ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA"

Transcript

1

2 La Casa Facile è una porta che l Istituto Autonomo Case Popolari di Foggia apre ai propri utenti per introdurli nelle fi nalità, nelle procedure e nell organizzazione dell Ente. Come si ottiene un alloggio di edilizia popolare? Come si richiede un intervento di manutenzione? A quali uffi ci occorre rivolgersi e in quali orari? Quale documentazione va prodotta? A queste, come ad altre domande, il manualetto prova a fornire risposte semplici, chiare e dirette, offrendo al contempo una nitida fotografi a della struttura amministrativa e tecnica dell Istituto, il quadro essenziale della normativa di riferimento, un appendice completa e dedicata alla modulistica. L utente ha a sua disposizione uno strumento di agevole consultazione che lo rende più vicino all ente e consapevole dei suoi diritti e doveri. La Casa Facile non vuole essere solo una bussola per muoversi correttamente all interno dell ente, ma soprattutto un mezzo di costante dialogo, che consenta di migliorare l organizzazione e i servizi dell Istituto modellandoli sulle esigenze espresse dai suoi fruitori, chiamati a sentirsi parte dell amministrazione, la parte più importante, in un rinnovato rapporto di fi ducia e reciproca collaborazione. Per questo motivo l IACP di Foggia ha inteso rivisitare il proprio sito internet rendendolo fruibile e ricco d informazioni per quanti quotidianamente s interfacciano con l ente. L obiettivo, che si intende perseguire, è porre le basi di un patto tra utenti e Amministrazione con la convinzione che la nostra missione non può prescindere da un azione sinergica con le parti sociali, sindacali e con le istituzioni impegnate a garantire sul territorio il diritto alla casa, il rispetto della legalità e il perseguimento degli obiettivi sociali e di eguaglianza. Il Commissario Straordinario Vice Prefetto Dott. Donato Cafagna 1

3 L istituto Autonomo Case Popolari della Provincia di Foggia nell ambito della propria attività, è impegnato da tempo con determinazione e convinzione nel perseguimento di obiettivi finalizzati all innovazione ed al miglioramento dei servizi offerti alla propria utenza. La consapevolezza del fondamentale ruolo che la pubblica amministrazione riveste nello sviluppo del proprio territorio, e la certezza che un impegno sinergico tra le istituzioni può meglio garantire questo risultato, conduce lo IACP di Foggia ad intensificare i propri sforzi per un miglioramento globale della qualità dei servizi offerti. A tal fine è in corso nel nostro Ente un profondo processo di trasformazione atto ad allineare idealmente la nostra attività con le aspettative dell utenza. L innovazione non può prescindere dalla semplificazione delle attività amministrative, per il perseguimento della quale l IACP si è attivato da tempo nel rispetto di quanto statuito dalla legislazione vigente adattando i propri procedimenti e la modulistica. L elevato livello di informatizzazione raggiunto dall ente è un traguardo importante che nel contempo chiama ad una maggiore convergenza di tutti i nostri sforzi per poter offrire a coloro i quali si interfacciano con lo IACP risposte immediate ed esaustive. A questo proposito stiamo lavorando sul sito web istituzionale che vuole essere più di una vetrina della nostra organizzazione, una mappa puntuale in grado di orientare l utente e di offrire interattivamente risposte alle proprie istanze. Nel contempo ci impegniamo a rafforzare il servizio ricevimento pubblico che già offre una preziosa assistenza quantitativa e qualitativa, garantita tra l altro da personale professionalmente qualificato, pensando ad un ufficio relazioni con il pubblico che possa ancora più efficacemente offrire supporto alla nostra utenza. Tutti i nostri sforzi risulterebbero vani se non ossequiassimo un principio fondamentale della attività amministrativa e soprattutto dell azione di questo ente. Alla trasparenza delle nostre azioni dedichiamo particolare attenzione consentendo con la celerità che la legge ci attribuisce e sempre nel rispetto di essa i diritti di partecipazione e di accesso agli aventi diritto ai sensi della legge 241 del Proseguiamo con passione il nostro lavoro, consapevoli che la forte responsabilità che ci accompagna è mantenere sempre vivo il rapporto di fiducia che ci lega ai nostri utenti. Il Coordinatore Generale Ing. Antonio Raffaele di Stefano 2

4 COME RAGGIUNGERCI? L Istituto Autonomo Case Popolari è a Foggia in via Romolo Caggese, n. 2 nei pressi della Facoltà di Economia dell Università degli Studi e di fianco ai giardini della Villa Comunale. 3

5 COME CONTATTARE GLI UFFICI DELL ENTE? Chiamando al numero telefonico oppure scrivendo tramite: fax al numero o Per comunicare con il Commissario : il Coordinatore: il Dirigente Tecnico: il Dirigente Amministrativo Casella di posta certificata: QUALI SONO GLI ORARI DI RICEVIMENTO PUBBLICO? Gli uffici dell Ente ricevono il pubblico: Lunedì 8,30-11,30 Martedì 16,00-17,30 Mercoledì 8,30-11,30 Giovedì 16,00-17,30 È sempre a disposizione degli utenti il sito internet istituzionale ricco di informazioni e della modulistica necessaria. 4

6 QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO? Il quadro normativo di riferimento per le attività di competenza dell IACP è costituito da una serie di provvedimenti legislativi che si sono susseguiti nel tempo in considerazione anche dell evoluzione che ha caratterizzato l esistenza degli Istituti Autonomi Case popolari e la successiva delega dello Stato alle Regioni in materia di edilizia residenziale pubblica. La legge della Regione Puglia n. 54 del 20 dicembre 1984 costituisce l essenziale riferimento per ciò che riguarda l assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Si riportano i provvedimenti legislativi statali e regionali più significativi: Legge 30 dicembre 1960 n Norme per la costruzione di abitazioni per i lavoratori agricoli. Legge 14 febbraio 1963 n. 60 e successivo regolamento di attuazione Liquidazione del patrimonio edilizio della gestione INA CASA. Legge 22 ottobre 1971, n. 865 Programmi e coordinamento per l edilizia residenziale pubblica. D.P.R. 30 dicembre 1972 n Norme per l assegnazione e la revoca nonché per la determinazione e revisione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. D.P.R. 30 dicembre 1972, n Norme per la riorganizzazione delle amministrazioni e degli enti pubblici operanti nel settore della edilizia residenziale pubblica. Legge 8 agosto 1977 n. 513 Provvedimenti urgenti per l accelerazione dei programmi in corso, finanziamento di un programma straordinario e canone minimo dell edilizia residenziale pubblica. Legge 27 luglio 1978 n. 392 Disciplina delle locazioni di immobili urbani. Legge 5 agosto 1978 n. 457 Norme per l edilizia residenziale. Legge Regione Puglia 20 dicembre 1984 n. 54 Norme per l assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Legge 17 febbraio 1992, n. 179 Norme per l edilizia residenziale pubblica. Legge 24 dicembre 1993 n. 560 Norme in materia di alienazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Legge Regione Puglia n. 3 del 23 gennaio 1996 Adeguamento canoni di locazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica. Legge Regione Puglia n. 15 del 13 luglio 1998 Disciplina canoni di locazione alloggi di edilizia residenziale pubblica. 5

7 Legge 431 del 9 dicembre 1998 art. 2 comma 3 Disciplina delle locazioni e del rilascio degli immobili adibiti ad uso abitativo. Legge Regione Puglia n. 1 del 12 gennaio 2005 art. 60 Regolarizzazione rapporto locativo alloggi di ERP. Legge Regione Puglia n. 22 del 19 luglio 2006 CAPO III artt. 10 e 11 Disposizioni in materia di edilizia residenziale pubblica. Legge Regione Puglia n. 40 del 31 dicembre 2007 artt. 20 e 21 Disposizioni in materia di edilizia residenziale pubblica. Legge Regione Puglia n. 5 del 16 marzo 2009 Norme urgenti in materia di regolarizzazione del rapporto locativo e proroga delle commissioni per la formazione delle graduatorie e per la mobilità degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Palazzo delle Statue già I.A.C.P. - Foggia 6

8 QUALI SONO I DIRITTI DELL ASSEGNATARIO? Nel rispetto del regolamento generale approvato dalla Regione Puglia e delle disposizioni in materia di edilizia residenziale pubblica l assegnatario nell uso dell alloggio ha il diritto di: occupare l alloggio avuto in consegna e sottoscrivere il contratto di locazione con lo I.A.C.P. Abitare nell alloggio assegnato, con la garanzia che tale diritto sia esteso anche ai propri familiari conviventi, nel caso di decesso o di separazione da parte dell assegnatario. Pagare un canone proporzionato al reddito complessivo percepito dal nucleo familiare. Ottenere una modifica del canone attribuito, qualora muti il reddito percepito dal nucleo familiare. Ospitare nell abitazione assegnata, previa autorizzazione dell Ente, persone estranee al nucleo familiare, per un periodo non superiore ad un anno per obiettive esigenze di assistenza. Autogestire i servizi e gli spazi comuni assegnati all immobile. Gli inquilini, che occupano alloggi dove è stato costituito il condominio, hanno diritto di voto nelle decisioni che riguardano le spese e la gestione dei servizi. Usufruire degli interventi di manutenzione straordinaria, con esclusione di quelli di ordinaria manutenzione che restano a carico degli assegnatari. Richiedere e ricevere le informazioni relative al contratto, all importo dei canoni, e su tutte le altre attività che riguardano l assegnazione e la gestione degli alloggi di E.R.P. Accedere alla documentazione che lo riguarda direttamente e che è in possesso dell Istituto. L accesso agli atti dell assegnatario può avvenire anche da parte delle organizzazioni sindacali opportunamente delegate. Ricevere dai dipendenti dell ente disponibilità e cortesia. E I DOVERI? Osservare scrupolosamente tutte le norme contenute nel contratto di locazione stipulato con l Istituto e nel regolamento generale approvato dalla Regione Puglia nonché quelle riportate nel regolamento di autogestione del condominio. Rispettare le regole di convivenza civile e di buon vicinato con gli altri assegnatari. 7

9 Corrispondere regolarmente il canone di locazione. Presentare periodicamente la documentazione relativa al reddito complessivo del nucleo familiare per consentire l aggiornamento del canone di locazione. Abitare, stabilmente, l alloggio ottenuto in assegnazione in particolare: occuparlo entro il trentesimo giorno dell atto della stipula contrattuale; rappresentare con adeguata istanza al Comune e/o all Istituto, a seconda dei casi, le motivazioni dell eventuale rifiuto ad occupare l unità abitativa incorrendo in mancanza nella decadenza dall assegnazione; non cedere e non subaffittare l alloggio assegnato a terzi; non adibire l abitazione e/o le sue pertinenze ad usi diversi da quelli stabiliti. Mantenere l alloggio assegnato con la massima diligenza. L Istituto, all atto della stipula contrattuale, acquisisce una somma, pari a due mensilità del canone a titolo di deposito cauzionale, che sarà trattenuta dall Ente nel caso in cui l alloggio venisse riconsegnato in uno stato diverso da quello originario. Eseguire i lavori di manutenzione ordinaria necessari per il mantenimento dell efficienza dell alloggio. Acquisire, preventivamente, le autorizzazioni necessarie per eseguire lavori diversi dalla manutenzione che comportino modifiche strutturali o variazioni dello stato originario dell alloggio. Qualsiasi miglioria non dà diritto comunque ad alcuna indennità. Rispettare il regolamento condominiale, di autogestione ed il regolamento generale per la disciplina degli alloggi di ERP approvato dall Ente. Versare regolarmente all amministratore o al responsabile dell Autogestione le spese condominiali richieste. Edificio I.A.C.P. di via Frassati - Foggia 8

10 COME SI OTTIENE UN ALLOGGIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA? Ai sensi della legge della Regione Puglia n. 54 del 1984 all assegnazione degli alloggi si provvede mediante pubblico concorso indetto dal Comune in cui gli stessi sono ubicati. Il bando di concorso, finalizzato alla formazione delle graduatorie generali e permanenti, viene pubblicato per almeno 15 giorni consecutivi, mediante affissione di manifesti, nell albo pretorio dei comuni interessati nonché nella sede dell Istituto Autonomo Case Popolari. La diffusione del bando è data inoltre dalle organizzazioni sindacali e dalle associazioni di categoria. Il bando di concorso viene, inoltre, inviato al Ministero Affari Esteri affinché venga curata l affissione presso le sedi consolari. L art. 2 della legge regionale n. 54 del 1984 stabilisce quali sono i requisiti per l assegnazione. Ogni aspirante assegnatario, in possesso dei requisiti richiesti dalla legge, può partecipare ad una sola assegnazione nell ambito regionale presentando, entro i termini fissati dal bando di concorso, la domanda redatta su apposito modulo fornito dal Comune. La stessa amministrazione comunale provvede all istruttoria delle pratiche ed alla formazione delle graduatorie provvisorie che vengono approvate definitivamente dalla Commissione Provinciale di assegnazione nominata dalla Giunta Regionale. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. contabilità inquilinato Edificio I.A.C.P. di via Bellucci - Foggia 9

11 COME AVVIENE L ASSEGNAZIONE DELL ALLOGGIO? L assegnazione degli alloggi agli aventi diritto, in base all ordine della graduatoria definitiva approvata dalla Commissione Provinciale di assegnazione, è effettuata dal Sindaco del Comune territorialmente competente che vi provvede con apposito decreto. Il Sindaco comunica l assegnazione agli aventi diritto fissando il giorno e il luogo per la scelta dell alloggio. La scelta degli alloggi è compiuta dagli assegnatari in base all ordine di precedenza stabilito dalla graduatoria. L Istituto Autonomo Case Popolari non svolge alcuna funzione in ordine alla gestione delle graduatorie e all emanazione del provvedimento di assegnazione L ente partecipa alle operazioni di scelta degli alloggi da parte degli assegnatari nella giornata e nell ora concordata con il Comune interessato. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. contabilità inquilinato Edificio I.A.C.P. di via Lussemburgo - Foggia 10

12 COME SI DETERMINA IL CANONE DI LOCAZIONE? Il canone di locazione, determinato in base ai parametri oggettivi e modulato in relazione al reddito secondo percentuali previste dalla legge, decorre dal mese successivo alla consegna dell alloggio. La legge regionale n. 54 del 1984, definisce i criteri per la determinazione del canone oggettivo che viene determinato moltiplicando il costo base unitario di produzione per la superficie convenzionale ed è aggiornato sulla base dell indice ISTAT e dei vari coefficienti moltiplicativi simili a quelli previsti dalla legge dell equo canone (vetustà, stato di conservazione, livello, ubicazione, ecc ). Stabilito il canone oggettivo, si applica, in funzione dello stesso, il canone soggettivo, in relazione alla situazione reddituale complessiva del nucleo familiare. Il limite reddituale previsto dalla legge quale requisito per l assegnazione è pari a ,00. Il canone di locazione massimo, applicato agli inquilini con reddito superiore ai limiti di decadenza, non deve essere superiore al canone concordato, depositato nel Comune interessato, in base agli Accordi previsti dall art. 2, comma 3 legge n. 431 del 1998, ed in caso di mancato deposito nel Comune interessato, al canone concordato più basso presso un Comune confinante o a quello più vicino con canone concordato depositato. Il canone di locazione minimo dal 1 settembre 2006 è stato stabilito in 25,00. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. autogestione canone sociale Edificio I.A.C.P. di via Togliatti - Torremaggiore 11

13 COME SI DIVENTA INQUILINI DELL IACP? Successivamente al provvedimento di assegnazione acquisito dal Comune, l Istituto invia specifica convocazione all interessato con l indicazione della documentazione anagrafica e reddituale dell intero nucleo da esibire al fine della determinazione del canone soggettivo di locazione. Per la stipula del contratto occorre: un documento di riconoscimento in corso di validità; il codice fiscale. E necessario, inoltre, provvedere al pagamento delle seguenti spese: il deposito cauzionale pari a 2 (due) mensilità del canone di locazione; il canone di locazione del mese corrente; il 50% dell imposta annuale di registro del 2% calcolata sull ammontare annuo del canone di locazione; bolli e diritti di segreteria per la redazione del contratto di locazione. A tal fine vengono inviati all assegnatario tutti i bollettini necessari ai predetti versamenti. Il contratto di locazione viene sottoscritto in duplice copia, una per l assegnatario, e viene trasmesso telematicamente agli uffici competenti del Ministero delle Finanze per la registrazione. All atto della stipula viene consegnato il Regolamento generale di disciplina del rapporto di locazione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica. Successivamente viene effettuata la consegna dell alloggio da parte di un tecnico dell Istituto, che provvede a redigere apposito verbale. L assegnatario che, previa diffida dello I.A.C.P., non sottoscriva il contratto di locazione e non prenda in consegna l alloggio ovvero non lo occupi stabilmente entro 30 giorni (60 per gli emigranti) dalla consegna delle chiavi, è dichiarato decaduto dall Amministrazione Comunale competente, che lo esclude altresì dalla graduatoria. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. contabilità inquilinato 12

14 COME AVVIENE IL PAGAMENTO DEL CANONE DI LOCAZIONE? Il pagamento del canone di locazione è uno specifico obbligo dell assegnatario che deve provvedervi nel rispetto dei tempi e delle modalità definiti dal contratto. L Istituto invia bimestralmente un bollettino di pagamento prestampato che l inquilino è tenuto a pagare presso qualsiasi ufficio postale entro la prima decade del mese di riferimento, il pagamento effettuato oltre i termini comporta l applicazione di interessi moratori pari al tasso ufficiale di sconto. In caso di mancata ricezione del bollettino necessario per il pagamento, è possibile richiederlo direttamente presso gli uffici dell Istituto. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. autogestione canone sociale Edificio I.A.C.P. di via Perosi - Foggia 13

15 COSA COMPORTA IL MANCATO PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE? La legge regionale n. 54 del 1984 all art. 17 prevede che la morosità superiore ai due mesi nel pagamento del canone di locazione è causa di risoluzione del contratto con conseguente dichiarazione di decadenza dall assegnazione. La morosità può tuttavia essere sanata, per non più di una volta nel corso dell anno, qualora il pagamento della somma dovuta avvenga nel termine perentorio di trenta giorni dalla messa in mora. La morosità può essere sanata anche mediante rateizzazione secondo le modalità stabilite dall amministrazione. Le richieste di rateizzazione e riconoscimento di debito, devono essere sottoscritte in presenza di un funzionario dell Istituto previo versamento di un acconto. Il pagamento rateale comporta la corresponsione degli interessi pari al tasso ufficiale di sconto. Dopo l accoglimento della richiesta da parte dell ente, l inquilino assume l obbligo del pagamento delle rate. Il mancato pagamento di una sola rata determina la risoluzione dell accordo. In tal caso, l istituto agisce ai sensi di legge con aggravio di spese ed oneri vari. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. contabilità inquilinato Edificio I.A.C.P. Borgo Croci - Foggia 14

16 SONO PREVISTI AIUTI PER GLI INQUILINI IN DIFFICOLTÀ? Ai sensi dell art. 36 della legge regionale n.54 del 1984 l Istituto Autonomo Case Popolari istituisce un Fondo Sociale da utilizzarsi per la corresponsione di contributi a favore di assegnatari che non siano in grado di sostenere l onere per il pagamento del canone di locazione e per il rimborso dei servizi prestati dall Ente, nonché per i cambi di alloggio. La Commissione per la gestione del fondo sociale, operante presso la sede dello I.A.C.P., valuta le istanze pervenute verificando la sussistenza dei requisiti richiesti dalla legge e ammette al contributo, con apposito provvedimento amministrativo, i soggetti aventi titolo. Presso gli sportelli dell Istituto, i Comuni territorialmente competenti e le organizzazioni sindacali a tutela degli inquilini sono in distribuzione i modelli da compilare per l accesso al Fondo Sociale. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. autogestione canone sociale Edificio I.A.C.P. di via Bernini - Manfredonia 15

17 COME VIENE AGGIORNATA LA SITUAZIONE REDDITUALE DEL NUCLEO FAMILIARE? L Istituto biennalmente provvede ad aggiornare la situazione reddituale degli assegnatari, che ricevono, presso il proprio domicilio, la modulistica corredata dalle istruzioni per una corretta dichiarazione. L Istituto attraverso l Ufficio relazioni con il pubblico e le Organizzazioni Sindacali dell utenza fornisce le indicazioni utili per la corretta compilazione della scheda che va presentata, nel termine stabilito, direttamente all IACP o per il tramite dei sindacati dell utenza. Il canone di locazione ha effetto dal 1 gennaio dell anno successivo a quello per il quale è stata accertata la situazione reddituale. In caso di mancata presentazione della documentazione reddituale richiesta o di palese inattendibilità della stessa, agli assegnatari sarà applicato il canone concordato depositato presso il comune di ubicazione dell immobile. Per gli assegnatari che dovessero presentare la documentazione dopo il termine di scadenza, l eventuale cambiamento di fascia avverrà dal mese immediatamente successivo alla consegna stessa. L assegnatario ha in ogni caso diritto di essere collocato in una fascia di reddito inferiore qualora abbia subito nell anno precedente una diminuzione di reddito. La collocazione è disposta dall ente gestore, su apposita istanza dell interessato, con decorrenza dal mese successivo alla data dell istanza. L Istituto si attiverà nei controlli e nelle verifiche di quanto dichiarato ed in caso di dichiarazioni mendaci sarà avviato il procedimento legale previsto dalla vigente normativa. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. autogestione canone sociale Edificio I.A.C.P. di via IV Novembre - Candela 16

18 COSA ACCADE QUANDO VARIA IL NUCLEO FAMILIARE? L ampliamento stabile del nucleo familiare è consentito, qualora non comporti la perdita di uno qualsiasi dei requisiti previsti per la permanenza, previa verifica dell ente gestore, oltre che nei confronti di persone legate all assegnatario da vincolo di coniugio o di convivenza more uxorio, di parentela ed affinità, anche a persone estranee a condizione che siano riscontrabili le finalità di costituzione di una stabile e duratura convivenza caratterizzata da mutua solidarietà ed assistenza economica ed affettiva. Il soggetto che viene inserito stabilmente nel nucleo familiare dell assegnatario acquisisce il diritto al subentro con relativa applicazione della normativa di gestione. Su richiesta dell Ente, l assegnatario deve autocertificare la posizione reddituale complessiva dei soggetti per i quali avanza richiesta di ampliamento. E SE SI HA LA NECESSITÀ DI OSPITARE TEMPORANEAMENTE TERZE PERSONE? L alloggio di E.R.P. deve essere stabilmente occupato dall assegnatario e dai componenti del suo nucleo familiare così come risulta dalla certificazione anagrafica. E vietata, pertanto, qualsiasi forma di coabitazione con altri nuclei familiari. L ospitalità temporanea di terze persone è ammessa, previa autorizzazione dello I.A.C.P., per un periodo non superiore ad un anno a condizione che la richiesta scaturisca da obiettive esigenze di assistenza o da altro giustificato motivo. L istanza dell assegnatario deve contenere le motivazioni che determinano l ospitalità temporanea al fine di consentire all ente gestore la valutazione per la successiva autorizzazione. L ospitalità temporanea non ingenera nessun diritto al subentro e non comporta nessuna variazione di carattere gestionale. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. autogestione canone sociale 17

19 È POSSIBILE SUBENTRARE NEL CONTRATTO DI LOCAZIONE? In caso di decesso dell assegnatario, il coniuge superstite e, in mancanza di quest ultimo, i restanti componenti del nucleo familiare aventi diritto nell ordine stabilito dalla legge possono subentrare nell assegnazione e nel contratto di locazione. In caso di separazione fra i coniugi, l Ente gestore (IACP) provvede al subentro uniformandosi alla decisione del giudice. Gli aventi diritto al subentro nell ordine sono i seguenti: coniuge, figli legittimi e naturali conviventi; convivente more-uxorio con almeno due anni di convivenza; ascendenti, discendenti, collaterali fino al 3 grado e gli affini fino al 2 grado con almeno 2 anni di convivenza. Il subentro va richiesto compilando il modulo fornito dall ente, Se sussistono i requisiti verrà volturato il contratto di locazione e, dal mese successivo alla richiesta, verrà ricalcolato il canone di locazione. In caso di morosità pregressa, se ne richiede l estinzione eventualmente anche ratealmente. Se non sussistono i requisiti occorre restituire l alloggio entro 30 (trenta) giorni dalla relativa comunicazione, in mancanza gli occupanti senza titolo saranno perseguiti ai sensi di legge ed il recupero dell alloggio avverrà per le vie legali. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. autogestione canone sociale Edificio I.A.C.P. di via Machiavelli - Foggia 18

20 COSA FARE SE CI SI ALLONTANA TEMPORANEAMENTE DALL ALLOGGIO? L assegnatario che, per ragioni straordinarie e gravi, debba assentarsi temporaneamente, insieme a tutto il nucleo familiare, deve chiederne l autorizzazione all Ente Gestore (IACP). La richiesta deve essere documentata. Se si tratta di allontanamento per cure mediche occorre allegare idonea documentazione medica, comprovante i problemi di salute. L assegnatario può trasferirsi temporaneamente, con tutto il nucleo familiare, dall alloggio dandone comunicazione scritta all istituto che può autorizzare o meno la richiesta. In caso contrario, l abbandono dell alloggio determina la perdita dei requisiti inerenti la permanenza duratura e stabile con conseguente decadenza dall assegnazione. L assegnatario deve presentare all Ente Gestore (IACP) la richiesta di autorizzazione, indicando le motivazioni per cui si trasferisce ed allegare idonea documentazione. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. autogestione canone sociale. Edificio I.A.C.P. di via L. da Vinci - Lucera 19

21 COME SONO GESTITI I CONDOMINI IACP? L Istituto promuove ed attiva l autogestione da parte degli assegnatari degli alloggi, dei servizi accessori e degli spazi comuni. Alle autogestioni costituite l Ente fornisce l assistenza tecnica, amministrativa e legale necessaria per il loro funzionamento. Gli assegnatari che nei confronti dell autogestione si rendono morosi nel pagamento delle quote relative ai servizi accessori, sono considerati a tutti gli effetti inadempienti agli obblighi derivanti dal contratto di locazione. L Ente versa all autogestione le quote insolute e procede nei confronti degli assegnatari morosi per il recupero delle somme versate. Per la costituzione ed il funzionamento dell autogestione, l Istituto fornisce un regolamento tipo. Nel caso in cui gli assegnatari degli stabili non costituiscono l autogestione, l Ente promuove gli atti preliminari per la costituzione del condominio e da quel momento cessa l obbligo da parte degli assegnatari di corrispondere all Ente gestore le spese generali di amministrazione. Nelle assemblee condominiali gli assegnatari hanno diritto al voto per le delibere relative alle spese e alla gestione di servizi a rimborso. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. autogestione canone sociale Edificio I.A.C.P. di via Parini - Foggia 20

22 NEL RAPPORTO LOCATIVO È POSSIBILE IL CAMBIO DI ALLOGGIO? Al fine di evitare situazioni di sovraffollamento degli alloggi e disagi abitativi di carattere sociale, il Comune d intesa con l Ente gestore, e sentite le organizzazioni sindacali degli inquilini, predispone programmi di mobilità dell utenza da effettuarsi sia mediante il cambio di alloggi già assegnati, sia riservando un aliquota non superiore al 10% da assegnare. Per il cambio degli alloggi, gli assegnatari che si trovino in condizioni particolari devono avanzare richiesta motivata al Comune; la Commissione valuterà le richieste e, in ordine di priorità, stilerà la graduatoria. Il cambio è comunicato agli interessati i quali nei trenta giorni successivi possono presentare opposizione alla commissione che decide entro i successivi trenta giorni. Per ciascuno assegnatario è ammesso un solo cambio nell arco di cinque anni salvo l insorgenza di situazioni gravi ed imprevedibili. Oltre alla mobilità programmata è previsto lo scambio consensuale tra assegnatari previa autorizzazione dell ente gestore che verifica l assenza di condizioni che ostino al mantenimento dell alloggio. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. contabilità inquilinato Edificio I.A.C.P. di via Borsellino - San Paolo di Civitate 21

23 È POSSIBILE ACQUISTARE UN ALLOGGIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA? La legge n. 560 del 1993 ha previsto per l assegnatario la possibilità dì acquisto dell alloggio condotto a locazione purché inserito nel piano di cessione autorizzato dalla Regione Puglia. Può comprare l alloggio, inserito nel piano di vendita, sia l assegnatario che un familiare con lui convivente da almeno cinque anni. Nel caso di acquisto da parte del familiare convivente è fatto salvo il diritto di abitazione in favore dell assegnatario. Ai fini dell acquisto è necessario che vi sia: - assenza di morosità nel pagamento dei canoni di locazione e di eventuali servizi; - possesso dei requisiti previsti per conservare la qualifica di assegnatario; - assenza di procedimenti amministrativi o giudiziari con riferimento agli obblighi inerenti la qualifica di assegnatario. II valore base necessario per calcolare il prezzo di vendita è quello catastale. Su tale valore si applica una decurtazione dell 1% riferita ad ogni anno di occupazione dell alloggio sino ad un massimo di venti anni ed una maggiorazione per lavori di manutenzione straordinaria eventualmente effettuati. Le alienazioni possono essere effettuate con le seguenti modalità: - pagamento in unica soluzione con una riduzione pari al 10% del prezzo di cessione; - pagamento immediato di una quota pari al 30% del prezzo di cessione con dilazione della parte restante in non più di 15 anni con applicazione del tasso di interesse legale, previa iscrizione ipotecaria a garanzia dell ente del prezzo dilazionato. Gli alloggi acquistati non possono essere alienati né essere modificati nella destinazione d uso per un periodo di 10 anni dalla data di registrazione del contratto d acquisto. In caso di vendita lo IACP ha diritto di prelazione che il cessionario può estinguere con il pagamento di una somma pari al 10% del valore calcolato sulla base degli estimi catastali. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. cessione alloggi e patrimonio 22

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI ALLOGGIO

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI ALLOGGIO CONTRATTO DI LOCAZIONE DI ALLOGGIO Programma ERP area in via Fosse, con realizzazione di n 10 alloggi, per l eliminazione di baracche, containers e prefabbricati leggeri di cui alla delibera di G.R. n

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI SALERNO ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI SALERNO BANDO DI CONCORSO PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA IL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER SUBENTRO, OSPITALITA TEMPORANEA, COABITAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO PER SUBENTRO, OSPITALITA TEMPORANEA, COABITAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER SUBENTRO, OSPITALITA TEMPORANEA, COABITAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

C O M U N E D I C A M P O B A S S O AREA N. 6 Settore Servizi Sociali

C O M U N E D I C A M P O B A S S O AREA N. 6 Settore Servizi Sociali C O M U N E D I C A M P O B A S S O AREA N. 6 Settore Servizi Sociali Bando di concorso speciale per la formazione della graduatoria per l assegnazione in locazione semplice di n. 0 alloggi di Edilizia

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ART.1 Poste Italiane S.p.A., con sede in Roma, Viale Europa 190, codice fiscale n.97103880585, (di seguito denominata) Poste o locatore in persona del dirigente

Dettagli

COMUNE DI ALEZIO (Le)

COMUNE DI ALEZIO (Le) COMUNE DI ALEZIO (Le) Via S. Pancrazio - Tel. 0833/ 281020 - Fax 0833/ 282340 BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE SEMPLICE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA CHE SI RENDERANNO DISPONIBILI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SOSTEGNO DEI CITTADINI IN EMERGENZA ABITATIVA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SOSTEGNO DEI CITTADINI IN EMERGENZA ABITATIVA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SOSTEGNO DEI CITTADINI IN EMERGENZA ABITATIVA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 4/42585/13 del 24 giugno 2013 ART. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente regolamento

Dettagli

Gestione del contratto di locazione immobili

Gestione del contratto di locazione immobili DATA EMISSIONE 04/10/2006 1^ REVISIONE 18/04/2007 2^ REVISIONE 09/06/2008 3^ REVISIONE APPROVAZIONE Responsabile Servizio Rapporti Utenza AUTORIZZAZIONE Direttore Generale Visto Responsabile Operativo

Dettagli

PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA E L OSPITALITÀ TEMPORANEA

PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA E L OSPITALITÀ TEMPORANEA COMUNE DI DOLO PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA E L OSPITALITÀ TEMPORANEA Approvato con delibera C.C. n. 77 del 22.11.2012 Modificato con

Dettagli

INDICE ART. 1 OGGETTO E FINALITA DELL INIZIATIVA ART. 2 MODALITA E CRITERI PER IL REPERIMENTO DEGLI ALLOGGI

INDICE ART. 1 OGGETTO E FINALITA DELL INIZIATIVA ART. 2 MODALITA E CRITERI PER IL REPERIMENTO DEGLI ALLOGGI REGOLAMENTO DELLE LOCAZIONI STIPULATE DAL COMUNE CON I PRIVATI PER LA SUBLOCAZIONE TEMPORANEA A FAVORE DI CITTADINI IN STATO DI EMERGENZA ABITATIVA, DI BISOGNO O DI EMARGINAZIONE SOCIALE INDICE ART. 1

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI AFFITTO PER L ANNO 2015. LEGGE 431/98 ART. 11.

BANDO DI CONCORSO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI AFFITTO PER L ANNO 2015. LEGGE 431/98 ART. 11. C O M U N E D I S E N I G A L L I A BANDO DI CONCORSO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI AFFITTO PER L ANNO 2015. LEGGE 431/98 ART. 11. I L D I R I G E N T E Visti: - l art. 11 della Legge n. 431 del 9 dicembre

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFIORITO

COMUNE DI CAMPOFIORITO COMUNE DI CAMPOFIORITO PROVINCIA DI PALERMO ****************** BANDO GENERALE DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI POPOLARI COSTRUITI NEL COMUNE DI CAMPOFIORITO In esecuzione della deliberazione di

Dettagli

COMUNE DI MONTE ARGENTARIO Provincia di Grosseto Piazzale dei Rioni, 8 58019 Porto S. Stefano Tel. 0564-811908 Fax 0564-810650 C.F.

COMUNE DI MONTE ARGENTARIO Provincia di Grosseto Piazzale dei Rioni, 8 58019 Porto S. Stefano Tel. 0564-811908 Fax 0564-810650 C.F. COMUNE DI MONTE ARGENTARIO Provincia di Grosseto Piazzale dei Rioni, 8 58019 Porto S. Stefano Tel. 0564-811908 Fax 0564-810650 C.F. 00124360538 Bando per l assegnazione di contributi ad integrazione dei

Dettagli

COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI BRINDISI E DELLO I.A.C.P. ADIBITI A CASE PARCHEGGIO

COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI BRINDISI E DELLO I.A.C.P. ADIBITI A CASE PARCHEGGIO COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI BRINDISI E DELLO I.A.C.P. ADIBITI A CASE PARCHEGGIO ART. 1 Per l'assegnazione degli alloggi di proprietà

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO Prot. N. 34464 COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO BANDO DI CONCORSO SPECIALE PER L ASSEGNAZIONE DI N. 17 ALLOGGI IN AFFITTO PER GLI ANZIANI DEGLI ANNI 2000 REALIZZATI NEL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO BORGO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI PER EMERGENZA ABITATIVA (deliberazione C.C. n.41 del 12.7.2011) ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI PER EMERGENZA ABITATIVA (deliberazione C.C. n.41 del 12.7.2011) ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI PER EMERGENZA ABITATIVA (deliberazione C.C. n.41 del 12.7.2011) ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina le modalità di concessione

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA. 25 - Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla persona

COMUNE DI PERUGIA. 25 - Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla persona COMUNE DI PERUGIA 25 - Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla persona REGOLAMENTO COMUNALE ATTUATIVO DELLA LEGGE REGIONALE 28/11/2003 N. 23 PROCEDURE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA

Dettagli

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni:

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni: CONVENZIONE TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PONZANO VENETO E GLI ISTITUTI DI CREDITO RIGUARDANTE LE MODALITA RELATIVE ALLA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER L ACQUISTO, LA COSTRUZIONE

Dettagli

PER CONTO DEL COMUNE DI ROLO AVVISO PUBBLICO

PER CONTO DEL COMUNE DI ROLO AVVISO PUBBLICO PER CONTO DEL COMUNE DI ROLO AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA E DEGLI ALLOGGI AD ESSI ASSIMILATI AI SENSI DELLA L.R.N.24/2001

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO E.R.P. (Legge Regionale 8 agosto 2001, n.24)

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO E.R.P. (Legge Regionale 8 agosto 2001, n.24) C.S.C.S. 85/2001 TRIS AGG. 04/11/2002 Codice ISTAT: 35040 RISERVATO ALL UFFICIO Prot n... Data.. Nucleo familiare n COMUNE DI SCANDIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Marca da bollo 14,62 DOMANDA DI ASSEGNAZIONE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 56 DEL 28-11-1986 REGIONE VALLE D'AOSTA. Norme per la concessione di finanziamenti agevolati a favore delle cooperative edilizie.

LEGGE REGIONALE N. 56 DEL 28-11-1986 REGIONE VALLE D'AOSTA. Norme per la concessione di finanziamenti agevolati a favore delle cooperative edilizie. Legge 1986056 Pagina 1 di 12 LEGGE REGIONALE N. 56 DEL 28-11-1986 REGIONE VALLE D'AOSTA Norme per la concessione di finanziamenti agevolati a favore delle cooperative edilizie. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

C O M U N E D I T A R Q U I N I A Provincia di Viterbo ---------------

C O M U N E D I T A R Q U I N I A Provincia di Viterbo --------------- C O M U N E D I T A R Q U I N I A Provincia di Viterbo --------------- REGOLAMENTO IN MATERIA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DESTINATI ALL ASSISTENZA ABITATIVA CAPO I ASSEGNAZIONE

Dettagli

AVVISO per l assegnazione di appartamenti e posti auto in locazione a termine (8 anni) con proprietà differita.

AVVISO per l assegnazione di appartamenti e posti auto in locazione a termine (8 anni) con proprietà differita. AVVISO per l assegnazione di appartamenti e posti auto in locazione a termine (8 anni) con proprietà differita. PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DAL 12.11.2013 AL 19.12.2013 1. Indizione bando In esecuzione

Dettagli

COMUNE DI GAGGIO MONTANO (Provincia di Bologna) Piazza Arnaldo Brasa, n. 1 40041 GAGGIO MONTANO

COMUNE DI GAGGIO MONTANO (Provincia di Bologna) Piazza Arnaldo Brasa, n. 1 40041 GAGGIO MONTANO COMUNE DI GAGGIO MONTANO (Provincia di Bologna) Piazza Arnaldo Brasa, n. 1 40041 GAGGIO MONTANO BANDO DI CONCORSO GENERALE PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE SEMPLICE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA E DEGLI ALLOGGI AD ESSI ASSIMILATI AI SENSI DELLA L.R.N.24/2001

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 23-12-1996 REGIONE UMBRIA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 23-12-1996 REGIONE UMBRIA Legge 1996033 Pagina 1 di 23 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 23-12-1996 REGIONE UMBRIA Disciplina per l' assegnazione, la gestine e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

REGOLAMENTO MISURE PER L EMERGENZA ABITATIVA. Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE

REGOLAMENTO MISURE PER L EMERGENZA ABITATIVA. Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE REGOLAMENTO MISURE PER L EMERGENZA ABITATIVA Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento intende: - riordinare in modo organico i criteri per individuare i soggetti aventi titolo a fruire dei

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Settore Politiche della Casa

COMUNE DI SASSARI. Settore Politiche della Casa COMUNE DI SASSARI Settore Politiche della Casa BANDO DI CONCORSO per l assegnazione del contributo comunale integrativo per il pagamento dei canoni di locazione a favore di cittadini con particolare disagio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN USO TEMPORANEO DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE Di PISTOIA Approvato con Deliberazione CC n 120 del 19/7/2011

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN USO TEMPORANEO DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE Di PISTOIA Approvato con Deliberazione CC n 120 del 19/7/2011 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN USO TEMPORANEO DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE Di PISTOIA Approvato con Deliberazione CC n 120 del 19/7/2011 ARTICOLO 1 OGGETTO E FINALITA 1. Il presente Regolamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI GRADARA. Provincia di Pesaro e Urbino. Atto Pubblico Amministrativo SCHEMA CONTRATTO

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI GRADARA. Provincia di Pesaro e Urbino. Atto Pubblico Amministrativo SCHEMA CONTRATTO REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI GRADARA Provincia di Pesaro e Urbino Atto Pubblico Amministrativo SCHEMA CONTRATTO CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DI PROPRIETA COMUNALE SITO IN VIA ROMA, N. 2 DESTINATO

Dettagli

DOMANDA ASSEGNAZIONE ALLOGGIO E.R.P. BANDO 2014 (scadenza 29 dicembre 2014) COMUNE O STATO ESTERO DI NASCITA PROV. DATA DI NASCITA CHIEDE

DOMANDA ASSEGNAZIONE ALLOGGIO E.R.P. BANDO 2014 (scadenza 29 dicembre 2014) COMUNE O STATO ESTERO DI NASCITA PROV. DATA DI NASCITA CHIEDE COMUNE DI CORBETTA Provincia di Milano SETTORE SERVIZI SOCIALI Via Roma, 17 C.F. / P.I. 03122360153 Tel. 029772339 029771448 Fax 0297485110 e.mail mailto:settore.servsoc@comune.corbetta.mi.it Spazio per

Dettagli

Carta dei Servizi... Guida ai Servizi

Carta dei Servizi... Guida ai Servizi Carta dei Servizi... Guida ai Servizi CARTA DEI SERVIZI Indice L AZIENDA... LA QUALITA DEL SERVIZIO... LA CARTA DEI SERVIZI... STANDARD GENERALI... GLI STRUMENTI... L UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO...

Dettagli

2. REQUISITI DI ACCESSO Possono partecipare al bando per formazione della graduatoria i soggetti in possesso dei seguenti requisiti:

2. REQUISITI DI ACCESSO Possono partecipare al bando per formazione della graduatoria i soggetti in possesso dei seguenti requisiti: DIREZIONE TERRITORIO E AMBIENTE DIVISIONE POLITICHE DELLA CASA AGENZIA PER LA CASA BANDO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA GENERALE DI SOGGETTI DA PROPORSI PER LA STIPULA DI CONTRATTI DI LOCAZIONE A

Dettagli

Al Settore Servizi alla Persona del Comune di Baricella

Al Settore Servizi alla Persona del Comune di Baricella Al Settore Servizi alla Persona del Comune di Baricella Protocollo Generale Data DOMANDA DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA APERTA PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE CALMIERATO /CONCORDATO. Delibera

Dettagli

REGIONE TOSCANA UNIONE DI COMUNI FIESOLE - VAGLIA

REGIONE TOSCANA UNIONE DI COMUNI FIESOLE - VAGLIA marca da bollo 14,62 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO DI CONCORSO PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, ANNO 2012-11-26 ai sensi della L.R.T. 96/96. Determinazione

Dettagli

Comune di Castel San Pietro Terme

Comune di Castel San Pietro Terme Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER ASSEGNAZIONE E USO DI GARAGE E POSTI AUTO DI PROPRIETÀ COMUNALE (approvato con Delibera C.C. n. 27 del 23/02/2007) ART. 1 FINALITÀ

Dettagli

AZIENDA REGIONALE TERRITORIALE PER L EDILIZIA

AZIENDA REGIONALE TERRITORIALE PER L EDILIZIA AZIENDA REGIONALE TERRITORIALE PER L EDILIZIA DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE IN PROPRIETA DI N. 11 ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE NEL COMUNE DI BONASSOLA loc.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI AGEVOLATI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI AGEVOLATI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI AGEVOLATI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 25 del 29/03/2003) In vigore

Dettagli

Comune di Bardi - Prov. di Parma P.zza Vittoria 1-43032 Bardi

Comune di Bardi - Prov. di Parma P.zza Vittoria 1-43032 Bardi Comune di Bardi - Prov. di Parma P.zza Vittoria 1-43032 Bardi Codice fiscale/part.iva: 00486500341 -e-mail: bardi@comune.bardi.pr.it Tel. 0525-71321 Fax 0525-71044 DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGIO DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI E.R.P. ANNO 2014.

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI E.R.P. ANNO 2014. ALLEGATO C COMUNE DI MONTEGROTTO TERME Servizio PATRIMONIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI E.R.P. ANNO 2014. COSA SONO GLI ALLOGGI ERP: Gli alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

CRITERI ATTUATIVI CAPO I GIOVANI COPPIE E NUBENDI

CRITERI ATTUATIVI CAPO I GIOVANI COPPIE E NUBENDI Allegato parte integrante Allegato A CRITERI ATTUATIVI dell articolo 54 della legge provinciale n. 1 del 22 aprile 2014 concernente disposizioni attuative in materia di edilizia abitativa agevolata per

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI

COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 09/05/2011 Capo I Disposizioni

Dettagli

Il Responsabile del servizio

Il Responsabile del servizio BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE - ANNO 2015 L. 431/98, art.11 Disciplina delle locazioni e del rilascio degli immobili adibiti ad uso abitativo Il presente

Dettagli

Bando per l assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione Anno 2015

Bando per l assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione Anno 2015 C O M U N E D I A R E Z Z O Bando per l assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione Anno 2015 Fondo Nazionale per l accesso alle abitazioni in locazione costituito ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Settore Politiche della Casa REGOLAMENTO

COMUNE DI SASSARI. Settore Politiche della Casa REGOLAMENTO COMUNE DI SASSARI Settore Politiche della Casa REGOLAMENTO SULLA GESTIONE DELLA PERDITA E DELLA MANCANZA DI REQUISITI PER LA CONDUZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (E.R.P.) DI PROPRIETA

Dettagli

Regione Veneto DOMANDA DI ALLOGGIO

Regione Veneto DOMANDA DI ALLOGGIO marca da bollo 6,00 Provincia di Venezia Regione Veneto DOMANDA DI ALLOGGIO parte riservata PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA -

Dettagli

L.R. 26 Giugno 1987, n. 33 Disciplina per l' assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica.

L.R. 26 Giugno 1987, n. 33 Disciplina per l' assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. L.R. 26 Giugno 1987, n. 33 Disciplina per l' assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. (Pubblicata nel B.U. 20 luglio 1987, n. 20, S.O. n.

Dettagli

C O M U N E D I S A L U D E C I O

C O M U N E D I S A L U D E C I O Commento: C O M U N E D I S A L U D E C I O PROVINCIA DI RIMINI Regolamento Comunale per la disciplina d accesso all Edilizia Residenziale Pubblica e permanenza negli alloggi (Approvato con delibera C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI MINI ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI MINI ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI CITTÀ DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI MINI ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI Articolo 1: Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE AL CONCORSO

REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE AL CONCORSO Allegato A PER CONTO DEL COMUNE DI FABBRICO AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA GENERALE APERTA PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA E DEGLI ALLOGGI AD ESSI ASSIMILATI

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3)

LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3) LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3) I1/ La sig./soc. (1). di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2). in persona di.) concede

Dettagli

ART. 1 FINALITÀ ART. 2 SOGGETTI BENEFICIARI ART. 3 SETTORI DI INTERVENTO

ART. 1 FINALITÀ ART. 2 SOGGETTI BENEFICIARI ART. 3 SETTORI DI INTERVENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI ALLE AZIENDE AGRICOLE PER L ACQUISTO DI ATTREZZATURE, FINALIZZATE ALLA QUALIFICAZIONE E ALLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI. Del. C.P. 72/04) ART.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO per l assegnazione di contributi per la prevenzione dell esecutività degli sfratti per morosità incolpevole - ANNO 2015 -

AVVISO PUBBLICO per l assegnazione di contributi per la prevenzione dell esecutività degli sfratti per morosità incolpevole - ANNO 2015 - AVVISO PUBBLICO per l assegnazione di contributi per la prevenzione dell esecutività degli sfratti per morosità incolpevole - ANNO 2015 - Il Dirigente del Settore Qualità della Vita Visti : - la delibera

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Comprensivo R. FUSARI Via A. De Gasperi, 30 26823 Castiglione d Adda (LO) - Tel. 0377900482-0377401884 Fax 0377901508 www.iccastiglione.gov.it

Dettagli

UFFICIO CASA. DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO DI CONCORSO INTEGRATIVO ERP ANNO 2013 (da presentarsi improrogabilmente entro il 19/12/2013)

UFFICIO CASA. DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO DI CONCORSO INTEGRATIVO ERP ANNO 2013 (da presentarsi improrogabilmente entro il 19/12/2013) Domanda n del UFFICIO CASA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO DI CONCORSO INTEGRATIVO ERP ANNO 2013 (da presentarsi improrogabilmente entro il 19/12/2013) ALL UFFICIO CASA DEL COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO

Dettagli

C I T T A D I TORREMAGGIORE PROVINCIA DI FOGGIA IL DIRIGENTE SETTORE IV RENDE NOTO

C I T T A D I TORREMAGGIORE PROVINCIA DI FOGGIA IL DIRIGENTE SETTORE IV RENDE NOTO C I T T A D I TORREMAGGIORE PROVINCIA DI FOGGIA BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE SEMPLICE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (ERP) COMPRESI QUELLI CHE SI RENDERANNO DISPONIBILI

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 A) LOCATORE CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 COGNOME E NOME, nato a Luogo (CO) in data data e residente in Luogo(CO), Indirizzo e n. civico, C.F. Se società:

Dettagli

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti Regolamento per l autogestione degli alloggi E.R.P. e dei relativi servizi accessori e degli impianti e degli spazi comuni condominiali in edifici

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN USO TEMPORANEO DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI SIENA

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN USO TEMPORANEO DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI SIENA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN USO TEMPORANEO DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI SIENA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 195 del 19.06.2014 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN USO

Dettagli

COMUNE DI RONCADE (Provincia di Treviso) NUOVO REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE AREE DESTINATE AD EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE (P.E.E.P.

COMUNE DI RONCADE (Provincia di Treviso) NUOVO REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE AREE DESTINATE AD EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE (P.E.E.P. COMUNE DI RONCADE (Provincia di Treviso) NUOVO REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE AREE DESTINATE AD EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE (P.E.E.P.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 3 del

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE CALMIERATO

AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE CALMIERATO AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE CALMIERATO Si provvede alla emanazione del presente avviso pubblico per la formazione di una graduatoria

Dettagli

PARTE PRIMA. Art. 2 Ambito di applicazione

PARTE PRIMA. Art. 2 Ambito di applicazione 11976 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 7 aprile 2014, n. 10 Nuova disciplina per l assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

AREA TECNICA E TECNICO MANUTENTIVA - Settore LL.PP. tel / fax: 0761 873844 e-mail: ufficiollpp@comune.marta.vt.it

AREA TECNICA E TECNICO MANUTENTIVA - Settore LL.PP. tel / fax: 0761 873844 e-mail: ufficiollpp@comune.marta.vt.it COMUNE DI MARTA Provincia di Viterbo Piazza Umberto I, 1 01010 Marta Partita IVA: 00215230566 tel: 0761 87381 fax: 0761 873828 www.comune.marta.vt.it pec: comunemartavt@pec.it AREA TECNICA E TECNICO MANUTENTIVA

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO NON ABITATIVO

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO NON ABITATIVO CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO NON ABITATIVO L anno il giorno del mese di presso la sede dell I.A.C.P. di Caserta, alla Via E. Ruggiero N.47, in Caserta, con il presente atto l Istituto Autonomo

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA Legge 1980033 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

Dettagli

Enti Pubblici IPAB ISMA ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO

Enti Pubblici IPAB ISMA ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Enti Pubblici IPAB ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Avviso 10 luglio 2014, n. 1 Bando pubblico per l'assegnazione in locazione di una unità immobiliare non di pregio sita in Roma Via Ennio Bonifazi, 48/B

Dettagli

Comune di Atzara Provincia di Nuoro servizi.sociali@comune.atzara.nu.it Via Vittorio Emanuele 37-08030 0784/65205 - fax 0784/65380 - P.I.

Comune di Atzara Provincia di Nuoro servizi.sociali@comune.atzara.nu.it Via Vittorio Emanuele 37-08030 0784/65205 - fax 0784/65380 - P.I. Comune di Atzara Provincia di Nuoro servizi.sociali@comune.atzara.nu.it Via Vittorio Emanuele 37-08030 0784/65205 - fax 0784/65380 - P.I.00162890917 UFFICIO SERVIZI SOCIALI Prot. 3084 ATZARA, lì 15.06.2015

Dettagli

PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO

PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO Comune di Imola Provincia di Bologna Via Mazzini n. 0026 Imola Tel. 052-602111-Fax 602289. REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO Approvato con delibera C.C. n. 160 del 18.07.2005,

Dettagli

CITTA DI SAVIGLIANO Provincia di Cuneo

CITTA DI SAVIGLIANO Provincia di Cuneo CITTA DI SAVIGLIANO Provincia di Cuneo BANDO DI CONCORSO N. 1, AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 17 FEBBRAIO 2010 E DEI REGOLAMENTI ATTUATIVI PUBBLICATI SUL B.U.R.P. N. 40 DEL 6 OTTOBRE 2011 PER

Dettagli

Contratto di locazione

Contratto di locazione Contratto di locazione Registrazione Imposte di registro Cedolare secca Tutto quello che c è da sapere Ed_1-Rev_0 del 20 marzo 2014 PREMESSA In generale la locazione costituisce il contratto con il quale

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3)

CONTRATTO DI LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3) CONTRATTO DI LOCAZIONE ABITATIVA AGEVOLATA (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 2, comma 3) La sig.ra..nata a.. e residente a in corso. (c.f..), di seguito denominata locatore, concede in locazione

Dettagli

CAPITOLATO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN LOCALE POSTO IN VIA AGRETTI. Articolo 2 Scopo della locazione

CAPITOLATO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN LOCALE POSTO IN VIA AGRETTI. Articolo 2 Scopo della locazione C O M U N E D E L L A S P E Z I A C.d.R. PATRIMONIO CAPITOLATO DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN LOCAZIONE DI UN LOCALE POSTO IN VIA AGRETTI ARTICOLO 1 OGGETTO DELLA LOCAZIONE Oggetto della locazione è il locale

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI E PER LA TUTELA DEI DATI SENSIBILI approvato con deliberazione C.P. n. 88 del 26.10.2001

Dettagli

Regolamento ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE E DISCIPLINA DELLA GESTIONE NEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

Regolamento ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE E DISCIPLINA DELLA GESTIONE NEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Regolamento ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE E DISCIPLINA DELLA GESTIONE NEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Approvato con delibera di C.C. n. 120 del 28-11-2002 Modificato con delibere

Dettagli

Enti Pubblici IPAB ISMA ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO

Enti Pubblici IPAB ISMA ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Enti Pubblici IPAB ISMA ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Avviso 4 novembre 2015, n. 1 Bando pubblico per l'assegnazione in locazione di una proprieta' immobiliare non di pregio di proprieta' degli Isma sita

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACCESSO ALLA PRIMA CASA IN PROPRIETA ANNO 2006

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACCESSO ALLA PRIMA CASA IN PROPRIETA ANNO 2006 ALLEGATO A COMUNE DI LUGO (Provincia di Ravenna) Servizio Assistenza e Politiche Sociali REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACCESSO ALLA PRIMA CASA IN PROPRIETA ANNO 2006 Giugno 2006 COMUNE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI ALSENO PROVINCIA DI PIACENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 8 Agosto 2001 n. 24 e successive modifiche

Dettagli

L intervento pubblico in campo abitativo è regolato in Emilia - Romagna dalla Legge Regionale n. 24 dell 8 agosto 2001 2 e successive modifiche.

L intervento pubblico in campo abitativo è regolato in Emilia - Romagna dalla Legge Regionale n. 24 dell 8 agosto 2001 2 e successive modifiche. GUIDA AI SERVIZI L intervento pubblico in campo abitativo è regolato in Emilia - Romagna dalla Legge Regionale n. 24 dell 8 agosto 2001 2 e successive modifiche. I principali obiettivi della legge sono:

Dettagli

1 Alloggio 200. Sono ospitato da familiari/amici, ho degli obblighi? 201. L obbligo riguarda tutti i cittadini/enti?

1 Alloggio 200. Sono ospitato da familiari/amici, ho degli obblighi? 201. L obbligo riguarda tutti i cittadini/enti? 1 Alloggio Lo straniero per soggiornare in Italia necessita della garanzia di un alloggio. L alloggio può essere ottenuto grazie all ospitalità di qualcuno oppure affittando o acquistando una casa. In

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO Città Medaglia D Oro al V.M. Provincia di Chieti Servizio Politiche della Casa Tel. 0872/707635 fax 0872/43461

COMUNE DI LANCIANO Città Medaglia D Oro al V.M. Provincia di Chieti Servizio Politiche della Casa Tel. 0872/707635 fax 0872/43461 COMUNE DI LANCIANO Città Medaglia D Oro al V.M. Provincia di Chieti Servizio Politiche della Casa Tel. 0872/707635 fax 0872/43461 BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI COMUNALI - ANNO 2011 IL

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI PROPRIETÀ COMUNALE

REGOLAMENTO DI ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI PROPRIETÀ COMUNALE REGOLAMENTO DI ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI PROPRIETÀ COMUNALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 32068/13 del 3 marzo 2013 Modificato con delibera di Consiglio

Dettagli

Il/La sig./soc. (1)..di seguito denominato/ a locatore... ... ...

Il/La sig./soc. (1)..di seguito denominato/ a locatore... ... ... Allegato 8 - all Accordo Territoriale per la Locazione del Comune di Arzignano Allegato C DM 30/12/2002 LOCAZIONE ABITATIVA DI NATURA TRANSITORIA Accordo Territoriale sottoscritto ad Arzignano il 18.05.2006

Dettagli

BENICOMUNI SRL CONCESSIONE COMMERCIALE. - con atto notaio Federico Tassinari n. 51415/2012 il Comune di Imola ha conferito

BENICOMUNI SRL CONCESSIONE COMMERCIALE. - con atto notaio Federico Tassinari n. 51415/2012 il Comune di Imola ha conferito BENICOMUNI SRL Società soggetta all'attività di direzione e coordinamento da parte del Comune di Imola CONCESSIONE COMMERCIALE Atto n. del Premesso che: - con atto notaio Federico Tassinari n. 51415/2012

Dettagli

CITTA DI CASTENASO Provincia di Bologna

CITTA DI CASTENASO Provincia di Bologna CITTA DI CASTENASO Provincia di Bologna Area Servizi alla Persona Servizi Sociali Informativa ai sensi dell art. del D.Lgs. 0 giugno 00, n. 96 Codice in materia di protezione dei dati personali. Il Codice

Dettagli

C O M U N E D I MASSAROSA

C O M U N E D I MASSAROSA Regolamento comunale per interventi (sistemazioni abitative e contributi) a famiglie in condizioni di emergenza abitativa (approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 32 del 10.06.2013) Art. 1 Generalità

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto

COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto SETTORE: Affari Generali COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto DETERMINA ORIGINALE Ufficio Casa Impegno di Spesa NUMERAZIONE DEL SERVIZIO Proposta determina N 21 del 15/09/2015 NUMERO DI REGISTRO GENERALE

Dettagli

UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze

UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE indetto ai sensi dell art. 11 della 9 dicembre 1998, n. 431, che istituisce

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI LECCE 1/36 Direzione Generale e Uffici - Via S. Trinchese n. 61/d Lecce Ufficio Relazioni con il Pubblico 0832 372067 Centralino 0832 446111 Fax

Dettagli

Contratto di locazione di immobile ad uso Cantina / Soffitta / Magazzino 1

Contratto di locazione di immobile ad uso Cantina / Soffitta / Magazzino 1 Contratto di locazione di immobile ad uso Cantina / Soffitta / Magazzino 1 L anno a questo giorno del mese di, in - il Sig./la Sig.ra 2, nato/a a, il, residente in via, C.F./ Partita IVA, in proprio quale

Dettagli

FAC-SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA + PROCURA SPECIALE

FAC-SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA + PROCURA SPECIALE FAC-SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA + PROCURA SPECIALE Il sottoscritto, CF, nato a il residente in, documento d identità n., rilasciato da, il scadenza, in qualità di proprietario usufruttuario titolare

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO E.R.P. Scadenza per la consegna il 30 settembre 2015 ore 13.00

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO E.R.P. Scadenza per la consegna il 30 settembre 2015 ore 13.00 Timbro arrivo Timbro protocollo Marca da bollo Apporre marca da bollo da 16,00 DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO E.R.P. Scadenza per la consegna il 30 settembre 2015 ore 13.00 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

Dettagli

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di edilizia residenziale pubblica finalizzata alla razionalizzazione e valorizzazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica (ERP) Sommario

Dettagli

COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA (PROVINCIA DI BOLOGNA)

COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA (PROVINCIA DI BOLOGNA) COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA (PROVINCIA DI BOLOGNA) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE (INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE) AI SERVIZI ED ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE COMUNALI

Dettagli

AZIENDA AUTONOMA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA

AZIENDA AUTONOMA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA MODELLO D: Fac- simile contratto di locazione (il presente modello può essere soggetto a eventuali modifiche da parte dell Azienda). AZIENDA AUTONOMA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) Timbro arrivo Timbro protocollo Marca da bollo Apporre marca da bollo da 14,62 DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO E.R.P. (Bando di concorso generale 2009) Scadenza per la consegna il 19 dicembre 2009 ore

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l applicazione dell ISEE (Indicatore

Dettagli

I.A.C.P. CATANIA. Carta dei Servizi

I.A.C.P. CATANIA. Carta dei Servizi I.A.C.P. CATANIA Carta dei Servizi 1 IACP CATANIA Istituto Autonomo Case Popolari Ente Strumentale nella Regione Siciliana INDICE Pag.1 Indice Pag.2 Orario Apertura al Pubblico Pag.3 Prefazione Pag.4 Struttura

Dettagli

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 34 del 22/04/2013 REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA Art. 1 AMBITO

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA TRA: il Distretto di dell AZIENDA REGIONALE PER L EDILIZIA ABITATIVA, con. sede in, codice fiscale 03077790905,

SCRITTURA PRIVATA TRA: il Distretto di dell AZIENDA REGIONALE PER L EDILIZIA ABITATIVA, con. sede in, codice fiscale 03077790905, DISTRETTO DI CARBONIA SCRITTURA PRIVATA TRA: il Distretto di dell AZIENDA REGIONALE PER L EDILIZIA ABITATIVA, con sede in, codice fiscale 03077790905, rappresentata dal Direttore del Sig. nato a il, domiciliato

Dettagli