MANUALE SULL ADOZIONE INTERNAZIONALE FRANCESCO DA RIVA GRECHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE SULL ADOZIONE INTERNAZIONALE FRANCESCO DA RIVA GRECHI"

Transcript

1 MANUALE SULL ADOZIONE INTERNAZIONALE FRANCESCO DA RIVA GRECHI

2 INDICE 1. La scelta di adottare un bambino straniero I diritti del bambino, la Convenzione sulla tutela dei minori e la cooperazione in materia di adozione internazionale stipulata a L Aja il 29 maggio 1993 I presupposti dell adozione: il consenso e lo stato di abbandono La mediazione obbligatoria ed esclusiva degli enti autorizzati 2. Come diventare genitori adottivi La competenza del Tribunale per i minorenni e la dichiarazione di idoneita La procedura in generale La domanda definita dichiarazione di disponibilita La relazione dei servizi sociali Il decreto di idoneita La durata dell efficacia del decreto d idoneita e la sua eventuale revoca 3. A chi rivolgersi per trovare il bambino all estero Il sistema degli enti autorizzati 2

3 La procedura da seguire con gli enti autorizzati L autorizzazione della Commissione all ingresso in Italia del minore 4. Come inserire il bambino nel nostro paese L arrivo in Italia del bambino e l intervento dei servizi locali L efficacia in Italia dei provvedimenti stranieri 3

4 1. La scelta di adottare un bambino straniero I diritti del bambino e la convenzione dell Aja Le domande di adozione internazionale sono cresciute dal 1994 al 1999 da a su un totale di domande rispettivamente di e Negli stessi anni i decreti definitivi di adozione internazionale sono passati da a su un totale rispettivamente di e di In termini percentuali le domande di adottare un bambino straniero incidevano sul totale nel 1994 per il 43,9% mentre nello stesso anno ne venivano accolte in misura del 69.5% rispetto a quelle di adozione di un bambino italiano. Il trend si e mantenuto fino al 1999 in cui la percentuale di decreti di adozione di bambini provenienti dall estero era il 71% del totale. Per quanto riguarda il vigore della nuova legge i dati disponibili attengono alle autorizzazioni all ingresso di minori stranieri concesse a partire dal 16 novembre 2000, giorno successivo alla pubblicazione in G.U. dell Albo degli enti autorizzati che ha reso concretamente applicabile la nuova normativa in esame, fino al 30 giugno Le richieste sono state presentate da coppie e hanno riguardato bambini quindi 1.1 per ogni coppia, ne sono state accolte Per quanto riguarda la provenienza, i due terzi dei bambini proviene da paesi che non hanno ratificato la Convenzione. 4

5 Ai primi cinque posti della graduatoria ci sono paesi dell est, in quest ordine: Russia (17,7%), Ucraina (16,8%), Romania (12,6%), Bulgaria (12,6%) e Bielorussia (8,7%). Altri paesi dai quali proviene un numero non marginale di bambini adottati sono: l Iindia (8,3%), la Colombia (7,5%) e il Brasile (6%). Se adottare un bambino nato al di fuori dei confini nazionali e certamente piu agevole le ragioni sono facilmente intuibili. Discendono dal divario incolmabile che separa il nostro paese e i pochi altri industrializzati e inseriti al vertice del sistema globalizzato da quelli del terzo mondo con tutti i loro problemi. Gli abbandoni dell infanzia, soprattutto alla nascita, sono in Italia non piu di poche centinaia all anno, statisticamente quasi insignificanti seppure intollerabili. Nei paesi del terzo mondo o dell est europeo sono purtroppo un abitudine diffusa. Le condizioni di indigenza delle famiglie piu povere raggiungono in quei paesi livelli tali da considerare migliore per i bambini un futuro in una famiglia che li faccia crescere in un paese benestante. La mancanza di una disciplina organica che operasse a livello internazionale in modo da garantire la legalita delle pratiche necessarie a concludere le adozioni, il cosiddetto fai da te, non consentiva tuttavia una efficace tutela dei minori rispetto ad un flusso che poteva diventare un mercato sulla loro pelle. Si trattava di trovare l accordo tra il maggior numero possibile di Stati in modo da rendere operativo un sistema che offrisse finalmente le maggiori garanzie per il bambino da adottare traducendo in concreto il superiore interesse del minore consacrato quale principio fondamentale secondo lo spirito della Convenzione ONU 1989 sui diritti del fanciullo. 5

6 L accordo in questione e la Convenzione per la tutela dei minori e la cooperazione in materia di adozione siglata a L Aja il 29 maggio Questa convenzione e stata ratificata dall ordinamento italiano con la legge 31 dicembre 1998, n I diritti del bambino sono sanciti nel testo della convenzione attraverso i suoi principi fondamentali. Abbiamo gia accennato al primo: il superiore interesse del minore che serve da criterio direttivo per risolvere qualsiasi questione. Un secondo e quello di sussidiarieta o residualita, per il quale il minore non puo essere avviato all adozione se lo Stato d origine non ha prima senza successo cercato un idoneo affidamento al proprio interno. Si riafferma in tal modo il legame del minore con lo Stato nazionale e l esercizio della sovranita di quest ultimo nella scelta di come provvedere ad assisterlo. Il terzo principio fondamentale e quello che informa la struttura organizzativa del sistema dell adozione internazionale e si fonda sulla cooperazione e competenza esclusiva delle Autorita centrali istituite presso gli Stati membri, rigettando definitivamente il sistema del fai da te. Nel caso dell Italia e la Commissione per le Adozioni internazionali istituita presso la Presidenza del Consiglio unico organismo deputato alla gestione delle procedure attinenti il reperimento e il trasferimento del minore dallo Stato d origine allo Stato d accoglienza prima di essere inserito nella famiglia adottiva. Il sistema si completa con le competenze degli enti di intermediazione, autorizzati dalla stessa Commissione, che hanno la 6

7 delega esclusiva per svolgere all estero l attivita preparatoria e realizzativa dell adozione internazionale, il raccordo pratico giuridico fra le competenti autorita del paese di provenienza del minore e del paese di accoglienza. Una volta ottenuta la dichiarazione di idoneita dal Tribunale per i minorenni i genitori aspiranti adottandi hanno l obbligo di rivolgersi ad uno di questi enti anziche ad intermediari non autorizzati. Questo consente di evitare l intervento di speculatori che potrebbero arricchirsi illecitamente gestendo il traffico dei bambini per il loro vantaggio economico mettendo in tal modo in essere una della attivita che piu ripugna la coscienza collettiva. La legge di ratifica, 31 dicembre 1998, n. 476 ha previsto sanzioni penali per chiunque svolge pratiche per l adozione internazionale senza autorizzazione. La convenzione ha quindi disegnato un sistema coerente volto alla cooperazione fra gli Stati membri in modo da ottenere l efficacia automatica dei provvedimenti di adozione pronunciati all estero che rispettino il principio del superiore interesse del minore. Le stesse garanzie, attinenti alle procedure, sono attuate anche con riferimento alle adozioni di bambini provenienti da paesi che non hanno ratificato la Convenzione, come quelli dell est europeo. In tali casi il provvedimento del paese di provenienza non e efficace automaticamente ma puo comunque essere riconosciuto a mezzo decreto del Tribunale per i minorenni che attribuisce ad esso valore di provvedimento di affidamento preadottivo in Italia. 7

8 I presupposti dell adozione, il consenso e l oggettivo stato di abbandono La convenzione si applica alle adozioni e agli affidamenti a scopo di adozione da parte di coniugi o di persone singole ma per questo aspetto non e intervenuta la ratifica quindi rimane il requisito secondo cui puo adottare solo una coppia e per giunta sposata e contempla unicamente le adozioni che determinano un legame di filiazione. Quale presupposto essenziale dell adozione essa pone l acquisizione del consenso delle persone, istituzioni ed autorita, il cui consenso e richiesto per l adozione, dopo aver loro assicurato la necessaria consulenza e informazione sulle conseguenze, particolarmente a proposito della rottura, a causa dell adozione, dei legami giuridici tra il minore e la sua famiglia di origine. Si tratta, ovviamente, dei genitori o di qualsiasi altra persona ne abbia la custodia. Per evitare il consenso estorto ad una madre prima del parto e stabilito che, nel caso sia richiesto, esso debba essere prestato solo successivamente alla nascita del minore. Anche quest ultimo, se richiesto, deve esprimere il suo consenso informato e assistito. Deve tenersi conto dei suoi desideri e opinioni, considerandone eta e maturita. La nostra disciplina nazionale contenuta anzitutto nella legge n. 184 del 1983 nella applicazione ricevutane dalla giurisprudenza anziche sul consenso fondava l adottabilita del minore sul suo stato di abbandono morale e materiale del quale il consenso poteva, al piu, considerarsi una prova. 8

9 Trattandosi di materia attinente a diritti indisponibili non si riteneva infatti il consenso sufficiente essendo invece indispensabile un provvedimento del giudice basato sull accertamento di una situazione oggettiva ed irreversibile di uno stato di abbandono morale e materiale.. La legge di riforma della 184/83 e di ratifica della convenzione, la 476/98, agli articoli 32, comma 2, lett. b) e 36 comma 2, lett. a) considera equipollenti le due fattispecie della condizione di abbandono del minore straniero e del consenso dei genitori alla perdita dei rapporti giuridici con il minore, per effetto del suo divenire figlio legittimo degli adottanti. Si tratta quindi di due presupposti alternativi per ritenere comunque l adottabilita del minore da parte della Commissione per le adozioni internazionali al momento di rilasciare l autorizzazione all ingresso e alla permanenza del minore straniero in Italia. La legge 28 marzo 2001, n. 149 che ha di recente nuovamente modificato la 184/83 sancisce l obbligo di acquisire il consenso del minore che abbia compiuto gli anni 14 al fine di perfezionare l adozione mentre per il minore che abbia almeno 12 anni e necessario solo che sia sentito. I minori che hanno un eta inferiore devono essere ascoltati in considerazione della loro capacita di discernimento. Naturalmente il consenso dei genitori e, per quanto possibile, del bambino, deve essere libero, assistito e informato altrimenti si rischia di ricadere in una prospettiva basata sulla capacita di persuasione e pressione da parte di poteri che non sempre agiscono nell ambito della legalita. Cio vale in primo luogo nel paese di origine del minore laddove il consenso deve essere anzitutto prestato all Autorita centrale ivi operante e poi certificato dalla Commissione italiana. 9

10 Anzi, negli ordinamenti stranieri, la consensualita alternativa all oggettiva situazione di abbandono e considerata molto piu favorevolmente nell interesse del minore ad una piu sollecita definizione dello stato di adottabilita. Di qui la necessita del rispetto dei requisiti previsti dalla Convenzione della liberta, informazione e assistenza riferiti al consenso stesso. La mediazione obbligatoria ed esclusiva degli enti autorizzati Proprio al fine di evitare che la maggiore facilita nell ottenere adozioni di bambini provenienti da paesi meno organizzati si traduca in rischi per i minori connessi alle ipotesi di sfruttamento non regolamentato la Convenzione ha imposto la mediazione obbligatoria ed esclusiva di enti che devono ricevere un autorizzazione ad operare all estero dall Autorita centrale del loro paese. Rivolgersi a questi enti e, come abbiamo visto, obbligatorio per i genitori che, ottenuto il decreto di idoneita all adozione debbano ricercare all estero il bambino da adottare. L esclusiva e invece assicurata dalla sanzioni penali che sono comminate a chiunque voglia agire in concorrenza con questi enti oppure si avvalga di soggetti non autorizzati nello svolgimento delle pratiche per l adozione di minori stranieri. Questi enti svolgono un ruolo essenziale in quanto delegati dalla Commissione ad agire all estero per curare i rapporti con l Autorita centrale straniera e svolgere quindi funzioni tipiche che rientrano nella Sovranita dello Stato. Caratteristica essenziale di questi enti e l assenza del fine di lucro. 10

11 Essi sono al centro del sistema delineato dalla Convenzione in quanto braccio operativo della Commissione per le adozioni internazionali. Agiscono nell interesse delle famiglie che ad essi si rivolgono. I requisiti previsti dalla legge affinche ottengano il rilascio dell autorizzazione da parte della Commissione sono: la struttura organizzativa adeguata ad operare al di fuori del territorio nazionale la specializzazione del personale addetto allo svolgimento delle pratiche l assenza del fine di lucro l assenza di discriminazioni ideologiche o religiose l impegno a partecipare ad attivita di promozione dei diritti dell infanzia nei paesi d origine la sede legale in Italia 2. Come diventare genitori adottivi Il sistema delineato dalla Convenzione e bipolare e assegna all Autorita centrale dello Stato di accoglienza il compito di stabilire l idoneita di chi aspira all adozione e all Autorita centrale dello Stato di origine la scelta del minore, alla luce delle caratteristiche degli aspiranti all adozione descritte in una relazione trasmessale dall Autorita dello Stato di accoglienza. 11

12 All Autorita dello Stato d origine compete la decisione in merito all adozione o all affidamento del minore a scopo di adozione, se e certo il consenso dei genitori adottivi e se c e, da parte dell altra Autorita centrale, concordanza sull ulteriore corso della procedura, nonche l impegno ad autorizzare l ingresso e la permanenza definitiva del minore nel proprio Stato. Una volta trasferito, il minore sara protetto dall Autorita centrale dello Stato di accoglienza, che si occupera di lui disponendo, se necessario, l affidamento ad un altra famiglia o addirittura il rimpatrio, previa informazione allo Stato d origine. Si tratta di uno schema che sostanzialmente esclude la giurisdizione in una materia che, incidendo sullo status delle persone, nel nostro ordinamento e, al contrario, appannaggio esclusivo del giudice. La competenza del Tribunale per i minorenni e la dichiarazione di idoneita La competenza del Tribunale per i minorenni e stata posta dalla nuova legge 476/98 all inizio e alla fine della procedura complessiva che si apre con la dichiarazione di idoneita, e si conclude con l ordine del Tribunale di trascrivere l adozione nei registri dello stato civile con efficacia costitutiva dell acquisto della cittadinanza. Si tratta di una rottura significativa rispetto al sistema dell adozione nazionale dominato dalla figura del giudice. Ne potrebbe essere altrimenti essendo l istituto fondamentale operante dal punto di vista giuridico quello dell adozione pronunciata all estero. 12

13 La procedura tuttavia prende il via a seguito della dichiarazione di idoneita pronunciata dal Tribunale e successivamente trasmessa alla Commissione e quindi tutto l ulteriore corso viene ad essere condizionato dalle prescrizioni poste dal giudice. Il decreto inoltre puo anche essere mirato cioe contenere indicazioni specifiche ai fini dell incontro tra i genitori adottandi e i minori (126 dei decreti di idoneita pronunciati dai Tribunali per i minorenni dal 16 novembre al 30 giugno sono stati di questo tipo). Il rispetto di queste indicazioni sara poi verificato dal Tribunale stesso al momento in cui dovra ordinare la trascrizione nei registri dello stato civile ma i momenti fondamentali della scelta del bambino e della pronuncia della sua adozione, soprattutto nel caso di adozione gia perfezionata all estero e non di affidamento preadottivo, sono sottratti alla sua competenza essendo i provvedimenti in essa rientranti destinati esclusivamente a rendere efficace in Italia la pronuncia dell autorita straniera. La procedura in generale La dichiarazione di idoneita e il primo atto di competenza del Tribunale per i minorenni e costituira poi il presupposto per tutti gli atti piu importanti che gli aspiranti genitori adottivi incontreranno nel successivo corso della procedura necessaria per portarsi a casa il loro bambino straniero. Essa e infatti richiesta nei passaggi fondamentali: al momento di dare incarico ad un ente autorizzato di curare la pratica all estero (art. 31 comma 1); affinche la competente autorita straniera, cui l ente l avra 13

14 trasmessa (31 comma 3, lett. b) formuli la proposta di incontro con il minore da essa prescelto; ai fini della dichiarazione di rispondenza dell adozione al superiore interesse del minore pronunciata dalla Commissione allo scopo di autorizzare l ingresso e la residenza dello stesso in Italia. Il decreto di idoneita costituisce quindi in ogni momento il parametro per valutare la capacita dei genitori adottanti ad accogliere il minore straniero nella loro famiglia. La domanda definita dichiarazione di disponibilita Nella procedura stabilita dalla nuova legge 184/83 riformata dalla l. 476/98 di ratifica della Convenzione sull adozione internazionale e nuovamente modificata dalla l. 28 marzo 2001 n. 149, la domanda per la dichiarazione di idoneita, da presentarsi al Tribunale per i minorenni del distretto dove gli interessati hanno la residenza (art. 29 comma 1) (se residenti all estero vale il luogo dell ultima residenza o il Tribunale di Roma), viene definita dichiarazione di disponibilita. Naturalmente il Tribunale e obbligato a ricevere e a protocollare tale dichiarazione di disponibilita ma soprattutto e obbligato a pronunciarsi con un decreto reclamabile avanti la Corte d Appello. Il Tribunale puo pronunciare immediatamente decreto di inidoneita per manifesta carenza dei requisiti che sono quelli previsti dall art. 6 della legge 184/83 riformata dalla 149/2001 e cioe : tre anni di matrimonio o convivenza stabile e continua nel periodo precedente al matrimonio per almeno tre anni accertata dal Tribunale (comma 4), non 14

15 separazione personale neppure di fatto, effettiva idoneita ad educare, istruire e mantenere i minori che si intendono adottare. Come abbiamo gia accennato la nostra legge non ha seguito la Convenzione dell Aja fino ad ammettere la possibilita di adottare in capo ai singles. L unico caso in cui questo sarebbe possibile per un cittadino italiano e quello di colui che risiede all estero da almeno due anni e quindi puo adottare in base alla legislazione vigente nel suo Stato di residenza; se questa gli consente l adozione in quanto single il Tribunale per i minorenni italiano deve riconoscerla in base al comma 4 dell art. 36 della nostra legge ad ogni effetto se conforme ai principi della Convenzione. Per quanto riguarda il limite di differenza di eta esso e stato recentemente innalzato dalla l. 149/2001 che ha modificato l art. 6 della l. 184/83 fissandolo nel comma 3 ad almeno diciotto anni e a non piu di quarantacinque. Questi stessi limiti sono inoltre ulteriormente superabili qualora dalla mancata adozione derivi un danno grave e non altrimenti evitabile per il minore oppure quando sia superato da uno solo dei coniugi e in misura non superiore a dieci anni ovvero quando i coniugi hanno gia almeno un figlio naturale o adottivo di eta minore o, infine, quando l adozione riguardi un fratello o una sorella del minore gia dagli stessi adottato. 15

16 La relazione dei servizi sociali Se il Tribunale ritiene ammissibile la dichiarazione di disponibilita ha l obbligo di trasmetterne una copia entro 15 giorni dalla ricezione ai servizi sociali territoriali degli enti locali. I compiti di questi ultimi sono prescritti dall art. 29-bis, comma 4, della legge. Essi devono anzitutto informare gli aspiranti genitori adottivi, prepararli e acquisire ogni elemento utile dal punto di vista psicologico, sociale e familiare al fine di valutare la loro idoneita e soprattutto devono rendere una relazione completa al giudice entro il termine di quattro mesi dal ricevimento della dichiarazione di disponibilita degli adottanti. Nella loro attivita i servizi locali come pure gli enti autorizzati sono soggetti alla disciplina di tutela dei dati personali (legge sulla privacy). Segnaliamo fin da ora che gli stessi svolgono inoltre un ruolo fondamentale a partire dal momento in cui il minore fa il suo ingresso in Italia sia collaborando con l ente incaricato sia con un attivita di sostegno della famiglia ai fini di un corretto inserimento del minore che durera per almeno un anno. Tornando alla procedura per il decreto di idoneita, il Tribunale per i minorenni, ricevuta dai servizi la relazione sociale, puo disporre, eventualmente delegando un giudice singolo, degli ulteriori approfondimenti se lo ritiene necessario. 16

17 Esaurita l istruttoria il Giudice deve naturalmente convocare gli aspiranti all adozione per sentirli nell ambito della procedura in camera di consiglio. Il decreto d idoneita Comunque entro il termine di due mesi dalla ricezione della relazione dei servizi sociali il Tribunale per i minorenni dichiara con decreto motivato la sussistenza o meno nella coppia dei requisiti richiesti per adottare. Ritenuta quindi l idoneita il Giudice puo inserire nel decreto ulteriori indicazioni che costituiranno un binario da seguire nel corso successivo della procedura di adozione in particolare ai fini dell incontro che si svolgera all estero con il bambino adottando. Nel decreto quindi devono essere contenuti elementi di indirizzo nella scelta del minore da parte dell Autorita straniera competente, cui e trasmesso dall ente incaricato. Lo stesso decreto, inoltre, potra precisare il numero dei minori cui e commisurata l idoneita (il comma 7 del nuovo art. 6 della legge 184/83, riformulato dalla l. 149/2001 prevede che ai medesimi coniugi siano consentite piu adozioni anche con atti successivi soprattutto se relative a piu fratelli o a minori handicappati), nonche limitazioni specifiche con riferimento alle condizioni del minore o dei minori. Un tale potere del giudice e sempre stato riconosciuto dalla giurisprudenza della Corte Suprema di Cassazione e della Corte Costituzionale. 17

18 Naturalmente non saranno ammesse restrizioni in violazione del principio di uguaglianza e quindi relative alla razza, alla religione o comunque discriminatorie. E indubbio, del resto, che le determinazioni attinenti all idoneita, anche in rapporto al numero degli adottandi, attengono alla realizzazione del superiore interesse del minore. Una volta deliberata la dichiarazione d idoneita va trasmessa immediatamente e d ufficio alla Commissione per le adozioni internazionali, insieme a copia della relazione del servizio sociale e della domanda esistente agli atti. Se gli interessati hanno gia dato incarico ad un ente autorizzato copia del decreto sara trasmessa anche a questo. La durata dell efficacia del decreto di idoneita e la sua eventuale revoca L efficacia del decreto di idoneita copre tutta la durata della procedura - da intendersi successiva - che deve essere promossa dagli interessati entro un anno dalla comunicazione del provvedimento (art. 30 comma 2). L atto con cui si da impulso alla procedura stessa e l incarico obbligatorio ad un ente autorizzato previsto dal successivo art. 31. La copertura per tutta la durata della procedura si protrae fino all ordine con cui il Tribunale dispone la trascrizione nel registro dello stato civile del definitivo provvedimento di adozione. Quest ultimo puo essere il provvedimento definitivo perfezionatosi all estero come adozione e automaticamente efficace in 18

19 Italia in base alla Convenzione oppure un provvedimento del Tribunale italiano che ha dato seguito ad una fase di affidamento preadottivo svoltasi in Italia essendo in questo caso il minore giunto nel nostro paese senza un provvedimento perfezionato come adozione. Nel caso di adozione plurima la dichiarazione di idoneita pronunciata per piu bambini e da ritenersi efficace fino all adozione definitiva dell ultimo di essi in quanto prevista nella stessa dichiarazione. La revoca del decreto per cause sopravvenute, che incidano in modo rilevante sul giudizio d idoneita e disposta previo ascolto degli interessati e va comunicata d ufficio, immediatamente, dal Tribunale alla Commissione nonche all ente autorizzato cui i coniugi abbiano eventualmente gia conferito l incarico in modo da bloccare tempestivamente la procedura in corso. La legge non chiarisce se questa revoca e disponibile dal giudice d ufficio o su richiesta del Pubblico Ministero ma essendo quest ultimo legittimato ad agire per un eventuale reclamo e da ritenere lo sia anche in ordine alla revoca. Si applicano, del resto, le norme sui procedimenti in camera di consiglio. 3. A chi rivolgersi per trovare il bambino all estero Il sistema degli enti autorizzati Abbiamo visto come, ottenuto il decreto d idoneita, i genitori che aspirano ad adottare un bambino straniero devono compiere come primo atto dell ulteriore corso della procedura di adozione il conferimento 19

20 dell incarico ad un ente che sia autorizzato al fine specifico di agire all estero per svolgere le pratiche inerenti la scelta e l adozione del minore nel suo paese di origine. Tale incarico, giova ribadirlo, e obbligatorio ed esclusivo essendo previste sanzioni penali (fino a 8 mesi di reclusione o fino a 6 milioni di multa) anche per coloro che si rivolgono ad enti o persone non autorizzate semplicemente alla ricerca di un bambino da adottare e senza intenti speculativi, salvo che non risiedano gia, da almeno due anni, all estero (art. 72-bis l.184/83).. Naturalmente piu gravi, di un terzo, le sanzioni per coloro che svolgono l attivita di intermediazione senza l autorizzazione della Commissione. La scelta dell ente e anzitutto condizionata dal paese al quale gli aspiranti genitori adottivi intendono rivolgersi in quanto presso quel paese non tutti gli enti possono essere accreditati. Sebbene l ente eserciti poteri propri della Commissione ad essa attribuiti dalla Convenzione cosi come ratificata dalla legge italiana e da essa delegati agli enti stessi, questi ultimi sono soggetti privati a tutti gli effetti. Cio vale, anzitutto, per quanto attiene al funzionamento di quelle strutture organizzative che proprio la Commissione avra valutato prima di rilasciare l autorizzazione insieme agli altri requisiti che abbiamo gia visti. Tra questi occorre ricordare anzitutto l assenza del fine di lucro. Cio non significa che l ente non abbia diritto al rimborso delle spese legittimamente sostenute nonche agli onorari dovuti, in misura 20

21 ragionevole, alle persone che sono intervenute nella procedura per l adozione. Naturalmente dei limiti sono gia previsti nella disciplina della Convenzione: non sono ammessi, cioe ne un profitto materiale indebito ne una remunerazione sproporzionata per i dirigenti, gli amministratori e gli impiegati che operano nell organizzazione. Entro questi limiti, tuttavia, ricavabili anche dalla nostra legislazione in materia di ONLUS (d.lgs 460/97), e da riconoscersi una certa autonomia in materia di compensi. Ovviamente le entrate dell ente costituiscono le spese della procedura di adozione che gravano sui i fruitori del servizio, aspiranti genitori adottivi. Questi costi sono oggetto di controllo da parte della Commissione che esercita i poteri di vigilanza previsti dal regolamento che disciplina il suo funzionamento (D.P.R. 1 dicembre 1999, n. 492) tra i quali quello di definire uniformi parametri di congruita dei costi delle procedure di adozione. Del resto, fin dalla presentazione dell istanza per richiedere l autorizzazione alla Commissione, questi enti devono specificare il costo, per ciascun paese di operativita, richiesto alle coppie che intendono adottare un bambino. Il contenuto del rapporto tra l ente e le coppie quindi, sebbene di natura privatistica, non puo dirsi determinato interamente dall autonomia contrattuale. Si tratta di un contratto di mandato in cui, da un lato gli interessati manifestano la volonta di affidarsi all ente prescelto, accettandone ai fini di legge il modulo operativo e le condizioni in base alle informazioni che 21

22 questo deve avere loro preventivamente fornito (art. 31 comma 3, lett. a)) e dall altro lato l ente deve manifestare ai predetti il proprio impegno ad attivarsi per compiere le attivita sia materiali che giuridiche attinenti alla procedura di adozione. Nelle prestazioni dovute dall ente rientrano quelle dei professionisti dei quali esso si avvale e che forniscono prestazioni d opera intellettuale (avvocati, assistenti sociali, psicologi, sociologi ecc.). L attivita che l ente autorizzato svolge tuttavia non e solo quella che rientra nell incarico affidatogli dalla coppia. Esso agisce anche come delegato della Commissione espletando mansioni che costituiscono esercizio privato di pubbliche funzioni delicatissime essendo svolte per la maggior parte all estero in rappresentanza della Commissione stessa e quindi, indirettamente, dello Stato italiano. La procedura da seguire con gli enti autorizzati Ricevuto l incarico, l ente informa gli interessati sulle procedure e le concrete prospettive. Questi ultimi presentano all ente una domanda di adozione rivolta anche, genericamente, all autorita competente del paese verso cui sono intenzionati a rivolgersi per individuare il bambino da adottare. Dalla Commissione o dal Tribunale per i minorenni ( a seconda che l ente non abbia o abbia gia ricevuto l incarico al momento del decreto di idoneita ) l ente stesso riceve lo stesso decreto e la relazione dei servizi socio assistenziali locali. 22

23 L insieme della documentazione viene da questo trasferita all Autorita centrale del paese estero alla quale compete la formulazione della o delle proposta/e di incontro tra il minore o i minori adottabili da essa prescelto e gli aspiranti all adozione. La scelta del minore avviene da parte della stessa Autorita secondo il sistema di tutela e assistenza all infanzia operante nel suo paese. E chiaro che nei paesi piu poveri dove tale sistema e meno organizzato l ente incaricato ha piu liberta di movimento nella ricerca dei minori presso gli organismi di tutela dell infanzia o gli orfanotrofi. Naturalmente l attivita di intermediazione comprende ogni aspetto utile alla riuscita dell abbinamento. Da parte dei genitori che hanno conferito l incarico viene curata anzitutto la completezza dell informazione attinente alla salute del minore, alla sua famiglia e alla sua storia personale. Da parte dell Autorita centrale straniera interessa in primo luogo l acquisizione del consenso libero, informato e soprattutto certificato dei genitori adottivi cosi come richiesto dalla disciplina della convenzione. Non a caso tale consenso e richiesto rispetto alla proposta d incontro anziche all adozione vera e propria. La nostra disciplina si e discostata sul punto da quella della Convenzione che si e ispirata al principio della consensualita dell adozione. Quest ultima nel nostro ordinamento puo essere pronunciata solo a seguito del riscontro di presupposti obbiettivi a partire dalla situazione di abbandono del bambino. 23

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001)

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001) Legge 28 marzo 2001 n 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori nonché al titolo VIII del primo libro del codice civile (Gazetta Ufficiale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Per una famiglia adottiva. Informazioni per le famiglie interessate all adozione internazionale

Per una famiglia adottiva. Informazioni per le famiglie interessate all adozione internazionale Per una famiglia adottiva Informazioni per le famiglie interessate all adozione internazionale Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per le Pari Opportunità Commissione per le adozioni internazionali

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust:

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust: DICHIARAZIONE AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL D. LGS. N. 231 DEL 21 NOVEMBRE 2007 IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO MODULO DI IDENTIFICAZIONE E DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (AI SENSI DEGLI ARTT. 18 E 19

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE La Repubblica d Austria, la Repubblica Francese, la Repubblica Federale

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli