TERMINOLOGIA. Ageismo: è un atteggiamento stereotipato convenzionale e discriminante nei confronti delle persone perché vecchie.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TERMINOLOGIA. Ageismo: è un atteggiamento stereotipato convenzionale e discriminante nei confronti delle persone perché vecchie."

Transcript

1 TERMINOLOGIA A Aderenza (compliance): allorché il comportamento di un anziano (quando assume farmaci, segue una dieta specifica o modifica il suo stile di vita) coincide con la prescrizione, con i consigli del medico. Ageismo: è un atteggiamento stereotipato convenzionale e discriminante nei confronti delle persone perché vecchie. Agopuntura: Metodo attraverso il quale si pungono, mediante aghi, specifici punti periferici per alleviare il malessere legato a malattie dolorose, per indurre anestesia o per scopi terapeutici. Alcool: è un importante fattore di rischio nell età senile (vedi capitolo a parte). Alluce Rigido: ogni movimento articolare è bloccato. Alluce Valgo: alluce deviato verso l esterno del piede. Alterazione della diuresi nell anziano: è utile che l anziano conosca la terminologia per riferire adeguatamente al medico i suoi disturbi urinari; Incontinenza urinaria: fuoriuscita incontrollata di urina dal meato uretrale in qualsiasi momento del giorno e della notte; Diuresi: quantità di urine emesse; Minzione: l atto di urinare; 379

2 Insieme con gli anziani Mingere: urinare; Mitto: getto delle urine; Nicturia: necessità di urinare nelle ore notturne. È presente nell 80% degli anziani uomini e donne; Poliuria: diuresi superiore a 2 litri nelle 24 ore; Oliguria: diuresi inferiore a 500 cc nelle 24 ore, evento che si ripete per più di 2 giorni; Anuria: diuresi minore di 300 cc nelle 24 ore per 2 giorni consecutivi; Stranguria: minzione dolorosa; Impellenza urinaria: incapacità a trattenere le urine all insorgenza dello stimolo; Incontinenza da sforzo: incapacità a trattenere le urine in seguito ad uno sforzo per aumento della pressione endoaddominale provocato da tosse, starnuti, sollevamento pesi. Amaurosi: cecità specialmente quella senza lesioni dell occhio come nelle malattie del nervo ottico o del cervello. Analgesico: sostanza che allevia il dolore senza provocare perdite di coscienza. Anamnesi: dati raccolti dal medico o dall infermiere al riguardo di una persona, della sua famiglia, del suo ambiente di vita e della sua esperienza, compresi quelli riguardanti sensazioni, umori e atti anormali osservati, con le date di comparsa e la durata, nonché i risultati di terapie eseguite. Anemia: riduzione al di sotto della norma del numero dei globuli rossi, della quantità di emoglobina. Aneurisma: sacco formato dalla dilatazione della parete di un arteria, di una vena o del cuore. 380

3 Terminologia Angina: dolore spasmodico, soffocante che impedisce il respiro; termine usato ora quasi esclusivamente per indicare l angina pectoris (che è un dolore toracico, dovuto a difettosa ossigenazione del cuore con sensazione di soffocamento e di morte imminente, determinato in genere da sforzi o da eccitazioni). Esiste anche l angina legata a faringite (infiammazione della gola). Anosmia: assenza del senso dell olfatto. Si verifica spesso transitoriamente durante e dopo l influenza e permanentemente in alcune persone vecchie-vecchie. Antibiotico: sostanza chimica prodotta da un microrganismo che possiede la proprietà di uccidere altri microrganismi. Il medico li usa per debellare specialmente malattie infettive, comunque le infiammazioni legate a germi in qualsiasi distretto dell organismo formatesi. Anziani: persone che hanno compiuto 65 anni. Secondo la terminologia anglosassone si parla di young old (60-64 anni), middle old (65-74 anni), old-old (oltre 75 anni). In Italia le persone con oltre 65 anni di età rappresentano oltre il 16% della popolazione. Al 31/12/97 a Livorno cittadini avevano più di 65 anni e costituivano circa il 18% della popolazione (2% superiore alla media nazionale). Alla stessa data i centenari erano 27 e di questi 15 erano ultracentenari. Su un totale di abitanti a Livorno, oltre 7000 avevano più di 80 anni. Anziani a rischio di perdere la loro autosufficienza: i soggetti più anziani (di età superiore a 75 anni); coloro che vivono soli; coloro che hanno perso il coniuge negli ultimi sei mesi; coloro che presentano difficoltà motorie; 381

4 Insieme con gli anziani coloro che presentano deterioramento mentale; coloro che sono stati dimessi recentemente dall ospedale; coloro che usufruiscono dei servizi socio-sanitari; coloro che ignorano di essere già malati; coloro che tendono a sottovalutare disturbi definiti modesti; coloro che vivono in ambienti precari (per cattiva igiene, per ubicazione, per difettoso riscaldamento, per temperatura troppo alta, per barriere architettoniche nel proprio domicilio). coloro che sono malnutriti (la ipoalimentazione riduce le difese organiche). (da Nardi-Rosati-Cavazzati modif.) Anziani in Europa: Paese Femmine Maschi Media Svezia 81,5 76,5 79,9 ITALIA 81,3 74,9 78,1 Spagna 81,6 74,5 78,0 Francia 81,9 74,0 77,9 Grecia 80,3 75,9 77,6 Olanda 80,3 74,7 77,5 Austria 80,2 73,9 77,0 Anziano misleading: termine anglosassone usato dai medici geriatri per esprimere che l anziano, nella sua espressività sintomatologica soggettiva e oggettiva, è fuorviante, ingannevole e può indurre in errore. Per la verifica dei suoi disturbi va considerato nella sua globalità, nelle sue tre dimensioni: biologica, psicologica e sociale. Aritmia: qualsiasi variazione del ritmo del battito cardiaco. Assessment: (valutazione geriatrica multidimensionale). Ricerca gli anziani a rischio e ne quantifica le capacità fisiche, psichiche, sociali e funzionali.in seguito a tale valutazione è possibile formulare da parte del gruppo costituito (medico generico, assistente sociale, 382

5 Terminologia infermiere professionale, specialista geriatra) un piano completo di terapie nel tempo, con assistenza continua in varie sedi espletate, a domicilio, in ambulatorio medico, nel centro diurno, in case protette, nell ospedale di giorno (Hospital day), in case istituzionalizzate. Possono mettersi in atto interventi diversificati come rieducazione, sorveglianza, assistenza infermieristica, assistenza medica, assistenza di tecnici (audiologo, ottico, podologo, logopedista), assistenza medica specialistica, necessità di ausili. Assessment geriatrico: valutazione multidimensionale dell anziano. L anziano è valutato dal punto di vista fisico, psichico e sociale. Ha permesso di ottenere una riduzione della mortalità del 40%. Assicurazioni: le assicurazioni private vengono contratte dal cittadino per poter godere di una rendita che va ad integrare la pensione.le assicurazioni sociali sono quelle gestite dallo Stato grazie alle quali è garantita una rendita agli invalidi e agli anziani bisognosi. Assistenza: è il mezzo attraverso il quale lo Stato aiuta i cittadini, in particolare gli anziani, erogando prestazioni gratuite o a pagamento. La Regione Toscana ha recentemente emanato una Legge Regionale (3 ottobre 1997 n 72) con la quale stabilisce il riordino dei servizi socio-assistenziali e socio sanitari integrati. Questa Legge disciplina la programmazione e l organizzazione degli interventi e le modalità per il loro coordinamento. Assistenza domiciliare: esiste una assistenza domiciliare generica gestita dal Comune ed una Assistenza Domiciliare Integrata (ADI). Quest ultima è un servizio socio-sanitario gestito dalla ASL, volto ad assistere malati gravi non autosufficienti e comprende prestazioni del medico di famiglia, di specialisti e di infermieri professionali espletate a pazienti non degenti in ospedale (sono praticate terapie intramuscolari, fleboclisi, medicazioni di ferite, lavaggi e sostituzioni di cateteri, ecc.) 383

6 Insieme con gli anziani Assistenza geriatrica: è l assistenza rivolta all anziano che deve essere continuativa (senza alcuna interruzione nel corso dell evento), globale (preventiva, curativa e riabilitativa), integrata (socio-sanitaria, con rete integrata di servizi), interdisciplinare e multidimensionale (con la collaborazione dei medici geriatri ed esperti tecnici). Deve essere tenuta presente la rivalutazione del caso per conoscere se la qualità e l entità degli interventi espletati siano stati idonei. Principi fondamentali dell assistenza sono per l anziano: - mantenerlo nell ambiente; - salvaguardare la sua autosufficienza; - prevenire il ricovero in Istituto; - sviluppare programmi sul versante del sociale; - attivare interventi di cura e riabilitazione; - favorire il suo rientro nell ambiente di provenienza qualora fosse costretto a ricoverarsi: - favorire l aggregazione sociale e il volontariato; - mantenere il vecchio ancor giovane, impedendo che diventi vecchio-vecchio; - conservargli una buona qualità di vita. Assistenza programmata: modalità di assistenza stabilita dal medico di famiglia il quale, per condizioni di non autosufficienza dell anziano, dispone periodicamente proprie visite mediche col consenso della ASL (Azienda Sanitaria Locale). Assistenza tutelare: aiuto prestato alle persone per mangiare, vestirsi, spogliarsi, alzarsi, coricarsi, per fare il bagno. Ausilio (per il disabile): è uno strumento che serve a una qualunque persona, disabile e non, per essere più autonoma o per svolgere in modo più semplice le attività della vita quotidiana, che altrimenti non potrebbero essere compiute e anche per farlo in modo più sicuro, veloce, più accettabile psicologicamente. 384

7 Terminologia 1) Posate, piatti, bicchieri studiati per i diversi tipi e gradi di disabilità possono facilitare l attività del mangiare e del bere. 2) Tipi di ausili per facilitare l attività di cucina: svita-tappi per bottiglie, barattoli antisdrucciolo. 3) Spazzole con prolunga per agevolare l igiene del dorso. 4) Spazzole con ventosa utili per ridurre le difficoltà degli anziani emiplegici. 5) Pettine con manico allungato ed ingrandito per ovviare al deficit di prensione e al deficit di escursione articolare del cingolo scapolo omerale. 6) Tagliaunghie con prolunga. 7) Infila-bottoni per ovviare alla perdita di destrezza delle mani, diversi tipi di infila-calze, utili per gli anziani con rigidità dell anca e che non possono piegare la schiena. Calza-scarpe con prolunga. 8) Maniglie per potersi afferrare, vicino alla vasca, doccia e sanitari. 9) Supporto per le carte da gioco, leggìo per il giornale, voltapagine manuale con gomma e ventose, portapenna scorrevole su cui inserire qualsiasi tipo di penna..autogestione in casa: può essere compromessa per: - riduzione della mobilità in casa e fuori; - igiene personale difficile ad eseguire; - igiene della casa impossibile a praticare; - difficoltà a prepararsi il cibo; - incapacità ad assumere farmaci. Allorchè sono presenti queste condizioni è d obbligo richiedere un aiuto domestico o ricorrere ad una RSA. Rimossi questi fattori, si può accrescere la qualità di vita. Autosufficienza: è la condizione indispensabile per l autonomia dell anziano. In Italia gli anziani al di sotto dei 70 anni sono per lo più completamente autosufficienti, mentre oltre gli 80 anni di età la autosufficienza difficilmente è completa. 385

8 Insieme con gli anziani La delibera 2/7/91 n 214 della Regione Toscana ha stabilito criteri scientificamente corretti per la valutazione delle condizioni di non autosufficienza dell anziano, dando al riguardo direttive alle ASL per gli interventi a favore dei non autosufficienti. Si richiede che il medico curante compili una scheda di valutazione con i dati anamnestici del paziente, la patologia attuale, la terapia in atto e riporti sulla stessa un giudizio sullo stato nutrizionale, la capacità visiva e uditiva, la mobilità, le eventuali incontinenze. Esistono poi ulteriori test per valutare le attività della vita di tutti i giorni (bere, pettinarsi, radersi, vestirsi, accendere e spengere un interruttore, apporre la propria firma, allacciarsi le scarpe) e prove più specifiche per valutare la capacità nelle attività strumentali quotidiane (uso del telefono, possibilità di fare acquisti, spostarsi con mezzi pubblici, saper assumere regolarmente i farmaci, maneggiare il denaro). Sono utilizzati anche test per una rapida valutazione dello stato mentale consistenti in domande sulla data di nascita, età, piccole operazioni di aritmetica, quesiti sul nome del Presidente della Repubblica, ecc. I suddetti test, uniti ad un esame della situazione economica, familiare ed abitativa, permettono di formulare un giudizio preciso sulla non autosufficienza e consentono di programmare interventi di tipo assistenziale verso il cittadino. B Barriere architettoniche: impedimenti che ostacolano la capacità a muoversi di persone disagiate a camminare. Brain training: è l allenamento del cervello. Si propone per evitare le carenze mnemoniche e ha lo scopo di sviluppare e rinforzare meccanismi utili alla memorizzazione e all apprendimento. 386

9 Terminologia C Caduta dell anziano: evento purtroppo molto frequente e spesso con gravi conseguenze. Per la prevenzione è necessario un attento studio sulle cause di caduta (vedi capitolo a parte). Callosità: tumefazione dura, dolorosa sulle articolazioni interfalangee del piede, talvolta sulla pianta, causata dalla compressione della pelle costretta fra una calzatura stretta e l osso sottostante: è formata da un ispessimento dello strato corneo della pelle. Carta dei doveri umani: è dovere di ogni persona: 1) Rispettare la dignità umana e riconoscere ed accettare diversità etniche, culturali e religiose; 2) Combattere ogni forma di discriminazione razziale, non accettare la discriminazione delle donne né l oppressione e lo sfruttamento dei minori; 3) Operare a favore degli anzini e dei disabili al fine di migliorare la loro qualità di vita; 4) Rispettare la vita umana e condannare ogni forma di mercato degli esseri umani viventi e di loro parti; 5) Appoggiare tutti coloro che si sforzano di aiutare chi soffre per fame, miseria, malattie e per mancanza di lavoro; 6) Promuovere la consapevolezza della necessità di una efficace pianificazione familiare volontaria nell ambito del problema della regolazione della crescita della popolazione mondiale; 7) Appoggiare ogni tentativo inteso a distribuire secondo giustizia le risorse del pianeta; 8) Evitare ogni spreco di energia e agire affinché si riduca l impiego di combustibili di natura fossile; favorire l impiego di sorgenti non esauribili di energia, allo scopo di ridurre al minimo i danni all ambiente ed alla salute; 387

10 Insieme con gli anziani 9) Proteggere l ambiente naturale da ogni forma di inquinamento e di sfruttamento eccessivo. Favorire la tutela delle risorse naturali ed il ripristino degli ambienti degradati; 10) Rispettare e proteggere la diversità genetica degli organismi viventi e favorire il costante controllo delle applicazioni tecnologiche dei risultati della ricerca genetica; 11) Appoggiare ogni sforzo inteso a migliorare la qualità della vita nelle città e nelle zone rurali, in una lotta costante contro l inquinamento dell ambiente ed il suo impoverimento. Si eviteranno massicce migrazioni di popoli e il sovraffollamento delle città; 12) Operare per il mantenimento della pace, condannando ogni forma di guerra, terrorismo ed ogni altra forma di aggressione e sopruso. International Council of Human Duties / Casa di riposo, casa protetta, residenza protetta, residenza sanitaria assistenziale: nomi differenti attribuiti a strutture di residenza per anziani con diversi parametri di autonomia, di minore o maggiore attività assistenziale. Centro diurno: luogo nel quale vengono offerti servizi di natura tutelare ed infermieristica agli anziani con autonomia limitata, scarsamente autosufficienti, durante le ore diurne, per tutta la settimana. Centro sociale: posto di incontro di attività culturali, ricreative, sportive, per anziani autonomi, indipendenti. Cistoscopia: esame visivo diretto delle vie urinarie con un cistoscopio (strumento che si immette attraverso il meato urinario nell uretra e successivamente in vescica per osservarne eventuali alterazioni). 388

11 Terminologia Claudicatio intermittens=claudicazione (zoppicamento) intermittente: caratterizzata da assenza di dolore o di fastidio ad un arto in condizioni di riposo ma da una insorgenza di dolore improvviso durante il cammino. Si osserva in genere nelle malattie occlusive delle arterie degli arti. Comorbilità: (polipatologia) insieme di più malattie nella stessa persona. Comunicazioni extraverbali: l anziano, come qualsiasi altro paziente, comunica con il medico con l espressione del volto, con i gesti, attraverso l abbigliamento, il suo comportamento, etc. I familiari e il medico devono attentamente osservare eventuali modificazioni che possono essere di aiuto per identificare disturbi anche di rilievo. Comunicazione con l anziano non autosufficiente: esistono valide linee guida per comunicare e dare un senso al pensiero dell anziano (vedi capitolo a parte). Consenso informato: è il consenso da parte del paziente o di un suo tutore in caso di incapacità ad intendere del paziente, ad un trattamento medico. I sanitari debbono spiegare al paziente la malattia, il suo stato di gravità, il tipo di terapia da intraprendere, le eventuali alternative terapeutiche, la possibile evoluzione della malattia senza terapia, lo scopo e gli effetti della terapia, compresi gli effetti indesiderati e gli eventuali rischi ad essi collegati. Il paziente deve essere informato dal proprio medico o dai sanitari che lo hanno in cura se ricoverato, con tutte le notizie necessarie in modo chiaro e facilmente comprensibile per consentirgli una scelta. Queste stesse regole valgono anche per le sperimentazioni cliniche con farmaci non ancora in commercio. 389

12 Insieme con gli anziani Convulsione: violenta contrazione o una serie di contrazioni involontarie dei muscoli. Convulsione clonica = convulsione caratterizzata da contrazioni e rilasciamento dei muscoli. Contrazione Tonica = contrazione prolungata dei muscoli come risultato di un attacco epilettico. Coma = stato di profondo sopore accompagnato da perdita di coscienza. Convenzione sui diritti dell uomo e la Biomedicina: approvata dal Consiglio d Europa il 18/4/1996. L articolo 9 recita: «I desideri, precedentemente espressi, a proposito di un intervento medico, da parte del paziente, che al momento dell intervento non è in grado di esprimere la sua volontà, saranno tenuti in considerazione». Correlazioni di fattori per la conservazione dell autosufficienza: SALUTE FISICA AUTOSUFFICIENZA SALUTE MENTALE AMBIENTE QUALITA DI VITA CONDIZIONI SOCIO-ECONOMICHE Al centro dell attenzione e degli interventi socio-sanitari l autosufficienza e la qualità della vita sono in reciproca correlazione. I fattori potenziali interagenti sono da identificare e studiare nell ambito della salute fisica e mentale e della situazione economico-ambientale. Counseling per l anziano: è una modalità di aiuto all anziano ancor giovane volta a sviluppare risorse personali perché possa assumere autonomamente e consapevolmente decisioni che riguardano problemi di salute. Per svolgere questa modalità di aiuto, l operatore (medico, paramedico, familiare istruito dal medico) deve tener presente che è necessario: 1) Persuadere ad attuare cambiamenti nello stile di vita; 2) Utilizzare la persuasione e non le minacce per evitare depressione o rifiuto; 390

13 Terminologia 3) Essere assertivi, pensare sempre in positivo e agire evidenziando fattori positivi; 4) Fare riacquistare la propria autonomia; 5) Fare riacquisire l autostima, la stima di sè stesso scomparsa per motivazioni che occorre rilevare per rimuoverle; 6) Riconoscere e trattare le paure e le limitazioni che l essere anziano comporta; 7) Garantire il diritto di sbagliare; 8) Accettare modifiche, deviazioni dalle regole; 9) Accrescere la fiducia da parte delle persone oggetto di attenzione; 10) Definire e concordare obiettivi realizzabili, chiari, accettabili: 11) Evidenziare i risultati positivi raggiunti; 12) Riscuotere fiducia in ogni occasione Se non è il familiare, istruito dal medico, a compiere tali modalità di approccio, occorre, da parte dell operatore: 1) Colloquiare con i familiari per conoscere meglio la persona; 2) Identificare un familiare, un vicino che possa essere addestrato e responsabilizzato per l assistenza. Creatività: è la capacità di originare il nuovo. Curiosità, sintesi, coraggio, fantasia, libertà sono requisiti della creatività. Consultorio per anziani: è una struttura organizzativa che promuove lo stato di salute nell anziano, attraverso le informazioni, l educazione e l istruzione. Deve altresì fornire conoscenze e mezzi per gestire la propria salute. L aforisma: «Dimmi e mi dimentico, insegnami e mi ricordo, coinvolgimi ed io imparo» deve essere tenuto presente ogniqualvolta si svolge attività. Far sì che l anziano desideri servirsi del consultorio. Criminalità e anziano: consigli utili per aiutare l anziano nella vita di tutti i giorni (vedi capitolo a parte). 391

14 Insieme con gli anziani D Demenze secondarie: sono legate a cause identificabili e spesso sono reversibili (vedi capitolo a parte). Dimissione protetta: dimissione dall Ospedale sotto vigilanza da parte della UO dalla quale l anziano è dimesso per seguire l evoluzione dell evento patologico trattato farmacologicamente o suscettibile di esami. Diritti dell anziano: Diritto a percepire una rendita adeguata (pensione) per vivere dignitosamente; Diritto all immagine e all identità personale (diritto a non essere etichettato come demente, arteriosclerotico cronico irrecuperabile; diritto ad essere considerato una persona e ad essere chiamato con il proprio nome e non con il «tu», e con gli appellativi falsamente affettivi di «zio» e «nonno»; diritto a non essere deriso se psichicamente involuto o fisicamente inabile); Diritto all assistenza gratuita e ad essere difeso da speculazioni e clientelismi derivanti dal suo stato di bisogno; Diritto alla libertà; Diritto alla privacy; Diritto alla tutela dei propri beni; Diritto al rispetto delle sue abitudini; Diritto all abbattimento delle barriere architettoniche intra ed extradomiciliari; Diritto ad essere ascoltato anche quando ha deficit di espressione; Diritto ad essere informato sui servizi sociali e terapeutici pubblici e privati e sulle procedure che si compiono sul suo corpo (medicazioni, iniezioni, procedure diagnostiche umorali, radiologiche, cliniche); Diritto a ricevere sempre una risposta ai quesiti che pone; Diritto al rispetto del proprio pudore; Diritto all aiuto, quando ne esiste la necessità, per l alimentazione, la pulizia personale e la motilità; 392

15 Terminologia Diritto a protestare; Diritto ad accedere a qualsiasi struttura ospedaliera e a qualsiasi cura senza alcuna discriminazione; Diritto a non essere maltrattato (con parole, legato al letto, ecc); Diritto a non essere abbandonato; Diritto a non essere oggetto di accanimento terapeutico; Diritto di usare i servizi igienici anche in caso di difficoltà motorie; Diritto ad essere curato nel proprio ambiente domiciliare; Diritto all assistenza tempestiva; Diritto ad essere ricoverato, quando occorre, nelle Unità di terapia intensiva come tutti gli altri pazienti; Diritto di essere informato; Diritto di apprendere; Diritto di essere considerato; Diritto di comunicare con gli altri. Dito a martello: dito flesso che talvolta si accavalla sopra le dita vicine. E Edilizia residenziale pubblica: se un anziano, per particolari circostanze, si trova senza alloggio può concorrere all assegnazione di una casa secondo un piano di edilizia residenziale pubblica. Infatti le leggi 457/78 e 179/92 stabiliscono l impiego di fondi per gli anziani ed in particolare per coloro che sono senza casa. Per poter concorrere sono necessari alcuni requisiti quali ad esempio l età dei componenti della famiglia superiore a 60 anni e l essere presente in famiglia un anziano di età superiore a 70 anni o un disabile. In base ad una graduatoria, che tiene conto anche della situazione economica e sanitaria, vengono assegnate le abitazioni disponibili. 393

16 Insieme con gli anziani Età anagrafica: è l età che ci fornisce l anagrafe. Età biologica: è l espressione di condizioni anatomiche, fisiologiche, psicologiche di ogni singolo individuo. Si può avere una età anagrafica di 70 anni, ma un età biologica di anni e viceversa. L età biologica si può quantificare, si può determinare attraverso prove semplici che il geriatra conosce secondo anche il metodo di Zucchelli e coll. Pertanto il vecchio può essere ancora giovane e il giovane già vecchio. Eterocronia dell invecchiamento: è la variabilità di invecchiamento non solo fra i vari individui ma riguarda pure la diversità di declino di vari organi di uno stesso individuo. F Famiglie di anziani: nel 1995 in Italia oltre tre milioni di famiglie erano costituite da anziani.. Spesso l anziano vive solo: le donne sole sono tre volte di più numerose degli uomini soli. In Italia molti anziani vivono con i figli o in abitazioni molto vicine a quelle dei familiari, mentre nel resto dell Europa l anziano tende a vivere da solo, molto spesso lontano dai figli. Fattori di invecchiamento: sono quelle condizioni per le quali l invecchiamento può anticiparsi (invecchiamento precoce) o posticiparsi (invecchiamento tardivo): condizioni razziali, fattori ereditari, sesso (la donna vive più dell uomo), tipo di alimentazione, professione, educazione ricevuta, malattie, fattori ambientali, scarso esercizio muscolare, immobilismo psichico, stress, fumo, alcool, abuso di farmaci, droghe, vita sedentaria, condizioni di lavoro (il minatore vive meno). 394

17 Terminologia G Geragogia: scienza che cura l educazione e la preparazione all invecchiamento (vedi capitolo a parte). Geriatria: specializzazione medica che si occupa della diagnosi, prevenzione e trattamento dei disordini e delle malattie fisiche e psichiche dell età avanzata. Gerodermia - Geroderma: distrofia della cute, come si osserva nella età avanzata. Gerodonzia: branca dell odontoiatria che si occupa del trattamento della patologia dentaria dell anziano; gerodonzia = geriatria dentaria. Geromorfismo: senilità precoce. Caratteristiche corporee dell età avanzata riscontrate nell individuo giovane. Gerontologia: studio dell invecchiamento come processo biologico, sociologico, psicologico. Gerontopia (Senopia): insorgenza di miopia causata dallo sviluppo di una cataratta in una persona con presbiopia, con la conseguenza che la persona è capace di leggere senza occhiali. Gerontoprofilassi: profilassi - prevenzione della vecchiaia. Gerotrascendenza: atteggiamento basato sul disimpegno dell anziano dalla produttività e dall efficienza lavorativa. 395

18 Insieme con gli anziani Glicemia: i valori normali del glucosio nell adulto misurati su sangue capillare sono minori di 100mg., misurati su plasma venoso minori di 110 mg. Nell anziano verosimilmente per una riduzione fisiologica della captazione del glucosio da parte dei tessuti, tali valori si accrescono di 2 mg. per ogni decade di età a partire dai 50 anni. A 51 anni la glicemia capillare è 102 mg., quella plasmatica 112 A 61 anni la glicemia capillare è 104 mg., quella plasmatica 114 A 71 anni la glicemia capillare è 106 mg., quella plasmatica 116 A 81 anni la glicemia capillare è 108 mg., quella plasmatica 118 Quando si è incerti se un anziano è diabetico, si propone il carico glicidico (si fa assumere glucosio in 300 cc di acqua) e si determina la glicemia prima, dopo 1 ora e 2ore. Se alla seconda ora è superiore a 200 mg,, il paziente è diabetico. Tale valore deve essere accresciuto di 10 mg., per ogni decade di età sopra i 50 anni. Allorchè si procede con la terapia insulinica o con ipoglicemizzanti per via orale sono accettati questi valori: glicemia mg. a digiuno e maggiore di 200 mg. dopo i pasti. Ciò al fine di non facilitare l insorgenza di ipoglicemia, di riduzione del glucosio, che potrebbe determinare nell anziano ischemia o iperaggregazione piastrinica certamente dannosa all emodinamica. Si può così concludere che per la correzione dei valori glicemici nell anziano occorre essere meno severi. E l anziano a sua volta non dovrà pretendere dal medico che la glicemia debba essere vicino ai valori normali che certamente potrebbero anche ridursi significativamente con pericolo per la sua salute. Quindi occorre prudenza da parte del medico curante e da parte dell anziano che sempre di più usa il reflettometro per l automisurazione del glucosio nel sangue. 396

19 Terminologia H Handicap delle persone anziane: Immobilità; Incapacità a raggiungere negozi, chiese, bar, centri sociali, ambulatori ecc.; Incapacità a vestirsi e a svestirsi in maniera autonoma; Incapacità a raggiungere in tempo il bagno da soli; Incapacità a prepararsi i cibi; Incapacità a svolgere piccoli lavori manuali; Incapacità a salire le scale per anziani che abitano ai piani superiori. Tutto quello che l anziano considera e vive come «handicap». Hospital Day geriatrico: struttura ospedaliera ove l anziano può effettuare terapie, rieducazione e indagini cliniche programmate, senza necessità di ricovero. Hospice Sanitario: accordo tra ASL e Case di cura (a Livorno, la Casa di cura Villa Tirrena) per il ricovero di pazienti provenienti dall Ospedale, temporaneamente non autosufficienti con patologie non curabili a domicilio o in stato terminale. I Immobilizzazione prolungata a letto: l anziano, anche quando è malato, non deve decombere in posizione supina ma deve alzarsi, tenendo presente l aforisma «il letto alletta». Meglio la posizione in una poltrona o su una sedia fornita di «braccioli». Tutto questo si deve fare per impedire la insorgenza di: 397

20 Insieme con gli anziani - broncopolmonite; - piaghe da decubito; - incontinenza urinaria; - artropatie; - ipotrofia muscolare (riduzione di volume delle masse muscolari); - osteoporosi; - stitichezza, fecaloma (ammasso di feci nel retto), incontinenza fecale; - calcolosi renale; - instabilità vasomotoria con pressione arteriosa labile specialmente con i cambiamenti di posizione - confusione mentale; - T. Flebite agli arti inferiori e a livello pelvico; - T. Embolia polmonare. Inabilità: situazione di impossibilità a svolgere attività lavorative per causa di infermità e difetti fisici e mentali. Inps: Istituto Nazionale di Previdenza Sociale. È il maggior ente pensionistico in Italia ed eroga pensioni di vecchiaia, invalidità, anzianità e pensioni sociali. Invalidità: situazione per la quale un soggetto ha ridotte le sue capacità di lavoro a meno di un terzo, per malattia fisica o psichica. Ipocondria: l ipocondria è la preoccupazione patologica per il proprio corpo. La solitudine e l emarginazione possono accrescere la sensibilità a sensazioni e stimolazioni di origine interna piuttosto che esterna. Si riducono nell anziano interessi e attrazioni per avvenimenti quotidiani che avvengono intorno a lui per cui «malattia e dolori» possono ricevere una maggiore attenzione soggettiva ed 398

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento INFERMIERISTICA CLINICA IN AREE SPECIALISTICHE - INTEGRATIVO INFERMIERISTICA IN AREA GERIATRICA A. A. 2009/2010 Dott. ssa Margherita Andrigo Portogruaro APPROCCIO RIABILITATIVO problemi correlati al movimento

Dettagli

LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE. Informazioni anagrafiche

LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE. Informazioni anagrafiche LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE Informazioni anagrafiche me Cognome Nato a il / / Residente a via/piazza n Anamnesi patologica remota oltre

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

SCHEDA DI INSERIMENTO

SCHEDA DI INSERIMENTO Dipartimento Sviluppo e Sussidiarietà A.S.S.I. Servizio Controllo del stema Socio-sanitario U.O. Accreditamento, Qualità e Appropriatezza del Servizi SCHEDA DI INSERIMENTO CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE

Dettagli

Comune di Bardolino Provincia di Verona

Comune di Bardolino Provincia di Verona Comune di Bardolino Provincia di Verona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.22 del 17/04/2003 1 ART. 1 FINALITA Il Servizio di Assistenza

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27 B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Articolo 1 Finalità della legge In attuazione dei principi e delle

Dettagli

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

A.I.P.D.A. Sanitas S.r.l. Prestazioni Infermieristiche e Servizi Socio Sanitari

A.I.P.D.A. Sanitas S.r.l. Prestazioni Infermieristiche e Servizi Socio Sanitari La Aipda Sanitas è lieta di proporre alla SIULP della POLIZIA di STATO di Roma e Provincia una CONVENZIONE nel settore sanitario per tutti i suoi dipendenti e familiari, con l ausilio di personale medico

Dettagli

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE Pagina 1 di 3 DIAGNOSI INFERMIERISTICHE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE ANSIA CORRELATA A MINACCIA ALL INTEGRITA BIOLOGICA DOVUTA A TRAUMA DA CADUTA E DOLORE (che si manifesta con aumento della F.C., PAOS, sudorazione,

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 443 del 11/12/1989. Art. 1 Oggetto del servizio Il presente Regolamento

Dettagli

I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute.

I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute. I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute. Frequentemente siamo costretti ad affidare i nostri cari

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre).

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre). Quando si diventa anziani? Quando la carriera lavorativa termina e ci si ritira dalla vita attiva. Il pensionamento, quindi, è convenzionalmente l inizio dell età anziana. L età anziana si distingue in

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana. Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA

ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana. Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA In Italia, a differenza degli altri Paesi, il 75/60% delle cure degli anziani

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera della Giunta Comunale n. 51 del 25/05/2002 INDICE Art. 1 - oggetto pag. 2 Art. 2 - finalità

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata)

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Università degli Studi di Foggia C.di L. nella Professione Sanitaria di INFERMIERE ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Dott. Cristiano Capurso Definizione L'Assistenza Domiciliare Integrata è una forma

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza ESSERE AIUTA

Dettagli

Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno

Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno Università di Pisa Corso di Laurea in Infermieristica Presidente Francesco Giunta Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno 1 semestre Prestazioni Atti tecnici Obiettivi 1 Presa visione della -lettura degli

Dettagli

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG)

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG) Cognome me Nata/o a prov. il Residente a prov. c.a.p. via n. Anamnesi patologica remota Anamnesi patologica prossima Barthel Index [A] [B] [C] [A] dipende [B] con aiuto o saltuariamente [C] indipendente

Dettagli

53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29-11-2008

53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29-11-2008 53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29--28 Linee guida T.O. C Cotroneo T.O. M. Quadrana, T.O. D. russo

Dettagli

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore Informazioni per i pazienti Breve introduzione generale Sala di risveglio centrale Nel laboratorio di ricerca La clinica universitaria di anestesiologia

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA NOTA DI ACCOGLIENZA Gentile Signora, Gentile Signore, con la presente Le vogliamo fornire una Guida che Le sia di aiuto per orientarsi e conoscere la Struttura Sanitaria alla

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

MODULO CENTRO DIURNO INTEGRATO ALZHEIMER OSPITALITÀ. Il/la sig. Nato/a prov. il. Residente a Prov. cap. Via. ASL di appartenenza cod.

MODULO CENTRO DIURNO INTEGRATO ALZHEIMER OSPITALITÀ. Il/la sig. Nato/a prov. il. Residente a Prov. cap. Via. ASL di appartenenza cod. Pagina 1 / 8 ALZHEIMER DOMANDA DI OSPITALITA Il/la sig. Nato/a prov. il Residente a Prov. cap. Via ASL di appartenenza cod. fiscale Cod. tessera sanitaria Coniugato vedovo Con/di n. figli: maschi femmine

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO

LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO ARGOMENTI DELLA LEZIONE IL RUOLO GIURIDICO DEL VOLONTARIO NEL SOCCORSO SANITARIO LE CAUSE DI NON PUNIBILITA (LO STATO DI NECESSITA E IL T.S.O.)

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE IX Legislatura Proposta di legge "Interventi regionali in favore di soggetti affetti da malattia di Alzheimer e sindromi dementigene ad essa correlate" Proponente Michelangelo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 118 - SCHEDA N.1 CHE COS È IL NUMERO 1-1-8 1-1-8 è il numero telefonico, unico su tutto il territorio nazionale, di riferimento per tutti i casi di richiesta di soccorso sanitario in una situazione di

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte Il Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione dell ASL 9: una rete di servizi ospedaliera, territoriale e domiciliare per l utente con necessità di riabilitazione e assistenza L intervento riabilitativo

Dettagli

n. 120 posti letto suddivisi in 6 nuclei da 20 ospiti. Ogni nucleo è composto da: 6 cam. Singole 5 cam. doppie ed 1 cam. quadrupla

n. 120 posti letto suddivisi in 6 nuclei da 20 ospiti. Ogni nucleo è composto da: 6 cam. Singole 5 cam. doppie ed 1 cam. quadrupla R. S. A. S A N G I U S E P P E (RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE) Via delle Ande n. 11 20151 Milano (MI) Tel. 02/33400809 02/38008727 Fax 02/33404144 E-mail : rsa.sangiuseppe@hsr.it S C H E D A I N F

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.)

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Dipartimento Materno Infantile Struttura Operativa Complessa di OSTETRICIA E GINECOLOGIA CARTA

Dettagli

Indirizzato a: INDICATORI DELLE CONDIZIONI PERSONALI DEL RICHIEDENTE IL PROGETTO

Indirizzato a: INDICATORI DELLE CONDIZIONI PERSONALI DEL RICHIEDENTE IL PROGETTO MODULO DI DOMANDA PER LA PROGETTUALITA : Intervento per la Vita Indipendente annualità 2010 Indirizzato a: INDICATORI DELLE CONDIZIONI PERSONALI DEL RICHIEDENTE IL PROGETTO Il sottoscritto Nome Cognome

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE.

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE. DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente disegno di legge nasce dalla triste

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

EDUCAZIONE SANITARIA...

EDUCAZIONE SANITARIA... EDUCAZIONE SANITARIA... Satta Hai Anna Siamo negli anni 20, l inizio dell era insulinica: prende forma l idea che il diabetico debba essere adeguatamente istruito e motivato (cioè educato). Questa nuova

Dettagli

revenzione Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale

revenzione Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale revenzione ICTUS La Fibrillazione atriale Conoscerla, riconoscerla e curarla per prevenire l ICTUS Società Italiana Di Medicina Generale L ICTUS Un ICTUS per il cervello equivale ad un infarto per il cuore:

Dettagli

Corso La complessità in geriatria

Corso La complessità in geriatria Corso La complessità in geriatria Argomento La complessità dell assistenza domiciliare Materiale didattico Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI 11 marzo 2011 Dalle cure domiciliari

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

I MIEI ASSISTITI E LA SEDENTARIETÀ. Marco Cambielli

I MIEI ASSISTITI E LA SEDENTARIETÀ. Marco Cambielli I MIEI ASSISTITI E LA SEDENTARIETÀ Marco Cambielli Un medico di famiglia della nostra Regione con 1500 assistiti ha in carico Circa 300 pazienti con s. metabolica ( ATP III)( con lieve prevalenza maschile)

Dettagli

COMUNE DI INARZO. Provincia di Varese REGOLAMENTO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI INARZO. Provincia di Varese REGOLAMENTO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI INARZO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Il Comune di Inarzo istituisce per i residenti il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) agli anziani

Dettagli

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate CISTITE A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è la CISTITE? La cistite è la più comune e frequente malattia delle vie urinarie e può colpire

Dettagli

REGOLAMENTO PER I SERVIZI DOMICILIARI

REGOLAMENTO PER I SERVIZI DOMICILIARI REGOLAMENTO PER I SERVIZI DOMICILIARI Art.1 OGGETTO Il Servizio oggetto del presente Regolamento prevede lo svolgimento di attività di carattere domiciliare commissionate dalle Amministrazioni Comunali.

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE Ospedale di Chiavari DOVE SIAMO Presso l Ospedale di Chiavari, SECONDO, TERZO e QUARTO piano, corpo centrale. La Residenza Sanitaria Assistenziale è un presidio sanitario

Dettagli

La Regione Toscana contro il dolore. Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino

La Regione Toscana contro il dolore. Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino La Regione Toscana contro il dolore Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino Indice Insieme per curare il dolore inutile Misurare il dolore Controllare il dolore La morfina non è una

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

OGGETTO: DOMANDA PER ASSEGNAZIONE ALLOGGIO PRESSO STRUTTURA ASSISTITA. Cognome. Nome. residente a CHIEDE

OGGETTO: DOMANDA PER ASSEGNAZIONE ALLOGGIO PRESSO STRUTTURA ASSISTITA. Cognome. Nome. residente a CHIEDE Spett.le Amministrazione del Centro Servizi Socio Sanitari e Residenziali Malé Via 4 Novembre, 4/A 38027 MALE (TN) OGGETTO: DOMANDA PER ASSEGNAZIONE ALLOGGIO PRESSO STRUTTURA ASSISTITA Il/la sottoscritto/a

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

Incontinenza urinaria nella donna

Incontinenza urinaria nella donna Focus on Incontinenza urinaria nella donna Ritrovare la serenità superando i pregiudizi Bios International Holding La capillare rete di strutture di Bios International opera da anni nel campo della diagnostica

Dettagli

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Contributo non condizionato: Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Giovedì 5 marzo 2015 presso HOTEL EUROPA Best Western Lungomare Zara, 57, 64021 Giulianova TE L incontro inizierà alle 20.30.

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE

COMUNE DI CASALGRANDE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA Cap 42013 Piazza Martiri della Libertà, 1 tel: 0522 998511 fax: 0522 841039 Cod. fisc. e P. IVA 00284720356 Regolamento distrettuale determinante i

Dettagli

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila 1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D12 Adrano Biancavilla S.M. Licodia ASP 3 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Art. 1

Dettagli

Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore

Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore Management del dolore post operatorio in Chirurgia Generale e Specialistica Siena 22 24 novembre 2010 Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore A. Annesanti Istituto Italiano di Bioetica

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIRITTI E DOVERI DEL CITTADINO UTENTE SANO E MALATO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 14

REGOLAMENTO DEI DIRITTI E DOVERI DEL CITTADINO UTENTE SANO E MALATO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 14 REGOLAMENTO DEI DIRITTI E DOVERI DEL CITTADINO UTENTE SANO E MALATO DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 14,1752'8=,21( ),1$/,7$ '(/5(*2/$0(172 Il presente regolamento ha la finalità di richiamare le norme generali

Dettagli

DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA PER I DIPENDENTI ISCRITTI AL FASIF (LONG TERM CARE)

DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA PER I DIPENDENTI ISCRITTI AL FASIF (LONG TERM CARE) DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA PER I DIPENDENTI ISCRITTI AL FASIF (LONG TERM CARE) da inviare a mezzo lettera raccomandata con ricevuta di ritorno a FASIF Casella Postale 107

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 MODIFICATO CON D.C.C. N. 265 DEL 07/11/2002 Natura, destinatari e finalità del servizio Il Centro Diurno

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 16 febbraio 2006 INDICE: Art. 1 Finalità del servizio Art. 2 Destinatari del servizio

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato dal responsabile del presidio residenziale,

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE ASSISTENZA A DOMICILIO DI SOGGETTI DESTINATARI DEL VOUCHER SOCIALE COMUNE DI SCHEDA PRESA IN CARICO PROGETTO DI ASSISTENZA INDIVIDUALIZZATO di Dati personali: Nome Cognome Nato a il Residente a via ISEE

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli