Programma integrato di intervento per la

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma integrato di intervento per la"

Transcript

1 SERVIZIO PATRIMONIO TECNOLOGIE IMPIANTI Via Trento, Mantova Programma integrato di intervento per la riqualificazione del comparto ex ospedale Montecchi a Suzzara (MN) pag. 1

2 RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA - ESTIMATIVA INDICE Cap. 1: FINALITA ATTUATIVE DEL PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO (P.I.I.) Cap. 2: EVOLUZIONE STORICA DEL COMPLESSO EDILIZIO, ADIBITO AD OSPEDALE Cap. 3: MODALITA ATTUATIVE DEL PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO Cap. 4: PERIMETRAZIONE DEL COMPARTO DEL P.I.I. E INDIVIDUAZIONE DEGLI AMBITI DI INTERVENTO Cap. 5: ELENCO TAVOLE GRAFICHE ED ILLUSTRATIVE Cap. 6: AMBITO 1 Cap. 7: AMBITO 2 Cap. 8: AMBITO 3 Cap. 9: AMBITO 4 Cap.10: AMBITO 5 Cap.11: COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE pag. 2

3 Cap. 1: FINALITA ATTUATIVE DEL PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO (P.I.I.) Il Programma Integrato di Intervento è promosso dall ASL della Provincia di Mantova, proprietaria degli immobili che ricadono negli Ambiti attuativi 1, 2 e 3 del P.I.I. nonché proprietaria degli immobili che si prevede di cedere o alienare al Comune di Suzzara (immobili che ricadono negli Ambiti attuativi 4 e 5 del P.I.I.), al fine sia di riqualificare, sotto il profilo del decoro e dell immagine estetico-architettonica, un area fondamentale del centro storico dell abitato di Suzzara, sia di disporre di spazi adeguati ad incrementare il servizio pubblico a favore dei cittadini affetti da fragilità geriatrica. Il Programma Integrato di Intervento ex L.R. 9/99, inerente la riqualificazione urbanistica del comparto dell ex Ospedale Civile Montecchi di Suzzara e degli immobili a destinazione sanitaria ASL ubicati in centro a Suzzara, prevede, come finalità precipua, il recupero e la riqualificazione dei corpi originari, realizzati alla fine del 1800, dell ex ospedale Montecchi, che costituiscono un patrimonio storico e monumentale per la comunità suzzarese e caratterizzano la realtà urbana del centro di Suzzara. Il Programma Integrato di Intervento prevede di mantenere ai corpi storici dell ex ospedale Montecchi la valenza pubblica che essi hanno sempre mantenuto negli anni, dal momento della costruzione fino ad oggi: essi verranno recuperati e riqualificati funzionalmente in modo da poter accogliere gli uffici e gli ambulatori del Distretto socio-sanitario ASL. pag. 3

4 OMISSIS Cap. 3: MODALITA ATTUATIVE DEL PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO pag. 4

5 L intervento di Recupero e restauro dei corpi storici dell ex O.C. Montecchi (intervento definito nelle tavole grafiche ed illustrative dell Ambito 1 ) verrà dettagliatamente definito nel progetto preliminare, in corso di stesura, che costituirà la documentazione grafico-costruttiva di base per le fasi progettuali di dettaglio (progetto definitivo e progetto esecutivo, a carico della ditta costruttrice) e per la fase realizzativa delle scelte precedentemente operate a livello progettuale. Il costo del Recupero e restauro dei corpi storici dell ex O.C. Montecchi è stato, tuttavia, preventivamente definito già in fase di ideazione dei contenuti del P.I.I.; esso è stato preliminarmente quantificato in ,00. In considerazione della tipologia di intervento e della volontà del soggetto attuatore (ASL della provincia di Mantova) di definire direttamente i vari aspetti progettuali, in modo da assicurare un riutilizzo degli spazi in piena sintonia con le necessità organizzative dei servizi distrettuali ASL, i lavori di Recupero e restauro dei corpi storici dell ex O.C. Montecchi (il cui importo si quantifica preliminarmente al di sotto della soglia comunitaria per l affidamento dei lavori di realizzazione di un opera pubblica) verranno eseguiti in conformità alle modalità previste dall art. 19 comma 1, lettera a) ( appalto per la sola esecuzione di lavori pubblici ) della Legge quadro in materia di Lavori Pubblici. Posto che l ASL è tenuta a realizzare le opere di riqualificazione strutturale e di restauro conservativo della porzione di ex O.C. Montecchi destinata a Distretto socio-sanitario, stimate indicativamente in ,00, in autofinanziamento, ai sensi delle vigenti disposizioni regionali ed agli indirizzi della Direzione Generale Sanità, si è intrapreso in sinergia con il Comune di Suzzara un percorso procedurale atto ad assicurare la disponibilità delle risorse necessarie all' esecuzione dei lavori di recupero e ristrutturazione dei suddetti corpi storici dell ex O.C. Montecchi a mezzo di appalto opere ex art. 19 comma 1, lettera a) della L. 109/94, il cui corrispettivo si articola come segue : a) cessione in proprietà della porzione di terreno, facente parte del comparto ex O.C. Montecchi, adiacente ai corpi da ristrutturare dell ex ospedale, con diritto di costruirvi un immobile, come da planivolumetrico predisposto dall'asl (vedasi tavole grafiche ed illustrative di Ambito 2 ) ed in corso di approvazione da parte della Soprintendenza per i Beni Storici ed Architettonici, per una componente prezzo indicativamente pari ad ,00; b) cessione in proprietà dell'immobile attuale sede del Distretto ASL, sito in via Marangoni n.c. 2 a Suzzara, con diritto di trasformarlo in residenza, come riportato tavole grafiche ed illustrative di Ambito 3, per una componente prezzo indicativamente pari ad ,00; c) pagamento al soggetto attuatore del Programma Integrato di Intervento, da parte della Ditta aggiudicataria, degli Oneri di urbanizzazione e dei Costi di costruzione inerenti l intervento di nuova edificazione eseguibile in conformità a quanto definito ai precedenti punti a) e b); l importo dei contributi concessori afferenti gli interventi edilizi degli Ambiti 1 e 2 ammonta a complessivi ,92. d) a compensazione, sulla base delle offerte di gara pervenute, si regolerà il residuo, positivo o negativo, che in quest ultimo caso verrà adempiuto con pagamento d uso le cui risorse ASL deriveranno dalla vendita della licenza d esercizio della Farmacia ASL di Suzzara. pag. 5

6 La realizzazione degli interventi urbanistici di cui ai suindicati Ambiti 2 e 3, che comportano rispettivamente una nuova costruzione e un cambio di destinazione d uso da area standard ad area a vocazione residenziale, comporterebbe la corresponsione al Comune di Suzzara dei seguenti contributi concessori: o Standard: mq 4.675,04 o Parcheggi pubblici P 1 : mq 695,46 o Oneri di urbanizzazione primaria : ,00 o Oneri di urbanizzazione secondaria : ,00 o Costi di costruzione: ,00 Ai sensi di quanto previsto dalla L.R. 9/99 sui Programmi Integrati di Intervento, si prevede e si condivide la corresponsione al Comune di Suzzara, in luogo delle somme sopra quantificate come standard, di uno standard di qualità costituito dal seguente pacchetto di cessioni immobiliari e di prestazioni, che risultano, direttamente o per finalità socio-sanitarie, assistenziali, storiche, urbanistiche e culturali, a vantaggio della cittadinanza suzzarese e che permetteno l attuazione di un progetto innovativo integrato, condiviso e sostenuto dall ASL e dal Comune, per il massimo recupero possibile delle fragilità geriatriche sia al servizio del paziente anziano che della famiglia nell assistenza, sostegno riabilitativo e ritorno alla domiciliarità, mediante un CDI (Centro Diurno Integrato) orientato al contenimento delle fragilità geriatriche concausate da esiti oncologici/neurologici/ictus/altre forme di deficit cognitivo e/o demenza ed al recupero e reinserimento domiciliare, dove si applichi sinergicamente il know riabilitativo psico-terapeutico sviluppato in altre realtà di eccellenza. Le opere di recupero dell immobile di seguito contraddistinto come ex Sanatorio e di riqualificazione come CDI (Centro Diurno Integrato) saranno a carico del Comune di Suzzara. L ASL si attiverà per l ottenimento del necessario accreditamento regionale della struttura (vedasi Ambito 4 ) sopra descritta. L ASL si impegna a soddisfare il pagamento degli standard attraverso la cessione in proprietà al Comune di Suzzara delle seguenti aree, costituenti l Ambito 4 del P.I.I.: - Immobile originariamente utilizzato come ricovero per i malati di tubercolosi (Sanatorio) e circostante terreno pertinenziale, il tutto censito al Fg. 49, map.387 sub 1 (parte) e con un estensione di mq ; - terreno censito al Fg.48 map.42, di mq. 1905, - terreno antistante il succitato ex Sanatorio, fino in confine con viale Cadorna, precedentemente censito al Fg.49, mapp. 386 per complessivi mq Il tutto per un estensione totale di mq 4.129, che è attualmente censito al Fg. 49 map 763, verrà ceduto in proprietà al Comune di Suzzara insieme all attuale map. 762 del Fg. 49, avente un estensione di mq 401, che il soggetto attuatore si impegna ad allestire come parcheggio pubblico con accesso da viale Montecchi, nonché al terreno censito al Fg. 48 map 42, di mq 1905, che si trova in adiacenza al terreno di pertinenza dell ex Sanatorio. pag. 6

7 Il Comune di Suzzara, in attuazione di quanto previsto nell Accordo preliminare alla definizione del Programma Integrato di Intervento per la riqualificazione del comparto ex Ospedale Montecchi a Suzzara siglato da ASL e dal Comune di Suzzara il 5 luglio 2004, provvederà al successivo riuso dell immobile originariamente utilizzato come ricovero per i malati di tubercolosi (Sanatorio) come CDI ( Centro Diurno Integrato). I costi di costruzione, come sopra quantificati, saranno versati al Comune di Suzzara entro un anno dalla stipula della Convenzione allegata al P.I.I. A sua volta, il Comune di Suzzara investirà tali somme nell acquisto dell immobile ex Dispensario individuato al Fg.49 map. 388, attualmente di proprietà ASL, per un importo massimo pari al valore dei costi di costruzione, come sopra quantificato ( ,00). Il valore del bene summenzionato è stimabile in ,00, come più dettagliatamente riportato nel Cap. 10 della presente Relazione Tecnica Descrittiva Estimativa. Successivamente, il Comune di Suzzara provvederà al recupero dell immobile storico originariamente utilizzato come ex Dispensario ed alla riqualificazione dello stesso come complesso edilizio costituito da minialloggi protetti per anziani. Tale riqualificazione è riportata nelle tavole grafiche ed illustrative di Ambito 5. Il P.I.I. prevede, altresì, la costruzione di un parcheggio pubblico da realizzare in fregio al Viale Montecchi, proprio di fronte alla costruzione che ospita gli Uffici (Anagrafe, Servizi Tecnici, ecc.) del Comune di Suzzara. Tali posti auto hanno una superficie di 432 mq. Il gettito totale dei parcheggi P1 afferenti gli interventi edificatori di P.I.I. è il seguente: L importo della monetizzazione relativa ai parcheggi P1 è pertanto : 227,66 mq X 162 /mq = ,92 Gli importi relativi agli oneri di urbanizzazione primaria, secondaria e della quota monetizzabile dei parcheggi P1, come da accordi siglati da ASL e dal Comune di Suzzara in data 5 luglio 2004, saranno investiti in opere di urbanizzazione previste all interno del Piano, per un importo complessivamente pari al valore degli oneri succitati, che ammontano a: ( , , ,92) = ,92. Le opere di urbanizzazione primaria, che è stato concordato con il Comune di Suzzara di eseguire e che verranno realizzate nel corso della fase attuativa del P.I.I., permettono di rendere compiuta la nuova immagine urbanistica del comparto interessato dal P.I.I., cioè l area del centro storico caratterizzata dall attuale stato di degrado conseguente all abbandono del vecchio Ospedale Montecchi e degli immobili pertinenziali che non possono più rivestire l originaria destinazione sanitaria, ricoperta per tanti anni del XX secolo. pag. 7

8 Le opere di urbanizzazione primaria che si realizzeranno permettono, altresì, di rendere più fruibile il comparto territoriale di P.I.I. da parte della cittadinanza, mediante la costruzione di un parcheggio per una ventina di posti-auto, di cui due posti da destinare appositamente a persone portatrici di handicap fisico. Tale parcheggio risulterà di indubbia utilità per la cittadinanza, in quanto sarà ubicato nella zona del comparto di P.I.I. (lungo viale Montecchi, proprio di fronte agli uffici del Comune di Suzzara) più vicina alla porzione di centro storico che costituisce il fulcro della vita cittadina, ma che, proprio per il ruolo urbano suddetto, è ovviamente interdetta al traffico. Le opere di urbanizzazione primaria previste sono riportate graficamente nella tavola 11 e sono computate e stimate nel Cap. 11 della presente relazione Computo metrico estimativo degli oneri di urbanizzazione ; esse consistono sostanzialmente nei seguenti interventi: - rifacimento del marciapiede, con autobloccante simile a quello esistente nel tratto adiacente, nel tratto fronte viale Montecchi di comparto B (che nel fascicolo elaborati progettuali di P.I.I. dovrà essere denominato Ambito 2 ), - regolarizzazione piano di posa, con preliminare demolizione del piano di finitura in cemento, e conseguente posa di autobloccanti ( simili a quelli del tratto precedente) nel marciapiede-pista ciclabile di viale Cadorna, dalla rotatoria fino a comprendere tutto il fronte strada dell adiacente Casa di Riposo Boni, - arretramento della recinzione (con conseguente riduzione della superficie utile interna) dell area cortilizia di via Marangoni, 2 e realizzazione di un marciapiede-pista ciclabile (largh. min. mt 2,50), finita con autobloccanti simili a quelli del contiguo comparto urbanistico, nel tratto di confine con via Diaz e nel primo tratto di via Marangoni, - realizzazione di aiuola delimitata da cordoli in c.c.a. vibrato in via Diaz, sul lato opposto a quello di confine con l area cortilizia dell attuale sede di Distretto ASL, - realizzazione del summenzionato parcheggio pubblico fronte viale Montecchi, di fronte agli uffici del Comune di Suzzara. Le opere sopra descritte sono rappresentate in TAV. 11. L importo delle opere di urbanizzazione sopra descritte ammonta a complessivi ,00, come esplicitamente esposto nel Cap. 11 della presente Relazione Tecnica Descrittiva Estimativa. Mediante la realizzazione delle opere di urbanizzazione sopra elencate si assolve appieno, pertanto, alla corresponsione al Comune degli oneri di urbanizzazione primaria, secondaria e della quota monetizzabile dei parcheggi P1, come sopra quantificati in ,92. pag. 8

9 Cap. 4: PERIMETRAZIONE DEL COMPARTO DEL P.I.I. E INDIVIDUAZIONE DEGLI AMBITI DI INTERVENTO Il comparto territoriale interessato dal Programma Integrato di Intervento coincide con le proprietà ASL ubicate in centro a Suzzara, cioè: - tutto il compendio dell ex Ospedale Montecchi ed i corpi adiacenti, originariamente costruiti per fini sanitari, ormai non più indispensabili nell attuale scenario socio-sanitario della cittadinanza suzzarese (il Dispensario di prevenzione delle malattie polmonari ed il Sanatorio, cioè il ricovero dei malati di tubercolosi), - l immobile, originariamente sede degli uffici INPS ed attualmente sede del Distretto sociosanitario ASL di Suzzara. La perimetrazione del comparto è riportata graficamente in Tav. 03. A seconda della peculiarità dell intervento che si prevede di attuare, della destinazione d uso a cui verrà destinata l opera, della modalità attuativa e del soggetto che è previsto proceda ad effettuare l intervento, si sono individuati, all interno del comparto sopra definito, cinque Ambiti di P.I.I.: AMBITO 1 : Recupero e restauro dei corpi storici dell ex Ospedale Civile Montecchi L intervento che caratterizza questo Ambito è il recupero ed il restauro dei corpi storici dell ex Ospedale Montecchi (dei corpi, cioè, soggetti alla tutela della Soprintendenza dei beni storici ed architettonici). Tale intervento verrà realizzato secondo le tipiche tecniche del restauro architettonico e in conformità alle disposizioni della Soprintendenza, ma in modo da ridare fruibilità al contenitore architettonico secondo le necessità logistiche della proprietaria ASL; la riqualificazione prevista nell intervento dell Ambito 1 è pertanto finalizzata ed articolata in modo da permettere il riutilizzo dei corpi storici dell ex Ospedale Montecchi come sede del Distretto socio-sanitario ASL di Suzzara, attualmente ubicati nell immobile di via Marangoni, 2, che sarà interessato, all interno del P.I.I., dalla riqualificazione con cambio di destinazione urbanistica definiti nell Ambito 3. AMBITO 2 : Riqualificazione urbanistica dell area occupata dall ex Ospedale Civile Montecchi L intervento che caratterizza questo Ambito è la demolizione dei corpi costruiti e aggiunti all originario nucleo edilizio dell Ospedale Montecchi, situati nella parte posteriore dell appezzamento di terreno sul quale si erge il corpo di fabbrica dell ex Ospedale, e la successiva edificazione di un fabbricato tutto a destinazione residenziale, ad esclusione di parte del piano terra, da assegnare a servizi ad uso pubblico, (che, nel caso specifico di Ambito 2, è il servizio di farmacia dell originaria Farmacia dell Ospedale, ubicata da circa quarant anni in uno stabile coinvolto dalla demolizione summenzionata). pag. 9

10 AMBITO 3 : Riqualificazione urbanistica dell attuale sede del Distretto ASL di Suzzara di via Marangoni L intervento che caratterizza questo Ambito è la riqualificazione dell immobile di via Marangoni, 2, originariamente sede degli uffici INPS ed ora sede degli uffici e degli ambulatori del Distretto ASL di Suzzara, in complesso a destinazione residenziale. La riqualificazione edilizia summenzionata verrà realizzata al termine dei lavori di recupero di cui all Ambito 1 ed al conseguente trasferimento del Distretto socio-sanitario ASL presso gli spazi restaurati dei corpi storici dell ex ospedale Montecchi. AMBITO 4 : Immobili da cedere al Comune di Suzzara Gli elementi che caratterizzano questo Ambito sono: A. la cessione al Comune di Suzzara dell ex Sanatorio e del terreno circostante, tutti di proprietà ASL, e l impegno, sottoscritto in fase di promozione del presente P.I.I., di promuovere un progetto innovativo integrato per il massimo recupero possibile delle fragilità geriatriche sia al servizio del paziente anziano che della famiglia nell assistenza, sostegno riabilitativo e ritorno alla domiciliarità, mediante realizzazione di un CDI (Centro Diurno Integrato) orientato al contenimento delle fragilità geriatriche concausate da esiti oncologici/neurologici/ictus/altre forme di deficit cognitivo e/o demenza ed al recupero e reinserimento domiciliare. Le competenze dei due Enti sottoscrittori del suddetto impegno sono rispettivamente: - da parte del Comune di Suzzara, di assumersi l onere di recuperare tale stabile come Centro Diurno Integrato, - da parte dell ASL, di attivarsi per l ottenimento del necessario accreditamento regionale della struttura sopra descritta. B. la cessione al Comune di Suzzara di un area, fronte viale Montecchi, che l A.S.L. allestirà come parcheggio pubblico per un totale di 20 posti auto, che andranno ad incrementare la dotazione di parcheggi per la cittadinanza già presenti a fianco della sede degli uffici comunali di viale Montecchi AMBITO 5 : Immobili da alienare al Comune di Suzzara L intervento che caratterizza questo Ambito è l alienazione al Comune di Suzzara dell ex Dispensario, che il Comune si impegna ad acquistare, dalla proprietaria ASL, con i proventi derivanti dal pagamento della quota inerente i costi di costruzione connessi al Programma Integrato di Intervento in argomento. Con la sottoscrizione dell Accordo preliminare alla definizione del Programma Integrato di Intervento per la riqualificazione del comparto ex Ospedale Montecchi a Suzzara siglato da ASL e dal Comune di Suzzara il 5 luglio 2004, il Comune di Suzzara si è reso disponibile ad integrare il programma socio-assistenziale a favore dell utenza geriatrica mediante il recupero dell ex Dispensario con contestuale trasformazione in nucleo di mini-alloggi protetti da assegnare ad anziani. pag. 10

11 Cap. 5: ELENCO TAVOLE GRAFICHE ED ILLUSTRATIVE Le tavole grafiche ed illustrative del Programma Integrato di Intervento sono le seguenti: TAV. 01: Inquadramento generale, estratto di mappa catastale. TAV. 02: Inquadramento generale, estratto di P.R.G. TAV. 03: Perimetrazione Comparto. TAV. 04: Individuazione ambiti. TAV. 05: Documentazione e Rilievo fotografico. TAV. 06: Individuazione edifici da demolire ed edifici da recuperare e ristrutturare. TAV. 07: Individuazione edifici di nuova costruzione ed edifici da ristrutturare. TAV. 08: Sottoservizi. TAV. 09: Abbattimento barriere architettoniche. TAV. 10: Standard urbanistici. TAV. 11: Opere di urbanizzazione primaria e secondaria. Ambito 1 : Recupero e restauro dei corpi storici dell ex Ospedale Civile Montecchi TAV. 12: Stato attuale dei corpi storici dell ex Ospedale Civile Montecchi. TAV. 13: Evoluzione storica del complesso edilizio. TAV. 14: Superfetazioni da demolire. TAV. 15: Recupero dei corpi storici dell ex Ospedale Civile Montecchi. Ambito 2 : Riqualificazione urbanistica dell area occupata dall ex Ospedale Civile Montecchi TAV. 16: Inquadramento dell area di intervento. TAV. 17: Corpi da demolire, inquadramento di nuova costruzione. TAV. 18: Destinazione di uso delle aree di ambito 2 dei corpi di nuova costruzione. TAV. 19: Destinazione parcheggi esterni. TAV. 20: Vista assonometrica dei volumi di progetto. TAV. 21: Planivolumetrico di nuova costruzione e di edificazione urbana della zona. TAV. 22: Ipotesi progettuale dei corpi di nuova costruzione, piante, prospetti, sezione. TAV. 23: Simulazione di impatto ambientale. Ambito 3 : Riqualificazione urbanistica dell attuale sede del Distretto ASL di Suzzara in via Marangoni TAV. 24: Inquadramento area di intervento. TAV. 25: Stato attuale dell immobile di via Marangoni, 2. TAV. 26: Destinazione di uso delle aree di ambito 3. TAV. 27: Tipologie unità residenziali dell immobile di via Marangoni, 2. pag. 11

12 Ambito 4 : Immobili da cedere al Comune di Suzzara TAV. 28: Inquadramento area di ambito 4. TAV. 29: Stato attuale dell ex Sanatorio. TAV. 30: Ipotesi progettuale di recupero dell ex Sanatorio come C.D.I. (Centro Diurno Integrato). Ambito 5 : Immobili da alienare al Comune di Suzzara TAV. 31: Inquadramento di area ambito 5. TAV. 32: Stato attuale dell ex Dispensario Antitubercolare di Suzzara. pag. 12

13 OMISSIS pag. 13

14 Cap. 7: AMBITO 2 Riqualificazione urbanistica dell area occupata dall ex ospedale civile Montecchi Il lay out di progetto prevede la realizzazione di un edificio in linea a forma angolare semplice che si ripartisce ortogonalmente con le ali dell ex ospedale Montecchi. La soluzione angolare è vista come una funzione di quinta-schermatura della struttura storica che è confinata da edifici che si presentano in stato di degrado e privi di stilizzazione architettonica. Sono previsti quattro corpi abitativi serviti da tre torrini di servizio scale per accesso alle residenze e portico di collegamento distributivo. In questi corpi è stata ricavata un area commerciale al piano terra per servizio di interesse pubblico (farmacia). A diretto contatto con gli edifici sono state progettate una piazzetta a cielo aperto e un ampia area verde attrezzata che favoriscono le relazioni sociali all aperto tra gli utenti. Queste aree si relazionano e comunicano in sintonia con l edificio storico dell ex ospedale Montecchi che sarà recuperato per i servizi sanitari, sociali e uffici del distretto ASL di Suzzara. Il piano progettuale prevede un area di parcheggio pubblico P1 e una fascia di parcheggi privati P3 destinati ai residenti. Gli accessi sono in direzione ortogonale a viale Fratelli Montecchi. L intervento è caratterizzato dai seguenti elementi : SUPERFICIE TOTALE LOTTO: mq. Superficie coperta: 1.227,84 mq. Superficie area verde: 751,00 mq. Superficie pedonale: 472,16 mq. Superficie parcheggi privati P 3 : 1341 mq TIPOLOGIE RESIDENZIALI Ogni corpo progettato prevede a piano tre tipologie abitative di metrature 100mq, 75mq,45mq. La tipologia di 100 mq prevede tre camere da letto, bagno, soggiorno-pranzo, cucina, ripostiglio. Numero massimo di utenti: 6. La tipologia di 85mq prevede due camere da letto, bagno, soggiorno-pranzo, cucina e ripostiglio. Numero massimo di utenti: 4. La tipologia di 45mq prevede una camera da letto, bagno, soggiorno-pranzo con angolo cottura. Numero massimo di utenti: 2. DESTINAZIONE DI USO DEGLI EDIFICI Il corpo A si presenta a 3 piani residenziali con 9 appartamenti, più piano terra destinato ad area commerciale (farmacia) e autorimesse. pag. 14

15 Il corpo B si presenta a 4 piani residenziali con 12 appartamenti, più piano terra destinato a area direzionale e autorimesse. Il corpo C si presenta a 4 piani residenziali con 12 appartamenti più piano terra destinato a autorimesse. Il corpo D si presenta a 4 piani residenziali con 4 appartamenti più piano terra destinato a autorimesse e a portico. Si prevedono 37 appartamenti di cui 15 da 100mq, 11da 85mq, 11da 45mq. Il numero massimo di utenti calcolati è 156. SUPERFICIE RESIDENZIALE Edificio Superficie residenziale di ogni piano n. Piani Totale superficie residenziale in mq H del piano in mt. volume residenziale totale in mc Corpo A 283, ,00 2,70 Corpo B 282, ,40 2,70 Corpo C 284, ,00 2,70 Corpo D 112, ,00 2,70 Totale edifici 3.564,40 2, Totale Superficie utile residenziale: 3.564,40 mq. SUPERFICIE COMMERCIALE Superficie commerciale ad uso servizio di interesse pubblico (farmacia): Edificio A, Piano Terra 268 mq, oltre a 303 mq di magazzino ad uso esclusivo sito al Piano Seminterrato SUPERFICIE AUTORIMESSE Corpo A: 88 mq. Corpo B: 231 mq. Corpo C: 284 mq. Corpo D: 69 mq. pag. 15

16 SUPERFICIE TORRINO-VANO SCALA Torrino A: 43,70 mq. Torrino B: 43,70 mq. Torrino C: 43,70 mq. VOLUME UTILE RESIDENZIALE Corpo A: 283 mq x 2,70 h = 764,10 mc. 764,10 mc x 3 piani = 2.293,30 mc. Corpo B: 282,85 mq x 2,70 h = 763,69 mc. 763,69 mc x 4 piani = 3.054,78 mc. Corpo C: 284 mq x 2,70 h = 766,80 mc. 766,80 mc x 4 piani = 3.067,20 mc. Corpo D: 112 mq x 2,70 h = 302,40 mc. 302,40 mc x 4 piani = 1.209,60 mc. Totale volume utile residenziale: mc. VOLUME UTILE COMMERCIALE Volume commerciale, ad uso servizio di interesse pubblico (farmacia): 268mq x 3,00 h = 804 mc. al P.T., oltre a (303 x 2,50 hm)= 757,5 mc. al piano seminterrato. TOTALE VOLUME UTILE ( residenziale e commerciale) Volume Utile: mc mc = mc. DEFINIZIONE ALTEZZA MASSIMA EDIFICIO = ( H max) pag. 16

17 Corpo A: 12,30m. Corpo B: 15,30m. Corpo C: 15,30m Corpo D: 15,30m. (3,30m per autorimesse + 12,00m per residenze.) Torrino A: 14,30m. Torrino B: 17,30m. Torrino C: 17,30m. Portico: 3,30m. VOLUMI MASSIMI (volume vuoto per pieno) Edificio A: 283 mq x 12,30 m = mc. Edificio B: 282,85 mq x 15,30 m = 4.327,6 mc. Edificio C: 284 mq x 15,30 m = 4.345,20 mc. Edificio D: 112 mq x 12,00 m = mc. Torrino A: 43,70 mq x 14,30 m = 625 mc Torrino B: 43,70 mq x 17,30 m = 756mc Torrino C: 43,70 mq x 17,30 m = 756 mc VOLUME TOTALE MASSIMO (volume vuoto per pieno) Volume totale residenziale e commerciale, comprese le relative autorimesse: ,80 mc. Volume totale massimo, vuoto per pieno, di tutta la nuova costruzione (compresi i torrini-scale) : ,80 mc (esclusi gli ingombri dei portici, che, seppur non computabili come volumi sotto il profilo urbanistico). SUPERFICIE PARCHEGGI P 3 (parcheggi di proprietà ad uso esclusivo dei proprietari delle unità immobiliari dei Corpi A, B, C) Parcheggi privati scoperti P 3 : mq pag. 17

18 Parcheggi autorimesse coperte: 672 mq. Totale Parcheggi P 3 scoperti e coperti: mq. PARCHEGGIO ai sensi della legge Tognoli 122/89 e disposizioni di N.T.A. 1mq ogni 10mc di Volume utile. Volume utile: mc. Superficie minima parcheggi privati a servizio degli immobili A, B, C, D: mc / 10mc/mq = mq. Verifica parcheggio P 3 : 1.341mq mq = mq > mq. SUPERFICIE PARCHEGGI P 1 (parcheggi pubblici, ceduti al Comune di Suzzara, adiacenti all Ambito 2 ) L importo della monetizzazione relativa ai parcheggi P1 è pertanto : 227,66 mq X 162 /mq = ,92 pag. 18

19 OMISSIS pag. 19

ambito A Villa Don Bosco Mq. superficie volumetria Superficie territoriale e in cessione al Comune Mq. 69.760,00

ambito A Villa Don Bosco Mq. superficie volumetria Superficie territoriale e in cessione al Comune Mq. 69.760,00 RELAZIONE ECONOMICA 1) Ambito e contenuti dell intervento L intervento proposto riguarda un programma integrato di intervento che prevede la cessione al Comune di Triuggio della villa Don Bosco e del relativo

Dettagli

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione:

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione: INDICE SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. PAG. 1 INTERVENTI PREVISTI PAG. 1 PROIEZIONE COSTI COMPLESSIVI AI FINI DELL ATTUAZIONE DEL P.I.I. A CURA DEL SOGGETTO ATTUATORE PAG. 2 QUANTIFICAZIONE DELLE CONVENIENZE

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 COMUNE DI VEDANO OLONA PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO URBANISTICO GENERALE Il PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE STIMA DEGLI EDIFICI E DELLE AREE PERTINENZIALI DELLA SCUOLA PRIMARIA DEL CAPOLUOGO Pagina 1 di 32 INDICE 1 - PREMESSA... 3 2 - DESCRIZIONE DEI BENI OGGETTO

Dettagli

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi Relazione di stima del valore del complesso immobiliare sito in fregio alle vie G. Matteotti, N. Sauro, Como, in Lissone distinto al catasto al Fg. 15 Mapp. 23 Data 21.7. 11 il Dirigente del settore Patrimonio,

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE. DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE. DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Ufficio Tecnico Settore Urbanistica DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 13 del 21.01.2010 1 DEI PARCHEGGI PRIVATI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. del REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI UDINE. OGGETTO: Approvazione P.A.C. di iniziativa privata in via Cotonificio scheda norma C.21. IL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI UDINE. OGGETTO: Approvazione P.A.C. di iniziativa privata in via Cotonificio scheda norma C.21. IL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI UDINE C.C. 28/09/2015 2 OGGETTO: Approvazione P.A.C. di iniziativa privata in via Cotonificio scheda norma C.21. IL CONSIGLIO COMUNALE Visto il vigente Piano Regolatore Generale Comunale approvato

Dettagli

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Provincia di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE INTRODUZIONE L art. 43 della legge Regionale

Dettagli

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO - Art. 9.5 del R.E.C. - Art. 79 comma 1, lett c) L.R. 1/05 SCHEDA A6 CLASSIFICAZIONE DELL INTERVENTO R.E.C.

Dettagli

1 Premessa. 1.1 Incarico. 1.2 Oggetto della variante

1 Premessa. 1.1 Incarico. 1.2 Oggetto della variante 1 Premessa 1.1 Incarico Con Deliberazione della Giunta Comunale del Comune di San Vito di Leguzzano N. Reg. 75 del 30/07/2012 si è deliberato di avviare la procedura per una variante al Piano Particolareggiato

Dettagli

COMUNE DI PIACENZA OSA SRL VIA BOLZONI N. 14 29122 PIACENZA VARIANTE AL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AREA AID 18 EX ARBOS VIA EMILIA PARMENSE

COMUNE DI PIACENZA OSA SRL VIA BOLZONI N. 14 29122 PIACENZA VARIANTE AL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AREA AID 18 EX ARBOS VIA EMILIA PARMENSE COMUNE DI PIACENZA OSA SRL VIA BOLZONI N. 14 29122 PIACENZA VARIANTE AL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO AREA AID 18 EX ARBOS VIA EMILIA PARMENSE ELABORATO D - BOZZA CONVENZIONE PIACENZA 10 APRILE 2015 1 B

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI CRESPELLANO (Provincia di Bologna) VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA IN LOCALITÀ CAPOLUOGO COMPARTO EDIFICATORIO N. 11 (C2) RELAZIONE ILLUSTRATIVA LA PROPRIETÀ: Soc. L.

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

Adeguamento del contributo di costruzione

Adeguamento del contributo di costruzione Adeguamento del contributo di costruzione previsto dall art.43 della LR 12/05 e s.m.i. 8 Gennaio 2016 PRINCIPI DELLA VARIANTE AL PGT riduzione del consumo di suolo e delle potenzialità edificatorie creazione

Dettagli

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono:

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono: allegato A Relazione tecnica SUAP1 In data 18/06/2011, prot 6146, è stata presentata da parte di Terruzzi Fercalx spa, istanza volta all ottenimento del permesso di costruire per la realizzazione di un

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122 ( Da presentarsi DOPO l ottenimento degli eventuali altri atti previsti dalle normative

Dettagli

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS Approvato

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) PRATICA EDILIZIA N. ANNO NUOVA VARIANTE A DEL Comune di Vedano al Lambro ANNULLAMENTO / ARCHIVIAZIONE - RICHIESTA DEL PROT. DA PRESENTARSI DOPO L OTTENIMENTO DEGLI EVENTUALI ALTRI ATTI PREVISTI DALLE NORMATIVE

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO Il complesso immobiliare, oggetto di richiesta di variante, è ubicato in Comune di CAVOUR, Via Gioberti - Piazza San Martino n 2, ed è costituito da un area si sui

Dettagli

MOD. E085_D Atto unilaterale tipo per Zone Attività Economiche. Comune di Mantova

MOD. E085_D Atto unilaterale tipo per Zone Attività Economiche. Comune di Mantova ATTO UNILATERALE D OBBLIGO TIPO PER LE ZONE OMOGENEE D Relativo all intervento di ristrutturazione urbanistica / ristrutturazione edilizia / demolizione / ampliamento / nuova costruzione dell immobile

Dettagli

Proprietario cognome nome residente a via n. codice fiscale tel. fax email certificata

Proprietario cognome nome residente a via n. codice fiscale tel. fax email certificata COMUNE DI USMATE VELATE PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA Corso Italia n. 22-20040 USMATE VELATE P.I. 00714670965 - C.F. 01482570155 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA RISTRUTTURAZIONE DI FACCIATE

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA RISTRUTTURAZIONE DI FACCIATE COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI ASSESSORATO URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA RISTRUTTURAZIONE DI FACCIATE Allegato alla deliberazione del Consiglio

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE COMUNE DI PALERMO PROGETTO DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE. MONDELLO VIA DEIANIRA REDATTO AI SENSI DEL COMMA A ART.12 DELLE N.D.A. DEL P.R.G., RICADENTE IN Z.T.O. CB. RELAZIONE Proprietario: Sig. Maria Carolina

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

Immobile sito in Milano, via Battista De Rolandi 8 INDICAZIONI URBANISTICHE

Immobile sito in Milano, via Battista De Rolandi 8 INDICAZIONI URBANISTICHE Immobile sito in Milano, via Battista De Rolandi 8 INDICAZIONI URBANISTICHE 1 PREMESSA. Il sottoscritto arch. Luca Oppio su incarico della Proprietà del compendio immobiliare in Milano, via Battista De

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE ALL.5 SCHEMA DI CONVENZIONE PER SANATORIA EDILIZIA, RISTRUTTURAZIONE ED AMPLIAMENTO DI UN FABBRICATO SITO IN VIA CELESEO n. 21 DI PROPRIETA DEI SIGG. GIANTIN GIANNI E SCANTAMBURLO

Dettagli

Il Comune di Rosignano Marittimo

Il Comune di Rosignano Marittimo OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE A LOCARE A CANONE SOSTENIBILE, PER ALMENO 15 ANNI, FABBRICATI RESIDENZIALI ESISTENTI, FABBRICATI DA REALIZZARE SU AREE EDIFICABILI O FABBRICATI

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

Timbro protocollo generale Allo Sportello Unico Attività Produttive/ Edilizia

Timbro protocollo generale Allo Sportello Unico Attività Produttive/ Edilizia Timbro protocollo generale Allo Sportello Unico Attività Produttive/ Edilizia Area Tecnica del Comune di Anzola dell Emilia Via Grimandi, 1 40011 Anzola dell Emilia MODELLO PER IL CALCOLO E LA CORRESPONSIONE

Dettagli

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MILANO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (ex regime concessorio) ai sensi dell art. 41 della Legge Regionale 12/05 Il/ La sottoscritto/a Cod. fiscale/partita IVA residente /con sede in via n. CAP tel. in qualità proprietario

Dettagli

Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione. Anno 2013

Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione. Anno 2013 Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione Anno 2013 Nessuna modifica rispetto all anno 2012 Applicazione degli oneri di urbanizzazione e della quota

Dettagli

OGGETTO: PIANO PIANO DI RECUPERO PR3D3 IN LOC. CASAMICCIOLA: ADOZIONE IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: PIANO PIANO DI RECUPERO PR3D3 IN LOC. CASAMICCIOLA: ADOZIONE IL CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: PIANO PIANO DI RECUPERO PR3D3 IN LOC. CASAMICCIOLA: ADOZIONE IL CONSIGLIO

Dettagli

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro Domanda di Permesso di costruire BOLLO Prot. n. Spett. Comune di RANCO Piazza PARROCCHIALE n. 4 21020 - RANCO Li gg mese anno Il/la sottoscritto/a quale rappresentante legale dell impresa (ove necessario)

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE Padova st innovazione Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE La ZIP Nord 1.500.000 mq di superficie complessiva Oltre 150 lotti attrezzati Oltre 450 proprietari

Dettagli

COMUNE DI MONTEGIORGIO

COMUNE DI MONTEGIORGIO COMUNE DI MONTEGIORGIO (Provincia di ASCOLI PICENO) STUDIO PRELIMINARE DI FATTIBILITA FINALIZZATO ALL AMPLIAMENTO DEL CENTRO COMMERCIALE ROSSETTI Località: Via Faleriense Est, 81 63025 Montegiorgio (AP)

Dettagli

SERVIZIO UNICO EDILIZIA E IMPRESE

SERVIZIO UNICO EDILIZIA E IMPRESE SERVIZIO UNICO EDILIZIA E IMPRESE PARTE RISERVATA AGLI UFFICI Pratica N. del........ Assegnata a:. nella qualità di Responsabe del Procedimento Copparo, Il Responsabe. Verificata la completezza della documentazione

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

Richiesta di Valutazione preventiva di ammissibilità edilizio-urbanistica (art. 16 Regolamento Edilizio)

Richiesta di Valutazione preventiva di ammissibilità edilizio-urbanistica (art. 16 Regolamento Edilizio) modello 5 Marca da Bollo Data di arrivo PG PR Allo Sportello Unico per l Edilizia Ufficio Ricezione Piazza Municipale, 21 Richiesta di Valutazione preventiva di ammissibilità edilizio-urbanistica (art.

Dettagli

CONVENZIONE EDILIZIA. relativa all esecuzione del progetto di ristrutturazione dell immobile sito in via REPUBBLICA ITALIANA

CONVENZIONE EDILIZIA. relativa all esecuzione del progetto di ristrutturazione dell immobile sito in via REPUBBLICA ITALIANA Repertorio n. CONVENZIONE EDILIZIA relativa all esecuzione del progetto di ristrutturazione dell immobile sito in via Colonnello Aprosio 106/108/110 Vallecrosia (ex Hotel Impero) REPUBBLICA ITALIANA L

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 3 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (da Piano degli Interventi Variante 2 Dicembre 2011) Committente:

Dettagli

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via Mascagni

COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO. AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via Mascagni COMUNE DI MONZA PIANO ATTUATIVO AREA SISTEMA RESIDENZIALE Via Mascagni Allegato F Relazione Tecnica aggiornamento Giugno 2015 Pietro Giulio Malvezzi Architetto Paola Cambiaghi Architetto 20900 Monza MB

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

UFFICIO PROGETTAZIONE E NUOVE COSTRUZIONI UFFICIO MANUTENZIONE E PATRIMONIO PREVISIONI BILANCIO 2014

UFFICIO PROGETTAZIONE E NUOVE COSTRUZIONI UFFICIO MANUTENZIONE E PATRIMONIO PREVISIONI BILANCIO 2014 UFFICIO PROGETTAZIONE E NUOVE COSTRUZIONI UFFICIO MANUTENZIONE E PATRIMONIO PREVISIONI BILANCIO 2014 Con riferimento ai capitoli specifici delle nuove costruzioni, recupero, manutenzione ordinaria e straordinaria,

Dettagli

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 Ricostruzione dell'isolato di via Frigia - via Capelli attraverso la realizzazione di nuova residenza, attività commerciali e un parcheggio pubblico; creazione

Dettagli

attività sociali per gli abitanti della zona.

attività sociali per gli abitanti della zona. L area ove è ubicato l immobile è individuata dal Piano Regolatore Generale del Comune di Firenze quale Zona G sottozona G1: aree destinate ad attrezzature sportive, esistenti. I lavori in oggetto riguardano

Dettagli

PIANO ATTUATIVO : intervento di edilizia residenziale da attuarsi in via Amilcare Ponchielli ALLEGATI 01: RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ECONOMICA

PIANO ATTUATIVO : intervento di edilizia residenziale da attuarsi in via Amilcare Ponchielli ALLEGATI 01: RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ECONOMICA PIANO ATTUATIVO : intervento di edilizia residenziale da attuarsi in via Amilcare Ponchielli Lottizzanti: Proprieta': Caprotti Emilia Procuratori Marina Strazzeri, Franco Flavio Strazzeri, ALLEGATI 01:

Dettagli

RICHIESTA DI APPROVAZIONE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO

RICHIESTA DI APPROVAZIONE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO 1 MARCA DA BOLLO TIMBRO DI RICEVUTA (spazio riservato all ufficio) Comune di Cesena SETTORE GOVERNO DEL TERRITORIO Servizio Attuazione Urbanistica Piazza Guidazzi 9, ridotto Teatro Bonci 1 piano 47521Cesena

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Legge 1986022 Pagina 1 di 5 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

PROGETTISTA INCARICATO

PROGETTISTA INCARICATO 06032013 TIMBRO PROTOCOLLO C I T T A D I S A C I L E N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)...... SI n altri titolari oltre al presente dichiarante NO... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda

Dettagli

COMUNE DI CENTO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA DATI DI PROGETTO E CALCOLO CONTRIBUTO INTERVENTI SULL'ESISTENTE ED AMPLIAMENTI

COMUNE DI CENTO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA DATI DI PROGETTO E CALCOLO CONTRIBUTO INTERVENTI SULL'ESISTENTE ED AMPLIAMENTI COMUNE DI CENTO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA Pratica n. DATI DI PROGETTO E CALCOLO CONTRIBUTO INTERVENTI SULL'ESISTENTE ED AMPLIAMENTI DITTA OGGETTO: ZONA DEL PRG (sigla) INDICE EDILIZIO AMMISSIBILE

Dettagli

INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE

INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE ALLEGATO TECNICO INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE Livello urbanistico per il futuro deposito e approvazione del Piano di Lottizzazione

Dettagli

CONFERENZA STAMPA 12/02/2015

CONFERENZA STAMPA 12/02/2015 PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI BERGAMO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO CDP INVESTIMENTI SGR S.P.A. PER LA RIQUALIFICAZIONE E RICONVERSIONE FUNZIONALE DELLA SEDE STORICA DEGLI OSPEDALI RIUNITI DI

Dettagli

PERIZIA ESTIMATIVA DEL PIU' PROBABILE VALORE VENALE DELL' IMMOBILE SITO IN TAORMINA (ME) - VIA BRANCO 19

PERIZIA ESTIMATIVA DEL PIU' PROBABILE VALORE VENALE DELL' IMMOBILE SITO IN TAORMINA (ME) - VIA BRANCO 19 PERIZIA ESTIMATIVA DEL PIU' PROBABILE VALORE VENALE DELL' IMMOBILE SITO IN TAORMINA (ME) - VIA BRANCO 19 PREMESSA E SCOPO Con la presente, il sottoscritto Ing. Francesco Guerrera iscritto all' Albo professionale

Dettagli

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni Comune di Ghedi Provincia di Brescia Piano di Governo del Territorio Piano delle Regole Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO A Piani di recupero del centro antico Approvato con delibera C.C. n.17 del

Dettagli

PREMESSO CHE. approvato il Piano Strutturale del Comune di..; con Deliberazione di C.C. n...del.. è stato definitivamente

PREMESSO CHE. approvato il Piano Strutturale del Comune di..; con Deliberazione di C.C. n...del.. è stato definitivamente 1 SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE DI CUI ALL ART. 74 DELLA LEGGE REGIONALE N. 65/2014. CONVENZIONE DI P.M.A.A. (ex art.

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA ESTRATTO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 13 DEL 05.05.1999 COME MODIFICATA DALLA D.C.C. N. 73 DEL 30.09.2010 E DALLA D.C.C. N. 5 DEL 15.03.2013 A IN RIFERIMENTO AL D.P.G.R. N. 373/98 IL CONSIGLIO

Dettagli

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA Ai sensi art. 36 del D.P.R. 380/2001

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA Ai sensi art. 36 del D.P.R. 380/2001 Settore Governo del Territorio Marca da Bollo Euro 16,00 Mod PdC_San_05 / 02.2015 DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA Ai sensi art. 36 del D.P.R. 380/2001 ( Da presentarsi DOPO l ottenimento

Dettagli

COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2

COMPARTI ZCR 6.1 E ZCR 6.2 COMUNE di S. STEFANO BELBO Provincia di CUNEO Proprietà: - signor GATTI LUIGI residente in S. Stefano Belbo (CN) Via Moncucco n. 5 - signora CHIRIOTTI GIOVANNA residente in Abbazia n. 2 - signor TEALDO

Dettagli

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 545_Parcheggio Marco Polo Viale Marco Polo DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 545_Parcheggio Marco Polo Viale Marco Polo DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Provincia di Venezia Comune di Chioggia 545_Parcheggio Marco Polo Viale Marco Polo DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Anagrafica COMPLESSO Codice bene Denominazione bene Comune Provincia Indirizzo Quartiere

Dettagli

Al Responsabile del Servizio Tecnico e Territoriale del Comune di SANTA MARIA DELLA VERSA (PV)

Al Responsabile del Servizio Tecnico e Territoriale del Comune di SANTA MARIA DELLA VERSA (PV) Comune di SANTA MARIA DELLA VERSA Provincia di Pavia Servizio Tecnico e Territoriale Sportello Unico per l Edilizia Spazio riservato per il protocollo SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (ex articolo

Dettagli

PERIZIA TECNICA DESCRITTIVA ed ESTIMATIVA DEL COMPLESSO IMMOBILIARE EX MAFIL

PERIZIA TECNICA DESCRITTIVA ed ESTIMATIVA DEL COMPLESSO IMMOBILIARE EX MAFIL COMUNE DI VITTORIO VENETO U.O. PATRIMONIO E POLITICHE ENERGETICHE PERIZIA TECNICA DESCRITTIVA ed ESTIMATIVA DEL COMPLESSO IMMOBILIARE EX MAFIL Vittorio Veneto, 2 maggio 2011 ELABORATI: A. Relazione generale:

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PIANO DI RECUPERO

SCHEMA DI CONVENZIONE PIANO DI RECUPERO N. 11 SCHEMA DI CONVENZIONE PIANO DI RECUPERO L anno del mese di del giorno. dinanzi a me Dott. Notaio in, iscritto presso il Collegio Notarile dei Distretti di.. si costituiscono: da una parte: il Comune

Dettagli

opere riguardanti il rifacimento ed il restauro di facciate o di parti esterne degli edifici;

opere riguardanti il rifacimento ed il restauro di facciate o di parti esterne degli edifici; REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E AGEVOLAZIONI ECONOMICHE PER IL MIGLIORAMENTO ESTETICO ED IL RISANAMENTO DEI CENTRI STORICI DI SCANZO E ROSCIATE ART. 1 - CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Il Comune

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122 Settore Governo del Territorio Mod SCIA_08 / 02.2015 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122 ( Da presentarsi DOPO l ottenimento

Dettagli

IL PROCESSO EDILIZIO

IL PROCESSO EDILIZIO IL PROCESSO EDILIZIO RELATIVO A UNA OPERA DI ARCHITETTURA È INSIEME DI FASI E ATTIVITÀ IDEATIVE, OPERATIVE, ORGANIZZATIVE E GESTIONALI CONNESSE DA RELAZIONI LOGICHE E SUCCESSIONI TEMPORALI CHE FANNO CAPO

Dettagli

SCHEMA DELIBERA ADOZIONE

SCHEMA DELIBERA ADOZIONE SCHEMA DELIBERA ADOZIONE AREA: Politiche del Territorio DIREZIONE: Pianificazione Urbanistica, E.R.P. e Mobilità Alla Giunta Comunale Sede N Prop. Del. N Prop. Dir. OGGETTO: Adozione del Piano Attuativo

Dettagli

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA Proprietà : COOP. S. GONDA. Progetto : Arch. Alessio Cantini Arch. Marco Benassai Ing. Sirio Chilleri RELAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Lo scrivente Ufficio Lavori Pubblici è stato incaricato dall Amministrazione Comunale della progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva dei lavori di ristrutturazione

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

(denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n 08/2014) II DIPARTIMENTO TECNICO 2 SERVIZIO Patrimonio Edilizia e Manutenzione

(denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n 08/2014) II DIPARTIMENTO TECNICO 2 SERVIZIO Patrimonio Edilizia e Manutenzione II DIPARTIMENTO TECNICO 2 SERVIZIO OGGETTO: Interventi urgenti di messa in sicurezza ed eliminazione carenze igienico-sanitarie presso il Cine Teatro Metropol di Caltagirone, sito in Viale P.pe Umberto.

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA CONSISTENZA IMMOBILE DI VIA G. BANDI N 15 ATTUALE SEDE DELLE ATTIVITA DIREZIONALI DELL AZIENDA AMBIENTALE DI PUBBLICO SERVIZIO OHSAS 18001 Livorno, li 19 ottobre 2009 UFFICIO

Dettagli

SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA

SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA (Provincia di Siena) Pianificazione Urbanistica ed Edilizia Privata Via Garibaldi, 4 Tel. 0577 351308/14/22 - Fax 0577/351328 e-mail: urbanistica.edilizia@comune.castelnuovo-berardenga.si.it

Dettagli

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO PRATICA EDILIZIA N. AL RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI CERRO AL LAMBRO Piazza Roma, 11 20070 Cerro al Lambro (MI) DENUNCIA

Dettagli

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA STUDIO DI FATTIBILITA PER LA RISTRUTTURAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE DELLA SCUOLA MEDIA AZZARITA RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA L immobile oggetto dello studio di fattibilità è ubicato in Via Barisano

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Comune di BORNASCO Provincia di PAVIA Area Tecnica P.G. S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (ex articolo 19 Legge /.8.1990 n. 241 - art.5, Legge n 73/2010) per interventi di cui alla successiva

Dettagli

PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA

PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA Prot. n. del PL/pl Class. 6/3 Fasc. 21/2013 Rif. prot. 24574 del 10/08/2013 PRATICA EDILIZIA N. - 87 Bollo 16,00 ANNO - 2013- Diritti di segreteria 200,00 PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA (art. 36 D.P.R.

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica Cosio Valtellino, 05.06.2008 REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE ALLEGATO 1 Relazione tecnica COMMITTENTI: Sigg DEL NERO DAVIDE DEL NERO LAURA PROGETTO: geom. RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA *************

Dettagli

COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! P.U.A - AREALE 9.1

COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! P.U.A - AREALE 9.1 9.1 1 COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! (Frazione Mascarino) P.U.A - AREALE 9.1 NUOVO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE SITO NEL! COMUNE DI CASTELLO D'ARGILE IN VIA G. RODARI IN VARIANTE AL PIANO OPERATIVO COMUNALE

Dettagli

Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 13 ottobre 2009

Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 13 ottobre 2009 COMUNE DI ALZANO LOMBARDO ASSESSORATO AL GOVERNO DEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI INCENTIVI FINALIZZATI ALLA RIQUALIFICAZIONE DEI CENTRI STORICI DI ALZANO LOMBARDO Approvato con Deliberazione

Dettagli

In relazione al Piano delle Regole si formulano le istanze di cui in appresso SI CHIEDE L INTEGRAZIONE DEI COMMI 6 E 7 DELL ART. 1 NEI TERMINI DI SEGUITO INDICATI IN ROSSO: 6. Il Piano delle Regole non

Dettagli