Programma dettagliato del Corso (1) Microelettronica. Programma dettagliato del Corso (2) Info. Anno Accademico 2004/2005 Massimo Barbaro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma dettagliato del Corso (1) Microelettronica. Programma dettagliato del Corso (2) Info. Anno Accademico 2004/2005 Massimo Barbaro"

Transcript

1 Programma dettagliato del Corso (1) Microelettronica Anno Accademico 2004/2005 Massimo Barbaro Università di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Laboratorio di Elettronica (EOLAB) Circuiti Integrati Processo CMOS - Concetto di layout - Design Rules - Flusso di progetto full-custom - Tecniche di layout analogico - Modelli MOS e simulazione SPICE Progettazione Analogica Microelettronica Blocchi base (specchi di corrente, amplificatori a singolo stadio, coppia differenziale) e problematiche di integrazione - Problema del mismatch Circuiti Avanzati Specchi di corrente avanzati (folded-cascode, wide-swing, enhanced output impedance). Amplificatore operazionale a due stadi. Amplificatore operazionale folded-cascode e a specchi di corrente Amplificatore fully-differential 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 2 Programma dettagliato del Corso (2) Circuiti per l Elaborazione del Segnale Comparatori - Interruttori (clock feedthrough, iniezione di carica) - Sample&Hold - Circuiti a capacità commutate Filtri a tempo continuo Convertitori Digitale-Analogico Concetti base - Metriche - Convertitori Decoder-based - Convertitori Binary-scaled - Convertitori a codice termometrico - Implementazione Convertitori Analogico-Digitale Concetti base - Metriche - Convertitori Flash - Convertitori Algoritmici - Convertitori ad Approssimazioni Successive - Convertitore folded e pipeline - Convertitori Sigma-Delta - Implementazione Info Ore di lezione: 50 ( ) Libri di testo: Dispense Behzad Razavi - Design of analog Integrated Circuits" McGraw-Hill ISBN D.A. Johns, K. Martin - "Analog Integrated Circuit Design - Wiley & Sons - ISBN Behzad Razavi - "Principles of Data Conversion System Design" - Wiley & Sons - ISBN Struttura dell esame: scritto e tesina Sito del corso: Mailing List: lists.unica.it/mailman/listinfo/ue 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 3 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 4

2 Strumenti di studio Simulatori: Spice: software per la simulazione dei circuiti a livello transistor Un simulatore spice gratuito è disponibile in rete all indirizzo (spice3f4) CAD: Microwind: layout editor di circuiti integrati CMOS (http://intrage.insa-tlse.fr/~etienne/microwind/) Entrambi i software sono comunque a disposizione in un CD che può essere richiesto in portineria del Padiglione B Prerequisiti Culturali Dispositivi Elettronici 1: Equazioni caratteristiche del transistor MOS, processo CMOS Elettronica 1: Stadi amplificatori a singolo stadio (CS, CG, CD), amplificatori Analisi dei Sistemi: Diagrammi di Bode, compensazione 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 5 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 6 Obiettivi Conoscere le metodologie per la progettazione di circuiti integrati full-custom. Conoscere le architetture per l implementazione dei convertitori analogico/digitale e digitale/analogico. Sapere impostare il progetto e la simulazione di sistema di un blocco analogico full-custom complesso. Sapere implementare i blocchi base necessari per la realizzazione di ADC e DAC. Essere in grado di percorrere tutto il flusso di progetto analogico, dalla concezione del sistema alla simulazione dei blocchi e realizzazione del layout. Comprendere approfonditamente le problematiche legate alla realizzazione circuitale di blocchi ideali. Struttura del Corso Si partirà da un discorso introduttivo con richiami al processo CMOS per inquadrare le problematiche di integrazione Si passerà poi alla descrizione del flusso di progetto fullcustom, per individuare le attività principali in cui è coinvolto un team di progettazione Si vedranno come applicazione di esempio i convertitori (DAC e ADC) a livello di sistema (schemi a blocchi ed algoritmi) Si prenderanno in esami i vari blocchi operativi necessari per implementare i convertitori Si metteranno insieme i blocchi elementari per implementare un sistema completo, dalla concezione, al progetto circuitale, al layout 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 7 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 8

3 Processo CMOS In questo corso si tratteranno, prevalentemente, circuiti realizzati in processo CMOS (complementary MOS). Processo CMOS Lucidi del Corso di Microelettronica Modulo 1 Università di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Laboratorio di Elettronica (EOLAB) Questo perché la tecnologia CMOS è, attualmente, la più economica e diffusa, visto che copre la stragrande maggioranza dei progetti digitali e gran parte di quelli analogici. Esistono ancora applicazioni (di nicchia ma importanti) in cui parti analogiche possono essere implementate con BJT (parte radio di sistemi wireless) o addirittura in tecnologia Si-Ge ma la maggior parte del mercato resta CMOS. Oltretutto, la crescente richiesta di SoC (System-on-Chip) obbliga ad implementare anche le parti analogiche nella tecnologia sceta per la parte digitale (che è sempre CMOS). 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 10 Processo CMOS Processo CMOS Il processo di fabbricazione si ripete sempre uguale per ogni circuito realizzato con un alternanza di operazioni ben precise: 1. Deposizione del photoresist 2. Posizionamento della maschera litografica ed esposizione 3. Rimozione del photoresist non polimerizzato 4. Applicazione dello specifico passo di tecnologia (diffusione, impiantazione ionica, CVD, etc.) La sequenza delle maschere litografiche utilizzate definisce il circuito realizzato. Una delle spese che più incidono sul processo è la realizzazione delle maschere (che però una volta fatte possono essere riutilizzate per realizzare altri dispositivi). Per un progettista, in particolar modo analogico, è sempre importante conoscere, almeno grossolanamente, i passi tecnologici che portano alla realizzazione fisica del dispositivo. Questo perché alcune caratteristiche dei dispositivi utilizzati (in particolar modo i MOS ma anche le resistenze e le capacità) dipendono fortemente dal processo. Quindi il comportamento reale e simulato dei circuiti può essere compreso a fondo solo conoscendo alcuni aspetti caratteristici del processo di realizzazione. Vedremo quindi un esempio semplificato di processo CMOS, in questo caso si tratta di processo CMOS con nwell (quindi su silicio di tipo p - ) che è uno dei processi più diffusi attualmente. Le problematiche in caso di processi differenti (pwell, twin-tube) sono simili e cambiano sostanzialmente solo nel caso di processi SOI (silicon on insulator). 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 12

4 Maschere di litografia Le maschere definiscono in quali zone del wafer (la fetta di silicio) verranno svolti i vari passi di tecnologia Esistono photoresist di due tipi: Negativi, ossia che si polimerizzano (e quindi NON vengono rimossi) dove vengono illuminati dall electron beam. Positivi, ossia che si polimerizzano (e quindi NON vengono rimossi) dove NON vengono illuminati dall electron beam. In questo modo una stessa maschera può essere utilizzata due volte, una volta per proteggere la zona sotto la parte opaca della maschera (col photoresist positivo) ed una per proteggere la zona al di fuori della parte opaca (photoresist negativo). Risparmiare una maschera significa rispamiare una parte consistente della spesa per la realizzazione del dispositivo. Esempio: processo CMOS Come esempio vedremo i vari passi di processo per una tecnologia CMOS, In un processo CMOS si realizzano sia transistor di tipo N che di tipo P Il substrato, per un processo, è di tipo P quindi i transistor nativi (quelli realizzati direttamente sul substrato) sono di tipo N Per realizzare i transistor complementari (i pmos) bisogna prima invertire il substrato realizzando la tasca N () 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 14 Creazione della well Sequenza operazioni La prima operazione consiste nella realizzazione della well dove verranno alloggiati i transistor PMOS. Possono essere create diverse well in cui posizionare gruppi di transistor. Ogni well, teoricamente, può essere polarizzata con un diverso potenziale, quindi, in linea di principio, è possibile cortocircuitare i source di ogni PMOS con il body (a patto di mettere ogni PMOS in una well separata) Il substrato di TUTTI gli NMOS invece è comune, quindi obbligatoriamente ogni NMOS ha il terminale di body cortocircuitato con quello di qualunque altro NMOS sul chip. p-si 1) Si parte dal substrato di silicio (perfettamente cristallino) tipicamente già drogato (ad esempio p) 2) Si fa crescere l ossido di isolamento (SiO 2 ) 3) Si deposita il photoresist su tutto l ossido 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 16

5 Sequenza operazioni Sequenza operazioni 4) Sopra il wafer viene posizionata la maschera M1 opportunamente disegnata. Dove la maschera è trasparente passa la luce UV ed arriva sul photoresist che si polimerizza 6) Si rimuove l ossido (per attacco chimico) nella zona non protetta dal photoresist 7) A questo punto si procede alla creazione vera e propria della well per mezzo di diffusione di ioni droganti 5) Rimossa la maschera si procede ad un attacco chimico che rimuove il photoresist non polimerizzato 8) Con la rimozione del photoresist si termina il passo tecnologico e si procede col successivo 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 18 Maschera M1 (nwell) Definizione delle aree attive Il disegno della maschera è evidentemente a due dimensioni. Tipicamente si tratta di una figura delimitati da lati orizzontali, verticali o orientati a 45. Col solito meccanismo delle maschere vengono definite le zone attive ossia quelle dove saranno realizzati dei MOS. Per fare questo si fa crescere ossido di protezione e poi si deposita nitruro di silicio (Si 3 N 4 ) su tutto il wafer. Per mezzo di una seconda maschera M2 si rimuove il nitruro dal wafer tranne che dalle zone attive M1 Si 3 N 4 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 20

6 Field-Implants ed Ossido di Campo A questo punto si realizza l ossido di campo, ossia l ossido spesso di isolamento che serve ad isolare un dispositivo dall altro. Al di sotto dell ossido di campo ci sono i field-implants, impiantazioni ioniche di droganti che rendono le zone al di sotto dell ossido di campo molto drogate in modo da prevenire eventuali inversioni a causa di potenziali applicati su metalli che passano sopra (effetto MOS indesiderato). L ossido cresce dove non c è la protezione del nitruro. n+ Field-implants 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 21 p+ Field-Implants Per realizzare i field-implant non è necessaria una nuova maschera, si può riusare la M1 sia con photoresist positivo che negativo (per realizzare i field-implants di tipo N e P). metallo p+ source del MOS M1 source del MOS M2 La presenza di una zona fortemente drogata P e di un ossido molto spesso (field-oxide) impedisce che si possa formare un canale indesiderato al di sotto di una pista di metallo polarizzata ad un potenziale positivo che passi nelle vicinanze di diffusioni di tipo n+. L ossido spesso ed il substrato molto ricco di lacune rendono infatti molto difficile l inversione del canale (tensione di soglia molto elevata). potenziale MOS indesiderato 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 22 Ossido di gate A questo punto viene rimosso tutto il nitruro e l ossido in eccesso e viene fatto crescere un ossido molto sottile (10-30 nm) e di elevata qualità su tutto il wafer. Direttamente attraverso l ossido di gate viene fatta un impiantazione ionica per aggiustare la tensione di soglia dei transistor (e fare in modo che quella dei P e degli N sia uguale) M2 Maschera M2 (active) Ossido di gate Threshold adjust Si 3 N 4 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 24

7 Realizzazione del gate di polisilicio Maschera M3 (poly) Il passo successivo è la realizzazione del gate di polisilicio. Il polisilicio viene deposto su tutto il wafer, poi viene realizzata una nuova maschera (M3) che proteggerà il poly nelle zona dove dovranno esserci i transistor. M3 Polisilicio Resist 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 26 Realizzazione delle diffusioni p+ Il passo successivo è la impiantazione ionica per realizzare le diffusioni (di drain e source). Viene utilizzata una nuova maschera (M4) da usare sia con photoresist positivo che negativo per distinguere dove l impiantazione sarà di tipo p+ e dove n+. Il polisilicio già deposto farà da maschera per separare drain da source, che vengono realizzati con un unico passo, in tal modo il processo è autoallineato e si riduce al minimo la sovrapposizione fra gate e source o drain Realizzazione diffusioni n+ Per realizzare le diffusioni n+ non è necessaria una nuova maschera ma si può riutilizzare la maschera M4 con un photoresist di tipo opposto (negativo anzi che positivo). Da notare che le due maschere fondamentali finora sono la M3 (che definisce i gate) e la M2 (che definisce le zone attive). Le intersezioni fra M2 e M3 individuano le zone dove ci saranno dei MOS (che saranno poi di tipo n o p a seconda delle maschere M1 e M4). Alcune fonderie richiedono tutte e tre le maschere (active, nplus e pplus), altre ricavano la nplus dalla pplus, altre ancora ricavano la active dalla nplus e pplus. Sacche p+ Sacche n+ 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 28

8 Maschera M4 (pplus) Maschera M4b (nplus) M4 M4b Zone di sacche p+ 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 30 Realizzazione dei contatti Una nuova maschera (M5) è necessaria per definire dove devono essere aperti dei fori nell ossido di protezione per arrivare a contattare source e drain. I contatti sono ovviamente necessari per arrivare a connettere terminali di MOS situati in posizioni differenti nel chip. M5 Maschera M5 (contact) Contatti 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 32

9 Metallizzazione Maschera M6 (metal1) La maschera M6 serve per definire dove posizionare il primo livello di metal (metal1) che arrivare a contattare e diffusioni laddove sono stati aperti i fori nella passivazione nel passo precedente Il metallo è di solito alluminio ma nei processi futuri verrà probabilmente (già avviene nei processi più avanzati) dal rame, per ridurre la resistività delle piste che diventa sempre più importante nel determinare i tempi di propagazione delle porte digitali Metal 1 M6 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 34 Crescita dell ossido A questo punto viene fatto crescere altro ossido per coprire il metallo deposto. In processi più moderni ci sono dei passaggi intermedi di planarizzazione che servono a spianare la superficie esposta del wafer per fare in modo che i passaggi successivi non siano influenzati dal fatto che nel passaggio precedente la superficie è diventata troppo irregolare. Una maschera M7 sarà usata per aprire nuovi contatti (vie) in questo nuovo strato di ossido Via M7 Maschera M7 (via) 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 36

10 Seconda metallizazione Maschera M8 (metal2) Una maschera M8 descrive le nuove piste di metallo, il metal2 che si trova ad un altezza superiore al metal1 e può essere usato per fare incrociare delle piste senza creare cortocircuiti. Successivamente verrà fatto crescere altro ossido per coprire tutto il wafer. Metal 2 M8 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 38 Processo CMOS In questo caso è stato realizzato un inverter (manca la connessione fra i due gate che dovrà essere fatta ad un altra profondità se si hanno solo due livelli di metal) Contatto di well PMOS NMOS Contatto di body 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 39 Processo CMOS L aspetto più importante dei processi CMOS è l auto-allineamento (selfalignment). Come si è visto si è potuta usare una solo maschera per creare contemporaneamente sia il drain e il source di ogni transistor perché il polisilicio funge da maschera per la zona del canale. In questo modo si riduce al minimo la sovrapposizione (overlap) tra il gate e drain o source. Questa sovrapposizione è critica perché costituisce uno dei maggiori contributi alla capacità gate-drain che è quella che, in quasi tutti i circuiti di amplificazione analogici ed nei gate digitali CMOS, è soggetta ad amplificazione per effetto Miller. Per ridurre ulteriormente l overlap si preferisce usare l impiantazione ionica per la realizzazione delle zone attive (piuttosto che la diffusione), perché questa dà luogo a profili di drogaggio più netti. Prima della metallizzazione si ha una fase di annealing per ricostituire i danni causati dall impiantazione ionica e per rendere uniformi i profili di drogaggio. 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 40

11 Processo CMOS Nel nostro processo di esempio sono state utilizzate 8 maschere a cui si aggiunge l ultima (M9) usata per aprire la passivazione in corrispondenza dei pad, ossia dei punti di accesso al die (il pezzo di silicio dove è realizzato il circuito). In generale il numero di maschere è leggermente superiore (il processo è stato semplificato). I field-implants (N+ e P+) e l ossido spesso sono realizzati per ridurre la possibilità che si creino correnti di perdita (leakage currents) fra due diffusioni di tipo P e N (rispettivamente) che non dovrebbero essere circuitalmente collegate. Senza un aumento locale del drogaggio, una pista di metallo che passa sopra una zona P- del bulk e che porta una tensione molto elevata potrebbe causare (per effetto MOS) una leggera inversione locale e quindi creare zone a bassa resistenza fra due diffusioni (i drain/source di due transistor diversi). 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 41 Contatto di well PMOS Layout Contatto di gate NMOS Contatto di body L insieme di tutte le maschera (da M1 a M8) consente di capire quale circuito si è realizzato e viene detto layout. 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 42 Processo CMOS Possibili modifiche al processo base (e conseguente aumento delle maschere): Realizzazione di un processo twin-tube (esistono sia una Nwell che una Pwell) Realizzazione di un layer di polisilicio altamente resistivo (per applicazioni analogiche o per memorie) Realizzazione di un secondo layer di polisilicio per l implementazione di capacitori poly1-poly2 Maschere aggiuntive per aggiustare, con impiantazioni ioniche, separatamente le soglie dei pmos e degli nmos Aggiunta di livelli di metal (attualmente fino a 8). Ogni nuovo livello comporta la maschera per il metal e la maschera per le vie per contattare il metal sottostante. Aggiunta di transistori bipolari (non considerando quelli parassiti) per avere un processo BiCMOS. Tecnologie Commerciali I passi di processo indicati sono generali, nel senso che si riferiscono ad un processo ideale Ogni fonderia disponibile sul mercato avrà il suo processo che si differenzierà leggermente da questo ma sarà, nella sostanza, analogo Quando si sceglie una particolare tecnologia bisogna conoscere le caratteristiche di processo (L minima dei MOS, numero di metal, disponibilità di doppio poly, tensione di alimentazione) e gli strumenti di progettazione disponibili 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 44

12 Esempio: AMS 0.35µm Mixed Analog/Digital Process The 0.35µm CMOS CSD technology is a mixed mode process with three layers of metal and 2 layers of poly. The 0.35µm CMOS CSI has the optional 5V I/O libraries Operating Voltage [V] (CSD-technology): Operating Voltage [V] (CSI-technology): (I/O -5.5) General Characteristics p substrate - N-well CMOS - stacked contact,via, via2 - up to 18K gates per mm 2 Layout Rules Polysilicon pitch : 0.9µm - Metal 1 pitch : 1.0µm - Metal 2 pitch : 1.1µm - Metal 3 pitch : 1.2µm Thin Oxide Poly/Poly Capacitor Double poly capacitor - High value : 0.86 ff/µm 2 Standard Cell Libraries AMS 0.35µm Design Kit CAD Support - Design Kits Cadence Front-end (schematic entry, Verilog simulation) Back-end (Cell ensemble P&R) Technology files for full custom design DIVA check Synopsys Schematic Entry, Simulation, Synthesis and Optimisation Netlist transfer to Cadence and Mentor Mentor C.3 HIT-KIT (Available Autumn '99) Front-end (schematic entry, Quicksim simulation) AUTOLOGIC Back-end (P&R) IC rules check, IC Extract (extraction and Spice netlist generation) Technology files 24 Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro Febbraio 2005 UE - Processo CMOS Massimo Barbaro 46

Microelettronica. Programma dettagliato del Corso (1)

Microelettronica. Programma dettagliato del Corso (1) Microelettronica Anno Accademico 2006/2007 Massimo Barbaro Università di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Laboratorio di Elettronica (EOLAB) Programma dettagliato del Corso

Dettagli

Tecnologie fondamentali dei circuiti integrati:panoramica

Tecnologie fondamentali dei circuiti integrati:panoramica Tecnologie fondamentali dei circuiti integrati:panoramica Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 2 Zs. M. Kovàcs Vajna Tecnologia planare del silicio I sistemi

Dettagli

Circuiti Integrati. Anno Accademico 2012/2013 Massimo Barbaro

Circuiti Integrati. Anno Accademico 2012/2013 Massimo Barbaro Circuiti Integrati Anno Accademico 2012/2013 Massimo Barbaro Università di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Laboratorio di Elettronica (EOLAB) Informazioni sul corso Massimo

Dettagli

Consumo di Potenza nell inverter CMOS. Courtesy of Massimo Barbaro

Consumo di Potenza nell inverter CMOS. Courtesy of Massimo Barbaro Consumo di Potenza nell inverter CMOS Potenza dissipata Le componenti del consumo di potenza sono 3: Potenza statica: è quella dissipata quando l inverter ha ingresso costante, in condizioni di stabilità

Dettagli

Processo di Fabbricazione

Processo di Fabbricazione Progettazione Microelettronica Processo di Fabbricazione 1 Processo CMOS tradizionale 2 Un moderno processo CMOS gate-oxide TiSi 2 AlCu Tungsten SiO 2 n+ p-well p-epi poly n-well p+ SiO 2 p+ Processo CMOS

Dettagli

1. Progettazione e realizzazione di ASIC.

1. Progettazione e realizzazione di ASIC. Marcello Salmeri - Progettazione Automatica di Circuiti e Sistemi Elettronici Capitolo 1-1 1. Progettazione e realizzazione di ASIC. Metodologie di approccio. I fattori che il progettista deve valutare,

Dettagli

TRANSISTOR DI POTENZA

TRANSISTOR DI POTENZA TRANSISTOR DI POTENZA Caratteristiche essenziali: - bassa resistenza R on - elevata frequenza di commutazione - elevata impedenza di ingresso - stabilità termica (bassa resistenza termica) - funzionamento

Dettagli

Full Custom Layout & Design Verification. Tools Virtuoso & Diva

Full Custom Layout & Design Verification. Tools Virtuoso & Diva Full Custom Layout & Design Verification Tools Virtuoso & Diva Virtuoso Layout Editor Il tool Virtuoso serve a disegnare il layout di una cella appartenente a una libreria Cadence (cellview layout) Per

Dettagli

5 Amplificatori operazionali

5 Amplificatori operazionali 5 Amplificatori operazionali 5.1 Amplificatore operazionale: caratteristiche, ideale vs. reale - Di seguito simbolo e circuito equivalente di un amplificatore operazionale. Da notare che l amplificatore

Dettagli

Elettronica Analogica con Applicazioni

Elettronica Analogica con Applicazioni Elettronica Analogica con Applicazioni Docente: Alessandro Trifiletti CFU: 6 E mail: alessandro.trifiletti@diet.uniroma1.it 1) Presentazione del corso, cenni sulle problematiche di progetto a RF, problematiche

Dettagli

Elettronica Introduzione

Elettronica Introduzione Elettronica Introduzione Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Introduzione 4 marzo 2015 Valentino Liberali (UniMI) Elettronica

Dettagli

MANUALE per L USO di CADENCE DISEGNO del LAYOUT VIRTUOSO

MANUALE per L USO di CADENCE DISEGNO del LAYOUT VIRTUOSO MANUALE per L USO di CADENCE DISEGNO del LAYOUT VIRTUOSO CAP 1 CADENCE L obiettivo di questo capitolo è utilizzare Cadence. Per fare ciò, l ambiente di ciascun utente è stato settato in modo appropriato.

Dettagli

zoom in ANTONIO GIANNICO dalle origini ai giorni nostri

zoom in ANTONIO GIANNICO dalle origini ai giorni nostri zoom in indi ANTONIO GIANNICO dalle origini ai giorni nostri 18 Che la CMOS sia la principale tecnologia elettronica che consenta di realizzare circuiti integrati ad elevato livello di integrazione come

Dettagli

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti Guide ottiche integrate Massimo Brenci IROE-CNR Firenze Esempio di guida ottica integrata Propagazione della luce in una guida ottica integrata (vista in

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Digitali Dispositivi logici programmabili

Elettronica dei Sistemi Digitali Dispositivi logici programmabili Elettronica dei Sistemi Digitali Dispositivi logici programmabili Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 6013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

PROSPETTIVE FUTURE DELL INTEGRAZIONE OPTOELETTRONICA

PROSPETTIVE FUTURE DELL INTEGRAZIONE OPTOELETTRONICA CAPITOLO III PROSPETTIVE FUTURE DELL INTEGRAZIONE OPTOELETTRONICA III.1 Introduzione L attività scientifica sugli OEIC è iniziata nel 1979 con un grande progetto negli USA, per la realizzazione di circuiti

Dettagli

Programmazione modulare a. s. 2014-2015

Programmazione modulare a. s. 2014-2015 Programmazione modulare a. s. 201-2015 Indirizzo:Informatica Disciplina : Telecomunicazioni Classe: A B Informatica Ore settimanali previste:3 (di cui 2 di laboratorio) Libro di testo: TELECOMUNICAZIONI-Ambrosini,

Dettagli

Algebra booleana e circuiti logici. a cura di: Salvatore Orlando

Algebra booleana e circuiti logici. a cura di: Salvatore Orlando lgebra booleana e circuiti logici a cura di: Salvatore Orlando rch. Elab. - S. Orlando lgebra & Circuiti Elettronici I calcolatori operano con segnali elettrici con valori di potenziale discreti sono considerati

Dettagli

Tecnologia Planare del silicio

Tecnologia Planare del silicio Tecnologia Planare del silicio Tecnologia del silicio Perche il silicio Crescita del cristallo Preparazione del wafer La tecnologia planare Ossidazione termica Tecniche litografiche Diffusione dei droganti

Dettagli

4. Amplificatori lineari a transistors

4. Amplificatori lineari a transistors orso: Autronica (LS Veicoli Terrestri) a.a. 2005/2006 4. Transistor JT 4. Amplificatori lineari a transistors Analizziamo ora uno stadio per amplificazione dei segnali basato su transistori bipolari JT

Dettagli

Fig. 1. Cella SRAM a 4 transistori.

Fig. 1. Cella SRAM a 4 transistori. NOTE SULLE MEMORIE. Dimensionamento della cella SRAM 4T La Fig. 1 mostra lo schema di una memoria SRAM a 4 transistori (4T). L elemento di memoria è realizzato con una coppia di invertitori NMOS con carico

Dettagli

DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015

DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015 DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015 ESERCIZIO 1 (DE,DTE) Un transistore bipolare n + pn con N Abase = N Dcollettore = 10 16 cm 3, µ n = 0.09 m 2 /Vs, µ p = 0.035 m 2 /Vs, τ n = τ p = 10 6 s, S=1

Dettagli

Architettura dei Calcolatori Algebra delle reti Logiche

Architettura dei Calcolatori Algebra delle reti Logiche Architettura dei Calcolatori Algebra delle reti Logiche Ing. dell Automazione A.A. 20/2 Gabriele Cecchetti Algebra delle reti logiche Sommario: Segnali e informazione Algebra di commutazione Porta logica

Dettagli

Stadio di uscita o finale

Stadio di uscita o finale Stadio di uscita o finale È l'ultimo stadio di una cascata di stadi amplificatori e costituisce l'interfaccia con il carico quindi è generalmente un buffer con funzione di adattamento di impedenza. Considerato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA CONVERTITORE A/D PIPELINE A 9 BIT FUNZIONANTE A 12,5MHZ E 1V DI ALIMENTAZIONE IN TECNOLOGIA CMOS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA CONVERTITORE A/D PIPELINE A 9 BIT FUNZIONANTE A 12,5MHZ E 1V DI ALIMENTAZIONE IN TECNOLOGIA CMOS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA CONVERTITORE A/D PIPELINE A 9 BIT FUNZIONANTE A 12,5MHZ E 1V DI ALIMENTAZIONE IN TECNOLOGIA CMOS Relatore: Chiar.mo Prof.

Dettagli

Memory TREE. Luigi Zeni DII-SUN Fondamenti di Elettronica Digitale

Memory TREE. Luigi Zeni DII-SUN Fondamenti di Elettronica Digitale Memory TREE Mercato delle memorie non-volatili Organizzazione della memoria Row Address 1 2 M Row D e c o d e r M 2 rows 1 Bitline One Storage Cell Cell Array Wordline Row Decoder 2 M 1 2 N Sense Amplifiers

Dettagli

Convertitori Analogico-Digitale

Convertitori Analogico-Digitale Convertitori Analogico-Digitale Lucidi delle lezioni di Microelettronica Parte 8 Università di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Laboratorio di Elettronica (EOLAB) Convertitori

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Tesi di Laurea

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Tesi di Laurea UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Indirizzo Elettronico Tesi di Laurea Caratterizzazione di memorie non volatili BipFlash tramite sistema automatico

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Digitali Algoritmi di channel routing per standard cells; verifica progettuale

Elettronica dei Sistemi Digitali Algoritmi di channel routing per standard cells; verifica progettuale Elettronica dei Sistemi Digitali Algoritmi di channel routing per standard cells; verifica progettuale Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema

Dettagli

Corso di Microelettronica Anno Accademico 2002/2003

Corso di Microelettronica Anno Accademico 2002/2003 Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Laboratorio di Elettronica Corso di Microelettronica Anno Accademico 2002/2003 2. Simulazione Per aprire il programma

Dettagli

Elettronica I Potenza dissipata dalle porte logiche CMOS

Elettronica I Potenza dissipata dalle porte logiche CMOS Elettronica I Potenza dissipata dalle porte logiche MOS Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 rema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

applicazioni applicazioni Diodo LED (light emitting diode) Diodo LED (light emitting diode)

applicazioni applicazioni Diodo LED (light emitting diode) Diodo LED (light emitting diode) Diodo LED (light emitting diode) applicazioni Il funzionamento del led si basa sul fenomeno detto "elettroluminescenza", dovuto alla emissione di fotoni (nella banda del visibile o dell'infrarosso) prodotti

Dettagli

V DD R D. 15. Concetti di base sui circuiti digitali

V DD R D. 15. Concetti di base sui circuiti digitali + Xtf=12.85 tf=10).end È stato inserito anche il modello del C109C, a scopo esemplificativo. Di solito non è necessario inserire il modello nella netlist, perché questo è già contenuto in una library fornita

Dettagli

Programmazione modulare

Programmazione modulare Programmazione modulare Indirizzo: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Disciplina: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Docenti: Erbaggio Maria Pia e Iannì Gaetano Classe: IV A e settimanali previste: 6 Prerequisiti

Dettagli

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit ingressi analogici Conversione A/D Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit Ogni codice binario rappresenta il

Dettagli

Circuiti amplificatori

Circuiti amplificatori Circuiti amplificatori G. Traversi Strumentazione e Misure Elettroniche Corso Integrato di Elettrotecnica e Strumentazione e Misure Elettroniche 1 Amplificatori 2 Amplificatori Se A V è negativo, l amplificatore

Dettagli

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica D.Gamba,P.P.Trapani April 9, 2004 1 1 Circuiti Digitali Integrati: Timer, ADC e DAC In questo Lab. si imparera ad usare alcuni circuiti integrati

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 1999-2000 PROPOSTE PER I PROGRAMMI E LA PIANIFICAZIONE DEL CORSO DI TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE

ANNO SCOLASTICO 1999-2000 PROPOSTE PER I PROGRAMMI E LA PIANIFICAZIONE DEL CORSO DI TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE ANNO SCOLASTICO 1999-2000 PROPOSTE PER I PROGRAMMI E LA PIANIFICAZIONE DEL CORSO DI TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE PER LE CLASSI DEL CORSO C ELETTRONICA Insegnanti: Ulderico Libertini Ivano Graziani

Dettagli

ELETTRONICA II. Prof. Dante Del Corso Prof. Pierluigi Civera Esercitazioni e laboratorio: Ing. Claudio Sansoe. Politecnico di Torino

ELETTRONICA II. Prof. Dante Del Corso Prof. Pierluigi Civera Esercitazioni e laboratorio: Ing. Claudio Sansoe. Politecnico di Torino ELETTRONICA II Lezioni: Prof. Dante Del Corso Prof. Pierluigi Civera Esercitazioni e laboratorio: Ing. Claudio Sansoe Politecnico di Torino Lezioni Gruppo B rev 7 Elettronica II - Dante Del Corso - Gruppo

Dettagli

Amplificatori Differenziali e specchi di corrente

Amplificatori Differenziali e specchi di corrente Amplificatori Differenziali e specchi di corrente Direttive di esecuzione dell esperienza: 1) Riportare sul quaderno tutto il presente contenuto; 2) Ricercare su datasheet il valore di h fe, Ic MAX,e la

Dettagli

Memorie Flash. Cassino 30 giugno 2006 Giulio G. Marotta Micron Italia Flash Design Center

Memorie Flash. Cassino 30 giugno 2006 Giulio G. Marotta Micron Italia Flash Design Center Cassino 30 giugno 2006 Giulio G. Marotta Micron Italia Flash Design Center 2005 Micron Technology, Inc. All rights reserved. Products are warranted only to meet Micron s production data sheet specifications.

Dettagli

Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio

Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio Motori passo-passo Caratteristiche, tecniche e circuiti di pilotaggio I motori elettrici si possono suddividere in varie categorie (vedi figura 1), che si differenziano a seconda della tensione di alimentazione

Dettagli

EAGLE: corso introduttivo

EAGLE: corso introduttivo Prof. Roberto Guerrieri EAGLE: corso introduttivo aromani@deis.unibo.it dgennaretti@deis.unibo.it mnicolini@deis.unibo.it gmedoro@deis.unibo.it Programma Giovedi' 31: Introduzione: progettazione di Circuiti

Dettagli

Articolazione Elettronica. Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettronica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Articolazione Elettronica. Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettronica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Articolazione Elettronica Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettronica Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Elettrotecnica Tipologie di Segnali Unità di misura delle grandezze

Dettagli

[RELAZIONE DI LABORATORIO DI ELETTRONICA 2]

[RELAZIONE DI LABORATORIO DI ELETTRONICA 2] Angelo Antonio Salatino Politecnico di Bari Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2009/2010 Disciplina: Docente: V. Passaro [ [RELAZIONE DI LABORATORIO DI ELETTRONICA 2] INVERTITORE,

Dettagli

"Elettronica di Millman 4/ed" Jacob Millman, Arvin Grabel, Pierangelo Terreni Copyright 2008 The McGraw-Hill Companies srl. 16 to 1 MUX.

Elettronica di Millman 4/ed Jacob Millman, Arvin Grabel, Pierangelo Terreni Copyright 2008 The McGraw-Hill Companies srl. 16 to 1 MUX. Copyright 008 The McGraw-Hill Companies srl Esercizi Cap 6 6 Disegnare lo schema a blocchi di una OM 04 x 4 bit con un indirizzamento bidimensionale a) Quante porte NAND sono necessarie? b) Quanti transistori

Dettagli

Lezione 21 Cenni di elettronica

Lezione 21 Cenni di elettronica Cenni di elettronica Elettronica Acquisizione dati Rivelatori di Particelle 1 Cenni di elettronica Gli apparati del giorno d oggi, sia che siano per targhetta fissa o Collider sono fatti a cipolla ( o

Dettagli

Generazione automatica di march test per memorie SRAM

Generazione automatica di march test per memorie SRAM POLITECNICO DI TORINO III Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Generazione automatica di march test per memorie SRAM Utilizzo di un algoritmo genetico per la generazione

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI BARONISSI IND. TECNICO INDUSTRIALE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI. Programmazione A. S. 2012-2013 ELETTRONICA

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI BARONISSI IND. TECNICO INDUSTRIALE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI. Programmazione A. S. 2012-2013 ELETTRONICA Classi quarte 1. Reti elettriche in a. c. Periodo: settembre/ottobre novembre/dicembre ore 60 1. La funzione sinusoidale. 2. Rappresentazione vettoriale della grandezze sinusoidali. 3. I componenti passivi

Dettagli

CAPITOLO IV HARDWARE DEI CIRCUITI DIGITALI INTEGRATI

CAPITOLO IV HARDWARE DEI CIRCUITI DIGITALI INTEGRATI -4.1- CAPITOLO IV HARDWARE DEI CIRCUITI DIGITALI INTEGRATI 4.1 INTRODUZIONE Nei capitoli precedenti, sono state sviluppate in maniera semplificata le procedure di analisi e di sintesi delle reti digitali,

Dettagli

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Indice dei contenuti. L'amplificatore...3. L'amplificatore operazionale - Premesse teoriche....5 3. Circuito equivalente... 5

Dettagli

Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 1 Appunti e dispense del corso

Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 1 Appunti e dispense del corso I Circuiti digitali Riferimenti Bibliografici: Paolo Spirito Elettronica digitale, Mc Graw Hill Capitolo 1 Appunti e dispense del corso Caratteristiche dei circuiti digitali pagina 1 Elaborazione dei segnali

Dettagli

Esercizi proposti durante le lezioni di Elettronica 2

Esercizi proposti durante le lezioni di Elettronica 2 Rev.13/3/2014 Esercizi proposti durante le lezioni di Elettronica 2 1. Ad un semplice integratore RC (R=10 kω, C=100 nf) viene applicato in ingresso un segnale ad onda quadra (duty-cycle 50%) proveniente

Dettagli

A) INTRODUZIONE Obiettivi principali.

A) INTRODUZIONE Obiettivi principali. A) INTRODUZIONE L obiettivo del progetto è di sviluppare rivelatori a pixel innovativi sfruttando l opzione, offerta da alcune fonderie di silicio, di implementare processi CMOS standard su wafer a moderata

Dettagli

CAPITOLO 2. 2.1 Evoluzione nella progettazione dei circuiti integrati

CAPITOLO 2. 2.1 Evoluzione nella progettazione dei circuiti integrati CAPITOLO 2 Questo capitolo contiene una breve storia sull evoluzione nella progettazione dei circuiti integrati, seguita da una approfondita analisi dei mezzi che vengono usati attualmente a tale scopo,

Dettagli

Introduzione alla progettazione di PCB

Introduzione alla progettazione di PCB Introduzione alla progettazione di PCB Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Università di Bologna, Cesena Gianni Medoro, Aldo Romani A.a. 2004-2005 Le principali funzioni dei PCB 1. Garantire le interconnessioni

Dettagli

Le componenti fisiche di un computer: l hardware

Le componenti fisiche di un computer: l hardware Le componenti fisiche di un computer: l hardware In questa sezione ci occuperemo di come è strutturato e come funziona l hardware di un computer. In particolare, nella Sezione ci occuperemo del punto di

Dettagli

Amplificatori di potenza

Amplificatori di potenza Amplificatori di potenza Gli amplificatori di potenza sono quegli amplificatori che trasferiscono al carico una potenza rilevante; orientativamente da alcuni decimi di Watt in su. Di solito essi sono costituiti

Dettagli

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A)

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) ELABORAZIONE ANALOGICA O DIGITALE DEI SEGNALI ELABORAZIONE ANALOGICA ELABORAZIONE DIGITALE Vantaggi dell elaborazione

Dettagli

FUNZIONAMENTO DI UN BJT

FUNZIONAMENTO DI UN BJT IL TRANSISTOR BJT Il transistor inventato nel 1947, dai ricercatori Bardeen e Brattain, è il componente simbolo dell elettronica. Ideato in un primo momento, come sostituto delle valvole a vuoto per amplificare

Dettagli

Come si realizza un sensore di radiazione. Maurizio Boscardin ITC-irst Trento

Come si realizza un sensore di radiazione. Maurizio Boscardin ITC-irst Trento Come si realizza un sensore di radiazione Maurizio Boscardin ITC-irst Trento Maurizio Boscardin Dal 1988 lavoro presso ITC-irst Trento www.itc.it Ottimizzazzione di un proceso CCD-CMOS Dal 1994 coordinamento

Dettagli

Introduzione. 1.1 Evoluzione della progettazione dei sistemi digitali

Introduzione. 1.1 Evoluzione della progettazione dei sistemi digitali 1 Introduzione 1.1 Evoluzione della progettazione dei sistemi digitali I primi sistemi digitali intesi come sistemi di elaborazione basati su tecnologie elettriche o elettromeccaniche e operanti su informazione

Dettagli

Sistemi Embedded. Sommario

Sistemi Embedded. Sommario Sistemi Embedded Tecnologie hardware Ing. Luigi Pomante Università dell Aquila DEWS luigi.pomante@univaq.it Tecnologie hardware Tecnologie (AS)IC Full custom Standard cell Gate array Tecnologie programmabili

Dettagli

Tecnologie per ottica integrata. Raffaella Costa

Tecnologie per ottica integrata. Raffaella Costa Tecnologie per ottica integrata Raffaella Costa Introduzione: Progetto e realizzazione di un circuito Circuito Materiale Spessore Indice Tolleranze Guida Forma Dimensioni (monomodalità) Indice efficace

Dettagli

Studio di oscillatori controllati in tensione (VCO) a basso rumore di fase per applicazioni RF

Studio di oscillatori controllati in tensione (VCO) a basso rumore di fase per applicazioni RF Studio di oscillatori controllati in tensione (VCO) a basso rumore di fase per applicazioni RF Luca Dodero Relatore Chiar.mo Prof. Ing. Daniele Caviglia Introduzione Il grande sviluppo degli ultimi anni

Dettagli

Tecnologie per il Packaging Elettronico

Tecnologie per il Packaging Elettronico Sistemi Microelettromeccanici Università degli studi di Roma La Sapienza Tecnologie per il Packaging Elettronico Michele Marino A.A.2006-2007 Sistemi Microelettromeccanici Introduzione al packaging Le

Dettagli

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI ESAME DI SAO DI ISIUO POFESSIONALE A.S. 2000/2001 Indirizzo: ECNICO DELLE INDUSIE ELEONICHE ema di: ELEONICA, ELECOMUNICAZIONI E APPLICAZIONI Il candidato, formulando di volta in volta tutte le ipotesi

Dettagli

CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC)

CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC) CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC) Un convertitore digitale/analogico (DAC: digital to analog converter) è un circuito che fornisce in uscita una grandezza analogica proporzionale alla parola di n bit

Dettagli

SENSORI e TRASDUTTORI. Corso di Sistemi Automatici

SENSORI e TRASDUTTORI. Corso di Sistemi Automatici SENSORI e TRASDUTTORI Sensore Si definisce sensore un elemento sensibile in grado di rilevare le variazioni di una grandezza fisica ( temperatura, umidità, pressione, posizione, luminosità, velocità di

Dettagli

NUOVA COPERTURA DELL EDIFICIO BARATTA

NUOVA COPERTURA DELL EDIFICIO BARATTA NUOVA COPERTURA DELL EDIFICIO BARATTA Per individuare una soluzione alla copertura in eternit dell edificio in data 4 febbraio 2009 abbiamo potuto partecipare alla fiera made expo di Milano sull architettura

Dettagli

logiche LE PORTE Nelle prime due lezioni del Corso di Elettronica Digitale (parte terza)

logiche LE PORTE Nelle prime due lezioni del Corso di Elettronica Digitale (parte terza) & imparare & approfondire di GIANLORENZO VALLE Corso di Elettronica Digitale (parte terza) LE PORTE logiche In questa puntata poniamo le prime basi per comprendere meglio il funzionamento delle porte logiche

Dettagli

Molecole singole come elementi attivi nei circuiti elettronici

Molecole singole come elementi attivi nei circuiti elettronici Molecole singole come elementi attivi nei circuiti elettronici La corrente che attraversa una singola molecola deve essere necessariamente misurabile. Il fatto che una corrente di 1 na potesse attraversare

Dettagli

CORSO DI SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI T.P.S.E.E. A.S. 2014-2015 CLASSE V ELN MODULI

CORSO DI SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI T.P.S.E.E. A.S. 2014-2015 CLASSE V ELN MODULI MODULI 1) CIRCUITI INTEGRATI, LA FABBRICAZIONE DEI CIRCUITI INTEGRATI 1. Circuiti integrati; 2. La fabbricazione dei circuiti integrati monolitici; 3. La fabbricazione dei circuiti integrati ibridi; 2)

Dettagli

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale.

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Il segnale generato dai trasduttori in genere non è idoneo per la diretta elaborazione da parte dell unità di governo che realizza un algoritmo di controllo,

Dettagli

STUDIO DI UN FRONT-END AD ELEVATA PRECISIONE PER LA LETTURA DI SENSORI DI GAS DI TIPO RESISTIVO AD AMPIO RANGE DINAMICO

STUDIO DI UN FRONT-END AD ELEVATA PRECISIONE PER LA LETTURA DI SENSORI DI GAS DI TIPO RESISTIVO AD AMPIO RANGE DINAMICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA STUDIO DI UN FRONT-END AD ELEVATA PRECISIONE PER LA LETTURA DI SENSORI DI GAS DI TIPO RESISTIVO AD AMPIO RANGE DINAMICO

Dettagli

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale ELETTRONICA L amplificatore Operazionale Amplificatore operazionale Un amplificatore operazionale è un amplificatore differenziale, accoppiato in continua e ad elevato guadagno (teoricamente infinito).

Dettagli

846 Indice. Famiglia logica TTL 580 Famiglie logiche 539

846 Indice. Famiglia logica TTL 580 Famiglie logiche 539 Indice analitico Accoppiamento capacitivo 160 Aggancio di fase 811 Amplificatore 187, 193, 225, 230, 331, 351, 760 a drain comune 230 amplificatore a base comune analisi dinamica 760 analisi statica 754

Dettagli

Ambiente di apprendimento

Ambiente di apprendimento ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA MAIO LINO, PALUMBO GAETANO 3EET Settembre novembre Saper risolvere un circuito elettrico in corrente continua, e saperne valutare i risultati. Saper applicare i teoremi dell

Dettagli

Corso di Micro- e nano-sistemi per l Elettronica

Corso di Micro- e nano-sistemi per l Elettronica Corso di Micro- e nano-sistemi per l Elettronica Laurea Magistrale in Elettronica Docente: Gianfranco Manes Informazioni, Appelli e Dispense http://www.midra.dinfo.unifi.it/ Email: gianfranco.manes@unifi.it

Dettagli

+ + f 2 p n 2f2 z 1. 2f 2 z 2

+ + f 2 p n 2f2 z 1. 2f 2 z 2 9.9 Funzione di trasferimento degli amplificatori Nella maggior parte degli amplificatori utilizzati in pratica il guadagno risulta costante su un certo intervallo di frequenze, definito banda passante

Dettagli

di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove

di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove Negli ultimi anni il settore delle telecomunicazioni ha assunto un ruolo di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove tecniche di modulazione e demodulazione digitale

Dettagli

MINILAB INDICE. Che cos è pag. 2. Come funziona pag. 5. Fasi di produzione pag. 7. La fotoincisione pag. 7. Il trasformatore pag.

MINILAB INDICE. Che cos è pag. 2. Come funziona pag. 5. Fasi di produzione pag. 7. La fotoincisione pag. 7. Il trasformatore pag. MINILAB INDICE Che cos è pag. 2 Come funziona pag. 5 Fasi di produzione pag. 7 La fotoincisione pag. 7 Il trasformatore pag. 11 L assemblaggio pag. 14 Il collaudo generale pag. 16 CHE COS È Il MiniLab

Dettagli

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Elettrotecnica Tipologie di segnali Unità di misura delle grandezze elettriche Simbologia

Dettagli

Figura V.5.3. Differenze tra metalli, semiconduttori e isolanti.

Figura V.5.3. Differenze tra metalli, semiconduttori e isolanti. Approfondimento 1. Semiconduttori e isolanti. Nella Figura V.2.3 sono mostrate le differenze generiche tra i livelli a 0 K tra i metalli, i semiconduttori e gli isolanti. Figura V.5.3. Differenze tra metalli,

Dettagli

ELETTRONICA ANALOGICA ED ELETTRONICA DIGITALE

ELETTRONICA ANALOGICA ED ELETTRONICA DIGITALE ELETTRONICA ANALOGICA ED ELETTRONICA DIGITALE Elettronica analogica ed elettronica digitale Una distinzione arbitraria, ma utile Da un punto di vista "fisico" la distinzione tra elettronica analogica e

Dettagli

Utilizzo degli Alimentatori a Corrente Costante nelle Applicazioni Industriali

Utilizzo degli Alimentatori a Corrente Costante nelle Applicazioni Industriali Utilizzo degli Alimentatori a Corrente Costante nelle Applicazioni Industriali September, 2012 Nel vasto mondo degli alimentatori possiamo identificare due principali categorie: a Tensione Costante ed

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Esercitazione n 5: Stadi di uscita

Esercitazione n 5: Stadi di uscita Esercitazione n 5: Stadi di uscita 1) Per il circuito in Fig. 1 sostituire il generatore di corrente con uno specchio di corrente. Dimensionare quest'ultimo in modo tale da ottenere la massima dinamica

Dettagli

The Peak Atlas Analizzatore per componenti Guida per l'utente

The Peak Atlas Analizzatore per componenti Guida per l'utente The Peak Atlas Analizzatore per componenti Guida per l'utente Peak Electronic Design Limited si impegna nel continuo sviluppo e miglioramento dei propri prodotti. Le informazioni e specifiche contenute

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Programmabili

Elettronica dei Sistemi Programmabili Elettronica dei Sistemi Programmabili Introduzione Stefano Salvatori Università degli Studi Roma Tre (stefano.salvatori@uniroma3.it) Università degli Studi Roma Tre Elettronica dei Sistemi Programmabili

Dettagli

FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 DL 3155E20 LOGICA. Blocchi funzionali. Argomenti teorici

FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 DL 3155E20 LOGICA. Blocchi funzionali. Argomenti teorici L1 LOGICA FONDAMENTI DI LOGICA DIGITALE 1 Concetti di logica: teoremi fondamentali dell'algebra booleana Sistema binario Funzioni logiche Descrizione algebrica delle reti logiche e le tavole della verità

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

Deposito di un film sottile via magnetron sputtering

Deposito di un film sottile via magnetron sputtering Deposito di un film sottile via magnetron sputtering Brevi cenni sullo sputtering Lo sputtering è una tecnica mediante la quale atomi e ioni Argon o di altri gas, contenuti in un plasma bombardano un bersaglio

Dettagli

Amplificazione DL 3155M14 DL 3155E14. Circuiti Amplificatori a Transistor AMPLIFICAZIONE. Blocchi funzionali. Argomenti teorici.

Amplificazione DL 3155M14 DL 3155E14. Circuiti Amplificatori a Transistor AMPLIFICAZIONE. Blocchi funzionali. Argomenti teorici. Amplificazione Amplificazione lineare di corrente, tensione e potenza Amplificatori BJT: configurazioni EC, CC e BC Stabilità termica di un amplificatore lineare Linea di carico statica e dinamica Pre-amplificatori

Dettagli

Panoramica Aziendale. Fondata Società U.S.A. nel 2007. HQ & R&D in Fremont, CALIFORNIA

Panoramica Aziendale. Fondata Società U.S.A. nel 2007. HQ & R&D in Fremont, CALIFORNIA Introduzione Silevo Panoramica Aziendale Fondata Società U.S.A. nel 2007 Sedi Fondatori Technologia HQ & R&D in Fremont, CALIFORNIA Produzione in Hangzhou, Cina Magazzino x Europa in Rotterdam. Dr. Zheng

Dettagli

CAPITOLO 1 - RICHIAMI TEORICI

CAPITOLO 1 - RICHIAMI TEORICI Premessa Scopo di questa breve premessa è quello di informare il lettore sull organizzazione della trattazione, che è composta da due parti (che corrispondono a due capitoli): - una prima parte che contiene

Dettagli

APPLICAZIONI INDUSTRIALI DEL PLASMA

APPLICAZIONI INDUSTRIALI DEL PLASMA APPLICAZIONI INDUSTRIALI DEL PLASMA Caratteristiche che rendono il plasma utile per applicazioni industriali: ² È caratterizzato da un ampio range di densità di potenza/energia (plasmi termici in archi

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento degli impianti fotovoltaici La tecnologia fotovoltaica permette di trasformare direttamente l energia solare incidente sulla superficie terrestre

Dettagli