di Argenta n. 250 del PROVINCIA DI FERRARA Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Argenta n. 250 del 02-12-2013 PROVINCIA DI FERRARA Verbale di deliberazione della Giunta Comunale"

Transcript

1 Comune Deliberazione di Argenta n. 250 del PROVINCIA DI FERRARA Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: Approvazione Piano della Performance/Piano Esecutivo di Gestione anni con decorrenza L'anno Duemilatredici e questo dì Due del mese di Dicembre in Argenta, nella residenza Comunale, a seguito di invito diramato dal Sindaco e notificato nei termini, si è radunata alle ore 13:30, la Giunta Comunale All'appello risultano: Presenti FIORENTINI ANTONIO BALDINI ANDREA CONFICCONI ANTONIO ORIOLI LUCIANO GOMEDI ISABETTA BOREA SAURO Assenti PAMINI SAMUELA Assiste il Segretario Generale Cavallari Dott.ssa Ornella Essendo legale il numero degli intervenuti, il Sig. FIORENTINI ANTONIO quale Sindaco assume la presidenza e dichiara aperta la seduta per la trattazione dell oggetto entro indicato.

2 Seduta del Nr. 250 Oggetto: Approvazione Piano della Performance/Piano Esecutivo di Gestione anni con decorrenza LA GIUNTA Premesso che: - con deliberazioni di Consiglio Comunale n. 5 in data del Comune di Argenta, n. 6 del del Comune di Ostellato e n. 4 del del Comune di Portomaggiore esecutive ai sensi di legge, è stata costituita l Unione dei Comuni Valli e Delizie tra i Comuni di Argenta, Ostellato e Portomaggiore; - con deliberazione di Consiglio Comunale di Argenta n. 75 del sono state conferite con decorrenza all Unione dei Comuni Valli e Delizie le seguenti funzioni indicate all art. 5 dello Statuto dell Unione: Programmazione e pianificazione urbanistica, Edilizia privata, Sistema informativo territoriale, Ambiente; Sportello Unico per le Attività Produttive; Gestione delle risorse umane; Tributi locali; Servizi informativi e telematici (Information and Communication Technology - ICT); - con deliberazione di Giunta Comunale di Argenta n. 189 del è stato disposto il comando in Unione del personale comunale di Argenta che opera nei servizi e nelle funzioni conferite; - con deliberazione di Giunta Comunale di Argenta n. 190 del , a seguito delle funzioni conferite all Unione dei Comuni Valli e Delizie e a seguito del comando all Unione del personale di Argenta che opera nei servizi e nelle funzioni conferite, è stata approvata con decorrenza la nuova struttura organizzativa del Comune di Argenta così dettagliata: Settore Staff Segretario Generale (Servizio SS.DD., Comunicazione e Partecipazione URP, Servizio Contratti, Protocollo e Archivio) Settore Sviluppo Economico del Territorio, Turismo, Beni Culturali (Servizio Turismo Marketing Territoriale e Eventi, Servizio Sistema Ecomuseale e Beni Culturali) Settore Programmazione Economica e Gestione Finanziaria - Affari Generali (Servizio Programmazione Strategica Affari Generali SGQ, Servizio Economato-Utilizzo Patrimonio e Gestione Inventario Beni Mobili, Servizio Entrate, Servizio Investimenti e Gestione indebitamento, Servizio Bilancio, Servizio CdG e Statistica, Servizio Società Partecipate e Organismi Strumentali) Settore OO.PP. e Patrimonio (Servizio Tecnico OO.PP., Servizio Amministrativo, Servizio Progettazione) Settore Cultura, Istruzione, Politiche Sociali e Tempo Libero (Servizio Cultura, Associazionismo e Polo Culturale di Piazza Marconi, Servizio Servizi Sociali, Servizio Istruzione, Servizio Archivi, Biblioteca e Polo Universitario) Settore Polizia Municipale (Servizio Amministrativo, Servizio Viabilità, Servizio C.O. e Verbali, Servizio Distaccamento) - con la medesima deliberazione di Giunta Comunale di Argenta n. 190 del , a far tempo dal , sono state ridefinite anche le posizioni organizzative nel modo seguente:

3 Contratti, Protocollo, Servizi Demografici e Partecipazione Affari Generali, Servizi Entrate ed Economato Opere Pubbliche e Demanio Formazione Professionale, Istruzione e Università Vice Comandante PM Dato atto, per le ragioni sopraesposte, che con la deliberazione di Giunta Comunale n. 240 del si è ritenuto opportuno approvare il Piano Performance del Comune di Argenta alla data del , ovvero alla data prima dell attivazione dell Unione Valli e Delizie tra i Comuni di Argenta, Portomaggiore e Ostellato; Stabilito contestualmente di riservare a successivo atto di Giunta l approvazione del Piano Performance/PEG con decorrenza , ovvero dalla data di conferimento delle funzioni trasferite all Unione in parola; Ritenuto, pertanto, con il presente atto approvare, a far data dal , il nuovo Piano Performance/PEG del Comune di Argenta, nel quale, in particolare, si evidenziano gli obiettivi gestionali legati alle funzioni trasferite all Unione e che dovranno essere, comunque, rendicontati a questo Comune dai rispettivi Dirigenti dal momento che gli stessi obiettivi sono collegati a risorse finanziarie rimaste a carico del bilancio del Comune di Argenta; Richiamate le seguenti disposizioni: - Decreto Legislativo n.165/2001 e sue successive modificazioni ed integrazioni (s.m.i.) Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche"; - Decreto legislativo n.150/2009 Attuazione della legge n.4 marzo 2009, n.15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni ; - Delibera della CIVIT n.112/2010 Struttura e modalità di redazione del Piano della Performance (art.10, comma 1, lettera a, del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) ; - Delibera della CIVIT n. 121/2010 Osservazioni in ordine al documento avente ad oggetto L'applicazione del Decreto Legislativo n. 150/2009 negli Enti Locali: le Linee guida dell'anci in materia di Ciclo della Performance ; - Legge n. 190/2012 Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione ; - Decreto Legislativo n. 33/2013 e s.m.i Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni ; - Principi contabili per gli Enti locali dell Osservatorio per la Finanza e la Contabilità degli Enti Locali del Ministero dell Interno; Dato atto che, ai sensi dell art.10, comma 1, del D.Lgs. n.150/2009, il piano performance è il documento programmatico triennale da redigere annualmente nel quale siano individuati: gli obiettivi strategici e definisce gli indicatori per la misurazione e la valutazione della performance organizzativa gli obiettivi gestionali ed operativi assegnati al personale dirigenziale ed alle relative strutture organizzative ed i relativi indicatori per la misurazione e la valutazione della performance individuale;

4 Rilevato che, secondo quanto previsto dal medesimo art. 10, comma 1 del D.Lgs n.150/2009, il Piano della Performance è redatto con lo scopo di assicurare la qualità, comprensibilità ed attendibilità dei documenti di rappresentazione della performance e, pertanto, l elaborazione dello stesso deve essere orientata su precise finalità, contenuti e principi generali delineati nelle sopracitate deliberazioni n. 112/2010 e n. 121/2010 della CIVIT (ridenominata dal come ANAC Autorità Nazionale AntiCorruzione); Richiamati gli articoli n. 107, 108, 169 e 175 del Decreto Legislativo n. 267/2000 Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, con i quali vengono stabilite le modalità di approvazione del Piano Esecutivo di Gestione (PEG) ed i relativi contenuti; Visto, in particolare, l art. 169, comma 3 bis, del D.Lgs. n. 267/2000 e s.m.i., in base la quale il Piano Esecutivo di Gestione (PEG) deve essere coerente con il bilancio di previsione e con la RPP e che lo stesso piano si compone oltre che del piano esecutivo parte contabile, anche del piano dettagliato degli obiettivi (ovvero delle attività da svolgere) e del piano della performance; Rilevato, inoltre, che nella definizione del piano occorre, tenere conto di due elementi: 1. collegamento ed integrazione con il processo ed i documenti di programmazione economico-finanziaria e di bilancio; 2. la gradualità nell adeguamento ai principi ed il miglioramento continuo. Ritenuto, pertanto, coerentemente ai principi sopra illustrati, di considerare parte integrante del Piano Performance/PEG del Comune di Argenta i seguenti documenti: a) PEG 2013: insieme degli obiettivi gestionali ed operativi assegnati alle strutture dell ente; b) PEG contabile 2013: sulla base degli obiettivi specifici assegnati ai Responsabili di struttura, ai sensi dell art. 169 TUEL, in attuazione degli indirizzi generali di cui alla Relazione previsionale e programmatica, vengono distribuite le risorse umane, finanziarie e strumentali necessarie per il raggiungimento dei predetti obiettivi; Premesso che con: - con deliberazione di Consiglio Comunale n. 35 del è stato approvato il Regolamento dei controlli interni del Comune di Argenta, a norma dell art. 3 D.L. n. 174/2012 convertito in L. n. 213/2012; - con deliberazione di Consiglio Comunale n. 43 del e s.m.i. è stata approvata la relazione previsionale e programmatica 2013/2015, il bilancio di previsione dell esercizio finanziario 2013 e correlato bilancio finanziario pluriennale 2013/2015; - deliberazione di Giunta Comunale n. 258 del , modificata dalla Giunta Comunale con atto n. 116 del , è stato approvato il Regolamento sull ordinamento degli Uffici e Servizi e, in particolare, sono stati delineati i principi generali del sistema di misurazione e valutazione della performance; - deliberazione di Giunta Comunale n. 113 del e sue s.m.i. è stata approvata l assegnazione delle risorse finanziarie per l esercizio 2013 ai Dirigenti Responsabili di Settore, in conformità al bilancio di previsione 2013, alla Relazione Previsionale e Programmatica ed al Bilancio Pluriennale ; Richiamati l art. 16 comma 2, l art. 31 comma 2 e l art. 74, comma 2, del D.Lgs. n. 150/2009, che indicano le disposizioni del decreto applicabili agli enti locali;

5 Dato atto che i criteri generali fondanti del Sistema di misurazione e valutazione della performance sono stati approvati dalla Giunta Comunale con atto n. 258 del , modificata con deliberazione G.C. n. 116 del ; Dato atto che, in base ai suggerimenti contenuti nella citata delibera Civit n.121/2010, il Sistema di misurazione e valutazione si pone l'obiettivo di integrare e semplificare gli strumenti esistenti di pianificazione finanziaria e organizzativa e di definire un orizzonte triennale di vigenza del piano della Performance; Dato atto che per ogni programma presente all interno del RPP, approvata con deliberazione C.C. n. 43 del , sono stati individuati i corrispondenti obiettivi strategici, di cui all art. 10, comma 1, lett. a), del D.Lgs. n. 150/2009; Stabilito che questo piano debba intendersi anche come PEG globalizzato ai sensi dell art. 41 della deliberazione G.C. n. 258/2010 e sue successive modificazioni ed integrazioni; Visto l allegato schema di Piano della Performance/PEG a far data dal composto dai seguenti elaborati: a) Mappa logica del ciclo della performance nel Comune di Argenta; b) Tabella di raccordo Programmi, Obiettivi Strategici, Stakeholder e Indicatori di Outcome; c) Piano esecutivo di gestione (PEG) per l esercizio 2013 negli elaborati depositati agli atti della presente deliberazione, esaustivi di quanto previsto dall art. 169 del Decreto Legislativo n. 267/2000; d) Bilancio finanziario preventivo per l esercizio 2013 per settore e servizio operativo risultante dalla ricognizione e ricollocazione delle risorse finanziarie effettuata in seguito alla costituzione dell Unione Valli e Delizie, così come risulta dalla deliberazione G.C. n. 223 del conservata agli atti; Dato atto che: - i Programmi e gli obiettivi strategici sono collegati alla struttura dei settori e servizi del Comune di Argenta, in modo da consentire una rendicontazione contabile degli stessi; - in questa fase sperimentale per ogni obiettivo strategico sono stati particolareggiati gli indicatori di outcome e, la dove è stato possibile definirli, i relativi target, in modo da costituire così anche gli elementi del Piano degli indicatori e risultati attesi di bilancio di cui all art. 19 del D.Lgs. n. 91/2011; Ritenuto di individuare nei Settori/Servizi in cui è suddivisa l organizzazione del Comune di Argenta le unità operative cui assegnare, ex D.Lgs. n. 267/2000, le risorse finanziarie risultanti dal Bilancio preventivo 2013 e le dotazioni di personale dipendente; Dato atto che: - tale Piano rappresenta il frutto della negoziazione degli obiettivi e delle risorse tra i Responsabili delle strutture e i rispettivi assessori, con il coordinamento del Segretario Generale ed il supporto operativo del OIV; - tale Piano costituisce parte essenziale del Sistema dei Controlli interni previsto dallo specifico regolamento comunale ed in particolare uno strumento per l attuazione del controllo di gestione;

6 Stabilito che: - nei casi di contratti, convenzioni, accordi pluriennali o atti analoghi a valenza pluriennale, occorre attribuire ai Responsabili le risorse necessarie al fine di impegnare le spese conseguenti sugli esercizi 2014 e 2015 compresi nel Bilancio Pluriennale approvato; - le spese del titolo II inserite nelle assegnazioni di PEG. dei servizi sono finanziabili compatibilmente con lo stato di realizzazione delle relative entrate previste per la loro copertura finanziaria; - sarà cura della Giunta fornire, anche in sede di variazione di bilancio e di PEG. le direttive necessarie per il puntuale rispetto degli obiettivi eventualmente rimodulati; Dato atto che, ai sensi dell art.49 del D.Lgs n.267, sono stati espressi i pareri favorevoli sulla regolarità tecnica e contabile rispettivamente dal Segretario Generale, Responsabile del servizio e dal Dirigente Settore Programmazione e Gestione Finanziaria Affari; A voti unanimi ritualmente espressi, DELIBERA 1) Di approvare, ai sensi dell art.10 del D.Lgs. n. 150/2009 e dell art. 169 del D.Lgs. n. 267/2000, il Piano della Performance/PEG con decorrenza dal , allegato alla presente, di cui forma parte integrante e sostanziale, e che è formato dai seguenti documenti: a) Mappa logica del ciclo della performance nel Comune di Argenta; b) Tabella di raccordo Programmi, Obiettivi Strategici, Stakeholder e Indicatori di Outcome; c) Piano esecutivo di gestione (PEG) per l esercizio 2013 negli elaborati depositati agli atti della presente deliberazione, esaustivi di quanto previsto dall art. 169 del Decreto Legislativo n. 267/2000; d) Bilancio finanziario preventivo per l esercizio 2013 per settore e servizio operativo risultante dalla ricognizione e ricollocazione delle risorse finanziarie effettuata in seguito alla costituzione dell Unione Valli e Delizie, così come risulta dalla deliberazione G.C. n. 223 del conservata agli atti; 2) Di dare atto che il Piano della Performance è stato definito conformemente alle disposizioni di cui all art.10 del D.Lgs n.150/2009, nonché alle indicazioni di cui alle delibera n.112/2010 e 121/2010 della Civit; 3) Di dare atto che il Piano Esecutivo di Gestione (PEG), previsto dall'art. 169 del D.Lgs. n. 267/2000 (TUEL) ed è stato definito conformemente alle previsioni finanziarie del Bilancio annuale e pluriennale; 4) Di dare atto che, con il Piano delle Performance, sono determinati gli obiettivi di gestione per l attuazione dei degli obiettivi strategici stabiliti con la Relazione Previsionale e Programmatica approvata dal Consiglio comunale n. C.C. n. 43 del ; 5) Di comunicare gli estremi del presente provvedimento all OIV, al Collegio dei Revisori, al Segretario Generale, ai Dirigenti e agli incaricati di posizione organizzativa;

7 6) Di trasmettere, altresì, copia della presente deliberazione ai Dirigenti responsabili delle funzioni conferite all Unione, in modo che della stessa la Giunta dell Unione ne prenda atto nella prima seduta utile. 7) Di considerare già impegnate, ai sensi dell'art. 183, comma 2, del D.Lgs. n. 267/2000, le spese dovute per il trattamento economico tabellare già attribuito al personale dipendente e per i relativi oneri riflessi e le spese dovute nell'esercizio in base a contratti o disposizioni di legge; 8) Di dichiarare, a votazione palese ed unanime da parte di n. 6 Assessori presenti e votanti, la presente deliberazione urgente ed immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, 4 comma del D.Lgs , n. 267, stante l urgenza, in relazione alla necessità di adempiere a quanto previsto dal D.Lgs. n. 150/2009 e dal D.Lgs. n. 267/2000. Pareri espressi ex art. 49 D.Lgs. 267/2000 Parere regolarità tecnica: favorevole f.to in digitale Dott.ssa Ornella Cavallari Parere regolarità contabile: favorevole f.to Dott.ssa Patrizia Travasoni

8 Mappa logica del ciclo della perfomance nel Comune di Argenta. Allegato alla deliberazione G.C. n. 250 del 02/12/2013 Livello istituzionale/politico Programmi (triennali da RPP) Livello strategico Obiettivi strategici (triennali da RPP) Stakeholders (da Piano Performance) Indicatori di outcome e relativi target (da Piano Performance) Livello tecnico Obiettivi operativi (annuali da PEG) Indicatori di risultato/attività e relativi target La mappa logica del ciclo della performance rappresenta anche graficamente i legami tra il mandato istituzionale, missione, aree strategiche, obiettivi strategici e obiettivi operativi, azioni e risorse. In altri termini, tale mappa dimostra come gli obiettivi ai vari livelli e di diversa natura contribuiscano, all interno di un disegno strategico complessivo coerente, al mandato istituzionale e alla missione. Essa rappresenta in maniera articolata, completa e sintetica la perfomance dell amministrazione. La mappa logica della perfomance è una sezione fondamentale del piano performance per la sua valenza di comunicazione interna ed esterna. A livello istituzionale/politico sono state individuate le linee programmatiche del mandato del Sindaco (delibera C.C. n. 48 del ), da cui sono scaturiti i programmi che coprono un orizzonte triennale e che sono contenuti nella RPP (delibera C.C. n. 43 del ). Per ogni programma è stato individuato un obiettivo strategico, che fissa il traguardo che l amministrazione si prefigge di raggiungere per eseguire con successo i propri indirizzi. Per la loro rilevanza e valenza pluriennale, gli obiettivi strategici non risultano facilmente modificabili nel breve periodo. Sono elencati per ogni obiettivo strategico gli stakeholders (portatori di interesse) e gli indicatori di outcome che in forma sintetica misurano il tipo di impatto provocato dal raggiungimento di un dato obiettivo sugli stakeholders. L orizzonte strategico viene, infine, declinato nel breve periodo, ovvero nei singoli esercizi, attraverso gli obiettivi operativi gestionali, definiti e contenuti nel PEG annuale per i quali sono stati definiti indicatori di risultato e relativi target (valori di risultato attesi). Tali obiettivi sono stati assegnati dalla Giunta Comunale ai Dirigenti Responsabili dei Servizi, insieme, ovviamente, alle risorse strumentali, umane e finanziarie.

9 Piano Perfomance/PEG dal MACRO AREE PROGRAMMI - OBIETTIVI STRATEGICI STAKEHOLDERS INDICATORI DI OUTCOME - SETTORI PRINCIPALI RESPONSABILI MACRO AREA OBIETTIVI STRATEGICI (triennio ) STAKEHOLDERS INDICATORI DI OUTCOME E TARGET SETTORE/I OPERATIVO/I COINVOLTO/I NOTE VALIDE A PARTIRE DAL ) Studio e realizzazione di forme associative intercomunali per la gestione dei servizi: realizzazione unione dei Comuni Cittadini Dipendenti Pubblici Amministratori Altri Enti a) Mantenere nel triennio di riferimento gli attuali livelli di erogazione dei servizi confluiti nell Unione pur essendo in un contesto di riduzione delle risorse umane b) Misurare il livello di gradimento dei servizi aderenti all unione OBIETTIVO E INDICATORI GESTITI ANCHE DALL UNIONE 1 Il Comune che vogliamo P01 Organi Istituzionali e Attività di Segreteria Generale 2) Trasparenza amministrativa attraverso strumenti ICT e di comunicazione attiva Cittadini, Dipendenti Pubblici Altri Enti Pubblici a) Aumentare il tasso di semplificazione e di trasparenza delle procedure per accedere ai servizi pubblici b) Attivare il servizio wifi gratuito in punti predefiniti di Argenta capoluogo nel triennio : almeno 3 c) Incrementare gli utenti accreditati ad accedere al servizio wifi d) Realizzare la decertificazione amministrativa (ridurre il numero di certificati rilasciati ad uso pubblico) - Staff Segretario Generale - Programmazione e Gestione Finanziaria - Affari Generali - Sviluppo Economico Territorio, Turismo, Beni Culturali - OO.PP e Patrimonio OBIETTIVO E INDICATORI GESTITI DALL UNIONE OBIETTIVO E INDICATORI GESTITI DALL UNIONE OBIETTIVO E INDICATORI GESTITI DALL UNIONE P02 Politiche del Personale e Gestione Risorse Umane 3) Sportello telematico del cittadino : servizi on line per imprese (SUAP) e per cittadini (SS.DD. e Tributi) 1) Contenimento della spesa pubblica di personale, attraverso razionalizzazione delle strutture burocratiche e amministrative Cittadini e Imprese Amministratori, Dipendenti Pubblici a) Aumentare i servizi erogabili on line per cittadini ed imprese a) Non superare nel triennio la spesa di personale rispetto al 2011: spesa personale anni < = spesa personale anno 2011 a) Misurare il livello medio di gradimento dei cittadini sui servizi erogati Staff Segretario Generale OBIETTIVO E INDICATORI GESTITI ANCHE DALL UNIONE OBIETTIVO E INDICATORI GESTITI DALL UNIONE P03 Attività di Controllo, Certificazione e Statistica 1) Analisi, misurazione e controllo della performance dell ente Cittadini, Amministratori, Dipendenti Pubblici altri Enti Pubblici b) Esito delle verifiche ispettive x CQ: positivo c) Adempiere agli obblighi normativi in materia di controlli interni Programmazione e Gestione Finanziaria - Affari Generali 2

10 MACRO AREA OBIETTIVI STRATEGICI (triennio ) STAKEHOLDERS INDICATORI DI OUTCOME E TARGET SETTORE/I OPERATIVO/I COINVOLTO/I NOTE VALIDE A PARTIRE DAL d) Realizzare il piano della trasparenza e bilancio di genere 1) Governance delle società e degli organismi strumentali dell ente: strutturazione sistemi di monitoraggio anche finalizzati al controllo analogo in attuazione delle strategie di gestione dei servizi pubblici locali Società Partecipate/ Strumentali e Amministratori, Revisori e) Partecipare ad iniziative formative ed informative sulla valorizzazione della presenza femminile nella società: almeno 2 nel triennio a) Adempiere agli obblighi normativi in materia di controllo sulla gestione delle società partecipate e degli organismi strumentali a) Ridurre i ritardi nei tempi di pagamento delle forniture di beni e servizi P04 Attività Finanziarie e Politiche Fiscali 2) Coordinamento delle azioni necessarie alla realizzazione dei saldi obiettivo di finanza pubblica. Amministratori, dipendenti pubblici, fornitori b) Ridurre progressivamente l indebitamento dell Ente c) Ridurre progressivamente l impatto sugli equilibri di bilancio dei crediti di dubbia esigibilità Programmazione e Gestione Finanziaria - Affari Generali 3) Razionalizzazione utilizzo strutture ed attrezzature nella prospettiva di riduzione delle spese di funzionamento Amministratori Dipendenti Pubblici a) Analizzare e rendicontare periodicamente le spese delle strutture ed attrezzature utilizzate dall Ente 2 Prevenzio ne e Sicurezza P10 Servizi Tecnici, Territoriali e Ambientali 4) Semplificazione delle procedure e razionalizzazione del sistema dei controlli per il recupero dell evasione e la velocizzazione dei tempi di riscossione 1) Interventi di messa in sicurezza della viabilità su tutto il territorio Comunale compresi interventi proposti dal PUT nel centro capoluogo di Argenta Cittadini Amministratori Altri Enti Pubblici Amministratori, Cittadini Veicoli e Pedoni a) Aderire ad iniziative di comparto finalizzate al recupero dell evasione b) Mettere a punto un sistema di coordinamento delle banche dati disponibili sul territorio presso enti pubblici e privati e utilizzabili per i controlli fiscali a) Migliorare le condizioni della circolazione e sicurezza stradale: individuazione luoghi sensibili, realizzazione elementi di sicurezza quali attraversamenti rialzati e segnaletica luminosa e regolamentazione incroci pericolosi - OO.PP. e Patrimonio - Polizia Municipale OBIETTIVO E INDICATORI GESTITI ANCHE DALL UNIONE OBIETTIVO E INDICATORI GESTITI ANCHE DALL UNIONE 3

11 MACRO AREA OBIETTIVI STRATEGICI (triennio ) STAKEHOLDERS INDICATORI DI OUTCOME E TARGET SETTORE/I OPERATIVO/I COINVOLTO/I NOTE VALIDE A PARTIRE DAL b) Potenziare la rete interna delle ciclabili: definizione sulle reti stradali di percorsi dedicati alle diverse tipologie di utenti quali ciclisti e pedoni 2) Miglioramento edilizio ed interventi di adeguamento normativo alle norme di prevenzioni incendi e sismiche di edifici scolastici Istituti scolastici Amministratori, Altri Enti Pubblici a) Mettere a norma gli edifici scolastici: analisi patrimonio esistente, redazione scheda fabbricato, valutazione tecnico-economica per programmazione interventi a) Riorganizzare le competenze di protezione civile in ottica intercomunale 3) Protezione Civile: contributo all attivazione di protocolli di allertamento e aggiornamento/implementazione della cartografia Cittadini Amministratori Dipendenti Pubblici b) Realizzare un piano speditivo di intervento per far fronte a situazioni di allertamento ed eventi naturali pericolosi c) Diffondere la conoscenza dei protocolli di allertamento nella comunità 4

12 MACRO AREA OBIETTIVI STRATEGICI (triennale) STAKEHOLDERS INDICATORI DI OUTCOME E TARGET SETTORE/I OPERATIVO/I COINVOLTO/I NOTE VALIDE A PARTIRE DAL ) Equità sociale e controllo: monitoraggio trasversale prestazioni sociali agevolate ed utilizzo immobili di E.R.P. Cittadini Utenti ERP Amministratori a) Aumentare il controllo sull effettiva occupazione delle case popolari da parte dei cittadini assegnatari b) Ridurre il caso di abusivismo dell occupazione delle case popolari P11 Pubblica Sicurezza e Controllo Territorio 2) Il volontariato come risorsa: potenziamento e collaborazioni possibili nella gestione del territorio in una prospettiva di sicurezza urbana partecipata Cittadini, Amministratori e Associazioni di Volontariato a) Aumentare la partecipazione del volontariato nella gestione del territorio in funzione del rispetto delle regole in una prospettiva di miglioramento della sicurezza urbana; b) Agire sulla prevenzione sociale come principale strumento per diminuire l insicurezza ed aumentare un sistema di rete Polizia Municipale a) Perseguire l obiettivo del massimo decentramento sul territorio in un ottica di prossimità nel presidio 3) La polizia locale che cambia: decentramento e delocalizzazione nelle politiche di sicurezza, coinvolgimento in nuove emergenze sociali e di degrado urbano Cittadini Veicoli Amministratori b) Rafforzare il controllo per la sicurezza stradale, al fine di ridurre incidentalità e costi sociali c) Potenziare il sistema-sicurezza attraverso la tecnologia sostenibile 5

13 MACRO AREA OBIETTIVI STRATEGICI (triennale) STAKEHOLDERS INDICATORI DI OUTCOME E TARGET SETTORE/I OPERATIVO/I COINVOLTO/I NOTE VALIDE A PARTIRE DAL ) Attuazione interventi programmati dal POC al fine di contribuire allo sviluppo urbanistico del territorio Cittadini e operatori economico-produttivi a) Migliorare la qualità urbana e favorire lo sviluppo economico-urbanistico del territorio: rispondere nei tempi minimi di legge per l adozione dei PUA (Piano Urbanistico Attuativo) inseriti nel POC (Piano Operativo Comunale) su richiesta dei privati; valutazioni delle richieste di varianti al POC/RUE per sopravvenute richieste da parte di privati OBIETTIVO E INDICATORI GESTITI DALL UNIONE VALLI E DELIZIE 3 Sviluppo e Solidarietà P09 Pianificazi one e Programm azione Territorio e Ambiente 2) Riqualificazione degli ambiti di forte valenza paesaggistica nei centri urbani e nel territorio comunale 3) Impiego energie da fonte rinnovabile: bando per installazione impianti fotovoltaici a copertura edifici scolastici (ed eventuali altri edifici) di proprietà Comunale e realizzazione di efficientamento energetico in edifici comunali Cittadini Amministratori Altri Enti Pubblici Amministratori a) Recuperare e valorizzare il verde pubblico: almeno 2 interventi nel triennio a) Ridurre il consumo energetico: attuare un progetto di riduzione del consumo energetico negli edifici esistenti e progettare gli edifici nuovi in classe A b) Incrementare l installazione di impianti fotovoltaici negli edifici comunali OO.PP. e Patrimonio OBIETTIVO E INDICATORI GESTITI ANCHE DALL UNIONE VALLI E DELIZIE OBIETTIVO E INDICATORI GESTITI DALL UNIONE VALLI E DELIZIE OBIETTIVO E INDICATORI GESTITI DALL UNIONE VALLI E DELIZIE P15 Sviluppo Economic o-turismo e Sistema Ecomusea le 1) Rafforzamento del comparto produttivo realizzazione Area Produttive Ecologicamente Attrezzata 2) Sviluppo del sistema Turistico e Museale integrato nel Parco del Delta del Po Imprese Amministratori Associazioni di Categoria Altri Enti Cittadini Imprese Associazioni di Categoria Amministratori Altri Enti a) Realizzare interventi (marketing e/o strutturali) sulle aree produttive del territorio e alle imprese : almeno due macro-progettualità all anno b) Semplificazione amministrativa: 1) digitalizzare almeno 10 procedimenti all anno; 2) Ridefinire tempistiche e procedure nei regolamenti che disciplinano le AA.PP. almeno due all anno a) Realizzare iniziative rivolte alla valorizzazione del sistema turistico locale: almeno 4 iniziative all anno b) Recuperare e valorizzare i beni culturali, storici ed ambientali: almeno due progettualità all anno Sviluppo Economico Territorio, Turismo E Beni Culturali OBIETTIVO E INDICATORI GESTITI DALL UNIONE VALLI E DELIZIE OBIETTIVO E INDICATORI GESTITI DALL UNIONE VALLI E DELIZIE 6

14 MACRO AREA OBIETTIVI STRATEGICI (triennale) STAKEHOLDERS INDICATORI DI OUTCOME E TARGET SETTORE/I OPERATIVO/I COINVOLTO/I NOTE VALIDE A PARTIRE DAL ) Consolidamento Centro Commerciale naturale e marketing urbano Cittadini Associazioni di Categoria Imprese Amministratori Altri Enti a) Realizzare iniziative rivolte alla valorizzazione del sistema commerciale locale: almeno 4 iniziative all anno b) Incrementare il numero delle imprese alle quali è stata fornita assistenza iniziative di sostegno e/o aiuto e/o informativa: almeno 10% anno 4) Sostegno al sistema agricolo di qualità Imprese agricole Associazioni di Categoria Amministratori Altri Enti Pubblici a) Realizzare iniziative di sensibilizzazione e sostegno al mondo agricolo: almeno 2 all anno b) Partecipare a progettualità di marketing in modo intersettoriale anche con altri servizi e/o settori: almeno due all anno OBIETTIVO E INDICATORI GESTITI DALL UNIONE VALLI E DELIZIE OBIETTIVO E INDICATORI GESTITI DALL UNIONE VALLI E DELIZIE 4 Qualità della vita P06 Sanità e Servizi Socio Assistenzi ali 1) Riorganizzazione delle funzioni socio-assistenziali e socio-sanitarie 2) Sviluppo e promozione delle attività dello Sportello Sociale a Cittadini: anziani, adulti disabili o con svantaggio sociale Famiglie con minori ASP Eppi Manica Salvatori Comune di Portomaggiore Comune di Ostellato Azienda USL Distretto sud est della Provincia di Ferrara Organizzazioni di volontariato Associazioni Cooperative sociali OO.SS. Provincia Regione Stato Amministratori Cittadini in condizione di a) Mantenere nel triennio di riferimento gli attuali livelli di erogazione dei servizi pur essendo in un contesto di riduzione delle risorse b) Definire e implementare un sistema di monitoraggio e valutazione dei servizi e degli interventi, conferiti all ASP Eppi - Manica - Salvatori, e dell area Tutela minori nell ambito della gestione associata tra i Comuni di Portomaggiore, Argenta e Ostellato a) Migliorare e incrementare la promozione dell offerta di servizi sociali Cultura, Istruzione, Politiche Sociali e Tempo Libero 7

15 MACRO AREA OBIETTIVI STRATEGICI (triennale) STAKEHOLDERS INDICATORI DI OUTCOME E TARGET SETTORE/I OPERATIVO/I COINVOLTO/I NOTE VALIDE A PARTIRE DAL contrasto della povertà disagio socioeconomico Stranieri residenti Distretto sud est della Provincia di Ferrara Organizzazioni di volontariato Associazioni Cooperative sociali Amministratori b) Monitorare e incrementare l accesso allo Sportello sociale, all Informafamiglia e agli sportelli tematici: immigrati e ASPASIA c) Sviluppare nuove forme di sostegno per le famiglie colpite dalla crisi economica 3) Qualificazione delle prestazioni sociali agevolate e sviluppo del sistema delle verifiche e degli accertamenti sui nuclei familiari richiedenti Cittadini in condizione di disagio socioeconomico Amministratori a) Implementare un sistema informatico di verifiche sulle domande di prestazioni sociali agevolate P07 Sistema Scolastico e Formativo 4) Sviluppo e promozione dei servizi educativi per la prima infanzia e sostegno alla capacità genitoriale 5) Qualificazione del sistema scolastico e razionalizzazione dei servizi di trasporto e mensa Bambini 0-6 anni Famiglie Educatori Coordinamento pedagogico Coordinamento pedagogico provinciale Soggetti privati gestori servizi educativi per la prima infanzia Istituzioni scolastiche Scuole materne paritarie Amministratori Studenti Famiglie Istituti Scolastici Fornitori servizi scolastici Cooperative sociali Amministratori a) Indagare e implementare le occasioni di coinvolgimento delle famiglie all interno dei processi di progettazione educativa presso i servizi per la prima infanzia b) Incrementare le attività di sostegno alla genitorialità a) Mantenere costante nel triennio di riferimento la spesa per trasporto e mensa b) Mantenere nel triennio di riferimento l offerta di attività educative di supporto pur essendo in un contesto di riduzione delle risorse 8

16 MACRO AREA OBIETTIVI STRATEGICI (triennale) STAKEHOLDERS INDICATORI DI OUTCOME E TARGET SETTORE/I OPERATIVO/I COINVOLTO/I NOTE VALIDE A PARTIRE DAL ) Fund raising per le politiche formative, educative, giovanili, sociali e culturali Provincia Regione Stato Commissione Europea Altri Enti Pubblici Enti di formazione Cooperative sociali PMI Amministratori a) Incrementare le domande di finanziamento presentate su bandi provinciali, regionali, statali e UE b) Incrementare i progetti finanziati 1) Revisione elenco strade comunali previo perfezionamento degli atti di acquisizioni a patrimonio comunale delle strade private mai conferite Cittadini Amministratori a) Acquisire nel patrimonio comunale le opere di urbanizzazione di lottizzazioni realizzate fino agli anni 90 e mai trasferite in proprietà: almeno 3 all anno P13 Gestione Patrimonio Immobiliar e Comunale e Politiche Abitative 2) Verifiche ISEE, estendendo i controlli ISEE al 100% delle richieste, ed accertamenti ERP tramite verifiche a campione su patrimonio complessivo degli alloggi acer/comune, riscatto totale Peep Cittadini Utenti ERP Amministratori a) Incrementare le verifiche della permanenza dei requisiti dei soggetti che occupano gli alloggi ERP di proprietà comunale: 100% delle richieste OO.PP. e Patrimonio OBIETTIVO COLLEGATO AL P11 OBIETTIVO STRATEGICO N. 1) 3) Federalismo Demaniale: verifica delle acquisizioni immobiliari e progetto di valorizzazione Amministratori e Stato a) Acquisire beni demaniali e loro recupero, previa verifica dell interesse specifico dell ente e previe valutazioni economiche funzionali al loro utilizzo 1) Promozione culturale in collaborazione con le scuole, le associazioni, i cittadini Cittadini Istituzioni scolastiche Associazioni Cooperative sociali a) Mantenimento di progetti/attività culturali realizzati in collaborazione con soggetti esterni b) Incremento degli spettatori della stagione teatrale dei Fluttuanti e del cinema P14 Cultura, Sport e Tempo Libero 2) Valorizzazione e promozione dell associazionismo con particolare riferimento alle attività sportive, ricreative e culturali Cittadini Associazioni sportive Federazioni sportive a) Migliorare e incrementare la promozione dell offerta sportiva sul territorio Cultura, Istruzione, Politiche Sociali e Tempo Libero 3) Sostenere i giovani protagonisti Giovani cittadini Provincia Regione Stato Amministratori a) Incremento di progetti/attività realizzati da associazioni di promozione giovanile 9

17 MACRO AREA OBIETTIVI STRATEGICI (triennale) STAKEHOLDERS INDICATORI DI OUTCOME E TARGET SETTORE/I OPERATIVO/I COINVOLTO/I NOTE VALIDE A PARTIRE DAL ) Promozione e sviluppo dei servizi e della attività della Biblioteca- Mediateca pubblica F.L. Bertoldi Studenti Cittadini Associazioni Cooperative Sociali Fornitori libri e documenti multimediali Provincia a) Mantenere nel triennio di riferimento gli attuali livelli di erogazione dei servizi pur essendo in un contesto di riduzione delle risorse Obiettivi strategici: come i loro indicatori di outcome hanno valenza triennale e quindi come tali si realizzano nell arco del triennio Stakeholders: o portatori di interesse sono coloro che possono essere influenzati (stakeholders destinatari) o possono influenzare (stakeholders contribuenti) il raggiungimento di un obiettivo. Possono essere sia soggetti interni che esterni rispetto all ente. Indicatori di outcome e relativi target: gli indicatori di outcome sono strumenti che in forma sintetica misurano il tipo di impatto che il raggiungimento di un dato obiettivo ha/provoca sugli stakeholders. Questi indicatori non rappresentano ciò che è stato fatto, ma le conseguenze generate dalla loro realizzazione. Questi indicatori sono caratterizzati da forti interdipendenze con fattori esogeni all azione dell amministrazione, ovvero sono influenzati da fattori esterni. Il target è il valore atteso/desiderato che ci si prefigge di raggiungere rispetto ad un indicatore. 10

18 STAFF SEGRETARIO GENERALE Responsabile Dott.ssa Ornella Cavallari CONTRATTI, PROTOCOLLO E ARICHIVIO P01 ORGANI ISTITUZIONALI E ATTIVITA' DI SEGRETERIA GENERALE Trasparenza amministrativa 1) Modifica regolamento per a) Predisposizione bozza regolamento a) attraverso strumenti ICT e di acquisizione in economia beni e servizi b) Approvazione regolamento in b) comunicazione attiva per l esecuzione in economia di lavori Consiglio Comunale Coordinatore: Bruni Maurizia Scagnolari Giuliana 2) Modifica regolamento comunale per la disciplina delle alienazioni dei beni del patrimonio immobiliare comunale a) Predisposizione bozza regolamento a) b) Approvazione regolamento in b) Consiglio Comunale P03 ATTIVITA DI CONTROLLO, CERTIFICAZIONE E STATISTICA Analisi, misurazione e controllo della performance dell ente Coordinatore: Bruni Maurizia Scagnolari Giuliana 3) Modifica Regolamento comunale dei Contratti Coordinatore: Bruni Maurizia Scagnolari Giuliana 4) Attivazione procedura registrazione telematica contratti Coordinatore: Bruni Maurizia Scagnolari Giuliana 1) Controllo successivo di regolarità amministrativa - Programmazione Finanziaria (Affari Generali) a) Predisposizione bozza regolamento a) b) Approvazione regolamento in b) Consiglio Comunale a) Aggiornamento software contratti a nuova procedura b) Installazione UNIMOD c) Registrazione piattaforma SISTER d) Attivazione procedura a) Estrazione di n. 2 campioni dal 5% degli atti oggetto di controllo b) Verifica e relativi verbali c) Trasmissione Relazione a) b) c) d) a1) Entro il a2) Entro il b1) Entro il b2) Entro il c) Entro 60 gg dalla chiusura verifiche per ogni relazione Giorgi Silvia DAL OBIETTIVO PROVENIENTE DAL PERSONALE DEL COMUNE DI ARGENTA 11

19 STAFF SEGRETARIO GENERALE Responsabile Dott.ssa Ornella Cavallari ORGANIZZAZIONE P01 E GESTIONE DEL PERSONALE ORGANI ISTITUZIONALI E ATTIVITA' DI SEGRETERIA GENERALE Studio e realizzazione di forme 1) Unione dei Comuni di Argenta, associative intercomunali per la Portomaggiore, Ostellato: conferimento gestione dei servizi: realizzazione delle funzioni, predisposizione del bilancio, unione dei Comuni adozione delle misure organizzative necessarie per il funzionamento degli uffici e dei servizi unificati. - Sviluppo Economico (SUAP) - Programmazione Finanziaria (Affari Generali) - Urbanistica (Amministrativo Urbanistica) Coordinatore: Giorgi Silvia Area Personale Baldini Cristina Lolli Angela Moretti Antonella Area Uffici di supporto - Protocollo Archivio Bruni Maurizia Gamberini Lidia Taroni Stefania Scagnolari Giuliana a) Elaborazione delle convenzioni, Risorse Umane, servizi di supporto b) Servizio Protocollo dell'unione, predisposizione del manuale di gestione dell'archivio e del protocollo, e atti conseguenti c) Predisposizione del budget relativo alle spese di personale e verifica del comma 557 dei comuni e dell'unione d) Predisposizione dell'accordo per il comando del personale in unione; e) Predisposizione delle disposizioni in materia di orario di lavoro dei dipendenti dell'unione; f) Analisi dei procedimenti della funzione relativa alle risorse umane trasferita in unione e riorganizzazione conseguente. g) Predisposizione degli atti relativi alla organizzazione dell'unione, struttura organizzativa, armonizzazione dei regolamenti, ecc... h) Apertura dello sportello di Protocollo dell'unione a) Entro b) Entro c) Entro d) Entro e) Entro f) Entro g) Entro h) Entro

20 STAFF SEGRETARIO GENERALE Responsabile Dott.ssa Ornella Cavallari Trasparenza amministrativa attraverso strumenti ICT e di comunicazione attiva 1) Attuazione adempimenti in materia di Anticorruzione Obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni - Sviluppo Economico (SUAP) - Programmazione Finanziaria (Controllo di Gestione e Statistica) - Urbanistica (Amministrativo Urbanistica) - Cultura, Sport e Tempo libero (tutti i servizi) - Polizia Municipale (Viabilità) a) Individuazione dei responsabili dei a), b), c), Entro il procedimenti d) Entro b) Definizione dei provvedimenti finali e/o endoprocedimentali soggetti ad obbligo di pubblicazione c) Individuazione dei referenti per la trasmissione dei dati oggetto di pubblicazione d) Attuazione degli adempimenti rispetto ai dati sul personale dell ente Coordinatore: Giorgi Silvia Lolli Angela Marzocchi Lia Bruni Maurizia P03 ATTIVITA DI Analisi, misurazione e controllo della CONTROLLO, performance dell ente CERTIFICAZIONE E STATISTICA DAL OBIETTIVO GESTITO DAL RISORSE UMANE DELL UNIONE VALLI E DELIZIE 1) Relazione di fine mandato Analisi ed adempimenti correlati - Programmazione Finanziaria (Affari Generali) a) Raccolta ed elaborazione dati quinquennali relativi alle entrate e spese di personale e analisi indicatori correlati a) Entro il 31 gennaio 2014 Coordinatore: Giorgi Silvia Baldini Cristina Lolli Angela Moretti Antonella DAL OBIETTIVO GESTITO DAL RISORSE UMANE DELL UNIONE VALLI E DELIZIE 13

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 A cura del Direttore Responsabile della Trasparenza Erminia Zoppè PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2017 Indice

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011-2013. Indice

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011-2013. Indice Segretariato Direzione Generale PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011-2013 Indice 1. Premessa 2 La pianificazione esecutiva di Roma Capitale: 2.1 La Programmazione economico finanziaria: la coerenza tra documenti

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 16-03-2015 (punto N 33 ) Delibera N 251 del 16-03-2015 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE INDICE 1. DESCRIZIONE DEL SISTEMA... 1 1.1 Caratteristiche distintive dell organizzazione della Provincia di Caserta... 1 1.2 La metodologia adottata

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 Disposizioni in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della Regione e degli enti a ordinamento regionale, nonché modifiche

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014 PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale di PEG 2014 AI SENSI DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE APPROVATO CON DGP N. 25 DEL 1/02/2011 DIRIGENTE BALOCCO PAOLO Contribuire a migliorare

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

le parti concordano e stipulano quanto segue

le parti concordano e stipulano quanto segue Logo Prefettura Logo Ufficio Scolastico Regionale BOZZA PROTOCOLLO DI INTESA tra Il Prefetto di.. nella persona del dott.. e il Direttore dell Ufficio Scolastico Regionale di.,. nella persona del dott....,

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

attività regolamentate BOVELACCI ANNELISA 50,00% -5,00% 45,00%

attività regolamentate BOVELACCI ANNELISA 50,00% -5,00% 45,00% Modifiche alle risorse umane rispetto il Piano Performance 2013 vers.1 approvato con Delibera di Giunta Camerale n. 15 del 31/01/2013 Tabella A) Codice Descrizione Nominativo Perc. Var. Totale 3.4.1.1

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Sergio dal Maso Viale C.Colombo, 165 Foggia Telefono 328/2775122 Fax 0881/720007 E-mail Nazionalità

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003

Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003 Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003 progr. Anno legge Titolo della legge articoli commi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO AP/ap Determinazione n. DD-2015-391 esecutiva dal 06/03/2015 Protocollo Generale n. PG-2015-22551 del 05/03/2015

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli