PROGETTI EXTRACURRICULARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTI EXTRACURRICULARI"

Transcript

1 DIREZIONE DIDATTICA STATALE CAPUA 2 CIRCOLO A.S. 2012/2013 AMPLIAMENTO OFFERTA FORMATIVA PROGETTI EXTRACURRICULARI Capua 11/09/2012 La commissione 1

2 DIREZIONE DIDATTICA STATALE CAPUA 2 CIRCOLO A.S. 2012/2013 PREMESSA La commissione preposta alla redazione dei progetti per l ampliamento dell offerta formativa per l anno scolastico 2012/13 ha operato avendo come scopo la stesura di progetti rispondenti alle esigenze della nostra scuola nell intento di renderla quanto più possibile efficiente, aggiornata, ricca di esperienze e di stimoli culturali, una scuola che coinvolga gli allievi in esperienze di apprendimento che vadano al di là degli orizzonti soliti e che li aiutino a compiere il proprio percorso formativo in maniera agevole ed efficace. Attraverso l offerta delle attività di arricchimento a tal uopo individuate ci si prefigge altresì di prevenire il disagio e la dispersione scolastica, di attuare il diritto allo studio, di promuovere la motivazione all apprendimento e di offrire stimoli e rinforzo allo stesso, di promuovere la crescita sociale attraverso la comunicazione con l impiego dei vari linguaggi iconico, gestuale, simbolico, motorio ecc. Pertanto sono stati elaborati i seguenti progetti: 1. Gioco-Sport 2. Musica 3. Integrazione alunni stranieri 4. Carnevale 5. Bilinguismo 6. Teatro 2

3 SCHEDA PROGETTO 1: GIOCO-SPORT Scuola Primaria Plessi: Martiri di Nassiriya - Porta Napoli Sezione 1 DESCRIZIONE (sbarrare con una X la voce che interessa): Macro-area di riferimento : - Ampliamento dell offerta formativa 1.2 Area di riferimento: o Gioco-Sport o Musica o Integrazione alunni stranieri o Carnevale o Bilinguismo o Teatro Denominazione progetto: Mi piaci se...ti muovi! Sezione 2- ARTICOLAZIONE 2.1 Analisi dei bisogni formativi: In un mondo in cui la tecnologia non sempre viene utilizzata in misura adeguatae in maniera da sfruttarne appieno i vantaggi, i bambini si trovano spesso isolati davanti a computer, video-giochi, telefonini e deprivati di quei contatti umani che pur sono tanto necessari alla loro crescita emotiva, affettiva, relazionale. Lo sport offre a noi docenti molteplici possibilità di incrementare le attività didattiche finalizzate appunto a migliorare la socialità Inoltre, tutti gli aspetti della personalità connessi con l acquisizione di certezze e competenze in ambito disciplinare ricevono benefici dalle attività sportive, avendo esse come fondamento la corporeità nelle sue molteplici sfaccettature. Educare i ragazzi ad un approccio corretto e sereno con lo sport significa altresì offrire loro la possibilità di vivere in modo attivo e proficuo la pratica sportiva canalizzando positivamente gli atteggiamenti d competitività, l aspirazione a conquistare sempre nuovi traguardi, l entusiasmo per una vittoria e la delusione per una sconfitta, lo spirito di appartenenza ad un gruppo, sempre e comunque nel rispetto per gli altri. 2.2 Finalità - Acquisire consapevolezza di sé attraverso l ascolto e l osservazione del proprio corpo e la padronanza degli schemi motori e posturali. - Migliorare l equilibrio posturale statico e dinamico, l orientamento spaziale e la coordinazione oculo-manuale. - Favorire il rispetto delle regole. - Promuovere la conoscenza reciproca e l integrazione nel gruppo. 3

4 2.3 Obiettivi Specifici Classi prime - Utilizzare diversi schemi motori combinati tra loro. - Memorizzare e rielaborare le informazioni provenienti dagli organi di senso in relazione ad oggetti e materiali. - Migliorare le capacità di coordinazione in rapporto a equilibrio, orientamento, ritmica. - Acquisire un atteggiamento di cooperazione nel gruppo. Classi seconde e terze - Individuare e riconoscere le proprie abilità motorie e di coordinazione. - Individuare nel proprio corpo punti di equilibrio e non. - Adattare il proprio ritmo ad un tempo proposto. - Stabilire un rapporto dinamico tra sé, gli altri e gli oggetti nello spazio. Classi quarte e quinte - Coordinare movimenti successivi e simultanei complessi. - Partecipare attivamente ai giochi collaborando con gli altri, accettando la sconfitta e rispettando le regole e i compagni. - Imparare ad esprimere e controllare le proprie emozioni. - Saper comunicare per mezzo di codici diversi da quello verbale. 2.4 Contenuti - Giochi che prevedono breve durata e graduale intensità - Giochi di esplorazione e di gruppo - Giochi di variazione di schemi motori di base - Giochi di gruppo - Giochi per lo sviluppo della predominanza laterale - Giochi di esplorazione spazio-temporale - Brevi percorsi con piccoli attrezzi - Giochi di regole - Giochi di punteggio - Percorsi a tempo e a stazione 2.5 Metodologia - Attività a carattere prevalentemente ludico. - Percorsi strutturati e non. - Giochi di collaborazione e di cooperazione Sezione 3 - MODALITÀ DI ATTUAZIONE 3.1 Destinatari (alunni) Alunni delle classi I - II - III - IV - V del Plesso Martiri di Nassiriya, alunni delle classi I e II del Plesso Porta Napoli previa adesione scritta da parte dei genitori. 4

5 Le attività saranno attivate a condizione che si ottenga l adesione di almeno 15 alunni; in caso di adesioni superiori al numero minimo previsto, si procederà all organizzazione di sottogruppi di dieci alunni o frazioni 3.2 Risorse umane e professionali coinvolte - Docenti interni di scuola primaria - Collaboratori scolastici resisi disponibili per le attività progettuali - Eventuali collaborazioni gratuite di personale esperto esterno alla scuola. 3.3 Tempi di attuazione Da gennaio ad aprile, con incontri periodici di 2 ore ciascuno. 3.4 Beni e servizi - Palestra interna al Plesso ex Campo Profughi. - Aule e spazi interni al Plesso. 3.5 Materiali e strumenti Sussidi e attrezzature sportive,come da scheda tecnico-finanziaria. 3.6 Modalità di verifica - Trasferibilità dell esperienza - Evento finale: saggio. - Produzione multimediale - Relazione finale. 5

6 SCHEDA PROGETTO 2: MUSICA Scuola Primaria - Plessi: Porta Napoli Martiri di Nassiriya S. Angelo in Formis. Sezione 1 DESCRIZIONE (sbarrare con una X la voce che interessa): Macro-area di riferimento : - Ampliamento dell offerta formativa 1.2 Area di riferimento : o Gioco-Sport o Musica o Integrazione alunni stranieri o Carnevale o Bilinguismo o Teatro Denominazione progetto: Diamogli il La! Sezione 2- ARTICOLAZIONE 2.1 Analisi dei bisogni formativi Nel mondo frenetico in cui viviamo, l esperienza musicale, esercitando sui bambini un attrattiva speciale che negli ultimi anni sembra essersi sempre più incrementata, può contrastare situazioni di stress e di ipereccitabilità e consentire a noi docenti di sfruttarne la valenza formativa sul piano affettivo, relazionale, motorio ed intellettivo. Nel contempo si avrebbe l opportunità di aiutare gli alunni ad aggirare le connotazioni diseducative di canzoni e sigle televisive dai ritmi impossibili, dalla linea melodica inesistente o strutturate su un ampiezza non adatta ad essi. 2.2 Finalità - La percezione auditiva e la ricerca sonora dell ambiente. - L improvvisazione con i suoni non codificati. - Uso musicale del parlato. - Acquisizione della tecnica strumentale per l uso dello strumentario didattico in dotazione ai plessi. - Acquisizione della pratica dell intonazione. 2.3 Obiettivi Specifici - Analizzare una situazione sonora complessa. 6

7 - Analizzare le potenzialità sonore del proprio corpo e degli oggetti. - Prendere coscienza del parametro durata in rapporto al movimento. - Realizzare un primo approccio al problema della rappresentazione grafica dell esperienza musicale. - Controllare l emissione del parlato in un esperienza musicale. - Controllare e modificare il timbro, la durata e l intensità del parlato. - Utilizzare giochi linguistici strutturati come repertorio nelle composizioni musicali. - Controllare il proprio corpo e la capacità di attenzione per operare la trasformazione dei suoni. - Conoscenza di strumenti musicali: esplorazione visiva ed acustica. - Sviluppare la pratica esecutiva. - Applicare la tecnica di respirazione all emissione vocale. - Sviluppare la capacità di coordinamento tra la percezione acustica dei suoni e l uso dell apparato di fonazione. 2.4 Contenuti - Le potenzialità sonore dell ambiente, del proprio corpo e degli oggetti. - La rappresentazione grafica dei suoni. - L attività di controllo del parlato sia nell esperienza musicale che nel linguaggio ordinario. - L esecuzione di sequenze sonore con l uso di strumenti musicali e della voce. 2.5 Metodologia Le linee metodologiche seguite nel percorso qui proposto si basano sul binomio analisiproduzione: conoscere, analizzare per fare, fare per appropriarsi dei modelli conoscitivi ed interpretativi. Naturalmente non ci sarà una cesura netta tra comprensione ed elaborazione del messaggio sonoro perché le attività di percezione e discriminazione dei suoni e quelle di produzione della musica vanno intese come in intima continuità tra loro. La prima fase del lavoro sarà dedicata all ascolto in quanto l attenzione auditiva è la base necessaria per ogni ulteriore attività con i suoni. Quindi si assocerà gradualmente all aspetto percettivo e fruitivo quello produttivo, non trascurando in quest ultimo ambito la creatività. Sezione 3 - MODALITÀ DI ATTUAZIONE 3.1 Destinatari (alunni) Alunni delle classi I - II - III - IV - V, previa adesione scritta da parte dei genitori. Le attività saranno attivate a condizione che si ottenga l adesione di almeno 15 alunni; in caso di adesioni superiori al numero minimo previsto, si procederà all organizzazione di sottogruppi di dieci alunni o frazioni 7

8 3.2 Risorse umane e professionali coinvolte (Indicare i profili di riferimento dei docenti, dei non docenti e dei collaboratori esterni che si prevede di utilizzare. Indicare i nominativi delle persone che ricopriranno ruoli rilevanti) - Docenti interni di scuola primaria - Collaboratori scolastici resisi disponibili per le attività progettuali - Eventuali collaborazioni gratuite di personale esperto esterno alla scuola. 3.3 Tempi di attuazione Da gennaio ad aprile, con incontri periodici di 2 ore ciascuno. 3.4 Beni e servizi (Indicare le risorse logistiche e organizzative che si prevede di utilizzare per la realizzazione). Aule e spazi interni ai Plessi 3.5 Materiali e strumenti - Strumentario didattico in dotazione ai Plessi. - Lettore CD. - Impianto audio Modalità di verifica (indicare anche la tipologia di evento finale del progetto) - Trasferibilità dell esperienza - Evento finale: saggio. - Relazione finale. 8

9 SCHEDA PROGETTO 3: INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI Scuola Primaria - Plessi: Porta Napoli Martiri di Nassiriya S. Angelo in Formis. Sezione 1 DESCRIZIONE (sbarrare con una X la voce che interessa): Macro-area di riferimento : - Ampliamento dell offerta formativa 1.2 Area di riferimento: o Gioco-Sport o Musica o Integrazione alunni stranieri o Carnevale o Bilinguismo o Teatro Denominazione progetto : Crescere insieme Sezione 2- ARTICOLAZIONE 2.1 Analisi dei bisogni formativi. La presenza di scolari stranieri in tutti e tre i plessi scolastici del Circolo è un fenomeno in continua crescita dovuto all'aumento di famiglie immigrate che si stabiliscono nel nostro comune. L'integrazione di detti alunni diventa quindi un obiettivo fondamentale della nostra azione formativa e rappresenta un occasione importante per favorire tra tutti i bambini la diffusione dei valori di tolleranza, solidarietà, democrazia e più in generale il rispetto dei diritti umani. Il progetto si colloca nell'ottica dell'educazione interculturale e perciò considera le diverse culture di cui sono portatori i bambini stranieri come risorse positive per i processi di crescita di tutti gli alunni, in una prospettiva di reciproco arricchimento. Il bambino straniero non deve essere quindi vissuto come un problema da delegare a qualche figura specifica, ma deve essere accolto come una risorsa e come stimolo per una didattica rinnovata. In aggiunta a quanto detto finora, va sottolineata l esigenza di contrastare la scarsa frequenza e, in qualche caso, l abbandono scolastico da parte degli allievi in oggetto, dovute spesso al disinteresse e alla mancanza di una reale motivazione nei confronti della formazione scolastica soprattutto da parte dei genitori. Pertanto si ritiene che un intervento efficace, concentrato nel primo periodo dell anno scolastico, possa dare qualche risultato anche in ordine alla suddetta problematica. 9

10 2.2 Finalità - Garantire un accoglienza adeguata ai bambini stranieri nel rispetto delle loro diversità. - Favorire e sviluppare lo scambio e l intesa fra scuola e famiglia immigrata. - Favorire un dialogo interculturale nell ottica della reciproca conoscenza e dello scambio delle differenti culture. - Favorire l'integrazione sociale degli alunni stranieri attraverso attività mirate. - Aiutare i ragazzi a sviluppare conoscenze, atteggiamenti e abilità importanti per vivere in una società multietnica e multiculturale 2.3 Obiettivi Specifici - Valorizzare la lingua e la cultura di origine degli alunni. - Sostenere i processi di trasformazione identitari, relazionali e culturali. - Incoraggiare i momenti di socializzazione tra i ragazzi stranieri e i compagni italiani. - Acquisire le diverse culture come arricchimento della propria. 2.4 Contenuti - Canzoncine, filastrocche, conte tipiche dell età infantile. - Storie della tradizione popolare da raccontare, animare, leggere. - Usanze e tradizioni. - Regole e norme necessarie per una civile convivenza. - La Carta dei diritti del bambino. 2.5 Metodologia - Partire dall esperienza degli alunni per arrivare ai concetti, utilizzando strategie di gioco, manipolazione, osservazione, dando spazio alle domande per attivare processi di ricerca/azione. - Utilizzare diversi linguaggi nonchè approcci attivi e operativi che accompagnino l uso delle parole. - Attivare la collaborazione con le famiglie al fine di ricercare materiale interculturale per l eventuale realizzazione di un laboratorio sul tema: Usi e costumi. - Organizzare lavori individuali e di gruppo. Sezione 3 - MODALITÀ DI ATTUAZIONE 3.1 Destinatari (alunni) Alunni delle classi III, IV, V previa adesione scritta da parte dei genitori Le attività saranno attivate per un numero di 15/17 alunni non esclusivamente stranieri. 3.2 Risorse umane e professionali coinvolte - Un docente interno di scuola primaria 10

11 - Collaboratori scolastici resisi disponibili per le attività progettuali - Eventuali collaborazioni gratuite di personale esperto esterno alla scuola. 3.3 Tempi di attuazione Mesi di ottobre e novembre con incontri settimanali di due ore ciascuno per un totale di 14 ore più un incontro di un ora per la realizzazione della manifestazione conclusiva Beni e servizi Preferibilmente aule e spazi interni al Plesso S. Angelo in Formis ove confluiranno anche gli alunni degli altri plessi, poichè nella suddetta sede si registra la maggior affluenza di bambini stranieri. 3.5 Materiali e strumenti - Lettore CD. - Impianto audio. - Aula multimediale - Essenziale bibliografia. - Materiale di facile consumo, come da scheda tecnico-finanziaria. 3.6 Modalità di verifica - Trasferibilità dell esperienza - Evento finale: mostra o piccolo saggio. - Relazione finale. 11

12 SCHEDA PROGETTO 4: CARNEVALE Scuola Primaria - Plessi: Martiri di Nassiriya - Porta Napoli - S. Angelo in F. Sezione 1 DESCRIZIONE (sbarrare con una X la voce che interessa): Macro-area di riferimento : - Ampliamento dell offerta formativa 1.2 Area di riferimento: o Gioco-Sport o Musica o Integrazione alunni stranieri o Carnevale o Bilinguismo o Teatro Denominazione progetto: Carnevale ieri ed oggi Sezione 2- ARTICOLAZIONE 2.1 Analisi dei bisogni formativi Carnevale è da sempre per i bambini sinonimo di divertimento oltre che momento ideale per sperimentare il piacere di stare insieme agli altri in allegria. Travestirsi ed interpretare ruoli diversi soddisfa la loro esigenza di fantasticare e promuove lo sviluppo della creatività. Il progetto, inoltre, costituisce per gli alunni l opportunità per conoscere meglio le usanze del territorio in cui vivono, dove il Carnevale vanta un antica tradizione. 2.2 Finalità - Giungere, attraverso il divertimento, ad ulteriori traguardi di maturazione in ambito affettivo-relazionale. - Comprendere la necessità di partecipare agli eventi in modo costruttivo e responsabile. - Saper cooperare in un gruppo. 2.3 Obiettivi Specifici - Interpretare poesie e dialoghi. 12

13 - Sviluppare la creatività e liberare la fantasia utilizzando tecniche e materiali differenti. - Eseguire ritmi, danze e canti popolari. - Scoprire le radici della tradizione locale carnevalesca. 2.4 Contenuti - Il Carnevale di Capua in testi di vario tipo. - Tecniche grafico-pittorico-plastiche varie per la realizzazione di elementi decorativi. - Drammatizzazioni, canti e danze di vario genere. 2.5 Metodologia Il percorso formativo degli alunni si dipanerà in vista di un duplice scopo: - effettuare un opera di ricognizione dei dati e di elaborazione dei vissuti personali al fine di cogliere lo stato emotivo-denotativo e quello cognitivo-connotativo del fare e del vivere un esperienza di apprendimento dalle multiformi sfaccettature; - educare il proprio essere alla duttilità intellettuale, paragonando le proprie scoperte con quelle degli altri e orientandosi ad una preziosa socializzazione dell esperienza. Sezione 3 - MODALITÀ DI ATTUAZIONE 3.1 Destinatari (alunni) Alunni delle classi IV - V, previa adesione scritta da parte dei genitori. Le attività saranno attivate a condizione che si ottenga l adesione di almeno15 alunni, in caso di adesioni superiori al numero minimo previsto si procederà all organizzazione di sottogruppi di dieci alunni o frazioni. 3.2 Risorse umane e professionali coinvolte - Docenti interni di scuola primaria - Collaboratori scolastici resisi disponibili per le attività progettuali - Eventuali collaborazioni gratuite di personale esperto esterno alla scuola. 3.3 Tempi di attuazione Gennaio e febbraio, con incontri settimanali di 2 ore ciascuno. 3.4 Beni e servizi Aule e spazi interni ai Plessi. 13

14 3.5 Materiali e strumenti Sussidi e materiale di facile consumo, come da scheda tecnico-finanziaria. 3.6 Modalità di verifica - Trasferibilità dell esperienza - Evento finale: Partecipazione al carnevale cittadino o saggio all interno dei Plessi. - Produzione multimediale - Relazione finale. 14

15 SCHEDA PROGETTO 5: BILINGUISMO Scuola Primaria - Plesso Martiri di Nassiriya Sezione 1 DESCRIZIONE (sbarrare con una X la voce che interessa): Macro-area di riferimento : - Ampliamento dell offerta formativa 1.2 Area di riferimento : o Gioco-Sport o Musica o Integrazione alunni stranieri o Carnevale o Bilinguismo o Teatro Denominazione progetto: Petites leçons de français Sezione 2- ARTICOLAZIONE 2.1 Analisi dei bisogni formativi: L insegnamento della lingua straniera, sia come prima lingua, sia in contesti di bilinguismo, ha il compito di contribuire allo... sviluppo della personalità... e... all acquisizione e allo sviluppo delle conoscenze e delle abilità di base fino alle prime situazioni logichecritiche.... L insegnamento della lingua francese, prevista dal POF d istituto, non solo qualifica l offerta formativa della scuola ma, attraverso un approccio ludico, permette agli alunni di accostarsi alle tradizioni ed agli usi di altri popoli. 2.2 Finalità - Favorire lo sviluppo di attitudini metalinguistiche e metacomunicative. - Creare opportunità di confronto tra la lingua madre e la lingua francese. - Promuovere negli alunni la consapevolezza di una comune cittadinanza europea. - Accettare le differenze e superare l etnocentrismo. 15

16 2.3 Obiettivi Specifici - Comunicare attraverso facili messaggi orali. - Comunicare attraverso facili messaggi scritti. - Giocare con la lingua. 2.4 Contenuti Funzioni comunicative: salutare, chiedere e dire il proprio nome, chiedere e dire l età, nominare le persone della propria famiglia, localizzare gli oggetti nello spazio, conoscere i numeri entro il venti, conoscere i giorni della settimana, i mesi dell anno, le stagioni, i colori, chiedere e dare informazioni sul tempo. 2.5 Metodologia - Valorizzazione del gioco come veicolo di apprendimento. - Utilizzo di tutti i linguaggi verbali e non verbali. - Attività laboratoriali. Sezione 3 - MODALITÀ DI ATTUAZIONE 3.1 Destinatari (alunni) Alunni delle classi II- III IV -V, previa adesione scritta da parte dei genitori Le attività saranno attivate a condizione che si ottenga l adesione di almeno15 alunni, in caso di adesioni superiori al numero minimo previsto si procederà all organizzazione di sottogruppi di dieci alunni o frazioni. 3.2 Risorse umane e professionali coinvolte - Docenti interni di scuola primaria. - Collaboratori scolastici resisi disponibili per le attività progettuali. - Genitori. 3.3 Tempi di attuazione Da gennaio a marzo con incontri periodici di 2 ore ciascuno. 3.4 Beni e servizi - Aule e spazi interni. - Laboratorio multimediale. 16

17 3.5 Materiali e strumenti - Per quel che concerne materiali e strumenti, vedasi schede tecnico-finanziarie allegate al progetto. 3.6 Modalità di verifica - Trasferibilità dell esperienza. - Evento finale: saggio e produzione di cartelloni. - Produzione multimediale. - Relazione finale. 17

18 SCHEDA PROGETTO 6: TEATRO Scuola Primaria - Plessi: Porta Napoli Martiri di Nassiriya S. Angelo in Formis. Sezione 1 DESCRIZIONE (sbarrare con una X la voce che interessa): Macro-area di riferimento : - Ampliamento dell offerta formativa 1.2 Area di riferimento: o Gioco-Sport o Musica o Integrazione alunni stranieri o Carnevale o Bilinguismo o Teatro Denominazione progetto: Teatro, che passione! Sezione 2- ARTICOLAZIONE 2.1 Analisi dei bisogni formativi: Il progetto relativo alle attività teatrali è ormai diventato una consuetudine per i nostri alunni che concludono il ciclo della scuola primaria. Grazie ad esso i ragazzi riescono a mostrare chiaramente e a volte in modo inaspettato i progressi compiuti nel corso del loro iter formativo e la loro rappresentazione diventa un occasione che non ha eguali per dar voce ed ascolto ai loro vissuti emotivi. Le attività di drammatizzazione, facilitando l incontro tra il mondo esterno e il mondo interno del bambino, gli permettono di dar vita a forme simboliche che trasformano le emozioni in pensieri, il dato espressivo in elemento cognitivo. Infine, dare una forma alle emozioni è un modo per esternarle e per creare un clima emotivo favorevole nell interazione fra compagni, con i docenti e con la realtà circostante 2.2 Finalità - Saper comunicare a livello dinamico-relazionale con i pari e con gli adulti. - Riacquistare identità, coscienza del proprio ruolo nel gruppo attraverso lo sviluppo dell io nel rapporto relazionale con la realtà. - Riacquistare la coscienza della propria dimensione emozionale per sviluppare la consapevolezza del valore della persona e della solidarietà. 18

19 - Acquistare fiducia nei confronti degli altri e della realtà. - Educare all autonomia, alle libere scelte individuali in uno spazio di sana convivenza democratica. - Superare problemi relazionali all interno del gruppo classe. - Rafforzare l autostima e la disinibizione. - Educare al rispetto dell altro e delle diversità. - Favorire lo sviluppo del senso di responsabilità. 2.3 Obiettivi Specifici - Favorire la conoscenza delle proprie possibilità espressive. - Migliorare la competenza linguistica nei suoi più variegati aspetti. - Acquisire le funzioni della comunicazione ed i suoi meccanismi, le convenzioni che la regolano, il valore dei registri in relazione alle diverse situazioni. - Potenziare le capacità espressive verbali e non verbali. - Migliorare la disponibilità all ascolto e la capacità di concentrazione. - Educare al rispetto delle regole e dei compiti assegnati. - Sviluppare adeguate capacità organizzative e progettuali. - Sviluppare le capacità riflessive, sintetiche ed inventive. - Riscoprire il carattere ludico del lavoro scolastico. - Avvicinare gli allievi al mondo dello spettacolo, non più come semplici fruitori, ma come parte attiva e cosciente. 2.4 Contenuti - Costruzione ed adattamento di copioni. - Interpretazione di personaggi. - Realizzazione di semplici elementi scenografici. - Creazione di facili coreografie. - Realizzazione di locandine ed inviti. 2.5 Metodologia - Uso del corpo in funzione espressiva. - Interpretazione e ricostruzione attiva dei testi e dei brani proposti. - Analisi del testo, problematizzazione e approfondimento delle caratteristiche e dei temi dello stesso. - Interazione di codici ai quali, separatamente, fanno riferimento le varie discipline curriculari. Sezione 3 - MODALITÀ DI ATTUAZIONE 3.1 Destinatari Alunni delle classi quinte, previa adesione scritta da parte dei genitori. 19

20 Le attività saranno attivate a condizione che si ottenga l adesione di almeno 15 alunni; in caso di adesioni superiori al numero minimo previsto, si procederà all organizzazione di sottogruppi di dieci alunni o frazioni 3.2 Risorse umane e professionali coinvolte - Docenti interni di scuola primaria - Collaboratori scolastici resisi disponibili per le attività progettuali - Eventuali collaborazioni di figure professionali interne al circolo con conclamate esperienze in campo teatrale. - Eventuale collaborazione di un tecnico audio esterno alla scuola. 3.3 Tempi di attuazione Da gennaio ad aprile con incontri periodici di 2 ore ciascuno. 3.4 Beni e servizi - Tecnico video ed audio per gestione impianto di amplificazione durante le rappresentazioni finali. - Spazi interni ed esterni alle scuole. - Laboratori multimediali. 3.5 Materiali e strumenti - Per quel che concerne materiali e strumenti, vedasi schede tecnico-finanziaria che si allegheranno ai progetti. 3.6 Modalità di verifica - Osservazione degli alunni durante le attività proposte per rilevare la loro partecipazione, il loro impegno, il grado di soddisfazione mostrato nell esecuzione dei lavori ed eventuali difficoltà riscontrate. - Relazione finale. - Evento finale: rappresentazione teatrale. 20

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA G.Rodari RAPAGNANO

SCUOLA PRIMARIA G.Rodari RAPAGNANO Sezione 1 DESCRITTIVA ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE URANO SCUOLA PRIMARIA G.Rodari RAPAGNANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013/2014 1.1 Denominazione del Progetto Indicare Codice e denominazione del progetto LaboratoriaMENTE

Dettagli

PROGETTO. Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza. Titolo del progetto annuale 2015/ 2016. Giochiamo alla musica

PROGETTO. Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza. Titolo del progetto annuale 2015/ 2016. Giochiamo alla musica PROGETTO Istituto Comprensivo di San Stino di Livenza Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza Titolo del progetto annuale 2015/ 2016 Giochiamo alla musica Responsabile progetto:

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA ALLEGATO 2 PTOF 2016/2019 SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA INDICE ACCOGLIENZA CONTINUITÀ SI/SP LINGUA INGLESE ATTIVITA MOTORIA EDUCAZIONE MUSICALE LABORATORIO TEATRALE 1 ACCOGLIENZA Integrazione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI PROGETTO LETTURA UNA CASCATA DI LIBRI Il progetto si prefigge di stimolare negli alunni la motivazione alla lettura e all ascolto, guidandoli a saper cogliere, insieme

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N.1 Di colore in colore a suon di musica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO English is fun Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo U. Ferrari di Castelverde

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!!

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! Il tempo dell accoglienza Accogliere i bambini significa, in primo luogo, predisporre un ambiente

Dettagli

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF)

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) 1.1 Denominazione progetto Indicare denominazione del progetto Il Progetto, denominato Educare con l arte, si articola in due Sezioni :

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA L educazione fisica promuove la conoscenza di sé e delle proprie potenzialità in relazione con l ambiente, gli altri e gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

TEMATICA: fotografia

TEMATICA: fotografia TEMATICA: fotografia utilizzare la fotografia e il disegno per permettere ai bambini di reinventare una città a loro misura, esaltando gli aspetti del vivere civile; Obiettivi: - sperimentare il linguaggio

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE

CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE Docente Responsabile: Prof. Marco Carnevale A.S. 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO n. 2 ALBINO BERNARDINI SINISCOLA PROGETTO POTENZIAMENTO

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009

Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009 Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009 PRESENTAZIONE OBIETTIVI FINALITA Il corso di educazione al suono, al movimento ed all immagine si rivolge principalmente ai bambini delle scuole elementari.

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (CLASSI TERZE) secondo le Indicazioni del 2012

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (CLASSI TERZE) secondo le Indicazioni del 2012 PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (CLASSI TERZE) secondo le Indicazioni del 2012 NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N. 1 UDA N. 2 Unità di apprendimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO FREZZOTTI-CORRADINI SCUOLA DELL INFANZIA DI VIA QUARTO

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI PROGETTO ACCOGLIENZA APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI IMMAGINI, SUONI E COLORI sviluppare il senso dell'identità personale consapevolezza delle differenze conoscere e rispettare le regole di convivenza Il bambino

Dettagli

Programmazione annuale gruppo di apprendimento bambini anni 3 A. S.2013-2014

Programmazione annuale gruppo di apprendimento bambini anni 3 A. S.2013-2014 SCUOLA DELL INFANZIA DI TAVULLIA NASCONDINO Programmazione annuale gruppo di apprendimento bambini anni 3 A. S.2013-2014 INTRODUZIONE MOTIVAZIONE Le insegnanti referenti del gruppo dei bambini di tre anni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016)

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Premessa La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento Curricolo di MUSICA La musica in un quadro didattico occupa una posizione centrale perché è una componente fondamentale dell esperienza umana. Essa ha un ruolo di primo piano nello sviluppo della personalità

Dettagli

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1.

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Castelfranco E., 13 04-2013 Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Come già specificato il progetto, parte integrante del POF della scuola,

Dettagli

Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura. Scuola PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare per la classe III

Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura. Scuola PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare per la classe III Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura Scuola PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare per la classe III MUSICA Docente: Milena Giannoni Preliminarmente alla presentazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI QUILIANO VIA VALLEGGIA SUPERIORE 17047 QUILIANO (SV) TEL. 019/880169 FAX 019/2165283 E-MAIL SVIC809005@PEC.ISTRUZIONE.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI QUILIANO VIA VALLEGGIA SUPERIORE 17047 QUILIANO (SV) TEL. 019/880169 FAX 019/2165283 E-MAIL SVIC809005@PEC.ISTRUZIONE. ARTI IN.. MOVIMENTO Il progetto Ragnatele sonore viene attivato all interno della Scuola materna dell Istituto comprensivo e interesserà tutti gli allievi del plesso e punterà a facilitare uno sviluppo

Dettagli

EDUCAZIONE MUSICALE ANDIAMO IN SALA PROVE MUSICA RIVOLTO A alunni della scuola secondaria di 1 o grado e loro insegnanti. OBIETTIVI - promozione di un servizio del Comune che fornisce una sala prove attrezzata

Dettagli

PROGETTAZIONE 1^UdA SCUOLA INFANZIA settembre-novembre 2013 a.s. 2013-2014. 1^UDA - AFRODITE le rose dell amore. Io e gli altri

PROGETTAZIONE 1^UdA SCUOLA INFANZIA settembre-novembre 2013 a.s. 2013-2014. 1^UDA - AFRODITE le rose dell amore. Io e gli altri PROGETTAZIONE 1^UdA SCUOLA INFANZIA settembre-novembre 2013 a.s. 2013-2014 1^UDA - AFRODITE le rose dell amore Periodo Settembre - Novembre 2013 AFRODITE le rose dell amore Avviarsi comprendere /Comprendere/Pot

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI)

SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI) SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Il Progetto di educazione musicale è finalizzato allo sviluppo di quattro competenze specifiche: - Educazione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE -Anno scolastico 2013/2014 Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie

Dettagli

Scuola Primaria B.Lugli Calcinelli Classe 1^ - sez. B - 27 ore

Scuola Primaria B.Lugli Calcinelli Classe 1^ - sez. B - 27 ore PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013-2014 Scuola Primaria B.Lugli Calcinelli Classe 1^ - sez. B - 27 ore Disciplina/e Musica scienze motorie N di alunni 23, di cui 14 maschi

Dettagli

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI METODOLOGIE E STRATEGIE

Dettagli

LABORATORIO MUSICALE Anno Scolastico 2015/2016 Un mondo di Musica

LABORATORIO MUSICALE Anno Scolastico 2015/2016 Un mondo di Musica Pag. 1 di 5 LABORATORIO MUSICALE Anno Scolastico 2015/2016 Un mondo di Musica Scuola Primaria Messina "La musica è una rivelazione più profonda di ogni saggezza L. van Beethoven EMISSIONE APPROVAZIONE

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INSEGNANTI CURRICOLARI: DI BONAVENTURA LAURA MARAINI

Dettagli

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ICTORRIMPIETRA CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 A. IL CORPO E LE FUNZIONI SENSO-PERCETTIVE L alunno/a acquisisce consapevolezza di sé attraverso l ascolto e l osservazione del

Dettagli

Classi I A IB. Obiettivi

Classi I A IB. Obiettivi I A IB Novembre 2014/ maggio 2015 Sviluppare e potenziare l ascolto di semplici strumenti e diverse tipologie di ritmi; Affinare la manipolazione attraverso la costruzione di strumenti; Sviluppare la creatività

Dettagli

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA Curricolo verticale di MUSICA Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in

Dettagli

Scuola dell Infanzia Walt Disney anno scolastico 2005/2006

Scuola dell Infanzia Walt Disney anno scolastico 2005/2006 anno scolastico 2005/2006 Progetto recupero. Considerando non sufficienti le ore che il Provveditorato ha destinato ai bambini diversamente abili inseriti nella nostra scuola, le insegnanti di sezione

Dettagli

La musica è primaria

La musica è primaria La musica è primaria Motivazioni Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza simultanea di stimoli sonori diversi, il cui eccessivo e disorganico sovrapporsi può comportare

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE SCUOLA DELL'INFANZIA SANT'EFISIO, VIA VITTORIO VENETO, 28 ORISTANO

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE SCUOLA DELL'INFANZIA SANT'EFISIO, VIA VITTORIO VENETO, 28 ORISTANO PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE SCUOLA DELL'INFANZIA SANT'EFISIO, VIA VITTORIO VENETO, 28 ORISTANO Sezioni scuola dell'infanzia A,B,C. Insegnanti: Suor Cristina Milo M.Vittoria Mele Silvia A.S. 2013/2014

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME Denominazione IO E GLI ALTRI UNITA DI APPRENDIMENTO Compito-prodotto Cartellone e/o video e/o manufatti e/o fascicolo Competenze mirate

Dettagli

IMMAGINI, SUONI, COLORI

IMMAGINI, SUONI, COLORI IMMAGINI, SUONI, COLORI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente 2. Inventa storie

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA

PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA Direzione Didattica 3 Circolo Gubbio SCUOLA DELL INFANZIA DI BRANCA E TORRE CALZOLARI PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA A.S. 2012/13 PROGETTO CONTINUITÀ - ACCOGLIENZA RITROVARSI INSIEME PER FARE E GIOCARE

Dettagli

PROGETTI SPECIFICI. I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE.

PROGETTI SPECIFICI. I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE. PROGETTI SPECIFICI Scuola dell infanzia di Cuasso al Monte I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE. Attività psicomotoria

Dettagli

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Il tema scelto vuole trasmettere ai bambini l importanza del patrimonio letterario classico. Inoltre, presentando la figura dell EROE,

Dettagli

Ma che musica maestre 2!!!

Ma che musica maestre 2!!! Istituto Comprensivo Nicola D Apolito Cagnano Varano Scuola dell infanzia Progetto di educazione musicale Ma che musica maestre 2!!! Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie sensazioni? Ognuno

Dettagli

1.A. PROMUOVERE L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI.1.A.3. OBIETTIVI GENERALI

1.A. PROMUOVERE L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI.1.A.3. OBIETTIVI GENERALI PER UNA SCUOLA MIGLIORE PIANO EDUCATIVO ZONALE 2015/2016 REFERENTE PEZ - CAROSI LUCIA FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI - CAI LUCIA FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERII -

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE : MUSICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE : MUSICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE : La consapevolezza ed espressione culturale è la competenza che più contribuisce a costruire l identità sociale e culturale, attraverso la capacità di fruire dei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE Padre Reginaldo Giuliani VERCURAGO. Scuola Primaria Statale di Vercurago

SCUOLA PRIMARIA STATALE Padre Reginaldo Giuliani VERCURAGO. Scuola Primaria Statale di Vercurago SCUOLA PRIMARIA STATALE Padre Reginaldo Giuliani VERCURAGO PROGETTI La scuola primaria di Vercurago arricchisce la propria offerta formativa anche attraverso la realizzazione di PROGETTI a carattere educativo-

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE a.s 2015-16 SCUOLA DELL INFANZIA Sezioni 3^A

Dettagli

MUSICA. COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua, Consapevolezza ed espressione culturale, Imparare ad imparare

MUSICA. COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua, Consapevolezza ed espressione culturale, Imparare ad imparare MUSICA COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua, Consapevolezza ed espressione culturale, Imparare ad imparare Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno : Osserva, esplora, descrive

Dettagli

Gina Milano Maria Rita Pece

Gina Milano Maria Rita Pece Insegnanti: anno scolastico 2007/2008 Gina Milano Maria Rita Pece Ins. Gina Milano 1 INTRODUZIONE. Il seguente logo rappresenta: Ins. Gina Milano 2 INTRODUZIONE L obiettivo principale del nostro Piano

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

FINALITÀ METODOLOGIA STRUMENTI VERIFICHE. ludica, introducendo di volta in volta

FINALITÀ METODOLOGIA STRUMENTI VERIFICHE. ludica, introducendo di volta in volta CURRICOLO DI EDUCAZIONE FISICA SCUOLA PRIMARIA Classe Prima TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA L alunno: utilizza il linguaggio corporeo e motorio per comunicare ed

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL INFANZIA ACQUATICITÀ Alunni al secondo anno di frequenza della Scuola dell Infanzia Promuovere la conquista dell autonomia e il rafforzamento del proprio sé Consolidare la conoscenza del corpo

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

Progetto Accoglienza. Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense

Progetto Accoglienza. Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense Progetto Accoglienza 2011/2012 1 Circolo Didattico Vico Equense Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conoscersi per crescere insieme: una storia tante storie! P R E M E S S A I primi giorni di scuola segnano

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri C ERA UNA VOLTA ULISSE Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri OMERO, ODISSEA traduzione di G.A.PRIVITERA

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA PRIMARIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA PRIMARIA 2009/2010 Titolo del progetto Responsabile/i TEATRO A SCUOLA Smorlesi Daniela Maccioni Martina Scuola Primaria: -classi prime -classi terze L attività di teatro per la sua valenza

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 LE NUOVE INDICAZIONI: QUALI VIE PER LA SCUOLA? Circolo didattico

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Chiunque sia, ovunque si trovi, l uomo vive nel movimento: il suo corpo è un mondo di movimento in sé Il movimento non è verbale

Dettagli

Progetto di espressione corporea e danze popolari multietniche

Progetto di espressione corporea e danze popolari multietniche Ass. onlus "LAES - l'arte è salute" Progetto di espressione corporea e danze popolari multietniche Tutte le esperienze comunicative hanno nel corpo la centralità espressiva e relazionale: attraverso il

Dettagli

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Premessa La Scuola Primaria di Casamicciola Terme è una realtà educativa che da sempre pone l alunno al centro del processo di apprendimento

Dettagli

Progetto MUS.E (MUSica per l Eccellenza)

Progetto MUS.E (MUSica per l Eccellenza) Progetto MUS.E (MUSica per l Eccellenza) Euterpe musa della musica Prot. n. 3778/A 22b 08.07.2015 1 Il progetto di educazione musicale e pratica strumentale-corale, attuato dall Istituto prevede un percorso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO VANNUCCI SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 06062 Città della Pieve (PG) Via Marconi, 18 Tel. 0578/298018 Fax 0578/2987 E-mail: pgic82100x@istruzione.it

Dettagli

PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI ANNO SCOLASTICO 2010-2011. AREE A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO Art. 9 CCNL Comparto Scuola 2006/09

PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI ANNO SCOLASTICO 2010-2011. AREE A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO Art. 9 CCNL Comparto Scuola 2006/09 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOSCANINI Piazza Trattati di Roma 1957 n.5-21011 CASORATE SEMPIONE (VA) Tel.0331/296182 Fax 0331/295563 E-mail: comprensivocasoratebesnate@ictoscanini.it PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 ORTONA PROGETTO DI LINGUA INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 ORTONA PROGETTO DI LINGUA INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO 1 ORTONA PROGETTO DI LINGUA INGLESE SCUOLA DELL INFANZIA 1 In una realtà multiculturale come la nostra, l apprendimento precoce di una lingua straniera, qual è l inglese, è ormai fondamentale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Accoglienza laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Obiettivi generali affiatare il gruppo-classe recentemente formatosi stimolare e facilitare le relazioni superare le resistenze

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. CINEFORUM LABORATORIO DI CERAMICA LABORATORIO DI SCIENZE MOTORIE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 (G.MAZZINI E. FERMI) AVEZZANO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DI CIRCOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DEI BAMBINI DI 3 ANNI

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 (G.MAZZINI E. FERMI) AVEZZANO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DI CIRCOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DEI BAMBINI DI 3 ANNI ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 (G.MAZZINI E. FERMI) AVEZZANO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DI CIRCOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DEI BAMBINI DI 3 ANNI ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FINALITA La scuola dell Infanzia concorre

Dettagli

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016 Campi di esperienza coinvolti Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Il sé e l altro Il corpo in movimento Linguaggi,creatività espressione-

Dettagli

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale Istituto di Istruzione Superiore L.R. D.M. 14/06/1946 e Paritario provvedimento del 28/02/2001 "Gesù Eucaristico" Indirizzi: Socio-Psico-Pedagogico Linguistico via Monte, 52-75019 Tricarico MT tel. + fax

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli