DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE"

Transcript

1 COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Via Francesco Guicciardini n Montopoli in Val d'arno (PI) - (telef.: 0571/ ) DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE - COPIA - N. 99 del 29/11/2012 OGGETTO: RISCATTO DELLA PIENA PROPRIETA DI AREE PEEP GIA CONCESSE IN DIRITTO DI SUPERFICIE E MODIFICA DEI VINCOLI DELLE AREE PEEP CEDUTE IN PROPRIETA AI SENSI DELL ART. 35 DELLA LEGGE N. 865/1971. INTEGRAZIONE E MODIFICA DELLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 11 DEL 19/03/2012. L anno DUEMILADODICI e questo di VENTINOVE del mese di NOVEMBRE, alle ore 21.30, in Montopoli in Val d Arno, nella sala delle adunanze posta nella Sede Municipale, si è riunito il CONSIGLIO COMUNALE in seduta ordinaria ed in prima convocazione, in conseguenza di determinazioni prese dalla Giunta previa la trasmissione degli inviti scritti, come da referto agli atti ai termini del Regolamento del Consiglio Comunale. Assiste il sottoscritto DOTT. PAOLO DI CARLO Segretario Comunale incaricato della redazione del verbale. Il Sig. VIVALDI ALESSANDRA nella veste di Sindaco assume la presidenza e constatato il numero legale degli intervenuti dichiara aperta la seduta ed invita il consiglio a deliberare sull oggetto sopraindicato, compreso nell ordine del giorno della presente adunanza. Risultano rispettivamente presenti e assenti i Signori: Consiglieri Pres. Ass. Consiglieri Pres. Ass. VIVALDI ALESSANDRA X BELLOFATTO DARIO X PIERACCI SILVIA X VANNI MARIA X MARZINI ROBERTO X CAPECCHI GIOVANNI X BARTOLI FABIO X NOVINO GIUSEPPE X GATTARI LAURA X FIORENTINI SAMUELE X REMORINI MARINA X MATTEOLI SARA X MATTEOLI LUCA X TESI MASSIMO X DI GIANNI GIOELE X LUCCHESI SIMONE X GRONCHI STEFANO X Assessori Esterni Lorenzo Giovanni Pres. : X - Ass.: Falorni Simone - Pres : - Ass :X IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE 1

2 Oggetto: Riscatto della piena proprietà di aree PEEP già concesse in Diritto di Superficie e modifica dei vincoli delle aree PEEP cedute in proprietà ai sensi dell art.lo 35 della Legge n. 865/1971. Integrazione e modifica della Delibera di Consiglio Com.le n. 11 del 19/03/ I L C O N S I G L I O C O M U N A L E - Visto quanto precedentemente disposto nella Delibera di Consiglio n. 11 del 19/03/2012, avente per oggetto Riscatto della piena proprietà di aree PEEP già concesse in Diritto di Superficie e modifica dei vincoli delle aree PEEP cedute in proprietà ai sensi dell art.lo 35 della Legge n. 865/1971 con la quale si davano indirizzi per il calcolo somme da pagare al Comune per il riscatto degli alloggi di ERP; - Considerato che: a. - la trasformazione del diritto di superficie in diritto di piena proprietà può avvenire da parte dei singoli proprietari degli alloggi e loro pertinenze, per la quota millesimale corrispondente, dietro pagamento di un corrispettivo determinato ai sensi art. 31, comma 48, della Legge n. 448/1996; b. - precedentemente alla dichiarazione di incostituzionalità dell art. 5-bis, commi 1 e 2, del Decreto Lgs. n. 333/1992, convertito in Legge n. 359/1992, intervenuta con sentenza della Corte Costituzionale n.348 del 24/10/2007, il corrispettivo dovuto per la cessione in proprietà di aree PEEP, già detenute in base ad un diritto di superficie, si calcolava, in virtù di rinvio disposto dall art. 31, comma 48 della Legge n. 448/1998, ricorrendo all abbattimento percentuale del valore stabilito dal soprarichiamato art. 5-bis (semisomma valore venale) per la determinazione della indennità di espropriazione delle aree destinate alla realizzazione di opere o interventi dichiarati di pubblica utilità; c. - la Corte Costituzionale con sentenza n. 348/2007, ha dichiarato costituzionalmente illegittimo il criterio in base al quale si determinava il valore del bene assoggettato a una procedura espropriativa; d. - la vigente normativa di legge, come meglio enunciato all art.lo 2, comma 89, lettera a), della Legge 24/12/2007 n. 244, dispone che l indennità di espropriazione di un area edificabile è determinata nella misura pari al valore venale del bene; - Rilevato che: a. - in conseguenza di quanto sopra il corrispettivo per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà deve essere determinato dai Comuni, su parere del proprio ufficio tecnico, in misura pari al 60% del valore attuale dell area al netto degli oneri di concessione del diritto di superficie rivalutati sulla base delle variazioni accertate dall ISTAT; b. - al fine di determinare il prezzo di trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà più attinente possibile alla realtà del mercato immobiliare, la stima del valore venale dell area, è opportuno che venga effettuata con il criterio estimativo del valore di ricostruzione, assegnando al valore dell area l incidenza percentuale del 20% sul valore complessivo dell immobile edilizio finito, quest ultimo ricavabile dalla media delle quotazioni fornite semestralmente dall Osservatorio del Mercato Immobiliare (OMI) per tipologia e zona interessata, come meglio appresso indicato: dove: C 1 = V m x K x 0, 6 0 O c C1 = Corrispettivo di trasformazione da diritto di superficie in diritto di proprietà; Vm = Valore venale attuale dell immobile compresa l area su cui è stato edificato calcolato sulla base dei Valori O.M.I. (Superficie lorda x Valore/mq 2 );; 2

3 K = Percentuale stabilita nella misura del 20%; Oc = oneri di concessione del diritto di superficie rivalutati sulla base della variazione ISTAT dell indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati verificatasi tra il mese in cui sono stati versati e quello di stipula del nuovo atto di cessione dell area; c. - per la Rimozione dei Vincoli Convenzionali dovuti ai sensi del sopracitato art.lo 31 comma 49 bis della Legge 23/12/1998, n. 448, attualmente gravanti sugli alloggi, dovrà essere versato un corrispettivo, proporzionale alla corrispondente quota millesimale, in misura che si ritiene congrua pari al 40% del valore venale dell area, conteggiato con la metodologia già utilizzata per la determinazione del corrispettivo previsto dal comma 48 dell'art.lo 31 della Legge 23/12/1998, n. 448; detto corrispettivo dovrà essere ridotto in relazione alla durata residua del vincolo nel modo seguente: dove: C2 = [(Vm. x K x 0,40) x Nar] / Nav C2 = Corrispettivo per la eliminazione dei vincoli convenzionali relativi alle modalità di alienazione e locazione degli immobili PEEP; Vm. = Valore venale attuale dell immobile compresa l area su cui è stato edificato calcolato sulla base dei Valori O.M.I. (Superficie lorda x Valore/mq 2 ); K = percentuale stabilita nella misura del 20%; 0,40 = è la quota parte del valore stabilito; Nar = sono il numero di anni residui alla scadenza del vincolo; Nav = sono il numero di anni totali del vincolo (generalmente 30 ove non diversamente specificato); d. - la rimozione del vincolo sull alloggio, relativo alla determinazione del prezzo massimo di vendita, deve inoltre necessariamente passare, trattandosi di edilizia convenzionata, attraverso l ulteriore versamento, da parte del richiedente, di un importo pari al Contributo sul Costo di Costruzione, di cui agli artt. 119 e 121 della Legge Reg.le Toscana 03/01/2005 n. 1 e successive modifiche ed integrazioni; il suddetto contributo andrà calcolato in base alle tariffe in vigore alla data in cui viene presentata la richiesta scritta di rimozione del vincolo, avanzata dal proprietario interessato; e. - Qualora l immobile sia privo di tabella millesimale relativa all incidenza dell unità immobiliare e delle sue pertinenze, si procederà alla sua determinazione in maniera direttamente proporzionale alla rendita catastale dell unità immobiliare interessata rispetto alla rendita catastale complessiva del fabbricato di cui fa parte; - Considerato che in base allo studio del Consiglio Nazionale Notarile n /C (L edilizia residenziale pubblica problematiche notarili) approvato il 28/03/2008, l atto di trasformazione ha natura di concessione-contratto, in quanto si configura da un lato come provvedimento amministrativo volto a consentire il trasferimento ai titolari delle singole unità immobiliari del diritto reale di nuda proprietà e dall altro come negozio giuridico traslativo della medesima nuda proprietà. Ciò tuttavia attiene unicamente alla qualificazione della fattispecie ed all individuazione del procedimento amministrativo da seguire ma, di per sé, nulla dice in merito ai contenuti negoziali che dovranno esservi trasfusi. Il contenuto minimo ma sufficiente della convenzione modificativa è quindi quello del trasferimento millesimale, accompagnato dall espressione della volontà di far conseguire all assegnatario, ai sensi dell art. 31 Legge n. 448/1998, la piena proprietà. - Ravvisato come queste conclusioni siano confermate da diversi studi specifici sulla materia, che esclude la necessità che alla trasformazione in piena proprietà debba accompagnarsi l adozione di una nuova convenzione Bucalossi con la conclusione che il Comune potrebbe effettuare una nuova convenzione di trasformazione escludendo del tutto le clausole limitative della commercializzazione 3

4 dei beni sopra previste ; - Visti gli artt. 7 e 8 dell ex Legge del 28/01/1977, n. 10 (legge Bucalossi); - Vista la Legge 07/08/1990, n. 241; - Vista la Legge 17/02/1992, n. 179 (legge Botta-Ferrarini); - Visto l art. 31, commi da 45 a 50, della Legge 23/12/1998, n. 448; - Vista la Legge 24/12/2007 n. 244; - Visti gli artt. 17 e 18 del D.P.R. 06/06/2001, n Visto l art.lo 5, comma 3-bis, del Decreto Legge 13/05/2011 n.70, convertito in Legge 12/07/2011 n Visto l art.lo 29, comma 16 undecies del Decreto Legge 29/12/2011 n. 216, comma aggiunto dalla Legge di conversione 24/02/2012 n. 14; - Rilevata la propria competenza, ai sensi dell art. 42 del Decreto Lgs. 18/08/2000, n. 267 e successive modifiche ed integrazioni - Visto il parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica del presente atto reso dal Responsabile dei Servizi Tecnici, ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 49 del Decreto Lgs 18/08/2000 n. 267 e suc-cessive modifiche ed integrazioni, che si allega al presente atto per farne parte integrante e sostanziale; - Visto il parere favorevole in ordine alla regolarità contabile del presente atto reso dal Responsabile Settore Economico Finanziario, ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 49 del Decreto Lgs 18/08/2000 n. 267 e successive modifiche ed integrazioni, in considerazione del fatto che l'esecuzione del presente atto deliberativo produrrà effetti diretti sulla situazione economico finanziaria e sul patrimonio dell'ente, parere che si allega al presente atto per farne parte integrante e sostanziale; Udito l intervento illustrativo del Sindaco; Esaurita la discussione ritenuto di dover recepire tutte le argomentazioni di cui alla premessa, il Sindaco pone in votazione il presente punto all ordine del giorno; Con votazione resa nei modi e forme di Legge che ha fornito il seguente risultato, come accertato dagli Scrutatori e dal Segretario Comunale e proclamato dal Sindaco: - Presenti : n Astenuti : n. 2 (Novino, Vanni) - Favorevoli : n Contrari : n. 2 (Tesi, Lucchesi) D E L I B E R A La premessa narrativa forma parte integrante e sostanziale del presente atto e si intende qui richiamata a motivazione di quanto segue; 4

5 1) - Ad integrazione e modifica di quanto a suo tempo disposto con Delibera di Consiglio Com.le n. 11 del 19/03/2012, si dispone il nuovo criterio per il calcolo corrispettivo da versare per la trasformazione del Diritto di Superficie in Diritto di Proprietà come segue: Il corrispettivo è pari al 60% del valore venale dell area edificabile, calcolato, al netto degli oneri di concessione del diritto di superficie delle aree Peep, rivalutati in base alla variazione ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati verificatasi tra il mese in cui sono stati versati e quello di stipula del nuovo atto di cessione dell area; 2) - Di prendere quale valore di riferimento per il calcolo del valore venale, la media delle quotazioni fornite semestralmente dall Osservatorio del Mercato Immobiliare (OMI) per tipologia e zona del territorio comunale interessata, relative ad alloggi di civile abitazione con le seguenti variazioni percentuali come segue: a. - per la tipologia a schiera prendere il valore medio degli alloggi di civile abitazione + 10% b. - per alloggi in condominio prendere il valore medio degli alloggi di civile abitazione - 5% 3) - Di determinare il valore venale dell area utilizzando il criterio estimativo del valore di ricostruzione, assegnando al valore dell area l incidenza percentuale del 20% sul valore complessivo dell immobile edilizio finito, come meglio appresso indicato: dove: C 1 = V m x K x 0, 6 0 O c C1 = Corrispettivo di trasformazione da diritto di superficie in diritto di proprietà; Vm = Valore venale attuale dell immobile compresa l area su cui è stato edificato calcolato sulla base dei Valori O.M.I. (Superficie lorda x Valore/mq 2 );; K = Percentuale stabilita nella misura del 20%; Oc = oneri di concessione del diritto di superficie rivalutati sulla base della variazione ISTAT dell indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati verificatasi tra il mese in cui sono stati versati e quello di stipula del nuovo atto di cessione dell area; 4) - Di stabilire che gli assegnatari/proprietari di alloggi realizzati in area peep, già disciplinati con convenzioni sostitutive previste dall art.lo 18 del testo unico di cui al D.P.R. 06/06/2001, n. 380, possano, su loro specifica istanza, richiedere anche la Rimozione dei Vincoli Convenzionali dovuti ai sensi del sopracitato art.lo 31 comma 49 bis della Legge 23/12/1998, n. 448, previa versamento di un corrispettivo, proporzionale alla corrispondente quota millesimale, pari al 40% del valore venale dell area, conteggiato con la metodologia già utilizzata per la determinazione del corrispettivo di cui al precedente punto 3); detto corrispettivo dovrà essere ridotto in relazione alla durata residua del vincolo nel modo seguente: dove: C2 = [(Vm. x K x 0,40) x Nar] / Nav C2 = Corrispettivo per la eliminazione dei vincoli convenzionali relativi alle modalità di alienazione e locazione degli immobili PEEP; Vm. = Valore venale attuale dell immobile compresa l area su cui è stato edificato calcolato sulla base dei Valori O.M.I. (Superficie lorda x Valore/mq 2 ); K = percentuale stabilita nella misura del 20%; 0,40 = è la quota parte del valore stabilito; Nar = sono il numero di anni residui alla scadenza del vincolo; Nav = sono il numero di anni totali del vincolo (generalmente 30 ove non diversamente specificato) a partire dalla data di stipula della convenzione originaria per la concessione/cessione del 5

6 terreno alla Cooperativa edificatrice fino alla data della richiesta del proprietario dell alloggio interessato allo svincolo totale; subordinatamente alle seguenti condizioni e prescrizioni: che siano già trascorsi almeno cinque anni dalla data del primo trasferimento dell immobile; che venga stipulata a richiesta del singolo proprietario una convenzione in forma pubblica e soggetta a trascrizione; che siano già state completamente ultimate le procedure di acquisizione delle aree peep da parte dell Amministrazione Comunale, ossia il proprietario dell alloggio abbia saldato il versamento del conguaglio per maggiori oneri; che sia inoltre effettuato, per le motivazioni descritte in premessa, il versamento di un importo pari al contributo sul costo di costruzione di cui agli artt. 119 e 121 della Legge Reg.le Toscana 03/01/2005 n. 1 e s.m.i., calcolato in base alle tariffe in vigore alla data della richiesta di rimozione del vincolo del prezzo massimo di cessione, avanzata dal proprietario interessato; 5) - Di ritenere inoltre che i Peep non rappresentino interventi di riforma economico sociale di cui all art. 37, commi 1 e 2, del D.P.R. 08/06/2001 n. 327 e, conseguentemente, di escludere che nella determinazione del valore area ad essi destinata sia applicabile la prevista riduzione del 25%, il tutto alla luce pronunce della Corte d Appello di Napoli, Sezione I del 18/02/2011 e per la Toscana della Corte d Appello di Firenze, Sezione II, del 18/06/2008; 6) - Di stabilire che il corrispettivo così determinato sarà suddiviso per i singoli assegnatari in base alle quote millesimali corrispondenti e qualora l edificio fosse privo di tale tabella per quota millesimale dell unità immobiliare e delle sue pertinenze, si intende la parte proporzionale del fabbricato ottenuta dividendo la rendita catastale dell unità immobiliare interessata con la rendita catastale complessiva del fabbricato di cui fa parte; 7) - Di dare atto che le operazioni dovranno rispettare le seguenti modalità: - agli assegnatari verrà richiesto di esprimere favorevolmente, entro un anno dal ricevimento comunicazione, la volontà di trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà; - al momento dell accettazione gli assegnatari dovranno versare una caparra del 10% dell importo dovuto presso la Tesoreria Comunale; - il restante 90% del corrispettivo dovrà essere versato presso la Tesoreria Comunale alla stipula dei relativi contratti, previa verifica che da parte degli assegnatari risultino adempiute tutte le obbligazioni nei confronti dell Amm.ne Com.le in ordine al rispetto delle convenzioni di assegnazione ex art. 35 Legge n. 865/1971 e/o alla stipula di nuove convezioni integrative ai sensi dell art. 31, comma 46, lettera a), della Legge n. 448/1996 se dovute; - eventuali ritardi dovuti all Amministrazione Comunale non potranno determinare aggravi per gli assegnatari in termini di aumento del corrispettivo; - ove la manifestazione di volontà di trasformazione del diritto di superficie in proprietà avvenisse oltre il termine di un anno dalla richiesta dell Amministrazione, si procederà alla determinazione del corrispettivo con riferimento alla data di manifestazione della volontà; 8) - Di stabilire che nel rispetto dei commi 48 e 49 bis dell'art.lo 31 della Legge n. 448/1998, e di quanto previsto ai punti precedenti, nei rapporti tra il Comune ed il privato acquirente farà fede quanto stabilito dal dirigente competente relativamente alla corretta quantificazione dell importo dovuto; 9) - Di dare sin d ora mandato al dirigente competente, di stipulare, in nome e per conto dell Amm.ne Com.le le suddette convenzioni, autorizzando gli ufficiali roganti ad apportare quelle modifiche 6

7 ritenute necessarie e opportune nella specifica funzione in adeguamento alle norme di legge, nonché le modifiche di carattere tecnico e formale al pari giudicate opportune e comunque dirette ad una migliore redazione degli atti; 10) - di approvare gli schemi di convenzione, allegati alla presente deliberazione onde formarne sua parte integrante e sostanziale: Allegato A Schema di Convenzione per la cessione in diritto di proprietà di aree già concesse in diritto di superficie con la contestuale rimozione del vincolo convenzionale sull alloggio e sulle sue pertinenze; Allegato B - Schema di Convenzione integrativa per il recesso anticipato vincolo convenzionale del prezzo massimo di cessione relativamente agli alloggi già ceduti in diritto di proprietà (ai sensi dell art.lo 31, commi da 45 a 50 della Legge n. 448/98); Allegato C - Allegato D - Schema di Convenzione integrativa per il recesso anticipato vincolo convenzionale del prezzo massimo di cessione relativamente agli alloggi già ceduti in diritto di superficie (ai sensi dell art.lo 35 della Legge n. 865/71); Schema di Convenzione integrativa per il recesso anticipato vincolo convenzionale del prezzo massimo di cessione relativamente agli alloggi già ceduti in diritto di proprietà (ai sensi dell art.lo 35 della Legge n. 865/71); Detti schemi generali possono integrarsi nel caso il soggetto richiedente decida di avvalersi di un libero professionista di sua fiducia anzichè del Segretario Comunale ove quest'ultimo anche in relazione ad analisi del proprio carico di lavoro fosse impossibilitato alla effettuazione del rogito oppure ove si ravvisi la necessità di modifiche in sede di stipulazione ed inoltre lo schema di cui alla lettera A può ridursi nel caso il richiedente per la sola trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà; 11) - di stabilire che tutte le spese tecniche, fiscali e notarili inerenti la procedura di rimozione del vincolo del prezzo massimo di cessione, così come già per quelle relative al procedimento di trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà e/o eliminazione dei vincoli di inalienabilità, nonché tutte le eventuali spese ad esse conseguenti, siano poste interamente a carico dei proprietari richiedenti; 12) - Di disporre la trasmissione del presente provvedimento al responsabile del procedimento, per i successivi adempimenti di competenza; 13) - Di disporre la pubblicazione della presente deliberazione per 30 (trenta) giorni consecutivi all Albo Pretorio Com.le e il suo deposito nella Segreteria Com.le alla libera visione del pubblico per 30 (trenta) giorni consecutivi. I L C O N S I G L I O C O M U N A L E Ravvisata la necessità di provvedere con urgenza in merito, per le motivazioni indicate nel corso del dibattimento, con separata votazione resa nei modi e forme di Legge che ha fornito il seguente risultato, come accertato dagli Scrutatori e dal Segretario Comunale e proclamato dal Sindaco: - Presenti : n Astenuti : n. 2 (Novino, Vanni) - Favorevoli : n Contrari : n. 2 (Tesi, Lucchesi) 7

8 D E L I B E R A Di dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 134 comma 4 del Decreto Legislativo 18/08/2000 n. 267 e successive modifiche integrazione; ******************************* \\Server-uf\e\Ufficio\UO_LLPP\CARTELLE INDIVIDUALI\Buggiani\Alienaz_Dismissioni\Alienaz_Diritto_Superf_PEEP\02-Delib_CC_x_Criterio-(DS)-bis.doc 8

9 REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI Provincia di Allegato A) REP. N... CONVENZIONE, AI SENSI DELL ART. 31, COMMI DA 45 A 50, DELLA LEGGE 23 DICEMBRE 1998 N. 448, PER LA CESSIONE IN DIRITTO DI PROPRIETA DI AREA GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE, CON CONTESTUALE RIMOZIONE DEL VINCOLO CONVENZIONALE DEL PREZZO MASSIMO DI CESSIONE L anno il giorno del mese di, alle ore, davanti a me, Segretario comunale del Comune di, autorizzato a rogare tutti i contratti nei quali il comune è parte, ai sensi dell art. 97, comma 4, lettera c) del decreto legislativo n. 267 del 18 agosto 2000, senza l assistenza dei testimoni, cui le parti, col mio consenso, hanno concordemente ed espressamente rinunciato, si sono personalmente costituiti: - Il Comune di, con sede in, via n. Codice fiscale n., rappresentato da nato a il, domiciliato per la carica presso la Sede Comunale, il quale interviene al presente atto non in proprio ma nella sua qualità di Responsabile del Settore, in virtù della determinazione sindacale n. in data di conferimento di incarico di posizione organizzativa, che nel contesto dell atto verrà chiamato per brevità Comune ; - Il Sig. nato a ( ) il e domiciliato in via al civico n., (Cod. Fisc. ) che interviene al presente atto in qualità di proprietario (indicare se in comunione con altro/i soggetto/i) dell unità immobiliare, distinta al Nuovo Catasto Edilizio Urbano del Comune di al foglio di mappa, particella, subalterno, in base ad atto di assegnazione/compravendita Rep. n. del registrato a il al n. e trascritto a il al R.P. beni che partecipano per la quota di millesimi al condominio di cui fanno parte ed alle relative parti condominiali; I predetti comparenti, della cui identità personale io Segretario Comunale sono personalmente certo, mi chiedono di ricevere il presente atto, mediante il quale convengono e stipulato quanto segue: P R E M E S S O Che con convenzione a rogito Notaio Dott., Notaio in / in data Repertorio n., registrata a il al n. e trascritta a il al n. di Registro Particolare (se ricorrono richiamare gli eventuali atti modificativi ed integrativi), stipulata, ai sensi dell art. 35 della Legge 22 Ottobre 1971 n. 865, il Comune di ha concesso alla Cooperativa Edificatrice/Impresa il diritto di superficie sull area costituente il lotto del Piano di Zona per l Edilizia Economico-Popolare, alla quale 9

10 convenzione si fa pieno e totale riferimento ed il cui tenore si intende come se fosse qui letteralmente ed integralmente riportato e trascritto; Che in detta area identificata al N.C.E.U. del Comune di al foglio nn. la predetta Cooperativa Edificatrice/Impresa ha costruito un complesso immobiliare, dichiarato abitabile con licenza n. del, costituito da n. case di civile abitazione con accesso dal civico numero della via, di cui l alloggio di proprietà del/dei Sig/Sigg.ri fa parte, distinto al Nuovo Catasto Edilizio Urbano del Comune di al foglio di mappa n., particella n., subalterno, in base ad atto rogito Notaio in data repertorio n registrato a in data al n, con cui il Sig/Sigg.ri acquistarono in regime patrimoniale di comunione legale (o separazione) dei beni, la piena proprietà superficiaria, con quota millesimale sulle parti condominiali pari a millesimi, delle seguenti unità immobiliari: - alloggio al piano composto da ; coerenti ; - al piano un locale ad uso cantina; coerenti - al piano un locale ad uso autorimessa privata; coerenti ; Dette unità immobiliari risultano contraddistinte con il numero ( ) l alloggio, con la sigla la cantina e con la sigla l autorimessa privata, nella planimetria allegata al Regolamento di Condominio, rogito Notaio in data, registrato a il al numero. Sono state inoltre comprese nella vendita in modo inalienabile tutte le parti dell edificio che per legge, uso e destinazione sono da ritenersi comuni, ai sensi dell art codice civile. Che con deliberazione del Consiglio Comunale n. del, il Comune di ha determinato di attivare le procedure di trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà ai sensi della legge n. 448/1998; Che in analogia a quanto previsto dal comma 46, art. 31 della Legge 23 dicembre 1998 n. 448, gli alloggi costruiti su aree che passano dal diritto di superficie in proprietà vengono disciplinati dalla convenzione di cui all art. 8 della Legge 28 gennaio 1977 n. 10, per la durata massima di trenta anni prevista da queste ultime disposizioni, diminuita del tempo trascorso tra la data di stipulazione della convenzione che ha accompagnato la concessione dell area in diritto di superficie e quella della stipula della nuova convenzione; Che con deliberazione di C.C. n. del è stato stabilito che, ricorrendo le condizioni ivi previste, sia reso possibile rimuovere tutti i vincoli dagli alloggi Peep, compreso quello convenzionale del prezzo massimo di cessione, dietro versamento di un corrispettivo in parte correlato al 40% del valore venale dell area, in parte costituito da un importo pari al contributo sul costo di costruzione, calcolato in base al valore delle tariffe in vigore alla data di richiesta di eliminazione di tutti i vincoli, compreso quello massimo di cessione, ed è inoltre stato approvato il presente atto di convenzione, in allegato alla deliberazione sotto la lettera A); Che con comunicazione del Settore del Servizio Tecnico competente è stato determinato, ai sensi della citata deliberazione del C.C. n. del, un corrispettivo di Euro, pari al contributo sul costo di costruzione calcolato in base alle tariffe in vigore alla data di richiesta di eliminazione di tutti i vincoli, compreso quello massimo di cessione, da parte del Sig./Sigg.ri ; 10

11 Che il Sig./Sigg.ri, in qualità di attuali intestatari del diritto di superficie, hanno formalmente richiesto al Comune di di attivare la procedura per la cessione in proprietà proquota dell area con la contestuale rimozione del vincolo convenzionale del prezzo massimo di cessione, dichiarandosi disponibili a corrispondere al Comune di il corrispettivo previsto; TUTTO CIO PREMESSO, da ritenersi parte integrante del presente atto, Il Comune di, come sopra rappresentato e costituito, dichiara decaduta e sostituisce con la presente, la convenzione stipulata tra il Comune di e la Società regolarmente registrata e trascritta, con la presente convenzione redatta relativamente e limitatamente all alloggio assegnato ai signori, posto nel Comune di, Via n. scala, che costituisce porzione di fabbricato sito in Via denominato Fabbricato al piano composto da con relativa cantina e autorimessa al piano interrato. Dette unità immobiliari risultano così censite al Catasto Fabbricati: I predetti dati di identificazione catastale sono quelli in catasto riferiti alla planimetria e raffiguranti i beni in oggetto, che al presente atto si allega sotto la lettera A. (eventuale) Il Sig./Sigg.ri dichiarano che hanno presentato in data la documentazione inerente a Conservazione opere interne ai sensi dell art. 5 comma 7 del D.L. n. 40/2010. In riferimento all oblazione dichiarano di aver versato in unica soluzione l importo di. a mezzo c/c postale n intestato al Comune di Oneri Urbanizzazione Servizio Tesoreria in data. Le parti acquirenti dichiarano, sotto la propria responsabilità, che i predetti dati di identificazione catastale e la predetta planimetria sono conformi allo stato di fatto dei beni in oggetto. Il Comune di e il Sig./Sigg.ri danno atto che i rapporti reciproci, per il periodo di seguito indicato, sono disciplinati dalle seguenti disposizioni: ARTICOLO 1 Il Comune di, come sopra rappresentato, dà e vende al/ai Sig./Sigg.ri come sopra specificato, che accettano ed acquistano, il diritto di proprietà sull area già concessa in diritto di superficie, relativa all alloggio con eventuale cantina, autorimessa, pertinenze e proporzionali diritti sulle parti condominiali. Il prezzo della presente compravendita è stato determinato ai sensi dell art. 31, comma 48, della Legge 23/12/1998 n. 448, come specificato nelle premesse, nella somma di (in lettere ). Detta somma è stata interamente versata dal/i Sig./Sigg.ri, giusta quietanza n. del, rilasciata dalla Tesoreria Comunale presso la. Agenzia di, per cui il Comune di, come sopra rappresentato, rilascia liberatoria quietanza di saldo, aggiungendo di non aver più nulla a domandare o pretendere a tale titolo. L area predetta viene trasferita ed acquistata nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, libera da vincoli, pesi ed ipoteche. Ai sensi dell art. 31, comma 49 della L. 23/12/1998 n. 448 è esclusa in ogni caso la retrocessione, dal Comune ai proprietari degli edifici, di somme già versate da questi ultimi e portate in detrazione secondo quanto previsto al comma 48 del suddetto articolo. ARTICOLO 2 Il Comune di, come sopra rappresentato, ed il/i suddetto/i acquirente/i Sig./Sigg.ri si danno reciprocamente atto che l alloggio realizzato nell area come sopra ceduta in proprietà non è gravato dai limiti per l alienazione e la costituzione di diritti reali di godimento di cui agli abrogati commi da quindicesimo a diciannovesimo dell art. 35 della L. 22/10/1971 n

12 Il/I Sig./Sigg.ri dichiara/dichiarano (in caso di edilizia agevolata), di aver già completamente estinto il mutuo agevolato di cui ha/hanno usufruito per l acquisto della casa e che pertanto sono decaduti tutti i vincoli relativi all alienabilità dell alloggio, dettati dalla normativa vigente in materia. ARTICOLO 3 Il Comune di, come sopra rappresentato, rinuncia al diritto di prelazione sul predetto alloggio, qualora previsto dalla convenzione che ha accompagnato la concessione dell area in diritto di superficie per la costruzione dello stesso. Il Comune di, rinuncia altresì all iscrizione di qualunque ipoteca legale comunque nascente dal presente atto. ARTICOLO 4 Il Comune di, su richiesta del/i Sig./Sigg.ri acconsente alla ulteriore soppressione dell obbligo convenzionale del prezzo massimo di cessione presente nella convenzione originaria di concessione dell area. In conseguenza del presente atto, le unità immobiliari descritte nelle premesse e le rispettive quote millesimali delle parti condominiali, di proprietà del/i comparente/i, potranno essere alienate a qualsiasi titolo e concesse in locazione ed affitto a chiunque ed a libero mercato, non ricorrendo l esigenza di alcun prezzo massimo di cessione. Decadono pertanto tutti i limiti di negoziabilità di cui alla citata convenzione a rogito Notaio in data, Rep. Nessuna comunicazione dovrà essere fatta al Comune prima e dopo la vendita o la locazione, a seguito della stipulazione del presente atto. ARTICOLO 5 Il corrispettivo per l ulteriore soppressione del vincolo convenzionale del prezzo massimo di cessione di cui all art. 4, calcolato con comunicazione dell ufficio tecnico comunale del è stato determinato nelle seguenti somme e precisamente: Euro per il Sig. (ripetere in caso di più soggetti); oltre ad Euro a titolo del versamento del contributo sul costo di costruzione. Il Comune di, come sopra rappresentato, dichiara di avere ricevuto dal/i suindicato/i soggetto/i proprietario/i le predette corrispondenti somme e precisamente come risulta da quanto segue: - per il Sig. mediante, rilasciandone con il presente atto ampia e finale quietanza. ARTICOLO 6 Gli effetti del presente atto decorrono da oggi. La durata di validità della presente convenzione è determinata in un numero di anni corrispondente alla differenza fra il periodo massimo di trenta anni, previsto dell art. 8, primo comma, lettera d) della Legge 28/01/1977 n. 10, ed è il tempo ad oggi trascorso della stipula della convezione che ha accompagnato la concessione in diritto di superficie dell area per la costruzione del predetto alloggio, ovvero essa avrà efficacia fino al. 12

13 ARTICOLO 7 Le parti autorizzano la trascrizione del presente atto presso il competente registro immobiliare a spese della/delle singola/e parte/i proprietaria/e. Il Comune di rinuncia all ipoteca legale esonerando il Conservatore dei Registri Immobiliari da ogni responsabilità. Si dà atto che alla presente convenzione si allega il certificato di destinazione urbanistica (lettera B) di cui per espressa dispensa delle parti si omette la lettura, mentre la conferma di adesione alle procedure viene depositata agli atti del Comune e si intende facente parte del contratto anche se non materialmente allegata. ARTICOLO 8 Il Comune, ai sensi dell art. 13 del D.L. 30/06/2003 n. 196 e s.m.i., informa le parti acquirenti che tratterà i dati, contenuti nel presente contratto, esclusivamente per lo svolgimento delle attività per l assolvimento degli obblighi previsti dalle leggi e dai regolamenti comunali in materia. ARTICOLO 9 Tutte le spese inerenti il presente atto sono a carico del Sig./Sigg.ri che chiedono l applicazione di tutti i benefici fiscali previsti nella Legge n. 865/1971 e successive modifiche d integrazioni e da altre leggi. I medesimi chiedono l applicazione dell imposta di registro in misura fissa e l esenzione dalle imposte ipotecarie e catastali ai sensi dell art. 32, comma 2, del D.P.R. 601/1973. Il regime fiscale è quello previsto dall art. 3, comma 81 della L. 28/12/1995 n. 549 e successive modificazioni. Del presente atto, scritto con mezzi informatici da persona di mia fiducia su pagine, righe e n. fogli bollati, io Notaio/Segretario comunale rogante ho dato lettura alle parti che, a mia domanda, approvandolo e confermandolo, lo sottoscrivono. 13

14 REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI Provincia di Allegato B) REP. N... CONVENZIONE INTEGRATIVA PER IL RECESSO ANTICIPATO DAL VINCOLO CONVENZIONALE DEL PREZZO MASSIMO DI CESSIONE RELATIVAMENTE ALLE AREE PEEP GIA CEDUTE IN PROPRIETA (AI SENSI DELL ARTICOLO 31, COMMI DA 45 A 50, LEGGE 448/1998). L anno il giorno del mese di, alle ore, davanti a me, Segretario comunale del Comune di, autorizzato a rogare tutti i contratti nei quali il comune è parte, ai sensi dell art. 97, comma 4, lettera c) del decreto legislativo n. 267 del 18 agosto 2000, senza l assistenza dei testimoni, cui le parti, col mio consenso, hanno concordemente ed espressamente rinunciato, si sono personalmente costituiti: - Il Comune di, con sede in, via n. Codice fiscale n., rappresentato da nato a il, domiciliato per la carica presso la Sede Comunale, il quale interviene al presente atto non in proprio ma nella sua qualità di Responsabile del Settore, in virtù della determinazione sindacale n. in data di conferimento di incarico di posizione organizzativa, che nel contesto dell atto verrà chiamato per brevità Comune ; - Il Sig. nato a ( ) il e domiciliato in via al civico n., (Cod. Fisc. ) - Il Sig. nato a ( ) il e domiciliato in via al civico n., (Cod. Fisc. ) che interviene/intervengono al presente atto in qualità di proprietario (indicare se in comunione con altro/i soggetto/i) dell unità immobiliare, distinta al Nuovo Catasto Edilizio Urbano del Comune di al foglio di mappa, particella, subalterno, in base ad atto di assegnazione/compravendita Rep. n. del registrato a il al n. e trascritto a il al R.P. beni che partecipano per la quota di millesimi al condominio di cui fanno parte ed alle relative parti condominiali; I predetti comparenti, della cui identità personale io Segretario Comunale sono personalmente certo, mi chiedono di ricevere il presente atto, mediante il quale convengono e stipulato quanto segue: P R E M E S S O Che con convenzione a rogito Notaio Dott., Notaio in / in data Repertorio n., registrata a il al n. e trascritta a il al n. di Registro Particolare (se ricorrono richiamare gli eventuali atti modificativi ed integrativi), stipulata, ai sensi dell art. 35 della Legge 22 Ottobre 1971 n. 865, il Comune di ha concesso alla 14

15 Cooperativa Edificatrice/Impresa il diritto di superficie sull area costituente il lotto del Piano di Zona per l Edilizia Economico-Popolare, alla quale - Che con Convenzione a rogito Segretario Comunale di dott., in data Repertorio n., registrata a il al n. e trascritta a il al n., stipulata, ai sensi dell art. 31 commi da 45 a 50 della Legge 23 dicembre 1998 n. 448 e degli art. 7 e 8 della Legge n. 10 del 1977, norma quest ultima abrogata ma riprodotta negli artt. 17 e 18 del Testo Unico sull edilizia D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, il Comune di ha ceduto al/ai Sig./Sig.ri/ proprietario/i dell alloggio/i realizzato/i sul lotto edificabile del piano P.E.E.P., identificato al N.C.E.U. del Comune di nel foglio di mappa n. particella sub., in ragione e pari alla quota millesimale condominiale di propria spettanza pari a millesimi del complesso immobiliare sito in Via, la piena proprietà dell area costituente il predetto lotto edificabile, - Che nella suddetta convenzione si dava atto del versamento della somma di. per il pagamento dell acquisto in piena proprietà dell area, precedentemente concessa in diritto di superficie; - Che in analogia a quanto previsto dal comma 46, art. 31 della Legge 23 dicembre 1998 n. 448, la convenzione innanzi richiamata ha durata trentennale dalla data stipulata della convenzione originaria di concessione in diritto di superficie dell area con scadenza quindi stabilita per il giorno ; - Che il vincolo di prezzo massimo di cessione e di locazione previsto agli articoli della convenzione innanzi richiamata permangono per tutta la durata della convenzione ; - Che con deliberazione di C.C. n. del è stato stabilito che, ricorrendo le condizioni ivi previste, sia reso possibile rimuovere tutti i vincoli dagli alloggi Peep, compreso quello convenzionale del prezzo massimo di cessione, dietro versamento di un corrispettivo in parte correlato al 40% del valore venale dell area, in parte costituito da un importo pari al contributo sul costo di costruzione, calcolato in base al valore delle tariffe in vigore alla data di richiesta di eliminazione di tutti i vincoli, compreso quello massimo di cessione, ed è inoltre stato approvato il presente atto di convenzione, in allegato alla deliberazione sotto la lettera B); - Che con comunicazione del Settore del Servizio Tecnico competente è stato determinato, ai sensi della citata deliberazione del C.C. n. del, un corrispettivo di Euro, pari al contributo sul costo di costruzione calcolato in base alle tariffe in vigore alla data di richiesta di eliminazione di tutti i vincoli, compreso quello massimo di cessione, da parte del Sig./Sigg.ri ; - Che il Sig./Sigg.ri, in qualità di attuali intestatari del diritto di piena proprietà, hanno formalmente richiesto al Comune di di attivare la procedura per la rimozione del vincolo convenzionale del prezzo massimo di cessione, dichiarandosi disponibili a corrispondere al Comune di il corrispettivo previsto; - Che il Comune di intende riconoscere la possibilità di recedere anticipatamente dai predetti obblighi convenzionali, consentendo il libero godimento, ivi compresa la libera alienazione dei detti beni da parte del/i rispettivo/i proprietario/i, come previsto dalla suddetta deliberazione del C.C. n. del ; 15

16 - Che il/i Sig./Sigg.ri dichiara/dichiarano (in caso di edilizia agevolata), di aver già completamente estinto il mutuo agevolato di cui ha/hanno usufruito per l acquisto della casa e che pertanto sono decaduti tutti i vincoli relativi all alienabilità dell alloggio, dettati dalla normativa vigente in materia; (nel caso di condono per variazioni interne) Che il/i signore/i, dichiara/no che relativamente all entità immobiliari censita al N.C.E.U. di questo Comune al Foglio n. particella sub, ha/hanno presentato in data la documentazione inerente alle opere di Conservazione opere interne ai sensi dell art 5 comma 7 del D.L. n. 40/2010 ; Il/I sopraccitato/i signore/i, in riferimento all oblazione dichiara/no di aver versato in unica soluzione l importo di, tramite c/c postale n. intestato al Comune di Oneri di Urbanizzazione - Servizio Tesoreria, in data I predetti dati di identificazione catastale sono quelli in catasto riferite alle planimetrie e raffiguranti i beni in oggetto, che al presente atto si allega sotto la lettera A. La/e parte/i venditrice/i dichiara/no, sotto la propria responsabilità che i predetti dati di identificazione catastale e le predette planimetrie sono conformi allo stato di fatto dei beni in oggetto. TUTTO CIO PREMESSO, da ritenersi parte integrante del presente atto, SI CONVIENE E SI STIPULA quanto segue : ARTICOLO 1 Il Comune di acconsente al recesso dall obbligo convenzionale del prezzo massimo di cessione presente nella convenzione citata in premessa, sottoscritta in data, Rep. a rogito Segretario Comunale dr. registrata a il al n., trascritta a il Reg. Part. N.. In conseguenza del presente atto, le unità immobiliari descritte nelle premesse e le rispettive quote millesimali delle parti condominiali, di proprietà del sig. /Sigg.ri, potranno essere alienate a qualsiasi titolo e concesse in locazione ed affitto a chiunque ed a libero mercato, non ricorrendo l esigenza di alcun prezzo massimo di cessione. Decadono pertanto tutti i limiti di negoziabilità di cui alla citata convenzione a rogito del Segretario Comunale dr. in data, Rep.. Nessuna comunicazione dovrà essere fatta al Comune prima e dopo la vendita o la locazione, a seguito della stipulazione del presente atto. ARTICOLO 2 Il corrispettivo per la soppressione del vincolo del prezzo massimo di cessione di cui all articolo 1, è stato determinato nelle seguenti somme e precisamente: Euro, oltre ad Euro a titolo di versamento del contributo sul costo di costruzione, come da comunicazione dell ufficio tecnico comunale del. Il comune di, come sopra rappresentato, dichiara di avere ricevuto dai suindicati soggetti proprietari le predette corrispondenti somme e precisamente come risulta da quanto segue : - per il Sig. mediante ;rilasciandone con il presente atto ampia e finale quietanza. 16

17 ARTICOLO 3 Gli effetti del presente atto decorrono da oggi. La durata di validità della presente convenzione è determinata in un numero di anni corrispondente alla differenza fra il periodo massimo di trenta anni, previsto dell art. 8, primo comma, lettera d) della Legge 28/01/1977 n. 10, ed il tempo ad oggi trascorso della stipula della convenzione che ha accompagnato la concessione in diritto di superficie dell area per la costruzione del predetto alloggio, ovvero essa avrà efficacia fino al. Il presente atto non incide su doveri ed obblighi che a diverso titolo siano stati posti a carico della proprietà stipulati nei confronti del Comune di. ARTICOLO 4 Le parti autorizzano la trascrizione del presente atto presso il competente registro immobiliare a spese della/delle singola/e parte/i proprietaria/e. Il Comune di rinuncia all ipoteca legale esonerando il Conservatore dei Registri Immobiliari da ogni responsabilità. Si dà atto che alla presente convenzione si allega il certificato di destinazione urbanistica (lettera B) di cui per espressa dispensa delle parti si omette la lettura, mentre la conferma di adesione alle procedure viene depositata agli atti del Comune e si intende facente parte del contratto anche se non materialmente allegata. ARTICOLO 5 Il Comune, ai sensi dell art. 13 del D.L. 30/06/2003 n. 196 e s.m.i., informa le parti acquirenti che tratterà i dati, contenuti nel presente contratto, esclusivamente per lo svolgimento delle attività per l assolvimento degli obblighi previsti dalle leggi e dai regolamenti comunali in materia. ARTICOLO 6 Le spese, imposte e tasse comunque dovute per il presente atto e conseguenti, ivi comprese quelle notarili e di trascrizione, sono a carco del/i singolo/i proprietario/i degli alloggi /unità immobiliari sopra descritti, il quale/i se le assume/ono. Del presente atto, scritto con mezzi informatici da persona di mia fiducia su pagine, righe e n. fogli bollati, io Notaio/Segretario comunale rogante ho dato lettura alle parti che, a mia domanda, approvandolo e confermandolo, lo sottoscrivono. 17

18 REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI Provincia di Allegato C) REP. N... CONVENZIONE INTEGRATIVA PER IL RECESSO ANTICIPATO DAL VINCOLO CONVENZIONALE DEL PREZZO MASSIMO DI CESSIONE RELATIVAMENTE ALLE AREE CEDUTE IN DIRITTO DI SUPERFICIE AI SENSI DELL ARTICOLI 35, LEGGE 865/1971. L anno il giorno del mese di, alle ore, davanti a me, Segretario comunale del Comune di, autorizzato a rogare tutti i contratti nei quali il comune è parte, ai sensi dell art. 97, comma 4, lettera c) del decreto legislativo n. 267 del 18 agosto 2000, senza l assistenza dei testimoni, cui le parti, col mio consenso, hanno concordemente ed espressamente rinunciato, si sono personalmente costituiti: - Il Comune di, con sede in, via n. Codice fiscale n., rappresentato da nato a il, domiciliato per la carica presso la Sede Comunale, il quale interviene al presente atto non in proprio ma nella sua qualità di Responsabile del Settore, in virtù della determinazione sindacale n. in data di conferimento di incarico di posizione organizzativa, che nel contesto dell atto verrà chiamato per brevità Comune ; - Il Sig. nato a ( ) il e domiciliato in via al civico n., (Cod. Fisc. ) che interviene/intervengono al presente atto in qualità di proprietario (indicare se in comunione con altro/i soggetto/i) dell unità immobiliare, distinta al Nuovo Catasto Edilizio Urbano del Comune di al foglio di mappa, particella, subalterno, in base ad atto di assegnazione/compravendita Rep. n. del registrato a il al n. e trascritto a il al R.P. beni che partecipano per la quota di millesimi al condominio di cui fanno parte ed alle relative parti condominiali; I predetti comparenti, della cui identità personale io Segretario Comunale sono personalmente certo, mi chiedono di ricevere il presente atto, mediante il quale convengono e stipulato quanto segue: P R E M E S S O Che con convenzione a rogito Notaio Dott., Notaio in / in data Repertorio n., registrata a il al n. e trascritta a il al n. di Registro Particolare (se ricorrono richiamare gli eventuali atti modificativi ed integrativi), stipulata, ai sensi dell art. 35 della Legge 22 ottobre 1971 n. 865, il Comune di ha concesso alla Cooperativa Edificatrice/Impresa il diritto di superficie sull area costituente il lotto del Piano di Zona per l Edilizia Economico-Popolare, alla quale convenzione si fa pieno e totale riferimento ed il cui tenore si intende come se fosse qui letteralmente ed integralmente riportato e trascritto; 18

19 Che in detto rogito si stabilirono, tra l altro, i criteri e le modalità per la determinazione del prezzo di prima cessione degli alloggi e delle autorimesse (articolo ), i parametri per l aggiornamento del prezzo per le cessioni successive alla prima (articolo ), nonché quelli relativi alla determinazione ed alla revisione periodica dei canoni di locazione (articolo ), secondo quanto disposto dalla predetta Legge n. 865/1971; Che in detta area identificata al N.C.E.U. del Comune di al foglio nn. la predetta Cooperativa Edificatrice/Impresa ha costruito un complesso immobiliare, dichiarato abitabile con licenza n. del, costituito da n. case di civile abitazione con accesso dal civico numero della via, di cui l alloggio di proprietà del/dei Sig/Sigg.ri fa parte, distinto al Nuovo Catasto Edilizio Urbano del Comune di al foglio di mappa n., particella n., subalterno, in base ad atto rogito Notaio in data repertorio n registrato a in data al n, con cui il Sig/Sigg.ri acquistarono in regime patrimoniale di comunione legale (o separazione) dei beni, la piena proprietà superficiaria, con quota millesimale sulle parti condominiali pari a millesimi, delle seguenti unità immobiliari: - alloggio al piano composto da ; coerenti ; - al piano un locale ad uso cantina; coerenti - al piano un locale ad uso autorimessa privata; coerenti ; Dette unità immobiliari risultano contraddistinte con il numero ( ) l alloggio, con la sigla la cantina e con la sigla l autorimessa privata, nella planimetria allegata al Regolamento di Condominio, rogito Notaio in data, registrato a il al numero. Sono state inoltre comprese nella vendita in modo inalienabile tutte le parti dell edificio che per legge, uso e destinazione sono da ritenersi comuni, ai sensi dell art codice civile. Che il vincolo di prezzo massimo di cessione previsto agli articoli della convenzione innanzi richiamata permangono per tutta la durata della convenzione; Che i sopraindicati soggetti hanno chiesto il recesso anticipato dei sopra richiamati obblighi convenzionali; Che l art. 31, comma 49 bis della Legge n. 448/1998 (inserito dall art. 5, comma 3 bis, del D.L. 13 maggio 2011 n. 70, convertito con l. 106 del 12 luglio 2011) stabilisce che i vincoli relativi alla determinazione del prezzo massimo di cessione delle singole unità abitative e loro pertinenze nonché il canone massimo di locazione delle stesse, contenuti nelle convenzioni di cui all art. 35 della legge 22 ottobre 1971, n. 865, e successive modificazioni, per la cessione del diritto di proprietà, stipulate precedentemente alla data di entrata in vigore della legge 17 febbraio 1992, n. 179, ovvero per la cessione del diritto di superficie, possono essere rimossi, dopo che siano trascorsi almeno cinque anni dalla data del primo trasferimento, con convenzione in forma pubblica stipulata a richiesta del singolo proprietario e soggetta a trascrizione per un corrispettivo proporzionale alla corrispondente quota millesimale, determinato, anche per le unità in diritto di superficie, in misura pari ad una percentuale del corrispettivo risultante dall applicazione del comma 48 del presente articolo ; Che l art. 29, comma 16 undecies del d.l. 216/2011 nel testo risultante dalla conversione con modificazioni, operata con Legge n. 14/2012, stabilisce che a decorrere dal 1 gennaio 2012, la percentuale di cui al comma 49 bis dell art. 31 della legge 23 dicembre 1998, n. 448 è stabilita dai comuni ; 19

20 Con Deliberazione di C.C. n. del è stato stabilito che, ricorrendo le condizioni ivi previste sia reso possibile rimuovere tutti i vincoli dagli alloggi Peep, compreso quello convenzionale del prezzo massimo di cessione, dietro versamento di un corrispettivo in parte correlato al 40% del valore venale dell area, in parte costituito da un importo pari al contributo sul costo di costruzione, calcolato in base al valore delle tariffe in vigore alla data di richiesta di eliminazione di tutti i vincoli, compreso quello massimo di cessione, ed è inoltre stato approvato il presente atto di convenzione, in allegato alla deliberazione sotto la lettera C); (nel caso di condono per variazioni interne) Che il/i signore/i, dichiara/no che relativamente all entità immobiliari censita al N.C.E.U. di questo Comune al Foglio n. particella sub, ha/hanno presentato in data la relativa documentazione inerente alle opere di Conservazione opere interne ai sensi dell art 5 comma 7 del D.L. n. 40/2010 ; Il/I sopraccitato/i signore/i, in riferimento all oblazione dichiara/no di aver versato in unica soluzione l importo di, tramite c/c postale n. intestato al Comune di Oneri di Urbanizzazione - Servizio Tesoreria, in data I predetti dati di identificazione catastale sono quelli in catasto riferite alle planimetrie e raffiguranti i beni in oggetto, che al presente atto si allega sotto la lettera A ; La/e parte/i venditrice/i dichiara/no, sotto la propria responsabilità che i predetti dati di identificazione catastale e le predette planimetrie sono conformi allo stato di fatto dei beni in oggetto. Che con comunicazione del Settore del Servizio Tecnico competente è stato determinato, ai sensi della citata Deliberazione del C.C. n. del, un corrispettivo di Euro, pari al contributo sul costo di costruzione calcolato in base alle tariffe in vigore alla data di richiesta di eliminazione di tutti i vincoli, compreso quello massimo di cessione, da parte del Sig./Sigg.ri ; Che il sig. ha richiesto al Comune di di addivenire alla stipulazione della convenzione integrativa di cui al predetto comma 49 bis dell art. 31 l. 448/1998 ed il Comune di ha accettato tale richiesta determinando il costo per la rimozione del vincolo relativo ai prezzi di cessione ed ai canoni di locazione nell importo di Euro, calcolato secondo i criteri indicati nella citata Deliberazione del Consiglio Comunale n. in data, nonché un importo pari al contributo sul costo di costruzione calcolato in base alle tariffe in vigore alla data di richiesta di eliminazione dei vincoli, compreso quello massimo di cessione, da parte del sig. ; Che il/i Sig./Sigg.ri ha/hanno dichiarato (in caso di edilizia agevolata), di aver già completamente estinto il mutuo agevolato di cui ha/hanno usufruito per l acquisto della casa e che pertanto sono decaduti tutti i vincoli relativi all alienabilità dell alloggio, dettati dalla normativa vigente in materia; Che il Comune di intende riconoscere la possibilità di recedere anticipatamente dai predetti obblighi convenzionali, consentendo il libero godimento, ivi compresa la libera alienazione dei detti beni da parte del/i rispettivo/i proprietario/i, come previsto dalla suddetta Deliberazione del C.C. n del ; 20

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE AREE COMPRESE NEI PIANI PER L EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE

REGOLAMENTO PER LE AREE COMPRESE NEI PIANI PER L EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE Comune di Rimini Area Gestione del Territorio Unità di Progetto Programma d Area ed Edilizia Residenziale Pubblica Via F. Rosaspina, 21-47900 Rimini tel. 0541704883-704896 - fax 0541704810 www.comune.rimini.it

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili genzia ntrate MOD. RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili (art. 11 del D.P.R. 26 aprile 1986 n.131) Informativa sul trattamento dei dati personali

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA Determinazione n. 812 del 28/11/2013 N. registro di area 139 VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta nel giorno 28/11/2013 da Laura Dordi Responsabile del Settore AFFARI GENERALI

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI Art. 1. (trasformazione urbanistica del territorio e concessione di edificare) Ogni attività comportante

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

ATTRIBUZIONE/AGGIORNAMENTO CLASSAMENTO CATASTALE. COMUNICAZIONE ADESIONE DEFINIZIONE AGEVOLATA I.C.I. art. 16 bis del regolamento comunale ICI

ATTRIBUZIONE/AGGIORNAMENTO CLASSAMENTO CATASTALE. COMUNICAZIONE ADESIONE DEFINIZIONE AGEVOLATA I.C.I. art. 16 bis del regolamento comunale ICI ATTRIBUZIONE/AGGIORNAMENTO CLASSAMENTO CATASTALE COMUNICAZIONE ADESIONE DEFINIZIONE AGEVOLATA ICI art 16 bis del regolamento comunale ICI Il sottoscritto Nato a il CF Residente a in via tel con riferimento

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli