ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA"

Transcript

1

2 La Casa Facile è una porta che l Istituto Autonomo Case Popolari di Foggia apre ai propri utenti per introdurli nelle fi nalità, nelle procedure e nell organizzazione dell Ente. Come si ottiene un alloggio di edilizia popolare? Come si richiede un intervento di manutenzione? A quali uffi ci occorre rivolgersi e in quali orari? Quale documentazione va prodotta? A queste, come ad altre domande, il manualetto prova a fornire risposte semplici, chiare e dirette, offrendo al contempo una nitida fotografi a della struttura amministrativa e tecnica dell Istituto, il quadro essenziale della normativa di riferimento, un appendice completa e dedicata alla modulistica. L utente ha a sua disposizione uno strumento di agevole consultazione che lo rende più vicino all ente e consapevole dei suoi diritti e doveri. La Casa Facile non vuole essere solo una bussola per muoversi correttamente all interno dell ente, ma soprattutto un mezzo di costante dialogo, che consenta di migliorare l organizzazione e i servizi dell Istituto modellandoli sulle esigenze espresse dai suoi fruitori, chiamati a sentirsi parte dell amministrazione, la parte più importante, in un rinnovato rapporto di fi ducia e reciproca collaborazione. Per questo motivo l IACP di Foggia ha inteso rivisitare il proprio sito internet rendendolo fruibile e ricco d informazioni per quanti quotidianamente s interfacciano con l ente. L obiettivo, che si intende perseguire, è porre le basi di un patto tra utenti e Amministrazione con la convinzione che la nostra missione non può prescindere da un azione sinergica con le parti sociali, sindacali e con le istituzioni impegnate a garantire sul territorio il diritto alla casa, il rispetto della legalità e il perseguimento degli obiettivi sociali e di eguaglianza. Il Commissario Straordinario Vice Prefetto Dott. Donato Cafagna 1

3 L istituto Autonomo Case Popolari della Provincia di Foggia nell ambito della propria attività, è impegnato da tempo con determinazione e convinzione nel perseguimento di obiettivi finalizzati all innovazione ed al miglioramento dei servizi offerti alla propria utenza. La consapevolezza del fondamentale ruolo che la pubblica amministrazione riveste nello sviluppo del proprio territorio, e la certezza che un impegno sinergico tra le istituzioni può meglio garantire questo risultato, conduce lo IACP di Foggia ad intensificare i propri sforzi per un miglioramento globale della qualità dei servizi offerti. A tal fine è in corso nel nostro Ente un profondo processo di trasformazione atto ad allineare idealmente la nostra attività con le aspettative dell utenza. L innovazione non può prescindere dalla semplificazione delle attività amministrative, per il perseguimento della quale l IACP si è attivato da tempo nel rispetto di quanto statuito dalla legislazione vigente adattando i propri procedimenti e la modulistica. L elevato livello di informatizzazione raggiunto dall ente è un traguardo importante che nel contempo chiama ad una maggiore convergenza di tutti i nostri sforzi per poter offrire a coloro i quali si interfacciano con lo IACP risposte immediate ed esaustive. A questo proposito stiamo lavorando sul sito web istituzionale che vuole essere più di una vetrina della nostra organizzazione, una mappa puntuale in grado di orientare l utente e di offrire interattivamente risposte alle proprie istanze. Nel contempo ci impegniamo a rafforzare il servizio ricevimento pubblico che già offre una preziosa assistenza quantitativa e qualitativa, garantita tra l altro da personale professionalmente qualificato, pensando ad un ufficio relazioni con il pubblico che possa ancora più efficacemente offrire supporto alla nostra utenza. Tutti i nostri sforzi risulterebbero vani se non ossequiassimo un principio fondamentale della attività amministrativa e soprattutto dell azione di questo ente. Alla trasparenza delle nostre azioni dedichiamo particolare attenzione consentendo con la celerità che la legge ci attribuisce e sempre nel rispetto di essa i diritti di partecipazione e di accesso agli aventi diritto ai sensi della legge 241 del Proseguiamo con passione il nostro lavoro, consapevoli che la forte responsabilità che ci accompagna è mantenere sempre vivo il rapporto di fiducia che ci lega ai nostri utenti. Il Coordinatore Generale Ing. Antonio Raffaele di Stefano 2

4 COME RAGGIUNGERCI? L Istituto Autonomo Case Popolari è a Foggia in via Romolo Caggese, n. 2 nei pressi della Facoltà di Economia dell Università degli Studi e di fianco ai giardini della Villa Comunale. 3

5 COME CONTATTARE GLI UFFICI DELL ENTE? Chiamando al numero telefonico oppure scrivendo tramite: fax al numero o Per comunicare con il Commissario : il Coordinatore: il Dirigente Tecnico: il Dirigente Amministrativo Casella di posta certificata: QUALI SONO GLI ORARI DI RICEVIMENTO PUBBLICO? Gli uffici dell Ente ricevono il pubblico: Lunedì 8,30-11,30 Martedì 16,00-17,30 Mercoledì 8,30-11,30 Giovedì 16,00-17,30 È sempre a disposizione degli utenti il sito internet istituzionale ricco di informazioni e della modulistica necessaria. 4

6 QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO? Il quadro normativo di riferimento per le attività di competenza dell IACP è costituito da una serie di provvedimenti legislativi che si sono susseguiti nel tempo in considerazione anche dell evoluzione che ha caratterizzato l esistenza degli Istituti Autonomi Case popolari e la successiva delega dello Stato alle Regioni in materia di edilizia residenziale pubblica. La legge della Regione Puglia n. 54 del 20 dicembre 1984 costituisce l essenziale riferimento per ciò che riguarda l assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Si riportano i provvedimenti legislativi statali e regionali più significativi: Legge 30 dicembre 1960 n Norme per la costruzione di abitazioni per i lavoratori agricoli. Legge 14 febbraio 1963 n. 60 e successivo regolamento di attuazione Liquidazione del patrimonio edilizio della gestione INA CASA. Legge 22 ottobre 1971, n. 865 Programmi e coordinamento per l edilizia residenziale pubblica. D.P.R. 30 dicembre 1972 n Norme per l assegnazione e la revoca nonché per la determinazione e revisione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. D.P.R. 30 dicembre 1972, n Norme per la riorganizzazione delle amministrazioni e degli enti pubblici operanti nel settore della edilizia residenziale pubblica. Legge 8 agosto 1977 n. 513 Provvedimenti urgenti per l accelerazione dei programmi in corso, finanziamento di un programma straordinario e canone minimo dell edilizia residenziale pubblica. Legge 27 luglio 1978 n. 392 Disciplina delle locazioni di immobili urbani. Legge 5 agosto 1978 n. 457 Norme per l edilizia residenziale. Legge Regione Puglia 20 dicembre 1984 n. 54 Norme per l assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Legge 17 febbraio 1992, n. 179 Norme per l edilizia residenziale pubblica. Legge 24 dicembre 1993 n. 560 Norme in materia di alienazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Legge Regione Puglia n. 3 del 23 gennaio 1996 Adeguamento canoni di locazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica. Legge Regione Puglia n. 15 del 13 luglio 1998 Disciplina canoni di locazione alloggi di edilizia residenziale pubblica. 5

7 Legge 431 del 9 dicembre 1998 art. 2 comma 3 Disciplina delle locazioni e del rilascio degli immobili adibiti ad uso abitativo. Legge Regione Puglia n. 1 del 12 gennaio 2005 art. 60 Regolarizzazione rapporto locativo alloggi di ERP. Legge Regione Puglia n. 22 del 19 luglio 2006 CAPO III artt. 10 e 11 Disposizioni in materia di edilizia residenziale pubblica. Legge Regione Puglia n. 40 del 31 dicembre 2007 artt. 20 e 21 Disposizioni in materia di edilizia residenziale pubblica. Legge Regione Puglia n. 5 del 16 marzo 2009 Norme urgenti in materia di regolarizzazione del rapporto locativo e proroga delle commissioni per la formazione delle graduatorie e per la mobilità degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Palazzo delle Statue già I.A.C.P. - Foggia 6

8 QUALI SONO I DIRITTI DELL ASSEGNATARIO? Nel rispetto del regolamento generale approvato dalla Regione Puglia e delle disposizioni in materia di edilizia residenziale pubblica l assegnatario nell uso dell alloggio ha il diritto di: occupare l alloggio avuto in consegna e sottoscrivere il contratto di locazione con lo I.A.C.P. Abitare nell alloggio assegnato, con la garanzia che tale diritto sia esteso anche ai propri familiari conviventi, nel caso di decesso o di separazione da parte dell assegnatario. Pagare un canone proporzionato al reddito complessivo percepito dal nucleo familiare. Ottenere una modifica del canone attribuito, qualora muti il reddito percepito dal nucleo familiare. Ospitare nell abitazione assegnata, previa autorizzazione dell Ente, persone estranee al nucleo familiare, per un periodo non superiore ad un anno per obiettive esigenze di assistenza. Autogestire i servizi e gli spazi comuni assegnati all immobile. Gli inquilini, che occupano alloggi dove è stato costituito il condominio, hanno diritto di voto nelle decisioni che riguardano le spese e la gestione dei servizi. Usufruire degli interventi di manutenzione straordinaria, con esclusione di quelli di ordinaria manutenzione che restano a carico degli assegnatari. Richiedere e ricevere le informazioni relative al contratto, all importo dei canoni, e su tutte le altre attività che riguardano l assegnazione e la gestione degli alloggi di E.R.P. Accedere alla documentazione che lo riguarda direttamente e che è in possesso dell Istituto. L accesso agli atti dell assegnatario può avvenire anche da parte delle organizzazioni sindacali opportunamente delegate. Ricevere dai dipendenti dell ente disponibilità e cortesia. E I DOVERI? Osservare scrupolosamente tutte le norme contenute nel contratto di locazione stipulato con l Istituto e nel regolamento generale approvato dalla Regione Puglia nonché quelle riportate nel regolamento di autogestione del condominio. Rispettare le regole di convivenza civile e di buon vicinato con gli altri assegnatari. 7

9 Corrispondere regolarmente il canone di locazione. Presentare periodicamente la documentazione relativa al reddito complessivo del nucleo familiare per consentire l aggiornamento del canone di locazione. Abitare, stabilmente, l alloggio ottenuto in assegnazione in particolare: occuparlo entro il trentesimo giorno dell atto della stipula contrattuale; rappresentare con adeguata istanza al Comune e/o all Istituto, a seconda dei casi, le motivazioni dell eventuale rifiuto ad occupare l unità abitativa incorrendo in mancanza nella decadenza dall assegnazione; non cedere e non subaffittare l alloggio assegnato a terzi; non adibire l abitazione e/o le sue pertinenze ad usi diversi da quelli stabiliti. Mantenere l alloggio assegnato con la massima diligenza. L Istituto, all atto della stipula contrattuale, acquisisce una somma, pari a due mensilità del canone a titolo di deposito cauzionale, che sarà trattenuta dall Ente nel caso in cui l alloggio venisse riconsegnato in uno stato diverso da quello originario. Eseguire i lavori di manutenzione ordinaria necessari per il mantenimento dell efficienza dell alloggio. Acquisire, preventivamente, le autorizzazioni necessarie per eseguire lavori diversi dalla manutenzione che comportino modifiche strutturali o variazioni dello stato originario dell alloggio. Qualsiasi miglioria non dà diritto comunque ad alcuna indennità. Rispettare il regolamento condominiale, di autogestione ed il regolamento generale per la disciplina degli alloggi di ERP approvato dall Ente. Versare regolarmente all amministratore o al responsabile dell Autogestione le spese condominiali richieste. Edificio I.A.C.P. di via Frassati - Foggia 8

10 COME SI OTTIENE UN ALLOGGIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA? Ai sensi della legge della Regione Puglia n. 54 del 1984 all assegnazione degli alloggi si provvede mediante pubblico concorso indetto dal Comune in cui gli stessi sono ubicati. Il bando di concorso, finalizzato alla formazione delle graduatorie generali e permanenti, viene pubblicato per almeno 15 giorni consecutivi, mediante affissione di manifesti, nell albo pretorio dei comuni interessati nonché nella sede dell Istituto Autonomo Case Popolari. La diffusione del bando è data inoltre dalle organizzazioni sindacali e dalle associazioni di categoria. Il bando di concorso viene, inoltre, inviato al Ministero Affari Esteri affinché venga curata l affissione presso le sedi consolari. L art. 2 della legge regionale n. 54 del 1984 stabilisce quali sono i requisiti per l assegnazione. Ogni aspirante assegnatario, in possesso dei requisiti richiesti dalla legge, può partecipare ad una sola assegnazione nell ambito regionale presentando, entro i termini fissati dal bando di concorso, la domanda redatta su apposito modulo fornito dal Comune. La stessa amministrazione comunale provvede all istruttoria delle pratiche ed alla formazione delle graduatorie provvisorie che vengono approvate definitivamente dalla Commissione Provinciale di assegnazione nominata dalla Giunta Regionale. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. contabilità inquilinato Edificio I.A.C.P. di via Bellucci - Foggia 9

11 COME AVVIENE L ASSEGNAZIONE DELL ALLOGGIO? L assegnazione degli alloggi agli aventi diritto, in base all ordine della graduatoria definitiva approvata dalla Commissione Provinciale di assegnazione, è effettuata dal Sindaco del Comune territorialmente competente che vi provvede con apposito decreto. Il Sindaco comunica l assegnazione agli aventi diritto fissando il giorno e il luogo per la scelta dell alloggio. La scelta degli alloggi è compiuta dagli assegnatari in base all ordine di precedenza stabilito dalla graduatoria. L Istituto Autonomo Case Popolari non svolge alcuna funzione in ordine alla gestione delle graduatorie e all emanazione del provvedimento di assegnazione L ente partecipa alle operazioni di scelta degli alloggi da parte degli assegnatari nella giornata e nell ora concordata con il Comune interessato. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. contabilità inquilinato Edificio I.A.C.P. di via Lussemburgo - Foggia 10

12 COME SI DETERMINA IL CANONE DI LOCAZIONE? Il canone di locazione, determinato in base ai parametri oggettivi e modulato in relazione al reddito secondo percentuali previste dalla legge, decorre dal mese successivo alla consegna dell alloggio. La legge regionale n. 54 del 1984, definisce i criteri per la determinazione del canone oggettivo che viene determinato moltiplicando il costo base unitario di produzione per la superficie convenzionale ed è aggiornato sulla base dell indice ISTAT e dei vari coefficienti moltiplicativi simili a quelli previsti dalla legge dell equo canone (vetustà, stato di conservazione, livello, ubicazione, ecc ). Stabilito il canone oggettivo, si applica, in funzione dello stesso, il canone soggettivo, in relazione alla situazione reddituale complessiva del nucleo familiare. Il limite reddituale previsto dalla legge quale requisito per l assegnazione è pari a ,00. Il canone di locazione massimo, applicato agli inquilini con reddito superiore ai limiti di decadenza, non deve essere superiore al canone concordato, depositato nel Comune interessato, in base agli Accordi previsti dall art. 2, comma 3 legge n. 431 del 1998, ed in caso di mancato deposito nel Comune interessato, al canone concordato più basso presso un Comune confinante o a quello più vicino con canone concordato depositato. Il canone di locazione minimo dal 1 settembre 2006 è stato stabilito in 25,00. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. autogestione canone sociale Edificio I.A.C.P. di via Togliatti - Torremaggiore 11

13 COME SI DIVENTA INQUILINI DELL IACP? Successivamente al provvedimento di assegnazione acquisito dal Comune, l Istituto invia specifica convocazione all interessato con l indicazione della documentazione anagrafica e reddituale dell intero nucleo da esibire al fine della determinazione del canone soggettivo di locazione. Per la stipula del contratto occorre: un documento di riconoscimento in corso di validità; il codice fiscale. E necessario, inoltre, provvedere al pagamento delle seguenti spese: il deposito cauzionale pari a 2 (due) mensilità del canone di locazione; il canone di locazione del mese corrente; il 50% dell imposta annuale di registro del 2% calcolata sull ammontare annuo del canone di locazione; bolli e diritti di segreteria per la redazione del contratto di locazione. A tal fine vengono inviati all assegnatario tutti i bollettini necessari ai predetti versamenti. Il contratto di locazione viene sottoscritto in duplice copia, una per l assegnatario, e viene trasmesso telematicamente agli uffici competenti del Ministero delle Finanze per la registrazione. All atto della stipula viene consegnato il Regolamento generale di disciplina del rapporto di locazione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica. Successivamente viene effettuata la consegna dell alloggio da parte di un tecnico dell Istituto, che provvede a redigere apposito verbale. L assegnatario che, previa diffida dello I.A.C.P., non sottoscriva il contratto di locazione e non prenda in consegna l alloggio ovvero non lo occupi stabilmente entro 30 giorni (60 per gli emigranti) dalla consegna delle chiavi, è dichiarato decaduto dall Amministrazione Comunale competente, che lo esclude altresì dalla graduatoria. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. contabilità inquilinato 12

14 COME AVVIENE IL PAGAMENTO DEL CANONE DI LOCAZIONE? Il pagamento del canone di locazione è uno specifico obbligo dell assegnatario che deve provvedervi nel rispetto dei tempi e delle modalità definiti dal contratto. L Istituto invia bimestralmente un bollettino di pagamento prestampato che l inquilino è tenuto a pagare presso qualsiasi ufficio postale entro la prima decade del mese di riferimento, il pagamento effettuato oltre i termini comporta l applicazione di interessi moratori pari al tasso ufficiale di sconto. In caso di mancata ricezione del bollettino necessario per il pagamento, è possibile richiederlo direttamente presso gli uffici dell Istituto. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. autogestione canone sociale Edificio I.A.C.P. di via Perosi - Foggia 13

15 COSA COMPORTA IL MANCATO PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE? La legge regionale n. 54 del 1984 all art. 17 prevede che la morosità superiore ai due mesi nel pagamento del canone di locazione è causa di risoluzione del contratto con conseguente dichiarazione di decadenza dall assegnazione. La morosità può tuttavia essere sanata, per non più di una volta nel corso dell anno, qualora il pagamento della somma dovuta avvenga nel termine perentorio di trenta giorni dalla messa in mora. La morosità può essere sanata anche mediante rateizzazione secondo le modalità stabilite dall amministrazione. Le richieste di rateizzazione e riconoscimento di debito, devono essere sottoscritte in presenza di un funzionario dell Istituto previo versamento di un acconto. Il pagamento rateale comporta la corresponsione degli interessi pari al tasso ufficiale di sconto. Dopo l accoglimento della richiesta da parte dell ente, l inquilino assume l obbligo del pagamento delle rate. Il mancato pagamento di una sola rata determina la risoluzione dell accordo. In tal caso, l istituto agisce ai sensi di legge con aggravio di spese ed oneri vari. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. contabilità inquilinato Edificio I.A.C.P. Borgo Croci - Foggia 14

16 SONO PREVISTI AIUTI PER GLI INQUILINI IN DIFFICOLTÀ? Ai sensi dell art. 36 della legge regionale n.54 del 1984 l Istituto Autonomo Case Popolari istituisce un Fondo Sociale da utilizzarsi per la corresponsione di contributi a favore di assegnatari che non siano in grado di sostenere l onere per il pagamento del canone di locazione e per il rimborso dei servizi prestati dall Ente, nonché per i cambi di alloggio. La Commissione per la gestione del fondo sociale, operante presso la sede dello I.A.C.P., valuta le istanze pervenute verificando la sussistenza dei requisiti richiesti dalla legge e ammette al contributo, con apposito provvedimento amministrativo, i soggetti aventi titolo. Presso gli sportelli dell Istituto, i Comuni territorialmente competenti e le organizzazioni sindacali a tutela degli inquilini sono in distribuzione i modelli da compilare per l accesso al Fondo Sociale. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. autogestione canone sociale Edificio I.A.C.P. di via Bernini - Manfredonia 15

17 COME VIENE AGGIORNATA LA SITUAZIONE REDDITUALE DEL NUCLEO FAMILIARE? L Istituto biennalmente provvede ad aggiornare la situazione reddituale degli assegnatari, che ricevono, presso il proprio domicilio, la modulistica corredata dalle istruzioni per una corretta dichiarazione. L Istituto attraverso l Ufficio relazioni con il pubblico e le Organizzazioni Sindacali dell utenza fornisce le indicazioni utili per la corretta compilazione della scheda che va presentata, nel termine stabilito, direttamente all IACP o per il tramite dei sindacati dell utenza. Il canone di locazione ha effetto dal 1 gennaio dell anno successivo a quello per il quale è stata accertata la situazione reddituale. In caso di mancata presentazione della documentazione reddituale richiesta o di palese inattendibilità della stessa, agli assegnatari sarà applicato il canone concordato depositato presso il comune di ubicazione dell immobile. Per gli assegnatari che dovessero presentare la documentazione dopo il termine di scadenza, l eventuale cambiamento di fascia avverrà dal mese immediatamente successivo alla consegna stessa. L assegnatario ha in ogni caso diritto di essere collocato in una fascia di reddito inferiore qualora abbia subito nell anno precedente una diminuzione di reddito. La collocazione è disposta dall ente gestore, su apposita istanza dell interessato, con decorrenza dal mese successivo alla data dell istanza. L Istituto si attiverà nei controlli e nelle verifiche di quanto dichiarato ed in caso di dichiarazioni mendaci sarà avviato il procedimento legale previsto dalla vigente normativa. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. autogestione canone sociale Edificio I.A.C.P. di via IV Novembre - Candela 16

18 COSA ACCADE QUANDO VARIA IL NUCLEO FAMILIARE? L ampliamento stabile del nucleo familiare è consentito, qualora non comporti la perdita di uno qualsiasi dei requisiti previsti per la permanenza, previa verifica dell ente gestore, oltre che nei confronti di persone legate all assegnatario da vincolo di coniugio o di convivenza more uxorio, di parentela ed affinità, anche a persone estranee a condizione che siano riscontrabili le finalità di costituzione di una stabile e duratura convivenza caratterizzata da mutua solidarietà ed assistenza economica ed affettiva. Il soggetto che viene inserito stabilmente nel nucleo familiare dell assegnatario acquisisce il diritto al subentro con relativa applicazione della normativa di gestione. Su richiesta dell Ente, l assegnatario deve autocertificare la posizione reddituale complessiva dei soggetti per i quali avanza richiesta di ampliamento. E SE SI HA LA NECESSITÀ DI OSPITARE TEMPORANEAMENTE TERZE PERSONE? L alloggio di E.R.P. deve essere stabilmente occupato dall assegnatario e dai componenti del suo nucleo familiare così come risulta dalla certificazione anagrafica. E vietata, pertanto, qualsiasi forma di coabitazione con altri nuclei familiari. L ospitalità temporanea di terze persone è ammessa, previa autorizzazione dello I.A.C.P., per un periodo non superiore ad un anno a condizione che la richiesta scaturisca da obiettive esigenze di assistenza o da altro giustificato motivo. L istanza dell assegnatario deve contenere le motivazioni che determinano l ospitalità temporanea al fine di consentire all ente gestore la valutazione per la successiva autorizzazione. L ospitalità temporanea non ingenera nessun diritto al subentro e non comporta nessuna variazione di carattere gestionale. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. autogestione canone sociale 17

19 È POSSIBILE SUBENTRARE NEL CONTRATTO DI LOCAZIONE? In caso di decesso dell assegnatario, il coniuge superstite e, in mancanza di quest ultimo, i restanti componenti del nucleo familiare aventi diritto nell ordine stabilito dalla legge possono subentrare nell assegnazione e nel contratto di locazione. In caso di separazione fra i coniugi, l Ente gestore (IACP) provvede al subentro uniformandosi alla decisione del giudice. Gli aventi diritto al subentro nell ordine sono i seguenti: coniuge, figli legittimi e naturali conviventi; convivente more-uxorio con almeno due anni di convivenza; ascendenti, discendenti, collaterali fino al 3 grado e gli affini fino al 2 grado con almeno 2 anni di convivenza. Il subentro va richiesto compilando il modulo fornito dall ente, Se sussistono i requisiti verrà volturato il contratto di locazione e, dal mese successivo alla richiesta, verrà ricalcolato il canone di locazione. In caso di morosità pregressa, se ne richiede l estinzione eventualmente anche ratealmente. Se non sussistono i requisiti occorre restituire l alloggio entro 30 (trenta) giorni dalla relativa comunicazione, in mancanza gli occupanti senza titolo saranno perseguiti ai sensi di legge ed il recupero dell alloggio avverrà per le vie legali. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. autogestione canone sociale Edificio I.A.C.P. di via Machiavelli - Foggia 18

20 COSA FARE SE CI SI ALLONTANA TEMPORANEAMENTE DALL ALLOGGIO? L assegnatario che, per ragioni straordinarie e gravi, debba assentarsi temporaneamente, insieme a tutto il nucleo familiare, deve chiederne l autorizzazione all Ente Gestore (IACP). La richiesta deve essere documentata. Se si tratta di allontanamento per cure mediche occorre allegare idonea documentazione medica, comprovante i problemi di salute. L assegnatario può trasferirsi temporaneamente, con tutto il nucleo familiare, dall alloggio dandone comunicazione scritta all istituto che può autorizzare o meno la richiesta. In caso contrario, l abbandono dell alloggio determina la perdita dei requisiti inerenti la permanenza duratura e stabile con conseguente decadenza dall assegnazione. L assegnatario deve presentare all Ente Gestore (IACP) la richiesta di autorizzazione, indicando le motivazioni per cui si trasferisce ed allegare idonea documentazione. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. autogestione canone sociale. Edificio I.A.C.P. di via L. da Vinci - Lucera 19

21 COME SONO GESTITI I CONDOMINI IACP? L Istituto promuove ed attiva l autogestione da parte degli assegnatari degli alloggi, dei servizi accessori e degli spazi comuni. Alle autogestioni costituite l Ente fornisce l assistenza tecnica, amministrativa e legale necessaria per il loro funzionamento. Gli assegnatari che nei confronti dell autogestione si rendono morosi nel pagamento delle quote relative ai servizi accessori, sono considerati a tutti gli effetti inadempienti agli obblighi derivanti dal contratto di locazione. L Ente versa all autogestione le quote insolute e procede nei confronti degli assegnatari morosi per il recupero delle somme versate. Per la costituzione ed il funzionamento dell autogestione, l Istituto fornisce un regolamento tipo. Nel caso in cui gli assegnatari degli stabili non costituiscono l autogestione, l Ente promuove gli atti preliminari per la costituzione del condominio e da quel momento cessa l obbligo da parte degli assegnatari di corrispondere all Ente gestore le spese generali di amministrazione. Nelle assemblee condominiali gli assegnatari hanno diritto al voto per le delibere relative alle spese e alla gestione di servizi a rimborso. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. autogestione canone sociale Edificio I.A.C.P. di via Parini - Foggia 20

22 NEL RAPPORTO LOCATIVO È POSSIBILE IL CAMBIO DI ALLOGGIO? Al fine di evitare situazioni di sovraffollamento degli alloggi e disagi abitativi di carattere sociale, il Comune d intesa con l Ente gestore, e sentite le organizzazioni sindacali degli inquilini, predispone programmi di mobilità dell utenza da effettuarsi sia mediante il cambio di alloggi già assegnati, sia riservando un aliquota non superiore al 10% da assegnare. Per il cambio degli alloggi, gli assegnatari che si trovino in condizioni particolari devono avanzare richiesta motivata al Comune; la Commissione valuterà le richieste e, in ordine di priorità, stilerà la graduatoria. Il cambio è comunicato agli interessati i quali nei trenta giorni successivi possono presentare opposizione alla commissione che decide entro i successivi trenta giorni. Per ciascuno assegnatario è ammesso un solo cambio nell arco di cinque anni salvo l insorgenza di situazioni gravi ed imprevedibili. Oltre alla mobilità programmata è previsto lo scambio consensuale tra assegnatari previa autorizzazione dell ente gestore che verifica l assenza di condizioni che ostino al mantenimento dell alloggio. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. contabilità inquilinato Edificio I.A.C.P. di via Borsellino - San Paolo di Civitate 21

23 È POSSIBILE ACQUISTARE UN ALLOGGIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA? La legge n. 560 del 1993 ha previsto per l assegnatario la possibilità dì acquisto dell alloggio condotto a locazione purché inserito nel piano di cessione autorizzato dalla Regione Puglia. Può comprare l alloggio, inserito nel piano di vendita, sia l assegnatario che un familiare con lui convivente da almeno cinque anni. Nel caso di acquisto da parte del familiare convivente è fatto salvo il diritto di abitazione in favore dell assegnatario. Ai fini dell acquisto è necessario che vi sia: - assenza di morosità nel pagamento dei canoni di locazione e di eventuali servizi; - possesso dei requisiti previsti per conservare la qualifica di assegnatario; - assenza di procedimenti amministrativi o giudiziari con riferimento agli obblighi inerenti la qualifica di assegnatario. II valore base necessario per calcolare il prezzo di vendita è quello catastale. Su tale valore si applica una decurtazione dell 1% riferita ad ogni anno di occupazione dell alloggio sino ad un massimo di venti anni ed una maggiorazione per lavori di manutenzione straordinaria eventualmente effettuati. Le alienazioni possono essere effettuate con le seguenti modalità: - pagamento in unica soluzione con una riduzione pari al 10% del prezzo di cessione; - pagamento immediato di una quota pari al 30% del prezzo di cessione con dilazione della parte restante in non più di 15 anni con applicazione del tasso di interesse legale, previa iscrizione ipotecaria a garanzia dell ente del prezzo dilazionato. Gli alloggi acquistati non possono essere alienati né essere modificati nella destinazione d uso per un periodo di 10 anni dalla data di registrazione del contratto d acquisto. In caso di vendita lo IACP ha diritto di prelazione che il cessionario può estinguere con il pagamento di una somma pari al 10% del valore calcolato sulla base degli estimi catastali. Ufficio competente: settore amministrativo/u.o. cessione alloggi e patrimonio 22

PARTE PRIMA. Art. 2 Ambito di applicazione

PARTE PRIMA. Art. 2 Ambito di applicazione 11976 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 7 aprile 2014, n. 10 Nuova disciplina per l assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

DD I/3 2804 del 06/02/10

DD I/3 2804 del 06/02/10 AREA RECLUTAMENTO E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Dirigente Ascenzo FARENTI Coordinatore Dott. Luca BUSICO Unità Amministrazione personale tecnico amministrativo Responsabile Dott. Massimiliano GALLI DD

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi

Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi Comune di Lendinara Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 96 DEL 29.11.2007 ESECUTIVA A TERMINI DI LEGGE. Dopo l esecutività

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (E.R.P.)

REGOLAMENTO D USO DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (E.R.P.) COMUNE DI RAVENNA AREA POLITICHE DI SOSTEGNO, GIOVANI E SPORT Servizio Politiche di Sostegno e Rapporti con Consorzio e Azienda USL Ufficio Casa Emergenza Abitativa REGOLAMENTO D USO DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO Approvato con verbale n. 108 Consiglio Comunale del 20 ottobre 2010 Capo I DISPOSIZIONI GENERALI sul DIRITTO di

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA CAPO I OGGETTO DEL DIRITTO D ACCESSO 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI 1. Al fine di favorire

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 T.U. delle disposizioni legislative regolamentari in materia di spese di

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui al D.D. n. 7 del 01/04/2015 Al Direttore del Dipartimento di LETTERE dell Università degli Studi di Perugia Piazza Morlacchi, 11-06123 PERUGIA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI APPROVATA CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 221/1 DEL 21/06/2011

CARTA DEI SERVIZI APPROVATA CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 221/1 DEL 21/06/2011 CARTA DEI SERVIZI APPROVATA CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 221/1 DEL 21/06/2011 2 CARTA DEI SERVIZI Presentazione Cari inquilini conosciamo bene l importanza della casa, un bene primario

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 27.9.2010 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI - ARTICOLO 1 FINALITA ED AMBITO

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli