Pietro Baldi Successioni e serie di funzioni. 1 Convergenza puntuale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pietro Baldi Successioni e serie di funzioni. 1 Convergenza puntuale"

Transcript

1 Pietro Bldi Successioni e serie di funzioni Testi di riferimento: W. Rudin, Principi di Anlisi Mtemtic, McGrw-Hill Libri Itli; N. Fusco, P. Mrcellini, C. Sbordone, Anlisi Mtemtic Due, Liguori Editore; G. De Mrco, Anlisi Due/1, Decibel Znichelli Editore. 1 Convergenz puntule Definizione 1.1. Si {f n }, n = 0, 1, 2, 3,..., un successione di funzioni definite su un insieme D R vlori reli, f n : D R. Supponimo che per ogni x D l successione numeric {f n x} = {f 0 x, f 1 x, f 2 x, f 3 x,...} converg, e indichimo fx il suo ite, cioè fx := f nx, x D. 1 Dicimo llor che l successione {f n } converge puntulmente f, e che f è l funzione ite, o il ite puntule dell successione. Usndo l definizione di ite, 1 si riscrive così: per ogni x D, per ogni ε > 0 esiste un intero nε, x dipendente d ε e d x tle che f n x fx < ε n nε, x. In modo simile, supponimo che per ogni x D l serie numeric n f nx converg, e indichimo sx l somm di tle serie, cioè sx := f n x, x D. n=1 Dicimo llor che l serie n f n converge puntulmente, e che l funzione s è l somm dell serie di funzioni. In ltre prole, n f n s puntulmente se l successione delle somme przili {s n }, definite come s n x := n f k x = f 0 x + f 1 x + f 2 x f n x, 1

2 converge puntulmente ll funzione ite s, cioè: per ogni x D, per ogni ε > 0 esiste un intero nε, x dipendente d ε e d x tle che s n x sx = n f k x sx < ε n nε, x. Qundo si h che fre con le serie si numeriche che serie di funzioni, si teng sempre mente che il simbolo, somm di infiniti termini, sottintende sempre il ite delle somme przili n. Anche se incluso nell definizione stess di convergenz puntule, forse non è inutile ribdire che per clcolre il ite puntule di un successione di funzioni {f n } si procede così: si consider x D fissto, e si studi l convergenz dell successione numeric {f n x}, in cui x è un numero fissto e st fermo, n invece si muove, è l indice dell successione, n = 1, 2,..., e si studi il ite di quest successione numeric per n. Vedimo un esempio concreto. Esempio 1.2. Si f n : R R, n = 0, 1, 2,..., l funzione crtteristic dell intervllo [n, n + 1, cioè { 1 se x [n, n + 1, f n x = 0 ltrimenti. Studimone l convergenz puntule. Considerimo x < 0 fissto. Essendo negtivo, x non st in nessuno degli intervlli [0, 1, [1, 2, [2, 3,..., e quindi f n x = 0 per ogni indice n 0. Dunque {f n x} è l successione {0, 0, 0,...}, il cui ite è 0. Questo vle per ogni x < 0, e di conseguenz fx := f nx = 0 x < 0. Or fissimo invece x 0. Esiste un unico intero N dipendente d x tle che il punto x pprteng ll intervllo [N, N + 1. Per esempio, se x = 5/2, llor N = 2 perché 5/2 [2, 3; se x = 0, N = 0 perché 0 [0, 1; se x = π, N = 3, perché π [3, 4. Insomm N è il mssimo tr gli interi x, N = mx{n Z : n x} e viene detto l prte inter di x. Dunque tr gli intervlli [0, 1, [1, 2, [2, 3,..., l unico che contiene il punto x è [N, N + 1, mentre x / [n, n + 1 se n N. Quindi f n x = 0 per ogni n N, mentre f N x = 1. L 2

3 successione {f n x} risult perciò ftt tutt di zeri eccetto nell N-sim posizione, dove compre un 1. Per esempio, se x = 9/2, llor N = 4, e {f n x} = {f 1 x, f 2 x, f 3 x,...} = {0, 0, 0, 1, 0, 0, 0, 0,...}. Quest successione h ite 0: per ogni ε > 0, come indice nε, x prendimo nε, x = N + 1, così f n x 0 = 0 < ε per ogni n N + 1. Questo rgionmento vle per ogni punto x 0, e quindi, in conclusione, fx = f nx = 0 x R. * * * Or che bbimo definito il concetto di convergenz puntule per successioni e serie di funzioni, ci ponimo queste domnde: se tutte le funzioni f n di un successione hnno un cert proprietà sono continue, o derivbili, o integrbili, e f n f puntulmente, llor nche l funzione ite h quell proprietà? Le operzioni di ite, di sommtori, di integrle, di derivt, in generle possono essere scmbite? In generle, l rispost è negtiv: può cpitre che un successione di funzioni continue f n converg puntulmente un funzione f che non è continu, e f nx x x 0 f n x x x 0 in qulche punto x 0 del dominio, come mostrto dll esercizio 1. Può cpitre che un serie puntulmente convergente di funzioni continue bbi somm non continu, e che f n x x x 0 f n x x x 0 in qulche x 0 del dominio, come mostrto dll esercizio 2. Può cpitre che un successione di funzioni derivbili {f n } converg puntulmente un funzione ite f che non è derivbile, come mostrto dll esercizio 3, o che f x = d dx f nx d dx f nx = f nx 3

4 in qulche punto x del dominio, come mostrto dll esercizio 18. Può cpitre che un successione {f n } di funzioni Riemnn-integrbili su un intervllo [, b] converg puntulmente d un funzione ite f che non è Riemnn-integrbile, o che f nx dx f n x dx, come mostrto dll esercizio 4. In conclusione: con l sol ipotesi di convergenz puntule, i segni di ite, di derivt, di serie, di integrle non si possono scmbire. Per poterlo fre serve un tipo di convergenz più forte, l convergenz uniforme. 2 Convergenz uniforme Definizione 2.1. Si D R. Dicimo che l successione di funzioni {f n }, f n : D R, converge uniformemente in D ll funzione f : D R se per ogni ε > 0 esiste un intero nε N dipendente solo d ε tle che f n x fx < ε x D, n nε. In modo simile, dicimo che l serie di funzioni f n converge uniformemente in D ll somm s se l successione {s n } delle somme przili converge uniformemente in D ll funzione s, cioè: per ogni ε > 0 esiste nε N dipendente solo d ε tle che s n x sx = n f k x sx < ε k=1 Confrontimo le due definizioni di convergenz: x D, n nε. Puntule: x D, ε > 0 nε, x N t.c. f n x fx < ε n nε, x. Uniforme: ε > 0 nε N t.c. f n x fx < ε n nε, x D. L differenz tr i due tipi di convergenz è quest: nell convergenz uniforme esiste un nε che v bene per tutti i punti x del dominio D, mentre in quell puntule nε, x v scelto second del punto x. L convergenz puntule chiede che soltnto punto per punto f n x fx, mentre quell uniforme chiede di più: chiede che f n si vvicini f dppertutto contempornemente. Grficmente l convergenz uniforme si può vedere in questo modo: fissto ε > 0, d un certo indice nε in poi, i grfici di 4

5 tutte le f n sono contenuti nel tubo di spessore 2ε che vvolge il grfico di f, cioè nell regione di pino compres tr il grfico dell funzione f ε e quello dell funzione f + ε. L convergenz uniforme è più forte dell convergenz puntule: se f n f uniformemente, llor f n f nche puntulmente. Inftti l intero nε dell definizione di convergenz uniforme soddisf le richieste dell definizione di convergenz puntule in ogni punto x. Per vere un esempio concreto dell differenz tr convergenz uniforme e puntule, tornimo ll esempio 1: f n f = 0 puntulmente m non uniformemente. Inftti, se l convergenz fosse uniforme, dto ε > 0, per esempio ε = 1/2, esisterebbe un certo indice n tle che f n x fx = f n x < 1 2 x R, n n. M quest disuguglinz non può mi vlere per tutti gli x R: fissto un qulsisi indice n, nei punti x che stnno nell intervllo [n, n+1 l funzione f n vle 1, e in questi punti l disuguglinz f n x < 1/2 è fls. Quindi l successione non converge uniformemente f su R. Il ftto che l convergenz si uniforme dipende dl dominio: se ci itimo considerre l successione sulle semirette, b], con b R, llor f n f uniformemente su, b] vedi esercizio 5. Definizione 2.2. Se f : D R, indichimo f := sup fx. x D f viene dett norm infinito, o norm del sup, o sup-norm di f. Spesso viene indict f, o, qundo si vuole specificre il dominio D su cui si st fcendo il sup, f,d o semplicemente f D. In generle, sup x D fx può essere è il cso, per esempio, dell funzione fx = x sul dominio D = R. Un funzione si dice itt su D se f D <. In tl cso fx f D x D rivedere l definizione di sup dl corso di Anlisi Uno. Per definizione di sup, si h f n x fx ε x D 5

6 se e solo se f n f D = sup f n x fx ε. x D Quindi l definizione di convergenz uniforme si può riscrivere così: f n f uniformemente in D se per ogni ε > 0 esiste un intero nε N tle che f n f D < ε per ogni n nε, cioè se f n f D = 0. 2 Quest definizione equivlente di convergenz uniforme è spesso più rpid d usre negli esercizi. Per esempio, è immedito mostrre che l successione dell esempio 1 non converge uniformemente f = 0 su R usndo le supnorme: f n f R = f n R = sup f n x = 1 n N, x R quindi f n = 1, e l 2 non è soddisftt. L norm del sup gode delle seguenti proprietà: se f, g : D R sono funzioni itte, e λ R, i f = 0 se e solo se f = 0; ii λf = λ f ; iii f + g f + g disuguglinz tringolre. Dimostrzione. i Si f = 0. Allor fx f = 0 per ogni x D, quindi fx = 0 per ogni x, cioè f = 0. Vicevers, si f = 0. Allor f = sup x D fx = sup x D 0 = 0. ii sup x D λ fx = λ sup x D fx per le proprietà del sup. iii Si x D. Per l disuguglinz tringolre in R, fx + gx fx + gx. Poi fx f e gx g. Dunque fx + gx fx + gx f + g. Allor fx+gx f + g per ogni x D, d cui sup x D fx+gx f + g. 6

7 3 Criterio di Cuchy Ricordimo corso di Anlisi Uno che per le successioni numeriche vle il criterio di convergenz di Cuchy: un successione di numeri reli { n } converge se e solo se è di Cuchy, cioè: per ogni ε > 0 esiste un intero nε dipendente d ε tle che n m < ε per ogni n, m nε. Per le successioni di funzioni vle lo stesso criterio con l convergenz uniforme: Teorem 3.1 Criterio di convergenz uniforme di Cuchy. Un successione di funzioni f n : D R converge uniformemente in D se e solo se è un successione uniformemente di Cuchy, cioè: per ogni ε > 0 esiste un intero nε N dipendente d ε tle che f n f m D < ε n, m nε. Dimostrzione. Supponimo che f n converg uniformemente, e dimostrimo che llor {f n } è di Cuchy. Si f il ite uniforme di f n che esiste per ipotesi. Fissimo ε > 0. Dll definizione di convergenz uniforme pplict per ε/2, esiste un intero nε, dipendente d ε, tle che f n f < ε 2 n nε. Allor, per ogni n, m nε, dll disuguglinz tringolre si h f n f m = f n f + f f m f n f + f f m < ε 2 + ε 2 = ε. In questo modo bbimo provto che {f n } è uniformemente di Cuchy. Supponimo che {f n } si un successione uniformemente di Cuchy, e provimo che llor f n converge uniformemente un certo ite f che dobbimo trovre. Innnzitutto, osservimo che per ogni x D l successione numeric {f n x} è di Cuchy: per ogni ε > 0, per ipotesi esiste nε tle che f n f m < ε per ogni n, m nε, e quindi f n x f m x f n f m < ε n, m nε. Quindi, per il criterio di convergenz di Cuchy per successioni di numeri reli, {f n x} è convergente; indichimo con fx il suo ite. Abbimo dunque mostrto che f n f puntulmente. Rest d provre che l convergenz è uniforme. 7

8 Fissimo ε > 0. Poiché l successione è uniformemente di Cuchy, esiste un intero nε, dipendente solo d ε, tle che cioè f n x f m x < ε n, m nε, x D, f n x ε < f m x < f n x + ε n, m nε, x D. Or pensimo x D, n nε fissti. L successione numeric {f m x : m = 0, 1,...} converge fx per m, e ogni termine dell successione {f m x} st nell intervllo [f n x ε, f n x + ε] intervllo che non dipende d m, e che quindi rest fermo se m. Quindi, pssndo l ite per m, f n x ε fx f n x + ε, cioè f n x fx ε. Questo vle per ogni x D e per ogni n nε, e così bbimo dimostrto l convergenz uniforme. 4 Il ite uniforme di funzioni continue è un funzione continu Teorem 4.1. Si f n : D R un successione di funzioni continue in D. Supponimo che {f n } converg uniformemente d un funzione ite f. Allor f è continu in D. Dimostrzione. Fissimo un punto x 0 D e ε > 0. Poiché f n f uniformemente, esiste nε tle che f n f < ε 3 n nε. Scrivimo, per brevità, n = nε. Dll disuguglinz tringolre, per ogni x D fx fx 0 fx f n x + f n x f n x 0 + f n x 0 fx 0, e sppimo che il primo e il terzo termine dell somm sono < ε/3. funzione f n è continu per ipotesi, quindi esiste δ > 0 tle che L f n x f n x 0 < ε 3 x D t.c. x x 0 < δ. Perciò sommndo i tre termini si h fx fx 0 < ε x D t.c. x x 0 < δ. 8

9 Abbimo mostrto che per ogni ε > 0 possimo trovre un δ > 0 per cui fx fx 0 < ε per tutti gli x D x 0 δ, x 0 + δ; in ltre prole, bbimo provto che f è continu in x 0, per qulsisi punto x 0 di D. Corollrio 4.2 Scmbio dei segni di ite. Se un successione di funzioni continue {f n } converge uniformemente, llor f n x = f nx, x x 0 x x 0 cioè i segni di ite possono essere scmbiti. Dimostrzione. Si fx := f n x l funzione ite. Per ogni n, x x0 f n x = f n x 0 perché f n è continu. Quindi f n x = f nx 0 = fx 0. x x 0 D ltr prte, x x 0 f nx = x x 0 fx = fx 0 perché, come provto nel teorem precedente, f è continu. Corollrio 4.3 Scmbio dei segni di ite e di sommtori. Se l serie fn converge uniformemente e le f n sono tutte funzioni continue, llor f n x = f n x, x x 0 x x 0 cioè i segni di ite e di sommtori possono essere scmbiti. Dimostrzione. Se f n converge uniformemente, l successione delle somme przili {s n } converge uniformemente ll funzione somm, che indichimo s. Per ogni n, s n è un funzione continu, essendo l somm delle funzioni continue f 0, f 1,..., f n. Perciò, dl corollrio precedente, Il termine sinistr è x x 0 s n x = x x 0 s nx. s n x = x x 0 = = x x 0 n f k x n f k x x x 0 f k x, x x 0 9

10 mentre quello destr è s nx = x x 0 x x 0 n = f k x, x x 0 e l tesi è provt. Abbimo usto il ftto che x x 0 n f k x f k x = f 0 x + f 1 x f n x x x 0 = f 0 x + f 1 x f n x x x 0 x x 0 x x 0 n = f k x, x x 0 vero perché si trtt di un somm di un numero finito di termini. 5 Convergenz totle e criterio di Weierstrss per le serie Definizione 5.1. L serie di funzioni f n, con f n : D R, si dice totlmente convergente in D se l serie numeric delle sup-norme converge, cioè se f n <. Teorem 5.2 Criterio di Weierstrss per le serie di funzioni. Si f n : D R un successione di funzioni. Supponimo che f n M n n 0, per certi M n 0, e supponimo che l serie numeric M n si convergente, cioè M n <. Allor l serie di funzioni f n converge uniformemente in D. 10

11 Dimostrzione. Per dimostrre l convergenz uniforme dell serie, dobbimo dimostrre che l successione {s n } delle somme przili converge uniformemente in D. Grzie l criterio di Cuchy, tle scopo ci bst provre che {s n } è un successione uniformemente di Cuchy; dimostrimolo. Fissimo ε > 0. Per ipotesi, l serie numeric M n converge, cioè l successione delle sue somme przili converge, e quindi è di Cuchy. Perciò esiste un intero nε tle che n M k m M k = m k=n+1 M k < ε n, m nε, m > n. Allor, usndo l disuguglinz tringolre il modulo di un somm è dell somm dei moduli, per ogni x D m k=n+1 f k x m k=n+1 f k x m k=n+1 f k m k=n+1 M k < ε. Il criterio di Weierstrss ci dice quindi che l convergenz totle implic l convergenz uniforme se l serie f n converge totlmente, si pplic il teorem precedente con M n = f n. Come mostr l esercizio 6, il vicevers del teorem 5.2 non è vero: un serie di funzioni f n può convergere uniformemente senz che necessrimente l serie numeric delle sup-norme f n si convergente. 6 Pssggio l ite sotto il segno di integrle Teorem 6.1 Pssggio l ite sotto il segno di integrle. Si f n : [, b] R un successione di funzioni Riemnn-integrbili sull intervllo chiuso e itto [, b]. Supponimo che f n converg uniformemente in [, b] ll funzione f. Allor nche f è Riemnn-integrbile in [, b], e f nx dx = fx dx = f n x dx. Dimostrzione. Si ε > 0. Per l definizione di convergenz uniforme pplict per ε/b, esiste un intero n tle che f n f ε/b per ogni n n. Dunque f n x ε b fx f nx + ε b x [, b], n n. 3 11

12 Considerimo un prtizione P dell intervllo [, b], cioè un insieme di un certo numero di punti P = {x 0, x 1,..., x N }, con = x 0 < x 1 < x 2 <... < x N = b. L prtizione suddivide [, b] negli N intervlli I 1 := [x 0, x 1 ], I 2 := [x 1, x 2 ],..., I N := [x N 1, x N ]. Su ciscun intervllo I k, k = 1,..., N, considerimo il sup delle funzioni f n e f: dll 3 si ottiene sup f n x ε x I k b sup fx x I k sup f n x x I k Pssndo ll inf su I k invece del sup, l 3 dà inf f n x ε x I k b inf fx inf f n x x I k x I k + ε b n n. 4 + ε, n n. 5 b Moltiplichimo ciscun termine dell 4 per l lunghezz dell intervllo I k, cioè per l k := x k x k 1 : sup f n x l k ε x I k b l k Sommndo tutti i termini si ottiene sup fx l k x I k sup f n x l k + ε x I k b l k n n. N sup f n x l k ε x I k b k=1 N k=1 l k N sup fx x I k k=1 k=1 l k N sup f n x l k + ε x I k b N l k, k=1 cioè perché Sf n, P ε Sf, P Sf n, P + ε n n, 6 N l k = x 1 x 0 + x 2 x 1 + x 3 x x N x N 1 k=1 = x N x 0 = b, 12

13 e per l definizione di somm integrle superiore reltiv ll prtizione P. Fcendo gli stessi pssggi sull 5 invece che sull 4 si ottiene l stess disuguglinz per le somme integrli inferiori, sf n, P ε sf, P sf n, P + ε n n. 7 Tutto questo vle per ogni prtizione di [, b]. Or, per ipotesi f n è Riemnnintegrbile per ogni n, cioè inf Sf n, P = sup sf n, P =: P P f n x dx l inf delle somme integrli superiori ftto su tutte le prtizioni di [, b] e il sup delle somme integrli inferiori ftto su tutte le prtizioni di [, b] coincidono, e il loro vlore si chim l integrle di f n su [, b]. Dunque pssndo ll inf su tutte le prtizioni nell 6 si ottiene f n x dx ε inf P Sf, P mentre pssndo l sup su tutte le prtizioni nell 7 si h f n x dx ε sup sf, P P f n x dx + ε n n, 8 f n x dx + ε n n. 9 I due numeri inf P Sf, P e sup P sf, P si trovno entrmbi nell intervllo centrto nel punto f nx dx e rggio ε, quindi l loro distnz è l più 2ε, inf Sf, P sup sf, P 2ε. P P Quest disuguglinz vle per ogni ε > 0, e quindi inf P Sf, P = sup sf, P. P Questo signific che f è Riemnn-integrbile su [, b], e, per definizione di integrle, fx dx := inf P Sf, P = sup sf, P. P Rest d provre che f n f qundo n. uguglinz, tornimo ll 8 e riscrivimol: All luce dell ultim f n x dx ε fx dx f n x dx + ε n n. 13

14 In ltre prole, fissto ε > 0, bbimo trovto un intero n tle che f n x dx fx dx ε n n, che è proprio il ite desiderto. Osservzione 6.2. Con l ipotesi ggiuntiv che f n si continu per ogni n, il teorem 6.1 può essere dimostrto in modo molto più semplice: f n f uniformemente, quindi f è continu per il teorem 4.1, e dunque è integrbile su [, b]; poi f n x dx e l ultimo termine 0 qundo n. b fx dx = f n x fx dx f n x fx dx f n f dx = b f n f Il teorem di pssggio l ite sotto il segno di integrle non può essere esteso lle funzioni integrbili in senso generlizzto: se un successione di funzioni {f n } integrbili in senso generlizzto converge uniformemente un funzione ite f, può ccdere che f non si integrbile in senso generlizzto, come mostrto dll esercizio 7, oppure che lo si, m fx dx fn x dx, come mostr l esercizio 8. D qunto finor provto segue il seguente risultto sullo scmbio dei segni di integrle e di sommtori. Corollrio 6.3 Integrzione di un serie termine termine. Si f n : [, b] R integrbile per ogni n, e supponimo che l serie f n converg uniformemente in [, b]. Allor l somm dell serie è un funzione integrbile, e f n x dx = cioè l serie può essere integrt termine termine. f n x dx, 14

15 Dimostrzione. Per ipotesi, l successione delle somme przili s n = n f k converge uniformemente ll funzione somm, che indichimo s. Per ogni n, s n è integrbile in qunto somm di un numero finito di funzioni integrbili. Per il teorem 6.1, s è integrbile in [, b] e sx dx = Per l proprietà di dditività dell integrle, s n x dx = n f k x dx = s n x dx. 10 n f k x dx si noti che qui l somm h un numero finito di termini, per cui 10 si riscrive: n sx dx = f k x dx. Questo signific che l serie numeric n f nx dx è un serie per cui l successione delle somme przili converge, cioè è un serie convergente, che converge ll somm sxdx. In ltre prole, 7 Derivzione sx dx = f n x dx. Come mostr l esercizio 3, l convergenz uniforme non bst grntire l derivbilità dell funzione ite, né l convergenz delle derivte: occorrono ipotesi più forti. Teorem 7.1 Pssggio l ite sotto il segno di derivt. Si f n : [, b] R di clsse C 1, cioè derivbile con f n continu, per ogni n. Supponimo che l successione delle derivte {f n} converg uniformemente in [, b], e che esist un punto x 0 [, b] per cui l successione numeric {f n x 0 } converge. Allor f n converge uniformemente in [, b] d un funzione f di clsse C 1, e f x = f nx x [, b] l derivt del ite è il ite delle derivte. 15

16 Dimostrzione. Indichimo con h l funzione ite dell successione {f n}, e c il ite dell successione numeric {f n x 0 }. Dl teorem fondmentle del clcolo integrle, f n x = f n x 0 + x x 0 f nt dt x [, b]. Per il teorem 6.1, x x f nt dt = x 0 ht dt, x 0 mentre f n x 0 c, quindi per ogni x [, b] esiste il ite f nx = f n x 0 + x f nt dt = c + x 0 Dunque f n converge puntulmente ll funzione ite fx := c + x x 0 ht dt. x x 0 ht dt. Mostrimo che l convergenz f n f è uniforme: per ogni x [, b], f n x fx = = f n x 0 + x f n x 0 c + x 0 f nt dt c x x 0 x x ht dt x 0 f nt ht dt f n x 0 c + f n t ht dt x 0 x f n x 0 c + f n h dt x 0 f n x 0 c + b f n h, per cui, prendendo il primo e l ultimo termine dell disuguglinz e pssndo l sup sugli x [, b], f n f f n x 0 c + b f n h. Il termine destr tende zero per n, quindi f n f 0, cioè f n f uniformemente. Infine, h è continu per il teorem 4.1, quindi f è derivbile, l su derivt è h e perciò f è di clsse C 1, e f = h = f n. 16

17 Il teorem 7.1 è flso se si toglie l ipotesi che esist un punto x 0 per cui f n x 0 converge esercizio 15. Come conseguenz del teorem, vle il seguente risultto per lo scmbio dei segni di derivzione e di sommtori. Corollrio 7.2 Derivzione di un serie termine termine. Si f n : [, b] R di clsse C 1 per ogni n. Supponimo che esist un punto x 0 [, b] per cui l serie numeric f n x 0 converge, e che l serie delle derivte f n converg uniformemente su [, b]. Allor l serie f n converge uniformemente in [, b], l somm dell serie è un funzione s di clsse C 1, e s x = f n x = f nx x [, b], l derivt dell serie è l serie delle derivte. Dimostrzione. Considerre l successione delle somme przili e pplicre il teorem Serie di potenze Definizione 8.1. Un serie di potenze centrt nel punto x 0 R è un serie di funzioni f nx in cui f 0 x = 0, f n x = n x x 0 n n 1, e gli n sono numeri reli, detti i coefficienti dell serie. Un serie di potenze centrt in un punto x 0 si può scrivere come serie di potenze centrt in zero ponendo y = x x 0 : n x x 0 n = n y n. Per questo motivo itimo il nostro studio lle serie di potenze centrte in zero. Scritt esplicitmente, un serie di potenze centrt in zero è l serie n x n = x + 2 x x Definizione 8.2. Dicimo insieme di convergenz dell serie di potenze n x n l insieme A dei punti in cui l serie converge, A := { x R : n x n 17 } è serie convergente.

18 Dicimo rggio di convergenz dell serie R := sup x. x A Notimo che in x = 0 ogni serie di potenze converge: tutti i termini di indice n 1 sono nulli, ogni somm przile s n x = x+...+ n x n si riduce l solo termine 0, perciò l serie converge d 0. Dunque A contiene sempre lmeno il punto x = 0, e quindi A non è un insieme vuoto. Questo rende sensto considerre il sup nell definizione del rggio di convergenz. Or mostrimo che A è un intervllo centrto in zero di rggio R eventulmente con R = 0 o R =. Teorem 8.3. Dt l serie di potenze nx n, si verific un delle tre lterntive seguenti: i R = 0 e A = {0}; ii 0 < R < e R, R A [ R, R], cioè A è uno di questi quttro intervlli: R, R, [ R, R, R, R], [ R, R]; iii R = e A = R. Dimostrzione. i Supponimo che R = 0. Abbimo già osservto che 0 A; se A contenesse nche qulche ltro punto x 0 0, vremmo R = sup x A x x 0 > 0, mentre invece R = 0. Quindi A = {0}. ii Supponimo che 0 < R <. Mostrimo che R, R A. Si x R, R. Allor x < R, e, per definizione di sup, esiste un punto x 0 A tle che x < x 0 se questo x 0 non esistesse, vremmo che ogni punto di A h modulo x, e llor srebbe R = x, mentre invece x < R. Siccome x 0 A, l serie n x n 0 è un serie numeric convergente, dunque l successione { n x n 0 } tende zero per n. Quindi è itt, cioè esiste un numero M > 0 tle che Allor n x n = n x n 0 M n 0. n x 0 n x n x 0 n x n M x 0 e l ultim serie converge perché è un serie geometric di rgione x / x 0, che è < 1. Questo mostr che nx n è un serie numeric ssolutmente convergente, e quindi convergente. Di conseguenz x st nell insieme dei 18

19 punti in cui l serie converge, cioè x A. Abbimo provto che ogni x R, R pprtiene d A, cioè R, R A. L ltr inclusione è immedit: se x 0 A, llor x 0 sup x A x = R, e quindi x 0 R, cioè x 0 [ R, R]. Questo prov che A [ R, R]. Ricpitolndo, tutti i punti x di modulo x < R stnno in A, tutti quelli di modulo x > R non pprtengono d A, e gli unici punti per i quli non sppimo dire se stnno dentro o fuori d A sono quelli di modulo = R, cioè i due punti R e R. Le quttro possibilità per ±R di pprtenere o meno d A determinno i quttro intervlli dell ii. iii Supponimo che R =. Mostrimo che A = R. Si x R. Per definizione di sup, esiste x 0 A tle che x < x 0 se così non fosse, ogni punto di A vrebbe modulo x, quindi R srebbe <, flso. Proseguendo come l punto ii, si prov che l serie converge in x. Quindi l serie converge in ogni x R. Il criterio del rpporto e quello dell rdice per serie numeriche forniscono un criterio utile per determinre il rggio di convergenz di un serie di potenze: Teorem 8.4. Supponimo che l successione numeric n+1 / n, oppure l successione numeric n n, bbi ite l, con 0 l. Allor l serie di potenze n x n h rggio di convergenz 0 se l =, R = 1/l se 0 < l <, se l = 0. Dimostrzione. Supponimo che n+1 / n l. Considerimo il ite dei rpporti per l serie n x n con x 0: n+1 x n+1 n+1 n x n = x = l x. n Applichimo il criterio del rpporto: se l x < 1 l serie converge, mentre se l x > 1 l serie non converge. Vedimo i tre csi per l. Se l =, llor l x = per ogni x 0, l serie non converge in nessun punto x 0, e quindi A = {0}, R = 0. Se 0 < l <, l serie converge nei punti x di modulo x < 1/l e non converge nei punti di modulo x > 1/l. Quindi 1/l, 1/l A [ 1/l, 1/l], A è un intervllo di estremi ±1/l, e llor, per qunto provto nel teorem precedente, 1/l = R. 19

20 Se l = 0, llor l x = 0 per ogni x 0, quindi l serie converge in ogni punto x R, A = R, e R =. Per il criterio dell rdice si procede esttmente llo stesso modo. Teorem 8.5. Si n x n un serie di potenze con rggio di convergenz R, con 0 < R. Allor l serie converge totlmente sull intervllo [ ρ, ρ], per ogni ρ < R. Dimostrzione. Si ρ < R. Per ogni n, n x n [ ρ,ρ] = sup n x n = n ρ n ; x [ ρ,ρ] dobbimo provre che l serie delle sup-norme n ρ n converge. Fissimo r tle che ρ < r < R. Siccome r R, R, l serie converge in x = r, quindi l successione { n r n } è infinitesim, e dunque itt, n r n M n. Di conseguenz, essendo ρ/r < 1, n ρ n = n r n ρn r n M ρ/r n <. Questo prov che l serie converge totlmente su [ ρ, ρ]. L convergenz totle implic l convergenz uniforme, quindi i teoremi di continuità dell funzione somm e di integrzione termine termine visti in precedenz si pplicno lle serie di potenze sugli intervlli [ ρ, ρ], per ogni ρ < R. Per l derivzione termine termine dobbimo proseguire l nostr nlisi. Definizione 8.6. Dt un serie di potenze n x n, si dice serie derivt l serie di potenze n=1 n n x n 1. L serie derivt è l serie che ottenimo se derivimo un serie termine termine senz studirne, per il momento, l convergenz: se l serie di prtenz è x + 2 x x , l su serie derivt è x x x Notimo che l serie derivt prte dll indice n = 1 il termine di indice n = 0 è nullo, perché è l derivt dell costnte 0 dell serie di prtenz. Ricordimo un ite, già visto in Anlisi 1, che ci srà utile nell dimostrzione del teorem che segue. Lemm 8.7. Si 0 < p < 1. Allor np n 0 per n. 20

21 Dimostrzione. np n = ne logpn = ne n log p n n = = e n log p Applicndo de l Hospitl, perché log1/p > 0. n = en log1/p e n log1/p. 1 e n log1/p log1/p = 0 Teorem 8.8. Un serie di potenze e l su serie derivt hnno lo stesso rggio di convergenz. Dimostrzione. Considerimo un serie di potenze nx n, e si R il suo rggio di convergenz, A il suo insieme di convergenz. Si R il rggio di convergenz dell serie derivt, n=1 n nx n 1, e A il suo insieme di convergenz. Dobbimo provre che R = R. 1 Cso 0 < R <. Provimo che R, R A. 0 A utomticmente. Si x R, R, x 0. Fissimo ρ tle che x < ρ < R. Dl lemm precedente, l successione n x/ρ n è infinitesim, e dunque itt, n x n M n 1. ρn Dl teorem 8.5, sppimo che n ρ n <. Quindi n=1 n n x n 1 = 1 x M x n x n ρ n n ρ n n ρ n <. n=1 n=1 Questo prov che l serie derivt converge in x, cioè x A. dimostrto che R, R A. Quindi Abbimo R = sup x sup x = R, x A x R,R R R. Or provimo che R non può essere > R. Supponimo inftti che si R > R. Fissimo ρ tle che R < ρ < R. Dl teorem 8.5 pplicto ll serie derivt, n n x n 1 [ ρ,ρ] = n=1 21 n n ρ n 1 <. n=1

22 Quindi n ρ n = 0 + n ρ n = 0 + ρ 0 + ρ n=1 n ρ n 1 n=1 n n ρ n 1 <. n=1 Perciò nρ n converge, e ρ A. M A [ R, R], quindi ρ R, ssurdo. Di conseguenz, R non può essere > R, e llor R = R. 2 Cso R = 0. Se R > R, ripercorrendo l second prte del punto 1 rrivimo ll stess contrddizione. Quindi R = R = 0. 3 Cso R =. L prim prte del punto 1 continu vlere, e prov che l serie derivt converge in ogni punto di R, quindi A = R, e R = = R. Corollrio 8.9. Si f l serie di potenze fx := n x n, e supponimo bbi rggio di convergenz R > 0. Allor f è derivbile in R, R, e l derivt dell serie è l serie derivt. Questo vle per le derivte di ogni ordine, quindi f è un funzione di clsse C in R, R. L derivt k-sim di f è l serie di funzioni f k x = n=k n! n k! n x n k. 11 I coefficienti k e le derivte dell f in zero sono legti dll relzione f k 0 = k! k k 0. Di conseguenz l serie f coincide con il suo sviluppo in serie di Tylor, fx = f n 0 n! x n x R, R. Dimostrzione. Il teorem precedente prov che si f si l su serie derivt sono convergenti su R, R. Applichimo il teorem 8.5 ll serie derivt: l serie derivt converge totlmente, e quindi uniformemente, su 22

23 ogni intervllo [ ρ, ρ], ρ < R. Allor, per il corollrio 7.2, l serie f è di clsse C 1 su [ ρ, ρ], e si può derivre termine termine, ottenendo f x = n n x n 1. n=1 Questo vle per ogni x [ ρ, ρ], per ogni ρ < R, dunque vle per ogni x R, R. Mostrimo, per induzione, che f è di clsse C k per ogni k, e che vle l formul 11. Per k = 1 l bbimo ppen dimostrto. Supponimolo vero per k, e provimo che llor è vero nche per k + 1. Lo stesso rgionmento usto qui sopr per f si pplic ll funzione f k che è l serie di potenze 11 per ipotesi induttiv. Quindi f k è di clsse C 1 e derivbile termine termine. Usndo l ipotesi induttiv e osservndo che il termine di indice n = k è un costnte, quindi h derivt null, f k+1 x = f k x = d n! dx n k! n x n k = = n=k n=k+1 n=k+1 n! n k! n n k x n k 1 n! n k + 1! n x n k+1, che è proprio l formul 11 per k + 1 invece che k. Dunque, per induzione, f C k per ogni k, cioè f C su R, R, e l formul 11 vle per ogni k 0, per ogni x R, R. L formul 11 per x = 0 dà f k 0 = k! k. Sostituendo n = f n 0/n! nell serie di prtenz si h l serie di Tylor. Abbimo provto che un serie di potenze è un funzione di clsse C che coincide con l su serie di Tylor su R, R. Se f è un funzione di clsse C, si può scrivere l su serie di Tylor, cioè l serie di potenze che h per coefficienti i vlori f n 0/n!. In generle, non si può dire se quest serie converge in qulche ltro punto oltre x = 0, e, nel cso in cui l serie converg in un certo punto x 0, non si può nemmeno dire se converge fx o d un ltro vlore: vedi l esercizio 26. Se però tutte le derivte di f soddisfno un stim di tipo esponenzile, 23

24 come l disuguglinz 12 che segue, llor l serie di Tylor converge, e converge ll f stess. Prim di enuncire e dimostrre il risultto, ricordimo un ite di Anlisi 1 che useremo nell dimostrzione. Lemm Si c > 0. Allor c n /n! 0 per n. Dimostrzione. L serie n=1 cn /n! è convergente per il criterio del rpporto, quindi l successione dei suoi termini è infinitesim. Teorem 8.11 Criterio di sviluppbilità in serie di Tylor. Si f : r, r R un funzione di clsse C sull intervllo r, r, r > 0. Supponimo che esistno due numeri positivi A, B > 0 tli che f n r,r AB n n Allor f è sviluppbile in serie di Tylor in r, r, cioè fx = f n 0 n! x n x r, r. Dimostrzione del teorem f è di clsse C, cioè è di clsse C n per ogni n. Vle llor l formul di Tylor con resto in form integrle: fx = n f k 0 k! x k + 1 n! t n f n+1 tx dt x n+1. Dunque l differenz tr fx e l somm przile n-esim dell serie di Tylor s n x := n f k 0/k! x k è fx s n x = t n f n+1 tx dt x n+1 n! 1 n! 1 n! = 1 n! t n f n+1 tx dt x n+1 f n+1 r,r dt r n+1 f n+1 r,r r n+1 1 n! ABn+1 r n+1 = ABr Brn n!, 24

25 e, per il lemm precedente, fx s nx = 0. Questo prov che l serie di potenze converge in ogni punto x r, r, e converge l numero fx, f k 0 k! x k = n f k 0 k! cioè f coincide con l su serie di Tylor su r, r. x k = s nx = fx, 25

26 9 Esercizi Alcuni di questi esercizi sono trtti di libri di testo citti ll inizio. Esercizio 1. Il ite puntule di un successione di funzioni continue può essere non continuo. Si f n : [ 1, 1] R, n 1, 1 per 1 x 1 n, f n x = nx per 1 n x 1 n, 1 per 1 n x 1. Disegnre il grfico di f 1, f 2, f 3, f 4. b Provre che l successione converge puntulmente in [ 1, 1], clcolndone il ite. Verificre che l funzione ite non è continu. Verificre che, per ogni ε > 0, ogni intero nε, x che soddisf l definizione di convergenz puntule dipende non solo d ε, m nche dl punto x [ 1, 1]. c Provre che l successione non converge uniformemente in [ 1, 1]. Verificre che non è possibile trovre un intero nε come richiesto dll definizione di convergenz uniforme che vd bene per tutti i punti x [ 1, 1]. d Trovre tutti gli intervlli [, b] [ 1, 1] in cui l convergenz è uniforme. Esercizio 2. L somm di un serie puntulmente convergente di funzioni continue può essere non continu. Si f n : R R, f n x = x x 2, n = 0, 1, 2,... n Provre che l serie converge puntulmente, clcolndone l somm sx. b Verificre che s non è continu, e che in prticolre f k x x 0 x 0 f k x. Esercizio 3. Il ite uniforme di un successione di funzioni derivbili può essere non derivbile. Si f n : R R, 1 f n x = n + x2, n = 1, 2,... Provre che l successione converge uniformemente, e clcolrne il ite. b Provre che l successione delle derivte {f n} converge puntulmente, e clcolrne il ite. c Provre che {f n} non converge uniformemente. d Trovre tutti gli intervlli [, su cui {f n} converge uniformemente. 26

27 Esercizio 4. Integrle e ite non si scmbino. Si f n : [0, 1] R, f n x = nx1 x 2 n, n = 1, 2,... Provre che l successione converge puntulmente f = 0. b Clcolre l sup-norm f n = sup x [0,1] f n x. Dimostrre che {f n } non converge uniformemente su [0, 1], provndo che f n =. c Si 0, 1. Clcolre l sup-norm f n [,1] = sup x [,1] f n x. Provre che f n 0 uniformemente su [, 1]. d Clcolre verificndo che f n x dx f n x dx, 1 0 f nx dx. L esercizio che segue è stto przilmente svolto nell Esempio 1. Esercizio 5. Si f n : R R, n = 0, 1,..., l funzione crtteristic dell intervllo [n, n + 1], cioè { 1 se x [n, n + 1], f n x = 0 se x / [n, n + 1]. Disegnre il grfico di f 1, f 2, f 3, f 4, f 5. b Provre che l successione converge puntulmente f = 0. c Provre che l successione non converge uniformemente su R. d Provre che l successione converge uniformemente sull semirett, b], per ogni b R. e Considerimo l successione delle somme przili s n = n k=1 f k. Disegnre il grfico di s 1, s 2, s 3, s 4, s 5. f Provre che l serie f n converge puntulmente. Clcolre l funzione somm s. g Provre che l serie f n converge uniformemente sull semirett, b], per ogni b R. h Provre che l serie f n non converge uniformemente su R. L esercizio seguente mostr che nel criterio di Weierstrss di convergenz uniforme per serie di funzioni l impliczione è solo in un direzione non è un se e solo se. 27

28 Esercizio 6. Convergenz uniforme senz convergenz totle. Si f n : [1, + R, n = 1, 2,..., { 1/n se x [n, n + 1 f n x = 0 ltrimenti. Disegnre il grfico di f 1, f 2, f 3, f 4, f 5. b Provre che l successione converge uniformemente f = 0. c Si s n = n k=1 f k. Disegnre il grfico di s 1, s 2, s 3, s 4, s 5. f Provre che l serie f n converge uniformemente su R. Scrivere l funzione somm. g Provre che l serie f n non converge totlmente. I due esercizi che seguono mostrno che il teorem di pssggio l ite sotto il segno di integrle non può essere esteso lle funzioni integrbili in senso generlizzto: se un successione di funzioni {f n } integrbili in senso generlizzto converge uniformemente un funzione ite f, può ccdere che f non si integrbile in senso generlizzto esercizio 7, oppure che lo si, m fx dx fn x dx esercizio 8. Esercizio 7. Si f n : [1, + R, n = 1, 2,..., { 1 f n x = x per x [1, n], 0 per x > n. Disegnre il grfico di f 1, f 2, f 3, f 4. b Verificre che f n è Riemnn-integrbile in senso generlizzto su [1,, e clcolre 1 f n x dx := b 1 f n x dx. c Provre che l successione converge uniformemente in R, e clcolre l funzione ite f. d Provre che f non è Riemnn-integrbile in senso generlizzto su [1,, verificndo che b 1 fx dx = b log b =. Esercizio 8. Si f n : R R, n = 1, 2,..., { 1 f n x = n se x [n, 2n], 0 ltrimenti. 28

29 Disegnre il grfico di f 1, f 2, f 3, f 4. b Provre che f n 0 uniformemente in R. c Verificre che f n è Riemnn-integrbile in senso generlizzto su [0,, con per cui 0 f n x dx := b 0 f n x dx 0 f n x dx = 1 n 1, Esercizio 9. Si f n : R R, n = 0, 1,..., f n x = x 2 e n2 x 2. 0 f nx dx. Provre che l successione converge uniformemente su R. b Provre che l serie f n converge totlmente. Esercizio 10. Si f n : [0, R, n = 1, 2,..., f n x = n n + x. Provre che l successione converge puntulmente su [0,, e clcolre l funzione ite f. b Clcolre f n f, e provre che f n non converge uniformemente f su [0,. c Si b > 0. Clcolre f n f [0,b], e provre che f n f uniformemente su [0, b]. Esercizio 11. Si f n : [0, 1] R, n = 1, 2,..., f n x = nx 1 + nx 2. Provre che l successione converge puntulmente su [0,, e clcolre l funzione ite f. b Clcolre f n f, e provre che f n non converge uniformemente f su [0, 1]. c Si > 0. Clcolre f n f [,1], e provre che f n f uniformemente su [, 1]. d Per x [0, 1], clcolre F n x := x 0 f n t dt. Mostrre che F n 0 uniformemente su [0, 1]. 29

30 Esercizio 12. Si f n : R R, n = 1, 2,..., f n x = sinnx n α, α 0. Per quli vlori di α 0 l successione converge uniformemente su R? b Per quli vlori di α 0 l serie f n converge totlmente su R? Esercizio 13. Si f n : R R, n = 1, 2,..., f n x = 1n n + x 2. Provre che f n 0 uniformemente su R. b Provre che l serie f n non converge totlmente su R. c Provre che l serie f n converge uniformemente su R. Esercizio 14. Si f n : R R, f n x = x n /n!, n = 0, 1,.... Mostrre che l serie f n converge uniformemente in [ R, R], per ogni R > 0. b Verificre che per ogni R > 0 R integrndo l serie termine termine. 0 e x dx = e R 1, L esercizio che segue mostr che nel teorem di pssggio l ite sotto il segno di derivt l ipotesi di convergenz in un punto non può essere rimoss. Esercizio 15. Costruire un successione di funzioni f n : R R derivbili tle che l successione delle derivte {f n} si uniformemente convergente su R, m l successione stess non converg. Esercizio 16. Si consideri l serie di funzioni n= n 2 x, x 0. Per quli vlori di x l serie converge totlmente? b In quli intervlli l serie f n converge uniformemente? c In quli intervlli l convergenz non è uniforme? d Qulor l serie converg, l funzione somm è continu? e L funzione somm è itt? 30

31 Esercizio 17. Considerimo l serie di funzioni 1 n x2 + n n 2. n=1 Provre che l serie converge uniformemente in ogni intervllo itto. b Provre che l serie non converge totlmente per nessun vlore di x. Esercizio 18. Si f n x = x, x R, n = 1, 2, nx2 Dimostrre che l successione converge uniformemente, e clcolrne l funzione ite f. b Provre che l uguglinz f x = f nx è corrett per x 0, m errt se x = 0. Esercizio 19. Si f n : [0, 1] R, n = 1, 2,..., f n x = n 2 x n 1 x. Provre che l successione {f n } converge puntulmente, clcolndone l funzione ite f. b Dimostrre che l convergenz non è uniforme su [0, 1], clcolndo il ite f n f. c Provre che f n f uniformemente su [0, b], per ogni b 0, 1. d Clcolre il ite 1 0 f n x dx, verificndo che è un vlore diverso d 1 0 fx dx. Esercizio 20. Si f : [0, R di clsse C 1, e ϕ n : [0, R, n = 1, 2,..., ϕ n x := x 0 ft cosnt dt. Provre che ϕ n 0 uniformemente sull intervllo [0, b], per ogni b > 0. [Suggerimento: integrre per prti.] 31

32 Esercizio 21. Si f n : [0, 2] R, n = 1, 2,..., f n x = 1 + x n 1/n. Clcolre il ite puntule fx = f n x per ogni x [0, 2]. b Provre che f n f uniformemente su [0, 2]. Esercizio 22. Si b > 0, f n : [0, b] R, n = 1, 2,..., f n x = n log 1 + x. n Clcolre il ite puntule f dell successione. b Provre che f n f uniformemente su [0, b]. Si può frlo nche studindo l serie delle derivte f n e usndo il teorem di pssggio l ite sotto il segno di derivt. Esercizio 23. Si f n :, b R un successione che converge uniformemente ll funzione continu f sull intervllo, b R. Si {x n } un successione di punti di, b che converge d un punto x 0, b. Provre che f nx n = fx 0. Esercizio 24. Si f n : R R, n = 1, 2,..., 0 se x = 0, f n x = n n 2 x se 0 < x < 1 n, 0 se x 1 n. Disegnre il grfico di f 1, f 2, f 3, f 4. b Clcolre il ite puntule fx = f n x, per ogni x R. c Stbilire per quli vlori, b R, con < b, l successione converge uniformemente sull intervllo [, b]. d Clcolre 1 1 f n x dx. Stbilire se l successione numeric { 1 1 f n} h ite, e, in cso ffermtivo, dire se è vero che 1 1 f n x dx = fx dx. 1 1 e Provre che l serie f n converge puntulmente in R. 32

33 f Stbilire per quli vlori, b R, con < b, l serie converge totlmente sull intervllo [, b]. g Provre che sugli intervlli [, b] in cui l serie non converge totlmente, l serie non converge nemmeno uniformemente. h Provre che l funzione somm non è itt. Esercizio 25. Si 0 = 1, 1 = 2 = 3, 3 = 4 = 3 2, 5 = 6 = 3 3, 7 = 8 = 3 4, 9 = 10 = 3 5,... Clcolre il rggio di convergenz e l insieme di convergenz dell serie di potenze n x n. L esercizio seguente è l esempio clssico di un funzione di clsse C che non coincide con il suo sviluppo di Tylor: fx f n 0/n! x n per ogni x 0. Esercizio 26. Si f : R R, fx = { e 1/x2 se x 0, 0 se x = 0. Provre che f è di clsse C, mostrndo per induzione che l derivt n-esim è dell form f n x = p nx x αn e 1/x2 x 0, f n 0 = 0, per un certo polinomio p n x e un certo esponente α n, ed è continu. 33

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Integrali dipendenti da un parametro e derivazione sotto il segno di integrale.

Integrali dipendenti da un parametro e derivazione sotto il segno di integrale. 1 Integrli dipendenti d un prmetro e derivzione sotto il segno di integrle. Considerimo l funzione f(x, t) : A [, b] R definit nel rettngolo A [, b], essendo A un sottoinsieme perto di R e [, b] un intervllo

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b Integrle Improprio In queste lezioni riprendimo l teori dell integrzione in un vribile, l ide è di estendere l integrle definito nche in csi in cui l funzione integrnd o l intervllo di integrzione non

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

1 Integrale delle funzioni a scala

1 Integrale delle funzioni a scala INTEGRALE DELLE FUNZIONI DI UNA VARIABILE Teori di Riemnn 1 Integrle delle funzioni scl (1.1) Definizione Si dice suddivisione di un intervllo chiuso e limitto [, b] un sottoinsieme {,..., n } di [, b]

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A.

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A. 88 Roberto Turso - Anlisi 2 Osservimo che per trovre le costnti A e B possimo nche rgionre così: se moltiplichimo l equzione + ( + 2)( + 3) = A + 2 + B + 3 per + 2, dopo ver semplificto, ottenimo + + 3

Dettagli

Capitolo 5. Integrali. 5.1 Integrali di funzioni a gradinata

Capitolo 5. Integrali. 5.1 Integrali di funzioni a gradinata Cpitolo 5 Integrli 5.1 Integrli di funzioni grdint Un concetto molto semplice m di fondmentle importnz per l trttzione dell integrle di Riemnn è quello di divisione di un intervllo [, b]. In sostnz si

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

CORSO ZERO DI MATEMATICA

CORSO ZERO DI MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÀ DI ARCHITETTURA CORSO ZERO DI MATEMATICA ESPONENZIALI E LOGARITMI Dr. Ersmo Modic ersmo@glois.it www.glois.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero

Dettagli

POTENZA CON ESPONENTE REALE

POTENZA CON ESPONENTE REALE PRECORSO DI MATEMATICA VIII Lezione ESPONENZIALI E LOGARITMI E. Modic mtemtic@blogscuol.it www.mtemtic.blogscuol.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero rele > 0 ed un numero rele qulunque,

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Civile ed Ambientale Prima prova scritta di Analisi Matematica 1 del 10/01/2011 A

Corso di Laurea in Ingegneria Civile ed Ambientale Prima prova scritta di Analisi Matematica 1 del 10/01/2011 A Prim prov scritt di Anlisi Mtemtic 1 del 10/01/2011 A (1) Fornire l definizione di funzione integrbile secondo Riemnn e di integrle di Riemnn. (2) Enuncire e dimostrre il Teorem di Rolle. (3) Dimostrre

Dettagli

7. Derivate Definizione 1

7. Derivate Definizione 1 7. Derivte Il concetto di derivt è importntissimo e molto nturle. Per vere un esempio concreto, penste l moto di un mcchin: se f(t) è l funzione che esprime qunt strd vete percorso fino d un certo istnte

Dettagli

Matematica I, Funzione integrale

Matematica I, Funzione integrale Mtemtic I, 24.0.2. Funzione integrle Definizione Sino f : A R, funzione continu su A intervllo, e c in A. L funzione che ssoci d ogni in A l integrle di f sull intervllo [c, ], viene dett funzione integrle

Dettagli

Serie di Potenze. Introduciamo il concetto di convergenza puntuale ed uniforme per successioni. { 0 se 1 < x < 1

Serie di Potenze. Introduciamo il concetto di convergenza puntuale ed uniforme per successioni. { 0 se 1 < x < 1 Serie di Potenze Introducimo il concetto di convergenz puntule ed uniforme per successioni di funzioni. Definizione 1 Si I un intervllo di R. Si dt l vrire di n N l funzione f n : I R. Dicimo che l successione

Dettagli

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo:

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo: Sistemi lineri Un equzione linere nelle n incognite x 1, x 2, x,, x n è un equzione nell qule le incognite ppiono solo con esponente 1, ossi del tipo: 1 x 1 + 2 x 2 + x +!+ n x n = b con 1, 2,,, n numeri

Dettagli

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI

FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI FUNZIONI CONTINUE A TRATTI E LORO INTEGRALI Considerimo un funzione f : I R, dove I è un intervllo di R. Si c un punto interno I in cui f è discontinu. Diremo che c è un punto di discontinuità di prim

Dettagli

Laurea triennale in Scienze della Natura a.a. 2009/2010. Regole di Calcolo

Laurea triennale in Scienze della Natura a.a. 2009/2010. Regole di Calcolo Lure triennle in Scienze dell Ntur.. 2009/200 Regole di Clcolo In queste note esminimo lcune conseguenze degli ssiomi reltivi lle operzioni e ll ordinmento nell insieme R dei numeri reli. L obiettivo principle

Dettagli

DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA. Indice

DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA. Indice DISPENSE DI ANALISI MATEMATICA ANNAMARIA MONTANARI Indice. Integrle di Riemnn.. Proprietà elementri dell integrle di Riemnn 5.2. Teorem fondmentle del clcolo integrle. Primitive 6.3. Integrle generlizzto

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Integrali impropri cap10.pdf 1

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Integrali impropri cap10.pdf 1 INTEGRALI IMPROPRI c Pol Gervsio - Anlisi Mtemtic - A.A. 6/7 Integrli impropri cp.pdf Abbimo visto che l integrle di Riemnn è definito per funzioni limitte e su intervlli limitti. Si or I R un intervllo

Dettagli

1 Il problema del calcolo dell area di una regione piana limitata

1 Il problema del calcolo dell area di una regione piana limitata Anlisi Mtemtic 2 1 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 1 INTEGRALI DI FUNZIONI DI UNA VARIABILE REALE 1 Il problem del clcolo dell re di un regione pin limitt Se si consider un

Dettagli

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY DANIELE ANDREUCCI DIP. METODI E MODELLI, UNIVERSITÀ LA SAPIENZA VIA A.SCARPA 16, 00161 ROMA, ITALY ndreucci@dmmm.unirom1.it 1. Notzione fondmentle e prime definizioni

Dettagli

Esercizio 1. Dimostrare che se (X, d) è uno spazio metrico anche (X, d ) lo è, dove d =

Esercizio 1. Dimostrare che se (X, d) è uno spazio metrico anche (X, d ) lo è, dove d = I seguenti esercizi sono stti proposti, e qusi tutti risolti, ttrverso l miling list del corso di Geometri IV durnte l nno ccdemico 2004/2005. Esercizio 1. Dimostrre che se (X, d) è uno spzio metrico nche

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Calcolo integrale

Corso di Analisi Matematica. Calcolo integrale .. 2011/12 Lure triennle in Informtic Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle Avvertenz Questi sono ppunti informli delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli studenti. Prte del mterile

Dettagli

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali

SPAZI VETTORIALI. 1. Spazi e sottospazi vettoriali SPAZI VETTORIALI 1. Spzi e sottospzi vettorili Definizione: Dto un insieme V non vuoto e un corpo K di sostegno si dice che V è un K-spzio vettorile o uno spzio vettorile su K se sono definite un operzione

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 17/18 Integrali impropri cap10.pdf 1

INTEGRALI IMPROPRI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 17/18 Integrali impropri cap10.pdf 1 INTEGRALI IMPROPRI c Pol Gervsio - Anlisi Mtemtic - A.A. 7/8 Integrli impropri cp.pdf Abbimo visto che l integrle di Riemnn è definito per funzioni limitte e su intervlli limitti. Si or I R un intervllo

Dettagli

Esercizi svolti Limiti. Prof. Chirizzi Marco.

Esercizi svolti Limiti. Prof. Chirizzi Marco. Cpitolo II Limiti delle funzioni di un vribile Esercizi svolti Limiti Prof. Chirizzi rco www.elettrone.ltervist.org 1) Verificre che risult: = Dobbimo provre che per ogni ε positivo, rbitrrimente piccolo,

Dettagli

Successioni di Funzioni e Serie di Potenze

Successioni di Funzioni e Serie di Potenze Successioni di Funzioni e Serie di Potenze 1 Successioni di Funzioni e Serie di Potenze 1 Successioni di Funzioni Nel corso di nlisi di bse si sono studite le successioni numeriche. Qui considerimo un

Dettagli

Micol Amr ANALISI MATEMATICA I - 999/2000 Dim. Considerimo il cso in cui l successione si crescente; l dimostrzione procede in modo del tutto nlogo, q

Micol Amr ANALISI MATEMATICA I - 999/2000 Dim. Considerimo il cso in cui l successione si crescente; l dimostrzione procede in modo del tutto nlogo, q TEOREMI DIMOSTRATI NEL CORSO. Successioni e serie numeriche. Teorem. (Unicit del ite) Si ( n ) n2in un successione di numeri reli convergente. Allor il suo ite e unico. Dim. Assumimo per ssurdo che n =

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1

Appunti di Analisi Matematica 1 Appunti di Anlisi Mtemtic 1 MASTER IN ECONOMIA DIGITALE & e-business Centro per lo studio dei sistemi complessi Università di Sien Mrzo 2005 Prof. Polo Nistri Un funzione (o ppliczione) tr due insiemi

Dettagli

2. Teoremi per eseguire operazioni con i limiti in forma determinata

2. Teoremi per eseguire operazioni con i limiti in forma determinata . Teoremi per eseguire operzioni con i iti in form determint Vedimo dunque i teoremi che consentono il clcolo dei iti, ttrverso i quli si riconducono le situzioni rticolte semplici operzioni lgebriche

Dettagli

1 Integrali generalizzati su intervalli illimitati

1 Integrali generalizzati su intervalli illimitati Lezioni per il corso di Anlisi 2, AA 07-08. Dott.ss Sndr Lucente Argomento: Integrli generlizzti 1 1 Integrli generlizzti su intervlli ilitti Definizione 1.1. Si f : [,[ R un funzione continu. Se esiste

Dettagli

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrli Il concetto di integrle nsce per risolvere due clssi di problemi: clcolo delle ree di figure delimitte d curve, clcolo di volumi, clcolo del lvoro di un forz, clcolo dello spzio percorso,... integrle

Dettagli

1 Definizione di integrale di Riemann 1. 2 Condizioni di esistenza dell integrale di Riemann 3. 3 Proprietà dell integrale di Riemann 4

1 Definizione di integrale di Riemann 1. 2 Condizioni di esistenza dell integrale di Riemann 3. 3 Proprietà dell integrale di Riemann 4 DEFINIZIONE DI INTEGRALE DI RIEMANN Integrle di Riemnn Indice Definizione di integrle di Riemnn Condizioni di esistenz dell integrle di Riemnn 3 3 Proprietà dell integrle di Riemnn 4 4 Clcolo dell integrle

Dettagli

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrli Il concetto di integrle nsce per risolvere due clssi di problemi: clcolo delle ree di figure delimitte d curve, clcolo di volumi, clcolo del lvoro di un forz, clcolo dello spzio percorso,... integrle

Dettagli

Equazioni 1 grado. Definizioni Classificazione Risoluzione Esercizi

Equazioni 1 grado. Definizioni Classificazione Risoluzione Esercizi Equzioni grdo Definizioni Clssificzione Risoluzione Esercizi Mteri: Mtemtic Autore: Mrio De Leo Definizioni Prendimo in esme le due espressioni numeriche 8 entrmbe sono uguli 7, e l scrittur si chim uguglinz

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

1 Equazioni e disequazioni di secondo grado

1 Equazioni e disequazioni di secondo grado UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA - Fcoltà di Frmci e Medicin - Corso di Lure in CTF 1 Equzioni e disequzioni di secondo grdo Sino 0, b e c tre numeri reli noti, risolvere un equzione di secondo

Dettagli

Campi. Una funzione F di n variabili reali e a valori in R n è detta campo di vettori. Nel seguito considereremo F : A R n con A aperto di R n.

Campi. Una funzione F di n variabili reali e a valori in R n è detta campo di vettori. Nel seguito considereremo F : A R n con A aperto di R n. Cmpi Ultimo ggiornmento: 18 febbrio 217 Un funzione F di n vribili reli e vlori in R n è dett cmpo di vettori. Nel seguito considereremo F : A R n con A perto di R n. 1. Integrli curvilinei di second specie

Dettagli

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo

Integrali. all integrale definito all integrale indefinito. Integrali: riepilogo Integrli ll integrle deinito ll integrle indeinito Indice dell lezione Integrle Deinito Rettngoloide Integrle deinito come re del rettngoloide Esempi e propriet Primitiv Teorem ondmentle del clcolo integrle

Dettagli

1 Espressioni polinomiali

1 Espressioni polinomiali 1 Espressioni polinomili Un monomio è un espressione letterle in un vribile x che contiene un potenz inter (non negtiv, cioè mggiori o uguli zero) di x moltiplict per un numero rele: x n AD ESEMPIO: sono

Dettagli

Successioni di funzioni

Successioni di funzioni Successioni di funzioni 3.1 Introduzione Considerimo l successione (x n ) n0,icuiterminisono 1, x,x 2,x 3,..., x n,... Si trtt dell progressione geometric di termine inizile 1 e rgione x, che bbimo già

Dettagli

Il problema delle aree. Metodo di esaustione.

Il problema delle aree. Metodo di esaustione. INTEGRALE DEFINITO. DEFINIZIONE E SIGNIFICATO GEOMETRICO. PROPRIETA DELL INTEGRALE DEFINITO. FUNZIONE INTEGRALE. TEOREMA DELLA MEDIA. TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO INTEGRALE. FORMULA DI LEIBNITZ NEWTON.

Dettagli

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti Anno 5 Appliczione del clcolo degli integrli definiti 1 Introduzione In quest lezione vedremo come pplicre il clcolo dell integrle definito per determinre le ree di prticolri figure pine, i volumi dei

Dettagli

Scheda Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI. 0,+. Inoltre valgono le

Scheda Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI. 0,+. Inoltre valgono le Sched Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI L funzione esponenzile Assegnto un numero rele >0, si dice funzione esponenzile in bse l funzione Grfici dell funzione esponenzile Se = l funzione esponenzile è costnte:

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione LEZIONE 20 20.1. Prodotti sclri. Definizione 20.1.1. Si V uno spzio vettorile su R. Un prodotto sclre su V è un ppliczione tle che:, : V V R (v 1, v 2 ) v 1, v 2 (PS1) per ogni v 1, v 2 V si h v 1, v 2

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI RICHIAMI DI TEORIA dom f Im f grfico Funzioni esponenzili y=^ con > Funzioni esponenzili y=^ con

Dettagli

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così:

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così: Considerimo il seguente problem: si vuole trovre il numero rele tle che: = () L esponente () cui elevre l bse () per ottenere il numero è detto ritmo (ritmo in bse di ), indicto così: In prticolre in questo

Dettagli

Modulo o "valore assoluto" Proprietà del Valore Assoluto. Intervalli

Modulo o valore assoluto Proprietà del Valore Assoluto. Intervalli Modulo o "vlore ssoluto" Dto x definimo modulo o vlore ssoluto di x il numero rele positivo x se x 0 x = x se x < 0 Es. 5 è 5. 2.34 è 2.34 Dl punto di vist geometrico x rppresent l distnz di x d 0. x x

Dettagli

1. Elementi di analisi funzionale Esercizi

1. Elementi di analisi funzionale Esercizi . Elementi di nlisi funzionle Esercizi http://www.cirm.unibo.it/~brozzi/mi/pdf/mi-cp.-ese.pdf.. Spzi vettorili.. Spzi vettorili normti.-. Dimostrre l diseguglinz tringolre in C n reltivmente ll norm (

Dettagli

SUGLI INSIEMI. 1.Insiemi e operazioni su di essi

SUGLI INSIEMI. 1.Insiemi e operazioni su di essi SUGLI INSIEMI 1.Insiemi e operzioni su di essi Il concetto di insieme è primitivo ed è sinonimo di clsse, totlità. Si A un insieme di elementi qulunque. Per indicre che è un elemento di A scriveremo A.

Dettagli

Formulario di Analisi Matematica 1

Formulario di Analisi Matematica 1 Formulrio di Anlisi Mtemtic Indice degli rgomenti Punti interni, isolti, di ccumulzione e di frontier Alcune costnti Proprietà delle potenze Proprietà degli esponenzili Proprietà dei logritmi Proprietà

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

B8. Equazioni di secondo grado

B8. Equazioni di secondo grado B8. Equzioni di secondo grdo B8.1 Legge di nnullmento del prodotto Spendo che b0 si può dedurre che 0 oppure b0. Quest è l legge di nnullmento del prodotto. Pertnto spendo che (-1) (+)0 llor dovrà vlere

Dettagli

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001 Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone Mturità scientific, corso di ordinmento, sessione ordinri 000-001 PROBLEMA 1 Si consideri l seguente relzione tr le vribili reli x, y: 1 1 1 +

Dettagli

8. Prodotto scalare, Spazi Euclidei.

8. Prodotto scalare, Spazi Euclidei. 8. Prodotto sclre, Spzi Euclidei. Ricordimo l definizione di prodotto sclre di due vettori del pino VO 2 (vle in modo del tutto nlogo nche in VO 3 ). Definizione: Sino v, w VO 2 e si θ l ngolo convesso

Dettagli

Le equazioni di grado superiore al secondo

Le equazioni di grado superiore al secondo Le equzioni di grdo superiore l secondo ITIS Feltrinelli nno scolstico 007-008 R. Folgieri 007-008 1 Teorem fondmentle dell lger Ogni equzione lgeric di grdo n h sempre n soluzioni, che possono essere

Dettagli

Analisi matematica. Materiale didattico

Analisi matematica. Materiale didattico Anlisi mtemtic. Mterile didttico Lure triennle F.A.I. Rimini 7 ottobre 23 Indice Linguggio, funzioni elementri 2. Il linguggio degli insiemi.................................... 2.2 Numeri reli, vlore ssoluto,

Dettagli

Determinanti e caratteristica di una matrice (M.S. Bernabei & H. Thaler

Determinanti e caratteristica di una matrice (M.S. Bernabei & H. Thaler Determinnti e crtteristic di un mtrice (M.S. Bernbei & H. Thler Determinnte Il determinnte può essere definito solmente nel cso di mtrici qudrte Per un mtrice qudrt 11 (del primo ordine) il determinnte

Dettagli

corrispondenza dal piano in sé, che ad ogni punto P del piano fa corrispondere il punto P' in

corrispondenza dal piano in sé, che ad ogni punto P del piano fa corrispondere il punto P' in Cpitolo 5 Le omotetie 5. Richimi di teori Definizione Sino fissti un punto C del pino ed un numero rele. Si chim omoteti di centro C e rpporto ( che si indic con il simolo O, ) l corrispondenz dl pino

Dettagli

II-8 Integrale di Riemann

II-8 Integrale di Riemann II-8 INTEGRALE DI RIEMANN DEFINIZIONE DI INTEGRALE DI RIEMANN II-8 Integrle di Riemnn Indice Definizione di integrle di Riemnn Condizioni di esistenz dell integrle di Riemnn 3 3 Proprietà dell integrle

Dettagli

Minimi quadrati e problemi di distanza minima

Minimi quadrati e problemi di distanza minima Minimi qudrti e problemi di distnz minim Considerimo un mtrice rettngolre B, con elementi b ij, i 1,..., n, j 1,..., m, con m < n (quindi, più righe che colonne. Voglimo risolvere il sistem linere (1 Bx

Dettagli

PNI SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO 1

PNI SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO 1 www.mtefili.it PNI 2005 - SESSIONE SUPPLETIVA QUESITO È dto un trpezio rettngolo, in cui le bisettrici degli ngoli dicenti l lto obliquo si intersecno in un punto del lto perpendicolre lle bsi. Dimostrre

Dettagli

Area del Trapezoide. f(x) A f(a) f(b) f(x)

Area del Trapezoide. f(x) A f(a) f(b) f(x) Are del Trpezoide y o A f() trpezoide h B f() f() L're del trpezoide S puo' essere pprossimt dll're del trpezio AB. Per vere un migliore pprossimzione possimo suddividere il trpezio in trpezi piu' piccoli.

Dettagli

Funzioni a variazione limitata

Funzioni a variazione limitata Cpitolo 1 Funzioni vrizione limitt 1.1 Il problem delle primitive di funzioni L 1 Il problem dell ricerc delle primitive di un ssegnt funzione f : I R con I = [, b] intervllo limitto, cioè le soluzioni

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

La scomposizione in fattori dei polinomi

La scomposizione in fattori dei polinomi Progetto Mtemtic in Rete L scomposizione in fttori dei polinomi Scomporre in fttori un polinomio signific scriverlo come prodotto di polinomi di grdo inferiore. Esempio: ( )( ) Osservimo che l uguglinz,

Dettagli

Erasmo Modica. : K K K

Erasmo Modica.  : K K K L insieme dei numeri reli L INSIEME DEI NUMERI REALI Ersmo Modic helthinsurnce@tin.it www.glois.it Per introdurre l insieme dei numeri reli si hnno disposizione diversi modi. Generlmente l iennio si preferisce

Dettagli

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento

5 2d x x >12. con a, b, c e d parametri reali. Il grafico di f (x) passa per l origine del sistema di riferimento Questionrio Risolvi quttro degli otto quesiti: L Città dello sport è un struttur sportiv progettt dll rchitetto Sntigo Cltrv e mi complett, situt sud di Rom Rispetto l sistem di riferimento indicto in

Dettagli

INTEGRALE INDEFINITO. Saper calcolare l integrale indefinito di una funzione utilizzando i diversi metodi

INTEGRALE INDEFINITO. Saper calcolare l integrale indefinito di una funzione utilizzando i diversi metodi INTEGRLE INDEFINITO OIETTIVI MINIMI: Sper definire l integrle indefinito di un funzione. onoscere le proprietà dell integrle indefinito. Sper clcolre l integrle indefinito di un funzione utilizzndo i diversi

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

Il calcolo integrale

Il calcolo integrale CAPITOLO 4 Il clcolo integrle Il problem che ffrontimo in questo cpitolo è il clcolo di ree di lcune regioni del pino. Inizimo il cpitolo spiegndo quli regioni pine simo interessti. Questi rgomenti sono

Dettagli

ELEMENTI DI TEORIA DEI NUMERI

ELEMENTI DI TEORIA DEI NUMERI ELEMENTI DI TEORIA DEI NUMERI 1. Richimi di teori Con Z indichimo l insieme dei numeri reltivi. Comincimo con il ricordre l definizione di quoziente e resto dell divisione di due numeri in Z. Definizione

Dettagli

Teorema della Divergenza (di Gauss)

Teorema della Divergenza (di Gauss) eorem dell ivergenz (di Guss) i un dominio tridimensionle regolre, l cui frontier è un superficie chius orientt con cmpo normle unitrionˆ uscente d. e F(,,z) F (,,z) i F (,,z) j F (,,z) k è un cmpo vettorile

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DELLA PARABOLA a ( ) { } f con, è la parabola di equazione y = ax + bx + c. Vogliamo disegnarla. 2

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DELLA PARABOLA a ( ) { } f con, è la parabola di equazione y = ax + bx + c. Vogliamo disegnarla. 2 APPENDICE 1 AL CAPITOLO 3: RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DELLA PARABOLA Per 0 l insieme,y / y = + + c, grfico dell funzione f = + + c { } f con, è l prol di equzione y = + + c Voglimo disegnrl non è difficile

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Esponenzili e ritmi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se > 0, per ogni R se 0, per tutti e soli gli R se < 0, per tutti e soli gli Z Sono definite: ( ) ( ) ( ) 7 7 Non sono definite:

Dettagli

Differenziale. Consideriamo la variazione finita, x della variabile indipendente a cui corrisponde una variazione finita della funzione f x, f x y

Differenziale. Consideriamo la variazione finita, x della variabile indipendente a cui corrisponde una variazione finita della funzione f x, f x y Differenzile Considerimo l vrizione finit, dell vriile indipendente cui corrisponde un vrizione finit dell funzione f, f y Δf 1 Δ 2 L vrizione dell vriile dipendente puo' essere molto piccol, infinitesim

Dettagli

LOGICA MATEMATICA PER INFORMATICA (A.A. 12/13)

LOGICA MATEMATICA PER INFORMATICA (A.A. 12/13) LOGICA MATEMATICA PER INFORMATICA (A.A. 12/13) DISPENSA N. 9 Sommrio. Crtterizzimo l equivlenz elementre in termini di sistemi di isomorfismi przili e di giochi di Ehrenfeucht-Frïssé. 1. Giochi di Ehrenfeucht-Frïssé

Dettagli

Ellisse riferita al centro degli assi

Ellisse riferita al centro degli assi Appunti delle lezioni tenute in clsse: ellisse e iperole Ellisse riferit l centro degli ssi Dti due punti F ed F detti fuochi, l ellisse è il luogo geometrico dei punti P del pino per cui è costnte l somm

Dettagli

Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 PROBLEMA ) L prbol di equzione V ' (0,0). y h sse di simmetri prllelo ll sse delle ordinte e vertice in L prbol di equzione

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

dr Valerio Curcio Le affinità omologiche Le affinità omologiche

dr Valerio Curcio Le affinità omologiche Le affinità omologiche 1 Le ffinità omologiche 2 Tringoli omologici: Due tringoli si dicono omologici se le rette congiungenti i punti omologhi dei due tringoli si incontrno in un medesimo punto. Principio dei tringoli omologici

Dettagli

1 Integrali impropri di funzioni continue

1 Integrali impropri di funzioni continue ntegrli impropri di funzioni continue. ntegrli impropri su intervlli semiperti Definizione Dt un funzione continu f : [, b) R, con b +, si dice che f è integrbile se esiste finito il t b f(x) dx ed in

Dettagli

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1.

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1. TEST DI MATEMATICA Funzioni in un, Funzioni in due vriili Integrli Equzioni differenzili ) Il vlore del limite seguente e e e lim è ) Il vlore del limite seguente 5 lim 5 è : ) L derivt prim dell funzione

Dettagli

Analisi Matematica: Calcolo Integrale. Francesco Russo

Analisi Matematica: Calcolo Integrale. Francesco Russo Anlisi Mtemtic: Clcolo Integrle Frncesco Russo 2 settembre 200 2 Indice Integrli indefiniti 5. Primitive ed integrli indefiniti................. 5.2 Formule di integrzione..................... 6 2 Integrle

Dettagli

Nome.Cognome. 18 Dicembre 2008 Classe 4G. VERIFICA di MATEMATICA

Nome.Cognome. 18 Dicembre 2008 Classe 4G. VERIFICA di MATEMATICA Nome.Cognome. 8 Dicembre 008 Clsse G VERIFICA di MATEMATICA A) Risolvi le seguenti disequzioni goniometriche sin ) sin + ) 0 6 tn cos + sin ) 0 (punti:0,5) ) tn + tn > 0 sin 5) sin > cos (punti: ) 6) sin

Dettagli

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1 APITOLO 3 LE SIMMETRIE 3. Richimi di teori Definizione. Si dto un punto del pino; si chim simmetri centrle di centro (che si indic con il simbolo s ) l corrispondenz dl pino in sé che d ogni punto P del

Dettagli

Esercizi su spazi ed operatori lineari

Esercizi su spazi ed operatori lineari Esercizi su spzi ed opertori lineri Corso di Fisic Mtemtic 2,.. 2013-2014 Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno 23 Ottobre 2013 1 Spzio L 2 Esercizio 1. Per = 0, b = 1, dire quli delle seguenti funzioni

Dettagli

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

26/03/2012. Integrale Definito. Calcolo delle Aree. Appunti di analisi matematica: Il concetto d integrale nasce per risolvere due classi di problemi: ppunti di nlisi mtemtic: Integrle efinito Il concetto d integrle nsce per risolvere due clssi di prolemi: Integrle efinito lcolo delle ree di fig. delimitte d curve clcolo di volumi clcolo del lvoro di

Dettagli

Unità 3 Metodi particolari per il calcolo di reti

Unità 3 Metodi particolari per il calcolo di reti Unità 3 Metodi prticolri per il clcolo di reti 1 Cos c è nell unità Metodi prticolri per il clcolo di reti con un solo genertore Prtitore di tensione Prtitore di corrente Metodi di clcolo di reti con più

Dettagli

FUNZIONI IPERBOLICHE

FUNZIONI IPERBOLICHE FUNZIONI IPERBOLICHE Umberto Mrconi Diprtimento di Mtemtic Pur e Applict Pdov Premess Si [, [, fissto. Voglimo cpire cos signific: w dw perché l funzione integrnd è illimitt. Se considerimo, per b [, [,

Dettagli

II-5 Funzioni continue

II-5 Funzioni continue II-5 FUNZIONI CONTINUE FUNZIONI CONTINUE: DEFINIZIONI E PRIME PROPRIETÀ II-5 Funzioni continue Indice Funzioni continue: definizioni e prime proprietà 2 Continuità delle funzioni elementri 3 3 Funzioni

Dettagli

INTEGRAZIONE NUMERICA

INTEGRAZIONE NUMERICA INTEGRAZIONE NUMERICA Frncesc Pelosi Diprtimento di Mtemtic, Università di Rom Tor Vergt CALCOLO NUMERICO.. 008 009 http://www.mt.unirom.it/ pelosi/ INTEGRAZIONE NUMERICA p.1/0 INTEGRAZIONE NUMERICA Dt

Dettagli

La dimostrazione per assurdo

La dimostrazione per assurdo L dimostrzione per ssurdo L dimostrzione per ssurdo in mtemtic è uno strumento utile per dimostrre certi teoremi. Ess procede secondo i seguenti pssi: 1. Si suppone che il teorem si flso. Si f vedere,

Dettagli