FONDO DI GARANZIA PER LE PMI COSTIUITO PRESSO MCC (Art. 2, comma 100, lett. a) Legge 662/96)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDO DI GARANZIA PER LE PMI COSTIUITO PRESSO MCC (Art. 2, comma 100, lett. a) Legge 662/96)"

Transcript

1 FONDO DI GARANZIA PER LE PMI COSTIUITO PRESSO MCC (Art. 2, comma 100, lett. a) Legge 662/96) Premessa Il Fondo di garanzia per le PMI (di seguito Fondo) è stato costituito presso MCC con Legge 662/96. Il Fondo interviene a garanzia (a prima richiesta) di operazioni finanziarie a favore di PMI (compresi gli artigiani), perfezionate da Banche, Intermediari finanziari ex art. 107 TUB (di seguito Intermediari) e SFIS (Società Finanziaria per l Innovazione e lo Sviluppo). Tra le operazioni di finanziamento assistite dalla Garanzia rientra espressamente la locazione finanziaria; i relativi contratti possono essere definiti sia a canoni fissi che variabili, liberamente negoziati tra le parti. L intervento del Fondo è assistito da garanzia dello Stato e, quindi, per la quota garantita, è a ponderazione zero per i soggetti finanziatori. La dotazione del Fondo è attualmente pari a 1,5 miliardi di Euro, in grado di assicurare l operatività fino al Sono previste tre tipologie di garanzia: i) Garanzia Diretta; ii) Controgaranzia; iii) Cogaranzia. Nel prosieguo, ci occuperemo essenzialmente della Garanzia Diretta, particolarmente interessante per le società di leasing, in quanto la garanzia è prestata direttamente a favore del soggetto finanziatore. Attualmente il limite massimo garantito per ciascuna impresa è pari a 1,5 milioni di Euro. La valutazione dei beneficiari è condotta sulla base di specifici modelli; particolarmente snella la procedura per il Microcredito e le operazioni semplificate. La percentuale di copertura va dal 60% all 80% dell operazione, a seconda del tipo di impresa e di ubicazione. Il costo flat della copertura va da un minimo dello 0,125% (dell importo garantito) ad un massimo dell 1%, in funzione del tipo di impresa e dell ubicazione. Principali - Gestore indica UniCredit MedioCredito Centrale S.p.A.; definizioni - Comitato, indica l organo MCC competente a deliberare sulla concessione della garanzia; - PMI, indica le piccole e medie imprese, economicamente e finanziariamente sane, costituite anche in forma cooperativa, in possesso dei parametri dimensionali di cui alla disciplina comunitaria in materia di aiuti di Stato alle PMI, vigente alla data di presentazione della richiesta di ammissione ai benefici del Fondo; - Piccole imprese, indica le imprese, economicamente e finanziariamente sane, costituite anche in forma cooperativa, definite di piccola dimensione ai sensi della disciplina comunitaria in materia di aiuti di Stato alle PMI; - Consorzi, indica consorzi e società consortili tra PMI e società consortili miste, economicamente e finanziariamente sani (le società consortili miste devono essere in possesso dei parametri dimensionali di cui alla disciplina comunitaria in materia di aiuti di Stato alle piccole e medie imprese); - Intermediari, indica gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all articolo 107 del decreto legislativo , n. 385; - Finanziamenti a medio - lungo termine, indica i finanziamenti, ivi compresa la locazione finanziaria, di durata superiore a 18 mesi e non superiore a 10 anni concessi a PMI e Consorzi a fronte di Investimenti; - Contratti d area indica i contratti d area di cui all art. 2, commi 203 e seguenti della legge 23 dicembre 1996, n. 662; - Patti territoriali indica i patti territoriali di cui all art. 2, commi 203 e seguenti della legge 23 dicembre 1996, n. 662; Imprese a prevalente partecipazione femminile indica le società cooperative e le società di persone costituite in misura non inferiore al 60% da donne, le società di capitali le cui quote di partecipazione spettino in misura non inferiore ai due terzi a donne e i cui organi di amministrazione siano costituiti per almeno i due terzi da donne, nonché le imprese individuali gestite da donne, che operino nei settori dell industria, dell artigianato, dell agricoltura, del commercio, del turismo e dei servizi. Beneficiari PMI italiane appartenenti a qualsiasi settore con eccezione di quelli sensibili 1

2 Tipi garanzia di esclusi dall UE - valutate economicamente e finanziariamente sane secondo i modelli predisposti da MCC; consorzi e società consortili costituiti tra piccole e medie imprese e società consortili miste; Garanzia Diretta, indica la garanzia prestata dal Fondo direttamente a favore dei soggetti finanziatori; Controgaranzia, indica la garanzia prestata dal Fondo a favore dei Confidi e degli altri fondi di garanzia; Cogaranzia, indica la garanzia prestata dal Fondo direttamente a favore dei soggetti finanziatori e congiuntamente ai Confidi, agli altri fondi di garanzia ovvero a fondi di garanzia istituiti nell ambito della Unione Europea o da essa cofinanziati. 2

3 Modalità di intervento Natura Garanzia dello Stato Decorrenza Operazioni ammissibili Importo massimo garantito Investimenti ammissibili Percentuale di copertura Cumulabilità Valutazione del merito creditizio Costi La Garanzia Diretta La Garanzia diretta è concessa direttamente alle Banche ed agli Intermediari A prima richiesta, esplicita, incondizionata ed irrevocabile, diretta (nel senso che si riferisce ad una singola esposizione). L intervento del Fondo è assistito dalla garanzia dello Stato. L effetto è quello di riconoscere l attenuazione del rischio di credito sulle garanzie concesse dal Fondo. I soggetti finanziatori potranno pertanto applicare alle esposizioni garantite la c.d. ponderazione zero. Ha effetto dalla data di concessione da parte del Comitato o dalla data di valuta dell erogazione del finanziamento, se questa è successiva alla concessione della garanzia. Qualsiasi tipologia di operazione finanziaria direttamente finalizzata all attività d impresa. L importo massimo garantito complessivo per ciascuna impresa beneficiaria è pari a ,00 Euro. Investimenti materiali ed immateriali da effettuare nel territorio nazionale successivamente alla data di presentazione della richiesta di finanziamento al soggetto finanziatore. Gli investimenti non devono essere una mera sostituzione di quelli già esistenti e non devono essere alienati, ceduti o distratti per 5 anni dalla data di ammissione all intervento del Fondo. Sono esclusi gli investimenti relativi a mezzi di trasporto iscritti ai Pubblici Registri, fatta eccezione per i mezzi di trasporto destinati al trasporto di specifici beni e distinti da una particolare attrezzatura relativa a tale scopo. La Garanzia è concessa nelle seguenti percentuali sul costo del bene: per le imprese femminili, le imprese ubicate nei territori 87.3.a (aree depresse del Mezzogiorno) e le imprese che sottoscrivono Contratti d Area o Patti Territoriali: fino all 80% dell operazione e, in caso di insolvenza, fino all 80% dell ammontare dell esposizione rilevato al 60 giorno successivo alla data di avvio delle procedure di recupero; per gli altri soggetti beneficiari: fino al 60% dell operazione e, in caso di insolvenza, fino al 60% dell ammontare dell esposizione rilevato al 60 giorno successivo alla data di avvio delle procedure di recupero. Nel caso di locazione finanziaria l ammontare dell operazione è pari al costo del bene. Sulla quota di finanziamento garantita dal Fondo non può essere acquisita alcuna altra garanzia reale, assicurativa e bancaria. Sulla parte residua del finanziamento, possono essere acquisite garanzie reali, assicurative, bancarie, il cui valore cauzionale complessivo (calcolato secondo le percentuali riportate nella Tabella 1) non superi la quota di finanziamento non coperta dalla garanzia del Fondo. Effettuata sulla base di specifici modelli. In caso di Microcredito ed operazioni semplificate i soggetti richiedenti la garanzia possono certificare il merito di credito delle imprese beneficiarie trasmettendo una dichiarazione attestante il ricorrere di determinate condizioni. In questi casi alle operazioni è riconosciuta la priorità nell istruttoria e nella delibera di concessione della garanzia. Sono operazioni semplificate quelle con le seguenti caratteristiche: Assenza di garanzie reali, bancarie o assicurative Impresa rientrante nella fascia 1 del modello di valutazione Importo dell operazione < = 20% del fatturato dell impresa (15% nel caso di operazioni fino a 36 mesi) Eventuale diminuzione del fatturato dell ultimo esercizio rispetto all esercizio precedente: < 40% Eventuale perdita in uno degli ultimi due bilanci approvati < = 5% del fatturato Sono operazioni di Microcredito quelle con le seguenti caratteristiche: Assenza di garanzie reali, bancarie o assicurative Utile in entrambi gli ultimi due bilanci approvati Importo dell operazione < Euro (elevabile fino a Euro al ricorrere di determinati condizioni) Entro 3 mesi dalla delibera del Comitato MCC, il richiedente la Garanzia deve versare al 3

4 Medie imprese e Consorzi Fondo una commissione flat, secondo la seguente tabella (la percentuale è riferita all importo garantito): Zone 87.3.a (aree Zone 87.3.c (aree depresse Restanti territori deprese del del Centro Nord) Mezzogiorno) Contratti d Area/ Patti Territoriali Imprese Femminili - 0,50% 1,00% Piccole imprese - 0,25% 0,50% Microimprese - 0,125% 0,25% 4

5 Presentazione della domanda Attivazione (escussione) della Garanzia Procedura per l intervento del Fondo Deve avvenire entro 6 mesi dalla delibera dell Intermediario richiedente o può avvenire anche preventivamente (in questo caso entro i 3 mesi successivi alla delibera del Comitato MCC deve seguire la delibera dell Intermediario). La domanda è presentata dall Intermediario per fax o via web previa autenticazione sul sito del gestore. A) Richieste presentate prima della delibera di concessione del finanziamento. L Intermediario deve: comunicare la concessione del finanziamento entro i 3 mesi successivi alla delibera del Comitato MCC; erogare almeno il 25% del finanziamento entro i 12 mesi successivi alla delibera del Comitato MCC; trasmettere, entro i 3 mesi successivi alla data di erogazione a saldo, una dichiarazione attestante la data di valuta di erogazione, l importo erogato e la data di scadenza dell ultima rata. B) Richieste presentate entro i 6 mesi successivi alla delibera di concessione del finanziamento. L Intermediario deve: erogare almeno il 25% del finanziamento entro i 12 mesi successivi alla delibera del Comitato; trasmettere, entro i 3 mesi successivi alla data di erogazione a saldo, una dichiarazione attestante la data di valuta di erogazione, l importo erogato e la data di scadenza dell ultima rata. In caso di locazione finanziaria, per erogazione del finanziamento si intende la consegna del bene. Entro 2 mesi dalla data di arrivo della richiesta, il Comitato delibera (entro giorni lavorativi per il Microcredito e le operazioni semplificate ). I beni devono essere consegnati entro 12 mesi dalla delibera del Comitato. Entro 3 mesi dalla consegna del bene, si deve comunicare al Gestore: la data di consegna; il costo di acquisto dei beni, al netto di IVA; la data di scadenza dell ultimo canone. Entro 12 mesi dal verificarsi dell inadempimento, l Intermediario deve procedere con l intimazione del pagamento per i canoni insoluti, il capitale residuo e gli interessi di mora. L intimazione di pagamento può avvenire alternativamente mediante: a) raccomandata A/R, con diffida di pagamento, b) decreto ingiuntivo o, in caso di procedure concorsuali, istanza di ammissione allo stato passivo. Trascorsi 60 giorni senza esito positivo di pagamento ed entro 120 giorni dalla data di intimazione di cui sopra si può richiedere l attivazione del Fondo. Unitamente alla domanda deve essere inoltrata: copia della delibera dell operazione di locazione finanziaria; copia del contratto di leasing; copia del verbale di consegna; copia del piano di locazione finanziaria con le relative scadenze; dichiarazione in cui si attesti la data di inadempimento, la data di avvio delle procedure di recupero del credito; l eventuale somma dovuta dai Confidi e la relativa richiesta di escussione; copia dei bilanci dell impresa; copia della documentazione inerente eventuali garanzie reali o personali acquisite. Ricevuta la documentazione, il Gestore procede con la liquidazione entro 90 giorni. 5

6 Tabella 1 - percentuali per la determinazione del valore cauzionale delle garanzie 6

Finanziamenti Piccole e medie Imprese: Fondo di Garanzia

Finanziamenti Piccole e medie Imprese: Fondo di Garanzia Finanziamenti Piccole e medie Imprese: Fondo di Garanzia Il Fondo di Garanzia Si tratta di uno strumento a sostegno dell attività imprenditoriale che, grazie alla Legge 662 del 1996, apporta un importante

Dettagli

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 GARANZIA DIRETTA (Banca) Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle PMI mediante la concessione di una garanzia

Dettagli

FONTI NORMATIVE MI - L. 662/96. Garanzia per le PM Il Fondo di G

FONTI NORMATIVE MI - L. 662/96. Garanzia per le PM Il Fondo di G aranzia per le P FONTI NORMATIVE Finalità dell intervento Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica Principali riferimenti

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER LE IMPRESE ANNO 2016

AGEVOLAZIONI PER LE IMPRESE ANNO 2016 AGEVOLAZIONI PER LE IMPRESE ANNO 2016 Informazioni estratte dal sito del Ministero dello Sviluppo Economico www.sviluppoeconomico.gov.it SUPER AMMORTAMENTO BENI STRUMENTALI Legge n. 208 del 2015 art. 1

Dettagli

Il Fondo di garanzia per le PMI a supporto del microcredito

Il Fondo di garanzia per le PMI a supporto del microcredito Il Fondo di garanzia per le PMI a supporto del microcredito Consiglio Regionale della Toscana Commissione Regionale Pari Opportunità Sala delle Feste, Palazzo Bastogi Firenze, 15 luglio 2016 Paolo Rita

Dettagli

Il Fondo di garanzia per le PMI - Legge 662/96

Il Fondo di garanzia per le PMI - Legge 662/96 Il Fondo di garanzia per le PMI - Legge 662/96 L intervento pubblico di garanzia sul credito alle PMI Milano, 14 aprile 2010 Assolombarda Guglielmo Belardi Responsabile Customer Relations Unit MCC S.p.A.

Dettagli

EUROPA CREATIVA E FONDO CENTRALE DI GARANZIA INTERVENTI DIRETTI E INDIRETTI

EUROPA CREATIVA E FONDO CENTRALE DI GARANZIA INTERVENTI DIRETTI E INDIRETTI EUROPA CREATIVA E FONDO CENTRALE DI GARANZIA INTERVENTI DIRETTI E INDIRETTI Il Fondo di Garanzia per le PMI Meccanismi operativi Guglielmo Belardi Responsabile Area Promozione e Assistenza Commerciale

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI

Il Fondo di Garanzia per le PMI Il Fondo di Garanzia per le PMI Daniele Sciarrini - Comitato di Indirizzo - RTI Gestore del Fondo di Garanzia Silvia Lorenzini - Team di Assistenza alla Clientela - RTI Gestore del Fondo di Garanzia Bologna,

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI. Energy Performance Contracting per le imprese Aspetti operativi, tecnici, finanziari

Il Fondo di Garanzia per le PMI. Energy Performance Contracting per le imprese Aspetti operativi, tecnici, finanziari Il Fondo di Garanzia per le PMI Energy Performance Contracting per le imprese Aspetti operativi, tecnici, finanziari Guglielmo Belardi Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale Presidente del Comitato

Dettagli

Il Fondo di garanzia per le PMI

Il Fondo di garanzia per le PMI Il Fondo di garanzia per le PMI Pierpaolo Brunozzi Responsabile Area Fondi di Garanzia e Interventi per il Capitale di Rischio Centro Servizi Marmo, Volargne di Dolcè, Verona, 8 luglio 2013 Le caratteristiche

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PMI - SEZIONE TECNOLOGIE DIGITALI

FONDO DI GARANZIA PER LE PMI - SEZIONE TECNOLOGIE DIGITALI Allegato 1 pag. 1. di 11 Data... /... /... MCC SPA Via Piemonte, 51 00187 ROMA POS. MC (a cura del MCC) FONDO DI GARANZIA PER LE PMI - SEZIONE TECNOLOGIE DIGITALI LEGGE 662/96 ART. 2 COMMA 100 LETT. A),

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA E ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA E ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA E ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Direzione generale Agenzia del Distretto Idrografico della Sardegna e Direzione

Dettagli

Opportunità di accesso al credito per le nuove imprese

Opportunità di accesso al credito per le nuove imprese Opportunità di accesso al credito per le nuove imprese Maria Paola Cometti Responsabile Settore Promozione Estero Tutela e regolazione del mercato IL FONDO CENTRALE DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo sostiene

Dettagli

Bando per l erogazione di contributi alle PMI finalizzati al sostegno per l accesso al credito R E G O L A M E N TO

Bando per l erogazione di contributi alle PMI finalizzati al sostegno per l accesso al credito R E G O L A M E N TO Bando per l erogazione di contributi alle PMI finalizzati al sostegno per l accesso al credito Art. 1 Finalità R E G O L A M E N TO La Camera di Commercio di Como, nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

IL FONDO CENTRALE DI GARANZIA, ALCUNE LINEE EVOLUTIVE

IL FONDO CENTRALE DI GARANZIA, ALCUNE LINEE EVOLUTIVE IL FONDO CENTRALE DI GARANZIA, ALCUNE LINEE EVOLUTIVE Intervento Dott. Giuseppe Edoardo Solarino Componente Comitato di gestione Fondo centrale di garanzia PMI Foggia, Università degli studi di Foggia

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 2, comma 100, lettera a), della legge 23 dicembre 1996, n. 662, che ha istituito il Fondo

Dettagli

PARTE X DISPOSIZIONI IN TEMA DI TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI E DI INFORMAZIONE AI SOGGETTI BENEFICIARI FINALI (PIANO DELLA TRASPARENZA)

PARTE X DISPOSIZIONI IN TEMA DI TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI E DI INFORMAZIONE AI SOGGETTI BENEFICIARI FINALI (PIANO DELLA TRASPARENZA) PARTE X DISPOSIZIONI IN TEMA DI TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI E DI INFORMAZIONE AI SOGGETTI BENEFICIARI FINALI (PIANO DELLA TRASPARENZA) A. Piano della Trasparenza Il Fondo è uno strumento di mitigazione

Dettagli

Fondo Rotativo Piccolo Credito. Fondo di Riassicurazione. Garanzia Equity. Voucher Garanzia

Fondo Rotativo Piccolo Credito. Fondo di Riassicurazione. Garanzia Equity. Voucher Garanzia FARE LAZIO La Regione dà credito ai tuoi progetti 62,5 milioni di euro per l accesso al credito di piccole e medie imprese e liberi professionisti CON FARE CREDITO QUATTRO STRUMENTI INNOVATIVI PER OFFRIRE

Dettagli

Toscana: Fondo di rotazione per la prestazione di garanzie a giovani professionisti

Toscana: Fondo di rotazione per la prestazione di garanzie a giovani professionisti Toscana: Fondo di rotazione per la prestazione di garanzie a giovani professionisti Descrizione In breve Fondo regionale di rotazione in attuazione della legge regionale 30 dicembre 2008 n. 73, norme in

Dettagli

Gli strumenti di sostegno agli investimenti e forme di garanzia

Gli strumenti di sostegno agli investimenti e forme di garanzia Gli strumenti di sostegno agli investimenti e forme di garanzia Intervento di Andrea Ricci Responsabile Area Territoriale Imprese e Corporate Crédit Agricole Carispezia www.credit-agricole.it www.credit-agricole.it

Dettagli

Fondo Centrale di garanzia per le PMI

Fondo Centrale di garanzia per le PMI 1 OSSERVATORIO Comitato di Gestione del Fondo di Garanzia Fondo Centrale di garanzia per le PMI Schede di sintesi 2 Sommario Scheda 1 - Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese: breve cronologia

Dettagli

WORKSHOP OPPORTUNITA E STRUMENTI PER IL FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE MARZO 2014 Intervento dott. Sandro Di Cicco

WORKSHOP OPPORTUNITA E STRUMENTI PER IL FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE MARZO 2014 Intervento dott. Sandro Di Cicco WORKSHOP OPPORTUNITA E STRUMENTI PER IL FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE 28 29 MARZO 2014 Intervento dott. Sandro Di Cicco Responsabile Agevolazioni Iccrea BancaImpresa 1 AGEVOLAZIONI : UN SUPPORTO ALLE

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per l impiantistica sportiva: una nuova opportunità per lo sport

Il Fondo di Garanzia per l impiantistica sportiva: una nuova opportunità per lo sport Il Fondo di Garanzia per l impiantistica sportiva: una nuova opportunità per lo sport Gestore: Istituto per il Credito Sportivo a cura di: Carlo MANCA Roma, 7 marzo 2016 Legge 289/2002 (Finanziaria 2003)

Dettagli

ALLEGATO 19a RICHIESTA DI PROLUNGAMENTO DELLA GARANZIA DIRETTA Pag. 1 di 3

ALLEGATO 19a RICHIESTA DI PROLUNGAMENTO DELLA GARANZIA DIRETTA Pag. 1 di 3 ALLEGATO 19a RICHIESTA DI PROLUNGAMENTO DELLA GARANZIA DIRETTA Pag. 1 di 3 Data... /... /... MedioCredito Centrale SPA Via Piemonte, 51 00187 ROMA Servizio Fondi di Garanzia Ufficio Gestione - Liquidazione

Dettagli

Beni Strumentali - Nuova Sabatini (Ter)

Beni Strumentali - Nuova Sabatini (Ter) Beni Strumentali - Nuova Sabatini (Ter) GUIDA ALLA NUOVA SABATINI (TER) NORMATIVA ESSENZIALE DI RIFERIMENTO -Art.2 decreto-legge n.69/2013 -Art.1 della legge 23 dicembre 2014 n.190 (Legge di Stabilità

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI

Il Fondo di Garanzia per le PMI Il Fondo di Garanzia per le PMI Sezione Speciale Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità L assistenza alla Sezione Speciale per le Imprese Femminili Marcello Strafella

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 9 DELIBERAZIONE 21 febbraio 2011, n. 88

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 9 DELIBERAZIONE 21 febbraio 2011, n. 88 2.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 9 DELIBERAZIONE 21 febbraio 2011, n. 88 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO 2007-2013

Dettagli

PRESENTAZIONE I SERVIZI OFFERTI DA MITIGO

PRESENTAZIONE I SERVIZI OFFERTI DA MITIGO PRESENTAZIONE I SERVIZI OFFERTI DA MITIGO Torino, 19 Febbraio 2016 Agenda v Chi siamo v I servizi offerti da MitiGo per l accesso alla controgaranzia del FG v Principali caratteristiche della controgaranzia

Dettagli

EQUIPARAZIONE DEI LIBERI PROFESSIONISTI ALLE PMI PER L ACCESSO AI FONDI EUROPEI

EQUIPARAZIONE DEI LIBERI PROFESSIONISTI ALLE PMI PER L ACCESSO AI FONDI EUROPEI EQUIPARAZIONE DEI LIBERI PROFESSIONISTI ALLE PMI PER L ACCESSO AI FONDI EUROPEI Davide Barberis Gruppo di Lavoro Finanza Agevolata Torino, 29 febbraio 2016 PRINCIPALI FONTI Regolamento UE n. 1303/2013

Dettagli

IL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

IL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Seminario: I Confidi IL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Adriana Mauro Componente del TRATTI ESSENZIALI Il Fondo di garanzia per le PMI è stato costituito presso MCC con legge n. 662/96 (art. 2, comma 100,

Dettagli

FONDO UNICO REGIONALE DI INGEGNERIA FINANZIARIA

FONDO UNICO REGIONALE DI INGEGNERIA FINANZIARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI POR CALABRIA FESR 2007/2013 Asse VII Sistemi Produttivi Obiettivo Specifico 7.1

Dettagli

Allegato 9ter Richiesta di attivazione del Fondo di garanzia da parte del soggetto finanziatore - Controgaranzia a prima richiesta Pagina 1 di 6

Allegato 9ter Richiesta di attivazione del Fondo di garanzia da parte del soggetto finanziatore - Controgaranzia a prima richiesta Pagina 1 di 6 Pagina 1 di 6 Data: Spettabile Banca del Mezzogiorno - MedioCredito Centrale Spa Area Fondi di Garanzia e Interventi per il Capitale di Rischio Area Gestione - Liquidazione Perdite Viale America, 351 00144

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

Servizi offerti da MitiGo

Servizi offerti da MitiGo Servizi offerti da MitiGo Agenda Chi è MitiGo I servizi offerti da MitiGo per l accesso alla controgaranzia del FG Principali caratteristiche della controgaranzia FG per PMI Contesto di riferimento Mitigo

Dettagli

IL FONDO DI GARANZIA PER IL CREDITO AL CONSUMO PROMOSSO DAL MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE: PIÚ CREDITO PIÚ CONSUMI

IL FONDO DI GARANZIA PER IL CREDITO AL CONSUMO PROMOSSO DAL MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE: PIÚ CREDITO PIÚ CONSUMI Ministero delle Attività Produttive IL FONDO DI GARANZIA PER IL CREDITO AL CONSUMO PROMOSSO DAL MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE: PIÚ CREDITO PIÚ CONSUMI Franco Mario Sottile Vice Direttore Generale

Dettagli

INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO REGIONALE (art. 11 c. 1 e 5 del decreto 81/2008 e s.m.i)

INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO REGIONALE (art. 11 c. 1 e 5 del decreto 81/2008 e s.m.i) INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO AVVISO REGIONALE 2013 (art. 11 c. 1 e 5 del decreto 81/2008 e s.m.i) Entità del finanziamento A livello nazionale: 307 milioni di euro circa Per

Dettagli

Gli strumenti per favorire l accesso al credito delle Pmi

Gli strumenti per favorire l accesso al credito delle Pmi Gli strumenti per favorire l accesso al credito delle Pmi Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance.eu Sintesi dei principali

Dettagli

ELENCO AGEVOLAZIONI PUBBLICHE AMMESSE A BENEFICIO. Breve descrizione dell agevolazione. Contributi in conto. finanziamenti per la realizzazione di

ELENCO AGEVOLAZIONI PUBBLICHE AMMESSE A BENEFICIO. Breve descrizione dell agevolazione. Contributi in conto. finanziamenti per la realizzazione di Oggetto: Adesione della Regione Sardegna al nuovo Accordo la ripresa 2015", sottoscritto dall'abi e dalle associazioni imprenditoriali in data 31 marzo 2015. Aggiornamento elenco strumenti finanziari oggetto

Dettagli

Circolare informativa 7/2016. ( a cura di Sara Razzi)

Circolare informativa 7/2016. ( a cura di Sara Razzi) Roma, 28 marzo 2016 Circolare informativa 7/2016 ( a cura di Sara Razzi) NUOVA LEGGE SABATINI È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n 58 del 10 marzo 2016 il decreto interministeriale 25 gennaio

Dettagli

Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese. Legge n. 662/1996 art. 2 comma 100 lett. A); Legge n. 266/1997 art. 15; D.M. n.

Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese. Legge n. 662/1996 art. 2 comma 100 lett. A); Legge n. 266/1997 art. 15; D.M. n. Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese Legge n. 662/1996 art. 2 comma 100 lett. A); Legge n. 266/1997 art. 15; D.M. n. 248/1999 Criteri per l'autorizzazione dei confidi e degli altri fondi di

Dettagli

Allegato parte integrante

Allegato parte integrante Allegato parte integrante Allegato d) - Modifiche ed integrazioni ai criteri e modalità per gli aiuti alla nuova imprenditorialità femminile e giovanile Modifiche ed integrazioni ai criteri e modalità

Dettagli

Le agevolazioni creditizie per le Startup Innovative: Il Fondo Centrale di garanzia Smart&Start Italia

Le agevolazioni creditizie per le Startup Innovative: Il Fondo Centrale di garanzia Smart&Start Italia Le agevolazioni creditizie per le Startup Innovative: Il Fondo Centrale di garanzia Smart&Start Italia Paolo Borgaro Commerciale Corporate Nord Ovest Il Fondo Centrale di garanzia: Strumento di garanzia

Dettagli

Stato Agevolazione. Beneficiari. Normativa. Art 1, comma 346, legge 296/2006 (Finanziaria 2007) e Art.1, comma 20, Legge 244/2007 (Finanziaria 2008)

Stato Agevolazione. Beneficiari. Normativa. Art 1, comma 346, legge 296/2006 (Finanziaria 2007) e Art.1, comma 20, Legge 244/2007 (Finanziaria 2008) Stato Agevolazione Beneficiari Normativa Detrazione in conto capitale del 55% in 3-10 quote annuali fino ad un massimo di 60.000 euro Persone fisiche. Enti, società semplici, società in nome collettivo,

Dettagli

autonomielocali srl unipersonale La società di consulenza per l internazionalizzazione delle imprese italiane

autonomielocali srl unipersonale La società di consulenza per l internazionalizzazione delle imprese italiane 1 Incentivi regionali a tutto campo Fondi per rinnovabili, macchinari e consolidare la passività Abruzzo: possibile consolidare le passività a breve. In Abruzzo, le pmi possono ancora accedere a una particolare

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/6 FONDO DI GARANZIA E CONTROGARANZIA SETTORE TURISMO (Legge regionale 4 novembre 2002, n. 33, articoli 101 e 103) Nuove disposizioni generali

Dettagli

Legge 25 febbraio 1992 n.215 "Azioni positive per l'imprenditoria femminile"

Legge 25 febbraio 1992 n.215 Azioni positive per l'imprenditoria femminile Legge 25 febbraio 1992 n.215 "Azioni positive per l'imprenditoria femminile" Soggetti beneficiari Possono beneficiare alle agevolazioni in questione tutte le imprese rispondenti ai requisiti di prevalente

Dettagli

Sezione Speciale Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità

Sezione Speciale Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità Sezione Speciale Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità L assistenza alla Sezione Speciale per le Imprese Femminili Sabrina Fausta Aloise Istituto Centrale delle Banche

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA E ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA E ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA E ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Direzione generale Agenzia del Distretto Idrografico della Sardegna e Direzione

Dettagli

REGIONE LIGURIA DISPOSIZIONI OPERATIVE DEL FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER L ARTIGIANATO (EX FONDO DI GARANZIA LEGGE 1068/64)

REGIONE LIGURIA DISPOSIZIONI OPERATIVE DEL FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER L ARTIGIANATO (EX FONDO DI GARANZIA LEGGE 1068/64) Allegato alla lettera circolare del 29 gennaio 2007 REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE LIGURIA DISPOSIZIONI OPERATIVE DEL FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER L ARTIGIANATO (EX FONDO DI

Dettagli

MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 26 aprile 2013: Criteri e modalita' semplificati di accesso all'intervento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese di cui all'articolo 2, comma 100, lettera a), della legge 23 dicembre

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO valido dal 05/07/2012

FOGLIO INFORMATIVO valido dal 05/07/2012 INFORMAZIONI GENERALI FOGLIO INFORMATIVO valido dal 05/07/2012 APIVENETO FIDI SOCIETA COOPERATIVA DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI Sede legale Vicenza, Galleria Francesco Crispi n. 45 Telefono 0444/232240 Fax

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Gestore unico MCC SpA Customer Relations Unit Fondo di

Dettagli

Giovani Imprenditori in Agricoltura: Gli strumenti di Invitalia per lo sviluppo e la competitività

Giovani Imprenditori in Agricoltura: Gli strumenti di Invitalia per lo sviluppo e la competitività Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Giovani Imprenditori in Agricoltura: Gli strumenti di Invitalia per lo sviluppo e la competitività Convegno OIGA 2009-10

Dettagli

INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI LA NUOVA SABATINI

INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI LA NUOVA SABATINI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI LA NUOVA SABATINI Dal 31 marzo 2014 è possibile inoltrare le domande per la richiesta dei finanziamenti e dei contributi Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 30-07-2012 (punto N 34 ) Delibera N 690 del 30-07-2012 Proponente GIANNI SALVADORI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE

Dettagli

RICHIESTA DI CONCESSIONE GARANZIA N

RICHIESTA DI CONCESSIONE GARANZIA N RICHIESTA DI CONCESSIONE GARANZIA BANCA FILIALE REFERENTE TELEFONO Spett.le APIVENETO FIDI Società Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi Sede Operativa di IL SOTTOSCRITTO IN QUALITA DI LEGALE RAPPRESENTANTE/TITOLARE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CO-FINANZIAMENTO (E LOCAZIONE FINANZIARIA) FONDO DI ROTAZIONE PER L IMPRENDITORIALITA (FRIM) LINEA DI INTERVENTO 7 COOPERAZIONE

FOGLIO INFORMATIVO CO-FINANZIAMENTO (E LOCAZIONE FINANZIARIA) FONDO DI ROTAZIONE PER L IMPRENDITORIALITA (FRIM) LINEA DI INTERVENTO 7 COOPERAZIONE FOGLIO INFORMATIVO CO-FINANZIAMENTO (E LOCAZIONE FINANZIARIA) FONDO DI ROTAZIONE PER L IMPRENDITORIALITA (FRIM) LINEA DI INTERVENTO 7 COOPERAZIONE Numero 2 Data ultimo aggiornamento 1 ottobre 2015 Sezione

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria Settore Lavoro e Politiche Sociali Politiche Giovanili Attività Produttive -Servizio

Provincia di Reggio Calabria Settore Lavoro e Politiche Sociali Politiche Giovanili Attività Produttive -Servizio 1 Provincia di Reggio Calabria Settore Lavoro e Politiche Sociali Politiche Giovanili Attività Produttive -Servizio Attività Produttive- CONVENZIONE SOSTEGNO allo SVILUPPO SCHEDA INFORMATIVA Marzo 2011

Dettagli

Il Credito Agevolato é " Rosa"? Stefano Cocchieri Head Capital Optimization Department

Il Credito Agevolato é  Rosa? Stefano Cocchieri Head Capital Optimization Department Il Credito Agevolato é " Rosa"? Stefano Cocchieri Head Capital Optimization Department Il Credito è Rosa Agevolazioni nazionali Il Fondo Centrale di Garanzia per le PMI Nuove Imprese a tasso zero Agevolazioni

Dettagli

Regolamento unico per la concessione di contributi ai Confidi Art. 1 Finalità dell iniziativa Art. 2 Fondi disponibili e vincoli utilizzo risorse

Regolamento unico per la concessione di contributi ai Confidi Art. 1 Finalità dell iniziativa Art. 2 Fondi disponibili e vincoli utilizzo risorse Regolamento unico per la concessione di contributi ai Confidi Art. 1 Finalità dell iniziativa La Regione Umbria, la Camera di Commercio di Perugia, la Camera di Commercio di Terni e l Unioncamere Umbria

Dettagli

SCHEDA DELLA MISURA 1.3 PER COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE

SCHEDA DELLA MISURA 1.3 PER COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE SCHEDA DELLA MISURA 1.3 PER COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE SEZIONE I IDENTIFICAZIONE DELLA MISURA I.1 Numero e titolo della misura Misura 1.3 Servizi di ingegneria finanziaria I.2 Fondo strutturale interessato

Dettagli

FARE LAZIO NUOVE OPPORTUNITÀ DI ACCESSO AL CREDITO PER PMI E LIBERI PROFESSIONISTI

FARE LAZIO NUOVE OPPORTUNITÀ DI ACCESSO AL CREDITO PER PMI E LIBERI PROFESSIONISTI FARE LAZIO NUOVE OPPORTUNITÀ DI ACCESSO AL CREDITO PER PMI E LIBERI PROFESSIONISTI Su farelazio.it quattro interventi agevolativi per lo sviluppo dell imprenditoria della Regione Lazio. FARE LAZIO LA REGIONE

Dettagli

FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE

FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE Allegato A Regione Marche Programma Operativo Marche F.E.S.R. 2007/2013 FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE MODIFICA DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLE MISURE A SOSTEGNO DEL RAFFORZAMENTO DEI

Dettagli

FONDO INTERCONSORTILE DI GARANZIA DISPOSIZIONI OPERATIVE

FONDO INTERCONSORTILE DI GARANZIA DISPOSIZIONI OPERATIVE FONDO INTERCONSORTILE DI GARANZIA DISPOSIZIONI OPERATIVE ROMA, 10 GENNAIO 2017 INDICE PARTE I DEFINIZIONI......... 3 pag. PARTE II CONTROGARANZIA....... 5 A. RICHIEDENTI, BENEFICIARI, OPERAZIONI AMMISSIBILI.........

Dettagli

«Al Via» Lombardia Agevolazioni per la valorizzazione degli investimenti aziendali

«Al Via» Lombardia Agevolazioni per la valorizzazione degli investimenti aziendali «Al Via» Lombardia Agevolazioni per la valorizzazione degli investimenti aziendali 1 «Al Via» Agevolazioni Lombarde Finalità e avvio dell iniziativa: 13 giugno 2017: pubblicato il bando Dotazione finanziaria

Dettagli

SCHEMA IPOTESI TRANSATTIVA OPERAZIONI DI GARANZIA DIRETTA. Importo finanziamento Durata finanziamento

SCHEMA IPOTESI TRANSATTIVA OPERAZIONI DI GARANZIA DIRETTA. Importo finanziamento Durata finanziamento Allegato A SCHEMA IPOTESI TRANSATTIVA OPERAZIONI DI GARANZIA DIRETTA A. DATI OPERAZIONE A.1. Pos. MCC n. Impresa: Banca finanziatrice A.2. Delibera di accoglimento Comitato gestione Fondo Importo finanziamento

Dettagli

Alle Direzioni generali delle Banche operanti nella Regione Abruzzo 9 gennaio 2012 Loro Sedi Prot. U/ABR/01/12

Alle Direzioni generali delle Banche operanti nella Regione Abruzzo 9 gennaio 2012 Loro Sedi Prot. U/ABR/01/12 COMMISSIONE REGIONALE ABRUZZO Pescara Alle Direzioni generali delle Banche operanti nella Regione Abruzzo 9 gennaio 2012 Loro Sedi Prot. U/ABR/01/12 Nuovo Protocollo d Intesa tra l ABI, la Federazione

Dettagli

TRANCHED COVER PUGLIA SVILUPPO 3 AVVISO. Soft Loans Contribution & Subsiedies

TRANCHED COVER PUGLIA SVILUPPO 3 AVVISO. Soft Loans Contribution & Subsiedies TRANCHED COVER PUGLIA SVILUPPO 3 AVVISO Soft Loans Contribution & Subsiedies Tranched Cover Puglia Sviluppo: che cosa è? Misura finalizzata alla realizzazione di un portafoglio di finanziamenti (tranched

Dettagli

Necessitate dei progetti di fusione in essere attualmente o anche di quelli già avvenuti e che hanno portato alla nascita.?

Necessitate dei progetti di fusione in essere attualmente o anche di quelli già avvenuti e che hanno portato alla nascita.? FAQ AL 24/10/2011 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AI PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E AGGREGAZIONE (AZIONE 1) E PER L INTEGRAZIONE DEI FONDI RISCHI (AZIONE 2) DEI CONFIDI OPERANTI NEL TERRITORIO REGIONALE

Dettagli

Strumenti per l accesso al credito bancario

Strumenti per l accesso al credito bancario Strumenti per l accesso al credito bancario Il Fondo di garanzia sussidiaria Il Fondo di garanzia diretta Roma, 19 gennaio 2010 Gerardo Di Pietro LA BASE NORMATIVA Decreto Legislativo 1 settembre 1993

Dettagli

COMUNE DI VIGGIANO PROVINCIA DI POTENZA AREA: AREA F SPORTELLO SVILUPPO

COMUNE DI VIGGIANO PROVINCIA DI POTENZA AREA: AREA F SPORTELLO SVILUPPO COMUNE DI VIGGIANO PROVINCIA DI POTENZA AREA: AREA F SPORTELLO SVILUPPO DETERMINAZIONE N DetSet 00274/207 del 06/0/207 Responsabile dell'area: SIMONA AULICINO Istruttore proponente: ANGELA NOTO OGGETTO:

Dettagli

Sintesi strumenti agevolativi Regione Calabria

Sintesi strumenti agevolativi Regione Calabria Stampa Sintesi strumenti agevolativi Regione Calabria admin in Di seguito una sintesi degli strumenti di recente approvazione finalizzati ad incentivare lo sviluppo delle imprese (fra cui anche quelle

Dettagli

GARANZIA BCC Cambiano Riqualificazione immobili FIDI TOSCANA S.P.A.

GARANZIA BCC Cambiano Riqualificazione immobili FIDI TOSCANA S.P.A. GARANZIA BCC Cambiano Riqualificazione immobili FIDI TOSCANA S.P.A. INFORMAZIONI SU FIDI TOSCANA S.p.A. INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Nome: FIDI TOSCANA S.p.A. Indirizzo: Viale Mazzini n 46 50132 Firenze

Dettagli

Promozione e sviluppo dell imprenditoria femminile nell attuale crisi. Il ruolo dell associazionismo, delle garanzie e del Credito

Promozione e sviluppo dell imprenditoria femminile nell attuale crisi. Il ruolo dell associazionismo, delle garanzie e del Credito Promozione e sviluppo dell imprenditoria femminile nell attuale crisi. Il ruolo dell associazionismo, delle garanzie e del Credito Note di inquadramento a cura di G. Triolo Roma 10 Aprile 2013 1 Caratteristiche

Dettagli

NUOVI INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO. (art. 11 comma 5 dei decreti 81/2008 e 106/2009)

NUOVI INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO. (art. 11 comma 5 dei decreti 81/2008 e 106/2009) NUOVI INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO (art. 11 comma 5 dei decreti 81/2008 e 106/2009) Entità del finanziamento Interventi finalizzati al miglioramento dei livelli di salute e

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI a supporto del microcredito

Il Fondo di Garanzia per le PMI a supporto del microcredito Il Fondo di Garanzia per le PMI a supporto del microcredito Luca Bonifazi MPS Capital Services S.p.A. RTI Gestore del Fondo di Garanzia Team di Assistenza alla Clientela Parma, 08 Giugno 2016 Principi

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito

Dettagli

Microcredito Imprenditoriale

Microcredito Imprenditoriale Microcredito Imprenditoriale Pavia, 13 dicembre 2016 La normativa Il Microcredito è stato oggetto negli anni di continue evoluzioni normative; il Ministero dell economia e delle finanze (D.M. 17/10/2004

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero: le domande dal 13 gennaio 2016

Nuove imprese a tasso zero: le domande dal 13 gennaio 2016 Nuove imprese a tasso zero: le domande dal 13 gennaio 2016 Conto alla rovescia per gli incentivi di Invitalia rivolti ai giovani e alle donne che vogliono avviare micro e piccole imprese. Dal 13 gennaio

Dettagli

Rif. Descrizione del bene Proprietà Valutazione. Rif. Beneficiario Data iscrizione Debito originario Debito residuo Scadenza

Rif. Descrizione del bene Proprietà Valutazione. Rif. Beneficiario Data iscrizione Debito originario Debito residuo Scadenza DOMANDA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO DI ANTICIPAZIONE PER ACQUISTO DI PARTECIPAZIONI Regione Umbria POR FESR 2007-2013 Attività C2 Servizi finanziari alle PMI Domanda presentata a Richiedente Cognome e

Dettagli

Autoimpiego: agevolazioni per il lavoro autonomo

Autoimpiego: agevolazioni per il lavoro autonomo Autoimpiego: agevolazioni per il lavoro autonomo Descrizione In breve Agevolazione rivolta a persone fisiche che intendono avviare un'attività di lavoro autonomo in forma di ditta individuale. Con avviso

Dettagli

Circolare 6 agosto 2015, n. 59282

Circolare 6 agosto 2015, n. 59282 Circolare 6 agosto 2015, n. 59282 Criteri e modalità di concessione delle agevolazioni di cui alla legge n. 181/1989 in favore di programmi di investimento finalizzati alla riqualificazione delle aree

Dettagli

DISPOSIZIONI OPERATIVE

DISPOSIZIONI OPERATIVE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LEGGE 662/96 ART. 2 COMMA 100 LETT. A); LEGGE 266 /97 ART. 15 ; D.M. 248/99 DECRETO DEL MINISTRO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DEL 18.4.05 - DECRETO DEL MINISTRO

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI UDINE

CAMERA DI COMMERCIO DI UDINE CONSORZIO CAMERALE PER IL CREDITO E LA FINANZA LE PROSPETTIVE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEI MERCATI E DELLE IMPRESE NEI PROSSIMI ANNI CAMERA DI COMMERCIO DI UDINE 12 giugno 2014 STRUMENTI A DISPOSIZIONE

Dettagli

MOLFETTESI 5 STELLE - Pagina 1

MOLFETTESI 5 STELLE  - Pagina 1 Fondo di garanzia per il microcredito Il fondo ha la finalità di finanziare lavoratori autonomi o microimprese rientranti nelle cosiddette fasce deboli ovvero non in condizione di rivolgersi al sistema

Dettagli

Legge di Stabilità 2017 Incentivi fiscali su nuovi investimenti per le imprese. Marzo 2017

Legge di Stabilità 2017 Incentivi fiscali su nuovi investimenti per le imprese. Marzo 2017 Legge di Stabilità 2017 Incentivi fiscali su nuovi investimenti per le imprese Marzo 2017 Contesto economico e produttivo 1 Il mancato rinnovamento tecnologico dei macchinari e degli impianti determina

Dettagli

Azioni a sostegno della finanza per le imprese. Angela Soverini Parma 26 Luglio 2017

Azioni a sostegno della finanza per le imprese. Angela Soverini Parma 26 Luglio 2017 Azioni a sostegno della finanza per le imprese Angela Soverini Parma 26 Luglio 2017 Fondo di cogaranzia Istituito con DGR 231/2010 Dotazione iniziale 50.000.000,00 Successivamente integrato fino a 68.000.000,00

Dettagli

Finanziamenti alle Banche per PMI Convenzione del 17/02/2010 SCHEDA PRODOTTO

Finanziamenti alle Banche per PMI Convenzione del 17/02/2010 SCHEDA PRODOTTO Finanziamenti alle Banche per PMI Convenzione del 17/02/2010 SCHEDA PRODOTTO Contraenti il Finanziamento Le Banche italiane e le succursali di Banche estere comunitarie ed extracomunitarie operanti in

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI ISMEA

GLI STRUMENTI FINANZIARI ISMEA GLI STRUMENTI FINANZIARI ISMEA Bologna, 12 marzo 2014 www.ismea.it www.ismeaservizi.it GLI STRUMENTI GARANZIE garanzia sussidiaria MERITO CREDITIZIO CAPITALE DI RISCHIO azioni dirette garanzia a prima

Dettagli

SCHEDA PRODOTTI INIZIATIVE AMMISSIBILI. Interventi di supporto finanziario ex Misura Anticrisi Mancati Pagamenti

SCHEDA PRODOTTI INIZIATIVE AMMISSIBILI. Interventi di supporto finanziario ex Misura Anticrisi Mancati Pagamenti DISPOSIZIONE UNICHE PER DISPOSIZIONE UNICHE PER DISPOSIZIONE UNICHE PER FONDO DI ROTAZIONE PER L IMPRENDITORIA FEMMINILE L.R. 1/2000 ATTUALMENTE SOSPESO PER MANCANZA DI FONDI Imprese individuali di cui

Dettagli

FRANCESCO SALEMI A.D. NSA SPA. Il finanziamento della MICRO PICCOLA IMPRESA L utilizzo del fondo di garanzia L esperienza di NSA

FRANCESCO SALEMI A.D. NSA SPA. Il finanziamento della MICRO PICCOLA IMPRESA L utilizzo del fondo di garanzia L esperienza di NSA FRANCESCO SALEMI A.D. NSA SPA Il finanziamento della MICRO PICCOLA IMPRESA L utilizzo del fondo di garanzia L esperienza di NSA CHI SIAMO? Società per azioni iscritta all albo dei mediatori creditizi 104

Dettagli

POR 2000/2006 Misura 6.5

POR 2000/2006 Misura 6.5 POR 2000/2006 Misura 6.5 Bando per l internazionalizzazione delle PMI dei Distretti Industriali e Sistemi locali a vocazione Industriale SCHEDA TECNICA A corredo della Domanda di agevolazioni A) DATI SULL

Dettagli

GARANZIA COSTO ZERO START - UP INNOVATIVE FIDI TOSCANA S.P.A.

GARANZIA COSTO ZERO START - UP INNOVATIVE FIDI TOSCANA S.P.A. GARANZIA COSTO ZERO START - UP INNOVATIVE FIDI TOSCANA S.P.A. INFORMAZIONI SU FIDI TOSCANA S.p.A. INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Nome: FIDI TOSCANA S.p.A. Indirizzo: Viale Mazzini n 46 50132 Firenze (FI)

Dettagli

Progetto : START UP House

Progetto : START UP House Progetto : START UP House Azione 1.1 «Si tratta di incrementare l utilizzo delle strutture di incubazione e di innovazione tecnologica presenti nel territorio regionale andando a coordinare ed agevolare

Dettagli

FONDO CREDITO FAQ Le seguenti domande frequenti (FAQ) si riferiscono al Fondo Credito di cui all articolo 17, comma 4 del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102, la cui dotazione finanziaria di cinque

Dettagli

Città di Ugento Provincia di Lecce

Città di Ugento Provincia di Lecce Originale Città di Ugento Provincia di Lecce DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE Settore 3 - Lavori Pubblici e Manutenzione N. 596 Registro Generale N. 111 Registro del Settore Oggetto : PROGETTO DI TELEGESTIONE

Dettagli

PLAFOND BENI STRUMENTALI «Nuova Sabatini» Relatore: G Reggioni. Reggio Emilia, 20 marzo 2014

PLAFOND BENI STRUMENTALI «Nuova Sabatini» Relatore: G Reggioni. Reggio Emilia, 20 marzo 2014 PLAFOND BENI STRUMENTALI «Nuova Sabatini» Relatore: G Reggioni Reggio Emilia, 20 marzo 2014 Agenda Riferimenti normativi Soggetti coinvolti e caratteristiche agevolazione Soggetti beneficiari Investimenti

Dettagli

FAQ FONDO LATTE. (DM 18 aprile GU n. 104 del 5/5/2016)

FAQ FONDO LATTE. (DM 18 aprile GU n. 104 del 5/5/2016) FAQ FONDO LATTE (DM 18 aprile 2016 - GU n. 104 del 5/5/2016) 1 CHI SONO I BENEFICIARI DELL INTERVENTO? Le imprese produttrici di latte bovino, singole o associate, escluse quelle non in regola con i pagamenti

Dettagli

NORME PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI FINALIZZATI ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE

NORME PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI FINALIZZATI ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE NORME PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI FINALIZZATI ALLA NASCITA DI NUOVE IMPRESE Art. 1 Finalità La presente iniziativa rientra nelle attività previste dal Progetto Fondo perequativo Accordo di programma

Dettagli

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE Presentazione 28 aprile 2010

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE Presentazione 28 aprile 2010 LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2010 Presentazione 28 aprile 2010 INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO EDIZIONE 2010 Le iniziative a sostegno dell

Dettagli