DIPARTIMENTO DELL ISTRUZIONE E DELLA CULTURA DIVISIONE DELLA SCUOLA - UFFICIO DELL INSEGNAMENTO PRIMARIO MUSICA MAESTRO!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIPARTIMENTO DELL ISTRUZIONE E DELLA CULTURA DIVISIONE DELLA SCUOLA - UFFICIO DELL INSEGNAMENTO PRIMARIO MUSICA MAESTRO!"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DELL ISTRUZIONE E DELLA CULTURA DIVISIONE DELLA SCUOLA - UFFICIO DELL INSEGNAMENTO PRIMARIO MUSICA MAESTRO! EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA ELEMENTARE

2

3 F. Baroni - G. Beroggi - G.P. Bianchi - G. Cereghetti - G. Galfetti - M. Ghisletta MUSICA MAESTRO! Educazione musicale nella scuola elementare Dipartimento dell istruzione e della cultura Ufficio dell insegnamento primario

4 DIC - Ufficio Insegnamento primario Autori Franco Baroni, docente di educazione musicale nelle SE Gioconda Beroggi, docente di educazione musicale alla Magistrale Gian Piero Bianchi, ispettore scolastico del III circondario SE Giorgio Cereghetti, docente di educazione musicale nella Sme, assistente nelle SE Giovanni Galfetti, docente di educazione musicale alla Magistrale, assistente nelle SE Mauro Ghisletta, docente di educazione musicale nelle SE e nella Sme Grazie a Mario Delucchi, ispiratore e promotore dell opera Approvato dal Collegio degli ispettori di SE 4

5 MUSICA MAESTRO! Indice Primo ciclo Canto 11 1) Repertorio canoro 11 2) Esercizi per la formazione vocale (respirazione, risonanza, articolazione e intonazione). 12 3) Esercizi di intonazione 15 Pratica strumentale 17 1) Percorso strumentale 17 2) L accompagnamento di canti con gli strumentini 19 3) Costruzione di strumenti musicali 20 Ascolto 23 1) Esercizi di identificazione e di discriminazione sonora ( i parametri del suono, l intensità, l altezza, il timbro) 23 2) Scheda di ascolto : I suoni dell acqua 25 Ritmo e movimento 27 1) Dizione ritmata di parole. Esecuzione di ritmi che propongono l accentazione principale della misura musicale. 27 2) Realizzazione di danze, marce, corse, saltelli 29 Secondo ciclo Canto 35 1) Repertorio canoro 35 2) Esercizi per la formazione vocale (respirazione, risonanza e articolazione) 35 3) Esercizi di intonazione 41 4) Esercizi sulle forme 46 Pratica strumentale 47 1) Utilizzazione di strumenti a suono determinato (silofoni, metallofoni, flauti dolci,...) 47 2) Attività in relazione all altezza del suono utilizzando strumenti a suono determinato 48 3) Esercizi di invenzione ritmica con strumenti a suono indeterminato (tamburo, triangolo, maracas, legnetti,...). 48 4) L invenzione melodica 48 5) Altri esempi su come può essere variata una melodia 50 6) Il rondò 51 7) Accompagnamento di canti didattici utilizzando perlopiù formule ostinate ritmiche e/o melodiche 53 8) Il flauto dolce 57 5

6 DIC - Ufficio Insegnamento primario Ascolto 59 1) Scheda di ascolto: Il carnevale degli animali di Camille Saint-Saëns 59 2) Scheda di ascolto Primavera da Le quattro stagioni di Antonio Vivaldi 64 3) Scheda di ascolto: La Mourisque di Tilman Susato ( ) 68 4) Scheda di ascolto Ascolto abbinato ad un lavoro di ricerca in ambito storico 69 5) Scheda di ascolto: Alla scoperta del Rondò 70 Ritmo e movimento 73 1) Proposte ritmiche nella misura di 2 tempi (ostinati) 73 2) Proposte ritmiche nella misura di 3 tempi 74 3) Proposte ritmiche nella misura di 4 tempi 75 4) Proposte ritmiche in tempo composto (eventualmente) 76 5) Ritmo e lettura cantata 76 6) Esercizi di improvvisazione ritmica 76 Proposta di brani d ascolto 79 Bibliografia 81 Appendice di canti 83 6

7 MUSICA MAESTRO! Introduzione Musica maestro! vuole essere d aiuto sia al docente speciale della disciplina, sia al titolare. Non è da intendere come una raccolta di indicazioni prescrittive, ma come uno stimolo, una mappa, una rete di idee che, per la sua struttura stessa, può essere costantemente ampliata e resa più ricca grazie anche all apporto di ogni maestro e, perché no, di qualche classe e/o di qualche istituto che desiderassero mettere conoscenze e competenze a disposizione degli altri. Questo nuovo strumento è il frutto di una lunga riflessione sul senso che ha oggi far canto e musica nell ambito dell area delle attività espressive nella scuola elementare. Il senso estetico è una componente essenziale di quella cultura di base che si usa definire correntemente come buona educazione di un individuo. Il saper apprezzare la buona musica, la poesia, un quadro, un cibo, significa anche saper gustare la vita in tutte le sue molteplici espressioni, comprese quelle più profonde e difficili da narrare. La sensibilità estetica può aiutare quindi l uomo a migliorare il proprio equilibrio e a vivere più armoniosamente con il mondo che lo circonda. Le indicazioni contenute nel presente fascicolo mirano quindi ad un approccio alla musica che sia prima di tutto piacevole, ricco di senso e attento ad affinare il buon gusto nel giovane allievo. La necessaria acquisizione di tecniche per potersi esprimere in canto e musica e per poter svolgere attività di ascolto deve, in prevalenza, avvenire conseguentemente al piacere della fruizione di una buona musica, dall empatia prodotta dal cantare armoniosamente assieme o del muoversi alla percezione di un ritmo. Con tutto questo va considerata la ricchezza acquisita dall allievo con la conquista di un linguaggio potente e meraviglioso, come quello della musica, che l uomo ha saputo costruire nella sua storia, spesso attingendo alle innumerevoli risorse presenti nell ambiente. I canti e le musiche sono pure testimonianze vive che lo guideranno alla conoscenza delle vicissitudini, delle gioie e dei dolori, delle rivendicazioni, delle conquiste, della spiritualità dell uomo nei secoli e nei diversi luoghi del mondo. Anche il semplice curare l espressività del proprio corpo e della propria voce significa per l allievo sapersi gestire meglio nell argomentazione, nel porsi più facilmente in relazione con l altro. Il far canto e musica nella scuole non può più essere concepito oggi come una semplice attività disciplinare, ma come un atto pedagogico che mira al superamento dei confini della discipline per allargare gli orizzonti ad un attività interdisciplinare di maggior respiro che coinvolga in modo funzionale le diverse aree disciplinari. Da queste considerazioni si può dedurre che l insegnare bene canto e musica nella scuola può costituire un valido contributo alla formazione del futuro uomo nella sua pienezza e che l acquisizione di tecniche è funzionale a questo scopo. La sensibilizzazione dell allievo alla cultura artistica in una scuola che gli permetta la conoscenza e l uso di linguaggi espressivi diversi non è quindi solo il compito del docente speciale, ma deve estendersi all intera azione pedagogica del docente titolare che li condivide, li vive e li realizza con la classe e con l istituto. Gian Piero Bianchi Coordinatore del gruppo 7

8 DIC - Ufficio Insegnamento primario 8

9 MUSICA MAESTRO! 1 ciclo 9

10 DIC - Ufficio Insegnamento primario 10

11 MUSICA MAESTRO! Canto Esecuzione per imitazione di canti curando l intonazione, l emissione e la corretta respirazione. Si prevedano almeno dieci canti ogni anno (1) 1) REPERTORIO CANORO Da: Claudio Cavadini, Grappoli di canti, UIP, Bellinzona, Canti da 1 a 10 - Canti da 11 a 20 Da: Claudio Cavadini, Cantiamo ogni giorno, UIP, Bellinzona, Canti n. 1, 12, 17, Canti n. 12, 17, 21, 22, 23, 28. Per altri canti, per canti mimati e ronde vedere in appendice. Esempi Se Filippo danza Il mio amico Tarzan Balù l orsetto bianco Oh che bel castello La lungatella (ecc.) E importante che, nella scelta dei canti, si tenga conto della loro difficoltà progressiva (estensione, intervalli e caratteristiche ritmiche). Particolare cura si dovrà poi avere nella scelta dei testi (concordanza di accenti tonici tra musica e testo, contenuti, ricchezza lessicale...). In un ottica interdisciplinare sarà opportuno ricercare convergenze con le attività di movimento (vedere esempio 3). Estensione dei canti: (1) Le indicazioni presentate in questo modo, sono tratte dai programmi per la scuola elementare. 11

12 DIC - Ufficio Insegnamento primario 2) ESERCIZI PER LA FORMAZIONE VOCALE (RESPIRAZIONE, RISONANZA, ARTICOLAZIONE E INTONAZIONE). A scuola i bambini cantano generalmente in posizione seduta: sarà pertanto opportuno vigilare affinché abbiano a mantenere la schiena eretta (non appoggiata allo schienale della sedia), non accavallino le gambe e non si appoggino al banco. a) Sonorità delle vocali u-o-a b) Giochi di respirazione (alcuni esercizi) - Inspiriamo dal naso. - Espiriamo dalla bocca. - Espirazione controllata. - Inspirazione ed espirazione ritmate. - Ci alziamo in piedi e facciamo tre respiri molto profondi: inspiriamo con il naso (con i bambini piccoli controllare che sia pulito e libero),espiriamo con la bocca. - Immaginiamo di essere il vento: soffiamo prima piano, poi sempre più forte e poi di nuovo piano. - Abbiamo freddo alle mani: scaldiamole con il nostro fiato. - Impariamo che esiste il diaframma: sdraiamoci per terra supini e proviamo a fare un respiro profondo. Cosa si muove? - Alziamoci in piedi, facciamo un profondo respiro mettendo una mano sulla pancia: verifichiamo se il diaframma è utilizzato o meno. - Immaginiamo di dover spegnere una candela posta molto lontano da noi (l esercizio può eventualmente essere eseguito realmente). - Annusiamo tanti fiori diversi messi in fila: un piccola inspirazione per ogni fiore. Tratteniamo il respiro per tre secondi così tutti i profumi si mescolano. Ora espiriamo tutta l aria in una volta in modo da profumare tutta l aula. - Dobbiamo spegnere 10 candele disposte in fila. Facciamo un grande respiro e, usando il diaframma (mano sulla pancia), soffiamo su ogni candela uno sbuffo secco. - Giochiamo alle imitazioni: il treno Tsciuff Tsciuff, la nave Tuut Tuut, la pentola a vapore Pffff, Cssss, un ape che ronza attorno al nostro naso, una mucca che muggisce, 12

13 MUSICA MAESTRO! - la sirena della polizia, - il vento (glissando), - l acqua che scorre sssss, zzzzzz, tsch. c) Esercizi di risonanza (...) E importante badare alla compostezza del corpo (rilassamento muscolare), della bocca (aperta come si conviene a seconda delle vocali emesse), delle labbra (non devono sporgere a forma di cornetta), della lingua (a seconda delle vocali), del velo palatino ( bocca più aperta di dentro che di fuori! ), dei denti. (Claudio Cavadini, Canto e musica nella scuola elementare, DPE, Bellinzona, 1983/84). 1. & 4 2 Mm Œ 2. & 4 2 Œ M u 3. & 4 2 Œ M um 4. & 4 2 Œ Mum Mum Mum 5. & 4 2 r r r r r r bi ri bi ribim bim bim bim bim bim bim bi ri bim bim bim bim bim 13

14 DIC - Ufficio Insegnamento primario 6. & U w Mu_o_a_u d) Esercizi di articolazione Una buona articolazione della lingua influenza molto anche l intonazione, la qualità e l intensità delle vocali. Gli esercizi di articolazione vanno vivificati per mezzo di immagini che possono richiamare alla mente particolari situazioni (colpi, rimbalzi, strumenti a percussione o a pizzico, ecc. per le conso - nanti occlusive, p, b, t..., vibrazioni o attriti per la r ; sibili e ronzii per le fricative in genera - le, f, v,... ) contribuendo ad una positiva influenza psicofisica. Va sempre evitato un lavoro mec - canico e demotivante. (S. Korn, L uso della voce e l educazione dell orecchio musicale, vol. I, ed. Amadeus-Studio 49 Orff Schulwerk, 1989). & 4 2 brimbrèmbrim brèm brimbrèmbrimbrèm bram & 4 2 r r r r r r bi ri bi ribim bim bim bim bim bim bim bi ri bim bim bim bim bim (adattamento di una melodia di Carl Orff) & 4 2 Fa sa scia sa fa sa scia sa fa sa scia sa fa 14

15 MUSICA MAESTRO! Esercizi di intonazione per imitazione. Si consiglia di utilizzare parole e semplici frasi che descrivano l andamento sonoro. Esercizi di lettura di frasi musicali scritte con il q come unità di movimento. 3) ESERCIZI DI INTONAZIONE Esercizi progressivi di intonazione basati sullo schema dello sviluppo naturale della voce del bambino. Esercizi da eseguirsi per imitazione e da proporre in forma di gioco (giochiamo all eco: prima canta il docente poi la classe ripete). & 1. 2 s uoni & w w 2 4 D oce nte 2. 3 suoni & w w w 2 4 Ciao bam - Noi can - - bi - ni t ia - mo_al - Allievi ciao ma e - stro! le g - gra - men - te! su oni & w w w w Ma tut - che ti_in - bel - sie - lo me noi con ca n - pas - tia - s io - 5 suoni & w w w w w Le e can - la zo - vo - ni ce noi mo - can - du - - tia - lia - 6 su on i & w w w w w w Su e di - - la rit - vo - ti ce re - mi - spi - g lio - ria - ria - mo n e! mo mo. mo mo! 6. 7 su oni & w w w w w 2 4 w w w w w Su bam - bi - ni co - min - ci a - mo & s ol so l la la s i si do! E' opport uno mantenere l'intervallo di semitono fa -mi (co ntrosens ibile) in sens o discendente e quello si-d o (sen sibile) i n senso ascenden te. Questi esercizi prendono le mosse dall intervallo di terza minore che è il più spontaneo da intonare per i bambini. 15

16 DIC - Ufficio Insegnamento primario a) Filastrocche del gattino (da: Claudio Cavadini, Canto e musica con i ragazzi, ed. Marietti). & 4 2 & 4 2 & 4 2 & 4 2 & 4 2 Un gat - Un gat - Un gat - Suo- na _il Suo - na_il ti - no col vio - Filastrocche del gattino., ti - no col vio - ti - no col - vio - gat - to col vio - J J gat - to col vio - li - no sta suo -, li - no sta suo -, li - no sta suo -, li - no: sol fa J, J li - no: sol sol nan - do: re re nan - do: mi mi nan - do: sol sol mi mi re re J J la la si si Tratto da "Canto e musica con i ragazzi" di Claudio Cavad ini, Ed. Marietti do. do. do. do. do. & 4 2 Suo - na_il gat - to col vio - J, J J R r li - no: do si la sol fa mi re do. b) Filastrocche introduttive, per imitazione con bilanciamento (da: Claudio Cavadini, Canto e musica con i ragazzi, ed. Marietti). & & stroc -ca & & stroc-ca Su, del - le Su e del - le giù, can -, tiam, no - te re re giù, can -, 16,, su, giù, can - do do re re tiam, su e no - te mi re do. giù, can - do do mi re do., tiam fi - la -, tiam fi - la -

17 MUSICA MAESTRO! Pratica strumentale Esercizi di imitazione ritmica mediante percussioni di strumenti a suono indeterminato (legnetti, tamburi, triangoli,...) e determinato (metallofoni,...). 1) PERCORSO STRUMENTALE Scopo del gioco è far conoscere, suonandoli, tutti gli strumentini a disposizione. Gli strumentini vengono posti sui banchi (v. schema) e i bambini suonano un ostinato ritmico. Ad un segnale sonoro (melodia di una canzone,ostinato o altro) i bambini si spostano cambiando postazione e di conseguenza strumento. Giunti nella nuova postazione e con un nuovo strumento, rieseguono l ostinato e al segnale sonoro riprendono il percorso. strumento ritmico strumento melodico strumento ritmico strumento melodico strumento ritmico strumento melodico La formula ritmica di base è detta ostinato e consiste in un modello relativamente breve (di soli - to una o due battute) che dev essere ripetuto tale e quale durante tutta la durata del brano. Questo modello viene normalmente codificato dal bambino tramite delle etichette, dei segni gra - fici che evidenziano le caratteristiche timbriche dello strumento (possono risultare utili anche i colori, a ogni strumento viene associato il colore più idoneo) o mediante i simboli della scrittura tradizionale. Esempi di ritmi ostinati c Œ Œ Œ c c Œ Œ Œ Œ c Œ Œ 17

18 DIC - Ufficio Insegnamento primario E possibile anche accompagnare una melodia che viene cantata da tutti oppure da coloro che non hanno a disposizione uno strumento. In questo primo contatto i bambini possono esplorare le più elementari risorse sonore, avendo così modo di superare la soggezione nei confronti degli strumenti e dei compagni; quando avranno soddisfatto la curiosità per gli strumenti, affronteranno situazioni più impegnative partendo dalle diverse modalità di utilizzazione di ogni strumento che porta a differenti effetti timbrici. Per giungere a questi effetti si può procedere in diversi modi: quello più spontaneo è far scoprire dai bambini stessi cosa possono ottenere dai vari strumentini; - lo si può fare distribuendoli ai singoli allievi i quali, a turno, fanno sentire ai compagni il timbro dei loro strumenti (si potrà dedurre che anche strumenti uguali possono dare effetti diversi a seconda di come e dove vengono percossi); - è possibile formare gruppi di 3 o 4 bambini i quali avranno il compito di esplorare le possibilità timbriche dello strumento loro assegnato. Ogni gruppo mostrerà poi alla classe i risultati che saranno oggetto di una discussione che porterà a un utilizzazione corretta dello strumento. In una fase più avanzata si proseguirà con diversi giochi, in relazione alle varie qualità del suono (timbro, intensità,...): - un bambino, non visto dagli altri, suona uno strumento che dovrà essere individuato dal resto della classe, - i bambini ripetono lo stesso effetto suonando lo strumento nello stesso modo, - i bambini formano delle coppie. Ogni coppia ha a disposizione uno strumentino che viene suonato da uno dei due allievi; l altro, con gli occhi chiusi, deve seguire il suo compagno riconoscendo il timbro dello strumento. Gli strumentini dell orchestra infantile, proprio grazie alla loro semplicità, non richiedono all al - lievo né grandi conoscenze, né particolari abilità. La prima esigenza che un bambino sente nei con - fronti degli strumentini è quella di scoprirne le peculiarità. E quindi di fondamentale importan - za, in un primo momento, permettere a ognuno di potersi cimentare e di farne uso nella maniera che reputerà più opportuna, seguendo la propria curiosità. Naturalmente bisogna poi far ruotare periodicamente gli strumenti in modo che ciascuno possa sperimentarli tutti. Le attività particolarmente legate all utilizzazione degli strumentini sono l imitazione ritmica e l accompagnamento di canti. L imitazione ritmica consiste in una proposta ritmica che il bambino ripete. Esempi: Le proposte vengono presentate dall insegnante e dagli allievi con gli strumentini. E sufficiente c Œ Œ Œ Œ Œ c Œ Œ Œ Œ Œ 18

19 MUSICA MAESTRO! c Œ Œ Œ Œ c Œ Œ Œ Œ comunque utilizzare, per questo tipo di esercitazioni, unicamente gli strumenti a suono indeterminato (tamburo, piatto, triangolo, bastoncini, maracas,...). Per suonare insieme i bambini dovranno rispettare alcuni suggerimenti organizzativi per passare dal baccano caotico a una vera esecuzione d assieme. Essi dovranno imparare ad ascoltare i com - pagni e ad aspettare il segnale iniziale dato dal direttore. Accompagnamento di canti didattici utilizzando perlopiù formule ostinate ritmiche e/o melodiche. 2) L ACCOMPAGNAMENTO DI CANTI CON GLI STRUMENTINI a) Esempi di ostinati utilizzando le etichette f p f p p f p mf p f = forte p = piano mf= mezzo-forte = pausa f p mf p b) Esempi di ostinati con notazione tradizionale c) Altri modi per rappresentare i vari strumenti c f p f p p f p mf p 19

20 DIC - Ufficio Insegnamento primario metallofono piatto o gong tamburo maracas triangolo legnetti Se gli allievi conoscono già le etichette, si parte da quelle per poi passare alla notazione tradi - zionale. Elaborazione di forme espressive individuali e collettive attraverso l utilizzazione creativa di strumentini (anche costruiti con materiali di fortuna) per l imitazione di suoni e rumori dell ambiente naturale, per la caratterizzazione di personaggi, di particolari stati d animo, di situazioni concrete... 3) COSTRUZIONE DI STRUMENTI MUSICALI Maracas: scatole di latta, bottiglie di plastica, rotoli di carta da cucina, rotoli di carta igienica, vasetti di yoghourt o altri contenitori riempiti di riso, pasta, sassolini, chicchi, ecc. Tamburi: vasi, scatole, fustini, rotoli di cartone o grandi barattoli. Campane: vasi di fiori o tubi metallici, sospesi. Bottigliofono: serie di bottiglie contenenti diverse quantità d acqua. Legnetto a sonagli: tappi di bottiglia fissati, tramite un chiodo, a un asticella di legno che viene scossa. Scopa sonora: come sopra, ma sostituendo l asticella di legno con un manico di scopa. Bastoni sonori: manici di scopa, pioli, rami,... Sonagli: campanellini cuciti su striscette di cuoio o chiavi sospese a un anello. Raspa: pezzo di legno con incisioni o grattugia per formaggio; si suona sfiorandola con un bastoncino (matita) o con un oggetto metallico (chiodo, ecc.). Ciotole di legno, cucchiai di legno: le ciotole si percuotono sul fondo, capovolte e appoggiate sulla gomma piuma, mentre i cucchiai si scuotono tra di loro tenendoli fra le dita della stessa mano. Sonagliera di conchiglie: forare tutte le conchiglie ed appenderle ad un legno orizzontale con uno spago. Tubi flessibili: il tubo (da elettricista) roteato nell aria produce un sibilo; l altezza del suono varia a seconda della velocità. Tubi, cartoni, scatole di latta, asticelle o blocchi di legno, elementi in ferro (chiodi, coperchiet - 20

21 MUSICA MAESTRO! ti di bottiglia, fili di ferro), piccole pietre, conchiglie e altro materiale permettono al bambino, grazie alla sua fantasia, di farne lo strumento prediletto. Alcuni di questi materiali costituiscono già uno strumento mentre altri hanno bisogno di qualche piccolo ritocco per poter essere utiliz - zati dai bambini come mezzi sonori. 21

22 DIC - Ufficio Insegnamento primario 22

23 MUSICA MAESTRO! Ascolto Esercizi di identificazione e di discriminazione sonora 1) I PARAMETRI DEL SUONO, LA DURATA, L INTENSITÀ, L ALTEZZA, IL TIMBRO a) La durata La durata del suono. - Ascoltare ad occhi chiusi il suono di un triangolo; riaprire gli occhi solo quando non è più possibile sentire il suono. - Descrivere con una linea tracciata su un foglio o alla lavagna la durata dei suoni ascoltati. - Trovare movimenti adatti per descrivere i suoni ascoltati. - In palestra, partendo da una linea, camminare finché è possibile percepire il suono di uno strumento. Introduzione dei termini lungo/corto (o lento/veloce quando si tratta di più suoni in successione). La stessa attività può essere svolta con altri strumenti, con caratteristiche diverse (suoni lunghi e suoni brevi); i suoni possono essere confrontati ed eventualmente ordinati in successione. b) L intensità - Il docente canta o produce suoni di diversa intensità (piano o forte); i bambini devono stabilire, confrontando i suoni, qual è il più forte o il più debole. - Suonare con il pianoforte accordi di intensità diversa. I bambini devono camminare variando, a seconda dell intensità degli accordi, la pesantezza della camminata. - Attività dove, a una determinata intensità del suono, corrisponde un movimento diverso o una risposta diversa. Questo gioco può essere variato utilizzando diversi colori o segni grafici (linee sottili e linee grosse) diversi. c) L altezza Produrre con uno strumento suoni molto bassi e suoni molto alti. I bambini determinano la differenza tra i suoni. Introduzione dei termini alto/basso (o acuto/grave) - Tutta la classe intona un suono (es. sol sulla seconda riga); il docente interrompe con un segnale il suono e ne intona un altro (più alto o più basso). I bambini alzano le braccia se il suono è più acuto e si accovacciano se è più grave. Questo gioco può essere abbinato con un lavoro sulle diverse voci dei compagni: perché ascoltandoci ci riconosciamo?. - I bambini ricevono tre cartoncini raffiguranti tre simboli: una freccia che sale, una freccia che scende e una linea orizzontale. Il docente suona due note e i bambini devono alzare il cartoncino corrispondente al movimento dei suoni. 23

24 DIC - Ufficio Insegnamento primario Questo gioco può essere svolto anche con successioni di più suoni e/o utilizzando dei cartoncini di diverso colore. - Utilizzando una serie di bottiglie uguali è possibile, utilizzando quantità di acqua diverse, costruire un bottigliofono da utilizzare con i bambini per varie attività o giochi sui suoni della scala. E possibile costruire la scala musicale disponendo una bottiglia dopo l altra e osservando il rapporto tra quantità di liquido contenuto nella bottiglia e altezza del suono prodotto. d) Il timbro Ascoltare la registrazione dello stesso motivo suonato con strumenti diversi (es. pianoforte, flauto, violino e tromba). I bambini provano a ripetere cantando lo stesso motivo. Attraverso una discussione il docente porta gli allievi a dare una definizione di timbro inteso come voce di uno strumento, colore di un suono. - Questo gioco può essere abbinato ad un lavoro sulle diverse voci dei compagni: perché ascoltandoci ci riconosciamo? Ascoltare la voce di alcuni strumentini; mentre tutti chiudono gli occhi il docente ne suona uno. Gli allievi indicheranno lo strumento utilizzato. Cercare di definire le caratteristiche timbriche di alcuni strumenti musicali con degli aggettivi (timbro scuro, pesante, aspro, frizzante, cupo...). Suoni d acqua - Ascoltiamo una serie di registrazioni di rumori legati all acqua (ruscello, fiume, lago, risacca marina, pioggia, rubinetto che gocciola...) e cerchiamo di individuarne le fonti. - Il docente propone una serie di registrazioni di rumori di acqua (ruscello, fiume, lago, risacca marina, pioggia, rubinetto che gocciola...). Gli allievi devono cercare di individuare la fonte sonora. - Allestiamo, mediante una serie di disegni, una mappa sonora che rappresenti le varie situazioni e i diversi ambienti. Dopo la discussione, una volta individuate le fonti sonore, viene allestita una mappa sonora che servirà a ricordare il percorso: i bambini disegnano le varie situazioni. - Cerchiamo di trovare il modo di riprodurre i vari suoni ascoltati. In un secondo momento l insegnante stimola i bambini a riprodurre i suoni: - con la voce; - con oggetti di fortuna (vari tipi di carte, foglie secche, rametti, bicchieri di plastica riempiti con materiale vario) o con gli strumentini dell orchestra infantile; - graficamente (codificazione). 24

25 MUSICA MAESTRO! 2) SCHEDA DI ASCOLTO : I SUONI DELL ACQUA L insegnante legge la poesia di Chiara Polli (su uno spunto di Roberto Piumini) L acqua E l acqua fresca nasce fa ruscelli casca sui sassi scorre e immensa fa il mare E l acqua dalle nuvole cade a gocce piove picchia sui tetti Scroscia e silenziosa bagna E l acqua con un getto sprizza spruzza fa le bolle frizza e in bocca disseta Dopo la lettura della poesia l insegnante discute con i bambini, spiega i termini difficili e cerca di evidenziare le parole onomatopeiche che vengono confrontate con i suoni riprodotti con la voce dai bambini e con le registrazioni originali dei suoni d acqua. L insegnante propone l ascolto di Jardins sous la pluie di Claude Debussy. 25

26 DIC - Ufficio Insegnamento primario 26

27 MUSICA MAESTRO! Ritmo e movimento Dizione ritmata di parole. Esecuzione di ritmi che propongono l accentazione principale della misura musicale. Si può iniziare utilizzando gli stessi nomi dei bambini (Marco, Anna, Giuseppe,...) che vengono pronunciati e sottolineati con il battito delle mani. Successivamente vengono evidenziati anche gli accenti: - accento forte: battito sul palmo della mano, - accento debole: battito sul polso. Es: Mar-co = battito sul palmo + battito sul polso. Questa attività porta il bambino a prendere coscienza della differenza di intensità tra un colpo forte e un colpo debole (piano). Proposte didattiche in relazione alla dinamica del suono: - Il docente esegue sequenze di piano/ forte che verranno interpretate liberamente dai bambini con movimenti pesanti o leggeri (anche il rapporto fra l intensità del suono e l intensità dello sforzo muscolare necessario a produrlo è già di per sè indicativo). - Il docente (direttore d orchestra) indica, con dei segnali particolari, cosa devono fare i bambini: - braccia in avanti con le mani chiuse a pugno: silenzio, - muovere le dita: battere le mani piano, - allargare le braccia (sempre muovendo le dita): aumentare l intensità (fare un crescendo). Il ritmo è una componente importante dell educazione musicale nella scuola elementare ed è inteso come logica e organizzata successione di battiti nel tempo. Per sviluppare il senso ritmico dei bambini è molto importante iniziare con il movimento. La marcia risulta essere pertanto una delle attività più naturali che contiene due elementi pri - mordiali: tensione e distensione. Questi elementi appartengono anche alle pulsazioni che derivano da altri movimenti corporei come l oscillazione delle braccia, il bilanciamento del corpo, della testa, ecc. Ascoltando la musica saranno i bambini stessi a scoprire altri movimenti simili a quelli precedentemente cita - ti, sviluppando in questo modo il senso metrico corrispondente al tempo (inteso come evento sonoro regolare la cui velocità è determinata dalla lunghezza del silenzio tra un colpo e l altro) che non va confuso con il ritmo (in cui i colpi si susseguono in modo assai più variato e diverso rispetto a quelli del tempo). Dizione spontanea e ritmata dei testi delle canzoni. Il lavoro sul ritmo prevede, nelle fasi successive, le seguenti possibili attività: - esercitare il ritmo tramite la dizione ritmata delle parole, - dei testi delle canzoni, di filastrocche, - riconoscere un canto dall andamento ritmico. 27

28 DIC - Ufficio Insegnamento primario Esecuzione, per imitazione, di figure ritmiche particolari, con andamento lento e veloce. Per imitazione s intende la ripetizione fedele di proposte ritmiche formulate dall insegnante o da un compagno. Diventa fondamentale l audizione in quanto non si fa affidamento sulla lettura. D altro canto, questa attività risulta più spontanea e alla portata di tutti gli allievi. 2 4 Œ Œ Œ Œ Œ Œ Œ Œ Œ Œ Œ Œ Œ Œ 3 4 Œ Œ Œ Œ Œ Œ Attività di movimento in relazione al timbro degli strumentini: - muoversi liberamente ascoltando suoni o musiche di vario genere, - giochi di reazione con gli strumentini: il docente propone alternativamente diversi timbri ai quali i bambini associano un movimento particolare, - camminare al suono dei legnetti, battere le mani al suono del tamburo, tremare al suono delle maracas, rimanere immobili, come incantati, al suono del piatto sospeso, ecc. Molte di queste attività possono essere svolte durante la lezione di educazione fisica. 28

29 Realizzazione di danze, corse, marce, saltelli (comprendenti diversi ritmi). Passo dell orso : i bambini camminano con le ginocchia in fuori, un po piegate e i piedi distanziati; con le mani pendenti davanti al petto barcollano, imitando il movimento dell orso. Marcia I bambini marciano facendo un passo ad ogni accordo; durante la marcia è anche possibile battere le mani o suonare alcuni strumentini (legnetti,...). I bambini camminano, come soldatini, ascoltando la marcia dei soldati. 29 MUSICA MAESTRO! &? &?

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo.

Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo. Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo. Con questa attività, il bambino, non solo si avvicina alla musica e

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando SCUOLA.. A cura dell insegnante Liliana Del Papa e della prof.ssa Maria Pia Saitta classe 1 ª Care colleghe, questo quaderno nasce dal desiderio di condividere

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo)

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo) Fonica: Scheda 2 (a cura di Pietro Di Mascolo) Il suono Possiamo definire il suono come una particolare sensazione percepita dall organo dell udito eccitato da un agente esterno. Esso ha origine dal movimento

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI

APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO CESENATICO Anno Scolastico 2011/ 2012 APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI Ideato e realizzato da CI.nzia Giorgetti

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

ALTRE INDICAZIONI MUSICALI

ALTRE INDICAZIONI MUSICALI Teoria musicale - 13 ALTRE INDICAZIONI MUICALI EGNI DI ARTICOLAZIONE I segni di articolazione sono indicazioni grafiche collocate sopra o sotto le note che condizionano il modo in cui queste devono essere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

leonildo marcheselli omaggio a b a l l a b i l i s e m p r e V e r d i d e l pa p à d e l l a F i l u z z i

leonildo marcheselli omaggio a b a l l a b i l i s e m p r e V e r d i d e l pa p à d e l l a F i l u z z i omaggio a leonildo marcheselli b a l l a b i l i s e m p r e V e r d i d e l pa p à d e l l a F i l u z z i I n t e r p r e t a t I d a g r a n d I f I s a r m o n I c I s t I massimo budriesi tiziano

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria. Classi in movimento

Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria. Classi in movimento Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria Classi in movimento Il progetto "Classi...in movimento è un progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria" che mira a:

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica?

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? RISPOSTE ALLE DOMANDE DEL CAPITOLO 3 1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? I modi di analisi del suono sono tre: il percettivo, l'acustico e l'articolatorio. Possiamo ricondurre

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Gli strumenti a corda

Gli strumenti a corda P A R T E Strumenti e voci 1 SAPERE classificare gli strumenti a corda in base al mo in cui viene protto il suono; conoscere le tecniche di produzione del suono di questi strumenti; conoscere gli strumenti

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1 Progettazione didattica e individualizzazione Idee e proposte operative di Luca Torti e Gianni Ghisla Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della Scuola Media, no. 4, marzo 1989, pag. 26-32 1. Premesse

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello "La scuola fa bene a tutti" 1 La trasparenza di una lingua L U P O /l/ /u/ /p/ /o/ C H I E S

Dettagli