Questo opuscolo è una guida sintetica per tutti coloro che si avvicinano al mondo dell adozione.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Questo opuscolo è una guida sintetica per tutti coloro che si avvicinano al mondo dell adozione."

Transcript

1 Premessa Questo opuscolo è una guida sintetica per tutti coloro che si avvicinano al mondo dell adozione. Il testo fornisce le principali indicazioni relative al procedimento di adozione nazionale ed internazionale e agli organi istituzionali deputati ad accompagnare le coppie nel percorso di accoglienza di un bambino. La nascita di ogni nuova famiglia ha un profondo significato per l intera collettività ed è, quindi, fondamentale che anche la scelta di ampliarla attraverso l adozione sia consapevole, serena e solida. ASA Onlus, impegnata da anni nella missione di assicurare ad ogni bambino una famiglia, non poteva che sposare l impegno quotidiano del Patronato ACLI a fianco dello stesso nucleo fondante della società. Questa nostra collaborazione vuole contribuire allo sviluppo di una cultura autenticamente aperta all accoglienza di chi è solo, da qualunque parte del mondo arrivi. Carmelo Sferro Presidente Patronato ACLI Marina Virgillito Presidente ASA Onlus

2 2 Indice Cos è l adozione.....pag.4 Effetti giuridici dell adozione..pag.5 I bambini accolti in adozione pag.5 Chi può offrire la disponibilità all adozione...pag.5 Differenza d età tra adottato e adottanti pag.6 La dichiarazione di disponibilità.. pag.7 La procedura...pag.7 La documentazione.pag.8 Cosa succede dopo aver dichiarato la disponibilità.pag.9 I servizi socio-assistenziali...pag.9 La relazione psico-sociale.....pag.9 L ADOZIONE NAZIONALE.pag.10 Il colloquio con i giudici.. pag.10 L abbinamento pag.10 L affidamento pre-adottivo.....pag.11 La sentenza di adozione.. pag.11 Revoca dell affidamento.pag.11 Durata della dichiarazione di disponibilità... pag.12

3 3 L ADOZIONE INTERNAZIONALE..pag.13 Cos è l adozione internazionale.. pag.13 Il decreto di idoneità..pag.14 L Ente Autorizzato.pag.14 Il conferimento all Ente Autorizzato..pag.15 L incontro col bambino..pag.16 Il rientro in Italia...pag.17 Il post-adozione pag.17 I costi dell adozione internazionale...pag.17 La certificazione delle spese pag.18 I congedi....pag.18 Congedo di maternità e paternità pag.18 a. Lavoratori dipendenti. pag.18 a.1 Lavoratori a progetto...pag.19 b. Congedo parentale...pag.20

4 4 Cos è l adozione La famiglia è il luogo di relazioni fondamentale per assicurare ad ogni bambino una crescita sana ed armoniosa. La famiglia è la base sulla quale è costruita la nostra società, un diritto riconosciuto e tutelato dalla nostra Costituzione e dalla legge anche e, soprattutto, per coloro che ne sono temporaneamente o definitivamente privi. Attraverso l adozione si salvaguarda il diritto del bambino di crescere in una famiglia. Per gli adulti, l adozione comporta la capacità di accettare un bambino nato da altri. Il bambino ha una sua storia e proprie esperienze di vita da rispettare. Il percorso adottivo è una scelta su cui riflettere a fondo, per la quale è necessario prepararsi, interrogandosi sulle responsabilità e sul significato che ci si assume diventando genitore adottivo. Nel nostro Paese il ricorso all adozione avviene nel momento in cui sono precluse al bambino tutte le possibilità di rimanere in seno alla famiglia d origine, quando sussistano cioè situazioni dannose e non reversibili per la sua salute fisica e psichica. Laddove, dunque, il Tribunale per i Minorenni del distretto nel quale risieda il minore accerti che un bambino sia privo di assistenza materiale e morale da parte dei genitori o dei parenti tenuti a provvedervi dichiara lo stato di adottabilità.

5 5 Effetti giuridici dell adozione Il bambino assume lo status di figlio legittimo, con conseguente sostituzione del proprio cognome con quello dei genitori adottivi; acquisisce inoltre parentela con la famiglia allargata dei genitori adottivi; interrompe ogni legame giuridico e ogni rapporto con la famiglia biologica, salvi i divieti matrimoniali. I bambini accolti in adozione I bambini che possono essere accolti in adozione sono solo quelli nei confronti dei quali il Tribunale per i Minorenni competente abbia dichiarato lo stato di adottabilità. La dichiarazione di adottabiltà del bambino (tranne che per i neonati non riconosciuti alla nascita) è sempre preceduta dall accertamento di una sostanziale e profonda e irreversibile privazione di cure materiali e morali da parte dei genitori o dei parenti, nei confronti del bambino, tali da creare un danno che potrebbe pregiudicarne la crescita. In caso di adozione internazionale è necessaria, inoltre, la constatata impossibilità per il bambino di ricevere adeguati sostegni nel proprio Paese d origine. Chi può offrire la disponibilità all adozione Può decidere di intraprendere il percorso di adozione la coppia che sia in possesso dai requisiti richiesti

6 6 dall art. 6 della L. 184/83 così come modificata dalla L. n. 149/01. La coppia deve essere: coniugata da almeno 3 anni, o dimostrare di avere convissuto stabilmente per un periodo, compreso quello del matrimonio, di 3 anni. La stabilità della convivenza è accertata dal Tribunale per i minorenni; nei tre anni precedenti alla presentazione della dichiarazione di disponibilità, i coniugi non devono essersi separati, né legalmente né di fatto. Quest'ultima circostanza deve essere autocertificata. riconosciuta (a seguito di approfonditi colloqui con il personale dei servizi sociosanitari e dei giudici, onorari e togati, del Tribunale per i minorenni) idonea ad educare, istruire e mantenere i minori che intende adottare. Differenza d età tra adottato e adottanti È necessario inoltre che intercorra una differenza di età fra genitori e figlio compresa tra i 18 e i 45 anni, salvo eccezioni previste dalla legge. In ambito di adozione internazionale, occorre tener presente che le Autorità straniere applicano le norme del proprio ordinamento. È dunque possibile riscontrare una mancata

7 7 corrispondenza rispetto alle norme italiane in merito. La dichiarazione di disponibilità La coppia che intende adottare deve presentare dichiarazione di disponibilità presso il Tribunale per i Minorenni. Per quanto concerne l adozione nazionale, la coppia può dichiarare la propria disponibilità presso tutti i Tribunali per i Minorenni d Italia. Invece la coppia che intende procedere all adozione internazionale deve presentare dichiarazione di disponibilità solo presso il Tribunale per i Minorenni competente in base al luogo di residenza. La procedura Il procedimento di adozione, sia nazionale che internazionale, prevede una serie di incontri con gli operatori del servizio socio-assistenziale di residenza e coi giudici onorari e togati del Tribunale per i Minorenni competente. Al termine degli incontri previsti, le coppie che si sono dichiarate disponibili anche all adozione internazionale dovranno attendere che il Tribunale per i Minorenni emetta il decreto di idoneità per poter, successivamente, conferire incarico ad un Ente Autorizzato alle adozioni internazionali.

8 8 La documentazione I documenti generalmente richiesti per iniziare l iter di adozione sono i seguenti: certificato di nascita di ambedue i coniugi; certificato di matrimonio ed eventuale certificato storico o documentazione attestante la convivenza; stato di famiglia; dichiarazione che attesti lo stato di non separazione dei coniugi; casellario giudiziale e carichi pendenti; certificati di residenza di entrambi i coniugi; certificato di sana costituzione psico-fisica accertata da struttura pubblica, da cui risulti l'esclusione di affezioni TBC, veneree, cardiovascolari ed HIV; dichiarazione di assenso da parte dei genitori dei coniugi. In caso di decesso, certificato di morte; modello 101 o 740 o busta paga; fotografia dei coniugi. Tutti i documenti vanno presentati in carta semplice.

9 9 Cosa succede dopo aver dichiarato la disponibilità La Cancelleria del Tribunale per i Minorenni trasmette copia della dichiarazione di disponibilità ai servizi socio - assistenziali del Comune di residenza (Servizio Sociale e Consultorio Familiare). I servizi socio-assitenziali I servizi sociali prendono contatto con i coniugi per: informarli e prepararli psicologicamente all'adozione; acquisire informazioni sulla loro situazione personale, familiare, sanitaria, sociale, sulle motivazioni della scelta del percorso adottivo; offrire al Tribunale per i Minorenni elementi utili a valutare la loro capacità genitoriale, vale a dire che siano "affettivamente idonei e capaci ad educare, istruire e mantenere il minore (art. 6, comma 2, L.184/1983 e succ. mod.). La relazione psico-sociale Entro quattro mesi dalla ricezione della richiesta, i servizi sociali trasmettono al Tribunale per i minorenni dettagliata relazione sul conto degli aspiranti all'adozione.

10 10 L ADOZIONE NAZIONALE Il colloquio con i giudici Il Tribunale per i Minorenni, ricevuta la relazione, convoca gli aspiranti perché sostengano un colloquio con i giudici onorari. L abbinamento Qualora il Tribunale per i Minorenni si trovi nella necessità di procedere all adozione di un bambino in stato di adottabilità, procede all individuazione della coppia che risulta maggiormente in grado di corrispondere alle esigenze del piccolo della cui adozione si tratta Questa scelta è preceduta dalla redazione, da parte del giudice delegato, di una scheda informativa sulle caratteristiche del minore adottabile con particolare riferimento all'età, all'esistenza di fratelli, ad eventuali handicap o disabilità e malattie, ad esperienze di vita traumatiche che abbiano inciso sulla sua serenità psicologica, quali, ad es. maltrattamenti fisici e/o abusi sessuali. Tale scheda sarà incrociata con le disponibilità che la coppia, al momento del colloquio con i giudici onorari, avrà espresso rispetto a bambini di una certa età e portatori di handicap o di danni psicologici da maltrattamenti, abusi sessuali ecc. Seguirà un incontro preliminare presso il Tribunale per i minori durante il quale viene illustrata la condizione di

11 11 eventuale rischio giuridico e soprattutto vengono riferite notizie dettagliate sul minore e sul percorso avviato verso l'adozione. Accettato l abbinamento, si darà luogo all inserimento del bambino presso la famiglia, nel rispetto anche del gradimento espresso dal bambino che, come prevede la legge, se è di età superiore ai 12 anni, deve esprimere un proprio parere. L affidamento pre-adottivo Nel corso dell'affidamento pre-adottivo il Tribunale per i Minorenni svolge, tramite il servizio socio-assistenziale ed il Comune, un'attività non solo di verifica, ma anche di sostegno. La sentenza di adozione Il periodo di affidamento pre-adottivo ha la durata di un anno. Tale termine può essere prorogato di un anno nell interesse del minore. Revoca dell affidamento Decorso un anno dall'affidamento, o un periodo maggiore nel caso di proroga, il Tribunale per i Minorenni, se ricorrono tutte le condizioni, e sentiti gli adottanti, il minore ultradodicenne (anche di età inferiore se opportuno), il giudice tutelare ed i servizi sociali, pronuncia con sentenza l adozione del bambino.

12 12 Nel caso, invece, di difficoltà di idonea convivenza non superabili emerse nel corso dell affidamento preadottivo, si procede ad una revoca dell affidamento con decreto motivato con il quale il Tribunale per i Minorenni deve anche assumere provvedimenti a tutela del minore. Durata della dichiarazione di disponibilità La dichiarazione di disponibilità all adozione nazionale ha validità di 3 anni dalla data del deposito e non prevede la pronuncia di alcun decreto da parte del Tribunale per i Minorenni.

13 13 L ADOZIONE INTERNAZIONALE Cos è l adozione internazionale La legge italiana sull adozione internazionale, L.n. 184/83, è stata profondamente modificata anche dalla L.n. 476/98, che ha ratificato la Convenzione de L Aja, e dalla L.n. 149/01. La Convenzione de L Aja è un accordo sulla protezione dei minori e la cooperazione in materia di adozione internazionale che impegna sia i Paesi di provenienza, sia i Paesi di accoglienza dei bambini. La Convenzione si ispira al principio di sussidiarietà : qualora non sia possibile reintegrare il bambino nella sua famiglia d origine, o affidarlo alle cure di una famiglia adottiva nel suo Paese di nascita, si può prendere in considerazione l ipotesi di procedere ad un adozione internazionale. Il principio di sussidiarietà impegna gli Enti Autorizzati a realizzare progetti di cooperazione internazionale affinché si possano porre le condizioni per permettere ai bambini di restare nella loro famiglia o, quantomeno, nel loro Paese d origine. La L.n. 476/98 ha introdotto nel sistema due importanti attori istituzionali: la Commissione per le adozioni internazionali (CAI) e gli Enti Autorizzati. La CAI, con sede a Roma, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, è l Autorità Centrale in Italia così come prevista dalla Convenzione de L Aja. La CAI autorizza l attività degli Enti Autorizzati, vigila sul loro operato, revoca l autorizzazione concessa nei casi

14 14 di gravi inadempienze o violazioni di legge. La Commissione collabora con le Autorità Centrali degli altri Stati al fine di garantire che l intero percorso adottivo si realizzi nel nome del superiore interesse del minore in conformità ai principi etici e giuridici affermati dalla Convenzione stessa. Per ogni adozione internazionale, presso la CAI viene aperta una procedura con la raccolta dei documenti inviati dal Tribunale per i Minorenni e dagli Enti Autorizzati. Il decreto di idoneità L adozione internazionale prevede il rilascio del decreto di idoneità da parte del Tribunale per i Minorenni. Nel caso di cittadini italiani residenti all'estero la dichiarazione di disponibilità andrà presentata al Tribunale per i Minorenni del distretto della loro ultima residenza in Italia; in difetto di residenza in Italia, sarà competente il Tribunale per i Minorenni di Roma. In caso di inidoneità, il relativo decreto può essere impugnato dalla coppia, entro 10 giorni dalla notificazione, presso la Sezione Minorenni della Corte d Appello. L Ente Autorizzato La coppia deve conferire incarico ad uno degli Enti Autorizzati per l adozione internazionale, perché ne curi la procedura entro un anno dalla notifica del decreto di idoneità, pena la decadenza dell atto.

15 15 Conferito l incarico nei tempi prescritti, il decreto di idoneità manterrà validità per tutta la durata della procedura di adozione internazionale. La scelta dell Ente Autorizzato spetta alla coppia, che deve attivarsi partecipando agli incontri informativi proposti dai vari Enti. Dopo il conferimento di incarico a) l Ente trasmette copia dell incarico alla Commissione per le adozioni internazionali, al Tribunale per i Minorenni competente e ai servizi socio assistenziali; b) l Ente provvede alla formazione e all accompagnamento della coppia nel periodo che precede l abbinamento; c) l Ente svolge tutte le procedure necessarie nel Paese estero e trasmette la proposta di abbinamento con il bambino, d) raccolto il consenso della coppia all incontro col bambino, l Ente accompagna la coppia per l espletamento di tutte le procedure necessarie alla conclusione della procedura presso il Paese straniero; e) l Ente trasmette il provvedimento estero di adozione, alla Commissione per le adozioni internazionali e al Tribunale per i Minorenni; f) la Commissione per le adozioni internazionali, verificata la regolarità del procedimento, autorizza l ingresso del bambino in Italia;

16 16 g) il Tribunale per i Minorenni ordina la trascrizione del provvedimento straniero di adozione nei registri dello stato civile. L incontro col bambino Accettata la proposta di abbinamento, la coppia si prepara al viaggio nel Paese d origine del bambino per l incontro con lo stesso. I tempi di permanenza nel Paese straniero variano a seconda della procedura in vigore nello Stato. Alcuni Stati richiedono alle coppie più viaggi, a distanza di qualche mese l uno dall altro; altri invece prevedono un soggiorno unico e di lunga durata. La permanenza nel Paese straniero è necessaria per lo svolgimento in loco delle procedura di adozione internazionale come previsto dalla legislazione dello Stato, ma soprattutto perché è il momento in cui coppia entra in contatto con il loro figlio, col suo mondo e con la sua storia. La coppia all estero è seguita dal referente dell Ente Autorizzato che si occupa delle pratiche burocratiche nel Paese, delle traduzioni e del sostegno alla coppia durante tutto il periodo di permanenza. L Ente Autorizzato svolge la sua attività in base a precisi requisiti previsti dalla legislazione del Paese straniero la cui osservanza viene costantemente verificata dalla CAI.

17 17 Il rientro in Italia Conclusasi la procedura all estero con la sentenza di adozione, emessa dall Autorità straniera competente, la CAI, effettua i controlli previsti sulla documentazione italiana ed estera e autorizza l ingresso e la residenza permanente in Italia del bambino adottato. La sentenza straniera di adozione andrà, da ultimo, depositata al Tribunale per i Minorenni per la relativa trascrizione. Il post-adozione La famiglia adottiva è tenuta ad informare il Paese di provenienza del proprio figlio sulla sua evoluzione e crescita. I costi dell adozione internazionale L adozione internazionale comporta spese inevitabili che gravano sulle coppie adottanti. I costi che la coppia deve sopportare sono riconducibili ai servizi resi dall Ente Autorizzato, sia in Italia che all estero, per corsi di formazione, per la gestione della pratica adottiva e per l assistenza, tramite personale specializzato, durante tutto lo svolgimento della procedura adottiva. A queste spese si aggiungono quelle di viaggio e soggiorno della coppia nel Paese d origine del bambino adottato. La CAI svolge un accurato lavoro di monitoraggio dei

18 18 costi previsti da ciascun Ente Autorizzato. Sul sito della CAI, alla sezione I costi dell adozione è possibile consultare le tabelle di costo dei singoli Enti Autorizzati. La certificazione delle spese È obbligo per l Ente Autorizzato fornire le certificazioni delle spese effettuate dalla singola coppia per l adozione internazionale. Le spese sostenute e certificate potranno essere dedotte dalla dichiarazione dei redditi nella misura del 50%. I congedi La Legge Finanziaria 2008, modificando la disciplina precedente, ha equiparato il trattamento dei genitori adottivi a quello dei genitori naturali in materia di congedi di maternità, di paternità e di congedi parentali. Congedo di maternità e paternità a. Lavoratori dipendenti La madre lavoratrice dipendente usufruisce del congedo di maternità fino al compimento della maggiore età del figlio. Il congedo ha durata di 5 mesi e può essere fruito fino a 5 mesi dall ingresso del bambino in famiglia, o, a seguito

19 19 di adozione internazionale, dall ingresso del minore in Italia. In caso di adozione internazionale, la lavoratrice ha la possibilità di utilizzare parte del congedo di maternità durante il periodo di permanenza all estero, necessario per concludere la pratica di adozione. In alternativa potrà decidere di richiedere un congedo non retribuito (per il periodo all estero) riservandosi in tal modo la possibilità di utilizzare tutto il periodo di congedo dopo l ingresso del figlio. La durata del periodo trascorso all estero deve essere certificata da parte dell Ente Autorizzato che ha ricevuto l incarico di curare la procedura di adozione. In alternativa alla madre lavoratrice che vi rinuncia anche solo parzialmente, al padre lavoratore spetta il congedo di paternità alle stesse condizioni previste per la madre, per tutta la durata del congedo di maternità o per la parte residua. Il padre lavoratore potrà usufruire del congedi anche in caso di decesso o infermità della madre e nei casi di abbandono o affidamento esclusivo. a.1 Lavoratori a progetto In forza della sentenza della Corte Costituzionale n. 257 del 19 novembre 2012 alla lavoratrice a progetto e categorie assimilate iscritte alla Gestione separata è stato esteso il diritto ad astenersi dal lavoro per congedo di maternità.

20 20 La durata del congedo, è pari a cinque mesi. Per avere diritto all indennità, la madre lavoratrice a progetto deve avere maturato almeno tre mesi di contribuzione. Durante il periodo di congedo parentale spetta al genitore un'indennità pari al 30% di 1/365 del reddito utile per il calcolo dell'indennità di maternità. Al padre lavoratore spetta il congedo di paternità alle stesse condizioni previste per la madre, per tutta la durata del congedo di maternità o per la parte residua. Il padre lavoratore a progetto potrà usufruire del congedo anche in caso di decesso o infermità della madre e nei casi di abbandono o affidamento esclusivo. Il trattamento economico e normativo è quello che si applica al congedo di maternità delle lavoratrici a progetto ed assimilate. b. congedo parentale Il congedo parentale può essere richiesto entro otto anni dalla data di ingresso del minore in famiglia e comunque mai oltre il raggiungimento della maggiore età del figlio. Il trattamento economico è pari al 30% della retribuzione ed è riconoscibile per un periodo massimo complessivo di 6 mesi tra i due genitori entro i tre anni dall ingresso dell ingresso del minore in famiglia. Il congedo richiesto oltre tale termine sarà retribuito

21 21 qualora il reddito sia superiore a 2,5 volte la misura dell assegno sociale INPS.

22 22 Indirizzi utili ASA Onlus Via Del Roveto, 7, Catania Tel Fax Ufficio Adozioni del Comune di Catania Via Passo Gravina, Ct Tel Fax Tribunale per i Minorenni di Catania Via Franchetti, 62, Ct Tel Fax Commissione per le Adozioni Internazionali Via di Villa Ruffo, 6, ROMA Fax: Numero verde:

23 23 Il Patronato ACLI fornisce servizi informativi e di assistenza in materia di: amministrazione di sostegno; assistenza legale (separazioni, divorzi); compilazione modulistica specifica; congedi parentali, di maternità e di paternità; contratti di locazione; opposizione allo sfratto; pensioni; pratiche di successione; separazioni e divorzi; vertenze in ambito sanitario. Corso Sicilia, 111, Catania Tel

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

Edizione di marzo 2012

Edizione di marzo 2012 ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE Edizione di marzo 2012 Indice Capitolo 1 - I protagonisti 1.1 - Il bambino 1.2 - I genitori adottivi Capitolo 2 - Le tappe nel cammino dell adozione Capitolo 3 - Le

Dettagli

Provincia di Bologna Coordinamento Adozione. Adottiamoci un percorso per futuri genitori

Provincia di Bologna Coordinamento Adozione. Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento Adozione Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento Adozione Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI CAPITOLO I CENNI STORICI: EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ADOZIONE 1. Introduzione... pag. 1 2. L'istituto dell'adozione

Dettagli

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

Adozione eaffidamento

Adozione eaffidamento Adozione eaffidamento In materia di adozione e affidamento è necessario illustrare separatamente il caso dell adozione internazionale rispetto al caso dell adozione nazionale, sebbene dal punto di vista

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 PROCEDIMENTO ADOTTIVO E RACCOLTA DOCUMENTAZIONE Allegato al PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2008 Il presente

Dettagli

IL PERCORSO DELL ADOZIONE

IL PERCORSO DELL ADOZIONE Dipartimento Tutela Materno Infantile e della Genitorialità U.O.C. Procreazione Cosciente ------ Municipi ex V VII VIII - X IL PERCORSO DELL ADOZIONE note di informazione ed orientamento per le coppie

Dettagli

I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori DOCUMENTI

I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori DOCUMENTI I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori DOCUMENTI Legge 4 maggio 1983, n. 184 (1) (2) (1/circ) Diritto del minore ad una famiglia 175 TITOLO I PRINCIPI GENERALI (3) Art. 1 1. Il minore ha

Dettagli

Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo

Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo Descrizione della metodologia durante il percorso adottivo 1. Informazione preliminare all eventuale conferimento incarico. Il primo approccio al GVS avviene di solito per telefono: la coppia è invitata

Dettagli

Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 6 novembre2013

Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 6 novembre2013 Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 6 novembre2013 Le Adozioni Affinchè si possa dar luogo all adozione è necessaria: la dichiarazione dello stato di abbandono di un minore l'idoneità dei

Dettagli

Provincia di Rimini Assessorato Politiche Sociali. Adottiamoci un percorso per futuri genitori

Provincia di Rimini Assessorato Politiche Sociali. Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Rimini Assessorato Politiche Sociali Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Rimini Assessorato Politiche Sociali L adattamento del testo alla provincia di Rimini è stato

Dettagli

Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al

Legge 28 marzo 2001, n. 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

Legge 28 marzo 2001, n. 149

Legge 28 marzo 2001, n. 149 Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

Chi può Adottare: Requisiti per l adozione nazionale ed internazionale.

Chi può Adottare: Requisiti per l adozione nazionale ed internazionale. Chi può Adottare: Requisiti per l adozione nazionale ed internazionale. I requisiti per l adozione nazionale ed internazionale sono gli stessi, e sono previsti dall art. 6 della legge 184/83 (modificata

Dettagli

LA STRADA DELL'ADOZIONE

LA STRADA DELL'ADOZIONE LA STRADA DELL'ADOZIONE FONTE: Commissione per le Adozioni Internazionali 2011 1ª TAPPA : La dichiarazione di disponibilità TEMPI: entro 15 giorni dalla presentazione della dichiarazione il Tribunale deve

Dettagli

LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino

LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino In alcuni Paesi possono adottare anche i "single". In altri non vi sono rigidi limiti di età.

Dettagli

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE L affidamento familiare è un intervento temporaneo d aiuto e di sostegno ad un minore che proviene da una famiglia in difficoltà. Attraverso l affidamento, il bambino incontra

Dettagli

Legge 28 marzo 2001 n. 149

Legge 28 marzo 2001 n. 149 Legge 28 marzo 2001 n. 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile TITOLO I

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE IV LA COMPETENZA CIVILE DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI IN MATERIA DI ADOZIONI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate

Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate N. 51/11 DEL 24.9.2008 Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate 1. Premessa Attualmente in

Dettagli

INFORMAZIONI UTILI PER LA COMPILAZIONE RICHIESTA ADOZIONE. disporre i documenti prodotti secondo l ordine indicato in calce alla richiesta di adozione

INFORMAZIONI UTILI PER LA COMPILAZIONE RICHIESTA ADOZIONE. disporre i documenti prodotti secondo l ordine indicato in calce alla richiesta di adozione INFORMAZIONI UTILI PER LA COMPILAZIONE RICHIESTA ADOZIONE disporre i documenti prodotti secondo l ordine indicato in calce alla richiesta di adozione indicare sempre prima il cognome poi il nome Documenti

Dettagli

LEGGE 28 MARZO 2001, N. 149

LEGGE 28 MARZO 2001, N. 149 LEGGE 28 MARZO 2001, N. 149 (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 96 del 26 aprile 2001) MODIFICHE ALLA LEGGE 4 MAGGIO 1983, N. 184, RECANTE DISCIPLINA DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO DEI MINORI, NONCHE

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli

Sull adozione internazionale

Sull adozione internazionale I vostri figli non sono figli vostri: sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita. Nascono per mezzo di voi e tuttavia non vi appartengono Dimorano con voi e tuttavia non Vi appartengono. Potete

Dettagli

Indice. CRESCERE INSIEME ONLUS Associazione per le adozioni internazionali, 5

Indice. CRESCERE INSIEME ONLUS Associazione per le adozioni internazionali, 5 Carta dei Servizi La Carta dei Servizi è lo strumento fondamentale per conoscere con chiarezza le attività ed i servizi offerti da CRESCERE INSIEME ONLUS Associazione per le adozioni internazionali Indice

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali

COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali COMUNE DI IGLESIAS Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI IGLESIAS, ENTI AUTORIZZATI E TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CAGLIARI, IN MATERIA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PERCHE LA CARTA DEI SERVIZI

CARTA DEI SERVIZI PERCHE LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI PERCHE LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è lo strumento che fornisce le informazioni fondamentali per le coppie che si rivolgono al Centro Aiuti per l Etiopia per poter intraprendere

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E Oggetto: Istanza d interpello XY- Art. 10, comma 1, lett. l-bis), del Tuir Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente l esatta applicazione

Dettagli

Indice degli argomenti trattati:

Indice degli argomenti trattati: LE ADOZIONI E GLI ADEMPIMENTI DELL'UFFICIALE DI STATO CIVILE E ANAGRAFE. Donato Berloco Volume di circa 300 pagine Euro 36,00 (10% sconto abbonati Lo Stato Civile Italiano ) Sepel, Giugno 2011 Indice degli

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ADOZIONI INTERNAZIONALI PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE DELL ENTE. (aggiornamento 28.10.2011)

CARTA DEI SERVIZI ADOZIONI INTERNAZIONALI PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE DELL ENTE. (aggiornamento 28.10.2011) CARTA DEI SERVIZI ADOZIONI INTERNAZIONALI (aggiornamento 28.10.2011) PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è lo strumento che fornisce le informazioni fondamentali per le coppie che si rivolgono

Dettagli

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma L art. 2, commi 452 456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244(Finanziaria 2008),

Dettagli

Associazione C rescere

Associazione C rescere Organizzazione di Volontariato Associazione C rescere con la sindrome di Turner e altre Malattie Rare ONLUS ex art. 10 c. 8 dlgs n 460/1997 Via Massarenti 11-40138 Bologna presso la Clinica Pediatrica

Dettagli

Genitori adottivi o affidatari

Genitori adottivi o affidatari Genitori adottivi o affidatari Congedo di maternità Il congedo di maternità spetta, per un periodo massimo di cinque mesi, anche alle lavoratrici che abbiano adottato un minore. In caso di adozione nazionale,

Dettagli

EMANUELA PORTA ADOTTARE UN BAMBINO

EMANUELA PORTA ADOTTARE UN BAMBINO EMANUELA PORTA ADOTTARE UN BAMBINO Dalla Burocrazia all Incontro, i Passi per Accogliere Tuo Figlio con Serenità 2 Titolo ADOTTARE UN BAMBINO Autore Emanuela Porta Editore Bruno Editore Sito internet www.brunoeditore.it

Dettagli

Minori fuori dalla famiglia: comunità, affido, adozione...

Minori fuori dalla famiglia: comunità, affido, adozione... openproject RACCONTARE GLI ANELLI DEBOLI Seminario di informazione sui temi sociali per i giornalisti delle Marche Minori fuori dalla famiglia: comunità, affido, adozione... 5 Novembre 2010 Comunità di

Dettagli

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino

Le coppie che chiedono l adozione di un bambino 1 febbraio 2005 Le coppie che chiedono l adozione di un bambino Anno 2003 L Istat diffonde i risultati dell indagine sulle domande di adozione, condotta per la prima volta nel 2003 presso i 29 tribunali

Dettagli

ENTI AUTORIZZATI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE: ISTRUZIONI PER L USO

ENTI AUTORIZZATI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE: ISTRUZIONI PER L USO 1 ENTI AUTORIZZATI PER L ADOZIONE INTERNAZIONALE: ISTRUZIONI PER L USO Premessa La Convenzione dell Aja (1993) riconosce che l adozione internazionale può offrire l'opportunità di dare una famiglia permanente

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LE AZIONI DI SOSTEGNO ALLA ADOZIONE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LE AZIONI DI SOSTEGNO ALLA ADOZIONE Allegato 1 Tribunale per i Minorenni della Campania e CRAI PROTOCOLLO DI INTESA PER LE AZIONI DI SOSTEGNO ALLA ADOZIONE PERCORSI ADOTTIVI ADOZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI Le linee guida che seguono

Dettagli

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI BRESCIA, nella persona del Presidente, Maria Carla Gatto

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI BRESCIA, nella persona del Presidente, Maria Carla Gatto PROTOCOLLO TRA ILTRIBUNALE PER I MINORENNI DI BRESCIA E LE AZIENDE SANITARIE LOCALI DI BERGAMO, BRESCIA, CREMONA, MANTOVA VALLECAMONICA SEBINO PER LA DEFINIZIONE DI LINEE GUIDA IN MATERIA DI ADOZIONE NAZIONALE

Dettagli

ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI

ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI I GIUGNO 2011 Ospedale Infantile Regina Margherita Dott.ssa Anna Maria Colella Direttore ARAI Regione Piemonte Cenni legislativi LA

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 51/ 11 DEL 24.9.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 51/ 11 DEL 24.9.2008 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 51/ 11 DEL 24.9.2008 Oggetto: Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e Istituzione di equipe

Dettagli

a) che sono nati: 1. a (PR ) il 2. a (PR ) il

a) che sono nati: 1. a (PR ) il 2. a (PR ) il Al Sig. PRESIDENTE DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI Via G. Leopardi n. 18 INTERNAZIONALE 20123 M I L A N O I sottoscritti coniugi: 1. 2. (riportare le generalità corrette allegando fotocopia Carta Identità)

Dettagli

Legge 19 ottobre 2015 n. 173

Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, sul diritto alla continuità affettiva dei bambini e delle bambine in affido familiare. (G.U. n. 252 del 29 ottobre 2015) Entrata

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI

DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI Art. 1. (Disposizioni in materia di filiazione) 1. L articolo 74 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art.

Dettagli

L adozione internazionale in 10 domande

L adozione internazionale in 10 domande L adozione internazionale in 10 domande Comune di Olbia Istituto degli Innocenti di Firenze L adozione internazionale in 10 domande L adozione internazionale è un esperienza complessa e delicata insieme,

Dettagli

Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria

Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria n. 11/12 A. Repubblica Italiana In nome del popolo italiano Il tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, riunito in camera di consiglio, con l intervento

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE PER LA RIORGANIZZAZIONE DELLE EQUIPES TERRITORIALI PER LE ADOZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI.

INDICAZIONI OPERATIVE PER LA RIORGANIZZAZIONE DELLE EQUIPES TERRITORIALI PER LE ADOZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI. ALLEGATO A: INDICAZIONI OPERATIVE PER LA RIORGANIZZAZIONE DELLE EQUIPES TERRITORIALI PER LE ADOZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI. pag. 2 ALLEGATO B: PROTOCOLLO OPERATIVO COORDINATO AI SENSI DELLA L. 476/98

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

1. Congedo di maternità in caso di adozione e affidamento. 2. Congedo di paternità in caso di adozione e affidamento

1. Congedo di maternità in caso di adozione e affidamento. 2. Congedo di paternità in caso di adozione e affidamento Seite 1 von 8 Prassi delle Leggi d'italia I.N.P.S. (Istituto nazionale della previdenza sociale) Circ. 4-2-2008 n. 16 Art. 2, commi 452-456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (Finanziaria 2008). Congedo

Dettagli

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori:

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Gli ammortizzatori sociali in pillole Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Assegno per il nucleo familiare A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze USR Emilia Romagna)

Dettagli

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Art. 1 L Amministrazione comunale attua l affidamento allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per il suo sviluppo psico-fisico,

Dettagli

Caso 5.6. 5. L adozione internazionale

Caso 5.6. 5. L adozione internazionale Caso 5.6 5. L adozione internazionale A quale autorità giudiziaria gli adottanti devono ricorrere qualora, a seguito di una dichiarazione di adozione emessa dallo stato ucraino, gli stessi lamentino che

Dettagli

ENTE AUTORIZZATO ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS CARTA DEI SERVIZI. La carta dei servizi è un utile strumento volto a

ENTE AUTORIZZATO ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS CARTA DEI SERVIZI. La carta dei servizi è un utile strumento volto a ENTE AUTORIZZATO ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire informazioni dettagliate circa gli interventi o della Carta dei Servizi è quello di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 46 del 09/10/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Teresa Vella 1 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI INDICE Art. 1 - Oggetto PREMESSA Art.

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Il Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 è il Testo Unico che ha riunito e riordinato le leggi in

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE. di GILDA FERRANDO

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE. di GILDA FERRANDO INDICE XV Aggiornamento. Disegno di legge delega sullo status giuridico dei figli INTRODUZIONE Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE di GILDA FERRANDO 3 1. Le linee evolutive 7 2. I diritti del bambino

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali 1 1. LA GRAVIDANZA 1.1. QUANDO COMUNICARE IL PROPRIO STATO La legge non stabilisce alcun obbligo di comunicare il proprio stato prima degli ultimi due

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi che garantisca livelli adeguati d intervento in materia di adozione internazionale. LA VISTO il documento istruttorio riportato in calce

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO ADOZIONI

CARTA DEL SERVIZIO ADOZIONI C onoscenza R esponsabilità E quità A ppartenenza R elazione E ccellenza S icurezza A mbiente L egalità U manità T rasparenza E fficienza CARTA DEL SERVIZIO ADOZIONI Premessa La Carta del Servizio Adozioni

Dettagli

L affidamento familiare e la filiazione adottiva

L affidamento familiare e la filiazione adottiva L affidamento familiare e la filiazione adottiva D ANGIO G., RECCO A., OTTOBRE P., LEGA G. L affidamento familiare L affidamento familiare, così come l adozione, è un istituto disciplinato dalla legge

Dettagli

Il nostro Servizio affidi

Il nostro Servizio affidi Servizio Affidi Sovraterritoriale Contatti Cos è l'affido? L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte

Dettagli

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE Legge 184/83 E la prima normativa specifica che disciplina l adozione e l affidamento dei minori. Legge 28 marzo 2001 n.149 Disciplina dell adozione

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE OGGETTO: Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale INDICE SOMMARIO Premessa... 5 CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Separazione giudiziale 1. Ricorso per separazione giudiziale senza richiesta di dichiarazione di addebito e senza provvedimenti

Dettagli

Parlamento Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Data: 4 maggio 1983 legge 184

Parlamento Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Data: 4 maggio 1983 legge 184 Parlamento Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Data: 4 maggio 1983 legge 184 Preambolo...1 Articolo 1...1 Articolo 6...1 Articolo 7...2 Articolo 8...2 Articolo 9...2 Articolo 11...2

Dettagli

Bonus bebè, ecco come fare per ottenere l'assegno

Bonus bebè, ecco come fare per ottenere l'assegno Bonus bebè, ecco come fare per ottenere l'assegno I requisiti, gli importi, le modalità di presentazione della domanda ed esempi pratici nella circolare Inps n. 93 dell'8.5.2015. Con Decreto del Presidente

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4348 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MURA, DI PIETRO, BORGHESI, CAMBURSANO, DI GIUSEPPE, DI STANISLAO, EVANGELISTI, FAVIA, ANIELLO

Dettagli

I permessi per i genitori

I permessi per i genitori I permessi per i genitori Questa materia in questione é regolata dalla legge e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria e dell'artigianato

Dettagli

LEGGE 31 dicembre 1998 n. 476

LEGGE 31 dicembre 1998 n. 476 LEGGE 31 dicembre 1998 n. 476 RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE PER LA TUTELA DEI MINORI E LA COOPERAZIONE IN MATERIA DI ADOZIONE INTERNAZIONALE, FATTA A L'AJA IL 29 MAGGIO 1993. MODIFICHE ALLA

Dettagli

Procedura per il ricongiungimento familiare

Procedura per il ricongiungimento familiare Associazione Amici della Casa di Accoglienza Casa di Betania ONLUS Via Carducci 4, 20089 Rozzano (MI) Tel. 02-30910226 www.casadibetania.org - accoglienza@casadibetania.org Procedura per il ricongiungimento

Dettagli

GIUNTA REGIONALE Direzione Qualità della Vita, Beni e Attività Culturali, Promozione Sociale

GIUNTA REGIONALE Direzione Qualità della Vita, Beni e Attività Culturali, Promozione Sociale REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE Direzione Qualità della Vita, Beni e Attività Culturali, Promozione Sociale Servizio Servizi Sociali Ufficio Attuazione politiche in favore dei minori e di prevenzione

Dettagli

LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO CON LA LEGGE 219/2012.

LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO CON LA LEGGE 219/2012. A002569,1 A002569 FONDAZIONE INSIEME onlus. Da il sole24 ore del 7/1/2013, di Giorgio Vaccaro, giornalista. (legge 219/2012) Per la

Dettagli

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504 Pagina 1 di 9 Non basta la mera disponibilità dei nonni a prendersi cura dei nipoti per scongiurarne l'adozione se non è provata la presenza di "rapporti significativi" Sommario: 1) Breve commento alla

Dettagli

Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap

Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap Aggiornato alla Circ. INPS n^ 159 del 15/11/2013 La Corte Costituzionale con la recente sentenza n. 203 del 3 luglio 2013 ha dichiarato l

Dettagli

1. In caso di adozione di minore, il congedo di maternità di cui al Capo III

1. In caso di adozione di minore, il congedo di maternità di cui al Capo III Direzione centrale Prestazioni a sostegno del reddito Direzione centrale delle Entrate contributive Direzione centrale delle Prestazioni Coordinamento generale Legale Direzione centrale Sistemi informativi

Dettagli

Per adottare. Informazioni per le famiglie

Per adottare. Informazioni per le famiglie Per adottare Informazioni per le famiglie L adozione tutela il diritto dei bambini in stato di abbandono di essere accolti all interno di nuclei familiari che rispondano adeguatamente ai loro bisogni fisiologici

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire

CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire ENTE AUTORIZZATO ASSOCIAZIONE MEHALA ONLUS CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è un utile strumento volto a fornire informazioni dettagliate circa gli interventi offerti dall ente. L obiettivo della

Dettagli

Gli interventi della Regione Piemonte a sostegno delle adozioni. M. Anglesio

Gli interventi della Regione Piemonte a sostegno delle adozioni. M. Anglesio Gli interventi della Regione Piemonte a sostegno delle adozioni M. Anglesio L abbandono dei bambini è una questione sociale, non solamente individuale. E necessario che l adozione acquisisca il suo carattere,

Dettagli

ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE CON ALMENO TRE FIGLI MINORI (ANF) E ASSEGNO DI MATERNITA' (MAT) EROGATI DAI COMUNI ASPETTI PRINCIPALI DELLA NORMATIVA

ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE CON ALMENO TRE FIGLI MINORI (ANF) E ASSEGNO DI MATERNITA' (MAT) EROGATI DAI COMUNI ASPETTI PRINCIPALI DELLA NORMATIVA Roma 19/04/2012 ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE CON ALMENO TRE FIGLI MINORI (ANF) E ASSEGNO DI MATERNITA' (MAT) EROGATI DAI COMUNI ASPETTI PRINCIPALI DELLA NORMATIVA La normativa nazionale ha introdotto

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU44 31/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 7 ottobre 2013, n. 10-6456 Art.6 comma 8 L.184/83: approvazione criteri in materia di interventi a sostegno delle adozioni di minori

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

Alberto Manni Assessore Politiche di Welfare

Alberto Manni Assessore Politiche di Welfare 3 È con vivo piacere che sono a presentare la guida provinciale Viaggio verso l adozione, pubblicazione che è rivolta a tutti gli interessati con l intento di sintetizzare le tappe principali per la realizzazione

Dettagli

TRIBUNALE PER I MINORENNI DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA 10135 TORINO- Corso Unione Sovietica, 325 Tel. 011.619.57.01

TRIBUNALE PER I MINORENNI DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA 10135 TORINO- Corso Unione Sovietica, 325 Tel. 011.619.57.01 TRIBUNALE PER I MINORENNI DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA 10135 TORINO- Corso Unione Sovietica, 325 Tel. 011.619.57.01 N. Reg. Adozioni I sottoscritti coniugi: cognome e nome (marito) nato cognome e nome

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI

ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI Presidente Guido NEPPI MODONA Giudice Annibale MARINI "

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE Art.1 - Oggetto Il presente Regolamento, in rispondenza alle priorità d intervento individuate dalla legge 328/00, norma gli interventi relativi agli affidamenti

Dettagli