Il percorso di attuazione della normativa SIEG: competenze e responsabilità condivise tra Stato e Regioni e opportunità di rete a Bruxelles

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il percorso di attuazione della normativa SIEG: competenze e responsabilità condivise tra Stato e Regioni e opportunità di rete a Bruxelles"

Transcript

1 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Ufficio di Collegamento di Bruxesselles Aiuti di Stato Olga Simeon Il percorso di attuazione della normativa SIEG: competenze e responsabilità condivise tra Stato e Regioni e opportunità di rete a Bruxelles UrbanPromo Torino, 7 novembre 2013

2 Stato e Regioni dinanzi al diritto europeo degli aiuti di Stato FASE ASCENDENTE partecipazione alla formazione del diritto europeo in materia di aiuti di Stato attuazione degli obblighi derivanti dal diritto europeo in materia di aiuti di Stato FASE DISCENDENTE LEGGE 234/2012: NORME GENERALI SULLA PARTECIPAZIONE DELL ITALIA ALLA FORMAZIONE E ALL ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA E DELLE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA

3 Il ruolo dello Stato: la legge 234/2012 Capo VIII Aiuti di Stato coordinamento PCM/Min.EU per definire la posizione italiana verso l UE nel settore comunicazioni sugli AdS: notifiche p.c. al DPUE scambio info. su aiuti illegali per il tramite DPUE base giuridica per aiuti ai sensi del b) (calamità naturali) sub DPR, no agric. Modalità di trasmissione delle informazioni relative agli aiuti pubblici concessi alle imprese ruolo di monitoraggio del MISE ai sensi della L. 57/2001 e DM 258/2002 (no agric.) RUOLO CENTRALE DPUE DI COORDINAMENTO NAZIONALE base giuridica nazionale per aiuti calamità naturali b RUOLO CENTRALE MISE PER MONITORAGGIO BANCHE DATI

4 Capo VIII Aiuti di Stato clausola Deggendorf e obbligo di scambio delle info.tra amm. concedenti ai fini del rispetto Procedure di recupero: chi riscuote, chi individua, accerta, determina modalità info alla CE sull iter sempre tramite DPUE Giurisdizione esclusiva del G.A. in caso di controversie per aiuti illegali e recuperi rito abbreviato per controversie su atti esecutivi di ordine di recupero Ricorso giurisdizionale al TAR per violazione dell art TFUE Prescrizione dell obbligo di restituzione dell AS oggetto di una decisione di recupero rimando al 659/99 FASE DISCENDENTE: disciplina uniforme su procedure e giurisdizione in caso di recupero

5 I ruoli nello Stato: chi fa cosa? coordinamento FASE ASCENDENTE nazionale (L.234) coordinamento FASE DISCENDENTE AIUTI A FINALITA REGIONALE (Carta italiana) PCM - DPUE MISE DPS DG PRUC AGCM Art. 21bis L.287/90 interfaccia delle Amministrazioni concedenti con la Commissione europea partecipazione alle multilaterali MAE - Italrap MISE DPS DG IAI censimento nazionale degli aiuti di Stato (L.234)

6 La fase discendente per le Regioni COSA SIGNIFICA PER LE REGIONI AIUTI DI STATO? 1. creare, finanziare e gestire strumenti agevolativi 2. verificare se configurano aiuti di Stato ex allinearli alle prescrizioni della State aid law = renderli compatibili 4. adempiere agli obblighi procedurali = renderli legali e monitorarli 5. provvedere all eventuale recupero di aiuti illegali e/o incompatibili 6. rispondere per danni a terzi causati dall aiuto illegale (in base al diritto nazionale & europeo) 7. risarcire lo Stato in caso di multe da procedure di infrazione (rivalsa ex art. 43 L. 234) LA REGIONE INDIVIDUA, FINANZIA, GESTISCE E RISPONDE

7 Quale aiuto dalla Legge 234? fase discendente fase ascendente le questioni organizzative e gestionali restano irrisolte!

8 Un esempio di fase discendente: L attuazione del nuovo pacchetto SIEG entrato in vigore il 31/1/2012, da attuare entro il 31/1/2014

9 Il quadro di riferimento PRIMA TRANCHE: 20 DICEMBRE comunicazione interpretativa (2012/C 8/02) 2. comunicazione contenente la disciplina per la notifica (2012/C 8/03) 3. decisione di esenzione dall obbligo di notifica (2012/21/UE) SECONDA TRANCHE: 25 aprile regolamento de minimis (Reg. n. 360/2012/UE)

10 Gli obblighi di attuazione 1) obbligo di pubblicazione elenco ricognitorio entro il 31/1/2013 riferita ai soli regimi e sub notifica 2) adeguamento necessario entro il 31/1/2014 3) prima relazione (biennale) entro il 30/6/2014 ² ² ² descrizione dettagliata dell attuazione importo totale degli aiuti (compensazioni) + dettaglio per settore economico di appartenenza del beneficiario criticità applicative e ogni altra info richiesta dalla C.E.

11 L empasse: il difficile esercizio congiunto della competenza in materia di aiuti di Stato 1) cosa è SIEG, chi lo attesta come tale e ne garantisce l ortodossia? 2) SIEG nazionali, regionali, locali: cuius lex, eius religio? 3) SIEG gestito a livello locale il cui sistema di finanziamento è legge dello Stato: chi adegua e come gestire la normazione multilivello? 4) la questione degli aiuti alle infrastrutture (asservite ai SIEG) e la nota della Conferenza delle Regioni a DPE & DPS del 13/11/2012 5) la posizione politica delle Regioni dinanzi all empasse SIEG/ infrastrutture del 22/11 e 20/12 e le iniziative del coordinamento interregionale

12 Un problema di natura interna 1) la particolare natura trasversale di materia funzione della concorrenza 2) competenze costituzionali e oneri di attuazione ² tutela della concorrenza, tutela dell ambiente, governo del territorio: chi fa cosa? ² le impugnazioni dello Stato e le segnalazioni dell Agcm di leggi regionali per violazione della competenza esclusiva statale

13 Il tentativo di superare l empasse: l iniziativa del coordinamento interregionale e i tavoli di lavoro integrati PCM Dipartimento politiche europee Enti Locali (Anci, Upi) Ministero competente per materia CONFERENZA delle Regioni e delle PPAA (Coord. AdS + Coord. tecnico di settore) AIUTI DI STATO: FVG BASILICATA: ERP VENETO: sanità PIEMONTE: ambiente (idrico e rifiuti) TOSCANA: istruzione formazione lavoro

14 Il percorso discendente intrapreso dalle Regioni e lo stallo in mancanza di una posizione dello Stato, potere sostitutivo inverso? 1) tavoli di coordinamento tecnico per definire il quadro normativo nazionale 2) elaborazione di un documento tecnico congiunto sulla situazione giuridica 3) condivisione a livello tecnico e politico in Confernza delle Regioni e PPAA, finalizzata e subordinata alla 7/2/2012 posizione Regioni sui SIEG servizio idrico e rifiuti 8/5/2013 posizione Regioni sui SIEG sui SIEG sanità 4) condivisione di merito dello Stato in Conferenza Stato-Regioni / unificata UNIFORMITA INTERPRETATIVA ED APPLICATIVA SUI SIEG NORMATI A LIVELLO NAZIONALE

15 Quali i limiti per le Regioni nell attuazione della normativa europea sugli aiuti di Stato ai SIEG? SOTTO IL PROFILO EUROPEO ampia discrezionalità salvo errore manifesto o norme specifiche SOTTO IL PROFILO NAZIONALE è l ordinamento giuridico nazionale, non quello europeo, che individua i soggetti che, nello Stato, esercitano tale discrezionalità Pertanto, atteso il complessivo riparto costituzionale di competenze tra Stato e Regioni sulle singole materie e la competenza esclusiva statale in materia di concorrenza, sembra che, in linea di principio, tali valutazioni circa la definizione di SIEG e la individuazione dei loro requisiti vadano effettuate a livello di amministrazioni centrali le quali, in relazione alle loro competenze, possono anche assicurare, sulle diverse materie, una uniformità del quadro regolatorio generale lettera DPE a Ministeri, Regioni e PA, ANCI e Unioncamere dd 16/11/2013

16 Dove siamo oggi? 1) 4 aprile 2012: l Italia accetta formalmente di sottoporre i propri regimi esistenti alle c.d. misure opportune 2) il DPE chiede alle regioni ed EELL l elenco degli eventuali regimi esistenti ai fini della pubblicazione 3) Le Regioni con due note a firma del Seg. Gen. della Conferenza Mochi Onori (30 gennaio 2013 e 7 agosto 2013) rammentano l applicabilità del p.to 70 ai soli regimi soggetti a notifica e riepilogano lo SAL dei tavoli di lavoro della Conferenza sui vari ambiti SIEG chiedendo condivisione dei risultati da parte delle Amministrazioni centrali per gli aspetti di loro competenza 4) la CE con lettere 25/2 e 10/3/2013 ricorda l inadempimento dell Italia rispetto all obbligo del p.to 70 5) il 1 agosto 2013 il Ministro Moavero sollecita i Ministeri di settore a provvedere ad una ricognizione coordinata e capillare a tutti i livelli di Governo ai fini degli obblighi di relazione

17 Il misunderstanding normativo sull obbligo di pubblicazione Disciplina (2012/C 8/03)

18 e lo stallo sull obbligo di relazione 1) relazione triennale del 22 luglio 2009 ( ) I. quadro normativo nazionale II. III. edilizia residenziale pubblica ospedali IV. collegamenti aerei verso le isole V. servizio idrico e rifiuti 2) relazione triennale del febbraio 2013 ( )

19 Il ruolo delle Regioni COSA SONO GLI AIUTI DI STATO CHE LE REGIONI GESTISCONO? interventi delle Regioni nell economia fondi UE bilancio regionale trasferim. statali risorse pubbliche þ þ þ þ danno un vantaggio economico con risorse pubbliche e imputabili al pubblico a talune imprese sul mercato pregiudicando gli scambi tra i 28 SM SONO STRUMENTI PER ATTUARE PROPRIE AZIONI DI POLITICA ECONOMICA

20 nel fare politica economica con gli AdS anche per obiettivi di equità sociale In assenza di prove contrarie, la Commissione presuppone che i mercati aperti e in libera concorrenza provvedano ad una distribuzione efficace delle risorse nell economia. gli aiuti di Stato alle imprese SONO VIETATI lo Stato dà aiuti alle imprese solo in via DEROGATORIA per perseguire OBIETTIVI DI INTERESSE COMUNE EUROPEO migliorare il livello generale di efficienza influendo sugli incentivi per le imprese che sono elencati nel Trattato e sono valutabili in termini di EFFICIENZA ECONOMICA ed EQUITÀ SOCIALE ridistribuire il benessere tra le persone in modo da ridurre disuguaglian. sociali o regionali prodotte dai mercati Gli Stati membri attuano la loro politica economica allo scopo di contribuire alla realizzazione degli obiettivi dell'unione definiti all'articolo 3 del TUE e considerano le loro politiche economiche una questione di interesse comune (artt TFUE)

21 e partecipare a pieno titolo alla fase formazione e attuazione del diritto europeo in materia di aiuti di Stato che ha ad oggetto strumenti di politica economica in un mercato aperto e in libera concorrenza CHE È MATERIA IN CUI LE REGIONI HANNO COMPETENZA LEGISLATIVA ASSIEME ALLO STATO CHE ASSICURA UNITARIETÀ AL QUADRO REGOLATORIO GENERALE

22 un modello cui ispirarsi: Social housing europea e governance multilivello Le opportunità di rete in un Unione che comincia dal basso

23 Reti di modelli e pratiche da scambiarsi 1. FEDERABITAZIONE 2. FEDERCASA 3. LEGACOOP ABITANTI

24 ATER TREVISO

25 e trasferire ai Comitati consultivi

26 SECTION FOR TRANSPORT, ENERGY, INFRASTRUCTURE AND INFORMATION SOCIETY (TEN) PERMANENT STUDY GROUP ON SGI PRES. KRZYSZTOF BALON

27 fino all EuroParlamento

28 la funzione anticiclica del social housing e l orizzontalità nella strategia Europa 2020

29 Un esempio di unione nella eterogeneità e di ricchezza nella differenza Parlamento europeo Reti europee di Federazioni nazionali e reg. Comitato economico e sociale Reti europee di enti di ERP Comitato delle Regioni

30 e di partecipazione attiva alla fase ascendente del diritto europeo We therefore ask the European Commission to leave the definition of social housing and the decision on the type of provision to the member states and their local and regional authorities. As mayors of European cities we also demand to cancel the restriction to disadvantaged citizens or socially less advantaged groups from the state aid package for services of general economic interest.

31 coinvolgendo direttamente anche il cittadino

32 Lessons learned: Quali prospettive in ascesa e in discesa per le Regioni?

33 Rimettere al centro l interesse comune del Paese IL MINISTRO PER GLI AFFARI EUROPEI garantisce l adempimento degli obblighi derivanti dall appartenenza all UE sulla base del principio di LEALE COLLABORAZIONE (art.1 L. 234/12) FASE DISCENDENTE assicura l unitarietà di indirizzo per la TUTELA DEGLI INTERESSI NAZIONALI (art. 57 L. 52/96 abrogato dalla 234) FASE ASCENDENTE

34 Urge un modello organizzativo ascendente e discendente coordinato e condiviso a tutti i livelli esercitando assieme competenze per il comune interesse nazionale ed europeo

35 Grazie! Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Ufficio di collegamento a Brussels Rue du Commerce

Obblighi e opportunità

Obblighi e opportunità Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Ufficio di Collegamento di Bruxelles Aiuti di Stato Olga Simeon Info Day Interreg Italia Austria, 30 ottobre 2014 Aiuti di Stato Obblighi e opportunità LE REGOLE

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

Politica di recupero. Principi e procedure. Commissione europea, DG Concorrenza, Direzione H, Unità H4 Applicazione e riforma procedurale

Politica di recupero. Principi e procedure. Commissione europea, DG Concorrenza, Direzione H, Unità H4 Applicazione e riforma procedurale Politica di recupero Principi e procedure Principi di recupero Esecuzione di una decisione di recupero Ricorsi dinanzi ai giudici nazionali e UE Insolvenza Mancata esecuzione Link e formazione 2 Principali

Dettagli

Relazione sulle attività della Commissione nazionale per la formazione continua (CNFC) 2012 2015

Relazione sulle attività della Commissione nazionale per la formazione continua (CNFC) 2012 2015 Relazione sulle attività della Commissione nazionale per la formazione continua (CNFC) 2012 2015 La Commissione nazionale per la formazione continua è l organismo che a livello nazionale ha la funzione

Dettagli

Introduzione e contesto generale

Introduzione e contesto generale Introduzione e contesto generale Il Trattato di Lisbona è entrato in vigore il 1 dicembre 2009. L apertura verso un coinvolgimento significativo delle realtà regionali e locali nelle dinamiche decisionali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E VISTA la legge 16 aprile 1987 n. 183 che, agli articoli 2 e 3, specifica le competenze di questo Comitato in tema di coordinamento delle politiche

Dettagli

I Contenuti della ricerca in corso

I Contenuti della ricerca in corso I Contenuti della ricerca in corso - I sistemi di accesso al lavoro presso le amministrazioni pubbliche - Accesso e flessibilità del rapporto di lavoro - Forme di accesso e dinamiche occupazionali - Forme

Dettagli

Avviso n. 1/2015 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di minori dimensioni.

Avviso n. 1/2015 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di minori dimensioni. Avviso n. 1/2015 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di minori dimensioni. Avviso n. 1/2015 Formazione nelle PMI di minori dimensioni 1 1 Finalità Il

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE DELL ITALIA ALL UNIONE EUROPEA

LA PARTECIPAZIONE DELL ITALIA ALL UNIONE EUROPEA LA PARTECIPAZIONE DELL ITALIA ALL UNIONE EUROPEA Appartenenza dell Italia alle Comunità fino dalla loro istituzione Lentezza nell adeguamento del quadro istituzionale interno IL QUADRO COSTITUZIONALE ITALIANO

Dettagli

Disciplina organica sul volontariato e sulle associazioni di promozione sociale e norme sull associazionismo. Il Consiglio regionale ha approvato Il

Disciplina organica sul volontariato e sulle associazioni di promozione sociale e norme sull associazionismo. Il Consiglio regionale ha approvato Il Disciplina organica sul volontariato e sulle associazioni di promozione sociale e norme sull associazionismo. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Regione promulga la seguente legge:

Dettagli

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane.

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-VII-2006 C(2006) 3451 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 625/03 Alienazione della Centrale ortofrutticola in Comune di Udine dall Agenzia

Dettagli

COORDINAMENTO DELLE REGIONI E P.A. PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

COORDINAMENTO DELLE REGIONI E P.A. PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE COORDINAMENTO DELLE REGIONI E P.A. PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Roma, 2 luglio 2003 OSSERVAZIONI DELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO APPROVATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Oggetto: Linee guida per l attuazione da parte di Amministrazioni e altri soggetti diversi dal Ministero

Dettagli

Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale. dlll:l. Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ACCORDO TRA

Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale. dlll:l. Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ACCORDO TRA g~~~~~ + i dlll:l Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ACCORDO L'anno 2014, il giorno.$.3... del mese di~p TRA la Presidenza del Consiglio dei Ministri- C.F. 80188230587, avente sede in Roma, Via

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata

I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata La Regione Basilicata ha attivi sul proprio territorio 3 Programmi di investimento delle risorse comunitarie per un ammontare

Dettagli

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Pianificazione dell emergenza di protezione civile comunale, intercomunale e provinciale e modello d intervento regionale Piani nazionali di

Dettagli

BOVINO Roberto CURRICULUM VITAE. Informazioni Personali. Cognome e Nome. Data di nascita 11 gennaio 1967 Qualifica. Area III F4.

BOVINO Roberto CURRICULUM VITAE. Informazioni Personali. Cognome e Nome. Data di nascita 11 gennaio 1967 Qualifica. Area III F4. CURRICULUM VITAE Informazioni Personali Cognome e Nome BOVINO Roberto Data di nascita 11 gennaio 1967 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Area III F4 Agenzia delle

Dettagli

Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale. Associazione Nazionale dei Comuni Italiani

Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale. Associazione Nazionale dei Comuni Italiani Associazione Nazionale dei Comuni Italiani L'anno 2013, il giorno j/ì del mese di TRA la Presidenza del Consiglio dei Ministri - C.F. 80188230587, avente sede in Roma, Via della Ferratella in Laterano

Dettagli

A cura di Stefania Vitucci Vice Capo dell Ufficio Legislativo del Ministro per le Politiche Europee

A cura di Stefania Vitucci Vice Capo dell Ufficio Legislativo del Ministro per le Politiche Europee L attuazione della normativa europea (Il modello statale di adeguamento dell ordinamento interno alla normativa europea. La legge comunitaria annuale). A cura di Stefania Vitucci Vice Capo dell Ufficio

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili. Riferimenti normativi

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili. Riferimenti normativi REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020 Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili Riferimenti normativi Atti normativi comunitari, nazionali e regionali, unitamente alle principali disposizioni

Dettagli

Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT)

Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT) Articolo 4 (Disposizioni in materia di servizi investigativi privati in Italia. Caso EU Pilot 3690/12/MARKT) L articolo 4 prevede che, allo svolgimento in Italia di servizi trasfrontalieri e di quelli

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15 LEGGE REGIONALE 27 aprile 2012, n. 17 Disposizioni in materia di risorse idriche. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI

NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI LE MISURE DI SICUREZZA OGGI La legge 9/2012, come modificata dal Decreto Legge 25 marzo 2013, n. 24, sancisce che "Dal 1 aprile 2014

Dettagli

È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua.

È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua. È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua. Art. 3. Su ciascun contenitore delle zattere di cui al precedente articolo dovranno

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E D E L R E S P O N S A B I L E

D E T E R M I N A Z I O N E D E L R E S P O N S A B I L E {rima} D E T E R M I N A Z I O N E D E L R E S P O N S A B I L E A. AMMINISTRATIVA\\Centro Elaborazione Dati N. 246 del Reg. Generale in data 23/02/2015 Oggetto: IMPEGNO DI SPESA PER ACQUISTO SOFTWARE

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE

DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE D.D. 96\Segr D.G.\2014 DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il D.D. 27\Segr D.G.\2014 del 12/11/2014, allegato al presente atto,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

DECRETO N. 5032 Del 17/06/2015

DECRETO N. 5032 Del 17/06/2015 DECRETO N. 5032 Del 17/06/2015 Identificativo Atto n. 589 DIREZIONE GENERALE ATTIVITA' PRODUTTIVE, RICERCA E INNOVAZIONE Oggetto POR FESR 2007-2013. PROROGA DEL TERMINE PER LA CHIUSURA DELLO SPORTELLO

Dettagli

Direzione Generale Dipartimento Formazione Lavoro Cultura e Sport 7402

Direzione Generale Dipartimento Formazione Lavoro Cultura e Sport 7402 Direzione Generale Dipartimento Formazione Lavoro Cultura e Sport 7402 Reimpiego di risorse liberate POR Basilicata 2000-2006 - Azione sperimentale "Un ponte per l'occupazione": Approvazione dell'avviso

Dettagli

CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO

CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI Nome GIORGIO MARTINI Data di nascita 14 11 1957 Indirizzo VIALE ANGELICO 269, 00195 ROMA, ITALIA Telefono Cell. 3351210145 E mail giorgiomartini.martini@gmail.com

Dettagli

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE EGIDIO PICERNO POTENZA 9 LUGLIO 2010 Interoperabiltà è la capacità di due o più sistemi informativi di scambiarsi informazioni e di attivare, a suddetto

Dettagli

Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042. Avv. Ivan Tosco, PhD. Studio Legale Secci & Medda

Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042. Avv. Ivan Tosco, PhD. Studio Legale Secci & Medda Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042 Avv. Ivan Tosco, PhD Studio Legale Secci & Medda 1 XXIII CONGRESSO NAZIONALE GIQAR Ospedaletto di Pescantina

Dettagli

INDICE 3. ATTEGGIAMENTO DEL PRECEDENTE CONSIGLIO NAZIONALE... 6 4. AZIONI DEL CONSIGLIO NAZIONALE IN CARICA... 7 5. ELENCO ALLEGATI...

INDICE 3. ATTEGGIAMENTO DEL PRECEDENTE CONSIGLIO NAZIONALE... 6 4. AZIONI DEL CONSIGLIO NAZIONALE IN CARICA... 7 5. ELENCO ALLEGATI... CONSIGLIO NAZIONALE DEI GEOLOGI INDICE 0. INTESTAZIONE... 2 1. RIFERIMENTI NORMATIVI EUROPEI... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI ITALIANI... 2 2.1 Regolamento con i criteri sui certificatori... 3 2.1.1 Situazione

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE Premessa Lo scorso 28 novembre è entrata in vigore la legge 6 novembre 2012 n. 190 contenente le disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione

Dettagli

L ORDINAMENTO SPORTIVO ITALIANO CORSO ALLENATORI PRIMO LIVELLO

L ORDINAMENTO SPORTIVO ITALIANO CORSO ALLENATORI PRIMO LIVELLO L ORDINAMENTO SPORTIVO ITALIANO CORSO ALLENATORI PRIMO LIVELLO Principio della pluralità degli ordinamenti giuridici Istituzione o Ordinamento giuridico - Plurisoggettività (composto da soggetti aderenti

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Il recepimento del nuovo pacchetto normativo appalti pubblici e concessioni nella legislazione nazionale

Il recepimento del nuovo pacchetto normativo appalti pubblici e concessioni nella legislazione nazionale Il recepimento del nuovo pacchetto normativo appalti pubblici e concessioni nella legislazione nazionale Dott.ssa Valentina Guidi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Politiche Europee Ufficio

Dettagli

A relazione dell'assessore Parigi:

A relazione dell'assessore Parigi: REGIONE PIEMONTE BU35 03/09/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 27 luglio 2015, n. 21-1902 Regolamento comunitario (UE) n. 651/2014 del 17.06.2014 - Adempimenti ai sensi del capo I e dell'articolo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Invito alla presentazione di progetti di residenza in materia di teatro e circo contemporaneo PREMESSO CHE

AVVISO PUBBLICO. Invito alla presentazione di progetti di residenza in materia di teatro e circo contemporaneo PREMESSO CHE AVVISO PUBBLICO PROGETTO TRIENNALE INTERREGIONALE 2015/2017 ai sensi dell INTESA STATO/REGIONI sancita il 18.12.2014 in attuazione dell articolo 45 (Residenze) del D.M. 1.7.2014 Invito alla presentazione

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 234 del Registro degli Organismi di Mediazione Programma CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Direzione scientifica: Avv. Andrea Sirotti

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/090/CR8/C3-C4

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/090/CR8/C3-C4 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/090/CR8/C3-C4 CONTRIBUTO DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME ALL ATTUAZIONE DELLA DISCIPLINA DEGLI AIUTI DI STATO NEL SETTORE DEI SERVIZI DI INTERESSE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione C.C. nr. 28 dd. 29.10.2013. Oggetto: Adesione alla Soc. Trentino Riscossioni S.p.A. - Approvazione schema di convenzione e di contratto di servizio. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: -

Dettagli

Titolo Estremi del provvedimento di approvazione 1

Titolo Estremi del provvedimento di approvazione 1 Dichiarazione sostitutiva per la concessione di aiuti in de mimimis ai sensi dell art. 47 del Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 (Testo Unico delle disposizioni legislative

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015

DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 DELIBERAZIONE N X / 4350 Seduta del 20/11/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LA RESPONSABILE DI P.O.

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LA RESPONSABILE DI P.O. AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Determinazione nr. 202 Trieste 29/01/2015 Proposta nr. 50 Del 28/01/2015 Oggetto: Regolamento di cui agli artt. 29, 30, 31, 32, 33 e 48 L. R.

Dettagli

Indirizzi per la concessione di contributi per la ristrutturazione del sistema della Formazione professionale piemontese

Indirizzi per la concessione di contributi per la ristrutturazione del sistema della Formazione professionale piemontese Direzione regionale Coesione sociale Via Magenta, 12 - TORINO Sostegno al sistema della FP che concorre all assolvimento dell obbligo di istruzione nonché del diritto-dovere all'istruzione e alla formazione

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 15/52/CR7bis-a/C3

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 15/52/CR7bis-a/C3 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 15/52/CR7bis-a/C3 POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME SULL ART. 1, COMMI 122 E 123, DELLA LEGGE 190 DEL 2014 (LEGGE STABILITÀ 2015) IN MATERIA

Dettagli

Posizioni dirigenziali di prima fascia.

Posizioni dirigenziali di prima fascia. Nota informativa alle Organizzazioni Sindacali sulla proposta di ristrutturazione degli assetti organizzativi dell Agenzia delle Dogane (posizioni dirigenziali di vertice e posizioni dirigenziali di seconda

Dettagli

PON IOG Iniziativa Occupazione Giovani PIANO ESECUTIVO REGIONE CALABRIA (DGR N. 155 DEL 29/04/2014 e DGR n. 21 del 5/02/2015)

PON IOG Iniziativa Occupazione Giovani PIANO ESECUTIVO REGIONE CALABRIA (DGR N. 155 DEL 29/04/2014 e DGR n. 21 del 5/02/2015) PON IOG Iniziativa Occupazione Giovani PIANO ESECUTIVO REGIONE CALABRIA (DGR N. 155 DEL 29/04/2014 e DGR n. 21 del 5/02/2015) AVVISO PER L ATTUAZIONE DELLE MISURE DI ACCESSO ALLA GARANZIA, ORIENTAMENTO

Dettagli

COMITATO DI SORVEGLIANZA FESR 2014/2020 PUNTO 2 ORDINE DEL GIORNO

COMITATO DI SORVEGLIANZA FESR 2014/2020 PUNTO 2 ORDINE DEL GIORNO COMITATO DI SORVEGLIANZA FESR 2014/ PUNTO 2 ORDINE DEL GIORNO Attuazione al 30 giugno 2015 del Piano di azione relativo alle condizionalità ex-ante STATO DI ATTUAZIONE AL 30 GIUGNO 2015 DELLE AZIONI VOLTE

Dettagli

/U-GF/14 Al Ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato Via Molise 2 00187 Roma. E p.c.:

/U-GF/14 Al Ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato Via Molise 2 00187 Roma. E p.c.: /U-GF/14 Al Ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato Via Molise 2 00187 Roma Al Capo dell Ufficio Legislativo Cons. Raffaello Sestini ufficio.legislativo@mise.gov.it Al Capo Dipartimento per l

Dettagli

Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 (Finalità e oggetto)

Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 (Finalità e oggetto) Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità e oggetto) 1. In attuazione dei principi della Costituzione italiana e della Carta dei diritti fondamentali

Dettagli

Rapporti, sessioni e leggi europee Anno 2014

Rapporti, sessioni e leggi europee Anno 2014 1 Note introduttive Le slide sono state predisposte sulla base delle informazioni fornite dai componenti del gruppo di lavoro tecnico Affari europei istituito c/o la Conferenza dei Presidenti delle Assemblee

Dettagli

Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA

Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA Norme di riferimento - D.lgs.15 aprile 2005, n. 77, "Definizione delle norme generali relative all'alternanza scuola-lavoro, a norma dell'articolo

Dettagli

PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI

PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI Il sistema dei Controlli

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017

Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017 Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione 2015-2017 Federazione Ordini Farmacisti Italiani 00185 ROMA VIA PALESTRO, 75 TELEFONO (06) 4450361 TELEFAX (06) 4941093 CODICE FISCALE n 00640930582

Dettagli

Progetto Tessera Sanitaria

Progetto Tessera Sanitaria Articolo 50 del D.L. 30 settembre 2003 n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326 e successive modificazioni DM 2 Novembre 2011 Dematerializzazione della ricetta medica

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2016-2018

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2016-2018 Pag: 1 di 12 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2016-2018 Approvato dal Presidente del Consiglio di Amministrazione con provvedimento d urgenza n 3 del 29 gennaio 2016. Seguirà ratifica

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/103/CR05/C3

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/103/CR05/C3 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/103/CR05/C3 POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME SULL ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA EUROPEA SUGLI AIUTI DI STATO IN MATERIA DI SERVIZI DI

Dettagli

La normativa di riferimento

La normativa di riferimento 1 La normativa di riferimento Reg. (UE) n. 261/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio che modifica il Reg.(CE) n.1234/2007 in materia di rapporti contrattuali nel settore del latte e dei prodotti

Dettagli

Determina Patrimonio immobiliare/0000059 del 30/12/2013

Determina Patrimonio immobiliare/0000059 del 30/12/2013 Comune di Novara Determina Patrimonio immobiliare/0000059 del 30/12/2013 Area / Servizio Servizio Patrimonio (13.UdO) Proposta Istruttoria Unità Servizio Patrimonio (13.UdO) Proponente Dott.ssa LOI Nuovo

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

L applicazione delle regole sugli aiuti di Stato nei settori regolati. Ginevra Bruzzone 4 luglio 2014

L applicazione delle regole sugli aiuti di Stato nei settori regolati. Ginevra Bruzzone 4 luglio 2014 L applicazione delle regole sugli aiuti di Stato nei settori regolati Ginevra Bruzzone 4 luglio 2014 Specificità dell applicazione del diritto della concorrenza nei settori regolati Diritto antitrust -

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO Determinazione nr. 3137 Trieste 20/10/2014 Proposta nr. 2162 Del 16/10/2014 Oggetto: Revoca del contributo concesso e impegnato con determinazione dirigenziale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Vista la legge 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modificazioni e integrazioni, recante Disposizioni

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo aggiornato al 11 ottobre 2012 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 26 luglio 2011 Gazzetta Ufficiale 18 agosto 2011, n. 191 Criteri e modalità per il riconoscimento dell equivalenza

Dettagli

L attività di vigilanza, formazione e informazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni

L attività di vigilanza, formazione e informazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni L attività di vigilanza, formazione e informazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni Verona, 28 gennaio 2011 3 Domande Perché siamo arrivati alla costruzione di un sistema informativo

Dettagli

Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei

Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei sistemi informativi di monitoraggio della Regione Azioni di miglioramento:

Dettagli

Offerta ERMES Operatori. Avviso OEO-1401 AVVISO. per la concessione agli operatori di comunicazione elettronica

Offerta ERMES Operatori. Avviso OEO-1401 AVVISO. per la concessione agli operatori di comunicazione elettronica AVVISO per la concessione agli operatori di comunicazione elettronica di risorse della Rete Pubblica Regionale (RPR) ai sensi della D.G.R. 1373 del 18 luglio 2014 ID AVVISO: OEO-1401 8 agosto 2014 1 1

Dettagli

Matteo Barbero. Il bilancio 2013. Torino, 6 maggio 2013

Matteo Barbero. Il bilancio 2013. Torino, 6 maggio 2013 Matteo Barbero Il bilancio 2013 Torino, 6 maggio 2013 Le misure per lo sblocco dei debiti Il D.L. 35/2013 prevede due ordini di interventi: 1) una deroga al Patto 2013 2) misure per incrementare la liquidità

Dettagli

IL RILANCIO DEL SETTORE ALBERGHIERO:

IL RILANCIO DEL SETTORE ALBERGHIERO: 20 giugno 2012 IL RILANCIO DEL SETTORE ALBERGHIERO: ASPETTI NORMATIVI E FISCALI Christian Mocellin Salary partner NCTM Studio Legale Associato IL RILANCIO DEL SETTORE ALBERGHIERO 1. Ruoli, attori e protagonisti

Dettagli

Ruolo. vigilanza nel sistema della prevenzione. Direttore S.Pre.S.A.L.

Ruolo. vigilanza nel sistema della prevenzione. Direttore S.Pre.S.A.L. Ruolo dell organo di vigilanza nel sistema della prevenzione Santo Alfonzo Direttore S.Pre.S.A.L. ASL CN1 GLI ATTORI DELLA PREVENZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO S OGGETTI O BBLIGATI DATORI DI LAVORO, DIRIGENTI,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE La programmazione comunitaria 2014-2020: le risorse per l Italia Nel periodo 2014-2020, con il nuovo Accordo di partenariato tra Italia e Commissione Europea, l

Dettagli

Roma, 15 novembre 99. Direzione Generale del Commercio Delle Assicurazioni e dei Servizi LORO SEDI. Prot. n. 530971 All.: n. 1

Roma, 15 novembre 99. Direzione Generale del Commercio Delle Assicurazioni e dei Servizi LORO SEDI. Prot. n. 530971 All.: n. 1 Roma, 15 novembre 99 Direzione Generale del Commercio Delle Assicurazioni e dei Servizi Div. II Agli UU.PPI.CA LORO SEDI Prot. n. 530971 All.: n. 1 E, p.c. UNIONCAMERE P.zza Sallustio, 21 00187 R O M A

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/066/CR08/C4

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/066/CR08/C4 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/066/CR08/C4 DOCUMENTO SULLE POLITICHE ABITATIVE Il presente documento costituisce un primo risultato delle riflessioni avviate dalle Regioni e rappresenta

Dettagli

SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE REGIONI ORDINARIE

SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE REGIONI ORDINARIE SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE REGIONI ORDINARIE Sentenza N. 299 del 19 dicembre 2012 Materia: Concorrenza, livello essenziale delle prestazioni e commercio Giudizio: Legittimità costituzionale in

Dettagli

LA DIFESA DEL CITTADINO NELL ESPROPRIAZIONE PER P.U.

LA DIFESA DEL CITTADINO NELL ESPROPRIAZIONE PER P.U. LA DIFESA DEL CITTADINO NELL ESPROPRIAZIONE PER P.U. 1 APPOSIZIONE DEL VINCOLO PREORDINATO ALL ESPROPRIO E COMUNICAZIONE DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO La questione... 1 Analisi dello scenario... 2 Inquadramento

Dettagli

Riferimenti normativi

Riferimenti normativi DIRIGENTE d.ssa Maria Lucia Pilutti DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 875 DEL 28.08.2014 OGGETTO: DPREG. 073/Pres. DEL 22/04/2014 : CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI FINALIZZATO

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2048 del 03 NOV. 2014 pag. 1/7

ALLEGATO A Dgr n. 2048 del 03 NOV. 2014 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2048 del 03 NOV. 2014 pag. 1/7 BANDO PER LACONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER INTERVENTI DI VALORIZZAZIONE, CONSERVAZIONE E RESTAURO DI EDIFICI,

Dettagli

Piano egov 2012: gli obiettivi

Piano egov 2012: gli obiettivi Il piano egov 2012 - obiettivo salute - Paola Tarquini Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione tecnologica Ufficio Studi e progetti per l innovazione

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE VIII RAPPORTI TRA DIRITTO COMUNITARIO E DIRITTO DEGLI STATI MEMBRI PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 L adattamento Dell ordinamento Italiano Al Diritto

Dettagli

Avviso per lo sviluppo delle PMI Campane - Misura Tranched Cover attraverso finanziamenti erogati da Banca Popolare di Bari S.c.p.A.

Avviso per lo sviluppo delle PMI Campane - Misura Tranched Cover attraverso finanziamenti erogati da Banca Popolare di Bari S.c.p.A. Avviso per lo sviluppo delle PMI Campane - Misura Tranched Cover attraverso finanziamenti erogati da Banca Popolare di Bari S.c.p.A. P.O. FESR Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 2.4 Credito e Finanza

Dettagli

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra Allegato A alla delibera avente per oggetto: Piano nazionale di edilizia abitativa. D.P.C.M. 16 luglio 2009. Accordo di Programma tra il Ministero delle Infrastrutture e i Trasporti e la Regione Piemonte

Dettagli

Protocollo d'intesa tra. II Ministero per i beni e le attività culturali e La Regione Toscana

Protocollo d'intesa tra. II Ministero per i beni e le attività culturali e La Regione Toscana Protocollo d'intesa tra II Ministero per i beni e le attività culturali e La Regione Toscana Visti: gli articoli 5, 9, 117 e 118 della Costituzione; il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 recante

Dettagli

Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria

Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria 9 Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria 9.1. Gli investimenti strutturali per la riqualificazione dell offerta sanitaria Le politiche di zione degli investimenti pubblici dedicati al patrimonio

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. L.R. 11/2011, art. 2, c. 96 B.U.R. 25/01/2012, n. 4 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di finanziamenti a condizioni

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa Relazione illustrativa Schema di DPCM ai sensi del comma 10-ter dell art.2 del Dl 95/2012 Riorganizzazione del MIBACT 1. Le ragioni della riforma 1.1. L attuazione delle misure di

Dettagli

IL CIPE. VISTO il decreto legislativo 20 agosto 2002 n. 190, attuativo dell art. 1 della menzionata legge n. 443/2001;

IL CIPE. VISTO il decreto legislativo 20 agosto 2002 n. 190, attuativo dell art. 1 della menzionata legge n. 443/2001; LEGGE N. 443/2001 PRIMO PROGRAMMA DELLE OPERE STRATEGICHE SCHEMI IDRICI REGIONE BASILICATA - OPERE PER L INTEGRAZIONE DELLE CONDOTTE MAESTRE, DELLE DIRAMAZIONI, DEI SERBATOI E DEL COMPLETAMENTO DELLE RETI

Dettagli

LINEA INTERREGIONALITA Azioni di studio, scambio e networking. Laboratorio

LINEA INTERREGIONALITA Azioni di studio, scambio e networking. Laboratorio PON Governance e Assistenza tecnica (FESR) 2007-2013 Obiettivo 1 Convergenza - Azioni mirate di rafforzamento della governance multilivello e delle filiere di attuatori dei programmi operativi Linea 2.

Dettagli