Il Carnevale a S. Venere 1 N. C.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Carnevale a S. Venere 1 N. C."

Transcript

1 Il Carnevale a S. Venere 1 N. C.

2 La Farsa che si è sviluppata a S. Venere, possiede tutte le caratteristiche dell antico genere farsesco, si presenta infatti come una scenetta ideata dagli abitanti del luogo e messa in scena esclusivamente da uomini, con l obiettivo di far divertire il pubblico attraverso le battute scherzose e umoristiche dei vari personaggi. Anche qui la scenetta si svolgeva, e tuttora si svolge, nelle piazze principali del paese, e per le strade, tra una piazza e l altra, le persone venivano accompagnate dalla musica e dai balli. Per le strade del paese. Nella piazza principale. 2

3 Inoltre anche qui compare il personaggio di Carnevale, che si presenta al pubblico ben pasciuto, làcero e sudicio, incarnazione della scelleratezza e di una vita immersa nel divertimento, priva di regole e misura. Di particolare rilievo, si presenta poi la figura di Pulcinella che riesce a scatenare nel pubblico una sincera e schietta risata, non solo per le sue battute divertenti, ma soprattutto perché diventa il simbolo del riscatto sociale, prendendo in giro tutti quei personaggi che nella vita reale venivano visti quali rappresentanti della cultura ufficiale, come il medico, il capitano e i soldati. Quindi la farsa costituiva un momento importante per il popolo, in quanto esso poteva, finalmente, attraverso i suoi personaggi, far sentire la sua voce e denunciare anche tutti quei comportamenti che violavano i valori su cui si fonda la vita sociale della popolazione. In particolare, nella prima parte della scenetta,troviamo come protagonista la gelosia dello zio Giacinto, ma soprattutto c è una 3

4 chiara denuncia a quelli che sono i facili costumi di Rosetta, che viene sorpresa dal marito, insieme al cugino Cosentino. Successivamente si passa a parlare della corruzione, che caratterizza gli uomini di potere, come il Capitano e i soldati, che dovrebbero rappresentare la giustizia, ma che in realtà, con le loro azioni dimostrano il contrario, infatti si lasciano facilmente corrompere dalle offerte della madre di Carnevale, la Vecchia, che con la sua furbizia e con i suoi raggiri riesce sempre a cavarsela. 4

5 In paese c è una festa, animata dai balli tipici, in particolare dalla tarantella, ma ad un tratto il tutto è interrotto da zio Giacinto, il quale vedendo ballare la moglie Rosetta con il cugino Cosentino, si ingelosisce e comincia a strattonarlo e minacciarlo, la battaglia stava ormai per cominciare, quando ecco che interviene l Antiprologo che calma gli animi Antiprolico : Queti, queti chi diavulu fati? Non fati chiù timurcu pi li strati, cu lu vostru silenziu chi faciti, ora vi dicu eu chillu chi si faci. Lu muttu di li ntichi veru dici chi l omu chi non s adatta a lavurari, pi forza e pi necessità avi a robbari si di la fami poi sarà cunvintu..(fig.1) E ora nesci ccà lu zi Giacintu. Zi Giacintu: Eccutamenti chi su lu zi Giacintu, chillu chi porta la spata d argento, voliva fari la vita di li lupi mi mi mangio li pecuri e li crapi, stu vinu è bellu e finu e mi piaci, nu brindisi nci fazzu a tutti st amici, è tantu bellu chi mi fa parrari E ora nesci tu, Carnuluvari. Antiprologo : Calmi, calmi cosa fate? Non litigate per le strade, fate un po di silenzio e vi dirò che fare. Un proverbio degli antichi dice che l uomo che non riesce a lavorare, per forza e per necessità deve rubare per non morire di fame. E ora esce lo zio Giacinto. Zio Giacinto : Eccomi, sono lo zio Giacinto, quello che porta la spada d argento, volevo vivere così come i lupo che si mangia le pecore e le capre. Questo vino è buono, mi piace, un brindisi voglio fare a tutti questi amici, è cosi bello che mi induce a parlare e ora esci tu Carnevale. 5

6 Carnuluvari : Eccutamenti ch eu su Carnuluvari la me facci bbundisci comu o suli, n omu comu a mmia non si po truvari, senza nessuna regula e misuri, fici la vita mia nta tanti sciali mangiandu suppizzati e maccarruni longhi quantu a stu furcuni. La genti chi và parrandu a li spuntuni, nta la so gistra non tenunu pani, mi vannu mi si gurdunu silazzi e silazzuni, ch eu mangiu mbivu e dormu a sonnu chinu. E ora nesci tu lu Cusintinu. Cusintinu : Eccutamenti ch eu su lu Cusintinu e mi partia di tantu luntanu, partia aieri sira a la bon ura, pi viniri nti tia Rosetta cara, pi la strata mi mbattiu na brutta mbattitura, nci stava mpizzandu la peddi e la lana, supra a la nivi suduri iettava, oh beni meu si la truvassi sula, fari nci vuliva na simpustura, si to maritu non nc è ch è andatu fora, Rosina beni meu nesci fora. Carnevale : Eccomi, io sono Carnevale, la mia faccia splende come il sole, un uomo come me è difficile da trovare, io sono senza regole e misure, ho fatto una vita di divertimenti, mangiando salame e maccheroni lunghi quanto a questo forcone. La gente che parla a sproposito e non tiene pane nel cestino, che vada a mangiare salsicce, mentre io bevo e dormo a sonno pieno. E ora esci tu Cosentino. Cosentino : Eccomi io sono Cosentino, sono partito da molto lontano, son partito ieri sera di buon ora per venire da te Rosetta cara, per la strada mi ha colpito una brutta avventura, quasi ci lasciavo la pelle, e buttavo sudore sulla neve, oh se la trovassi sola che bene sarebbe per me. Se tuo marito non c è che è andato fuori, Rosina bene mio esci fuori. 6

7 Rosetta : Benvinutu miu caru cugginu! Pi mmia ti partisti di tantu luntanu? Pi mmia ti facisti ssu lungu caminu? Me maritu non nc è chi iu fora, iamunindi a la casa, to la manu. Zi Giacintu : Eh botti d oi e botti di dumani mmazzari li vuliva a sti cristiani, ma si corpu non mi sbaglia giusta nci la pigghiu la misura ma sugnu sulu comu fazzu mi lu sciuppu lu mustazzu mannaia oi e mannaia matinu ti fazzu vidiri eu cu è lu zi Giacintu. Cusintinu : mannaia oi e mannaia matinu ti fazzu vidiri eu cu è lu Cusintinu. Zi Giacintu: mollimi dill occhi chi mi sciuppi li pidocchi, mollimi di capiddi chi mi sciuppi li garidi. Rosetta : Benvenuto mio caro cugino! Per me sei venuto da così lontano? Per me hai fatto questo lungo cammino? Mio marito no c è è uscito, vieni a casa e tienimi per mano. Zio Giacinto : Eh botte di oggi, eh botte di domani li vorrei ammazzare queste persone, e se il corpo non è solo apparenza la stazza è simile alla mia ma sono da solo come faccio mannaggia oggi e mannaggia domani ti faccio vedere io chi è lo zio giacinto. Cosentino : Mannaggia oggi e mannaggia domani ti faccio vedere io chi è Cosentino. Zio Giacinto : Lasciami gli occhi che mi levi via i pidocchi, lasciami i capelli che mi levi via i garilli. 7

8 Antiprolico : Queti, queti chi diavulu fati, ca punti vi li dugnu li mazzati, vi ndi dughu una e vi ndi dugnu dui e si non vi bastunu vi ndi dugnu chiuni, na sula cosa mi dispiaci: nci rumpiru li corna a lu zi Giaci, cu so mugghieri sarannu nemici e pi sei misi non farannu paci, ma eu dubitu non mi li fanno amici e mi mi fannu di li suspettati, ma eu di iddi non mi schiantu, nchianu iusu e scindu susu e basciatimi stu purtusu ora chi vinni l ura di mangiare fari mi la voliva la panza china e ora nesci tu Rosettina. Rosetta : Eu su Rosetta di nomi e di fatti accunti non eppi mai cu li genti tristi, aiu lu zi Giacintu ch è dill arti e mi li ppura tutti li provvisti. Zi Giacintu : Ora pi nu misi a casa non nci vegnu supra nu munti mi mentu mi ti viu, cu la spata a mmanu attentu staiu e ora nesci ccà lu Capitanu Antiprologo : Calmi, calmi, cosa state facendo, se non la finite vi prendo a bastonate, vi bastono una, due e se non vi basta continuo finchè non la finite, una sola cosa mi dispiace: che hanno tolto la serenità allo zio Giacinto, che con sua moglie saranno nemici e per sei mesi non faranno pace, ma forse si faranno amici e a me daranno la colpa di tutto, ma io di loro non ha paura, salgo su e scendo giù e baciatemi il sedere ora è l ora di mangiare e voglio riempirmi la pancia e ora esci tu Rosettina. Rosetta : Io sono Rosetta di nome e di fatto, non ho mai avuto a che fare con gente triste, ho lo zio Giacinto che sa come trovare le provviste. Zio Giacinto : Ora per un mese a casa non torno, sopra ad un monte andrò per osservarti da lontano, e con la mia spada in mano attento starò a quello che fai e ora esce il capitano. 8

9 Capitanu : Eu su lu Capitanu di chisti paisi, chi me surdati vi fazzu trimari, haiu sintuti tanti nominati, giustizia non si fa nta sti paisi, haiu li mastri d ascia già falluti, nta la so sacca non hannu nu turnisi, ora mandu chiamandu i me surdati pi udivi a la piazza chi si dici. Alè Capurangiomu! Capurangiomu : Cumandi signor capitano! Capitanu : Cumandu chi aiu nu libbru chinu di qualeri chi parra cuntra di Carnuluvari, ora mi dissunu ch esti a sti pedi pedi, o mortu o vivu mi l haiti a purtari.(fig. 2) Capurangiomu : Non dubiti signor capitanu, chi tutti li so cumandi li ubbidimu, eu ora mi ndi vaiu hianu chianu e vaiu a truvari lu Capuranninu. Alè Capuranninu! Capitano : Io sono il capitano di questo paese, con i mie soldati faccio tremare tutti, ma ho sentito dire che non c è giustizia in questo luogo, ci sono mastri di ascia già falliti che non hanno neanche un soldo in tasca. Ora mando a chiamare il caporale per saper cosa si dice in piazza. A rapporto caporale! Caporale : Comandi signor capitano! Capitanu : Ho un libro pieno di accuse contro Carnevale, mi hanno detto che è in giro, ti ordino di prenderlo, vivo o morto. Caporale : Non dubiti signor capitano, eseguiremo i suoi ordini, ora vado a trovare il tenente. A rapporto tenente! 9

10 Capuranninu : Comandi signor capurangiomu! Capurangiomu : Capiscistuvu chi dissi u capitano? Capuranninu : No, non sintia, non era da! Capurangiomu : Dissi chi avi nu libbru chinu di qualeri chi parra cuntra i Carnuluvari, ora dissunu ch esti a sti pedi pedi e o mortu o vivu nci l avimu a pigghiari. Capuranninu : Eccu cumpagnu chi su lu primu, l arma mi basta mi nci mentu manu, eu di fucili non sugnu struitu ma di pistola mi libirai, ora aiu purbiri violenti, a terra u iettu comu nenti, aiu li brazza mei ben, forti aundi vaiu vaiu nci dugnu a morti! Tenente :Comandi signor caporale! Caporale : Ha sentito cosa ha detto il capitano? Tenente : No, non ho sentito, perché non c ero! Caporale : Ha detto che ha un libro pieno di accuse contro Carnevale, ora egli è in giro, e dobbiamo prenderlo vivo o morto. Tenente : Compagno eccomi, mi basterà la mia arma per prenderlo, il fucile non lo so usare ma con la pistola si, e con la mia polvere da sparo lo colpirò in un istante, ho tanta forza nelle braccia che posso battere chiunque. (La madre di carnevale sente tutto e corre ad avvertire il figlio) 10

11 Vecchia : Figghiu mmucciti chi ti vonnu pigghiari! (Carnevale fugge mentre i soldati lo inseguono sparando) Vecchia : Sti curnuti mu mmazzaru a me figghiu! (fig. 3) Soldati : Eccu signor capitanu, u pigghiammu lu nquisitu, era davanti a na caddara cu nu porcu e na vaccina sana sana, puru li cani tiravunu sdegnu ossa non nci dassaru a li spuntuni. Vecchia : Non è bberu signor capitanu, u vonnu mali a me figghiu! Capitanu : Vecchiarella mia nenti da fari, portatilu a castellu a carcirari. Vecchia : Nasconditi figlio mio ti vogliono arrestare! Vecchia : questi disgraziati vogliono uccidere mio figlio! Soldati : Ecco signor capitano, abbiamo preso il colpevole, era davanti ad un tegame con dentro carne di maiale e di vitello, pure i cani restavano a guardare neanche le ossa gli dava. Vecchia : Non è vero signor capitano, vogliono incastrare mio figlio! Capitano : Vecchiarella mia, non c è più niente da fare, portatelo al castello e carceratelo. 11

12 Capurangiomu : o castellanu di castelluvitu, vidi chi ti purtammu lu nquisitu, non mi ti penzi ch esti unu bonu, chi ti la faci prima ch è matinu! Castellanu: Iettulu ccà nta stu zimbuni d ora ndavanti nci li cuntu l uri. Carnuluvari : Ora chi nta stu carciri ncappai ccà intra li mutu li denti e li moli, si non nveni me mamma mi mi porta pani ccà si vidi comu si mori. Vecchia : Zittu zittu chi ora vaiu nta l abbucatu e viu comu pozzu fari mi ti nesciu.(fig.4) Carnuluvari : Ma oh ma, mi faci pisciari!... Vecchia : Figghiu, piscia ccà intra, fina mi viu comu pozzu fari. Caporale : Oh castellano che stai nel castello, ti abbiamo portato il colpevole, non pensare che è buono, perché può fuggire prima di domani! Castellano : Buttalo qua, d ora in poi ci penserò io. Carnevale : Ora che sono finito in carcere, qui invecchierò, e se non viene mia madre a portarmi del pane da mangiare, qui capirò veramente come si può morire. Vecchia : Zitto, zitto, ora vado dall avvocato e vedo come posso fare per farti uscire. Carnevale : Mamma devo andare in bagno Vecchia : Vai lì dentro figlio mio, fino a quando capirò che posso fare. 12

13 Vecchia :Dottori a vecchiarella vi riverisci, non appi chi mi vi porta e vi purtau dui provuli mi vi mpenditi a frunti. Dottori : Grazi bon vecchia u medicu non ricivi cunserbatavilli pi la Pasca. Bon vecchia chi t accurri? Vecchia : Sapiti, aiu a me figghiu nto carceri, e vuliva nu bigliettu di vostri mu fazzu nescìri. Dottori : Pi chistu vi pozzu favuriri, tenitimi st anca. Vecchia : O castellanu di castelluvito lu medicu mi manda stu mandatu, mi scarceri a me figghiu chè malatu. Castellanu : Stu bigliettu non è firmatu ill ufficiali ed è fattu cu nu puntu sulu ed è bonu mi mi stui u culu. Vecchia : Dottore la vecchiarella vi riverisce, vi ho portato due provole non avendo altro da offrirle. Dottore : Grazie, buon vecchia ma non privatevene, conservatele invece per la Pasqua. Piuttosto cosa ti serve? Vecchia : Sa c è mio figlio in carcere, e volevo un certificato di malattia per farlo uscire. Dottore : In questo posso aiutarla, sorreggete la mia gamba. Vecchia : Oh castellano che stai nel castello, il mio medico manda questo mandato: di scarcerare mio figlio perché è malato. Castellano : questo biglietto non ha la firma dell ufficiale ed è costituito da un solo punto per cui non serve a niente. 13

14 Vecchia : Ora vaiu nta l ufficiali e ci cantu na somma di paroli. Castellanu : Vai e cantanciddi puru dui. Vecchia : Bongiornu signor capitanu, a vecchiarella vi riverisci, non appi chi mi porta e vi purtau nu piattu i pruppetti e maccarruni.(fig.5) Capitanu : Viva la vecchia cu tuttu lu suli, ora Volanti (atttendente del capitano) pigghia ssu maccarruni chi la me panza mi vogghiu giustari. Oh chi bella matinata chi brisciu sta matina mi mangiai puru na suppizzati cu dui cosci di gadina, ora a panza l aiu china. Bon vecchia chi t accurri? Vecchia : Voliva nu bigliettu mi nesciu a me figghiu chi è ntu carciri malatu. Capitanu : Vatindi pi a casa chi ora è pinzeru u meu alè Capurangiomu! Vecchia : Ora vado dall ufficiale a dirgli qualche parola. Castellano : Vai e digliene pure due. Vecchia : Buongiorno signor capitano la vecchiarella vi riverisce, non avendo altro vi ho portato un piatto di polpette e maccheroni. Capitano : Viva la vecchia insieme al sole, Volante prendi i maccheroni che voglio mangiare. Oh che bella giornata, ho mangiato gia un salame con due cosce di gallina, per cui la mia pancia è piena. Buon vecchia che ti serve? Vecchia : volevo un vostro mandato per far uscire mio figlio che è in carcere ed è malato. Capitano : Torna a casa ora ci penso io a rapporto tenente! 14

15 Capurangiomu : Comandi signor capitanu. Capitanu : Vi cumandu mi iti e mi scarcerati a Carnuluvari ch è malatu nto carceri, e si urta u diavuli mi mori, tutta a curpa vai all ufficiali e puru e surdati. Capurangiomu : Non dubiti signor capitano, chi tutti li cumandi l ubbidimu, ora mi ndi vaiu chianu chaianu e vaiu a chiamari lu capuranninu Alè Capuranninu! Capuranninu : Comandi signor Capurangiomu! Capurangiomu : Sentistuvu chi dissi l ufficiali? Capuranninu : No non sentia pirchì non era dda. Caporale : Comandi signor capitano. Capitano : Vi ordino di scarcerare Carnevale che è in carcere ed è malato, e se per caso muore, la responsabilità è dell ufficiale e dei soldati. Caporale : Non dubiti signor capitano, eseguiremo i suoi ordini, ora vado a trovare il tenente. A rapporto tenente! Tenente : Comandi signor caporale! Caporale : Ha sentito cosa ha detto l ufficiale? Tenente : No non ho sentito perchè non ero là. 15

16 Cappurangiomu : Dissi mi iamu mi scarciramu a Carnuluvari, chi si pigghia u diavulu mi mori sutta a pena vai l ufficiali e puru i surdati. Capuranninu : Allura camina! Soldati : Oh castellanu di castelluvitu u capitanu ti manda stu mandatu mi scarceri a Carnuluvari ch èsti malatu. Castellanu : Fora, Carnuluvari, a ruttura di corna. (fig. 6 ) Carnuluvari : Grazi, altrittantu a vui, avi tri iorna chi non mangiu pani e la me panza mi vai e mi veni, cu si curca diunu, a matina non si po livari, intra e fora nci vannu l intestini, mandatimi lu madicu a chiamari ch eu vi spettu ccà nta stu zimbuni. Caporale : Ha detto di scarcerare Carnevale, che se per caso muore sotto accusa va l ufficiale e anche i soldati. Tenente : Allora andiamo! Soldati : Oh castellano che stai nel castello, il capitano ti manda questo mandato, per scarcerare Carnevale perché è malato. Castellano : Vai fuori, Carnevale, rompiscatole. Carnevale : Grazie, altrettanto a voi, è da tre giorni che non mangio pane, e chi va a dormire digiuno, la mattina dopo non ce la fa ad alzarsi, andatemi a chiamare il medico, io aspetto qua. 16

17 Vecchia : Signor dottori a vecchiarella vi riverisci, non appi chi mi porta e vi purtai dui provuli mi vi mpenditi u coiu. Dottori : Grazi bon vecchia, u medicu non ricivi, cunserbatavilli pi la Pasca. Bon vecchia chi t accurri? Vecchia : Voliva mi veniti mi visitati a me figghiu chi si senti mali. Dottori : U medicu si trova sidiatu, non poti visitari lu malatu e lu saluta comu nu veru amicu ma ccà l haiti a purtari s è malatu. Vecchia : Sti curnuti non si vonnu scomitari, strasciniti comu poi figghiu e iamu nto medicu. Carnuluvari : Bongiornu signor dottori. Vecchia : Signor dottore, la vecchiarella vi riverisce, e non avendo altro vi ho portato due provole. Dottore : Grazie, buon vecchia, ma non li voglio, conservatele per la Pasqua. Buon vecchia che ti serve? Vecchia : Vorrei che veniste a visitare mio figlio che si sente male. Dottore : In questo momento non posso visitare il malato e lo saluto come un vero amico ma se è malato qua dovete portarlo. Vecchia : Questi disgraziati non vogliono disturbi, cammina come puoi figlio e andiamo dal medico. Carnevale : Buongiorno signor dottore. 17

18 Dottori : Bongiornu Carnuluvari mi dissunu chi si malatu? Carnuluvari : Ccà sutta mi calau. Dottori : Poverettu, allura si malatu piddaveru, nesci a lingua i fora (Carnevale apre la bocca, ma il medico avvicinandosi come per visitarlo gli sputa dentro) Carnuluvari : Vatindi medicu di cavaddi Pigghiati l organettu e sunamu! Dottore : Buongiorno Carnevale, mi hanno detto che ti senti male? Carnevale : Qua in basso mi fa male. Dottore : Poveretto, allora stai veramente male. Fammi vedere la lingua. Carnevale : Vattene via medico dei cavalli Prendete l organetto e suoniamo! I suonatori iniziano a suonare con l organetto e il tamburello accompagnando i personaggi nelle ultime battute. 18

19 Antiprolico : Eu sugnu l antiprolico fazzu bona riverenza, cu non balla cu crianza nci facimu resistenza, pi lu beni chi non è mali nesci e balla l ufficiali. Capitanu : Eu sugnu lu capitanu fazzu bona informazioni nta la casa cumunali disaminu i testimoni, e lu beni veni ill omu nesci tu capurangiomu. Capurangiomu : Eu su capurangiomu fazzu ufficiu i galant omu, pi pigghiari li nquisiti comu già vui mi viditi eu sugnu sempri u primu, nesci tu capuranninu. Capuranninu : Eu su capuranninu, saddu, iuntu e poi mi nchinu, mi pigghiai st ufficiu a manu pi mbuscari cacchi paninu, nesci e balla u Cusintinu. Cusentinu : Eu sugnu u Cusentinu mi partia di tantu luntanu, mi partia e vinni i fretta, nesci e balla tu Rosetta. Rosetta : Eu su la Rosetta, cu la me mala furtuna, me maritu sempri grida ch è gelusu di natura e si ballu nci dispiaci, nesci e balla lu zi Giaci. Antiprologo : Io sono l antiprologo faccio buona riverenza, chi non balla con coscienza gli facciamo resistenza, per il bene che non è male esci e balla l ufficiale. Capitano : Io sono il capitano, faccio buona informazione nella casa comunale esamino i testimoni e il bene viene dall uomo esci e balla caporale. Caporale: Io sono il caporale faccio buon servizio, nel prendere i colpevoli sono sempre il primo, esci tu tenente. Tenente : Io sono il tenente, salto, arrivo e poi mi inchino, ho fatto questo servizio per guadagnare da mangiare, esce e balla Cosentino. Cosentino : Io sono Cosentino, son partito da tanto lontano, son partito e son venuto in fretta, esci e balla tu Rosetta. Rosetta : Io sono Rosetta, con la mia sfortuna, mio marito è sempre arrabbiato perché è geloso di natura e se ballo gli dispiace, esci e balla lo zio Giacinto 19

20 Zi Giacintu : Eu sugnu lu zi Giaci, notti e iornu non haiu paci, non mi pozzu ripusari, nesci e balla Carnuluvari. Carnuluvari : Eu su Cernuluvari intra o carciri mbecchiai, mi nesciru da prigiunia nesci e balla a mamma mia. Vecchia : Eu sugnu la za vecchia tutta povera e tutta rutta, non eppi nudu meritu, nesci e balla lu me medicu. Dottori : Eu sugnu lu so medicu, studiai la medicina, lu malatu chi non sana mi nci mprontunu la cira, poi lu levunu sutta terra nesci e balla Pulcinella. Pulcinella : Eu su Pulcinella, fazzu parti da battaglia, na manu tegnu a sferra e nci minu a cui mi parra queta queta la battaglia. Zio Giacinto : Io sono lo zio Giacinto, notte e giorno non ho pace, non posso mai riposare, esce e balla Carnevale. Carnevale : Io sono Carnevale dentro il carcere sono invecchiato, ora mi hanno tolto la prigionia esce e balla la mamma mia. Vecchia :Io sono la zia vecchia, tutta povera e rotta, non ho avuto nessun merito, esci e balla il mio medico. Dottore : Io sono il medico, ho studiato medicina, per il malato che non guarisce si può preparare il cero, e poi seppellirlo, esce e balla Pulcinella Pulcinella : Io sono Pulcinella, faccio parte della battaglia, in una mano tengo una spada e gli meno a chi mi parla, quieta quieta la battaglia. Finito di parlare, tutti i personaggi invitavano i loro paesani a ballare insieme a loro, e la festa continuava fino a tarda notte. 20

21 Fig. 1. l Antiprologo interviene per fermare la battaglia Fig. 2. Il capitano ordina di arrestare Carnevale. Fig.3. Carnevale colpito dai soldati. Fig. 4 Carnevale in carcere 21

22 Fig.5 La vecchia cerca di scarcerare il figlio. Fig. 6.Carnevale viene liberato Fig Fine della falsa con balli e suoni. 22

23 La Farsa comunque veniva rappresentata solo nell ultimo giorno di carnevale, mentre nei primi giorni la gente del posto, con tanta semplicità e molta fantasia era solita indossare costumi stravaganti per poi animare e rallegrare le vie del paese, a suon di organetto e tamburello. In quei giorni di festa piccoli e, soprattutto, grandi si davano appuntamento in una vecchia casa, la cosiddetta casa du gessu, dove camuffavano la loro identità, scambiandosi le scarpe, i cappotti e altri indumenti personali e indossando un fazzoletto, u muccaturi che gli copriva quasi interamente il volto. Una volta terminati i travestimenti i suonatori cominciavano a suonare e tutti insieme ballando e cantando si riversavano per le strade del paese iniziando così i festeggiamenti che proseguivano fino a tarda notte. Il rituale era sempre lo stesso: i mascherati, così venivano comunemente chiamati, arrivati davanti ad una casa facevano sentire la loro presenza prima di bussare, cantando muttette che inventavano sul momento, dopodichè bussavano fin quando non li facevano entrare, una volta dentro casa la musica proseguiva coinvolgendo le persone che vi abitavano. In seguito i mascherati con un crocco, cioè un bastone di legno che erano soliti portare con loro, 23

24 tiravano giù il salame (che le persone erano solite appendere in cucina per farlo seccare) indicando così che era il momento di sedersi e mangiare qualcosa, prima di proseguire il loro giro di festeggiamenti. Raggiunta una certa ora tutti facevano ritorno a casa, prima però facevano il punto della situazione per vedere in quante abitazioni dovevano ancora andare, infatti nei giorni successivi dovevano proseguire il loro giro per fare in modo che tutte le case ricevessero la loro visita e per invitare tutti i paesani a riunirsi in piazza per assistere alla Farsa dell ultimo giorno di carnevale. 24

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA (Buio, musica, voce narrante inizia a raccontare) VOCE NARRANTE Questa è la storia di Felice, un topolino che vive in un parco meraviglioso. FELICE IL TOPOLINO VIVE IN QUESTO

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Sipario chiuso BUIO. LUCE sul proscenio. Genoveffa esce dal sipario e cammina sul proscenio. Anastasia esce dal sipario

Sipario chiuso BUIO. LUCE sul proscenio. Genoveffa esce dal sipario e cammina sul proscenio. Anastasia esce dal sipario Sipario chiuso BUIO GENOVEFFA (voce fuori campo): E ANDATEVENE TUTTI A FANKULO! LUCE sul proscenio Genoveffa esce dal sipario e cammina sul proscenio. GENOVEFFA: Branco di deficienti incapaci Anastasia

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

LIVELLO A2 LAAS SISTEMA DI VALUTAZIONE DI CONOSCENZA DELLE LINGUE ESAMI DI LINGUA ITALIANA MAGGIO 2010. Certificazione riconosciuta dall ICC

LIVELLO A2 LAAS SISTEMA DI VALUTAZIONE DI CONOSCENZA DELLE LINGUE ESAMI DI LINGUA ITALIANA MAGGIO 2010. Certificazione riconosciuta dall ICC Nome:... Cognome:... ESAMI DI LINGUA ITALIANA LAAS SISTEMA DI VALUTAZIONE DI CONOSCENZA DELLE LINGUE LIVELLO A2 Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI MAGGIO 2010 Scrivi il tuo nome e cognome

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Acca sì acca no. 1 - Prova a farti le seguenti domande. Se hai risposto sì ad una di queste domande allora metti l'h. domandarti:

Acca sì acca no. 1 - Prova a farti le seguenti domande. Se hai risposto sì ad una di queste domande allora metti l'h. domandarti: Acca sì acca no Per capire meglio... 1 - Prova a farti le seguenti domande Significa possedere? Significa provare sentire qualcosa? Significa aver eseguito o fatto qualcosa? Se hai risposto sì ad una di

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT Aldo, Giovanni e Giacomo Sketch del controllore (da 'Tel chi el telun) Aldo: Non c è bisogno che tira perché non è che scappo. Giovanni: Intanto ha allungato il passo. Aldo: Ho allungato il passo perché

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

I SOPRALLUOGHI. FLORINDI Giovanni, FLORINDI Giuseppe

I SOPRALLUOGHI. FLORINDI Giovanni, FLORINDI Giuseppe I SOPRALLUOGHI FLORINDI Giovanni, FLORINDI Giuseppe GIOVANNI: Non vogliono uscire... si sono messi a mangiare, a fare e dire, lei era ben vestita, ho detto ma!.--// GIUSEPPE: ne ho visto macchine entrare.--//

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina Voce fuori campo: Nell ora presente,noi siamo forse alla vigilia del giorno nel quale l Austri si butterà sulla Serbia e dall ora l Austria e la Germania gettandosi sui serbi e sui russi è l Europa in

Dettagli

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Il Gatto con gli stivali Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Ogni suo bene aveva disfatto Tranne un mulino, un asino e un gatto Le divisioni furon presto fatte Senza bisticci

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

F R A S A R I O ITALIANO BIELORUSSO

F R A S A R I O ITALIANO BIELORUSSO F R A S A R I O BIELORUSSO Note di pronuncia: zh (scritto g ) = sgj dolce, come j di jardin ) sc(i) = sci dolce di scialle sc(e) = sce dolce di pesce k = c di casa z = s di naso c = c di pace kh = ch aspirata

Dettagli

Destinazione 11. Ciao Maria!

Destinazione 11. Ciao Maria! Destinazione 11 Ciao Maria! Ciao Luca! Guarda oggi ho un regalino per te eh. No, ma veramente? No, non dovevi, ma oggi non è Natale, non è il mio compleanno, non è San Valentino, perché? Ma dai non c è

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

www.scuolaitalianatehran.com

www.scuolaitalianatehran.com щ1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN Corso Settembre - Dicembre 2006 ESAME FINALE LIVELLO 2 щ Nome: Cognome: Numero tessera: щ1 щ2 Leggi il testo e completa il riassunto (15 punti) Italiani in

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

Conversazione semi-libera

Conversazione semi-libera Titolo del file: ML05_080212.doc Pseudonimo: DAVID Partecipanti: ML05 DAVID, ML Laurence Data di registrazione: Attività svolte: conversazioni semi-libera; storia per immagini sul pesce; storia per immagini

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Destinazione 10. Maremma bistecchina! Menù della mattina eh?! Subito! Sigla. Leo, ma che hai fatto? Oioioi, bambini buongiorno eh!

Destinazione 10. Maremma bistecchina! Menù della mattina eh?! Subito! Sigla. Leo, ma che hai fatto? Oioioi, bambini buongiorno eh! Destinazione 10 Ciao Maria! Oh Leo, e una domanda... Oh sì, dimmi! Abbiamo fatto colazione stamattina? Sì, come sempre, con il mio latte e tanti biscottini inzuppati. Mm, no, no, no! Non ci siamo capiti!

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 Il cantoniere di Cisterna, Roberto Massocco, ci ha portato un bel bidone

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Ecco arriva il Carnevale

Ecco arriva il Carnevale Ecco arriva il Carnevale Progetto continuità rivolto ai bambini della Scuola dell infanzia e della classe I di Scuola primaria del plesso di Molina Docenti: Traversi Elvira, Iacontino Antonio e Vitale

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai?

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai? TEMPO LIBERO Venite tutti a casa mia Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Ho molti CD di musica ska; tanti di musica punk-rock, pochi invece di altri generi. Per me la musica ska è la più divertente

Dettagli

www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia

www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia 66 Silvio Berlusconi e la mafia LA BOMBA DI MANGANO Trascrizione della telefonata intercettata dalla Polizia, nella quale Berlusconi e Dell Utri parlano

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

La deposizione di Elisabetta Ballarin davanti al gip (27 gennaio e 5 marzo 2004)

La deposizione di Elisabetta Ballarin davanti al gip (27 gennaio e 5 marzo 2004) Altri misteri I delitti delle cosiddette bestie di Satana La deposizione di Elisabetta Ballarin davanti al gip (27 gennaio e 5 marzo 2004) Ecco il racconto di Elisabetta Ballarin rilasciato al gip il 27

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Serenella Caputo, Debora Curulli, Giulio Iazzetta, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, don Enrico

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

La scatola dei pensieri sparsi

La scatola dei pensieri sparsi La scatola dei pensieri sparsi In tutte le classi prime di scuola secondaria e, dunque, non solo in quella sperimentale, e stata proposta la creazione de La scatola dei pensieri sparsi(strumento anonimo).

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Ricerche sulla punteggiatura

Ricerche sulla punteggiatura La punteggiatura Ricerche sulla punteggiatura La punteggiatura sembra progredire dai LIMITI ESTERNI del testo verso l interno Quando compare all interno del testo si concentra: all interno o ai margini

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli