Adozione eaffidamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Adozione eaffidamento"

Transcript

1 Adozione eaffidamento In materia di adozione e affidamento è necessario illustrare separatamente il caso dell adozione internazionale rispetto al caso dell adozione nazionale, sebbene dal punto di vista dell indennità spettante al lavoratore il trattamento risulti il medesimo. ADOZIONE INTERNAZIONALE L articolo 29 della legge n. 184/1983 dispone come l adozione di minori stranieri abbia luogo conformemente ai principi e secondo le direttive della Convenzione per la tutela dei minori e la cooperazione in materia di adozione internazionale, sottoscritta a l Aja il Nozione e fonti normative Coloro che intendono adottare un minore straniero residente all estero devono presentare una dichiarazione di disponibilità al Tribunale per i minorenni del distretto in cui hanno la residenza e chiedere che lo stesso dichiari la loro idoneità all adozione. Il Tribunale per i minorenni sente gli aspiranti all adozione, anche a mezzo di un giudice delegato, dispone se necessario gli opportuni approfondimenti e pronuncia, entro i 2 mesi successivi, decreto motivato attestante la sussistenza ovvero l insussistenza dei requisiti per adottare. Gli aspiranti all adozione, che abbiano ottenuto il decreto di idoneità, devono conferire incarico a curare la procedura di adozione a uno degli enti autorizzati dalla Commissione per le adozioni internazionali (costituita presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri). Il Tribunale dei minorenni può autorizzare gli aspiranti a effettuare alcune delle attività anche direttamente. L ente autorizzato che ha ricevuto l incarico di curare la procedura di adozione: n informa gli aspiranti sulle procedure che inizierà e sulle concrete prospettive di adozione; n svolge le pratiche di adozione presso le competenti autorità del Paese indicato dagli aspiranti all adozione tra quelli con cui esso intrattiene rapporti, trasmettendo alle stesse la domanda di adozione, unitamente al decreto di idoneità e alla relazione a esso allegata, affinché le autorità straniere formulino le proposte di incontro tra gli aspiranti all adozione e il minore da adottare; Condizioni e procedure

2 n raccoglie dall autorità straniera la proposta di incontro tra gli aspiranti all adozione e il minore da adottare, verificando che sia accompagnata da tutte le informazioni di carattere sanitario riguardanti il minore, dalle notizie riguardanti la sua famiglia di origine e le sue esperienze di vita; n trasferisce tutte le informazioni e tutte le notizie riguardanti il minore agli aspiranti genitori adottivi, informandoli della proposta di incontro tra gli aspiranti all adozione e il minore da adottare e assistendoli in tutte le attività da svolgere nel Paese straniero; n riceve il consenso scritto all incontro tra gli aspiranti all adozione e il minore da adottare, proposto dall autorità straniera, da parte degli aspiranti all adozione, ne autentica le firme e trasmette l atto di consenso all autorità straniera, svolgendo tutte le altre attività dalla stessa richieste; l autenticazione delle firme degli aspiranti adottanti può essere effettuata anche dall impiegato comunale delegato all autenticaodaunnotaioodaunsegretariodiqualsiasiufficiogiudiziario; n riceve dall autorità straniera attestazione della sussistenza delle condizioni di cui all articolo 4 della Convenzione e concorda con la stessa, qualora ne sussistano i requisiti, l opportunità di procedere all adozione ovvero, in caso contrario, prende atto del mancato accordo e ne dà immediata informazione alla Commissione di cui all articolo 38 comunicandone le ragioni; ove sia richiesto dallo Stato di origine, approva la decisione diaffidareilminore o i minori ai futuri genitori adottivi; n informa immediatamente la Commissione, il Tribunale per i minorenni e i servizi dell ente locale della decisione di affidamento dell autorità straniera e richiede alla Commissione, trasmettendo la documentazione necessaria, l autorizzazione all ingresso e alla residenza permanente del minore o dei minori in Italia; n certifica la data di inserimento del minore presso i coniugi affidatari o i genitori adottivi; n riceve dall autorità straniera copia degli atti e della documentazione relativi al minore e li trasmette immediatamente al Tribunale per i minorenni e alla Commissione; n vigila sulle modalità di trasferimento in Italia e si adopera affinché questo avvenga in compagnia degli adottanti o dei futuri adottanti; n svolge in collaborazione con i servizi dell ente locale attività di sostegno del nucleo adottivo fin dall ingresso del minore in Italia su richiesta degli adottanti; n certifica, nell ammontare complessivo agli effetti di quanto previsto dalla lettera l bis, comma 1, articolo 10 del TUIR (D.P.R. n. 917/1986), le spese sostenute dai genitori adottivi per l espletamento della procedura di adozione. Tale disposizione consente di poter dedurre dal reddito complessivo il 50% delle spese sostenute dai genitori adottivi per l espletamento della procedura di adozione disciplinata dalle disposizioni contenute nel Capo I, Titolo III, legge n. 184/1983.

3 Normativa TUIR Capo I- Disposizioni generali Articolo 10- Oneri deducibili 1. Dal reddito complessivo si deducono, se non sono deducibili nella determinazione dei singoli redditi che concorrono a formarlo, i seguenti oneri sostenuti dal contribuente: ( ) l-bis) il cinquanta per cento delle spese sostenute dai genitori adottivi per l espletamento della procedura di adozione disciplinata dalle disposizionicontenutenelcapoideltitoloiiidellalegge4maggio1983,n.184. La Commissione per le adozioni internazionali, ricevuti gli atti e valutate le conclusioni dell ente incaricato, dichiara che l adozione risponde al superiore interesse del minore e ne autorizza l ingresso e la residenza permanente in Italia. La dichiarazione non è ammessa: n quando dalla documentazione trasmessa dall autorità del Paese straniero non emerge la situazione di abbandono del minore e la constatazione dell impossibilità di affidamento o di adozione nello Stato di origine; n qualora nel Paese straniero l adozione non determini per l adottato l acquisizione dello stato di figlio legittimo e la cessazione dei rapporti giuridici fra il minore e la famiglia di origine, a meno che i genitori naturali abbiano espressamente consentito al prodursi di tali effetti. Anche quando l adozione pronunciata nello Stato straniero non produca la cessazione dei rapporti giuridici con la famiglia d origine, la stessa può essere convertita in un adozione che produca tale effetto, se il Tribunale per i minorenni la riconosce conforme alla Convenzione. Solo in caso di riconoscimento di tale conformità, è ordinata la trascrizione. IlminorechehafattoingressonelterritoriodelloStatosullabasediun provvedimento straniero di adozione o di affidamento a scopo di adozione gode, dal momento dell ingresso, di tutti i diritti attribuiti al minore italiano in affidamento familiare. Dalmomentodell ingressoinitaliaeperalmenounanno,aifinidiuna corretta integrazione familiare e sociale, i servizi socio assistenziali degli enti locali e gli enti autorizzati, su richiesta degli interessati, assistono gli affidatari, i genitori adottivi e il minore. Essi in ogni caso riferiscono al Tribunale per i minorenni sull andamento dell inserimento, segnalando le eventuali difficoltà per gli opportuni interventi. Il minore adottato acquista la cittadinanza italiana per effetto della trascrizione del provvedimento di adozione nei registri dello stato civile. L adozione pronunciata all estero produce nell ordinamento italiano l effetto che l adottato acquista lo stato di figlio legittimo degli adottanti, dei quali assume e trasmette il cognome. Effetti dell adozione

4 Il Tribunale per i minorenni che ha emesso i provvedimenti e la Commissione per le adozioni internazionali conservano le informazioni acquisite sull origine del minore, sull identità dei suoi genitori naturali e sull anamnesi sanitaria del minore e della sua famiglia di origine. Congediincasodi adozione e affidamento Congedo di maternità epaternità Interruzione della procedura adottiva A norma del c. 3, articolo 80 della legge n. 184/1983 sono estesi alle persone affidatarie tutti i benefici in tema di astensione obbligatoria e facoltativa dal lavoro, di permessi per malattia, di riposi giornalieri, previsti per i genitori biologici. Gli articoli 26 e 36 del D.Lgs. n. 151/2001 stabiliscono rispettivamente il diritto per il congedo di maternità e parentale nei casi di adozione e affidamento. I periodi di assenza sono coperti da contribuzione figurativa (INPS, msg. 6361/2008). Il congedo di maternità spetta per un periodo massimo di 5 mesi a prescindere dall età del minore all atto dell adozione; il diritto spetta per l intero periodo anche nel caso in cui, durante il congedo, il minore raggiunga la maggiore età. In caso di adozione internazionale, il congedo può essere fruito prima dell ingresso del minore in Italia, durante il periodo di permanenza all estero richiesto per l incontro con il minore e gli adempimenti relativi alla procedura adottiva. Il congedo può essere fruito, anche frazionatamente, nei cinque mesi successivi all ingresso del minore in Italia risultante dall autorizzazione rilasciata, a tal fine, dalla Commissione per le adozioni internazionali. A tale periodo di congedo si aggiunge il giorno di ingresso in Italia del minore cosicché il periodo massimo complessivamente spettante è pari a cinque mesieungiorno. La lavoratrice, che per il periodo di permanenza all estero, non richieda o richieda solo in parte il congedo di maternità, può fruire di un congedo non retribuito, senza diritto a indennità. L ente autorizzato che ha ricevuto l incarico di curare la procedura di adozione certifica la durata del periodo di permanenza all estero della lavoratrice. Le disposizioni trovano applicazione anche laddove, al momento dell ingresso del minore in Italia, lo stesso si trovi in affidamento preadottivo; tali sono le ipotesi in cui l adozione debba essere pronunciata dal Tribunale italiano successivamente all ingresso del minore in Italia ai sensi del c. 4, articolo 35 della legge n. 184/1983. In caso di affidamento il diritto all astensione dal lavoro spetta per un periodocomplessivodi3mesidafruireentroi5mesidecorrentidalla data di affidamento in modo continuativo o frazionato (INPS, msg. 6361/2008). Non risulta espressamente disciplinato il caso dell interruzione di adozione internazionale in relazione al godimento del periodo di congedo durante la permanenza all estero prima dell adozione. Tale permanenza

5 consente agli aspiranti genitori adottivi e al minore da adottare di instaurare un rapporto relazionale e affettivo propedeutico all adozione stessa, nell interesse del bambino e del suo sviluppo psicofisico, nella fase prima dell ingresso in Italia. L eventuale esito negativo degli incontri non condiziona il riconoscimento del periodo trascorso all estero come periodo di congedo di maternità. L ente autorizzato alla gestione della procedura di adozione dovrà informare la Commissione per le adozioni internazionali in Italia e relazionare sulle motivazioni per cui l abbinamento non è stato rispondente agli interessi del minore(min. lav., nota n. 39/2010). In caso di revoca dell affidamento preadottivo pronunciata dal Tribunale, il diritto al congedo e il diritto alla relativa indennità cessano dal giorno successivo; di tale circostanza la lavoratrice interessata dovrà darne opportuna e tempestiva comunicazione all Istituto (INPS, circ. 16/ 2008). Può essere fruito dai genitori adottivi e affidatari, qualunque sia l età del minore, entro 8 anni dall ingresso del minore in famiglia, e comunque non oltre il raggiungimento della maggiore età anche nel caso di adozione o affidamento internazionale. Per quanto attiene alle lavoratrici autonome la disciplina è contenuta nell articolo 69 del D.Lgs. n. 151/2001 e spetta per un periodo di tre mesi entro un anno dall ingresso del minore in famiglia, a prescindere dall età del minore all atto dell adozione o affidamento. Rimane fermo che il congedo parentale non è comunque fruibile oltre il compimento del diciottesimo anno di età del minore adottato/affidato (INPS, msg /2011). Fermi restando i limiti temporali sopra indicati il trattamento economico durante il congedo parentale, pari al 30% della retribuzione, è riconoscibile per un periodo massimo complessivo di 6 mesi tra i due genitori entro i 3 anni dall ingresso del minore in famiglia; viceversa, qualunque periodo di congedo richiesto oltre i 3 anni dall ingresso (anche, ad esempio, il primo mese) nonché i periodi di congedo ulteriori rispetto ai sei mesi (settimo, ottavo e così via), ancorché fruiti entro i primi 3 anni dall ingresso del minore in famiglia, potranno essere indennizzati a tale titolo subordinatamente alla verifica delle condizioni reddituali previste dal c. 3, articolo 34 del Testo Unico (INPS, circ. 16/2008). I riposi giornalieri spettano anche in caso di adozione internazionale. È stato dichiarato infatti costituzionalmente illegittimo il c. 1, articolo 45 del D.Lgs. 151/2001 nella parte in cui prevede che i riposi di cui agli articoli39,40e41siapplichino,ancheincasodiadozioneediaffidamento, entro il primo anno di vita del bambino anziché entro il primo anno dall ingresso del minore nella famiglia (Corte Cost. 104/2003). Il Legislatore si è adeguato alla sentenza della Corte Costituzionale modificando la norma con l articolo 8 del D.Lgs. 119/2011. Di conseguenza Revoca dell affidamento preadottivo Congedo parentale Riposi giornalieri della madre

6 anche nei casi di adozione e affidamento del minore spettano alla lavoratrice madre oppure al padre, nei casi consentiti, i permessi giornalieri(due ore retribuite e una sola quando l orario giornaliero di lavoro è inferiore a sei ore). I riposi giornalieri spettano al lavoratore padre anche nell ipotesi in cui la madre svolga lavoro casalingo. Malattia del bambino Divieto di licenziamento Nozione e condizioni Anche per i casi di adozione internazionale spetta il diritto di astenersi dal lavoro per le malattie del bambino. L articolo50deld.lgs.151/2001eleva,però,a6anni(rispettoaitreanni previsti negli altri casi) l età del bambino dove i genitori, alternativamente, hanno il diritto di astenersi per i periodi corrispondenti alle malattie di ciascun figlio(senza limiti di tempo). Ciascun genitore, alternativamente, ha altresì diritto di astenersi dal lavoro, nellimitedi5giornilavorativiall anno,perlemalattiediognifigliodi etàcompresafrai6egli8anni. Qualora, all atto dell adozione o dell affidamento, il minore abbia un età compresa fra i 6 e i 12 anni, il congedo per la malattia del bambino è fruito nei primi tre anni dall ingresso del minore nel nucleo familiare nel limite di 5 giorni lavorativi all anno. Le disposizioni di tutela previste in materia di licenziamento si applicano anche in caso di adozione internazionale. Il divieto di licenziamento si applica fino a un anno dall ingresso del minore straniero nel nucleo familiare. In caso di adozione internazionale, il divieto opera dal momento della comunicazione della proposta di incontro con il minore adottando, ai sensi della lettera d), c. 3, articolo 11 della legge n. 184/1983, ovvero della comunicazione dell invito a recarsi all estero per ricevere la proposta di abbinamento (art. 54, c. 9, D.Lgs. 151/2001 così come modificato dal D.Lgs. 5/2010). ADOZIONE NAZIONALE L articolo 6 della legge n. 184/1983 pone una serie di condizioni per l adozione dei minori, dichiarati in stato di adottabilità, consentita ai coniugiunitiinmatrimoniodaalmeno3anni. Tra i coniugi non deve sussistere e non deve avere avuto luogo negli ultimi 3 anni separazione personale neppure di fatto e devono essere affettivamente idonei e capaci di educare, istruire e mantenere i minori che intendano adottare. Il requisito della stabilità del rapporto può ritenersi realizzato anche quando i coniugi abbiano convissuto in modo stabile e continuativo prima del matrimonio per un periodo di 3 anni, nel caso in cui il Tribunale per i minorenni accerti la continuità e la stabilità della convivenza, avuto riguardo a tutte le circostanze del caso concreto. L età degli adottanti deve superare di almeno 18 e di non più di 45 anni l età dell adottando. Si tratta di limiti che possono essere derogati: n qualora il Tribunale per i minorenni accerti che dalla mancata adozionederiviundannograveenonaltrimentievitabileperilminore;

7 n quando il limite massimo di età degli adottanti sia superato da uno solo di essi in misura non superiore a 10 anni, ovvero quando essi siano genitori di figli naturali o adottivi dei quali almeno uno sia in età minore, ovvero quando l adozione riguardi un fratello o una sorella del minore già dagli stessi adottato. Ai coniugi sono consentite più adozioni anche con atti successivi e costituisce criterio preferenziale ai fini dell adozione l avere già adottato un fratello dell adottando o il fare richiesta di adottare più fratelli, ovvero la disponibilità dichiarata all adozione di minori che si trovino nelle condizioni di persona disabile (art. 3, legge n. 104/1992). L articolo 44 della legge n. 184/1983 prevede poi una serie di casi particolari per l adozione: n da persone unite al minore da vincolo di parentela fino al sesto grado o da preesistente rapporto stabile e duraturo, quando il minore sia orfano di padre e di madre; n dal coniuge nel caso in cui il minore sia figlio anche adottivo dell altro coniuge; n quando il minore sia un soggetto disabile (art. 3, c. 1, legge n. 104/1992) e sia orfano di padre e di madre; n quando vi sia la constatata impossibilità di affidamento preadottivo. Il minore che ha compiuto i 14 anni, non può essere adottato se non presta personalmente il proprio consenso, che deve essere manifestato anche quando il minore compia l età predetta nel corso del procedimento. Il consenso dato può comunque essere revocato sino alla pronuncia definitiva dell adozione. Se l adottando ha compiuto i 12 anni deve essere personalmente sentito; se ha un età inferiore ai 12 anni deve essere sentito in considerazione della sua capacità di discernimento. Coloro che intendono adottare devono presentare domanda al Tribunale per i minorenni, specificando l eventuale disponibilità ad adottare più fratelli ovvero minori che si trovino nelle condizioni indicate dal c. 1, articolo 3 della legge n. 104/1992, concernente l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate. È ammissibile la presentazione di più domande anche successive a più Tribunali per i minorenni, purché in ogni caso se ne dia comunicazione a tutti i Tribunali precedentemente aditi. La domanda decade dopo 3 anni dalla presentazione e può essere rinnovata. Il Tribunale per i minorenni, in base alle indagini effettuate, sceglie tra le coppie che hanno presentato domanda quella maggiormente in grado di corrispondere alle esigenze del minore. Il Tribunale può disporre, in ogni momento e fino all affidamento preadottivo, ogni opportuno provvedimento provvisorio nell interesse del minore, compreso il collocamento temporaneo presso una famiglia o una comunità di tipo familiare, la sospensione della potestà dei genitori sul minore, la sospensione dell esercizio delle funzioni del tutore e la nomina di un tutore provvisorio. Consenso del minore Procedura e affidamento preadottivo

8 Adozione Effetti dell adozione Congediincasodi adozione e affidamento Congedo di maternità epaternità Il Tribunale per i minorenni che ha dichiarato lo stato di adottabilità decorso 1 anno dall affidamento, sentiti i coniugi adottanti, il minore, il pubblico ministero, il tutore e coloro che abbiano svolto attività di vigilanza o di sostegno, e previa verifica che ricorrano tutte le condizioni previste, provvede sull adozione con sentenza. Il termine di 1 anno può essere prorogato nell interesse del minore, d ufficio o su domanda dei coniugi affidatari, con ordinanza motivata. Se uno dei coniugi muore o diviene incapace durante l affidamento preadottivo, l adozione, nell interesse del minore, può essere ugualmente disposta a istanza dell altro coniuge nei confronti di entrambi, con effetto, per il coniuge deceduto, dalla data della morte. L adottato acquista lo stato di figlio legittimo degli adottanti, dei quali assume e trasmette il cognome. Se l adozione è disposta nei confronti della moglie separata l adottato assume il cognome della sua famiglia. Con l adozione cessano i rapporti dell adottato verso la famiglia d origine, salvi i divieti matrimoniali. Qualunque attestazione di stato civile riferita all adottato deve essere rilasciata con la sola indicazione del nuovo cognome e con l esclusione di qualsiasi riferimento alla paternità e alla maternità del minore. L adottato, raggiunta l età di venticinque anni, può accedere a informazioni che riguardano la sua origine e l identità dei propri genitori biologici. Può farlo anche raggiunta la maggiore età se sussistono gravi e comprovati motivi attinenti alla sua salute psico fisica. L istanza deve essere presentata al Tribunale per i minorenni del luogo di residenza. A norma del c. 3, articolo 80 della legge n. 184/1983 sono estesi alle persone affidatarie tutti i benefici in tema di astensione obbligatoria e facoltativa dal lavoro, di permessi per malattia, di riposi giornalieri, previsti per i genitori biologici. Gli articoli 26 e 36 del D.Lgs. n. 151/2001 stabiliscono, rispettivamente il diritto per il congedo di maternità e parentale nei casi di adozione e affidamento. I periodi di assenza sono coperti da contribuzione figurativa (INPS, msg. 6361/2008). La lavoratrice che adotta un minore ha diritto all astensione dal lavoro per un periodo pari a 5 mesi a prescindere dall età del minore all atto dell adozione. Il diritto, pertanto, è riconosciuto anche se il minore, all atto dell adozione, abbia superato i 6 anni di età e spetta per l intero periodo, anche nell ipotesi in cui durante il congedo lo stesso raggiunga la maggiore età. La lavoratrice ha diritto al congedo per i primi 5 mesi decorrenti dal giorno successivo all effettivo ingresso del minore nella propria famiglia; a tale periodo deve essere aggiunto, per analogia con le madri biologiche, anche il giorno di ingresso del minore nella famiglia dell interessata. Conseguentemente, il congedo complessivamente riconoscibileinfavoredellemadriadottiveèparia5mesie1giorno.

9 La lavoratrice che prende in affidamento un minore ai sensi della legge n. 184/1983 (affidamento non preadottivo) ha diritto all astensione dal lavoro per un periodo complessivo pari a 3 mesi entro l arco temporale di 5 mesi decorrenti dalla data di affidamento del minore all interessata; entro i predetti 5 mesi, il congedo in esame è fruito dall interessata in modo continuativo o frazionato. Il congedo spetta a prescindere dall età del minore all atto dell affidamento ed è riconosciuto, pertanto, anche per minori che, all atto dell affidamento, abbiano superato i 6 anni di età(inps, circ. 16/2008). In caso di affidamento il diritto all astensione dal lavoro spetta per un periodocomplessivodi3mesidafruireentroi5mesidecorrentidalla data di affidamento in modo continuativo o frazionato (INPS, msg. 6361/2008). Può essere fruito dai genitori adottivi e affidatari, qualunque sia l età del minore, entro 8 anni dall ingresso del minore in famiglia, e comunque non oltre il raggiungimento della maggiore età anche nel caso di adozione o affidamento internazionale. Per quanto attiene alle lavoratrici autonome la disciplina è contenuta nell articolo 69 del D.Lgs. n. 151/2001 e spetta per un periodo di tre mesi entro un anno dall ingresso del minore in famiglia. L indennità di maternità per i tre mesi successivi all effettivo ingresso del minore in famiglia spetta a condizione che il minore stesso all atto dell adozione o affidamento non abbia superato i 6 anni di età se trattasi di adozione o affidamento nazionale, adottivo o non preadottivo (INPS, msg / 2011). I riposi giornalieri spettano anche in caso di adozione nazionale. È stato dichiarato infatti costituzionalmente illegittimo il c. 1, articolo 45 del D.Lgs.151/2001nellaparteincuiprevedecheiriposidicuiagliarticoli 39,40e41siapplichino,ancheincasodiadozioneediaffidamento, entro ilprimoannodivitadelbambino anziché entroilprimoannodall ingresso del minore nella famiglia (Corte Cost. 104/2003). Il legislatore si è adeguato alla sentenza della Corte Costituzionale modificando la norma con l articolo 8 del D.Lgs. 119/2011. Di conseguenza anche nei casi di adozione e affidamento del minore spettano alla lavoratrice madre oppure al padre, nei casi consentiti, i permessi giornalieri (due ore retribuite e una sola quando l orario giornalierodilavoroèinferioreaseiore). I riposi giornalieri spettano al lavoratore padre anche nell ipotesi in cui la madre svolga lavoro casalingo. Anchepericasidiadozioneeaffidamentospettaildirittodiastenersidal lavoro per le malattie del bambino. L articolo50deld.lgs.151/2001eleva,però,a6anni(rispettoaitreanni previsti negli altri casi) l età del bambino dove i genitori, alternativamente, hanno il diritto di astenersi per i periodi corrispondenti alle malattie di ciascun figlio(senza limiti di tempo). Ciascun genitore, alternativamente, ha altresì diritto di astenersi dal Congedo parentale Riposi giornalieri della madre Malattia del bambino

10 lavoro, nel limite di 5 giorni lavorativi all anno, per le malattie di ogni figliodietàcompresafrai6egli8anni. Qualora, all atto dell adozione o dell affidamento, il minore abbia un età compresa fra i 6 e i 12 anni, il congedo per la malattia del bambino è fruito nei primi tre anni dall ingresso del minore nel nucleo familiare nel limite di 5 giorni lavorativi all anno. Trattamento economico enormativo Adozione di bambini disabili Per le assenze (congedo di maternità e paternità, congedo parentale, riposi giornalieri e malattia del bambino) a seguito di adozione o affidamento il trattamento è quello normalmente previsto dal D.Lgs. 151/2001. I periodi di assenza sono coperti da contribuzione figurativa(inps, msg. 6361/2008). Le disposizioni di tutela previste in materia di licenziamento si applicano anche in caso di adozione e di affidamento. Il divieto di licenziamento si applica fino a 1 anno dall ingresso del minore nel nucleo familiare (art. 54, c. 9, D.Lgs. 151/2001 così come modificato dal D.Lgs. 5/2010). Fermi restando i limiti temporali (8 anni dall ingresso del minore in famiglia e comunque non oltre il raggiungimento della maggiore età, oltre i quali non spettano né il congedo né la relativa indennità) previsti per il trattamento economico durante il congedo parentale, pari al 30% della retribuzione, questo è riconoscibile per un periodo massimocomplessivodi6mesitraiduegenitorientroi3annidall ingresso del minore in famiglia; viceversa, qualunque periodo di congedo richiesto oltre i 3 anni dall ingresso (anche, ad esempio, il primo mese) nonché i periodi di congedo ulteriori rispetto ai sei mesi(settimo, ottavo e così via), ancorché fruiti entro i primi 3 anni dall ingresso del minore in famiglia, potranno essere indennizzati a tale titolo subordinatamente alla verifica delle condizioni reddituali previste dal c. 3, art. 34, T.U.(INPS, circ. 16/2008). La lavoratrice madre o, in alternativa, il lavoratore padre di minore con handicap in situazione di gravità accertata ai sensi del c. 1, articolo 4 della legge n. 104/1992, hanno diritto al prolungamento fino a 3 anni del congedo parentale a condizione che il bambino non sia ricoverato a tempo pieno presso istituti specializzati. La disposizione dell articolo 33 del D.Lgs. 151/2001 si applica anche a favore dei genitori adottivi e/o affidatari. Finoalcompimentodelterzoannodivitadelbambinoconhandicapin situazione di gravità e in alternativa al prolungamento del periodo di congedo parentale, si applica il c. 2, articolo 33 della legge n. 104/1992, relativo alle 2 ore di riposo giornaliero retribuito. Successivamente, al compimento del terzo anno di vita del bambino con handicap in situazione di gravità, la lavoratrice madre o, in alternativa, il lavoratore padre hanno diritto ai permessi (3 giorni retribuiti al mese)dicuialc.3,articolo33dellaleggen.104/1992.dettipermessi sono fruibili anche in maniera continuativa nell ambito del mese. I riposi e i permessi possono essere cumulati con il congedo parentale ordinario e con il congedo per la malattia del figlio. Infine, alla lavoratri

11 ce madreo, in alternativa, al lavoratore padreo, dopo la loro scomparsa, uno dei fratelli o sorelle conviventi di soggetto con handicap in situazione di gravità, spetta il diritto a fruire del congedo biennale(art. 4, c.2,leggen.53/2000). La presentazione della domanda di congedo prima di un periodo di CIG, sia ridotta che a zero ore, consente al lavoratore di fruire del congedo straordinario con conseguente erogazione dell indennità previsto dall art. 42, c. 5, T.U. Il lavoratore non sarà interessato dalla sospensione dell attività lavorativa o dalla riduzione di orario per CIG e non percepirà il contributo integrativo previsto (Min. lav., interpello 70/2009). Come anticipato, durante i periodi di congedo per adozione e affidamento il lavoratore ha diritto a percepire un trattamento economico a carico INPS calcolato secondo il regime economico delle assenze per maternità. Ne consegue che la gestione del LUL avverrà con le medesime modalità previste per l evento maternità di seguito proposte. Per quanto attiene ai riflessi nel flusso Uniemens dei congedi e delle assenze in commento valgono le modalità di esposizione previste per l indennità di maternità. I riflessi sul Libro Unico del Lavoro I riflessi nell Uniemens Esempio Libro unico del lavoro- Lavoratore mensilizzato(congedo di maternità) Si ipotizzi il caso della signora Rossi, lavoratrice mensilizzata dipendente della ditta Alfa SRL, che fruisce di 30 giorni di congedo di maternità conseguente ad adozione(dal 1 aprile al 30 aprile). Ipotizzando un divisore giornaliero pari a 26, un divisore orario pari a 173 e un contratto applicato che prevede quattordici mensilità, il Libro Unico risulta così compilato: DATI DITTA DIPENDENTE Qualifica IMPIEGATO AMMINISTRATIVO RETRIBUZIONE Minimo contrattuale 1.500,00 Nome ALFA SRL MARIA Cognome ROSSI PERIODO DI PAGA APRILE 2012 % part time Totale 1.500,00 Descrizione Ore/gg Dato base Competenze Trattenute RETRIBUZIONE MENSILE 26 57, ,00 ASSENZA CONGEDO MATERNITÀ 26 57, ,00 INDENNITÀ INPS MATERNITÀ 1.399,92 RETRIBUZIONE IN ASSENZA 100% 1.500, ,00 INTEGRAZIONE DITTA 0 Imponibile previdenziale 0 Contributi INPS c/dip. 0 Imponibile fiscale 1.399,92 Tot. comp ,92 Netto in busta 1.199,92 IRPEF netta 200,00 Tot. tratt ,00 (Segue)

12 dove: l indennità INPS riconosciuta durante il periodo di congedo è stata così determinata: euro 1.500,00(imponibile previdenziale del mese di marzo 2012 valore ipotetico): 30 = euro 50,00 (euro1.500,00:12)x2=euro250,00 Euro250,00:30= euro 8,33(incidenza giornaliera delle mensilità aggiuntive) Euro 50,00 + euro 8,33 = euro 58,33(retribuzione media globale giornaliera) (Euro58,33x80%)x30= euro 1.399,92(indennità INPS) ipotizzando che il contratto applicato preveda l obbligo per il datore di lavoro di integrare l indennità dell INPS per garantire al dipendente la percezione del 100% della retribuzione durante tutta l assenza per maternità, la voce di integrazione ditta viene così determinata: euro57,69x26=euro1.500,00 (retribuzione da garantire al lavoratore durante l assenza per la fruizione del congedo di maternità) (Euro 1.399,92 x 100): 90,81 = euro 1.541,59(indennità INPS lordizzata) l integrazione ditta è pari a zero in quanto l indennità INPS lordizzata risulta di importo superiore a quanto il datore di lavoro è tenuto a garantire da contratto al lavoratore durante l assenza per maternità; concorre alla formazione dell imponibile previdenziale la voce di retribuzione e la voce di assenza(trattenuta); concorre alla formazione dell imponibile fiscale la voce di retribuzione, la voce di assenza(trattenuta) e la voce di indennità INPS; l importo indicato in corrispondenza del campo IRPEF netta è determinato riconoscendo un importo di euro 127,98(ipotetico) a titolo di detrazioni d imposta. Esempio 2 Libro unico del lavoro Lavoratore mensilizzato(congedo parentale) Si ipotizzi ora il caso della signora Bianchi, lavoratrice mensilizzata dipendente della ditta Alfa SRL, che fruisce di 30 giorni di congedo parentale conseguente ad adozione(dal 1 aprile al 30 aprile). Il Libro Unico risulta così compilato: DATI DITTA DIPENDENTE Qualifica IMPIEGATO AMMINISTRATIVO RETRIBUZIONE Minimo contrattuale 1.500,00 Nome ALFA SRL ANNA Cognome BIANCHI PERIODO DI PAGA APRILE 2012 % part time Totale 1.500,00 Descrizione Ore/gg Dato base Competenze Trattenute RETRIBUZIONE MENSILE 26 57, ,00 ASSENZA CONGEDO MATERNITÀ 26 57, ,00 INDENNITÀ INPS CONG. PARENTALE 450,00 Imponibile previdenziale 0 Contributi INPS c/dip. 0 Imponibile fiscale 450,00 Tot. comp ,00 Netto in busta 430,00 IRPEF netta 20,00 Tot. tratt ,00 dove: l indennità INPS riconosciuta durante il periodo di congedo è stata così determinata: euro 1.500,00(imponibile previdenziale del mese di marzo 2012 valore ipotetico): 30 = euro 50,00(retribuzione media globale giornaliera; nessuna incidenza per le mensilità aggiuntive durante il congedo parentale) (Euro50,00x30%)x30= euro 450,00(indennità INPS) nessuna integrazione a carico ditta è prevista durante il periodo di congedo parentale; concorre alla formazione dell imponibile previdenziale la voce di retribuzione e la voce di assenza(trattenuta); concorre alla formazione dell imponibile fiscale la voce di retribuzione, la voce di assenza(trattenuta) e la voce di indennità INPS; l importo indicato in corrispondenza del campo IRPEF netta è determinato riconoscendo un importo di euro 83,50(ipotetico) a titolo di detrazioni d imposta.

13 Esempio 3 Libro unico del lavoro- Lavoratore pagato a ore(congedo di maternità) Si ipotizzi ora il caso della signora Verdi, lavoratrice pagata a ore dipendente della ditta Beta SRL, che fruisce di 30 giorni di congedo di maternità conseguente ad adozione(dal 1 aprile al 30 aprile). Ipotizzando una retribuzione oraria di euro 10,00, il Libro Unico risulta così compilato: DATI DITTA DIPENDENTE Qualifica OPERAIOSPECIALIZZATO RETRIBUZIONE Paga oraria 10,00 Nome BETA SRL LUISA Cognome VERDI PERIODO DI PAGA APRILE 2012 % part time Totale 10,00 Descrizione Ore/gg Dato base Competenze Trattenute FESTIVITÀ A CARICO DITTA 16 10,00 160,00 INDENNITÀ INPS MATERNITÀ 1.257,64 RETRIBUZIONE IN ASSENZA 100% 1.520, ,00 INTEGRAZIONE DITTA 135,09 Imponibile previdenziale 295,00 Contributi INPS c/dip. 27,11 Imponibile fiscale 1.525,62 Tot. comp ,73 Netto in busta 1.325,62 IRPEF netta 200,00 Tot. tratt. 227,11 dove: l indennità INPS riconosciuta durante il periodo di congedo è stata così determinata: giornateretribuitenelmesedimarzo2012=22 valoresestegiornate=22x0,20=4,4 divisoremensile=22+4,4=26,4 euro 1.500,00(imponibile previdenziale del mese di marzo 2012 valore ipotetico): 26,4 = euro 56,82 (euro1.730,00:12)x2=euro288,33 Euro288,33:25= euro 11,53(incidenza giornaliera delle mensilità aggiuntive) Euro 56,82 + euro 11,53 = euro 68,35(retribuzione media globale giornaliera) (Euro68,35x80%)x23= euro 1.257,64(indennità INPS) ipotizzando che il contratto applicato preveda l obbligo per il datore di lavoro di integrare l indennità dell INPS per garantire al dipendente la percezione del 100% della retribuzione durante tutta l assenza per maternità, la voce di integrazione ditta viene così determinata: euro10,00x152=euro1.520,00 (retribuzione da garantire al lavoratore durante l assenza per la fruizione del congedo per cure) (Euro 1.257,64 x 100): 90,81 = euro 1.384,91(indennità INPS lordizzata) Euro 1.520,00 euro 1.384,91 = euro 135,09(integrazione ditta) concorre alla formazione dell imponibile previdenziale la voce di festività e la voce di integrazione ditta; concorre alla formazione dell imponibile fiscale la voce di festività, la voce di indennità INPS e la voce di integrazione ditta (al netto dei contributi previdenziali obbligatori a carico del dipendente); l importo indicato in corrispondenza del campo IRPEF netta è determinato riconoscendo un importo di euro 161,92(ipotetico) a titolo di detrazioni d imposta. Esempio 4 Libro unico del lavoro- Lavoratore pagato a ore(congedo parentale) Si ipotizzi ora il caso della signora Azzurri, lavoratrice pagata a ore dipendente della ditta Beta SRL, che fruisce di 30 giorni di congedo parentale conseguente ad adozione(dal 1 aprile al 30 aprile). Ipotizzando una retribuzione oraria di euro 10,00, il Libro Unico risulta così compilato: (Segue)

14 DATI DITTA DIPENDENTE Qualifica OPERAIO SPECIALIZZATO RETRIBUZIONE Paga oraria 10,00 Nome BETA SRL CHIARA Cognome AZZURRI PERIODO DI PAGA APRILE 2012 % part time Totale 10,00 Descrizione Ore/gg Dato base Competenze Trattenute FESTIVITÀ A CARICO DITTA 16 10,00 160,00 INDENNITÀ INPS CONG. PARENTALE 392,06 Imponibile previdenziale 160,00 Contributi INPS c/dip. 14,70 Imponibile fiscale 537,36 Tot. comp. 552,06 Netto in busta 497,36 IRPEF netta 40,00 Tot. tratt. 54,70 dove: l indennità INPS riconosciuta durante il periodo di congedo è stata così determinata: giornateretribuitenelmesedimarzo2012=22 valoresestegiornate=22x0,20=4,4 divisoremensile=22+4,4=26,4 euro 1.500,00(imponibile previdenziale del mese di marzo 2012 valore ipotetico): 26,4 = euro 56,82(retribuzione media globale giornaliera; nessuna incidenza per le mensilità aggiuntive durante il congedo parentale) (Euro56,82x30%)x23= euro 392,06(indennità INPS) nessuna integrazione a carico ditta è prevista durante il periodo di congedo parentale; concorre alla formazione dell imponibile previdenziale la sola voce di festività; concorre alla formazione dell imponibile fiscale la voce di festività e la voce di indennità INPS (al netto dei contributi previdenziali obbligatori a carico del dipendente); l importo indicato in corrispondenza del campo IRPEF netta è determinato riconoscendo un importo di euro 83,59(ipotetico) a titolo di detrazioni d imposta.

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001)

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001) Legge 28 marzo 2001 n 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori nonché al titolo VIII del primo libro del codice civile (Gazetta Ufficiale

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili

Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili 1 a cura di Maria Patrizia Sparti, Inca Cgil - Area tutela del danno alla persona Capitolo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Manuale per i lavoratori del settore privato

Manuale per i lavoratori del settore privato Manuale per i lavoratori del settore privato in materia di conciliazione vita/lavoro: diritti e opportunità A cura di Raffaella Calasso Responsabile Ufficio Legale Aeroporti di Puglia S.p.a., in collaborazione

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

L. 4 maggio 1983, n. 184. (1) Diritto del minore ad una famiglia. (2) TITOLO I Principi generali (3)

L. 4 maggio 1983, n. 184. (1) Diritto del minore ad una famiglia. (2) TITOLO I Principi generali (3) L. 4 maggio 1983, n. 184. (1) Diritto del minore ad una famiglia. (2) (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 17 maggio 1983, n. 133, S.O. (2) Titolo così sostituito dall'art. 1, L. 28 marzo 2001, n. 149. TITOLO

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

I permessi retribuiti (art. 19 del CCNL del 6 luglio 1995)

I permessi retribuiti (art. 19 del CCNL del 6 luglio 1995) I permessi retribuiti (art. 19 del CCNL del 6 luglio 1995) Comparto Regioni e Autonomie locali Luglio 2013 INDICE Introduzione... 2 Permesso per lutto... 4 Permesso per matrimonio... 11 Permesso per concorsi

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

guida ai diritti dall A alla Z

guida ai diritti dall A alla Z FUNZIONE PUBBLIC A FRIULI VENEZIA GIULIA COMPARTO MINISTERI guida ai diritti dall A alla Z a cura della segreteria regionale Fp Cgil Fvg - novembre 2010 Comparto ministeriali SOMMARIO A -----------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Digitalizzazione a cura di. Quintadicopertina www.quintadicopertina.com

Digitalizzazione a cura di. Quintadicopertina www.quintadicopertina.com AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla Sede Nazionale Via Operai, 40 16149 Genova Numero Verde 800 80 30 28 www.aism.it - aism@aism.it Edizioni AISM ISBN: 9788871480756 Si ringrazia: Digitalizzazione

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Il Presidente del Consiglio dei Ministri Vista la legge 8 luglio 1998, n. 230, recante Nuove norme in materia di obiezione di coscienza, e successive modificazioni ed integrazioni; Vista la legge 6 marzo

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE IN PART TIME

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE IN PART TIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE IN PART TIME Parte Prima- LA REGOLAMENTAZIONE Premessa Il rapporto di lavoro a tempo parziale viene convenzionalmente definito come attività lavorativa a carattere

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO N. 6 DEL 18 Gennaio 2007. Con preghiera di massima diffusione

ORDINE DI SERVIZIO N. 6 DEL 18 Gennaio 2007. Con preghiera di massima diffusione DIVISIONE II U.P.T.A. e.p.c. Ai Capi Divisione Ai Capi Ufficio Ai Capi Settore Ai Segretari Amministrativi dei Dipartimenti Ai Responsabili dei Laboratori Ai Responsabili delle Biblioteche Ai Presidi di

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli