DIPARTIMENTO DELL ISTRUZIONE E DELLA CULTURA DIVISIONE DELLA SCUOLA - UFFICIO DELL INSEGNAMENTO PRIMARIO MUSICA MAESTRO!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIPARTIMENTO DELL ISTRUZIONE E DELLA CULTURA DIVISIONE DELLA SCUOLA - UFFICIO DELL INSEGNAMENTO PRIMARIO MUSICA MAESTRO!"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DELL ISTRUZIONE E DELLA CULTURA DIVISIONE DELLA SCUOLA - UFFICIO DELL INSEGNAMENTO PRIMARIO MUSICA MAESTRO! EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA ELEMENTARE

2

3 F. Baroni - G. Beroggi - G.P. Bianchi - G. Cereghetti - G. Galfetti - M. Ghisletta MUSICA MAESTRO! Educazione musicale nella scuola elementare Dipartimento dell istruzione e della cultura Ufficio dell insegnamento primario

4 DIC - Ufficio Insegnamento primario Autori Franco Baroni, docente di educazione musicale nelle SE Gioconda Beroggi, docente di educazione musicale alla Magistrale Gian Piero Bianchi, ispettore scolastico del III circondario SE Giorgio Cereghetti, docente di educazione musicale nella Sme, assistente nelle SE Giovanni Galfetti, docente di educazione musicale alla Magistrale, assistente nelle SE Mauro Ghisletta, docente di educazione musicale nelle SE e nella Sme Grazie a Mario Delucchi, ispiratore e promotore dell opera Approvato dal Collegio degli ispettori di SE 4

5 MUSICA MAESTRO! Indice Primo ciclo Canto 11 1) Repertorio canoro 11 2) Esercizi per la formazione vocale (respirazione, risonanza, articolazione e intonazione). 12 3) Esercizi di intonazione 15 Pratica strumentale 17 1) Percorso strumentale 17 2) L accompagnamento di canti con gli strumentini 19 3) Costruzione di strumenti musicali 20 Ascolto 23 1) Esercizi di identificazione e di discriminazione sonora ( i parametri del suono, l intensità, l altezza, il timbro) 23 2) Scheda di ascolto : I suoni dell acqua 25 Ritmo e movimento 27 1) Dizione ritmata di parole. Esecuzione di ritmi che propongono l accentazione principale della misura musicale. 27 2) Realizzazione di danze, marce, corse, saltelli 29 Secondo ciclo Canto 35 1) Repertorio canoro 35 2) Esercizi per la formazione vocale (respirazione, risonanza e articolazione) 35 3) Esercizi di intonazione 41 4) Esercizi sulle forme 46 Pratica strumentale 47 1) Utilizzazione di strumenti a suono determinato (silofoni, metallofoni, flauti dolci,...) 47 2) Attività in relazione all altezza del suono utilizzando strumenti a suono determinato 48 3) Esercizi di invenzione ritmica con strumenti a suono indeterminato (tamburo, triangolo, maracas, legnetti,...). 48 4) L invenzione melodica 48 5) Altri esempi su come può essere variata una melodia 50 6) Il rondò 51 7) Accompagnamento di canti didattici utilizzando perlopiù formule ostinate ritmiche e/o melodiche 53 8) Il flauto dolce 57 5

6 DIC - Ufficio Insegnamento primario Ascolto 59 1) Scheda di ascolto: Il carnevale degli animali di Camille Saint-Saëns 59 2) Scheda di ascolto Primavera da Le quattro stagioni di Antonio Vivaldi 64 3) Scheda di ascolto: La Mourisque di Tilman Susato ( ) 68 4) Scheda di ascolto Ascolto abbinato ad un lavoro di ricerca in ambito storico 69 5) Scheda di ascolto: Alla scoperta del Rondò 70 Ritmo e movimento 73 1) Proposte ritmiche nella misura di 2 tempi (ostinati) 73 2) Proposte ritmiche nella misura di 3 tempi 74 3) Proposte ritmiche nella misura di 4 tempi 75 4) Proposte ritmiche in tempo composto (eventualmente) 76 5) Ritmo e lettura cantata 76 6) Esercizi di improvvisazione ritmica 76 Proposta di brani d ascolto 79 Bibliografia 81 Appendice di canti 83 6

7 MUSICA MAESTRO! Introduzione Musica maestro! vuole essere d aiuto sia al docente speciale della disciplina, sia al titolare. Non è da intendere come una raccolta di indicazioni prescrittive, ma come uno stimolo, una mappa, una rete di idee che, per la sua struttura stessa, può essere costantemente ampliata e resa più ricca grazie anche all apporto di ogni maestro e, perché no, di qualche classe e/o di qualche istituto che desiderassero mettere conoscenze e competenze a disposizione degli altri. Questo nuovo strumento è il frutto di una lunga riflessione sul senso che ha oggi far canto e musica nell ambito dell area delle attività espressive nella scuola elementare. Il senso estetico è una componente essenziale di quella cultura di base che si usa definire correntemente come buona educazione di un individuo. Il saper apprezzare la buona musica, la poesia, un quadro, un cibo, significa anche saper gustare la vita in tutte le sue molteplici espressioni, comprese quelle più profonde e difficili da narrare. La sensibilità estetica può aiutare quindi l uomo a migliorare il proprio equilibrio e a vivere più armoniosamente con il mondo che lo circonda. Le indicazioni contenute nel presente fascicolo mirano quindi ad un approccio alla musica che sia prima di tutto piacevole, ricco di senso e attento ad affinare il buon gusto nel giovane allievo. La necessaria acquisizione di tecniche per potersi esprimere in canto e musica e per poter svolgere attività di ascolto deve, in prevalenza, avvenire conseguentemente al piacere della fruizione di una buona musica, dall empatia prodotta dal cantare armoniosamente assieme o del muoversi alla percezione di un ritmo. Con tutto questo va considerata la ricchezza acquisita dall allievo con la conquista di un linguaggio potente e meraviglioso, come quello della musica, che l uomo ha saputo costruire nella sua storia, spesso attingendo alle innumerevoli risorse presenti nell ambiente. I canti e le musiche sono pure testimonianze vive che lo guideranno alla conoscenza delle vicissitudini, delle gioie e dei dolori, delle rivendicazioni, delle conquiste, della spiritualità dell uomo nei secoli e nei diversi luoghi del mondo. Anche il semplice curare l espressività del proprio corpo e della propria voce significa per l allievo sapersi gestire meglio nell argomentazione, nel porsi più facilmente in relazione con l altro. Il far canto e musica nella scuole non può più essere concepito oggi come una semplice attività disciplinare, ma come un atto pedagogico che mira al superamento dei confini della discipline per allargare gli orizzonti ad un attività interdisciplinare di maggior respiro che coinvolga in modo funzionale le diverse aree disciplinari. Da queste considerazioni si può dedurre che l insegnare bene canto e musica nella scuola può costituire un valido contributo alla formazione del futuro uomo nella sua pienezza e che l acquisizione di tecniche è funzionale a questo scopo. La sensibilizzazione dell allievo alla cultura artistica in una scuola che gli permetta la conoscenza e l uso di linguaggi espressivi diversi non è quindi solo il compito del docente speciale, ma deve estendersi all intera azione pedagogica del docente titolare che li condivide, li vive e li realizza con la classe e con l istituto. Gian Piero Bianchi Coordinatore del gruppo 7

8 DIC - Ufficio Insegnamento primario 8

9 MUSICA MAESTRO! 1 ciclo 9

10 DIC - Ufficio Insegnamento primario 10

11 MUSICA MAESTRO! Canto Esecuzione per imitazione di canti curando l intonazione, l emissione e la corretta respirazione. Si prevedano almeno dieci canti ogni anno (1) 1) REPERTORIO CANORO Da: Claudio Cavadini, Grappoli di canti, UIP, Bellinzona, Canti da 1 a 10 - Canti da 11 a 20 Da: Claudio Cavadini, Cantiamo ogni giorno, UIP, Bellinzona, Canti n. 1, 12, 17, Canti n. 12, 17, 21, 22, 23, 28. Per altri canti, per canti mimati e ronde vedere in appendice. Esempi Se Filippo danza Il mio amico Tarzan Balù l orsetto bianco Oh che bel castello La lungatella (ecc.) E importante che, nella scelta dei canti, si tenga conto della loro difficoltà progressiva (estensione, intervalli e caratteristiche ritmiche). Particolare cura si dovrà poi avere nella scelta dei testi (concordanza di accenti tonici tra musica e testo, contenuti, ricchezza lessicale...). In un ottica interdisciplinare sarà opportuno ricercare convergenze con le attività di movimento (vedere esempio 3). Estensione dei canti: (1) Le indicazioni presentate in questo modo, sono tratte dai programmi per la scuola elementare. 11

12 DIC - Ufficio Insegnamento primario 2) ESERCIZI PER LA FORMAZIONE VOCALE (RESPIRAZIONE, RISONANZA, ARTICOLAZIONE E INTONAZIONE). A scuola i bambini cantano generalmente in posizione seduta: sarà pertanto opportuno vigilare affinché abbiano a mantenere la schiena eretta (non appoggiata allo schienale della sedia), non accavallino le gambe e non si appoggino al banco. a) Sonorità delle vocali u-o-a b) Giochi di respirazione (alcuni esercizi) - Inspiriamo dal naso. - Espiriamo dalla bocca. - Espirazione controllata. - Inspirazione ed espirazione ritmate. - Ci alziamo in piedi e facciamo tre respiri molto profondi: inspiriamo con il naso (con i bambini piccoli controllare che sia pulito e libero),espiriamo con la bocca. - Immaginiamo di essere il vento: soffiamo prima piano, poi sempre più forte e poi di nuovo piano. - Abbiamo freddo alle mani: scaldiamole con il nostro fiato. - Impariamo che esiste il diaframma: sdraiamoci per terra supini e proviamo a fare un respiro profondo. Cosa si muove? - Alziamoci in piedi, facciamo un profondo respiro mettendo una mano sulla pancia: verifichiamo se il diaframma è utilizzato o meno. - Immaginiamo di dover spegnere una candela posta molto lontano da noi (l esercizio può eventualmente essere eseguito realmente). - Annusiamo tanti fiori diversi messi in fila: un piccola inspirazione per ogni fiore. Tratteniamo il respiro per tre secondi così tutti i profumi si mescolano. Ora espiriamo tutta l aria in una volta in modo da profumare tutta l aula. - Dobbiamo spegnere 10 candele disposte in fila. Facciamo un grande respiro e, usando il diaframma (mano sulla pancia), soffiamo su ogni candela uno sbuffo secco. - Giochiamo alle imitazioni: il treno Tsciuff Tsciuff, la nave Tuut Tuut, la pentola a vapore Pffff, Cssss, un ape che ronza attorno al nostro naso, una mucca che muggisce, 12

13 MUSICA MAESTRO! - la sirena della polizia, - il vento (glissando), - l acqua che scorre sssss, zzzzzz, tsch. c) Esercizi di risonanza (...) E importante badare alla compostezza del corpo (rilassamento muscolare), della bocca (aperta come si conviene a seconda delle vocali emesse), delle labbra (non devono sporgere a forma di cornetta), della lingua (a seconda delle vocali), del velo palatino ( bocca più aperta di dentro che di fuori! ), dei denti. (Claudio Cavadini, Canto e musica nella scuola elementare, DPE, Bellinzona, 1983/84). 1. & 4 2 Mm Œ 2. & 4 2 Œ M u 3. & 4 2 Œ M um 4. & 4 2 Œ Mum Mum Mum 5. & 4 2 r r r r r r bi ri bi ribim bim bim bim bim bim bim bi ri bim bim bim bim bim 13

14 DIC - Ufficio Insegnamento primario 6. & U w Mu_o_a_u d) Esercizi di articolazione Una buona articolazione della lingua influenza molto anche l intonazione, la qualità e l intensità delle vocali. Gli esercizi di articolazione vanno vivificati per mezzo di immagini che possono richiamare alla mente particolari situazioni (colpi, rimbalzi, strumenti a percussione o a pizzico, ecc. per le conso - nanti occlusive, p, b, t..., vibrazioni o attriti per la r ; sibili e ronzii per le fricative in genera - le, f, v,... ) contribuendo ad una positiva influenza psicofisica. Va sempre evitato un lavoro mec - canico e demotivante. (S. Korn, L uso della voce e l educazione dell orecchio musicale, vol. I, ed. Amadeus-Studio 49 Orff Schulwerk, 1989). & 4 2 brimbrèmbrim brèm brimbrèmbrimbrèm bram & 4 2 r r r r r r bi ri bi ribim bim bim bim bim bim bim bi ri bim bim bim bim bim (adattamento di una melodia di Carl Orff) & 4 2 Fa sa scia sa fa sa scia sa fa sa scia sa fa 14

15 MUSICA MAESTRO! Esercizi di intonazione per imitazione. Si consiglia di utilizzare parole e semplici frasi che descrivano l andamento sonoro. Esercizi di lettura di frasi musicali scritte con il q come unità di movimento. 3) ESERCIZI DI INTONAZIONE Esercizi progressivi di intonazione basati sullo schema dello sviluppo naturale della voce del bambino. Esercizi da eseguirsi per imitazione e da proporre in forma di gioco (giochiamo all eco: prima canta il docente poi la classe ripete). & 1. 2 s uoni & w w 2 4 D oce nte 2. 3 suoni & w w w 2 4 Ciao bam - Noi can - - bi - ni t ia - mo_al - Allievi ciao ma e - stro! le g - gra - men - te! su oni & w w w w Ma tut - che ti_in - bel - sie - lo me noi con ca n - pas - tia - s io - 5 suoni & w w w w w Le e can - la zo - vo - ni ce noi mo - can - du - - tia - lia - 6 su on i & w w w w w w Su e di - - la rit - vo - ti ce re - mi - spi - g lio - ria - ria - mo n e! mo mo. mo mo! 6. 7 su oni & w w w w w 2 4 w w w w w Su bam - bi - ni co - min - ci a - mo & s ol so l la la s i si do! E' opport uno mantenere l'intervallo di semitono fa -mi (co ntrosens ibile) in sens o discendente e quello si-d o (sen sibile) i n senso ascenden te. Questi esercizi prendono le mosse dall intervallo di terza minore che è il più spontaneo da intonare per i bambini. 15

16 DIC - Ufficio Insegnamento primario a) Filastrocche del gattino (da: Claudio Cavadini, Canto e musica con i ragazzi, ed. Marietti). & 4 2 & 4 2 & 4 2 & 4 2 & 4 2 Un gat - Un gat - Un gat - Suo- na _il Suo - na_il ti - no col vio - Filastrocche del gattino., ti - no col vio - ti - no col - vio - gat - to col vio - J J gat - to col vio - li - no sta suo -, li - no sta suo -, li - no sta suo -, li - no: sol fa J, J li - no: sol sol nan - do: re re nan - do: mi mi nan - do: sol sol mi mi re re J J la la si si Tratto da "Canto e musica con i ragazzi" di Claudio Cavad ini, Ed. Marietti do. do. do. do. do. & 4 2 Suo - na_il gat - to col vio - J, J J R r li - no: do si la sol fa mi re do. b) Filastrocche introduttive, per imitazione con bilanciamento (da: Claudio Cavadini, Canto e musica con i ragazzi, ed. Marietti). & & stroc -ca & & stroc-ca Su, del - le Su e del - le giù, can -, tiam, no - te re re giù, can -, 16,, su, giù, can - do do re re tiam, su e no - te mi re do. giù, can - do do mi re do., tiam fi - la -, tiam fi - la -

17 MUSICA MAESTRO! Pratica strumentale Esercizi di imitazione ritmica mediante percussioni di strumenti a suono indeterminato (legnetti, tamburi, triangoli,...) e determinato (metallofoni,...). 1) PERCORSO STRUMENTALE Scopo del gioco è far conoscere, suonandoli, tutti gli strumentini a disposizione. Gli strumentini vengono posti sui banchi (v. schema) e i bambini suonano un ostinato ritmico. Ad un segnale sonoro (melodia di una canzone,ostinato o altro) i bambini si spostano cambiando postazione e di conseguenza strumento. Giunti nella nuova postazione e con un nuovo strumento, rieseguono l ostinato e al segnale sonoro riprendono il percorso. strumento ritmico strumento melodico strumento ritmico strumento melodico strumento ritmico strumento melodico La formula ritmica di base è detta ostinato e consiste in un modello relativamente breve (di soli - to una o due battute) che dev essere ripetuto tale e quale durante tutta la durata del brano. Questo modello viene normalmente codificato dal bambino tramite delle etichette, dei segni gra - fici che evidenziano le caratteristiche timbriche dello strumento (possono risultare utili anche i colori, a ogni strumento viene associato il colore più idoneo) o mediante i simboli della scrittura tradizionale. Esempi di ritmi ostinati c Œ Œ Œ c c Œ Œ Œ Œ c Œ Œ 17

18 DIC - Ufficio Insegnamento primario E possibile anche accompagnare una melodia che viene cantata da tutti oppure da coloro che non hanno a disposizione uno strumento. In questo primo contatto i bambini possono esplorare le più elementari risorse sonore, avendo così modo di superare la soggezione nei confronti degli strumenti e dei compagni; quando avranno soddisfatto la curiosità per gli strumenti, affronteranno situazioni più impegnative partendo dalle diverse modalità di utilizzazione di ogni strumento che porta a differenti effetti timbrici. Per giungere a questi effetti si può procedere in diversi modi: quello più spontaneo è far scoprire dai bambini stessi cosa possono ottenere dai vari strumentini; - lo si può fare distribuendoli ai singoli allievi i quali, a turno, fanno sentire ai compagni il timbro dei loro strumenti (si potrà dedurre che anche strumenti uguali possono dare effetti diversi a seconda di come e dove vengono percossi); - è possibile formare gruppi di 3 o 4 bambini i quali avranno il compito di esplorare le possibilità timbriche dello strumento loro assegnato. Ogni gruppo mostrerà poi alla classe i risultati che saranno oggetto di una discussione che porterà a un utilizzazione corretta dello strumento. In una fase più avanzata si proseguirà con diversi giochi, in relazione alle varie qualità del suono (timbro, intensità,...): - un bambino, non visto dagli altri, suona uno strumento che dovrà essere individuato dal resto della classe, - i bambini ripetono lo stesso effetto suonando lo strumento nello stesso modo, - i bambini formano delle coppie. Ogni coppia ha a disposizione uno strumentino che viene suonato da uno dei due allievi; l altro, con gli occhi chiusi, deve seguire il suo compagno riconoscendo il timbro dello strumento. Gli strumentini dell orchestra infantile, proprio grazie alla loro semplicità, non richiedono all al - lievo né grandi conoscenze, né particolari abilità. La prima esigenza che un bambino sente nei con - fronti degli strumentini è quella di scoprirne le peculiarità. E quindi di fondamentale importan - za, in un primo momento, permettere a ognuno di potersi cimentare e di farne uso nella maniera che reputerà più opportuna, seguendo la propria curiosità. Naturalmente bisogna poi far ruotare periodicamente gli strumenti in modo che ciascuno possa sperimentarli tutti. Le attività particolarmente legate all utilizzazione degli strumentini sono l imitazione ritmica e l accompagnamento di canti. L imitazione ritmica consiste in una proposta ritmica che il bambino ripete. Esempi: Le proposte vengono presentate dall insegnante e dagli allievi con gli strumentini. E sufficiente c Œ Œ Œ Œ Œ c Œ Œ Œ Œ Œ 18

19 MUSICA MAESTRO! c Œ Œ Œ Œ c Œ Œ Œ Œ comunque utilizzare, per questo tipo di esercitazioni, unicamente gli strumenti a suono indeterminato (tamburo, piatto, triangolo, bastoncini, maracas,...). Per suonare insieme i bambini dovranno rispettare alcuni suggerimenti organizzativi per passare dal baccano caotico a una vera esecuzione d assieme. Essi dovranno imparare ad ascoltare i com - pagni e ad aspettare il segnale iniziale dato dal direttore. Accompagnamento di canti didattici utilizzando perlopiù formule ostinate ritmiche e/o melodiche. 2) L ACCOMPAGNAMENTO DI CANTI CON GLI STRUMENTINI a) Esempi di ostinati utilizzando le etichette f p f p p f p mf p f = forte p = piano mf= mezzo-forte = pausa f p mf p b) Esempi di ostinati con notazione tradizionale c) Altri modi per rappresentare i vari strumenti c f p f p p f p mf p 19

20 DIC - Ufficio Insegnamento primario metallofono piatto o gong tamburo maracas triangolo legnetti Se gli allievi conoscono già le etichette, si parte da quelle per poi passare alla notazione tradi - zionale. Elaborazione di forme espressive individuali e collettive attraverso l utilizzazione creativa di strumentini (anche costruiti con materiali di fortuna) per l imitazione di suoni e rumori dell ambiente naturale, per la caratterizzazione di personaggi, di particolari stati d animo, di situazioni concrete... 3) COSTRUZIONE DI STRUMENTI MUSICALI Maracas: scatole di latta, bottiglie di plastica, rotoli di carta da cucina, rotoli di carta igienica, vasetti di yoghourt o altri contenitori riempiti di riso, pasta, sassolini, chicchi, ecc. Tamburi: vasi, scatole, fustini, rotoli di cartone o grandi barattoli. Campane: vasi di fiori o tubi metallici, sospesi. Bottigliofono: serie di bottiglie contenenti diverse quantità d acqua. Legnetto a sonagli: tappi di bottiglia fissati, tramite un chiodo, a un asticella di legno che viene scossa. Scopa sonora: come sopra, ma sostituendo l asticella di legno con un manico di scopa. Bastoni sonori: manici di scopa, pioli, rami,... Sonagli: campanellini cuciti su striscette di cuoio o chiavi sospese a un anello. Raspa: pezzo di legno con incisioni o grattugia per formaggio; si suona sfiorandola con un bastoncino (matita) o con un oggetto metallico (chiodo, ecc.). Ciotole di legno, cucchiai di legno: le ciotole si percuotono sul fondo, capovolte e appoggiate sulla gomma piuma, mentre i cucchiai si scuotono tra di loro tenendoli fra le dita della stessa mano. Sonagliera di conchiglie: forare tutte le conchiglie ed appenderle ad un legno orizzontale con uno spago. Tubi flessibili: il tubo (da elettricista) roteato nell aria produce un sibilo; l altezza del suono varia a seconda della velocità. Tubi, cartoni, scatole di latta, asticelle o blocchi di legno, elementi in ferro (chiodi, coperchiet - 20

21 MUSICA MAESTRO! ti di bottiglia, fili di ferro), piccole pietre, conchiglie e altro materiale permettono al bambino, grazie alla sua fantasia, di farne lo strumento prediletto. Alcuni di questi materiali costituiscono già uno strumento mentre altri hanno bisogno di qualche piccolo ritocco per poter essere utiliz - zati dai bambini come mezzi sonori. 21

22 DIC - Ufficio Insegnamento primario 22

23 MUSICA MAESTRO! Ascolto Esercizi di identificazione e di discriminazione sonora 1) I PARAMETRI DEL SUONO, LA DURATA, L INTENSITÀ, L ALTEZZA, IL TIMBRO a) La durata La durata del suono. - Ascoltare ad occhi chiusi il suono di un triangolo; riaprire gli occhi solo quando non è più possibile sentire il suono. - Descrivere con una linea tracciata su un foglio o alla lavagna la durata dei suoni ascoltati. - Trovare movimenti adatti per descrivere i suoni ascoltati. - In palestra, partendo da una linea, camminare finché è possibile percepire il suono di uno strumento. Introduzione dei termini lungo/corto (o lento/veloce quando si tratta di più suoni in successione). La stessa attività può essere svolta con altri strumenti, con caratteristiche diverse (suoni lunghi e suoni brevi); i suoni possono essere confrontati ed eventualmente ordinati in successione. b) L intensità - Il docente canta o produce suoni di diversa intensità (piano o forte); i bambini devono stabilire, confrontando i suoni, qual è il più forte o il più debole. - Suonare con il pianoforte accordi di intensità diversa. I bambini devono camminare variando, a seconda dell intensità degli accordi, la pesantezza della camminata. - Attività dove, a una determinata intensità del suono, corrisponde un movimento diverso o una risposta diversa. Questo gioco può essere variato utilizzando diversi colori o segni grafici (linee sottili e linee grosse) diversi. c) L altezza Produrre con uno strumento suoni molto bassi e suoni molto alti. I bambini determinano la differenza tra i suoni. Introduzione dei termini alto/basso (o acuto/grave) - Tutta la classe intona un suono (es. sol sulla seconda riga); il docente interrompe con un segnale il suono e ne intona un altro (più alto o più basso). I bambini alzano le braccia se il suono è più acuto e si accovacciano se è più grave. Questo gioco può essere abbinato con un lavoro sulle diverse voci dei compagni: perché ascoltandoci ci riconosciamo?. - I bambini ricevono tre cartoncini raffiguranti tre simboli: una freccia che sale, una freccia che scende e una linea orizzontale. Il docente suona due note e i bambini devono alzare il cartoncino corrispondente al movimento dei suoni. 23

24 DIC - Ufficio Insegnamento primario Questo gioco può essere svolto anche con successioni di più suoni e/o utilizzando dei cartoncini di diverso colore. - Utilizzando una serie di bottiglie uguali è possibile, utilizzando quantità di acqua diverse, costruire un bottigliofono da utilizzare con i bambini per varie attività o giochi sui suoni della scala. E possibile costruire la scala musicale disponendo una bottiglia dopo l altra e osservando il rapporto tra quantità di liquido contenuto nella bottiglia e altezza del suono prodotto. d) Il timbro Ascoltare la registrazione dello stesso motivo suonato con strumenti diversi (es. pianoforte, flauto, violino e tromba). I bambini provano a ripetere cantando lo stesso motivo. Attraverso una discussione il docente porta gli allievi a dare una definizione di timbro inteso come voce di uno strumento, colore di un suono. - Questo gioco può essere abbinato ad un lavoro sulle diverse voci dei compagni: perché ascoltandoci ci riconosciamo? Ascoltare la voce di alcuni strumentini; mentre tutti chiudono gli occhi il docente ne suona uno. Gli allievi indicheranno lo strumento utilizzato. Cercare di definire le caratteristiche timbriche di alcuni strumenti musicali con degli aggettivi (timbro scuro, pesante, aspro, frizzante, cupo...). Suoni d acqua - Ascoltiamo una serie di registrazioni di rumori legati all acqua (ruscello, fiume, lago, risacca marina, pioggia, rubinetto che gocciola...) e cerchiamo di individuarne le fonti. - Il docente propone una serie di registrazioni di rumori di acqua (ruscello, fiume, lago, risacca marina, pioggia, rubinetto che gocciola...). Gli allievi devono cercare di individuare la fonte sonora. - Allestiamo, mediante una serie di disegni, una mappa sonora che rappresenti le varie situazioni e i diversi ambienti. Dopo la discussione, una volta individuate le fonti sonore, viene allestita una mappa sonora che servirà a ricordare il percorso: i bambini disegnano le varie situazioni. - Cerchiamo di trovare il modo di riprodurre i vari suoni ascoltati. In un secondo momento l insegnante stimola i bambini a riprodurre i suoni: - con la voce; - con oggetti di fortuna (vari tipi di carte, foglie secche, rametti, bicchieri di plastica riempiti con materiale vario) o con gli strumentini dell orchestra infantile; - graficamente (codificazione). 24

25 MUSICA MAESTRO! 2) SCHEDA DI ASCOLTO : I SUONI DELL ACQUA L insegnante legge la poesia di Chiara Polli (su uno spunto di Roberto Piumini) L acqua E l acqua fresca nasce fa ruscelli casca sui sassi scorre e immensa fa il mare E l acqua dalle nuvole cade a gocce piove picchia sui tetti Scroscia e silenziosa bagna E l acqua con un getto sprizza spruzza fa le bolle frizza e in bocca disseta Dopo la lettura della poesia l insegnante discute con i bambini, spiega i termini difficili e cerca di evidenziare le parole onomatopeiche che vengono confrontate con i suoni riprodotti con la voce dai bambini e con le registrazioni originali dei suoni d acqua. L insegnante propone l ascolto di Jardins sous la pluie di Claude Debussy. 25

26 DIC - Ufficio Insegnamento primario 26

27 MUSICA MAESTRO! Ritmo e movimento Dizione ritmata di parole. Esecuzione di ritmi che propongono l accentazione principale della misura musicale. Si può iniziare utilizzando gli stessi nomi dei bambini (Marco, Anna, Giuseppe,...) che vengono pronunciati e sottolineati con il battito delle mani. Successivamente vengono evidenziati anche gli accenti: - accento forte: battito sul palmo della mano, - accento debole: battito sul polso. Es: Mar-co = battito sul palmo + battito sul polso. Questa attività porta il bambino a prendere coscienza della differenza di intensità tra un colpo forte e un colpo debole (piano). Proposte didattiche in relazione alla dinamica del suono: - Il docente esegue sequenze di piano/ forte che verranno interpretate liberamente dai bambini con movimenti pesanti o leggeri (anche il rapporto fra l intensità del suono e l intensità dello sforzo muscolare necessario a produrlo è già di per sè indicativo). - Il docente (direttore d orchestra) indica, con dei segnali particolari, cosa devono fare i bambini: - braccia in avanti con le mani chiuse a pugno: silenzio, - muovere le dita: battere le mani piano, - allargare le braccia (sempre muovendo le dita): aumentare l intensità (fare un crescendo). Il ritmo è una componente importante dell educazione musicale nella scuola elementare ed è inteso come logica e organizzata successione di battiti nel tempo. Per sviluppare il senso ritmico dei bambini è molto importante iniziare con il movimento. La marcia risulta essere pertanto una delle attività più naturali che contiene due elementi pri - mordiali: tensione e distensione. Questi elementi appartengono anche alle pulsazioni che derivano da altri movimenti corporei come l oscillazione delle braccia, il bilanciamento del corpo, della testa, ecc. Ascoltando la musica saranno i bambini stessi a scoprire altri movimenti simili a quelli precedentemente cita - ti, sviluppando in questo modo il senso metrico corrispondente al tempo (inteso come evento sonoro regolare la cui velocità è determinata dalla lunghezza del silenzio tra un colpo e l altro) che non va confuso con il ritmo (in cui i colpi si susseguono in modo assai più variato e diverso rispetto a quelli del tempo). Dizione spontanea e ritmata dei testi delle canzoni. Il lavoro sul ritmo prevede, nelle fasi successive, le seguenti possibili attività: - esercitare il ritmo tramite la dizione ritmata delle parole, - dei testi delle canzoni, di filastrocche, - riconoscere un canto dall andamento ritmico. 27

28 DIC - Ufficio Insegnamento primario Esecuzione, per imitazione, di figure ritmiche particolari, con andamento lento e veloce. Per imitazione s intende la ripetizione fedele di proposte ritmiche formulate dall insegnante o da un compagno. Diventa fondamentale l audizione in quanto non si fa affidamento sulla lettura. D altro canto, questa attività risulta più spontanea e alla portata di tutti gli allievi. 2 4 Œ Œ Œ Œ Œ Œ Œ Œ Œ Œ Œ Œ Œ Œ 3 4 Œ Œ Œ Œ Œ Œ Attività di movimento in relazione al timbro degli strumentini: - muoversi liberamente ascoltando suoni o musiche di vario genere, - giochi di reazione con gli strumentini: il docente propone alternativamente diversi timbri ai quali i bambini associano un movimento particolare, - camminare al suono dei legnetti, battere le mani al suono del tamburo, tremare al suono delle maracas, rimanere immobili, come incantati, al suono del piatto sospeso, ecc. Molte di queste attività possono essere svolte durante la lezione di educazione fisica. 28

29 Realizzazione di danze, corse, marce, saltelli (comprendenti diversi ritmi). Passo dell orso : i bambini camminano con le ginocchia in fuori, un po piegate e i piedi distanziati; con le mani pendenti davanti al petto barcollano, imitando il movimento dell orso. Marcia I bambini marciano facendo un passo ad ogni accordo; durante la marcia è anche possibile battere le mani o suonare alcuni strumentini (legnetti,...). I bambini camminano, come soldatini, ascoltando la marcia dei soldati. 29 MUSICA MAESTRO! &? &?

Fantavolando. www.fantavolando

Fantavolando. www.fantavolando Fantavolando www.fantavolando LABORATORIO DI EDUCAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO MOTIVAZIONE: I bambini si avvicinano con entusiasmo alla musica fin da piccoli, la musica è un linguaggio che li coinvolge

Dettagli

MUSICA prima elementare CANTO CORALE

MUSICA prima elementare CANTO CORALE MUSICA prima elementare CANTO CORALE Particolarmente in preparazione di un concerto di Natale Canto corale, ascolto di canzoni e brani di musica per bambini, classica e non, giochi di ascolto, canto con

Dettagli

CURRICOLO DI COMPETENZE DI MUSICA

CURRICOLO DI COMPETENZE DI MUSICA CURRICOLO DI COMPETENZE DI MUSICA 1 Competenze in uscita per la classe prima 2 NU CLE I FON DA NTI O.S.A. -Individuare i ritmi interni del corpo aventi andamento costante (cardiaco, respiratorio) -Riconoscere

Dettagli

DELLA VALLE DEI LAGHI

DELLA VALLE DEI LAGHI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI PROGRAMMA DI MUSICA PER LA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA 1 MUSICA NEL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA Premessa Le attività musicali svolte nella

Dettagli

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento Curricolo di MUSICA La musica in un quadro didattico occupa una posizione centrale perché è una componente fondamentale dell esperienza umana. Essa ha un ruolo di primo piano nello sviluppo della personalità

Dettagli

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO E fondamentale educare all ascolto e familiarizzare con il pianeta dei suoni fin dalla più tenera età. E ampiamente dimostrato quanto una

Dettagli

PROGETTO DI ANIMAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO

PROGETTO DI ANIMAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO SCUOLA DELL INFANZAI MUSSI SEZIONE BLU Anno scol. 2012-2013 PROGETTO DI ANIMAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO MOTIVAZIONE: I bambini si avvicinano con entusiasmo alla musica fin da piccoli, la musica è un

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

LA VOCE NEL METODO ORFF

LA VOCE NEL METODO ORFF Istituto Musicale Vincenzo Bellini Catania Scuola di DIDATTICA DELLA MUSICA Corso di DIREZIONE DI CORO E REPERTORIO CORALE Anno Accademico 2006/2007 Prof.ssa Elisa Poidomani LA VOCE NEL METODO ORFF ALLIEVA:

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE MUSICALE FINALITA La musica, componente fondamentale e universale dell esperienza e dell intelligenza umana, offre uno spazio simbolico

Dettagli

MUSICA PER TUTTI. Progetto interculturale di musica per Istituto Comprensivo 2 NORD SASSUOLO. Fondazione Cassa di Risparmio di Modena

MUSICA PER TUTTI. Progetto interculturale di musica per Istituto Comprensivo 2 NORD SASSUOLO. Fondazione Cassa di Risparmio di Modena MUSICA PER TUTTI Progetto interculturale di musica per Istituto Comprensivo 2 NORD SASSUOLO Fondazione Cassa di Risparmio di Modena ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Indirizzato alle Scuole Primarie dell Istituto

Dettagli

Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009

Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009 Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009 Suddivisione del gruppo I bambini della Sezione Primavera, divisi in 2 gruppi da 10-11

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Circolo Didattico Collodi-Gebbione Scuola Primaria Anno Scolastico 2010/2011 LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Premessa Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza

Dettagli

INDICE. Il Suono, il Rumore e le loro caratteristiche... Scriviamo i suoni... Facciamo Pratica...

INDICE. Il Suono, il Rumore e le loro caratteristiche... Scriviamo i suoni... Facciamo Pratica... INDICE Il Suono, il Rumore e le loro caratteristiche... Scriviamo i suoni... pag. 2 pag. 4 pag. 4 Le Note Musicali ovvero il nome dei suoni... pag. 6 pag. 6 Come indicare l Altezza Il pentagramma o rigo

Dettagli

Scuola dell Infanzia SAN MATTEO Via S. Matteo 5 10042 Nichelino (TO) MUSICA E'

Scuola dell Infanzia SAN MATTEO Via S. Matteo 5 10042 Nichelino (TO) MUSICA E' Scuola dell Infanzia SAN MATTEO Via S. Matteo 5 10042 Nichelino (TO) MUSICA E' PRESENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Laboratorio Musicale Essere immersi nella musica non è solo una metafora, poiché ognuno

Dettagli

SCHEDA N 5 ISOLA MUSICALE

SCHEDA N 5 ISOLA MUSICALE SCHEDA N 5 ISOLA MUSICALE Sull Isola Musicale tutto è armonia, musica e pace; i bambini trovano l ambiente adatto per i loro sogni, vengono coinvolti in esperienze sensoriali di ascolto della propria voce

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE

MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMPETENZA NELL ASCOLTO E NELLA COMPRENSIONE DI MESSAGGI MUSICALI Ascoltare e confrontare messaggio musicali, al fine di diventare

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI

I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI Obiettivi: * sviluppare il pensiero divergente controllato (pensiero esplorativo); * classificare i suoni ed i rumori in base alla fonte e alla provenienza.;

Dettagli

PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO

PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO Laboratorio bambini di 4/5 anni ANNO SCOLASTICO 2010-11 UNITA DI APPRENDIMENTO: LABORATORIO MUSICALE CON IL CAVALLO LALLO

Dettagli

Corso giocoso di teoria della musica.

Corso giocoso di teoria della musica. Corso giocoso di teoria della musica. Lezione 1: suoni, rumori e strumenti musicali. Ti sei mai chiesto di cosa è fatta la musica? La musica è fatta di SUONI E RUMORI Il nostro orecchio riesce a percepire

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA - IMMAGINI, SUONI, COLORI SCUOLA PRIMARIA - MUSICA SCUOLA SECONDARIA I GRADO - MUSICA SCUOLA INFANZIA Nell ambito dell educazione musicale trovano attuazione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

Movimento Ars Musicalis

Movimento Ars Musicalis Progetto di Educazione al Suono e alla Musica Movimento Ars Musicalis Proposta di potenziamento e arricchimento dell Offerta Formativa ANNO SCOLASTICO 2009/2010 Movimento Ars Musicalis proposta di potenziamento

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE di MUSICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA - 3 ANNI TRAGUARDI OBIETTIVI CONTENUTI

CURRICOLO VERTICALE di MUSICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA - 3 ANNI TRAGUARDI OBIETTIVI CONTENUTI CURRICOLO VERTICALE di MUSICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA - 3 ANNI TRAGUARDI OBIETTIVI CONTENUTI L.C.E.1 Il bambino segue con attenzione e con piacere spettacoli di vario tipo (teatrali, musicali, cinematografici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine)

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) 1 Istituto Comprensivo Ferentino 1 Curricolo Verticale 2014/2015 INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) SCUOLA INFANZIA... 3 I DISCORSI E LE PAROLE... 3 I DISCORSI E LE PAROLE LINGUA STRANIERA...

Dettagli

niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA

niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA giocare con l arte arte e natura ART artemania - parole che dicono, parole che raccontano - storie per scoprire - musica in gioco e

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009

Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009 Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009 PRESENTAZIONE OBIETTIVI FINALITA Il corso di educazione al suono, al movimento ed all immagine si rivolge principalmente ai bambini delle scuole elementari.

Dettagli

Laboratori fonologici: Verifica e punto di partenza per l apprendimento della lettoscrittura

Laboratori fonologici: Verifica e punto di partenza per l apprendimento della lettoscrittura Laboratori fonologici: Verifica e punto di partenza per l apprendimento della lettoscrittura Suggerimenti per le insegnanti Ins. Formatore Orfei Carla OBIETTIVI GENERALI: Esplorare e conoscere l ambiente

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Percorsi musica assieme e strumentazione orff

Percorsi musica assieme e strumentazione orff Percorsi musica assieme e strumentazione orff Octandre, maggio 2009 Erica Salbego, Gianpaolo Salbego, Dimitri Pasquali Musica assieme e strumentario Orff Copparo, 9 novembre 1992 PRIMO INCONTRO OBIETTIVI

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

Scuola Primaria a indirizzo musicale EVVIVA LA MUSICA

Scuola Primaria a indirizzo musicale EVVIVA LA MUSICA Scuola Primaria a indirizzo musicale EVVIVA LA MUSICA Premessa Il nostro Istituto Comprensivo è stato individuato, a partire dall'anno scolastico 2014/2015, quale Scuola Primaria sede di specifici corsi

Dettagli

Preso in mano uno strumento subito suonano insieme perché in gruppo è più facile imparare divertendosi.

Preso in mano uno strumento subito suonano insieme perché in gruppo è più facile imparare divertendosi. ABC ORCHESTRA: UN ORCHESTRA IN OGNI SCUOLA Le orchestre sono molto più che strutture artistiche, ma modello di vita sociale perché cantare e suonare assieme significa coesistere profondamente e intimamente

Dettagli

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione 1 INFANZIA 3-4 anni INFANZIA 5 anni Discriminare la

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIO POMODORO ORCIANO DI PESARO. PROGETTO: leggere

ISTITUTO COMPRENSIVO GIO POMODORO ORCIANO DI PESARO. PROGETTO: leggere ISTITUTO COMPRENSIVO GIO POMODORO ORCIANO DI PESARO Legger mente PROGETTO: leggere Prevenzione, potenziamento e sviluppo delle autonomie scolastiche nell apprendimento: dalla scuola dell infanzia alla

Dettagli

UDA n:1 In equilibrio tra arte, musica e movimento

UDA n:1 In equilibrio tra arte, musica e movimento PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Seconde NUMERO UDA UDA N.1 TITOLO In equilibrio tra arte, musica e movimento PERIODO ORIENTATIVO DI

Dettagli

Ma che musica maestre 2!!!

Ma che musica maestre 2!!! Istituto Comprensivo Nicola D Apolito Cagnano Varano Scuola dell infanzia Progetto di educazione musicale Ma che musica maestre 2!!! Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie sensazioni? Ognuno

Dettagli

PROGETTO DI LABORATORIO MUSICALE

PROGETTO DI LABORATORIO MUSICALE PROGETTO DI LABORATORIO MUSICALE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ITALO CALVINO Progetto musicale a cura di Sonia Spirito L Associazione L Albero della Musica, operante da diversi anni nel settore della didattica

Dettagli

A cura della dott.ssa Laura Tassini

A cura della dott.ssa Laura Tassini A cura della dott.ssa Laura Tassini Alla Gentile Att.ne Della Scuola dell Infanzia PROGETTO BABY DANCE DANZANDO S IMPARA D ANZA è una forma di espressione che appartiene alla storia dell uomo e della collettività

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N.1 Di colore in colore a suon di musica

Dettagli

un laboratorio, tante emozioni!

un laboratorio, tante emozioni! * Metodologia ludica, interdisciplinare e creativa della musica * un laboratorio, tante emozioni! Progetti di educazione al suono e alla musica presentati da Sandro Malva Fare musica è importante. Psicologi

Dettagli

Seminario di formazione

Seminario di formazione L Ora di Musica Seminario di formazione Docente: Giulietta Capriotti Presentazione. Il seminario è indirizzato a musicisti, studenti, docenti di educazione musicale nella scuola dell infanzia e primaria,

Dettagli

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI LOVERE VIA DIONIGI CASTELLI, 2 - LOVERE Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Le programmazioni didattiche sono state stese in base

Dettagli

IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO

IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO GIAMPIERO BARILE IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO Corso di solfeggio per bambini Esercizi ritmici di preparazione Illustrazioni: Giorgia Serafini Sigh!! Non Ä giusto voglio imparare anche io la musica ma

Dettagli

CURRICOLO d Istituto SCUOLE DELL INFANZIA Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO d Istituto SCUOLE DELL INFANZIA Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA PREMESSA La formula dell'istituto comprensivo, in cui si articola oggi la nostra scuola, prevede

Dettagli

Movimento Ars Musicalis

Movimento Ars Musicalis Progetto di Educazione al Suono e alla Musica Movimento Ars Musicalis Proposta di potenziamento e arricchimento dell Offerta Formativa ANNO SCOLASTICO 2010/2011 Movimento Ars Musicalis proposta di potenziamento

Dettagli

"COME PARLA IL NOSTRO CORPO"

COME PARLA IL NOSTRO CORPO SCUOLA DELL' INFANZIA STATALE DI CHIESANUOVA/NE "COME PARLA IL NOSTRO CORPO" Itinerario di tipo psicomotorio atto a promuovere nei bambini una buona presa di coscienza del proprio corpo ed una corretta

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 3b LABORATORIO MUSICALE (bambini di 5 anni) di CASTELMARO Gianna Anno Scolastico 2009-2010 Da gennaio 2010 a maggio 2010

UNITA DI APPRENDIMENTO n 3b LABORATORIO MUSICALE (bambini di 5 anni) di CASTELMARO Gianna Anno Scolastico 2009-2010 Da gennaio 2010 a maggio 2010 UNITA DI APPRENDIMENTO n 3b LABORATORIO MUSICALE (bambini di 5 anni) di CASTELMARO Gianna Anno Scolastico 2009-2010 Da gennaio 2010 a maggio 2010 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO La musica è cultura,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

CURRICOLO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: STRUMENTO CLASSI 1^-2^-3^

CURRICOLO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: STRUMENTO CLASSI 1^-2^-3^ CURRICOLO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: STRUMENTO CLASSI 1^-2^-3^ Nucleo fondante: COMPRENSIONE DEL LINGUAGGIO MUSICALE E PRATICA STRUMENTALE Conoscenze L insegnamento strumentale

Dettagli

CURRICULO SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO DI PINEROLO

CURRICULO SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO DI PINEROLO CURRICULO SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO DI PINEROLO Campo di esperienza: IL SÈ E L ALTRO Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme NUCLEI FONDANTI COMPETENZE Esempi di ATTIVITA

Dettagli

Scuola di Specializzazione all'insegnamento Secondario Università di Trento - Polo di Rovereto. Corso speciale abilitante scuola primaria (800 ore)

Scuola di Specializzazione all'insegnamento Secondario Università di Trento - Polo di Rovereto. Corso speciale abilitante scuola primaria (800 ore) Scuola di Specializzazione all'insegnamento Secondario Università di Trento - Polo di Rovereto Corso speciale abilitante scuola primaria (800 ore) MATERIALI LABORATORIO AREA SUONO E MUSICA docente: MICHELE

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI)

SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI) SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Il Progetto di educazione musicale è finalizzato allo sviluppo di quattro competenze specifiche: - Educazione

Dettagli

LIBRI IN FILASTROCCA

LIBRI IN FILASTROCCA SST SILENZIO PARLANO I LIBRI MOTIVAZIONE: LIBRI IN FILASTROCCA I miei libri sanno a memoria Qualsiasi storia. Loro sanno tutti i perché: perché la luna c è e non c è, perché il sole scompare in fondo al

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Nuclei Tematici Traguardi per lo sviluppo delle Competenze Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Minimi Il corpo e le funzioni senso-percettive

Dettagli

Cliccare con il mouse per avanzare

Cliccare con il mouse per avanzare Cliccare con il mouse per avanzare Cliccare con il mouse per avanzare UNITÀ DI APPERENDIMENTO Educazione all ascolto DESTINATARI Alunni e alunne di 3-4-5 anni COLLOQUIO CLINICO Che cos è un suono? Quali

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO n. 1a (Programmazione) LABORATORIO RIMICO - MOTORIO ( bambini di 3 anni ) di VISCONTI Ileana Anno Scolastico 2007-2008 Da Gennaio 2009 a Maggio 2009 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

Istituto Comprensivo di Sedegliano Mod. P1

Istituto Comprensivo di Sedegliano Mod. P1 SCHEMA PROGETTI Si raccomanda la puntuale compilazione di ogni parte, con particolare riguardo agli obiettivi che devono essere verificabili e alla parte finanziaria, che deve considerarsi definitiva SCUOLA

Dettagli

APPROCCIO ALLA MUSICA, L ORCHESTRA DEI BAMBINI MINI RITMO A CURA DI IVANO TORRE

APPROCCIO ALLA MUSICA, L ORCHESTRA DEI BAMBINI MINI RITMO A CURA DI IVANO TORRE 1 APPROCCIO ALLA MUSICA, L ORCHESTRA DEI BAMBINI MINI RITMO A CURA DI IVANO TORRE 1 L insegnamento L insegnamento di una materia considerata artistica, che prende quindi in considerazione la parte creativa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI Via U. Bassi n 30-62012 CIVITANOVA MARCHE Tel. 0733 772163- Fax 0733 778446 mcic83600n@istruzione.it, MCMM83600N@PEC.ISTRUZIONE.IT www.circolougobassi.it Cod. fiscale:

Dettagli

Percorso 8 Noi e l acqua

Percorso 8 Noi e l acqua Ascolto l acqua Premessa Questo laboratorio musicale nasce dalla necessità di permettere al bambino di scoprire i suoni del proprio ambiente. La attività si propone di: 1. Esplorazione dell elemento acqua

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI E DELLE COMPETENZE

OBIETTIVI FORMATIVI E DELLE COMPETENZE E DELLE MONOENNIO ITALIANO monoennio 1. saper ascoltare interlocutori in contesti diversi 2. saper comunicare oralmente 3. acquisire la tecnica della lettura 4. acquisire la tecnica della scrittura a)

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE INTRODUZIONE I progetti di educazione musicale da me proposti si articolano in differenti approcci che variano a seconda dell età dei bambini. La differenziazione avviene

Dettagli

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE MUSICA ATTIVA SPERIMENTAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE Fare musica è importante. Psicologi dell età evolutiva, pedagogisti, esperti del settore sono concordi nell affermare che un attività

Dettagli

Alessandra Fralleone e Roberta Del Ferraro

Alessandra Fralleone e Roberta Del Ferraro Alessandra Fralleone e Roberta Del Ferraro Metodo per lo studio del pianoforte nella Scuola Media ad Indirizzo Strumentale Vol.1 Edizioni z Eufonia Edizioni - Via Trento, 5 25055 Pisogne (BS) Tel. 0364

Dettagli

Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola Traguardi Campi di esperienza

Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola Traguardi Campi di esperienza Competenze chiave di cittadinanza europee Imparare ad imparare Spirito di iniziativa ed imprenditorialità Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA. ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina. INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone

PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA. ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina. INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone MUSICA -- CLASSE PRIMA UNITA D APPRENDIMENTO N 1 TITOLO OBIETTIVO FORMATIVO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE -Anno scolastico 2013/2014 Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

PROGETTO 5.2.8 TITOLO L

PROGETTO 5.2.8 TITOLO L info@didatticaperprogetti.it PROGETTO 5.2.8 TITOLO L ascolto musicale attraverso il movimento AREA Linguaggi non verbali (Educazione al suono e alla musica) SCUOLA Elementare 3 4 5 OBIETTIVO Ascoltare

Dettagli

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it)

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) A.E.D. ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) La mano con la sua capacità di opporre il pollice all indice e alle altre dita rappresenta una

Dettagli

CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA La scelta dello studio triennale di uno strumento comporta, da parte dell alunno e dei genitori, un ulteriore carico di lavoro

Dettagli

EDUCAZIONE MUSICALE ANDIAMO IN SALA PROVE MUSICA RIVOLTO A alunni della scuola secondaria di 1 o grado e loro insegnanti. OBIETTIVI - promozione di un servizio del Comune che fornisce una sala prove attrezzata

Dettagli

STIMOLAZIONI DIRETTE E GIOCHI ORGANIZZATI POSSIBILMENTE IN GRUPPO

STIMOLAZIONI DIRETTE E GIOCHI ORGANIZZATI POSSIBILMENTE IN GRUPPO COUNSELING ALLA FAMIGLIA COUNSELING AL NIDO E ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPEDEUTICA STIMOLAZIONI DIRETTE E GIOCHI ORGANIZZATI POSSIBILMENTE IN GRUPPO INTERVISTA ALLA FAMIGLIA INERENTE LA GIORNATA DEL

Dettagli

Junior Training - Laboratorio musicale

Junior Training - Laboratorio musicale Junior Training - Laboratorio musicale «La musica per bambini nasce lavorando con i bambini e lo Schulwerk vuole essere stimolo per un proseguimento creativo autonomo; infatti esso non è definitivo, ma

Dettagli

Scuola Infanzia Piantedo A.S. 2012/2013. Percorso metafonologico e fonologico: GIOCO CON LE PAROLE

Scuola Infanzia Piantedo A.S. 2012/2013. Percorso metafonologico e fonologico: GIOCO CON LE PAROLE Scuola Infanzia Piantedo A.S. 2012/2013 Percorso metafonologico e fonologico: GIOCO CON LE PAROLE GRUPPO: intersezione bambini 5 anni UNITÀ DI APPRENDIMENTO TITOLO/OF OO FF Titolo: GIOCO CON LE PAROLE

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze Livello: A2 Gruppo 3 Autori: Belfi Antonella, Bolzan Luana, Papi Michela Prerequisiti: comprensione linguistica livello A2 per alunni

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola Prot. n.3468b38 Noicattaro, 13.09.2013 Circolo Didattico Statale Alcide De Gasperi via A. De Gasperi, 13 Telefono e fax 080.4793318 E-mail: baee14508@istruzione.it www.degasperi2noicattaro.eu Noicàttaro

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA Raggiungere una buona autonomia personale nell alimentarsi, nel vestirsi e nel prendersi cura di sé. Scoprire e riconoscere il proprio corpo,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO Secondo i campi d esperienza PREMESSA Come si ritroverà nei successivi ordini di Scuola del nostro Istituto Comprensivo, abbiamo tratto dal Sito dell Indire le

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico: 2015/2016 Prof. Faes Roberto Disciplina: Musica Classe: 1ª B 1 Livelli di partenza rilevati Livello numero alunni A ottimo 5 B- Discreto / Buono 8 C Sufficiente

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

METODO VERBO-TONALE RITMI CORPOREI FONETICI

METODO VERBO-TONALE RITMI CORPOREI FONETICI 3PAG11 METODO VERBO-TONALE la parola, nella sua produzione e nella sua percezione, è studiata nel metodo verbo-tonale in tutta la catena della comunicazione : emissione, trasmissione, ricezione e percezione.

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli