ADOZIONE INTERNAZIONALE E DIRITTO DEL LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ADOZIONE INTERNAZIONALE E DIRITTO DEL LAVORO"

Transcript

1 ADOZIONE INTERNAZIONALE E DIRITTO DEL LAVORO La parte generale della disciplina a tutela della paternità e maternità adottiva è inserita nel decreto legislativo 26 marzo 2001 n 151. E' bene anzitutto osservare che la disciplina vigente prevede che sono fatte salve le condizioni di maggior favore stabilite da leggi, regolamenti, contratti collettivi, e da ogni altra disposizione. La consultazione, quindi, del proprio contratto collettivo di lavoro è necessaria per verificare se in esso sono inserite disposizioni più favorevoli rispetto a quelle dettate dalla legge generale. E' anche utile osservare fin dall'inizio che ai fini di questa disciplina, le disposizioni normative usano il termine lavoratore intendendo così i dipendenti, compresi quelli con contratto di apprendistato, di amministrazioni pubbliche, di privati datori di lavoro ed i soci lavoratori di cooperative. Secondo l'ultimo aggiornamento (legge n 228), riassumiamo le principali regole vigenti: DIVIETO DI DISCRIMINAZIONE Art. 3. Il testo originario della norma analiticamente vietava ogni discriminazione sull'accesso al lavoro, formazione, aggiornamento professionale, retribuzione, classificazione professionale, progressione in carriera, operata in riferimento allo stato di famiglia del lavoratore. Ora è stato sostituito da una formulazione più elastica (È vietata qualsiasi discriminazione per ragioni connesse al sesso, secondo quanto previsto dal decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198, 1 con particolare riguardo ad ogni trattamento meno favorevole in ragione dello stato di gravidanza, nonché di maternità o paternità, anche adottive, ovvero in ragione della titolarità e dell'esercizio dei relativi diritti) e più idonea a perseguire forme di abuso borderline. Il divieto di discriminazione ha anche ispirato la regola per cui la lavoratrice e il lavoratore a tempo parziale beneficiano dei medesimi diritti di un dipendente a tempo pieno per quanto riguarda la durata dei congedi previsti dal presente testo unico. Il relativo trattamento economico e' riproporzionato ovviamente in ragione della ridotta entità della prestazione lavorativa (art. 60). DIRITTO ALL'ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Art. 5. I genitori possono fruire del diritto all'anticipazione del trattamento di fine rapporto ai fini del sostegno economico alla famiglia durante il periodo di fruizione del congedo parentale. 1 Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198 "Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell'articolo 6 della legge 28 novembre 2005, n. 246", leggibile in 1

2 TUTELA DELLA SALUTE DELLA LAVORATRICE art 6 art. 7 E' estesa anche alle lavoratrici che hanno ricevuto bambini in adozione o in affidamento, fino al compimento dei sette mesi di eta' del minore, la disciplina a tutela della sicurezza delle madri. Così è vietato adibire le lavoratrici al trasporto e al sollevamento di pesi ed ai lavori pericolosi, faticosi ed insalubri 2. La lavoratrice adibita in alternativa a mansioni inferiori a quelle abituali conserva la retribuzione corrispondente alle mansioni precedentemente svolte, nonché la qualifica originale. Se la lavoratrice è adibita a mansioni equivalenti o superiori, ha diritto al trattamento corrispondente all'attività svolta. Quando la lavoratrice non possa essere spostata ad altre mansioni, il servizio ispettivo del Ministero del lavoro competente per territorio può' disporre l'interdizione dal lavoro per tutto il periodo di tutela. Il rispetto della regola è presidiato con previsione di sanzione penale (arresto fino a sei mesi). Commento: la previsione appare irreale nel caso di adozione internazionale, stante la sostanziale impossibilità del compimento di un'adozione per minori dell'età protetta dalla norma. CONGEDO PRECEDENTE L'ADOZIONE Art. 28 e Art. 32. Diritto di entrambi gli aspiranti genitori a fruire di un congedo di durata corrispondente al periodo di permanenza nello Stato straniero richiesto per l'adozione e l'affidamento. Il congedo non comporta indennità né retribuzione. L'ente autorizzato che ha ricevuto l'incarico di curare la procedura di adozione certifica la durata del periodo di permanenza all'estero. Dal momento della comunicazione della proposta di incontro con il minore adottando, ai sensi dell'articolo 31, terzo comma, lettera d), della legge 4 maggio 1983, n. 184, e successive modificazioni, ovvero della comunicazione dell'invito a recarsi all'estero per ricevere la proposta di abbinamento, opera in favore della lavoratrice il divieto di licenziamento, con i limiti più oltre descritti. In caso di fruizione del congedo di paternita', il divieto di licenziamento si applica anche al padre lavoratore per la durata del congedo stesso. 2 Si tratta di quelli indicati dall'art. 5 del decreto del Presidente della Repubblica 25 novembre 1976, n. 1026, leggibile in % pdf. Si tratta comunque di tabella aggiornanda da parte del Il Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con i Ministri della sanita' e per la solidarieta' sociale. A questi si aggiungono i lavori pericolosi, faticosi ed insalubri definiti dal Decreto legislativo 25 novembre 1996, n. 645, allegato 2. 2

3 CONGEDO DI MATERNITA' Il congedo di maternità spetta alle lavoratrici che abbiano adottato un minore per un periodo massimo di cinque mesi, e con termine finale comunque entro i cinque mesi successivi all ingresso del minore in Italia. Nel caso di adozione internazionale, il congedo può essere fruito prima dell ingresso del minore in Italia, durante il periodo di permanenza all estero richiesto per l incontro con il minore e gli adempimenti relativi alla procedura adottiva. La lavoratrice che, per il periodo di permanenza all estero non richieda o richieda solo in parte il congedo di maternità, può invece fruire di un congedo non retribuito senza diritto ad indennità riservando il congedo al periodo posteriore all'ingresso del minore in Italia. La durata del periodo di permanenza all estero della lavoratrice viene certificato dall Ente autorizzato che ha ricevuto l incarico di curare la procedura di adozione. Nel caso di affidamento di minore (i casi di adozione in Paesi che non prevedano immediatamente la conclusione della procedura con un provvedimenti di adozione) il congedo può essere fruito entro cinque mesi dall affidamento e per un periodo massimo di tre mesi. Anche in questo caso una sanzione penale presidia il rispetto della regola, prevedendo in caso diverso l'arresto fino a sei mesi. I periodi di congedo di maternità devono essere computati nell'anzianità di servizio a tutti gli effetti, compresi quelli relativi alla tredicesima mensilità o alla gratifica natalizia e alle ferie; sono poi considerati, ai fini della progressione nella carriera come attività lavorativa se i contratti collettivi non richiedano a tale scopo particolari requisiti. Le ferie e le assenze eventualmente spettanti alla lavoratrice ad altro titolo non possono essere godute contemporaneamente ai periodi di congedo di maternità. L'Indennità di maternità e' corrisposta anche nei casi di risoluzione del rapporto di lavoro per di cessazione dell'attività dell'azienda cui essa è addetta o per ultimazione della prestazione per la quale la lavoratrice è stata assunta o di risoluzione del rapporto di lavoro per la scadenza del termine; La disciplina generale prevede che lavoratrici gestanti che si trovino, all'inizio del periodo di congedo di maternità, sospese, assenti dal lavoro senza retribuzione, ovvero, disoccupate, sono ammesse al godimento dell'indennità giornaliera di maternità purché tra l'inizio della sospensione, dell'assenza o della disoccupazione e quello di detto periodo non siano decorsi più di sessanta giorni. Questa ed altre regole non vengono testualmente estese anche al caso di genitorialità adottiva, ponendo un problema interpretativo e anche forse di conformità costituzionale. Art. 31 Il padre lavoratore ha diritto di astenersi dal lavoro per tutta la durata del congedo di maternità o per la parte residua che sarebbe spettata alla lavoratrice, in caso di morte o di grave infermità della madre. Nel caso di adozione, inoltre, il congedo di maternità che non sia stato chiesto dalla lavoratrice, spetta, alle medesime condizioni, al lavoratore. 3

4 CONGEDO PARENTALE Art. 32 Il congedo parentale con cui ciascun genitore ha diritto di astenersi dal lavoro per un periodo complessivo massimo di dieci mesi elevati ad undici se il eserciti il diritto di astenersi dal lavoro per un periodo continuativo o frazionato non inferiore a tre mesi. Se il godimento avviene da parte di un solo genitore, alla madre spetta per un periodo continuativo o frazionato non superiore a sei mesi; al padre lavoratore, per un periodo continuativo o frazionato non superiore a sette mesi. Ciò restando una durata complessiva massima di dieci (o undici, come sopra detto) mesi. Il diritto può essere fruito nei primi tre anni di ingresso del minore nel nucleo familiare; il minore deve avere un'età non superiore ad anni dodici al momento dell'adozione. Il genitore è tenuto, salvo casi di oggettiva impossibilità, a preavvisare il datore di lavoro secondo le modalità e i criteri definiti dai contratti collettivi, e comunque con un periodo di preavviso non inferiore a quindici giorni. Il congedo parentale spetta al genitore richiedente anche qualora l'altro genitore non ne abbia diritto. Art. 33. Il congedo parentale può essere prolungato fino a tre anni in caso di minore con handicap in situazione di gravità accertata ai sensi dell'articolo 4, comma 1, della legge 5 febbraio 1992, n. 104 a condizione che il bambino non sia ricoverato a tempo pieno presso istituti specializzati. Il diritto spetta alla lavoratrice madre o, in alternativa, al lavoratore padre. 2. In alternativa al prolungamento del congedo possono essere fruiti i riposi di all'articolo 42. Il congedo spetta al genitore richiedente anche qualora l'altro genitore non ne abbia diritto. DIRITTO AL RIENTRO E ALLA CONSERVAZIONE DEL POSTO Al termine dei periodi di divieto di lavoro poi le lavoratrici hanno diritto di conservare il posto di lavoro e, salvo che espressamente vi rinuncino, di rientrare nella stessa unità produttiva ove erano occupate all'inizio del periodo di gravidanza o in altra ubicata nel medesimo comune, e di permanervi fino a un anno dall'ingresso del minore nel nucleo familiare; hanno diritto di essere adibite alle mansioni da ultimo svolte o a mansioni equivalenti, nonché di beneficiare di eventuali miglioramenti delle condizioni di lavoro, previsti dai contratti collettivi ovvero in via legislativa o regolamentare, che sarebbero loro spettati durante l'assenza. Tale diritto si estende anche al lavoratore al rientro al lavoro dopo la fruizione del congedo di paternita'. Negli altri casi di congedo, di permesso o di riposo la lavoratrice e il lavoratore hanno diritto alla conservazione del posto di lavoro e, salvo che espressamente vi rinuncino, al rientro nella stessa unita' produttiva ove erano occupati al momento della richiesta, o in altra ubicata nel medesimo comune; hanno diritto di essere adibiti alle mansioni da ultimo svolte o a mansioni equivalenti. 4

5 RIPOSI GIORNALIERI Art. 45. Entro il primo anno dall'ingresso del minore nella famiglia il datore di lavoro deve consentire alle lavoratrici madri adottive due periodi di riposo, anche cumulabili durante la giornata. Il riposo e' uno solo quando l'orario giornaliero di lavoro e' inferiore a sei ore. I periodi di riposo hanno la durata di un'ora ciascuno e sono considerati ore lavorative agli effetti della durata e della retribuzione del lavoro. Essi comportano il diritto della donna ad uscire dall'azienda. Tali periodi di riposo vengono ridotti a mezz'ora ciascuno quando la lavoratrice fruisca dell'asilo nido o di altra struttura simile, istituiti dal datore di lavoro nell'unita' produttiva o nelle immediate vicinanze di essa. I periodi di riposo sono riconosciuti al padre lavoratore nel caso in cui la madre lavoratrice dipendente non se ne avvalga; ovvero se la madre non sia lavoratrice dipendente; ovvero ancora se i figli sono affidati al solo padre o in caso di morte o di grave infermita' della madre. In caso di adozione di più minori, i periodi di riposo sono raddoppiati e le ore aggiuntive possono essere utilizzate anche dal padre senza limiti. Nel caso di adozione di minore con handicap in situazione di gravità fino al compimento del terzo anno di vita del bambino è possibile ottenerei due ore di permesso giornaliero retribuito. Tali riposi possono essere cumulati con il congedo parentale ordinario e con il congedo per la malattia del figlio. Tale possibilità comunque è alternativa a quella del prolungamento del periodo di congedo parentale. Nel caso di genitori adottivi,che siano dipendenti di amministrazioni pubbliche, costoro possono' essere assegnati, a richiesta, anche in modo frazionato e per un periodo complessivamente non superiore a tre anni, ad una sede di servizio ubicata nella stessa provincia o regione nella quale l'altro genitore esercita la propria attività lavorativa, subordinatamente alla sussistenza di un posto vacante e disponibile di corrispondente posizione retributiva e previo assenso delle amministrazioni di provenienza e destinazione. L'eventuale dissenso deve essere motivato. L'assenso o il dissenso devono essere comunicati all'interessato entro trenta giorni dalla domanda. Il posto temporaneamente lasciato libero non si rende disponibile ai fini di una nuova assunzione. Tale diritto può essere esercitato entro i primi tre anni dall'ingresso del minore nella famiglia, indipendentemente dalla sua età. Commento: l'ipotesi di parto plurimo è da confrontare con quella di adozione di più fratelli. Con possibili varianti: adozione di due minori fratelli e con un solo atto (di certo comparabile), adozione di più minori con ati diversi ma tutti rientranti nell'età che consente l'accesso alla protezione prevista dalla norma. Sul punto si ritrova solo un precedente: 5

6 I riposi previsti dall'art. 10 l. 30 dicembre 1971 n. 1204, essendo preordinati ad assicurare, in tempi minimi prefissati nell'arco del giorno - un completo rapporto (fisico, psichico, affettivo e di assistenza diretta) tra il lavoratore - genitore (madre o padre) che ne usufruisca ed ogni singola persona - bambino di età inferiore all'anno, possono essere goduti, su richiesta del lavoratore interessato, titolare del relativo diritto potestativo, in ragione di due ore (in caso di orario giornaliero di durata superiore a 6 ore) ovvero di un'ora (in caso di orario giornaliero di durata inferiore) per ognuno dei bambini da assistere direttamente, da considerare soggetti prioritariamente protetti dalla disposizione anche nel caso di parto plurimo e/o nel caso in cui qualcuno di essi sia stato adottato o dato in affidamento preadottivo ai lavoratori in aggiunta ai figli naturali, tutti di età inferiore all'anno. Tribunale Bari, 02/04/1999 E' possibile quindi che la stessa ratio risulti applicabile anche alla nuova disposizione. 6

7 CONGEDI PER LA MALATTIA DEL FIGLIO Entrambi i genitori, alternativamente, hanno diritto di astenersi dal lavoro per periodi corrispondenti alle malattie di ciascun figlio di eta' non superiore a sei anni. Ciascun genitore, alternativamente, ha altresi' diritto di astenersi dal lavoro, nel limite di cinque giorni lavorativi all'anno, per le malattie di ogni figlio di eta' compresa fra i tre e gli otto anni. Qualora però all'atto dell'adozione o dell'affidamento, il minore abbia un'eta' compresa fra i sei e i dodici anni, il congedo per la malattia del bambino e' fruito nei primi tre anni dall'ingresso del minore nel nucleo familiare nel limite di cinque giorni lavorativi all'anno. La malattia del bambino che dia luogo a ricovero ospedaliero interrompe, a richiesta del genitore, il decorso delle ferie in godimento in ogni caso se il minore ha età inferiore a tre anni, per cinque giorni lavorativi se ha età superiore e fino agli otto anni. Il congedo spetta al genitore richiedente anche qualora l'altro genitore non ne abbia diritto. I periodi di congedo per la malattia del figlio sono computati nell'anzianita' di servizio, esclusi gli effetti relativi alle ferie e alla tredicesima mensilita' o alla gratifica natalizia. Il rifiuto, l'opposizione o l'ostacolo all'esercizio dei diritti di assenza dal lavoro di cui al presente Capo sono puniti con la sanzione amministrativa da lire un milione a lire cinque milioni. DIVIETO DI LICENZIAMENTO Il divieto di licenziamento per le madri adottive si applica fino ad un anno dall'ingresso del minore nel nucleo familiare. In caso di adozione internazionale, il divieto opera già dal momento della comunicazione della proposta di incontro con il minore adottando, ai sensi dell'articolo 31, terzo comma, lettera d), della legge 4 maggio 1983, n. 184, e successive modificazioni, ovvero della comunicazione dell'invito a recarsi all'estero per ricevere la proposta di abbinamento. In tale periodo il licenziamento è possibile solo nel caso: di colpa grave da parte della lavoratrice, costituente giusta causa per la risoluzione del rapporto di lavoro, di cessazione dell'attivita' dell'azienda,di ultimazione della prestazione per la quale la lavoratrice e' stata assunta o di risoluzione del rapporto di lavoro per la scadenza del termine, di esito negativo della prova. Resta ferma la nullità dei licenziamenti comminati in violazione del divieto di discriminazione 3. Durante il periodo nel quale opera il divieto di licenziamento, la lavoratrice non puo' essere sospesa dal lavoro, salvo il caso che sia sospesa l'attivita' dell'azienda o del reparto cui essa e' addetta, sempreche' il reparto stesso abbia autonomia funzionale. E' ' nullo anche il licenziamento causato dalla domanda o dalla fruizione del congedo parentale e per la malattia del bambino da parte della lavoratrice o del lavoratore. 3 Si veda la legge 10 aprile 1991, n

8 In caso di fruizione del congedo di paternità, il divieto di licenziamento si applica anche al padre lavoratore per la durata del congedo stesso. DIMISSIONI La risoluzione consensuale del rapporto o la richiesta di dimissioni presentate dalla lavoratrice o dal lavoratore nei primi tre anni decorrenti dalle comunicazioni della proposta di incontro con il minore adottando, ai sensi dell'articolo 31, terzo comma, lettera d), della legge 4 maggio 1983, n. 184, e successive modificazioni, ovvero della comunicazione dell'invito a recarsi all'estero per ricevere la proposta di abbinamento devono essere convalidate dal servizio ispettivo del Ministero del lavoro e delle politiche sociali competente per territorio. A detta convalida è sospensivamente condizionata l'efficacia della risoluzione del rapporto di lavoro. Si segnalano inoltre alcune decisioni relative a specifici punti degni di interesse: DIRITTO AL RIENTRO Corte appello Torino, sez. lav., 02/08/2010, n. 666 il rifiuto della lavoratrice madre, che al termine del periodo di congedo per maternità è stata adibita ad una mansione inferiore, a rendere la propria prestazione lavorativa di fronte alla violazione del datore di lavoro dell'art. 56 d.lg. n. 151 del 2001, è giustificabile di fronte al comportamento scorretto del datore di lavoro. LIBERI PROFESSIONISTI Cassazione civile, sez. lav., 15/01/2013, n. 809 L'indennità di maternità per le libere professioniste, disciplinata dagli art. 70 e 72 del d.lg. n. 151 del 2001, risponde all'interesse di inserimento della prole adottiva, adeguatamente tutelato mediante l'attribuzione del beneficio ad uno soltanto dei genitori, sicché, per effetto della sentenza della Corte cost. n. 385 del 2005, che ne ha esteso il godimento al padre, vige un principio di alternatività e fungibilità tra i genitori adottivi, nel senso che la percezione dell'indennità da parte dell'uno esclude il diritto dell'altro, anche se - come nella specie - un genitore è libero professionista e l'altro lavoratore dipendente. Cassazione civile, sez. lav., 19/07/2012, n Il criterio di determinazione dell'indennità di maternità spettante alle libere professioniste, che, a norma del comma 2 dell'art. 1 l. 379/1990 (oggi trasfuso nell'art. 70 d.lg. 151/2001), è basato sul riferimento al reddito percepito e denunciato ai fini fiscali dalla libera professionista nel secondo anno precedente quello della domanda, trova applicazione, anche dopo l'entrata in vigore della l. 289/2003, a prescindere dalla forma in cui in concreto sia esercitata l'attività professionale e anche quando il reddito conseguito abbia natura mista, professionale e di impresa, come si verifica per la farmacista titolare di farmacia. LICENZIAMENTO Cassazione civile, sez. lav., 02/10/2012, n E' lecito il licenziamento della lavoratrice che esercita la facoltà di assentarsi dal lavoro per il periodo di astensione facoltativa e non informa il datore di lavoro. 8

9 Cassazione civile, sez. lav., 13/02/2012, n In tema di impugnazione del licenziamento, chi si ritiene discriminato deve fornire fatti dai quali possa presumersi la denunciata discriminazione. Il divieto di licenziamento in connessione con lo stato oggettivo di gravidanza non opera, ai sensi dell'art. 54 d.lg. n del 2001, in caso di esito negativo della prova. (Nel caso di specie la dipendente, sulla quale incombeva il relativo onere, non aveva fornito elementi di fatto idonei a fondare, in termini precisi e concordanti, la presunzione di discriminazione non essendo risultata dimostrata l'assunta conoscenza da parte del datore di lavoro, alla data del licenziamento, dello stato di gravidanza, il prospettato superamento della prova e l'allegata esiguità del periodo di prova). Tribunale Pavia, 28/04/2011 La sopravvenuta gravidanza della lavoratrice assunta in sostituzione di altro dipendente assente per ferie non costituisce valido motivo per la risoluzione "ante tempus" del contratto di lavoro a termine, neppure se le mansioni per le quali la sostituta è stato assunta sono incompatibili con lo stato di gravidanza, posto che tale eventualità non è ricompresa nell'elenco tassativo delle cause di legittima risoluzione del rapporto durante la maternità ex art. 54 d.lg. 26 marzo 2001 n PADRE LA VORATORE Cassazione civile, sez. lav., 11/07/2012, n In tema di dimissioni del lavoratore padre, l'estensione delle tutele previste per il caso di licenziamento in periodo di fruizione del congedo e fino al compimento di un anno di età del bambino anche al padre lavoratore, per il caso di dimissione volontarie presentate durante il periodo di divieto di licenziamento, è condizionata alla fruizione del congedo di paternità, in quanto altrimenti il datore di lavoro, che normalmente non conosce la situazione familiare del dipendente se non a seguito della fruizione del congedo, non potrebbe, in contrasto con il principio della certezza dei rapporti giuridici, accettare le dimissioni del lavoratore senza cautelativamente disporne la convalida dinanzi al Servizio ispettivo del Ministero del lavoro. Quindi Cassazione civile, sez. lav., 11/07/2012, n La richiesta di dimissioni presentata dal padre lavoratore durante il primo anno di vita del bambino va convalidata dal servizio ispettivo del Ministero del lavoro competente, pena l'inefficacia delle dimissioni, soltanto allorquando il lavoratore abbia fruito di congedo di paternità. LAVORATRICI DELLA SCUOLA Cassazione civile, sez. lav., 22/07/2010, n In materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, le disposizioni in tema di congedi parentali dettate per il personale del comparto scuola nel relativo c.c.n.l., fatte salve, quali condizioni di maggior favore, dal comma 2 dell'art. 1 d.lg. n. 151/2001, vanno interpretate nel senso che sono dirette a tutto il personale dipendente, senza distinzione alcuna tra personale a tempo indeterminato e personale a tempo determinato. 9

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Il Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 è il Testo Unico che ha riunito e riordinato le leggi in

Dettagli

I permessi per i genitori

I permessi per i genitori I permessi per i genitori Questa materia in questione é regolata dalla legge e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria e dell'artigianato

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna)

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) MATERNITÀ E CONGEDI A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) Astensione Obbligatoria o Congedo di Maternità La tutela accordata dalla legge alle lavoratrici madri

Dettagli

- L ILLUSTRAZIONE DELLE NOVITA

- L ILLUSTRAZIONE DELLE NOVITA LE MODIFICHE NORMATIVE INTRODOTTE DAL DECRETO LEGISLATIVO 15 GIUGNO 2015 N. 80, RECANTE MISURE PER LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO, IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, COMMI 8 E

Dettagli

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per Congedo di maternità Estensione del divieto, interruzione della gravidanza, flessibilità del congedo di maternità, documentazione, trattamento economico e normativo, mobilità, prolungamento del diritto

Dettagli

Dimissione lavoratrice madre e indennità di disoccupazione

Dimissione lavoratrice madre e indennità di disoccupazione N. 75 del 12.02.2013 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Dimissione lavoratrice madre e indennità di disoccupazione La Direzione Generale per l'attività Ispettiva

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 26 MARZO 2001, N. 151 E SUCCESSIVE MODIFICHE (DE- CRETO LEGISLATIVO 23 APRILE 2003, N.

DECRETO LEGISLATIVO 26 MARZO 2001, N. 151 E SUCCESSIVE MODIFICHE (DE- CRETO LEGISLATIVO 23 APRILE 2003, N. DECRETO LEGISLATIVO 26 MARZO 2001, N. 151 E SUCCESSIVE MODIFICHE (DE- CRETO LEGISLATIVO 23 APRILE 2003, N.115) - TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE IN MATERIA DI TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA'

Dettagli

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica MATERNITA E PATERNITA Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica LEGGI e CIRCOLARI D.lgs. 151/2001 http://www.slp-cisl.it/elementi/testo%20unico%20maternità%20e%20paternità.pdf

Dettagli

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA 400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Le norme in materia sono contenute nel d. lgs. 151/2001 e, per ciò che riguarda le disposizioni relative ai minori in adozione o affidamento, sono state introdotte

Dettagli

LA TUTELA DELLA MATERNITÀ E DELLA PATERNITÀ

LA TUTELA DELLA MATERNITÀ E DELLA PATERNITÀ LA TUTELA DELLA MATERNITÀ E DELLA PATERNITÀ EDIZIONE 2013 FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI COORDINAMENTO DONNE INDICE PARTE GENERALE Definizioni... 3 Divieto di discriminazione... 4 Divieto di licenziamento...

Dettagli

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7 SOMMARIO Sommario Presentazione Congedo di maternità Congedo di paternità Congedi parentali Riposi giornalieri Congedi per malattia del bambino Tutela del lavoratore in caso di lavoro notturno 2 3 4 4

Dettagli

SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI

SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI Banca Fideuram S.p.A. SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI Il documento è stato realizzato in collaborazione con la Fisac Cgil di Banca Fideuram 1 CONGEDO DI MATERNITÀ/PATERNITÀ:

Dettagli

CONTRATTO DI APPRENDISTATO CONTRATTO DI INSERIMENTO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO DI APPRENDISTATO CONTRATTO DI INSERIMENTO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO DI APPRENDISTATO CONTRATTO DI INSERIMENTO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO NOTA: In linea di principio sono applicabili integralmente le norme del Testo Unico (D.Legs. 151/2001) su maternità e paternità

Dettagli

GUIDA RAPIDA DELLE NORME DI TUTELA DELLA MATERNITA E PATERNITA DEI MEDICI. MADRE e PADRE LAVORATORI DIPENDENTI

GUIDA RAPIDA DELLE NORME DI TUTELA DELLA MATERNITA E PATERNITA DEI MEDICI. MADRE e PADRE LAVORATORI DIPENDENTI GUIDA RAPIDA DELLE NORME DI TUTELA DELLA MATERNITA E PATERNITA DEI MEDICI 2007 Si riporta una breve traccia sui diritti della donna lavoratrice in caso di gravidanza e maternità (e dei conseguenti diritti

Dettagli

Guida ai congedi parentali 2011 www.fp.cisl.it

Guida ai congedi parentali 2011 www.fp.cisl.it www.fp.cisl.it Guida ai congedi parentali 2011 Parlare di congedi parentali significa affrontare un tema che rappresenta il futuro di tutta la società, della sua capacità di riprodursi e di evolversi.

Dettagli

- I PRIMI SETTE MESI 6 - PRIMA DEL PARTO 12 - DOPO IL PARTO 16 - FINO AL 1 COMPLEANNO 19 - CONGEDO PARENTALE 23

- I PRIMI SETTE MESI 6 - PRIMA DEL PARTO 12 - DOPO IL PARTO 16 - FINO AL 1 COMPLEANNO 19 - CONGEDO PARENTALE 23 Indice Premessa pag. 3 In attesa di un bambino - I PRIMI SETTE MESI 6 - PRIMA DEL PARTO 12 E nato un bambino - DOPO IL PARTO 16 - FINO AL 1 COMPLEANNO 19 - CONGEDO PARENTALE 23 Arriva un bambino: adozione

Dettagli

Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151

Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 Autonome Provinz Bozen - Südtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige Dipartimento lavoro, scuola e formazione professionale in lingua italiana Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 Testo unico

Dettagli

I CONGEDI PARENTALI NEL PUBBLICO IMPIEGO

I CONGEDI PARENTALI NEL PUBBLICO IMPIEGO I CONGEDI PARENTALI NEL PUBBLICO IMPIEGO I congedi parentali nel pubblico impiego Si chiama giacimento di Pil potenziale la quota di crescita aggiuntiva che il nostro Paese potrebbe esprimere sfruttando

Dettagli

Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151

Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell'articolo 15 della legge 8 marzo 2000,

Dettagli

FAQ - Congedo maternità

FAQ - Congedo maternità FAQ - Congedo maternità 1 - Congedo di Maternità: Sono concessi permessi per visite mediche durante la gravidanza? Per gli accertamenti clinici, le visite mediche specialistiche o gli esami prenatali effettuati

Dettagli

CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO

CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO di avvocato Erika Lievore 1 CONGEDO di MATERNITA (EX ASTENSIONE OBBLIGATORIA) DURATA ASTENSIONE OBBLIGATORIA DAL LAVORO: 5 MESI (2 MESI PRECEDENTI E 3 MESI SUCCESSIVI

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 78 15.04.2014 Licenziamento individuale: il punto dei CdL I CdL riepilogano le norme contenuti nell art. 18 dello Statuto dei

Dettagli

Il Testo Unico sulla maternità

Il Testo Unico sulla maternità Il Testo Unico sulla maternità Il Consiglio dei Ministri ha emanato il Decreto legislativo che coordina tutte le leggi stratificatesi negli anni riguardanti la maternità e paternità. Un Testo Unico per

Dettagli

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Prevenzione e promozione della sicurezza Tutela della maternità e della paternità 1 LA TUTELA DELLA MATERNITA

Dettagli

Mamme e papà al lavoro guida pratica ai diritti e ai congedi parentali nel pubblico impiego

Mamme e papà al lavoro guida pratica ai diritti e ai congedi parentali nel pubblico impiego Pubblicamente Suppl. n. 2 al n. 1/2007 di Pubblicamente - Periodico della Fp Cgil Fvg Registrazione Tribunale di Trieste n. 1116 del 29/7/2005 Direttore responsabile: Riccardo De Toma. Stampa: Compeditoriale

Dettagli

BLOCK NOTES CONGEDI PARENTALI SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT. Maggio 2010

BLOCK NOTES CONGEDI PARENTALI SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT. Maggio 2010 BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT 5 CONGEDI PARENTALI Maggio 2010 Indice 01. Premessa Pag. 2 02. La norma giuridica di riferimento Pag. 2 03. Il congedo

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità 1 GUIDA AI CONGEDI PER LA CONCILIAZIONE Questo testo riscritto dal Comitato Unico di garanzia della Provincia di Varese raccoglie le principali informazioni utili per orientarsi nell ambito dei congedi

Dettagli

Il congedo parentale (astensione facoltativa)

Il congedo parentale (astensione facoltativa) Il congedo parentale (astensione facoltativa) Il congedo parentale (ex facoltativa) spetta per ogni bambino/a, ad entrambi i genitori, anche congiuntamente: fino al compimento di 8 anni di età del bambino

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 17 Gennaio 2003 Circolare n. 8 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Dettagli

Silvia Dipartimento Politiche Sociali e della Salute

Silvia Dipartimento Politiche Sociali e della Salute I TEMPI DI CONCILIAZIONE VITA-LAVORO ALLA LUCE DELLE RECENTI RIFORME T.V.B.FAMIGLIA Cisl MBL 25 giugno 2015 Silvia Dipartimento Politiche Sociali e della Salute 1 ALCUNI DATI NAZIONALI INTERESSANTI Negli

Dettagli

Normativa contrattuale relativa a ferie e permessi.

Normativa contrattuale relativa a ferie e permessi. Elenco dei tipi di assenza previsti dal contratto Enti Locali: Permesso per matrimonio Controlli prenatali. Congedo di maternità. Interdizione anticipata dal lavoro per maternità. Congedo di paternità.

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

(1). IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

(1). IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 80 (1). Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (1) Pubblicato

Dettagli

MATERNITÀ E CONGEDI PARENTALI

MATERNITÀ E CONGEDI PARENTALI MATERNITÀ E CONGEDI PARENTALI MATERNITÀ E CONGEDI PARENTALI MATERNITÀ E CONGEDI PARENTALI Il tema dei congedi parentali e delle assenze dal lavoro è oggetto, attualmente, di un tavolo di contrattazione

Dettagli

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142)

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) FERIE... 2 FESTIVITÀ... 2 PERMESSI... 2 PERMESSI BREVI... 2 PERMESSI PER FORMAZIONE... 3 PERMESSI PER

Dettagli

Legge 30 dicembre 1971, n. 1204 (in Gazz. Uff., 18 gennaio 1972, n. 14).

Legge 30 dicembre 1971, n. 1204 (in Gazz. Uff., 18 gennaio 1972, n. 14). 1 di 16 data di stampa: 12/10/2010 15:17:17 Legge 30 dicembre 1971, n. 1204 (in Gazz. Uff., 18 gennaio 1972, n. 14). Tutela delle lavoratrici madri (1) (2). (1) Vedi, anche, l. 9 dicembre 1977, n. 903;

Dettagli

ART. 26 - MALATTIA E INFORTUNIO NON SUL LAVORO (diventerà art. 32)

ART. 26 - MALATTIA E INFORTUNIO NON SUL LAVORO (diventerà art. 32) ART. 26 - MALATTIA E INFORTUNIO NON SUL LAVORO (diventerà art. 32) 1. Il lavoratore malato deve avvertire di norma l azienda prima dell inizio del suo orario di lavoro e comunque entro il primo giorno

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASPETTATIVA PER ACCUDIRE AL FIGLIO QUESITI (posti in data 28 ottobre 2009) 1) È possibile chiedere all'azienda un periodo di aspettativa senza assegni per accudire al figlio dell età di tre anni?

Dettagli

"Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro" La discriminazione di cui al comma precedente è vietata anche se attuata:

Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro La discriminazione di cui al comma precedente è vietata anche se attuata: /HJJHQGHOGLFHPEUH "Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro" E' vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l'accesso al lavoro indipendentemente dalle

Dettagli

Direzione Centrale Sviluppo e Gestione risorse umane

Direzione Centrale Sviluppo e Gestione risorse umane Direzione Centrale Sviluppo e Gestione risorse umane Roma, 29 Luglio 2002 Circolare n. 139 Allegati 6 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Dettagli

L. 9 dicembre 1977, n. 903. Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro

L. 9 dicembre 1977, n. 903. Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro L. 9 dicembre 1977, n. 903 Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Art. 1. E' vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l'accesso al lavoro indipendentemente

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GESTIONE DEL PERSONALE Orario di lavoro Disciplina legale R.D.L. 15 marzo 1923, n. 692 L. 17 aprile 1925, n. 473 L. 30 ottobre 1955, n. 1079 L. 24 giugno 1992, n. 196 (art.13)

Dettagli

DIVENTARE GENITORI: I DIRITTI DI MAMMA E PAPÀ

DIVENTARE GENITORI: I DIRITTI DI MAMMA E PAPÀ DIVENTARE GENITORI: I DIRITTI DI MAMMA E PAPÀ La tutela della genitorialità dai principi costituzionali alle più recenti norme in tema di flessibilità e conciliazione tra lavoro e famiglia IL QUADRO NORMATIVO

Dettagli

Università degli Studi di Padova

Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Padova Facoltà di Scienze Statistiche Corso di Laurea Specialistica in Scienze Statistiche Economiche Finanziarie ed Aziendali Tesi di Laurea Congedi di maternità e congedi parentali

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

Maternità e Paternità nel LAVORO DIPENDENTE

Maternità e Paternità nel LAVORO DIPENDENTE 1. Maternità e Paternità nel LAVORO DIPENDENTE 1.1 Normativa e beneficiari La normativa: Il D.lgs 26 marzo 2001, n. 151, Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e di sostegno della

Dettagli

Lo statuto dei lavoratori (Legge 20.05.1970 n 300, G.U. 27.05.1970)

Lo statuto dei lavoratori (Legge 20.05.1970 n 300, G.U. 27.05.1970) Modulo 2 > DOCUMENTI 2 Lo statuto dei lavoratori (Legge 20.05.1970 n 300, G.U. 27.05.1970) TITOLO I Della libertà e dignità del lavoratore Art. 1. Libertà di opinione. I lavoratori, senza distinzione di

Dettagli

Per l'anno 2007 l importo minimo lordo è 4.308,20 lordi, mentre quello massimo è di 21.541,00 euro

Per l'anno 2007 l importo minimo lordo è 4.308,20 lordi, mentre quello massimo è di 21.541,00 euro E.N.P.A.M. Indennita di maternita, adozione, affidamento e aborto per le iscritte agli albi dei medici chirughi e odontoiatri, libere professioniste o convenzionate La base del calcolo per l indennità

Dettagli

OGGETTO ASPETTATIVA PER MOTIVI FAMILIARI E CONGEDO DI MATERNITÀ

OGGETTO ASPETTATIVA PER MOTIVI FAMILIARI E CONGEDO DI MATERNITÀ 1 OGGETTO ASPETTATIVA PER MOTIVI FAMILIARI E CONGEDO DI MATERNITÀ QUESITI (posti in data 18 ottobre 2013) Sono un dirigente medico a tempo indeterminato in aspettativa non retribuita per motivi familiari

Dettagli

I diritti e le tutele

I diritti e le tutele I diritti e le tutele Leggi e contratto per chi lavora nell università L e leggi e i contratti collettivi hanno sancito per i lavoratori dipendenti una serie di diritti e di tutele per i tanti casi della

Dettagli

2. Maternità e Paternità nel

2. Maternità e Paternità nel 2. Maternità e Paternità nel LAVORO AUTONOMO, PROFESSIONALE, PARASUBORDINATO 2.1 Lavoro autonomo La normativa: La tutela della maternità nell ambito del lavoro autonomo ha trovato il primo riconoscimento

Dettagli

CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER IL CONIUGE E I FIGLI CON GRAVE HANDICAP

CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER IL CONIUGE E I FIGLI CON GRAVE HANDICAP CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER IL CONIUGE E I FIGLI CON GRAVE HANDICAP Legge Legge n. n. 388/00, 388/00, art. art. 80, 80, c. c. 2 D.lgs D.lgs n. n. 151/01, 151/01, art. art. 42, 42, c. c. 5 Legge Legge

Dettagli

Legge 30 dicembre 1971, n. 1204 (in GU 18 gennaio 1972, n. 14)

Legge 30 dicembre 1971, n. 1204 (in GU 18 gennaio 1972, n. 14) Legge 30 dicembre 1971, n. 1204 (in GU 18 gennaio 1972, n. 14) Nota bene: testo aggiornato con le modifiche apportate dalla legge 8 marzo 2000, n. 53 Tutela delle lavoratrici madri TITOLO I - Norme protettive............

Dettagli

Indice... 1 Introduzione... 3 Per le mamme... 4

Indice... 1 Introduzione... 3 Per le mamme... 4 Indice Indice... 1 Introduzione... 3 Per le mamme... 4 Congedo di maternita... 4 Anticipazione del congedo di maternità... 4 Prolungamento del congedo di maternità... 5 Flessibilità del congedo di maternità...

Dettagli

Guida pratica. A cura della Segreteria di Gruppo. Maternità e PATERNITA. I tuoi diritti all arrivo di un nuovo figlio, naturale o adottivo

Guida pratica. A cura della Segreteria di Gruppo. Maternità e PATERNITA. I tuoi diritti all arrivo di un nuovo figlio, naturale o adottivo Guida pratica A cura della Segreteria di Gruppo Maternità e PATERNITA I tuoi diritti all arrivo di un nuovo figlio, naturale o adottivo SOMMARIO GESTANTI: PERMESSI E DIRITTI... 4 Quando va comunicato lo

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Disposizioni applicative della legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare 12 dicembre 2001, n.

Sostegno della maternità e della paternità - Disposizioni applicative della legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare 12 dicembre 2001, n. Sostegno della maternità e della paternità - Disposizioni applicative della legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare 12 dicembre 2001, n. 356816018 del Min. Giustizia, Dip. Amm. Pen.) Sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

I diritti e le tutele

I diritti e le tutele I diritti e le tutele per chi lavora nell università L e leggi e i contratti collettivi hanno sancito per i lavoratori dipendenti una serie di diritti e di tutele per i tanti casi della vita in cui altre

Dettagli

LA CONFSAL A PALAZZO CHIGI

LA CONFSAL A PALAZZO CHIGI Sindacato Nazionale Autonomo UNSA Beni Culturali Segreteria Nazionale Via del Collegio Romano, 27-00186 Roma c/o Ministero per i Beni e le Attività Culturali Tel. 06 6723 2348/2889 Fax. 06 6785 552 - unsasnabca@libero.it

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Allegato 1 LETTERA CIRCOLARE Roma, 1 dicembre 2004 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L'ATTIVITA ISPETTIVA Ai Direttori delle Direzioni Regionali del Lavoro LORO SEDI

Dettagli

Adozione eaffidamento

Adozione eaffidamento Adozione eaffidamento In materia di adozione e affidamento è necessario illustrare separatamente il caso dell adozione internazionale rispetto al caso dell adozione nazionale, sebbene dal punto di vista

Dettagli

La maternità, l adozione, l affidamento e l aborto:

La maternità, l adozione, l affidamento e l aborto: La maternità, l adozione, l affidamento e l aborto: tutela del medico chirurgo ed odontoiatra donna ENPAM INPS- EX-INPDAP L attività lavorativa dei medici e degli odontoiatri dà luogo a rapporti giuridici

Dettagli

Entrambi sonon entrati in vigore il 25 giugno 2015. Di seguito si segnalano le principali novità.

Entrambi sonon entrati in vigore il 25 giugno 2015. Di seguito si segnalano le principali novità. JOBS ACT - PUBBLICAZIONE IN GU DEI DECRETI LEGISLATIVI IN MATERIA DI "RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E DISCIPLINA DELLE MANSIONI " E "CONCILIAZIONE VITA LAVORO" Sono stati pubblicati nella Gazzetta

Dettagli

UILCA GRUPPO MPS FOCUS

UILCA GRUPPO MPS FOCUS UILCA GRUPPO MPS FOCUS A N N O I I N U M E R O I V S E T - D I C 2 0 1 2 In questo numero parliamo di... S O M M A R I O : MALATTIA E MATERNITÀ... Carissime Iscritte, Carissimi Iscritti, in pillole questo

Dettagli

Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere. Roma 07/07/15 Prot. n. 80

Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere. Roma 07/07/15 Prot. n. 80 Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85563268 Internet : http: //www.inca.it E-mail : politiche-previdenziali@inca.it

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA / AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA Pagina 1 di 29 Premessa L Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata Verona, si impegna a garantire la più ampia salvaguardia della salute della madre e del

Dettagli

OGGETTO PREAVVISO IN CASO DI RAPPORTO A TEMPO DETERMINATO

OGGETTO PREAVVISO IN CASO DI RAPPORTO A TEMPO DETERMINATO OGGETTO PREAVVISO IN CASO DI RAPPORTO A TEMPO DETERMINATO QUESITO (posto in data 17 marzo 2010) Quali sono i termini del preavviso da dare all azienda in un rapporto di lavoro a tempo determinato della

Dettagli

Il congedo di maternità. Premessa

Il congedo di maternità. Premessa Collana: Le Guide Inps Direttore: Annalisa Guidotti Capo Redattore: Iride Di Palma Testi: Daniela Cerrocchi, Clara Pia Claudiani, Elena Fenzi Progetto grafico: Peliti Associati Impaginazione: Valeria Valdiserri

Dettagli

LA MATERNITÀ. Cover Mater.qxd 26-05-2006 10:36 Pagina 2. Le Guide Inps

LA MATERNITÀ. Cover Mater.qxd 26-05-2006 10:36 Pagina 2. Le Guide Inps Cover Mater.qxd 26-05-2006 10:36 Pagina 2 LA MATERNITÀ Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Clara Pia Claudiani Elena Fenzi Daniela Cerrocchi Progetto grafico Peliti

Dettagli

Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro

Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Art. 1 1. E vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda

Dettagli

DIVIETO DI LICENZIAMENTO:

DIVIETO DI LICENZIAMENTO: SCHEDA SINTETICA Legge 8 marzo 2000, n. 53 "Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città" Decreto

Dettagli

"Tutela delle lavoratrici madri"(pubblicata nella Gazz. Uff. 18 gennaio 1972, n. 14)

Tutela delle lavoratrici madri(pubblicata nella Gazz. Uff. 18 gennaio 1972, n. 14) Legge 30 dicembre 1971, n. 1204 "Tutela delle lavoratrici madri"(pubblicata nella Gazz. Uff. 18 gennaio 1972, n. 14) Nota bene: testo aggiornato con le modifiche apportate dalla legge 8 marzo 2000, n.

Dettagli

Il provvedimento legislativo innanzi tutto contiene una nuova disciplina in materia di assenze per malattia.

Il provvedimento legislativo innanzi tutto contiene una nuova disciplina in materia di assenze per malattia. PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SERVIZIO TRATTAMENTO PERSONALE Alle Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Legge n.53-2000. (Pubblicata nella Gazzetta Ordinaria del 13 marzo 2000, n. 60)

Legge n.53-2000. (Pubblicata nella Gazzetta Ordinaria del 13 marzo 2000, n. 60) /HJJHQGHOPDU]R "Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città" (Pubblicata nella Gazzetta Ordinaria

Dettagli

Disposizioni a tutela e sostegno della maternità e della paternità dei genitori lavoratori

Disposizioni a tutela e sostegno della maternità e della paternità dei genitori lavoratori 02 isposizioni a tutela e sostegno della maternità e della paternità dei genitori lavoratori Introduzione Se il d.lgs.626/94 si occupa di regolare la tutela della salute e la sicurezza dei lavoratori e

Dettagli

Disciplina e gestione delle ferie

Disciplina e gestione delle ferie Circolare N. 125/UCP Disciplina e gestione delle ferie Roma, 28 marzo 2012 PREMESSA A seguito dell adesione dell ENEA al CCNL del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione (di

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO (1 ORA SE LA DURATA DELL ORARIO GIORNALIERO DI LAVORO È INFERIORE A SEI ORE) I genitori, alternativamente, di un minore al quale

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PAGAMENTO DELLE FERIE NON GODUTE QUESITO (posto in data 7 dicembre 2013) Sono il Direttore della struttura complessa Rischio Clinico di un Ospedale, a fine gennaio andrò in pensione per raggiunti

Dettagli

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 La legge riconosce ai lavoratori disabili e ai loro familiari il diritto di fruire, in presenza di determinate condizioni, di permessi retribuiti o di congedi

Dettagli

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico di Silvia Maria Cinquemani A) A FAVORE DEI BAMBINI 1.RICONOSCIMENTO DI INVALIDITÀ

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO. Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO.

PROVINCIA DI LIVORNO. Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO. PROVINCIA DI LIVORNO CIRCOLARE N. 1/2014 Ai Dirigenti Ai dipendenti Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO. Alla luce delle modifiche intercorse a seguito

Dettagli

nuova serie 12 LA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DELLE LAVORATRICI MADRI LINEE GUIDA Applicazione del D.Lgs. n. 151/ 2001

nuova serie 12 LA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DELLE LAVORATRICI MADRI LINEE GUIDA Applicazione del D.Lgs. n. 151/ 2001 nuova serie 12 LA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DELLE LAVORATRICI MADRI LINEE GUIDA Applicazione del D.Lgs. n. 151/ 2001 Atti a cura Regione Toscana Giunta regionale Dipartimento del diritto alla salute

Dettagli

- 12.09. 2008, 23572 - - - P.M. - S. G. - INPS

- 12.09. 2008, 23572 - - - P.M. - S. G. - INPS Prestazioni - Assicurazione contro la disoccupazione - In Genere - Piani di inserimento professionale dei giovani privi di occupazione (PIP) - Cumulo tra indennità oraria di cui all'art. 15 del d.l. n.

Dettagli

CCNL PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA ALIMENTARE. Data di stipulazione 6 maggio 2004 CCNL DIPENDENTI DEI CONSORZI AGRARI. Data di stipulazione

CCNL PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA ALIMENTARE. Data di stipulazione 6 maggio 2004 CCNL DIPENDENTI DEI CONSORZI AGRARI. Data di stipulazione CCNL PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA ALIMENTARE 6 maggio 2004 CCNL DIPENDENTI DEI CONSORZI AGRARI Art. 34 Artt. 27 e 37 CONGEDI PARENTALI / PER MOTIVI FAMILIARI / PERMESSI VARI In caso di matrimonio avente effetti

Dettagli

Scheda su monetizzazione ferie non godute

Scheda su monetizzazione ferie non godute Scheda su monetizzazione ferie non godute Per il personale docente le ferie devono essere fruite durante i periodi di sospensione delle attività didattiche (ovvero dal 30 giugno al 31 agosto). Così prevedeva

Dettagli

DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009

DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009 DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009 ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO CCNL 94 97 ART. 33 Cause di cessazione del rapporto

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, a norma dell'articolo 1, comma 7, della legge 10 dicembre 2014, n.

Dettagli

OBBLIGAZIONI DEL CONTRATTO DI LAVORO SUBORDINATO

OBBLIGAZIONI DEL CONTRATTO DI LAVORO SUBORDINATO OBBLIGAZIONI DEL CONTRATTO DI LAVORO SUBORDINATO 27 febbraio 2015 Prof. Francesco Rotondi Avv. Sara Tiraboschi LA RETRIBUZIONE Art. 36 Cost. Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma L art. 2, commi 452 456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244(Finanziaria 2008),

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

LAVORATORI PARASUBORDINATI

LAVORATORI PARASUBORDINATI LAVORATORI PARASUBORDINATI 1.1 INDENNITÀ UNA TANTUM A FINE CONTRATTO Anche per il 2013 è stata prevista una indennità una tantum. Per quanti termineranno il contratto nel 2013, i requisiti per l accesso

Dettagli

Il presente lavoro vuole essere un utile strumento

Il presente lavoro vuole essere un utile strumento attualità Diritti e doveri per gli infermieri dipendenti di strutture pubbliche e private Maurizio Neri, Consigliere Collegio IPASVI MI-LO Direttore Editoriale Il presente lavoro vuole essere un utile

Dettagli

GENITORI E FIGLI. guida ai diritti delle lavoratrici e dei lavoratori MATERNITÀ PATERNITÀ CONGEDI PARENTALI PERMESSI ASSEGNI FAMILIARI

GENITORI E FIGLI. guida ai diritti delle lavoratrici e dei lavoratori MATERNITÀ PATERNITÀ CONGEDI PARENTALI PERMESSI ASSEGNI FAMILIARI FVG Sistema dei servizi GENITORI E FIGLI MATERNITÀ PATERNITÀ CONGEDI PARENTALI PERMESSI ASSEGNI FAMILIARI guida ai diritti delle lavoratrici e dei lavoratori Edizioni Cronaca Fvg s.a.s. GENITORI E FIGLI

Dettagli