OGGETTO: PIANO DELLA PERFORMANCE : OBIETTIVI DI AREA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OGGETTO: PIANO DELLA PERFORMANCE 2015-17: OBIETTIVI DI AREA"

Transcript

1 Città metropolitana di Bologna COPIA ORIGINALE n. 37 del OGGETTO: PIANO DELLA PERFORMANCE : OBIETTIVI DI AREA Il giorno 22 aprile 2015 alle ore nel Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità prescritte dallo Statuto, è convocata la Giunta Comunale. All'appello risultano: MINGHETTI Gabriele Sindaco presente FILIPPINI Franca Vicesindaco presente BENAGLIA Giancarlo Assessore presente DALL OLIO Riccardo Assessore assente ROSSI Benedetta Assessore presente Il Segretario Generale, Dr.ssa GIUSEPPINA CRISCI, assiste alla seduta e provvede alla redazione del presente verbale. Riconosciuto legale il numero degli intervenuti il Sindaco, GABRIELE MINGHETTI, assume la presidenza per la trattazione dell'oggetto sopraindicato.

2 COMUNE DI PIANORO Deliberazione Giunta Comunale n. 37/2015 LA GIUNTA COMUNALE Premesso che il D.Lgs. n. 150 del 27/10/2009 (cd. Decreto Brunetta) all art. 10 comma 1 lettera a) prevede che le amministrazioni pubbliche redigano annualmente un documento programmatico triennale, denominato Piano della performance, da adottare in coerenza con i contenuti e il ciclo della programmazione finanziaria e di bilancio, che individua gli indirizzi e gli obiettivi strategici ed operativi e definisce, con riferimento agli obiettivi finali ed intermedi ed alle risorse, gli indicatori per la misurazione e la valutazione della performance dell amministrazione, nonché gli obiettivi assegnati al personale dirigenziale (o apicale facente funzioni dirigenziali) ed i relativi indicatori; Richiamato il D.lgs. 33/2013 "Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni", che all'art.3 prevede che "gli obiettivi indicati nel Programma triennale per la Trasparenza e l'integrità sono formulati in collegamento con la programmazione strategica e operativa dell'amministrazione, definita in via generale nel Piano della performance e negli analoghi strumenti di programmazione previsti negli enti locali."; Richiamate le indicazioni operative dell'anac "Avvio del ciclo della performance e coordinamento con la prevenzione della corruzione"; Considerato che l'art. 11, comma 3, del D.lgs. 150/2009, successivamente ripreso all'art.1, comma 15, della legge 190/2012, richiede che le pubbliche amministrazioni garantiscano la massima trasparenza in ogni fase del ciclo della gestione della performance; Preso atto che l'art. 10, comma 6, del D.lgs. 33/2013 stabilisce che "Ogni amministrazione presenta il Piano e la Relazione sulla performance di cui all'articolo 10, comma 1, lettere a) e b), del decreto legislativo n. 150 del 2009 alle associazioni di consumatori o utenti, ai centri di ricerca e a ogni altro osservatore qualificato, nell'ambito di apposite giornate della trasparenza senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica"; Evidenziato che: - l Amministrazione comunale al fine di adempiere alla prescrizione sopra richiamata dispone che il presente provvedimento venga pubblicato all Albo on line e sul Sito istituzione del Comune di Pianoro nella sezione Avvisi e comunicazioni affinchè ogni interessato possa proporre integrazioni, e/o osservazioni entro il ; - scaduto il termine si provvederà ad istruire le proposte pervenute dagli stakeholders provvedendo se del caso con le dovute o opportune ; Considerato che il Piano della performance proposto in approvazione per il triennio ; è stato redatto coerentemente con il Sistema di misurazione e valutazione del personale dipendente approvato con delibera n.164 del 24 dicembre 2012 debitamente esecutiva che ha per l'effetto modificato il Regolamento sull'ordinamento degli uffici e dei servizi del Comune proprio al fine di armonizzare ulteriormente le disposizioni interne con i principi del citato D.Lgs. 150/2009; Dato atto che il di valutazione con nota mail del 21/04/2015 ha preso visione e analizzato la bozza del Piano della performance al fine di verificare la coerenza tra gli obiettivi previsti nel programma triennale per la trasparenza e l integrità e quelli indicati nel piano della performance, valutando altresì l adeguatezza dei relativi indicatori e supportando con specifiche osservazioni di cui si è preso atto nella stesura definitiva della presente proposta; pag. 2

3 COMUNE DI PIANORO Deliberazione Giunta Comunale n. 37/2015 Dato atto altresì che con delibera di giunta comunale debitamente esecutiva n. 134 del si è approvato il Piano esecutivo di gestione provvisorio in attesa dell approvazione del Bilancio a seguito del quale conformemente alla normativa vigente in materia, nello specifico all art 169 del TUEL, entro venti giorni verrà approvato il PEG e in quella sede, se del caso, si provvederà a modificare gli obiettivi della gestione identificati con la seguente proposta; Richiamati: - il T.U. Enti Locali D.Lgs n. 267; - il D.lgs. 150/2009; - la Legge n. 190/2012; - il D.lgs. 33/2013; - le indicazioni operative dell'anac "Avvio del ciclo della performance e coordinamento con la prevenzione della corruzione"; - le Delibere n. 5 del e n. 30 del rispettivamente di adozione e approvazione definitiva del piano triennale di prevenzione della corruzione e programma triennale per la trasparenza e l'integrità ; Acquisito, ai sensi del vigente art. 49 del T.U. Enti Locali (D.Lgs n. 267), il parere favorevole del Responsabile dell Area interessata in ordine alla regolarità tecnica della proposta; Con voti favorevoli, unanimi palesi D E L I B E R A 1) di approvare il Piano della performance triennio quale parte integrante e sostanziale del Piano Esecutivo di Gestione, testo allegato sub A) alla presente deliberazione ; 2). di pubblicare il presente provvedimento all Albo on line e sul Sito istituzione del Comune di Pianoro nella sezione Avvisi e comunicazioni affinchè ogni interessato possa proporre integrazioni, e/o osservazioni entro il ; 3) di trasmettere copia del presente provvedimento ai competenti uffici per dovuta informazione e seguito. pag. 3

4 ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE 37/2015 COMUNE DI PIANORO Città METROPOLITANA DI BOLOGNA PIANO DELLA PERFORMANCE

5 DEFINIZIONE DEL CICLO DELLA PERFORMANCE ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE 37/2015 Il Piano delle Performance, in ossequio all'art. 10 comma 1 del D.Lgs. 150/2009, è un documento programmatico triennale da adottare in coerenza con i contenuti ed il ciclo della programmazione finanziaria e di bilancio, che, più nello specifico, individua gli obiettivi strategici ed operativi e definisce gli indicatori per la misurazione e la valutazione della performance delle strutture e dell'amministrazione nel suo complesso. Costituisce parte integrante del Piano esecutivo di gestione, anche se approvato dalla Giunta Comunale in separato documento. E' redatto secondo le disposizioni del Testo unico enti locali e si ispira ai principi di cui al Decreto Legislativo n. 150 del 27/10/2009 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni. Come evidenziato e disciplinato dal Regolamento di organizzazione degli uffici e dei servizi, modificato per armonizzare ulteriormente le disposizioni interne con i principi del citato D. Lgs. 150/2009, il processo di programmazione, valutazione e controllo è alla base del sistema organizzativo rivolto alla realizzazione dei piani e dei programmi dell Amministrazione comunale. Nell'ispirazione e attuazione del Piano è pertanto chiamata ad operare l intera struttura amministrativa nella misura in cui detto Piano si prefigge il compito di definire e monitorare, ad ogni suo livello, l attuazione degli obiettivi dell Ente. La Relazione sulle Performance è il documento che rendiconta, per ciascuno degli obiettivi contenuti nel Piano delle Performance, i risultati realizzati al 31 dicembre, articolati per obiettivi strategici, obiettivi operativi e singoli indicatori. La relazione costituisce un valido strumento di appendice al documento recante gli esiti del processo di valutazione del personale dipendente. La Relazione sulle Performance ed i risultati del processo di valutazione dei dipendenti saranno poi validati dal di, secondo quanto disposto dalla normativa vigente e nello specifico entro giugno Il Piano e la relazione in ossequio alle disposizioni normative vigenti (art. 10 comma 8, lett. b, D.lvo 33/2013) sono pubblicati sul sito internet istituzionale nell'aria Amministrazione Trasparente, auspicando che la conoscibilità immediata ma ancor più l'informazione chiara e non eccessivamente prolissa possa consolidare il forte legame tra cittadini ed istituzioni, garantendo un controllo sociale sull'azione amministrativa che, lungi dall'alimentare la perniciosa cultura del sospetto, si ispira invece alla collaborazione civile e alla corresponsabilità tra amministrazione e amministrati nella gestione del cambiamento e nell'ottica del miglioramento progressivo. Il Comune di Pianoro interpreta l'adesione all'interesse essenziale della trasparenza dei processi decisionali favorendo la coesione tra istituzioni e cittadini prevedendo in primo luogo il coinvolgimento dei fruitori dell'azione amministrativa nella programmazione e impegnandosi ad una rendicontazione esplicita ed aperta.

6 All interno del Piano sono riportati: ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE 37/ gli indirizzi e gli obiettivi strategici (a valenza triennale) ed operativi (a valenza annuale); - gli indicatori per la misurazione e la valutazione della performance dell amministrazione; - gli obiettivi assegnati ai titolari di Posizione Organizzativa ed i relativi indicatori. Per ogni obiettivo verrà individuato un soggetto coordinatore; la supervisione complessiva di tutti gli obiettivi è affidata al Segretario Comunale. IL PIANO DELLA PERFORMANCE La finalità principale che l amministrazione comunale si propone di perseguire nel triennio riguarda l ampliamento degli strumenti a sostegno del sistema di legalità cosi come implementato già a partire dalla fine dell esercizio 2012 in concomitanza con la vigenza del DL 10 ottobre 2012, n. 174 convertito con in Legge 7 dicembre 2012, n. 213 di rivisitazione integrale del sistema dei controlli interni. Più in particolare l'amministrazione ritiene strategico l'interesse alla legalità declinandolo in obiettivo dell'ente e intende raggiungere lo scopo, impegnandosi nella direzione del presidio dell assolvimento dell obbligo di esclusività da parte del personale dipendente; ricalibrando il piano generale anticorruzione in continuità con i risultati raggiunti nel 2014 e riprendendo e sviluppando altre tematiche di interesse della materia in divenire anche vagliate dall ANAC all atto della resa della relazione a consuntivo redatta su modello predisposto dall ANAC; regolamentando il controllo sulle dichiarazioni sostitutive, disciplinando il funzionamento del procedimento disciplinare, il tutto promuovendo la formazione interna ed esterna solo ove strettamente necessario e privilegiando formazioni esterne fornite gratuitamente all ente, ed infine ad invarianza della spesa, quindi impegnando personale e mezzi già presenti nell organizzazione del lavoro. L amministrazione comunale continuerà tuttavia, a dedicarsi ad analizzare il grado di adeguatezza e la sostenibilità dell'organigramma idoneo a supportare i compiti dei responsabili preposti e a garantire le condizioni per monitorare il corretto funzionamento del sistema globale della legalità interna anche con riferimento al sottosistema dei controlli, chiamando in causa, come già evidenziato, le professionalità in forza nel Comune; perseguendo in tal modo anche l'obiettivo di un uso sempre più oculato delle risorse il cui risparmio deve essere destinato al potenziamento e al contenimento dei costi dei servizi rivolti alla cittadinanza. Per raggiungere questi obiettivi, la struttura comunale sarà chiamata ad attuare sia azioni sinergiche che condotte proprie di singole unità organizzative.

7 GLI OBIETTIVI DI PERFORMANCE DELL ENTE Il soggetto responsabile è il Segretario Comunale: Dott. ssa Giuseppina Crisci OBIETTIVO 1: AMPLIAMENTO STRUMENTI A SOTEGNO DEL SISTEMA DI LEGALITA' PESO: 100 Scopo. Ulteriore sviluppo in termini di integrale attuazione DL 174/2012 come convertito L 212/2012, Legge 190/2012, Dlvo 33/2013, Dlvo 39/2013, DPR 62/2013. Modalità. Per raggiungere l obiettivo è necessaria la cooperazione fra l'organo di governo dell'ente e le diverse figure di vertice e apicali dell organigramma comunale; sarà necessario supportare le figure di responsabilità che presidiano il processo e provvedere alla formazione continua del personale e all'approvazione degli atti di livello comunale. Coordinamento: Segretario Comunale. Predisposizione proposta di Approvazione regolamento conferimento incarichi esterni ai dipendenti Predisposizione proposta di Approvazione del regolamento per il controllo delle dichiarazioni sostitutive Predisposizione proposta di al piano anticorruzione in coerenza con i contenuti dello schema di relazione ANAC e altri provvedimenti dell Autorità. Adozione e approvazione definitiva Regolamento disciplinare procedimento 25 data data data data formazione, verifiche formazione, verifiche formazione, verifiche formazione, verifiche ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE 37/2015 formazione, verifiche formazione, verifiche formazione, verifiche formazione, verifiche

8 Il soggetto responsabile è il Dirigente extra dotazione organica: Dr Luca Lenzi OBIETTIVO 1: PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI NECESSARI ASSISTITI DA MUTUO PESO: 20 Scopo. Addivenire ad una programmazione sostenibile degli investimenti necessari assistiti da mutuo. Modalità. Per raggiungere l obiettivo è necessario procedere allo studio ed analisi della normativa di settore con riferimento alle disposizioni del TUEL e con specifico riguardo alla L.C. 243/2012 sul pareggio di bilancio dei conti pubblici.. Coordinamento: Segretario Comunale. Tenuta dei rapporti interistituzionali con Regione e eventuale formazione se reputata opportuna all approntamento dello studio Studio della normativa di settore e sostenibilità debito da mutui del comune di Pianoro e relativa relazione da presentare in informativa alla giunta comunale Approvazione del provvedimento di programmazione degli investimenti quale parte integrante del bilancio di previsione N. incontri e giornate formative almeno 6 40 data data termine approvazione di bilancio o in occasione di prossima variazione ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE 37/2015

9 OBIETTIVO 2: MESSA A NORMA DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA GLOBALE, RISPARMIO ENERGETICO E RISPARMIO DI SPESA. Scopo: addivenire alla sostituzione totale del corpo illuminante con il massimo risparmio economico e il maggior risparmio energetico. PESO: 20 Modalità: studio normativa di settore Dlvo 115/2008 sugli istituti di efficientamento energetico in collaborazione con il Segretario generale ( ESCO e contratto EPC Energy performance contract), studio e verifica compatibilità della normativa regionale in materia di illuminazione e bandi di finanziamento ( bando regionale 50 TEP che cofinanzia l opera pubblica). Coordinamento: Segretario Comunale. Delibera giuntale di approvazione del progetto preliminare definitivo 25 data Determina a contrarre e approvazione capitolato speciale 25 data Esperimento gara e aggiudicazione provvisoria 50 data ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE 37/2015 OBIETTIVO 3: SICUREZZA EDIFICI SCOLASTICI PESO: 20 Scopo: messa a norma sismica e efficientamento energetico di tutti i plessi scolastici. Modalità: addivenire ad uno studio generalizzato a tutti i plessi scolastici comunali circa la messa a norma sismica e individuazione e proposta di priorità dell intervento. Addivenire ad uno studio generalizzato a tutti i plessi scolastici circa l efficientamento energetico e individuazione e relativa proposta di priorità e sostenibilità dell intervento. Coordinamento: Segretario Comunale. Deposito dello studio da rendere in informativa alla giunta 100 data 30/11/2015

10 OBIETTIVO 4: RAZIONALIZZAZIONE SPESE SOCIETÀ CONTROLLATE PESO: 20 Scopo: monitoraggio sulla legittimità sostenibilità al mantenimento delle partecipazioni e analisi circa l ulteriore ottenimento di risparmi da conseguire entro il 2015 Modalità: studio della normativa di settore e stesura del piano di razionalizzazione in collaborazione con il segretario generale e relazione di aggiornamento in merito ad ulteriori risparmi ottenibili entro il Coordinamento: Segretario Comunale. Delibera consiliare di approvazione del piano 15 data Relazione in merito al conseguimento risparmi 85 data ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE 37/2015 OBIETTIVO 5: AMPLIAMENTO E OTTIMIZZAZIONE DELL OFFERTA RESIDENZIALE PUBBLICA PESO: 20 Scopo: reperire risorse per l ampliamento dell offerta residenziale pubblica Modalità: richiesta di devoluzione fondi L. 560/93 Coordinamento: Segretario Comunale. Studio della ricerca di fonti di finanziamento illustrato al sindaco e segretario generale Apertura procedimento stesura richiesta di devoluzione presidente città metropolitana Bando di acquisto immobiliare 50 data data data

11 Area Amministrativa Istituzionale Unità di Base: Demografica, Anagrafe, Elettorale e Stato Civile, Economato e servizi cimiteriali Posizione Organizzativa: Monica Melluso OBIETTIVO 1: ATTUAZIONE DELLE NORME DI CUI AL D.L. N. 132/2014, CONVERTITO CON MODIFICAZIONI IN LEGGE 10 NOVEMBRE 2014, N. 162 PESO: 30 Scopo: Attuazione delle norme di cui al D.L. n. 132/2014, convertito con modificazioni in Legge 10 novembre 2014, n. 162, in vigore dal 21/12/2014 avente ad oggetto: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132, recante misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell'arretrato in materia di processo civile che ha tra l altro trasferito all Ufficiale di Stato Civile le competenze in materia di separazioni coniugali e divorzi. Modalità: Sono state affrontate tutte le complesse problematiche interpretative ed attuative, si è provveduto celermente sull approssimarsi della chiusura dell anno a studiare e interpretare la disciplina introdotta nel nostro ordinamento concludendo lo studio preliminare con la proposta deliberativa di giunta comunale n. 124 approvata il relativo a determinazione dell importo del diritto fisso da esigere da parte del comune all atto della conclusione dell accordo di separazione o divorzio o di modifica delle condizioni di separazione o divorzio. Durante il mese di gennaio 2015 l ufficio ha elaborato la modulistica necessaria che solo nel mese di febbraio è stata aggiornata dal Ministero dell Interno. Il primo atto di separazione è stato perfezionato il giorno 08/01/2015. Coordinamento: Dirigente Dott. Luca Lenzi Studio della disciplina e interpretazione 30 ore 20 Approntamento della modulistica 70 data ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE 37/2015

12 ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE 37/2015 OBIETTIVO 2: ISTITUZIONE DI UFFICI DI STATO CIVILI DISTACCATI IN LOCALI DI PRIVATI PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI PESO: 10 Scopo: Stato Civile: Ampliare l offerta di luoghi in cui ritualmente celebrare matrimoni civili tramite reperimento di strutture (sale) sul territorio da utilizzare, a titolo gratuito, per la celebrazione dei matrimoni civili. Modalità: Il Segretario Generale, Dott.ssa Crisci su compito affidato dall Ill.mo Sig. Sindaco ha provveduto a studiare l ipotesi e verificato procedimenti similari attivati da altre amministrazioni. Sulla scorta degli esiti dell analisi condotta in materia ha costituito e formato un gruppo di lavoro il cui responsabile è la PO Melluso adiuvata nel compito istruttorio dalla collega Cervino dell Ufficio Tecnico LL.PP. nonché dal collega Ing. Cipriani PO preposto all edilizia e all urbanistica nella fase finale di verifica idoneità dei locali proposti ad essere adibiti ad ufficio distaccato di stato civile. Marzo 2015: Predisposizione degli atti (avviso pubblico, determinazione dei requisiti e contratto di concessione d uso) da sottoporre alla G.C., sfociati nella Determinazione di G.C. n.28/ avente ad oggetto: Approvazione avviso pubblico e relativi allegati per l istituzione di sedi separate di Uffici di Stato Civile per la sola celebrazione dei matrimoni civili. Marzo 2015: pubblicazione dell invito pubblico di cui sopra; Marzo 2015: Predisposizione delle al vigente Regolamento Comunale sulla celebrazione dei matrimoni civili; Aprile/Maggio 2015: esame delle istanze pervenute ed eventuale stipula dei contratti di concessione d uso e istituzione uffici distaccati di stato civile eventuale rideterminazione delle tariffe. Coordinamento: Dirigente Dott. Luca Lenzi Studio e Incontri di formazione e di coordinamento 30 n. giorni Delibera di Giunta 40 data Delibera di Consiglio 10 data Esame delle istanze sotto il profilo amministrativo e tecnico 10 data Stipula dei contratti e pubblicizzazione istituzione ufficio distaccato stato civile celebrazioni matrimoni 10 data

13 ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE 37/2015 OBIETTIVO 3: ISITUTIRE IL PROCEDIMENTO TESO A CONSENTIRE L ESPRESSIONE DELLA DICHIARAZIONE DI VOLONTÀ DI DONAZIONE DI ORGANI E TESSUTI IN OCCASIONE DEL RILASCIO/RINNOVO DELLA CARTA DI IDENTITÀ PESO: 15 Scopo: Anagrafe: Adesione al progetto Una scelta in Comune per consentire l espressione della dichiarazione di volontà di Donazione di Organi e Tessuti in occasione del rilascio/rinnovo della Carta di Identità. Modalità: Su proposta dell Assessorato alle Politiche Sociali si è proceduto alla predisposizione degli atti da sottoporre alla giunta comunale, della modulistica necessaria agli utenti ed alla definizione delle modalità operative del servizio da erogare. Entro Aprile-Maggio si procederà: 1. ad acquisire il soft-ware necessario per l inoltro telematico delle dichiarazioni di volontà al Sistema Informativo Trapianti; 2. a realizzare la formazione degli operatori di Anagrafe a cura di esperti del Centro Nazionale Trapianti; 3. a pubblicizzare idoneamente l avvio del servizio al fine di sensibilizzare la cittadinanza. Coordinamento: Dirigente Dott. Luca Lenzi Studio della normativa di riferimento e formazione del personale Predisposizione delibera di Giunta 50 giorni data Pubblicizzazione 20 data

14 OBIETTIVO 4: OPERATIVITÀ DELL'ANAGRAFE NAZIONALE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE PESO: 30 Scopo: Anagrafe: D.P.C.M. 10 novembre 2014, n. 194 (Regolamento recante modalità di attuazione e di funzionamento dell'anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR) e di definizione del piano per il graduale subentro dell'anpr alle anagrafi della popolazione residente). Modalità: l obiettivo si articola in due fasi ed è in parte attuato in collaborazione con il CED dell Unione e dei Servizi Informativi interni. Fase 1.: popolamento iniziale dell'anpr con i dati dei sistemi informativi INA e AIRE, nel corso del quale si procederà alla validazione dei dati che contribuiscono alla determinazione del codice fiscale (cognome e nome; sesso; luogo e data di nascita), previo confronto con l'anagrafe tributaria. In tale fase, prevista per il secondo semestre del 2015, i Comuni che riceveranno le segnalazioni di anomalie dovranno rimuoverle, utilizzando le proprie applicazioni, e provvedere ad un nuovo invio dei dati, con le modalità attualmente previste nell'ambito dei sistemi INA ed AIRE.; Fase 2:. Terminata tale fase preliminare ciascun comune procederà, sulla base della tempistica definita dal Ministero dell Interno nel Piano per il graduale subentro dell'anpr alle anagrafi comunali (APR e AIRE), alla migrazione nell'anpr delle proprie banche dati anagrafiche. Qualora a seguito di tali controlli siano rilevate anomalie ed incongruenze, l'anpr provvederà a segnalarle al Comune mediante un apposito messaggio affinché questi provveda celermente alla relativa risoluzione attraverso le funzionalità dell'anpr. I servizi resi disponibili dall'anpr ai Comuni saranno i seguenti: - servizi di registrazione, che consentono di effettuare le operazioni di iscrizione, mutazione e cancellazione; - servizi di consultazione ed estrazione, che consentono di interrogare l'anpr per campi o combinazioni di campi, per tipo di operazione e per intervalli temporali e di estrarre i dati di competenza; - servizi di certificazione, che rendono disponibili al Comune i dati necessari per il rilascio di certificazioni anagrafiche anche in modalità telematica. - terminato il processo su descritto, il Comune potrà consentire alle pubbliche amministrazioni la fruizione dei dati dell'anpr relativi alla popolazione residente nel proprio territorio mediante la stipula di apposite convenzioni, previa verifica dei presupposti e delle condizioni di accesso da parte del sindaco. E altresì previsto che i dati dell'anpr siano resi disponibili all'istat, ai fini della produzione delle statistiche ufficiali sulla popolazione. Coordinamento: Dirigente Dott. Luca Lenzi Fase 1 50 data Fase data ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE 37/2015

15 OBIETTIVO 5: ATTUAZIONE DM 11 DICEMBRE 2014 PESO: 5 Scopo: Anagrafe: Ministero Della Giustizia- Decreto 11 dicembre 2014 recante: Proroga del termine per l'attivazione della trasmissione telematica al Sistema Informativo del Casellario delle informazioni concernenti l'avvenuta morte della persona da parte dei Comuni. Modalità: Il suddetto decreto ha prorogato al 30/06/2015 il termine per effettuare telematicamente le comunicazioni dei decessi al Casellario Giudiziale. Coordinamento: Dirigente Dott. Luca Lenzi Studio della normativa e delle regole tecniche 30 giorni 2 Studio del sw applicativo 30 ore 2 Invio di prova e verifica 40 ore 2 ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE 37/2015

16 ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE 37/2015 OBIETTIVO 6: ACCESSO AI DATI ANAGRAFICI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE DELL'EMILIA ROMAGNA PESO: 10 Scopo: Anagrafe: Nell ambito dell Accordo attuativo della Community Network Emilia-Romagna Per L'attuazione Del Sistema "Ana Cn-Er" - Sistema Interoperabile Di Accesso Ai Dati Anagrafici Della Popolazione Residente Dell'emilia Romagna, Approvato con Deliberazione della G.C. n. 30 del , nel mese di luglio 2014 è stato avviato il nodo di Pianoro che, attraverso le convenzioni stipulate tra Enti e Regione Emilia-Romagna, consente agli Enti Pubblici esterni di consultare le notizie anagrafiche. Numerose richieste prima gestite a mezzo posta (elettronica, PEC, o cartacea) ora vengono gestite direttamente dal sistema. Analogamente, ed entro il secondo semestre 2015, si procederà all individuazione ed attribuzione del profilo agli utenti interni, secondo l ambito di pertinenza, in modo tale da consentire ad ogni ufficio del nostro Comune l accesso alle banche dati anagrafiche dei Comuni dell Emilia Romagna che hanno aderito alla convenzione. Il sistema consentirà quindi un notevole snellimento dei tempi per le verifiche anagrafiche e delle autocertificazioni. Modalità: Individuazione dei soggetti da abilitare mediante consultazione con i Responsabili dei Servizi e rilevazione dei fabbisogni informativi e successivamente creazione ei profili d accesso e infine formazione degli utenti interni. Coordinamento: Dirigente Dott. Luca Lenzi. Individuazione dei soggetti da abilitare mediante consultazione con i Responsabili dei Servizi e rilevazione dei fabbisogni informativi, creazione dei profili di accesso, formazione utenti interni 100 data

17 Unità di Base: Affari generali, Istituzionali Posizione Organizzativa Responsabile della Trasparenza: Luca Bartolotti OBIETTIVO 1: PROMOZIONE DEL PROCESSO DI INTERESSE ALLA TRASPARENZA PESO: 30 Scopo: ampliamento dell effettività dell interesse alla trasparenza, con accrescimento della quantità e qualità dei dati pubblicati e promozione del processo virtuoso di formazione interna ed informazione e condivisione dell attività amministrativa. Modalità: adozione di strumenti a sostegno del processo. Coordinamento: Segretario Comunale Responsabile della prevenzione alla corruzione. Supervisione: Dirigente Dott. Luca Lenzi. Redazione dell elenco degli obblighi di pubblicazione 10 data 31/01/2015 Formazione agli uffici 20 data 31/12/2015 Predisposizione di un manuale indicante per ogni specifico obbligo in materia di trasparenza l elenco delle informazioni da pubblicare, la durata della pubblicazione, la tempistica di aggiornamento, la struttura che detiene o genera il dato, l ufficio responsabile della pubblicazione, il dipendente incaricato dell operazione e le modalità operative. Coordinamento dell analisi e valutazione della possibilità di rivisitare l architettura del sito web in funzione del superamento degli attuali limiti strutturali 60 data 30/06/ data 31/12/2015 ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE 37/2015

18 ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE 37/2015 OBIETTIVO 2: INTEGRAZIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO CON I NUOVI SERVIZI TELEMATICI PESO: 20 Scopo: integrazione delle funzionalità e delle procedure del protocollo informatico con i servizi telematici di nuova attivazione (iscrizioni scolastiche on line, fattura elettronica) Modalità: viene fornito il necessario supporto Coordinamento: Dirigente Dott. Luca Lenzi Supporto operativo fornito ai programmatori dei vari applicativi informatici al fine di consentire la piena interoperabilità delle piattaforme on line con il protocollo informatico e le relative automazioni delle fasi di acquisizione dei documenti. Coordinamento delle operazioni propedeutiche all attivazione del sistema di ricezione, per il tramite del protocollo informatico, delle fatture elettroniche. 100 Attiva zione dei servizi Iscrizioni nido Fattura elettronica Fruizione servizi scolastici

19 ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE 37/2015 OBIETTIVO 3: AMPLIAMENTO DEI CONTROLLI SUCCESSIVI DI REGOLARITA AMMINISTRATIVA PESO: 20 Scopo: ampliare l efficacia del monitoraggio degli atti successivamente alla loro formazione nell ambito del sistema dei controlli interni di cui all art. 147 T.U.E.L. secondo le modalità organizzative previste dal relativo Regolamento interno. Modalità: estensione della tipologia di atti soggetti ad estrazione con adeguamento delle tecniche di campionamento. Coordinamento: Segretario Comunale responsabile dei controlli successivi di regolarità Supervisione: Dirigente Dott. Luca Lenzi Implementazione del sistema di estrazione mediante generatore elettronico di numeri casuali per la selezione degli atti da sottoporre a controllo, da estendersi ed adeguarsi a tipologie di provvedimenti aggiuntivi a quelli già sottoposti a controllo negli anni precedenti (si pensi ai titoli edilizi e provvedimenti autorizza tori e nulla osta non adottati nella forma delle determinazioni). 100 data 30/09/2015

20 ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE 37/2015 OBIETTIVO 4: REGIMAZIONE DEL SISTEMA DI REGISTRAZIONE INFORMATICA DEGLI ATTI IN DEPOSITO PRESSO LA CASA COMUNALE PESO: 20 Scopo: garantire l efficiente e razionale gestione del deposito atti presso la Casa comunale, la riduzione dei tempi di attesa allo sportello e il generale miglioramento del servizio offerto al cittadino, mediante il consolidamento delle procedure sperimentate lo scorso anno. Modalità: attribuzione ad ogni singolo atto cartaceo in deposito di un numero progressivo di repertorio corrispondente ad una registrazione informatica dei dati riferiti all atto. Coordinamento: Dirigente Dott. Luca Lenzi Trascrizione dei dati di ciascun atto in deposito nel relativo repertorio informatico annuale Ampliamento del numero di operatori abilitati alla funzione 70 n. Totale atti in deposito nell anno 30 n. 3 operatori OBIETTIVO 5: REPERTORIO DELLE ORDINANZE - ATTIVAZIONE DELLE FUNZIONALITA INTEGRATE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO ON LINE Scopo: semplificazione delle procedure tecniche e pubblicazione in autonomia delle ordinanze di carattere generale all Albo on line. Modalità: inserimento e diretta pubblicazione a cura del medesimo operatore. Coordinamento: Dirigente Dott. Luca Lenzi Creazione ed attribuzione dei profili di accesso e formazione degli operatori 100 Uffici resi oper ativi Polizia Municipale PESO: 5

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 27.9.2010 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI - ARTICOLO 1 FINALITA ED AMBITO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli