Adozione eaffidamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Adozione eaffidamento"

Transcript

1 Adozione eaffidamento In materia di adozione e affidamento è necessario illustrare separatamente il caso dell adozione internazionale rispetto al caso dell adozione nazionale, sebbene dal punto di vista dell indennità spettante al lavoratore il trattamento risulti il medesimo. ADOZIONE INTERNAZIONALE L articolo 29 della legge n. 184/1983 dispone come l adozione di minori stranieri abbia luogo conformemente ai principi e secondo le direttive della Convenzione per la tutela dei minori e la cooperazione in materia di adozione internazionale, sottoscritta a l Aja il Nozione e fonti normative Coloro che intendono adottare un minore straniero residente all estero devono presentare una dichiarazione di disponibilità al Tribunale per i minorenni del distretto in cui hanno la residenza e chiedere che lo stesso dichiari la loro idoneità all adozione. Il Tribunale per i minorenni sente gli aspiranti all adozione, anche a mezzo di un giudice delegato, dispone se necessario gli opportuni approfondimenti e pronuncia, entro i 2 mesi successivi, decreto motivato attestante la sussistenza ovvero l insussistenza dei requisiti per adottare. Gli aspiranti all adozione, che abbiano ottenuto il decreto di idoneità, devono conferire incarico a curare la procedura di adozione a uno degli enti autorizzati dalla Commissione per le adozioni internazionali (costituita presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri). Il Tribunale dei minorenni può autorizzare gli aspiranti a effettuare alcune delle attività anche direttamente. L ente autorizzato che ha ricevuto l incarico di curare la procedura di adozione: n informa gli aspiranti sulle procedure che inizierà e sulle concrete prospettive di adozione; n svolge le pratiche di adozione presso le competenti autorità del Paese indicato dagli aspiranti all adozione tra quelli con cui esso intrattiene rapporti, trasmettendo alle stesse la domanda di adozione, unitamente al decreto di idoneità e alla relazione a esso allegata, affinché le autorità straniere formulino le proposte di incontro tra gli aspiranti all adozione e il minore da adottare; Condizioni e procedure

2 n raccoglie dall autorità straniera la proposta di incontro tra gli aspiranti all adozione e il minore da adottare, verificando che sia accompagnata da tutte le informazioni di carattere sanitario riguardanti il minore, dalle notizie riguardanti la sua famiglia di origine e le sue esperienze di vita; n trasferisce tutte le informazioni e tutte le notizie riguardanti il minore agli aspiranti genitori adottivi, informandoli della proposta di incontro tra gli aspiranti all adozione e il minore da adottare e assistendoli in tutte le attività da svolgere nel Paese straniero; n riceve il consenso scritto all incontro tra gli aspiranti all adozione e il minore da adottare, proposto dall autorità straniera, da parte degli aspiranti all adozione, ne autentica le firme e trasmette l atto di consenso all autorità straniera, svolgendo tutte le altre attività dalla stessa richieste; l autenticazione delle firme degli aspiranti adottanti può essere effettuata anche dall impiegato comunale delegato all autenticaodaunnotaioodaunsegretariodiqualsiasiufficiogiudiziario; n riceve dall autorità straniera attestazione della sussistenza delle condizioni di cui all articolo 4 della Convenzione e concorda con la stessa, qualora ne sussistano i requisiti, l opportunità di procedere all adozione ovvero, in caso contrario, prende atto del mancato accordo e ne dà immediata informazione alla Commissione di cui all articolo 38 comunicandone le ragioni; ove sia richiesto dallo Stato di origine, approva la decisione diaffidareilminore o i minori ai futuri genitori adottivi; n informa immediatamente la Commissione, il Tribunale per i minorenni e i servizi dell ente locale della decisione di affidamento dell autorità straniera e richiede alla Commissione, trasmettendo la documentazione necessaria, l autorizzazione all ingresso e alla residenza permanente del minore o dei minori in Italia; n certifica la data di inserimento del minore presso i coniugi affidatari o i genitori adottivi; n riceve dall autorità straniera copia degli atti e della documentazione relativi al minore e li trasmette immediatamente al Tribunale per i minorenni e alla Commissione; n vigila sulle modalità di trasferimento in Italia e si adopera affinché questo avvenga in compagnia degli adottanti o dei futuri adottanti; n svolge in collaborazione con i servizi dell ente locale attività di sostegno del nucleo adottivo fin dall ingresso del minore in Italia su richiesta degli adottanti; n certifica, nell ammontare complessivo agli effetti di quanto previsto dalla lettera l bis, comma 1, articolo 10 del TUIR (D.P.R. n. 917/1986), le spese sostenute dai genitori adottivi per l espletamento della procedura di adozione. Tale disposizione consente di poter dedurre dal reddito complessivo il 50% delle spese sostenute dai genitori adottivi per l espletamento della procedura di adozione disciplinata dalle disposizioni contenute nel Capo I, Titolo III, legge n. 184/1983.

3 Normativa TUIR Capo I- Disposizioni generali Articolo 10- Oneri deducibili 1. Dal reddito complessivo si deducono, se non sono deducibili nella determinazione dei singoli redditi che concorrono a formarlo, i seguenti oneri sostenuti dal contribuente: ( ) l-bis) il cinquanta per cento delle spese sostenute dai genitori adottivi per l espletamento della procedura di adozione disciplinata dalle disposizionicontenutenelcapoideltitoloiiidellalegge4maggio1983,n.184. La Commissione per le adozioni internazionali, ricevuti gli atti e valutate le conclusioni dell ente incaricato, dichiara che l adozione risponde al superiore interesse del minore e ne autorizza l ingresso e la residenza permanente in Italia. La dichiarazione non è ammessa: n quando dalla documentazione trasmessa dall autorità del Paese straniero non emerge la situazione di abbandono del minore e la constatazione dell impossibilità di affidamento o di adozione nello Stato di origine; n qualora nel Paese straniero l adozione non determini per l adottato l acquisizione dello stato di figlio legittimo e la cessazione dei rapporti giuridici fra il minore e la famiglia di origine, a meno che i genitori naturali abbiano espressamente consentito al prodursi di tali effetti. Anche quando l adozione pronunciata nello Stato straniero non produca la cessazione dei rapporti giuridici con la famiglia d origine, la stessa può essere convertita in un adozione che produca tale effetto, se il Tribunale per i minorenni la riconosce conforme alla Convenzione. Solo in caso di riconoscimento di tale conformità, è ordinata la trascrizione. IlminorechehafattoingressonelterritoriodelloStatosullabasediun provvedimento straniero di adozione o di affidamento a scopo di adozione gode, dal momento dell ingresso, di tutti i diritti attribuiti al minore italiano in affidamento familiare. Dalmomentodell ingressoinitaliaeperalmenounanno,aifinidiuna corretta integrazione familiare e sociale, i servizi socio assistenziali degli enti locali e gli enti autorizzati, su richiesta degli interessati, assistono gli affidatari, i genitori adottivi e il minore. Essi in ogni caso riferiscono al Tribunale per i minorenni sull andamento dell inserimento, segnalando le eventuali difficoltà per gli opportuni interventi. Il minore adottato acquista la cittadinanza italiana per effetto della trascrizione del provvedimento di adozione nei registri dello stato civile. L adozione pronunciata all estero produce nell ordinamento italiano l effetto che l adottato acquista lo stato di figlio legittimo degli adottanti, dei quali assume e trasmette il cognome. Effetti dell adozione

4 Il Tribunale per i minorenni che ha emesso i provvedimenti e la Commissione per le adozioni internazionali conservano le informazioni acquisite sull origine del minore, sull identità dei suoi genitori naturali e sull anamnesi sanitaria del minore e della sua famiglia di origine. Congediincasodi adozione e affidamento Congedo di maternità epaternità Interruzione della procedura adottiva A norma del c. 3, articolo 80 della legge n. 184/1983 sono estesi alle persone affidatarie tutti i benefici in tema di astensione obbligatoria e facoltativa dal lavoro, di permessi per malattia, di riposi giornalieri, previsti per i genitori biologici. Gli articoli 26 e 36 del D.Lgs. n. 151/2001 stabiliscono rispettivamente il diritto per il congedo di maternità e parentale nei casi di adozione e affidamento. I periodi di assenza sono coperti da contribuzione figurativa (INPS, msg. 6361/2008). Il congedo di maternità spetta per un periodo massimo di 5 mesi a prescindere dall età del minore all atto dell adozione; il diritto spetta per l intero periodo anche nel caso in cui, durante il congedo, il minore raggiunga la maggiore età. In caso di adozione internazionale, il congedo può essere fruito prima dell ingresso del minore in Italia, durante il periodo di permanenza all estero richiesto per l incontro con il minore e gli adempimenti relativi alla procedura adottiva. Il congedo può essere fruito, anche frazionatamente, nei cinque mesi successivi all ingresso del minore in Italia risultante dall autorizzazione rilasciata, a tal fine, dalla Commissione per le adozioni internazionali. A tale periodo di congedo si aggiunge il giorno di ingresso in Italia del minore cosicché il periodo massimo complessivamente spettante è pari a cinque mesieungiorno. La lavoratrice, che per il periodo di permanenza all estero, non richieda o richieda solo in parte il congedo di maternità, può fruire di un congedo non retribuito, senza diritto a indennità. L ente autorizzato che ha ricevuto l incarico di curare la procedura di adozione certifica la durata del periodo di permanenza all estero della lavoratrice. Le disposizioni trovano applicazione anche laddove, al momento dell ingresso del minore in Italia, lo stesso si trovi in affidamento preadottivo; tali sono le ipotesi in cui l adozione debba essere pronunciata dal Tribunale italiano successivamente all ingresso del minore in Italia ai sensi del c. 4, articolo 35 della legge n. 184/1983. In caso di affidamento il diritto all astensione dal lavoro spetta per un periodocomplessivodi3mesidafruireentroi5mesidecorrentidalla data di affidamento in modo continuativo o frazionato (INPS, msg. 6361/2008). Non risulta espressamente disciplinato il caso dell interruzione di adozione internazionale in relazione al godimento del periodo di congedo durante la permanenza all estero prima dell adozione. Tale permanenza

5 consente agli aspiranti genitori adottivi e al minore da adottare di instaurare un rapporto relazionale e affettivo propedeutico all adozione stessa, nell interesse del bambino e del suo sviluppo psicofisico, nella fase prima dell ingresso in Italia. L eventuale esito negativo degli incontri non condiziona il riconoscimento del periodo trascorso all estero come periodo di congedo di maternità. L ente autorizzato alla gestione della procedura di adozione dovrà informare la Commissione per le adozioni internazionali in Italia e relazionare sulle motivazioni per cui l abbinamento non è stato rispondente agli interessi del minore(min. lav., nota n. 39/2010). In caso di revoca dell affidamento preadottivo pronunciata dal Tribunale, il diritto al congedo e il diritto alla relativa indennità cessano dal giorno successivo; di tale circostanza la lavoratrice interessata dovrà darne opportuna e tempestiva comunicazione all Istituto (INPS, circ. 16/ 2008). Può essere fruito dai genitori adottivi e affidatari, qualunque sia l età del minore, entro 8 anni dall ingresso del minore in famiglia, e comunque non oltre il raggiungimento della maggiore età anche nel caso di adozione o affidamento internazionale. Per quanto attiene alle lavoratrici autonome la disciplina è contenuta nell articolo 69 del D.Lgs. n. 151/2001 e spetta per un periodo di tre mesi entro un anno dall ingresso del minore in famiglia, a prescindere dall età del minore all atto dell adozione o affidamento. Rimane fermo che il congedo parentale non è comunque fruibile oltre il compimento del diciottesimo anno di età del minore adottato/affidato (INPS, msg /2011). Fermi restando i limiti temporali sopra indicati il trattamento economico durante il congedo parentale, pari al 30% della retribuzione, è riconoscibile per un periodo massimo complessivo di 6 mesi tra i due genitori entro i 3 anni dall ingresso del minore in famiglia; viceversa, qualunque periodo di congedo richiesto oltre i 3 anni dall ingresso (anche, ad esempio, il primo mese) nonché i periodi di congedo ulteriori rispetto ai sei mesi (settimo, ottavo e così via), ancorché fruiti entro i primi 3 anni dall ingresso del minore in famiglia, potranno essere indennizzati a tale titolo subordinatamente alla verifica delle condizioni reddituali previste dal c. 3, articolo 34 del Testo Unico (INPS, circ. 16/2008). I riposi giornalieri spettano anche in caso di adozione internazionale. È stato dichiarato infatti costituzionalmente illegittimo il c. 1, articolo 45 del D.Lgs. 151/2001 nella parte in cui prevede che i riposi di cui agli articoli39,40e41siapplichino,ancheincasodiadozioneediaffidamento, entro il primo anno di vita del bambino anziché entro il primo anno dall ingresso del minore nella famiglia (Corte Cost. 104/2003). Il Legislatore si è adeguato alla sentenza della Corte Costituzionale modificando la norma con l articolo 8 del D.Lgs. 119/2011. Di conseguenza Revoca dell affidamento preadottivo Congedo parentale Riposi giornalieri della madre

6 anche nei casi di adozione e affidamento del minore spettano alla lavoratrice madre oppure al padre, nei casi consentiti, i permessi giornalieri(due ore retribuite e una sola quando l orario giornaliero di lavoro è inferiore a sei ore). I riposi giornalieri spettano al lavoratore padre anche nell ipotesi in cui la madre svolga lavoro casalingo. Malattia del bambino Divieto di licenziamento Nozione e condizioni Anche per i casi di adozione internazionale spetta il diritto di astenersi dal lavoro per le malattie del bambino. L articolo50deld.lgs.151/2001eleva,però,a6anni(rispettoaitreanni previsti negli altri casi) l età del bambino dove i genitori, alternativamente, hanno il diritto di astenersi per i periodi corrispondenti alle malattie di ciascun figlio(senza limiti di tempo). Ciascun genitore, alternativamente, ha altresì diritto di astenersi dal lavoro, nellimitedi5giornilavorativiall anno,perlemalattiediognifigliodi etàcompresafrai6egli8anni. Qualora, all atto dell adozione o dell affidamento, il minore abbia un età compresa fra i 6 e i 12 anni, il congedo per la malattia del bambino è fruito nei primi tre anni dall ingresso del minore nel nucleo familiare nel limite di 5 giorni lavorativi all anno. Le disposizioni di tutela previste in materia di licenziamento si applicano anche in caso di adozione internazionale. Il divieto di licenziamento si applica fino a un anno dall ingresso del minore straniero nel nucleo familiare. In caso di adozione internazionale, il divieto opera dal momento della comunicazione della proposta di incontro con il minore adottando, ai sensi della lettera d), c. 3, articolo 11 della legge n. 184/1983, ovvero della comunicazione dell invito a recarsi all estero per ricevere la proposta di abbinamento (art. 54, c. 9, D.Lgs. 151/2001 così come modificato dal D.Lgs. 5/2010). ADOZIONE NAZIONALE L articolo 6 della legge n. 184/1983 pone una serie di condizioni per l adozione dei minori, dichiarati in stato di adottabilità, consentita ai coniugiunitiinmatrimoniodaalmeno3anni. Tra i coniugi non deve sussistere e non deve avere avuto luogo negli ultimi 3 anni separazione personale neppure di fatto e devono essere affettivamente idonei e capaci di educare, istruire e mantenere i minori che intendano adottare. Il requisito della stabilità del rapporto può ritenersi realizzato anche quando i coniugi abbiano convissuto in modo stabile e continuativo prima del matrimonio per un periodo di 3 anni, nel caso in cui il Tribunale per i minorenni accerti la continuità e la stabilità della convivenza, avuto riguardo a tutte le circostanze del caso concreto. L età degli adottanti deve superare di almeno 18 e di non più di 45 anni l età dell adottando. Si tratta di limiti che possono essere derogati: n qualora il Tribunale per i minorenni accerti che dalla mancata adozionederiviundannograveenonaltrimentievitabileperilminore;

7 n quando il limite massimo di età degli adottanti sia superato da uno solo di essi in misura non superiore a 10 anni, ovvero quando essi siano genitori di figli naturali o adottivi dei quali almeno uno sia in età minore, ovvero quando l adozione riguardi un fratello o una sorella del minore già dagli stessi adottato. Ai coniugi sono consentite più adozioni anche con atti successivi e costituisce criterio preferenziale ai fini dell adozione l avere già adottato un fratello dell adottando o il fare richiesta di adottare più fratelli, ovvero la disponibilità dichiarata all adozione di minori che si trovino nelle condizioni di persona disabile (art. 3, legge n. 104/1992). L articolo 44 della legge n. 184/1983 prevede poi una serie di casi particolari per l adozione: n da persone unite al minore da vincolo di parentela fino al sesto grado o da preesistente rapporto stabile e duraturo, quando il minore sia orfano di padre e di madre; n dal coniuge nel caso in cui il minore sia figlio anche adottivo dell altro coniuge; n quando il minore sia un soggetto disabile (art. 3, c. 1, legge n. 104/1992) e sia orfano di padre e di madre; n quando vi sia la constatata impossibilità di affidamento preadottivo. Il minore che ha compiuto i 14 anni, non può essere adottato se non presta personalmente il proprio consenso, che deve essere manifestato anche quando il minore compia l età predetta nel corso del procedimento. Il consenso dato può comunque essere revocato sino alla pronuncia definitiva dell adozione. Se l adottando ha compiuto i 12 anni deve essere personalmente sentito; se ha un età inferiore ai 12 anni deve essere sentito in considerazione della sua capacità di discernimento. Coloro che intendono adottare devono presentare domanda al Tribunale per i minorenni, specificando l eventuale disponibilità ad adottare più fratelli ovvero minori che si trovino nelle condizioni indicate dal c. 1, articolo 3 della legge n. 104/1992, concernente l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate. È ammissibile la presentazione di più domande anche successive a più Tribunali per i minorenni, purché in ogni caso se ne dia comunicazione a tutti i Tribunali precedentemente aditi. La domanda decade dopo 3 anni dalla presentazione e può essere rinnovata. Il Tribunale per i minorenni, in base alle indagini effettuate, sceglie tra le coppie che hanno presentato domanda quella maggiormente in grado di corrispondere alle esigenze del minore. Il Tribunale può disporre, in ogni momento e fino all affidamento preadottivo, ogni opportuno provvedimento provvisorio nell interesse del minore, compreso il collocamento temporaneo presso una famiglia o una comunità di tipo familiare, la sospensione della potestà dei genitori sul minore, la sospensione dell esercizio delle funzioni del tutore e la nomina di un tutore provvisorio. Consenso del minore Procedura e affidamento preadottivo

8 Adozione Effetti dell adozione Congediincasodi adozione e affidamento Congedo di maternità epaternità Il Tribunale per i minorenni che ha dichiarato lo stato di adottabilità decorso 1 anno dall affidamento, sentiti i coniugi adottanti, il minore, il pubblico ministero, il tutore e coloro che abbiano svolto attività di vigilanza o di sostegno, e previa verifica che ricorrano tutte le condizioni previste, provvede sull adozione con sentenza. Il termine di 1 anno può essere prorogato nell interesse del minore, d ufficio o su domanda dei coniugi affidatari, con ordinanza motivata. Se uno dei coniugi muore o diviene incapace durante l affidamento preadottivo, l adozione, nell interesse del minore, può essere ugualmente disposta a istanza dell altro coniuge nei confronti di entrambi, con effetto, per il coniuge deceduto, dalla data della morte. L adottato acquista lo stato di figlio legittimo degli adottanti, dei quali assume e trasmette il cognome. Se l adozione è disposta nei confronti della moglie separata l adottato assume il cognome della sua famiglia. Con l adozione cessano i rapporti dell adottato verso la famiglia d origine, salvi i divieti matrimoniali. Qualunque attestazione di stato civile riferita all adottato deve essere rilasciata con la sola indicazione del nuovo cognome e con l esclusione di qualsiasi riferimento alla paternità e alla maternità del minore. L adottato, raggiunta l età di venticinque anni, può accedere a informazioni che riguardano la sua origine e l identità dei propri genitori biologici. Può farlo anche raggiunta la maggiore età se sussistono gravi e comprovati motivi attinenti alla sua salute psico fisica. L istanza deve essere presentata al Tribunale per i minorenni del luogo di residenza. A norma del c. 3, articolo 80 della legge n. 184/1983 sono estesi alle persone affidatarie tutti i benefici in tema di astensione obbligatoria e facoltativa dal lavoro, di permessi per malattia, di riposi giornalieri, previsti per i genitori biologici. Gli articoli 26 e 36 del D.Lgs. n. 151/2001 stabiliscono, rispettivamente il diritto per il congedo di maternità e parentale nei casi di adozione e affidamento. I periodi di assenza sono coperti da contribuzione figurativa (INPS, msg. 6361/2008). La lavoratrice che adotta un minore ha diritto all astensione dal lavoro per un periodo pari a 5 mesi a prescindere dall età del minore all atto dell adozione. Il diritto, pertanto, è riconosciuto anche se il minore, all atto dell adozione, abbia superato i 6 anni di età e spetta per l intero periodo, anche nell ipotesi in cui durante il congedo lo stesso raggiunga la maggiore età. La lavoratrice ha diritto al congedo per i primi 5 mesi decorrenti dal giorno successivo all effettivo ingresso del minore nella propria famiglia; a tale periodo deve essere aggiunto, per analogia con le madri biologiche, anche il giorno di ingresso del minore nella famiglia dell interessata. Conseguentemente, il congedo complessivamente riconoscibileinfavoredellemadriadottiveèparia5mesie1giorno.

9 La lavoratrice che prende in affidamento un minore ai sensi della legge n. 184/1983 (affidamento non preadottivo) ha diritto all astensione dal lavoro per un periodo complessivo pari a 3 mesi entro l arco temporale di 5 mesi decorrenti dalla data di affidamento del minore all interessata; entro i predetti 5 mesi, il congedo in esame è fruito dall interessata in modo continuativo o frazionato. Il congedo spetta a prescindere dall età del minore all atto dell affidamento ed è riconosciuto, pertanto, anche per minori che, all atto dell affidamento, abbiano superato i 6 anni di età(inps, circ. 16/2008). In caso di affidamento il diritto all astensione dal lavoro spetta per un periodocomplessivodi3mesidafruireentroi5mesidecorrentidalla data di affidamento in modo continuativo o frazionato (INPS, msg. 6361/2008). Può essere fruito dai genitori adottivi e affidatari, qualunque sia l età del minore, entro 8 anni dall ingresso del minore in famiglia, e comunque non oltre il raggiungimento della maggiore età anche nel caso di adozione o affidamento internazionale. Per quanto attiene alle lavoratrici autonome la disciplina è contenuta nell articolo 69 del D.Lgs. n. 151/2001 e spetta per un periodo di tre mesi entro un anno dall ingresso del minore in famiglia. L indennità di maternità per i tre mesi successivi all effettivo ingresso del minore in famiglia spetta a condizione che il minore stesso all atto dell adozione o affidamento non abbia superato i 6 anni di età se trattasi di adozione o affidamento nazionale, adottivo o non preadottivo (INPS, msg / 2011). I riposi giornalieri spettano anche in caso di adozione nazionale. È stato dichiarato infatti costituzionalmente illegittimo il c. 1, articolo 45 del D.Lgs.151/2001nellaparteincuiprevedecheiriposidicuiagliarticoli 39,40e41siapplichino,ancheincasodiadozioneediaffidamento, entro ilprimoannodivitadelbambino anziché entroilprimoannodall ingresso del minore nella famiglia (Corte Cost. 104/2003). Il legislatore si è adeguato alla sentenza della Corte Costituzionale modificando la norma con l articolo 8 del D.Lgs. 119/2011. Di conseguenza anche nei casi di adozione e affidamento del minore spettano alla lavoratrice madre oppure al padre, nei casi consentiti, i permessi giornalieri (due ore retribuite e una sola quando l orario giornalierodilavoroèinferioreaseiore). I riposi giornalieri spettano al lavoratore padre anche nell ipotesi in cui la madre svolga lavoro casalingo. Anchepericasidiadozioneeaffidamentospettaildirittodiastenersidal lavoro per le malattie del bambino. L articolo50deld.lgs.151/2001eleva,però,a6anni(rispettoaitreanni previsti negli altri casi) l età del bambino dove i genitori, alternativamente, hanno il diritto di astenersi per i periodi corrispondenti alle malattie di ciascun figlio(senza limiti di tempo). Ciascun genitore, alternativamente, ha altresì diritto di astenersi dal Congedo parentale Riposi giornalieri della madre Malattia del bambino

10 lavoro, nel limite di 5 giorni lavorativi all anno, per le malattie di ogni figliodietàcompresafrai6egli8anni. Qualora, all atto dell adozione o dell affidamento, il minore abbia un età compresa fra i 6 e i 12 anni, il congedo per la malattia del bambino è fruito nei primi tre anni dall ingresso del minore nel nucleo familiare nel limite di 5 giorni lavorativi all anno. Trattamento economico enormativo Adozione di bambini disabili Per le assenze (congedo di maternità e paternità, congedo parentale, riposi giornalieri e malattia del bambino) a seguito di adozione o affidamento il trattamento è quello normalmente previsto dal D.Lgs. 151/2001. I periodi di assenza sono coperti da contribuzione figurativa(inps, msg. 6361/2008). Le disposizioni di tutela previste in materia di licenziamento si applicano anche in caso di adozione e di affidamento. Il divieto di licenziamento si applica fino a 1 anno dall ingresso del minore nel nucleo familiare (art. 54, c. 9, D.Lgs. 151/2001 così come modificato dal D.Lgs. 5/2010). Fermi restando i limiti temporali (8 anni dall ingresso del minore in famiglia e comunque non oltre il raggiungimento della maggiore età, oltre i quali non spettano né il congedo né la relativa indennità) previsti per il trattamento economico durante il congedo parentale, pari al 30% della retribuzione, questo è riconoscibile per un periodo massimocomplessivodi6mesitraiduegenitorientroi3annidall ingresso del minore in famiglia; viceversa, qualunque periodo di congedo richiesto oltre i 3 anni dall ingresso (anche, ad esempio, il primo mese) nonché i periodi di congedo ulteriori rispetto ai sei mesi(settimo, ottavo e così via), ancorché fruiti entro i primi 3 anni dall ingresso del minore in famiglia, potranno essere indennizzati a tale titolo subordinatamente alla verifica delle condizioni reddituali previste dal c. 3, art. 34, T.U.(INPS, circ. 16/2008). La lavoratrice madre o, in alternativa, il lavoratore padre di minore con handicap in situazione di gravità accertata ai sensi del c. 1, articolo 4 della legge n. 104/1992, hanno diritto al prolungamento fino a 3 anni del congedo parentale a condizione che il bambino non sia ricoverato a tempo pieno presso istituti specializzati. La disposizione dell articolo 33 del D.Lgs. 151/2001 si applica anche a favore dei genitori adottivi e/o affidatari. Finoalcompimentodelterzoannodivitadelbambinoconhandicapin situazione di gravità e in alternativa al prolungamento del periodo di congedo parentale, si applica il c. 2, articolo 33 della legge n. 104/1992, relativo alle 2 ore di riposo giornaliero retribuito. Successivamente, al compimento del terzo anno di vita del bambino con handicap in situazione di gravità, la lavoratrice madre o, in alternativa, il lavoratore padre hanno diritto ai permessi (3 giorni retribuiti al mese)dicuialc.3,articolo33dellaleggen.104/1992.dettipermessi sono fruibili anche in maniera continuativa nell ambito del mese. I riposi e i permessi possono essere cumulati con il congedo parentale ordinario e con il congedo per la malattia del figlio. Infine, alla lavoratri

11 ce madreo, in alternativa, al lavoratore padreo, dopo la loro scomparsa, uno dei fratelli o sorelle conviventi di soggetto con handicap in situazione di gravità, spetta il diritto a fruire del congedo biennale(art. 4, c.2,leggen.53/2000). La presentazione della domanda di congedo prima di un periodo di CIG, sia ridotta che a zero ore, consente al lavoratore di fruire del congedo straordinario con conseguente erogazione dell indennità previsto dall art. 42, c. 5, T.U. Il lavoratore non sarà interessato dalla sospensione dell attività lavorativa o dalla riduzione di orario per CIG e non percepirà il contributo integrativo previsto (Min. lav., interpello 70/2009). Come anticipato, durante i periodi di congedo per adozione e affidamento il lavoratore ha diritto a percepire un trattamento economico a carico INPS calcolato secondo il regime economico delle assenze per maternità. Ne consegue che la gestione del LUL avverrà con le medesime modalità previste per l evento maternità di seguito proposte. Per quanto attiene ai riflessi nel flusso Uniemens dei congedi e delle assenze in commento valgono le modalità di esposizione previste per l indennità di maternità. I riflessi sul Libro Unico del Lavoro I riflessi nell Uniemens Esempio Libro unico del lavoro- Lavoratore mensilizzato(congedo di maternità) Si ipotizzi il caso della signora Rossi, lavoratrice mensilizzata dipendente della ditta Alfa SRL, che fruisce di 30 giorni di congedo di maternità conseguente ad adozione(dal 1 aprile al 30 aprile). Ipotizzando un divisore giornaliero pari a 26, un divisore orario pari a 173 e un contratto applicato che prevede quattordici mensilità, il Libro Unico risulta così compilato: DATI DITTA DIPENDENTE Qualifica IMPIEGATO AMMINISTRATIVO RETRIBUZIONE Minimo contrattuale 1.500,00 Nome ALFA SRL MARIA Cognome ROSSI PERIODO DI PAGA APRILE 2012 % part time Totale 1.500,00 Descrizione Ore/gg Dato base Competenze Trattenute RETRIBUZIONE MENSILE 26 57, ,00 ASSENZA CONGEDO MATERNITÀ 26 57, ,00 INDENNITÀ INPS MATERNITÀ 1.399,92 RETRIBUZIONE IN ASSENZA 100% 1.500, ,00 INTEGRAZIONE DITTA 0 Imponibile previdenziale 0 Contributi INPS c/dip. 0 Imponibile fiscale 1.399,92 Tot. comp ,92 Netto in busta 1.199,92 IRPEF netta 200,00 Tot. tratt ,00 (Segue)

12 dove: l indennità INPS riconosciuta durante il periodo di congedo è stata così determinata: euro 1.500,00(imponibile previdenziale del mese di marzo 2012 valore ipotetico): 30 = euro 50,00 (euro1.500,00:12)x2=euro250,00 Euro250,00:30= euro 8,33(incidenza giornaliera delle mensilità aggiuntive) Euro 50,00 + euro 8,33 = euro 58,33(retribuzione media globale giornaliera) (Euro58,33x80%)x30= euro 1.399,92(indennità INPS) ipotizzando che il contratto applicato preveda l obbligo per il datore di lavoro di integrare l indennità dell INPS per garantire al dipendente la percezione del 100% della retribuzione durante tutta l assenza per maternità, la voce di integrazione ditta viene così determinata: euro57,69x26=euro1.500,00 (retribuzione da garantire al lavoratore durante l assenza per la fruizione del congedo di maternità) (Euro 1.399,92 x 100): 90,81 = euro 1.541,59(indennità INPS lordizzata) l integrazione ditta è pari a zero in quanto l indennità INPS lordizzata risulta di importo superiore a quanto il datore di lavoro è tenuto a garantire da contratto al lavoratore durante l assenza per maternità; concorre alla formazione dell imponibile previdenziale la voce di retribuzione e la voce di assenza(trattenuta); concorre alla formazione dell imponibile fiscale la voce di retribuzione, la voce di assenza(trattenuta) e la voce di indennità INPS; l importo indicato in corrispondenza del campo IRPEF netta è determinato riconoscendo un importo di euro 127,98(ipotetico) a titolo di detrazioni d imposta. Esempio 2 Libro unico del lavoro Lavoratore mensilizzato(congedo parentale) Si ipotizzi ora il caso della signora Bianchi, lavoratrice mensilizzata dipendente della ditta Alfa SRL, che fruisce di 30 giorni di congedo parentale conseguente ad adozione(dal 1 aprile al 30 aprile). Il Libro Unico risulta così compilato: DATI DITTA DIPENDENTE Qualifica IMPIEGATO AMMINISTRATIVO RETRIBUZIONE Minimo contrattuale 1.500,00 Nome ALFA SRL ANNA Cognome BIANCHI PERIODO DI PAGA APRILE 2012 % part time Totale 1.500,00 Descrizione Ore/gg Dato base Competenze Trattenute RETRIBUZIONE MENSILE 26 57, ,00 ASSENZA CONGEDO MATERNITÀ 26 57, ,00 INDENNITÀ INPS CONG. PARENTALE 450,00 Imponibile previdenziale 0 Contributi INPS c/dip. 0 Imponibile fiscale 450,00 Tot. comp ,00 Netto in busta 430,00 IRPEF netta 20,00 Tot. tratt ,00 dove: l indennità INPS riconosciuta durante il periodo di congedo è stata così determinata: euro 1.500,00(imponibile previdenziale del mese di marzo 2012 valore ipotetico): 30 = euro 50,00(retribuzione media globale giornaliera; nessuna incidenza per le mensilità aggiuntive durante il congedo parentale) (Euro50,00x30%)x30= euro 450,00(indennità INPS) nessuna integrazione a carico ditta è prevista durante il periodo di congedo parentale; concorre alla formazione dell imponibile previdenziale la voce di retribuzione e la voce di assenza(trattenuta); concorre alla formazione dell imponibile fiscale la voce di retribuzione, la voce di assenza(trattenuta) e la voce di indennità INPS; l importo indicato in corrispondenza del campo IRPEF netta è determinato riconoscendo un importo di euro 83,50(ipotetico) a titolo di detrazioni d imposta.

13 Esempio 3 Libro unico del lavoro- Lavoratore pagato a ore(congedo di maternità) Si ipotizzi ora il caso della signora Verdi, lavoratrice pagata a ore dipendente della ditta Beta SRL, che fruisce di 30 giorni di congedo di maternità conseguente ad adozione(dal 1 aprile al 30 aprile). Ipotizzando una retribuzione oraria di euro 10,00, il Libro Unico risulta così compilato: DATI DITTA DIPENDENTE Qualifica OPERAIOSPECIALIZZATO RETRIBUZIONE Paga oraria 10,00 Nome BETA SRL LUISA Cognome VERDI PERIODO DI PAGA APRILE 2012 % part time Totale 10,00 Descrizione Ore/gg Dato base Competenze Trattenute FESTIVITÀ A CARICO DITTA 16 10,00 160,00 INDENNITÀ INPS MATERNITÀ 1.257,64 RETRIBUZIONE IN ASSENZA 100% 1.520, ,00 INTEGRAZIONE DITTA 135,09 Imponibile previdenziale 295,00 Contributi INPS c/dip. 27,11 Imponibile fiscale 1.525,62 Tot. comp ,73 Netto in busta 1.325,62 IRPEF netta 200,00 Tot. tratt. 227,11 dove: l indennità INPS riconosciuta durante il periodo di congedo è stata così determinata: giornateretribuitenelmesedimarzo2012=22 valoresestegiornate=22x0,20=4,4 divisoremensile=22+4,4=26,4 euro 1.500,00(imponibile previdenziale del mese di marzo 2012 valore ipotetico): 26,4 = euro 56,82 (euro1.730,00:12)x2=euro288,33 Euro288,33:25= euro 11,53(incidenza giornaliera delle mensilità aggiuntive) Euro 56,82 + euro 11,53 = euro 68,35(retribuzione media globale giornaliera) (Euro68,35x80%)x23= euro 1.257,64(indennità INPS) ipotizzando che il contratto applicato preveda l obbligo per il datore di lavoro di integrare l indennità dell INPS per garantire al dipendente la percezione del 100% della retribuzione durante tutta l assenza per maternità, la voce di integrazione ditta viene così determinata: euro10,00x152=euro1.520,00 (retribuzione da garantire al lavoratore durante l assenza per la fruizione del congedo per cure) (Euro 1.257,64 x 100): 90,81 = euro 1.384,91(indennità INPS lordizzata) Euro 1.520,00 euro 1.384,91 = euro 135,09(integrazione ditta) concorre alla formazione dell imponibile previdenziale la voce di festività e la voce di integrazione ditta; concorre alla formazione dell imponibile fiscale la voce di festività, la voce di indennità INPS e la voce di integrazione ditta (al netto dei contributi previdenziali obbligatori a carico del dipendente); l importo indicato in corrispondenza del campo IRPEF netta è determinato riconoscendo un importo di euro 161,92(ipotetico) a titolo di detrazioni d imposta. Esempio 4 Libro unico del lavoro- Lavoratore pagato a ore(congedo parentale) Si ipotizzi ora il caso della signora Azzurri, lavoratrice pagata a ore dipendente della ditta Beta SRL, che fruisce di 30 giorni di congedo parentale conseguente ad adozione(dal 1 aprile al 30 aprile). Ipotizzando una retribuzione oraria di euro 10,00, il Libro Unico risulta così compilato: (Segue)

14 DATI DITTA DIPENDENTE Qualifica OPERAIO SPECIALIZZATO RETRIBUZIONE Paga oraria 10,00 Nome BETA SRL CHIARA Cognome AZZURRI PERIODO DI PAGA APRILE 2012 % part time Totale 10,00 Descrizione Ore/gg Dato base Competenze Trattenute FESTIVITÀ A CARICO DITTA 16 10,00 160,00 INDENNITÀ INPS CONG. PARENTALE 392,06 Imponibile previdenziale 160,00 Contributi INPS c/dip. 14,70 Imponibile fiscale 537,36 Tot. comp. 552,06 Netto in busta 497,36 IRPEF netta 40,00 Tot. tratt. 54,70 dove: l indennità INPS riconosciuta durante il periodo di congedo è stata così determinata: giornateretribuitenelmesedimarzo2012=22 valoresestegiornate=22x0,20=4,4 divisoremensile=22+4,4=26,4 euro 1.500,00(imponibile previdenziale del mese di marzo 2012 valore ipotetico): 26,4 = euro 56,82(retribuzione media globale giornaliera; nessuna incidenza per le mensilità aggiuntive durante il congedo parentale) (Euro56,82x30%)x23= euro 392,06(indennità INPS) nessuna integrazione a carico ditta è prevista durante il periodo di congedo parentale; concorre alla formazione dell imponibile previdenziale la sola voce di festività; concorre alla formazione dell imponibile fiscale la voce di festività e la voce di indennità INPS (al netto dei contributi previdenziali obbligatori a carico del dipendente); l importo indicato in corrispondenza del campo IRPEF netta è determinato riconoscendo un importo di euro 83,59(ipotetico) a titolo di detrazioni d imposta.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma L art. 2, commi 452 456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244(Finanziaria 2008),

Dettagli

1. Congedo di maternità in caso di adozione e affidamento. 2. Congedo di paternità in caso di adozione e affidamento

1. Congedo di maternità in caso di adozione e affidamento. 2. Congedo di paternità in caso di adozione e affidamento Seite 1 von 8 Prassi delle Leggi d'italia I.N.P.S. (Istituto nazionale della previdenza sociale) Circ. 4-2-2008 n. 16 Art. 2, commi 452-456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (Finanziaria 2008). Congedo

Dettagli

Genitori adottivi o affidatari

Genitori adottivi o affidatari Genitori adottivi o affidatari Congedo di maternità Il congedo di maternità spetta, per un periodo massimo di cinque mesi, anche alle lavoratrici che abbiano adottato un minore. In caso di adozione nazionale,

Dettagli

1. In caso di adozione di minore, il congedo di maternità di cui al Capo III

1. In caso di adozione di minore, il congedo di maternità di cui al Capo III Direzione centrale Prestazioni a sostegno del reddito Direzione centrale delle Entrate contributive Direzione centrale delle Prestazioni Coordinamento generale Legale Direzione centrale Sistemi informativi

Dettagli

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP La persona handicappata maggiorenne in situazione di gravità

Dettagli

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE L affidamento familiare è un intervento temporaneo d aiuto e di sostegno ad un minore che proviene da una famiglia in difficoltà. Attraverso l affidamento, il bambino incontra

Dettagli

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Le parti, visto la Legge n 53 dell 8 Marzo 2000, concernente i Congedi Parentali, hanno convenuto sull opportunità di aggiornare la disciplina contrattuale di tale Istituto

Dettagli

Modifica delle norme di tutela della maternità. Flessibilità del l congedo di maternità

Modifica delle norme di tutela della maternità. Flessibilità del l congedo di maternità Modifica delle norme di tutela della maternità È stato pubblicato sulla G.U. n. 144 del 26 giugno 2015 Supplemento ordinario n. 34, il Decreto Legislativo 15 giugno 2015, n. 80 "Misure per la conciliazione

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ C I R C O L A R E

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ C I R C O L A R E DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9807.F.6.2 Roma, 6.8.2001 C I R C O L A R E OGGETTO: Legge 8 marzo 2000, n. 53 recante Disposizioni per il sostegno

Dettagli

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E Oggetto: Istanza d interpello XY- Art. 10, comma 1, lett. l-bis), del Tuir Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente l esatta applicazione

Dettagli

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 La legge riconosce ai lavoratori disabili e ai loro familiari il diritto di fruire, in presenza di determinate condizioni, di permessi retribuiti o di congedi

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali 1 1. LA GRAVIDANZA 1.1. QUANDO COMUNICARE IL PROPRIO STATO La legge non stabilisce alcun obbligo di comunicare il proprio stato prima degli ultimi due

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE OGGETTO: Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica MATERNITA E PATERNITA Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica LEGGI e CIRCOLARI D.lgs. 151/2001 http://www.slp-cisl.it/elementi/testo%20unico%20maternità%20e%20paternità.pdf

Dettagli

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

ANFFAS Brescia Onlus SERVIZIO ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE SAI?

ANFFAS Brescia Onlus SERVIZIO ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE SAI? PERMESSI e CONGEDI PARENTALI (art. 33 L. 104/92) solo per genitori, parenti o affini di una persona riconosciuta in SITUAZIONE DI HANDICAP GRAVE (certificazione di gravità ex art. 3 c. 3 L104/92); solo

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli

I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori DOCUMENTI

I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori DOCUMENTI I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori DOCUMENTI Legge 4 maggio 1983, n. 184 (1) (2) (1/circ) Diritto del minore ad una famiglia 175 TITOLO I PRINCIPI GENERALI (3) Art. 1 1. Il minore ha

Dettagli

Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità

Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità Slides aggiornate al 4 marzo 2015 Schema di Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri del 20.2.2015 e attualmente in attesa

Dettagli

Ai Rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali Territoriali di Comparto CIRCOLARE N. 11

Ai Rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali Territoriali di Comparto CIRCOLARE N. 11 Area Risorse e Sistemi Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti Ai Presidi di Facoltà Ai Direttori di Dipartimento A tutto il Personale

Dettagli

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati.

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati. DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO Roma, 10 luglio 2001 Circolare n. 138 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali

Dettagli

Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap

Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap Aggiornato alla Circ. INPS n^ 159 del 15/11/2013 La Corte Costituzionale con la recente sentenza n. 203 del 3 luglio 2013 ha dichiarato l

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Settore Risorse umane, salute e sicurezza TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Riferimenti normativi: Legge 53/2000; D.Lgs. 151/2001 Ccnl 14.9.2000 Dpr 1026/76 - D.Lgs. 119/11 D.Lgs. 5/2012

Dettagli

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE * QUALI SONO I NUOVI DIRITTI E LE NUOVE OPPORTUNITA PER I NEO-GENITORI? ASPETTATIVA OBBLIGATORIA: - Resta l aspettativa obbligatoria

Dettagli

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO (1 ORA SE LA DURATA DELL ORARIO GIORNALIERO DI LAVORO È INFERIORE A SEI ORE) I genitori, alternativamente, di un minore al quale

Dettagli

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino Il comma 14 dell art. 19 Ccnl 2003 finalmente sancisce quello che sosteniamo da tempo: al personale con contratto a tempo determinato si applica

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULL UTILIZZO DEI PERMESSI RETRIBUITI DI CUI ALLA LEGGE 5.2.1992, N.104 E S.M.I.

REGOLAMENTO AZIENDALE SULL UTILIZZO DEI PERMESSI RETRIBUITI DI CUI ALLA LEGGE 5.2.1992, N.104 E S.M.I. REGOLAMENTO AZIENDALE SULL UTILIZZO DEI PERMESSI RETRIBUITI DI CUI ALLA LEGGE 5.2.1992, N.104 E S.M.I. 1 Art. 1 Riferimenti normativi Legge 5.2.1992, n.104 Legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

TFR in busta paga dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi il medesimo datore di lavoro

TFR in busta paga dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi il medesimo datore di lavoro I commi da 26 a 34, introducono, in via sperimentale dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018, la possibilità, per il lavoratore dipendente, che abbia un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi presso

Dettagli

DOMANDA DI PERMESSI PER L ANNO.

DOMANDA DI PERMESSI PER L ANNO. Mod.Hand 1 (genitori di Minori) ALL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Sede di - Area prestazioni a sostegno del reddito - ALL AZIENDA Via n. DOMANDA DI PERMESSI PER L ANNO. (d.gs. 151/2001, art.

Dettagli

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir.

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir. RISOLUZIONE N. 153/E Roma, 11 giugno 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1,

Dettagli

CAP COMUNE PROV. M/F DATA DI NASCITA COMUNE O STATO ESTERO DI NASCITA PROV. CODICE FISCALE. DAL DITTA Matricola Aziendale

CAP COMUNE PROV. M/F DATA DI NASCITA COMUNE O STATO ESTERO DI NASCITA PROV. CODICE FISCALE. DAL DITTA Matricola Aziendale DOMANDA DI CONGEDO PARENTALE LAVORATRICI / LAVORATORI DIPENDENTI (D. Lgs. 151/2001 T.U. Maternità/Paternità) (da presentare all INPS e al datore di lavoro prima dell inizio del congedo) ALL ISTITUTO NAZIONALE

Dettagli

IL D.LGS. N 80 DEL 15 GIUGNO 2015: LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO.

IL D.LGS. N 80 DEL 15 GIUGNO 2015: LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO. . Prot. n 2110/22 Circolare N 11/AGOSTO 2015 AGOSTO 2015 A tutti i colleghi (*) IL D.LGS. N 80 DEL 15 GIUGNO 2015: LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO. È stato pubblicato sulla

Dettagli

Cognome Nome Nato a il Residente a. Recapito telefonico dipendente a tempo indeterminato/determinato in qualità di

Cognome Nome Nato a il Residente a. Recapito telefonico dipendente a tempo indeterminato/determinato in qualità di Richiesta di congedo straordinario per assistenza al genitore con disabilità grave (art. 42 comma 5 del D. Lgs. n. 151/2001, come modificato dalla Legge n. 350/2003 e dal D.lgs. 18.07.2011, n 119) Al Direttore

Dettagli

Maternità e paternità. Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015

Maternità e paternità. Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015 Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015 aggiornato al 22 luglio 2015 (G.U. n. 144 del 24/06/2015) Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell art. 1 comma

Dettagli

Legge 19 ottobre 2015 n. 173

Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, sul diritto alla continuità affettiva dei bambini e delle bambine in affido familiare. (G.U. n. 252 del 29 ottobre 2015) Entrata

Dettagli

In caso di parto prematuro, è possibile recuperare dopo la nascita il periodo non fruito.

In caso di parto prematuro, è possibile recuperare dopo la nascita il periodo non fruito. CONGEDO DI MATERNITÀ/CONGEDO DI PATERNITÀ Contratto intercompartimentale 2001-2004 Alto Adige Congedo di maternità: astensione obbligatoria dal lavoro della madre lavoratrice. Congedo di paternità: astensione

Dettagli

Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it

Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it Nel corso dell ultimo anno, le agevolazioni lavorative e gli incentivi per favorire l assistenza alle persone disabili sono stati

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO. Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO.

PROVINCIA DI LIVORNO. Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO. PROVINCIA DI LIVORNO CIRCOLARE N. 1/2014 Ai Dirigenti Ai dipendenti Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO. Alla luce delle modifiche intercorse a seguito

Dettagli

Congedi parentali, congedi straordinari, prolungamento dell'astensione di maternità: novità dall'inps

Congedi parentali, congedi straordinari, prolungamento dell'astensione di maternità: novità dall'inps www.handylex.org Carlo Giacobini, Responsabile del Centro per la documentazione legislativa, UILDM - Direzione Nazionale Congedi parentali, congedi straordinari, prolungamento dell'astensione di maternità:

Dettagli

Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002

Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002 LEGGE 104 CONGEDO STRAORDINARIO Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002 Legge 104/92 Art. 33 Tra i quesiti che ci pervengono quotidianamente da, lavoratori, delegati sindacali, membri di Associazioni

Dettagli

Aggiornamento al 25 settembre 2007

Aggiornamento al 25 settembre 2007 Aggiornamento al 25 settembre 2007 A cura di Adelmo Mattioli Patronato INCA CGIL Emilia Romagna 1 Articoli 26 e 31 T.U. Adozione Nazionale Il congedo per maternità pari ai 3 mesi successivi all ingresso

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 13 luglio 2015 Circolare n 12/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Jobs Act pubblicato il decreto per la conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro È entrato in vigore

Dettagli

Dipartimento I Risorse Umane e Qualità dei Servizi. Roma, 9 settembre 2011. Rif. int. n.466/u

Dipartimento I Risorse Umane e Qualità dei Servizi. Roma, 9 settembre 2011. Rif. int. n.466/u Rif. int. n.466/u Roma, 9 settembre 2011 e p.c. Al Capo di Gabinetto Al Segretario Generale Al Direttore Generale Ai Direttori di Dipartimento e Uffici equiparati Ai Dirigenti di Servizio Ai dipendenti

Dettagli

Legge 28 marzo 2001, n. 149

Legge 28 marzo 2001, n. 149 Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al

Legge 28 marzo 2001, n. 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE CON ALMENO TRE FIGLI MINORI (ANF) E ASSEGNO DI MATERNITA' (MAT) EROGATI DAI COMUNI ASPETTI PRINCIPALI DELLA NORMATIVA

ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE CON ALMENO TRE FIGLI MINORI (ANF) E ASSEGNO DI MATERNITA' (MAT) EROGATI DAI COMUNI ASPETTI PRINCIPALI DELLA NORMATIVA Roma 19/04/2012 ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE CON ALMENO TRE FIGLI MINORI (ANF) E ASSEGNO DI MATERNITA' (MAT) EROGATI DAI COMUNI ASPETTI PRINCIPALI DELLA NORMATIVA La normativa nazionale ha introdotto

Dettagli

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA 400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Le norme in materia sono contenute nel d. lgs. 151/2001 e, per ciò che riguarda le disposizioni relative ai minori in adozione o affidamento, sono state introdotte

Dettagli

CONTRATTO DI APPRENDISTATO CONTRATTO DI INSERIMENTO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO DI APPRENDISTATO CONTRATTO DI INSERIMENTO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO DI APPRENDISTATO CONTRATTO DI INSERIMENTO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO NOTA: In linea di principio sono applicabili integralmente le norme del Testo Unico (D.Legs. 151/2001) su maternità e paternità

Dettagli

Per l'anno 2007 l importo minimo lordo è 4.308,20 lordi, mentre quello massimo è di 21.541,00 euro

Per l'anno 2007 l importo minimo lordo è 4.308,20 lordi, mentre quello massimo è di 21.541,00 euro E.N.P.A.M. Indennita di maternita, adozione, affidamento e aborto per le iscritte agli albi dei medici chirughi e odontoiatri, libere professioniste o convenzionate La base del calcolo per l indennità

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASPETTATIVA E BENEFICI DELLA LEGGE 104 QUESITO (posto in data 26 marzo 2014) Sono un dirigente medico di sessanta anni, con trentacinque anni di anzianità. In seguito a gravi patologie mi è stata

Dettagli

CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO DELLA DURATA DI DUE ANNI PER ASSISTERE I FIGLI CON HANDICAP GRAVE.

CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO DELLA DURATA DI DUE ANNI PER ASSISTERE I FIGLI CON HANDICAP GRAVE. CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO DELLA DURATA DI DUE ANNI PER ASSISTERE I FIGLI CON HANDICAP GRAVE. a cura di Libero Tassella, dalla Gilda di Napoli 12/11/2005 1. I Destinatari del congedo. La lavoratrice

Dettagli

Come cambia la tutela della maternità e paternità. Barbara Maiani

Come cambia la tutela della maternità e paternità. Barbara Maiani Come cambia la tutela della maternità e paternità Barbara Maiani I principi della legge delega Allo scopo di garantire adeguato sostegno alle alla genitorialità cure parentali, attraverso misure volte

Dettagli

Permessi per l assistenza alle persone con disabilità

Permessi per l assistenza alle persone con disabilità Permessi per l assistenza alle persone con disabilità Con l emanazione della Circolare n. 13 del 6 dicembre 2010, il Dipartimento della Funzione Pubblica detta le disposizioni applicative dell art. 24

Dettagli

PRONTUARIO ALCUNE QUESTIONI DI CARATTERE GENERALE

PRONTUARIO ALCUNE QUESTIONI DI CARATTERE GENERALE CGIL FP CGIL FUNZIONE PUBBLICA FEDERAZIONE PROVINCIALE DI NUORO Via Oggiano, 15 08100 N U O R O - Tel. 0784/37639 Fax 0784/35853 CONGEDI PARENTALI FAMILIARI FORMATIVI PERMESSI PER LAVORATORI DISABILI GRAVI

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1,

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, COMMI 8 E 9 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183, RECANTE DELEGHE AL GOVERNO IN MATERIA DI RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI, DEI SERVIZI

Dettagli

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna)

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) MATERNITÀ E CONGEDI A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) Astensione Obbligatoria o Congedo di Maternità La tutela accordata dalla legge alle lavoratrici madri

Dettagli

Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92

Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92 Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92 12 maggio 2012 Dr.ssa Fabrizia Capitani Assistente Sociale Azienda Ospedaliero-Universitaria S. Orsola- Malpighi Bologna La procedura

Dettagli

I DIRITTI A TUTELA DELLA DISABILITÀ

I DIRITTI A TUTELA DELLA DISABILITÀ I DIRITTI A TUTELA DELLA DISABILITÀ A cosa hanno diritto i lavoratori e le lavoratrici disabili o che assistono una persona disabile 1 A chi è rivolta la brochure? Destinatari La presente brochure sui

Dettagli

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per Congedo di maternità Estensione del divieto, interruzione della gravidanza, flessibilità del congedo di maternità, documentazione, trattamento economico e normativo, mobilità, prolungamento del diritto

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico di Silvia Maria Cinquemani A) A FAVORE DEI BAMBINI 1.RICONOSCIMENTO DI INVALIDITÀ

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi che garantisca livelli adeguati d intervento in materia di adozione internazionale. LA VISTO il documento istruttorio riportato in calce

Dettagli

Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione. dicembre 2014, n. 183

Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione. dicembre 2014, n. 183 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014, n. 183 Oggetto

Dettagli

ANF per il lavoro dipendente

ANF per il lavoro dipendente ANF per il lavoro dipendente ISTRUZIONI PER L USO BERGAMO ENZO MOLOGNI LAVORO DIPENDENTE D.P.R. 30 MAGGIO 1955, N 797 (Assegni familiari) LEGGE 13 MAGGIO 1988, N 153 (Assegni al nucleo familiare) RIFERIMENTI

Dettagli

100 PERMESSI RETRIBUITI

100 PERMESSI RETRIBUITI 100 PERMESSI RETRIBUITI. I permessi retribuiti spettano al dipendente, in presenza dei presupposti richiesti dal contratto o da altre disposizioni di legge, senza decurtazione della retribuzione e della

Dettagli

LEGGE 28 MARZO 2001, N. 149

LEGGE 28 MARZO 2001, N. 149 LEGGE 28 MARZO 2001, N. 149 (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 96 del 26 aprile 2001) MODIFICHE ALLA LEGGE 4 MAGGIO 1983, N. 184, RECANTE DISCIPLINA DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO DEI MINORI, NONCHE

Dettagli

I DIRITTI A TUTELA DELLA GENITORIALITÀ

I DIRITTI A TUTELA DELLA GENITORIALITÀ I DIRITTI A TUTELA DELLA GENITORIALITÀ A cosa hanno diritto i lavoratori e le lavoratrici che diventano genitori 1 A chi è rivolta la brochure? Destinatari La presente brochure sui diritti a tutela della

Dettagli

MODULO DI RICHIESTA DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE E FAMILIARI A CARICO (artt. 12 e 13, TUIR 917/86 e successive modificazioni)

MODULO DI RICHIESTA DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE E FAMILIARI A CARICO (artt. 12 e 13, TUIR 917/86 e successive modificazioni) MODULO DI RICHIESTA DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE E FAMILIARI A CARICO (artt. 12 e 13, TUIR 917/86 e successive modificazioni) La Legge n. 244/07 (Finanziaria 2008) sancisce l obbligo per i lavoratori

Dettagli

I permessi per i genitori

I permessi per i genitori I permessi per i genitori Questa materia in questione é regolata dalla legge e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria e dell'artigianato

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Posizione Assicurativa

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Posizione Assicurativa Roma, 17/07/2015 Circolare n. 139 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati.

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati. DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO Roma, 10 luglio 2001 Circolare n. 138 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA AMIATA GROSSETANO Arcidosso Castel del Piano - Castell'Azzara Cinigiano - Roccalbegna - Santa Fiora - Seggiano Semproniano

COMUNITÀ MONTANA AMIATA GROSSETANO Arcidosso Castel del Piano - Castell'Azzara Cinigiano - Roccalbegna - Santa Fiora - Seggiano Semproniano COMUNITÀ MONTANA AMIATA GROSSETANO Arcidosso Castel del Piano - Castell'Azzara Cinigiano - Roccalbegna - Santa Fiora - Seggiano Semproniano AL PRESIDENTE DELLA COMUNITA MONTANA AMIATA GROSSETANO per tramite

Dettagli

che il figlio o i figli sono nati o entrati nella propria famiglia anagrafica il: / / e che

che il figlio o i figli sono nati o entrati nella propria famiglia anagrafica il: / / e che che il figlio o i figli sono nati o entrati nella propria famiglia anagrafica il: / / e che sono regolarmente soggiornanti e residenti nel territorio dello Stato (solo nel caso in cui l evento si sia verificato

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI Angelo Vernillo Firenze 17.12.2013 FALLIMENTO ADOTTIVO? CHE DEFINIZIONE SCEGLIERE???? E l interruzione definitiva o transitoria di un rapporto difficile

Dettagli

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7 SOMMARIO Sommario Presentazione Congedo di maternità Congedo di paternità Congedi parentali Riposi giornalieri Congedi per malattia del bambino Tutela del lavoratore in caso di lavoro notturno 2 3 4 4

Dettagli

INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992

INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992 INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992 1) Premessa - legislazione di riferimento Il legislatore, con la legge n. 104/1992 ha attribuito un complesso di provvidenze

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 43 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 12 DEL 27/01/2015

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 43 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 12 DEL 27/01/2015 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 43 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 12 DEL 27/01/2015 OGGETTO: SIG. - OMISSIS -, DIPENDENTE COMUNALE A TEMPO INDETERMINATO

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3461

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3461 Senato della Repubblica LEGISLATURA N. 3461 DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa dei senatori BUGNANO, LANNUTTI e MASCITELLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 18 SETTEMBRE 2012 Modifiche alla legge 4 maggio 1983,

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 18 luglio 2011, n. 119

DECRETO LEGISLATIVO 18 luglio 2011, n. 119 DECRETO LEGISLATIVO 18 luglio 2011, n. 119 Attuazione dell'articolo 23 della legge 4 novembre 2010, n. 183, recante delega al Governo per il riordino della normativa in materia di congedi, aspettative

Dettagli

VITERBO LEGGE 104/92

VITERBO LEGGE 104/92 VITERBO LEGGE 104/92 D.lgs n.151/2001 1 ARAN Comparto del personale delle Regioni e delle Autonomie locali LA DISCIPLINA DEI PERMESSI E DEI CONGEDI PER LA TUTELA DEI DISABILI SOMMARIO SCHEDA N. 1 pag.

Dettagli

A cura di Maria Dominique Feola Ultimo aggiornamento 14 aprile 2008

A cura di Maria Dominique Feola Ultimo aggiornamento 14 aprile 2008 I genitori che lavorano hanno diritto ad una serie di benefici atti a salvaguardare la loro salute a consentire loro di conciliare le esigenze lavorative con la cura dei figli ad impedire che, sul luogo

Dettagli

Legge 28 marzo 2001 n. 149

Legge 28 marzo 2001 n. 149 Legge 28 marzo 2001 n. 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile TITOLO I

Dettagli

Parlamento Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Data: 4 maggio 1983 legge 184

Parlamento Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Data: 4 maggio 1983 legge 184 Parlamento Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Data: 4 maggio 1983 legge 184 Preambolo...1 Articolo 1...1 Articolo 6...1 Articolo 7...2 Articolo 8...2 Articolo 9...2 Articolo 11...2

Dettagli

Circolare N. 126 del 17 Settembre 2015

Circolare N. 126 del 17 Settembre 2015 Circolare N. 126 del 17 Settembre 2015 Maternità, lavoro notturno e telelavoro: le novità del 2015 (D.Lgs. n. 80 del 15.06.2015) Gentile cliente, il legislatore con il D.Lgs. n. 80 del 15.06.2015 ha introdotto

Dettagli

Edizione di marzo 2012

Edizione di marzo 2012 ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE Edizione di marzo 2012 Indice Capitolo 1 - I protagonisti 1.1 - Il bambino 1.2 - I genitori adottivi Capitolo 2 - Le tappe nel cammino dell adozione Capitolo 3 - Le

Dettagli

3. Maternità e Paternità in

3. Maternità e Paternità in 3. Maternità e Paternità in CONDIZIONE NON PROFESSIONALE o CON RIDOTTI TRATTAMENTI ECONOMICI La legge prevede forme di tutela anche per le madri che non lavorano al momento del parto (o dell ingresso in

Dettagli

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI C O M U N E PROVINCIA D I S E N N O R I DI SASSARI ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI ASSEGNO DI MATERNITA' ANNO 2012 L assegno è stato istituito dall art.66 della legge n.448/98 con effetto dal 01.01.1999

Dettagli

ASSEGNO DI MATERNITA DEI COMUNI

ASSEGNO DI MATERNITA DEI COMUNI ASSEGNO DI MATERNITA DEI COMUNI L assegno è stato istituito dall art.66 della legge n.448/98 con effetto dal 01.01.1999 ed è oggi disciplinato dal D.P.C.M. 21 dicembre 2000 n.452 e dall art.74 del D.Lgs.151/2001

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DI ESENZIONE DALLA PARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE PER MOTIVI DI REDDITO Il Sottoscritto (dichiarante) Cognome: Nome: Nata/o

Dettagli

Ufficio Gestione Risorse Umane Stato Giuridico del personale dipendente Via S.Anna II tr. N.18 Reggio Calabria

Ufficio Gestione Risorse Umane Stato Giuridico del personale dipendente Via S.Anna II tr. N.18 Reggio Calabria Ufficio Gestione Risorse Umane Stato Giuridico del personale dipendente Via S.Anna II tr. N.18 Reggio Calabria Autocertificazione resa ai sensi della normativa vigente in materia di autocertificazioni

Dettagli

PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

PRESTAZIONI ASSISTENZIALI GESTIONE SEPARATA ENPAPI RISPOSTE AI DUBBI PIÙ FREQUENTI PRESTAZIONI ASSISTENZIALI SOMMARIO PRESTAZIONI ASSISTENZIALI - ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE... 2 PRESTAZIONI ASSISTENZIALI - INDENNITÀ DI MATERNITÀ

Dettagli

GENITORE O AFFIDATARIO RICHIEDENTE GENITORE O AFFIDATARIO RICHIEDENTE

GENITORE O AFFIDATARIO RICHIEDENTE GENITORE O AFFIDATARIO RICHIEDENTE ALL'ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Mod.HAND4 Pag.1di 04 TIMBRO RIO INPS E Sede di All'azienda _ / PIAZZA E N.CIV. IL DATORE DI LAVORO E' AUTORIZZATO AL PAGAMENTO SOLO SE PRESENTE TIMBRO RIO

Dettagli

INFORMAZIONI UTILI PER LA COMPILAZIONE RICHIESTA ADOZIONE. disporre i documenti prodotti secondo l ordine indicato in calce alla richiesta di adozione

INFORMAZIONI UTILI PER LA COMPILAZIONE RICHIESTA ADOZIONE. disporre i documenti prodotti secondo l ordine indicato in calce alla richiesta di adozione INFORMAZIONI UTILI PER LA COMPILAZIONE RICHIESTA ADOZIONE disporre i documenti prodotti secondo l ordine indicato in calce alla richiesta di adozione indicare sempre prima il cognome poi il nome Documenti

Dettagli