TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial"

Transcript

1 H TAILR AIFA TArceva Italian Lung ptimization trial ttimizzazione dell erlotinib per il trattamento di pazienti con tumore del polmone avanzato non a piccole cellule: uno studio italiano randomizzato SISSI

2 H TAILR AIFA SISSI Title Sponsor Fase clinica Introduzione Scopo generale dello studio biettivi TAILR AIFA [TArceva Italian Lung ptimization trial] ttimizzazione dell erlotinib per il trattamento di pazienti con tumore del polmone avanzato non a piccole cellule: uno studio italiano randomizzato A.. Fatebenefratelli e ftalmico - Milano III Erlotinib è registrato per il trattamento di seconda linea e linee successive di pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule (SCLC) con un beneficio di piccola entità. Recentemente vi sono evidenze a favore di una differente efficacia di erlotinib in sottogruppi di pazienti definiti sulla base di caratteristiche cliniche e biologiche. La maggior parte di queste prove deriva da serie di casi od analisi post-hoc, invece che da studi clinici randomizzati e adeguatamente pianificati, cosicché la loro interpretazione è controversa. La presenza di mutazioni EGFR, un numero incrementato di copie EGFR e l espressione dell EGFR dovrebbero essere marcatori in grado di selezionare pazienti rispondenti all erlotinib, mentre la presenza di mutazioni K-ras dovrebbe essere indice di una prognosi sfavorevole. Potrebbero avere un valore predittivo per la selezione dei pazienti rispondenti o non al trattamento con erlotinib anche il fumo e l istotipo. Infine, studi recenti hanno mostrato che informazioni simili potrebbero essere tratte da campioni ematici. Su questa base, riteniamo sia possibile effettuare una terapia personalizzata guidata da caratteristiche molecolari e cliniche, che potrebbe consentire l ottimizzazione sia delle risorse, che dei costi. Scopo dello studio è la valutazione della possibilità di ottimizzare un trattamento di seconda linea nel SCLC utilizzando marcatori biologici e clinici. Anche se è possibile assumere che in pazienti con mutazioni EGFR erlotinib migliori la sopravvivenza globale (S) e dia risposte obiettive più frequenti e più durevoli, il ruolo di erlotinib in pazienti senza mutazioni EGFR è controverso. In base a questi assunti, il valore predittivo delle mutazioni di K-ras, dell espressione della proteina EGFR, e il del numero delle copie del gene EGFR, dell istotipo tumorale e dell abitudine al fumo nel determinare l effetto di erlotinib a confronto con chemioterapia sarà valutato in pazienti senza mutazioni EGFR. Indicatore primario Confrontare l efficacia in termini di S di erlotinib vs docetaxel somministrati come seconda linea di terapia in pazienti con SCLC avanzato. Sopravvivenza globale (S). Più in particolare, il valore predittivo delle mutazioni di K-ras, l espressione della proteina EGFR e il numero delle copie del gene EGFR nel determinare l effetto di erlotinib a confronto con chemioterapia saranno valutati in pazienti senza mutazioni EGFR. Indicatori secondari confrontare l efficacia in termini di ssopravvivenza libera da progressione (PFS) confrontare il ttasso di risposta confrontare la qqualità di vita (QoL) valutare il pprofilo di sicurezza dei trattamenti fornire indicazioni sulla prevalenza di marcatori biologici, la loro intercorrelazione e la loro associazione con variabili cliniche (istotipo, sesso, età, abitudine al fumo) Studi ancillari Altri obiettivi secondari saranno valutati attraverso sottoprotocolli specifici. Tali sottoprotocolli riguarderanno la raccolta di campioni ematici al fine di identificare differenti polimorfismi correlati alla prognosi e di valutare la loro sensibilità e 2

3 H TAILR AIFA specificità nell identificazione di mutazioni dell EGFR e di K-ras in confronto ai campioni istologici. Disegno dello studio Studio di fase III, italiano, multicentrico, in aperto, randomizzato per valutare l efficacia di terapie di seconda linea in differenti sottogruppi di pazienti con SCLC, definiti in base a valutazioni molecolari e parametri clinici (fumo e istologia). Al fine di definire la popolazione appropriata per entrare nello studio, sono previste le seguenti 3 differenti fasi. Fase 1: Registrazione e raccolta dei campioni tissutali In questa fase pazienti con SCLC prima o durante una prima linea di chemioterapia a base di platino oppure pazienti ricaduti dopo una prima linea di chemioterapia adiuvante o neoadiuvante a base di platino saranno registrati, dopo aver fornito la propria disponibilità a fornire il materiale per le analisi molecolari. I campioni tissutali ed ematici saranno raccolti per effettuare le analisi genomiche ed immunoistochimiche al fine di identificare le caratteristiche molecolari del tumore. Fase 2: Randomizzazione delle terapie di seconda linea Alla progressione dopo la prima linea di trattamento, i pazienti con mutazioni EGFR saranno trattati con erlotinib e seguiti in follow-up, mentre i pazienti senza mutazioni EGFR saranno randomizzati ad un trattamento consistente di: - erlotinib 150 mg/die fino a progressione di malattia o tossicità inaccettabile - docetaxel 75 mg/m 2 il giorno 1 ogni 21 giorni (schedula ogni 3 settimane) o 35 mg/m 2 i giorni 1, 8 e 15 ogni 28 giorni (schedula settimanale) fino a progressione di malattia o tossicità inaccettabile Fase 3: Valutazione clinica e ulteriori trattamenti Durante il trattamento e nel corso della fase di follow-up, la valutazione clinica dei pazienti sarà effettuata su base regolare, al fine di raccogliere i dati per confrontare l efficacia e la sicurezza. In caso di ulteriore progressione, a giudizio dello sperimentatore, i pazienti potranno ricevere una terapia di terza linea standardizzata con pemetrexed, 500 mg/m 2 il giorno 1 ogni 21 giorni supplementato da acido folico e vitamina B12, o gemcitabina (1000 mg/m 2 il giorno 1, 8, 15 ogni 28 giorni) o vinorelbina (30 mg/m 2 il giorno 1, 8, 15 ogni 28 giorni), in accordo alla prima linea di trattamento somministrata, fino a progressione di malattia o tossicità inaccettabile. umero di pazienti Sarà necessario registrare approssimativamente 1500 pazienti al fine di randomizzare il numero richiesto di pazienti. Popolazione target Criteri d inclusione Età > 18 anni Pazienti con diagnosi istologica o citologica di SCLC localmente avanzato o metastatico in seconda linea di trattamento o ricaduti dopo un trattamento adiuvante o neoadiuvante. Diagnosi istologica o citologica di tumore del polmone non a piccole cellule (SCLC). Solo pazienti con campioni di tessuto disponibile possono essere inclusi nello studio Assenza di mutazioni 19 o 21 dell EGFR (randomizzazione) SCLC localmente avanzato o metastatico, non suscettibile di chirurgia curativa o radioterapia Un solo precedente regime a base di platino a dosi piene, non contenente taxani e non contenente farmaci che interferiscano con la via di trasduzione EGFR (anche in regimi adiuvanti o neoadiuvanti) Malattia misurabile valutata con i criteri RECIST in una lesione non precedentemente irradiata o malattia non misurabile 3

4 H TAILR AIFA ECG-PS 0-2 Conta assoluta di neutrofili >1.5 x 10 9 /L e piastrine >100 x 10 9 /L Livello di bilirubina normale o <1.5xlimite superiore di normalità (UL) AST e ALT <2.5 x UL (<5xUL se sono presenti metastasi epatiche) Creatinina serica <1.5xUL Efficace metodo contraccettivo sia per maschi sia per femmine, se esiste il rischio di concepimento Risoluzione di tutte le tossicità acute derivanti da precedenti terapie Consenso informato all analisi dei marcatori biologici (registrazione) Consenso informato al trattamento (randomizzazione) Criteri d esclusione Precedente terapia con un agente sperimentale il cui meccanismo d azione principale sia l inibizione dell EGFR o delle tirosin-chinasi Durata dello studio Precedente terapia con taxani Metastasi del sistema nervoso centrale (SC) di nuova diagnosi che non siano già state trattate con chirurgia e/o radiazioni. Pazienti con metastasi del SC precedentemente diagnosticate e trattate o compressione della corda spinale possono essere inclusi se con evidenza di malattia clinicamente stabile (in assenza di terapia con steroidi o dose di steroide in diminuzione) da almeno 28 giorni - Pazienti che hanno ricevuto un regime a base di platino a dosaggio radio sensibilizzante (precedente intervento chirurgico e/o radioterapia locale sono permesse) Meno di 14 giorni dal completamento della precedente radioterapia o persistenza di qualche tossicità legata a tale trattamento Qualsiasi tossicità cronica non risolta derivante da precedente terapia antitumorale che al giudizio dello sperimentatore renda inappropriato l arruolamento nello studio Severa ipersensibilità all erlotinib o ad uno dei suoi eccipienti Ipersensibilità al docetaxel, al polisorbato 80 o altri farmaci formulati con polisorbato 80, o ad uno dei suoi eccipienti Altre neoplasie maligne concomitanti o diagnosticate negli ultimi 5 anni con eccezione del basalioma e del tumore della cervice in situ Incapacità a deglutire le compresse Qualsiasi evidenza di malattia polmonare interstiziale clinicamente attiva gni evidenza di malattia sistemica severa o non controllata (ad esempio malattia respiratoria instabile o scompensata, malattia cardiaca, epatica o renale) gni evidenza di cambiamenti della superficie dell occhio che a giudizio dello sperimentatore controindichino la terapia con inibitori delle tirosin kinasi Evidenza di qualsiasi altro disturbo clinicamente importante o parametro di laboratorio alterato che renda indesiderabile la partecipazione del paziente allo studio Gravidanza Allattamento Il periodo di reclutamento dei pazienti ha una durata attesa di circa mesi. Al fine di valutare l S, si prevede un follow-up della durata di almeno una anno. La durata totale massima dello studio sarà quindi di circa mesi. 4

5 H TAILR AIFA Regimi di trattamento Terapia di II linea Pazienti con mutazioni EGFR riceveranno: erlotinib 150 mg/die fino a progressione di malattia. Pazienti senza mutazioni EGFR saranno randomizzati a ricevere: erlotinib 150 mg/die fino a progressione di malattia o tossicità inaccettabile o docetaxel 75 mg/m 2 il giorno 1 ogni 21 giorni (schedula ogni 3 settimane) o 35 mg/m 2 i giorni 1, 8 e 15 ogni 28 giorni (schedula settimanale) fino a progressione di malattia o tossicità inaccettabile Terapia di III linea Tutti i pazienti dopo In caso di ulteriore progressione di malattia, a giudizio dello sperimentatore, i pazienti potranno ricevere pemetrexed, somministrato alla dose di 500 mg/m 2 il giorno 1 ogni 21 giorni, supplementato da acido folico e vitamina B12, o gemcitabina (1000 mg/m 2 il giorno 1, 8, 15 ogni 28 giorni) o vinorelbina (30 mg/m 2 il giorno 1, 8, 15 ogni 28 giorni), in accordo alla prima linea di trattamento somministrata, fino a progressione di malattia o tossicità inaccettabile. Allocazione dei pazienti al trattamento Indicatori Metodi statistici E importante non effettuare cross-over con i farmaci in studio. Dopo la registrazione solamente pazienti senza mutazioni EGFR e che rispettino tutti i criteri di inclusione/esclusione potranno entrare nella parte randomizzata dello studio. L allocazione ad uno dei trattamenti sarà centralizzata con un rapporto di randomizzazione 1 : 1 tramite una procedura di minimizzazione con il centro, lo stadio (progrediti vs. recidivati), prima linea di chemioterapia (contenente vinorelbina vs contenente gemcitabina vs contenente pemetrexed vs contenente altri farmaci), ECG-PS (0-1 vs. 2), adeguatezza del campione istologico (ottimale vs sub-ottimale) come variabili di stratificazione. Pazienti con mutazioni EGFR potranno invece entrare nella parte non randomizzata dello studio. Efficacia S è definito come il tempo intercorrente tra la data di randomizzazione e la data di morte per qualsiasi causa. I soggetti di cui non sia stata riportata la morte al momento dell analisi saranno censorizzati all ultima data in cui sia noto lo stato in vita PFS è definito come il tempo intercorrente tra la data di randomizzazione e la data della prima progressione, secondo tumore primario o morte per qualunque causa, qualunque di essi avvenga prima. Soggetti che non siano progrediti o morti nel corso dello studio saranno censorizzati alla data dell ultima valutazione La risposta verrà valutata attraverso i criteri RECIST La QoL sarà valutata attraverso i questionari QLQ-C30 e ERTC QLQ-LC13 Sicurezza Tossicità, valutata tramite la scala CI-CTAE versione 3.0 Dimensione del campione Frequenza e natura delle reazioni serie Interruzioni premature del trattamento biettivo primario dello studio è valutare la presenza di un differente effetto tra erlotinib e chemioterapia nei gruppi di pazienti definiti sulla base di fattori biologici e clinici: Pazienti con mutazione K-ras oppure pazienti senza mutazione K-ras e EGFR(IHC)- e FISH-/non nota/non valutabile (gruppo A, 50% del campione randomizzato), in cui una riduzione relativa di mortalità pari al 30% può 5

6 H TAILR AIFA essere anticipata in favore di docetaxel (HR erlotinib/docetaxel: 1.43) Pazienti senza mutazione k-ras e (EGFR (IHC)+ e/o FISH+) (Gruppo B, 50% del campione randomizzato), in cui una riduzione relativa di mortalità pari al 30% può essere anticipata in favore di erlotinib (HR erlotinib/docetaxel: 0.70) L effetto di erlotinib in confronto con docetaxel nella popolazione generale è atteso essere simile, con una mediana di sopravvivenza pari circa a 7 mesi Gruppo A, che include pazienti : K-ras mutati K-ras wild-type con FISH negativa e EGFR (IHC)negativa k-ras wild-type, con istotipo squamoso, indipendentemente dallo stato di fumatore (in caso di FISH non nota/non valutabile e EGFR (IHC) negativa/non nota/non valutabile) k-ras wild-type, con istotipo non squamoso, e fumatori (in caso di FISH non nota/non valutabile e EGFR (IHC) negativa/non nota/non valutabile) Gruppo B, che include pazienti: k-ras wild-type e (FISH positiva e/o EGFR (IHC) positiva) k-ras wild-type con istotipo non squamoso, e non fumatori (in caso di FISH non nota/non valutabile e EGFR (IHC) negativa/non nota/non valutabile) In base alle seguenti assunzioni: Un uguale distribuzione dei pazienti nei gruppi A e B (50% nel gruppo A e 50% nel gruppo B) Un effetto simile della chemioterapia e ERL nella popolazione generale (comprendente anche i pazienti con mutazione degli esoni dell EGFR (ERL/DC=1), con una sopravvivenza mediana di circa 7 mesi Un vantaggio a favore di ERL (HR ERL/DC=0.50) nel sottogruppo dei pazienti con mutazione EGFR (circa il 10% del totale dei pazienti) Un vantaggio a favore di DC (HR ERL/DC=1.06) nel sottogruppo dei pazienti privi di mutazione EGFR (circa il 90% dei pazienti) el gruppo A nessun effetto di ERL è atteso, mentre si assume che la chemioterapia potrebbe avere un effetto simile a quello ottenuto nella popolazione totale (es. riduzione della mortalità del 30%). Di conseguenza ci si attende un vantaggio di DC vs. ERL del 30%, che si traduce in un HR (ERL/DC) di 1.43 Se è possibile anticipare un effetto positivo di DC nel gruppo A, un effetto positivo di ERL può essere invece ipotizzato nel gruppo B. Di conseguenza si può assumere che il vantaggio di ERL vs. DC in questi pazienti sia pari a circa il 21% (HR ERL/DC:0.79). Con pazienti ( nel gruppo A e nel gruppo B), lo studio ha una potenza > di 95% di evidenziare l effetto predittivo postulato, con un errore di I tipo del 5%, a due code, saggiando l effetto d interazione attraverso il modello di Cox. Lo stesso numero di soggetti permette di evidenziare una 6

7 H TAILR AIFA differenza statisticamente significativa tra erlotinib e docetaxel in ciascun sottogruppo attraverso il test del log-rank ad un livello di significatività a due code del 5%, con una potenza rispettivamente del 93 86% e dell 88 56%. Poiché è anticipabile che circa il 35% dei pazienti non sarà considerato eligibile per un trattamento di seconda linea, e che la proporzione di pazienti con SCLC con mutazioni EGFR è approssimativamente pari al 15 10%, e che circa il 25% dei campioni tissutali risulterà inadeguato per le indagini molecolari, sarà necessario registrare un totale di circa 1500 pazienti al fine di raggiungere il numero richiesto per la parte randomizzata dello studio. L analisi finale è attesa essere effettuata circa 12 mesi dopo la fine del reclutamento, dando una durata totale dello studio pari a mesi. Analisi statistica Il seguente approccio sarà utilizzato per valutare il valore dei marcatori biologici nel predire l effetto del trattamento nei sopra definiti sottogruppi dei pazienti. Il primo passo valuterà la presenza di un differente effetto dei trattamenti nel gruppo A verso il gruppo B, valutando così il valore predittivo della mutazione di k-ras o la simultanea assenza di mutazione k-ras e dell amplificazione di EGFR e/o di espressione della proteina EGFR. L interazione statistica sarà valutata in un modello di Cox che includerà il gruppo (A vs. B), il trattamento, il primo termine dell interazione trattamentoxgruppo. Anche lo stadio, il PS e il precedente regime di I linea e l adeguatezza del campione istologico verranno inclusi come covariate. L analisi dell efficacia del trattamento in ciascuno dei gruppi sarà effettuata tramite il test del log-rank. Il secondo passo consisterà in un analisi esplorativa che confronterà ciascun sottogruppo. Tutte le analisi statistiche saranno condotte secondo l approccio per intenzione al trattamento, quindi tutti i pazienti randomizzati e che abbiano soddisfatto i criteri di eligibilità saranno inclusi nell analisi di efficacia nel braccio assegnato da randomizzazione. 7

SINOSSI DEL PROTOCOLLO

SINOSSI DEL PROTOCOLLO SINOSSI DEL PROTOCOLLO TITOLO DELLO STUDIO: CODICE DEL PROTOCOLLO: SPONSOR: FASE DELLO STUDIO: CENTRI PARTECIPANTI ALLO STUDIO: PERIODO DI STUDIO PIANIFICATO (PRIMO ARRUOLAMENTO ULTIMO PAZIENTE USCITO

Dettagli

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione SINOSSI TITOLO Studio di fase I-II con Lapatinib in combinazione con capecitabina e vinorelbina come seconda linea di trattamento in pazienti con carcinoma mammario con iperespressione di ErbB2 localmente

Dettagli

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E.

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E. RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E. pag 1 di 4 Randomized Proteomic Stratified Phase III Study of Second Line Erlotinib versus Chemotherapy in Patients with Inoperable Non Small

Dettagli

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Studio aperto randomizzato multicentrico di fase III di confronto tra il trattamento con Erlotinib (Tarceva ) e la chemioterapia nei pazienti affetti da carcinoma non a piccole

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights 16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights RISULTATI PRELIMINARI STUDIO ITACA Lo studio Itaca è uno studio multicentrico italiano di Fase III che confronta un trattamento chemioterapico tailored

Dettagli

Sponsor. III Obiettivi Primari

Sponsor. III Obiettivi Primari Titolo Sponsor ITACA-S 2 (Intergruppo Nazionale Adiuvante Gastrico 2): Confronto tra l efficacia di un trattamento chemioterapico peri-operatorio e un trattamento chemioterapico post-operatorio in pazienti

Dettagli

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI )

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) 1/7 MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) Nome Commerciale XALKORI Principio Attivo Crizotinib Ditta Produttrice Pfizer Italia Srl ATC L01XE16 Formulazione Capsule rigide Dosaggio 200 mg 250 mg Altri antineoplastici

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

SINOSSI DEL PROTOCOLLO

SINOSSI DEL PROTOCOLLO SINOSSI DEL PROTOCOLLO Titolo Numero di protocollo Studio multicentrico, in aperto, randomizzato e adattivo di palifosfamide-tris, un nuovo DNA crosslinker, in combinazione con chemioterapia con carboplatino

Dettagli

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006 ALLEGATO A Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing Principio attivo ERLOTINIB (Tarceva ) SUNITINIB (Sutent ) SORAFENIB (Nexavar

Dettagli

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Negli ultimi anni c è stato un notevole cambiamento nella gestione diagnosticoterapeutica dei soggetti affetti da neoplasia

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

SINOSSI DEL PROTOCCOLO

SINOSSI DEL PROTOCCOLO Protocollo GO27821, versione 2 SINOSSI DEL PROTOCCOLO TITOLO: NUMERO DI PROTOCOLLO: STUDIO DI FASE II, RANDOMIZZATO, MULTICENTRICO, IN DOPPIO CIECO, CONTROLLATO VERSO PLACEBO, PER VALUTARE L'EFFICACIA

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

Algoritmi e percorsi terapeutici dei Carcinomi del Polmone

Algoritmi e percorsi terapeutici dei Carcinomi del Polmone Algoritmi e percorsi terapeutici dei Carcinomi del Polmone Standard Individualizzata Sperimentale Stadio Ia/Ib T1-2a N0 M0 radicale) CHIR con resezione sub-lobare, solo stadio Ib CHIR con VATS campionamento

Dettagli

Fattori predittivi di risposta al trattamento con chemioterapici e/o farmaci biologici nei tumori polmonari

Fattori predittivi di risposta al trattamento con chemioterapici e/o farmaci biologici nei tumori polmonari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dottorato di ricerca in Fisiopatologia Sistemica Ciclo XXIII Fattori predittivi di risposta al trattamento con chemioterapici e/o farmaci biologici nei tumori polmonari

Dettagli

IMAGE GUIDED RADIATION THERAPY (IGRT) DEL TUMORE DEL POLMONE NON A PICCOLE CELLULE CON IPOFRAZIONAMENTO DELLA DOSE (IGIM Trial)

IMAGE GUIDED RADIATION THERAPY (IGRT) DEL TUMORE DEL POLMONE NON A PICCOLE CELLULE CON IPOFRAZIONAMENTO DELLA DOSE (IGIM Trial) Versione 04.06.2012 PROTOCOLLO DI STUDIO IMAGE GUIDED RADIATION THERAPY (IGRT) DEL TUMORE DEL POLMONE NON A PICCOLE CELLULE CON IPOFRAZIONAMENTO DELLA DOSE (IGIM Trial) COORDINATORE PROGETTO DI RICERCA

Dettagli

BAY 43-9006/13266 - SINOSSI DEL PROTOCOLLO

BAY 43-9006/13266 - SINOSSI DEL PROTOCOLLO BAY 43-9006/13266 - SINOSSI DEL PROTOCOLLO Nome dello sponsor Nome del prodotto finito Nome del principio attivo Titolo dello studio Sperimentatore Principale Centri dello studio pianificati Periodo di

Dettagli

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne.

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne. TUMORE DEL POLMONE Nel periodo 27-211 sono stati registrati complessivamente in provincia di Latina 172 nuovi casi di tumore del polmone. E risultato al 1 posto in termini di frequenza fra le neoplasie

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica:

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica: TRASTUZUMAB per l'indicazione: in associazione ad un inibitore dell aromatasi nel trattamento di pazienti in postmenopausa affetti da carcinoma mammario metastatico positivo per i recettori ormonali, non

Dettagli

La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità. a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati (Ferrara)

La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità. a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati (Ferrara) Protocollo diagnostico-terapeutico per le Pazienti con carcinoma mammario La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

GRUPPO PAZIENTI CON MUTAZIONE DI EGFR

GRUPPO PAZIENTI CON MUTAZIONE DI EGFR Q/A DELLA CHAT del 26/10/2011 GRUPPO PAZIENTI CON MUTAZIONE DI EGFR EURTAC TRIAL 1 Nello studio EURTAC come si spiega un Response Rate così basso della CTx rispetto all atteso dei soggetti EGFR mutati

Dettagli

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO COME E QUANDO GLI ASPETTI TECNICI DEI PROTOCOLLI POSSONO-DEVONO ESSERE OGGETTO-ARGOMENTO DI DECISIONI ETICHE? Fausto Roila Oncologia Medica, Terni NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE

Dettagli

Stefania Corso 17 ANNI. Una lotta durata una vita

Stefania Corso 17 ANNI. Una lotta durata una vita Stefania Corso 17 ANNI Una lotta durata una vita Stefania Corso, 17 anni Copyright 2015 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE

LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE Gianna Regis qualche informazione Il tumore del polmone rappresenta la prima tra le cause di morte tumorale in termini di frequenza tra i maschi e la seconda tra

Dettagli

Specialità: Avastin(Roche spa)

Specialità: Avastin(Roche spa) BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule, non resecabile, avanzato, metastatico o in ricaduta in aggiunta a chemioterapia a base

Dettagli

CRIZOTINIB - XALKORI

CRIZOTINIB - XALKORI giunta regionale Allegato A al Decreto n. 253 del 28 agosto 2015 pag. 1/8 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED CRIZOTINIB - XALKORI Indicazione in esame: é indicato per

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

ABRAXANE (nab-paclitaxel) - Carcinoma pancreas esocrino

ABRAXANE (nab-paclitaxel) - Carcinoma pancreas esocrino Campo obbligatorio ai fini dell'eleggibilità Campo obbligatorio ABRAXAN (nab-paclitaxel) - Carcinoma pancreas esocrino Abraxane in associazione con gemcitabina è indicato per il trattamento di prima linea

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Studio clinico randomizzato, con gruppo di controllo, sull Agopuntura Tradizionale Cinese come Terapia di Supporto in pazienti sottoposti a trattamento Chemioterapico

Dettagli

004-IRCC-10IIS-12 Versione del Protocollo Finale 1.0 27 aprile 2012. Trastuzumab. Pertuzumab Formulazione orale. Roche

004-IRCC-10IIS-12 Versione del Protocollo Finale 1.0 27 aprile 2012. Trastuzumab. Pertuzumab Formulazione orale. Roche 1 SINOSSI Titolo del protocollo: Numero del protocollo: Studio in aperto, di fase II, della combinazione trastuzumab e lapatinib o pertuzumab e trastuzumab in pazienti con carcinoma del colon retto metastatico

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

Studi clinici controllati in area di elevata incertezza Oncologia Quesito G1

Studi clinici controllati in area di elevata incertezza Oncologia Quesito G1 Studi clinici controllati in area di elevata incertezza Oncologia Quesito G1 Studio randomizzato multicentrico di CONFronto tra ERlotinib e Monochemioterapia nel trattamento di terza linea del tumore polmonare

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

STUDIO CLINICO di Fase II MYETT MYocet Endoxan Taxotere Trastuzumab. Sinossi del protocollo

STUDIO CLINICO di Fase II MYETT MYocet Endoxan Taxotere Trastuzumab. Sinossi del protocollo 1 STUDIO CLINICO di Fase II MYETT MYocet Endoxan Taxotere Trastuzumab Sinossi del protocollo Titolo Protocollo: Studio di fase II con doxorubicina liposomiale più ciclofosfamide in associazione a trastuzumab,

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

Documento PTR n.212 relativo a:

Documento PTR n.212 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.212 relativo a: PAZOPANIB Aprile 2014 Pazopanib Indicazioni registrate

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI GEFITINIB ATC L01XE02 (IRESSA ) Presentata da Dott. A. Contu Direttore Oncologia medica ASL 1 Sassari In data luglio 2010 Per le seguenti motivazioni: Iressa è l unico

Dettagli

Sarcomi delle parti molli

Sarcomi delle parti molli Sarcomi delle parti molli Sarcomi dei tessuti molli ad alto rischio in fase localizzata degli arti e del tronco: approccio integrato con chemioterapia standard vs chemioterapia orientata per istotipo in

Dettagli

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella!

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella! Il trattamento stereotassico delle lesioni surrenaliche in pazienti oligometastatici affetti da NSCLC: una promettente arma per il controllo locale di malattia?! E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore,

Dettagli

Evento Formativo accreditato ECM

Evento Formativo accreditato ECM Evento Formativo accreditato ECM INCONTRI CON L ESPERTO 2015 Aula Polo Oncologico, 6 ottobre, 10 novembre, 24 novembre 2015 ID ECM 1252-132524 ED. 1 Responsabili Scientifici: Dott. A. Fontana, Dott. A.

Dettagli

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO Titolo dello studio Studio di Fase 3b, randomizzato con Revlimid (Lenalidomide) somministrato come terapia di mantenimento verso placebo dopo il trattamento di induzione con Melfalan,

Dettagli

IMAGE GUIDED RADIATION THERAPY-IGRT DEL TUMORE DELLA PROSTATA CON IPOFRAZIONAMENTO DELLA DOSE

IMAGE GUIDED RADIATION THERAPY-IGRT DEL TUMORE DELLA PROSTATA CON IPOFRAZIONAMENTO DELLA DOSE Versione 2 15.01.13 PROTOCOLLO DI STUDIO IMAGE GUIDED RADIATION THERAPY-IGRT DEL TUMORE DELLA PROSTATA CON IPOFRAZIONAMENTO DELLA DOSE COORDINATORE PROGETTO DI RICERCA REGIONE-UNIVERSITA REGIONE EMILIA

Dettagli

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Autori Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XV XIX XXI XXIII 1. Epidemiologia e prevenzione oncologica (M. De Laurentiis, R. Bianco, S. De Placido)

Dettagli

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere Studi clinici tutto quello che bisogna sapere Prefazione Questo opuscolo intende fornire ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che se ne prendono cura, gli elementi fondamentali per comprendere

Dettagli

CORSO RESIDENZIALE TEORICO - PRATICO IL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE: DALLA DIAGNOSI AL TRATTAMENTO NELL ERA DEI FARMACI BIOMOLECOLARI

CORSO RESIDENZIALE TEORICO - PRATICO IL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE: DALLA DIAGNOSI AL TRATTAMENTO NELL ERA DEI FARMACI BIOMOLECOLARI CORSO RESIDENZIALE TEORICO - PRATICO IL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE: DALLA DIAGNOSI AL TRATTAMENTO NELL ERA DEI FARMACI BIOMOLECOLARI 13-14 Aprile 2015 IRCCS Giovanni Paolo II, Bari RAZIONALE

Dettagli

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale LINEE GUIDA ROL - COLON segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale Sostituisce carcinoma in situ o adenoma intramucoso. Stadio

Dettagli

ONCOVIEW 2012. Istruzioni per la compilazione delle schede pazienti

ONCOVIEW 2012. Istruzioni per la compilazione delle schede pazienti ONCOVIEW 2012 Istruzioni per la compilazione delle schede pazienti ONCOVIEW - COME SI COLLABORA Lo studio ONCOVIEW ha l obiettivo di fornire un quadro esaustivo ed approfondito delle terapie farmacologiche

Dettagli

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel.

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. (09-09-2008) Specialità: Avastin(Roche spa) Forma farmaceutica:

Dettagli

Tumori: farmaco immunoterapico efficace contro cancro polmone

Tumori: farmaco immunoterapico efficace contro cancro polmone 1June2015 http://salute.agi.it/farmaci-eterapie/notizie/tumori_farmaco_immunoterapico_efficace_contro_cancro_polmone-201505291356-farrsa1015 Tumori: farmaco immunoterapico efficace contro cancro polmone

Dettagli

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori

Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica Biomarkers per la diagnosi precoce di tumori Dott.ssa Maria Luana Poeta Cos è un Tumore Omeostasi Tissutale

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5 ALEMTUZUMAB L01XC04 Alemtuzumab è indicato per il trattamento di pazienti affetti da leucemia linfocitica cronica a

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO Documento redatto da: Dott.ssa T.Venesio, Dr.ssa A. Balsamo - Laboratorio di Patologia

Dettagli

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO La leucemia acuta linfoide è una malattia non frequente (15% delle forme leucemiche) in cui vi è una proliferazione maligna di cellule linfoidi nel midollo, nel sangue

Dettagli

Fattori prognostici del carcinoma gastrico nell anziano

Fattori prognostici del carcinoma gastrico nell anziano DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE E CHIRURGICHE. CLINICA GERIATRICA UNIVERSITà DEGLI STUDI DI PADOVA Fattori prognostici del carcinoma gastrico nell anziano G.Gasparini, C. Santoro, ED. Toffannello, E. Faccioli,

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

coin lesion polmonare

coin lesion polmonare coin lesion polmonare accurata anamnesi ed esame obiettivo impossibile confronto con precedenti radiogrammi lesione non preesistente o modificatasi TC Follow-up caratteri di benignità lesione sospetta

Dettagli

Raccolta prospettica di dati di rilevanza prognostica in pazienti con Leucemia Linfatica Cronica a cellule B.

Raccolta prospettica di dati di rilevanza prognostica in pazienti con Leucemia Linfatica Cronica a cellule B. O-CLL1 CHRONIC LYMPHOCYTIC LEUKEMIA PROGNOSTIC FACTOR PROJECT Raccolta prospettica di dati di rilevanza prognostica in pazienti con Leucemia Linfatica Cronica a cellule B. O-CLL1-PROTOCOL Sinossi O-CLL1-sinossi,

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

2. Sperimentatore Principale IEO: Dr. Giulia Veronesi

2. Sperimentatore Principale IEO: Dr. Giulia Veronesi RIASSUNTO PROGETTO DI RICERCA IEO S669/511 I. INFORMAZIONI GENERALI 1. Titolo: Diagnosi precoce del tumore polmonare in soggetti ad alto rischio con TC a basso dosaggio e marcatori molecolari (Early detection

Dettagli

Intervista al Prof. Giuseppe Fumo Docente a contratto presso la Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Roma La Sapienza

Intervista al Prof. Giuseppe Fumo Docente a contratto presso la Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Roma La Sapienza Intervista al Prof. Giuseppe Fumo Docente a contratto presso la Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Roma La Sapienza e Chirurgia Il carcinoma cervicale è il primo tumore ad essere riconosciuto

Dettagli

ROER (Rete Oncologica Emiliano-Romagnola) Maurizio Leoni Oncologia Medica Ravenna Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale

ROER (Rete Oncologica Emiliano-Romagnola) Maurizio Leoni Oncologia Medica Ravenna Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale ROER (Rete Oncologica Emiliano-Romagnola) Maurizio Leoni Oncologia Medica Ravenna Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale Azienda USL di Bologna Azienda USL di Imola Azienda USL di Ferrara AOSPU di Bologna

Dettagli

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA TERAPIA DELLA PATOLOGIA MAMMARIA INDOTTA DALLA MONOTERAPIA CON ANTIANDROGENO PURO PER ADENOCARCINOMA PROSTATICO

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA TERAPIA DELLA PATOLOGIA MAMMARIA INDOTTA DALLA MONOTERAPIA CON ANTIANDROGENO PURO PER ADENOCARCINOMA PROSTATICO STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA TERAPIA DELLA PATOLOGIA MAMMARIA INDOTTA DALLA MONOTERAPIA CON ANTIANDROGENO PURO PER ADENOCARCINOMA PROSTATICO FAX: 0916552413 SITO WEB: www.gstu.it E-MAIL: gstu@gstu.it CRITERI

Dettagli

MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO

MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO 1/7 MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO Nome Commerciale AFINITOR Principio Attivo everolimus Ditta Produttrice Novartis Farma spa ATC L01XE10 Formulazione Compresse Dosaggio

Dettagli

Versione 30.07.2008 PROTOCOLLO DI STUDIO IRMA

Versione 30.07.2008 PROTOCOLLO DI STUDIO IRMA Versione 30.07.2008 PROTOCOLLO DI STUDIO IRMA CARCINOMA DELLA MAMMELLA A BASSO RISCHIO DI RECIDIVA LOCALE: IRRADIAZIONE PARZIALE E ACCELERATA CON RADIOTERAPIA CONFORMAZIONALE TRIDIMENSIONALE (3D-CRT) VS.

Dettagli

CONFIDENZIALE NCIC CTG BR.26 Sinossi 6 agosto 2009 Versione 20100131

CONFIDENZIALE NCIC CTG BR.26 Sinossi 6 agosto 2009 Versione 20100131 Pagina 1 di 9 STUDIO RANDOMIZZATO, IN DOPPIO CIECO, CONTROLLATO CON PLACEBO, SU PF-00299804 (PF-804) IN PAZIENTI CON CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE INCURABILE, DI STADIO IIIB/IV, DOPO FALLIMENTO

Dettagli

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 dott. ssa Aurora Ferrari la ricerca 9 ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 La Società Americana per l Oncologia Clinica (ASCO) ha reso noto il rapporto annuale, giunto ormai alla sua ottava edizione,

Dettagli

dr Sherkat Trattamento dei gliomi maligni Terapie combinate

dr Sherkat Trattamento dei gliomi maligni Terapie combinate Trattamento dei gliomi maligni Terapie combinate Epidemiologia Epidemiologia - 1 Incidenza delle neoplasie cerebrali In Europa 5 casi su 100.000 abitanti/anno 2% di tutte le morti per cancro Negli ultimi

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Tarceva 25 mg compresse rivestite con film 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Una compressa rivestita con

Dettagli

L approccio vaccinale al cancro*

L approccio vaccinale al cancro* L approccio vaccinale al cancro* La vaccinazione è una tecnica mirata a stimolare una reazione immunologica dell organismo verso l'antigene o gli antigeni contenuti nel vaccino somministrato. Oggi i vaccini

Dettagli

STUDIO PROSPETTICO DI FASE II DI TERAPIA MIELOABLATIVA AD ALTE DOSI, CON SUPPORTO DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE, IN PAZIENTI ANZIANI

STUDIO PROSPETTICO DI FASE II DI TERAPIA MIELOABLATIVA AD ALTE DOSI, CON SUPPORTO DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE, IN PAZIENTI ANZIANI STUDIO PROSPETTICO DI FASE II DI TERAPIA MIELOABLATIVA AD ALTE DOSI, CON SUPPORTO DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE, IN PAZIENTI ANZIANI ( 65 E

Dettagli

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA

REPORT HTA REGIONALE MECCANISMO D AZIONE E POSOLOGIA REPORT HTA REGIONALE Decisioni CTR Data riunione:17/04/2012 Decisione: Non Inserito Motivazioni: il farmaco, pur avendo dimostrato di prolungare la sopravvivenza di 2,4 mesi rispetto al fd mitoxantrone,

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

Eudract 2007-004326-25. Ricercatore Responsabile dello studio: Prof. PierFranco Conte Dip di Onoclogia ed Ematologia- Università di Modena

Eudract 2007-004326-25. Ricercatore Responsabile dello studio: Prof. PierFranco Conte Dip di Onoclogia ed Ematologia- Università di Modena ShortHER: TRATTAMENTO ADIUVANTE CON HERCEPTIN PER 3 MESI VERSO 12 MESI, IN ASSOCIAZIONE CON 2 DIFFERENTI REGIMI DI CHEMIOTERAPIA, NELLE PAZIENTI CON CARCINOMA MAMMARIO HER2 POSITIVE Eudract 2007-004326-25

Dettagli

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico:

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Premesse 2 Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Su 8 molecole che presentano potenzialità terapeutiche solo 1, solitamente,

Dettagli

T.E.V. E CHEMIOTERAPIA. Dott. Pietro Masullo

T.E.V. E CHEMIOTERAPIA. Dott. Pietro Masullo T.E.V. E CHEMIOTERAPIA Dott. Pietro Masullo I MECCANISMI SONO MOLTEPLICI, SPESSO PRESENTI CONTEMPORANEAMENTE E NON ANCORA DEL TUTTO CHIARI LA CHEMIOTERAPIA PU0 AUMENTARE IL RISCHIO TEV ATTRAVERSO

Dettagli

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto?

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Florence è il nome con cui abbiamo battezzato questo studio clinico internazionale

Dettagli

Allegato I. Conclusioni scientifiche e motivi del rifiuto presentati dall Agenzia europea per i medicinali

Allegato I. Conclusioni scientifiche e motivi del rifiuto presentati dall Agenzia europea per i medicinali Allegato I Conclusioni scientifiche e motivi del rifiuto presentati dall Agenzia europea per i medicinali Conclusioni scientifiche e motivi del rifiuto presentati dall Agenzia europea per i medicinali

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica

Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica 17 corso nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica Dott.ssa Maura Pandolfi Istituto di Anatomia

Dettagli

Terapia in fase Avanzata

Terapia in fase Avanzata IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO 14 OTTOBRE 2011, ROMA Terapia in fase Avanzata Maria Sofia Rosati Oncologia A Policlinico Umberto I Roma Numeri.. e persone!! ***Solo il 56% *50% dei pz con CRC è over 70 degli

Dettagli

Ricerca farmacologica priclinica e clinica

Ricerca farmacologica priclinica e clinica Ricerca farmacologica priclinica e clinica SPERIMENTAZIONE PRECLINICA DURATA MEDIA?? ANNI Consente di isolare, dalle migliaia di sostanze sottoposte al primo screening di base farmacologico e biochimico,

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI DATI DI SOPRAVVIVENZA

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI DATI DI SOPRAVVIVENZA INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI DATI DI SOPRAVVIVENZA Dott. Simone Accordini Sezione di Epidemiologia & Statistica Medica Università degli Studi di Verona DISEGNO DI COORTE ESPOSTI (D 1 OUTCOME NON ESPOSTI

Dettagli

Raccomandazioni evidence-based. Farmaci per il tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC), avanzato, seconda linea di terapia

Raccomandazioni evidence-based. Farmaci per il tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC), avanzato, seconda linea di terapia Raccomandazioni evidence-based Farmaci per il tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC), avanzato, seconda linea di terapia A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone I A Cura di: Simona Carnio Divisione di Oncologia Toracica - A.O.U. San Luigi - Orbassano (TO) Silvia Novello Dipartimento di Oncologia - Università

Dettagli