Relazione sulla gestione a corredo del Bilancio preventivo 2014 pag. 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione sulla gestione a corredo del Bilancio preventivo 2014 pag. 1"

Transcript

1 I

2 INDICE Relazione sulla gestione a corredo del Bilancio preventivo 2014 pag. 1 Conto economico pag. 38 Prospetto 2 Conto economico per attività istituzionali pag. 40 Prospetto 3 dimostrativo dell equilibrio tra costi e ricavi dell attività di manutenzione ed amministrazione della gestione immobiliare ad uso abitativo pag. 41 Prospetto 3 bis dimostrativo dell equilibrio dei costi-ricavi dell attività di manutenzione e di amministrazione della gestione erp pag.42 Prospetto 4 dell equilibrio costi ricavi gestione alloggi a canone sociale pag. 43 Prospetto 6 consuntivo delle entrate per canoni di locazione per titolo giuridico pag. 44 Prospetto 7 entrate da canoni di locazione dei canoni per aree di appartenenza pag. 45 Prospetto 9 numero dei dipendenti e costi per attività pag. 46 Prospetto 12 manutenzione pag. 47 Programma triennale anno Il Bilancio preventivo 2014 dell Aler di Lecco è stato redatto da: IL COMMISSARIO STRAORDINARIO GIUSEPPE CANALI IL DIRETTORE GENERALE DOTT. ARCH. VALTER TERUZZI II

3 RELAZIONE SULLA GESTIONE A CORREDO DEL BILANCIO di PREVISIONE 2014 Relazione del Commissario Straordinario Il Bilancio Preventivo 2014, composto dal Conto Economico a valori raffrontati con l esercizio precedente e per settori di attività, chiude con utile pari ad euro al netto delle imposte di competenza. Esso va approvato, unitamente al Programma Triennale ed all elenco annuale dei lavori da eseguire, ai sensi del D.M. Infrastrutture e Trasporti. del 11/11/2011 G.U. n. 55 del 06/03/2012, che costituiscono parte integrante del Bilancio Preventivo I detti Programma Triennale ed elenco annuale sono stati già adottati dal Commissario Straordinario con provvedimento n. LC/02, in data 1 Ottobre 2013, pubblicati all albo dell Azienda e una volta approvati dal Commissario Straordinario, unitamente al Bilancio Preventivo, saranno trasmessi all Osservatorio Regionale dei Lavori Pubblici. Il Bilancio Preventivo 2014 e la relazione di accompagnamento sono stati predisposti sulla base delle linee programmatiche e degli obiettivi pluriennali, indicati nella Relazione del Presidente, ai quali si ispirano il Programma Triennale e l elenco annuale dei lavori, che si intendono qui richiamati per relationem. In particolare il Bilancio Preventivo ha lo scopo di dare adeguate informazioni in merito alla situazione patrimoniale ed alle attività gestionali dell Azienda, ai sensi dell art. 3 del nuovo Schema di Regolamento di Contabilità, approvato con D.G.R. 16 maggio 2003 n. 7/ Poiché il Bilancio di Previsione ha il proprio presupposto negli obiettivi che l ALER si propone di realizzare nello svolgimento delle attività istituzionali di cui all art.12 della L.R. 27/2009, vengono innanzitutto fissati detti obiettivi, per i quali si procede alla loro disamina specifica. 1

4 Successivamente vengono passate in rassegna le voci più rilevanti ed i relativi criteri di valorizzazione nonché le eventuali circostanze, che potrebbero incidere sulle previsioni. La relazione si chiude con l indicazione di rito delle variazioni dei compensi degli amministratori e dei sindaci e di ogni altro elemento funzionale a capire la ratio di formazione del Bilancio ed il suo grado di congruità. LINEE PROGRAMMATICHE E OBIETTIVI PLURIENNALI Le linee programmatiche sono concentrate prevalentemente sull ultimazione di lavori di un consistente numero di alloggi e sul recupero edilizio correlato da una significativa attività di manutenzione ordinaria, necessaria per il pronto intervento, e straordinaria del patrimonio esistente, che trovano espressione nel Piano Triennale ed elenco annuale di cui sopra. Gli obiettivi pluriennali individuati sono i seguenti: gestione di patrimoni immobiliari di Comuni e di altri Enti Pubblici della Provincia di Lecco; attività di progettazione, direzione lavori, consulenza ed assistenza tecnica ai soggetti di cui sopra; attività di costruzione, recupero edilizio e ristrutturazione al fine di incrementare e conservare il patrimonio ERP; iniziative immobiliari, residenziali e non, anche con il ricorso al credito, in grado di dare dei ritorni di reddito dall investimento e consentire accumuli di risorse finanziarie. OBIETTIVI ESERCIZIO 2014 In coerenza ed in conformità con le superiori linee programmatiche e con i superiori obiettivi pluriennali, si è proceduto alla redazione del Bilancio di Previsione 2014 che si propone le seguenti finalità: I. Potenziamento dell attività costruttiva II. Programmazione dell attività manutentiva degli immobili di proprietà, destinati all Edilizia Residenziale Pubblica e non solo III. Piano della sicurezza, in applicazione Direttive Regionali 2013 art. 11 IV. Potenziamento attività di gestione alloggi comunali V. DPS 2013 privacy VI. Utenza e morosità VII. Certificazione Bilancio Consuntivo

5 I) Realizzo obiettivi L anno 2013 per le Aler è stato caratterizzato da diversi atti in preparazione alla approvazione della riforma delle aler da parte del Consiglio Regionale della Lombardia. - infatti nel mese di aprile 2013 scaduti i C.d.A., la Regione Lombardia ha provveduto a nominare fino al 30 giugno 2013 i Collegi Commissariali nella figura degli stessi membri del C.d.A. - con decorrenza 1 luglio 2013 fino al 31 dicembre 2013 la Giunta Regionale ha nominato Giuseppe Canali ( attuale presidente) Commissario Straordinario dell Aler - in data 26 novembre 2013 il Consiglio Regionale della Lombardia ha approvato la legge di modifica alla legge regionale 4 dicembre 2009 n. 27 (testo unico delle leggi regionali in materia di edilizia residenziale pubblica) detta modifica riguarda la governance delle ALER e individua gli accorpamenti delle stesse mediante fusione per incorporazione entro 12 mesi dall entrata in vigore della legge stessa; - per quanto riguarda Lecco accorpamento è avvenuto con le Aler di Bergamo e di Sondrio e pertanto essendo l Aler di Bergamo l azienda con il maggior numero di alloggi di proprietà, l Aler di Lecco verrà incorporata in quella di Bergamo - pertanto per quanto sopra evidenziato l anno 2014 sarà impegnato per gli adempimenti relativi che saranno determinati con provvedimenti e disposizioni da parte di Regione Lombardia - tuttavia per quanto riguarda le opere di recente ultimate o in corso di attuazione preme evidenziare: a) Lecco via Mons. Polvara int. 01 In data 5 aprile 2013 alla presenza del Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e dell Assessore alla Casa Paola Bulbarelli sono stati consegnati n.36 alloggi a canone sociale b) Comune di Lecco: via Toti In data 11 ottobre 2013 alla presenza dell Assessore alla Casa Paola Bulbarelli e all Assessore dello sport Antonio Rossi sono stati consegnati n.24 alloggi a canone sociale c) Comune di Lecco: via Gorizia i lavori di costruzione di un fabbricato con n. 12 appartamenti e relativi boxes da locare a canone sociale sono oramai ultimati. Sono in corso le realizzazioni degli allacciamenti alle 3

6 reti. luce, gas, telefono acqua e fognatura. La consegna delle chiavi agli inquilini avverrà il prossimo mese di febbraio FABBRICATI IN COSTRUZIONE 1) Lecco via Monsignor Polvara int. 02 L Aler di Lecco, a seguito dell indisponibilità delle aree in Airuno ed in Lecco via Gorizia, ha chiesto alla Regione Lombardia la modifica dell AQST per la casa sottoscritto in data 24/01/2008 e di trasferire detti finanziamenti sull intervento in Lecco via Mons. Polvara (int. 02) Pertanto l ufficio tecnico ha completato il progetto per la realizzazione dell intervento 02, in via Mons. Polvara, che prevede n. 36 alloggi, autobox, cantine e locali comuni di cui n. 13 bilocali e n. 23 trilocali. Il progetto esecutivo è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione dell Aler di Lecco con provvedimento n. LC/016/09 in data 27/04/2009. Costo presunto Intervento ,00 Finanziamento regionale ,00 Finanziamento Aler ,00 Verificato che i fondi ancora disponibili negli AQST sottoscritti ammontano ad ,00, si è ritenuto opportuno realizzare n. 18 alloggi a canone sociale mentre i restanti n. 18 alloggi a canone moderato, utilizzando fondi propri. Successivamente si è provveduto alla gara di appalto dei lavori che il Consiglio di Amministrazione con provvedimento LC/028/09 in data 21/09/2009 ha affidato alla ditta OMICRON S di Policoro (MT) con il ribasso del 30,55% sul prezzo a base d asta. I lavori hanno avuto inizio il 25/11/2009 e l ultimazione era prevista per il 30.08/2011. Purtroppo l impresa aggiudicataria dei lavori dalla fine del mese di settembre ha abbandonato di fatto il cantiere. L Aler di Lecco, con raccomandata in data 30 settembre 2010, ha ordinato l immediata ripresa dei lavori ed ha richiesto di trasmettere entro l 8 ottobre 2010 il nuovo crono programma. Successivamente con telegramma del 5 ottobre 2010 è stato convocato per il giorno 11 ottobre 2010, presso gli uffici dell Azienda, il Sig. Silvano Martinelli in qualità di procuratore e di direttore tecnico. Verificato che l impresa non ha risposto alla nostra raccomandata ed il procuratore non si è presentato presso i nostri uffici, con nota del 12 ottobre 2010 la Ditta Omicron s srl è stata messa in mora ed è stato assegnato il perentorio termine di 15 giorni per dare corso alle opere e per dimostrare l effettiva capacità di ottemperare ai disposti contrattuali. L inadempimento di quanto prescritto ha dato luogo all avvio di procedure di risoluzione del contratto a danno dell impresa, così come previsto dall art. 136, comma 6, del D.L. 4

7 163/2006. Con lettera raccomandata, previo accordo telefonico, l avvocato dell impresa Omicron s comunicava la propria disponibilità ad intervenire il giorno al sopralluogo di verifica dello stato di consistenza dei lavori eseguiti nel cantiere di Via Polvara Int. 02. In tale data si è rilevato e stilato verbale sottoscritto dalle parti sulla situazione delle opere eseguite, del materiale e delle attrezzature presenti in cantiere da trascrivere sugli atti contabili a chiusura del contratto. Inoltre in data gli uffici hanno trasmesso la documentazione relativa alla transazione ALER / OMICRON S all Avv. Daniele Benedini, commissario giudiziale con funzioni di gestore dell impresa OMICRON S nominato dal Tribunale di Mantova per la richiesta dell autorizzazione al Giudice Delegato per la sottoscrizione di tutti gli atti. Successivamente il Consiglio di Amministrazione con proprio provvedimento n. LC/008/2011 in data ha deliberato di predisporre l aggiornamento del progetto per indire nuovo bando per l affidamento del completamento dei lavori di cui all oggetto, mediante procedura aperta con il criterio del massimo ribasso percentuale sull importo dei lavori posto a base di gara ai sensi dell art. 82 del d.lgs. 163/06 comma 2 lett. b) e s.m.i. La nuova gara d appalto è stata pubblicata sulla G.U. sulla Gazzetta Ufficiale V Serie Speciale Contratti Pubblici nr. 50 in data 29/04/2011. Nel termine prescritto del ore sono pervenute numero 23 offerte. La 1^ seduta di gara si è regolarmente svolta il giorno stilando una prima graduatoria relativa alle offerte ritenute anomale. Si è valutato che l impresa che ha presentato il ribasso percentuale maggiore è l'impresa ITE GROUP SPA con sede in Modena con il ribasso del 46,99%. Con raccomandata A.R. prot. 1498/2011 in data si è si provveduto alla richiesta per la verifica della congruità dei prezzi offerti secondo quanto previsto dall art. 88 del D.lgs. 163/2006.L impresa ha fornito le proprie giustificazioni entro il Con raccomandata A.R. prot. 1893/2011 in data a seguito di esame delle giustificazioni si sono richiesti ulteriori chiarimenti alla ITE GROUP SPA relativamente ad alcuni prezzi presentati, delle tecnologie utilizzate ed al costo della mano d opera. Con raccomandata A.R. prot. 1985/2011 in data richiamate le precedenti raccomandate e verificato che nulla è pervenuto a giustificazione delle anomalie riscontrate, si è proceduto all esclusione dell offerta della ITE GROUP ai sensi dell art. 88 comma 7 Dlgs. 163/2006. Con raccomandata A.R. prot. 2016/2011 in data si è invitata a presentare giustificazioni per offerta anomala la Ditta EURO COSTRUZIONI SRL seconda in graduatoria per la verifica della congruità dei prezzi offerti secondo quanto previsto 5

8 dall art. 88 del D.lgs. 163/2006. L impresa ha fornito le proprie giustificazioni entro il Con raccomandata A.R. prot /2011 in data a seguito di esame delle giustificazioni si sono richiesti ulteriori chiarimenti alla EURO COSTRUZIONI SRL relativamente ad alcuni prezzi. L impresa ha fornito le proprie giustificazioni entro il Con raccomandata in data 15 dicembre 2011 prot. 2951/2011 è stata convocata la Ditta Eurocostruzione s.r.l. per un incontro al fine di dimostrare la congruità dell offerta per il giorno 22 dicembre Durante l incontro il RUP ha illustrato gli elementi che riteneva indispensabili chiarire al fine della valutazione di congruità dell offerta. L incontro ha dato esito negativo in quanti il RUP visti gli elementi di verifica in suo possesso si è pronunciato per la non affidabilità dell offerta fatta dalla ditta Eurocostruzioni s.r.l.. Alla luce di quanto sopra illustrato il RUP ha suggerito di valutare la possibilità di annullare l appalto in corso per autotutela dell Azienda formulando il quesito al Consulente legale al fine di indire una nuova gara da aggiudicare mediante l offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell art.83 comma 1 del Dgls 163/2006, indicando nei criteri di valutazione a) il prezzo f) il costo di utilizzazione e manutenzione 1) la data di consegna ovvero il termine di consegna inferiore a quello indicato nel CSA. Pertanto il RUP Geom. Ronchetti con determinazione n. 1 del 18 gennaio 2012, determina di annullare in autotutela, per le motivazioni di cui in premessa, la gara d appalto per il completamento realizzazione di due edifici per i complessivi n. 36 alloggi e n. 36 autobox, in Lecco Via Mons. Polvara, intervento 02, Appalto n. 123/2011 CUP I15H CIG C59. Poi il Consiglio di Amministrazione con provvedimento n. LC/003/2012 in data 31 gennaio 2012 ha deliberato di annullare la gara di appalto n. 123/2011. Si è provveduto quindi ad indire una nuova gara di appalto da aggiudicare mediante l offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell art.83 comma 1 del Dgls 163/2006, indicando nei criteri di valutazione a) il prezzo f) il costo di utilizzazione e manutenzione 1) la data di consegna ovvero il termine di consegna inferiore a quello indicato nel CSA. Il termine per la presentazione delle offerte è scaduto il 23 aprile 2012 ed entro tale data sono pervenute n.18 offerte. La commissione di gara in data 17 maggio 2012 ha provveduto a stilare una graduatoria provvisoria e ad inviare al primo classificato lettera di richiesta giustificazioni tecniche ed economiche per la verifica della congruità dell offerta risultante anomala. Valutata la documentazione trasmessa, la giuria di gara ha proposto l affidamento all impresa ITI Impianti spa di Modena l aggiudicazione dell appalto con il ribasso d asta del 38,99%. 6

9 Sono stati verificati tutti i documenti presentati dall Impresa ed il Direttore Generale, con determina n. 421/2012 in data ha aggiudicato i lavori; successivamente è stata richiesta ed ottenuta la documentazione per la sottoscrizione del Contratto avvenuto in data Nella stessa data è stato sottoscritto il Verbale di Consegna dei Lavori, l ultimazione dei lavori è previsto nel mese di settembre Il costo Totale dell intervento ammonta ad ,00, comprensivo del Costo di Costruzione, Oneri di Sicurezza, acquisto area, realizzazione opere di urbanizzazione e spese tecniche. Costo Totale Intervento ,00 Contributo Regionale ,87 Quota a carico Aler Lecco ,13 2) Comune di Lecco: via monte Sabotino Richiesta di finanziamento alla Regione Lombardia per la realizzazione di n. 14 alloggi e n. 14 cantine e n. 14 autobox a canone sociale in Comune di Lecco via Monte Sabotino. La Regione Lombardia, con D.g.r. 5 Agosto 2010 n. 9/439, ha approvato l Avviso Pubblico, pubblicato sul B.U.R.L. in data 16 Agosto L allegato A) alla delibera invita i soggetti pubblici e privati a manifestare il proprio interesse a realizzare interventi, iniziative o misure riconducibili alle tipologie previste dall art. 1, comma 1, lettere b), c), d), e) del d.p.c.m. 16 luglio 2009, al fine di elaborare la proposta regionale al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti di Accordo di Programma di cui all art. 11, comma 4, d.l. 25 giugno 2008 n. 112 convertito con modificazioni dalle Legge 6 agosto 2008 n Nell invito sono indicati: - l oggetto dell avviso e i soggetti destinatari; - la tipologia delle proposte; - le modalità e i termini di presentazione della manifestazione di interesse; - i criteri di valutazione delle proposte. Questa Azienda, in collaborazione con il Comune di Lecco, ha predisposto un progetto per realizzare un intervento per la costruzione di 14 alloggi e relative pertinenze (Intervento 02), in Via Monte Sabotino, su un area in corso di acquisizione dal Comune di Lecco, ed ubicata nello stesso Programma Costruttivo di Via Gorizia, approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del Si rammenta che l Aler di Lecco sta realizzando nello stesso comparto n. 12 alloggi a Canone Sociale (intervento 01). 7

10 L iniziativa prevede la costruzione di un edificio, a tre piani fuori terra destinati ad abitazione, oltre ad un piano seminterrato per cantine, autobox e locali comuni. Le unità abitative da costruire sono n. 14 ed hanno le seguenti tipologie: -n. 8 alloggi composti da ingresso, cucina, soggiorno disimpegno, camera a due letti e bagno; -n.1 alloggi composti da ingresso, cucina, soggiorno disimpegno, camera a due letti, camera singola e bagno); -n. 5 alloggi composti da ingresso, cucina, soggiorno disimpegno, 2 camere due letti e bagno); Inoltre sono previsti, a completamento del Programma costruttivo, a servizio del quartiere parcheggi pubblici per mq. 405,37 ed un ampia area a Verde Pubblico da piantumare di mq ,65. Pertanto il Consiglio di Amministrazione dell Aler di Lecco con provvedimento n. LC/028/2010 del 27 settembre 2010 ha deliberato di: - di approvare il Progetto Preliminare relativo ad un intervento in Comune di Lecco, via Monte Sabotino, per la costruzione di un edificio per la realizzazione di n. 14 alloggi, n. 14 cantine, n. 14 autobox e relativi locali comuni; - di approvare il Quadro Tecnico Economico dell Intervento così costituito: Costo Area ,00 Spese di Acquisizione 4.000,00 Oneri di Urbanizzazione ,00 Spese di Appalto 4.000,00 Spese Tecniche ,00 Costo di Edificazione ,00 Imprevisti ,60 I.V.A. Costo di Costruzione ,40 Costo Totale Intervento ,00 Contributo Richiesto ,00 Finanziamento a Carico Aler ,00 - di approvare la documentazione relativa all Avviso Pubblico di manifestazione di interesse alla presentazione del progetto da inserire nella proposta di Accordo di Programma della Regione Lombardia, da trasmettere al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti ai fini dell attuazione del Piano Nazionale di Edilizia Abitativa, di cui ala D.g.r. 5 agosto 200 n. 9/439. In data 30/09/2010 tutta la suddetta documentazione è stata presentata in Regione Lombardia al fine di ottenere il relativo finanziamento. 8

11 La Giunta Regionale con provvedimento n in data 10 novembre 2010 ha approvato l elenco delle proposte da inviare al Ministero per la partecipazione al Piano Nazionale di edilizia abitativa ed ha inserito il succitato progetto presentato dall Aler di Lecco per un importo di euro ,00. Successivamente in data 02/12/2010 la Regione Lombardia in considerazione dei prossimi passaggi con il Ministero delle Infrastrutture, ha chiesto di voler confermare o rimodulare la proposta avanzata. In data è stata inviata alla Regione Lombardia Direzione Generale Casa la conferma dei dati proposti per l intervento. Con delibera LC/027/2011 in data 21/11/2011 a seguito di modifica del finanziamento regionale il C.D.A. ha riapprovato il progetto preliminare aggiornando la parte economica con l approvazione del nuovo QTE che prevede che : Contributo Richiesto ,00 Finanziamento a Carico Aler ,00 La Regione Lombardia con D.G.R. n. XI/2756 del 22 dicembre 2011 ha approvato lo schema di convenzione tipo con i soggetti attuatori per la realizzazione e gestione degli interventi. Il servizio tecnico ha predisposto il progetto definitivo dell intervento edilizio redatto ai sensi dell art. 93 del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. e dell art. 24 del D.P.R. n. 207/2010 e s.m.i. ed il Quadro Tecnico Economico del Progetto Definitivo costituito: Costo Area ,00 Spese di Acquisizione 4.000,00 Oneri di Urbanizzazione ,00 Spese di Appalto 4.000,00 Spese Tecniche ,00 Costo di Edificazione ,00 Imprevisti ,60 I.V.A. Costo di Costruzione ,40 Costo Totale Intervento ,00 Contributo Richiesto ,00 Finanziamento a carico Aler ,00 Il Presidente del Consiglio di Amministrazione ha assunto deliberazione d urgenza n. LC/001 in data 16 aprile 2012 avente per oggetto: D.G.R. 5 agosto n. 9/439- Avviso pubblico di manifestazione di interesse ai fini dell acquisizione di iniziative, progetti e misure per l elaborazione della proposta regionale di Accordo di Programma con il Ministero delle Infrastrutture e trasporti per l incremento del patrimonio abitativo ( d.p.c.m. 16 luglio 2009). Approvazione del progetto definitivo per la 9

12 realizzazione di un intervento in Comune di Lecco, via Monte Sabotino per la realizzazione di n. 14 alloggi, 14 cantine, 14 autobox, locali e pertinenze comuni. ( Programma costruttivo di edilizia economico-popolare, ai sensi dell art. 43bis L.R. n. 1/2000, integrata dalla L.R. n. 7/2005 e dall art. 51 della legge 22 ottobre 1974 n. 865 Comparto di Via Gorizia). La suddetta delibera è stata ratificata dal Consiglio di Amministrazione con deliberazione n. LC/010/2012 in data 23 aprile La nuova iniziativa prevede la costruzione di un edificio a tre piani fuori terra destinati ad abitazione, oltre ad un piano seminterrato per cantine, auto box e locali comuni. Le unità abitative da costruire sono n. 14 ed hanno le seguenti tipologie: -Scala 01 - Alloggio n. 01 (P.T.)-Su. mq. 57,19--Sl. mq. 69,94 -Scala 01 Alloggio n. 02 (P.T.)-Su. mq. 71,39-Sl. mq. 88,79 -Scala 01 Alloggio n. 03 (P.1 )-Su. mq. 71,37-Sl. mq. 86,33 -Scala 01 Alloggio n. 04 (P.1 )-Su. mq. 71,41-Sl. mq. 88,79 -Scala 01 Alloggio n. 05 (P.2 )-Su. mq. 71,37-Sl. mq. 86,33 -Scala 01 Alloggio n. 06 (P.2 )-Su. mq. 71,41-Sl. mq. 88,79 -Scala 02 Alloggio n. 01 (P.T.)-Su. mq. 69,10-Sl. mq. 88,39 -Scala 02 Alloggio n. 02 (P.T.)-Su. mq. 50,62-Sl. mq. 63,45 -Scala 02 Alloggio n. 03 (P.1 )-Su. mq. 55,23-Sl. mq. 70,07 -Scala 02 Alloggio n. 04 (P.1 )-Su. mq. 50,27-Sl. mq. 63,89 -Scala 02 Alloggio n. 05 (P.1 )-Su. mq. 50,66-Sl. mq. 62,03 -Scala 02 Alloggio n. 06 (P.2 )-Su. mq. 55,23-Sl. mq. 70,07 -Scala 02 Alloggio n. 07 (P.2 )-Su. mq. 50,27-Sl. mq. 63,89 -Scala 02 Alloggio n. 08 (P.2 )-Su. mq. 50,66-Sl. mq. 62,02 Successivamente il C.d.A con delibera n. LC/018/2012, in data 11 Giugno 2012, ha ratificato la delibera d urgenza del Presidente del relativa all approvazione dello schema di convenzione per attuazione dell intervento, tra Regione Lombardia, Aler di Lecco e Comune di Lecco; detta convenzione è stata sottoscritta il 6 Giugno L area relativa all intervento è stata acquistata dal comune di Lecco con convenzione sottoscritta in data 6 Novembre Il Progetto esecutivo è stato approvato dal Direttore Generale con determina n. 447/2012 in data autorizzando nel contempo gli uffici ad indire la gara per l aggiudicazione dei lavori. Il bando di gara è stato pubblicato il , le offerte devono pervenire entro il e la gara sarà espletata il L appalto dei lavori è stato aggiudicato all Impresa IRTE COSTRUZIONI SPA con sede a Monza Costo complessivo intervento ,00 10

13 Cofinanziamento regionale ,00 Finanziamento ALER ,00 I lavori saranno consegnati entro il mese di Aprile 2013 e l ultimazione è prevista per il mese di settembre PROPOSTE DI NUOVI INTERVENTI EDILIZI Edifici di proprietà del Comune di Lecco siti in via Don Ferrante 3-5, via Belfiore , via Belfiore e via Belfiore Il comune di Lecco è proprietario dei seguenti edigici, per complessivi n. 68 alloggi, di cui n. 32 sfitti e privi di impianti di riscaldamento con elementi fissi: - via Don ferrante 3 alloggi 6 sfitti 2 - via Don ferrante 5 alloggi 6 sfitti 2 - via Belfiore 75 alloggi 8 sfitti 3 - via Belfiore 77 alloggi 8 sfitti 7 - via Belfiore 79 alloggi 8 sfitti 5 - via Belfiore 70 alloggi 8 sfitti 2 - via Belfiore 72 alloggi 8 sfitti 6 - via Belfiore 78 alloggi 8 sfitti 3 - via Belfiore 80 alloggi 8 sfitti 2 - Totale alloggi 68 sfitti 32 -I suddetti alloggi sono gestiti dall ALER e l ufficio tecnico ha predisposto un preventivo di massima per la loro ristrutturazione che viene così sintetizzata: Quadro riepilogativo dei singoli interventi negli edifici di proprietà Comune di Lecco - via Don ferrante 3/5 alloggi 12 previsione spesa ,00 - via Belfiore 75 alloggi 8 previsione spesa ,00 - via Belfiore 77 alloggi 8 previsione spesa ,00 - via Belfiore 79 alloggi 8 previsione spesa ,00 - via Belfiore 78/80 alloggi 16 previsione spesa ,00 - via Belfiore 75 alloggi 16 previsione spesa ,00 Totale alloggi 68 previsione spesa totale ,00 Pertanto in data 24/06/2011 protocollo n.1682/2011 con nota congiunta del Sindaco di Lecco e del Presidente dell Aler è stata trasmessa alla Direzione Casa della Regione Lombardia la richiesta di coofinanziamento per la ristrutturazione dei suddetti immobili. 11

14 finanziamenti non potrà finanziare come in passato nuovi interventi. Successivamente il Sindaco di Lecco con nota in data 29/09/11 ha comunicato all Aler di Lecco che intende verificare altre opzioni che possano consentire il recupero del patrimonio di ERP sopra citato ed ha chiesto la collaborazione dell Aler stessa in questa ricerca A tal proposito il sindaco di Lecco ha preso contatto con la fondazione Housing Sociale di Milano. In data 18/10/11 si è pertanto avuto un primo sopralluogo con i funzionari della suddetta fondazione, i funzionari del comune di Lecco e quelli dell Aler. Entrambele due iniziative, sia quella R egionale che con la fondazione Housing Sociale di Milano non hanno avuto esisto positivo. Non pervenendo all Aler nessuna proposta, in data 6 novembre 2012, il Presidente dell Aler ha chiesto al Sindaco di Lecco un incontro per una verifica della situazione degli alloggi di via Belfiore in considerazione anche dell aumento degli alloggi sfitti e che quindi è ancora più urgente una soluzione del problema. Nella riunione si è individuato una soluzione per gli immobili, particolarmente fatiscenti di Via Belfiore (alloggi n 24 di cui n. 15 non locati), con la demolizione dei tre edifici esistenti e la costruzione di due nuovi fabbricati per complessivi n. 26 alloggi, di cui n. 14 a canone sociale e n. 12 per Housing Sociale; nel mese di Ottobre 2013 è stata verificata la possibilità di realizzare l intervento nell ambito del nuovo P.G.T. in corso di redazione. Per quanto riguarda i 6 alloggi sfitti di Via Belfiore 72, l Aler di Lecco ha predisposto il progetto per il loro recupero, con un costo presunto di ,18, di cui ,18 ed ,00 a valere sul finanziamento richiesto alla D.G. Casa, housing sociale e pari opportunità di cui alla Deliberazione della Giunta Regionale 12 Luglio 2013, n. X/401 e sul successivo bando in data 26 Luglio Realizzazione, in Comune di Lecco, di interventi di manutenzione ordinaria ed adeguamento impianti in alloggi di proprietà dell Aler di Lecco e del Comune di Lecco. La Giunta Regionale con deliberazione della Giunta Regionale n. X/401, del ha approvato dei criteri per la predisposizione del bando per interventi di recupero di alloggi a vantaggio delle fasce più deboli. In provincia di Lecco, secondo l allegato A) del D.d.u.o. potevano presentare domanda solo interventi siti in Comune di Lecco. Nel Bando erano indicati gli interventi ed i costi ammissibili, le modalità di determinazione dell ammontare del finanziamento richiedibile (misura 100% fino ad un 12

15 massimo di ,00), l importo complessivo del finanziamento pari ad ,00, le modalità ed i termini che ogni proposta può contenere. La documentazione completa doveva essere presentata a partire dal 23 settembre 2013 e non oltre il 23 Ottobre La valutazione di ogni proposta era svolta seguendo l ordine cronologico di presentazione delle stesse con le modalità a sportello e fino all esaurimento delle risorse disponibili. Questa Azienda ha predisposto un progetto per realizzare un intervento di manutenzione ordinaria ed adeguamento impianti nei sotto elencati sette alloggi di proprietà dell Aler di Lecco, siti in Lecco: - via Bassi n. 21, via Giotto n. 6, via Movedo n. 39, via Turbada n. 12, via Montebello n. 72, via Grandi n. 23, via Milazzo n. 27 fg. 1 mapp sub. 23 int. 1; Il servizio tecnico ha predisposto il progetto definitivo/esecutivo delle opere da eseguire nei vari alloggi sfitti con i relativi computi metrici estimativi da cui risulta che il Costo Complessivo (IVA inclusa), per il riattamento dei n. 7 alloggi, ammonta ad ,13 (IVA compresa), di cui ,52 richiesti alla Regione Lombardia ed ,93 a carico dell Aler di Lecco. Le opere previste consistono nella revisione degli impianti elettrici, adeguamento alloggi per assegnatari diversamente abili, sostituzione apparecchi sanitari, rubinetterie, verifica e sostituzione impianti di adduzione del gas metano, sostituzione di caldaie bi termiche e verifica di tutti gli impianti degli alloggi. Il Commissario Straordinario dell Aler di Lecco, Giuseppe Canali, con provvedimento in data 12 Settembre 2013 ha approvato il progetto che è stato presentato alla Regione Lombardia in data L Aler di Lecco ha inoltre elaborato il progetto per il recupero di n. 12 alloggi di proprietà del comune di Lecco, siti in Lecco, attualmente non occupati: - Via Belfiore 72 int ; - Via Campanella 32 int L importo presunto dei lavori ammonta ad ,15 (IVA compresa), di cui ,09 richiesti alla Regione Lombardia ed ,06 a carico del comune di Lecco. Le opere previste consistono: - Via Belfiore 72, interventi in n. 6 alloggi - demolizione e rifacimento parziale tavolati interni, sostituzione completa pavimenti e rivestimenti, realizzazione di impianti autonomi di riscaldamento a gas, sostituzione 13

16 completa impianto idrico sanitario, realizzazione di nuovo impianto elettrico secondo le attuali normative, sostituzione dei serramenti, sostituzione di porte interne e portoncino di ingresso alloggi, adeguamento canne di scarico ed esalazione. - Via Campanella 32, interventi in n. 6 alloggi: - revisione degli impianti elettrici, adeguamento alloggi per assegnatari diversamente abili, revisione impianti idrico-sanitario, sostituzione apparecchi sanitari, rubinetterie, verifica e sostituzione impianti di adduzione del gas metano, sostituzione di caldaie bi termiche tipo C, verifica di tutti gli impianti degli alloggi. La giunta comunale di Lecco con deliberazione n. 136 del ha approvato il progetto che è stato presentato alla Regione Lombardia in data I progetti dovrebbero essere approvati e finanziati entro il 20 Dicembre 2013; successivamente di procederà all appalto ed esecuzione lavori. Fondo Regionale per il Risanamento Ambientale e la Riqualificazione Energetica Sul B.u.r.l. N. 45 del 6 novembre 2012 è stato pubblicato il decreto di approvazione dell invito a presentare proposta per l accesso ai finanziamenti agevolati resi disponibili dal fondo rotativo regionale costituito presso FinLombardia S.p.a. e riservato a progetti per il risanamento ambientale e la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio residenziale pubblico da parte dell Aler. L Aler di Lecco intende aderire con un intervento su fabbricato in Comune di Missaglia e Caloziocorte. Intervento in Comune di Missaglia Via Seleggio n. 4-6, alloggi n. 12 L intervento consiste : - Rivestimento a cappotto facciate spess. cm. 12; - Isolamento copertura inclinata, spess. cm. 12; - Isolamento sottotetto; - Cappotto su estradosso piano interrato; - Sostituzione radiatori con valvole a comando remoto per la contabilizzazione remota e Termostato di comando per ogni alloggio; - Sostituzione caldaia con Caldaia a condensazione ed adeguamento Centrale termica; - Opere di zoccolatura edificio; - Ripristino balconi e gronde; - Verniciature opere in ferro; Il Costo totale presunto dell intervento ammonta ad ,00 14

17 Riqualificazione energetica di un edificio sito in comune di Caloziocorte, via Padri Serviti n. 22 L Aler di Lecco è proprietaria di un edificio sito in Comune di Caloziocorte, via Padre Serviti n. 22. L edificio, costruito nel 1971, con i finanziamenti Ina-Casa Gescal, è un compatto parallelepipedo che sorge a lato della Statale Briantea, a quota inferiore del piano stradale, all uscita dell abitato verso Bergamo. Il fabbricato, a 4 piani fuori terra, tre scale, di cui il piano terra, variamente articolato in pianta, ospita funzioni di servizio, quali ingressi, porticati, disimpegni, percorsi e collegamenti, cantine, locali comuni, immondezzai, centrale termica ed auto box per il ricovero di autovetture. Gli altre tre piani sono destinati a residenza, con diverse tipologie. L Aler di Lecco, ha sottoscritto in data 19 Luglio 2013 con il Politecnico di Milano, sede operativa di Lecco, un Contratto di Consulenza (Responsabile della Consulenza Prof. Giuliana Iannaccone) per lo Studio e analisi di soluzioni impiantistiche e tecnologiche per la riqualificazione energetica del complesso residenziale sito in Caloziocorte (LC) in Via Padri Serviti n. 22. La prestazione di consulenza consiste nella valutazione di scenari di intervento sia sui sistemi di generazione del calore, sia mediante idonee strategie di riqualificazione dell involucro edilizio con l obbiettivo di ridurre le spese di approvvigionamento energetico. Nello specifico l attività di consulenza si articolerà nelle seguenti fasi di lavoro: - Fase 1 19 luglio 15 settembre Stesura di un audit energetico. Analisi del sito e dell utenza; dati di progetto (involucro e impianto), sopralluogo e rilevazione sul campo; acquisizione dei dati storici di fatturazione energetica (contabilizzazione del fabbisogno di energia elettrica e termica per il riscaldamento degli ultimi 4 anni di conduzione). Calcolo del fabbisogno di energia termica per il riscaldamento e per la produzione di acqua calda sanitaria dell edificio secondo la norma UNI/TS 11300; - Fase 2 19 agosto 30 settembre Analisi del comportamento energetico dell edificio ipotizzando alcune alternative impiantistiche tra quelle ritenute più efficienti in funzione del targhet di prestazione e di costo (impianto acs centralizzato, ventilazione meccanica, pompa di calore, ecc.). Individuazione di interventi di riduzione della spesa energetica mediante adeguate strategie impiantistiche in accordo con le normative vigenti in termine di uso di risorse energetiche rinnovabili e tenendo conto dei principali scenari di intervento sull involucro al fine di considerare i vantaggi della interazione tra i vari componenti del sistema edificio+impanto. 15

18 Valutazione dei relativi tempi di ritorno degli investimenti, dei miglioramenti di classe energetica dell edificio secondo i target di progetto. - Fase 3 15 settembre marzo Valutazione, mediante modellazione dell edificio con sofware di simulazione dinamica (TRNSYS), del comportamento energetico dell edificio in diverse configurazioni tecnologiche (tipologie di isolamento, cambio dei serramenti) e delle condizioni di confort interno. Analisi del comportamento termico delle strutture tramite metodo agli elementi finiti. Calcolo del valore di trasmittanza lineica dei ponti termici dell involucro (opaco e trasparente) edilizio secondo la norma UNI EN ISO 10211:2008 (ponti termici in Edilizia calcolo dettagliato). Identificazione delle zone a rischio di condensazione superficiale di murature e solai, secondo la norma UNI EN ISO Analisi di Glaser per la verifica della formazione di condensazione interstiziale (ed eventuale evaporazione) negli strati della muratura, come indicato nella norma UNI EN ISO Calcolo del risparmio energetico ed economico atteso. - Fase 4 15 marzo ottobre Stesura del report e verifica dei risultati ottenuti. Le analisi condotte (Fase 1) hanno evidenziato un elevato fabbisogno di energia termica per il riscaldamento invernale con una conseguente elevata spesa di gestione dell edificio. In media nel periodo l edificio ha assorbito mediamente mc. di gas metano. Interventi migliorativi sull involucro e sugli impianti risultano fondamentali per ridurre la spesa di gestione. Considerando che l edificio oggetto di riqualificazione ha una superficie utile superiore ai 1000 metri quadrati è necessario pensare a strategie edificio-impianto con un adeguato sfruttamento delle energie rinnovabili. La simulazione del fabbisogno di energia globale attuale dell edificio (Fase 2) è stato quantificata in kwh/mq. anno (classe energetica G > 208,57 kwh/mq. anno). La proposta progettuale dell intervento tengono in considerazione della tipologia dell edificio, della normativa vigente in termini dì risparmio energetico e di produzione di energia da fonti rinnovabili e dei diversi sistemi di incentivazione economica presenti. Nello specifico le scelte tecno-impiantistiche sono studiate, da un lato allo scopo di ridurre drasticamente le dispersioni di energia verso l esterno, e, dall altro per rispettare la generazione di energia con sistemi che favoriscano lo sfruttamento di energie rinnovabili. Per quanto riguarda l involucro è opportuno intervenire mediante: - Isolamento sottofinestra interno con polistirene; - Sostituzione serramenti; - Isolamento a cappotto murature verticali perimetrali; - Isolamento solaio di copertura; - Isolamento primo solaio verso garage, porticato, cantine; 16

19 Mentre per gli impianti si ritiene di operare mediante: - Lavaggio impianto - Installazione valvole termostatiche e ripartitori; - Scambiatore di calore a piastre; - Installazione pompe elettroniche; - Installazione sistema di trattamento acqua; - Impianto di ventilazione meccanica; - Sistema di telecontrollo; - Sostituzione caldaia a condensazione e camino; - Pompe di Calore autonome per acqua calda sanitaria negli alloggi; Con queste proposte/soluzioni la simulazione del fabbisogno di energia globale dell edificio è stato quantificata in 62,20 kwh/mq. anno ( attuale kwh/mq. anno), con una ottima classe energetica C, nettamente inferiore all attuale riferimento legislativo (D.lgs I) di 87,74 kwh/mq. anno, con una riduzione di energia primaria del 83%. Il costo complessivo dell intervento ammonta a presunte ,06, da cui dedotto il totale dell incentivo conto termico presunto di ,56, per un importo netto di ,85. A) Vendita Alloggi Nell anno 2014 sarebbe interessante verificare la possibilità di poter vendere alcuni alloggi in quanto la loro gestione non risulta più interessante per l ALER. E opportuno quindi incaricare l ufficio tecnico di provvedere alla stesura di una valutazione dei succitati alloggi per le successive decisioni. Gli alloggi che potrebbero rientrare nel piano di vendita, sono i seguenti: n. 1 alloggio situato in Comune di Robbiate (parere favorevole del C.d.a. del 23/02/2009) n. 8 alloggio situato in Comune di Premana (delibera C.d.a. N.lc/019/2011 del 22/11/2011) Gli introiti provenienti dalle eventuali vendite potranno essere reimpiegati per nuovi interventi edilizi, di ristrutturazione, di recupero energetico. Si è operato per risolvere la situazione di Premana, via Roma 61; l area non era di proprietà dell A.L.E.R. di Lecco, il Comune non l aveva mai acquisita ed era intestata ai proprietari originari ed a Novembre 2011, dopo varie procedure è stata intestata all Aler di Lecco. Nei primi mesi del 2012 a verificare l area e gli edifici si è accertato che lo stato di fatto non corrispondeva alla situazione catastale; pertanto si è dovuto rilevare il terreno, identificare 17

20 l area assegnata, apporre i confini e reinserire catastalmente l edificio con Tipo mappale in data Successivamente è stato predisposto l accatastamento in data e tutti gli alloggi sono ora intestati all Aler di Lecco. Alla fine del mese di Luglio 2012 si è avuto un incontro in loco con gli assegnatari per verificare la disponibilità all acquisto, con esito positivo. Gli 8 alloggi sono ubicati in due distinti edifici; solo 4 alloggi sono occupati, mentre le restanti 4 unità abitative da alcuni anni non vengono assegnate dal comune di Premana per mancanza di richieste sia da parte dei residenti nel Comune, sia da parte dei Comuni limitrofi e alta Valsassina. Sono state predisposte dal Geom. Massimo Ronchetti, in data 28 Gennaio 2013, perizie di stima in coerenza con la Banca dati delle quotazioni immobiliari dell Agenzia del Territorio, relative al 1à semestre Gli importi determinati sono stati ridotti per i 4 alloggi assegnati, ai sensi dei commi 5 e 6, art. 46, Legge n. 27/2009 e sue modifiche ed integrazioni. Il Consiglio di Amministrazione, con deliberazione n. LC/02/2013, in data 4 Marzo 2013, ha approvato: 1. il Piano per la valorizzazione e razionalizzazione del Patrimonio di edilizia residenziale pubblica Legge Regionale n. 27/2009 Alienazione di n. 8 alloggi in Comune di Premana, Via Roma n. 61 e n. 63; 2. l elenco delle unità immobiliari libere/occupate in vendita, ai sensi degli art. 46 e 47 della L.R. n. 27/2009, come da allegato A; 3- il piano di reimpiego dei proventi della Vendita del Patrimonio ERP, predisposto secondo quanto indicato nell allegato B 4. di trasmettere il Piano alla Direzione Generale Casa della Regione Lombardia per la sua approvazione da parte della Giunta Regionale. 18

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 252 approvata il 15 aprile 2015 DETERMINAZIONE: ACQUISTO DI N. 42

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Dati Schede 2 C - Mod. C enti non commerciali COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITÀ SOCIALI Organizzazioni, fondazioni, associazioni

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico GSE Gestore Servizi Energetici Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico D.M. 28 dicembre 2012 Indice dei contenuti 1. Generalità... 4 Finalità del documento... 4 Requisiti minimi per l utilizzo

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Mod. 2 - imprese COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER IMPRESE Attività produttive, industriali, agricole, zootecniche, commerciali, artigianali, turistiche,

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO AP/ap Determinazione n. DD-2015-391 esecutiva dal 06/03/2015 Protocollo Generale n. PG-2015-22551 del 05/03/2015

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 OGGETTO: Fornitura in noleggio con somministrazione (durata: cinque anni) di n. 1 sistema per l analisi del linfonodo sentinella modello OSNA integrato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI SERVIZIO EDILIZIA RESIDENZIALE

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI SERVIZIO EDILIZIA RESIDENZIALE ALLEGATO A AVVISO PUBBLICO Manifestazione di interesse alla presentazione di progetti, iniziative e misure da inserire nella proposta di Accordo di Programma della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli