Manuale d'uso. e.compliance. Versione 0.5

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale d'uso. e.compliance. Versione 0.5"

Transcript

1 Manuale d'uso e.compliance Versione /12/2007 1

2 Indice generale Scopo del manuale...5 e.toscana Compliance...6 Introduzione...7 I documenti Request For Comments (RFC) e.toscana...7 Tipologie di RFC...7 Il processo di accreditamento...8 Manuale d'uso e.toscana Compliance...10 Scrittura di un RFC e.toscana Applicativo...10 Come si pubblica un RFC e.toscana...11 Come si partecipa alla scrittura di un RFC e.toscana...12 Come fa un RFC e.toscana a diventare standard...12 Come si richiede la certificazione e.toscana Compliance...12 Come sono svolti i test per la certificazione dei SIL...13 Dove sono pubblicate le schede dei prodotti e.toscana Compliant...15 I risultati attesi dall'applicazione del processo e.toscana Compliance sono:...15 Le motivazioni a partecipare

3 Legenda icone ICONA Significato Rappresenta una risposa a domande ricorrenti. Rappresenta un momento di verifica. Indica che cosa deve avvenire ossia lo scopo di un passo in una fase. Suggerimento. 3

4 Scopo del manuale Lo scopo del manuale è quello di fornire delle utili indicazioni a coloro che adottano o vogliono adottare il processo e.toscana Compliance. 4

5 e.toscana Compliance 5

6 Introduzione e.toscana Compliance è il processo che supporta lo sviluppo dei servizi erogati e/o fruiti attraverso l infrastruttura CART. Tale processo coinvolge Enti e Imprese ICT all interno di una comunità che ha l obiettivo di definire tecniche, standard tecnologici e soluzioni capaci di interoperare attraverso CART. A supporto della comunità è disponibile il Centro Tecnico e.toscana Compliance il quale ha anche il compito di accertare la corretta applicazione degli standard finalizzato. Il processo ruota attorno al concetto di RFC e.toscana. I documenti Request For Comments (RFC) e.toscana La Comunità e.toscana è il luogo da cui prende avvio una collaborazione tra i soggetti che è presupposto fondamentale alla realizzazione della cooperazione applicativa. Il punto di incontro della Comunità è il sito e.toscana Compliance ecompliance. Il sito è il tavolo di discussione per la definizione concertata delle regole che riguardano i singoli ambiti applicativi e l infrastruttura stessa. Il risultato della collaborazione dei soggetti della Comunità e.toscana è un documento di specifica detto RFC e.toscana. Obiettivo del documento RFC è la realizzazione di uno standard aperto che include la definizione di tecniche, modalità, standard tecnologici e informativi. Il processo con cui la Comunità crea i documenti RFC prende avvio con la proposta di un tema di interesse da parte della Comunità stessa che in rilasci successivi, porta a maturazione il documento RFC. Il Centro Tecnico per la e.toscana Compliance offre supporto tecnico durante il processo verificando che gli RFC e.toscana siano compatibili con le regole che la Comunità e.toscana stessa si è data. Il documento RFC prodotto dalla collaborazione tra Comunità e Centro Tecnico è presentato al Comitato e.toscana Compliance che lo rende uno standard dopo aver accertato l'effettiva condivisione e diffusione del documento tra i soggetti della Comunità e.toscana. Un RFC e.toscana Standard è la specifica di riferimento per implementare le soluzioni software che prevedono lo scambio di informazioni tramite l'infrastruttura CART. Attualmente la Comunità ha prodotto circa 60 RFC e.toscana (tutti liberamente reperibili, consultabili e scaricabili dal sito alcuni dei quali sono standard, altri candidati a diventarlo. 6

7 Tipologie di RFC La definizione e l adozione di standard aperti è un elemento chiave per definire un modello dell' architettura e realizzarlo in un infrastruttura che abilita l integrazione e la cooperazione di applicazioni esistenti. La creazione e la diffusione di standard aperti è quindi elemento fondamentale per attuare un concetto di apertura che riguarda non solo i singoli domini applicativi, ma anche e soprattutto lo sviluppo di soluzioni di integrazione e cooperazione. In e.toscana si individuano quindi due tipi di RFC: RFC Applicativi che descrivono gli standard relativi alla cooperazione in un particolare dominio applicativo in termini di soggetti coinvolti, modalità di cooperazione, specifiche tecniche di interfacce di cooperazione; RFC Infrastrutturali che affrontano tematiche quali il corretto utilizzo delle infrastrutture ed hanno la finalità di condividere gli strumenti e le procedure da utilizzare per fruire in modo corretto dell infrastruttura di cooperazione applicativa CART minimizzando l'impatto sui SIL. Negli RFC infrastrutturali vengono forniti i dettagli tecnici di come si sviluppano i servizi su CART. I principali RFC Infrastrutturali sono: descrizione di come scrivere gli RFC (RFC e.toscana Infrastrutturale numero 17) descrizione di come scrivere gli Accordi di Servizio Accordo di Servizio Parte Comune (RFC e.toscana Infrastrutturale numero 1) Accordi di Servizio Parte Specifica (RFC e.toscana Infrastrutturale numero 20) descrizione del processo di sviluppo di un servizio CART (RFC e.toscana Infrastrutturale numero 19) descrizione dettagliata di come si utilizzano le interfacce esposte dai NAL (proxy, proxy trasparente, integration manager) (RFC e.toscana Infrastrutturale numero 22) Ciclo di vita di un servizio CART (RFC e.toscana Infrastrutturale numero 19) Tra gli RFC infrastrutturali di fondamentale importanza è l RFC che stabilisce quali caratteristiche deve avere il software che utilizza l infrastruttura di cooperazione. Attraverso tale RFC la comunità si dà un insieme di regole che definiscono il comportamento corretto da rispettare nell utilizzo dell infrastruttura. Di seguito è illustrata la struttura e il processo organizzativo della produzione di RFC Applicativi e Infrastrutturali e.toscana. Il processo di accreditamento Un Ente o una Impresa deve che produce applicazioni di cooperazione per l infrastruttura CART deve utilizzare un RFC e.toscana Standard come specifica per realizzare un prodotto software. Una volta realizzato, il prodotto viene testato dall'azienda utilizzando l'ambiente di staging. A seguito dei test, il prodotto può essere presentato al Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance che, svolgendo un 7

8 percorso di certificazione, verifica che la soluzione sviluppata soddisfi (limitatamente alle funzionalità di cooperazione) i requisiti stabiliti dagli RFC e.toscana a cui si riferisce. La procedura attraverso cui il Centro Tecnico verifica la conformità del prodotto comprende le seguenti attività: l'esame della documentazione fornita l'applicazione di specifici test funzionali I componenti software presi in esame dalla certificazione sono: Proxy Applicativo: Un proxy applicativo e' un componente software, installato in uno o piu' NAL, le cui caratteristiche principali possono essere cosi' riassunte: Rappresenta un particolare dominio applicativo (implementa quindi le regole descritte in un RFC e.toscana Applicativo) Trasforma le richieste di servizio di un SIL in richieste all'infrastruttura (es. pubblicazione di eventi) Opera per conto di uno o più SIL (Sistemi Informativi Locali), ovvero si relaziona con l'insieme di tutti i sistemi informativi (e di altri componenti software) di qualunque Ente connesso al NAL sul quale il proxy applicativo stesso e' installato SIL (Sistema Informativo Locale): è l'adattatore software che deve essere implementato nel sistema informativo dell'ente per utilizzare il software. Ad esempio se un ente utilizza il software per protocollare allora lo deve estendere per invocare i servivi esposti dal proxy in modo ad esempio di mandare un documento protocollato ad un altro ente. Ancora una volta i requisiti si conformità dei proxy e dei SIL sono espressi tramite RFC e.toscana Infrastrutturali: Certificazione e.toscana Compliance di Proxy Applicativi (RFC e.toscana Infrastrutturale numero 32) Certificazione e.toscana Compliance di applicativi SIL (RFC e.toscana Infrastrutturale numero 33) Il processo di certificazione è invece espresso nei seguenti documenti (in cui sono ripresi gli RFC sopra elencati): Regolamento Documento Dettaglio del processo Descrizione Regolamento del processo di accreditamento "e.toscana Compliance" Dettaglio del processo di certificazione dei Proxy e dei SIL Il Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance rilascia il certificato di conformità alle soluzioni che superano positivamente il processo di verifica. I prodotti che superano il processo di verifica sono detti e.toscana Compliant. Il certificato rilasciato dal Centro Tecnico e approvato dal Comitato per la e.toscana Compliance attesta tale compliance ed è pubblicato su un catalogo sul sito 8

9 Attualmente sono stati accreditati quattro prodotti e molti altri sono in attesa di esserlo. Manuale d'uso e.toscana Compliance Scrittura di un RFC e.toscana Applicativo 1. L'Utente (o la Ditta incaricata per conto dell'utente) scarica il documento RFC e.toscana Infrastrutturale numero 17 ; 2. L'Utente (o la Ditta incaricata per conto dell'utente) scrive un documento, chiamato RFC e.toscana Applicativo, rispettando le regole stabilite nel documento scaricato al passo precedente; richieste di chiarimenti sul documento RFC e.toscana Infrastrutturale numero 17 possono essere effettuate tramite il forum associato; Se durante la fase di scrittura di una RFC si individua la necessità di introdurre una codifica che potrebbe essere utile anche in altri contesti si suggerisce di creare una RFC e.toscana Applicativa per tale codifica. Esempi di RFC in cui sono indicate le codifiche sono il numero 58 (Codifiche Province RT) e numero 55 (Codifiche Aree Interventoi e Stati di una RFC). 3. L'Utente (o la Ditta incaricata per conto dell'utente) pubblica l'rfc e.toscana Applicativo (documento prodotto al passo precedente) sul sito. Inizia quindi un processo di discussione del documento in cui tutti i soggetti interessati all'argomento discutono, producono nuove release del documento utilizzando il sito stesso; compito del Gestore del Progetto è quello di promuovere, tramite il forum messo a disposizione del sito, la discussione dell'rfc e.toscana pubblicato in modo da condividere il documento con tutti gli interessati. In questa fase il Gestore del Progetto dovrebbe individuare tutti i soggetti che potenzialmente interessati all'rfc e.toscana Applicativa e cercando di coinvolgerli alla discussione del documento. Per avere una massima condivisione il sito dispone di un forum. Per utilizzare il forum è necessario che il soggetto interessato si iscriva, tramite l'apposita form del sito. 4. L'Utente (o la Ditta incaricata per conto dell'utente) o il Gestore del Progetto possono richiedere il supporto del Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance al fine di garantire la corretta adozione 9

10 degli standard e.toscana Compliance; la richiesta di verifica del Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance anche se non obbligatoria è fortemente consigliata; E' stato scritto un documento di analisi del servizio tale documento (RFC e.toscana Applicativo); tutti i soggetti interessati al documento lo hanno condiviso; Come si pubblica un RFC e.toscana I passi principali per pubblicare un RFC e.toscana sono: 1. l'utente tramite il Sito e.toscana Compliance richiede l'utenza tramite l'apposito link Iscrivi Azienda ; 2. user e password verranno comunicate via mail all'utente; La comunicazione di user/password non è generata automaticamente quindi viene comunicata dal personale di Regione Toscana in al più di due giorni. E' possibile sollecitare il rilascio delle credenziali al Responsabile dell'infrastruttura. 3. L'Utente utilizzando user/password comunicate al passo precedente seleziona "inserimento nuova RFC" 4. l'utente completa la form proposta e fare l'upload del documento (ossia dell'rfc e.toscana Applicativo) E' possibile consultare la manualistica dell'uso del sito attraverso il link Manuale utente posizionato nella home page del sito stesso. 5. l'utente attende che il Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance renda visibile l'rfc. Il Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance notifica via mail che l'rfc è pubblica. Il Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance gestisce una mailing list contenente le mail di tutti gli iscitti al Sito e.toscana Compliance. Tramite tale mailing list notifica a tutti gli iscitti l'esistenza della RFC (o delle successive revisioni). E' dunque necessario che l'utente faccia iscrivere al Sito e.toscana Compliance tutti i soggetti che potrebbero essere interessati alla discussione dell'rfc e.toscana Applicativa in un'ottica di piena 10

11 condivisione dei contenuti del documento. Quando l'rfc è in discussione tutti i membri della Comunità possono chiedere chiarimenti utilizzando il forum presente sul sito. La discussione alla scrittura di un RFC e.toscana può partorire una nuova revisione. E' stato scritto un documento di analisi del servizio tale documento (RFC e.toscana Applicativo); adesso è importante che l'utente coinvolga, usando i forum del sito e.toscana Compliance, tutti i soggetti potenzialmente interessati al documento prodotto; Come si partecipa alla scrittura di un RFC e.toscana I passi principali per partecipare alla scrittura di un RFC e.toscana sono: 1. andare sul sito e richiedere (se non già avuta) una utenza La comunicazione di user/password non è generata automaticamente quindi viene comunicata dal personale di Regione Toscana in al più di due giorni. E' possibile sollecitare il rilascio delle credenziali al Responsabile dell'infrastruttura. 2. selezionare "elenco RFC" e selezionare l'rfc di interesse 3. selezionare il pulsante "inserimento proposta di revisione". Una proposta di revisione è una RFC che estende, modifica, corregge,... quella presente sul sito. La proposta di revisione è una RFC e quindi deve rispettare il formato indicato nell'rfc #17 4. completare la scheda e fare l'upload del documento 5. attendere che il Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance renda visibile l'rfc. Il Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance notifica via mail che l'rfc è pubblica e quindi può essere discussa dalla Comunità e.toscana Il centro Tecnico e.toscana Compliance deve rendere pubblica la nuova versione dell'rfc in al più di due giorni dall'upload o comunicare via mail il motivo del rifiuto alla pubblicazione. E' possibile sollecitare la verifica della nuova versione dell'rfc contattando il Responsabile dell'infrastruttura. 11

12 Come fa un RFC e.toscana a diventare standard Tipicamente il proponente di una RFC e.toscana Compliance segue il processo di maturazione del documento. Quando ritiene che il documento è condiviso dalla comunità deve seguire i seguenti passi: 1. inviare una mail al Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance in cui si richiede che l'rfc sia Candidata a diventare standard 2. il centro tecnico esamina l'rfc e verifica che le regole che la comunità (formato standard RFC, riferimento a codifiche comuni,...) si è data siano rispettate 3. il Centro Tecnico notifica al proponente le anomalie riscontrate o propone di far diventare standard l'rfc al Comitato per l'e.toscana Compliance Il Centro Tecnico e.toscana Compliance deve verificare la candidatura in al più due giorni dalla richiesta. E' possibile sollecitare la verifica della nuova versione dell'rfc contattando il Responsabile dell'infrastruttura. 4. il Centro Tecnico si incarica di notificare alla Comunità e.toscana la candidatura dell'rfc tramite una mail 5. il Comitato per l'e.toscana Compliance verifica che l'rfc candidata sia condivisa da tutti gli enti della comunità e in questo caso la fa diventare uno Standard. La notifica di questo avvenimento avviene tramite mail ad organi tecnici e politici. Come si richiede la certificazione e.toscana Compliance Per richiedere la certificazione e.toscana Compliance si devono effettuare i seguenti passi (per una documentazione più estesa si vedano i documenti precedentemente indicati: 1. andare sul sito e richiedere (se non già avuta) una utenza 2. selezionare "richiesta accreditamento " 3. completare la scheda e fare l'upload del documento (che deve essere conforme a quanto indicato negli RFC numero 32 e 33 rispettivamente per Proxy e SIL) 4. il Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance farà pervenire per mail le prime osservazioni sul documento. Se necessario sarà possibile concordare con il Centro Tecnico un incontro per un esame più dettagliato della documentazione. 5. Se la documentazione risulta corretta si passa al test del software. Il Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance dispone di un laboratorio che afferisce all' infrastruttura di test del CART composta da una macchina visibile su Internet che espone tutti i proxy prodotti. Tale macchina può essere quindi usata dalle Ditte Fornitrici per certificare il software e dagli Enti per provare se il software installato utilizza correttamente l'infrastruttura CART. Le modalità di test del software sono decise di volta in volta con il Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance. 6. Se anche il test è superato il prodotto è certificato e.toscana Compliance. Il Centro Tecnico notifica al Comitato per l'e.toscana Compliance che tecnicamente il software è compliant. 7. Il Comitato per l'e.toscana Compliance vista l'istruttoria tecnica notifica via mail che il software è certificato e la scheda del prodotto diventa visibile nel catalogo dei prodotti accreditati all'e.toscana Compliance (quindi sul sito alla voce "prodotti accreditati") 12

13 A questo link è presentato un esempio di documentazione di un applicativo SIL redatta in un formato coerente con quanto richiesto dai requisiti espressi nell'rfc #33 (passo 4. del processo sopra descritto). Come sono svolti i test per la certificazione dei SIL La verifica per la certificazione prevede lo svolgimento di test funzionali che coinvolgono l'applicazione SIL sottoposta a verifica e un sistema di test SIL-CT sviluppato dal Centro Tecnico e.toscana Compliance. In figura è riportato un diagramma che mostra la configurazione di deploy tipicamente utilizzata per lo svolgimento dei test. Lo scambio di eventi è mediato dalla infrastruttura di cooperazione CART di test Carttestnal [ ] Proxy Applicativo nal-unifi Proxy Applicativo Servizi Pubblicazione / Ricezione Eventi Servizi Pubblicazione / Ricezione Eventi Ente / Azienda Applicazione SIL da Verificare Centro Tecnico e.toscana Compliance Applicazione "SIL-CT" Figura 1: Configurazione di deploy del sistema solitamente usata per lo svolgimento dei test per la certificazione. La figura mostra l'applicazione SIL sottoposta a verifica e SIL-CT sviluppata dal Centro Tecnico e.toscana Compliance. Il NAL utilizzato dalla applicazione SIL sottoposta a verifica deve essere carttestnal, NAL di test installato presso Regione Toscana e pubblicamente disponibile all'indirizzo: Carttestnal ospita tutti i Proxy Applicativi sviluppati per il CART. Per quanto riguarda l'applicazione SIL-CT, questa utilizzerà tipicamente il NAL nal-unifi installato presso il Centro Tecnico. A discrezione del centro Tecnico potrà comunque essere usato un NAL diverso. L'azienda produttrice dovrà fornire una installazione dell'applicazione configurata per lavorare con il NAL di test carttestnal di Regione Toscana (http://carttestnal.rete.toscana.it). 13

14 Durante la verifica, il Centro Tecnico lavora sulla applicazione SIL come un normale operatore, quindi utilizzando l'interfaccia dell'applicativo. Per questo motivo il Centro Tecnico dovrà avere a disposizione l'interfaccia del sistema. Questo può essere realizzato in due modi diversi: Se il sistema SIL da verificare presenta una interfaccia accessibile su internet (una interfaccia web), il Centro Tecnico può svolgere i test dalla propria sede utilizzando questa interfaccia. L'installazione del SIL utilizzata per la verifica potrà essere quindi effettuata dall'azienda in modo indifferente presso la propria sede o presso un Ente. Se il sistema SIL non presenta una interfaccia accessibile da remoto, l'azienda dovrà portare una installazione su un proprio PC presso la sede di Regione Toscana, dove saranno svolte le verifiche assieme a personale del Centro Tecnico. Nello svolgimento del test, il Centro Tecnico controlla che, a seguito dello svolgimento delle operazioni sull'interfaccia, il SIL effettui correttamente le pubblicazioni e le ricezioni di eventi secondo gli scenari previsti dagli RFC applicativo di riferimento ed esercitando i casi di test prodotti dal Centro Tecnico per il dominio applicativo. Dove sono pubblicate le schede dei prodotti e.toscana Compliant Le schede dei prodotti accreditati sono pubblicate sul sito alla voce "prodotti accreditati". I risultati attesi dall'applicazione del processo e.toscana Compliance sono: costituire una comunità di enti e imprese (detta Comunità e.toscana) che parteciano in modo collaborativo alla definizione e realizzazione di soluzioni e.toscana Compliant rafforzare una proposta Toscana sui temi dello sviluppo delle soluzioni per l'e.government promuovere un marchio e.toscana indice di qualità ed integrabilità delle soluzioni. Le motivazioni a partecipare e.toscana Compliance rappresenta una opportunità di partecipare alla attuazione dell e.government per tutti i soggetti della Comunità, offrendo ad ognuno una molteplicità di vantaggi: Per gli enti appartenenti alla Comunità e.toscana la disponibilità di RFC pubblici favorisce la nascita di diversi fornitori in competizione sulla qualità dei servizi offerti e sui relativi prezzi; la disponibilità di RFC è un arma efficace per condividere informazioni e standard al fine di favorire lo sviluppo del software aperto; abbattere i costi di analisi cooperando nella produzione di RFC (fase di analisi nella produzione del software); 14

15 Per le Imprese appartenenti alla Comunità e Toscana competere sulla realizzazione di servizi basati su RFC possibilità di mantenere aggiornato il proprio software in forma autonoma opportunità di crescita tecnologica miglioramento dell immagine Per gli organi di governo appartenenti alla Comunità e.toscana possibilità di promuovere soluzioni di qualità possibilità di incentivare il riuso limitare il digital divide. 15

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

e.toscana Compliance http://web.rete.toscana.it/ecompliance

e.toscana Compliance http://web.rete.toscana.it/ecompliance e.toscana Compliance 1 Lo Strumento RTRT si è dotata con decreto dirigenziale 2479/2005 di un processo di accreditamento di prodotti e soluzioni agli standard infrastrutturali e applicativi. Il processo

Dettagli

MANUALE D'USO DEL PROCESSO E.TOSCANA COMPLIANCE

MANUALE D'USO DEL PROCESSO E.TOSCANA COMPLIANCE MANUALE D'USO DEL PROCESSO E.TOSCANA COMPLIANCE Manuale d uso del processo e.toscana Compliance 2/60 Indice 1 Introduzione... 3 1.1 Obiettivi del documento... 4 1.2 Abbreviazioni e sigle... 7 2 Il Numero

Dettagli

Manuale d'uso. Sistema di gestione delle richieste di configurazione dei servizi CART. Versione 1.4

Manuale d'uso. Sistema di gestione delle richieste di configurazione dei servizi CART. Versione 1.4 Manuale d'uso Sistema di gestione delle richieste di configurazione dei servizi CART Versione 1.4 21/05/2013 1 Scopo del manuale... 3 2 Il Sistema di gestione delle richieste...4 2.1 Sottoscrizione utenti...6

Dettagli

L innovazione tecnologica nel territorio toscano. Prato, 24 Maggio 2011 Ing. Laura Castellani

L innovazione tecnologica nel territorio toscano. Prato, 24 Maggio 2011 Ing. Laura Castellani L innovazione tecnologica nel territorio toscano Prato, 24 Maggio 2011 Ing. Laura Castellani Innovazione: : cogliere e indirizzare le nuove opportunità E-Business Politiche per le imprese E-Society Politiche

Dettagli

MANUALE D'USO DEL PROCESSO DI RIUSO

MANUALE D'USO DEL PROCESSO DI RIUSO Direzione Generale Organizzazione e risorse Settore Infrastrutture e Tecnologie per lo Sviluppo dell Amministrazione Elettronica MANUALE D'USO DEL PROCESSO DI RIUSO Versione 1.0 28.9.2010 DOCUMENTO: Emissione

Dettagli

Requisiti di conformità di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali

Requisiti di conformità di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali Requisiti di conformità di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali Piano di Test per applicazioni SIL di InterPro versione 2.0.2 Regione Toscana Centro Tecnico per la e.toscana

Dettagli

MANUALE DI UTILIZZO: INTRANET PROVINCIA DI POTENZA

MANUALE DI UTILIZZO: INTRANET PROVINCIA DI POTENZA MANUALE DI UTILIZZO: INTRANET PROVINCIA DI POTENZA Fornitore: Publisys Prodotto: Intranet Provincia di Potenza http://www.provincia.potenza.it/intranet Indice 1. Introduzione... 3 2. I servizi dell Intranet...

Dettagli

Le comunicazioni telematiche in Toscana

Le comunicazioni telematiche in Toscana Le comunicazioni telematiche in Toscana Stampa Centro stampa Giunta Regione Toscana I N D I C E Le comunicazioni telematiche I canali di comunicazioni InterPRO e le Amministrazioni Pubbliche Come attivare

Dettagli

Consolidamento e sviluppo CART

Consolidamento e sviluppo CART Nome del progetto Consolidamento e sviluppo CART Acronimo del progetto TOSCART Documento Manuale interfaccia monitoraggio Acronimo del documento TOSCART-TEC-INTWEB-PMC Stato del documento Definitivo Versione

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE SISTEMA INFORMATIVO E TECNOLOGIE INFORMATICHE CHIARUGI CECILIA

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE SISTEMA INFORMATIVO E TECNOLOGIE INFORMATICHE CHIARUGI CECILIA REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE SISTEMA INFORMATIVO E TECNOLOGIE INFORMATICHE Il Dirigente Responsabile: CHIARUGI CECILIA Decreto non soggetto a controllo

Dettagli

SERVICE BROWSER. Versione 1.0

SERVICE BROWSER. Versione 1.0 SERVICE BROWSER Versione 1.0 25/09/2008 Indice dei Contenuti 1. Scopo del documento... 3 2. Introduzione... 3 3. Accordi di Servizio... 4 4. Servizi... 5 5. Servizio: Schede Erogatori... 8 6. Servizio:

Dettagli

Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Enti Regionali

Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Enti Regionali Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE... 3 1.1. Autori... 3 1.2. Modifiche Documento... 3 1.3. Riferimenti... 4 1.4. Acronimi e Definizioni... 4

Dettagli

Guida alla presentazione della domanda di contributo sul bando MODA DESIGN sostegno alle imprese del settore con particolare riferimento all

Guida alla presentazione della domanda di contributo sul bando MODA DESIGN sostegno alle imprese del settore con particolare riferimento all Guida alla presentazione della domanda di contributo sul bando MODA DESIGN sostegno alle imprese del settore con particolare riferimento all imprenditoria femminile Indice 1. Introduzione... 3 2. Accesso

Dettagli

GEODROP APPLICATIONS. Developer. Public. Private. Reseller

GEODROP APPLICATIONS. Developer. Public. Private. Reseller GEODROP APPLICATIONS Public Developer Reseller Private Le Applicazioni di Geodrop Guida per Developer alle Applicazioni Guida alle applicazioni v1.1-it, 21 Dicembre 2012 Indice Indice...2 Cronologia delle

Dettagli

COME PROTOCOLLARE MESSAGGI DI PEC

COME PROTOCOLLARE MESSAGGI DI PEC Servizi per l e-government nell Università Federico II COME PROTOCOLLARE MESSAGGI DI PEC Data ultima revisione: 16 novembre 2010 Versione: 3.0 A cura del CSI - Area tecnica E-government e-mail: egov@unina.it

Dettagli

Certificazione di Proxy Applicativi e di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali

Certificazione di Proxy Applicativi e di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali Certificazione di Proxy Applicativi e di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali Ver. 1.0 11 Gennaio 2006 Riferimenti Documentazione CART - Regione Toscana [RT-PDK] Proxy Developer

Dettagli

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007;

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007; 50014 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 175 del 24 12 2014 PARTE SECONDA Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO, IL LAVORO E L IN NOVAZIONE 18 dicembre

Dettagli

Introduzione. Le infrastrutture di Regione Toscana. http://www.cart.rete.toscana.it. Versione 0.4 1 10/10/2007

Introduzione. Le infrastrutture di Regione Toscana. http://www.cart.rete.toscana.it. Versione 0.4 1 10/10/2007 Introduzione Le infrastrutture di Regione Toscana http://www.cart.rete.toscana.it Versione 0.4 1 10/10/2007 1 L'ultima versione di questo manuale è diponibile al seguente URL 1 Indice generale Introduzione...3

Dettagli

Studio Grafico Portale

Studio Grafico Portale 1 di Progetto SISCoTEL Sistema Informativo Sovracomunale di Comunicazione Telematica degli Enti Locali per il Centro Sistema dislocato presso Cinisello Balsamo CBM on line Studio Grafico Portale ( - 06/03/2007)

Dettagli

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector PloneGov.org Open source collaboration for the public sector Assessora Fortunata Dini Navacchio, 04 Dicembre 2008 Quadro normativo Obiettivi strategici Conferenza di Lisbona del 2000 Il passaggio ad un

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. MANUALE UTENTE Guida alla compilazione della domanda V.1.

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. MANUALE UTENTE Guida alla compilazione della domanda V.1. Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA MANUALE UTENTE Guida alla compilazione della domanda V.1.0 Sommario Accesso alla piattaforma... 3 1. Home page sito...

Dettagli

Guida all uso di Innovatori PA

Guida all uso di Innovatori PA Guida all uso di Innovatori PA Innovatori PA La rete per l innovazione nella Pubblica Amministrazione Italiana Sommario Sommario... 2 Cos è una comunità di pratica... 3 Creazione della comunità... 3 Gestione

Dettagli

Il nuovo servizio di Posta Elettronica di Ateneo ZIMBRA-CINECA. Giancarlo Peli. Area Sistemi Direzione Informatica Università degli Studi di Verona

Il nuovo servizio di Posta Elettronica di Ateneo ZIMBRA-CINECA. Giancarlo Peli. Area Sistemi Direzione Informatica Università degli Studi di Verona Il nuovo servizio di Posta Elettronica di Ateneo ZIMBRA-CINECA Giancarlo Peli Area Sistemi Direzione Informatica Università degli Studi di Verona Descrizione del Progetto 1 L'attuale sistema di gestione

Dettagli

Regione Puglia. Nodo Regionale per la fatturazione elettronica

Regione Puglia. Nodo Regionale per la fatturazione elettronica Regione Puglia Nodo Regionale per la fatturazione elettronica Manuale Utente per la gestione della fatturazione passiva Pag.1 di 13 Revisoni Versione Data emissione Modifiche apportate 1.0 17/03/2015 Prima

Dettagli

Carta Sanitaria Elettronica IL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO IN REGIONE TOSCANA

Carta Sanitaria Elettronica IL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO IN REGIONE TOSCANA Carta Sanitaria Elettronica IL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO IN REGIONE TOSCANA 1 INDICE ARCHITETTURA CONTENUTI ORGANIZZAZIONE SOGGETTI COINVOLTI RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI TECNOLOGICI 2 ARCHITETTURA

Dettagli

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti 1 DOCUMENTO:. v 1.1 Emesso da: EMISSIONE VERIFICA APPROVAZIONE Nome Luca Menegatti firma Verificato da: Giancarlo Savoia Approvato da: Angelo

Dettagli

IL SISTEMA TOSCANO DEI SERVIZI PER LE IMPRESE. Firenze, 5 febbraio 2014

IL SISTEMA TOSCANO DEI SERVIZI PER LE IMPRESE. Firenze, 5 febbraio 2014 IL SISTEMA TOSCANO DEI SERVIZI PER LE IMPRESE Firenze, 5 febbraio 2014 CONTESTO NORMATIVO / REGOLAMENTARE DPR 160/2010: Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello

Dettagli

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS)

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) 2015 Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli

Identificazione dei bisogni Introduzione

Identificazione dei bisogni Introduzione Pagina 1 di 5 Identificazione dei bisogni Introduzione Le Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione (TIC, o anche, in inglese, Information and Communication Technologies, ICT) hanno profondamente

Dettagli

SINPAWEB corso per Tecnico della programmazione e dello sviluppo di siti internet e pagine web co.reg 58036 matricola 2012LU1072

SINPAWEB corso per Tecnico della programmazione e dello sviluppo di siti internet e pagine web co.reg 58036 matricola 2012LU1072 Provincia di Lucca Servizio Istruzione, Formazione e Lavoro. Sviluppo Economico SINPAWEB corso per Tecnico della programmazione e dello sviluppo di siti internet e pagine web co.reg 58036 matricola 2012LU1072

Dettagli

Il Cpi a casa mia - Sportello Virtuale

Il Cpi a casa mia - Sportello Virtuale Settore Lavoro e F.P. Manuale navigazione applicativo Il Cpi a casa mia - Sportello Virtuale dedicato ai servizi per i Cittadini. Istruzione 7558 IST7558r05 Approved by RAD 19/03/2015 pagina 1 di 30 Contesto

Dettagli

La Posta Elettronica Certificata

La Posta Elettronica Certificata Associazione Industriali LU La Posta Elettronica Certificata 1 Giugno 11 2 Novembre 2011 Indice Profilo Aziendale InfoCert L offerta di Posta Certificata InfoCert 3 Novembre 2011 InfoCert Profilo Aziendale

Dettagli

Il nuovo sistema di Posta Elettronica di Ateneo. Giancarlo Peli. Area Sistemi Servizi Informatici di Ateneo Università degli Studi di Verona

Il nuovo sistema di Posta Elettronica di Ateneo. Giancarlo Peli. Area Sistemi Servizi Informatici di Ateneo Università degli Studi di Verona Il nuovo sistema di Posta Elettronica di Ateneo Giancarlo Peli Area Sistemi Servizi Informatici di Ateneo Università degli Studi di Verona Obiettivi sistemistici Sostituzione dell'attuale sistema con sistema

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti (integrazione documento) 1 DOCUMENTO:. 1.2 Emesso da: EMISSIONE VERIFICA APPROVAZIONE Nome firma Verificato da: Approvato da: Area ISIC LISTA

Dettagli

AREA SERVIZI ICT. Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT. Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo. hosting.polimi.

AREA SERVIZI ICT. Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT. Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo. hosting.polimi. AREA SERVIZI ICT Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo hosting.polimi.it Indice 1. Anagrafica unica di Ateneo... 4 1.1. Introduzione all anagrafica

Dettagli

Specifiche Tecnico-Funzionali

Specifiche Tecnico-Funzionali AuthSIAR - Modulo di Autenticazione e Autorizzazione Sardegna IT S.r.l. Analisi Tecnico-Funzionale Assessorato all Agricoltura della Regione Sardegna SIAR Sistema Informativo Agricolo Regionale AuthSIAR

Dettagli

TAMTAMY. Una piattaforma gratuita per sviluppare social network http://www.tamtamy.com/

TAMTAMY. Una piattaforma gratuita per sviluppare social network http://www.tamtamy.com/ TAMTAMY Una piattaforma gratuita per sviluppare social network http://www.tamtamy.com/ TamTamy è una piattaforma di social networking gratuita fino a 100 utenti e 10 Gigabyte di spazio web: ogni utente,

Dettagli

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Milano Polo di Crema Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali INFORMATICA Corso di Ingegneria del Software progetto IL SISTEMA CALENDAR Presentato al dott. Paolo

Dettagli

Manuale di Integrazione IdM-RAS

Manuale di Integrazione IdM-RAS IdM-RAS Data: 30/11/09 File: Manuale di integrazione IdM-RAS.doc Versione: Redazione: Sardegna IT IdM-RAS Sommario 1 Introduzione... 3 2 Architettura del sistema... 4 2.1 Service Provider... 4 2.2 Local

Dettagli

Manuale Tecnico Indicazioni tecniche sulle modifiche apportate al Sito WebTelemaco Pratiche

Manuale Tecnico Indicazioni tecniche sulle modifiche apportate al Sito WebTelemaco Pratiche Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni Manuale Tecnico Indicazioni tecniche sulle modifiche apportate al Sito WebTelemaco Pratiche Release 2.0 InfoCamere S.c.p.A

Dettagli

Contact Center Regionale Multicanale. Progetto IQuEL

Contact Center Regionale Multicanale. Progetto IQuEL interoperabilità verso il Progetto IQuEL Ver. 1.0 Sommario 1. Contact Center Regionale Multicanale: Obiettivi di progetto... 3 2. Interoperabilità fra il Progetto Contact Center Regionale Multicanale e

Dettagli

REGIONE TOSCANA GERTIC. Documentazione di progetto. Viale Montegrappa 278/E 59100 Prato (Italy) Telefono +39.0574.514180 Fax +39.0574.

REGIONE TOSCANA GERTIC. Documentazione di progetto. Viale Montegrappa 278/E 59100 Prato (Italy) Telefono +39.0574.514180 Fax +39.0574. REGIONE TOSCANA GERTIC Documentazione di progetto Viale Montegrappa 278/E 59100 Prato (Italy) Telefono +39.0574.514180 Fax +39.0574.551195 www.netstudio.it INFORMAZIONI DOCUMENTO PROGETTO GeRTIC Gestione

Dettagli

Manuale d uso. Fatturazione elettronica attiva

Manuale d uso. Fatturazione elettronica attiva Manuale d uso Fatturazione elettronica attiva Prima FASE Data Versione Descrizione Autore 10/03/2015 Versione 2.0 Manuale Utente Patrizia Villani 28/05/2015 Versione 3.0 Revisione Manuale Utente Patrizia

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. MANUALE UTENTE Guida alla compilazione della domanda V.1.

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. MANUALE UTENTE Guida alla compilazione della domanda V.1. Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA MANUALE UTENTE Guida alla compilazione della domanda V.1.0 Sommario Accesso alla piattaforma... 3 1. Home page sito...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE RISORSE E DEI SERVIZI INFORMATICI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE RISORSE E DEI SERVIZI INFORMATICI AZIENDALI 1 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE RISORSE E DEI SERVIZI INFORMATICI AZIENDALI PREMESSA La progressiva diffusione delle nuove tecnologie ICT ed in particolare l utilizzo della posta elettronica ed il libero

Dettagli

Il Portale dei Servizi Telematici

Il Portale dei Servizi Telematici TRIBUNALE DI POTENZA Il Portale dei Servizi Telematici GUIDA INFORMATIVA AI SERVIZI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA 1 2 Perchè questa guida La presente Guida Informativa si rivolge all utenza degli Uffici Giudiziari

Dettagli

Xerox SMart esolutions. White Paper sulla protezione

Xerox SMart esolutions. White Paper sulla protezione Xerox SMart esolutions White Paper sulla protezione White Paper su Xerox SMart esolutions La protezione della rete e dei dati è una delle tante sfide che le aziende devono affrontare ogni giorno. Tenendo

Dettagli

GUIDA UTENTE PER UTILIZZO SITO ASSOCIAZIONI SARONNESI

GUIDA UTENTE PER UTILIZZO SITO ASSOCIAZIONI SARONNESI GUIDA UTENTE PER UTILIZZO SITO ASSOCIAZIONI SARONNESI Il sito delle Associazioni Saronnesi è una community per associazioni per comunicare tra di loro. Questa guida spiega come iscriversi al sito è interagire

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Notifiche telematiche degli atti per il settore penale presso gli uffici giudiziari

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Notifiche telematiche degli atti per il settore penale presso gli uffici giudiziari MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Notifiche telematiche degli atti per il settore penale presso gli uffici giudiziari MANUALE UTENTE Versione SNT: 1.4.4 Versione 2.2 09 Febbraio 2015 Indice 1. Generalità... 4

Dettagli

Manuale LiveBox APPLICAZIONE WINDOWS PHONE V. 3.0.3 (465) http://www.liveboxcloud.com

Manuale LiveBox APPLICAZIONE WINDOWS PHONE V. 3.0.3 (465) http://www.liveboxcloud.com 2015 Manuale LiveBox APPLICAZIONE WINDOWS PHONE V. 3.0.3 (465) http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina

Dettagli

ALLEGATO A MANUALE OPERATIVO DI ATENEO IN MATERIA DI PEC

ALLEGATO A MANUALE OPERATIVO DI ATENEO IN MATERIA DI PEC ALLEGATO A MANUALE OPERATIVO DI ATENEO IN MATERIA DI PEC (Allegato al Regolamento di Ateneo in materia di PEC approvato con D.R. Rep n. 1943 Prot. n.29177 del 13/10/2010) 1. Oggetto e finalità del manuale...2

Dettagli

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Penale Decreto Dirigenziale Articolo 39 D.P.R. 14 Novembre 2002, N. 313 Decreto Dirigenziale del 5 dicembre 2012 recante le regole

Dettagli

Piazza Italia 5 27100 Pavia Progetto SINTESI Dominio Provinciale Manuale Incontro Domanda Offerta Manuale per i lavoratori

Piazza Italia 5 27100 Pavia Progetto SINTESI Dominio Provinciale Manuale Incontro Domanda Offerta Manuale per i lavoratori Piazza Italia 5 27100 Pavia Progetto SINTESI Dominio Provinciale Manuale Incontro Domanda Offerta Manuale per i lavoratori Pagina 1 di 14 ACCESSO AL PORTALE SINTESI Il Settore Lavoro della Provincia di

Dettagli

ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO

ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO . IntrodDescrizione del Servizio a) Procedura di accreditamento Il Centro Servizi (CS) che richiede l accreditamento per la fornitura dell accesso fisico al Sistema

Dettagli

LBINT. http://www.liveboxcloud.com

LBINT. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBINT http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

COMUNE DI NOLA PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI NOLA PROVINCIA DI NAPOLI COMUNE DI NOLA PROVINCIA DI NAPOLI Piazza Duomo, 1 C.A.P. 80035 - C.F. 84003330630 - Partita I.V.A. : 01549321212 Manuale di Gestione Documentale (art. 5 DPCM 3/12/2013) Procedura Organizzativa Uso della

Dettagli

Manuale LiveBox WEB ADMIN. http://www.liveboxcloud.com

Manuale LiveBox WEB ADMIN. http://www.liveboxcloud.com 2014 Manuale LiveBox WEB ADMIN http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa

Dettagli

Guida all'installazione di Jug4Tenda

Guida all'installazione di Jug4Tenda Indice generale Guida all'installazione di Jug4Tenda WORK IN PROGRESS di Andrea Del Bene Guida all'installazione di Jug4Tenda...1 Nota...2 1Prerequisiti software...3 1.1Installazione Java JDK...3 1.2Installazione

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

Software - Software applicativo

Software - Software applicativo Software - Software applicativo Con i termini di software applicativo, o programma applicativo, si indicano tutti i programmi che vengono utilizzati direttamente dagli utenti finali per risolvere specifici

Dettagli

Governance e linee guida tecnicoorganizzative

Governance e linee guida tecnicoorganizzative Allegato 1 Servizio Governance e linee guida tecnicoorganizzative del sistema ICAR-ER INDICE 1. Introduzione 3 1.1 Definizione e Acronimi 3 1.2 Scopo del documento 4 1.3 Destinatari 4 2. Il Sistema ICAR-ER

Dettagli

hi-com software realizzato da Hi-Think

hi-com software realizzato da Hi-Think software realizzato da Hi-Think Pag 1 introduzione Hi-com è il programma di Hi-Think che soddisfa l'esigenza di chi, lavorando in ufficio o fuori ufficio, deve avere o scambiare con la propria azienda

Dettagli

Scuola Digitale. Manuale utente. Copyright 2014, Axios Italia

Scuola Digitale. Manuale utente. Copyright 2014, Axios Italia Scuola Digitale Manuale utente Copyright 2014, Axios Italia 1 SOMMARIO SOMMARIO... 2 Accesso al pannello di controllo di Scuola Digitale... 3 Amministrazione trasparente... 4 Premessa... 4 Codice HTML

Dettagli

Manuale LiveBox APPLICAZIONE ANDROID. http://www.liveboxcloud.com

Manuale LiveBox APPLICAZIONE ANDROID. http://www.liveboxcloud.com 2014 Manuale LiveBox APPLICAZIONE ANDROID http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia

Dettagli

Sistema Crediti Sanitari

Sistema Crediti Sanitari Sistema Crediti Sanitari Manuale Utente Fornitori Versione del 28 settembre 2011 Indice Indice... 2 Indice delle Figure... 3 1 Premessa... 4 1.1 Fasi dell operazione... 4 1.2 Organizzazione del documento...

Dettagli

Manuale LiveBox WEB ADMIN. http://www.liveboxcloud.com

Manuale LiveBox WEB ADMIN. http://www.liveboxcloud.com 2014 Manuale LiveBox WEB ADMIN http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Allegato A. Architettura del Sistema Informativo Catasto, Fiscalità e Territorio

Allegato A. Architettura del Sistema Informativo Catasto, Fiscalità e Territorio Allegato A Architettura del Sistema Informativo Catasto, Fiscalità e Territorio 1 Il Sistema Informativo del Catasto della Fiscalità e del Territorio Il Sistema Informativo del Catasto della Fiscalità

Dettagli

Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo. Area Servizi ICT

Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo. Area Servizi ICT Area Servizi ICT Servizi hosting di Ateneo - Integrazione con l'anagrafica Unica di Ateneo Versione 1.1 http://hosting.polimi.it Servizi di hosting offerti dall'area Servizi ICT Integrazione con l'anagrafica

Dettagli

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE EGIDIO PICERNO POTENZA 9 LUGLIO 2010 Interoperabiltà è la capacità di due o più sistemi informativi di scambiarsi informazioni e di attivare, a suddetto

Dettagli

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Francesco Tortorelli Il quadro normativo e regolatorio di riferimento 2 Il codice dell amministrazione digitale (CAD) CAD Servizi Access di services

Dettagli

GovPay. Manuale Utente

GovPay. Manuale Utente SERVIZI DI INTERMEDIAZIONE AL NODO DEI PAGAMENTI GovPay-ManualeUtente del 16/12/2015 - vers. 1 STATO DEL DOCUMENTO REV. DESCRIZIONE DATA 1 Prima versione 16/12/2015 ATTORI DEL DOCUMENTO Redatto da Giuseppe

Dettagli

Il Portale dei Servizi Telematici

Il Portale dei Servizi Telematici TRIBUNALE DI CAGLIARI Il Portale dei Servizi Telematici GUIDA INFORMATIVA AI SERVIZI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA Perchè questa guida La presente Guida Informativa si rivolge all utenza degli Uffici Giudiziari

Dettagli

Le scelte progettuali

Le scelte progettuali OberoNET Dopo aver sviluppato Oberon, il software per l'installatore, Axel si è concentrata sul reale utilizzatore dei sistemi di sicurezza con OberoNET: la suite di applicativi per la gestione in rete

Dettagli

locuzione "Interrogazione dati commissioni tributarie. Per l'utilizzo del servizio non e'

locuzione Interrogazione dati commissioni tributarie. Per l'utilizzo del servizio non e' La procedura di interrogazione dei dati in parola viene proposta per mezzo del servizio telematico ENTRATEL nella pagina "Servizi" ed è facilmente identificata dalla locuzione "Interrogazione dati commissioni

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

A. Richiedere PIN presso Ufficio Entrate

A. Richiedere PIN presso Ufficio Entrate A. Richiedere PIN presso Ufficio Entrate L'abilitazione a Fisconline può essere ottenuta richiedendo il codice PIN (di identificazione strettamente personale) recandosi presso un qualsiasi ufficio territoriale

Dettagli

Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 37-6240 Servizi on-line: modalita' di autenticazione dei cittadini.

Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 37-6240 Servizi on-line: modalita' di autenticazione dei cittadini. REGIONE PIEMONTE BU32 08/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 37-6240 Servizi on-line: modalita' di autenticazione dei cittadini. A relazione degli Assessori Vignale, Ghiglia,

Dettagli

CLS Citiemme Lotus Suite

CLS Citiemme Lotus Suite CLS Il pacchetto CLS v1.0 () è stato sviluppato da CITIEMME Informatica con tecnologia Lotus Notes 6.5 per andare incontro ad una serie di fabbisogni aziendali. E' composto da una serie di moduli alcuni

Dettagli

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE)

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) Comune di Vigonovo Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni

Dettagli

REGISTRO DELLE MODIFICHE

REGISTRO DELLE MODIFICHE TITOLO DOCUMENTO: - TIPO DOCUMENTO: Documento di supporto ai servizi Manuale WebMail EMESSO DA: I.T. Telecom S.r.l. DATA EMISSIONE N. ALLEGATI: STATO: 03/11/2010 0 REDATTO: M. Amato VERIFICATO: F. Galetta

Dettagli

La Fatturazione Elettronica con la PdD OpenSPCoop

La Fatturazione Elettronica con la PdD OpenSPCoop La Fatturazione Elettronica con la PdD OpenSPCoop del Proxy FatturaPA Link.it v1.0 del 7/11/2014 Indice 1 Premessa...3 2 Il contesto di riferimento...3 3 La Fatturazione Passiva...5 3.1 Scenari di utilizzo...6

Dettagli

Basic Standard Suite WEB. Contatto. fidelizzare

Basic Standard Suite WEB. Contatto. fidelizzare Basic Standard Suite WEB organizzare collaborazione Memorizzare Comunicare CONDIVISIONE QuALSIASI Contatto fidelizzare Dovunque Gestione ricerca Attività File è la soluzione software di nuova concezione

Dettagli

Fase 1: la Fatturazione Elettronica

Fase 1: la Fatturazione Elettronica GUIDA OPERATIVA ALLA DEMATERIALIZZAZIONE DEL CICLO DEGLI ACQUISTI IN EMILIA ROMAGNA Fase 1: la Fatturazione Elettronica Data: 19 giugno 2014 Versione: 3.1 Autori: Intercent-ER Par-ER INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Provincia di Genova. Il ruolo degli Enti Locali nello sviluppo dello E-government, loro rapporto con lo Stato e le Regioni

Provincia di Genova. Il ruolo degli Enti Locali nello sviluppo dello E-government, loro rapporto con lo Stato e le Regioni Provincia di Genova Convegno: Le Province e il digital divide: un crocevia tra innovazione, sviluppo e territorio settembre 2006 Il ruolo degli Enti Locali nello sviluppo dello E-government, loro rapporto

Dettagli

Manuale di Gestione Documentale (art. 5 DPCM 3/12/2013) Procedura Organizzativa Uso della Posta Elettronica Certificata e tradizionale

Manuale di Gestione Documentale (art. 5 DPCM 3/12/2013) Procedura Organizzativa Uso della Posta Elettronica Certificata e tradizionale Comune di Casavatore in collaborazione con Manuale di Gestione Documentale (art. 5 DPCM 3/12/2013) Procedura Organizzativa Uso della Posta Elettronica Certificata e tradizionale Cod. MANGEDOC Rev. 1.0

Dettagli

MUDE Piemonte. Adempimenti per i Comuni. STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V02 2.1

MUDE Piemonte. Adempimenti per i Comuni. STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V02 2.1 MUDE Piemonte Adempimenti per i Comuni STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V02 2.1 Aggiornamento casella di posta elettronica per comunicazioni 3 3.3; 3.3.1;

Dettagli

Procedura di abilitazione alla Rete di Lombardia Integrata

Procedura di abilitazione alla Rete di Lombardia Integrata VPN Client Versione 5.0.07 - Release 2 Procedura di abilitazione alla Rete di Lombardia Integrata La presente procedura descrive la fase di installazione dell applicazione VPN Client versione 5.0.07 utilizzata

Dettagli

Caratteristiche di funzionamento

Caratteristiche di funzionamento Fastcom Group 2011 Caratteristiche di funzionamento L applicazione consente la gestione delle attivitàdi front office (lato utente fornitori) che il back office (lato operatore interno ufficio acquisti).

Dettagli

Manuale LiveBox WEB ADMIN. http://www.liveboxcloud.com

Manuale LiveBox WEB ADMIN. http://www.liveboxcloud.com 2015 Manuale LiveBox WEB ADMIN http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa

Dettagli

Le funzionalità principali della piattaforma

Le funzionalità principali della piattaforma Istituto di Scienza e Tecnologie dell'informazione A Faedo (ISTI) - Laboratorio di domotica Quimby: Le funzionalità principali della piattaforma Dario Russo (dario.russo@isti.cnr.it) Obiettivi del progetto

Dettagli

Sistri. Procedura di accreditamento ai servizi di interoperabilità

Sistri. Procedura di accreditamento ai servizi di interoperabilità Sistri Procedura di accreditamento ai servizi di interoperabilità 22 febbraio 2012 Introduzione Questo documento è rivolto agli utenti di AmaAmbiente che intendono utilizzare i servizi di interoperabilità.

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS)

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) 2014 Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

Sicurezza delle Applicazioni Informatiche. Qualificazione dei prodotti di back office Linee Guida RER

Sicurezza delle Applicazioni Informatiche. Qualificazione dei prodotti di back office Linee Guida RER Sicurezza delle Applicazioni Informatiche Qualificazione dei prodotti di back office Linee Guida RER 1 Cliente Redatto da Verificato da Approvato da Regione Emilia-Romagna CCD CCD Nicola Cracchi Bianchi

Dettagli