MANUALE SULL ADOZIONE INTERNAZIONALE FRANCESCO DA RIVA GRECHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE SULL ADOZIONE INTERNAZIONALE FRANCESCO DA RIVA GRECHI"

Transcript

1 MANUALE SULL ADOZIONE INTERNAZIONALE FRANCESCO DA RIVA GRECHI

2 INDICE 1. La scelta di adottare un bambino straniero I diritti del bambino, la Convenzione sulla tutela dei minori e la cooperazione in materia di adozione internazionale stipulata a L Aja il 29 maggio 1993 I presupposti dell adozione: il consenso e lo stato di abbandono La mediazione obbligatoria ed esclusiva degli enti autorizzati 2. Come diventare genitori adottivi La competenza del Tribunale per i minorenni e la dichiarazione di idoneita La procedura in generale La domanda definita dichiarazione di disponibilita La relazione dei servizi sociali Il decreto di idoneita La durata dell efficacia del decreto d idoneita e la sua eventuale revoca 3. A chi rivolgersi per trovare il bambino all estero Il sistema degli enti autorizzati 2

3 La procedura da seguire con gli enti autorizzati L autorizzazione della Commissione all ingresso in Italia del minore 4. Come inserire il bambino nel nostro paese L arrivo in Italia del bambino e l intervento dei servizi locali L efficacia in Italia dei provvedimenti stranieri 3

4 1. La scelta di adottare un bambino straniero I diritti del bambino e la convenzione dell Aja Le domande di adozione internazionale sono cresciute dal 1994 al 1999 da a su un totale di domande rispettivamente di e Negli stessi anni i decreti definitivi di adozione internazionale sono passati da a su un totale rispettivamente di e di In termini percentuali le domande di adottare un bambino straniero incidevano sul totale nel 1994 per il 43,9% mentre nello stesso anno ne venivano accolte in misura del 69.5% rispetto a quelle di adozione di un bambino italiano. Il trend si e mantenuto fino al 1999 in cui la percentuale di decreti di adozione di bambini provenienti dall estero era il 71% del totale. Per quanto riguarda il vigore della nuova legge i dati disponibili attengono alle autorizzazioni all ingresso di minori stranieri concesse a partire dal 16 novembre 2000, giorno successivo alla pubblicazione in G.U. dell Albo degli enti autorizzati che ha reso concretamente applicabile la nuova normativa in esame, fino al 30 giugno Le richieste sono state presentate da coppie e hanno riguardato bambini quindi 1.1 per ogni coppia, ne sono state accolte Per quanto riguarda la provenienza, i due terzi dei bambini proviene da paesi che non hanno ratificato la Convenzione. 4

5 Ai primi cinque posti della graduatoria ci sono paesi dell est, in quest ordine: Russia (17,7%), Ucraina (16,8%), Romania (12,6%), Bulgaria (12,6%) e Bielorussia (8,7%). Altri paesi dai quali proviene un numero non marginale di bambini adottati sono: l Iindia (8,3%), la Colombia (7,5%) e il Brasile (6%). Se adottare un bambino nato al di fuori dei confini nazionali e certamente piu agevole le ragioni sono facilmente intuibili. Discendono dal divario incolmabile che separa il nostro paese e i pochi altri industrializzati e inseriti al vertice del sistema globalizzato da quelli del terzo mondo con tutti i loro problemi. Gli abbandoni dell infanzia, soprattutto alla nascita, sono in Italia non piu di poche centinaia all anno, statisticamente quasi insignificanti seppure intollerabili. Nei paesi del terzo mondo o dell est europeo sono purtroppo un abitudine diffusa. Le condizioni di indigenza delle famiglie piu povere raggiungono in quei paesi livelli tali da considerare migliore per i bambini un futuro in una famiglia che li faccia crescere in un paese benestante. La mancanza di una disciplina organica che operasse a livello internazionale in modo da garantire la legalita delle pratiche necessarie a concludere le adozioni, il cosiddetto fai da te, non consentiva tuttavia una efficace tutela dei minori rispetto ad un flusso che poteva diventare un mercato sulla loro pelle. Si trattava di trovare l accordo tra il maggior numero possibile di Stati in modo da rendere operativo un sistema che offrisse finalmente le maggiori garanzie per il bambino da adottare traducendo in concreto il superiore interesse del minore consacrato quale principio fondamentale secondo lo spirito della Convenzione ONU 1989 sui diritti del fanciullo. 5

6 L accordo in questione e la Convenzione per la tutela dei minori e la cooperazione in materia di adozione siglata a L Aja il 29 maggio Questa convenzione e stata ratificata dall ordinamento italiano con la legge 31 dicembre 1998, n I diritti del bambino sono sanciti nel testo della convenzione attraverso i suoi principi fondamentali. Abbiamo gia accennato al primo: il superiore interesse del minore che serve da criterio direttivo per risolvere qualsiasi questione. Un secondo e quello di sussidiarieta o residualita, per il quale il minore non puo essere avviato all adozione se lo Stato d origine non ha prima senza successo cercato un idoneo affidamento al proprio interno. Si riafferma in tal modo il legame del minore con lo Stato nazionale e l esercizio della sovranita di quest ultimo nella scelta di come provvedere ad assisterlo. Il terzo principio fondamentale e quello che informa la struttura organizzativa del sistema dell adozione internazionale e si fonda sulla cooperazione e competenza esclusiva delle Autorita centrali istituite presso gli Stati membri, rigettando definitivamente il sistema del fai da te. Nel caso dell Italia e la Commissione per le Adozioni internazionali istituita presso la Presidenza del Consiglio unico organismo deputato alla gestione delle procedure attinenti il reperimento e il trasferimento del minore dallo Stato d origine allo Stato d accoglienza prima di essere inserito nella famiglia adottiva. Il sistema si completa con le competenze degli enti di intermediazione, autorizzati dalla stessa Commissione, che hanno la 6

7 delega esclusiva per svolgere all estero l attivita preparatoria e realizzativa dell adozione internazionale, il raccordo pratico giuridico fra le competenti autorita del paese di provenienza del minore e del paese di accoglienza. Una volta ottenuta la dichiarazione di idoneita dal Tribunale per i minorenni i genitori aspiranti adottandi hanno l obbligo di rivolgersi ad uno di questi enti anziche ad intermediari non autorizzati. Questo consente di evitare l intervento di speculatori che potrebbero arricchirsi illecitamente gestendo il traffico dei bambini per il loro vantaggio economico mettendo in tal modo in essere una della attivita che piu ripugna la coscienza collettiva. La legge di ratifica, 31 dicembre 1998, n. 476 ha previsto sanzioni penali per chiunque svolge pratiche per l adozione internazionale senza autorizzazione. La convenzione ha quindi disegnato un sistema coerente volto alla cooperazione fra gli Stati membri in modo da ottenere l efficacia automatica dei provvedimenti di adozione pronunciati all estero che rispettino il principio del superiore interesse del minore. Le stesse garanzie, attinenti alle procedure, sono attuate anche con riferimento alle adozioni di bambini provenienti da paesi che non hanno ratificato la Convenzione, come quelli dell est europeo. In tali casi il provvedimento del paese di provenienza non e efficace automaticamente ma puo comunque essere riconosciuto a mezzo decreto del Tribunale per i minorenni che attribuisce ad esso valore di provvedimento di affidamento preadottivo in Italia. 7

8 I presupposti dell adozione, il consenso e l oggettivo stato di abbandono La convenzione si applica alle adozioni e agli affidamenti a scopo di adozione da parte di coniugi o di persone singole ma per questo aspetto non e intervenuta la ratifica quindi rimane il requisito secondo cui puo adottare solo una coppia e per giunta sposata e contempla unicamente le adozioni che determinano un legame di filiazione. Quale presupposto essenziale dell adozione essa pone l acquisizione del consenso delle persone, istituzioni ed autorita, il cui consenso e richiesto per l adozione, dopo aver loro assicurato la necessaria consulenza e informazione sulle conseguenze, particolarmente a proposito della rottura, a causa dell adozione, dei legami giuridici tra il minore e la sua famiglia di origine. Si tratta, ovviamente, dei genitori o di qualsiasi altra persona ne abbia la custodia. Per evitare il consenso estorto ad una madre prima del parto e stabilito che, nel caso sia richiesto, esso debba essere prestato solo successivamente alla nascita del minore. Anche quest ultimo, se richiesto, deve esprimere il suo consenso informato e assistito. Deve tenersi conto dei suoi desideri e opinioni, considerandone eta e maturita. La nostra disciplina nazionale contenuta anzitutto nella legge n. 184 del 1983 nella applicazione ricevutane dalla giurisprudenza anziche sul consenso fondava l adottabilita del minore sul suo stato di abbandono morale e materiale del quale il consenso poteva, al piu, considerarsi una prova. 8

9 Trattandosi di materia attinente a diritti indisponibili non si riteneva infatti il consenso sufficiente essendo invece indispensabile un provvedimento del giudice basato sull accertamento di una situazione oggettiva ed irreversibile di uno stato di abbandono morale e materiale.. La legge di riforma della 184/83 e di ratifica della convenzione, la 476/98, agli articoli 32, comma 2, lett. b) e 36 comma 2, lett. a) considera equipollenti le due fattispecie della condizione di abbandono del minore straniero e del consenso dei genitori alla perdita dei rapporti giuridici con il minore, per effetto del suo divenire figlio legittimo degli adottanti. Si tratta quindi di due presupposti alternativi per ritenere comunque l adottabilita del minore da parte della Commissione per le adozioni internazionali al momento di rilasciare l autorizzazione all ingresso e alla permanenza del minore straniero in Italia. La legge 28 marzo 2001, n. 149 che ha di recente nuovamente modificato la 184/83 sancisce l obbligo di acquisire il consenso del minore che abbia compiuto gli anni 14 al fine di perfezionare l adozione mentre per il minore che abbia almeno 12 anni e necessario solo che sia sentito. I minori che hanno un eta inferiore devono essere ascoltati in considerazione della loro capacita di discernimento. Naturalmente il consenso dei genitori e, per quanto possibile, del bambino, deve essere libero, assistito e informato altrimenti si rischia di ricadere in una prospettiva basata sulla capacita di persuasione e pressione da parte di poteri che non sempre agiscono nell ambito della legalita. Cio vale in primo luogo nel paese di origine del minore laddove il consenso deve essere anzitutto prestato all Autorita centrale ivi operante e poi certificato dalla Commissione italiana. 9

10 Anzi, negli ordinamenti stranieri, la consensualita alternativa all oggettiva situazione di abbandono e considerata molto piu favorevolmente nell interesse del minore ad una piu sollecita definizione dello stato di adottabilita. Di qui la necessita del rispetto dei requisiti previsti dalla Convenzione della liberta, informazione e assistenza riferiti al consenso stesso. La mediazione obbligatoria ed esclusiva degli enti autorizzati Proprio al fine di evitare che la maggiore facilita nell ottenere adozioni di bambini provenienti da paesi meno organizzati si traduca in rischi per i minori connessi alle ipotesi di sfruttamento non regolamentato la Convenzione ha imposto la mediazione obbligatoria ed esclusiva di enti che devono ricevere un autorizzazione ad operare all estero dall Autorita centrale del loro paese. Rivolgersi a questi enti e, come abbiamo visto, obbligatorio per i genitori che, ottenuto il decreto di idoneita all adozione debbano ricercare all estero il bambino da adottare. L esclusiva e invece assicurata dalla sanzioni penali che sono comminate a chiunque voglia agire in concorrenza con questi enti oppure si avvalga di soggetti non autorizzati nello svolgimento delle pratiche per l adozione di minori stranieri. Questi enti svolgono un ruolo essenziale in quanto delegati dalla Commissione ad agire all estero per curare i rapporti con l Autorita centrale straniera e svolgere quindi funzioni tipiche che rientrano nella Sovranita dello Stato. Caratteristica essenziale di questi enti e l assenza del fine di lucro. 10

11 Essi sono al centro del sistema delineato dalla Convenzione in quanto braccio operativo della Commissione per le adozioni internazionali. Agiscono nell interesse delle famiglie che ad essi si rivolgono. I requisiti previsti dalla legge affinche ottengano il rilascio dell autorizzazione da parte della Commissione sono: la struttura organizzativa adeguata ad operare al di fuori del territorio nazionale la specializzazione del personale addetto allo svolgimento delle pratiche l assenza del fine di lucro l assenza di discriminazioni ideologiche o religiose l impegno a partecipare ad attivita di promozione dei diritti dell infanzia nei paesi d origine la sede legale in Italia 2. Come diventare genitori adottivi Il sistema delineato dalla Convenzione e bipolare e assegna all Autorita centrale dello Stato di accoglienza il compito di stabilire l idoneita di chi aspira all adozione e all Autorita centrale dello Stato di origine la scelta del minore, alla luce delle caratteristiche degli aspiranti all adozione descritte in una relazione trasmessale dall Autorita dello Stato di accoglienza. 11

12 All Autorita dello Stato d origine compete la decisione in merito all adozione o all affidamento del minore a scopo di adozione, se e certo il consenso dei genitori adottivi e se c e, da parte dell altra Autorita centrale, concordanza sull ulteriore corso della procedura, nonche l impegno ad autorizzare l ingresso e la permanenza definitiva del minore nel proprio Stato. Una volta trasferito, il minore sara protetto dall Autorita centrale dello Stato di accoglienza, che si occupera di lui disponendo, se necessario, l affidamento ad un altra famiglia o addirittura il rimpatrio, previa informazione allo Stato d origine. Si tratta di uno schema che sostanzialmente esclude la giurisdizione in una materia che, incidendo sullo status delle persone, nel nostro ordinamento e, al contrario, appannaggio esclusivo del giudice. La competenza del Tribunale per i minorenni e la dichiarazione di idoneita La competenza del Tribunale per i minorenni e stata posta dalla nuova legge 476/98 all inizio e alla fine della procedura complessiva che si apre con la dichiarazione di idoneita, e si conclude con l ordine del Tribunale di trascrivere l adozione nei registri dello stato civile con efficacia costitutiva dell acquisto della cittadinanza. Si tratta di una rottura significativa rispetto al sistema dell adozione nazionale dominato dalla figura del giudice. Ne potrebbe essere altrimenti essendo l istituto fondamentale operante dal punto di vista giuridico quello dell adozione pronunciata all estero. 12

13 La procedura tuttavia prende il via a seguito della dichiarazione di idoneita pronunciata dal Tribunale e successivamente trasmessa alla Commissione e quindi tutto l ulteriore corso viene ad essere condizionato dalle prescrizioni poste dal giudice. Il decreto inoltre puo anche essere mirato cioe contenere indicazioni specifiche ai fini dell incontro tra i genitori adottandi e i minori (126 dei decreti di idoneita pronunciati dai Tribunali per i minorenni dal 16 novembre al 30 giugno sono stati di questo tipo). Il rispetto di queste indicazioni sara poi verificato dal Tribunale stesso al momento in cui dovra ordinare la trascrizione nei registri dello stato civile ma i momenti fondamentali della scelta del bambino e della pronuncia della sua adozione, soprattutto nel caso di adozione gia perfezionata all estero e non di affidamento preadottivo, sono sottratti alla sua competenza essendo i provvedimenti in essa rientranti destinati esclusivamente a rendere efficace in Italia la pronuncia dell autorita straniera. La procedura in generale La dichiarazione di idoneita e il primo atto di competenza del Tribunale per i minorenni e costituira poi il presupposto per tutti gli atti piu importanti che gli aspiranti genitori adottivi incontreranno nel successivo corso della procedura necessaria per portarsi a casa il loro bambino straniero. Essa e infatti richiesta nei passaggi fondamentali: al momento di dare incarico ad un ente autorizzato di curare la pratica all estero (art. 31 comma 1); affinche la competente autorita straniera, cui l ente l avra 13

14 trasmessa (31 comma 3, lett. b) formuli la proposta di incontro con il minore da essa prescelto; ai fini della dichiarazione di rispondenza dell adozione al superiore interesse del minore pronunciata dalla Commissione allo scopo di autorizzare l ingresso e la residenza dello stesso in Italia. Il decreto di idoneita costituisce quindi in ogni momento il parametro per valutare la capacita dei genitori adottanti ad accogliere il minore straniero nella loro famiglia. La domanda definita dichiarazione di disponibilita Nella procedura stabilita dalla nuova legge 184/83 riformata dalla l. 476/98 di ratifica della Convenzione sull adozione internazionale e nuovamente modificata dalla l. 28 marzo 2001 n. 149, la domanda per la dichiarazione di idoneita, da presentarsi al Tribunale per i minorenni del distretto dove gli interessati hanno la residenza (art. 29 comma 1) (se residenti all estero vale il luogo dell ultima residenza o il Tribunale di Roma), viene definita dichiarazione di disponibilita. Naturalmente il Tribunale e obbligato a ricevere e a protocollare tale dichiarazione di disponibilita ma soprattutto e obbligato a pronunciarsi con un decreto reclamabile avanti la Corte d Appello. Il Tribunale puo pronunciare immediatamente decreto di inidoneita per manifesta carenza dei requisiti che sono quelli previsti dall art. 6 della legge 184/83 riformata dalla 149/2001 e cioe : tre anni di matrimonio o convivenza stabile e continua nel periodo precedente al matrimonio per almeno tre anni accertata dal Tribunale (comma 4), non 14

15 separazione personale neppure di fatto, effettiva idoneita ad educare, istruire e mantenere i minori che si intendono adottare. Come abbiamo gia accennato la nostra legge non ha seguito la Convenzione dell Aja fino ad ammettere la possibilita di adottare in capo ai singles. L unico caso in cui questo sarebbe possibile per un cittadino italiano e quello di colui che risiede all estero da almeno due anni e quindi puo adottare in base alla legislazione vigente nel suo Stato di residenza; se questa gli consente l adozione in quanto single il Tribunale per i minorenni italiano deve riconoscerla in base al comma 4 dell art. 36 della nostra legge ad ogni effetto se conforme ai principi della Convenzione. Per quanto riguarda il limite di differenza di eta esso e stato recentemente innalzato dalla l. 149/2001 che ha modificato l art. 6 della l. 184/83 fissandolo nel comma 3 ad almeno diciotto anni e a non piu di quarantacinque. Questi stessi limiti sono inoltre ulteriormente superabili qualora dalla mancata adozione derivi un danno grave e non altrimenti evitabile per il minore oppure quando sia superato da uno solo dei coniugi e in misura non superiore a dieci anni ovvero quando i coniugi hanno gia almeno un figlio naturale o adottivo di eta minore o, infine, quando l adozione riguardi un fratello o una sorella del minore gia dagli stessi adottato. 15

16 La relazione dei servizi sociali Se il Tribunale ritiene ammissibile la dichiarazione di disponibilita ha l obbligo di trasmetterne una copia entro 15 giorni dalla ricezione ai servizi sociali territoriali degli enti locali. I compiti di questi ultimi sono prescritti dall art. 29-bis, comma 4, della legge. Essi devono anzitutto informare gli aspiranti genitori adottivi, prepararli e acquisire ogni elemento utile dal punto di vista psicologico, sociale e familiare al fine di valutare la loro idoneita e soprattutto devono rendere una relazione completa al giudice entro il termine di quattro mesi dal ricevimento della dichiarazione di disponibilita degli adottanti. Nella loro attivita i servizi locali come pure gli enti autorizzati sono soggetti alla disciplina di tutela dei dati personali (legge sulla privacy). Segnaliamo fin da ora che gli stessi svolgono inoltre un ruolo fondamentale a partire dal momento in cui il minore fa il suo ingresso in Italia sia collaborando con l ente incaricato sia con un attivita di sostegno della famiglia ai fini di un corretto inserimento del minore che durera per almeno un anno. Tornando alla procedura per il decreto di idoneita, il Tribunale per i minorenni, ricevuta dai servizi la relazione sociale, puo disporre, eventualmente delegando un giudice singolo, degli ulteriori approfondimenti se lo ritiene necessario. 16

17 Esaurita l istruttoria il Giudice deve naturalmente convocare gli aspiranti all adozione per sentirli nell ambito della procedura in camera di consiglio. Il decreto d idoneita Comunque entro il termine di due mesi dalla ricezione della relazione dei servizi sociali il Tribunale per i minorenni dichiara con decreto motivato la sussistenza o meno nella coppia dei requisiti richiesti per adottare. Ritenuta quindi l idoneita il Giudice puo inserire nel decreto ulteriori indicazioni che costituiranno un binario da seguire nel corso successivo della procedura di adozione in particolare ai fini dell incontro che si svolgera all estero con il bambino adottando. Nel decreto quindi devono essere contenuti elementi di indirizzo nella scelta del minore da parte dell Autorita straniera competente, cui e trasmesso dall ente incaricato. Lo stesso decreto, inoltre, potra precisare il numero dei minori cui e commisurata l idoneita (il comma 7 del nuovo art. 6 della legge 184/83, riformulato dalla l. 149/2001 prevede che ai medesimi coniugi siano consentite piu adozioni anche con atti successivi soprattutto se relative a piu fratelli o a minori handicappati), nonche limitazioni specifiche con riferimento alle condizioni del minore o dei minori. Un tale potere del giudice e sempre stato riconosciuto dalla giurisprudenza della Corte Suprema di Cassazione e della Corte Costituzionale. 17

18 Naturalmente non saranno ammesse restrizioni in violazione del principio di uguaglianza e quindi relative alla razza, alla religione o comunque discriminatorie. E indubbio, del resto, che le determinazioni attinenti all idoneita, anche in rapporto al numero degli adottandi, attengono alla realizzazione del superiore interesse del minore. Una volta deliberata la dichiarazione d idoneita va trasmessa immediatamente e d ufficio alla Commissione per le adozioni internazionali, insieme a copia della relazione del servizio sociale e della domanda esistente agli atti. Se gli interessati hanno gia dato incarico ad un ente autorizzato copia del decreto sara trasmessa anche a questo. La durata dell efficacia del decreto di idoneita e la sua eventuale revoca L efficacia del decreto di idoneita copre tutta la durata della procedura - da intendersi successiva - che deve essere promossa dagli interessati entro un anno dalla comunicazione del provvedimento (art. 30 comma 2). L atto con cui si da impulso alla procedura stessa e l incarico obbligatorio ad un ente autorizzato previsto dal successivo art. 31. La copertura per tutta la durata della procedura si protrae fino all ordine con cui il Tribunale dispone la trascrizione nel registro dello stato civile del definitivo provvedimento di adozione. Quest ultimo puo essere il provvedimento definitivo perfezionatosi all estero come adozione e automaticamente efficace in 18

19 Italia in base alla Convenzione oppure un provvedimento del Tribunale italiano che ha dato seguito ad una fase di affidamento preadottivo svoltasi in Italia essendo in questo caso il minore giunto nel nostro paese senza un provvedimento perfezionato come adozione. Nel caso di adozione plurima la dichiarazione di idoneita pronunciata per piu bambini e da ritenersi efficace fino all adozione definitiva dell ultimo di essi in quanto prevista nella stessa dichiarazione. La revoca del decreto per cause sopravvenute, che incidano in modo rilevante sul giudizio d idoneita e disposta previo ascolto degli interessati e va comunicata d ufficio, immediatamente, dal Tribunale alla Commissione nonche all ente autorizzato cui i coniugi abbiano eventualmente gia conferito l incarico in modo da bloccare tempestivamente la procedura in corso. La legge non chiarisce se questa revoca e disponibile dal giudice d ufficio o su richiesta del Pubblico Ministero ma essendo quest ultimo legittimato ad agire per un eventuale reclamo e da ritenere lo sia anche in ordine alla revoca. Si applicano, del resto, le norme sui procedimenti in camera di consiglio. 3. A chi rivolgersi per trovare il bambino all estero Il sistema degli enti autorizzati Abbiamo visto come, ottenuto il decreto d idoneita, i genitori che aspirano ad adottare un bambino straniero devono compiere come primo atto dell ulteriore corso della procedura di adozione il conferimento 19

20 dell incarico ad un ente che sia autorizzato al fine specifico di agire all estero per svolgere le pratiche inerenti la scelta e l adozione del minore nel suo paese di origine. Tale incarico, giova ribadirlo, e obbligatorio ed esclusivo essendo previste sanzioni penali (fino a 8 mesi di reclusione o fino a 6 milioni di multa) anche per coloro che si rivolgono ad enti o persone non autorizzate semplicemente alla ricerca di un bambino da adottare e senza intenti speculativi, salvo che non risiedano gia, da almeno due anni, all estero (art. 72-bis l.184/83).. Naturalmente piu gravi, di un terzo, le sanzioni per coloro che svolgono l attivita di intermediazione senza l autorizzazione della Commissione. La scelta dell ente e anzitutto condizionata dal paese al quale gli aspiranti genitori adottivi intendono rivolgersi in quanto presso quel paese non tutti gli enti possono essere accreditati. Sebbene l ente eserciti poteri propri della Commissione ad essa attribuiti dalla Convenzione cosi come ratificata dalla legge italiana e da essa delegati agli enti stessi, questi ultimi sono soggetti privati a tutti gli effetti. Cio vale, anzitutto, per quanto attiene al funzionamento di quelle strutture organizzative che proprio la Commissione avra valutato prima di rilasciare l autorizzazione insieme agli altri requisiti che abbiamo gia visti. Tra questi occorre ricordare anzitutto l assenza del fine di lucro. Cio non significa che l ente non abbia diritto al rimborso delle spese legittimamente sostenute nonche agli onorari dovuti, in misura 20

21 ragionevole, alle persone che sono intervenute nella procedura per l adozione. Naturalmente dei limiti sono gia previsti nella disciplina della Convenzione: non sono ammessi, cioe ne un profitto materiale indebito ne una remunerazione sproporzionata per i dirigenti, gli amministratori e gli impiegati che operano nell organizzazione. Entro questi limiti, tuttavia, ricavabili anche dalla nostra legislazione in materia di ONLUS (d.lgs 460/97), e da riconoscersi una certa autonomia in materia di compensi. Ovviamente le entrate dell ente costituiscono le spese della procedura di adozione che gravano sui i fruitori del servizio, aspiranti genitori adottivi. Questi costi sono oggetto di controllo da parte della Commissione che esercita i poteri di vigilanza previsti dal regolamento che disciplina il suo funzionamento (D.P.R. 1 dicembre 1999, n. 492) tra i quali quello di definire uniformi parametri di congruita dei costi delle procedure di adozione. Del resto, fin dalla presentazione dell istanza per richiedere l autorizzazione alla Commissione, questi enti devono specificare il costo, per ciascun paese di operativita, richiesto alle coppie che intendono adottare un bambino. Il contenuto del rapporto tra l ente e le coppie quindi, sebbene di natura privatistica, non puo dirsi determinato interamente dall autonomia contrattuale. Si tratta di un contratto di mandato in cui, da un lato gli interessati manifestano la volonta di affidarsi all ente prescelto, accettandone ai fini di legge il modulo operativo e le condizioni in base alle informazioni che 21

22 questo deve avere loro preventivamente fornito (art. 31 comma 3, lett. a)) e dall altro lato l ente deve manifestare ai predetti il proprio impegno ad attivarsi per compiere le attivita sia materiali che giuridiche attinenti alla procedura di adozione. Nelle prestazioni dovute dall ente rientrano quelle dei professionisti dei quali esso si avvale e che forniscono prestazioni d opera intellettuale (avvocati, assistenti sociali, psicologi, sociologi ecc.). L attivita che l ente autorizzato svolge tuttavia non e solo quella che rientra nell incarico affidatogli dalla coppia. Esso agisce anche come delegato della Commissione espletando mansioni che costituiscono esercizio privato di pubbliche funzioni delicatissime essendo svolte per la maggior parte all estero in rappresentanza della Commissione stessa e quindi, indirettamente, dello Stato italiano. La procedura da seguire con gli enti autorizzati Ricevuto l incarico, l ente informa gli interessati sulle procedure e le concrete prospettive. Questi ultimi presentano all ente una domanda di adozione rivolta anche, genericamente, all autorita competente del paese verso cui sono intenzionati a rivolgersi per individuare il bambino da adottare. Dalla Commissione o dal Tribunale per i minorenni ( a seconda che l ente non abbia o abbia gia ricevuto l incarico al momento del decreto di idoneita ) l ente stesso riceve lo stesso decreto e la relazione dei servizi socio assistenziali locali. 22

23 L insieme della documentazione viene da questo trasferita all Autorita centrale del paese estero alla quale compete la formulazione della o delle proposta/e di incontro tra il minore o i minori adottabili da essa prescelto e gli aspiranti all adozione. La scelta del minore avviene da parte della stessa Autorita secondo il sistema di tutela e assistenza all infanzia operante nel suo paese. E chiaro che nei paesi piu poveri dove tale sistema e meno organizzato l ente incaricato ha piu liberta di movimento nella ricerca dei minori presso gli organismi di tutela dell infanzia o gli orfanotrofi. Naturalmente l attivita di intermediazione comprende ogni aspetto utile alla riuscita dell abbinamento. Da parte dei genitori che hanno conferito l incarico viene curata anzitutto la completezza dell informazione attinente alla salute del minore, alla sua famiglia e alla sua storia personale. Da parte dell Autorita centrale straniera interessa in primo luogo l acquisizione del consenso libero, informato e soprattutto certificato dei genitori adottivi cosi come richiesto dalla disciplina della convenzione. Non a caso tale consenso e richiesto rispetto alla proposta d incontro anziche all adozione vera e propria. La nostra disciplina si e discostata sul punto da quella della Convenzione che si e ispirata al principio della consensualita dell adozione. Quest ultima nel nostro ordinamento puo essere pronunciata solo a seguito del riscontro di presupposti obbiettivi a partire dalla situazione di abbandono del bambino. 23

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2004, n. 77/E Oggetto: Istanza d interpello XY- Art. 10, comma 1, lett. l-bis), del Tuir Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente l esatta applicazione

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA

TITOLO I - DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino

LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE Di Leonardo Lenti Docente di diritto di famiglia presso l università di Torino In alcuni Paesi possono adottare anche i "single". In altri non vi sono rigidi limiti di età.

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE IV LA COMPETENZA CIVILE DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI IN MATERIA DI ADOZIONI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi che garantisca livelli adeguati d intervento in materia di adozione internazionale. LA VISTO il documento istruttorio riportato in calce

Dettagli

Edizione di marzo 2012

Edizione di marzo 2012 ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE Edizione di marzo 2012 Indice Capitolo 1 - I protagonisti 1.1 - Il bambino 1.2 - I genitori adottivi Capitolo 2 - Le tappe nel cammino dell adozione Capitolo 3 - Le

Dettagli

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE L affidamento familiare è un intervento temporaneo d aiuto e di sostegno ad un minore che proviene da una famiglia in difficoltà. Attraverso l affidamento, il bambino incontra

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Approvato con Delibera C.C. n. 8 del 03/02/2014 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 Ambito di applicazione pag. 3 Art. 2 Principi generali

Dettagli

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI BRESCIA, nella persona del Presidente, Maria Carla Gatto

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI BRESCIA, nella persona del Presidente, Maria Carla Gatto PROTOCOLLO TRA ILTRIBUNALE PER I MINORENNI DI BRESCIA E LE AZIENDE SANITARIE LOCALI DI BERGAMO, BRESCIA, CREMONA, MANTOVA VALLECAMONICA SEBINO PER LA DEFINIZIONE DI LINEE GUIDA IN MATERIA DI ADOZIONE NAZIONALE

Dettagli

Sull adozione internazionale

Sull adozione internazionale I vostri figli non sono figli vostri: sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita. Nascono per mezzo di voi e tuttavia non vi appartengono Dimorano con voi e tuttavia non Vi appartengono. Potete

Dettagli

Parlamento Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Data: 4 maggio 1983 legge 184

Parlamento Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Data: 4 maggio 1983 legge 184 Parlamento Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori Data: 4 maggio 1983 legge 184 Preambolo...1 Articolo 1...1 Articolo 6...1 Articolo 7...2 Articolo 8...2 Articolo 9...2 Articolo 11...2

Dettagli

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI

PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI Allegato B PROCEDIMENTO DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DISPOSIZIONI GENERALI 1. FINALITA Il presente documento definisce, ai sensi degli articoli 8 bis e 8 quater, del decreto legislativo

Dettagli

I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori DOCUMENTI

I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori DOCUMENTI I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori DOCUMENTI Legge 4 maggio 1983, n. 184 (1) (2) (1/circ) Diritto del minore ad una famiglia 175 TITOLO I PRINCIPI GENERALI (3) Art. 1 1. Il minore ha

Dettagli

UNIONE ITALIANI NEL MONDO

UNIONE ITALIANI NEL MONDO IM UNIONE ITALIANI NEL MONDO CITTADINANZA ITALIANA DIRITTI E PROCEDURE Introduzione Il possesso della cittadinanza italiana indica l appartenenza allo Stato italiano e serve per avvalersi dei diritti

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Depositato / Pervenuto il Ammesso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella Via Marconi, 28 13900 Biella Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Il / La sottoscritt nat a prov./naz.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

LA STRADA DELL'ADOZIONE

LA STRADA DELL'ADOZIONE LA STRADA DELL'ADOZIONE FONTE: Commissione per le Adozioni Internazionali 2011 1ª TAPPA : La dichiarazione di disponibilità TEMPI: entro 15 giorni dalla presentazione della dichiarazione il Tribunale deve

Dettagli

Indice degli argomenti trattati:

Indice degli argomenti trattati: LE ADOZIONI E GLI ADEMPIMENTI DELL'UFFICIALE DI STATO CIVILE E ANAGRAFE. Donato Berloco Volume di circa 300 pagine Euro 36,00 (10% sconto abbonati Lo Stato Civile Italiano ) Sepel, Giugno 2011 Indice degli

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO. A000951, 1 A000951 FONDAZIONE INSIEME onlus. SENTENZA N. 6078 DEL 18/03/2006 FAMIGLIA ADOZIONE INTERNAZIONALE DA PARTE DI SINGLE LIMITI DI AMMISSIBILITÀ La Cassazione conferma il principio secondo il quale

Dettagli

Protocollo del Distretto di Campobasso in tema di ascolto del minore PREMESSO

Protocollo del Distretto di Campobasso in tema di ascolto del minore PREMESSO Protocollo del Distretto in tema di ascolto del minore PREMESSO che le modifiche legislative intervenute nel corso dell anno 2006 hanno reso urgente e indilazionabile regolamentare le modalità di audizione

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI CAPITOLO I CENNI STORICI: EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ADOZIONE 1. Introduzione... pag. 1 2. L'istituto dell'adozione

Dettagli

L affidamento familiare e la filiazione adottiva

L affidamento familiare e la filiazione adottiva L affidamento familiare e la filiazione adottiva D ANGIO G., RECCO A., OTTOBRE P., LEGA G. L affidamento familiare L affidamento familiare, così come l adozione, è un istituto disciplinato dalla legge

Dettagli

Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate

Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate N. 51/11 DEL 24.9.2008 Adozioni nazionali e internazionali: organizzazione degli interventi di sostegno alle famiglie adottive e istituzione di equipe territoriali integrate 1. Premessa Attualmente in

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE OGGETTO: Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI

ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI ORDINANZA N. 347 ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Piero Alberto CAPOTOSTI Presidente Guido NEPPI MODONA Giudice Annibale MARINI "

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

Associazione C rescere

Associazione C rescere Organizzazione di Volontariato Associazione C rescere con la sindrome di Turner e altre Malattie Rare ONLUS ex art. 10 c. 8 dlgs n 460/1997 Via Massarenti 11-40138 Bologna presso la Clinica Pediatrica

Dettagli

Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI Per minore straniero non accompagnato si intende il minorenne non avente

Dettagli

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Si parla disottrazione internazionale del minore in due casi: a) Quando il minore viene condotto all estero dal genitore non affidatario senza il consenso dell altro

Dettagli

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI

FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI FALLIMENTI ADOTTIVI ASPETTI DECISORI E GIURIDICI Angelo Vernillo Firenze 17.12.2013 FALLIMENTO ADOTTIVO? CHE DEFINIZIONE SCEGLIERE???? E l interruzione definitiva o transitoria di un rapporto difficile

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE Art. 1 Normativa L articolo 31 della Costituzione sancisce che è compito dello Stato agevolare la formazione della famiglia e l'adempimento dei compiti relativi. Con l

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA, in persona del suo Presidente Avv. Giovanni Chiello, il TRIBUNALE ORDINARIO

Dettagli

Codice deontologico. per l attività di Adozione Internazionale

Codice deontologico. per l attività di Adozione Internazionale Codice deontologico per l attività di Adozione Internazionale Gli Enti Autorizzati firmatari del presente documento nel rispetto della Convenzione de L Aja del 1993 in materia di adozione internazionale,

Dettagli

COMUNE DI TURRIACO. Provincia di Gorizia

COMUNE DI TURRIACO. Provincia di Gorizia Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI E DEI SOGGETTI ABILITATI AI SERVIZI DI INGEGNERIA ED ARCHITETTURA Approvato con deliberazione consiliare n.. di

Dettagli

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2010 DEL CONSIGLIO del 20 dicembre 2010 relativo all attuazione di una cooperazione rafforzata nel settore della legge

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A PERSONALE ESTERNO ALL AMMINISTRAZIONE

REGOLAMENTO AZIENDALE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A PERSONALE ESTERNO ALL AMMINISTRAZIONE REGOLAMENTO AZIENDALE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A PERSONALE ESTERNO ALL AMMINISTRAZIONE Articolo1. Fonti normative..1 Articolo 2. Oggetto.1 Articolo 3. Presupposti 2 Articolo 4. Procedimento per

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 PROCEDIMENTO ADOTTIVO E RACCOLTA DOCUMENTAZIONE Allegato al PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2008 Il presente

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

CONVENZIONE SULLA PROTEZIONE DEI MINORI E SULLA COOPERAZIONE IN MATERIA DI ADOZIONE INTERNAZIONALE

CONVENZIONE SULLA PROTEZIONE DEI MINORI E SULLA COOPERAZIONE IN MATERIA DI ADOZIONE INTERNAZIONALE CONVENZIONE SULLA PROTEZIONE DEI MINORI E SULLA COOPERAZIONE IN MATERIA DI ADOZIONE INTERNAZIONALE Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione CONVENZIONE SULLA PROTEZIONE DEI MINORI E SULLA

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504 Pagina 1 di 9 Non basta la mera disponibilità dei nonni a prendersi cura dei nipoti per scongiurarne l'adozione se non è provata la presenza di "rapporti significativi" Sommario: 1) Breve commento alla

Dettagli

Caso 5.6. 5. L adozione internazionale

Caso 5.6. 5. L adozione internazionale Caso 5.6 5. L adozione internazionale A quale autorità giudiziaria gli adottanti devono ricorrere qualora, a seguito di una dichiarazione di adozione emessa dallo stato ucraino, gli stessi lamentino che

Dettagli

approvato all adunanza del 18 marzo 2013

approvato all adunanza del 18 marzo 2013 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI INDIVIDUALI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA A SOGGETTI ESTRANEI ALL AMMINISTRAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI BOLOGNA approvato all adunanza del 18 marzo 2013 ARTICOLO

Dettagli

Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al

Legge 28 marzo 2001, n. 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

Legge 28 marzo 2001, n. 149

Legge 28 marzo 2001, n. 149 Legge 28 marzo 2001, n. 149 "Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori», nonché al titolo VIII del libro primo del codice civile" pubblicata

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4348 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MURA, DI PIETRO, BORGHESI, CAMBURSANO, DI GIUSEPPE, DI STANISLAO, EVANGELISTI, FAVIA, ANIELLO

Dettagli

Legge 19 ottobre 2015 n. 173

Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, sul diritto alla continuità affettiva dei bambini e delle bambine in affido familiare. (G.U. n. 252 del 29 ottobre 2015) Entrata

Dettagli

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia.

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia. Nuovo testo della Legge n. 184 del 1983 Diritto del minore ad una famiglia come modificata dalla legge del 28/3/2001 n. 149 TITOLO I Principi generali Art. 1 1. Il minore ha diritto di crescere ed essere

Dettagli

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE

LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE LE LEGGI CHE DISCIPLINANO L ADOZIONE E L AFFIDO FAMILIARE Legge 184/83 E la prima normativa specifica che disciplina l adozione e l affidamento dei minori. Legge 28 marzo 2001 n.149 Disciplina dell adozione

Dettagli

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO la rilevazione l intervento dei servizi la segnalazione al tribunale per i minorenni l intervento del tribunale per i minorenni Presentazione Il presente

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO (D.P.R. 30 MAGGIO 2002 N. 115) (L. 24 febbraio 2005, n. 25) DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA 1. COPIA CERTIFICATO STATO DI FAMIGLIA 2. COPIA

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12 febbraio 2007 e successivamente

Dettagli

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa Regolamento per l Affidamento familiare dei minori Premessa L Affido familiare è regolamentato dalla Legge 4 maggio 1983n.184 Disciplina dell Adozione e dell Affidamento dei Minori, modificata dalla Legge

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo? PROFESSIONE FORENSE 04 SETTEMBRE 2015 Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?». Il Ministro della Giustizia ha firmato, il 14 agosto 2015, il regolamento che disciplina le modalità

Dettagli

-------------------------

------------------------- Direzione Centrale Gestione Tributi ------------------------- Settore Servizi ai Contribuenti Ufficio Rapporti con i CAF e altri intermediari Prot n. 3/4/117874/03 Roma, Alle Direzioni Regionali e, per

Dettagli

Linee guida per l interpretazione dell articolo 31 del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani

Linee guida per l interpretazione dell articolo 31 del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani Ordine degli Psicologi DELIBERA n G/75 della Toscana - Firenze adottata nella riunione del Consiglio dell Ordine il 11/12/2010 OGGETTO: approvazione linee guida per l interpretazione e l applicazione dell

Dettagli

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE ****** ****** 1 PREMESSA Chiunque voglia avviarsi alla professione forense deve aver svolto un periodo di pratica professionale

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

Art. 1 OGGETTO. Art. 2 SOGGETTI ISCRIVIBILI

Art. 1 OGGETTO. Art. 2 SOGGETTI ISCRIVIBILI REGISTRO PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE: MODALITA PER L ISCRIZIONE, LA CANCELLAZIONE E LA REVISIONE. REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO N. DEL Art. 1 Oggetto Art. 2 Soggetti

Dettagli

L AUDIZIONE DEL M INORE IL VALORE PROBATORIO DELLE DICHIARAZIONI

L AUDIZIONE DEL M INORE IL VALORE PROBATORIO DELLE DICHIARAZIONI L AUDIZIONE DEL M INORE IL VALORE PROBATORIO DELLE DICHIARAZIONI SOMMARIO: 1. Il valore probatorio delle dichiarazioni del minore in ambito civile e, in particolare, nei procedimenti di separazione e divorzio

Dettagli

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo.

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo. SOMMARIO INTRODUZIONE 1. 2. Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo. La recente legge di riforma delle adozioni: luci ed ombre. p. 11 18

Dettagli

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 IL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 Visto il Regio Decreto 4 maggio 1925, n. 653, contenente disposizioni sugli studenti, esami e tasse negli

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2012/2013. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMMINISTRATIVO

ANNO SCOLASTICO 2012/2013. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMMINISTRATIVO C O M U N E D I E S C O L C A P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Via Dante n 2 Tel. 0782808303 - Fax 0782808516 e-mail: segreteria.escolca@tiscali.it Prot. n. 2019 del 08.07.13 BANDO DI CONCORSO PER

Dettagli

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE INDICE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 30 aprile 2015 CAPO I

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

Provincia di Bologna Coordinamento Adozione. Adottiamoci un percorso per futuri genitori

Provincia di Bologna Coordinamento Adozione. Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento Adozione Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento Adozione Adottiamoci un percorso per futuri genitori Provincia di Bologna Coordinamento

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

Anna Maria Colella 1

Anna Maria Colella 1 Anna Maria Colella 1 L Agenzia regionale per le adozioni internazionali Regione Piemonte: Il primo servizio pubblico iscritto nell albo degli enti autorizzati (Legge N. 476/98, Art. 39 bis) Sommario: 1.

Dettagli

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA riunita in Camera di Consiglio, e composta dai seguenti magistrati : Dott. ROSA CASABUR I PRESIDENTE Dott. FAUSTA PALAZZO CONSIGLIERE Dott. MAURIZIO PETRELLI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL GARANTE DEI DIRITTI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA. TITOLO I Disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL GARANTE DEI DIRITTI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA. TITOLO I Disposizioni generali Allegato 1 parte integrante della proposta di Deliberazione di Consiglio Comunale n. 603 avente ad oggetto: Istituzione del Garante dei Diritti per l Infanzia e l Adolescenza e contestuale approvazione

Dettagli

Regolamento sull accesso e visione degli atti e. sulla trasparenza amministrativa

Regolamento sull accesso e visione degli atti e. sulla trasparenza amministrativa Regolamento sull accesso e visione degli atti e sulla trasparenza amministrativa INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento e definizioni Art. 2 Oggetto dell accesso Art. 3 Discipline specifiche - rinvio Art.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE In tema di riscattabilità del diploma di infermiere professionale (Consiglio di Stato, Decisione 11.4.2006 n. 1994) Il ricorso, trattenuto in decisione all udienza del 13 gennaio 2006, è fondato. Il primo

Dettagli

ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI

ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI ATTUALITA IN PEDIATRIA: ADOZIONI INTERNAZIONALI, VIAGGI E MIGRAZIONI I GIUGNO 2011 Ospedale Infantile Regina Margherita Dott.ssa Anna Maria Colella Direttore ARAI Regione Piemonte Cenni legislativi LA

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento di incarichi professionali. Approvato con delibera del CdA n.

Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento di incarichi professionali. Approvato con delibera del CdA n. Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento di incarichi professionali Approvato con delibera del CdA n. 3 del 10/4/14 Sommario PARTE I - PREMESSE... 3 1. Oggetto... 3 2. Finalità...

Dettagli

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI

MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI Allegato 1 MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI CANALI INDIRETTI DI COLLOCAMENTO DEI CREDITI TRAMITE MEDIATORI A) CODICE DEONTOLOGICO DEI MEDIATORI CREDITIZI INVESTITI DI INCARICHI DI MEDIAZIONE E CONSULENZA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2514-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) E DAL MINISTRO

Dettagli

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 COMUNICAZIONI AI CREDITORI: I NUOVI ADEMPIMENTI TELEMATICI RIFERIMENTI NORMATIVI: PREMESSA: Art. 17 del D.L.

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria

Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria n. 11/12 A. Repubblica Italiana In nome del popolo italiano Il tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, riunito in camera di consiglio, con l intervento

Dettagli