Manuale d'uso. e.compliance. Versione 0.5

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale d'uso. e.compliance. Versione 0.5"

Transcript

1 Manuale d'uso e.compliance Versione /12/2007 1

2 Indice generale Scopo del manuale...5 e.toscana Compliance...6 Introduzione...7 I documenti Request For Comments (RFC) e.toscana...7 Tipologie di RFC...7 Il processo di accreditamento...8 Manuale d'uso e.toscana Compliance...10 Scrittura di un RFC e.toscana Applicativo...10 Come si pubblica un RFC e.toscana...11 Come si partecipa alla scrittura di un RFC e.toscana...12 Come fa un RFC e.toscana a diventare standard...12 Come si richiede la certificazione e.toscana Compliance...12 Come sono svolti i test per la certificazione dei SIL...13 Dove sono pubblicate le schede dei prodotti e.toscana Compliant...15 I risultati attesi dall'applicazione del processo e.toscana Compliance sono:...15 Le motivazioni a partecipare

3 Legenda icone ICONA Significato Rappresenta una risposa a domande ricorrenti. Rappresenta un momento di verifica. Indica che cosa deve avvenire ossia lo scopo di un passo in una fase. Suggerimento. 3

4 Scopo del manuale Lo scopo del manuale è quello di fornire delle utili indicazioni a coloro che adottano o vogliono adottare il processo e.toscana Compliance. 4

5 e.toscana Compliance 5

6 Introduzione e.toscana Compliance è il processo che supporta lo sviluppo dei servizi erogati e/o fruiti attraverso l infrastruttura CART. Tale processo coinvolge Enti e Imprese ICT all interno di una comunità che ha l obiettivo di definire tecniche, standard tecnologici e soluzioni capaci di interoperare attraverso CART. A supporto della comunità è disponibile il Centro Tecnico e.toscana Compliance il quale ha anche il compito di accertare la corretta applicazione degli standard finalizzato. Il processo ruota attorno al concetto di RFC e.toscana. I documenti Request For Comments (RFC) e.toscana La Comunità e.toscana è il luogo da cui prende avvio una collaborazione tra i soggetti che è presupposto fondamentale alla realizzazione della cooperazione applicativa. Il punto di incontro della Comunità è il sito e.toscana Compliance ecompliance. Il sito è il tavolo di discussione per la definizione concertata delle regole che riguardano i singoli ambiti applicativi e l infrastruttura stessa. Il risultato della collaborazione dei soggetti della Comunità e.toscana è un documento di specifica detto RFC e.toscana. Obiettivo del documento RFC è la realizzazione di uno standard aperto che include la definizione di tecniche, modalità, standard tecnologici e informativi. Il processo con cui la Comunità crea i documenti RFC prende avvio con la proposta di un tema di interesse da parte della Comunità stessa che in rilasci successivi, porta a maturazione il documento RFC. Il Centro Tecnico per la e.toscana Compliance offre supporto tecnico durante il processo verificando che gli RFC e.toscana siano compatibili con le regole che la Comunità e.toscana stessa si è data. Il documento RFC prodotto dalla collaborazione tra Comunità e Centro Tecnico è presentato al Comitato e.toscana Compliance che lo rende uno standard dopo aver accertato l'effettiva condivisione e diffusione del documento tra i soggetti della Comunità e.toscana. Un RFC e.toscana Standard è la specifica di riferimento per implementare le soluzioni software che prevedono lo scambio di informazioni tramite l'infrastruttura CART. Attualmente la Comunità ha prodotto circa 60 RFC e.toscana (tutti liberamente reperibili, consultabili e scaricabili dal sito alcuni dei quali sono standard, altri candidati a diventarlo. 6

7 Tipologie di RFC La definizione e l adozione di standard aperti è un elemento chiave per definire un modello dell' architettura e realizzarlo in un infrastruttura che abilita l integrazione e la cooperazione di applicazioni esistenti. La creazione e la diffusione di standard aperti è quindi elemento fondamentale per attuare un concetto di apertura che riguarda non solo i singoli domini applicativi, ma anche e soprattutto lo sviluppo di soluzioni di integrazione e cooperazione. In e.toscana si individuano quindi due tipi di RFC: RFC Applicativi che descrivono gli standard relativi alla cooperazione in un particolare dominio applicativo in termini di soggetti coinvolti, modalità di cooperazione, specifiche tecniche di interfacce di cooperazione; RFC Infrastrutturali che affrontano tematiche quali il corretto utilizzo delle infrastrutture ed hanno la finalità di condividere gli strumenti e le procedure da utilizzare per fruire in modo corretto dell infrastruttura di cooperazione applicativa CART minimizzando l'impatto sui SIL. Negli RFC infrastrutturali vengono forniti i dettagli tecnici di come si sviluppano i servizi su CART. I principali RFC Infrastrutturali sono: descrizione di come scrivere gli RFC (RFC e.toscana Infrastrutturale numero 17) descrizione di come scrivere gli Accordi di Servizio Accordo di Servizio Parte Comune (RFC e.toscana Infrastrutturale numero 1) Accordi di Servizio Parte Specifica (RFC e.toscana Infrastrutturale numero 20) descrizione del processo di sviluppo di un servizio CART (RFC e.toscana Infrastrutturale numero 19) descrizione dettagliata di come si utilizzano le interfacce esposte dai NAL (proxy, proxy trasparente, integration manager) (RFC e.toscana Infrastrutturale numero 22) Ciclo di vita di un servizio CART (RFC e.toscana Infrastrutturale numero 19) Tra gli RFC infrastrutturali di fondamentale importanza è l RFC che stabilisce quali caratteristiche deve avere il software che utilizza l infrastruttura di cooperazione. Attraverso tale RFC la comunità si dà un insieme di regole che definiscono il comportamento corretto da rispettare nell utilizzo dell infrastruttura. Di seguito è illustrata la struttura e il processo organizzativo della produzione di RFC Applicativi e Infrastrutturali e.toscana. Il processo di accreditamento Un Ente o una Impresa deve che produce applicazioni di cooperazione per l infrastruttura CART deve utilizzare un RFC e.toscana Standard come specifica per realizzare un prodotto software. Una volta realizzato, il prodotto viene testato dall'azienda utilizzando l'ambiente di staging. A seguito dei test, il prodotto può essere presentato al Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance che, svolgendo un 7

8 percorso di certificazione, verifica che la soluzione sviluppata soddisfi (limitatamente alle funzionalità di cooperazione) i requisiti stabiliti dagli RFC e.toscana a cui si riferisce. La procedura attraverso cui il Centro Tecnico verifica la conformità del prodotto comprende le seguenti attività: l'esame della documentazione fornita l'applicazione di specifici test funzionali I componenti software presi in esame dalla certificazione sono: Proxy Applicativo: Un proxy applicativo e' un componente software, installato in uno o piu' NAL, le cui caratteristiche principali possono essere cosi' riassunte: Rappresenta un particolare dominio applicativo (implementa quindi le regole descritte in un RFC e.toscana Applicativo) Trasforma le richieste di servizio di un SIL in richieste all'infrastruttura (es. pubblicazione di eventi) Opera per conto di uno o più SIL (Sistemi Informativi Locali), ovvero si relaziona con l'insieme di tutti i sistemi informativi (e di altri componenti software) di qualunque Ente connesso al NAL sul quale il proxy applicativo stesso e' installato SIL (Sistema Informativo Locale): è l'adattatore software che deve essere implementato nel sistema informativo dell'ente per utilizzare il software. Ad esempio se un ente utilizza il software per protocollare allora lo deve estendere per invocare i servivi esposti dal proxy in modo ad esempio di mandare un documento protocollato ad un altro ente. Ancora una volta i requisiti si conformità dei proxy e dei SIL sono espressi tramite RFC e.toscana Infrastrutturali: Certificazione e.toscana Compliance di Proxy Applicativi (RFC e.toscana Infrastrutturale numero 32) Certificazione e.toscana Compliance di applicativi SIL (RFC e.toscana Infrastrutturale numero 33) Il processo di certificazione è invece espresso nei seguenti documenti (in cui sono ripresi gli RFC sopra elencati): Regolamento Documento Dettaglio del processo Descrizione Regolamento del processo di accreditamento "e.toscana Compliance" Dettaglio del processo di certificazione dei Proxy e dei SIL Il Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance rilascia il certificato di conformità alle soluzioni che superano positivamente il processo di verifica. I prodotti che superano il processo di verifica sono detti e.toscana Compliant. Il certificato rilasciato dal Centro Tecnico e approvato dal Comitato per la e.toscana Compliance attesta tale compliance ed è pubblicato su un catalogo sul sito 8

9 Attualmente sono stati accreditati quattro prodotti e molti altri sono in attesa di esserlo. Manuale d'uso e.toscana Compliance Scrittura di un RFC e.toscana Applicativo 1. L'Utente (o la Ditta incaricata per conto dell'utente) scarica il documento RFC e.toscana Infrastrutturale numero 17 ; 2. L'Utente (o la Ditta incaricata per conto dell'utente) scrive un documento, chiamato RFC e.toscana Applicativo, rispettando le regole stabilite nel documento scaricato al passo precedente; richieste di chiarimenti sul documento RFC e.toscana Infrastrutturale numero 17 possono essere effettuate tramite il forum associato; Se durante la fase di scrittura di una RFC si individua la necessità di introdurre una codifica che potrebbe essere utile anche in altri contesti si suggerisce di creare una RFC e.toscana Applicativa per tale codifica. Esempi di RFC in cui sono indicate le codifiche sono il numero 58 (Codifiche Province RT) e numero 55 (Codifiche Aree Interventoi e Stati di una RFC). 3. L'Utente (o la Ditta incaricata per conto dell'utente) pubblica l'rfc e.toscana Applicativo (documento prodotto al passo precedente) sul sito. Inizia quindi un processo di discussione del documento in cui tutti i soggetti interessati all'argomento discutono, producono nuove release del documento utilizzando il sito stesso; compito del Gestore del Progetto è quello di promuovere, tramite il forum messo a disposizione del sito, la discussione dell'rfc e.toscana pubblicato in modo da condividere il documento con tutti gli interessati. In questa fase il Gestore del Progetto dovrebbe individuare tutti i soggetti che potenzialmente interessati all'rfc e.toscana Applicativa e cercando di coinvolgerli alla discussione del documento. Per avere una massima condivisione il sito dispone di un forum. Per utilizzare il forum è necessario che il soggetto interessato si iscriva, tramite l'apposita form del sito. 4. L'Utente (o la Ditta incaricata per conto dell'utente) o il Gestore del Progetto possono richiedere il supporto del Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance al fine di garantire la corretta adozione 9

10 degli standard e.toscana Compliance; la richiesta di verifica del Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance anche se non obbligatoria è fortemente consigliata; E' stato scritto un documento di analisi del servizio tale documento (RFC e.toscana Applicativo); tutti i soggetti interessati al documento lo hanno condiviso; Come si pubblica un RFC e.toscana I passi principali per pubblicare un RFC e.toscana sono: 1. l'utente tramite il Sito e.toscana Compliance richiede l'utenza tramite l'apposito link Iscrivi Azienda ; 2. user e password verranno comunicate via mail all'utente; La comunicazione di user/password non è generata automaticamente quindi viene comunicata dal personale di Regione Toscana in al più di due giorni. E' possibile sollecitare il rilascio delle credenziali al Responsabile dell'infrastruttura. 3. L'Utente utilizzando user/password comunicate al passo precedente seleziona "inserimento nuova RFC" 4. l'utente completa la form proposta e fare l'upload del documento (ossia dell'rfc e.toscana Applicativo) E' possibile consultare la manualistica dell'uso del sito attraverso il link Manuale utente posizionato nella home page del sito stesso. 5. l'utente attende che il Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance renda visibile l'rfc. Il Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance notifica via mail che l'rfc è pubblica. Il Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance gestisce una mailing list contenente le mail di tutti gli iscitti al Sito e.toscana Compliance. Tramite tale mailing list notifica a tutti gli iscitti l'esistenza della RFC (o delle successive revisioni). E' dunque necessario che l'utente faccia iscrivere al Sito e.toscana Compliance tutti i soggetti che potrebbero essere interessati alla discussione dell'rfc e.toscana Applicativa in un'ottica di piena 10

11 condivisione dei contenuti del documento. Quando l'rfc è in discussione tutti i membri della Comunità possono chiedere chiarimenti utilizzando il forum presente sul sito. La discussione alla scrittura di un RFC e.toscana può partorire una nuova revisione. E' stato scritto un documento di analisi del servizio tale documento (RFC e.toscana Applicativo); adesso è importante che l'utente coinvolga, usando i forum del sito e.toscana Compliance, tutti i soggetti potenzialmente interessati al documento prodotto; Come si partecipa alla scrittura di un RFC e.toscana I passi principali per partecipare alla scrittura di un RFC e.toscana sono: 1. andare sul sito e richiedere (se non già avuta) una utenza La comunicazione di user/password non è generata automaticamente quindi viene comunicata dal personale di Regione Toscana in al più di due giorni. E' possibile sollecitare il rilascio delle credenziali al Responsabile dell'infrastruttura. 2. selezionare "elenco RFC" e selezionare l'rfc di interesse 3. selezionare il pulsante "inserimento proposta di revisione". Una proposta di revisione è una RFC che estende, modifica, corregge,... quella presente sul sito. La proposta di revisione è una RFC e quindi deve rispettare il formato indicato nell'rfc #17 4. completare la scheda e fare l'upload del documento 5. attendere che il Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance renda visibile l'rfc. Il Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance notifica via mail che l'rfc è pubblica e quindi può essere discussa dalla Comunità e.toscana Il centro Tecnico e.toscana Compliance deve rendere pubblica la nuova versione dell'rfc in al più di due giorni dall'upload o comunicare via mail il motivo del rifiuto alla pubblicazione. E' possibile sollecitare la verifica della nuova versione dell'rfc contattando il Responsabile dell'infrastruttura. 11

12 Come fa un RFC e.toscana a diventare standard Tipicamente il proponente di una RFC e.toscana Compliance segue il processo di maturazione del documento. Quando ritiene che il documento è condiviso dalla comunità deve seguire i seguenti passi: 1. inviare una mail al Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance in cui si richiede che l'rfc sia Candidata a diventare standard 2. il centro tecnico esamina l'rfc e verifica che le regole che la comunità (formato standard RFC, riferimento a codifiche comuni,...) si è data siano rispettate 3. il Centro Tecnico notifica al proponente le anomalie riscontrate o propone di far diventare standard l'rfc al Comitato per l'e.toscana Compliance Il Centro Tecnico e.toscana Compliance deve verificare la candidatura in al più due giorni dalla richiesta. E' possibile sollecitare la verifica della nuova versione dell'rfc contattando il Responsabile dell'infrastruttura. 4. il Centro Tecnico si incarica di notificare alla Comunità e.toscana la candidatura dell'rfc tramite una mail 5. il Comitato per l'e.toscana Compliance verifica che l'rfc candidata sia condivisa da tutti gli enti della comunità e in questo caso la fa diventare uno Standard. La notifica di questo avvenimento avviene tramite mail ad organi tecnici e politici. Come si richiede la certificazione e.toscana Compliance Per richiedere la certificazione e.toscana Compliance si devono effettuare i seguenti passi (per una documentazione più estesa si vedano i documenti precedentemente indicati: 1. andare sul sito e richiedere (se non già avuta) una utenza 2. selezionare "richiesta accreditamento " 3. completare la scheda e fare l'upload del documento (che deve essere conforme a quanto indicato negli RFC numero 32 e 33 rispettivamente per Proxy e SIL) 4. il Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance farà pervenire per mail le prime osservazioni sul documento. Se necessario sarà possibile concordare con il Centro Tecnico un incontro per un esame più dettagliato della documentazione. 5. Se la documentazione risulta corretta si passa al test del software. Il Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance dispone di un laboratorio che afferisce all' infrastruttura di test del CART composta da una macchina visibile su Internet che espone tutti i proxy prodotti. Tale macchina può essere quindi usata dalle Ditte Fornitrici per certificare il software e dagli Enti per provare se il software installato utilizza correttamente l'infrastruttura CART. Le modalità di test del software sono decise di volta in volta con il Centro Tecnico per l'e.toscana Compliance. 6. Se anche il test è superato il prodotto è certificato e.toscana Compliance. Il Centro Tecnico notifica al Comitato per l'e.toscana Compliance che tecnicamente il software è compliant. 7. Il Comitato per l'e.toscana Compliance vista l'istruttoria tecnica notifica via mail che il software è certificato e la scheda del prodotto diventa visibile nel catalogo dei prodotti accreditati all'e.toscana Compliance (quindi sul sito alla voce "prodotti accreditati") 12

13 A questo link è presentato un esempio di documentazione di un applicativo SIL redatta in un formato coerente con quanto richiesto dai requisiti espressi nell'rfc #33 (passo 4. del processo sopra descritto). Come sono svolti i test per la certificazione dei SIL La verifica per la certificazione prevede lo svolgimento di test funzionali che coinvolgono l'applicazione SIL sottoposta a verifica e un sistema di test SIL-CT sviluppato dal Centro Tecnico e.toscana Compliance. In figura è riportato un diagramma che mostra la configurazione di deploy tipicamente utilizzata per lo svolgimento dei test. Lo scambio di eventi è mediato dalla infrastruttura di cooperazione CART di test Carttestnal [ ] Proxy Applicativo nal-unifi Proxy Applicativo Servizi Pubblicazione / Ricezione Eventi Servizi Pubblicazione / Ricezione Eventi Ente / Azienda Applicazione SIL da Verificare Centro Tecnico e.toscana Compliance Applicazione "SIL-CT" Figura 1: Configurazione di deploy del sistema solitamente usata per lo svolgimento dei test per la certificazione. La figura mostra l'applicazione SIL sottoposta a verifica e SIL-CT sviluppata dal Centro Tecnico e.toscana Compliance. Il NAL utilizzato dalla applicazione SIL sottoposta a verifica deve essere carttestnal, NAL di test installato presso Regione Toscana e pubblicamente disponibile all'indirizzo: Carttestnal ospita tutti i Proxy Applicativi sviluppati per il CART. Per quanto riguarda l'applicazione SIL-CT, questa utilizzerà tipicamente il NAL nal-unifi installato presso il Centro Tecnico. A discrezione del centro Tecnico potrà comunque essere usato un NAL diverso. L'azienda produttrice dovrà fornire una installazione dell'applicazione configurata per lavorare con il NAL di test carttestnal di Regione Toscana (http://carttestnal.rete.toscana.it). 13

14 Durante la verifica, il Centro Tecnico lavora sulla applicazione SIL come un normale operatore, quindi utilizzando l'interfaccia dell'applicativo. Per questo motivo il Centro Tecnico dovrà avere a disposizione l'interfaccia del sistema. Questo può essere realizzato in due modi diversi: Se il sistema SIL da verificare presenta una interfaccia accessibile su internet (una interfaccia web), il Centro Tecnico può svolgere i test dalla propria sede utilizzando questa interfaccia. L'installazione del SIL utilizzata per la verifica potrà essere quindi effettuata dall'azienda in modo indifferente presso la propria sede o presso un Ente. Se il sistema SIL non presenta una interfaccia accessibile da remoto, l'azienda dovrà portare una installazione su un proprio PC presso la sede di Regione Toscana, dove saranno svolte le verifiche assieme a personale del Centro Tecnico. Nello svolgimento del test, il Centro Tecnico controlla che, a seguito dello svolgimento delle operazioni sull'interfaccia, il SIL effettui correttamente le pubblicazioni e le ricezioni di eventi secondo gli scenari previsti dagli RFC applicativo di riferimento ed esercitando i casi di test prodotti dal Centro Tecnico per il dominio applicativo. Dove sono pubblicate le schede dei prodotti e.toscana Compliant Le schede dei prodotti accreditati sono pubblicate sul sito alla voce "prodotti accreditati". I risultati attesi dall'applicazione del processo e.toscana Compliance sono: costituire una comunità di enti e imprese (detta Comunità e.toscana) che parteciano in modo collaborativo alla definizione e realizzazione di soluzioni e.toscana Compliant rafforzare una proposta Toscana sui temi dello sviluppo delle soluzioni per l'e.government promuovere un marchio e.toscana indice di qualità ed integrabilità delle soluzioni. Le motivazioni a partecipare e.toscana Compliance rappresenta una opportunità di partecipare alla attuazione dell e.government per tutti i soggetti della Comunità, offrendo ad ognuno una molteplicità di vantaggi: Per gli enti appartenenti alla Comunità e.toscana la disponibilità di RFC pubblici favorisce la nascita di diversi fornitori in competizione sulla qualità dei servizi offerti e sui relativi prezzi; la disponibilità di RFC è un arma efficace per condividere informazioni e standard al fine di favorire lo sviluppo del software aperto; abbattere i costi di analisi cooperando nella produzione di RFC (fase di analisi nella produzione del software); 14

15 Per le Imprese appartenenti alla Comunità e Toscana competere sulla realizzazione di servizi basati su RFC possibilità di mantenere aggiornato il proprio software in forma autonoma opportunità di crescita tecnologica miglioramento dell immagine Per gli organi di governo appartenenti alla Comunità e.toscana possibilità di promuovere soluzioni di qualità possibilità di incentivare il riuso limitare il digital divide. 15

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PER LE AMMINISTRAZIONI E GLI ENTI PUBBLICI Versione 1.1 del 06/12/2013 Sommario Premessa... 3 Passo 1 - Registrazione dell Amministrazione/Ente...

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

Progetto SINTESI. Dominio Provinciale. Guida alla compilazione del form di Accreditamento. -Versione Giugno 2013-

Progetto SINTESI. Dominio Provinciale. Guida alla compilazione del form di Accreditamento. -Versione Giugno 2013- Progetto SINTESI Dominio Provinciale Guida alla compilazione del form di Accreditamento -Versione Giugno 2013- - 1 - Di seguito vengono riportate le indicazioni utili per la compilazione del form di accreditamento

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

GESTIONE SOGGETTI INCARICATI MANUALE UTENTE VERSIONE 1.0

GESTIONE SOGGETTI INCARICATI MANUALE UTENTE VERSIONE 1.0 09/01/2015 GESTIONE SOGGETTI INCARICATI MANUALE UTENTE VERSIONE 1.0 PAG. 2 DI 16 INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. PREMESSA 4 3. FUNZIONI RELATIVE AGLI INCARICATI 6 3.1 NOMINA DEI GESTORI INCARICATI E DEGLI

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

Autenticazione con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) Configurazione e utilizzo con il portale GisMasterWeb (v1.02 del 09/07/2014)

Autenticazione con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) Configurazione e utilizzo con il portale GisMasterWeb (v1.02 del 09/07/2014) Autenticazione con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) Configurazione e utilizzo con il portale GisMasterWeb (v1.02 del 09/07/2014) La Carta Nazionale dei Servizi (CNS) è lo strumento attraverso il quale

Dettagli

Iscrizione al ReGIndE. tramite il Portale dei Servizi Telematici

Iscrizione al ReGIndE. tramite il Portale dei Servizi Telematici Aste Giudiziarie Inlinea S.p.A. www.procedure.it Iscrizione al ReGIndE (Registro Generale degli Indirizzi Elettronici) tramite il Portale dei Servizi Telematici Vademecum operativo realizzato dalla società

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Allegato 1.3 Modalità di messa in produzione software

Allegato 1.3 Modalità di messa in produzione software Gennaio 2014 Allegato 1.3 Modalità di messa in produzione software DigiCamere 2013 1 1. Obiettivi 2013 Nel corso del 2013 si è proceduto alla ridefinizione del processo di passaggio in produzione degli

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider Eventi definitivi MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider Eventi definitivi MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua Eventi definitivi MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 18 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3.

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE Guida d uso per la registrazione e l accesso Ver 3.0 del 22/11/2013 Pag. 1 di 16 Sommario 1. Registrazione sul portale GSE... 3 2. Accesso al Portale... 8 2.1 Accesso alle

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP

ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP Vista la Legge N 228 del 24/12/2012 (entrata in vigore il 01/01/2013) e la circolare n 18/2013 Prot. N. 11054, nell ottica di procedere in modo uniforme all

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia. TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.it Firenze,.18. (?D.-l ~ AI SIGG.RI PRESIDENTIDEGLI ORDINI

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Glossario... 3 2. il servizio SPCoop - Ricezione... 5 3. Il web-service RicezioneFatture... 8 3.1 Operazione RiceviFatture... 9 3.1.1

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

OsSC Corso Formazione Normativa e processo

OsSC Corso Formazione Normativa e processo OsSC Corso Formazione Normativa e processo Paola Aita, Antonio Galluccio, Raffaella Maione Febbraio Aprile 2014 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE 1. L istanza di riconoscimento dei CFP, deve essere presentata esclusivamente al CNI mediante una compilazione online di apposito modulo disponibile sulla piattaforma della formazione

Dettagli

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma Guida Categoria alla registrazione StockPlan Connect Il sito web StockPlan Connect di Morgan Stanley consente di accedere e di gestire online i piani di investimento azionario. Questa guida offre istruzioni

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie [COB] Import massivo XML. ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01)

SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie [COB] Import massivo XML. ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01) SINTESI Comunicazioni Obbligatorie [COB] XML ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01) Questo documento è una guida alla importazione delle Comunicazioni Obbligatorie: funzionalità che consente di importare

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4 Banche Dati del Portale della Trasparenza Manuale del sistema di gestione Versione 2.4 Sommario Introduzione e definizioni principali... 3 Albero dei contenuti del sistema Banche Dati Trasparenza... 3

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Portale Unico dei Servizi NoiPA

Portale Unico dei Servizi NoiPA Portale Unico dei Servizi NoiPA Guida all accesso al portale e ai servizi self service Versione del 10/12/14 INDICE pag. 1 INTRODUZIONE... 3 2 MODALITÀ DI PRIMO ACCESSO... 3 2.1 LA CONVALIDA DELL INDIRIZZO

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere.

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere. Istruzioni esemplificate per Iscrizione e fruizione Corsi ECM FAD La nuovissima piattaforma proprietaria FAD Ippocrates3 adottata a partire da gennaio 2013 da SANITANOVA S.r.l., è in grado di dimensionare

Dettagli

Guida alla registrazione al sistema Alias nell ambito della sperimentazione di cui alla Delibera n. 42/13/CIR. Versione 1.0

Guida alla registrazione al sistema Alias nell ambito della sperimentazione di cui alla Delibera n. 42/13/CIR. Versione 1.0 nell ambito della sperimentazione di cui alla Delibera n. 42/13/CIR Versione 1.0 1 Introduzione L impiego di Alias come mittente nei messaggi è attualmente regolato dalla delibera n. 42/13/CIR concernente

Dettagli

Regolamento per l'accesso alla rete Indice

Regolamento per l'accesso alla rete Indice Regolamento per l'accesso alla rete Indice 1 Accesso...2 2 Applicazione...2 3 Responsabilità...2 4 Dati personali...2 5 Attività commerciali...2 6 Regole di comportamento...3 7 Sicurezza del sistema...3

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Dipartimento Comunicazione Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Sommario 1. Premessa... 3 2. Identificazione al Portale di Roma Capitale tramite documento d identità... 4 2.1 Registrazione

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema

Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema Guida pratica all utilizzo della gestione crediti formativi pag. 1 di 8 Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema Gentile avvocato, la presente guida è stata redatta per

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

Radar Web PA. Valutazione della qualità dei siti web. Valutazione della qualità dei siti web della Pubblica Amministrazione

Radar Web PA. Valutazione della qualità dei siti web. Valutazione della qualità dei siti web della Pubblica Amministrazione Radar Web PA Valutazione della qualità dei siti web Livello d interazione Sezione di trasparenza Open data Open Content Valutazione Partecipazione Presenza 2.0 Contenuti minimi Dominio.gov Dichiarazioni

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo 1. Credenziali di accesso alla piattaforma Ai fini della trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Logo pagopa per il sistema dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. Premessa L Agenzia per l Italia Digitale

Dettagli

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Firma Digitale Remota Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Versione: 0.3 Aggiornata al: 02.07.2012 Sommario 1. Attivazione Firma Remota... 3 1.1 Attivazione Firma Remota con Token YUBICO... 5

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S.

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. All accensione del Tab e dopo l eventuale inserimento del codice PIN sarà visibile la schermata iniziale. Per configurare

Dettagli

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture SUA-RD - NOTE TECNICHE PER L UTILIZZO DELL INTERFACCIA Utenze abilitate alla compilazione della scheda SUA-RD: - Ateneo - Strutture (Dipartimenti/Facoltà) - Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI IMPORTANTE: il presente documento è un contratto ("CONTRATTO") tra l'utente (persona fisica o giuridica) e DATOS DI Marin de la Cruz Rafael

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Obiettivo del Documento

Obiettivo del Documento La firma digitale Obiettivo del Documento L obiettivo di questo documento è quello di offrire una guida rapida all utilizzatore sullo strumento di firma digitale. Qualsiasi altro approfondimento su normative

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli