Area 2 - Confronto fra farmaci e fra strategie terapeutiche per patologie e condizioni cliniche ad elevato impatto per la salu e per il SSN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Area 2 - Confronto fra farmaci e fra strategie terapeutiche per patologie e condizioni cliniche ad elevato impatto per la salu e per il SSN"

Transcript

1 Area 2 - Confronto fra farmaci e fra strategie terapeutiche per patologie e condizioni cliniche ad elevato impatto per la salu e per il SSN Tematica 1 - Strategie terapeutiche per ottimizzare il trattamento dell ictus cerebrovascolare. Codice Lettera Risultato 1 FARM629YEY STUDIO FATTORI PROGNOSTICI E RISPOSTA TERAPEUTICA PAZIENTI CON DIPENDENZA ALCOOLICA CON O SENZA COMORBIDITA' PER DISTURBI PSICHIATRICI 2 FARM62YNY2 PROTEZIONE D'ORGANO DA XENON 3 FARM65KNKY STUDIO CLINICO RANDOMIZZATO CONTROLLATO CON ALTEPLASE (RT-PA) IN PAZIENTI CON ICTUS ISCHEMICO CEREBRALE ACUTO CON ETÀ SUPERIORE AGLI 80 ANNI TRATTATI ENTRO 3 ORE DALL ESORDIO DEI SINTOMI 4 FARM67ALNH STUDIO CLINICO CONTROLLATO SUL TRATTAMENTO AGGRESSIVO DELL'IPERGLICEMIA NELL'ICTUS ISCHEMICO ACUTO 5 FARM6BS7TB INIBIZIONE DELLA POLI(ADP-RIBOSIO)POLIMERASI CON MINOCICLINA PER RIDURRE I RISCHI DELLA TROMBOLISI ED AMPLIARE LA FINESTRA TERAPEUTICA NELL'ICTUS 6 FARM6LN3KS STUDIO RANDOMIZZATO DI CONFRONTO FRA TROMBOLISI INTRA-ARTERIOSA LOCO-REGIONALE ED ENDOVENOSA SISTEMICA CON ALTEPLASE NELL'ICTUS ISCHEMICO ACUTO. 7 FARM6RPCZ7 INTERNATIONAL STROKE TRIAL 3: TROMBOLISI NELL' ICTUS ISCHEMICO ACUTO 8 FARM6RZJXX STUDIO MULTICENTRICO PER UNA MIGLIORE SELEZIONE DEI PAZIENTI CANDIDATI ALLA TERAPIA FIBRINOLITICA IN RELAZIONE ALLA SEDE DELLA OCCLUSIONE CEREBROVASCOLARE 9 FARM6WK95Z EFFETTI DELLA TERAPIA CON STATINE IN PAZIENTI CON RISCHIO CARDIOVASCOLARE ASSOLUTO NON ALTO E DANNO VASCOLARE PRECLINICO MISURATO COME ISPESSIMENTO MEDIO-INTIMALE CAROTIDEO Area 2 - Confronto fra farmaci e fra strategie terapeutiche per patologie e condizioni cliniche ad elevato impatto per la salute pubblica e per il SSN Tematica 2 - Strategie terapeutiche di trattamento per il diabete di tipo II che includono il confronto fra diversi ipoglicemizz Codice Lettera Risultato 1 FARM62XPCN EFFICACIA DELLA CABERGOLINA NEL CONTROLLO GLICEMICO E NEL MIGLIORAMENTO DELLE COMPLICANZE MICRO-MACROANGIOPATICHE NEI PAZIENTI CON DIABETE MELLITO TIPO 2

2 2 FARM62ZLM7 FAMACOGENETICA NELLA PREVENZIONE E TRATTAMENTO DEL DANNO RENALE E DEGLI EVENTI CARDIOVASCOLARI IN PAZIENTI CON DIABETE DI TIPO 2: FARMACI BLOCCANTI IL SISTEMA RENINA-ANGIOTENSINA E GENI DA INSULINO-RESISTENZA. 3 FARM63CTJK EFFETTI CENTRALI DEI FARMACI ANTIDIABETICI: CONFRONTO TRA VARIE MOLECOLE E STUDIO DEI MECCANISMI DI DANNO O DI PROTEZIONE SULLE BETA- CELLULE PANCREATICHE 4 FARM63LCEW IDENTIFICAZIONE DI MARKERS GENETICI PREDITTIVI DELLA EFFICACIA TERAPEUTICA DEI FARMACI INSULINO- SENSIBILIZZANTI NEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 5 FARM65NHHW SENSIBILIZZANTI INSULINICI NELLA PREVENZIONE DEGLI STATI DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO E DEL RISCHIO CARDIOVASCOLARE IN DONNE AFFETTE DA SINDROME DELL'OVAIO POLICISTICO ED OBESITÀ: STUDIO PROSPETTICO CONTROLLATO MULTICENTRICO 6 FARM6AL5PH OLTRE LA GLICEMIA: METFORMINA E PIOGLITAZONE A CONFRONTO Efficacia di metformina e pioglitazone sui fattori di rischio aggiuntivi che caratterizzano il soggetto diabetico con sindrome metabolica. 7 FARM6LP728 Studio sull efficacia degli antidiabetici orali nella normale pratica clinica in Medicina Generale 8 9 FARM6R7J9M FARM6R8BT2 STUDIO PROBE (PROSPECTIVE RANDOMIZED OPEN BLINDED ENDPOINTS) PER CONTRONTARE L'EFFICACIA DELL'ASSOCIAZIONE METFORMINA+GLIMEPIRIDE VS METFORMINA+ROSIGLITAZONE SUL CONTROLLO METABOLICO, LA FUNZIONE BETA CELLULARE ED I FATTORI DI RISCHIO CARDIOVASCOLARE Studio multicentrico, in doppio cieco, randomizzato, di confronto sugli effetti di Metformina, Rosiglitazone e terapia combinata Metformina-Rosiglitazone sul controllo glico-metabolico e su parametri infiammatori ed emocoagulativi in pazienti con diabete mellito di tipo 2 10 FARM6SJTL8 Razionalizzazione dell impiego dei farmaci insulinosensibilizzanti nei diabetici tipo 2 ultrasessantacinquenni sulla base della caratterizzazione genetico-molecolare 11 FARM6T9CET CONFRONTO TRA DUE ASSOCIAZIONI DI IPOGLICEMIZZANTI ORALI (METFORMINA + TIAZOLIDINEDIONI VERSUS METFORMINA + GLIBENCLAMIDE) IN RELAZIONE ALL'INCIDENZA DI EVENTI CARDIOVASCOLARI (CV) IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 2 PRECEDENTEMENTE TRATTATI CON MONOTERAPIA MA NON ADEGUATAMENTE COMPENSATI 12 FARM6TZST7 VALUTAZIONE DEL RISCHIO CARDIOVASCOLARE NEL PAZIENTE AFFETTO DA DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN TRATTAMENTO CON IPOGLICEMIZZANTI ORALI ATTRAVERSO LO STUDIO DELLA REATTIVITÀ CELLULARE

3 Area 2 - Confronto fra farmaci e fra strategie terapeutiche per patologie e condizioni cliniche ad elevato impatto per la salu per il SSN Tematica 3 - Strategie terapeutiche per il trattamento di pazienti affetti da broncopneumopatia cronico ostruttiva (BPCO) co scompenso cardiaco. Codice Lettera Risultato 1 FARM62NWHA CONFRONTO FRA BUPROPIONE (ZYBAN) E BUPROPIONE GENERICO NEL TRATTAMENTO ANTIFUMO 2 FARM6529CP SICUREZZA ED EFFICACIA DELLA TERAPIA CON BETA- BLOCCANTI IN PAZIENTI CON BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO) ASSOCIATA A SCOMPENSO CARDIACO 3 FARM6878KY STUDIO PILOTA SUGLI EFFETTI DEGLI ANTAGONISTI RECETTORIALI DELL'ENDOTELINA IN PAZIENTI CON IPERTENSIONE ARTERIOSA POLMONARE SEVERA E BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA. 4 FARM6AT7MF VALUTAZIONE DELL'EFFICACIA E DELLA SICUREZZA DELL'USO DI BETA-BLOCCANTI SELETTIVI IN PAZIENTI CON BPCO E SCOMPENSO CARDIACO 5 FARM6FLNKF IMPATTO DEL TRATTAMENTO BRONCODILATATORE CRONICO CON BETA2-AGONISTI VS ANTICOLINERGICI SULLA TOLLERABILITÀ E SICUREZZA DELLA TERAPIA BETA-BLOCCANTE IN PAZIENTI CON SCOMPENSO CARDIACO (SC) E BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO): STUDIO RANDOMIZZATO CONTROLLATO 6 FARM6HCRB4 IDENTIFICAZIONE DEL PROFILO DIAGNOSTICO- TERAPEUTICO DEL PAZIENTE CON BPCO E SCOMPENSO CARDIACO IN AMBIENTE INTERNISTICO: INDICATORI DI QUALITA' E RAPPORTO COSTO-BENEFICIO 7 FARM6K2WLJ SICUREZZA ED EFFICACIA DELL UTILIZZO DI UN INIBITORE DELLE FOSODIESTERASI 5 IN PAZIENTI CON IPERTENSIONE POLMONARIA SECONDARIA A BPCO E INSUFFICIENZA CARDIACA. 8 FARM6MW2LH STUDIO RANDOMIZZATO, CONTROLLATO CON PLACEBO SULLA EFFICACIA E TOLLERABILITÀ DI UNA TERAPIA CON ANTIINFIAMMATORIO CON O SENZA BETABLOCCANTE IN PAZIENTI CON BRONCOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO) ASSOCIATA A INSUFFICIENZA CARDIACA

4 9 FARM6YHYW4 OSSIGENO TERAPIA A LUNGO TERMINE IN PAZIENTI CON IPOSSIEMIA CRONICA MODERATA SECONDARIA A BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA COMPLICATA DA SCOMPENSO CARDIACO CRONICO 10 FARM6ZM2MM VALUTAZIONE DELL EFFETTO PREVENTIVO DELLE RIACUTIZZAZIONI IN PAZIENTI AFFETTI DA BPCO DI GRADO SEVERO O MOLTO SEVERO INDOTTO DA DUE DIVERSI DOSAGGI DELLA COMBINAZIONE FLUTICASONE/SALMETEROLO O DALL AGGIUNTA DI N- ACETILCISTEINA AL DOSAGGIO INFERIORE DELLA TERAPIA COMBINATA Area 2 - Confronto fra farmaci e fra strategie terapeutiche per patologie e condizioni cliniche ad elevato impatto per la salu e per il SSN Tematica 4 - Strategie terapeutiche per il trattamento dell asma bronchiale. Codice Lettera Risultato 1 FARM62XZKX EFFETTI DI DIFFERENTI STRATEGIE TERAPEUTICHE SULLA RISPOSTA BRONCOCOSTRITTRICE NELL'ASMA 2 FARM63WW57 CONFRONTO TRA DUE STRATEGIE TERAPEUTICHE QUALI CORTICOSTEROIDI INALATORI VS ASSOCIAZIONE CORTICOSTEROIDI INALATORI + BETA2 AGONISTI LONG- ACTING NEL CONTROLLO A LUNGO TERMINE DEI SINTOMI E DEI PARAMETRI INFIAMMATORI DELL ASMA 3 FARM672T4F EFFETTI DELLA IMMUNOTERAPIA SUBLINGUALE (SLIT) SULLE MANIFESTAZIONI CLINICHE DELLE ALLERGOPATIE RESPIRATORIE IN ETÀ PEDIATRICA 4 FARM67S4PF Studio clinico controllato randomizzato per la valutazione del rapporto costo-beneficio dell anticorpo monoclonale anti-ige nell asma grave 5 FARM6AH2PJ CONFRONTO FRA UNO STEROIDE INALATORIO ED UN ANTAGONISTA RECETTORIALE DEI LEUCOTRIENI NELLA TERAPIA DELL'ASMA PEDIATRICA:CARATTERIZZAZIONE DELLA VARIABILITA' DELLA RISPOSTA FARMACOLOGICA. 6 FARM6AJ7AT VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DEI BETA2 ADRENERGICI LONG-ACTING NELLO SVILUPPO DI ASMA IN BAMBINI CON ALTO RISCHIO DI ASMA IN ETÀ PRESCOLARE. STUDIO MULTICENTRICO RANDOMIZZATO IN DOPPIO CIECO. 7 FARM6BWSF9 CONFRONTO FRA TERAPIA REGOLARE E TERAPIA SOLO AL BISOGNO DELLA ASSOCIAZIONE BUDESONIDE/FORMOTEROLO NELL ASMA MODERATO PERSISTENTE

5 8 FARM6FRLLJ EFFICACIA E SICUREZZA DI DIVERSE STRATEGIE TERAPEUTICHE IN BAMBINI CON ASMA PERSISTENTE: STUDIO RANDOMIZZATO CONTROLLATO. PROPOSTO DALLA ASSOCIAZIONE OSPEDALI PEDIATRICI ITALIANI- STUDIO AOPI ASMA. 9 FARM6T8NLP SIGNIFICATO DELL'AGGIUNTA DI OMALIZUMAB ALLA TERAPIA ANTIASMATICA OTTIMALE: CONFRONTO TRA DUE STRATEGIE TERAPEUTICHE DELL'ASMA ALLERGICO PERSISTENTE MODERATO/SEVERO DA PLURISENSIBILIZZAZIONE 10 FARM6YK9S3 MONITORAGGIO DELLE IGE SPECIFICHE VERSO MOLECOLE ALLERGENICHE DURANTE TRATTAMENTO CON ANTICORPO MONOCLONALE ANTI-IGE (OMALIZUMAB) Area 2 - Confronto fra farmaci e fra strategie terapeutiche per patologie e condizioni cliniche ad elevato impatto per la salu per il SSN Tematica 5 - Strategie terapeutiche di ottimizzazione del trattamento con farmaci oncologici con target antitumorale specif Codice Lettera Risultato 1 FARM62MC97 SHORT-HER: STUDIO MULTICENTRICO RANDOMIZZATO DI CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE IN ASSOCIAZIONE CON HERCEPTIN 9 VS 52 SETTIMANE, IN PAZIENTI CON CARCINOMA MAMMARIO HER2 POSITIVO. 2 FARM62ZE4T STUDIO RANDOMIZZATO FRA ALEMTUZUMAB (CAMPATH) IN MONOTERAPIA E IN COMBINAZIONE CON FLUDARABINA E CICLOFOSFAMIDE (FCC) IN PAZIENTI AFFETTI DA LEUCEMIA LINFATICA CRONICA A CELLULE B (LLC-B)RESISTENTI A FLUDARABINA 3 FARM6339A8 OTTIMIZZAZIONE DEL TRATTAMENTO CON TEMOZOLOMIDE IN BAMBINI E GIOVANI ADULTI AFFETTI DA GLIOMA MALIGNO 4 FARM64HCRX RUOLO DELLA SCINTIGRAFIA CON 111IN OCTREOTIDE (OCTREOSCAN) NELL OTTIMIZZAZIONE DEL TRATTAMENTO CON ANALOGHI DELLA SOMATOSTATINA DEI PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA EPATOCELLULARE NEODIAGNOSTICATI 5 FARM64TF4N SINGLE NUCLEOTIDE POLYMORPHISMS [SNPS] IN IMATINIB- TRANSPORTERS, METABOLISING ENZYMES AND TARGETS AS DETERMINANTS OF THE RESPONSIVE/NON RESPONSIVE GENETIC PROFILE IN CHRONIC MYELOID LEUKEMIA PATIENTS

6 6 FARM67L73N STUDIO CLINICO DI FASE III CHE VALUTA UNA TERAPIA TARDIVA DI BREVE DURATA CON TRASTUZUMAB IN PAZIENTI OPERATE PER UN CARCINOMA MAMMARIO HER2 POSITIVO. 7 FARM67WH4R ERLOTINIB QUALE TERAPIA DI PRIMA LINEA IN PAZIENTI CON CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE INOPERABILE CON MUTAZIONI DI EGFR. CONFRONTO CON TERAPIA CITOTOSSICA. 8 FARM687K3K STUDIO DI APPROPRIATEZZA CIRCA L OTTIMIZZAZIONE SU BASE BIOLOGICA DELLE SEQUENZE ANTIBLASTICHE TERAPEUTICHE IN PAZIENTI CON NEOPLASIA COLORETTALE AVANZATA/METASTATICA 9 FARM69APPZ ASSOCIAZIONE DI FARMACI CHEMIOTERAPICI E POMPE CON CARTUCCE ADSORBENTI SPECIFICHE NEL TUMORE DEL POLMONE SPERIMENTALE: VALUTAZIONE DELL EFFICACIA TERAPEUTICA E DELLA RIDUZIONE DEGLI EFFETTI COLLATERALI. 10 FARM6AAXKW STUDIO CLINICO RANDOMIZZATO, PROSPETTICO DI FASE II, PER LA VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA AGLI INIBITORI DELL'ANGIOGENESI NEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO AVANZATO. VALUTAZIONE BIOMOLECOLARE E GENOMICA DELLA PREDITTIVITÀ ALLA RISPOSTA AL TRATTAMENTO CON GLI INIBITORI DELL'ANGIOGENESI. 11 FARM6AP7MS RISPOSTA IMMUNOLOGICA ALLA VACCINAZIONE ANTITUMORALE CON PEPTIDI DERIVATI DAGLI ANTIGENI TUMORE-ASSOCIATI MUC-1, CEA E ERB-B2 IN PAZIENTI AFFETTI DA MIELOMA MULTIPLO, NEOPLASIE DELLA MAMMELLA, DELL' OVAIO, DEL COLON E DELL'ENDOMETRIO. 12 FARM6CCZ33 ALTERAZIONI DELLA MATURAZIONE DELL'ASSE IPOTALAMO-IPOFISI-GONADI E DEL METABOLISMO OSSEO IN PAZIENTI PEDIATRICI SOTTOPOSTI A TRATTAMENTO ANTI-TUMORALE CON IMATINIB MESILATO PRIMA DELL'INIZIO DELLA PUBERTA' 13 FARM6EC7Z2 STUDIO FARMACOGENOMICO E DEL COMPORTAMENTO DELLE TOPOISOMERASI NEL TRATTAMENTO DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO (E PER CONFRONTO SCIENTIFICO DI ALTRI CARCINOMI): IDENTIFICAZIONE DI MARKER PREDITTIVI DELLA RISPOSTA CLINICA A ANTIMETABOLITI E ALCHILANTI, AL FINE DI CONDURRE UNO STUDIO COMPARATIVO RANDOMIZZATO DI FASE III TRA GOLDEN STANDARD THERAPY VERSUS TARGET- ORIENTED THERAPY NEL TRATTAMENTO DI TUMORI SOLIDI

7 14 FARM6F49FK "TARGETED THERAPY" WITH MONOCLONAL ANTIBODIES FOR THE TREATMENT OF MINIMAL RESIDUAL DISEASE IN ADULT PATIENTS WITH ACUTE LYMPHOBLASTIC LEUKEMIA IN COMPLETE HEMATOLOGIC REMISSION AFTER INDUCTION AND CONSOLIDATION CHEMOTHERAPY. GIMEMA ACUTE LEUKEMIA WORKING PARTY PROTOCOL "LAL 1306" 15 FARM6F5JER APPROPRIATEZZA DELL'UTILIZZO DI ERLOTINIB IN PAZIENTI CON NEOPLASIA POLMONARE AVANZATA 16 FARM6FJJAY STRATEGIA DI TERAPIA SISTEMICA NEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO METASTATICO. I LINEA: STUDIO PRAGMATICO RANDOMIZZATO IN APERTO DI FASE III PER VALUTARE L EFFICACIA DELLA COMBINAZIONE POLICHEMIOTERAPIA+BEVACIZUMAB VS LA SOLA POLICHEMIOTERAPIA; II LINEA: DUE STUDI RANDOMIZZATI DI FASE III PER VALUTARE L EFFICACIA DI 17 FARM6K4X5B VALORE PREDITTIVO DELLE ALTERAZIONI MOLECOLARI DEL GENE EGFR E DELL ONCOGENE K-RAS NELLA TERAPIA CON CETUXIMAB IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DEL COLON AVANZATO 18 FARM6KAC8L IMPATTO PROGNOSTICO DEI GENI RIZ/PRDM2 E YY1 SULLA PROGNOSI E "OUTCOME" CLINICO NEL CARCINOMA DELLA MAMMELLA E DELLA PROSTATA TRATTATO CON TERAPIA MEDICA E CHIRURGICA. 19 FARM6L2P3H OTTIMIZZAZIONE DEL TRATTAMENTO CON CETUXIMAB IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DEL COLON RETTO AVANZATO: SCHEDULA SETTIMANALE VERSO QUINDICINALE 20 FARM6L9TFK STUDIO TRASLAZIONALE RANDOMIZZATO DI FASE III: OTTIMIZZAZIONE DELLO SCHEMA TERAPEUTICO FOLFIRI + BEVACIZUMAB NEL CARCINOMA COLONRETTALE METASTATICO (CCM) IN FUNZIONE DEI POLIMORFISMI GENETICI (FARMACOGENETICA) E ANALISI DI BIOMARCATORI CIRCOLANTI. STUDIO C.I.P.O.M.O. 21 FARM6MKHLY CONFRONTO, IN TERMINI DI EFFICACIA E COSTO- BENEFICIO, FRA TERAPIA CHIRURGICA E TERAPIA FOTODINAMICA NEL MANAGEMENT DELLA FIELD- CANCERIZATION DELLE MUCOSE DELLE VIE AERO- DIGESTIVE SUPERIORI. 22 FARM6N78KN EFFICACIA E TOSSICITÀ DI TRASTUZUMAB ALLA DOSE DI MANTENIMENTO DI 1MG/KG/SETTIMANA VS LA DOSE STANDARD DI 2 MG/KG/SETTIMANA IN ASSOCIAZIONE ALLA CHEMIOTERAPIA NEL TRATTAMENTO DI PAZIENTI AFFETTE DA CARCINOMA MAMMARIO METASTATICO. STUDIO MULTICENTRICO DI FASE III.

8 23 FARM6NHJRH STUDIO CLINICO MULTICENTRICO RANDOMIZZATO DI FASE III DI CHEMIOTERAPIA CON IRINOTECANO + CETUXIMAB IN PAZIENTI CON DIAGNOSI DI CARCINOMA COLO-RETTALE METASTATICO: TRATTAMENTO CONDOTTO FINO A PROGRESSIONE VS TRATTAMENTO DI BREVE DURATA 24 FARM6RAT9P CETUXIMAB + IRINOTECANO VS CHEMOTERAPIA A BASE DI MITOMICINA NEL CARCINOMA COLO-RETTALE AVANZATO PRETRATTATO NON RESECABILE 25 FARM6RATER STUDIO DI FASE 3 DI CONFRONTO TRA TRASTUZUMAB PER 6 O 12 MESI +/- TRATTAMENTO SEQUENZIALE CON LAPATINIB COME TERAPIA ADIUVANTE PER PAZIENTI CON TUMORE DELLA MAMMELLA HER2-POSITIVO 26 FARM6RTZ7J STUDIO DI FASE III DI BEVACIZUMAB SETTIMANALE VERSUS BISETTIMANALE IN COMBINAZIONE CON PACLITAXEL SETTIMANALE NEL CARCINOMA DELLA MAMMELLA AVANZATO HER-2 NEGATIVO 27 FARM6TCRFJ ASSOCIAZIONE TRA TRASTUZUMAB E VACCINAZIONE PEPTIDICA IN PAZIENTI ONCOLOGICI ERB-B2 POSITIVI 28 FARM6TMT9E IMPLEMENTAZIONE DI UN ALGORITMO BIOLOGICO PER LA OTTIMIZZAZIONE E PERSONALIZZAZIONE DELLE TERAPIE MIRATE: PRIMO MODELLO DI STUDIO: LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE IN FASE III CON IMPIEGO DI BEVACIZUMAB (BV) 29 FARM6W7A77 CONFRONTO, IN TERMINI DI EFFICACIA COSTO- BENEFICIO, FRA RADIOTERAPIA E TERAPIA FOTODINAMICA NEI TUMORI DEL DISTRETTO ORL 30 FARM6WWB4C TERAPIA FOTODINAMICA CON MTHPC (FOSCAN) NEL TRATTAMENTO DEI CARCINOMI IN STADIO INIZIALE DEL CAVO ORALE. CONFRONTO CON LA CHIRURGIA 31 FARM6WWZLN RUOLO DELLA MATRICE EXTRACELLULARE NELLA RISPOSTA A TRASTUZUMAB NEL CARCINOMA DELLA MAMMELLA. 32 FARM6X5N9E OTTIMIZZAZIONE DELLA DURATA DEL BEVACIZUMAB, ANTICORPO MONOCLONALE CON TARGET ANTITUMORALE SPECIFICO, NELLA TERAPIA DI I LINEA NEL CANCRO DEL COLON-RETTO: STUDIO RANDOMIZZATO DI FASE III 33 FARM6XB38F ANALISI DELLA STRATEGIA OTTIMALE DEI PAZIENTI CON CARCINOMA DEL COLON-RETTO METASTATICO TRATTATI CON BEVACIZUMAB E CETUXIMAB. 34 FARM6ZMMBH CONFRONTO TRA R-CHOP CON RITUXIMAB DI MANTENIMENTO RISPETTO A R-HDS SENZA MANTENIMENTO NELLA TERAPIA DI PRIMA LINEA DEL LINFOMA FOLLICOLARE AD ALTO RISCHIO: STUDIO MULTICENTRICO RANDOMIZZATO DI FASE III

9 Area 2 - Confronto fra farmaci e fra strategie terapeutiche per patologie e condizioni cliniche ad elevato impatto per la salu e per il SSN Tematica 6 - Strategie terapeutiche di ottimizzazione del trattamento con anestetici generali e miorilassanti in chirurgia. Codice Lettera Risultato 1 FARM643L7C INHALATION VERSUS TOTAL INTRAVENOUS ANESTHESIA IN NEUROSURGERY: CLINICAL AND BIOLOGICAL EFFECTS. 2 FARM65FKRR VALUTAZIONE DELLE MODIFICAZIONI E DELLE COMPLICANZE EMODINAMICHE NELL'USO DI ADRENALINA E NORADRENALINA NEL LIQUIDO DI IRRIGAZIONE PER LA CHIRURGIA ARTROSCOPICA DI SPALLA: STUDIO PROSPETTICO RANDOMIZZATO CONTROLLATO. 3 FARM65LP44 CONFRONTO DI QUATTRO TECNICHE DI ANESTESIA GENERALE NELLA CHIRURGIA BARIATRICA LAPAROSCOPICA 4 FARM65WALM IL RISVEGLIO IN ETÀ PEDIATRICA: STUDIO RANDOMIZZATO, CONTROLLATO, DOPPIO CIECO NELLA BLENDED ANESTESIA. 5 FARM67LCW7 STUDIO PROSPETTICO MULTICENTRICO PER LA VALUTAZIONE COMPARATIVA DELLA PROTEZIONE DA DANNO ISCHEMICO NEL PERIODO POST OPERATORIO, DUE TECNICHE ANTALGICHE A CONFRONTO: MORFINA ENDOVENOSA VERSUS ROPIVACAINA E OPPIOIDE IN INFUSIONE PERIDURALE 6 FARM67YA3F UTILITA' DELL'ANESTETICO ALOGENATO DESFLURANE NEL PRECONDIZIONAMENTO CARDIACO DEL PAZIENTE DIABETICO SOTTOPOSTO A RIVASCOLARIZZAZIONE MIOCARDICA IN CIRCOLAZIONE EXTRA CORPOREA 7 FARM6CZN2H ANALGESIA POSTOPERATORIA: STUDIO COMPARATIVO DI MORFINA /KETAMINA VS METADONE IN CHIRURGIA ADDOMINALE MAGGIORE 8 FARM6E3EXW VALUTAZIONE COMPARATIVA DELL'EFFICACIA ANALGESICA E DELLA POTENZIALE CARDIONEUROTOSSICITÀ DI LEVOBUPIVACAINA E ROPIVACAINA IN INFUSIONE PERIDURALE CONTINUA 9 FARM6F73NM PREVENZIONE DEL DOLORE POSTOPERATORIO MEDIANTE UTILIZZO DELLA TOSSINA BOTULINICA NELLE PAZIENTI CANDIDATE A MASTECTOMIA E RICOSTRUZIONE IMMEDIATA CON ESPANSORE 10 FARM6FKJKK VALUTAZIONE DI DIFFERENTI STRATEGIE ANESTESIOLOGICHE PER INTERVENTI NEUROCHIRURGICI SOVRATENTORIALI. 11 FARM6H73Z9 CARDIOPROTEZIONE DA ANESTETICI ALOGENATI. UNO STUDIO RANDOMIZZATO.

10 12 FARM6HNXR3 EFFICACIA DELL'IMPIEGO DI S-KETAMINA,SOMMINISTRATA IN BOLO E IN INFUSIONE CONTINUA A DOSI ANTIIPERALGESICHE, PER IL CONTROLLO DEL DOLORE POSTOPERATORIO IN PAZIENTI SOTTOPOSTE A TAGLIO CESAREO ELETTIVO IN ANESTESIA SUBARACNOIDEA. 13 FARM6T49W5 PREVENZIONE DELLA FORMAZIONE DELLA CAPSULA PERIPROTESICA IN CHIRURGIA RICOSTRUTIVA DELLA MAMMELLA ATTRAVERSO L UTILIZZO DI ZAFIRLUKAST 14 FARM6WKWW2 L ANALGESIA PERIDURALE PREOPERATORIA (ANALGESIA PREVENTIVA) CON OPPIOIDI PER LA PREVENZIONE E TRATTAMENTO DEL DOLORE POSTOPERATORIO IN Area 2 - Confronto fra farmaci e fra strategie terapeutiche per patologie e condizioni cliniche ad elevato impatto per la salu e per il SSN Tematica 7 - Strategie terapeutiche di trattamento per i pazienti in dialisi. Codice Lettera Risultato 1 FARM6ELPLY ESISTONO CRITERI DIAGNOSTICI PREDITTIVI DELLA RISPOSTA AL TRATTAMENTO MEDICO DELL IPERPARATIROIDISMO DELL EMODIALIZZATO? 2 FARM6JT7FZ L ATORVASTATINA HA UN RUOLO NEL TRATTAMENTO DEL DISMETABOLISMO ENDOTELIALE E DELLA IPERATTIVITÀ AUTONOMICA SIMPATICA NEI PAZIENTI EMODIALIZZATI? 3 FARM6KRA24 EFFETTI DELLA SOMMINISTRAZIONE DI ACETILCISTEINA SULLE COMPLICANZE CARDIOVASCOLARI NEI PAZIENTI IN TRATTAMENTO EMODIALITICO CRONICO 4 FARM6TKFA3 STUDIO MULTICENTRICO, PROSPETTICO RANDOMIZZATO CONTROLLATO IN APERTO SUGLI EFFETTI DELLA SOMMINISTRAZIONE DI DARBOPOETINA (DPO) SULLA SOPRAVVIVENZA DEI PAZIENTI CON INSUFFICIENZA RENALE ACUTA IN DIALISI. 5 FARM6WE4PP STUDIO PROSPETTICO, MULTICENTRICO, RANDOMIZZATO PER CONFRONTARE L EFFETTO DI UN TRATTAMENTO CON ACE INIBITORI RISPETTO AD UN TRATTAMENTO CHE NON INCLUDA INIBITORI DEL SISTEMA RENINA ANGIOTENSINA SULL INCIDENZA DI 6 FARM6X822T EFFETTI DEGLI AGENTI STIMOLANTI L ERITROPOIESI E DELLE STATINE SU ENDPOINTS CARDIO- CEREBROVASCOLARI IN EMODIALISI: STUDIO RANDOMIZZATO FATTORIALE Area 2 - Confronto fra farmaci e fra strategie terapeutiche per patologie e condizioni cliniche ad elevato impatto per la salu per il SSN Tematica 8 - Strategie terapeutiche per la prevenzione delle fratture osteoporotiche. Codice Lettera Risultato 1 FARM62WM9K UTILIZZAZIONE DI FOLATI O FARMACI NITRODERIVATI PER LA PREVENZIONE DELLA OSTEOPOROSI POSTMENOPAUSALE. STUDIO PROSPETTICO RANDOMIZZATO CONTROLLATO

11 2 FARM65KJ39 PREVENZIONE DELLA RIFRATTURA DI FEMORE, DELLA DISABILITÀ E DELLA MORTALITÀ IN DONNE OSTEOPOROTICHE: EFFICACIA DELLA TERAPIA MEDICA, ANCHE IN RELAZIONE ALLA REALE COMPLIANCE AL TRATTAMENTO IN UNA POPOLAZIONE DELLA REGIONE VENETO 3 FARM67Z4ZJ ATTIVITÀ FISICA, CALCIO, VITAMINA D E MIGLIORAMENTO DELLO STILE DI VITA, VERSUS BIFOSFONATI NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE VERTEBRALI DA OSTEOPOROSI IN DONNE IN ETA' SENILE. 4 FARM69PP5Y TRATTAMENTO A LUNGO TERMINE DELL'OSTEOPOROSI POSTMENOPAUSALE: VALUTAZIONE DELL'INCIDENZA DI FRATTURE SPONTANEE IN CORSO DI TERAPIE CON DIVERSO IMPATTO SUL METABOLISMO OSSEO 5 FARM69TLXP CONFRONTO TRA ESERCIZIO FISICO E TERAPIA CON BISFOSFONATI IN DONNE CON OSTEOPOROSI POSTMENOPAUSALE 6 FARM6C9S5B STUDIO APERTO, RANDOMIZZATO DI CONFRONTO SULLA SICUREZZA TRA UN BIFOSFONATO A SOMMINISTRAZIONE ORALE ED UNO A SOMMINISTRAZIONE PARENTERALE NELLA PROFILASSI SECONDARIA DELLE FRATTURE DA OSTEOPOROSI POSTMENOPAUSALE 7 FARM6CPYX8 Efficacia sul rischio di fratture cliniche in soggetti anziani della terapia farmacologica classica comparata ad un approccio globale di riduzione dei fattori di rischio BMD- indipendenti: studio randomizzato e controllato (progetto OSTEOCARE) 8 FARM6NSKHW EFFETTO DELLA WHOLE BODY VIBRATION MEDIANTE PEDANA VIBRATORIA NELLA PREVENZIONE DEL RISCHIO DI FRATTURE IN DONNE OSTEOPOROTICHE IN ETÀ POST- MENOPAUSALE TRATTATE CON ACIDO ALENDRONICO SODICO 70 MG 9 10 FARM6PMCZ3 FARM6PXMXJ EFFICACIA CLINICA DELLA VALUTAZIONE DEL POLIMORFISMO BSMI DEL GENE DEL RECETTORE DELLA VITAMINA D PER OTTIMIZZARE L APPROCCIO FARMACOLOGICO ALLA PAZIENTE CON OSTEOPOROSI POSTMENOPAUSALE: CONFRONTO TRA DUE STRATEGIE Valutazione della efficacia di interventi multi-fattoriali farmacologici e non farmacologici nella prevenzione delle cadute e delle fratture, in donne con osteoporosi 11 FARM6TR8MS EFFICACIA DEI DIURETICI TIAZIDICI NELLA PREVENZIONE DI FRATTURE OSTEOPOROTICHE IN DONNE ANZIANE: STUDIO RANDOMNIZZATO E CONTROLLATO Area 2 - Confronto fra farmaci e fra strategie terapeutiche per patologie e condizioni cliniche ad elevato impatto per la salu per il SSN Tematica 9 - Strategie terapeutiche di trattamento del dolore in pediatria. Codice Lettera Risultato 1 FARM63TMS3 EFFICACIA E SICUREZZA DEL FENTANILE IN INFUSIONE CONTINUA PER IL CONTROLLO DEL DOLORE NEI NEONATI PRETERMINE IN VENTILAZIONE MECCANICA 2 FARM65RFWN STUDIO CLINICO MULTICENTRICO RANDOMIZZATO DI FASE III PER IL CONTROLLO DEL DOLORE INTENSO NEL PAZIENTE PEDIATRICO

12 3 FARM69MB7C IL TRATTAMENTO DEL DOLORE PEDIATRICO IN PRONTO SOCCORSO: UNO STUDIO OSSERVAZIONALE E DI VALUTAZIONE DI INTERVENTO IN UN GRUPPO DI OSPEDALI LOMBARDI. 4 FARM6CNS22 TRIAL CONTROLLATO RANDOMIZZATO IN DOPPIO CIECO SU EFFICACIA DELL'IRRIGAZIONE DEL CAVO PERITONEALE CON ROPIVACAINA PER IL CONTROLLO DEL DOLORE POSTOPERATORIO NEL BAMBINO SOTTOPOSTO A LAPAROSCOPIA 5 FARM6CRJE8 LA TERAPIA DEL DOLORE ACUTO E CRONICO NEL BAMBINO CON MALATTIA CRONICA. CREAZIONE DI UN MODELLO PER LA VALUTAZIONE DEL PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO NELL'ARTRITE IDIOPATICA GIOVANILE (AIG) 6 FARM6F8SSR STUDIO RANDOMIZZATO E CONTROLLATO DI FASE 3 PER VALUTARE L'EFFICACIA, LA TOLLERABILITÀ E L'EFFICIENZA, IN ETÀ PEDIATRICA, DI DUE STRATEGIE DI SEDO-ANALGESIA PROFONDA PER PROCEDURE DOLOROSE (PROPOFOL/KETAMINA S VS PROPOFOL/ALFENTANYL) AL DI FUORI DELLA SALA OPERATORIA. (STUDIO AOPI - DOLORE) 7 FARM6LYHC4 VALUTAZIONE DELL EFFICACIA E DELLA TOLLERANZA DEI DIFOSFONATI SUL CONTROLLO DEL DOLORE OSSEO DA OSTEONECROSI NEI PAZIENTI PEDIATRICI SOTTOPOSTI A TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO ALLOGENICO 8 FARM6MJJK2 DOLORE DA APPENDICITE ACUTA IN PAZIENTI PEDIATRICI IN PRONTO SOCCORSO: STUDIO OSSERVAZIONALE E CONFRONTO PROSPETTICO RANDOMIZZATO TRA MORFINA SINGLE SHOT E INFUSIONE CONTINUA. 9 FARM6PRJNX TRIAL CONTROLLATO RANDOMIZZATO MULTICENTRICO SU EFFICACIA E SICUREZZA IN AMBITO PEDIATRICO DI DUE DIVERSE STRATEGIE FARMACOLOGICHE (PROPOFOL VS PROPOFOL-KETAMINA) PER LA SEDAZIONE PROFONDA GESTITA DA NON ANESTESISTI. 10 FARM6WWSC W VALUTAZIONE DELLA EFFICACIA E SICUREZZA DI DUE DIVERSI PROTOCOLLI DI ANALGO-SEDAZIONE (PROPOFOL+KETAMINA VERSUS PROPOFOL+ALFENTANIL) NEI BAMBINI ONCOLOGICI SOTTOPOSTI A PROCEDURE INVASIVE 11 FARM6XWPYB VALUTAZIONE DELLA EFFICACIA DI DIFFERENTI PROTOCOLLI DI SEDAZIONE PROCEDURALE NEL BAMBINO SOTTOPOSTO A ENDOSCOPIA DIGESTIVA DIAGNOSTICA E OPERATIVA 12 FARM6ZBW4R Trattamento del dolore indotto da procedure diagnostico/terapeutiche nel lattante: confronto tra EMLA e soluzioni concentrate di saccarosio.

13 Area 2 - Confronto fra farmaci e fra strategie terapeutiche per patologie e condizioni cliniche ad elevato impatto per la salu per il SSN Tematica 10 - Strategie terapeutiche di ottimizzazione del trattamento con farmaci cardiovascolari in pediatria e neonatolog Codice Lettera Risultato 1 FARM6AA8RW PROFILASSI DEL DOTTO ARTERIOSO PERVIO CON IBUPROFEN IN NEONATI DI EG < 29 SETTIMANE 2 FARM6JFKRW IL TRATTAMENTO IN ACUTO DELLE TACHICARDIE PAROSSISTICHE SOPRAVENTRICOLARI IN ETÀ PEDIATRICA: EFFICACIA E TOLLERABILITÀ DI UNA STRATEGIA "STEPWISE" 3 FARM6K8R5K STUDIO MULTICENTRICO, RANDOMIZZATO, IN APERTO, CONTROLLATO DEL CANDESARTAN CILEXETIL VERSUS ATENOLOLO IN PAZIENTI PEDIATRICI IPERTESI OPERATI PER COARTAZIONE AORTICA.

14 ute pubblica zanti orali

15

16 ute pubblica e omplicata da

17 ute pubblica

18 ute pubblica e fico.

19

20

21

22 ute pubblica

23 ute pubblica ute pubblica e

24 ute pubblica e

25

26 ute pubblica e gia

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

UO Qualità, Ricerca Organizzativa e Innovazione Pagina 1 di 5

UO Qualità, Ricerca Organizzativa e Innovazione Pagina 1 di 5 Contenuto ER MITO Epidemiologia e diagnosi biomolecolare le malattie mitocondriali in Emilia PUMANER1301 Studio comparativo tra neratinib più capecitabina in pazienti con carcinoma mammario metastatico

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5 ALEMTUZUMAB L01XC04 Alemtuzumab è indicato per il trattamento di pazienti affetti da leucemia linfocitica cronica a

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006 ALLEGATO A Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing Principio attivo ERLOTINIB (Tarceva ) SUNITINIB (Sutent ) SORAFENIB (Nexavar

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 4389 del 26/04/2013 Proposta: DPG/2013/4968 del 24/04/2013 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

Agenzia Italiana del Farmaco Bando di assegnazione di finanziamento per la Ricerca indipendente sui farmaci Area 2 - Studi comparativi fra farmaci e strategie farmacologiche Art. 48, commi 5 lett. g) e

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Carmen Vitali Responsabile U.O. Area Farmaco e PMC AV1 Fano. Palmieri Giorgia Specializzanda SSFO Camerino

Carmen Vitali Responsabile U.O. Area Farmaco e PMC AV1 Fano. Palmieri Giorgia Specializzanda SSFO Camerino Analisi sulla gestione del paziente asmatico in medicina generale e dell aderenza alle indicazioni delle linee guida GINA: l esperienza della Area Vasta 1 Fano Asur Marche Carmen Vitali Responsabile U.O.

Dettagli

BANDO AIFA 2005 AREA 2 Studi comparativi fra farmaci e strategie farmacologiche

BANDO AIFA 2005 AREA 2 Studi comparativi fra farmaci e strategie farmacologiche BANDO AIFA 2005 AREA 2 Studi comparativi fra farmaci e strategie farmacologiche TEMATICA 1: Studi comparativi randomizzati di confronto fra ACE inibitori e inibitori dei recettori ATII in varie patologie

Dettagli

Avastin è utilizzato con altri medicinali antitumorali per il trattamento dei seguenti tipi di tumore negli adulti:

Avastin è utilizzato con altri medicinali antitumorali per il trattamento dei seguenti tipi di tumore negli adulti: EMA/175824/2015 EMEA/H/C/000582 Riassunto destinato al pubblico bevacizumab Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per. Illustra il modo in cui il comitato per i medicinali

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327 C U R R I C U L U M D O T T. S S A E L I S A G R O S S O NATA A CARLOFORTE IL 20/SETTEMBRE/1963 Residente a Quartu Sanr Elena, Viale Colombo, 226 09045 Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel.

Dettagli

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma)

Marcatori classici. Colon. Mammella. Polmone. CEA Ca19-9. Ca15.3 CEA. CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Markers tumorali Colon CEA Ca199 Mammella Ca15.3 CEA Polmone CEA (adenocarcinoma) Cyfra (spinocellulare) NSE (microcitoma) Marcatori classici Problemi di interpretazione Bassa sensibilità Marcatore negativo

Dettagli

Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE

Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE Anche se la base comune delle neoplasie è rappresentata dalla crescita incontrollata di cellule trasformate,

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO 1 PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO RECIDIVA LOCO-REGIONALE Dopo mastectomia, si definisce locale la ripresa della malattia a livello della cicatrice chirurgica o a livello

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 dott. ssa Aurora Ferrari la ricerca 9 ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 La Società Americana per l Oncologia Clinica (ASCO) ha reso noto il rapporto annuale, giunto ormai alla sua ottava edizione,

Dettagli

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA Anno accademico 2013/2014 FARMACOLOGIA GENERALE 1. Azione farmacologia 2. Meccanismo di azione dei farmaci 3. Vie di somministrazione 4. Assorbimento 5. Distribuzione, ripartizione,

Dettagli

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC METASTASI CEREBRALI DA CA MAMMELLA 10-30% delle pazienti con tumore mammario in fase avanzata Insorgono tardivamente nella storia naturale della malattia

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

ONCOLOGIA 2013/2014 I ANNO

ONCOLOGIA 2013/2014 I ANNO ONCOLOGIA 201/2014 I ANNO Corsi Integrati Moduli Tipologia Ambito SSD Docenti CFU CFU C.I. C.I. Genetica Medica Meccanismi genetici nello svilupppo delle neoplasie Diagnostico MED/0 D'alessandro E. C.I.

Dettagli

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO 100 uomo donna ANNI ANNI DI DI VITA VITA MEDIA MEDIA PREVISTI PREVISTI ALLA ALLA NASCITA NASCITA 80 60 40 DIFFUSIONE USO PENICILLINA VACCINAZIONE ANTIPOLIO

Dettagli

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati]

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] Cancro del colon Il mio comportamento Diagnosi del cancro del colon - clisma Tc - coloscopia con biopsia - T-PET - markers tumorali Cea Ca 19.9 Ca

Dettagli

LE CRONICITA IN MEDICINA GENERALE

LE CRONICITA IN MEDICINA GENERALE Università Vita-Salute San Raffaele Facoltà di Medicina e Chirurgia LE CRONICITA IN MEDICINA GENERALE Dott. Andrea Mangiagalli Medico di Famiglia Università Vita-Salute San Raffaele Facoltà di Medicina

Dettagli

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia L anziano Edoardo Guastamacchia Università degli Studi di Bari A. Moro I diabetici over 65 sono oltre 1.5 milioni, entro

Dettagli

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria Genova 17 novembre 2009 Seminario finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria dott. Cristina Grandi dott. Michela Ferlenghi finanziamenti pubblici, ministeriali

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Evento Formativo accreditato ECM

Evento Formativo accreditato ECM Evento Formativo accreditato ECM INCONTRI CON L ESPERTO 2015 Aula Polo Oncologico, 6 ottobre, 10 novembre, 24 novembre 2015 ID ECM 1252-132524 ED. 1 Responsabili Scientifici: Dott. A. Fontana, Dott. A.

Dettagli

PATOLOGIA MOLECOLARE

PATOLOGIA MOLECOLARE Diagnosi rischio individuale diagnosi precoce PATOLOGIA MOLECOLARE prognosi therapia singolo paziente Example of an approximately 40,000 probe spotted oligo microarray with enlarged inset to show detail.

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

Dia 1 L ipertensione arteriosa è una patologia più frequente nella popolazione diabetica rispetto alla popolazione generale, soprattutto da quando i criteri per definire un iperteso si sono fatti più rigorosi.

Dettagli

Il Tumore Ovarico. Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico

Il Tumore Ovarico. Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico Campagna promossa da Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico Il Tumore Ovarico LA MALATTIA Il carcinoma ovarico è il sesto tumore più diagnosticato tra le donne ed è il più grave

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO

BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO Cancro «Massa abnormale di tessuto che cresce in eccesso e in modo scoordinato rispetto ai tessuti normali, e persiste

Dettagli

L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione

L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione Provincia Autonoma di Trento Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari via Degasperi, 79-38100 - Trento Dipartimento Anestesia e Rianimazione Direttore: dr. Edoardo Geat U.O. Anestesia e Rianimazione

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 Dalla multidimensionalità al Riconoscimento di Interdipendenze.interconnessioni Nodi e non solo RISOLVERLI

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

ETTORE MARRE DIGITAL FOR BUSINESS

ETTORE MARRE DIGITAL FOR BUSINESS USO ED ABUSO DEI FARMACI Venerdì 17 aprile 2015 Sala conferenze Digital for Business - Sesto San Giovanni (MI) ETTORE MARRE DIGITAL FOR BUSINESS www.digitalforacademy.com Appropriatezza prescrittiva e

Dettagli

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial H TAILR AIFA TArceva Italian Lung ptimization trial ttimizzazione dell erlotinib per il trattamento di pazienti con tumore del polmone avanzato non a piccole cellule: uno studio italiano randomizzato SISSI

Dettagli

Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche

Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche L INFORMAZIONE INDIPENDENTE SUL FARMACO: OBIETTIVO STATINE Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche Sassari 26 Gennaio 2008 Dott.ssa Chiara Musio NOTA 13 AIFA La prescrizione a carico

Dettagli

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò Anticorpi monoclonali Anti-EGFR -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri Valentina Anrò Ruolo Biologico Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Domain Transmembrane Domain

Dettagli

IPERTENSIONE. Dr. Alessandro Bernardini IPERTENSIONE

IPERTENSIONE. Dr. Alessandro Bernardini IPERTENSIONE HOME IPERTENSIONE IPERTENSIONE Dr. Alessandro Bernardini HOME IPERTENSIONE IPERTENSIONE La pressione arteriosa aumenta con l'età nelle società occidentalizzate e l'ipertensione è quindi sostanzialmente

Dettagli

HIGHLIGHTS IN TEMA DI NEOPLASIA PROSTATICA: DIAGNOSI, TERAPIA, RICERCA Aviano (PN), venerdì 7 dicembre 2012

HIGHLIGHTS IN TEMA DI NEOPLASIA PROSTATICA: DIAGNOSI, TERAPIA, RICERCA Aviano (PN), venerdì 7 dicembre 2012 HIGHLIGHTS IN TEMA DI NEOPLASIA PROSTATICA: DIAGNOSI, TERAPIA, RICERCA Aviano (PN), venerdì 7 dicembre 2012 QUESTIONARIO DI APPRENDIMENTO RISPOSTE ESATTE Il test si supera se le risposte esatte sono 26

Dettagli

IL DIABETE MELLITO: PREVENZIONE, TUTELA ASSISTENZIALE, SERVIZI SANITARI TERRITORIALI

IL DIABETE MELLITO: PREVENZIONE, TUTELA ASSISTENZIALE, SERVIZI SANITARI TERRITORIALI CORSO FAD IL DIABETE MELLITO: PREVENZIONE, TUTELA ASSISTENZIALE, SERVIZI SANITARI TERRITORIALI ID ECM: 113615 CREDITI DESTINATARI 12 CREDITI ECM Farmacisti Territoriali e Ospedalieri DURATA Data di inizio

Dettagli

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia?

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia? Dott.ssa Paola Coco Struttura Semplice Trattamento Medico Sarcomi Adulto, Dott. Daniele Morelli, Responsabile Medicina di Laboratorio Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Sintesi della

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

La modulazione della politerapia

La modulazione della politerapia Lo Scompenso Cardiaco Cronico: un modello di collaborazione ospedaleterritorio per la qualità dell assistenza e l economia delle risorse La modulazione della politerapia Laura Montagna Enrico Turbil 9

Dettagli

Luglio 1976 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Pisa, Votazione 110/110 e lode.

Luglio 1976 Laurea in Medicina e Chirurgia - Università di Pisa, Votazione 110/110 e lode. DATI PERSONALI Generalità complete Mario Carmellini Nascita: 7 Giugno 1951, Pisa Stato civile: Coniugato ( 2 figlie ed 1 figlio) Cittadinanza: Italiana Indirizzo Via del Fosso, 10 53100 Siena Lingue straniere:

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO. Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV)

CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO. Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV) CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV) Il diabete mellito è formato da un gruppo eterogeneo di disturbi metabolici

Dettagli

Dirigente - S.C. ONCOLOGIA MEDICA OSPEDALE BUSINCO

Dirigente - S.C. ONCOLOGIA MEDICA OSPEDALE BUSINCO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Farci Daniele Data di nascita 04/06/1961 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI CAGLIARI Dirigente - S.C. ONCOLOGIA MEDICA

Dettagli

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati.

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati. Dia 1 E necessario sottolineare la profonda differenza nella patogenesi delle complicanze microvascolari, quali la retinopatia, la nefropatia e la neuropatia, e quelle macrovascolari, quali la cardiopatia

Dettagli

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati.

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati. DIABETE E RISCHIO CANCRO: RUOLO DELL INSULINA Secondo recenti studi sono più di 350 milioni, nel mondo, gli individui affetti da diabete, numeri che gli regalano il triste primato di patologia tra le più

Dettagli

L 80% del fabbisogno di vitamina D è garantito dall irradiazione solare in quanto il contenuto di vitamina D nei comuni alimenti è scarso.

L 80% del fabbisogno di vitamina D è garantito dall irradiazione solare in quanto il contenuto di vitamina D nei comuni alimenti è scarso. Premessa La vitamina D è un gruppo di pro-ormoni liposolubili costituito da 5 diverse vitamine: vitamina D1, D2, D3, D4 e D5. Le due più importanti forme nella quale la vitamina D si può trovare sono la

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

Pressione Positiva Continua CPAP

Pressione Positiva Continua CPAP FADOI ANIMO Bologna, 17 maggio 2010 La ventilazione non invasiva Pressione Positiva Continua CPAP Dott. G. Bonardi Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Medicina Generale Az.Ospedaliera Ospedale Civile

Dettagli

La Malattia Il Neuroblastoma è la prima causa di morte per malattia in età prescolare.

La Malattia Il Neuroblastoma è la prima causa di morte per malattia in età prescolare. IL NEUROBLASTOMA La Malattia Il Neuroblastoma è la prima causa di morte per malattia in età prescolare. Il Neuroblastoma è una forma tumorale che colpisce le cellule nervose dei gangli simpatici. Nell'età

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI SSD Terapia del Dolore e Cure Palliative USO DEGLI ANALGESICI Scegliere e e via somministrazione s o più semplice Seguire la scala degli analgesici dell OMS Somministrare

Dettagli

Sindrome metabolica e terapie antitumorali

Sindrome metabolica e terapie antitumorali Sindrome metabolica e terapie antitumorali SCDU Endocrinologia Oncologica AO Città della Salute e della Scienza di Torino Molinette - COES Sopravvivenza complessiva a 5 anni tutti i tumori, pazienti adulti:

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Carasi Corrado Data di nascita 10/08/1954. Dirigente Medico di primo livello

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Carasi Corrado Data di nascita 10/08/1954. Dirigente Medico di primo livello INFORMAZIONI PERSONALI Nome Carasi Corrado Data di nascita 10/08/1954 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico di primo livello ASL DI SIRACUSA Staff -

Dettagli

Verso la terapia personalizzata

Verso la terapia personalizzata Verso la terapia personalizzata M.G.Tibiletti Genetista Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese Soroptimist Club Varese Varese 20 aprile 2013 Test genetici DIAGNOSTICI PRESINTOMATICI PREDITTIVI,

Dettagli

VALUTAZIONE PREOPERATORIA

VALUTAZIONE PREOPERATORIA VALUTAZIONE PREOPERATORIA Per sottoporre il paziente ad intervento di resezione polmonare è necessario un accurato studio fisiopatologico al fine di valutare: - il rischio di complicanze cardiorespiratorie

Dettagli

Sintesi Anamnestica Oncologica del caso in esame:

Sintesi Anamnestica Oncologica del caso in esame: Dott. Castellari Sigerio 4 Novembre 2008 Specialista in Oncologia Generale, Medicina del Lavoro, Radiologia e Terapia Fisica Caso clinico relativo alla paziente M. S., di anni 64, operata in passato per

Dettagli

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente Dott.ssa Silvia Navarin Scuola di Specializzazione Medicina d Emergenza-Urgenza

Dettagli

METASTASI CEREBRALI. RADIOTERAPIA NEL TRATTAMENTO MULTIMODALE DELLE METASTASI OSSEE E CEREBRALI Presidente: dott. G. Silvano

METASTASI CEREBRALI. RADIOTERAPIA NEL TRATTAMENTO MULTIMODALE DELLE METASTASI OSSEE E CEREBRALI Presidente: dott. G. Silvano 1 RADIOTERAPIA NEL TRATTAMENTO MULTIMODALE DELLE METASTASI OSSEE E CEREBRALI Presidente: dott. G. Silvano Taranto, 16-17 Marzo 2007 2 definizione Le metastasi cerebrali sono neoplasie che originano in

Dettagli

E-mail ettore.seregni@istitutotumori.mi.it

E-mail ettore.seregni@istitutotumori.mi.it CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI Nome ETTORE CESARE SEREGNI Indirizzo Telefono 0223902635 Fax 0223903739 E-mail ettore.seregni@istitutotumori.mi.it Nazionalità ITALIANA CURRICULUM

Dettagli

L Urgenza alla Moviola

L Urgenza alla Moviola L Urgenza alla Moviola a cura del Dipartimento di Emergenza Urgenza Ospedale di Circolo Fondazione Macchi Varese 08 giugno 2010 Un caso complicato di sindrome coronarica acuta Alessandro Orrù,, Marco Torretta,

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE NEL PAZIENTE AFFETTO DA NEOPLASIA POLMONARE Guia Castagnini Raffaella Speranza U. CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE A.O. SAN GERARDO MONZA - FINALITA ED OBIETTIVI

Dettagli

18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1

18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1 Tiratura 08/2015: 443.177 Diffusione 08/2015: 285.582 Lettori Ed. II 2015: 2.095.000 Settimanale - Ed. nazionale Dir. Resp.: Umberto Brindani 18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1 Tiratura: n.d. Diffusione 12/2012:

Dettagli

Valutazione qualitativa dei processi di deospedalizzazione e continuità assistenziale

Valutazione qualitativa dei processi di deospedalizzazione e continuità assistenziale Convegno Valutazione qualitativa dei processi di deospedalizzazione e continuità assistenziale Dr Fernando Antonio Compostella Direttore Agenzia Regionale dei Servizi Socio-sanitari della Regione del Veneto

Dettagli

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI )

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) 1/7 MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) Nome Commerciale XALKORI Principio Attivo Crizotinib Ditta Produttrice Pfizer Italia Srl ATC L01XE16 Formulazione Capsule rigide Dosaggio 200 mg 250 mg Altri antineoplastici

Dettagli

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Antonio Palumbo Divisione di Ematologia Universitaria, Ospedale Molinette, Torino Per più di quattro

Dettagli

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA Struttura Complessa di ONCOLOGIA MEDICA ED EMATOLOGIA Azienda Ospedaliera CARLO POMA - v.le Albertoni, 1 46100 Mantova (Direttore Dr. Enrico Aitini) Gruppo di LavoroEmatologia Dr. Maria Donatella Zamagni,

Dettagli

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti.

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti. ICTUS CEREBRI L ictus cerebri è un improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili a deficit focale e/o globale (coma) delle funzioni cerebrali di durata superiore alle 24 ore o ad esito infausto,

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE AFFETTO DA CARCINOMA DEL COLON E RETTO.

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE AFFETTO DA CARCINOMA DEL COLON E RETTO. PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE AFFETTO DA CARCINOMA DEL COLON E RETTO. A cura di Sara Lonardi, Francasaca Bergamo, Vittorina Zagonel L approccio multidisciplinare integrato è la migliore

Dettagli

FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA. www.slidetube.it

FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA. www.slidetube.it FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA Incidenza superiore al 5% nei pazienti industrializzati Marcato restringimento vie aree (colpi di tosse, respiro superficiale, senso di costrizione

Dettagli

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI?

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Informativa per i pazienti I bifosfonati sono farmaci introdotti più di vent

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE Classificazione dell Iperglicemia in Ospedale 1) Diabete mellito noto diabete diagnosticato e trattato prima del ricovero 2) Diabete mellito

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

Neoplasie dell apparato gastroenterico. Terapia medica

Neoplasie dell apparato gastroenterico. Terapia medica Neoplasie dell apparato gastroenterico Terapia medica Tumori del colon-retto COLON - Anatomia e vascolarizzazione FLESSURA EPATICA FLESSURA SPLENICA COLON TRASVERSO Mid colic a. Inf. mes. v. Sup. mes

Dettagli

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica del ventricolo sinistro Le evidenze degli studi clinici Caratteristiche dei pazienti arruolati nei trial clinici Frazione

Dettagli

Cristina Della Rosa Dipartimento Cure Primarie ASL Como ASSISTENZA PROTESICA ED INTEGRATIVA Nell ambito dell assistenza al paziente cronico l assistenza protesica ed integrativa rappresentano un aspetto

Dettagli