatriche sia al servizio del paziente anziano che della famiglia nell assistenza, sostegno riabilitativo e ritorno alla domiciliarità, mediante un CDI (Centro Diurno Integrato) orientato al contenimento delle fragilità geriatriche concausate da esiti oncologici/neurologici/ictus/altre forme di deficit cognitivo e/o demenza ed al recupero e reinserimento domiciliare, dove si applichi sinergicamente il know riabilitativo psico-terapeutico sviluppato in altre realtà di eccellenza. Le opere di recupero dell immobile di seguito contraddistinto come ex Sanatorio e di riqualificazione come CDI (Centro Diurno Integrato) saranno a carico del Comune di Suzzara. L ASL si attiverà per l ottenimento del necessario accreditamento regionale della struttura (vedasi Ambito 4 ) sopra descritta. L ASL si impegna a soddisfare il pagamento degli standard attraverso la cessione in proprietà al Comune di Suzzara delle seguenti aree, costituenti l Ambito 4 del P.I.I.: - Immobile originariamente utilizzato come ricovero per i malati di tubercolosi (Sanatorio) e circostante terreno pertinenziale, il tutto censito al Fg. 49, map.387 sub 1 (parte) e con un estensione di mq ; - terreno censito al Fg.48 map.42, di mq. 1905, - terreno antistante il succitato ex Sanatorio, fino in confine con viale Cadorna, precedentemente censito al Fg.49, mapp. 386 per complessivi mq Il tutto per un estensione totale di mq 4.129, che è attualmente censito al Fg. 49 map 763, verrà ceduto in proprietà al Comune di Suzzara insieme all attuale map. 762 del Fg. 49, avente un estensione di mq 401, che il soggetto attuatore si impegna ad allestire come parcheggio pubblico con accesso da viale Montecchi, nonché al terreno censito al Fg. 48 map 42, di mq 1905, che si trova in adiacenza al terreno di pertinenza dell ex Sanatorio. pag. 6

7 Il Comune di Suzzara, in attuazione di quanto previsto nell Accordo preliminare alla definizione del Programma Integrato di Intervento per la riqualificazione del comparto ex Ospedale Montecchi a Suzzara siglato da ASL e dal Comune di Suzzara il 5 luglio 2004, provvederà al successivo riuso dell immobile originariamente utilizzato come ricovero per i malati di tubercolosi (Sanatorio) come CDI ( Centro Diurno Integrato). I costi di costruzione, come sopra quantificati, saranno versati al Comune di Suzzara entro un anno dalla stipula della Convenzione allegata al P.I.I. A sua volta, il Comune di Suzzara investirà tali somme nell acquisto dell immobile ex Dispensario individuato al Fg.49 map. 388, attualmente di proprietà ASL, per un importo massimo pari al valore dei costi di costruzione, come sopra quantificato ( ,00). Il valore del bene summenzionato è stimabile in ,00, come più dettagliatamente riportato nel Cap. 10 della presente Relazione Tecnica Descrittiva Estimativa. Successivamente, il Comune di Suzzara provvederà al recupero dell immobile storico originariamente utilizzato come ex Dispensario ed alla riqualificazione dello stesso come complesso edilizio costituito da minialloggi protetti per anziani. Tale riqualificazione è riportata nelle tavole grafiche ed illustrative di Ambito 5. Il P.I.I. prevede, altresì, la costruzione di un parcheggio pubblico da realizzare in fregio al Viale Montecchi, proprio di fronte alla costruzione che ospita gli Uffici (Anagrafe, Servizi Tecnici, ecc.) del Comune di Suzzara. Tali posti auto hanno una superficie di 432 mq. Il gettito totale dei parcheggi P1 afferenti gli interventi edificatori di P.I.I. è il seguente: L importo della monetizzazione relativa ai parcheggi P1 è pertanto : 227,66 mq X 162 /mq = ,92 Gli importi relativi agli oneri di urbanizzazione primaria, secondaria e della quota monetizzabile dei parcheggi P1, come da accordi siglati da ASL e dal Comune di Suzzara in data 5 luglio 2004, saranno investiti in opere di urbanizzazione previste all interno del Piano, per un importo complessivamente pari al valore degli oneri succitati, che ammontano a: ( , , ,92) = ,92. Le opere di urbanizzazione primaria, che è stato concordato con il Comune di Suzzara di eseguire e che verranno realizzate nel corso della fase attuativa del P.I.I., permettono di rendere compiuta la nuova immagine urbanistica del comparto interessato dal P.I.I., cioè l area del centro storico caratterizzata dall attuale stato di degrado conseguente all abbandono del vecchio Ospedale Montecchi e degli immobili pertinenziali che non possono più rivestire l originaria destinazione sanitaria, ricoperta per tanti anni del XX secolo. pag. 7

8 Le opere di urbanizzazione primaria che si realizzeranno permettono, altresì, di rendere più fruibile il comparto territoriale di P.I.I. da parte della cittadinanza, mediante la costruzione di un parcheggio per una ventina di posti-auto, di cui due posti da destinare appositamente a persone portatrici di handicap fisico. Tale parcheggio risulterà di indubbia utilità per la cittadinanza, in quanto sarà ubicato nella zona del comparto di P.I.I. (lungo viale Montecchi, proprio di fronte agli uffici del Comune di Suzzara) più vicina alla porzione di centro storico che costituisce il fulcro della vita cittadina, ma che, proprio per il ruolo urbano suddetto, è ovviamente interdetta al traffico. Le opere di urbanizzazione primaria previste sono riportate graficamente nella tavola 11 e sono computate e stimate nel Cap. 11 della presente relazione Computo metrico estimativo degli oneri di urbanizzazione ; esse consistono sostanzialmente nei seguenti interventi: - rifacimento del marciapiede, con autobloccante simile a quello esistente nel tratto adiacente, nel tratto fronte viale Montecchi di comparto B (che nel fascicolo elaborati progettuali di P.I.I. dovrà essere denominato Ambito 2 ), - regolarizzazione piano di posa, con preliminare demolizione del piano di finitura in cemento, e conseguente posa di autobloccanti ( simili a quelli del tratto precedente) nel marciapiede-pista ciclabile di viale Cadorna, dalla rotatoria fino a comprendere tutto il fronte strada dell adiacente Casa di Riposo Boni, - arretramento della recinzione (con conseguente riduzione della superficie utile interna) dell area cortilizia di via Marangoni, 2 e realizzazione di un marciapiede-pista ciclabile (largh. min. mt 2,50), finita con autobloccanti simili a quelli del contiguo comparto urbanistico, nel tratto di confine con via Diaz e nel primo tratto di via Marangoni, - realizzazione di aiuola delimitata da cordoli in c.c.a. vibrato in via Diaz, sul lato opposto a quello di confine con l area cortilizia dell attuale sede di Distretto ASL, - realizzazione del summenzionato parcheggio pubblico fronte viale Montecchi, di fronte agli uffici del Comune di Suzzara. Le opere sopra descritte sono rappresentate in TAV. 11. L importo delle opere di urbanizzazione sopra descritte ammonta a complessivi ,00, come esplicitamente esposto nel Cap. 11 della presente Relazione Tecnica Descrittiva Estimativa. Mediante la realizzazione delle opere di urbanizzazione sopra elencate si assolve appieno, pertanto, alla corresponsione al Comune degli oneri di urbanizzazione primaria, secondaria e della quota monetizzabile dei parcheggi P1, come sopra quantificati in ,92. pag. 8

9 Cap. 4: PERIMETRAZIONE DEL COMPARTO DEL P.I.I. E INDIVIDUAZIONE DEGLI AMBITI DI INTERVENTO Il comparto territoriale interessato dal Programma Integrato di Intervento coincide con le proprietà ASL ubicate in centro a Suzzara, cioè: - tutto il compendio dell ex Ospedale Montecchi ed i corpi adiacenti, originariamente costruiti per fini sanitari, ormai non più indispensabili nell attuale scenario socio-sanitario della cittadinanza suzzarese (il Dispensario di prevenzione delle malattie polmonari ed il Sanatorio, cioè il ricovero dei malati di tubercolosi), - l immobile, originariamente sede degli uffici INPS ed attualmente sede del Distretto sociosanitario ASL di Suzzara. La perimetrazione del comparto è riportata graficamente in Tav. 03. A seconda della peculiarità dell intervento che si prevede di attuare, della destinazione d uso a cui verrà destinata l opera, della modalità attuativa e del soggetto che è previsto proceda ad effettuare l intervento, si sono individuati, all interno del comparto sopra definito, cinque Ambiti di P.I.I.: AMBITO 1 : Recupero e restauro dei corpi storici dell ex Ospedale Civile Montecchi L intervento che caratterizza questo Ambito è il recupero ed il restauro dei corpi storici dell ex Ospedale Montecchi (dei corpi, cioè, soggetti alla tutela della Soprintendenza dei beni storici ed architettonici). Tale intervento verrà realizzato secondo le tipiche tecniche del restauro architettonico e in conformità alle disposizioni della Soprintendenza, ma in modo da ridare fruibilità al contenitore architettonico secondo le necessità logistiche della proprietaria ASL; la riqualificazione prevista nell intervento dell Ambito 1 è pertanto finalizzata ed articolata in modo da permettere il riutilizzo dei corpi storici dell ex Ospedale Montecchi come sede del Distretto socio-sanitario ASL di Suzzara, attualmente ubicati nell immobile di via Marangoni, 2, che sarà interessato, all interno del P.I.I., dalla riqualificazione con cambio di destinazione urbanistica definiti nell Ambito 3. AMBITO 2 : Riqualificazione urbanistica dell area occupata dall ex Ospedale Civile Montecchi L intervento che caratterizza questo Ambito è la demolizione dei corpi costruiti e aggiunti all originario nucleo edilizio dell Ospedale Montecchi, situati nella parte posteriore dell appezzamento di terreno sul quale si erge il corpo di fabbrica dell ex Ospedale, e la successiva edificazione di un fabbricato tutto a destinazione residenziale, ad esclusione di parte del piano terra, da assegnare a servizi ad uso pubblico, (che, nel caso specifico di Ambito 2, è il servizio di farmacia dell originaria Farmacia dell Ospedale, ubicata da circa quarant anni in uno stabile coinvolto dalla demolizione summenzionata). pag. 9

10 AMBITO 3 : Riqualificazione urbanistica dell attuale sede del Distretto ASL di Suzzara di via Marangoni L intervento che caratterizza questo Ambito è la riqualificazione dell immobile di via Marangoni, 2, originariamente sede degli uffici INPS ed ora sede degli uffici e degli ambulatori del Distretto ASL di Suzzara, in complesso a destinazione residenziale. La riqualificazione edilizia summenzionata verrà realizzata al termine dei lavori di recupero di cui all Ambito 1 ed al conseguente trasferimento del Distretto socio-sanitario ASL presso gli spazi restaurati dei corpi storici dell ex ospedale Montecchi. AMBITO 4 : Immobili da cedere al Comune di Suzzara Gli elementi che caratterizzano questo Ambito sono: A. la cessione al Comune di Suzzara dell ex Sanatorio e del terreno circostante, tutti di proprietà ASL, e l impegno, sottoscritto in fase di promozione del presente P.I.I., di promuovere un progetto innovativo integrato per il massimo recupero possibile delle fragilità geriatriche sia al servizio del paziente anziano che della famiglia nell assistenza, sostegno riabilitativo e ritorno alla domiciliarità, mediante realizzazione di un CDI (Centro Diurno Integrato) orientato al contenimento delle fragilità geriatriche concausate da esiti oncologici/neurologici/ictus/altre forme di deficit cognitivo e/o demenza ed al recupero e reinserimento domiciliare. Le competenze dei due Enti sottoscrittori del suddetto impegno sono rispettivamente: - da parte del Comune di Suzzara, di assumersi l onere di recuperare tale stabile come Centro Diurno Integrato, - da parte dell ASL, di attivarsi per l ottenimento del necessario accreditamento regionale della struttura sopra descritta. B. la cessione al Comune di Suzzara di un area, fronte viale Montecchi, che l A.S.L. allestirà come parcheggio pubblico per un totale di 20 posti auto, che andranno ad incrementare la dotazione di parcheggi per la cittadinanza già presenti a fianco della sede degli uffici comunali di viale Montecchi AMBITO 5 : Immobili da alienare al Comune di Suzzara L intervento che caratterizza questo Ambito è l alienazione al Comune di Suzzara dell ex Dispensario, che il Comune si impegna ad acquistare, dalla proprietaria ASL, con i proventi derivanti dal pagamento della quota inerente i costi di costruzione connessi al Programma Integrato di Intervento in argomento. Con la sottoscrizione dell Accordo preliminare alla definizione del Programma Integrato di Intervento per la riqualificazione del comparto ex Ospedale Montecchi a Suzzara siglato da ASL e dal Comune di Suzzara il 5 luglio 2004, il Comune di Suzzara si è reso disponibile ad integrare il programma socio-assistenziale a favore dell utenza geriatrica mediante il recupero dell ex Dispensario con contestuale trasformazione in nucleo di mini-alloggi protetti da assegnare ad anziani. pag. 10

11 Cap. 5: ELENCO TAVOLE GRAFICHE ED ILLUSTRATIVE Le tavole grafiche ed illustrative del Programma Integrato di Intervento sono le seguenti: TAV. 01: Inquadramento generale, estratto di mappa catastale. TAV. 02: Inquadramento generale, estratto di P.R.G. TAV. 03: Perimetrazione Comparto. TAV. 04: Individuazione ambiti. TAV. 05: Documentazione e Rilievo fotografico. TAV. 06: Individuazione edifici da demolire ed edifici da recuperare e ristrutturare. TAV. 07: Individuazione edifici di nuova costruzione ed edifici da ristrutturare. TAV. 08: Sottoservizi. TAV. 09: Abbattimento barriere architettoniche. TAV. 10: Standard urbanistici. TAV. 11: Opere di urbanizzazione primaria e secondaria. Ambito 1 : Recupero e restauro dei corpi storici dell ex Ospedale Civile Montecchi TAV. 12: Stato attuale dei corpi storici dell ex Ospedale Civile Montecchi. TAV. 13: Evoluzione storica del complesso edilizio. TAV. 14: Superfetazioni da demolire. TAV. 15: Recupero dei corpi storici dell ex Ospedale Civile Montecchi. Ambito 2 : Riqualificazione urbanistica dell area occupata dall ex Ospedale Civile Montecchi TAV. 16: Inquadramento dell area di intervento. TAV. 17: Corpi da demolire, inquadramento di nuova costruzione. TAV. 18: Destinazione di uso delle aree di ambito 2 dei corpi di nuova costruzione. TAV. 19: Destinazione parcheggi esterni. TAV. 20: Vista assonometrica dei volumi di progetto. TAV. 21: Planivolumetrico di nuova costruzione e di edificazione urbana della zona. TAV. 22: Ipotesi progettuale dei corpi di nuova costruzione, piante, prospetti, sezione. TAV. 23: Simulazione di impatto ambientale. Ambito 3 : Riqualificazione urbanistica dell attuale sede del Distretto ASL di Suzzara in via Marangoni TAV. 24: Inquadramento area di intervento. TAV. 25: Stato attuale dell immobile di via Marangoni, 2. TAV. 26: Destinazione di uso delle aree di ambito 3. TAV. 27: Tipologie unità residenziali dell immobile di via Marangoni, 2. pag. 11

12 Ambito 4 : Immobili da cedere al Comune di Suzzara TAV. 28: Inquadramento area di ambito 4. TAV. 29: Stato attuale dell ex Sanatorio. TAV. 30: Ipotesi progettuale di recupero dell ex Sanatorio come C.D.I. (Centro Diurno Integrato). Ambito 5 : Immobili da alienare al Comune di Suzzara TAV. 31: Inquadramento di area ambito 5. TAV. 32: Stato attuale dell ex Dispensario Antitubercolare di Suzzara. pag. 12

13 OMISSIS pag. 13

14 Cap. 7: AMBITO 2 Riqualificazione urbanistica dell area occupata dall ex ospedale civile Montecchi Il lay out di progetto prevede la realizzazione di un edificio in linea a forma angolare semplice che si ripartisce ortogonalmente con le ali dell ex ospedale Montecchi. La soluzione angolare è vista come una funzione di quinta-schermatura della struttura storica che è confinata da edifici che si presentano in stato di degrado e privi di stilizzazione architettonica. Sono previsti quattro corpi abitativi serviti da tre torrini di servizio scale per accesso alle residenze e portico di collegamento distributivo. In questi corpi è stata ricavata un area commerciale al piano terra per servizio di interesse pubblico (farmacia). A diretto contatto con gli edifici sono state progettate una piazzetta a cielo aperto e un ampia area verde attrezzata che favoriscono le relazioni sociali all aperto tra gli utenti. Queste aree si relazionano e comunicano in sintonia con l edificio storico dell ex ospedale Montecchi che sarà recuperato per i servizi sanitari, sociali e uffici del distretto ASL di Suzzara. Il piano progettuale prevede un area di parcheggio pubblico P1 e una fascia di parcheggi privati P3 destinati ai residenti. Gli accessi sono in direzione ortogonale a viale Fratelli Montecchi. L intervento è caratterizzato dai seguenti elementi : SUPERFICIE TOTALE LOTTO: mq. Superficie coperta: 1.227,84 mq. Superficie area verde: 751,00 mq. Superficie pedonale: 472,16 mq. Superficie parcheggi privati P 3 : 1341 mq TIPOLOGIE RESIDENZIALI Ogni corpo progettato prevede a piano tre tipologie abitative di metrature 100mq, 75mq,45mq. La tipologia di 100 mq prevede tre camere da letto, bagno, soggiorno-pranzo, cucina, ripostiglio. Numero massimo di utenti: 6. La tipologia di 85mq prevede due camere da letto, bagno, soggiorno-pranzo, cucina e ripostiglio. Numero massimo di utenti: 4. La tipologia di 45mq prevede una camera da letto, bagno, soggiorno-pranzo con angolo cottura. Numero massimo di utenti: 2. DESTINAZIONE DI USO DEGLI EDIFICI Il corpo A si presenta a 3 piani residenziali con 9 appartamenti, più piano terra destinato ad area commerciale (farmacia) e autorimesse. pag. 14

15 Il corpo B si presenta a 4 piani residenziali con 12 appartamenti, più piano terra destinato a area direzionale e autorimesse. Il corpo C si presenta a 4 piani residenziali con 12 appartamenti più piano terra destinato a autorimesse. Il corpo D si presenta a 4 piani residenziali con 4 appartamenti più piano terra destinato a autorimesse e a portico. Si prevedono 37 appartamenti di cui 15 da 100mq, 11da 85mq, 11da 45mq. Il numero massimo di utenti calcolati è 156. SUPERFICIE RESIDENZIALE Edificio Superficie residenziale di ogni piano n. Piani Totale superficie residenziale in mq H del piano in mt. volume residenziale totale in mc Corpo A 283, ,00 2,70 Corpo B 282, ,40 2,70 Corpo C 284, ,00 2,70 Corpo D 112, ,00 2,70 Totale edifici 3.564,40 2, Totale Superficie utile residenziale: 3.564,40 mq. SUPERFICIE COMMERCIALE Superficie commerciale ad uso servizio di interesse pubblico (farmacia): Edificio A, Piano Terra 268 mq, oltre a 303 mq di magazzino ad uso esclusivo sito al Piano Seminterrato SUPERFICIE AUTORIMESSE Corpo A: 88 mq. Corpo B: 231 mq. Corpo C: 284 mq. Corpo D: 69 mq. pag. 15

16 SUPERFICIE TORRINO-VANO SCALA Torrino A: 43,70 mq. Torrino B: 43,70 mq. Torrino C: 43,70 mq. VOLUME UTILE RESIDENZIALE Corpo A: 283 mq x 2,70 h = 764,10 mc. 764,10 mc x 3 piani = 2.293,30 mc. Corpo B: 282,85 mq x 2,70 h = 763,69 mc. 763,69 mc x 4 piani = 3.054,78 mc. Corpo C: 284 mq x 2,70 h = 766,80 mc. 766,80 mc x 4 piani = 3.067,20 mc. Corpo D: 112 mq x 2,70 h = 302,40 mc. 302,40 mc x 4 piani = 1.209,60 mc. Totale volume utile residenziale: mc. VOLUME UTILE COMMERCIALE Volume commerciale, ad uso servizio di interesse pubblico (farmacia): 268mq x 3,00 h = 804 mc. al P.T., oltre a (303 x 2,50 hm)= 757,5 mc. al piano seminterrato. TOTALE VOLUME UTILE ( residenziale e commerciale) Volume Utile: mc mc = mc. DEFINIZIONE ALTEZZA MASSIMA EDIFICIO = ( H max) pag. 16

17 Corpo A: 12,30m. Corpo B: 15,30m. Corpo C: 15,30m Corpo D: 15,30m. (3,30m per autorimesse + 12,00m per residenze.) Torrino A: 14,30m. Torrino B: 17,30m. Torrino C: 17,30m. Portico: 3,30m. VOLUMI MASSIMI (volume vuoto per pieno) Edificio A: 283 mq x 12,30 m = mc. Edificio B: 282,85 mq x 15,30 m = 4.327,6 mc. Edificio C: 284 mq x 15,30 m = 4.345,20 mc. Edificio D: 112 mq x 12,00 m = mc. Torrino A: 43,70 mq x 14,30 m = 625 mc Torrino B: 43,70 mq x 17,30 m = 756mc Torrino C: 43,70 mq x 17,30 m = 756 mc VOLUME TOTALE MASSIMO (volume vuoto per pieno) Volume totale residenziale e commerciale, comprese le relative autorimesse: ,80 mc. Volume totale massimo, vuoto per pieno, di tutta la nuova costruzione (compresi i torrini-scale) : ,80 mc (esclusi gli ingombri dei portici, che, seppur non computabili come volumi sotto il profilo urbanistico). SUPERFICIE PARCHEGGI P 3 (parcheggi di proprietà ad uso esclusivo dei proprietari delle unità immobiliari dei Corpi A, B, C) Parcheggi privati scoperti P 3 : mq pag. 17

18 Parcheggi autorimesse coperte: 672 mq. Totale Parcheggi P 3 scoperti e coperti: mq. PARCHEGGIO ai sensi della legge Tognoli 122/89 e disposizioni di N.T.A. 1mq ogni 10mc di Volume utile. Volume utile: mc. Superficie minima parcheggi privati a servizio degli immobili A, B, C, D: mc / 10mc/mq = mq. Verifica parcheggio P 3 : 1.341mq mq = mq > mq. SUPERFICIE PARCHEGGI P 1 (parcheggi pubblici, ceduti al Comune di Suzzara, adiacenti all Ambito 2 ) L importo della monetizzazione relativa ai parcheggi P1 è pertanto : 227,66 mq X 162 /mq = ,92 pag. 18

19 OMISSIS pag. 19

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02)

ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02) Direzione Centrale Sviluppo del Territorio e Mobilità REGOLAMENTO EDILIZIO ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02) ESECUTIVO IL DELIBERA

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Comunicazione di inizio attività edilizia libera ai sensi del comma 2 dell art. 6 del DPR 380/2001

Comunicazione di inizio attività edilizia libera ai sensi del comma 2 dell art. 6 del DPR 380/2001 ORIGINALE/COPIA AL COMUNE DI MILANO SETTORE SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SERVIZIO INTERVENTI EDILIZI MINORI Via Pirelli, 39 20124 Milano 2 piano corpo basso ART.6 DPR. 380/2001 - competenza SUE N ATTI

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA P.R.G. PADOVA Versione aggiornata AGOSTO 2009 NORME DI ATTUAZIONE PROGETTAZIONE arch. Vasco Camporese arch. Piergiorgio Tombolan COLLABORATORI TECNICI arch. Italo Tussardi

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13 del 26 febbraio 2014. REGOLAMENTO

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Comune di Santa Croce sull Arno

Comune di Santa Croce sull Arno Comune di Santa Croce sull Arno Provincia di Pisa REGOLAMENTO URBANISTICO NORME DI ATTUAZIONE A cura degli estensori del piano Ing. Riccardo Ciuti Arch. Luca Tosi Parte prima - Norme generali Art. 1 Elaborati

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

VARIANTE art.17 7 comma AL PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO DEFINITIVO

VARIANTE art.17 7 comma AL PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO DEFINITIVO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI PECETTO TORINESE VARIANTE art.17 7 comma AL PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO DEFINITIVO CONTRODEDUZIONI ALLE OSSERVAZIONI SINDACO SEGRETARIO PROGETTISTI arch. R. Gambino

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI

COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI NORMATIVA TECNICA RELATIVA ALLA COMPONENTE COMMERCIALE DEL PGT (L.R. 12/05 e smi) IN FUNZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e "Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta" Bob Proctor (Fondatore e Presidente di Life Success Productions) STANDARDS INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE IL COST APPROACH Il Cost Approach

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni,

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni, Schede esemplificative delle Tipologie di atti di aggiornamento attualmente trattate dalla procedura Pregeo 10 APAG Nella Tabella seguente sono riportate sinteticamente le tipologie di atti di aggiornamento

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

COMUNE DI OSIMO Provincia Ancona

COMUNE DI OSIMO Provincia Ancona COMUNE DI OSIMO Provincia Ancona SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE E CESSIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE SOTTOSOGLIA A SCOMPUTO TOTALE O PARZIALE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE. Adottato con

Dettagli

L'Iva agevolata in edilizia. Vademecum operativo

L'Iva agevolata in edilizia. Vademecum operativo L'Iva agevolata in edilizia Vademecum operativo novembre 2011 INDICE 1.0 - EDILIZIA ABITATIVA 1.1 - PRIMA CASA 1.1.1 - Aliquota iva 4%: cessione e prestazione di servizi dipendenti da contratti di appalto

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Dati Schede 2 C - Mod. C enti non commerciali COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITÀ SOCIALI Organizzazioni, fondazioni, associazioni

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli