Delibera 643/2013/R/IDR. Approvazione del metodo tariffario idrico e delle disposizioni di completamento. Torino, 27 gennaio 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Delibera 643/2013/R/IDR. Approvazione del metodo tariffario idrico e delle disposizioni di completamento. Torino, 27 gennaio 2014"

Transcript

1 Deliber 643/2013/R/IDR Arovzione del meodo riffrio idrico e delle disosizioni di comlemeno Torino, 27 gennio 2014

2 Deliber 643/2013/R/IDR Sinesi Disosiivo Allego A Form 2

3 Sinesi L Deliber rigurd l discilin del Meodo Triffrio Idrico (MTI), licbile gli nni , comlemeno del rimo eriodo regolorio Il focus dell regolzione economic risul foremene incenro sugli sei di: rogrmmzione e coerenz r: qulià servizio ino inerveni schemi riffri sosenibilià finnziri e bncbilià funzionmeno del sisem Le misure inrodoe rigurdno: governnce riffri che rescrive l inificzione, reclude inerzie e rimuove libi schemi regolori er ivre: srumeni di generzione di css: mmormeni finnziri, FNI srumeni di inificzione: riconoscimeno oex er vrizioni erimero ivià revisione dei meccnismi del FoNI discilin dei congugli riconoscimeno dell morosià e discilin del deosio cuzionle discilin del vlore erminle 3

4 Sinesi L Deliber inroduce inolre: qudro conceule e formle er il rmeno dei cosi mbienli e dell risors discilin er l modific dei corriseivi er l uenz (ricolzione riffri) indicori di efficienz er l vluzione del servizio di misur L Deliber comrende due llegi: llego A conenene l ricolzione del MTI form er l redisosizione dei PEF L Deliber : inegr l Delibere 585/2012/R/idr (MTT) e Delibere 88/2013/R/idr (MTC) inegr le Deliber 86/2013/R/idr (Deosio cuzionle) brog l Deliber 73/2013/R/idr (Linee guid er l redisosizione dei PEF) 4

5 Deliber 643/2013/R/IDR Sinesi Disosiivo Allego A Form 5

6 Disosizioni generli r. 1 e 2 Il disosiivo dell deliber rieilog gli sei essenzili del rovvedimeno riffrio, che sono riresi e uleriormene deglii nell Allego A: Ambio di liczione: deerminzione riffri er il SII Comoneni di coso rinvio ll Allego A Molilicore riffrio definizione e limii A differenz del meodo rnsiorio, il MTI esende l rori liczione ll olià dei gesori che svolgono servizi nell mbio del SII, con l sol esclusione dei gesori che oerno nelle Province uonome di Treno e Bolzno, menre viene eses l efficci nche ll regione Vlle d Aos. 6

7 Definizione del molilicore ϑ r. 3 Il molilicore riffrio ϑ di ciscun nno [ ] è definio in bse l roro r cosi riconosciui e l vlorizzzione, in ermini di riffe rileve d inizio 2012, dei volumi relivi ll nno (-2), enendo cono degli evenuli effei delle lre ivià idriche. Per ciscun nno è definio il limie mssimo di vrizione del ϑ, enendo cono dell inflzione rogrmm, di un fore K e dello schem regolorio doo. Tle limie mssimo uò essere suero, lddove gli Eni d Ambio o gli lri soggei comeeni lo riendno necessri er ssicurre il rggiungimeno di obieivi secifici, resenndo isnz moiv ll Auorià. I corriseivi lici ll uenz sono deermini lico il molilicore ϑ lle quoe fisse e vribili dell sruur riffri dell nno bse Tle sruur er gli nni 2014 e 2015 uò essere modific d invrinz di geio riffrio (vedi Tiolo 9 Allego A) 7

8 Schem regolorio r. 4 Ai fini dell regolzione riffri, l Ene d mbio/soggeo do uno secifico schem regolorio e lo roone ll Auorià er l rovzione Lo schem regolorio è comoso d: Progrmm degli Inerveni (PdI): indiczione unule er il eriodo , e er il eriodo residuo degli ffidmeni, lmeno gli inerveni er il rggiungere i livelli minimi di servizio e il soddisfcimeno dell domnd dell uenz Pino Economico Finnzirio (PEF), che revede con cdenz nnule er uo il eriodo dell ffidmeno l ndmeno dei cosi di gesione e di invesimeno, nonché l revisione nnule dei roveni d riff (molilicore riffrio e VRG) Convenzione di Gesione, ggiorn er receire l discilin dell deliber Selezione delle regole riffrie licbili sull bse di: roro r fbbisogno degli invesimeni dl 2014 l 2017 ed il vlore delle infrsruure esiseni (rmero w) cosi oerivi ssocii obieivi secifici 8

9 Procedur rovzione r. 5 Enro il 31 mrzo 2014, l Ene d Ambio/soggeo comeene: definisce gli obbieivi e redige il PdI, rire dll roos del gesore redisone l riff er gli nni 2014 e 2015 redige - ed do con rorio o deliberivo di rovzione - il PEF fino l ermine dell ffidmeno rsmee ll Auorià, i fini dell rovzione, lo schem regolorio includendo: PdI, ino degli inerveni PEF che eslicii VRG e ϑ er ciscun gesore in ciscun mbio riffrio, riseivmene er il 2014 e il 2015 relzione di ccomgnmeno che riercorr l meodologi lic i deliberivi di rovzione ggiornmeno dei di necessri l clcolo riffrio Enro i successivi 90 gg l Auorià rov le riffe, slvo richiese di inegrzioni 9

10 Proos del gesore e silenzio-ssenso r. 5 Decorso inuilmene il ermine del 31 mrzo 2014, il gesore rsmee ll Ene d Ambio isnz di ggiornmeno riffrio recne lo schem regolorio, [ ] e ne dà comuniczione ll Auorià Ricevu l comuniczione, l Auorià diffid l Ene d Ambio/soggeo comeene d demiere nei successivi 30gg (ex r. 3 comm 1 f) DPCM 20 luglio 2012) Trscorso nche le ermine, l isnz si riiene ccol, in forz del rinciio del silenzio-ssenso (ex r. 20 legge 241/1990), e rsmess ll Auorià er l rovzione enro i successivi 90gg dozione schem regolorio d soggeo comeene isnz del gesore in cso di inerzi diffid Auorià l soggeo comeene ccoglimeno roos del gesore er silenziossenso rovzione Auorià enro 31 mrzo gg 90 gg 10

11 Proos del gesore e silenzio-ssenso r. 5 Nei csi revisi dl comm 2.7, dell deliber 347/2012/R/idr, e comunque in mncnz degli i (ndr: inclus l isnz del gesore), dei di e delle informzioni necessrie ll rovzione, l riff verrà deermin d ufficio onendo il molilicore riffrio e (ϑ) ri 0,9, fino l erdurre delle indemienze: il gesore non fornisc, in uo o in re, i di richiesi nel formo indico dll Auorià il gesore non fornisc, in uo o in re, le foni conbili obbligorie che cerificno gli elemeni di coso e invesimeno indici il gesore non fornisc l modulisic ex-347, o l fornisc non 1corred dll sooscrizione del legle rresenne risuli che il gesore h indico elemeni di coso o di invesimeno sueriori quelli indici nelle foni conbili obbligorie. Lddove l Ene d mbio rimng inere, l quo re dei cosi di funzionmeno dell Ene d mbio medesimo di cui ll ricolo 154, comm 1, del d.lgs. 152/06, con riferimeno ll nnulià 2014 è os ri 0 11

12 Aliczione delle riffe ll uenz r. 6 A decorrere dl 1 gennio 2014, i gesori, nei limii fissi dll Aricolo 3, sono enui d licre le segueni riffe mssime: fino ll rovzione delle riffe d re degli Eni d Ambio/soggei comeeni, si lic l riff rov er il 2013, o, lddove non rov, l riff lic nel medesimo nno doo l deerminzione dell riff d re degli Eni d Ambio/soggei comeeni, sono lice le riffe d essi redisose o ccole seguio dl erfezionrsi del silenzio-ssenso ex r.5 doo l rovzione delle riffe di AEEG le riffe 2012 molilice er il ϑ 2014 rovo dll AEEG E reviso un conguglio riffrio r i cosi riconosciui rovi dll AEEG e i cosi riconosciui sull bse delle riffe rovvisorie sor descrie. 12

13 Esclusioni r. 7 Sono esclusi/sosesi dll ggiornmeno riffrio, fi slvi i ermini (evenulmene iù sringeni) doi i sensi delle delibere 585/2012/R/idr e 88/2013/R/idr, i gesori: il cui iolo d esercire il servizio è so dichiro invlido con senenz ss in giudico o nnullo in vi mminisriv. sul cui iolo d esercire è emno un rovvedimeno sosensivo o un senenz nche di rimo grdo h ccero l invlidià dello sesso ll d del 31 gennio 2014 non vevno doo l Cr del Servizio ovvero licvno il minimo imegno lle uenze domesiche limimene gli mbii riffri in cui veniv furo le consumo minimo imegno. che non hnno effeuo l consegn gli imini frone di un ffidmeno l gesore d mbio, in violzione delle rescrizioni de in l senso d re del soggeo comeene Non è comunque regiudico il riconoscimeno di evenuli vrizioni di coso rove dll Auorià. 13

14 Disosizioni di comlemeno r. 8 Sono sbilie, rverso secifiche disosizioni di cui ll Allego A: le modifiche e le inegrzioni ll deliberzione 86/2013/R/IDR (deosio cuzionle) i crieri er l deerminzione del vlore residuo delle immobilizzzioni e le relive clusole convenzionli l discilin delle ivià di gesione delle cque meeoriche di drenggio urbno i crieri er l verific dell efficienz del servizio di misur 14

15 Disosizioni di rnsiorie e finli r. 9 Per le gesioni non ncor ineresse dll rovzione, d re dell Auorià, delle riffe 2012 e 2013, nei csi in cui gli Eni d Ambio/soggei comeeni bbino rovo incremeni di cosi sueriori quelli consenii, l Auorià comle le isruorie in o ccerndo, nche rverso verifiche iseive: vlidià dei di fornii efficienz del servizio di misur (indicori er l vluzione del servizio di misur di cui l iolo 10 dell Allego A) Le rie riffrie risulni dll definiiv rovzione delle riffe 2012 e 2013, verrnno re come congugli secondo le modlià deglie nell Allego A. 15

16 Disosizioni di rnsiorie e finli r. 9 Anche nei csi in cui gli Eni d Ambio/soggei comeeni, ll d di ubbliczione dell deliber, non bbino rovveduo ll redisosizione riffri er gli nni 2012 e 2013, è reviso un meccnismo di silenzio ssenso: il gesore uò resenre, enro 30 giorni dll ubbliczione dell deliber, l soggeo comeene isnz di ggiornmeno riffrio, recne ui gli i e i documeni revisi dlle deliberzioni 347/2012, 585/2012, 73/2013, 88/2013, 271/2013 e 459/2013, nonché di loro rovvedimeni dirigenzili uivi, dndone comuniczione ll Auorià l'auorià, ricevu l comuniczione di cui l recedene eriodo, diffid l Ene d'ambio o lro soggeo comeene d demiere enro i successivi 30 giorni decorso il ermine, l isnz del gesore, inendendosi ccol dll Ene d Ambio o lro soggeo comeene er effeo del silenzio-ssenso, è rsmess ll Auorià er l vluzione ed rovzione enro i successivi 30 giorni. isnz diffid soggeo del gesore comeene ccoglimeno er silenzio-ssenso rovzione Auorià enro 26 gennio gg 30 gg 16

17 Deliber 643/2013/R/IDR Sinesi Disosiivo Allego A Form 17

18 Ambio di liczione r. 2 L llego rec le disosizioni er l deerminzione dei corriseivi er lo svolgimeno dei Servizio Idrico Inegro (SII): servizi ubblici di czione, dduzione e disribuzione di cqu d usi civili, di fognur e deurzione delle cque reflue, ovvero d ciscuno di suddei singoli servizi, comresi i servizi di czione e dduzione usi mulili e i servizi di deurzione d usi misi civili e indusrili Il SII include nche i segueni servizi: relizzzione di llccimeni idrici e fognri gesione e mnuenzione fognure binche, incluse l ulizi e l mnuenzione delle cdioie srdli; uvi, i fini dell deerminzione dei corriseivi, lddove non già incluse nel SII ll d di ubbliczione del rovvedimeno, dee ivià sono d considerrsi incluse r le ivià non idriche che uilizzno nche infrsruure del servizio idrico inegro Il rovvedimeno si lic i soggei che, qulunque iolo, svolgono, sul erriorio nzionle, uno o iù servizi del SII, nche er un lurlià di ATO, d eccezione delle Province uonome di Treno e Bolzno 18

19 Comoneni di coso del servizio r. 3 Cosi mmissibili: cosi delle immobilizzzioni iolo 4 cosi oerivi: cosi oerivi endogeni, cosi energi eleric, cosi forniure ingrosso, muui e cnoni gli eni locli, cosi morosià e lre comoneni di coso iolo 6 evenule comonene di nicizione er finnzimeno nuovi invesimeni iolo 5 comonene coerur dei cosi mbienli e dell risors iolo 8 comonene reliv congugli r. 29 Deerminzione delle riffe 2014 si bs sui di rccoli i sensi del recedene meodo MTT o MTC, ggiorni con i di di bilncio relivi ll nno 2012 o ll ulimo bilncio disonibile. Deerminzione delle riffe 2015 si bs sull deerminzione riffri 2014, ggiorn con i di di bilncio relivi ll nno 2013 o ll ulimo bilncio disonibile. Di di bilncio d ggiornre V scl IP FAcc, LIC e CCN R b, C b CO res, CO mor Congugli (EE, ws, lri,..) 19

20 Verific PdI e PEF r. 4 definisce lo schem regolorio Ene d Ambio soggeo comeene Progrmm degli inerveni (PdI) Pino economico-finnzirio (PEF): ino riffrio, CE, rendicono finnzirio Convenzione di gesione Relzione di ccomgnmeno su meodologi lic sooone verific Auorià rovzione (ci enro 180 giorni) osservzioni, rilievi e rescrizioni d receire enro 30 giorni en di inefficci do con rovzione d re dell orgno comeene I PdI e i PEF sono sooosi rocedimeno di verific d re dell Auorià, nell mbio dell isruori di rovzione delle redisosizioni riffrie L verific concerne l coerenz degli elbori con gli obieivi di servizio e con l meodologi riffri, nonché il riseo dell equilibrio economicofinnzirio 20

21 Crieri er l ggiornmeno r. 4, 5 e 6 Crieri er ggiornmeno PdI e PEF: inizio dl 2014 e ermine ll ulimo nno di ciscun ffidmeno conseguimeno e mnenimeno dell equilibrio economico-finnzirio: esinzione, enro l scdenz dell ffidmeno, dei finnzimeni conri er l relizzzione degli invesimeni, fe slve le necessià imose dl rggiungimeno e dl mnenimeno dei livelli di servizio obieivo er rggiungimeno dei livelli di servizio obieivo ed equilibrio economico finnzirio, sono vrii: mmonre degli invesimeni ovvero l loro disribuzione emorle in cso di diminuzione degli invesimeni riseo inificzione recedene, eslicire le moivzioni ed i crieri di selezione degli inerveni rienui rioriri Le relzioni di ccomgnmeno i PEF: eslicino le condizioni crediizie ioizze er l revisione delle foni di finnzimeno er le socieà ole recizione ubblic: secificno le condizioni di comibilià con il Po di sbilià inerno llegno le dichirzioni di imegno d re di ciscun soggeo socio, firm del legle rresenne, con riferimeno d evenuli umeni di cile socile 21

22 Conenuo informivo minimo PdI r. 7 Conenuo informivo minimo dei PdI Livelli di servizio uli er ciscun segmeno, con indiczione dell d dell ulim rilevzione Sinesi delle criicià er ciscun segmeno del servizio Sinesi delle criicià Arovvigionmeno idrico Forniur di cqu obile Servizio di fognur Elenco degli obieivi di servizio in risos lle redee criicià Livelli di servizio obieivo er ciscun segmeno Eslicizione, er segmeno, delle linee di inerveno inifice er rggiungimeno obieivi di servizio Evidenz coerenz delle linee di inerveno doe con gli srumeni di inificzione sovrordini I crieri doi er l qunificzione delle revisioni di ses er le mnuenzioni srordinrie Il cronorogrmm degli inerveni er il eriodo , con individuzione delle oere Imo con l mbiene Servizi l consumore Imori degli invesimeni esressi mone cosne dell nno 2014, medine l liczione del coefficiene di cui ll ricolo 14.1, dove è l nno nell cui mone è esresso l ulimo PdI rovo 22

23 Conenuo informivo minimo PEF r. 7 Conenuo informivo minimo dei PdI Sviluo PEF rire dl clcolo riffrio 2014 Aliczione reier dei crieri MTI dl 2016 Cosnz dei volumi erogi Tsso eso di inflzione = 0 Enr in esercizio delle immobilizzzioni l 31 dicembre di ciscun nno Aliquo di mmormeno medi, sull bse del comlesso delle immobilizzzioni del gesore Nuove ivià e vrizioni sisemiche vlue ed inserie con modlià e emisic revisi nel PdA vigene Priorià ll uilizzo del FoNI er il finnzimeno degli invesimeni Form resbilii er: rosei ino riffrio cono economico rendicono finnzirio Eslicizione delle revisioni su conribui fondo erduo, con indiczione degli i di snzimeno lndiczione dell quo FoNI uilizz ogni nno er gevolzioni riffrie ovvero er lri usi Servizio del debio non ncor rimborso l ermine dell ffidmeno Vlore residuo delle immobilizzzioni del gesore (VR) l ermine dell concessione 23

24 Molilicore riffrio r. 9 Il molilicore riffrio, esresso con re cifre decimli, è deermino rire dlle lice d inizio nno 2012 e comunice ll Auorià ex Deliber 347/2012/R/IDR se Rb Cb ( 2) ( 2) u VRG rif %b* 2012 u (vscl 2 R b C -2 u ) T 2 b R -2 b se Rb Cb ( 2) ( 2) u rif VRG 2012 u (vscl -2 u ) T R b e C b di di bilncio relivi d lre ivià idriche, %b = 0,5-1 rif 2012 (vscl 10% Se l vlorizzzione di u u riseo i ricvi riffri esosi bilncio nell nno (-2), è richies idone giusificzione Non è revis er gli nni 2014 e 2015 l inegrzione Dq de : il rimborso ex d.m. 30 seembre 2009 (senenz 335) è ro in sede di conguglio -2 ) T I congugli delle rie regresse non rienrno nel limie di rezzo 24

25 Molilicore riffrio r. 9 Il limie del molilicore riffrio (ϑ), slvo secific isruori (vedi r. 3.4 dell deliber), è diversifico in funzione del confrono r l riff medi del gesore e l riff medi del seore secondo lo schem seguene: Condizione Qudrni I e II Qudrni III e IV Limie l molilicore riffrio 1 1 ri K 1 ri 1 * K 1 Per il 2014 e ,5% 1 1 1,5% 1 5% 7,5% Con: qudrni I, II, III e IV definii ex r ri è il sso eso di inflzione oso 1,50%, er 2014 e 2015 K è il limie di rezzo ri 5% γ è il rmero di differenzizione ri 0,5 er 2014 e

26 Molilicore riffrio r. 9 Nel MTT: Nel MTI: C b cosi ggiorni con inflzione delle lre ivià idriche d Bilncio l neo delle ose reificive, dei cosi er l relizzzione degli llccimeni idrico fognri qulor non già cilizzi C b cosi, ggiorni con inflzione delle lre ivià idriche d Bilncio l neo delle ose reificive R b ricvi delle lre ivià idriche d Bilncio l neo dei conribui di llccimeno e solo er il 2013 l neo dell gesione fognur binc R b ricvi delle lre ivià idriche d Bilncio l neo dei conribui di llccimeno e delle ivià di fogn binc (se incluse nel VRG) %b = (0,5*R b 2, )/ R b R b 1 ricvi er reszioni di servizi ccessori e riscossione morosià %b = 0,5 R b 2, = R b - R b 1 26

27 Molilicore in ATO muli gesore r. 10 Qulor in un mbio erriorile oimle oerino iù gesori del SII, revio ssenso di ciscuno di essi e dell Ene d mbio comeene, è mmess l liczione di un unico molilicore riffrio, clcolo sull bse delle vribili economiche e di scl riferie l comlesso delle gesioni, l neo delle rnszioni r i medesimi gesori. In cso di ggregzione r due o iù gesori del SII, o di ccordi di ggregzione d erfezionrsi nell nno di deerminzione riffri, è mmess l liczione di un unico molilicore riffrio, clcolo sull bse delle vribili economiche e di scl riferie l comlesso delle gesioni, l neo delle rnszioni r i medesimi gesori. 27

28 Vincolo Riconosciuo i Ricvi r. 11 Cosi delle immobilizzzioni oneri finnziri (sndrd) oneri fiscli (IRES) (sndrd) onderzione con finnzimeno fondo erduo mmormeni Fondo Nuovi Invesimeni Cosi oerivi Cosi mbienli e dell risors cosi endogeni, comrensivi di IRAP cosi ggiornbili: energi eleric forniure ingrosso coerur morosià muui e cnoni degli eni locli cosi di funzionmeno Auorià TOSAP,TARSU,COSAP, IMU, lri conribui locli Congugli relivi l vincolo i ricvi del gesore dell nno (-2) VRG CAPEX FoNI OPEX ERC RcTOT

29 Vincolo Riconosciuo i Ricvi r. 11 Immobilizzzioni del gesore Immobilizzzioni di erzi Cosi delle immobilizzzioni Cex AMM OF OFisc DCUIT Fondo Nuovi Invesimeni FoNI FNI FoNI AMM FoNI DCUIT FoNI Cosi oerivi Oex Oex end Oex l Oex l CO EE CO ws Cosi endogeni Cosi ggiornbili MT AC CO lri Cosi mbienli e dell risors ERC EnvC end EnvC eso Re sc Cosi mbienli endogeni Congugli relivi l vincolo i ricvi del gesore dell nno (-2) Rc 2 TOT Cosi mbienli esogeni Rc Rc Rc Rimb Rc * 1 I VOL EE ws 335 Alro Cosi dell risors 1

30 Schemi regolori r. 12 vrizioni negli obieivi o ivià del gesore Qudrne I Qudrne II Qudrne III Qudrne IV 30

31 Regole di deerminzione Cex r. 12 Cex definio secondo le regole generli fcolà di licre l mmormeno finnzirio secondo crieri dell Deliber 459/2013 rmeri 0,5 0,4-0,6 Qudrni III e IV: olre ll mmormeno finnzirio si uò richiedere un uleriore comonene di sosegno gli obieivi secifici e gli inerveni che ne conseguono 31

32 Siuzione livello di seore Ili Scenrio Invesimeni 1,4 Mld/nno Invesimeni 2,2 Mld/nno Invesimeni 4,8 Mld/nno 0 Nello scenrio inerzile (invesimeni come ,4 Mld /nno), secondo i rmeri roosi dll AEEG: l RAB di seore risul sufficiene generre i flussi di css e quindi FNI=0 Nello scenrio con invesimeni > 2,2 milirdi di /nno (medi PdA), l RAB di seore risul insufficiene generre i flussi di css e sono necessri uleriori risorse L comonene di risorse ggiunive FNI orà corire il 40-60% del geio necessrio er gli invesimeni nnuli Prmeri 0,5 0,4-0,6 32

33 Rivluzione moneri r. 14 L deliber fiss i deflori 2014 I deflori licbili er il clcolo delle riffe 2015 verrnno ubblici nell second meà dell nno 2014 Ai fini dell ggiornmeno dei cosi oerivi, il sso di inflzione, ineso come vrizione ercenule dell medi clcol su 12 mesi dell indice mensile ISTAT er le Fmiglie di Oeri ed Imiegi (FOI senz bcchi) nei mesi d luglio di un nno riseo giugno dell nno successivo, è ri : I 2013 = 3,096%, come reviso d MTT I 2014 = 2,1% I 2015 deermino nell second meà dell nno

34 Coso delle immobilizzzioni r. 15, 20 Immobilizzzioni del gesore Immobilizzzioni di erzi Cex AMM OF OFisc DCUIT AMM è l comonene coerur degli mmormeni sulle immobilizzzioni di rorieà del gesore OF è l comonene coerur degli oneri finnziri sulle immobilizzzioni di rorieà del gesore immobilizzzioni del gesore, risulni bilncio, in esercizio nell nno -2, ffereni l SII ed lle lre ivià idriche, non inermene mmorizze OFisc è l comonene coerur degli oneri fiscli del gesore DCUIT mx 0; AMM OF OFisc MT AC ΔCUIT, rresen l eccedenz di vlorizzzione delle infrsruure di erzi riseo ll sommori dei muui e cnoni mmessi 34

35 Coso delle immobilizzzioni r. 16 Le immobilizzzioni sono vlue l coso sorico, come risulne dlle foni conbili obbligorie, escluse le rivluzioni economiche e monerie e lre ose incremenive non cosiueni coso sorico. Le immobilizzzioni di rorieà del gesore, rsferie in form grui, sono ssimile lle immobilizzzioni finnzie fondo erduo In derog, è mmess l vlorizzzione delle immobilizzzioni cquisie iolo oneroso fino l luglio 2012 sull bse del vlore iscrio nel libro conbile del gesore condizione che: modlià di vlorizzzione già revis in riff sull bse dell regolzione recedene dichirzione del legle rresenne del gesore esne imossibilià di ricosruzione del vlore sorico del cesie soggeo comeene moivi l coerenz con gli obbieivi/invesimeni rogrmmi Sono revisi conrolli secifici nel cso di ϑ mggiore del limie l fine di verificre il riseo delle condizioni di minimizzzione dell imo riffrio sull uenz 35

36 Immobilizzzioni lorde r. 16 IML IML c 2012 IP c, * dfl di di bilncio IML c 1961 IP c * dfl, Gesori MTT IML 2013 IP vir, * dfl 2011 c 2009 IP c, * dfl Gesori MTC immobilizzzione virule i sensi dell ricolo 7.1 del MTC (deliber 88/2013/R/idr) 36

37 Immobilizzzioni nee r. 16 IMN 2 c 1961 IP c, FA IP, c, * dfl Gesori MTT IMN c cex old IP FA * dfl mx 0; IP * dfl * dfl c, IP, c, vir, 16 Gesori MTC di di bilncio immobilizzzione virule i sensi dell ricolo 7.1 del MTC coso dell immobilizzzione virule i sensi dell ricolo 6.1 del MTC FA I c FA 2011 IP, c * dfl 2011 AMM c, * c 2012 dfl il fondo mmormeni è deflziono dere l mmormeno fino ll nno sesso 37

38 Immobilizzzioni gesioni ex CIPE Deliber AEEG n. 88/2013/R/idr IMN 2011 virule 2011 Cexold 1 offull v ur * 1 1 v ur v ur 16 nni 0, 07 of full Cex 2011 old mx 0; VRG 2011 * mx 0; 1 CO VRG MT AC

39 Cile invesio neo del gesore r. 17 CIN IMN CCN LIC FAcc FoNI non_inv CCN LIC LIC *Ricvi -1 2 A,A1 ricvi delle vendie e delle reszioni * dfl di di bilncio *Cosi -2 A,B6B7 * 1 I 1 voci B6) cosi er merie rime, sussidirie, di consumo e di merci e B7) cosi er servizi di di bilncio relivi lle ivià del SII Cile Circolne Neo Sldo immobilizzzioni in corso l 31 dicembre dell nno -2, d bilncio, l neo dei sldi che risulno invrii d iù di 5 nni 39

40 Cile invesio neo del gesore r. 17 CIN IMN CCN LIC FAcc FoNI non_inv Se CIN < 0, sono zzeri i conribui fondo erduo erceii fino ll nno 2011 ed i corrisondeni incremeni rimonili, lddove non ncor mmorizzi. FAcc è ri ll somm dei segueni fondi ccnonmeno, come d bilncio dell nno -2, dedoi gli ccnonmeni e le reifiche in eccesso riseo ll liczione di norme riburie: fondi er rmeno di fine roro/fine mndo, er l sol quo renu dl gesore fondi er rmeno di quiescenz fondi rischi e oneri fondi ccnonmeno er l resiuzione dell quo non dovu dell riff di deurzione, in liczione del D.M. 30 seembre 2009 fondo er il ririsino dei beni di erzi fondi er il finnzimeno di riffe socili o di solidrieà FoNI non_ inv mx FoNI FoNI ses dfl ;0 include l quo del 27,5% coerur dell effeo fiscle FoNI non seso ( rire dl 2015) 40

41 Immobilizzzioni fondo erduo r. 17 CIN CFP FA * dfl f c CFP c, CFP è il vlore dei conribui fondo erduo incssi dl gesore Si f riferimeno i conribui fondo erduo in cono cile, erogi d qulsisi soggeo, ubblico o rivo, e finlizzi ll relizzzione degli invesimeni del SII, inclusi i conribui di llccimeno, qulor non già ori in derzione dei cosi mmessi in riff nel meodo riffrio recedene l liczione del MTT o del MTC I conribui di llccimeno erceii rire dll nno 2012 sono consideri come conribui fondo erduo A rire dll nno 2014, CFP è incremeno nche dll comonene FoNI ses FA CFP c FA 2011 CFP, * dfl 2011 AMM CFP, c, * c 2012 dfl il fondo mmormeni è deflziono dere l mmormeno fino ll nno sesso 41

42 Ammormeni del gesore r. 18 AMM c 2011 IPc, *dfl min VU c ;IMN c, mx 0; c 2012 IP min c, CFP VU c c, *dfl ; IMN c, Ammormeni CFP c, *dfl FA CFP comonene ne 2012, l lordo CFP comonene os 2011, l neo CFP AMM L nuov formulzione degli mmormeni risul ne 2012 l lordo dei CFP e os 2011 l neo dei CFP. In l modo esclude l AMM FONI dl 2012 in oi CFP c CFPc, *dfl min VU c comonene CFP incssi dl gesore L comonene dei CFP erceii dgli Eni Locli non è res in considerzione in quno comres nell AMM FONI ; CFP *dfl VU c c,, 1 CFP *dfl - FACFP min ; CFP *dfl - FACFP c c Ammormeni dei conribui fondo erduo comonene CFP incssi d erzi escluso gesore, Eni locli e loro ziende secili e socieà di cili ole recizione ubblic 42 c,

43 Ammormeni del gesore r. 18 L vi uile regolori di ciscun cegori c di immobilizzzioni (VU c ) è indic in deliber (vi ecnico-economic). L mmormeno finnzirio è mmesso nei segueni csi: nei csi in cui si so considero mmissibile er le deerminzioni riffrie relive gli nni 2012 e 2013 i sensi dell deliberzione 459/2013/R/IDR (Ar. 3.1) lddove il gesore si collochi nei qudrni III o IV, come definii ll r. 12.1, su richies dell Ene d Ambio, senio il gesore Cegori di immobilizzzioni Vi Uile (VU C ) Terreni - Fbbrici non indusrili 40 Fbbrici indusrili 40 Cosruzioni leggere 40 Conduure e oere idruliche fisse 40 Serboi 50 Imini di rmeno 12 Imini di sollevmeno e omggio 8 Grui di misur 15 Alri imini 20 Lborori e rezzure 10 Teleconrollo e elersmissione 8 Auoveicoli 5 Sudi, ricerche, brevei, dirii di uilizzzione 5 Alre immobilizzzioni merilie immerili 7 Del. 459/2013, r. 3.1: er 2012 e 2013 è mmesso ricorso d mmormeni finnziri ove: mmormeno finnzirio già reviso in riff in regolzione recedene insufficieni le risorse di finnz ubblic, su eszione del legle rresenne ose ri zero comoneni riffrie derivni dll vlorizzzione beni di erzi nuov vlorizzzione di cosi immobilizzzioni del gesore non ecced Cex + FNI FONI come già clcoli senz mmormeni finnziri 43

44 Ammormeni del gesore r. 18 L mmormeno finnzirio consene di dore vie uili iù brevi di VU c e nche, lddove giusifico sull bse degli invesimeni rogrmmi, vie uili iù brevi di quell risulne dll scdenz dell concessione. È consenio nche dore vie uili di iologi divers (vie uili ecniche o mmormeno finnzirio in senso regolmenre) er diverse iologie di cesii del medesimo gesore In resenz di ricorso ll mmormeno finnzirio sono ose ri 0 le comoneni riffrie derivni dll vlorizzzione dell srificzione dei beni di erzi DCUIT = 0 44

45 Oneri finnziri gesore r. 19 Gli ONERI FINANZIARI sono ri : OF (K m α) * 1 CIN CIN f *CIN K m è il sso di ineresse di riferimeno è l comonene coerur dell rischiosià K m 1 BTP 10 1 * (1 CS/CnS) K d (1 ri) *(1 c CS/CnS )* (1 CS/CnS) 1 α β* ERP * 1 1 ri (1 CS/CnS) 45

46 Oneri fiscli gesore r. 20 Gli ONERI FISCALI er l nno (2012, 2013) sono ri : OFisc 0,275*Ri Ri è il risulo ne imose del gesore vluo forferimene T è l liquo fiscle comlessiv, ri 0,317 Ri 1 (K m α 1)*(1 1 * 1 1 T CIN f (1 ri) ri) 1 CIN *CIN 46

47 Oneri finnziri e fiscli r. 19 e 20 L ggiornmeno dei rmeri si sosnzi nell degumeno dei ssi uli dei BTP L effeo riduivo dell ggiornmeno è rzilmene comenso rverso un incremeno del riconoscimeno del coso del debio (Kd). L effeo finle è quello di un legger riduzione dell Onere Finnzirio e Fiscle (escluso IRAP riconosciuo negli Oex) riseo i ssi uli, d 6,40% 6,06% Per gli invesimeni relizzi rire dl 2012 ermne un mggiorzione dell onere finnzirio riconosciuo ri ll 1% er comensre il Time Lg regolorio Vlori 643/2013 Vlori 585/12 4,41% 5,24% 1 1 5,36% 5,69 remio sul debio 95 bs Ri 1,50% 1,80% b levered 0,8 0,8 ERP 4% 4% OF % 4,19% 4,40% IRAP riconosciuo OFisc % 1,87% 2,00% in Oex 47

48 Oneri finnziri e fiscli erzi r. 21 Gli ONERI FINANZIARI er le infrsruure di TERZI sono ri : OF (K m α) * 1 CIN CIN f, * CIN Gli ONERI FISCALI er infrsruure di TERZI sono ri : OFisc 0,317* Ri Il vlore di Ri f riferimeno CIN e CIN,f I vlori di K m ed sono gli sessi uilizzi nel clcolo degli oneri finnziri delle infrsruure del gesore 48

49 Immobilizzzioni di erzi r. 20 DCUIT mx 0; AMM OF OFisc MT AC Le immobilizzzioni di erzi ffereni l SII ed lle lre ivià idriche, di rorieà di soggei diversi dl gesore, in bilncio l 31/12/2011, non inermene mmorizze: concesse in uso l gesore frone di gmeno eriodico di un corriseivo, soo form di rimborso di re dei muui, di cnone di concessione, di risoro o di lro concesse in uso l gesore frone di gmeno in un unic soluzione, si esso go ll inizio dell ffidmeno, nche iscrio rimonio del gesore come immobilizzzione immerile, si l ermine dell ffidmeno, nche ccnono dl gesore come fondo er il ririsino delle oere le immobilizzzioni di cui il gesore usufruisce in virù di conri di loczione e conri di lesing oerivo e lesing finnzirio le immobilizzzioni in corso di rorieà di soggei diversi dl gesore, risulni l 31 dicembre 2011, l neo dei sldi che risulino invrii d iù di 5 nni L evenule inserimeno di cesii relizzi nel corso degli nni 2012 e 2013 d rorieri diversi dl gesore, e uilizzi er l forniur dei servizi del SII, verrà vluo, seguio di moiv isnz, sull bse di considerzioni di efficienz ed efficci riseo l rggiungimeno degli obieivi secifici sul erriorio 49

50 Immobilizzzioni di erzi r. 20 DCUIT mx 0; AMM OF OFisc MT AC Alri corriseivi i rorieri (AC) corriseivi nnuli mone correne, d esclusione del rimborso dell r dei muui in virù dell concessione in uso delle rorie infrsruure nei limii di quno delibero dll Ene comeene in d necedene l 28 rile Qulunque form di rinegozizione o rinnovo dell convenzione o concessione equivle un nuov deliberzione dell Ene comeene. Muui dei rorieri (MT) vlore mone correne delle re dei muui l cui rimborso ciscun Ene locle o su ziend secile o socieà di cile ole recizione ubblic, diverso dl gesore, h dirio in virù dell concessione in uso delle rorie infrsruure, nei limii di quno giudico mmissibile dll Ene comeene in d necedene ll emnzione del dell deliber 643/2013, d eccezione dei muui siuli er il finnzimeno delle infrsruure di rorieà del gesore 50

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2013/37 del 30 dicembre 2013 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato: tariffa per gli anni 2012 e 2013 - applicazione

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di FISICA-TECNICA Ki Gllucci ki.gllucci@univq.i kgllucci@unie.i Progr del corso Dinic dei fluidi: Regii di oo; Moo szionrio di un fluido idele; Moo szionrio di un fluido rele; Il eore di Bernoulli; Perdie

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014 ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI i sensi dell rt. 26 dell Legge 116/2014 (c.d. Legge Copetitività ) Ro, 3 novebre 2014 Indice 1. Contesto

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

Fatture registro unico. Oggetto della fornitura

Fatture registro unico. Oggetto della fornitura .S.: - - IC GIOVNNI XXIII/CESTE MIICBC (CF: ) nno Finnzirio: Ftture registro unico Ftture trovte: Numero- Dt Prg Reg Procoll o /B - -- /B - -- /B - -- Tipo Doc fttur fttur fttur Numero Fttur V- /M Dt Fttur

Dettagli

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi 11. Attività svolt dll Agenzi, risorse e spetti orgnizztivi 11.1 Attività istituzionle svolt i sensi dell Deliberzione istitutiv In un vlutzione complessiv delle ttività svolte dll Agenzi i sensi dell

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

x = AP = AC PC = R (θ sen θ) y = PB = PQ + BQ = R (1 cos θ).

x = AP = AC PC = R (θ sen θ) y = PB = PQ + BQ = R (1 cos θ). L iloide L urv no oggi ome iloide fu onsider per primo d Glileo, he in un primo momeno ongeurò he l re dell figur rhius fosse re vole quell del erhio he l gener Più rdi, forse us di qulhe esperimeno ml

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI Codice civile: I crediti devono essere iscritti secondo il vlore presumibile di relizzzione; quindi già l netto dell svlutzione derivnte dl monitorggio di ciscun

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA ll ASSUNZIONE e ll CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornt l 31 gennio 2015 PROGRAMMA POT Pinificzione Territorile Opertiv PROGRAMMA POT Pinificzione

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014 N PAP-01410-2014 Si attesta che il resente atto è stato affisso all'albo Pretorio on-line dal 09/12/2014 al 24/12/2014 L'incaricato della ubblicazione GENNARO COLASURDO COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1).

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1). D.Lgs. 29-12-2006 n. 311 Disposizioni correttive ed integrtive l D.Lgs. 19 gosto 2005, n. 192, recnte ttuzione dell direttiv 2002/91/CE, reltiv l rendimento energetico nell'edilizi. Pubblicto nell Gzz.

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana.

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana. lle ASSUN ZIONI AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIO NI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALII Guid 2013 PROGRAMMAA POT Pinificzione territorile opertiv Aggiornt l 31 dicembre 20133 Sommrio PRINCIPI GENERALI... 4 GIOVANI...

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE Riservto ll Poste itline Sp N. Protocollo t di presentzione UNI CONORME AL PROVVEIMENTO AGENZIA ELLE ENTRATE EL 000 E SUCCESSIVI PROVVEIMENTI Periodo d'impost 0 COGNOME COICE ISCALE Informtiv sul trttmento

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Grazie. Normativa sulle emissioni dell'epa. Avviso relativo alla garanzia. Servizio "Mercury Premier"

Grazie. Normativa sulle emissioni dell'epa. Avviso relativo alla garanzia. Servizio Mercury Premier Grzie per vere cquistto uno dei migliori motori fuoribordo sul mercto che si rivelerà un ottimo investimento per l nutic d diporto. Il fuoribordo è stto fbbricto d Mercury Mrine, leder internzionle nel

Dettagli

Prot. N 8502/A32 Augusta lì, 18/09/2014

Prot. N 8502/A32 Augusta lì, 18/09/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STTLE "SLVTORE TODRO" 96011 UGUST (SR) - Via Gramsci - 0931/993733-0931/511970

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC)

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC) 4. Trsporto pubblico non di line: txi e noleggio con conducente (NCC) L domnd di mobilità dei cittdini incontr un corrispondente offert delle diverse modlità di trsporto, sull bse delle crtteristiche degli

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

CONTRATTO di prestazione di servizi

CONTRATTO di prestazione di servizi CONTRATTO di prestazione di servizi tra CLENEAR S ROSY di Nappi Maria Rosaria con sede in Via Moncenisio, 27-20031 Cesano Maderno (MI) E Nome Cognome. luogo e data di nascita residenza o domicilio.. codice

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Introduzione alla trigonometria

Introduzione alla trigonometria Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Rapporto sull Impatto della Sanità d Iniziativa. Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo

Rapporto sull Impatto della Sanità d Iniziativa. Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo Raorto sull Imatto della Sanità d Iniziativa Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo Novembre 2013 Indice 1 Storia e sviluo del rogetto sanità d iniziativa in Regione Toscana

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V LEGGI DEI GS Per gas si intende un fluido rivo di forma o volume rorio e facilmente comrimibile in modo da conseguire notevoli variazioni di ressione e densità. Le variabili termodinamiche iù aroriate

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 16 15.05.2014 Unico in caso di trasformazione Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Scadenze Ai sensi dell art. 5-bis, comma 1, del D.P.R.

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli