REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO"

Transcript

1 ANCONA ANNO XLV N. 50 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE SOMMARIO ATTI DELLA REGIONE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTI REGIONALI Regolamento regionale 20 maggio 2014, n. 2 Attuazione del capo II della legge regionale 23 luglio 2012, n. 23 (integrazione delle politiche di pari opportunità di genere nella regione. Modifiche alla legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme per le nomine e designazioni di spettanza della Regione e alla legge regionale 11 novembre 2008, n. 32 Interventi contro la violenza sulle donne ) pag Regolamento regionale 20 maggio 2014 n. 3 Disciplina delle modalità d uso degli alloggi di edilizia residenziale pubblica (ERP) sovvenzionata e dell autogestione dei servizi e degli impianti comuni, in attuazione dell articolo 20 sexies della legge regionale 16 dicembre 2005, n. 36 (riordino del sistema regionale delle politiche abitative) pag Deliberazione n. 549 del 12/05/2014 Art. 25 comma 2 della l.r. 50/ Iscrizione nel Bilancio di Previsione per l'anno 2014 di entrate derivanti da assegnazione di fondi da parte dello Stato e della UE vincolati a scopi specifici e delle relative spese - Importo Euro , pag Deliberazione n. 550 del 12/05/2014 Art. 2 comma 2 - lettera a) - della l.r. 23 dicembre 2013 n Variazione compensativa al Programma Operativo Annuale 2014 approvato con Deliberazione della Giunta Regionale n del 27 dicembre 2013 e sue successive modificazioni ed integrazioni - spese di personale - Importo Euro , pag Deliberazione n. 551 del 12/05/2014 Art. 2 comma 1 - lettera a) - della l.r. 23 dicembre 2013, n Reiscrizione nel Bilancio di Previsione per l'anno 2014 di economie accertate relative a stanziamenti aventi specifica destinazione - Euro ,20. Art. 22 della Il Bollettino della Regione Marche si pubblica in Ancona e di norma esce una volta alla settimana, il giovedì. La Direzione e la Redazione sono presso la Regione Marche Segreteria della Giunta regionale - Via Gentile da Fabriano - Ancona - Tel. (071) 8061 POSTE ITALIANE S.p.A. SPEDIZIONE IN A.P. 70% DCB POTENZA

2 LR 11/12/2001, n. 31 Variazione compensativa di cassa al Programma Operativo Annuale 2014 approvato con DGR n. 1734/2013 e s.m.i. - Prelevamento dal Fondo di Riserva di Cassa - Euro , pag Deliberazione n. 552 del 12/05/2014 Art. 29, comma 2, della L.R. n. 31 dell'11 dicembre Variazione compensativa al Programma Operativo Annuale 2014 approvato con Deliberazione della Giunta Regionale n del 27 dicembre 2013 e sue successive modificazioni ed integrazioni - Euro ,00. Modifica al P.O.A DGR n del 27 Dicembre 2013 e s.m.i. pag Deliberazione n. 553 del 12/05/2014 Articoli 22 e 29, comma 4 bis, della l.r. 11/12/2001, n Variazione di CASSA al Programma Operativo Annuale 2014 approvato con DGR n. 1734/2013 e s.m.i. - Euro , pag Deliberazione n. 554 del 12/05/2014 Attuazione l.r. 17 febbraio 2014, n. 1 "Disciplina in materia di ordinamento della polizia locale" pag Deliberazione n. 558 del 12/05/2014 Art. 2 comma 1 lettera a) della L.R. 23 dicembre 2013, n Reiscrizione nel Bilancio di Previsione per l'anno 2014 di economie accertate relative a stanziamenti aventi specifica destinazione - euro , pag Deliberazione n. 559 del 12/05/2014 Art 22 della l.r. 11/12/2001, n Prelevamento dal fondo di riserva di cassa - Euro , pag Deliberazione n. 560 del 12/05/2014 Art. 25 della l.r. 50/ Iscrizione nel Bilancio di Previsione per l'anno 2014 di entrate derivanti da assegnazione di fondi da parte della UE vincolati a scopi specifici e delle relative spese - Importo Euro , pag Deliberazione n. 598 del 19/05/2014 Art. 29, comma 2, della L.R. n. 31 dell'11 dicembre Variazione compensativa al Programma Operativo Annuale 2014 approvato con Deliberazione della Giunta Regionale n del 27 dicembre 2013 e sue successive modificazioni ed integrazioni - Euro ,21. Modifica al P.O.A DGR n del 27 Dicembre 2013 e s.m.i. pag Deliberazione n. 599 del 19/05/2014 Articoli 22 e 29, comma 4 bis della l.r. 11/12/2001, n Variazione compensativa di cassa al Programma Operativo Annuale approvato con deliberazione della Giunta Regionale n del 27 dicembre 2013 e sue successive modificazioni ed integrazioni - Euro , pag Deliberazione n. 600 del 19/05/2014 Art 20, comma 3 della l.r. 11/12/2001, n Prelevamento dal Fondo di Riserva per le Spese Obbligatorie per l'integrazione dello stanziamento di capitoli compresi nell'elenco n. 1 "Spese Obbligatorie" del Bilancio Euro , pag Deliberazione n. 604 del 19/05/2014 L.R. n. 39/97 art. 3, comma 4 - Piano annuale degli interventi a favore degli emigrati marchigiani per l'anno pag DECRETI DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Decreto n. 103 del 16/05/2014 L. n /12/ D.M. n /08/ Art Consiglio della Camera di Commercio di Pesaro e Urbino - Sostituzione rappresentante del settore Servizi alle Imprese pag Decreto n. 104 del 16/05/2014. L.R. 21 dicembre 2006 n Art. 4 - Consiglio di Indirizzo e Verifica dell INRCA di Ancona: nomina del rappresentante di designazione della Regione Calabria pag

3 Decreto n. 105 del 20/05/2014 Commissione Tributaria Provinciale di Ancona. Contenzioso in materia tributaria: tassa automobilistica. Costituzione in giudizio della Regione Marche. Affidamento incarico all Avv. Lucilla Di Ianni pag Decreto n. 106 del 20/05/2014 Commissione Tributaria Provinciale di Ancona. Contenzioso in materia tributaria: tassa automobilistica. Costituzione in giudizio della Regione Marche. Affidamento incarico all Avv. Lucilla Di Ianni pag Decreto n. 107 del 20/05/2014 Commissione Tributaria Provinciale di Ancona. Contenzioso in materia tributaria: tassa automobilistica. Costituzione in giudizio della Regione Marche. Affidamento incarico all Avv. Lucilla Di Ianni pag Decreto n. 108 del 20/05/2014 Commissione Tributaria Provinciale di Ancona. Contenzioso in materia tributaria: tassa automobilistica. Costituzione in giudizio della Regione Marche. Affidamento incarico all Avv. Lucilla Di Ianni pag Decreto n. 109 del 20/05/2014 Commissione Tributaria Provinciale di Ancona. Contenzioso in materia tributaria: tassa automobilistica. Costituzione in giudizio della Regione Marche. Affidamento incarico all Avv. Lucilla Di Ianni pag Decreto n. 110 del 20/05/2014 Commissione Tributaria Provinciale di Ancona. Contenzioso in materia tributaria: tassa automobilistica. Costituzione in giudizio della Regione Marche. Affidamento incarico all Avv. Lucilla Di Ianni pag Decreto n. 111 del 20/05/2014 Commissione Tributaria Provinciale di Ancona. Contenzioso in materia tributaria: tassa automobilistica. Costituzione in giudizio della Regione Marche. Affidamento incarico all Avv. Lucilla Di Ianni pag Decreto n. 112 del 20/05/2014 Commissione Tributaria Provinciale di Ancona. Contenzioso in materia tributaria: tassa automobilistica. Costituzione in giudizio della Regione Marche. Affidamento incarico all Avv. Lucilla Di Ianni pag Decreto n. 113 del 20/05/2014 Giudice di Pace di Fabriano. Atto di citazione per risarcimento danni causati da fauna selvatica - Prot. unico reg.le n del 29/04/2044. Costituzione in giudizio. Incarico Avv. Alessandro Brandoni pag Decreto n. 114 del 20/05/2014 Tribunale di Urbino. Atto di citazione pervenuto in data 13/03/ Prot. reg.le n Richiesta di risarcimento danni causati da fauna selvatica. Costituzione in giudizio. Incarico Avv. Daniela Renzetti. pag Decreto n. 115 del 20/05/2014 Giudice di Pace di Ancona. Atto di citazione per chiamata in causa di terzo nella causa civile R.G. n. 544/ Risarcimento danni causati da fauna selvatica. Costituzione in giudizio. Incarico Avv. Alessandro Brandoni pag DECRETI DEI DIRIGENTI REGIONALI SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE, LAVORO, TURISMO, CULTUR E INTERNAZIONALIZZAZIONE Decreto del Dirigente della P.F. Turismo Commercio e Tutela sei Consumatori n. 291 del 21/05/2014 L.R. n. 27/09 DGR n. 433/2014, DGR n. 536/ Interventi finanziari per il commercio-bandi anno 2014-cap UPB per Euro ,00-cap UPB per Euro ,00-cap UPB per Euro ,00-TOT , pag SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA, Decreto del Dirigente della P.F. Aree Protette, Rete Escursionistica Regionale ed Educazione Ambientale n. 26 del 16/05/2014. D.G.R. 502/2014 Programma 10039

4 In.F.E.A Bando di assegnazione contributi ai progetti di rete di CEA presentati dai Labter per attività In.F.E.A. Euro ,00. Cap / pag Decreto del Dirigente della P.F. Competitività e Sviluppo dell Impresa Agricola, Struttura Decentrata di Ancona e Irrigazione n. 167 del 16/05/2014. L.R. 2/2006 art DGR 341/ Individuazione e approvazione delle modalità di attuazione dei Progetti di Comunicazione ed Educazione Alimentare presentati dalle Province pag Decreto del Dirigente della Posizione di Funzione Competitività e Sviluppo dell Impresa Agricola, Struttura Decentrata di Ancona e Irrigazione n. 168 del 16/05/2014. Reg. (UE) n. 1308/2013 e Reg. (CE) n. 555/2008 e smi - DM n / DGR Marche n. 62/ Istruzioni Operative AGEA n. 14/ PNS - Misura Ristrutturazione e riconversione vigneti - Termini istruttori - Campagna 2013/ pag Decreto del Dirigente del della Posizione di Funzione Competitività e Sviluppo dell Impresa Agricola, Struttura decentrata di Ancona e irrigazione n. 172 del 21/05/2014. Reg. CE n. 1698/05 - PSR Marche Asse 1 Bando misura Ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali DDS 454/AFP/2012 e ss.mm.e ii-modifiche alla II graduatoria DDPF n. 386/CSI/ pag Decreto del Dirigente del Servizio Ambiente e Agricoltura n. 432 del 19/05/2014. Atti conseguenti al Decreto n. 102/Pres. del 14/05/2014. Expo Milano pag Decreto del Dirigente del Servizio Ambiente e Agricoltura n. 440 del 21/05/2014. Reg. CE n. 1698/05 - DA n. 90/ PSR Marche 2007/ Asse III - DDS 550/AFP/ bando Misura Sottomisura b) - Azione d) Energia da fonti rinnovabili - Sospensione istruttoria e determinazione termine ultimo..... pag SERVIZIO INFRASTRUTTURE, TRASPORTO ED ENERGIA Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia - EDI n. 1 del 22/01/2014. Modifica e sostituzione dell allegato E del decreto n. 73/EDI del 25/10/ Saldi cassa non più necessari alla realizzazione degli interventi pag Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia n. 2 del 28/01/2014. Piano Nazionale Edilizia Abitativa - DPCM 16/07/ Comune di Ascoli Piceno PIPERRU Borgo Solestà - Progetto esecutivo opere urbanizzazione - Variante non sostanziale area verde attrezzato pag Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia n. 3 del 04/02/2014. Progr. Sperimentale alloggi in affitto - Decreto n.16/edi del 5/4/ Ammissione a finanziamento e determinazione contributo - Intervento in Porto Sant Elpidio - Capitolo bilancio Importo Euro , pag Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia ed Espropriazione - EDI n. 4 del 13/02/2014 DACR 168/05 - DDPF/EPR09 n. 20/ DDPF/EPR n. 54/ completamento interventi in corso - Serra San Quirico, Borgo Domo - capitolo / liquidazione ed erogazione fondi per Euro , pag Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia ed espropriazione n. 5 del 13/02/2014. DACR 25/2006-DGR 1084/2006- Art.4, C.3, L.R. 17/ Finanziamento Integrativo Programma Riqualificazione Urbana Contratti di Quartiere II. Comune Grottammare. Liquidazione Euro ,11. Cap /2014 (Ex /2007) pag

5 Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia ed Espropriazione n. 6 del 18/02/2014. Progr alloggi in affitto - Decreto n.16/edi del 5/4/ DGR 1721/ Ammissione a finanziamento, determinazione contributo - Intervento Comune di Falconara M.ma - Capitolo bilancio Importo Euro , pag Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia ed Espropriazione n. 7 del 26/02/2014. L.R. 36/2005, art. 20 quater, comma 1, lett. D) - aggiornamento limite di reddito per l accesso all edilizia residenziale pubblica - anno pag Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia ed Espropriazione - EDI n. 8 del 26/02/2014. DACR 168/05 - DDPF/EPR09 n. 20/ progetti parzialmente finanziati - Cossignano, Via Cimicone - capitolo / liquidazione ed erogazione fondi per Euro , pag Decreto del Dirigente del P.F. Edilizia ed Espropriazione - EDI n. 9 del 28/02/2014. D.G.R. N. 156/2014: Edilizia Scolastica - Risorse di Bilancio Importo Euro ,68 - Ripartizione tra i Territori Provinciali. Modalità Aggiornamento Programmi Provinciali pag Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia ed Espropriazioni n. 10 del 03/03/2014 L.R. n. 20/2010, art. 6: programma reg/le efficienza energetica scuole con fotovoltaico - accertamento economie provincia Pesaro Urbino Euro ,00 - cap bilancio 2013/R pag Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia ed Espropriazioni n. 11 del 03/03/2014. L.R. n.20/2010, artt.3 e 6 - linea A : Comune di Pedaso scuola per l infanzia Via Repubblica - Comune di Monte San Pietrangeli scuola elementare Murri - definanziamento interventi pag Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia ed Espropriazione n. 12 del 03/03/2014. DACR 25/ DGR 1084/ Finanziamento Integrativo Programma di Riqualificazione Urbana Contratti di Quartiere II. Comune di Montegranaro. Liquidazione Quota Parte Saldo Euro ,59. Cap Bil pag Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia ed Espropriazione n. 13 del 03/03/2014. Piano nazionale di edilizia abitativa - DGR 656 del Intesa attuativa del tra Regione Marche, Comune di Senigallia e altri per intervento denominato PIPERRU-Orti del Vescovo - Proroga termini pag Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia ed Espropriazione n. 15 del 25/03/2014. PAR FSC Progetto : riqualificazione area urbana al centro città di Ancona. Rideterminazione finanziamento provincia di Ancona - richiesta restituzione Euro 53, pag Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia ed Espropriazione n. 16 del 25/03/2014. Modifica decreto n. 45/EDI/2012 e ss.mm.ii. - L.179/92 e L.104/92: svincolo risorse finanziarie presso la Cassa DD.PP. per Euro ,62 - L.457/78, L.67/88 e L.179/92: saldi cassa ERAP non più necessari per Euro , pag Decreto del Dirigente del P.F. Edilizia Scolastica ed Espropriazione n. 17 del 01/04/2014. D.G.R. 991/2013 e D.G.R. 156/2014: Programma Operativo annuale edilizia scolastica - Provincia di Fermo - assegnazione contributo Euro ,28 - CAP e bilancio pag Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia ed Espropriazione n. 18 del 04/04/2014. DM Finanziamento premiale - Programma riqualificazione urbana alloggi a canone soste

6 nibile. Comune Monte Roberto- Assegnazione finanziamento-liquidazione 40% Euro ,36. Cap /2014 r.2012, / pag Decreto del Dirigente del P.F. Edilizia Scolastica ed Espropriazione - EDI n. 19/EDI del 07/04/2014. D.G.R. 991/2013 e D.G.R. 156/2014: programma operativo annuale edilizia scolastica - Provincia Macerata - assegnazione contributo Euro ,91 - cap e bilancio pag Decreto del Dirigente del P.F. Edilizia ed Espropriazioni - EDI n. 20 del 09/04/2014. L.R. n. 20/2010, artt. 3 e 6: programma integrato adeguamento, messa in sicurezza, efficentamento energetico edifici scolastici - Comune di Trecastelli - scuola elementare Secchiaroli - proroga termine approvazione progetto esecutivo... pag Decreto del Dirigente del P.F. Edilizia Scolastica ed Espropriazione - EDII n. 21 del 09/04/2014. D.G.R. 991/2013 e D.G.R. 156/2014: Programma Operativo annuale edilizia scolastica - Provincia di Ancona - assegnazione contributo Euro ,98 - CAP e bilancio pag Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia ed espropriazione n. 22 del 07/05/2014 Legge n.13/ eliminazione e superamento delle barriere architettoniche negli edifici privati - determinazione fabbisogno regionale pag Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia ed espropriazione n. 23 del 09/05/2014 L.R. n. 20/2010, artt. 3 e 6 - LINEA A : Provincia di Ascoli Piceno - Polo scolastico Ascoli Piceno II Pennile di Sotto Ascoli Piceno - Revoca finanziamento ed accertamento economia di spesa pag Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia ed espropriazione n. 24 del 16/05/2014 DACR 168/05 - DDPF/EPR09 n. 20/ DDPF/EPR n. 54/ completamento interventi in corso - Serra San Quirico, Borgo Domo - capitolo / liquidazione ed erogazione fondi per Euro , pag Decreto del Dirigente del P.F. Edilizia Scolastica ed Espropriazione n. 25 del 16/05/2014 D.G.R. 991/2013 e D.G.R. 156/2014: programma operativo annuale edilizia scolastica - provincia Pesaro Urbino - assegnazione contributo Euro ,09 - cap e bilancio pag Decreto del Dirigente della P.F. Edilizia ed espropriazione n. 26 del 19/05/2014 DACR 304/ DDSEP 381/ art. 15 l.r. n.32/ revoca finanziamento all ERSU di Urbino di Euro ,48 - accertamento economie e svincolo fondi c/c cassa DD.PP. Per Euro , pag Decreto del Dirigente della Posizione di Funzione Valutazioni ed Autorizzazioni Ambientali n. 52 del 16/05/2014. D.Lgs. 152/06 art 20 LR 3/12 art 8 Verifica assoggettabilità VIA. Progetto: Realizzazione laghetto collinare recupero acque piovane in Corazzano di Sopra Cagli. Proponente: Azienda Agricola Barona. Esclusione con prescrizioni pag SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E SPORT Decreti dal n. 35 del 11/04/2014 al n. 52 del 29/04/2014 della Posizione di Funzione Disagio Sociale e Albi Sociali pag ATTI DI ENTI LOCALI E DI ALTRI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI Provincia di Ancona Deliberazione del Commissario Straordinario n. 124 del 12/05/2014 "Oggetto: Approvazio

7 ne Avviso pubblico per la presentazione e gestione di iniziative formative libere - Corsi di qualifica, di specializzazione, abilitanti e di aggiornamento - da autorizzare ai sensi dell'art. 10 della legge regionale n. 16/ anno call" pag Provincia di Pesaro e Urbino Deliberazione n. 86/ Presa D'atto della Determina Area Vasta 1 per la sostituzione del Direttore Tecnico - Professionale della "Farmacia del Corso s.n.c. di Mariani L. & Ermini E. di Fossombrone" (PU).. pag Provincia di Pesaro e Urbino Pubblicazione sul BUR della Determinazione Dirigenziale del Servizio 12 n. 717 del 18/04/2014 "Rettifica della precedente Determinazione Dirigenziale n. 1361/2006 avente ad oggetto: Ditta Primaco srl procedura verifica di cui all'art. 6 della l.r. 7/2004 progetto: realizzazione attrezzatura a servizio del turismo di transito e pista per noleggio mini GO-KART" loc. Torrette di Fano Comune di Fano" pag Provincia di Pesaro e Urbino Determinazione n. 768 del 06/05/ autorizzazione alla società La Galvanina Spa - di Apecchio, per ampliamento locali pag Provincia di Pesaro e Urbino Determinazione n. 862 del 20/05/ Distretto Culturale Evoluto - Progetto Creatività - Bando per l'assegnazione di borse lavoro per esperienze lavorative pag Comune di Filottrano Modifica dello Statuto del Comune di Filottrano - Adeguamento normativo pag Comune di Grottazzolina Deliberazione della Giunta Comunale n 47 del 15/05/2014: piano per insediamenti produttivi in località Fermana-Girola. Controdeduzioni alle osservazioni ed approvazione variante pag Comune di Osimo Variante ATS-01 in località Apio Terme per la ridefinizione dell ambito di intervento. Approvazione in adeguamento ai rilievi provinciali.. pag Comune di Osimo Approvazione variante al P.R.G. vigente per l attuazione di sub-comparti attuativi all interno dell A.T.O. C2-1 in Via Abbadia pag Comune di Osimo Approvazione variante non sostanziale al P.R.G. di un area in Via G. Parini Frazione San Biagio pag Comune di Osimo Varianti puntuali al P.R.G. finalizzate alla trasformazione urbanistica di alcune aree da edificabili ad agricole e di una zona da B1-1 a B2-4 - approvazione in ordine ai rilievi Provinciali pag Comune di San Costanzo Determinazione del Responsabile del Settore Tecnico n. 69/181 del 8/5/ Declassificazione e sdemanializzazione amministrativa di una porzione della strada Via Montegrappa pag Comune di San Severino Marche Delibera di Consiglio Comunale n. 11 dell 11/04/2014, procedura S.U.A.P. per la realizzazione di un campo per il tiro con l arco, a servizio dell azienda agrituristica della ditta Su Casaru, in loc. Agello, in variante parziale al vigente P.R.G. comunale ed alla adottata variante generale di P.R.G. approvazione definitiva Art. 8, C. 2, D.P.R. 160/2010 e s.m.i. - l.r. 34/92 e s.m..i.. - Ratifica di Consiglio Comunale pag Comune di San Severino Marche Delibera di Consiglio Comunale n. 27 del 13/06/2013, l.r. 34/92 e s.m.i.. Variante parziale al vigente P.R.G. Comunale ex Art. 15, C.5, l.r. 34/92 e s.m.i. per riperimetrazione del vincolo di rispetto cimiteriale (San Michele) e deroga distanza limite di zona, in conformità alla variante generale, per la realizzazione di una nuova palazzina residenziale. Approvazione definitiva.. pag Comune di San Severino Marche Delibera di Consiglio Comunale n. 12 dell 11/04/2014, procedura S.U.A.P. per la realizzazione di opere di ristrutturazione dell insediamento produttivo della ditta Choncimer, in loc. Rocchetta, in variante 10043

8 parziale al vigente P.R.G. comunale ed all adottata variante generale - approvazione definitiva. Art. 8, c. 2, D.P.R. 160/2010 e s.m.i. - l.r. 34/92 e s.m..i.. Ratifica di Consiglio Comunale pag Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Tronto Decreto del Segretario Generale n. 8 del 13/05/2014 ad oggetto: Piano stralcio di bacino per l Assetto Idrogeologico del Fiume Tronto (PAI) - Deliberazione amministrativa dell Assemblea legislativa regionale delle Marche n 81 del 29/01/ Istanza ai sensi dell Art. 17 N.T.A. (Modifica alle aree) - sig. Brunetti Amedeo ed altri: riclassificazione dell area in dissesto gravitativo (codice n. 1010) ubicata in località Villa Curti del comune di Venarotta (AP) - Accoglimento pag Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Tronto Decreto del Segretario Generale n. 9 del ad oggetto: Piano stralcio di bacino per l Assetto Idrogeologico del Fiume Tronto (PAI) - Deliberazione amministrativa dell Assemblea legislativa regionale delle Marche n 81 del 29/01/ Istanza ai sensi dell Art. 17 N.T.A. (Modifica alle aree) - sig. Brunetti Vincenzo: riclassificazione dell area in dissesto gravitativo (codice n. 1027) ubicata in località Villa Curti del comune di Venarotta (AP) - Accoglimento pag COMUNICAZIONI DI AVVIO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Giunta Regionale - Servizio Infrastrutture, Trasporti ed energia - P.F. Valutazioni ed Autorizzazioni Ambientali Legge 31 luglio 2002, n. 179, articolo 21, Autorizzazione per gli interventi di ripascimento della fascia costiera. Progetto: Intervento di Difesa della Costa Località Lido delle Nazioni. Proponente: Comune di Porto Recanati. Comunicazione di avvio del procedimento, artt. 7 e 8, L. n. 241/ pag Giunta Regionale - Servizio Infrastrutture, Trasporti ed energia - P.F. Valutazioni ed Autorizzazioni Ambientali D.Lgs. 152/2006; L.R. 3/ Ditta: Profilglass S.p.A., Comune di Fano (PU) Istanza di avvio del procedimento integrato di verifica di assoggettabilità alla valutazione di impatto ambientale e di modifica sostanziale dell autorizzazione integrata ambientale. Comunicazione di avvio del procedimento di verifica di assoggettabilità e sospensione procedimento AIA..... pag Giunta Regionale - Servizio Infrastrutture, Trasporti ed energia - P.F. Valutazioni ed Autorizzazioni Ambientali L. n. 241/90; D.Lgs. n. 152/2006, art. 20; L.R. n. 3/2012, artt. 8 e 21, c. 2; D.P.R. 357/97 Procedura di verifica di assoggettabilità interregionale e di Valutazione di Incidenza (VI). Progetto: Impianto di cogenerazione ad alto rendimento (C.A.R.) da biomassa legnosa 50Kwe in un impresa agroenergetica. Società: Corradini Manuel. Comunicazione di avvio del procedimento pag Provincia di Macerata Rilascio concessione pluriennale di derivazione d acqua, direttamente dal corso d acqua Fiume Esino, per mezzo scorrimento, in loc. Le Conce - Vallato Belardini del Comune di Matelica, per uso idroelettrico pag Provincia di Macerata Rilascio concessione pluriennale di derivazione d acqua, direttamente dal corso d acqua Fiume Esino, per mezzo scorrimento, in loc. Cavalieri del Comune di Matelica, per uso idroelettrico pag BANDI E AVVISI DI GARA Giunta Regione Marche - P.F. Sistemi Informativi e Telematici Avviso di indagine di mercato finalizzata all acquisizione di servizi software per la gestione delle elezioni regionali del In sostituzione dell Avviso pubblicato sul BUR n. 49 del 22/05/ pag

9 AVVISI D ASTA Comune di Tolentino Asta pubblica per vendita immobile di proprietà comunale pag BANDI DI CONCORSO Provincia di Pesaro e Urbino Selezione pubblica, per titoli, relativa all'assegnazione di nuove autorizzazioni provinciali all'esercizio dell'attività di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto di cui all'art. 6, comma 1, del regolamento provinciale pag Soc. Demolizioni Metauro srl - Urbania Integrare l attuale attività di recupero rifiuti non pericolosi svolta dalla ditta in procedura semplificata con il recupero di metalli nobili dalla sbicciatura di cavi e fili, recupero metalli tramite l autodemolizione di tutti i tipi di veicoli e motori, dalla vendita di pezzi generati dalla demolizione è localizzato via Porta Nuova, sn - Urbania pag Ditta Moretti snc di Moretti Michele & C. - Macerata Rinnovo iscrizione n. 115 registro provinciale attività di recupero rifiuti non pericolosi. La ditta Moretti s.n.c. svolge l attività di recupero di rifiuti non pericolosi in procedura semplificata nel proprio insediamento di Macerata pag ASUR - Area Vasta n. 4 - Fermo Bando di concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di n. 1 posto di Collaboratore Professionale Sanitario Infermiere cat. D) c/o l Asur Marche - Area Vasta n. 4 di Fermo pag AVVISI Comune di Cupramontana Delibera consiliare n. 16 del 29/04/2014 avente ad oggetto: Approvazione variante al Piano regolatore generale mediante variazione destinazione d uso e zonizzazione urbanistica ex scuola elementare frazione Poggio Cupro in conformità al parere del Commissario Straordinario della Provincia di Ancona pag Ascoli Servizi Comunali Ascoli Piceno Avviso per la realizzazione della Sesta Vasca presso la Discarica comprensoriale di Relluce (AP)..... pag ASSAM - Agenzia Servizi Settore Agroalimentare delle Marche - Ancona Presentazione delle domande di partecipazione al seminario di orientamento per formatori, l avviso di proroga pag

10

11 ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI REGIONALI Regolamento regionale 20 maggio 2014, n. 2 concernente: Attuazione del capo II della legge regionale 23 luglio 2012, n. 23 (integrazione delle politiche di pari opportunità di genere nella regione. Modifiche alla legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme per le nomine e designazioni di spettanza della Regione e alla legge regionale 11 novembre 2008, n. 32 Interventi contro la violenza sulle donne ). IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Visto l articolo 121, comma 4, della Costituzione; Visto l articolo 35, commi 2 e 5, dello Statuto della Regione; Vista la deliberazione della Giunta regionale n. 584 del 19 maggio 2014; emana il seguente regolamento: Attuazione del Capo II della legge regionale 23 luglio 2012, n. 23 (Integrazione delle politiche di pari opportunità di genere nella Regione. Modifiche alla legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme per le nomine e designazioni di spettanza della Regione e alla legge regionale 11 novembre 2008, n. 32 Interventi contro la violenza sulle donne ) Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento, in attuazione del Capo II della legge regionale 23 luglio 2012, n. 23 (Integrazione delle politiche di pari opportunità di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme per le nomine e designazioni di spettanza della Regione e alla Legge regionale 11 novembre 2008, n. 32 Interventi contro la violenza sulle donne ), disciplina: a) i casi di esclusione dall obbligo relativo alla presentazione di candidature, previsto dall articolo 5, comma 1 bis, della legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 (Norme per le nomine e designazioni di spettanza della Regione); b) i contenuti essenziali dei modelli di presentazione delle candidature. Art. 2 (Casi di esclusione dall obbligo di cui all art. 5, comma 1 bis, della l.r. 34/1996) 1. L obbligo di presentare, per ogni singolo organismo, la candidatura di una donna e di un uomo, non sussiste nei casi in cui: a) la normativa istitutiva stabilisce che l organismo stesso o i componenti dei relativi organismi sono di un solo genere; b) per mancanza di candidature o quando queste risultano in tutto o in parte inidonee, è necessario provvedere alla presentazione della candidatura ai sensi dell articolo 6, commi 5 e 6, della l.r. 34/1996. Art. 3 (Presentazione delle candidature) 1. Al fine della presentazione delle candidature di cui all articolo 5, comma 2, della l.r. 34/1996, il proponente, oltre alle proprie generalità, dichiara: a) la propria qualità ai sensi dell articolo 5, comma 1, della I.r. 34/1996; b) il nominativo del candidato; c) l organismo per il quale si propone la candidatura. 2. Fatte salve le dichiarazioni comunque previste dalla normativa vigente, il candidato, oltre a quanto previsto all articolo 5, comma 2, della l.r. 34/1996, dichiara: a) la residenza, il codice fiscale e i recapiti, compreso l indirizzo di posta elettronica certificata (PEC); b) gli incarichi ricoperti e non ancora scaduti alla data di accettazione della candidatura; c) gli eventuali mandati ricoperti per l incarico di cui si accetta la candidatura, corredati delle relative informazioni; d) in caso di nomina o designazione, di impegnarsi, se nominato o designato, a comunicare tempestivamente all organo regionale che ha proceduto alla nomina o designazione, le eventuali cause di inconferibilità o incompatibilità che sono sopravvenute successivamente alla data di sottoscrizione della dichiarazione di accettazione della candidatura o nel corso del mandato. 3. La competente struttura della Giunta regionale, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente regolamento, approva i modelli di presentazione delle candidature contenenti le dichiarazioni di cui ai commi 1 e

12 4. I modelli di presentazione delle candidature di cui al comma 3 sono pubblicati nei siti istituzionali della Regione e contengono le informative di legge necessarie. Il presente regolamento è pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione. E fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare come regolamento della Regione Marche. Ancona, 20 maggio 2014 IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Gian Mario Spacca organi competenti e, per le nomine di competenza la stessa Commissione consiliare, individuano nuove candidature nel rispetto dei requisiti previsti e/o predeterminati, fermo restando l obbligo di documentazione di cui all art. 5, commi 2 e Il Presidente del Consiglio regionale nell ipotesi di cui al comma 5, procede alla nomina o designazione in via surrogatoria, dopo aver acquisito sui nuovi nominativi il parere della Commissione consiliare competente. Tale parere è espresso nel termine di quindici giorni dalla richiesta, decorsi inutilmente i quali il Presidente può procedere alla nomina o designazione. Omissis AI SENSI DELL ARTICOLO 5 DELLA LEGGE REGIONALE 17/2003, IN APPENDICE AL REGOLAMENTO REGIONALE, AI SOLI FINI INFORMATIVI, SONO PUBBLICATE LE NOTI- ZIE RELATIVE AL PROCEDIMENTO DI FOR- MAZIONE. IN APPENDICE AL REGOLAMENTO REGIO- NALE, AI SOLI FINI INFORMATIVI, SONO PUBBLICATE LE NOTIZIE RELATIVE AL PRO- CEDIMENTO DI FORMAZIONE. NOTE Nota all art. 1, comma 1 Il testo del comma 1 bis dell articolo 5 della l.r. 5 agosto 1996, n. 34 (Norme per le nomine e designazioni di spettanza della Regione), è il seguente: Art. 5 (Candidature) - Omissis 1 bis. Ciascun soggetto di cui al comma 1 è tenuto a presentare, per ogni singolo organismo, almeno la candidatura di una donna e di un uomo. Omissis Nota all art. 2, comma 1, lett. b) Il testo dei commi 5 e 6 dell articolo 6 della l.r. 5 agosto 1996, n. 34 (Norme per le nomine e designazioni di spettanza della Regione), è il seguente: Art. 6 (Deliberazione) - Omissis 5. Ove manchino candidature, ovvero le candidature esistenti risultino in tutto o in parte inidonee, gli Nota all art. 3, commi 1 e 2 Il testo del comma 2 dell articolo 5 della l.r. 5 agosto 1996, n. 34 (Norme per le nomine e designazioni di spettanza della Regione), è il seguente: Art. 5 (Candidature) - Omissis 2. Alla proposta di candidatura sono allegati: a) la dichiarazione, sottoscritta dal candidato, relativa alla data ed al luogo di nascita, al titolo di studio, all eventuale esistenza di un rapporto di lavoro dipendente con una pubblica amministrazione, all accettazione della candidatura, all inesistenza di cause di ineleggibilità e di non candidabilità, anche con riferimento a quanto previsto dall articolo 15 della legge 19 marzo 1990, n. 55, all esistenza di eventuali cause di incompatibilità; b) il curriculum professionale, sottoscritto dal candidato, contenente anche l indicazione degli eventuali incarichi ricoperti in Enti pubblici o in società a partecipazione pubblica; Nota all art. 3, comma 1, lett. a) Il testo del comma 1 dell articolo 5 della l.r. 5 agosto 1996, n. 34 (Norme per le nomine e designazioni di spettanza della Regione), è il seguente: Art. 5 (Candidature) - 1. Fino a trenta giorni prima del termine previsto per ciascuna nomina o designazione possono essere proposte rispettivamente, al Presidente del Consiglio regionale e al Presidente della Giunta regionale, candidature da parte dei consiglieri e dei gruppi consiliari e da parte di ordini professionali, enti e associazioni operanti nei settori interessati. Omissis 10048

13 NOTIZIE RELATIVE AL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE: Deliberazione della Giunta regionale del 16 settembre 2013, n. 1304; Parere della Commissione regionale per le pari opportunità tra uomo e donna del 17 gennaio 2014; Parere della I Commissione assembleare permanente del 3 febbraio 2014, n.181/13; Deliberazione della Giunta regionale del 19 maggio 2014, n Regolamento regionale 20 maggio 2014 n. 3 concernente: Disciplina delle modalità d uso degli alloggi di edilizia residenziale pubblica (ERP) sovvenzionata e dell autogestione dei servizi e degli impianti comuni, in attuazione dell articolo 20 sexies della legge regionale 16 dicembre 2005, n. 36 (riordino del sistema regionale delle politiche abitative). IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Visto l articolo 121, comma 4, della Costituzione; Visto l articolo 35, commi 2 e 5, dello Statuto della Regione; Vista la deliberazione della Giunta regionale n. 585 del 19 maggio 2014; emana il seguente regolamento: Disciplina delle modalità d uso degli alloggi di edilizia residenziale pubblica (ERP) sovvenzionata e dell autogestione dei servizi e degli impianti comuni, in attuazione dell articolo 20 sexies della legge regionale 16 dicembre 2005, n.36 (Riordino del sistema regionale delle politiche abitative) Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento, in attuazione dell articolo 20 sexies della legge regionale 16 dicembre 2005, n. 36 (Riordino del sistema regionale delle politiche abitative), di seguito denominata legge regionale, disciplina: a) le modalità d uso degli alloggi e delle parti comuni degli immobili di edilizia residenziale pubblica (ERP) sovvenzionata; b) il funzionamento in autogestione dei servizi e degli impianti comuni da parte degli assegnatari degli alloggi; c) la ripartizione degli oneri connessi alla manutenzione degli alloggi e all uso delle parti comuni tra l ente gestore, di seguito denominato Ente, e gli assegnatari. 2. Per quanto non espressamente previsto nel presente regolamento si applicano le norme del Codice civile. Capo I Modalità d uso degli alloggi e delle parti comuni Art. 2 (Consegna dell alloggio) 1. La consegna dell alloggio avviene dopo la stipulazione del contratto di locazione. 2. L Ente convoca l assegnatario per la stipulazione del contratto e la consegna dell alloggio tramite lettera raccomandata con avviso di ricevimento o a mezzo posta elettronica certificata. 3. La mancata presentazione dell assegnatario entro il termine massimo di quindici giorni dalla data di ricevimento dell avviso di convocazione per la stipulazione del contratto, equivale a rinuncia dell alloggio, fatta salva la comunicazione di gravi e documentati motivi che vengono valutati dall Ente e trasmessi al Comune che decide sull eventuale perdita del diritto all assegnazione. 4. L Ente redige il verbale di consegna dell alloggio, dal quale risultano lo stato e le condizioni generali dell unità immobiliare, le pertinenze e il numero delle chiavi consegnate. Il verbale è sottoscritto dalle parti e una copia dello stesso è consegnata all assegnatario. 5. L assegnatario può formulare osservazioni e rilievi circa le condizioni dell alloggio. Tali osservazioni e rilievi sono trascritti nel verbale di consegna. 6. In assenza di osservazioni e rilievi, l alloggio si intende consegnato in buono stato manutentivo e conservativo, fatta salva la possibilità da parte dell assegnatario di far valere eventuali vizi, non riconoscibili immediatamente, entro otto giorni dalla loro scoperta e non oltre due anni dalla stessa

14 7. E cura dell assegnatario stipulare i contratti di utenza che devono essere intestati all assegnatario o a un componente del suo nucleo familiare. Dopo la stipula, l Ente procede al controllo della funzionalità degli impianti. 8. L alloggio deve essere occupato dall assegnatario entro trenta giorni dalla consegna, come stabilito dall articolo 20 decies, comma 1, lettera a), della legge regionale. 9. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche alle ipotesi di mobilità. Nel caso di cambio consensuale degli alloggi non si applica quanto stabilito nei commi 4, 5 e 6. Art. 3 (Uso degli alloggi e delle parti comuni del fabbricato) 1. Gli assegnatari degli alloggi sono tenuti a: a) utilizzare l alloggio e gli altri locali assegnati conformemente alla loro specifica destinazione urbanistica. L utilizzo difforme costituisce grave contravvenzione alle modalità d uso degli alloggi e dà luogo alla decadenza dall assegnazione ai sensi dell articolo 20 decies della legge regionale; b) custodire l alloggio con cura e diligenza, eseguendo le manutenzioni a proprio carico indicate nel presente regolamento; c) curare le aree destinate a verde, a uso esclusivo; d) curare le aree di pertinenza del fabbricato o dell alloggio, in modo da assicurare un aspetto gradevole e rispondente agli scopi di estetica, decoro e pulizia, in conformità alle decisioni dei competenti organi dell autogestione o del condominio; e) segnalare tempestivamente all Ente, anche tramite il rappresentante degli assegnatari o l amministratore del condominio, le situazioni di pericolo conosciute, anche relative alla presenza di materiale in fibrocemento o similari, dannoso per la salute, o di danno, evidente o temuto, per il fabbricato in genere o per l alloggio assegnato, al fine di consentire un pronto ed efficace intervento degli organi preposti, assumendo altresì eventuali misure temporanee volte ad impedire l accesso o l uso di determinati servizi, locali o impianti; f) utilizzare e fruire degli spazi e dei servizi comuni secondo le modalità decise dall assemblea degli assegnatari o dall assemblea dei condomini e nel rispetto dei regolamenti emanati dagli enti locali in materia di sanità, nettezza urbana, gestione dei servizi collettivi, ecc.; g) occupare stabilmente l alloggio, con l obbligo di comunicare all Ente l eventuale mancato utilizzo per periodi superiori a tre mesi; h) provvedere a una regolare e idonea pulizia delle scale, dei pianerottoli e dei cortili, in conformità alle decisioni dei competenti organi dell autogestione o del condominio; i) partecipare, personalmente o mediante un proprio delegato, alle riunioni dell assemblea degli assegnatari o dei condomini. 2. Sono comunque a carico dell Ente tutte le spese per il controllo e l eventuale adozione di azioni di tutela, anche se anticipate dagli assegnatari o dall autogestione. 3. Ai fini dell applicazione del presente articolo l Ente adotta specifiche disposizioni regolamentari. Art. 4 (Uso degli impianti) 1. L impianto termico e l impianto elettrico sono utilizzati nel rispetto delle leggi vigenti in materia. Ogni intervento di manutenzione o di riparazione deve essere eseguito da una ditta in possesso dei requisiti previsti dalla legge. 2. Negli edifici con impianto termico centralizzato compete all assemblea degli assegnatari o dei condomini la nomina del terzo responsabile dell impianto. 3. Se l appartamento è dotato di impianto termico singolo, l assegnatario, per il periodo di durata dei contratto e comunque durante l utilizzo dell alloggio, adempie agli obblighi previsti dalle leggi vigenti in materia di esercizio e manutenzione degli impianti tecnici e relativi controlli. 4. Eventuali malfunzionamenti, preventivamente rilevati dalla ditta alla quale l assegnatario ha affidato la manutenzione periodica dell impianto, devono essere segnalati all Ente fornendo la relativa documentazione di verifica, fermo restando l obbligo per l assegnatario di non utilizzare l impianto in caso di pericolo. 5. L impianto elettrico deve essere utilizzato nel rispetto delle caratteristiche tecniche di realizzazione, con particolare riferimento alle dotazioni di sicurezza e alla potenza elettrica degli utilizzatori da allacciare alle prese. 6. L assegnatario provvede con cadenza almeno annuale, alla verifica della funzionalità dell impianto elettrico, con particolare riferimento agli interruttori differenziale e magnetotermico. L assegnatario è tenuto, inoltre, a segnalare prontamente all Ente eventuali malfunzionamenti, fermo restando il divieto di utilizzare l impianto in caso di pericolo

15 Art. 5 (Garage singoli e posti auto) 1. I garage singoli e i posti auto nei garage comuni di ogni singola scala o fabbricato sono assegnati dall Ente in modo da assicurare il migliore utilizzo degli stessi. 2. Nei garage comuni ogni assegnatario può usufruire di un solo posto macchina. 3. I garage e i posti macchina sono utilizzabili dal nucleo familiare dell assegnatario e dai soggetti autorizzati conviventi per il ricovero delle auto, dei motocicli e dei veicoli non motorizzati, in modo da non limitare l uso delle parti comuni agli altri assegnatari. E vietato depositare mobilio, masserizie e quant altro non compatibile con la destinazione d uso sopra indicata, ivi compreso l esercizio di attività anche di natura non commerciale. 4. La cessione a terzi dell utilizzo dei garage e dei posti macchina costituisce grave violazione alle modalità d uso degli alloggi e dà luogo alla decadenza dall assegnazione dell alloggio ai sensi dell articolo 20 decies della legge regionale. Art. 6 (Ospitalità temporanea e convivenza per motivi di lavoro) 1. In base a quanto previsto dall articolo 20 septies, comma 6, della l.r. 36/2005, l ospitalità temporanea a favore della medesima persona, estranea al nucleo familiare dell assegnatario, non può superare i sei mesi nell arco del medesimo anno solare, detratti eventuali periodi di interruzione, a pena di decadenza dall assegnazione. L assegnatario è tenuto a comunicare all ente il nominativo dell ospite temporaneo qualora ospitalità di protragga oltre i trenta giorni, secondo le modalità e le procedure stabilite dall Ente. 2. L Ente può autorizzare l ospitalità temporanea oltre il termine di cui al comma 1 esclusivamente a favore di persone legate all assegnatario da vincolo di parentela per esigenze di assistenza sanitaria certificata da strutture pubbliche. Tale esigenza viene verificata con periodicità annuale dall Ente, che dispone la revoca dell autorizzazione al venir meno delle cause che l hanno generata. 3. I soggetti ospitati temporaneamente o i soggetti conviventi per motivi di lavoro non acquisiscono il diritto al subentro nell assegnazione, né sono presi in considerazione ai fini della determinazione del canone locativo. 4. I soggetti di cui al comma 3 sono tenuti al rispetto delle presenti norme regolamentari. 5. Resta a carico dell assegnatario l assolvimento degli adempimenti connessi alle comunicazioni all Autorità locale di pubblica sicurezza secondo le norme vigenti, incluse quelle in materia di permanenza di cittadini stranieri in Italia. 6. L Ente procede all annullamento dell autorizzazione all ospitalità temporanea di cui al comma 2 qualora la stessa sia stata ottenuta sulla base di dichiarazioni mendaci o documenti risultati falsi e in tutti i casi in cui, successivamente al rilascio della stessa, sia stata accertata la mancanza delle condizioni richieste dalla legge regionale di riferimento o dal presente regolamento. Capo II Autogestione e condominio Art. 7 (Autogestione ) 1. Gli assegnatari degli alloggi attivano l autogestione assumendo la gestione diretta dei servizi e degli impianti comuni del fabbricato secondo le modalità stabilite dal presente regolamento. 2. L autogestione ha autonomia amministrativa ed è responsabile degli obblighi fiscali inerenti ai servizi comuni effettivamente gestiti. 3. L autogestione diventa operante con la nomina degli organi di cui all articolo L Ente promuove l attivazione e il funzionamento dell autogestione assicurando il proprio sostegno alla formazione dei rappresentanti degli assegnatari, anche in collaborazione con le organizzazioni sindacali. In caso di particolari esigenze o difficoltà l Ente può rinviare l attivazione dell autogestione o sospenderne la prosecuzione per i tempi strettamente necessari a rimuovere le cause ostative. 5. Nel caso in cui gli organi dell autogestione di cui all articolo 8 risultino inadempienti, l Ente può provvedere a sua cura, con successiva rivalsa delle spese a carico degli assegnatari. Art. 8 (Organi dell autogestione) 1. Sono organi dell autogestione: a) l assemblea degli assegnatari; b) il rappresentante degli assegnatari. Art. 9 (Assemblea degli assegnatari) 1. Per la costituzione dell assemblea degli assegnatari e la validità delle deliberazioni si applica 10051

16 quanto stabilito dall articolo 1136 del codice civile, fatto salvo quanto previsto dal presente regolamento. 2. L assemblea degli assegnatari si pronuncia su qualsiasi questione di interesse comune e delibera in ordine a ogni attività riguardante il funzionamento dell autogestione e, in particolare: a) elegge il rappresentante degli assegnatari; b) approva il bilancio preventivo e il rendiconto annuale su proposta del rappresentante degli assegnatari; c) stabilisce i criteri di ripartizione delle spese non espressamente contemplate nelle tabelle millesimali di riparto consegnate dall Ente; d) approvai contratti per la fornitura dei servizi e le relative modalità di erogazione; e) delibera su tutte le spese di amministrazione e sulla costituzione dei relativi fondi, nonché sugli altri adempimenti previsti dal presente regolamento; f) stabilisce il compenso per il rappresentante degli assegnatari. 3. L assemblea degli assegnatari si riunisce in via ordinaria almeno una volta l anno, entro e non oltre novanta giorni dalla chiusura dell esercizio finanziario, per l esame e l approvazione del rendiconto nonché del bilancio preventivo ed annesso progetto di ripartizione. Tale documentazione deve essere spedita agli assegnatari almeno dieci giorni prima della data fissata per l assemblea. L assemblea, inoltre, si riunisce tutte le volte che il rappresentante lo reputi necessario o quando lo stesso ne abbia avuto richiesta da almeno un quarto degli assegnatari. 4. L assemblea è convocata a cura del rappresentante, almeno dieci giorni prima della data fissata, con una delle seguenti modalità: avviso individuale; lettera a mano con ritiro di dichiarazione di ricevuta comunicazione; lettera raccomandata; posta elettronica certificata; fax. 5. Della convocazione deve essere data comunicazione all ente gestore, che ha la facoltà di intervenire all assemblea con un proprio rappresentante senza diritto di voto. L avviso deve contenere l indicazione del luogo, del giorno e dell ora della riunione, delle materie da sottoporre alla deliberazione dell assemblea e la data e ora dell adunanza in seconda convocazione. Art. 10 (Rappresentante degli assegnatan) 1. L assemblea degli assegnatari, nella prima riunione, convocata dall Ente, procede alla nomina del rappresentante degli assegnatari. Il rappresentante è nominato con il voto favorevole di almeno il cinquanta per cento degli assegnatari medesimi che rappresentino almeno il cinquanta per cento del valore dell edificio. 2. In caso di mancata nomina, trascorsi sessanta giorni dalla data della riunione di cui al comma 1, il rappresentante degli assegnatari è nominato d ufficio dall Ente. 3. li rappresentante degli assegnatari dura in carica un anno, con possibilità di conferma. 4. L assemblea può, in qualunque momento, con deliberazione adottata con la maggioranza di cui al comma 1, revocare l incarico al rappresentante e provvedere alla sua sostituzione. 5. Il rappresentante degli assegnatari: a) ha la rappresentanza legale dell autogestione; b) ove mancante, acquisisce presso l Agenzia delle Entrate il codice fiscale del fabbricato ai fini dell intestazione all autogestione delle fatture relative alle spese comuni e manutenzioni ordinarie di competenza; c) convoca l assemblea degli assegnatari; d) esegue le deliberazioni dell assemblea, opera per l osservanza delle norme regolamentari e mantiene i rapporti con l Ente per tutti i problemi connessi all autogestione; e) tiene l elenco delle generalità degli assegnatari e il registro dei verbali dell assemblea; f) prende in consegna gli impianti comuni, concordando con l Ente le eventuali riparazioni o sostituzioni e provvedendo alla loro manutenzione; g) segnala all Ente i casi di morosità relativi alle quote dell autogestione; h) propone all assemblea le modalità per l erogazione dei servizi; i) cura la gestione contabile, gli adempimenti amministrativi relativi alla conduzione degli impianti e dei servizi comuni e la tenuta del registro di contabilità per l entrata e l uscita; l) provvede, all inizio di ciascun esercizio, alla predisposizione del bilancio preventivo, contenente le spese e gli accantonamenti previsti, le quote annue a carico di ciascun assegnatario e la loro ripartizione in rate periodiche; m) redige alla fine di ciascun esercizio il rendiconto, contenente le spese effettivamente sostenute, la suddivisione degli oneri a carico di ciascun assegnatario, l ammontare dei versamenti effettuati dai singoli, i relativi conguagli attivi e passivi, nonché l entità residua dei fondi accantonati. 6. Il bilancio preventivo e il rendiconto sono sottoposti all approvazione dell assemblea degli asse

17 gnatari entro novanta giorni dalla chiusura dell esercizio finanziario. 7. Nel caso in cui il rappresentante degli assegnatari risulti assente senza giustificato motivo a una riunione dell assemblea, questa, nel rispetto delle maggioranze specificate ai comma 1, provvede a nominare un sostituto per lo svolgimento della medesima riunione. 8. In caso di assenza del rappresentante a più di tre riunioni dell assemblea senza giustificato motivo l Ente ha facoltà di revocare l incarico di rappresentante degli assegnatari e di nominare un nuovo rappresentante, che svolge le relative funzioni per l esercizio finanziario in corso e comunque fino a nuova nomina da parte dell assemblea degli assegnatari. 9. In caso di dimissioni volontarie il rappresentante degli assegnatari assolve il suo mandato con poteri limitati all ordinaria amministrazione fino alla nomina del nuovo rappresentante, e provvede a convocare l assemblea per la nomina dello stesso entro trenta giorni dalla data delle dimissioni medesime. 10. È facoltà dell Ente richiedere al rappresentante degli assegnatari ogni documentazione necessaria per l esercizio della vigilanza sugli impianti comuni. Art. 11 (Condominio) 1. Agli alloggi ubicati in fabbricati ove è costituito il condominio si applicano le relative norme del codice civile. 2. Gli assegnatari di tali alloggi hanno diritto di voto, in luogo dell Ente, nelle deliberazioni che riguardano i servizi la cui spesa e gestione sono a carico e di competenza degli assegnatari stessi. Art. 12 (Inadempienze) 1. Nel caso in cui l assegnatario risulti in stato di morosità nei confronti dell autogestione o del condominio, l Ente: a) attiva le procedure di risoluzione del contratto con conseguente decadenza dall assegnazione, così come stabilito dall articolo 20 undecies della legge regionale, promuovendo le azioni per ii recupero coattivo del credito e dell alloggio, previa acquisizione della documentazione contabile ed amministrativa idonea fornita dal rappresentante degli assegnatari; b) provvede all irrogazione delle sanzioni amministrative pecuniarie stabilite dall articolo 20 terdecies della legge regionale. 2. L esazione delle quote dovute dagli assegnatari all autogestione resta a carico di quest ultima, fatta salva la comunicazione all Ente degli assegnatari inadempienti. Capo III Conservazione degli edifici Art. 13 (Lavora da eseguire prima della consegna dell alloggio) 1. Prima della consegna dell alloggio l Ente provvede alla sua tinteggiatura e all esecuzione dei lavori necessari al corretto funzionamento degli impianti, fermo restando quanto previsto all articolo 2, comma 7. Art. 14 (Interventi di manutenzione) 1. Le opere di manutenzione degli stabili comprendono i lavori necessari o utili alla buona conservazione degli edifici, degli impianti e delle pertinenze. 2. Gli interventi di cui al comma 1 si distinguono in: a) piccola manutenzione o piccola riparazione, eseguita a esclusiva cura e spese dell assegnatario ai sensi degli articoli 1576 e 1609 del codice civile; b) manutenzione ordinaria, così come definita dall articolo 3 del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia), a carico dell Ente, salvo quanto previsto nel comma 4 del presente articolo e nell allegato A al presente regolamento; c) manutenzione straordinaria, così come definita dall articolo 3 del D.P.R. 380/2001, a carico dell Ente ovvero dell Ente proprietario, se diverso, ai sensi della convenzione con esso stipulata. 3. L Ente provvede alla manutenzione degli immobili su richiesta degli assegnatari o d ufficio. Le richieste sono effettuate secondo le modalità stabilite dall Ente, il quale valuta l opportunità e la necessità dei lavori e stabilisce le priorità degli interventi in relazione all urgenza, alla pericolosità e alle disponibilità di bilancio. 4. In caso di sostituzione del generatore di calore l Ente stabilisce le modalità di erogazione all assegnatario di un contributo pari ad almeno il cinquanta per cento della spesa da questi sostenuta, fermo restando un limite massimo stabilito dall Ente medesimo. Il contributo è concedibile solo 10053

18 nel caso in cui la sostituzione del generatore di calore viene effettuata a seguito di prescrizione della ditta manutentrice dell impianto di riscaldamento. Art. 15 (Riparazioni urgenti) 1. Per riparazioni urgenti si intendono quelle di ripristino della funzionalità dell impianto elettrico, di scarico, idrico e di riscaldamento. 2. Fermo restando quanto previsto all articolo 20, l Ente provvede alla verifica dei guasti entro il primo giorno lavorativo successivo alla segnalazione da parte dell assegnatario e all avvio tempestivo dei lavori. Trascorso inutilmente tale termine, l assegnatario può rivolgersi a una ditta di propria fiducia. In tal caso restano a carico dell Ente le sole spese di riparazione del guasto, entro i limiti del prezzario di manutenzione dell Ente o, in mancanza, del prezzario regionale. Art. 16 (Opere di miglioramento) 1. Costituiscono opere di miglioramento, ai fini di quanto previsto dall articolo 17, i lavori che producono un aumento di valore o un miglior uso dell alloggio, dell edificio o delle relative pertinenze, ovvero che possono determinare il passaggio dell immobile a categorie catastali superiori. 2. Sono considerate opere di miglioramento, in particolare: a) l installazione e le modifiche di impianti di riscaldamento a termosifone, compresa la trasformazione degli impianti centralizzati in impianti singoli o viceversa; b) l installazione di canne fumarie di riscaldamento e di esalazione, la realizzazione di caminetti e l installazione delle relative canne fumarie; c) la realizzazione di attrezzature su aree di uso comune, interne o esterne; d) il completamento di impianti e l installazione di nuovi apparecchi e servizi, di pavimenti e rivestimenti; e) la realizzazione di nuovi infissi, la modifica degli stessi e l apertura di nuove luci. Art. 17 (Richieste di autorizzazione e modalità di esecuzione dei lavori da parte degli assegnatan) 1. Per l esecuzione dei lavori di cui all articolo 16 l assegnatario o ii rappresentante degli assegnatari richiede la preventiva autorizzazione all Ente, secondo modalità da questo stabilite. In difetto, l Ente può ordinare la ricostituzione in pristino dell immobile. 2. Per il rilascio dell autorizzazione l Ente può richiedere la presentazione del progetto, nonché la costituzione di garanzie atte ad assicurare la regolare esecuzione dei lavori e la loro conformità all autorizzazione concessa. 3. I lavori sono eseguiti a cura e spese dell assegnatario alle condizioni poste dall Ente, salva la partecipazione dell Ente alle spese ai sensi dell articolo 19. Nel caso in cui i lavori non siano eseguiti secondo le regole dell arte l Ente può ordinarne il rifacimento. 4. Le modifiche interne degli alloggi o delle parti comuni, qualora autorizzate dall Ente, sono eseguite dall assegnatario sotto la sua responsabilità, nel rispetto delle norme urbanistiche e dei regolamenti comunali. Sono a carico dell assegnatario gli oneri per l espletamento delle pratiche amministrative, comprese le eventuali variazioni catastali, le tasse, le imposte e i tributi di ogni genere conseguenti all autorizzazione concessa. 5. Per la modifica dei prospetti dell edificio dovuta all installazione di tende parasole, doppie finestre o altri infissi, l assemblea degli assegnatari decide sulle relative tipologie e caratteristiche assicurando l uniformità degli interventi. 6. Le modifiche alle parti comuni degli edifici ove è costituita l autogestione possono essere autorizzate solo dopo l approvazione da parte dell assemblea degli assegnatari con le maggioranze necessarie. Qualora le modifiche interessino un solo gruppo di alloggi o un solo vano scala, le stesse possono essere autorizzate dall Ente solo dopo l approvazione da parte degli assegnatari degli alloggi e del vano scala direttamente interessati. Capo IV Ripartizione delle spese Art. 18 (Ripartizione delle spese) 1. La ripartizione delle spese accessorie e degli oneri relativi ai servizi a carico dei singoli assegnatari e dell autogestione è riportata nell allegato A. 2. Nelle more di assegnazione di tutti gli alloggi dello stabile, l Ente partecipa alle spese relative ai servizi comuni del fabbricato per la quota di essi che non è stata assegnata

19 Art 19 (Partecipazione dell Ente alle spese di miglioramento) 1. L Ente persegue la valorizzazione dei proprio patrimonio immobiliare e incentiva l esecuzione delle opere di miglioramento di cui all articolo 16 con particolare riferimento all installazione di impianti di riscaldamento a termosifone, ove mancanti, il miglior utilizzo degli alloggi da parte delle persone diversamente abili e al miglioramento degli infissi. 2. A tal fine l Ente determina, con apposito regolamento, i criteri e le modalità di partecipazione alle spese sostenute dagli assegnatari ai fini di cui al comma 1. Il presente regolamento è pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione. E fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare come regolamento della Regione Marche. Ancona, 20 maggio 2014 IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Gian Mario Spacca Art. 20 (Addebito dei danni recati agli immobili) 1. Le spese sostenute dall Ente, comprese quelle per sopralluoghi e perizie, per riparare danni, guasti o deterioramenti degli immobili, causati dagli assegnatari per colpa, negligenza, incuria, cattivo uso, ovvero per mancata esecuzione di lavori manutentivi di loro competenza, sono recuperate dall Ente medesimo mediante addebito da effettuarsi unitamente al canone di locazione. 2. Prima di procedere all esecuzione dei lavori in danno, l Ente diffida gli assegnatari responsabili a eseguire i lavori necessari per la riparazione dei danni, assegnando un congruo termine comunque non inferiore a dieci giorni. 3. Gli assegnatari rispondono altresì dei danni causati dai loro familiari, dai loro ospiti nonché dai soggetti conviventi per motivi di lavoro. 4. Nel caso in cui i danni causati dai soggetti di cui al comma 3 siano contemplati nella polizza di assicurazione stipulata dall Ente per i fabbricati o gli alloggi in gestione, la somma dovuta dall assegnatario è pari alla differenza tra il costo di riparazione del danno e l indennizzo corrisposto dall assicurazione. Art. 21 (Norme transitorie e finali) 1. Per gli alloggi di nuova costruzione o oggetto di recupero edilizio, l autogestione è prevista nel contratto di locazione. 2. Per gli alloggi già assegnati, l autogestione deve essere attivata entro due anni dalla data di entrata in vigore del presente regolamento. 3. Le situazioni in corso di ospitalità temporanea di cui all articolo 6 si adeguano alle presenti prescrizioni entro sei mesi dalla data di entrata in vigore di questo regolamento

20 10056

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

PARTE PRIMA. Art. 2 Ambito di applicazione

PARTE PRIMA. Art. 2 Ambito di applicazione 11976 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 7 aprile 2014, n. 10 Nuova disciplina per l assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli