COMUNE DI SANTO STEFANO AL MARE PROVINCIA DI IMPERIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SANTO STEFANO AL MARE PROVINCIA DI IMPERIA"

Transcript

1 COMUNE DI SANTO STEFANO AL MARE PROVINCIA DI IMPERIA! " #$%& '!( ) *)*+*)*, )&+# -))*)*./! Richiedenti: Società Negro F.lli S.p.a. Costruzioni Generali Via Colombo 221 Arma di Taggia c.f. e p.i Presidente del Consiglio di Amministrazione Rag. Negro Silvano Società S.Stefano 2000 Corso Galileo Ferraris 159 Torino c.f. e p.i Presidente del Consiglio di Amministrazione Dr. Claudio Gombia Progetto: LDA Studio vico delle vele 7/ Genova tel fax Arch. Luca Dolmetta Ordine Architetti, PPC Prov. GE n 2794 Aprile 2014

2 ONERI CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE - Tariffa adeguata al 01/01/2009 (Contributo di costruzione, zona residenziale di nuova costruzione) 145,51 Costo di costruzione % ONERI DI URBANIZZAZIONE B PRIMARIA B1 % SECONDARIA B2 % 24,29% 49,21% 26,50% al mq. al mq. al mq. 35,34 71,61 38,56 Superficie oneri stimata ambito SUA in mq ,54 Lotto 1 mq. 856,00 Lotto 2 mq ,54 costo costruzione richiesto Urban. Primaria richiesto Urb. Secondaria richiesto , , , ,39 di cui per Lotto 1 costo costruzione richiesto Urban. Primaria richiesto Urb. Secondaria richiesto , , , ,56 di cui per Lotto 1 costo costruzione richiesto Urban. Primaria richiesto Urb. Secondaria richiesto , , , ,83 RIEPILOGO OPERE PREVISTE NEL S.U.A. totalmente scomputabili Opere di urbanizzazione primaria Lotto 1 e Lotto 2 Quota a carico Soc. Negro F.lli (66,66%) Quota a carico Soc. S.Stefano 2000 (33,34%) Opere di urbanizzazione secondaria Lotto 1 e Lotto 2 Quota a carico Soc. Negro F.lli (66,66%) Quota a carico Soc. S.Stefano 2000 (33,34%) Stima sommaria allargamento via Peirona Quota a carico Soc. Negro F.lli (66,66%) Quota a carico Soc. S.Stefano 2000 (33,34%) Totale costi urbanizzazione Società Negro F.lli Costruzioni Generali Società S.Stefano , , , , , , , , , , , ,43 Riepilogo standard previsti dal progetto di SUA Verde pubblico mq ,00 Parcheggi ed arredo urbano mq. 710,00 Totale complessivo previsto mq ,00 Di cui di competenza a carico Società S.Stefano 2000 Verde pubblico mq. 707,00 Parcheggi ed arredo urbano mq. 237,00 Totale complessivo previsto mq. 944,00 Di cui di competenza Società Negro F.lli Costruzioni Generali Verde pubblico mq ,00 Parcheggi ed arredo urbano mq. 473,00 Totale complessivo previsto mq ,00

3 STIMA SOMMARIA OPERE URBANIZZAZIONE a carico LOTTO 1 e LOTTO 2 NP indicazione dei lavori e delle provviste URBANIZZAZIONE PRIMARIA interna zona C-Trasf 2A unità di misura Quantità massima prezzo massimo in Importo Totale massimo a carico dei soggetti attuatori VIABILITA' STRADALE PUBBLICA INTERNA ALLA ZONA C-TRASF 2, SPAZI COMPLEMENTARI ED ILLUMINAZIONE, RETI FOGNARIE, SPAZI DI SOSTA E PARCHEGGIO (art. 3 LR 25/'95) - Costi al lordo di IVA 1 Realizzazione strada comprensiva di: Scavo di sbancamento in terreno di qualsiasi natura e consistenza, inclusa la roccia da mina, compreso il trasporto alla PP.DD., eseguito con scavatore meccanico fino alla profondità necessaria; Scavo in trincea a sezione obbligata per profondità fino a 2,00 m, eseguito con mezzo meccanico, compresi i necessari puntellamenti, compreso accatastamento in cantiere per eventuale successivo riutilizzo. Trasporto alla pubblica discarica di materiali di risulta da scavi e/o demolizioni, eseguito con autocarro e misurato a volume effettivo di scavo. Carico eseguito con qualunque mezzo, compreso oneri di discarica Provvista e posa in opera di conglomerato cementizio per muri in elevazione di spessore medio superiore a 0,40 m, con o senza orditura metallica, compresa vibratura con l'ausilio di idonei mezzi di sollevamento, comprese casseforme ed ogni altro onere. Provvista e posa in opera di pietre da taglio locali per rivestimento di muri di sostegno, in opera con malta cementizia. Esecuzione di riempimento con materiale proveniente da scavi eseguiti con mezzi meccanici nell'ambito del cantiere. Provvista e posa in opera di sottofondo stradale, spessore minimo cm.20, costituito da materiale di fiume o di cava (tout-venant) precedentemente asportato ed accatastato in cantiere, steso a strati, moderatamente innaffiato, compattato e cilindrato con rullo da 14/16 tonnellate, fino al completo assestamento e raggiungimento della quota prescritta. Strato di collegamento (binder) in conglomerato bituminoso steso con vibrofinitrice e cilindrato con rullo di peso adeguato, compresa emulsionatura di ancoraggio, in strati da 3 cm. a 6 cm. compressi, per superfici a 2500 mq, per ogni cm compresso. Tappeti d usura in conglomerato bituminoso con bitume di penetrazione 180/200, al 5%-6% del peso dell inerte, confezionato con graniglie e sabbia compresi materiali, stendimento con vibrofinitrice e rullatura con rullo di peso adeguato, misurati per spessori finiti, per superfici fino a 2500 mq. Impianto di illuminazione comprensivo di nuova linea elettrica conforme alla vigente normativa, con relativa canalizzazione sottotraccia, compresa di fornitura ed installazione di lampioni su mensola e su palo in ferro battuto comprensivi di lanterna in ferro battuto e vetro a doppio isolamento, compreso di basamento in calcestruzzo per l ancoraggio dello stesso, compreso di pozzetto di derivazione linea con puntazza in rame di messa a terra; Realizzazione zona pedonale e zona per sosta autovetture con autobloccanti comprensiva di autobloccanti colorati per disegno parcheggi Fornitura e posa in opera di recinzioni lungo il nuovo confine della strada. Mc , ,00 Mc 57,6 40, ,00 Mc 1407,6 35, ,00 Mc 162,6 290, ,00 mq 406,5 86, ,00 Mc 64 15,00 960,00 mq 301,5 30, ,00 Ml , ,00 mq , ,00 ml , ,00 TOTALE ,00 Pagina 1

4 RETE FOGNARIA - acque nere Realizzazione canalizzazione acque nere comprensiva di: 3.02 Fornitura e posa in opera di condotta in PVC del diametro interno di cm. 20, compreso il sottofondo (spessore minimo cm. 15.) e i rinfianchi in cls classe Rck 150 con uno spessore minimo di cm. 15, la stuccatura dei giunti in malta di cemento ed il reinterro con materiale precedentemente asportato ed accatastato in cantiere stabilizzato adeguatamente rullato, compresi pozzetti, raccordi ed ogni onere per dare il lavoro finito a regola d'arte. Collettore comune di raccolta delle acque nere su mappale 703 del diametro di 20 cm. comprensivo di pozzetti e curve. Ml 50 42, ,00 Ml , , TOTALE ,00 RETE FOGNARIA - acque bianche Realizzazione canalizzazione acque bianche comprensiva di: Fornitura e posa in opera di condotta in PVC del diametro interno di cm. 25, compreso il sottofondo (spessore minimo cm. 15.) e i rinfianchi in cls classe Rck 150 con uno spessore minimo di cm. 15, la stuccatura dei giunti in malta di cemento ed il reinterro con materiale precedentemente asportato ed accatastato in cantiere stabilizzato adeguatamente rullato, compresi pozzetti, raccordi ed ogni onere per dare il lavoro finito a regola d'arte. Collettore comune di raccolta delle acque bianche su mappale 703 del diametro di 20 cm. comprensivo di pozzetti e curve. Ml 15 46,00 690,00 Ml , ,00 TOTALE ,00 CABINA ENEL Realizzazione cabina ENEL per l'allaccio dell'illuminazione pubblica. corpo , ,00 TOTALE ,00 TOTALE COSTI PER OPERE URBANIZZAZIONE PRIMARIA LOTTO 1 e LOTTO ,00 Pagina 2

5 5 URBANIZZAZIONE SECONDARIA interna zona C-Trasf 2A SPAZIO VERDE CON FUNZIONE RICREATIVA O AMBIENTALE DESTINATO AD USO PUBBLICO, ARREDO URBANO, SPAZIO A PARCHEGGIO PUBBLICO (art. 4 LR 25/'95) - Costi al lordo di IVA VERDE PUBBLICO Scavo di sbancamento in terreno di qualsiasi natura e consistenza, inclusa la roccia da mina, compreso il trasporto alla PP.DD., eseguito con scavatore meccanico fino alla profondità necessaria; nel presente prezzo è altresì inclusa la quota necessaria per la realizzazione degli scavi per i muri Sistemazione di terreno in ambito locale per realizzare i terrazzamenti previsti dal progetto dello SUA. Compreso ogni onere per dare il lavoro finito a regola d'arte Realizzazione di muri misti in cls, acciaio e rivestimento in pietra, dell'altezza massima di 2 mt., necessari alla realizzazione dei terrazzamenti previsti nel progetto di dettaglio. Completi di ogni onere per dare il lavoro finito a regola d'arte. Provvista e posa di rivestimento delle scalinate del parco in pietra naturale di tipo locale Provvista e posa di pavimento in calcestruzzo architettonico completo di ogni onere per dare il lavoro finito a regola d'arte e nel colore scelto dall'a.c. Provvista e posa di pavimento in legno completo di ogni onere per dare il lavoro finito a regola d'arte e nel colore scelto dall'a.c. Realizzazione delle parti verdi a prato del tipo a semina naturale, completo di impianto di irrigazione e di ogni onere per dare il lavoro finito a regola d'arte Fornitura e posa di piante ed arbusti previsti nelle tavole di progetto delle dimensioni adeguate per la realizzazione dello spazio pubblico. Realizzazione di sistema di arredo urbano composto da giochi sparsi nella zona a verde pubblico, panchine e cestini portarifiuti Mc , ,00 Mc 457,8 15, ,00 mq , ,00 mq , ,00 mq 70 60, ,00 mq , ,00 mq , ,00 cad , ,00 cad , , Fornitura e posa di ringhiere in acciaio zincato per la protezione dei terrazzamenti previsti nel progetto ml , , Fornitura e posa di impianto di illuminazione e di corpi illuminanti corpo , ,00 TOTALE ,00 TOTALE COSTI PER OPERE URBANIZZAZIONE SECONDARIA LOTTO 1 e LOTTO 2 TOTALE COSTI PER OPERE URBANIZZAZIONE LOTTO 1 e LOTTO , ,00 Pagina 3

6 NP 1 STIMA SOMMARIA OPERE URBANIZZAZIONE indicazione dei lavori e delle provviste VIABILITA' STRADALE Realizzazione strada comprensiva di: a carico LOTTO 1 e LOTTO 2 unità di misura Quantità massima URBANIZZAZIONE PRIMARIA prezzo massimo in ALLARGAMENTO VIA PEIRONA Importo Totale massimo a carico dei soggetti attuatori Asportazione di pavimentazione stradale in conglomerato bituminoso, eseguito con apposita macchina fresatrice, per una profondità di circa 10 cm, incluso il carico su qualsiasi mezzo di trasporto dei materiali di risulta, il trasporto in discarica per materiali speciali Scarificazione di sottofondo stradale, eseguito con mezzi meccanici fino alla profondità media di 20 cm, compreso accatastamento in cantiere per successivo riutilizzo. Scavo di sbancamento in terreno di qualsiasi natura e consistenza, inclusa la roccia da mina, compreso il trasporto alla PP.DD., eseguito con scavatore meccanico fino alla profondità necessaria; Scavo in trincea a sezione obbligata per profondità fino a 2,00 m, eseguito con mezzo meccanico, compresi i necessari puntellamenti, compreso accatastamento in cantiere per successivo riutilizzo. Mq , ,00 Mq , ,00 Mc 1015,41 30, ,30 Mc 237,28 40, , Trasporto alla pubblica discarica di materiali di risulta da scavi e/o demolizioni, eseguito con autocarro e misurato a volume effettivo di scavo. Carico eseguito con qualunque mezzo, compreso oneri di discarica Provvista e posa in opera di conglomerato cementizio per muri in elevazione di spessore medio superiore a 0,40 m, con o senza orditura metallica, compresa vibratura con l'ausilio di idonei mezzi di sollevamento, comprese casseforme. Provvista e posa in opera di pietre da taglio locali per rivestimento di muri di sostegno, in opera con malta cementizia. Esecuzione di riempimento con materiale proveniente da scavi eseguiti con mezzi meccanici nell'ambito del cantiere. Provvista e posa in opera di sottofondo stradale, spessore minimo cm.20, costituito da materiale di fiume o di cava (tout-venant) precedentemente asportato ed accatastato in cantiere, steso a strati, moderatamente innaffiato, compattato e cilindrato con rullo da 14/16 tonnellate, fino al completo assestamento e raggiungimento della quota prescritta. Strato di collegamento (binder) in conglomerato bituminoso steso con vibrofinitrice e cilindrato con rullo di peso adeguato, compresa emulsionatura di ancoraggio, in strati da 3 cm. a 6 cm. compressi, per superfici a 2500 mq, per ogni cm compresso. Tappeti d usura in conglomerato bituminoso con bitume di penetrazione 180/200, al 5%-6% del peso dell inerte, confezionato con graniglie e sabbia compresi materiali, stendimento con vibrofinitrice e rullatura con rullo di peso adeguato, misurati per spessori finiti, per superfici fino a 2500 mq. Mc 1130,97 35, ,95 Mc 508,03 290, ,70 mq 433,44 86, ,84 Mc , ,00 mq 1637,44 30, ,20 Pagina 1

7 Impianto di illuminazione comprensivo di nuova linea elettrica conforme alla vigente normativa, con relativa canalizzazione sottotraccia, compresa di fornitura ed installazione di lampioni su mensola e su palo in ferro 1.10 battuto comprensivi di lanterna in ferro battuto e vetro a doppio isolamento, compreso di basamento in calcestruzzo per l ancoraggio dello stesso, compreso di pozzetto di derivazione linea con puntazza in rame di messa a terra; 1.11 Realizzazione marciapiede rialzato con bordo in cls e pavimentazioni in autobloccanti Ml , ,00 mq , , Fornitura e posa in opera di recinzioni e cancelli di proprietà lungo il nuovo confine della strada Ml , ,00 Sistemazione nuovi accessi ai confinanti con la strada per rampe, scale, muretti, ecc., compresi lavori in corpo , ,00 economia di piccola entità Nuovi tratti di gard rail ml , ,00 TOTALE , RETE FOGNARIA - acque nere Realizzazione canalizzazione acque nere comprensiva di: Fornitura e posa in opera di condotta in PVC del diametro interno di cm. 25, compreso il sottofondo (spessore minimo cm. 15.) e i rinfianchi in cls classe Rck 150 con uno spessore minimo di cm. 15, la stuccatura dei giunti in malta di cemento ed il reinterro con materiale precedentemente asportato ed accatastato in cantiere stabilizzato adeguatamente rullato, compresi pozzetti, raccordi ed ogni onere per dare il lavoro finito a regola d'arte. Ml , , TOTALE ,00 RETE FOGNARIA - acque bianche Realizzazione canalizzazione acque bianche comprensiva di: Fornitura e posa in opera di condotta in PVC del diametro interno di cm. 30, compreso il sottofondo (spessore minimo cm. 15.) e i rinfianchi in cls classe Rck 150 con uno spessore minimo di cm. 15, la stuccatura dei giunti in malta di cemento ed il reinterro con materiale precedentemente asportato ed accatastato in cantiere stabilizzato adeguatamente rullato, compresi pozzetti, raccordi ed ogni onere per dare il lavoro finito a regola d'arte. Ml , ,00 TOTALE , RIFACIMENTO ACQUEDOTTO ESISTENTE SU VIA PEIRONA realizzazione canalizzazione acquedotto comprensiva di: Fornitura e posa in opera della rete idrica con tubazione in acciaio diametro 90 mm per la conduttura principale, diametro 78 mm per gli idranti e tutto l occorrente per dare il lavoro compiuto ed ultimato in ogni sua parte, compresi pozzetti, raccordi e reinterro con materiale precedentemente asportato ed accatastato in cantiere. Ml , ,00 TOTALE ,00 TOTALE COSTI PER OPERA DI ALLARGAMENTO VIA PEIRONA LOTTO ,19 Pagina 2

8 !"#$%&$'("' &)* *)+*)** *, -!",#$ ). &*/, -.0&(& 1&"& & "$$& &.-%.&(& 4- * 5*($%("+2536$- 7)8 #, * ",,&.#96-#& * ) ).&.-,: : ; 1 ) -."&(0 &( & ""&$&' "- $<& +- * 5* $.9 12<6&6++<- 7)8 #,! "! ### * " * $ #& :- * ) ).&.-,:-2:6-2:+-2:-2::-6: = >!",#$ ).=/ *? #$ ). * 1#$ : , ) ? )) -!"; * 4 (" #$* * %*; * *?,, ), +-? *) )* **7 2++; *? ) (; *?, )) -)) *A*+4-42; ")*B *?,, + - *?C )* ).* **) *)+4 1

9 $$ $ %!%&'' ()***! '#+,#-,.+-/ 0122' '! DDDDDDDDDDDDDDDDDDDD,DDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDD DDDDDDDDD DDDDDDDD )* *- %!0(%!*!(,DDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDD *) 8 *- 7) - ) 7)8 DDDDDDDDDDD *, ). 5/-*), )DDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDEDDD*)-*?*)*, -))),=> ) *)*, ('$0-.0&(& 1&"& & "$$& &.-%.&(& 4- * 5*($%("+2536$- 7)8 #, *8('$05&#* ",, &. # 9 6-#& * ) ).&.-,: : ; 1 ) $0.9&-."&(0 &( & ""&$&' "- $<& +- * 5* $.9 12<6&6++<- 7)8#, *8666 *"*$5+23-#& :- * ) ). &.-,:- 2:6-2:+-2:-2::-6: 1*- *) 8 DDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDD *-7),,-) *)**** -7) * :3:3 * 5(, # *8 666!"#$,; '& *? *), *? ; - *8 5 (, # 666 * *? 23:43626:6+6:+; -, ) * 1 : ) * ; 2

10 - ) * ** *) * # +: ; - #*&*%+3 "#2++6+6) ; - * 5(, # 666,,) ).6:626+:; - ).-*( :*?),,,) ) * **) ; - DDDDDD6+, ) *,),%+3 "#2++6+6; - )*) )*)) 0 ; - DDDDDD6+, )? * ) 0 ; - "# ; - #*&%DDDDDDD "#DDDDDDDDD; - ) * DDDDDDD DDDDDDDD** DDDDDDDD*?**)) - *? )*(& 0(%'(F&0(') +4+,)),+3-E; - *?,, )? )* *G* * +/266*?, =9>; - * ), *?,, *? **, H) * 7), * - **)*,)7),) (**&''!3!4! *?,,* )8 )!" #$,+ - ) * #, IIIII- *) * **?*-,-, (%14!&''0(&1(2!44 4!0(5 ( %!& ( &,, )- ) # )-,,- *) - ) ( ) * ) *) - ) * + * 3

11 ) )* ) *? *) )**3"/ (2!44 4!0(5 ( 6, # ) 8 )* *) *,*? *,* ; )***7)*?; * )***7); )*7))*",),$4'"'$ 8*?) );, * ** * ), *)*'('!"8*? ) ) (2!44 4!%!& ( 6 )*; *?,,)* ) *) - * * 8 *)-*,), *),, )* &,*)8**() # )*?- 8) 1 (7%%!&*'50!5!1" *-*))**? *8)*-*?C*)---,? *),) )**)**++ * ) )* ), ) ) -*) )** +6- *)7) * **,8 * ) *) 8 8*)* "), * ** ),,) (/!(210(!(&1(2!44 4! &,,),* ).- * # ), * *,, 7)- *) ) - * * *7), )* -)- - * * 8,,, E "*)-7)*)*?)8) *# )-8****)# *8 *8*),,+6, *),,+ 4

12 (8!(210(%&%(14! &,, ), G * ). *,# *, * 7)- *) * *) -** )*,, - )- -* 8, ).,,,232 () 501& '!(21&'' 0( %*1 0( 1(2!44 4! 0(5 ( 9 %!& ( 0(%%! ( #7)) )*- *-*G**-*) 7),,,232 * *?,, ), *** &,,),,**) ) **- *) -* ) # *?,*?7)*,, 7) # 5 - * (- 00(! 4!&&!(* (&%(34 &,, ), *B*?,) *),' *)*?' ** **?,), * (+%! 4!1(2!%:!(5&'4, *), * # ) 8 * 7), ) -,*- * ") -, *-, )*?* ))- 1* *) )-, * )**,*?*8*, (. (5! 5 %%5 & %14! &'' 0( & 1(2!44 4! & 50' 5!&'! (' (** &,,),*,*?,8 ** ) * --,? ) * )- * ) *) -? J ** )*)8 *) ) ) - - -, * *, ) 5

13 (#%14!&' 3((%0!% 2'(' 3 *) ) 8 ) * **,* ) *- *? ** * % 7),1,+26 ),,*)*,)*), * ),' -, )*) ),, * *) 7) ) ) *) *)**),,)*? ), 7) 8 * *) -8*?,) (& '&'' %%!&''0(&*'50! &****,) ) *) * -! ) )),-46,*)* ) $ *) - *- *?- *,) -*?C,**, $ ) 8 )* * ) *8,8*:* # 7),, ), * ***))))* (( %"(5!&*'552' (4 &* *?,,, *,,,, ), **, ) )) *)- ***) - ),,? * (7 (!4, ))**) ) )**,, ) * -,, ),*, )-*) * * 4- *,# ) *-)-*?*)-*)&) ), *) - * * * "** )- ) * * ) ) *) * ) ) *) * *?C, *?,,* 6

14 1 ) 8 *- *? - *, *) *- * **, *) * 8*?*) *?/ - ) * ) *) * 8 ***) *?,)), * *? )- * *) * *) ** +3 * )*$)* (/! &50!4 &*,, ) 7) * -,, )*- )--8*) *# ) & *) 8 *?-,, )- ) *,)*/ * * 3 ) 7) -*,,; *) ) 8, - ** 7)*? )* ; * *,,),, -*)*)**+;, *)* (8' 1%' 50(5%%( 7) +4,, E +6- ) * *?, ) * * ()( %(4! * 8,,**),,) **+,)),+3E '8***,** )8 J))* ) * - *?C *) ) (-0% ") ) -, * * ) *,) **,, )*?*? ), * G**,,)/ *-*,); ),** 7

15 (+!3 ' 0'!( '& #7)-7)*- *), $,. ##- *),,)*?** #'..&(&"F&0(' 0.(' &'#0(9&'1''%&F&0 &0$$'""0"""0'0""0+ 8

16 Appendice alla Convenzione urbanistica per l'attuazione dello SUA di cui in premesse. Pattuizioni convenzionali per l'attuazione della legge regionale n. 38/2007 come modificata dalla legge regionale n. 44/2008. Premesso inoltre a) che l'art. 26 bis della legge regionale n. 38/2007, come sopra novellata, prevede che: "1. Gli interventi urbanistici ed edilizi comportanti insediamento di edilizia residenziale sono tenuti a contribuire alla realizzazione di nuovi alloggi di ERP, nella misura del 10 per cento ovvero della percentuale stabilita dal Comune e approvata dalla Regione ai sensi dell articolo 26, commi 1 e 2, della superficie agibile residenziale degli edifici in progetto o del volume urbanistico residenziale nel caso di comuni non ancora adeguati ai parametri della legge regionale 6 giugno 2008, n. 16 (Disciplina dell attività edilizia) e successive modificazioni ed integrazioni. Tale quota è aggiuntiva rispetto all entità dell edificazione prevista dal relativo progetto di intervento e comporta il soddisfacimento dei necessari standard urbanistici. 2. L obbligo di cui al comma 1 può essere assolto mediante realizzazione degli alloggi all interno della stessa area di intervento o in altra area del territorio comunale, con esclusione delle aree agricole e di presidio ambientale. 3. Nel caso in cui tale obbligo venga assolto attraverso l acquisto ed il recupero di alloggi esistenti, la quota a cui fare riferimento per assolvere al contributo dovuto è ridotta all 8 per cento

17 ovvero della percentuale stabilita dal Comune e approvata dalla Regione ai sensi dell articolo 26, commi 1 e 2, della superficie agibile residenziale degli edifici in progetto o del volume urbanistico residenziale nel caso di comuni non ancora adeguati ai parametri della l.r. 16/2008 e successive modificazioni ed integrazioni. 4. La realizzazione della sola quota di alloggi ERP è ammessa anche in deroga alla disciplina dei piani urbanistici vigenti e/o operanti in salvaguardia, fatto salvo il rispetto delle distanze dai fabbricati e delle altezze ivi previste e della dotazione dei parcheggi pertinenziali e comunque delle previsioni del Piano territoriale di coordinamento paesistico (PTCP) e dei Piani di bacino. 5. Gli alloggi di ERP sono conferiti al patrimonio di edilizia residenziale pubblica del Comune e riservati ai cittadini residenti nel comune da almeno due anni e possono essere gestiti secondo le disposizioni dell articolo 13 della legge regionale 29 giugno 2004, n. 10 (Norme per l assegnazione e la gestione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica e modifiche alla legge regionale 12 marzo 1998, n. 9 (Nuovo ordinamento degli enti operanti nel settore dell edilizia pubblica e riordino dell attività di servizio all edilizia residenziale ed ai lavori pubblici)) e successive modificazioni ed integrazioni. 6. Il Comune, qualora accerti l inidoneità di localizzazione degli alloggi di ERP nell area di intervento o in altra area del territorio comunale, anche per l inadeguatezza rispetto alla fruizione dei servizi e della rete del trasporto pubblico locale, dopo aver verificato la possibilità del recupero del proprio patrimonio per la quota dovuta, destinata o da destinare a ERP realizzata dal privato, può consentire la

18 monetizzazione della quota di cui al comma 1 a favore: a) del Comune, se dotato degli atti di cui all articolo 26, commi 1 e 4, con obbligo di destinazione alla realizzazione di alloggi di ERP e delle relative opere di urbanizzazione o di interventi di emergenza abitativa; b) della Regione Liguria per la programmazione regionale di ERS da sviluppare prioritariamente nello stesso comune o nel relativo bacino d utenza. 7. Il Comune valuta in via preventiva, rispetto alla proposta d intervento, le modalità di assolvimento della quota di cui al comma 1 proposte dai soggetti attuatori compresa la eventuale monetizzazione a favore della Regione, mediante pronuncia da rendere entro il termine perentorio di sessanta giorni dalla data di presentazione, decorso infruttuosamente il quale la proposta si intende assentita. 8. La monetizzazione necessaria alla realizzazione di alloggi di ERP corrispondente alla percentuale di cui al comma 1 è computata dal Comune, sulla base dei costi effettivi di costruzione nonché del costo dell area, delle spese di progettazione, di direzione lavori e sicurezza, collaudo, oneri accessori e della quota delle relative opere di urbanizzazione"; b) che lo SUA in questione è soggetto a suddetta disciplina e, pertanto, deve prevedere, attraverso la convenzione attuativa, l'adempimento degli obblighi stabiliti dalla legge regionale in materia; c) che i Soggetti Proponenti, pur avendo facoltà di localizzare nell'ambito di intervento la volumetria aggiuntiva prescritta dal comma 1 dell'art. 26 bis della legge regionale 38/2007, hanno considerato, d'intesa con il Comune, che tale soluzione non sia opportuna, in considerazione della sensibilità paesaggistica ed ambientale del sito di

19 intervento, della difficoltà con la quale si è conseguito l'equilibrio delle scelte ubicazionali ed architettoniche delle strutture insediative ed infrastrutturali e della conseguente esigenza di non appesantire il carico insediativo già previsto ed appropriatamente collocato sul terreno; d) che il Comune è propenso a definire le prestazioni previste dall'art. 26 bis citato in natura e non in denaro, o attraverso l edificazione di alloggi di ERP in area da esso Comune individuata e resa disponibile, o attraverso l'acquisizione ed il recupero da parte dei Soggetti Attuatori di immobili esistenti a destinazione residenziale, come previsto dal comma 3 dell'art. 26 bis citato, in ragione della prevista quota percentuale dell'otto per conto della volumetria residenziale prevista dallo SUA, restando la monetizzazione ipotesi residuale per il caso in cui le prime due non fossero percorribili per indisponibilità degli immobili necessari; e) che lo SUA in oggetto prevede la realizzazione di metri cubi di edilizia residenziale, così che la prestazione per ERP deve essere pari a mc; f) che, pertanto, qualora i Soggetti Attuatori non potessero provvedere alla realizzazione dei nuovi alloggi di ERP, il Comune scaduto il termine allo scopo come infra previsto potrà esigere che si provveda all'adempimento nella forma alternativa della monetizzazione, con attualizzazione della somma dovuta. Quanto sopra premesso

20 ad integrazione delle sopra riportate pattuizioni convenzionali, le Parti ai fini dell'attuazione della l.r. 38/2007 e s.m.i. convengo e stipulano quanto segue Articolo 1 Le suesposte premesse costituiscono parte integrante e sostanziale della presente convenzione e valgono ad individuare la volontà delle Parti. Le clausole della presente convenzione che attuano la disciplina della l.r. 38/2007 e s.m.i. deve essere conforme a tale legge, con la conseguenza che eventuali discordanze determineranno la sostituzione delle clausole non giudicate conformi con quelle, aventi eguale oggetto e scopo, della legge regionale. Articolo 2 I Soggetti Attuatori si obbligano nei riguardi del Comune, in via solidale, ad adempiere agli obblighi di cui all'art. 26 bis della l.r. 38/2007 e s.m.i., con le modalità di cui alle disposizioni seguenti. Le pattuizioni stipulate al riguardo costituiscono parte integrante e sostanziale della presente convenzione urbanistica, anche nella considerazione che le prestazioni relative all'erp concorrono all'assolvimento degli oneri in materia

21 urbanizzativa, costituendo opere di urbanizzazione secondaria ai sensi dell'art. 4, comma 2 bis, della l.r. 25/1995 e s.m.i.. Articolo 3 I Soggetti Attuatori si obbligano, alternativamente: a) a realizzare una volumetria di ERP pari al dieci per cento della volumetria residenziale prevista dallo SUA di cui in premessa in area messa a disposizione dal Comune; oppure b) a acquisirire e recuperare nel territorio comunale una volumetria residenziale pari all'otto per conto della volumetria residenziale prevista dallo SUA di cui in premessa. A tale scopo i Soggetti Attuatori dovranno, in relazione all area messa a disposizione dal Comune oppure in relazione agli immobili acquisiti ai sensi del punto b): c) provvedere alla progettazione dei lavori di realizzazione degli alloggi di ERP; d) eseguire i lavori, provvedendo anche ai servizi tecnici connessi (direzione lavori, coordinamento per la sicurezza, collaudo); e) cedere ovvero consegnare la proprietà di suddette unità immobiliari di ERP al Comune; f) nel caso di cui al punto b), rimborsare al Comune il costo di acquisizione dell area, in misura pari al valore d acquisto.

22 Tutte le spese inerenti e conseguenti alle attività suddette, comprese le spese di cessione della proprietà, saranno a carico dei Soggetti Attuatori. Il Comune dovrà preventivamente: f) mettere a disposizione dei Soggetti Attuatori l area, ovvero esprimere il proprio benestare sulle unità immobiliari individuate nel territorio comunale dai Soggetti Attuatori ai fini di cui al presente articolo, con la precisazione che le unità residenziali potranno essere ricavate dal recupero di volumetria già avente destinazione diversa; g) approvare il progetto dei lavori di realizzazione degli alloggi di ERP; h) approvare il progetto degli standard urbanistici di cui al comma 1 dell'art. 26 bis della l.r. 38/2007 e s.m.i., se ed in quanto necessari avuto riguardo al grado di urbanizzazione della zona di riferimento. Articolo 4 I Soggetti Attuatori dovranno adempiere agli obblighi di cui all'articolo precedente in modo da cedere e consegnare le unità immobiliari di ERP al Comune entro la data di ultimazione dei lavori di l'attuazione dello SUA in premesse e, comunque, entro e non oltre dieci anni dalla data di esecutività dello Sua medesimo. Qualora i Soggetto Attuatori non fossero in grado di adempiere agli obblighi assunti nei riguardi del Comune mediante prestazione in natura entro il suddetto termine, o per mancanza di area edificabile disponibile nel territorio comunale, o per indisponibilità di unità immobiliari

23 recuperabili nel territorio comunale, salve eventuali proroghe concesse dal Comune i Soggetti Attuatori dovranno corrispondere al Comune, ovvero alla Regione, in conformità alle disposizioni dell'art. 26 bis della l.r. 38/2007 e s.m.i., comm 6/8, l'importo corrispondente alla monetizzazione dei suddetti oneri, calcolata secondo i criteri di legge ed attualizzata, con applicazione all importo per sorte capitale del tasso d interesse legale per il periodo fra la data di agibilità del primo blocco delle unità immobiliari comprese nell ambito dello SUA e la data del pagamento. Si dà atto che, in conformità alla perizia 14/04/2014, redatta dall Arch. Stefano Antonelli, con studio in Arma di Taggia, Via Cornice, 120, iscritto all Ordine degli Architetti della Provincia di Imperia, al n. 542, la monetizzazione necessaria alla realizzazione di alloggi di ERP, corrispondente alla percentuale di cui al comma 1 dell art. 26 bis della l.r. 38/07 e s.m., sarà computata sulla base del valore unitario di 1.602,00/m² di superficie agibile, salva l attualizzazione di cui al comma precedente. Articolo 5 A garanzia dell'adempimento degli obblighi assunti con la presente convenzione riguardo agli alloggi di ERP, i Soggetti Attuatori prestano cauzione mediante polizza fidejussoria assicurativa, rilasciata da compagnia debitamente autorizzata ad operare nel ramo cauzioni, per l'importo di euro, corrispondente alla stima

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013 S T U D I O D I P R O G E T T A Z I O N E C I V I L E E D I N D U S T R I A L E D O T T. I N G. P R E T T O F L A V I O COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA Oggetto: SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI - pag.1- N. Codice Descrizione U.M. Prezzo/Euro 1 A.01 Rimozione di pavimentazione di pietrini di cemento, compreso cordoli, malta sottostante, ponti di servizio, massetto cementizio

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

>>>>>>>>>><<<<<<<<<< Prezzo uro cinquantacinque e zero centesimi al metro cubo. mc 55,00

>>>>>>>>>><<<<<<<<<< Prezzo uro cinquantacinque e zero centesimi al metro cubo. mc 55,00 Nr Rimozione, svellimento, demolizione o scarificazione di marciapiedi esistenti di qualsiasi specie e spessore (selciati, cubetti di porfido, 1 mattonella di asfalto, pietrini di cemento, massetti di

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI PER COSTRUZIONE E MANUTENZIONE RETI ACQUA, RETI FOGNARIE E IMPIANTI DI ALLACCIAMENTO UTENZA Distretto Operativo OPER / COORD / SUP EDIZIONE 02 / 2012 SOCIETÀ ACQUE POTABILI p.a. C.so

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

doc. 8A2v Relazione Opere di Urbanizzazione

doc. 8A2v Relazione Opere di Urbanizzazione Gruppo Pasini S.p.a. Programma Integrato di Intervento Ex E.Marelli - Proposta di Variante Relazione Opere di Urbanizzazione Progettisti: Gruppo Pasini S.p.a. V.le Edison 50 2099 Sesto San Giovanni (MI)

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 22 E. P_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 22 E. P_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori completamento opere urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 22 E. P_ SCALA Progettista: VISTO: Comune Rombiolo Via Karl Marx

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE CAPO AREA INFRASTRUTTURE CIVILI ING. WALTER RICCI DIRIGENTE SERVIZIO STRADE ARCH. MARTA MAGNI CAPO AREA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

COMUNE DI OSIMO Provincia Ancona

COMUNE DI OSIMO Provincia Ancona COMUNE DI OSIMO Provincia Ancona SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE E CESSIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE SOTTOSOGLIA A SCOMPUTO TOTALE O PARZIALE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE. Adottato con

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Opere di urbanizzazione primaria e secondaria, standard equivalente: computo estimativo di massima

Opere di urbanizzazione primaria e secondaria, standard equivalente: computo estimativo di massima Ing. Andrea Roma Via Messina 3 20154 Milano Programma Integrato di Intervento Cascina Boffalora Aggiornamento Dicembre 2012 Opere di urbanizzazione primaria e secondaria, standard equivalente: computo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale 7 Aprile 2014 Indice Parte I

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

Provincia di Siena ANNO 2015 DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE SUCCESSIVAMENTE AL GIORNO 20/04/2015

Provincia di Siena ANNO 2015 DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE SUCCESSIVAMENTE AL GIORNO 20/04/2015 AREA TECNICA Responsabile dell Area: Dott. Urbanista Luigi Pucci ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA COSTO DI COSTRUZIONE DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO APPROVATO CON DELIB. C.C. n. 55 del 30/03/2009 REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA Progetto:

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo EDIZIONE 1 / Volume 1 Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo Sezione Blocchi e Pavimenti Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita'

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Testo vigente LEGGE REGIONALE 20 aprile 2015, n. 17 Riordino e semplificazione della normativa regionale in materia di edilizia ( B.U. 30 aprile 2015, n. 37 ) La pubblicazione del testo non ha carattere

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE IN AREE DI VINCOLO PAESAGGISTICO AMBIENTALE

REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE IN AREE DI VINCOLO PAESAGGISTICO AMBIENTALE ALLEGATO alla Delibera Consiglio Comunale n 47 del 21.12.2006 Comune di Vezzano Ligure Provincia della Spezia Area Pianificazione Territoriale Urbanistica Edilizia Privata REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

Comune di Santa Croce sull Arno

Comune di Santa Croce sull Arno Comune di Santa Croce sull Arno Provincia di Pisa REGOLAMENTO URBANISTICO NORME DI ATTUAZIONE A cura degli estensori del piano Ing. Riccardo Ciuti Arch. Luca Tosi Parte prima - Norme generali Art. 1 Elaborati

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

PARTE PRIMA PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 Aprile 2015 N. 12 Disposizioni di adeguamento della normativa regionale. pag. 2

PARTE PRIMA PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 Aprile 2015 N. 12 Disposizioni di adeguamento della normativa regionale. pag. 2 Mercoledì 15 Aprile 2015 Anno XLVI N. 12 PARTE PRIMA CONDIZIONI DI VENDITA: Ogni fascicolo 2,50. La vendita è effettuata esclusivamente in Genova presso la Libreria Giuridica- PARTE PRIMA 3 SOMMARIO LEGGE

Dettagli

RESIDENZIALE : CON ALTEZZA LORDA INTERPIANO DI M. 3

RESIDENZIALE : CON ALTEZZA LORDA INTERPIANO DI M. 3 Livorno, 19/04/2007 Oggetto : PROSPETTO DEI CONTRIBUTI CONCESSORI - INTERVENTI VIA MEYER L.R.1/05 ELEMENTI DI VALUTAZIONE: Il calcolo dei contributi concessori e stato effettuato sulla base della presumibile

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE Il decreto legge 69/2013 ha introdotto significativi cambiamenti nel settore dell edilizia: nel presente dossier analizziamo le più importanti

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli