Il Carnevale a S. Venere 1 N. C.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Carnevale a S. Venere 1 N. C."

Transcript

1 Il Carnevale a S. Venere 1 N. C.

2 La Farsa che si è sviluppata a S. Venere, possiede tutte le caratteristiche dell antico genere farsesco, si presenta infatti come una scenetta ideata dagli abitanti del luogo e messa in scena esclusivamente da uomini, con l obiettivo di far divertire il pubblico attraverso le battute scherzose e umoristiche dei vari personaggi. Anche qui la scenetta si svolgeva, e tuttora si svolge, nelle piazze principali del paese, e per le strade, tra una piazza e l altra, le persone venivano accompagnate dalla musica e dai balli. Per le strade del paese. Nella piazza principale. 2

3 Inoltre anche qui compare il personaggio di Carnevale, che si presenta al pubblico ben pasciuto, làcero e sudicio, incarnazione della scelleratezza e di una vita immersa nel divertimento, priva di regole e misura. Di particolare rilievo, si presenta poi la figura di Pulcinella che riesce a scatenare nel pubblico una sincera e schietta risata, non solo per le sue battute divertenti, ma soprattutto perché diventa il simbolo del riscatto sociale, prendendo in giro tutti quei personaggi che nella vita reale venivano visti quali rappresentanti della cultura ufficiale, come il medico, il capitano e i soldati. Quindi la farsa costituiva un momento importante per il popolo, in quanto esso poteva, finalmente, attraverso i suoi personaggi, far sentire la sua voce e denunciare anche tutti quei comportamenti che violavano i valori su cui si fonda la vita sociale della popolazione. In particolare, nella prima parte della scenetta,troviamo come protagonista la gelosia dello zio Giacinto, ma soprattutto c è una 3

4 chiara denuncia a quelli che sono i facili costumi di Rosetta, che viene sorpresa dal marito, insieme al cugino Cosentino. Successivamente si passa a parlare della corruzione, che caratterizza gli uomini di potere, come il Capitano e i soldati, che dovrebbero rappresentare la giustizia, ma che in realtà, con le loro azioni dimostrano il contrario, infatti si lasciano facilmente corrompere dalle offerte della madre di Carnevale, la Vecchia, che con la sua furbizia e con i suoi raggiri riesce sempre a cavarsela. 4

5 In paese c è una festa, animata dai balli tipici, in particolare dalla tarantella, ma ad un tratto il tutto è interrotto da zio Giacinto, il quale vedendo ballare la moglie Rosetta con il cugino Cosentino, si ingelosisce e comincia a strattonarlo e minacciarlo, la battaglia stava ormai per cominciare, quando ecco che interviene l Antiprologo che calma gli animi Antiprolico : Queti, queti chi diavulu fati? Non fati chiù timurcu pi li strati, cu lu vostru silenziu chi faciti, ora vi dicu eu chillu chi si faci. Lu muttu di li ntichi veru dici chi l omu chi non s adatta a lavurari, pi forza e pi necessità avi a robbari si di la fami poi sarà cunvintu..(fig.1) E ora nesci ccà lu zi Giacintu. Zi Giacintu: Eccutamenti chi su lu zi Giacintu, chillu chi porta la spata d argento, voliva fari la vita di li lupi mi mi mangio li pecuri e li crapi, stu vinu è bellu e finu e mi piaci, nu brindisi nci fazzu a tutti st amici, è tantu bellu chi mi fa parrari E ora nesci tu, Carnuluvari. Antiprologo : Calmi, calmi cosa fate? Non litigate per le strade, fate un po di silenzio e vi dirò che fare. Un proverbio degli antichi dice che l uomo che non riesce a lavorare, per forza e per necessità deve rubare per non morire di fame. E ora esce lo zio Giacinto. Zio Giacinto : Eccomi, sono lo zio Giacinto, quello che porta la spada d argento, volevo vivere così come i lupo che si mangia le pecore e le capre. Questo vino è buono, mi piace, un brindisi voglio fare a tutti questi amici, è cosi bello che mi induce a parlare e ora esci tu Carnevale. 5

6 Carnuluvari : Eccutamenti ch eu su Carnuluvari la me facci bbundisci comu o suli, n omu comu a mmia non si po truvari, senza nessuna regula e misuri, fici la vita mia nta tanti sciali mangiandu suppizzati e maccarruni longhi quantu a stu furcuni. La genti chi và parrandu a li spuntuni, nta la so gistra non tenunu pani, mi vannu mi si gurdunu silazzi e silazzuni, ch eu mangiu mbivu e dormu a sonnu chinu. E ora nesci tu lu Cusintinu. Cusintinu : Eccutamenti ch eu su lu Cusintinu e mi partia di tantu luntanu, partia aieri sira a la bon ura, pi viniri nti tia Rosetta cara, pi la strata mi mbattiu na brutta mbattitura, nci stava mpizzandu la peddi e la lana, supra a la nivi suduri iettava, oh beni meu si la truvassi sula, fari nci vuliva na simpustura, si to maritu non nc è ch è andatu fora, Rosina beni meu nesci fora. Carnevale : Eccomi, io sono Carnevale, la mia faccia splende come il sole, un uomo come me è difficile da trovare, io sono senza regole e misure, ho fatto una vita di divertimenti, mangiando salame e maccheroni lunghi quanto a questo forcone. La gente che parla a sproposito e non tiene pane nel cestino, che vada a mangiare salsicce, mentre io bevo e dormo a sonno pieno. E ora esci tu Cosentino. Cosentino : Eccomi io sono Cosentino, sono partito da molto lontano, son partito ieri sera di buon ora per venire da te Rosetta cara, per la strada mi ha colpito una brutta avventura, quasi ci lasciavo la pelle, e buttavo sudore sulla neve, oh se la trovassi sola che bene sarebbe per me. Se tuo marito non c è che è andato fuori, Rosina bene mio esci fuori. 6

7 Rosetta : Benvinutu miu caru cugginu! Pi mmia ti partisti di tantu luntanu? Pi mmia ti facisti ssu lungu caminu? Me maritu non nc è chi iu fora, iamunindi a la casa, to la manu. Zi Giacintu : Eh botti d oi e botti di dumani mmazzari li vuliva a sti cristiani, ma si corpu non mi sbaglia giusta nci la pigghiu la misura ma sugnu sulu comu fazzu mi lu sciuppu lu mustazzu mannaia oi e mannaia matinu ti fazzu vidiri eu cu è lu zi Giacintu. Cusintinu : mannaia oi e mannaia matinu ti fazzu vidiri eu cu è lu Cusintinu. Zi Giacintu: mollimi dill occhi chi mi sciuppi li pidocchi, mollimi di capiddi chi mi sciuppi li garidi. Rosetta : Benvenuto mio caro cugino! Per me sei venuto da così lontano? Per me hai fatto questo lungo cammino? Mio marito no c è è uscito, vieni a casa e tienimi per mano. Zio Giacinto : Eh botte di oggi, eh botte di domani li vorrei ammazzare queste persone, e se il corpo non è solo apparenza la stazza è simile alla mia ma sono da solo come faccio mannaggia oggi e mannaggia domani ti faccio vedere io chi è lo zio giacinto. Cosentino : Mannaggia oggi e mannaggia domani ti faccio vedere io chi è Cosentino. Zio Giacinto : Lasciami gli occhi che mi levi via i pidocchi, lasciami i capelli che mi levi via i garilli. 7

8 Antiprolico : Queti, queti chi diavulu fati, ca punti vi li dugnu li mazzati, vi ndi dughu una e vi ndi dugnu dui e si non vi bastunu vi ndi dugnu chiuni, na sula cosa mi dispiaci: nci rumpiru li corna a lu zi Giaci, cu so mugghieri sarannu nemici e pi sei misi non farannu paci, ma eu dubitu non mi li fanno amici e mi mi fannu di li suspettati, ma eu di iddi non mi schiantu, nchianu iusu e scindu susu e basciatimi stu purtusu ora chi vinni l ura di mangiare fari mi la voliva la panza china e ora nesci tu Rosettina. Rosetta : Eu su Rosetta di nomi e di fatti accunti non eppi mai cu li genti tristi, aiu lu zi Giacintu ch è dill arti e mi li ppura tutti li provvisti. Zi Giacintu : Ora pi nu misi a casa non nci vegnu supra nu munti mi mentu mi ti viu, cu la spata a mmanu attentu staiu e ora nesci ccà lu Capitanu Antiprologo : Calmi, calmi, cosa state facendo, se non la finite vi prendo a bastonate, vi bastono una, due e se non vi basta continuo finchè non la finite, una sola cosa mi dispiace: che hanno tolto la serenità allo zio Giacinto, che con sua moglie saranno nemici e per sei mesi non faranno pace, ma forse si faranno amici e a me daranno la colpa di tutto, ma io di loro non ha paura, salgo su e scendo giù e baciatemi il sedere ora è l ora di mangiare e voglio riempirmi la pancia e ora esci tu Rosettina. Rosetta : Io sono Rosetta di nome e di fatto, non ho mai avuto a che fare con gente triste, ho lo zio Giacinto che sa come trovare le provviste. Zio Giacinto : Ora per un mese a casa non torno, sopra ad un monte andrò per osservarti da lontano, e con la mia spada in mano attento starò a quello che fai e ora esce il capitano. 8

9 Capitanu : Eu su lu Capitanu di chisti paisi, chi me surdati vi fazzu trimari, haiu sintuti tanti nominati, giustizia non si fa nta sti paisi, haiu li mastri d ascia già falluti, nta la so sacca non hannu nu turnisi, ora mandu chiamandu i me surdati pi udivi a la piazza chi si dici. Alè Capurangiomu! Capurangiomu : Cumandi signor capitano! Capitanu : Cumandu chi aiu nu libbru chinu di qualeri chi parra cuntra di Carnuluvari, ora mi dissunu ch esti a sti pedi pedi, o mortu o vivu mi l haiti a purtari.(fig. 2) Capurangiomu : Non dubiti signor capitanu, chi tutti li so cumandi li ubbidimu, eu ora mi ndi vaiu hianu chianu e vaiu a truvari lu Capuranninu. Alè Capuranninu! Capitano : Io sono il capitano di questo paese, con i mie soldati faccio tremare tutti, ma ho sentito dire che non c è giustizia in questo luogo, ci sono mastri di ascia già falliti che non hanno neanche un soldo in tasca. Ora mando a chiamare il caporale per saper cosa si dice in piazza. A rapporto caporale! Caporale : Comandi signor capitano! Capitanu : Ho un libro pieno di accuse contro Carnevale, mi hanno detto che è in giro, ti ordino di prenderlo, vivo o morto. Caporale : Non dubiti signor capitano, eseguiremo i suoi ordini, ora vado a trovare il tenente. A rapporto tenente! 9

10 Capuranninu : Comandi signor capurangiomu! Capurangiomu : Capiscistuvu chi dissi u capitano? Capuranninu : No, non sintia, non era da! Capurangiomu : Dissi chi avi nu libbru chinu di qualeri chi parra cuntra i Carnuluvari, ora dissunu ch esti a sti pedi pedi e o mortu o vivu nci l avimu a pigghiari. Capuranninu : Eccu cumpagnu chi su lu primu, l arma mi basta mi nci mentu manu, eu di fucili non sugnu struitu ma di pistola mi libirai, ora aiu purbiri violenti, a terra u iettu comu nenti, aiu li brazza mei ben, forti aundi vaiu vaiu nci dugnu a morti! Tenente :Comandi signor caporale! Caporale : Ha sentito cosa ha detto il capitano? Tenente : No, non ho sentito, perché non c ero! Caporale : Ha detto che ha un libro pieno di accuse contro Carnevale, ora egli è in giro, e dobbiamo prenderlo vivo o morto. Tenente : Compagno eccomi, mi basterà la mia arma per prenderlo, il fucile non lo so usare ma con la pistola si, e con la mia polvere da sparo lo colpirò in un istante, ho tanta forza nelle braccia che posso battere chiunque. (La madre di carnevale sente tutto e corre ad avvertire il figlio) 10

11 Vecchia : Figghiu mmucciti chi ti vonnu pigghiari! (Carnevale fugge mentre i soldati lo inseguono sparando) Vecchia : Sti curnuti mu mmazzaru a me figghiu! (fig. 3) Soldati : Eccu signor capitanu, u pigghiammu lu nquisitu, era davanti a na caddara cu nu porcu e na vaccina sana sana, puru li cani tiravunu sdegnu ossa non nci dassaru a li spuntuni. Vecchia : Non è bberu signor capitanu, u vonnu mali a me figghiu! Capitanu : Vecchiarella mia nenti da fari, portatilu a castellu a carcirari. Vecchia : Nasconditi figlio mio ti vogliono arrestare! Vecchia : questi disgraziati vogliono uccidere mio figlio! Soldati : Ecco signor capitano, abbiamo preso il colpevole, era davanti ad un tegame con dentro carne di maiale e di vitello, pure i cani restavano a guardare neanche le ossa gli dava. Vecchia : Non è vero signor capitano, vogliono incastrare mio figlio! Capitano : Vecchiarella mia, non c è più niente da fare, portatelo al castello e carceratelo. 11

12 Capurangiomu : o castellanu di castelluvitu, vidi chi ti purtammu lu nquisitu, non mi ti penzi ch esti unu bonu, chi ti la faci prima ch è matinu! Castellanu: Iettulu ccà nta stu zimbuni d ora ndavanti nci li cuntu l uri. Carnuluvari : Ora chi nta stu carciri ncappai ccà intra li mutu li denti e li moli, si non nveni me mamma mi mi porta pani ccà si vidi comu si mori. Vecchia : Zittu zittu chi ora vaiu nta l abbucatu e viu comu pozzu fari mi ti nesciu.(fig.4) Carnuluvari : Ma oh ma, mi faci pisciari!... Vecchia : Figghiu, piscia ccà intra, fina mi viu comu pozzu fari. Caporale : Oh castellano che stai nel castello, ti abbiamo portato il colpevole, non pensare che è buono, perché può fuggire prima di domani! Castellano : Buttalo qua, d ora in poi ci penserò io. Carnevale : Ora che sono finito in carcere, qui invecchierò, e se non viene mia madre a portarmi del pane da mangiare, qui capirò veramente come si può morire. Vecchia : Zitto, zitto, ora vado dall avvocato e vedo come posso fare per farti uscire. Carnevale : Mamma devo andare in bagno Vecchia : Vai lì dentro figlio mio, fino a quando capirò che posso fare. 12

13 Vecchia :Dottori a vecchiarella vi riverisci, non appi chi mi vi porta e vi purtau dui provuli mi vi mpenditi a frunti. Dottori : Grazi bon vecchia u medicu non ricivi cunserbatavilli pi la Pasca. Bon vecchia chi t accurri? Vecchia : Sapiti, aiu a me figghiu nto carceri, e vuliva nu bigliettu di vostri mu fazzu nescìri. Dottori : Pi chistu vi pozzu favuriri, tenitimi st anca. Vecchia : O castellanu di castelluvito lu medicu mi manda stu mandatu, mi scarceri a me figghiu chè malatu. Castellanu : Stu bigliettu non è firmatu ill ufficiali ed è fattu cu nu puntu sulu ed è bonu mi mi stui u culu. Vecchia : Dottore la vecchiarella vi riverisce, vi ho portato due provole non avendo altro da offrirle. Dottore : Grazie, buon vecchia ma non privatevene, conservatele invece per la Pasqua. Piuttosto cosa ti serve? Vecchia : Sa c è mio figlio in carcere, e volevo un certificato di malattia per farlo uscire. Dottore : In questo posso aiutarla, sorreggete la mia gamba. Vecchia : Oh castellano che stai nel castello, il mio medico manda questo mandato: di scarcerare mio figlio perché è malato. Castellano : questo biglietto non ha la firma dell ufficiale ed è costituito da un solo punto per cui non serve a niente. 13

14 Vecchia : Ora vaiu nta l ufficiali e ci cantu na somma di paroli. Castellanu : Vai e cantanciddi puru dui. Vecchia : Bongiornu signor capitanu, a vecchiarella vi riverisci, non appi chi mi porta e vi purtau nu piattu i pruppetti e maccarruni.(fig.5) Capitanu : Viva la vecchia cu tuttu lu suli, ora Volanti (atttendente del capitano) pigghia ssu maccarruni chi la me panza mi vogghiu giustari. Oh chi bella matinata chi brisciu sta matina mi mangiai puru na suppizzati cu dui cosci di gadina, ora a panza l aiu china. Bon vecchia chi t accurri? Vecchia : Voliva nu bigliettu mi nesciu a me figghiu chi è ntu carciri malatu. Capitanu : Vatindi pi a casa chi ora è pinzeru u meu alè Capurangiomu! Vecchia : Ora vado dall ufficiale a dirgli qualche parola. Castellano : Vai e digliene pure due. Vecchia : Buongiorno signor capitano la vecchiarella vi riverisce, non avendo altro vi ho portato un piatto di polpette e maccheroni. Capitano : Viva la vecchia insieme al sole, Volante prendi i maccheroni che voglio mangiare. Oh che bella giornata, ho mangiato gia un salame con due cosce di gallina, per cui la mia pancia è piena. Buon vecchia che ti serve? Vecchia : volevo un vostro mandato per far uscire mio figlio che è in carcere ed è malato. Capitano : Torna a casa ora ci penso io a rapporto tenente! 14

15 Capurangiomu : Comandi signor capitanu. Capitanu : Vi cumandu mi iti e mi scarcerati a Carnuluvari ch è malatu nto carceri, e si urta u diavuli mi mori, tutta a curpa vai all ufficiali e puru e surdati. Capurangiomu : Non dubiti signor capitano, chi tutti li cumandi l ubbidimu, ora mi ndi vaiu chianu chaianu e vaiu a chiamari lu capuranninu Alè Capuranninu! Capuranninu : Comandi signor Capurangiomu! Capurangiomu : Sentistuvu chi dissi l ufficiali? Capuranninu : No non sentia pirchì non era dda. Caporale : Comandi signor capitano. Capitano : Vi ordino di scarcerare Carnevale che è in carcere ed è malato, e se per caso muore, la responsabilità è dell ufficiale e dei soldati. Caporale : Non dubiti signor capitano, eseguiremo i suoi ordini, ora vado a trovare il tenente. A rapporto tenente! Tenente : Comandi signor caporale! Caporale : Ha sentito cosa ha detto l ufficiale? Tenente : No non ho sentito perchè non ero là. 15

16 Cappurangiomu : Dissi mi iamu mi scarciramu a Carnuluvari, chi si pigghia u diavulu mi mori sutta a pena vai l ufficiali e puru i surdati. Capuranninu : Allura camina! Soldati : Oh castellanu di castelluvitu u capitanu ti manda stu mandatu mi scarceri a Carnuluvari ch èsti malatu. Castellanu : Fora, Carnuluvari, a ruttura di corna. (fig. 6 ) Carnuluvari : Grazi, altrittantu a vui, avi tri iorna chi non mangiu pani e la me panza mi vai e mi veni, cu si curca diunu, a matina non si po livari, intra e fora nci vannu l intestini, mandatimi lu madicu a chiamari ch eu vi spettu ccà nta stu zimbuni. Caporale : Ha detto di scarcerare Carnevale, che se per caso muore sotto accusa va l ufficiale e anche i soldati. Tenente : Allora andiamo! Soldati : Oh castellano che stai nel castello, il capitano ti manda questo mandato, per scarcerare Carnevale perché è malato. Castellano : Vai fuori, Carnevale, rompiscatole. Carnevale : Grazie, altrettanto a voi, è da tre giorni che non mangio pane, e chi va a dormire digiuno, la mattina dopo non ce la fa ad alzarsi, andatemi a chiamare il medico, io aspetto qua. 16

17 Vecchia : Signor dottori a vecchiarella vi riverisci, non appi chi mi porta e vi purtai dui provuli mi vi mpenditi u coiu. Dottori : Grazi bon vecchia, u medicu non ricivi, cunserbatavilli pi la Pasca. Bon vecchia chi t accurri? Vecchia : Voliva mi veniti mi visitati a me figghiu chi si senti mali. Dottori : U medicu si trova sidiatu, non poti visitari lu malatu e lu saluta comu nu veru amicu ma ccà l haiti a purtari s è malatu. Vecchia : Sti curnuti non si vonnu scomitari, strasciniti comu poi figghiu e iamu nto medicu. Carnuluvari : Bongiornu signor dottori. Vecchia : Signor dottore, la vecchiarella vi riverisce, e non avendo altro vi ho portato due provole. Dottore : Grazie, buon vecchia, ma non li voglio, conservatele per la Pasqua. Buon vecchia che ti serve? Vecchia : Vorrei che veniste a visitare mio figlio che si sente male. Dottore : In questo momento non posso visitare il malato e lo saluto come un vero amico ma se è malato qua dovete portarlo. Vecchia : Questi disgraziati non vogliono disturbi, cammina come puoi figlio e andiamo dal medico. Carnevale : Buongiorno signor dottore. 17

18 Dottori : Bongiornu Carnuluvari mi dissunu chi si malatu? Carnuluvari : Ccà sutta mi calau. Dottori : Poverettu, allura si malatu piddaveru, nesci a lingua i fora (Carnevale apre la bocca, ma il medico avvicinandosi come per visitarlo gli sputa dentro) Carnuluvari : Vatindi medicu di cavaddi Pigghiati l organettu e sunamu! Dottore : Buongiorno Carnevale, mi hanno detto che ti senti male? Carnevale : Qua in basso mi fa male. Dottore : Poveretto, allora stai veramente male. Fammi vedere la lingua. Carnevale : Vattene via medico dei cavalli Prendete l organetto e suoniamo! I suonatori iniziano a suonare con l organetto e il tamburello accompagnando i personaggi nelle ultime battute. 18

19 Antiprolico : Eu sugnu l antiprolico fazzu bona riverenza, cu non balla cu crianza nci facimu resistenza, pi lu beni chi non è mali nesci e balla l ufficiali. Capitanu : Eu sugnu lu capitanu fazzu bona informazioni nta la casa cumunali disaminu i testimoni, e lu beni veni ill omu nesci tu capurangiomu. Capurangiomu : Eu su capurangiomu fazzu ufficiu i galant omu, pi pigghiari li nquisiti comu già vui mi viditi eu sugnu sempri u primu, nesci tu capuranninu. Capuranninu : Eu su capuranninu, saddu, iuntu e poi mi nchinu, mi pigghiai st ufficiu a manu pi mbuscari cacchi paninu, nesci e balla u Cusintinu. Cusentinu : Eu sugnu u Cusentinu mi partia di tantu luntanu, mi partia e vinni i fretta, nesci e balla tu Rosetta. Rosetta : Eu su la Rosetta, cu la me mala furtuna, me maritu sempri grida ch è gelusu di natura e si ballu nci dispiaci, nesci e balla lu zi Giaci. Antiprologo : Io sono l antiprologo faccio buona riverenza, chi non balla con coscienza gli facciamo resistenza, per il bene che non è male esci e balla l ufficiale. Capitano : Io sono il capitano, faccio buona informazione nella casa comunale esamino i testimoni e il bene viene dall uomo esci e balla caporale. Caporale: Io sono il caporale faccio buon servizio, nel prendere i colpevoli sono sempre il primo, esci tu tenente. Tenente : Io sono il tenente, salto, arrivo e poi mi inchino, ho fatto questo servizio per guadagnare da mangiare, esce e balla Cosentino. Cosentino : Io sono Cosentino, son partito da tanto lontano, son partito e son venuto in fretta, esci e balla tu Rosetta. Rosetta : Io sono Rosetta, con la mia sfortuna, mio marito è sempre arrabbiato perché è geloso di natura e se ballo gli dispiace, esci e balla lo zio Giacinto 19

20 Zi Giacintu : Eu sugnu lu zi Giaci, notti e iornu non haiu paci, non mi pozzu ripusari, nesci e balla Carnuluvari. Carnuluvari : Eu su Cernuluvari intra o carciri mbecchiai, mi nesciru da prigiunia nesci e balla a mamma mia. Vecchia : Eu sugnu la za vecchia tutta povera e tutta rutta, non eppi nudu meritu, nesci e balla lu me medicu. Dottori : Eu sugnu lu so medicu, studiai la medicina, lu malatu chi non sana mi nci mprontunu la cira, poi lu levunu sutta terra nesci e balla Pulcinella. Pulcinella : Eu su Pulcinella, fazzu parti da battaglia, na manu tegnu a sferra e nci minu a cui mi parra queta queta la battaglia. Zio Giacinto : Io sono lo zio Giacinto, notte e giorno non ho pace, non posso mai riposare, esce e balla Carnevale. Carnevale : Io sono Carnevale dentro il carcere sono invecchiato, ora mi hanno tolto la prigionia esce e balla la mamma mia. Vecchia :Io sono la zia vecchia, tutta povera e rotta, non ho avuto nessun merito, esci e balla il mio medico. Dottore : Io sono il medico, ho studiato medicina, per il malato che non guarisce si può preparare il cero, e poi seppellirlo, esce e balla Pulcinella Pulcinella : Io sono Pulcinella, faccio parte della battaglia, in una mano tengo una spada e gli meno a chi mi parla, quieta quieta la battaglia. Finito di parlare, tutti i personaggi invitavano i loro paesani a ballare insieme a loro, e la festa continuava fino a tarda notte. 20

21 Fig. 1. l Antiprologo interviene per fermare la battaglia Fig. 2. Il capitano ordina di arrestare Carnevale. Fig.3. Carnevale colpito dai soldati. Fig. 4 Carnevale in carcere 21

22 Fig.5 La vecchia cerca di scarcerare il figlio. Fig. 6.Carnevale viene liberato Fig Fine della falsa con balli e suoni. 22

23 La Farsa comunque veniva rappresentata solo nell ultimo giorno di carnevale, mentre nei primi giorni la gente del posto, con tanta semplicità e molta fantasia era solita indossare costumi stravaganti per poi animare e rallegrare le vie del paese, a suon di organetto e tamburello. In quei giorni di festa piccoli e, soprattutto, grandi si davano appuntamento in una vecchia casa, la cosiddetta casa du gessu, dove camuffavano la loro identità, scambiandosi le scarpe, i cappotti e altri indumenti personali e indossando un fazzoletto, u muccaturi che gli copriva quasi interamente il volto. Una volta terminati i travestimenti i suonatori cominciavano a suonare e tutti insieme ballando e cantando si riversavano per le strade del paese iniziando così i festeggiamenti che proseguivano fino a tarda notte. Il rituale era sempre lo stesso: i mascherati, così venivano comunemente chiamati, arrivati davanti ad una casa facevano sentire la loro presenza prima di bussare, cantando muttette che inventavano sul momento, dopodichè bussavano fin quando non li facevano entrare, una volta dentro casa la musica proseguiva coinvolgendo le persone che vi abitavano. In seguito i mascherati con un crocco, cioè un bastone di legno che erano soliti portare con loro, 23

24 tiravano giù il salame (che le persone erano solite appendere in cucina per farlo seccare) indicando così che era il momento di sedersi e mangiare qualcosa, prima di proseguire il loro giro di festeggiamenti. Raggiunta una certa ora tutti facevano ritorno a casa, prima però facevano il punto della situazione per vedere in quante abitazioni dovevano ancora andare, infatti nei giorni successivi dovevano proseguire il loro giro per fare in modo che tutte le case ricevessero la loro visita e per invitare tutti i paesani a riunirsi in piazza per assistere alla Farsa dell ultimo giorno di carnevale. 24

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari '' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari Io ho tanto coraggio ma certe volte non lo dimostro. Per esempio: io ho coraggio a dire in faccia le cose, ma qualche volta no perché non mi fido e allora

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

LE MASCHERE E LE REGIONI ITALIANE

LE MASCHERE E LE REGIONI ITALIANE LE MASCHERE E LE REGIONI ITALIANE In tutti i paesi ci sono personaggi molto particolari che rappresentano le abitudini del posto o di una certa epoca della storia. Questi personaggi a volte sono reali,

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PETROLINI E' QUELLA COSA CHE TI BURLA IN TON GARBATO POI TI DICE: TI HA PIACIATO? SE TI OFFENDI SE NE FREG. MA TUTTO QUEL CHE SONO

PETROLINI E' QUELLA COSA CHE TI BURLA IN TON GARBATO POI TI DICE: TI HA PIACIATO? SE TI OFFENDI SE NE FREG. MA TUTTO QUEL CHE SONO PTROINI ' QUA COSA CH TI BURA IN TON GARBATO POI TI DIC: TI HA PIACIATO? S TI OFFNDI S N FRG. MA TUTTO QU CH SONO NON POSSO DIR A DIR NON SON BUONO MI PRORO' A CANTAR. I barzelletta NADIA Due popolane

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

C era una volta. Fiabe in rima

C era una volta. Fiabe in rima C era una volta Fiabe in rima Ed ora le fiabe. Perché non trasferire in rima le fiabe conosciute? Non tutte naturalmente, quelle che i bambini conoscevano, quelle che amavano di più, quelle che più sollecitavano

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Nuovo Progetto italiano VIDEO 1 Sottotitoli episodi. 1 Un nuovo lavoro

Nuovo Progetto italiano VIDEO 1 Sottotitoli episodi. 1 Un nuovo lavoro 1 Un nuovo lavoro Buongiorno. Buongiorno! Sei Gianna, no? La nuova collega. Sì, Gianna Terzani. Ciao, io sono Michela. Piacere. Il direttore ancora non c è, arriva verso le 10. Va bene, non c è problema.

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare Canzoni popolari Melissa Jacobacci Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli 3 scuola elementare 4 a scuola elementare ALLA MATTINA C È IL CAFFE Alla mattina c è il caffè, ma senza zucchero, ma senza zucchero;

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

Classe Quarta C a. s. 2013/2014 Scuola Primaria Dante Alighieri Rignano Sull Arno

Classe Quarta C a. s. 2013/2014 Scuola Primaria Dante Alighieri Rignano Sull Arno Classe Quarta C a. s. 2013/2014 Scuola Primaria Dante Alighieri Rignano Sull Arno AMICIZIA di Pietro P. Voglio solo stare insieme ai miei amici, Giocare insieme a loro e non litigare. Per me loro sono

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI. La fiaba

PERCORSI DIDATTICI. La fiaba PERCORSI DIDATTICI La fiaba di: Dilama scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-10 anni La fiaba è un genere letterario di origine popolare, che nasce dalla tradizione orale e solitamente

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

Nome del Gioco: Acchiana u patri cu tutti i so figghi Numero dei partecipanti: da 2 a quantu si voli Campo di gioco: si joca fora o unni c è nu largu

Nome del Gioco: Acchiana u patri cu tutti i so figghi Numero dei partecipanti: da 2 a quantu si voli Campo di gioco: si joca fora o unni c è nu largu Nome del Gioco: Acchiana u patri cu tutti i so figghi Numero dei partecipanti: da 2 a quantu si voli Campo di gioco: si joca fora o unni c è nu largu Materiale occorrente: nenti; ci voli, però, nu muru

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli