IUC Imposta unica comunale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IUC Imposta unica comunale"

Transcript

1 IUC Imposta unica comunale - - IMU e TASI sino a quando? - - Rimini, 18 novembre

2 LA NUOVA FISCALITA LOCALE IUC: TARI TASI - IMU LEGGE DI STABILITA 2014: L n. 147 c. 639 e successivi- Altri interventi normativi 2

3 in corso d anno: D.L n. 16 (conv. L n. 68) D.L n. 47 (conv. L N. 80) D.L n. 66 (conv. L n. 89*) D.L n. 88 (non convertito ma norme TASI in L. n. 89/2014*) 3

4 D.L. n. 16/2014 ( conv. L. 68/2014) Numerosi interventi correttivi delle norme IUC introdotte dalla legge di stabilità Per IMU:riassetto sistematico della disciplina d imposta ( D Lgs 23/2011 artt. 8 e 9- D.L. 201/2011 art. 13, L. 147/2013) Per TASI:correttivi e integrazioni di rilievo che hanno colmato vuoti normativi, dubbi interpretativi ed applicativi (ed anche interrogativi in punto di legittimità) 4

5 D.L. n. 47/2014 (conv. L. 80/2014) ( art.9 bis l. conversione) Per IMU: equiparazione all abitazione principale iscritti AIRE: a partire dal 2015 di una ed una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti AIRE, già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, (posseduta) a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia non locata o data in comodato d uso Per Tari e TASI: riduzione di 2/3 ( ricorrendo le condizioni di cui sopra) 5

6 effetti conseguenti Equiparazione ex lege (con ambito più circoscritto) con effetti dal 2015 Soppressione testuale immediata (in corso d anno!!!) della potestà regolamentare già prevista in materia Effetti sul 2014: Assenza di potestà regolamentare? Salvaguardia principio dell annualità obbligazione tributaria? 6

7 effetti conseguenti Soluzioni entrambi sostenibili, rammentando che all effetto oggettivo della soppressione testuale immediata, si affianca la previsione dello statuto del contribuente art. 3 c.1 l. 212/2000- Relativamente ai tributi periodici le modifiche introdotte si applicano solo a partire dal periodo d'imposta successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore delle disposizioni che le prevedono. tuttavia chi avesse deliberato dopo entrata in vigore legge di conversione DL 47/ 14 non avrebbe più potuto invocare la norma soppressa. 7

8 D.L.n. 66/2014 e L. n.89/2014 di conversione (art. 22 c. 2 testo convertito) IMU: esenzione terreni a immutabile destinazione agrosilvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile che non ricadano in zone montane o di collina rideterminazione con decreto MEF di concerto con Min. Politiche agricole alimentari e forestali e Min. Interno dei comuni cui si applica dal 1 genn l esenzione terreni montani ex art. 7 c. 1 lett.h D. Lgs. 504/ 92* diversificando fra terreni posseduti da CD e IAP doppio requisito: oggettivo e soggettivo ( art. 22 c. 2. DL 66/2014 testo convertito- (*) già DL 16/ 12) 8

9 segue:imu - esenzione usi civici L introduzione del requisito soggettivo - conduzione diretta CD o IAP - oltre a quello oggettivo della ubicazione in territorio montano comporterà che il soggetto giuridico proprietario del terreno ad uso civico in territorio montano NON godrà di esenzione. >Difetto di coordinamento normativo< >Riflessi sul gettito in caso di ritardo nella emanazione del DM< 9

10 D.L. 88/2014 (art. 1) L. 89/2014 di conv. DL66/ art. 4 c. 12 quater - TASI: Modifiche al comma 688 legge di stabilità in materia di scadenze di versamento TASI e quantificazione del tributo, in relazione alla data di pubblicazione delibere comunali. 10

11 IUC: il punto ( i commi citati si riferiscono alla legge di stabilità 2014) C.639: - istituzione - presupposti impositivi: 1. Possesso di immobili, collegato a natura e valore: IMU esclusa l abitazione principale (non di lusso) 2. Erogazione e fruizione servizi comunali: TARI TASI c. 640: IMU + TASI non sup. IMU 2013 (salva possibilità aumento 0,8% con detrazioni per ab. Principale - c. 677) 11

12 IMU (DL 201/2011 art. 13) 12

13 IMU c. 707: art. 13 DL 201/2011 vigente: lett. a: rimosso limite temporale del 2014 per la sperimentazione imposta a regime dal 2014 lett. b: - esclusa per ab principale e pertinenze - dovuta per abit. di lusso (A/1, A/8, A/9) 13

14 IMU - equiparazioni ab. principale lett. b: - equiparazioni ab. principale su base regolamentare: anziani e disabili in casa di riposo residenti all estero (v. DL 47/ 14 art. 9 bis) ex lege dal 2015 comodato a parenti 1 gr. ( disciplina: limite quota rendita di 500 o nucleo fam. con ISEE non sup a annui, per una sola unità imm) 14

15 IMU - equiparazioni ab. principale equiparazioni ex lege: immobili coop edilizia a propr. indivisa adibiti ad abit. principale assegnatari (già equiparaz. da 1 luglio D.L. 102/ 13*) alloggi sociali dal 2014 ( DM Infrastrutture già previsto anche da D.L.102/ 13*) casa coniugale assegnata al coniuge a unico immobile pers. forze dell ordine ove non sono richieste residenza e dimora (già equiparaz. da 1 luglio D.L.102/ 13*)

16 segue pertanto: stesso regime ab. principale (non soggette a IMU ) le abitazioni di lusso pagano con aliquota ridotta per ab. principale - - Per le equiparazioni ex lege, da ricordare che: L art. 13 c. 2 testualmente dispone che l IMU non si applica, altresì: ingenerando il dubbio che si tratti di esenzioni o esclusioni oggettive piuttosto che di equiparazioni ex lege, con seri dubbi in punto di rispetto artt. 3 e 53 cost.. La questione è risolta a favore della equiparazione ex lege dal comma 677 l. stab. che in tema di Tasi -aliquote e agevol. per ab principale- propone unico richiamo a tutte le fatt. equiparate di cui all art. 13 c. 2 dl 201/

17 IMU - nuove esenzioni c. 708: rurali strumentali - esenzioni introdotte dal DL 102/2013*: fabbricati invenduti e non locati delle imprese di costruzione (non dovuta IMU dal 1 luglio 2013 esenzione dal 2014) (Ris. N. 11/DF del : anche fabbr. ristrutturati) immobili destinati alla ricerca scientifica (dal entra nel testo art. 7 c. 1 lett. i) D Lgs 504/92) 17

18 Agevolazioni DL 102/2013* da ricordare che tutte le agevolazioni previste dall art.2 DL 102/ 13 sono soggette ad obbligo dichiarativo a pena di decadenza entro il termine ordinario per la presentazione delle dichiarazioni IMU (art. 2 c. 5 bis dl 102/ 13) NO ravvedimento 18

19 per memoria: DL 102/13, art 2 Fattispecie con obbligo dichiarativo a pena di decadenza per: Beni merce (Imu non dovuta dal 1 luglio esenz dal 2014) Alloggi regolarmente assegnati da IACP ed enti erp con stesse finalità (detr ab princ) Immobili per ricerca scientifica ( esenz. dal 2014) Coop propr. indivisa- imm. assegnati ai soci (equipar.ab pric. dal 1 luglio 2013) Alloggi sociali ( equip. dal 2014) Forze armate ( non richieste dimora e residenza dal 1 luglio 2013) 19

20 Enti non commerciali: adempimentiesenzioni c. 719 e c. 687: Adempimenti IMU - TASI: Dichiarazione esclusivamente in via telematica per annualità IMU 2012 e 2013: scadenza 30 settembre 2014 prorogata al entro 30 novembre 2014 (con DM 23 sett 2014) attivazione canali telematici dal 21 ottobre 2014 (!) A regime: entro 30 giugno anno successivo (c. 720:per altri sogg. passivi, possibilità di dichiarazione telematica) 20

21 Enti non commerciali: adempimentiesenzioni c. 721 Versamento IMU: >solo con F24 >in tre rate: > 1^ e 2^: ciascuna 50% imposta anno prec. > 3^ a conguaglio il 16 giugno anno succ.con eventuale compensazione Versamento Tasi: >nessuna regola particolare rate ordinarie? -riflessioni 21

22 D.M. 200/2012: Art.3 - requisiti generali a) divieto distribuzione utili 1. Le attivita' istituzionali sono svolte con modalita' non commerciali quando l'atto costitutivo o lo statuto dell'ente non commerciale prevedono: a) il divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili e avanzi di gestione nonche' fondi, riserve o capitale durante la vita dell'ente in favore di amministratori, soci, partecipanti, lavoratori o collaboratori, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge, ovvero siano effettuate a favore di enti che per legge, statuto o regolamento, fanno parte della medesima e unitaria struttura e svolgono la stessa attivita' ovvero altre attivita' istituzionali direttamente e specificamente previste dalla normativa vigente; 22

23 DM 200/2012 art. 3: requisiti generali b) Obbligo reinvestimento utili b) l'obbligo di reinvestire gli eventuali utili e avanzi di gestione esclusivamente per lo sviluppo delle attivita' funzionali al perseguimento dello scopo istituzionale di solidarieta' sociale; c) devoluzione del patrimonio c) l'obbligo di devolvere il patrimonio dell'ente non commerciale in caso di suo scioglimento per qualunque causa, ad altro ente non commerciale che svolga un'analoga attivita' istituzionale, salvo diversa destinazione imposta dalla legge. 23

24 La condizione di possesso e utilizzo La corte costituzionale ( sentt. n. 429/2006 e n. 19/ 2007) e la corte di cassazione (C. Cass. n del 2003, n e del 2005, n del 2006, nonché SS.UU. n del 2008, C. Cass. nn e 21330/2008, C. Cass. n. 7385/2012 e n, 3843/2013), hanno confermato la necessità della coincidenza possesso utilizzo come presupposto necessario per l esenzione. 24

25 La posizione del MEF Il MEF: con risoluzione n. 4/2013 ammette l esenzione anche in caso di comodato gratuito ad altro ente non comm.le per lo svolgimento di una delle attività di cui all art. 7 lett. i) D Lgs 504/92, in ragione della assenza di reddito a favore del concedente MA 25

26 La Corte di cassazione si è già espressa in senso contrario su caso analogo: In particolare si segnalano: Sentt. n ,22202, 22203, e del 7 agosto 2008 ove la Corte ha ritenuto doversi escludere l'esenzione per i beni immobili non direttamente utilizzati per lo scopo istituzionale, indipendentemente dalla natura, gratuita od onerosa, con la quale ne risultasse ceduto ad altri l'utilizzo. 26

27 Da segnalare che IMU alla Chiesa, la Ue riapre il caso Ammesso dalla Corte di giustizia un ricorso che punta a recuperare le somme non pagate dagli enti ecclesiastici nel periodo di "fiscalità agevolata" dichiarato illegittimo nel 2012 (da: La Repubblica - 05 Novembre 2014) 27

28 Esenzioni: IMU TASI a confronto Esenzioni Imm. Stato ed altri enti pubblici indicati, per attività istituzionali IMU SI - rif. art. 9 c. 8 D Lgs 23/2011 TASI SI- c. 669 Rifugi alpini non cust., punti appoggio, bivacchi NO SI c. 669 Art. 7 c. 1 d. lgs. 504/ 92 esenzioni ICI: -esenz. lett.i): enti non comm.li uso promiscuo (art. 91 bis DL 1/ 12) fondazioni bancarie SI per fattispecie lett. b,c,d,e,f,h,i SI NO mai esenti anche se requisiti SI per fattispecie lett.b,c,d,e,f,i SI Esenti Solo con requisiti l. i) 28

29 esenzioni: IMU TASI a confronto Esenzioni IMU TASI Rurali strumentali SI dal 2014 c.708 NO (aliq. Max 1% ) Beni merce invenduti imprese costruzione Terreni propr. collettiva (usi civici) ex art. 22 c.2 DL 66/2014 SI art. 13 c. 9 bis DL 201/2011 introd. da DL 102/2013 già soppressa 2^ rata 2013 SI NO NO 29

30 Il Funzionario Responsabile IUC c.693 e c. 694 Può: -inviare questionari -chiedere dati e notizie a uff pubblici o enti di gestione serv pubblici, in esenzione da spese e diritti -disporre accesso ai locali ed aree soggette a tributo con personale autorizzato e preavviso almeno 7 gg Se manca collaborazione o altro impedimento a diretta rilevazione: acc.to su presunzioni semplici ( art cc) 30

31 (c. 692) Il Funzionario Responsabile IUC Ha la rappresentanza in giudizio per le controversie relative al tributo stesso (norma speciale che prevale sull art. 11 c. 3 d. lgs. 546/ 97) (c. 703): l istituzione della IUC lascia salva la disciplina per l applicazione dell IMU : >riflessioni< (non più obbligo di invio al MEF delibera di designazione Ris. n.7812/2014 DEL ) 31

32 Sanzioni IUC c. 695: omesso o insuff. Versamento: art. 13 d. lgs 471/97 = 30% (con 2% per giorno di ritardo sino a 15 gg) c. 696: omessa dichiarazione: dal 100% al 200% con minimo di 50 c. 697: infedele dichiarazione: dal 50% al 100% con minimo di 50 (era già presente in Tares) 32

33 Sanzioni IUC c. 698: mancata, infedele risposta a questionari entro 60 gg dalla notifica: da 100 a 500 (già così in Tares, altri tributi da a ) - c. 699: sanzioni ridotte a 1/3 per acquiescenza del contrib. entro il termine per ricorrere, con versamento di tributo, sanzioni e interessi (anche per sanzioni relative a mancata infedele risposta a questionari; specialità della norma) 33

34 sanzioni tributarie irrogazione - D. Lgs n. 472/1997 testo vigente- (Modifiche apportate da art. 23 c. 29 l. b) DL 98/2011) Art. 17. Irrogazione immediata 1. In deroga alle previsioni dell articolo 16, le sanzioni collegate al tributo cui si riferiscono sono irrogate, senza previa contestazione e con l'osservanza, in quanto compatibili, delle disposizioni che regolano il procedimento di accertamento del tributo medesimo, con atto contestuale all'avviso di accertamento o di rettifica, motivato a pena di nullità. ( omissis) >conseguenze 34

35 Altre norme IUC c. 701:per quanto non previsto, si applicano norme dell art. 1 commi da 161 a 170 l. 296/ finanziaria anno (specialità delle norme prima viste) - c.702: conferma della potestà regolamentare art. 52 D Lgs 446/

36 IMU e TASI: criticità questioni particolari dubbi interpretativi 36

37 Il MEF e i Comuni: diversità di posizioni Aree fabbricabili a conduzione diretta aree fabbricabili a conduzione diretta CD e IAP iscritti alla previdenza agricola presupposto impositivo = terreno agricolo in caso di: MA - proprietà e conduzione di soc. agricole IAP? - comproprietà: presenza di requisiti solo su alcuni comproprietari? 37

38 il MEF e i Comuni MEF: Circ. n. 3/2012 1) Ritiene sufficiente che uno solo dei possessori abbia i requisiti di conduzione diretta per qualificare in via oggettiva l area fabbricabile come terreno agricolo per tutti i possessori criticità: contrasto con principi costituzionali di parità di trattamento e capacità contributiva 2) Ammette tutte le società IAP al beneficio non si comprende la valenza del requisito di iscrizione alla previdenza agricola 38

39 possesso e conduzione diretta terreni agricoli: le agevolazioni 1) I soggetti Terreni agricoli e non coltivati, posseduti e condotti da CD e IAP iscritti nella previdenza agricola, il moltiplicatore e' pari a 75 (art d lgs 201/2011) 2) Le riduzioni e il loro riparto Terreni agricoli posseduti e condotti da CD e IAP di cui all'articolo 1 del d. lgs. n.99/ 04, soggetti ad IMU per la parte di valore oltre e con riduzioni dell imposta del 70%, 50%..., 25% 39

40 MEF e Comuni: le diverse posizioni 1)I soggetti: Il MEF- Circ. n. 3/2012: Non più richiamato art. 59 D Lgs 446/1997 Richiamo art. 1, c. 3, D Lgs 99/2004 (che detta i requisiti per la qualificaz. di IAP) ammesse anche le società con requisiti IAP ( e l iscrizione previdenza agricola va riferita al socio o amm.re che attribuiscono qualifica IAP alla società) 40

41 MEF e Comuni: le diverse posizioni 2) Il riparto delle riduzioni: -agev. soggettive - soggetto che conduce( = con requisiti) più terreni: spettanza in proporzione al valore, al periodo d anno e alla quota di possesso dei vari terreni -più comproprietari, ma unico possessore che conduce: riduzioni per intero al conduttore -tutti i comproprietari che conducono:riparto proporzionale a quota possesso -solo alcuni dei comproprietari conducono: riparto proporzionale a quota possesso dei soli conduttori 41

42 MEF e Comuni: le diverse posizioni I Comuni: le criticità 1) I soggetti: è dubbio il significato da attribuire al requisito della iscrizione alla previdenza agricola ( le società non sono iscritte) 2) Il riparto delle riduzioni: le soluzioni del MEF applicano criteri diversi che non assicurano parità di trattamento a contrario, il riparto o la attribuzione pro-quota di possesso assicura parità e rispetto principio capacità contributiva e non è precluso dal testo normativo 42

43 MEF e Comuni: le diverse posizioni 3) il MEF: la conduzione diretta non viene meno in caso di società di persone costituita da CD o IAP ai fini della conduzione stessa (art. 9 d lgs 228/2001) l apprezzamento delle (sole) società di persone IAP potrebbe essere la soluzione per ampliare, ma entro precisi limiti, la individuazione dei possessori ammessi alle agevolazioni agricole? - - Sarebbe necessario un intervento legislativo. 43

44 La soggettività passiva del coniuge assegnatario IMU: DL 16/2012 art. 4 c.12-quinquies: Ai soli fini dell'applicazione dell'imposta municipale propria l'assegnazione della casa coniugale al coniuge, disposta a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, si intende in ogni caso effettuata a titolo di diritto di abitazione. TASI: nessuna norma speciale, nessun richiamo a norma IMU. 44

45 (FAQ n. 22) il MEF: Faq 4 giugno 2014 Nel caso di unità immobiliare assegnata dal giudice della separazione, il coniuge assegnatario è considerato ai fini IMU come titolare di un diritto di abitazione; pertanto, in quanto titolare di un diritto reale, è soggetto passivo del tributo. La stessa conclusione vale anche per la TASI? 45

46 il MEF: Faq 4 giugno 2014 Risposta: Si conferma che lo stesso principio si applica anche alla TASI. In tal caso, il coniuge è titolare del diritto di abitazione e, indipendentemente dalla quota di possesso dell immobile, è il solo che paga la TASI con l aliquota e la detrazione, eventualmente prevista, per l abitazione principale. >contrasto normativo evidente< ( ancora il Mef: Se, invece, la casa assegnata fosse in locazione la TASI deve essere calcolata dal proprietario con l aliquota prevista dal Comune per gli immobili diversi dall abitazione principale e l importo ottenuto verrà pagato in parte dal proprietario e in parte dal locatario, in base alle quote deliberate dal Comune.) 46

47 ICI - IMU fabbricato/area fabbricabile Definizione del presupposto: (Art. 2 c. 1 lett. a D Lgs 504/ 92) per fabbricato si intende l unità immobiliare iscritta o che deve essere iscritta nel catasto edilizio urbano il fabbricato di nuova costruzione è soggetto all imposta a partire dalla data di ultimazione dei lavori di costruzione ovvero, se antecedente, dall data in cui è comunque utilizzato 1) accatastamento: ha valenza costitutiva del presupposto fabbricato ; esclude ogni altra necessità di requisito ( SS.UU /09) In assenza di accatastamento soccorrono: 2) - ultimazione dei lavori ( ma non necessariamente quella data all uff. edilizia del comune) 2.1) - l utilizzo 47

48 da ricordare che per la qualificazione del presupposto area fabbricabile in relazione all inizio lavori (art. 5 c. 6 d lgs 504/92) il Consiglio di Stato con sent. n. 3823/2013 ha ritenuto che l inizio dei lavori può ritenersi sussistente quando le opere intraprese siano tali da evidenziare l effettiva volontà di realizzare l opera Non bastano la recinzione, il cartello dei lavori, né il semplice sbancamento del terreno e la predisposizione degli strumenti e materiali da costruzione Occorre una manifesta messa a punto dell organizzazione del cantiere con altri indizi che dimostrino il reale proposito di proseguire i lavori sino alla loro ultimazione. 48

49 ICI-IMU-TASI area fabbricabilecessione di cubatura CTR Milano n. 4569/64/14 (del 9 luglio 2014 dep 11 sett. 2014) nella cessione di cubatura si è in presenza di una fattispecie a formazione progressiva in cui confluiscono, sul piano dei presupposti, dichiarazioni private nel contesto di un procedimento di carattere amministrativo; a determinare il trasferimento di cubatura, tra le parti e nei confronti del terzi, é esclusivamente il provvedimento concessorio, discrezionale e non vincolato, che, a seguito della rinuncia del cedente, può essere emanato dall'ente pubblico a favore del cessionario, non essendo configurabile tra le parti un contratto traslativo (Cass. Sez. 2, Sentenza n del 24/09/2009, Rv ; v. anche Cons. Stato, Sez. 5, Sentenza n del 28/06/2000). 49

50 IMU TASI nel fallimento IMU (come ICI): art. 10 c. 6 D lgs 504/ 92 (richiamato in IMU da art. 9 c. 7 d Lgs 23/2011) Per gli immobili compresi nel fallimento o nella liquidazione coatta amministrativa il curatore o il commissario liquidatore, entro novanta giorni dalla data della loro nomina, devono presentare al comune di ubicazione degli immobili una dichiarazione attestante l'avvio della procedura. Detti soggetti sono, altresi', tenuti al versamento dell'imposta dovuta per il periodo di durata dell'intera procedura concorsuale entro il termine di tre mesi dalla data del decreto di trasferimento degli immobili. 50

51 IMU TASI nel fallimento TASI: Nessuna norma Altri tributi comunali sono sprovvisti di norma speciale Come fare? 51

52 quesito al MEF In caso di fallimento e liquidazione coatta amministrativa, i tributi comunali ICI e IMU sono assistiti da norma speciale (art. 10 c. 6 d lgs 504/92). Nei tributi di recente istituzione, TASI e TARI, così come già per TARES, ICP, TOSAP - e in via generale per tutti i tributi comunali diversi da ICI e IMU non è prevista alcuna disposizione particolare in materia. tenuto conto delle disposizioni recate dall art. 44 L.F., che dispone la inefficacia dei pagamenti eseguiti dal fallito dopo la dichiarazione di fallimento e delle disposizioni recate dall art. 51 L.F., che vieta le azioni esecutive e cautelari individuali dal giorno della dichiarazione di fallimento, si chiede se sia da ritenersi corretto qualificare come crediti prededucibili a norma degli artt. 111 e 111 bis della L.F. i crediti tributari (sforniti di norma speciale in materia) che maturano a favore del Comune in corso di procedura Una diversa soluzione, a parere dello scrivente, parrebbe in difficile equilibrio con il principio costituzionale della indisponibilità dell obbligazione tributaria, di cui all art. 23 cost.. 52

53 Questioni aperte: altri quesiti al MEF Errori di versamento: indicazioni operative - - (Quesito posto al Direttore Direz. Legisl. Trib. e federalismo fiscale Dott. Paolo Puglisi) - - Con riferimento agli adempimenti di comunicazione previsti dai commi della legge di stabilità 2014, e principalmente per le attività di rimborso ai contribuenti di quote statali erroneamente versate a titolo di IMU o altri tributi locali, per i quali il comune abbia già riconosciuto la spettanza anche per la parte a carico dello Stato, dato che il comma 724 individua il Ministero dell'economia e delle finanze quale soggetto cui effettuare le segnalazioni, oltre al Ministero dell'interno, che tuttavia, con comunicato del 21 maggio 2014, ha ritenuto "che nelle more dell adozione del decreto di cui al comma 4 dell art. 1 del ripetuto decreto legge n. 16 del 2014, anche ai fini di una semplificazione e razionalizzazione della procedura nonché di riduzione dei costi, l obbligo di comunicazione da parte dell ente locale previsto dal citato art. 1, commi da 723 a 727, della richiamata legge 147 del si riterrà assolto con il solo invio al Ministero dell economia e delle finanze 53

54 Errori di versamento- quesito SI CHIEDE 1) quale sia il corretto indirizzo cui inviare le comunicazioni sin da ora, 2) se, al contrario, si debbano comunque attendere le indicazioni operative di cui al decreto previsto dal DL 16/2014 art. 1 c. 4., anche in caso di diritto al rimborso a favore del contribuente, già riconosciuto dal comune in esito all'attività istruttoria ( c. 724 legge di stabilità). 54

55 Cooperative edilizie a proprietà indivisaquesito Quesito posto al Direttore Direz. Legisl. Trib. e federalismo fiscale (Dott. Paolo Puglisi) Ai fini IMU, l art. 13 c. 2 DL 201/2011 equipara all abitazione principale le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari. L assegnazione in godimento a tempo indeterminato dell alloggio al socio assume pertanto la stessa valenza fiscale della fattispecie di assegnazione da parte della cooperativa a proprietà divisa, ove il socio acquisisce la proprietà del bene. Nel caso in cui lo statuto della cooperativa preveda un attività mista, che comprende anche assegnazioni al socio a tempo determinato, si dubita che a tali fattispecie possa riconoscersi l equiparazione ex lege in argomento, pur permanendo la connotazione giuridica di assegnazione in godimento (al socio) prevista dalla norma citata e non di contratto di locazione. 55

56 Cooperative edilizie a proprietà indivisaquesito Si chiede conferma della correttezza di una soluzione che limiti la equiparazione ad abitazione principale alle sole assegnazioni a tempo indeterminato. 56

57 Da ricordare: sospensione termini di versamento DM 20 Ott (zone alluvionate) 1. Nei confronti delle persone fisiche, anche in qualita' di sostituti d'imposta, che alla data del 10 ottobre 2014, avevano la residenza ovvero la sede operativa nel territorio dei comuni di cui all'elenco riportato nell'allegato A al presente decreto, sono sospesi i termini dei versamenti e degli adempimenti tributari,inclusi quelli derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione, scadenti nel periodo compreso tra il 10 ottobre e il 20 dicembre Non si fa luogo al rimborso di quanto gia' versato. 57

58 DM 20 Ott Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano, altresi', nei confronti dei soggetti, anche in qualita' di sostituti d'imposta diversi dalle persone fisiche, aventi la sede legale o la sede operativa nel territorio dei comuni di cui al comma 1. 3 omissis 4 Con successivo decreto del Ministro dell'economia e delle finanze sono stabilite le modalita' di effettuazione degli adempimenti e dei versamenti di cui al comma 1. 58

59 Temi vari - contributo della giurisprudenza 59

60 Notifiche atti tributari Notifica per posta : L. 296/2006 art. 1 c. 161: Gli enti locali, relativamente ai tributi di propria competenza, procedono alla rettifica delle dichiarazioni incomplete o infedeli o dei parziali o ritardati versamenti, nonché all'accertamento d'ufficio delle omesse dichiarazioni o degli omessi versamenti, notificando al contribuente, anche a mezzo posta con raccomandata con avviso di ricevimento, un apposito avviso motivato. 60

61 Notifiche atti tributari segue La giurisprudenza: C. Cassazione sez. VI, Sent n Notificazioni a mezzo posta: nel caso di servizio di posta privato, gli agenti postali non rivestono la qualità di pubblici ufficiali. Le loro attestazioni relative alla consegna del plico non godono di nessuna presunzione di veridicità fino a querela di falso, prerogativa, al contrario, riferibile all avviso di ricevimento della raccomandata a mezzo del servizio postale universale, e, cioè, di Poste Italiane. 61

62 Notifiche atti tributari segue C. Cass. sez. VI^ - Ord. n / 14 nel caso la parte si avvalga della facoltà di notificare gli atti tramite posta, ricorrendo all'invio del plico con "raccomandata con avviso di ricevimento", non può affidare i connessi adempimenti ad una agenzia privata di recapito, dovendo ritenersi che il Legislatore, il quale ha escluso dal processo di liberalizzazione dei servizi "gli invii raccomandati attinenti alle procedure amministrative e giudiziarie", abbia inteso fare esclusivo riferimento al cosiddetto servizio postale universale fornito dall'ente Poste su tutto il territorio nazionale, con la conseguenza che, l'eventuale affidamento delle incombenze della notificazione a soggetti diversi da quelli espressamente indicati dalla legge, non è conforme alla prescritte formalità e, pertanto, non è idoneo al perfezionamento del procedimento notificatorio 62

63 Notifiche atti tributari segue alcune considerazioni in successione: 1) La notificazione dell atto amm.vo di imposizione tributaria è condizione integrativa dell efficacia dell atto stesso e non requisito di giuridica esistenza e di perfezionamento dell atto, che non viene per nulla compromessa (C. Cass /2012, 4760/2009/19854/2004 ) 2) Ove la notificazione può essere eseguita, anche mediante invio di raccomandata con avviso di ricevimento in tale ipotesi la legge non prevede la redazione di alcuna relata di notifica (Cass. civ. Sez. V, Ord., , n e altre) 63

64 Notifiche atti tributari segue 3) l'inesistenza della notificazione, come tale insuscettibile di sanatoria, è configurabile SOLO quando essa manchi totalmente oppure quando l'attività compiuta esca completamente dallo schema legale del procedimento notificatorio, essendo stata effettuata in modo assolutamente non previsto dalla normativa 4) mentre casi diversi di irregolarità si prospettano come nullità della notifica (che) deve ritenersi sanata, per il raggiungimento dello scopo della notifica ( con la proposizione di una tempestiva e rituale opposizione ) (Cass. civ. Sez. V, Ord., , n e altre) 64

65 Conseguenze: Notifiche atti tributari segue Le scelte operative dovranno tener conto del grado di affidabilità della modalità di notifica, ove i termini di decadenza dell attività di accertamento potrebbero compromettere la rinnovazione tempestiva della notifica con altre modalità. 65

66 Notifiche atti tributari segue Le attese: notifica a mezzo pec -non è ancora prevista per gli atti di accertamento dei tributi locali, anche se tale modalità si sta sempre più affermando -la pec andrebbe comunque desunta dagli elenchi ufficiali (INI-pec) - sito del min. sviluppo economico l utilizzo anticipato di tale modalità di notifica/comunicazione potrà essere utilizzata per atti quali avvisi bonari (es. di pagamento TARI) o comunicazioni soggette a tracciabilità diverse dagli acc.ti se impropriamente utilizzata per avvisi di accertamento, in caso di mancato pagamento occorrerà rinnovare la notifica nei modi di legge, prima di iscrivere a ruolo o emettere ingiunzione fiscale. 66

67 Le SS.UU. sulla iscrizione di ipoteca e molto altro C. Cass. SS.UU n : L iscrizione di ipoteca non preceduta dalla comunicazione al contribuente è nulla per violazione dell obbligo di attivare il contraddittorio endoprocedimentale mediante la preventiva comunicazione al contribuente. 67

Comune di Empoli Provincia di Firenze. Imposta Unica Comunale IUC Regolamento per la disciplina del tributo sui servizi indivisibili TASI

Comune di Empoli Provincia di Firenze. Imposta Unica Comunale IUC Regolamento per la disciplina del tributo sui servizi indivisibili TASI Comune di Empoli Provincia di Firenze Imposta Unica Comunale IUC Regolamento per la disciplina del tributo sui servizi indivisibili TASI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del..2014 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE Allegato alla Deliberazione Consiliare.., n. TITOLO I Art. 1 Oggetto del Regolamento Finalità ed Ambito di applicazione Il presente regolamento, adottato

Dettagli

FAQ IMU/TASI PROBLEMI APPLICATIVI DI CARATTERE GENERALE

FAQ IMU/TASI PROBLEMI APPLICATIVI DI CARATTERE GENERALE FAQ IMU/TASI Di seguito vengono messe a disposizione le risposte ad alcune domande frequentemente poste all amministrazione finanziaria da contribuenti, operatori professionali e dai soggetti che realizzano

Dettagli

TASI TRIBUTO COMUNALE PER I SERVIZI INDIVISIBILI

TASI TRIBUTO COMUNALE PER I SERVIZI INDIVISIBILI COMUNE DI ANCONA TASI TRIBUTO COMUNALE PER I SERVIZI INDIVISIBILI GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PER L ANNO 2014 1 - Cos è la TASI pag. 2 2 - Presupposto d imposta e soggetti passivi pag. 2 3 - Definizione di

Dettagli

COMUNE DI ODALENGO PICCOLO

COMUNE DI ODALENGO PICCOLO COMUNE DI ODALENGO PICCOLO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento, finalità ed ambito di applicazione Art.

Dettagli

La dichiarazione IMU

La dichiarazione IMU La dichiarazione IMU Fonti legislative: art. 10, comma 6, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504; art. 9, comma 6, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23; art. 13, comma 12ter, del decreto

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI)

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI) COMUNE di MARRADI CITTA METROPOLITANA DI FIRENZE Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 50 del 22.07.2015 INDICE ART.

Dettagli

Comune di Benevento SETTORE FINANZE SERVIZIO ENTRATE

Comune di Benevento SETTORE FINANZE SERVIZIO ENTRATE Comune di Benevento SETTORE FINANZE SERVIZIO ENTRATE LA DICHIARAZIONE IMU FONTI LEGISLATIVE: art. 10, comma 6, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504 art. 9, comma 6, del decreto legislativo

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI GROTTE DI CASTRO (Provincia di VITERBO) IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.

Dettagli

Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale. Componente TASI

Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale. Componente TASI COMUNE DI FORNO CANAVESE PROVINCIA DI TORINO Piazza Vittorio Veneto n 1 Regolamento per la disciplina dell Imposta Unica Comunale Componente TASI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 23 del

Dettagli

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO COMUNE DI BAREGGIO Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO Con la legge di Stabilità 2014 (L. 147 del 27/12/2013) è stata istituita, con decorrenza 1 gennaio 2014, la I.U.C. (Imposta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE Provincia di Treviso Via Roma 2 31010 Cimadolmo c.f. 80012110260 p.iva 00874820269 Area finanziaria amministrativa SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Approvato

Dettagli

IUC 2015 - Imposta Unica Comunale

IUC 2015 - Imposta Unica Comunale IUC 2015 - Imposta Unica Comunale Aggiornamento 04/06/2015 Dal 1 Gennaio 2014 con la normativa introdotta dalla Legge di stabilità ( Legge 147/2013) è stata istituita la IUC, la nuova Imposta Unica Comunale.

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI ACQUAPENDENTE (Provincia di VITERBO) IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 18

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Con la legge di Stabilità 2014 Legge 27.12.2013 n.147 è stata istituita dal 1 gennaio 2014 l imposta unica comunale (IUC) basata su due presupposti impositivi: il primo costituito

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C. Approvato con Deliberazione della Commissione Straordinaria N. 16 del 24/07/2014 INDICE GENERALE Disciplina generale IUC (Imposta Unica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 7 del 21/05/2014 SOMMARIO L IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO,

Dettagli

C O M U N E D I O L I V E T O L U C A N O PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC

C O M U N E D I O L I V E T O L U C A N O PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC C O M U N E D I O L I V E T O L U C A N O PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 17.5.2014 Indice

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMUNE DI DEIVA MARINA PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

REGOLAMENTO DEL COMUNE DI DEIVA MARINA PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) REGOLAMENTO DEL COMUNE DI DEIVA MARINA PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 27 del 28/03/2014 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Soggetto

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) ALLEGATO B IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Indice Art. 1 - Oggetto e scopo del regolamento Art. 2 Decorrenza del tributo e soggetto

Dettagli

COMUNE DI ROMANO D EZZELINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COMUNE DI ROMANO D EZZELINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI ROMANO D EZZELINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera di C.C. n. 8 del 10/04/2014 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI CASCIANA TERME LARI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. del INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo

Dettagli

L IMPOSTA UNICA COMUNALE comunemente chiamata IUC VADEMECUM

L IMPOSTA UNICA COMUNALE comunemente chiamata IUC VADEMECUM L IMPOSTA UNICA COMUNALE comunemente chiamata IUC VADEMECUM Il presente documento si propone di semplificare la comprensione al cittadino della nuova IUC, nella sua strutturazione di legge. COS E? L Imposta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 17 del 3.10.2012 COMUNE DI SINDIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA 1 INDICE Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO, FINALITA ED

Dettagli

COMUNE DI BAGNO A RIPOLI (Provincia di Firenze)

COMUNE DI BAGNO A RIPOLI (Provincia di Firenze) COMUNE DI BAGNO A RIPOLI (Provincia di Firenze) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 37 Del 9.4.2014 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Parte II: TASSA SUI SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI TRIVENTO (Provincia di Campobasso) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI TRIVENTO (Provincia di Campobasso) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI TRIVENTO (Provincia di Campobasso) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.45 del 31-10-2012 INDICE Art. 1 - Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA MUNICIPALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA MUNICIPALE COMUNE di TONARA (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 0784/63823 0784/63246 P.IVA 00162960918 Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del.2014 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA

Dettagli

COMUNE DI APPIGNANO DEL TRONTO (Provincia di Ascoli Piceno) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI APPIGNANO DEL TRONTO (Provincia di Ascoli Piceno) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI APPIGNANO DEL TRONTO (Provincia di Ascoli Piceno) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA 1 SOMMARIO Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 08/09/2014. Sommario Art.

Dettagli

COMUNE DI PRECENICCO

COMUNE DI PRECENICCO COMUNE DI PRECENICCO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI - Approvato con deliberazione C.C. n.73 del 23.12.1998 come modificato con C.C. n.5 del 4.2.1999

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Art. 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento, adottato nell'ambito della potestà prevista dall articolo 52 del D.Lgs. del 15 dicembre

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ANNO 2015 ISTRUZIONI PAGAMENTO ACCONTO IMU E TASI E DICHIARAZIONE IMU 2014

COMUNE DI SENIGALLIA IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ANNO 2015 ISTRUZIONI PAGAMENTO ACCONTO IMU E TASI E DICHIARAZIONE IMU 2014 COMUNE DI SENIGALLIA Ufficio Tributi e Canoni IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ANNO 2015 ISTRUZIONI PAGAMENTO ACCONTO IMU E TASI E DICHIARAZIONE IMU 2014 L art. 1, comma 639, della Legge 27 dicembre 2013,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI ROSTA P r o v i n c i a d i T o r i n o Piazza Vittorio Veneto 1 10090 Rosta(TO) c.fisc/p.iva 01679120012 Tel. 011 9568811- Fax 011 9540038 www.comune.rosta.to.it E-Mail protocollo@comune.rosta.to.it

Dettagli

PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE

PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Oggetto del Regolamento Art. 2. Soggetto attivo Art. 3. Indicazione analitica dei

Dettagli

Comune di Sardara Provincia del Medio Campidano Tel. 070/93450217 Piazza A. Gramsci, 1 Fax. 070/9386111 S e r v i z i o T r i b u t i

Comune di Sardara Provincia del Medio Campidano Tel. 070/93450217 Piazza A. Gramsci, 1 Fax. 070/9386111 S e r v i z i o T r i b u t i Comune di Sardara Provincia del Medio Campidano Tel. 070/93450217 Piazza A. Gramsci, 1 Fax. 070/9386111 S e r v i z i o T r i b u t i IUC TASI anno 2014 la TASI nel Comune di Sardara è dovuta per l abitazione

Dettagli

OGGETTO: Maggiorazione acconto Ires e abolizione Imu prima casa

OGGETTO: Maggiorazione acconto Ires e abolizione Imu prima casa Ai Signori Clienti Loro sedi Modena, 4.12.2013 OGGETTO: Maggiorazione acconto Ires e abolizione Imu prima casa Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo, intendiamo metterla a

Dettagli

COMUNE DI RUEGLIO PROVINCIA DI TORINO IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COMUNE DI RUEGLIO PROVINCIA DI TORINO IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI RUEGLIO PROVINCIA DI TORINO IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto e scopo del Regolamento

Dettagli

PARTE TERZA Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE TITOLO I. Disposizioni generali TITOLO II. Presupposto e soggetti passivi

PARTE TERZA Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE TITOLO I. Disposizioni generali TITOLO II. Presupposto e soggetti passivi Art. 1. Oggetto del Regolamento Art. 2. Soggetto attivo PARTE TERZA Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE Art. 3 Indicazione analitica dei servizi indivisibili TITOLO I Disposizioni

Dettagli

COMUNE DI F O R M I A. Provincia di Latina

COMUNE DI F O R M I A. Provincia di Latina COMUNE DI F O R M I A Provincia di Latina Piazza Municipio 0771/7781 - fax 0163/771680 2012 PREMESSA Il Comune di Formia, con la presente informativa, intende fornire al Cittadino/Contribuente uno strumento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI TASI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI TASI Allegato alla delibera di C.C. n. 25 del 29.07.2014 Comune di Casalserugo Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI TASI Approvato con atto di C.C. n.25 del

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA 20 SETTORE SERVIZI FINANZIARI U.O. GESTIONE ENTRATE

COMUNE DI PERUGIA 20 SETTORE SERVIZI FINANZIARI U.O. GESTIONE ENTRATE COMUNE DI PERUGIA 20 SETTORE SERVIZI FINANZIARI U.O. GESTIONE ENTRATE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMPONENTI IMU E TASI - Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (T.A.S.I.)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (T.A.S.I.) COMUNE di MEGLIADINO SAN VITALE Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (T.A.S.I.) approvato con atto di C.C. n. del in vigore dal 1 gennaio 2014 1 REGOLAMENTO

Dettagli

UNICA COMUNALE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

UNICA COMUNALE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI BOJANO (Provincia di Campobasso) IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato Consiglio Comunale delibera n... del../../2014 INDICE

Dettagli

Regolamento per la disciplina del. Tributo sui servizi indivisibili (TASI)

Regolamento per la disciplina del. Tributo sui servizi indivisibili (TASI) COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine P.ZZA UFFICI, 1 C.F. 8400 1550 304 TEL. 0433 / 51177-51877-51888 www.comune.moggioudinese.ud.it medaglia d'oro al valore civile C.A.P. 33015 P. I.V.A. 01 134

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI COMUNE DI MASSERANO (Provincia di Biella) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale, n. 20 del 05/07/2014 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI MAGLIONE Provincia di TORINO IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 11 DEL 23.04.2014

Dettagli

COMUNE DI UTA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI UTA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI UTA (Provincia di Cagliari) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 30 del 04/10/2012 Modificato con delibera del Consiglio Comunale n. 44 del 28/11/2013 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE)

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) COMUNE DI OCCIMIANO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) Allegato alla Deliberazione del C.C. n. 21 del 05.09.14 1 INDICE Art. 1 OGGETTO

Dettagli

Comune di Azzano San Paolo

Comune di Azzano San Paolo Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo IMPOSTA UNICA COMUNALE. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA COMPONENTE TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera C.C. n.21 del 08/09/2014

Dettagli

FAQ IMU AGRICOLA. Di seguito vengono messe a disposizione le risposte ad alcune domande frequentemente

FAQ IMU AGRICOLA. Di seguito vengono messe a disposizione le risposte ad alcune domande frequentemente FAQ IMU AGRICOLA Di seguito vengono messe a disposizione le risposte ad alcune domande frequentemente poste all amministrazione finanziaria da contribuenti, operatori professionali, associazioni di categoria

Dettagli

COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA

COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA (Provincia di OLBIA TEMPIO ) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con atto deliberativo

Dettagli

COMUNE DI USMATE VELATE L APPLICAZIONE DELLA TA.SI ASSEMBLEA PUBBLICA 23/09/2014. Resp. Servizio Finanziario/tributi Dott. T.

COMUNE DI USMATE VELATE L APPLICAZIONE DELLA TA.SI ASSEMBLEA PUBBLICA 23/09/2014. Resp. Servizio Finanziario/tributi Dott. T. COMUNE DI USMATE VELATE L APPLICAZIONE DELLA TA.SI ASSEMBLEA PUBBLICA 23/09/2014 Resp. Servizio Finanziario/tributi Dott. T. Pavano IUC Imposta Unica Comunale Possesso di Immobili «Imu» + Servizi comunali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con deliberazione di C.C. n 39 del 15/05/2014 Modificato con deliberazione

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con deliberazione di C.C. n 39 del 15/05/2014 Modificato con deliberazione REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con deliberazione di C.C. n 39 del 15/05/2014 Modificato con deliberazione di C.C. n 59 del 26/06/2014 SOMMARIO Articolo 1 Oggetto

Dettagli

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA (I.M.U.)

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA (I.M.U.) IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA (I.M.U.) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 24 del 20/05/2014 1 SOMMARIO Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO, FINALITA

Dettagli

COMUNE DI PORTOMAGGIORE (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Disciplina del tributo sui servizi indivisibili (TASI)

COMUNE DI PORTOMAGGIORE (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Disciplina del tributo sui servizi indivisibili (TASI) COMUNE DI PORTOMAGGIORE (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Disciplina del tributo sui servizi indivisibili (TASI) Anno 2014 TASI Testo adottato con delibera C.C. n. 13 del

Dettagli

COMUNE DI PEVERAGNO Provincia di Cuneo

COMUNE DI PEVERAGNO Provincia di Cuneo COMUNE DI PEVERAGNO Provincia di Cuneo #DOCUMENTBEGIN Da quest anno entra in vigore l Imposta Unica Comunale (IUC) che si articola in tre componenti: l Imposta Municipale Propria (IMU), il Tributo per

Dettagli

COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA (Provincia di Modena)

COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA (Provincia di Modena) COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA (Provincia di Modena) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera di C.C. n. 17 del 20/03/2014 Modificato

Dettagli

COMUNE DI GIUSSAGO (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI GIUSSAGO (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI GIUSSAGO (Provincia di Pavia) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 24 del 26/09/2012 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA 1 SOMMARIO Articolo 1 Articolo

Dettagli

COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE ANNO 2014

COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE ANNO 2014 COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE ANNO 2014 Prot. n. 24405 1 E istituita con decorrenza dal 1 gennaio 2014 l imposta comunale (IUC), con la Legge 27/12/2013,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Adunanza Ordinaria di Prima convocazione seduta Pubblica

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Adunanza Ordinaria di Prima convocazione seduta Pubblica DELIBERAZIONE N.9 COPIA Codice Ente Codice materia COMUNE DI VERDELLO 251658240 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione seduta Pubblica OGGETTO: IMPOSTA

Dettagli

PARTE TERZA. Comune di Laglio Provincia di Como. Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

PARTE TERZA. Comune di Laglio Provincia di Como. Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI PARTE TERZA Comune di Laglio Provincia di Como Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI Art. 1.Oggetto del Regolamento Art. 2. Soggetto attivo Art. 3. Indicazione analitica dei servizi

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del regolamento

Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A) REGOLAMENTO IN MATERIA DI IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC), COMPRENSIVO DELLE DISPOSIZIONI CHE DISCIPLINANO L IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) E IL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). Articolo

Dettagli

COMUNE DI MOMPANTERO. (Provincia di Torino) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI MOMPANTERO. (Provincia di Torino) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI MOMPANTERO (Provincia di Torino) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.14 del 27.09.2012 SOMMARIO Articolo 1 Articolo

Dettagli

COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Componente: TASI - TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI Adottato con delibera del C.C.

Dettagli

Circolare informativa

Circolare informativa Circolare informativa Ultime novità fiscali Studi di settore e malattia del contribuente Agevolazione prima casa - abitazione di lusso determinazione superficie Agevolazione prima casa - mancato trasferimento

Dettagli

Comune di Trecchina. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

Comune di Trecchina. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Comune di Trecchina Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) (ai sensi dell art. 1 co. 639 L. 147/ 2013) Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI VERUNO IMPOSTE E TASSE ANNO 2014 - VADEMECUM

COMUNE DI VERUNO IMPOSTE E TASSE ANNO 2014 - VADEMECUM COMUNE DI VERUNO IMPOSTE E TASSE ANNO 2014 - VADEMECUM Il Sindaco Gualtiero Pastore comunica, spiegando, il pagamento imposte e tasse per l anno 2014: Il Consiglio Comunale del 24.9.2014 ha approvato le

Dettagli

Regolamento Comunale per la disciplina dell IMPOSTA UNICA COMUNALE Componente patrimoniale Imposta Municipale Propria (IMU)

Regolamento Comunale per la disciplina dell IMPOSTA UNICA COMUNALE Componente patrimoniale Imposta Municipale Propria (IMU) COMUNE DI MOTTA SANT ANASTASIA P. I.V.A. 00575910872 Regolamento Comunale per la disciplina dell IMPOSTA UNICA COMUNALE Componente patrimoniale Imposta Municipale Propria (IMU) Approvato con delibera del

Dettagli

COMUNE DI ALBA ADRIATICA (Provincia di Teramo)

COMUNE DI ALBA ADRIATICA (Provincia di Teramo) COMUNE DI ALBA ADRIATICA (Provincia di Teramo) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. Del REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Parte II: TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC (IMU, TASI, TARI)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC (IMU, TASI, TARI) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC (IMU, TASI, TARI) Delibera C.C. 29/2014 Delibera C.C. 06/2015 INDICE CAPITOLO 1 CAPITOLO 2 CAPITOLO 3 CAPITOLO 4 Disciplina generale della

Dettagli

COMUNE DI BERGEGGI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE

COMUNE DI BERGEGGI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE COMUNE DI BERGEGGI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE 1. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 29/07/2014 1. Indice Art. 1 Istituzione e composizione del

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO. Guida per i contribuenti all applicazione dell Imposta Municipale Propria (IMU)

COMUNE DI CASOREZZO. Guida per i contribuenti all applicazione dell Imposta Municipale Propria (IMU) COMUNE DI CASOREZZO Provincia di Milano Per qualsiasi chiarimento, informazione e delucidazione in merito l Ufficio Tributi è a disposizione negli orari di apertura al pubblico tel 029010012 fax 0290296960

Dettagli

INFORMATIVA TASI 2015 Aggiornata alla data del 10/06/2015

INFORMATIVA TASI 2015 Aggiornata alla data del 10/06/2015 Prot. n. 19855 COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Ufficio Tributi INFORMATIVA TASI 2015 Aggiornata alla data del 10/06/2015 La TASI (tassa sui servizi indivisibili) è stata istituita dalla Legge n.

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Si fa presente che i casi elencati sono indicativi di situazioni per le quali permane l obbligo dichiarativo.

Si fa presente che i casi elencati sono indicativi di situazioni per le quali permane l obbligo dichiarativo. DICHIARAZIONE ICI A partire dal 1 gennaio 2008 è soppresso l obbligo della presentazione della dichiarazione ICI per coloro che acquistano o vendono immobili. Coloro che nell anno 2007 hanno acquistato

Dettagli

PRESUPPOSTO DELL IMPOSTA

PRESUPPOSTO DELL IMPOSTA Comune di Sarteano Provincia di Siena Regolamento TASI (Tributo sui servizi indivisibili) Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 25 del 12.05.2014 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (REGOLAMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE IN DATA 30.10.2012 CON DELIBERAZIONE N. 60/121562) INDICE Art. 1 Oggetto..pag. 3 Art. 2 Abitazione

Dettagli

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo. Regolamento comunale per l applicazione dell imposta municipale propria

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo. Regolamento comunale per l applicazione dell imposta municipale propria Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Regolamento comunale per l applicazione dell imposta municipale propria Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 35 del 29/10/2012 I N D IC E

Dettagli

COMUNE DI ALSENO (Provincia di Piacenza)

COMUNE DI ALSENO (Provincia di Piacenza) COMUNE DI ALSENO (Provincia di Piacenza) IMPOSTA UNICA COMUNALE COMPONENTE TASI REGOLAMENTO Approvato con atto del Consiglio Comunale n. in data Indice Articolo 1 Oggetto Articolo 2 Soggetto attivo Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI COMUNE DI BOLLENGO Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con deliberazione C.C. N. 11 del 21.05.2014 1 Indice Art. 1 - Oggetto pag. 3 Art.

Dettagli

Settembre 2013 SPAZIO AZIENDE ULTIME NOVITÀ FISCALI

Settembre 2013 SPAZIO AZIENDE ULTIME NOVITÀ FISCALI studio cartello Il Consulente Fiscale Settembre 2013 SPAZIO AZIENDE ULTIME NOVITÀ FISCALI Studi di settore e malattia del contribuente Sentenza CTR Umbria n. 33/2013 Agevolazione prima casa abitazione

Dettagli

PER QUALI IMMOBILI SI PAGA

PER QUALI IMMOBILI SI PAGA L art. 13 del Decreto Legge n. 201 del 6 dicembre 2011 cd Manovra Monti o decreto salva Italia convertito con modificazioni dalla Legge n. 214 del 22 dicembre 2011 - ha anticipato l istituzione dell Imposta

Dettagli

Comune di Avigliana. Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

Comune di Avigliana. Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Comune di Avigliana Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato dal Consiglio Comunale in data 9/09/2014 con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CORREZZANA Provincia di Monza e Brianza N. 13 DEL 17.07.2015

COMUNE DI CORREZZANA Provincia di Monza e Brianza N. 13 DEL 17.07.2015 COMUNE DI CORREZZANA Provincia di Monza e Brianza N. 13 DEL 17.07.2015 OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) CONFERMA DELLE ALIQUOTE PER L ANNO DI IMPOSTA 2015. VERBALE

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.)

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) Approvato con deliberazione consiliare n. 19 del 30/07/2014 1 INDICE Art. 1. Oggetto

Dettagli

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE Provincia di Roma

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE Provincia di Roma COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE Provincia di Roma ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Delibera N. 25 del 9 settembre 2014 OGGETTO: ALIQUOTE IMU - APPROVAZIONE. L anno duemilaquattordici il

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COMUNE DI CAPANNORI PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) ALLEGATO B COMUNE DI CAPANNORI PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Risultante dalle seguenti deliberazioni: deliberazione di C.C. n. 14 del 27/03/2014

Dettagli

COMUNE DI SAN LEO Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COMUNE DI SAN LEO Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI SAN LEO Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del / /2014 INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

TASI TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI ANNO 2014

TASI TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI ANNO 2014 IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) TASI TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI ANNO 2014 La IUC e le sue componenti La Legge di Stabilità 2014 (Legge 27 dicembre 2013 n. 147) all art. 1, comma 639, ha istituito

Dettagli

COMUNE DI ALBAIRATE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC -

COMUNE DI ALBAIRATE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC - COMUNE DI ALBAIRATE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC - Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 27 del 05/09/2014 INDICE PARTE PRIMA Disciplina generale della IUC PARTE

Dettagli

COMUNE DI ALBISSOLA MARINA. Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale

COMUNE DI ALBISSOLA MARINA. Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale COMUNE DI ALBISSOLA MARINA Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 10 del 14/5/2014 Indice Art. 1 Istituzione e composizione del

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Comune di Pozzo d'adda Provincia di Milano NUMERO 14 DATA 06 LUGLIO 2015 Oggetto: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA ANNO D'IMPOSTA 2015 (CONFERMA ALIQUOTE E DETRAZIONI

Dettagli

Tributo per i Servizi indivisibili 2014 TASI. cosa c è da sapere quanto e quando si paga come effettuare il pagamento

Tributo per i Servizi indivisibili 2014 TASI. cosa c è da sapere quanto e quando si paga come effettuare il pagamento Tributo per i Servizi indivisibili 2014 TASI cosa c è da sapere quanto e quando si paga come effettuare il pagamento TASI - Tributo per i servizi comunali indivisibili La Legge di stabilità 2014 (Legge

Dettagli

COMUNE DI SAVIGNONE. Provincia di Genova IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

COMUNE DI SAVIGNONE. Provincia di Genova IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI SAVIGNONE Provincia di Genova IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO COMUNALE per la DISCIPLINA del TRIBUTO sui SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale (IUC)

Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale (IUC) COMUNE DI SPOTORNO PROVINCIA DI SAVONA Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale (IUC) ALLEGATO A) Deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 del 12 GIUGNO 2014 word\regolamenti\c.c. n.

Dettagli

COMUNE DI LOMBARDORE (Provincia di Torino) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COMUNE DI LOMBARDORE (Provincia di Torino) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI LOMBARDORE (Provincia di Torino) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente Regolamento disciplina, nell ambito della

Dettagli

Regolamento sull imposta municipale propria (IMU)

Regolamento sull imposta municipale propria (IMU) Regolamento sull imposta municipale propria (IMU) Approvato con Deliberazione del C.C. n. 47 del 25.09.2012 Modificato con Deliberazione del C.C. n. 36 del 25.06.2013 Indice Articolo 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

COMUNE DI BOTRUGNO (Prov. LECCE)

COMUNE DI BOTRUGNO (Prov. LECCE) COMUNE DI BOTRUGNO (Prov. LECCE) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) (art. 1, comma 682, legge 27 dicembre 2013, n. 147) (approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli