PROGETTI EXTRACURRICULARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTI EXTRACURRICULARI"

Transcript

1 DIREZIONE DIDATTICA STATALE CAPUA 2 CIRCOLO A.S. 2012/2013 AMPLIAMENTO OFFERTA FORMATIVA PROGETTI EXTRACURRICULARI Capua 11/09/2012 La commissione 1

2 DIREZIONE DIDATTICA STATALE CAPUA 2 CIRCOLO A.S. 2012/2013 PREMESSA La commissione preposta alla redazione dei progetti per l ampliamento dell offerta formativa per l anno scolastico 2012/13 ha operato avendo come scopo la stesura di progetti rispondenti alle esigenze della nostra scuola nell intento di renderla quanto più possibile efficiente, aggiornata, ricca di esperienze e di stimoli culturali, una scuola che coinvolga gli allievi in esperienze di apprendimento che vadano al di là degli orizzonti soliti e che li aiutino a compiere il proprio percorso formativo in maniera agevole ed efficace. Attraverso l offerta delle attività di arricchimento a tal uopo individuate ci si prefigge altresì di prevenire il disagio e la dispersione scolastica, di attuare il diritto allo studio, di promuovere la motivazione all apprendimento e di offrire stimoli e rinforzo allo stesso, di promuovere la crescita sociale attraverso la comunicazione con l impiego dei vari linguaggi iconico, gestuale, simbolico, motorio ecc. Pertanto sono stati elaborati i seguenti progetti: 1. Gioco-Sport 2. Musica 3. Integrazione alunni stranieri 4. Carnevale 5. Bilinguismo 6. Teatro 2

3 SCHEDA PROGETTO 1: GIOCO-SPORT Scuola Primaria Plessi: Martiri di Nassiriya - Porta Napoli Sezione 1 DESCRIZIONE (sbarrare con una X la voce che interessa): Macro-area di riferimento : - Ampliamento dell offerta formativa 1.2 Area di riferimento: o Gioco-Sport o Musica o Integrazione alunni stranieri o Carnevale o Bilinguismo o Teatro Denominazione progetto: Mi piaci se...ti muovi! Sezione 2- ARTICOLAZIONE 2.1 Analisi dei bisogni formativi: In un mondo in cui la tecnologia non sempre viene utilizzata in misura adeguatae in maniera da sfruttarne appieno i vantaggi, i bambini si trovano spesso isolati davanti a computer, video-giochi, telefonini e deprivati di quei contatti umani che pur sono tanto necessari alla loro crescita emotiva, affettiva, relazionale. Lo sport offre a noi docenti molteplici possibilità di incrementare le attività didattiche finalizzate appunto a migliorare la socialità Inoltre, tutti gli aspetti della personalità connessi con l acquisizione di certezze e competenze in ambito disciplinare ricevono benefici dalle attività sportive, avendo esse come fondamento la corporeità nelle sue molteplici sfaccettature. Educare i ragazzi ad un approccio corretto e sereno con lo sport significa altresì offrire loro la possibilità di vivere in modo attivo e proficuo la pratica sportiva canalizzando positivamente gli atteggiamenti d competitività, l aspirazione a conquistare sempre nuovi traguardi, l entusiasmo per una vittoria e la delusione per una sconfitta, lo spirito di appartenenza ad un gruppo, sempre e comunque nel rispetto per gli altri. 2.2 Finalità - Acquisire consapevolezza di sé attraverso l ascolto e l osservazione del proprio corpo e la padronanza degli schemi motori e posturali. - Migliorare l equilibrio posturale statico e dinamico, l orientamento spaziale e la coordinazione oculo-manuale. - Favorire il rispetto delle regole. - Promuovere la conoscenza reciproca e l integrazione nel gruppo. 3

4 2.3 Obiettivi Specifici Classi prime - Utilizzare diversi schemi motori combinati tra loro. - Memorizzare e rielaborare le informazioni provenienti dagli organi di senso in relazione ad oggetti e materiali. - Migliorare le capacità di coordinazione in rapporto a equilibrio, orientamento, ritmica. - Acquisire un atteggiamento di cooperazione nel gruppo. Classi seconde e terze - Individuare e riconoscere le proprie abilità motorie e di coordinazione. - Individuare nel proprio corpo punti di equilibrio e non. - Adattare il proprio ritmo ad un tempo proposto. - Stabilire un rapporto dinamico tra sé, gli altri e gli oggetti nello spazio. Classi quarte e quinte - Coordinare movimenti successivi e simultanei complessi. - Partecipare attivamente ai giochi collaborando con gli altri, accettando la sconfitta e rispettando le regole e i compagni. - Imparare ad esprimere e controllare le proprie emozioni. - Saper comunicare per mezzo di codici diversi da quello verbale. 2.4 Contenuti - Giochi che prevedono breve durata e graduale intensità - Giochi di esplorazione e di gruppo - Giochi di variazione di schemi motori di base - Giochi di gruppo - Giochi per lo sviluppo della predominanza laterale - Giochi di esplorazione spazio-temporale - Brevi percorsi con piccoli attrezzi - Giochi di regole - Giochi di punteggio - Percorsi a tempo e a stazione 2.5 Metodologia - Attività a carattere prevalentemente ludico. - Percorsi strutturati e non. - Giochi di collaborazione e di cooperazione Sezione 3 - MODALITÀ DI ATTUAZIONE 3.1 Destinatari (alunni) Alunni delle classi I - II - III - IV - V del Plesso Martiri di Nassiriya, alunni delle classi I e II del Plesso Porta Napoli previa adesione scritta da parte dei genitori. 4

5 Le attività saranno attivate a condizione che si ottenga l adesione di almeno 15 alunni; in caso di adesioni superiori al numero minimo previsto, si procederà all organizzazione di sottogruppi di dieci alunni o frazioni 3.2 Risorse umane e professionali coinvolte - Docenti interni di scuola primaria - Collaboratori scolastici resisi disponibili per le attività progettuali - Eventuali collaborazioni gratuite di personale esperto esterno alla scuola. 3.3 Tempi di attuazione Da gennaio ad aprile, con incontri periodici di 2 ore ciascuno. 3.4 Beni e servizi - Palestra interna al Plesso ex Campo Profughi. - Aule e spazi interni al Plesso. 3.5 Materiali e strumenti Sussidi e attrezzature sportive,come da scheda tecnico-finanziaria. 3.6 Modalità di verifica - Trasferibilità dell esperienza - Evento finale: saggio. - Produzione multimediale - Relazione finale. 5

6 SCHEDA PROGETTO 2: MUSICA Scuola Primaria - Plessi: Porta Napoli Martiri di Nassiriya S. Angelo in Formis. Sezione 1 DESCRIZIONE (sbarrare con una X la voce che interessa): Macro-area di riferimento : - Ampliamento dell offerta formativa 1.2 Area di riferimento : o Gioco-Sport o Musica o Integrazione alunni stranieri o Carnevale o Bilinguismo o Teatro Denominazione progetto: Diamogli il La! Sezione 2- ARTICOLAZIONE 2.1 Analisi dei bisogni formativi Nel mondo frenetico in cui viviamo, l esperienza musicale, esercitando sui bambini un attrattiva speciale che negli ultimi anni sembra essersi sempre più incrementata, può contrastare situazioni di stress e di ipereccitabilità e consentire a noi docenti di sfruttarne la valenza formativa sul piano affettivo, relazionale, motorio ed intellettivo. Nel contempo si avrebbe l opportunità di aiutare gli alunni ad aggirare le connotazioni diseducative di canzoni e sigle televisive dai ritmi impossibili, dalla linea melodica inesistente o strutturate su un ampiezza non adatta ad essi. 2.2 Finalità - La percezione auditiva e la ricerca sonora dell ambiente. - L improvvisazione con i suoni non codificati. - Uso musicale del parlato. - Acquisizione della tecnica strumentale per l uso dello strumentario didattico in dotazione ai plessi. - Acquisizione della pratica dell intonazione. 2.3 Obiettivi Specifici - Analizzare una situazione sonora complessa. 6

7 - Analizzare le potenzialità sonore del proprio corpo e degli oggetti. - Prendere coscienza del parametro durata in rapporto al movimento. - Realizzare un primo approccio al problema della rappresentazione grafica dell esperienza musicale. - Controllare l emissione del parlato in un esperienza musicale. - Controllare e modificare il timbro, la durata e l intensità del parlato. - Utilizzare giochi linguistici strutturati come repertorio nelle composizioni musicali. - Controllare il proprio corpo e la capacità di attenzione per operare la trasformazione dei suoni. - Conoscenza di strumenti musicali: esplorazione visiva ed acustica. - Sviluppare la pratica esecutiva. - Applicare la tecnica di respirazione all emissione vocale. - Sviluppare la capacità di coordinamento tra la percezione acustica dei suoni e l uso dell apparato di fonazione. 2.4 Contenuti - Le potenzialità sonore dell ambiente, del proprio corpo e degli oggetti. - La rappresentazione grafica dei suoni. - L attività di controllo del parlato sia nell esperienza musicale che nel linguaggio ordinario. - L esecuzione di sequenze sonore con l uso di strumenti musicali e della voce. 2.5 Metodologia Le linee metodologiche seguite nel percorso qui proposto si basano sul binomio analisiproduzione: conoscere, analizzare per fare, fare per appropriarsi dei modelli conoscitivi ed interpretativi. Naturalmente non ci sarà una cesura netta tra comprensione ed elaborazione del messaggio sonoro perché le attività di percezione e discriminazione dei suoni e quelle di produzione della musica vanno intese come in intima continuità tra loro. La prima fase del lavoro sarà dedicata all ascolto in quanto l attenzione auditiva è la base necessaria per ogni ulteriore attività con i suoni. Quindi si assocerà gradualmente all aspetto percettivo e fruitivo quello produttivo, non trascurando in quest ultimo ambito la creatività. Sezione 3 - MODALITÀ DI ATTUAZIONE 3.1 Destinatari (alunni) Alunni delle classi I - II - III - IV - V, previa adesione scritta da parte dei genitori. Le attività saranno attivate a condizione che si ottenga l adesione di almeno 15 alunni; in caso di adesioni superiori al numero minimo previsto, si procederà all organizzazione di sottogruppi di dieci alunni o frazioni 7

8 3.2 Risorse umane e professionali coinvolte (Indicare i profili di riferimento dei docenti, dei non docenti e dei collaboratori esterni che si prevede di utilizzare. Indicare i nominativi delle persone che ricopriranno ruoli rilevanti) - Docenti interni di scuola primaria - Collaboratori scolastici resisi disponibili per le attività progettuali - Eventuali collaborazioni gratuite di personale esperto esterno alla scuola. 3.3 Tempi di attuazione Da gennaio ad aprile, con incontri periodici di 2 ore ciascuno. 3.4 Beni e servizi (Indicare le risorse logistiche e organizzative che si prevede di utilizzare per la realizzazione). Aule e spazi interni ai Plessi 3.5 Materiali e strumenti - Strumentario didattico in dotazione ai Plessi. - Lettore CD. - Impianto audio Modalità di verifica (indicare anche la tipologia di evento finale del progetto) - Trasferibilità dell esperienza - Evento finale: saggio. - Relazione finale. 8

9 SCHEDA PROGETTO 3: INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI Scuola Primaria - Plessi: Porta Napoli Martiri di Nassiriya S. Angelo in Formis. Sezione 1 DESCRIZIONE (sbarrare con una X la voce che interessa): Macro-area di riferimento : - Ampliamento dell offerta formativa 1.2 Area di riferimento: o Gioco-Sport o Musica o Integrazione alunni stranieri o Carnevale o Bilinguismo o Teatro Denominazione progetto : Crescere insieme Sezione 2- ARTICOLAZIONE 2.1 Analisi dei bisogni formativi. La presenza di scolari stranieri in tutti e tre i plessi scolastici del Circolo è un fenomeno in continua crescita dovuto all'aumento di famiglie immigrate che si stabiliscono nel nostro comune. L'integrazione di detti alunni diventa quindi un obiettivo fondamentale della nostra azione formativa e rappresenta un occasione importante per favorire tra tutti i bambini la diffusione dei valori di tolleranza, solidarietà, democrazia e più in generale il rispetto dei diritti umani. Il progetto si colloca nell'ottica dell'educazione interculturale e perciò considera le diverse culture di cui sono portatori i bambini stranieri come risorse positive per i processi di crescita di tutti gli alunni, in una prospettiva di reciproco arricchimento. Il bambino straniero non deve essere quindi vissuto come un problema da delegare a qualche figura specifica, ma deve essere accolto come una risorsa e come stimolo per una didattica rinnovata. In aggiunta a quanto detto finora, va sottolineata l esigenza di contrastare la scarsa frequenza e, in qualche caso, l abbandono scolastico da parte degli allievi in oggetto, dovute spesso al disinteresse e alla mancanza di una reale motivazione nei confronti della formazione scolastica soprattutto da parte dei genitori. Pertanto si ritiene che un intervento efficace, concentrato nel primo periodo dell anno scolastico, possa dare qualche risultato anche in ordine alla suddetta problematica. 9

10 2.2 Finalità - Garantire un accoglienza adeguata ai bambini stranieri nel rispetto delle loro diversità. - Favorire e sviluppare lo scambio e l intesa fra scuola e famiglia immigrata. - Favorire un dialogo interculturale nell ottica della reciproca conoscenza e dello scambio delle differenti culture. - Favorire l'integrazione sociale degli alunni stranieri attraverso attività mirate. - Aiutare i ragazzi a sviluppare conoscenze, atteggiamenti e abilità importanti per vivere in una società multietnica e multiculturale 2.3 Obiettivi Specifici - Valorizzare la lingua e la cultura di origine degli alunni. - Sostenere i processi di trasformazione identitari, relazionali e culturali. - Incoraggiare i momenti di socializzazione tra i ragazzi stranieri e i compagni italiani. - Acquisire le diverse culture come arricchimento della propria. 2.4 Contenuti - Canzoncine, filastrocche, conte tipiche dell età infantile. - Storie della tradizione popolare da raccontare, animare, leggere. - Usanze e tradizioni. - Regole e norme necessarie per una civile convivenza. - La Carta dei diritti del bambino. 2.5 Metodologia - Partire dall esperienza degli alunni per arrivare ai concetti, utilizzando strategie di gioco, manipolazione, osservazione, dando spazio alle domande per attivare processi di ricerca/azione. - Utilizzare diversi linguaggi nonchè approcci attivi e operativi che accompagnino l uso delle parole. - Attivare la collaborazione con le famiglie al fine di ricercare materiale interculturale per l eventuale realizzazione di un laboratorio sul tema: Usi e costumi. - Organizzare lavori individuali e di gruppo. Sezione 3 - MODALITÀ DI ATTUAZIONE 3.1 Destinatari (alunni) Alunni delle classi III, IV, V previa adesione scritta da parte dei genitori Le attività saranno attivate per un numero di 15/17 alunni non esclusivamente stranieri. 3.2 Risorse umane e professionali coinvolte - Un docente interno di scuola primaria 10

11 - Collaboratori scolastici resisi disponibili per le attività progettuali - Eventuali collaborazioni gratuite di personale esperto esterno alla scuola. 3.3 Tempi di attuazione Mesi di ottobre e novembre con incontri settimanali di due ore ciascuno per un totale di 14 ore più un incontro di un ora per la realizzazione della manifestazione conclusiva Beni e servizi Preferibilmente aule e spazi interni al Plesso S. Angelo in Formis ove confluiranno anche gli alunni degli altri plessi, poichè nella suddetta sede si registra la maggior affluenza di bambini stranieri. 3.5 Materiali e strumenti - Lettore CD. - Impianto audio. - Aula multimediale - Essenziale bibliografia. - Materiale di facile consumo, come da scheda tecnico-finanziaria. 3.6 Modalità di verifica - Trasferibilità dell esperienza - Evento finale: mostra o piccolo saggio. - Relazione finale. 11

12 SCHEDA PROGETTO 4: CARNEVALE Scuola Primaria - Plessi: Martiri di Nassiriya - Porta Napoli - S. Angelo in F. Sezione 1 DESCRIZIONE (sbarrare con una X la voce che interessa): Macro-area di riferimento : - Ampliamento dell offerta formativa 1.2 Area di riferimento: o Gioco-Sport o Musica o Integrazione alunni stranieri o Carnevale o Bilinguismo o Teatro Denominazione progetto: Carnevale ieri ed oggi Sezione 2- ARTICOLAZIONE 2.1 Analisi dei bisogni formativi Carnevale è da sempre per i bambini sinonimo di divertimento oltre che momento ideale per sperimentare il piacere di stare insieme agli altri in allegria. Travestirsi ed interpretare ruoli diversi soddisfa la loro esigenza di fantasticare e promuove lo sviluppo della creatività. Il progetto, inoltre, costituisce per gli alunni l opportunità per conoscere meglio le usanze del territorio in cui vivono, dove il Carnevale vanta un antica tradizione. 2.2 Finalità - Giungere, attraverso il divertimento, ad ulteriori traguardi di maturazione in ambito affettivo-relazionale. - Comprendere la necessità di partecipare agli eventi in modo costruttivo e responsabile. - Saper cooperare in un gruppo. 2.3 Obiettivi Specifici - Interpretare poesie e dialoghi. 12

13 - Sviluppare la creatività e liberare la fantasia utilizzando tecniche e materiali differenti. - Eseguire ritmi, danze e canti popolari. - Scoprire le radici della tradizione locale carnevalesca. 2.4 Contenuti - Il Carnevale di Capua in testi di vario tipo. - Tecniche grafico-pittorico-plastiche varie per la realizzazione di elementi decorativi. - Drammatizzazioni, canti e danze di vario genere. 2.5 Metodologia Il percorso formativo degli alunni si dipanerà in vista di un duplice scopo: - effettuare un opera di ricognizione dei dati e di elaborazione dei vissuti personali al fine di cogliere lo stato emotivo-denotativo e quello cognitivo-connotativo del fare e del vivere un esperienza di apprendimento dalle multiformi sfaccettature; - educare il proprio essere alla duttilità intellettuale, paragonando le proprie scoperte con quelle degli altri e orientandosi ad una preziosa socializzazione dell esperienza. Sezione 3 - MODALITÀ DI ATTUAZIONE 3.1 Destinatari (alunni) Alunni delle classi IV - V, previa adesione scritta da parte dei genitori. Le attività saranno attivate a condizione che si ottenga l adesione di almeno15 alunni, in caso di adesioni superiori al numero minimo previsto si procederà all organizzazione di sottogruppi di dieci alunni o frazioni. 3.2 Risorse umane e professionali coinvolte - Docenti interni di scuola primaria - Collaboratori scolastici resisi disponibili per le attività progettuali - Eventuali collaborazioni gratuite di personale esperto esterno alla scuola. 3.3 Tempi di attuazione Gennaio e febbraio, con incontri settimanali di 2 ore ciascuno. 3.4 Beni e servizi Aule e spazi interni ai Plessi. 13

14 3.5 Materiali e strumenti Sussidi e materiale di facile consumo, come da scheda tecnico-finanziaria. 3.6 Modalità di verifica - Trasferibilità dell esperienza - Evento finale: Partecipazione al carnevale cittadino o saggio all interno dei Plessi. - Produzione multimediale - Relazione finale. 14

15 SCHEDA PROGETTO 5: BILINGUISMO Scuola Primaria - Plesso Martiri di Nassiriya Sezione 1 DESCRIZIONE (sbarrare con una X la voce che interessa): Macro-area di riferimento : - Ampliamento dell offerta formativa 1.2 Area di riferimento : o Gioco-Sport o Musica o Integrazione alunni stranieri o Carnevale o Bilinguismo o Teatro Denominazione progetto: Petites leçons de français Sezione 2- ARTICOLAZIONE 2.1 Analisi dei bisogni formativi: L insegnamento della lingua straniera, sia come prima lingua, sia in contesti di bilinguismo, ha il compito di contribuire allo... sviluppo della personalità... e... all acquisizione e allo sviluppo delle conoscenze e delle abilità di base fino alle prime situazioni logichecritiche.... L insegnamento della lingua francese, prevista dal POF d istituto, non solo qualifica l offerta formativa della scuola ma, attraverso un approccio ludico, permette agli alunni di accostarsi alle tradizioni ed agli usi di altri popoli. 2.2 Finalità - Favorire lo sviluppo di attitudini metalinguistiche e metacomunicative. - Creare opportunità di confronto tra la lingua madre e la lingua francese. - Promuovere negli alunni la consapevolezza di una comune cittadinanza europea. - Accettare le differenze e superare l etnocentrismo. 15

16 2.3 Obiettivi Specifici - Comunicare attraverso facili messaggi orali. - Comunicare attraverso facili messaggi scritti. - Giocare con la lingua. 2.4 Contenuti Funzioni comunicative: salutare, chiedere e dire il proprio nome, chiedere e dire l età, nominare le persone della propria famiglia, localizzare gli oggetti nello spazio, conoscere i numeri entro il venti, conoscere i giorni della settimana, i mesi dell anno, le stagioni, i colori, chiedere e dare informazioni sul tempo. 2.5 Metodologia - Valorizzazione del gioco come veicolo di apprendimento. - Utilizzo di tutti i linguaggi verbali e non verbali. - Attività laboratoriali. Sezione 3 - MODALITÀ DI ATTUAZIONE 3.1 Destinatari (alunni) Alunni delle classi II- III IV -V, previa adesione scritta da parte dei genitori Le attività saranno attivate a condizione che si ottenga l adesione di almeno15 alunni, in caso di adesioni superiori al numero minimo previsto si procederà all organizzazione di sottogruppi di dieci alunni o frazioni. 3.2 Risorse umane e professionali coinvolte - Docenti interni di scuola primaria. - Collaboratori scolastici resisi disponibili per le attività progettuali. - Genitori. 3.3 Tempi di attuazione Da gennaio a marzo con incontri periodici di 2 ore ciascuno. 3.4 Beni e servizi - Aule e spazi interni. - Laboratorio multimediale. 16

17 3.5 Materiali e strumenti - Per quel che concerne materiali e strumenti, vedasi schede tecnico-finanziarie allegate al progetto. 3.6 Modalità di verifica - Trasferibilità dell esperienza. - Evento finale: saggio e produzione di cartelloni. - Produzione multimediale. - Relazione finale. 17

18 SCHEDA PROGETTO 6: TEATRO Scuola Primaria - Plessi: Porta Napoli Martiri di Nassiriya S. Angelo in Formis. Sezione 1 DESCRIZIONE (sbarrare con una X la voce che interessa): Macro-area di riferimento : - Ampliamento dell offerta formativa 1.2 Area di riferimento: o Gioco-Sport o Musica o Integrazione alunni stranieri o Carnevale o Bilinguismo o Teatro Denominazione progetto: Teatro, che passione! Sezione 2- ARTICOLAZIONE 2.1 Analisi dei bisogni formativi: Il progetto relativo alle attività teatrali è ormai diventato una consuetudine per i nostri alunni che concludono il ciclo della scuola primaria. Grazie ad esso i ragazzi riescono a mostrare chiaramente e a volte in modo inaspettato i progressi compiuti nel corso del loro iter formativo e la loro rappresentazione diventa un occasione che non ha eguali per dar voce ed ascolto ai loro vissuti emotivi. Le attività di drammatizzazione, facilitando l incontro tra il mondo esterno e il mondo interno del bambino, gli permettono di dar vita a forme simboliche che trasformano le emozioni in pensieri, il dato espressivo in elemento cognitivo. Infine, dare una forma alle emozioni è un modo per esternarle e per creare un clima emotivo favorevole nell interazione fra compagni, con i docenti e con la realtà circostante 2.2 Finalità - Saper comunicare a livello dinamico-relazionale con i pari e con gli adulti. - Riacquistare identità, coscienza del proprio ruolo nel gruppo attraverso lo sviluppo dell io nel rapporto relazionale con la realtà. - Riacquistare la coscienza della propria dimensione emozionale per sviluppare la consapevolezza del valore della persona e della solidarietà. 18

19 - Acquistare fiducia nei confronti degli altri e della realtà. - Educare all autonomia, alle libere scelte individuali in uno spazio di sana convivenza democratica. - Superare problemi relazionali all interno del gruppo classe. - Rafforzare l autostima e la disinibizione. - Educare al rispetto dell altro e delle diversità. - Favorire lo sviluppo del senso di responsabilità. 2.3 Obiettivi Specifici - Favorire la conoscenza delle proprie possibilità espressive. - Migliorare la competenza linguistica nei suoi più variegati aspetti. - Acquisire le funzioni della comunicazione ed i suoi meccanismi, le convenzioni che la regolano, il valore dei registri in relazione alle diverse situazioni. - Potenziare le capacità espressive verbali e non verbali. - Migliorare la disponibilità all ascolto e la capacità di concentrazione. - Educare al rispetto delle regole e dei compiti assegnati. - Sviluppare adeguate capacità organizzative e progettuali. - Sviluppare le capacità riflessive, sintetiche ed inventive. - Riscoprire il carattere ludico del lavoro scolastico. - Avvicinare gli allievi al mondo dello spettacolo, non più come semplici fruitori, ma come parte attiva e cosciente. 2.4 Contenuti - Costruzione ed adattamento di copioni. - Interpretazione di personaggi. - Realizzazione di semplici elementi scenografici. - Creazione di facili coreografie. - Realizzazione di locandine ed inviti. 2.5 Metodologia - Uso del corpo in funzione espressiva. - Interpretazione e ricostruzione attiva dei testi e dei brani proposti. - Analisi del testo, problematizzazione e approfondimento delle caratteristiche e dei temi dello stesso. - Interazione di codici ai quali, separatamente, fanno riferimento le varie discipline curriculari. Sezione 3 - MODALITÀ DI ATTUAZIONE 3.1 Destinatari Alunni delle classi quinte, previa adesione scritta da parte dei genitori. 19

20 Le attività saranno attivate a condizione che si ottenga l adesione di almeno 15 alunni; in caso di adesioni superiori al numero minimo previsto, si procederà all organizzazione di sottogruppi di dieci alunni o frazioni 3.2 Risorse umane e professionali coinvolte - Docenti interni di scuola primaria - Collaboratori scolastici resisi disponibili per le attività progettuali - Eventuali collaborazioni di figure professionali interne al circolo con conclamate esperienze in campo teatrale. - Eventuale collaborazione di un tecnico audio esterno alla scuola. 3.3 Tempi di attuazione Da gennaio ad aprile con incontri periodici di 2 ore ciascuno. 3.4 Beni e servizi - Tecnico video ed audio per gestione impianto di amplificazione durante le rappresentazioni finali. - Spazi interni ed esterni alle scuole. - Laboratori multimediali. 3.5 Materiali e strumenti - Per quel che concerne materiali e strumenti, vedasi schede tecnico-finanziaria che si allegheranno ai progetti. 3.6 Modalità di verifica - Osservazione degli alunni durante le attività proposte per rilevare la loro partecipazione, il loro impegno, il grado di soddisfazione mostrato nell esecuzione dei lavori ed eventuali difficoltà riscontrate. - Relazione finale. - Evento finale: rappresentazione teatrale. 20

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA Offrire un ambiente educativo e di apprendimento accogliente che riesca a favorire: 1. la crescita dell individuo come persona attraverso i valori culturali e spirituali, cristiani e non; 2. la

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Premessa. Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Il percorso didattico realizzato è parte integrante di un progetto interculturale, Girotondo intorno al mondo, la cui tematica

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA PROGETTAZIONE ANNUALE UNITARIA TUTTI A BORDO per FARE giocando,

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli