UNA PROGETTAZIONE IN LINEA CON LE INDICAZIONI DEL CURRICOLO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA PROGETTAZIONE IN LINEA CON LE INDICAZIONI DEL CURRICOLO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA"

Transcript

1 Rosalba Fioravanti - Erika Ramazzotti - Laura e Beatrice Petrocchi Specimen UNA PROGETTAZIONE IN LINEA CON LE INDICAZIONI DEL CURRICOLO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

2 La Guida didattica Raccontami una fiaba è divisa in 2 volumi in cui vengono proposti 8 progetti articolati in Unità di Apprendimento. Per offrire alle Insegnanti una programmazione rigorosa, ma anche creativa ogni Unità di Apprendimento prende spunto da una fiaba. Primo volume Progetto 1 AUTONOMIA U.d.A. Accoglienza - Peter Pan U.d.A. Paure - Cappuccetto Rosso U.d.A. Sicurezza - I 3 porcellini Progetto 2 STAGIONI U.d.A. Autunno - La bella addormentata nel bosco U.d.A. Inverno - Biancaneve U.d.A. Primavera - La principessa e il ranocchio U.d.A. Estate - La Sirenetta Progetto 3 ARTE U.d.A. Colori - Alice nel paese delle meraviglie Progetto 4 BENESSERE U.d.A. Corpo - Pinocchio U.d.A. Salute - Hansel e Gretel Secondo volume Progetto 5 FESTE U.d.A. Halloween - Jack O Lantern U.d.A. Natale - Babbo Natale esiste! U.d.A. Carnevale - La leggenda di Arlecchino U.d.A. Pasqua - La gallinella di Lillo U.d.A. Famiglia - Il paese senza genitori Progetto 6 MONDO U.d.A. Ambienti - Il topo di campagna e il topo di città U.d.A. Riciclaggio - Laura e la natura U.d.A. Multicultura - Lilli e il vagabondo Progetto 7 PAROLE E NUMERI U.d.A. Parole e numeri - La carica dei 101 Progetto 8 MUSICA E TEATRO U.d.A. Musica - I musicanti di Brema U.d.A. Teatro - Allegati alla Guida 4 CD audio con: le fiabe da ascoltare le canzoni del percorso musicale musiche e suoni per la recita di fine anno Lo sfogliabile Raccontami una fiaba per vedere proprio come in un film le fiabe ascoltate 4 poster per colorare tutti insieme le fiabe delle 4 stagioni 1 CD-ROM di schede operative stampabili

3 Indice primo volume Progetto 1 AUTONOMIA pag. 22 U.d.A. Accoglienza - Peter Pan pag. 26 U.d.A. Paure - Cappuccetto Rosso pag. 78 U.d.A. Sicurezza - I 3 porcellini pag. 130 Progetto 2 STAGIONI pag. 180 U.d.A. Autunno - La bella addormentata nel bosco pag. 196 U.d.A. Inverno - Biancaneve pag. 246 U.d.A. Primavera - La principessa e il ranocchio pag. 296 U.d.A. Estate - La Sirenetta pag. 344 Progetto 3 ARTE pag. 392 U.d.A. Colori - Alice nel paese delle meraviglie pag. 392 Progetto 4 BENESSERE pag. 484 U.d.A. Corpo - Pinocchio pag. 498 U.d.A. Salute - Hansel e Gretel pag. 586 SEZIONE CARTAMODELLI pag. 643 Tre cose ci sono rimaste del paradiso: le stelle, i fiori e i bambini.

4 Indice secondo volume Progetto 5 FESTE pag. 2 U.d.A. Halloween - Jack O Lantern pag. 12 U.d.A. Natale - Babbo Natale esiste! pag. 46 U.d.A. Carnevale - La leggenda di Arlecchino pag. 102 U.d.A. Pasqua - La gallinella di Lillo pag. 134 U.d.A. Famiglia - Il paese senza genitori pag. 170 Progetto 6 MONDO pag. 212 U.d.A. Ambienti - Il topo di campagna e il topo di città pag. 220 U.d.A. Riciclaggio - Laura e la natura pag. 276 U.d.A. Multicultura - Lilli e il vagabondo pag. 328 Progetto 7 PAROLE E NUMERI pag. 386 U.d.A. Parole e numeri - La carica dei 101 pag. 394 Progetto 8 MUSICA E TEATRO pag. 476 U.d.A. Musica - I musicanti di Brema pag. 490 U.d.A. Teatro - I musicanti di Brema pag. 538 SEZIONE CARTAMODELLI pag. 565 Tre cose ci sono rimaste del paradiso: le stelle, i fiori e i bambini.

5 In ogni progetto si trovano: le note pedagogicodidattiche che introducono ogni progetto e ciascuna U.d.A. la mappa dellʼu.d.a. e il riferimento al cartamodello lʼindicazione del progetto e dellʼu.d.a., il rimando al CD audio con la fiaba da ascoltare, il testo della fiaba

6 la canzone relativa alla fiaba, il rimando al CD audio, lʼattività relativa alla canzone spunti di riflessione per la comprensione della fiaba le sequenze della fiaba differenziate per età (3 e 4/5 anni) da fotocopiare

7 protagonisti e antagonisti da fotocopiare per coinvolgere il bambino e aiutarlo nella comprensione della fiaba le attività (giochi e manipolazioni), da svolgere in classe, che stimolano il bambino al raggiungimento dgli obiettivi, delle abilità e delle competenze richiesti poesie e filastrocche per divertirsi insieme

8 Dalla Guida 22 PAG U.d.A. ACCOGLIENZA U.d.A. PAURE U.d.A. SICUREZZA

9 Chi ha molto a che fare con i bambini scoprirà che nessuna azione esteriore resta senza influsso su di loro. Johann Wolfgang Goethe 23

10 Dalla Guida Note pedagogico-didattiche al progetto 1 Gli obiettivi del progetto 24 Il progetto Autonomia nasce dall idea di fornire all insegnante informazioni utili riguardo il passaggio che il bambino si trova ad affrontare dal nucleo-famiglia al nucleo-scuola. Il momendo del distacco è una fase molto delicata, ed è la base di quello che sarà il modo di porsi del bambino di fronte alla scoperta del mondo. È importante seguirlo in questo momento in cui gli si presenta la possibilità di conquistarsi quel piccolo pezzo di autonomia che svilupperà poi, passo dopo passo, crescendo. Teniamo conto che l ingresso alla scuola dell infanzia è l inizio di un nuovo cammino, che vede il bambino, il più delle volte, alla sua prima esperienza nel sociale, in un nuovo ambiente e in relazione con persone che non appartengono al suo contesto familiare. Il progetto inizia con l U.d.A. dedicata al momento dell accoglienza. Dopo aver indicato alcuni suggerimenti per affrontare al meglio questo delicato passaggio, vengono suggerite semplici attività didatticoeducative per coinvolgere il bambino e avvicinarlo sempre di più al mondo della scuola. Si parte dalla fiaba, che abbiamo voluto interpretare come collegamento fra il mondo fantastico e quello reale: e chi meglio di Peter Pan saprebbe accogliere e condurre i bambini alla scoperta di un mondo fantastico? Tessendo il filo sottile che lega i due mondi, possiamo guidare il bambino alla scoperta di ciò che di fantasioso c è nella realtà, ecco perché la scuola diventa l Isolachenoncè. La fiaba, la canzoncina da ascoltare e cantare insieme, le schede da colorare e successivamente le attività suggerite coinvolgono il

11 bambino nel gioco dell apprendimento, permettendogli di acquisire le competenze necessarie per lo sviluppo educativo. Il progetto prosegue affrontando un argomento nuovo nell ambito della scuola dell infanzia: le paure. Ovviamente il testo offre degli spunti, starà poi all insegnante cercare, eventualmente, di approfondire gli argomenti. Ogni bambino ha le sue peculiarità, che vanno prima di tutto percepite e riconosciute, per poi poterle affrontare qualora se ne presenti la necessità. Capire innanzittutto cos è la paura, non temere di parlarne perché condividerla è la prima fase per il suo superamento, non criticare o rimproverare chi la prova sono solo alcune delle indicazioni suggerite. La fiaba di Cappuccetto Rosso con la figura del lupo diventa un valido strumento affinché il bambino possa comunicare questo sentimento. Successivamente vengono suggerite attività specifiche per superare determinate paure, ad esempio come superare la paura del buio, la paura della scuola ecc. L ultima U.d.A. del progetto è dedicata alla sicurezza, a partire dalle misure di sicurezza adottate a scuola in casi di emergenza come terremoto o incendio, per finire con indicazioni e attività inerenti ai pericoli in casa. La fiaba dei tre porcellini offre lo spunto ideale per riflettere su quanto sono importanti comportamenti preventivi. 25

12 Dalla Guida Mappa U.d.A. ACCOGLIENZA PETER PAN (fiaba) lettura del brano e ascolto CD (circle time) brani musicali da cantare insieme ANALIZZARE il racconto INDIVIDUARE i personaggi COMPRENDERE la sequenza cronologica analisi guidata per la comprensione del testo coloritura delle schede fotocopiabili riordino delle sequenze in ordine di tempo: 3 anni (prima-dopo) 4/5 anni (sequenze principali) REALIZZARE i protagonisti costruzione con i cartamodelli allegati 36!!! Le schede fotocopiabili riservate alla coloritura e al riordino cronologico sono da ingrandirsi in formato A3 per agevolare l esecuzione delle attività proposte.

13 Le attività di questa U.d.A. si prestano a essere svolte in stretta connessione con la fiaba proposta e con i suoi personaggi, come mostrato nello schema seguente. Coerentemente, i bambini potranno esplorare l ambiente scuola e conoscere i compagni immedesimandosi nelle avventure di Peter Pan. Tuttavia, l insegnante può scegliere di proporre le medesime attività anche disgiungendole dal filo conduttore che è loro sotteso, secondo personali esigenze didattiche o di programmazione. PETER PAN (fiaba) POESIE E FILASTROCCHE ATTIVITÀ MANUALI varie GIOCHI di gruppo e di ruolo ESPLORARE l ambiente scuola FAMILIARIZZARE con gli ambienti scolastici CONOSCERE i compagni IL CALENDARIO SCOLASTICO 37

14 cd 1 traccia 1 progetto 1 autonomia U.d.A. ACCOGLIENZA la fiaba Peter Pan Nella grande casa, in Viale dei Ciliegi, le luci erano già accese. Wendy, Gianni e Michele giocavano allegri vicino al caminetto. Wendy, raccontaci una bella storia di pirati disse Gianni. E anche di indiani aggiunse Michele. Vi racconterò, allora, unʼavventura di Peter Pan rispose Wendy. Peter Pan era un bravo ragazzo, sapeva fare un sacco di cose: volava qua e là, rincorreva le nuvole, scivolava sullʼarcobaleno e la sera accarezzava le stelle. Nei suoi giochi portava sempre con sé la deliziosa Trilli. Trilli era luminosa come una lucciola: parlava a Peter con il solo tintinnio delle sue ali ma i due si capivano perfettamente. Peter Pan viveva nellʼisolachenoncè. Questʼisola apparteneva a una feroce tribù dʼindiani, che ammiravano molto la bravura di Peter Pan. La casa di Peter Pan era una buca segreta sotto un albero; con lui abitavano Trilli e i bambini smarriti. In una bella giornata di sole Peter decise di andare a volare con Trilli. I bambini smarriti, che non potevano partecipare a quel volo, pensarono di fare un gioco nellʼisola. Faremo guerra agli Indiani! disse uno di loro Li coglieremo di sorpresa! Quatti quatti si inoltrarono nel fitto bosco. 38

15 Dalla Guida Ma gli indiani hanno le orecchie lunghe... sentiti i rumori spuntarono fuori allʼimprovviso, presero i bambini e li portarono dal capo tribù. Peter, allʼoscuro di tutto, stava sulla Roccia del Teschio. Trilli, guarda laggiù! disse indicando qualcosa sul mare. Una nave era ormeggiata vicino alla spiaggia... era quella di Capitan Uncino! Il terribile pirata era riuscito a fare prigioniera Giglio Tigrato, la figlia del capo tribù indiano e il nostromo Spugna lʼaveva legata come un salamino. Su, Giglio Tigrato, non fare la timida, dimmi dove abita Peter! disse Capitan Uncino. Eccomi qua, posso fare qualcosa? disse Peter, che con un balzo aveva spinto in mare il pirata. Peter prese poi in braccio Giglio Tigrato e volò via dalla nave. Non piangere più, piccola principessa, ora ti riporterò al villaggio disse Peter alla ragazza, ma quando arrivò al villaggio vide i bambini smarriti legati a un albero. Ciao, Peter Pan, sei venuto a salvarci? chiesero in coro. Al capo tribù si aprì il cuore, finalmente qualcuno era venuto a riprenderli! Non ne poteva davvero più dei loro giochi, delle loro corse e soprattutto delle loro domande! Ma la cosa più bella era che Peter portava con sé sua figlia, Giglio Tigrato, sana e salva. 39

16 Dalla Guida canzone Sono un bambino come te di Laura e Beatrice Petrocchi Sono un bambino come te! Vengo dallʼisola-che-non-cʼè, la polvere magica mi fa volare, nuovi amici mi aiuta a trovare, volo in alto volo su e giù, vola con me, dai! Vieni anche tu! cd 3 traccia 6 scuola RIT: Volo, volo giù volo e torno su, volo e giro là, volo e torno qua. (2 volte) Sono curioso, sì lo so! Tutta la scuola esplorerò, un luogo nuovo non fa paura, è il posto ideale per unʼavventura e se qualcuno io vedo laggiù gli dico «Amico, dai! Vieni anche tu!». RIT: Volo, volo giù Sono un bambino come te! Vengo dallʼisola-che-non-cʼè la polvere magica mi fa volare nuovi amici mi aiuta a trovare volo in alto volo su e giù vola con me, dai! Vieni anche tu! 44

17 attività VOLO SU, VOLO GIÙ Consegniamo a ogni bambino due fogli bianchi da tenere in mano: le ali. Ascoltando la canzone, i bambini camminano liberamente nella stanza agitando le ali in alto o in basso, seguendo l altezza dei suoni del brano. 45

18 progetto 1 autonomia U.d.A. ACCOGLIENZA Analisi della fiaba 46 Prima di procedere all approfondimento dei contenuti della fiaba accertiamoci che tutti i bambini ne abbiano compreso lo svolgersi. Nel caso essi manifestino lacune o perplessità rispetto al racconto o anche solo a parti di esso non esitiamo a rileggerlo, se è il caso soffermandoci sulle parti più difficili. Solo quando saremo certi di aver chiarito ogni dubbio potremo guidare un analisi collettiva sulla fiaba stessa, che stimoli la fantasia e il ragionamento dei bambini. Utilizziamo la fiaba di Peter Pan per guidare i bambini alla scoperta dell ambiente scuola, come se fosse un viaggio di esplorazione verso una nuova Isola-che-non-c è. Per agevolare l analisi, nelle pagine seguenti vengono proposte delle domande-guida specificamente riferite allo sviluppo della fiaba, ai suoi personaggi e al suo messaggio. Naturalmente, le domande-guida proposte sono da intendersi come semplice spunto che l insegnante può liberamente modificare e adeguare alle esigenze di comprensione dei bambini.

19 Dalla Guida Il materiale costituito dalle schede da colorare (per la ricostruzione temporale della vicenda), dalle schede fotocopiabili (i personaggi), dal cartamodello di Peter Pan può essere utilizzato al termine dell analisi collettiva ma anche durante, se si ritiene che possa agevolarne la riuscita. 47

20 Dalla Guida Guida all analisi: LA FIABA Che cosa fa Wendy una sera, mentre sta seduta davanti al camino? Che storia racconta Wendy? Dove vive Peter Pan? I PERSONAGGI Chi viene salvata da Peter Pan, inizialmente? Che cosa volevano fare i bambini smarriti, amici di Peter Pan? Che cosa accade loro? IL MESSAGGIO Che cosa succede quando Peter Pan raggiunge l accampamento degli indiani con Giglio Tigrato? Nel frattempo, che cosa fa Spugna? Come reagisce Capitan Uncino, quando vede Trilly nelle mani di Spugna? Che cosa succede quando Peter Pan, insieme ai bambini smarriti, sale sulla nave di Capitan Uncino? Che fine fanno Capitan Uncino e Spugna? Come finisce la storia? Che cosa sente Wendy prima di addormentarsi? 48

21 LA FIABA Guida all analisi: I PERSONAGGI Chi sono Wendy, Gianni e Michele? Chi è Peter Pan? Chi è Trilly? IL MESSAGGIO Chi è Capitan Uncino? E Spugna? Di chi ha paura Capitan Uncino? Perché? Chi è buono? Chi è cattivo? Quale personaggio ti piace di più? Perché? LA FIABA I PERSONAGGI Guida alla comprensione: IL MESSAGGIO Che cosa pensi di questa storia? Ti è piaciuta? Perché? Che cosa non ti è piaciuto? Perché? Ti piacerebbe vivere nell Isolachenoncè? 49

22 Dalla Guida scheda fotocopiabile 3 ANNI Peter Pan prima e dopo 50 Attività: Colora i due disegni e indica con una X ciò che viene dopo. Obiettivo: Riconoscere le sequenze di una storia. Concetti temporali PRIMA/DOPO.

23 scheda fotocopiabile 4/5 ANNI La fiaba in sequenze Attività: Colora le quattro sequenze, ritagliale e incollale su un foglio in ordine temporale. Obiettivo: Riconoscere le sequenze di una storia. Consolidare i concetti temporali. 51

24 Dalla Guida scheda fotocopiabile CAPITAN UNCINO 54

25 scheda fotocopiabile SPUGNA 55

26 Dalla Guida Realizziamo Peter Pan Dalla sezione dei cartamodelli prendiamo quello relativo a Peter Pan e procediamo come indicato. Fotocopiamo il cartamodello in modo da averne una copia per ciascun bambino e invitiamo ognuno di essi a colorarla. Aiutiamo ogni bambino a incollare la propria copia su del cartoncino sufficientemente robusto, per esempio quello di una scatola da scarpe. Poi, insieme ai bambini, ritagliamo le diverse sagome e buchiamole dove indicato. Assembliamo le diverse parti di ciascun cartamodello con dei fermacampioni, in modo che i diversi pezzi si possano muovere. 58

27 Peter Pan è pronto. Lasciamo che i bambini ci giochino liberamente, per esempio facendo ondeggiare le sagome come se il personaggio si librasse in volo, accompagnandoli magicamente nel viaggio di scoperta della scuola illustrato alla pagina seguente. 59

28 progetto 1 autonomia U.d.A. ACCOGLIENZA Conosciamo la scuola Il volo immaginario 1. Portiamo i bambini a fare un giro all interno della scuola, esplorando tutti i locali e osservando le loro caratteristiche. 2. Per rendere più piacevole e coinvolgente l esperienza, simuliamo il viaggio di Peter Pan e invitiamo i bambini a ondeggiare a braccia aperte come se stessero volando in fila indiana. Durante il tragitto cantiamo insieme: Peter Pan vola vola attraversa la città, lo vedete, lo sentite, Peter Pan eccolo qua! Ora bambini scopriamo insieme il salone... (nominiamo la stanza in cui ci troviamo). 3. Ogni volta che entriamo in un ambiente nuovo, invitiamo i bambini a osservare gli elementi che lo caratterizzano (oggetti, odori, rumori...), a commentarli e a chiedere qualsiasi informazione. 60

29 Dalla Guida MATERIALI MATERIALI La mappa della scuola 1. Chiediamo ai bambini di disegnare gli elementi che più li hanno colpiti in ciascuna stanza visitata, quindi facciamoli colorare e ritagliare. 2. Suddividiamo tutti gli elementi in base alle stanze d appartenenza e incolliamo ogni gruppo su un cartellone, che avremo intitolato con il nome specifico dell ambiente (per esempio gli MATERIALI elementi del salone, gli elementi della cucina, gli elementi del bagno, gli elementi della palestra...). 3. Insieme ai piccoli verbalizziamo ogni elemento rappresentato e scriviamovi, accanto, la sua funzione (es. il tappeto in biblioteca serve per sdraiarsi a leggere un libro). 4. Appendiamo i cartelloni. MATERIALI Fogli. Pastelli o pennarelli. Forbici. Colla. Cartelloni colorati. 61

30 progetto 1 autonomia U.d.A. ACCOGLIENZA Il calendario scolastico 70 Il calendario scolastico è uno strumento molto importante per i piccoli, in quanto li aiuta a percepire il passaggio dei giorni, delle stagioni e, più in generale, del tempo. Inoltre permette di caratterizzare l inizio della giornata scolastica, in quanto in genere, ogni giorno, la compilazione del calendario è la prima attività a essere svolta. MATERIALI Cartellone. Cartoncino. Pastelli e pennarelli. Foto-tessere. Velcro. Forbici. Assieme al passaggio dei giorni, nel calendario scolastico registreremo le presenze dei bambini e il tempo meteorologico. 1. In un cartellone, disegniamo il contorno di un edificio (come quello proposto), che rappresenterà la scuola. 2. Alla base del tetto tracciamo una griglia di 31 caselle per potervi inserire i giorni del mese. 3. Di seguito definiamo una griglia di 7 caselle per potervi inserire i giorni della settimana. 4. Infine creiamo una griglia di 7 caselle per inserire le condizioni metereologiche. 5. Coloriamo il tetto dell edificio di rosso e il resto di giallo. 6. Disegniamo i simboli opportuni nelle 7 caselle delle condizioni metereologiche e lasciamo in bianco le griglie dei giorni del mese e della settimana. 7. Disegniamo delle finestrelle sulla parte colorata di giallo (in numero corrispondente a quello dei bambini) e scriviamo, sotto ad

31 Dalla Guida ognuna, il nome di un bambino. All interno di ogni finestrella fissiamo un pezzetto di velcro (il negativo). 8. Mettiamo in un contenitore, accessibile ai bambini, le loro foto-tessera, sul cui retro avremo fissato un pezzetto di vecro (il positivo). All ingresso in classe ogni bambino registrerà la propria foto nella casella con il suo nome. 9. Scriviamo sulle caselle apposite i giorni del mese e della settimana e, all interno di ognuna, attacchiamo un pezzetto di velcro, il negativo. 10. Dal cartoncino ritagliamo dei bollini, che serviranno per contrassegnare le varie caselle e attacchiamo, nel retro, un pezzetto di velcro, il positivo. Lasciamo i bollini all interno di un secondo contenitore anch esso accessibile ai bambini. 11. Ogni giorno verrà incaricato un bambino diverso, che dovrà compilare il calendario, attaccando i bollini sul giorno del mese, su quello della settimana e sulla situazione meteo. 71

32 filastrocche Dalla Guida LA SCUOLA Bimbo, bimbetta, la scuola vi aspetta. Ci son tanti bambini, spensierati e birichini; e se son stanchi di giocare si può sempre cantare «Giro giro tondo com è bello il mondo! Chi lo vuol conquistare a scuola deve andare. In cielo sta il sole, nel prato le viole, sull albero le pere, il latte nel bicchiere, la rondinella vola, e i bimbi vanno a scuola!». ADDIO ESTATE L'estate se n è andata, la nebbia già si è alzata. Addio sole, sabbia, mare e bei monti da scalare! In città siamo tornati alla scuola preparati. FACCIAMO UN GRANDE CERCHIO Facciamo un grande cerchio presto tutti qua giriamo da una parte giriamo verso là. Stiamo tutti a vedere un, due, tre, caschiamo sul sedere! 72

33 filastrocche LA CANZONE DELLA FELICITÀ Se sei triste, ti manca l'allegria, scacciare puoi la malinconia, vieni con me, ti insegnerò la canzone della felicità! Bom bom bom Batti le ali, muovi le antenne, dammi le tue zampine vola di qua e vola di là... la canzone della felicità! Bom bom bom A SCUOLA A scuola nessuno è solo come gli uccellini in volo nello stormo tutti insieme e si vogliono un gran bene! 73

34 Nei quaderni operativi 3 anni 74

35 Dalla Guida 4 anni 5 anni 75

36 Dalla Guida Nei quaderni operativi 3 anni 76

37 4 anni 5 anni 77

38 Dalla Guida PROGETTO MUSICA E TEATRO Gli obiettivi del progetto Musica a scuola Musica come gioco Dalla musica al teatro U.d.A. MUSICA Mappa U.d.A. MUSICA FIABA I musicanti di Brema CANZONE Il mio sogno Analisi della fiaba Guida alla discussione Schede fotocopiabili I musicanti di Brema prima e dopo La fiaba in sequenze Asino Cagnolino Gattino Gallo I suonatori I briganti ATTIVITÀ La scoperta del suono e del silenzio Il gioco dei briganti nella notte Strade di suono e di silenzio La sveglia nascosta Schede fotocopiabili La sveglia Il corpo e la musica La canzone della chiave musicale Schede fotocopiabili Chiave di violino Un corpo che suona Filastrocca del rumore Schede fotocopiabili Il corpo che suona Andando tutti a Brema Lo strumento voce

39 Cantiamo piano e forte Montagne russe vocali (5anni) Il buongiorno in molti modi Filastrocca delle vocali Schede fotocopiabili A E I O U Gli strumenti musicali suona! Suoniamo a ritmo Lo strumento a sorpresa Schede fotocopiabili Sonaglio e tamburo Maracas e triangolo U.d.A. TEATRO Il teatro a scuola Realizziamo le scenografie La scena Titolo: I MUSICANTI DI BREMA Alberi Oggetti di scena La casa dei briganti Fiori, uccellini, api Schede fotocopiabili Scenografia fiori Scenografia api Scenografia uccellini Realizziamo i costumi Coro-abitanti di Brema Asini Cagnolini Gattini Galli Briganti Il copione

40 progetto 8 MUSICA E TEATRO U.d.A. TEATRO Realizziamo le scenografie La scenografia è una componente molto importante di qualsiasi messa in scena. Anche l assenza di una scenografia può essere una scelta teatralmente giustificabile e che, comunque, caratterizzerà in modo forte anche uno spettacolo scolastico. Realizzare oggetti di scena, cartelloni, fondali, disegni, è un ottimo modo per coinvolgere ancora più profondamente i bambini in un contesto immaginario, per far vivere loro quella comunione di arti espressive che uno spettacolo di teatro musicale sa così ben realizzare. Sarà importante costruire la scenografia insieme alla classe un po alla volta, farla crescere contemporaneamente alla via via migliore conoscenza del copione. Fondamentale e anche montarla (almeno in parte) durante le prove, perché il gioco dell immedesimarsi sia facilitato e i bambini si trovino a proprio agio con fondali e oggetti di scena. Qui si suggerisce una scenografia molto semplice, facilmente trasportabile, realizzabile dai bambini, economica e costituita da materiali facilmente reperibili a scuola o, comunque, ben recuperabili. Ovviamente ben vengano altre idee e maggiori dettagli se si hanno a disposizione fondi, manodopera più qualificata, aiuto da parte delle famiglie, specifiche professionalità nella scuola. Le misure dovranno essere adatte allo spazio in cui si prevede di realizzare lo spettacolo e anche il numero degli elementi da realizzare varierà in base alla grandezza del palcoscenico. 542

41 progetto 8 MUSICA E TEATRO U.d.A. TEATRO Dalla Guida Realizziamo i costumi Realizziamo i costumi con materiali semplici e di facile vestibilità per consentire ai bambini di muoversi comodamente durante la messa in scena. Chiediamo a tutti di portare a scuola i propri abiti: maglietta, collant, antiscivolo (ciascuno nei colori del proprio personaggio). È consigliabile realizzare i costumi con anticipo coinvolgendo tutti e lasciando che ogni bambino familiarizzi con il proprio, ma sarà bene utilizzarli soltanto per la prova generale. Coro-Abitanti di Brema IN TESTA: coroncina di tulle con appese note in cartoncino colorate a tinte vivaci. MAGLIA: T-shirt bianca con disegnata al centro un grande chiave di violino dai colori accesi. CALZAMAGLIA: bianca. ANTISCIVOLO: colorati. 550

42 progetto 8 MUSICA E TEATRO U.d.A. TEATRO Dalla Guida Il copione Personaggi Narratore: una voce fuori scena (un insegnante o comunque un adulto). Coro-Abitanti di Brema: un gruppo di bambini che rimane sempre in scena e canta tutte le canzoni senza recitare. Asini, Cagnolini, Gattini, Galli, Briganti: 5 bambini per ogni gruppo (possono essere di più o di meno, in base alle esigenze, suddividendo o accorpando le battute). INIZIO NARRATORE C era una volta la città di Brema: una città meravigliosa dove tutto era musica e armonia. Lì vivevano i più famosi e bravi musicisti. La musica era il linguaggio preferito: ci si salutava con una canzone, si chiacchierava intonando ritornelli, persino al supermercato si pagava il conto con delle note musicali APERTURA SIPARIO (all apertura del sipario i bambini si trovano già disposti «a coro» sul fondo della scena, pronti per cantare la canzone) LA CHIAVE MUSICALE La chiave musicale ci apre mille porte, ci porta in mille luoghi della fantasia, oggi un altra storia inizia se lo vuoi, un mago un re una fata chissà chi incontrerai Do, do, re, mi, mi Mi re mi fa sol Chiave musicale La sol fa mi re raccontami una storia, raccontala per me cd 4 traccia 14 I bambini del coro si siedono ben ordinati sul fondo della scena mentre gli asini avanzano al centro. 554

43 Laura e Beatrice Petrocchi RACCONTAMI UNA FIABA Laura e Beatrice Petrocchi FIABE Traccia 1 Peter Pan Traccia 2 Cappuccetto Rosso Traccia 3 I tre porcellini Traccia 4 La bella addormentata nel bosco Traccia 5 Biancaneve e i sette nani Traccia 6 La Principessa e il ranocchio Traccia 7 La sirenetta CD 1 Laura e Beatrice Petrocchi RACCONTAMI UNA FIABA Laura e Beatrice Petrocchi FIABE Traccia 1 Alice nel paese delle meraviglie Traccia 2 Pinocchio Traccia 3 Hansel e Gretel Traccia 4 Jack o,lantern Traccia 5 Babbo Natale esiste! Traccia 6 La leggenda di Arlecchino Traccia 7 La gallinella di Lillo Traccia 8 Il paese senza genitori CD 2

44 Laura e Beatrice Petrocchi CD 3 Laura e Beatrice Petrocchi RACCONTAMI UNA FIABA FIABE Traccia 1 Il topo di campagna e il topo di città Traccia 2 Laura e la natura Traccia 3 Lilli e il vagabondo Traccia 4 La carica dei 101 Traccia 5 I musicanti di Brema CANZONI Traccia 6 Sono un bambino come te Traccia 7 Ciao Lupo! Traccia 8 Le tre casette Traccia 9 Il bosco addormentato Traccia 10 Biancaneve neve bianca Traccia 11 Il ranocchio dello stagno Traccia 12 La principessa del mare Laura e Beatrice Petrocchi CD 4 CANZONI Traccia 1 Oniricanto Traccia 2 Filastrocca di Pinocchio Traccia 3 La casa della bontà Traccia 4 Trick or treat Traccia 5 Vola Natale vola Traccia 6 Zigo Zin Traccia 7 Uova colorate Traccia 8 Famiglia meraviglia Traccia 9 In campagna e in città Laura e Beatrice Petrocchi RACCONTAMI UNA FIABA Traccia 10 Rap del riciclaggio Traccia 11 Mondo girotondo Traccia 12 Uno centouno Traccia 13 La chiave musicale Traccia 14 Inizio musicanti di Brema Traccia 15 Canzone degli asinelli Traccia 16 Canzone dei cagnolini Traccia 17 Canzone dei gattini Traccia 18 Cantiamo piano e forte Traccia 19 Canzone dei briganti Traccia 20 Il mio sogno

45 Dallo Sfogliabile

46 RACCON TAMI UNA FIABA Dallo Sfogliabile LO SFOGLIABILE

47 INDICE PETER PAN CAPPUCCETTO ROSSO I TRE PORCELLINI LA BELLA ADDORMENTATA BIANCANEVE E I SETTE NANI LA PRINCIPESSA E IL RANOCCHIO LA SIRENETTA ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE PINOCCHIO HANSEL E GRETEL JACK O, LANTERN BABBO NATALE ESISTE! LA LEGGENDA DI ARLECCHINO IL PAESE SENZA GENITORI IL TOPO DI CAMPAGNA E IL TOPO DI CITTÀ LAURA E LA NATURA LILLI E IL VAGABONDO LA CARICA DEI

48 eter an CD: 1 traccia: 1 Attività: Dopo l ascolto del racconto, mostriamo l immagine che rappresenta la sequenza iniziale e chiediamo ai bambini di verbalizzarla. Obiettivo: Riconoscere personaggi e sequenze di una storia. Acquisire i concetti temporali: PRIMA/DOPO. 4

49 Dallo Sfogliabile Attività: Mostriamo l immagine che rappresenta la sequenza finale e chiediamo ai bambini di verbalizzarla. Invitiamoli poi a colorare scene e personaggi riprodotti nelle schede fotocopiabili della Guida. Obiettivo: Riconoscere personaggi e sequenze di una storia. Acquisire i concetti temporali: PRIMA/DOPO. 5

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI. La fiaba

PERCORSI DIDATTICI. La fiaba PERCORSI DIDATTICI La fiaba di: Dilama scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-10 anni La fiaba è un genere letterario di origine popolare, che nasce dalla tradizione orale e solitamente

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

C era una volta. Fiabe in rima

C era una volta. Fiabe in rima C era una volta Fiabe in rima Ed ora le fiabe. Perché non trasferire in rima le fiabe conosciute? Non tutte naturalmente, quelle che i bambini conoscevano, quelle che amavano di più, quelle che più sollecitavano

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio Quell imbroglione di Mazalorsa Autori e illustratori CAMPOSTRINI GABRIELE MABBONI EMILIANO

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

LE MASCHERE E LE REGIONI ITALIANE

LE MASCHERE E LE REGIONI ITALIANE LE MASCHERE E LE REGIONI ITALIANE In tutti i paesi ci sono personaggi molto particolari che rappresentano le abitudini del posto o di una certa epoca della storia. Questi personaggi a volte sono reali,

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile Proponiamo alcune possibili attività didattiche da fare in classe con i calendari di Domani, in cui sono riportati gli eventi significativi della cultura e della Storia d Italia. 2011 Alma Edizioni Materiale

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

ANCHE QUEST ANNO È GIÀ NATALE

ANCHE QUEST ANNO È GIÀ NATALE ANCHE QUEST ANNO È GIÀ NATALE Il percorso didattico dedicato al Natale ha la finalità di far vivere con maggiore consapevolezza le tradizioni natalizie, dando un significato appropriato ai simboli del

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Ogni giorno abbiamo modo di osservare come i bambini possiedono intuizioni geometriche, logiche

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Premessa. Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Il percorso didattico realizzato è parte integrante di un progetto interculturale, Girotondo intorno al mondo, la cui tematica

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Lavorare su tutta la classe per il rispetto delle regole. INSEGNANTE: Maria Teresa Macellari TIROCINANTE: Martina Marenghi

Lavorare su tutta la classe per il rispetto delle regole. INSEGNANTE: Maria Teresa Macellari TIROCINANTE: Martina Marenghi Lavorare su tutta la classe per il rispetto delle regole Classe 1ª 1 Scuola elementare di San Polo INSEGNANTE: Maria Teresa Macellari TIROCINANTE: Martina Marenghi LA SCELTA DELL OBIETTIVO Lavoriamo sulle

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ALFABETIZZAZIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI STRANIERI. Scuola dell infanzia

PROGETTO EDUCATIVO DI ALFABETIZZAZIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI STRANIERI. Scuola dell infanzia ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO DI MUGELLO MATERIALE PER L INSEGNANTE PROGETTO EDUCATIVO DI ALFABETIZZAZIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI STRANIERI Scuola dell infanzia DOCENTE REFERENTE: ANNA MARIA BRUNETTO

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli