Diffusione dell aria nei musei

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diffusione dell aria nei musei"

Transcript

1 L AggiornamentoMonografico diffusione aria Diffusione dell aria nei musei I più recenti progetti internazionali in campo museale, firmati dalle gradi star dell architettura, vedono l impiego di due soluzioni contrapposte per la diffusione dell aria: dall alto e dal basso. In entrambi i casi con ottimi risultati dal punto di vista estetico e funzionale. Per gli ambienti espositivi gli impianti per il controllo delle condizioni microclimatiche rappresentano un componente fondamentale, data la necessità di una perfetta conservazione di opere d arte di grande valore associata al crescente interesse per l arte e la cultura e la conseguente notevole affluenza da parte del pubblico a collezioni permanenti e a mostre temporanee. Gli impianti di per i musei devono garantire un controllo costante dei parametri climatici ambientali durante tutto l anno. Una delle principali ragioni che impongono l adozione di tali impianti, in particolare per gli spazi destinati alle mostre temporanee, è costituita dai vincoli che governano i prestiti delle opere d arte imposti da musei dotati di impianti di. Le opere temporaneamente fuori sede devono infatti essere conservate in condizioni ambientali possibilmente identiche a quelle del museo d origine in modo da evitare shock termici che risulterebbero assai dannosi. Le condizioni di temperatura ed umidità ideali per le collezioni museali non rientrano di solito nella zona del benessere per le persone. È necessario pertanto adottare gli opportuni compromessi, garantendo nel contempo il contenimento dei costi iniziali ed operativi. di Luca Stefanutti Tipologie impiantistiche Uno degli elementi che influenzano l impostazione del progetto dell impianto è la configurazione del percorso di visita, che può essere fisso o variabile in funzione delle dimensioni e del tipo di esposizioni e di allestimento. Il progetto dell impianto deve quindi tener conto delle esigenze di flessibilità funzionale, con possibilità di utilizzo parziale delle sale 58

2 CONDIZIONI DI PROGETTO Per la progettazione dell impianto di è necessario ricevere innanzitutto informazioni dettagliate dalla direzione del museo sulla disposizione permanente o temporanea delle opere nelle varie sale e sulle condizioni termoigrometriche più appropriate da mantenere in ogni ambiente. Il criterio fondamentale di progettazione consiste nel mantenimento di condizioni termoigrometriche variabili da zona a zona ma il più possibile costanti 24 ore al giorno nel corso di tutto l anno, indipendentemente dalla variazioni climatiche esterne e dei carichi interni. I beni conservati si possono adattare infatti anche a condizioni non ottimali, ma non tollerano variazioni brusche dei parametri climatici. La tabella 1 riassume i dati tecnici di riferimento per la progettazione. Tab. 1 - Condizioni di progetto per ambienti museali. Temperatura tra 20 C e 22 C Umidità relativa 50% +/- 5% Velocità dell aria Aria di rinnovo Filtrazione espositive, e delle rapide variazioni dei carichi termici, interni ed esterni, all interno di una stessa sala durante le varie ore del giorno come pure tra una sala e l altra. Gli impianti più adatti sono quelli a tutta aria in quanto è consigliabile evitare la presenza nelle aree espositive e nei depositi di tubazioni d acqua che comportano il rischio di danneggiamento delle opere d arte in caso di rottura. In base alla struttura e alla suddivisione degli spazi espositivi possono essere adottati impianti a portata costante a zona singola o multizone, oppure a portata variabile con cassette VAV a servizio di ogni zona, eventualmente dotate di batterie di post. Queste ultime devono essere di tipo elettrico nelle sale espositive e nei depositi, mentre possono essere ad acqua calda negli altri locali. Una tipologia assai diffusa prevede il trattamento separato dell aria di rinnovo e dell aria di ricircolo mediante impianti diversi. Questa soluzione permette di ridurre le portate d aria trattata mediante l impianto centralizzato e di conseguenza le dimensioni dei canali di distribuzione. Il trattamento dell aria di rinnovo è in genere centralizzato e assolve alle seguenti funzioni: assicurare il ricambio d aria in base al numero di persone presenti; filtrare l aria riducendo il contenuto di sostanze inquinanti solide e gassose presenti in atmosfera e nocive per le opere esposte; controllare il livello di umidità nel periodo invernale; in parallelo con i condizionatori di ricircolo, contribuire alla deumidificazione dell aria nel periodo estivo e alla neutralizzazione di parte del carico sensibile in ambiente, sia in estate che in inverno. 0,15 m/s in inverno 0,20 m/s in estate 6 L/s prefiltri G3 filtri finali F9 Livello sonoro NC Le centrali di trattamento dell aria primaria devono essere predisposte per funzionare in regime di free-cooling in presenza di favorevoli condizioni esterne. La centralizzazione del trattamento dell aria primaria permette di concentrare in un unico volume tecnico le funzioni richiedenti i maggiori oneri di manutenzione, quali la filtrazione dell aria ed il trattamento igrometrico. Le funzioni di e di raffreddamento dell aria delle singole sale possono invece essere decentrate ed affidate a più unità di zona funzionanti a solo ricircolo, ognuna al servizio di una sala o di un gruppo di sale affini per localizzazione e carico termico. Tali unità sono dotate in genere di due batterie rispettivamente ad acqua refrigerata e ad acqua calda. Esse, oltre a compensare il carico sensibile esterno ed interno, possono neutralizzare anche parte del calore latente prodotto dalle persone. Nel periodo invernale, con affollamento completo delle sale, l umidificazione centralizzata viene ridotta. In caso di minore affollamento in una delle sale espositive, la sonda di umidità corrispondente comanda un incremento dell umidificazione centralizzata per garantire il valore minimo di progetto. Per evitare che nelle altre zone l umidità superi il valore di progetto, intervengono le unità a ricircolo in regime di deumidificazione. Le unità vengono ubicate in appositi locali tecnici adiacenti alle sale e, per mezzo di canali di mandata e di ripresa, possono eventualmente effettuare una distribuzione di zona in base alla suddivisione degli ambienti. In alcuni musei sono state utilizzate speciali unità di trattamento dotate, in aggiunta alle batterie ad acqua, di un circuito frigorifero aggiuntivo con batteria ad espansione diretta e di un umidificatore a vapore, del tipo ad elettrodi immersi, e di inverter per la regolazione della velocità del ventilatore. Il funzionamento delle 59

3 1a 1b 1 Per le sale del nuovo museo Frieder Burda di Baden-Baden, progettato da Richard Meier, sono stati impiegati diffusori lineari ad altissima induzione integrati nei soffitti in cartongesso (a) e nelle travi a soffitto che contengono anche i faretti di illuminazione (b). KIEFER - COPYRIGHT MUSEUM FRIEDER BURDA unità è regolato da un sistema a microprocessore che riceve dalle singole sonde situate nelle varie zone della sala il valore della temperatura ambiente e varia la temperatura dell aria di mandata agendo sulla valvola dell acqua refrigerata. Inoltre, in funzione della temperatura rilevata, il sistema comanda la regolazione delle apertura delle bocchette motorizzate di ogni zona. Per mantenere costante il valore di pressione all interno del canale di mandata, in corrispondenza di ogni variazione di apertura delle bocchette, il sistema agisce sull inverter per variare la velocità dei ventilatori. La batteria ad espansione diretta ha la funzione di effettuare una rapida deumidificazione dell aria, mentre la batteria di condensazione viene utilizzata per il successivo post. In tutte le altre zone di un museo non adibite ad esposizioni (foyer, bar, uffici) possono essere utilizzati impianti di tipo misto acqua-aria. Distribuzione dell aria La distribuzione dell aria negli ambienti rappresenta un problema di non facile soluzione a causa dei notevoli vincoli architettonici che impongono spesso l adozione di sistemi atipici per il passaggio dei canali dell aria, che sono solitamente di grandi dimensioni date le notevoli portate d aria esterna di ventilazione da trattare. Gli spazi tecnici per la posa delle canalizzazioni sono in genere ricavati nei controsoffitti, nei pavimenti flottanti o all interno di pareti divisorie. Quando tale soluzione non è realizzabile, come accade negli edifici storici ristrutturati aventi soffitti decorati e pavimenti di valore artistico, è necessario realizzare delle false pareti. Esse sono poste ad una distanza di circa 300 mm dalle pareti originali in modo da creare un intercapedine che viene utilizzata per la posa dei canali di mandata e ripresa dell aria. L immissione dell aria può avvenire dalla parte superiore delle false pareti o in corrispondenza di aperture laterali. La ripresa viene in genere effettuata dal basso attraverso feritoie poste tra il pavimento e le false pareti in posizione opposta a quella di immissione. In alcuni casi le false pareti vengono utilizzate anche per l alloggiamento dei condizionatori locali, appositamente progettati con spessori molto contenuti ed accorgimenti tali da garantire l accessibilità per la manutenzione di filtri e batterie. Un altra soluzione è costituita dall impiego di strutture lineari a soffitto che contengono tutte le funzioni tecnologiche quali cavi elettrici, illuminazione, altoparlanti, rilevatori di fumo e diffusori d aria. Diffusori lineari ed ugelli Un aspetto peculiare della distribuzione dell aria nei musei è l importanza riservata all aspetto estetico degli apparecchi di diffusione. La soluzione ideale è costitui- 60

4 ta dall impiego di elementi lineari i quali, grazie al loro design poco appariscente, offrono la possibilità di una facile integrazione nei controsoffitti e nelle pareti. Talvolta essi vengono addirittura impiegati come elementi decorativi, disposti in modo da ottenere vari disegni geometrici o da accentuare la struttura del soffitto. I diffusori lineari possono coprire aree molto vaste, sono adatti per gli impianti a portata variabile e possono essere utilizzati indifferentemente sia per la mandata che per la ripresa dell aria. Esempi recenti di utilizzo di diffusori lineari vengono dalla Germania per due progetti realizzati da famosi architetti americani. Per le sale del nuovo museo Frieder Burda di Baden-Baden, progettato da Richard Meier, sono stati impiegati diffusori lineari ad altissima induzione integrati nei soffitti in cartongesso e nelle travi a soffitto che contengono anche i faretti di illuminazione (figura 1). I diffusori presentano una contenuta larghezza della feritoia (18, 20 e 45 mm) e possono diffondere una portata d aria compresa tra 50 e 130 m 3 /h per metro di lunghezza. Grazie all elevato effetto induttivo con getti d aria a 45 rispetto al soffitto è possibile immettere aria con un differenziale di 14 K rispetto all ambiente, quindi con una temperatura di C, riducendo al minimo la necessità di post estivo. La stessa tipologia di diffusori è stata utilizzata per il museo Felix Nussbaum di Osanbrück progettato da Daniel Liebeskind (figura 2). Per le sale espositive, che si sviluppano su m 2, sono stati utilizzati diffusori lineari inseriti nel soffitto in cartongesso, con feritoie aventi una larghezza di soli 15 mm in grado di diffondere una portata di m 3 /h.m. Anche Mario Botta utilizza abitualmente questa soluzione nei suoi progetti museali. La figura 3 mostra una sala del San Francisco Museum of Modern Art con i diffusori lineari a soffitto. Per gli ambienti di grande volumetria possono essere utilizzati i diffusori ad ugelli orientabili. Gli ugelli sono installati in genere a parete con inclinazione di 60 rispetto al piano della parete stessa e sono particolarmente adatti al trattamento dei lucernari che sempre di più vengono adottati nei musei per ottenere l illuminazione zenitale degli ambienti. Installati lungo il perimetro del lucernario essi permettono di neutralizzare la radiazione solare incidente, creando una lama d aria fredda tangente al lato interno della superficie vetrata. Gli ugelli permettono di ottenere gittate con un lancio fino a 30 metri. Diffusori a pavimento Il sistema di diffusione dell aria del tipo a dislocamento a pavimento risulta anch esso adatto per un applicazione museale in quanto caratterizzato da un impatto estetico assai ridotto, da basse velocità dell aria in prossimità delle opere e da un ridotto livello sonoro generato dall impianto. L aria distribuita nel pavimento sopraelevato utilizzato come plenum è immessa a bassa velocità attraverso griglie che devono integrarsi con il tipo di pavimento e devono poter essere rimosse per la pulizia del plenum di distribuzione sottostante o per l accesso alle prese elettriche. In tal caso l aria viene ripresa a soffitto e ricircolata all unità di trattamento. La diffusione dell aria a pavimento è il sistema preferito da Renzo Piano che l ha impiegato in tutti i suoi più recenti progetti: la Fondation Beyeler a Basilea (figura 4), il Zentrum Paul Klee di Berna e la Pinacoteca Agnelli di Torino. Lo stessa soluzione è stata adottata anche per la Tate Modern di Londra ove gli architetti Herzog & De Meuron hanno optato per griglie a pavimento con estrazione dell aria a soffitto attraverso i corpi illuminanti (figura 5). Regolazione automatica I carichi endogeni dovuti alla presenza delle persone e delle luci possono subire delle KIEFER 2 Per il museo Felix Nussbaum di Osnabrück, progettato da Daniel Liebeskind, sono stati utilizzati diffusori lineari inseriti nel soffitto in cartongesso, con feritoie aventi una larghezza di soli 15 mm. 62

5 3 Una sala del San Francisco Museum of Modern Art, progettato da Mario Botta, con diffusori lineari a soffitto. I CARICHI TERMICI Irraggiamento e trasmissione I musei sono in genere caratterizzati dalla presenza di finestre e lucernari, soprattutto nelle aree di circolazione. Il controllo dell irraggiamento solare è particolarmente importante non solo per ridurre il carico termico ma soprattutto al fine di minimizzare gli effetti negativi delle radiazioni elettromagnetiche, che provocano variazioni di colore e reazioni chimiche con gravi danni sugli oggetti esposti. In particolare possono essere particolarmente nocivi per le opere i raggi ultravioletti con lunghezza d onda inferiore a 380 nm. E necessario considerare inoltre che le radiazioni provocano anche un aumento della temperatura superficiale degli oggetti con conseguenti dilatazioni termiche. Sempre più frequente è l impiego di lucernari vetrati per garantire l illuminazione naturale delle sale: in tal caso l ambiente interno deve essere protetto dalle variazioni delle condizioni esterne mediante la creazione di zone cuscinetto, ovvero di un intercapedine riscaldata e ventilata prevista all interno della copertura vetrata. Per le aree espositive dotate di vetrate a tutta altezza poste direttamente sull esterno è consigliabile prevedere un a pavimento realizzato mediante convettori incassati. L isolamento della struttura deve evitare che durante l inverno gli oggetti collocati vicino alle pareti esterne risentano degli effetti della temperatura radiante e la possibile condensazione del vapore sia sugli oggetti che sulla superficie interna delle pareti esterne. Persone e illuminazione Il valore medio di affollamento nelle aree espositive è di 1 persona ogni 3-4 m². Considerando il metabolismo dei visitatori in leggero movimento, il carico endogeno specifico apportato risulta di 25 W/m² di calore sensibile e di 20 W/m² di calore latente. Per quanto riguarda il carico di illuminazione, ai fini del calcolo termico è necessario condurre una dettagliata analisi della potenza elettrica installata nei vari locali e del periodo di funzionamento dell impianto di illuminazione. Il valore medio si può assumere pari a 60 W/m² nelle zone espositive e a 15 W/m² negli altri locali. variazioni in corrispondenza dell apertura di una nuova mostra, dell ora del giorno, delle condizioni atmosferiche o di altri fattori. Pertanto è necessario adottare una regolazione di zona per mantenere un adeguato controllo delle condizioni ambientali al variare dei carichi. Un problema da affrontare è l ubicazione dei termostati e degli umidostati in ambiente. Dal punto di vista estetico una soluzione per nascondere le sonde ambiente consiste nell installarle all interno delle contropareti dietro una piastra forellata che permette l aspirazione dell aria ambiente. Dal punto di vista funzionale il problema è costituito dal fatto che, collocando le sonde in ambiente o nel canale comune di ripresa dell aria, le condizioni rilevate non sono rappresentative di tutte le zone. Temperatura e umidità relativa La presenza di una temperatura ambiente elevata è dannosa per la conservazione in quanto accelera i processi chimici, fisici e biologici di degradazione dei materiali organici. E quindi consigliabile adottare la temperatura più bassa possibile, compatibilmente con le condizioni di benessere sia dei visitatori che degli addetti. Le condizioni ottimali dell aria delle zone espositive sono in genere compresa tra 20 e 22 C. Il mantenimento di valori costanti di umidità relativa è essenziale in quanto le normali oscillazioni possono provocare gravi danni alle opere d arte. Non esiste una concordanza generale sul valore ottimale di umidità da mantenere. Inoltre si verificano spesso situazioni di collezioni miste per cui nelle stesse sale vengono esposte opere d arte con caratteristiche fisiche diverse che richiederebbero con- 64

6 4 La diffusione dell aria a pavimento rappresenta la soluzione prediletta da Renzo Piano, come nel caso della Fondation Beyeler di Basilea. dipende anche dalla qualità dell aria a contatto con gli oggetti, ovvero dagli inquinanti solidi e gassosi in essa presenti. Per quanto riguarda gli inquinanti solidi, costituiti essenzialmente dalle polveri, in genere vengono utilizzati sistemi di filtrazione ad alta efficienza. Nel caso in cui sia necessario rimuovere anche i fumi, si adotta un secondo stadio di filtrazione ad elevata efficienza di tipo HEPA con efficienza del 99,99% su particelle con diametro di 0,3 micron. La filtrazione elettrostatica dell aria è invece sconsigliata in quanto può provocare la formazione di ozono. Gli inquinanti gassosi più dannosi sono anidride solforosa, ossidi di azoto e ozono. In particolare il biossido di zolfo si combina con l acqua per formare acido solforico. I due metodi utilizzati per la loro eliminazione dall aria esterna immessa in ambiente sono il sistema a letto granulare (a carbone attivo o ad allumina attiva) ed il sistema ad ugelli lavatori con soluzioni acquose alcaline con valori di ph variabile tra 8,5 e 9. 5 Per la Tate Modern di Londra gli architetti Herzog & De Meuron hanno optato per griglie a pavimento con estrazione dell aria a soffitto attraverso i corpi illuminanti. dizioni di conservazione specifiche. A livello di riferimento si può assumere un valore medio di 50% con una tolleranza di +/- 5%. L umidità relativa può variare nel corso dell anno tra un valore minimo del 35% ed un massimo del 60%, con un gradiente mensile non superiore al 5% ed una variazione giornaliera massima compresa entro +/- 3%. Alcuni materiali possono tuttavia richiedere condizioni igrometriche ancora più stabili, mentre le sale di esposizione di fossili e gli scheletri ossei richiedono elevati valori di umidità. Velocità e qualità dell aria Per il benessere dei visitatori la velocità dell aria non deve superare 0,15 m/s in e 0,20 in raffrescamento. L ASHRAE prescrive invece di non superare 0,13 m/s. Particolare attenzione va posta al controllo della velocità dell aria in presenza di affreschi e di particolari oggetti realizzati con materiali facilmente asportabili. La portata minima di aria esterna è di 6 L/s a persona secondo la norma UNI mentre lo Standard ASHRAE richiede 10 L/s. La conservazione ottimale delle opere Rumori e vibrazioni Il livello sonoro emesso degli impianti, benché non critico come per altre applicazioni, non deve essere fonte di disagio per le persone. L impianto di deve essere dotato di isolamento acustico e dalle vibrazioni per garantire il benessere dei visitatori e del personale. L isolamento acustico è necessario per evitare la trasmissione di vibrazioni di risonanza all interno degli oggetti esposti, che possono essere danneggiati da tali movimenti. Il livello sonoro deve essere contenuto, ma non al punto da creare un ambiente dove i rumori normali possono diventare fonte di disagio. Come livello massimo di riferimento si possono assumere le curve NC 40. Bisogna inoltre considerare che le sale di esposizione tendono ad avere un acustica riverberante. 66

Travi fredde high tech: efficienza & design

Travi fredde high tech: efficienza & design - progettazione Travi fredde high tech: efficienza & design Quando si parla di travi fredde ci si riferisce in genere ad elementi, detti ad induzione oppure attivi, in quanto basano il loro funzionamento

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

REALIZZAZIONE TORRE CIVICA IMPIANTI MECCANICI E IDRICO-SANITARIO

REALIZZAZIONE TORRE CIVICA IMPIANTI MECCANICI E IDRICO-SANITARIO REALIZZAZIONE TORRE CIVICA IMPIANTI MECCANICI E IDRICO-SANITARIO INDICE 1 PREMESSA 3 2 IMPIANTI TERMICI, DI CONDIZ±IONAMENTO DELL ARIA, DI RISCALDAMENTO E DI VENTILAZIONE 3 2.1 DATI DI PROGETTO 3 2.2 TIPOLOGIE

Dettagli

Un impianto per l arte a Villa Torlonia

Un impianto per l arte a Villa Torlonia RTS impianto Un impianto per l arte a Villa Torlonia Villa Torlonia, restituita a cittadini e turisti dopo un accurato intervento di restauro a cura del Comune di Roma, rappresenta un punto di riferimento

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO EDILIZIO EX CPTA DI VIA NAPOLEONE COLAJANNI IN RAGUSA, DA ADIBIRE A CENTRO POLIFUNZIONALE PER L'INSERIMENTO SOCIALE E LAVORATIVO

Dettagli

RAFFRESCAMENTO E RISCALDAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO CLIMATIZZAZIONE E RAFFRESCAMENTO A PANNELLI RADIANTI

RAFFRESCAMENTO E RISCALDAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO CLIMATIZZAZIONE E RAFFRESCAMENTO A PANNELLI RADIANTI RAFFRESCAMENTO E RISCALDAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO CLIMATIZZAZIONE E RAFFRESCAMENTO A PANNELLI RADIANTI Contrariamente al passato dove, di norma, venivano annegati nel pavimento delle linee in acciaio,

Dettagli

LEZIONE SUGLI IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA

LEZIONE SUGLI IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA Sola Ing. Pierfranco TERMOTECNICO CERTIFICATORE ENERGETICO REGIONE PIEMONTE TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA REGIONE PIEMONTE PROFESSIONISTA ANTINCENDIO ISCRITTO NEGLI ELENCHI MINISTERO INTERNI Via A. Savoia

Dettagli

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE E VENTILAZIONE Descrizione del progetto Il progetto prevede il rifacimento

Dettagli

Travi fredde per un industria della refrigerazione

Travi fredde per un industria della refrigerazione 1 dall industria realizzazioni Travi fredde per un industria della refrigerazione Un sistema a travi fredde per la nuova palazzina direzionale di un importante azienda costruttrice di componenti per la

Dettagli

Sistema cartongesso a soffitto

Sistema cartongesso a soffitto sistema cartongesso Sistema cartongesso a soffitto Il raffrescamento a soffitto si è rivelato una soluzione ottimale nell ambito della climatizzazione degli ambienti. Questo tipo di soffitto è stato sviluppato

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI II Edizione di ANNA MAGRINI LORENZA MAGNANI INDICE GENERALE Premessa...9 CAPITOLO 1 I REQUISITI: IL

Dettagli

PER LE MOSTRE TEMPORANEE VIENE

PER LE MOSTRE TEMPORANEE VIENE climatizzazione realizzazioni f di Luca Stefanutti MICROCLIMA PER L ARTE GLI IMPIANTI DI CANALETTO PER LE MOSTRE TEMPORANEE VIENE SPESSO RICHIESTO DAI PRESTATORI DELLE OPERE IL RISPETTO DI STRINGENTI CONDIZIONI

Dettagli

IMPIANTI PER IL COMFORT

IMPIANTI PER IL COMFORT f Luca Stefanutti CENTRO DI CURE PALLIATIVE: IMPIANTI PER IL COMFORT GLI HOSPICE SONO STRUTTURE DESTINATE ALLE CURE PALLIATIVE DI PAZIENTI TERMINALI CHE NON POSSONO ESSERE ASSISTITI IN MODO ADEGUATO A

Dettagli

Easy Compact Clima 4 in 1

Easy Compact Clima 4 in 1 Easy Compact Clima 4 in 1 Innovativo sistema compatto per la ventilazione meccanica a doppio flusso, il riscaldamento, il raffrescamento e la produzione di acqua calda sanitaria, con pompa di calore. In

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA La ventilazione meccanica controllata degli ambienti con aria esterna rappresenta il sistema più efficace per controllare le condizioni

Dettagli

ELEVATI LIVELLI DI COMFORT ED

ELEVATI LIVELLI DI COMFORT ED f di Luca Stefanutti TORRE PER UFFICI ELEVATI LIVELLI DI COMFORT ED INTEGRAZIONE CON UN IMPEGNATIVO INVOLUCRO EDILIZIO CON AMPIE SUPERFICI VETRATE: SONO STATE QUESTE LE SFIDE DA SUPERARE NELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità 1 VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità Ing. Luca Barbieri Product manager Hoval 2 Definizione ventilazione meccanica controllata «I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) sono

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

www.fccplanterm.com Edizione maggio 2012

www.fccplanterm.com Edizione maggio 2012 Edizione maggio 2012 PERMASTEELISA IMPIANTI SRL FCC PLANTERM DIVISION Viale E. Mattei 21/23 31029 Vittorio Veneto, Treviso, Italia Tel.: +39 0438 50 5274 Fax: +39 0438 50 52 info@fccplanterm.com www.fccplanterm.com

Dettagli

source Source X Performance NUOVI SISTEMI RADIANTI

source Source X Performance NUOVI SISTEMI RADIANTI source X Performance Source NUOVI SISTEMI RADIANTI X PERFORMANCE I componenti che fanno parte della sezione X Performance, sono realizzati con materiali di elevatissima qualità e studiati per dare il massimo

Dettagli

IMPIANTI DI RAFFRESCAMENTO ESTIVO, TIPOLOGIE E DIMENSIONAMENTO IMPIANTI AD ACQUA

IMPIANTI DI RAFFRESCAMENTO ESTIVO, TIPOLOGIE E DIMENSIONAMENTO IMPIANTI AD ACQUA IMPIANTI DI RAFFRESCAMENTO ESTIVO, TIPOLOGIE E DIMENSIONAMENTO In Italia la climatizzazione è obbligatoria ed è responsabilità dell architetto in sede di progettazione predisporre l edificio per accogliere

Dettagli

10 settembre 2015. MUSEO CIVICO Climatizzazione della sala Cremona CUP: D14E15000240004 283D - ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI MECCANICI

10 settembre 2015. MUSEO CIVICO Climatizzazione della sala Cremona CUP: D14E15000240004 283D - ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI MECCANICI 10 settembre 2015 Progetto: MUSEO CIVICO Climatizzazione della sala Cremona CUP: D14E15000240004 Codice e livello progetto: 283D - ESECUTIVO Elaborato tecnico: RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI MECCANICI

Dettagli

Auditori: l integrazione della diffusione aria

Auditori: l integrazione della diffusione aria a - progettazione Auditori: l integrazione della diffusione aria Gli auditori rappresentano un tipo di applicazione particolare dal punto di vista sia strutturale sia per il profilo di utilizzo. La maggior

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Prof. Cinzia Buratti GENERALITA Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati

Dettagli

CONDIZIONAMENTO CLIMATIZZAZIONE DECENTRALIZZATA. Brevetto N 01288552 Classifica F2 4F - di: Luigi Tudico Avezzano Italia. luigi.tudico@gmail.

CONDIZIONAMENTO CLIMATIZZAZIONE DECENTRALIZZATA. Brevetto N 01288552 Classifica F2 4F - di: Luigi Tudico Avezzano Italia. luigi.tudico@gmail. CONDIZIONAMENTO CLIMATIZZAZIONE DECENTRALIZZATA alla scoperta di un Nuovo Mondo Brevetto N 01288552 Classifica F2 4F - di: Avezzano Italia luigi.tudico@gmail.com TITOLO SISTEMA DI CLIMATIZZAZIONE DECENTRALIZZATA

Dettagli

BASI DI CALCOLO. Comune di: BUSTO ARSIZIO Provincia di VARESE. Indirizzo di riferimento Piazzale Giuseppe Solaro, 3

BASI DI CALCOLO. Comune di: BUSTO ARSIZIO Provincia di VARESE. Indirizzo di riferimento Piazzale Giuseppe Solaro, 3 BASI DI CALCOLO Comune di: BUSTO ARSIZIO Provincia di VARESE Indirizzo di riferimento Piazzale Giuseppe Solaro, 3 Zona Climatica e gradi giorno GG E 2861 GG Altitudine s.l.m. 226 mt. Latitudine Nord 45

Dettagli

OGGETTO... 2. Requisiti... 2. Descrizione del sistema di climatizzazione... 3

OGGETTO... 2. Requisiti... 2. Descrizione del sistema di climatizzazione... 3 SOMMARIO OGGETTO... 2 1. IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE... 2 Requisiti.... 2 Descrizione del sistema di climatizzazione.... 3 PARAMETRI DI CALCOLO... 7 2. IMPIANTI IDRICO-SANITARI... 10 3. IMPIANTI DI ESTINZIONE

Dettagli

L aerotermo. é Sabiana IL COMFORT AMBIENTALE

L aerotermo. é Sabiana IL COMFORT AMBIENTALE L aerotermo é Sabiana ISO 9001 - Cert. n 0545/4 Aerotermi Termostrisce radianti Ventilconvettori Unità trattamento aria Canne fumarie IL COMFORT AMBIENTALE Aerotermi Sabiana Le descrizioni ed illustrazioni

Dettagli

SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE

SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE _ SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TERMO-MECCANICI INDICE 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO...

Dettagli

Ospitalità efficiente

Ospitalità efficiente RTS REALIZZAZIONI Ospitalità efficiente Un edificio alberghiero che rappresenta un esempio di progettazione integrata volta all ottenimento di bassi consumi energetici. Massimiliano Poletti 70 L altissima

Dettagli

Carichi termici in regime invernale ed estivo. Prof.Arch.Gianfranco Cellai

Carichi termici in regime invernale ed estivo. Prof.Arch.Gianfranco Cellai Carichi termici in regime invernale ed estivo Prof.Arch.Gianfranco Cellai Generalità Mantenere condizioni ambiente interne confortevoli significa controllare i carichi termici perturbatori generati nell

Dettagli

Corso di aggiornamento Progetto e scelta degli impianti a Travi Fredde

Corso di aggiornamento Progetto e scelta degli impianti a Travi Fredde l a ngol o dell a f orm a z ione Corso di aggiornamento Progetto e scelta degli impianti a Travi Fredde Gli impianti a travi fredde costituiscono un alternativa relativamente recente per la climatizzazione

Dettagli

COMFORT VENTILAZIONE RECUPERO DEL CALORE. Data : 19 Febbraio 2014 - TRANI

COMFORT VENTILAZIONE RECUPERO DEL CALORE. Data : 19 Febbraio 2014 - TRANI COMFORT VENTILAZIONE RECUPERO DEL CALORE Data : 19 Febbraio 2014 - TRANI Sommario : - Parliamo di COMFORT. Modalità di scambio termico e condizionamento radiante. L ambiente confinato - Comfort nella ventilazione.

Dettagli

IN BASSO PIANTA ARREDI

IN BASSO PIANTA ARREDI SISTEMAZIONE ED ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA VIGENTE DEL BLOCCO OPERATORIO DELL ISTITUTO: CRITERI E SCELTE PROGETTUALI DELL IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE E TRATTAMENTO DELL ARIA LA PROGETTAZIONE DEL COMPLESSO

Dettagli

UNIVERSITTA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - POLO UNIVERSITARIO DI COMO CALCOLI ESECUTIVI DEGLI IMPIANTI, DATI DI PROGETTO

UNIVERSITTA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - POLO UNIVERSITARIO DI COMO CALCOLI ESECUTIVI DEGLI IMPIANTI, DATI DI PROGETTO SOMMARIO DATI DI PROGETTO... 3 VERIFICA POTENZA EDIFICIO ESISTENTE... 9 CARICHI TERMICI INVERNALI MANICA LUNGA... 12 CARICHI TERMICI ESTIVI MANICA LUNGA... 32 Pagina 2 DATI DI PROGETTO INTRODUZIONE La

Dettagli

SISTEMI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA

SISTEMI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA SISTEMI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA Cosa è un impianto di ventilazione meccanica controllata Un impianto di ventilazione meccanica permette di controllare il ricambio di aria all interno dell

Dettagli

FACCIATA STRUTTURALE A DOPPIA PELLE,

FACCIATA STRUTTURALE A DOPPIA PELLE, Il complesso Bergognone 53 a Milano è il risultato della completa ristrutturazione dell ex Palazzo delle Poste, costruito negli anni Sessanta ed acquisito attraverso un asta pubblica nel 2000 dalla società

Dettagli

PROGETTO EDIFICIO-IMPIANTO: alcune questioni da considerare

PROGETTO EDIFICIO-IMPIANTO: alcune questioni da considerare PROGETTO EDIFICIO-IMPIANTO: alcune questioni da considerare 1 Obiettivo del progetto edificio-impianto - sistema impiantistico che soddisfi le esigenze di: - comfort (termico, luminoso, acustico e della

Dettagli

La ventilazione meccanica controllata [VMC]

La ventilazione meccanica controllata [VMC] La ventilazione meccanica controllata [VMC] Sistemi di riscaldamento e di raffrescamento - Principio di funzionamento: immissione forzata di aria in specifici ambienti. - Peculiarità: garantisce il controllo

Dettagli

trattamento aria ecoclima D deu-climatizzatore DC deu-climatizzatore DCA

trattamento aria ecoclima D deu-climatizzatore DC deu-climatizzatore DCA IT trattamento aria D deu-climatizzatore DC deu-climatizzatore DCA trattamento aria ARIA! Benessere significa anche qualità dell aria: aria fresca, ricca di ossigeno, prelevata dall esterno, filtrata e

Dettagli

Anna Magrini, Massimiliano Ozel-Ballot

Anna Magrini, Massimiliano Ozel-Ballot La ventilazione per una migliore qualità dell aria Impianti e sistemi di ventilazione nei luoghi di lavoro e aperti al pubblico; tutela della salute dei non fumatori Anna Magrini, Massimiliano Ozel-Ballot

Dettagli

Edifici passivi Quando la terra riscalda e raffredda Articolo apparso su L installatore italiano, n. 11, dicembre 2002

Edifici passivi Quando la terra riscalda e raffredda Articolo apparso su L installatore italiano, n. 11, dicembre 2002 1 Edifici passivi Quando la terra riscalda e raffredda Articolo apparso su L installatore italiano, n. 11, dicembre 2002 Un edificio passivo può ricorrere al terreno per far fronte alle esigenze termiche

Dettagli

Art. 1 - PREMESSE. Art. 2 - INVOLUCRO EDILIZIO

Art. 1 - PREMESSE. Art. 2 - INVOLUCRO EDILIZIO Art. 1 - PREMESSE La presente relazione ha lo scopo di descrivere i parametri che dovranno essere presi come basi per la stesura della progettazione definitiva ed esecutiva, e stabilisce la tipologia impiantistica

Dettagli

TIN Tubazioni induttive

TIN Tubazioni induttive Tubazioni induttive Versioni - -Z (in acciaio zincato, verniciatura colori RAL a richiesta) - -X4L (in acciaio inox AISI 304 lucido) - -X4S (in acciaio inox AISI 304 satinato) - -X4N (in acciaio inox AISI

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Laboratorio di Progettazione 3M prof. Giovanni Longobardi DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE prof. Marco Frascarolo Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Architettura A.A. 2010-2011

Dettagli

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Impianti di riscaldamento Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Sono i sistemi più utilizzati nell edilizia residenziale dove spesso sono di solo riscaldamento, ma possono

Dettagli

RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO E SOFFITTO PRODOTTI E ACCESSORI. www.rehau.com. Edilizia Automotive Industria

RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO E SOFFITTO PRODOTTI E ACCESSORI. www.rehau.com. Edilizia Automotive Industria RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO E SOFFITTO PRODOTTI E ACCESSORI www.rehau.com Edilizia Automotive Industria RAFFRESCAMENTO RADIANTE GRANDE INNOVAZIONE PER IL MASSIMO COMFORT Elementi per la realizzazione

Dettagli

Per un architettura che mette al centro l uomo

Per un architettura che mette al centro l uomo Per un architettura che mette al centro l uomo Il benessere termoigrometrico per l uomo Per benessere termoigrometrico si intende la sensazione di soddisfazione che, in un ambiente, le persone provano

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax e-mail : tecnico.lecco@stii.eu - tecnico.como@stii.eu c. f. - p. i.v.a. 01985140134

Dettagli

INTRODUZIONE AL TEMA

INTRODUZIONE AL TEMA Il condizionamento dell aria nelle abitazioni di prestigio, negli uffici e negli spazi commerciali INTRODUZIONE AL TEMA Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino marco.filippi@polito.it

Dettagli

EMMETI CLIMA FLOOR Sistemi di riscaldamento e raffrescamento radiante IT 08

EMMETI CLIMA FLOOR Sistemi di riscaldamento e raffrescamento radiante IT 08 EMMETI CLIMA FLOOR Sistemi di riscaldamento e raffrescamento radiante IT 08 Idee da installare Il comfort tutto l anno Da qualche anno anche in Italia l impianto a pavimento si sta presentando quale soluzione

Dettagli

Università degli studi di Torino - Impianto a travi fredde. Travi fredde

Università degli studi di Torino - Impianto a travi fredde. Travi fredde Travi fredde Università degli studi di Torino - Impianto a travi fredde Travi fredde Lindab I sistemi ad acqua della gamma Lindab comprendono travi fredde attive e passive, pannelli radianti, sistemi di

Dettagli

Il contro-soffitto filtrante GIF significa sicurezza e progresso

Il contro-soffitto filtrante GIF significa sicurezza e progresso Il contro-soffitto filtrante GIF significa sicurezza e progresso 1. Lo sviluppo del sistema GIF si è basato su una serie di problemi riscontrati nei seguenti campi: A. Tecnologie dell aria e del condizionamento

Dettagli

Il sistema Aerferrisi

Il sistema Aerferrisi Il sistema Aerferrisi Il sistema, a differenza di tradizionali impianti di riscaldamento a radiatori, non occupa spazio interno in quanto l'aria trattata, sia in riscaldamento che in condizionamento, si

Dettagli

LEZIONE 5. Indice. La climatizzazione degli edifici o Il riscaldamento o Il condizionamento dell aria CORSO E-LEARNING LEZIONE 5

LEZIONE 5. Indice. La climatizzazione degli edifici o Il riscaldamento o Il condizionamento dell aria CORSO E-LEARNING LEZIONE 5 CORSO E-LEARNING LEZIONE 5 Indice La climatizzazione degli edifici o Il riscaldamento o Il condizionamento dell aria Note sui diritti d autore Il presente manuale contiene materiale didattico realizzato

Dettagli

aquatherm climasystem

aquatherm climasystem ecologico e conveniente La forma contemporanea del riscaldamento un clima gradevole con il sistema climasystem di ecologico e conveniente La forma contemporanea del riscaldamento Alti costi per il riscaldamento,

Dettagli

Impianti di ventilazione

Impianti di ventilazione Impianti di ventilazione Michele De Carli Università di Padova UNIVERSITÀ DI PADOVA! Principi di ventilazione Ventilazione naturale (infiltrazioni, aperture, funzione delle condizioni interne ed esterne)

Dettagli

ricca di ossigeno, prelevata dall esterno, filtrata e deumidificata.

ricca di ossigeno, prelevata dall esterno, filtrata e deumidificata. Il benessere termo igrometrico La norma UNI EN ISO 7730 detta i parametri del comfort indoor e individua la condizione ideale in una temperatura percepita in ambiente di ca. 20 C, con una percentuale di

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Recuperatori di calore serie DRU. Unità di recupero calore per ventilazione meccanica controllata Serie DRU

Recuperatori di calore serie DRU. Unità di recupero calore per ventilazione meccanica controllata Serie DRU INTRODUZIONE Le nuove conquiste tecnologiche nel campo degli isolanti termici e nella tenuta dei serramenti ha reso le moderne abitazioni sempre più confortevoli sia a livello acustico che termico, riducendo

Dettagli

Riassunto della puntata precedente. ing. Massimiliano Pancani

Riassunto della puntata precedente. ing. Massimiliano Pancani Riassunto della puntata precedente Capitolo 4: Impianti di ventilazione Macchine di trattamento aria Componenti per la distribuzione Componenti per la diffusione Capitolo 4 Impianti di ventilazione Macchine

Dettagli

COMUNE DI PRATO RELAZIONE TECNICA GENERALE

COMUNE DI PRATO RELAZIONE TECNICA GENERALE COMUNE DI PRATO Lavori: Centro per l Arte Contemporanea L. Pecci Prato. Riqualificazione ed adeguamento normativo dell edificio esistente 1 LOTTO. IMPIANTI MECCANICI. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1- Premessa

Dettagli

POWERFILM TECHNICAL BOOK

POWERFILM TECHNICAL BOOK POWERFILM TECHNICAL BOOK POWERFILM SISTEMA RADIANTE ELETTRICO A PAVIMENTO SOFFITTO E PARETE POWERFILM è la soluzione innovativa di riscaldamento a pavimento, soffitto e parete pensato e realizzato per

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE PER IL COMFORT CON I SISTEMI IN POMPA DI CALORE SISTEMI IN POMPA DI CALORE A CICLO ANNUALE PER UN BENESSERE SOSTENIBILE

ENERGIA RINNOVABILE PER IL COMFORT CON I SISTEMI IN POMPA DI CALORE SISTEMI IN POMPA DI CALORE A CICLO ANNUALE PER UN BENESSERE SOSTENIBILE ENERGIA RINNOVABILE PER IL COMFORT CON I SISTEMI IN POMPA DI CALORE Si stima che il 30% dei consumi di energia fossile sia utilizzato, nei Paesi Sviluppati, per la Climatizzazione estiva ed il Riscaldamento

Dettagli

INDICE. 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE. 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4

INDICE. 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE. 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4 INDICE 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4 2.2 - trattamento acqua di consumo e produzione acqua calda sanitaria pag.

Dettagli

NEL PROGETTARE GLI IMPIANTI DI

NEL PROGETTARE GLI IMPIANTI DI Il nuovo insediamento industriale della società Knorr-Bremse ad Arcore è costituito da due zone ben distinte, sebbene direttamente collegate tra loro: la palazzina uffici e il capannone di produzione.

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE. parte 5

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE. parte 5 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parte 5 1 Terminali di scambio termico Radiatori Sono corpi scaldanti (ad elementi, a piastra, a tubi o a lamelle) che cedono calore all aria ambiente per convezione naturale

Dettagli

Non hai spazio???? Per lei basta!

Non hai spazio???? Per lei basta! Non hai spazio???? Per lei basta! Lo spessore del fancoil abbinato alla potenza della UTA Venus Clima S.n.c. Via Marradi 47/49 59100 Prato ( PO ) Tel. 0574690793 Fax. 0574/695210 PAGINA 1 DI 8 CARATTERISTICHE

Dettagli

IMPIANTO DI VENTILAZIONE E DI CONDIZIONAMENTO NEI LOCALI COMMERCIALI E DI LAVORO

IMPIANTO DI VENTILAZIONE E DI CONDIZIONAMENTO NEI LOCALI COMMERCIALI E DI LAVORO REGIONE PIEMONTE AZIENDA REGIONALE A.S.L. n 13 (Sede legale: via dei Mille n.2-28100 Novara) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Sede di Borgomanero, viale Zoppis n.10-28021

Dettagli

Corso di Energetica degli Edifici Sistemi di ventilazione

Corso di Energetica degli Edifici Sistemi di ventilazione Corso di Energetica degli Edifici Sistemi di ventilazione Docenti: Prof. Marco Dell Isola Ing. Fernanda Carmen Fuoco Ventilazione degli ambienti interni Possibilità per ricambiare l aria Possibilità per

Dettagli

Trattamento atia. Deuclima VMC Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza

Trattamento atia. Deuclima VMC Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza IT Trattamento atia Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza Il

Dettagli

Sistemi per il raffrescamento passivo

Sistemi per il raffrescamento passivo Sistemi per il raffrescamento passivo L'importanza dei sistemi di raffrescamento passivo è dovuta alla rapida crescita del fabbisogno di raffreddamento degli edifici e dalle problematiche ambientali, economiche,

Dettagli

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Impianto fotovoltaico L impianto fotovoltaico, posto sulla copertura dell edificio, permette di trasformare l energia solare in energia

Dettagli

I VANTAGGI DELLA VENTILAZIONE

I VANTAGGI DELLA VENTILAZIONE VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA I VANTAGGI DELLA VENTILAZIONE La ventilazione, naturale o meccanica, realizza il ricambio dell aria negli ambienti confinati. Tramite la ventilazione è possibile tenere

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA DEGLI IMPIANTI MECCANICI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA DEGLI IMPIANTI MECCANICI 1 RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA DEGLI IMPIANTI MECCANICI PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI Strutture sanitarie D.P.R. del 14 gennaio 1997: requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi che

Dettagli

Le unità terminali svolgono un ruolo molto importante poiché costituiscono la prima interazione fra uomo e sistema edificioimpianto.

Le unità terminali svolgono un ruolo molto importante poiché costituiscono la prima interazione fra uomo e sistema edificioimpianto. UNITÀ TERMINALI Le unità terminali svolgono un ruolo molto importante poiché costituiscono la prima interazione fra uomo e sistema edificioimpianto. Le unità terminali si suddividono in: Unità a prevalente

Dettagli

P5=2,5 atm 5. P3=3 atm. P6=4 atm

P5=2,5 atm 5. P3=3 atm. P6=4 atm V [m3/h] 3 a.a. 2012-13 APPROVVIGIONAMENTO IDRICO DIMENSIONAMENTO RETE IDRICA APERTA n. 1 Dimensionare tramite il metodo a velocità costante la seguente rete di distribuzione dell acqua industriale, del

Dettagli

DEH UNITA DI CLIMATIZZAZIONE

DEH UNITA DI CLIMATIZZAZIONE DEH UNITA DI CLIMATIZZAZIONE DEH Unità di deumidificazione e rinnovo dell aria con recupero di calore in abbinamento con sistemi di raffrescamento radiante Installazione a controsoffitto Configurazione

Dettagli

I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità. FABIO PASINI Consigliere AIISA

I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità. FABIO PASINI Consigliere AIISA I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità FABIO PASINI Consigliere AIISA 1) Sopralluogo e Ispezione Visiva (UTA e condotte) (ex035158) Primo sopralluogo, oppure ispezione

Dettagli

soluzioni per trattamento aria

soluzioni per trattamento aria soluzioni per trattamento aria Riscaldamento e raffreddamento con macchine secondarie Fancoil Adatto per riscaldamento e/o raffreddamento nel sistema a 2 o 4 tubi, per montaggio a soffitto o pavimento.

Dettagli

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA per l edilizia residenziale a risparmio energetico

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA per l edilizia residenziale a risparmio energetico VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA per l edilizia residenziale a risparmio energetico VENTILATION WITH HEAT RECOVERY MANUALE DI PROGETTAZIONE E DI INSTALLAZIONE INDICE INTRODUZIONE VANTAGGI DEL SISTEMA

Dettagli

Ventilazione a dislocamento nella riqualificazione

Ventilazione a dislocamento nella riqualificazione IMPIANTI Ventilazione a dislocamento nella riqualificazione Vantaggi e limiti rispetto alla ventilazione per miscelazione e un caso concreto di intervento su due appartamenti di Davide Truffo e Giocchino

Dettagli

emcotherm KQKL Ricircolo, riscaldamento e raffreddamento

emcotherm KQKL Ricircolo, riscaldamento e raffreddamento Ricircolo, riscaldamento e raffreddamento Convettore a pavimento KQK a convenzione forzata per il raffreddamento e riscaldamento nella versione a tubi oppure 4 tubi. KQKl -Tubi > 345mm KQKl 4-Tubi > 345mm

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI Dimensioni edificio - Volume: mc. 35.000 - Superficie: mq. 4.537 Autorimessa - Superficie: mq. 970 - Altezza: mt. 3,70 - Interrata con n 32 posti auto. Hall d ingresso

Dettagli

IL RAFFRESCAMENTO EVAPORATIVO IN CONCRETO Principio di funzionamento e analisi di un impianto di raffrescamento di una tipografia industriale.

IL RAFFRESCAMENTO EVAPORATIVO IN CONCRETO Principio di funzionamento e analisi di un impianto di raffrescamento di una tipografia industriale. IL RAFFRESCAMENTO EVAPORATIVO IN CONCRETO Principio di funzionamento e analisi di un impianto di raffrescamento di una tipografia industriale. Il raffrescamento evaporativo (chiamato in alcuni casi anche

Dettagli

Il raffrescamento estivo con gli impianti radianti

Il raffrescamento estivo con gli impianti radianti Il raffrescamento estivo con gli impianti radianti Raffrescamento a pavimento Il sistema radiante a pavimento, oltre ad essere considerato il miglior impianto di riscaldamento per il periodo invernale,

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Cultuali e Paesaggistici della Calabria Regione Calabria Unione Europea POR CALABRIA FESR 2007-2013 ASSE V RISORSE NATURALI,

Dettagli

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA (VMC)

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA (VMC) CASA NO GAS VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA (VMC) LA VENTILAZIONE Direttiva 2002/91/CE Rendimento energetico nell edilizia 1 LA VENTILAZIONE Si utilizza l aria esterna per rinnovare l aria all interno

Dettagli

dell umidità Con la ventilazione meccanica controllata è possibile avere il controllo dell umidità in ambiente? Ottobre 2014

dell umidità Con la ventilazione meccanica controllata è possibile avere il controllo dell umidità in ambiente? Ottobre 2014 Ottobre 2014 dell umidità Con la ventilazione meccanica controllata è possibile avere il controllo dell umidità in ambiente? La costruzione degli edifici negli ultimi anni sta vivendo una specie di rivoluzione:

Dettagli

Heating and Cooling loads calculation according to ASHRAE Handbook 2001 - RTS Method

Heating and Cooling loads calculation according to ASHRAE Handbook 2001 - RTS Method Heating and Cooling loads calculation according to ASHRAE Handbook 2001 - RTS Method PREMESSA Gli impianti termo-meccanici in oggetto sono relativi alla manutenzione del REPARTO DI NEURO RADIOLOGIA dell

Dettagli

Aspetti tecnici per spiegare la presenza di umidità - muffa e condensa sui muri o su pavimenti e pareti fredde in genere

Aspetti tecnici per spiegare la presenza di umidità - muffa e condensa sui muri o su pavimenti e pareti fredde in genere Aspetti tecnici per spiegare la presenza di umidità - muffa e condensa sui muri o su pavimenti e pareti fredde in genere La presenza di muffa sulle pareti è una situazione tipica di condensa dell umidità

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI MECCANICI

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI MECCANICI PROGETTO DEFINITIVO EX FILAN D A D I MALVAGLIO _ OFFICIN A D I CREATIVITÀ E CULTURA COMUN E D I ROBECHETTO CON IN D UN O (MI) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI MECCANICI Settembre 2010 Sommario PROGETTO DEFINITIVO...1

Dettagli

Il Tecnico Ing. Renato Borrini

Il Tecnico Ing. Renato Borrini COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO E DI RICAMBIO DELL ARIA E DELL IMPIANTO IDRICO- SANITARIO A SERVIZIO DELLA DISCOTECA SESTO SENSO SITA

Dettagli

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE?

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? La pompa di calore è costituita da un circuito chiuso, percorso da uno speciale

Dettagli

Riduzione Odori e Grassi UV-SMELL-RK

Riduzione Odori e Grassi UV-SMELL-RK UV-SMELL-RK UV-SMELL-RK Apparecchio a raggi UV-C + Ozono + Tiox per l abbattimento dei cattivi odori e dei grassi nelle cappe aspiranti delle cucine. UV-SMELL-RK è un modulo emettitore che può essere equipaggiato

Dettagli

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Display I deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza della serie sono stati progettati per garantire la deumidificazione

Dettagli

1) ESPOSIZIONE PIANO SECONDO

1) ESPOSIZIONE PIANO SECONDO 1) ESPOSIZIONE PIANO SECONDO 1.01 Fornitura e posa ventilconvettori ribassato tipo EURAPO modello RIBASSATI CVR-EST 216 o similare: - Potenza termica riscaldamento = 4,59 kw - Potenza termica raffrescamento

Dettagli

OMNIA RADIANT VENTILCONVETTORE CON PIASTRA RADIANTE IL VENTILCONVETTORE CON 3 MODALITÀ DI RISCALDAMENTO

OMNIA RADIANT VENTILCONVETTORE CON PIASTRA RADIANTE IL VENTILCONVETTORE CON 3 MODALITÀ DI RISCALDAMENTO RADIANT VENTILCONVETTORE CON PIASTRA RADIANTE IL VENTILCONVETTORE CON 3 MODALITÀ DI RISCALDAMENTO Installazione a parete o a pavimento Versioni on-off e ad Inverter, abbinabile al sistema di gestione VMF

Dettagli