Oggi. Nuove strategie terapeutiche nel carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggi. Nuove strategie terapeutiche nel carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico"

Transcript

1 Oggi Vol. 99, N. 1, Gennaio 2008 Pagg. 1-9 Nuove strategie terapeutiche nel carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico Javier Rosada, Massimo Bindi, Massimiliano Pinelli, Maido Castiglioni Riassunto. Il carcinoma polmonare costituisce una patologia gravata ancora da elevata mortalità, nonostante la terapia convenzionale. Oggi è possibile identificare molecole, come il recettore per il fattore di crescita epidermico, coinvolte nelle più precoci alterazioni molecolari della cancerogenesi. Viene illustrato il ruolo che molecole capaci di bloccare questi recettori possono avere nel trattamento. Parole chiave. Chemioterapia, erlotinib, gefitinib, recettore per il fattore di crescita epidermico, tumore polmonare non microcitoma. Summary. New therapeutic strategies to the advanced non small cell lung cancer. Lung cancer is an elevated mortality disease in spite of conventional therapy. Today it is possible to identify some molecules, as the epidermal growth factor receptor, involved in the earliest molecular alterations of cancerogenesis. Here we show the inhibitors of the epidermal growth factor receptor as a therapeutic mean. Key words. Chemotherapy, epidermal growth factor receptor, erlotinib, gefitinib, non small cell lung cancer. Introduzione Il carcinoma polmonare è una neoplasia in costante e progressivo aumento in tutto il mondo e rappresenta il 12,3% di tutti i tumori Nel corso di questi ultimi anni, è divenuto uno dei principali problemi sociosanitari dei paesi industrializzati e di quelli in via di sviluppo (figura 1). Nei paesi occidentali è la prima causa di morte per tumore nei maschi di età superiore ai 35 anni e la seconda nelle donne fra 35 e 70 anni. Negli USA e in Scozia è la prima causa di morte anche nelle donne, superando il tumore al seno 1. Le stime più recenti sull incidenza nel mondo parlano di circa un milione di nuovi casi ogni anno. I tassi d incidenza per abitanti variano molto da un area geografica all altra in rapporto alle variazioni geografiche e temporali del consumo di tabacco. In Europa il tumore polmonare rappresenta, negli uomini, il 21% di tutti i casi di neoplasia e il 29% di tutte le morti per cancro, mentre nelle donne tali percentuali sono rispettivamente dell 8% e del 4% Il significativo aumento del consumo di sigarette è il principale responsabile del drammatico aumento dell incidenza dei tumori broncopolmonari Figura 1. I tumori polmonari maligni sono in costante e progressivo aumento in tutto il mondo; nel 2000 sono stati i nuovi casi diagnosticati. Una valutazione delle tendenze della mortalità per cancro polmonare in Europa indica un aumento atteso del 10-15% ogni 5 anni per il sesso maschile e del 15-30% per quello femminile 1. IV Divisione Medica, Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana, Pisa. Pervenuto il 21 novembre 2006.

2 2 Recenti Progressi in Medicina, 99, 1, 2008 Il fumo di sigaretta è, infatti, responsabile del 90% dei nuovi casi, essendo diagnosticato nel 50% in fumatori attivi e nel 40% in ex-fumatori con un rapporto dose-effetto: il rischio di ammalarsi aumenta progressivamente con il numero di sigarette fumate e con la durata dell abitudine al fumo. Negli ultimi anni si è rilevato che anche il fumo passivo, con una stima che va da un 30% ad un 50% rispetto ad una popolazione non a rischio, è associato ad un aumento d incidenza 2,3. Terapia medica del carcinoma polmonare I tumori maligni del polmone possono essere raggruppati in due grandi categorie istopatologiche che differiscono per prognosi e atteggiamento terapeutico: i carcinomi anaplastici a piccole cellule, o microcitomi, che rappresentano il 20-25% dei carcinomi polmonari, e i carcinomi non a piccole cellule (NSCLC), che costituiscono il restante 75-80%. Quest ultima categoria, a sua volta, viene divisa in tre sottogruppi: a) carcinoma squamoso o epidermoide, che costituisce il 30-35%; b) adenocarcinoma, con la sua variante bronchioloalveolare, che costituisce il 30%; c) carcinoma anaplastico a grandi cellule con le varianti a cellule giganti e cellule chiare, che rappresenta il 10%. In questi ultimi anni si è avuto un incremento percentuale dell adenocarcinoma a discapito del carcinoma a cellule squamose. Nella maggior parte dei casi, al momento della diagnosi la patologia è in stadio avanzato, inoperabile e spesso è poco praticabile anche un approccio chemioterapico aggressivo per la frequente comorbilità. È infatti riportato che il numero medio di malattie croniche nei soggetti tra i 65 ed i 74 anni d età è almeno di 6 e, tra le patologie prevalenti, riscontriamo le malattie cardiovascolari e le broncopneumopatie croniche. Non vanno inoltre sottovalutati gli effetti tossici a livello d organo, quali quelli dovuti alla ridotta riserva midollare, epatica e renale che inducono una minore tollerabilità a regimi chemioterapeutici aggressivi, soprattutto a quelli contenenti cisplatino 3,5. Soltanto il 20% dei pazienti con NSCLC (tabella 1 nella pagina seguente) si presenta alla diagnosi di malattia in stadio I e II ed è candidato ad un trattamento chirurgico radicale curativo: in questi casi le percentuali di sopravvivenza a 5 anni variano dal 40 al 70% circa. Circa il 40% dei pazienti presenta alla diagnosi una malattia localmente avanzata (stadio III) e le percentuali di sopravvivenza a 5 anni, con solo trattamento locale, variano dal 5 al 25%. Il rimanente 40% dei pazienti presenta alla diagnosi una malattia disseminata (stadio IV). Inoltre, circa il 75% dei pazienti che vengono sottoposti a trattamento chirurgico radicale sviluppa una malattia metastatica in una fase più o meno precoce della propria storia clinica. Per tutti questi pazienti l unica scelta terapeutica è rappresentata dalla chemioterapia (CT). Storia della chemioterapia nel NSCLC metastatico Per molti anni il ruolo svolto dalla chemioterapia (CT) nel trattamento dei pazienti con NSCLC metastatico è stato controverso (figura 2). Negli anni ottanta sono stati condotti alcuni studi randomizzati che hanno confrontato la CT con la sola terapia di supporto (Best Supportive Care = BSC) in pazienti con NSCLC in stadio IV I risultati di tali studi, pubblicati tra la fine degli anni 80 e l inizio degli anni 90, sono stati contraddittori e non hanno chiarito quale delle due alternative terapeutiche potesse offrire un beneficio in termini di sopravvivenza. Nel 1995 il Non Small Cell Lung Cancer Collaborative Group ha condotto una metanalisi con l obiettivo di valutare l impatto della CT sulla sopravvivenza in pazienti con NSCLC in vari stadi di malattia. Per quanto riguarda lo stadio IV, sono stati considerati tutti gli studi, pubblicati e non, che confrontavano la CT con l aggiunta della BSC alla sola BSC 11. La metanalisi dimostra che una CT contenente cisplatino determina un aumento del 10% della sopravvivenza ad un anno, che si traduce in un incremento mediano della sopravvivenza di circa 6 settimane. I risultati della metanalisi sono stati poi confermati da studi prospettici randomizzati 12 e sulla base di questi dati, nel 1997, un gruppo d esperti dell American Society of Clinical Oncology (ASCO) ha elaborato le linee guida cui attenersi nella pratica clinica quotidiana (al di fuori di studi clinici) nel trattare i pazienti con carcinoma a piccole cellule metastatico. Queste linee guida stabiliscono che la chemioterapia è il trattamento indicato in pazienti selezionati (con buon performance status) con NSCLC in stadio IV; la CT dovrebbe comprendere un derivato del platino e non dovrebbe essere protratta per più di 8 cicli 13. Questi dati sono stati aggiornati nella revisione delle linee guida ASCO del 2003 in cui è stato confermata l utilità di un regime a due farmaci comprendente platino in prima linea nel NSCLC stadio IV, da non proseguire per più di sei cicli totali St. randomizzati CT vs BSC Storia Chemioterapia ? METANALISI NSCLC collaborative Group CISPLATINO ( 10% sopravv. 1 anno) = 6 sett. St. randomizzati CT vs BSC conferma ASCO 2003 REVISIONE Linee Guida ASCO Figura 2. Schema che riassume i progressi terapeutici in tema di CT nel NSCLC metastatico. Se all inizio degli anni ottanta solo cinque farmaci antitumorali dimostravano attività superiore al 15% nel trattamento del carcinoma polmonare (cisplatino, mitomicina, vinblastina, ifosfamide e vindesina), negli anni novanta si sono aggiunti nuovi farmaci singolarmente attivi nel NSCLC e con un buon profilo di tossicità fra cui taxani, vinorelbina, gemcitabina e inibitori della topoisomerasi (irinotecano) [figura 3].

3 J. Rosada et al.: Nuove strategie terapeutiche nel carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico 3 Tabella 1. Stadiazione del carcinoma polmonare non a piccole cellule secondo il sistema TNM. Stadio/alla diagnosi T* N** M*** Descrizione NSCLC/ 80% Local 20% IA T1 N0 M0 T1 t 3 cm, circolando da polmone o PV, non segni d invasione più prossimale bronco lobare alla broncoscopia IB T2 N0 M0 T2 t >3 cm, INT BP 2 cm o più distalmente alla carena, INT PV, ass. atelectasia o PmO che non INT polmone in toto IIA T1 N1 M0 N1 INT linfonodale omolaterale peribronchiali e/o ilari e intrapolmonari Localmente avanzato 40% Spravvivenza 1 anno Rate 5 anni IIB T2 N1 M T3 N0 M0 T3 INTA: PT, diaframma, PM, PeP, bronco principale a <2 cm distalmente alla carena, ass. atelectasia o PmO del polmone in toto. IIIA T1 N2 M0 N2 Linfonodi mediastinici omolaterali e/o sottocarenale IIIB Disseminato 40% T2 N2 M0 T3 N1-2 M0 Tutti T IIIB T4 Tutti N IV Tutti T N3 M0 Linfonodi controlaterali, sovraclaveari, ecc Tutti N M0 INTA: mediastino, cuore, grossi vasi, trachea, esofago, carena, VPM, più noduli stesso lobo M1 Metastasi a distanza 20 1 *Tumore; **Linfonodi; ***Metastasi. PV: pleura viscerale, INT: interessa/interessamento, BP: bronco principale, ass: associato, PmO: polmonite ostruttiva, INTA: interessa alcune delle seguente strutture; PT: parete toracica, PM: pleura mediastinica, PeP: pericardio parietale, VPM: versamento pleurico maligno. Negli studi di fase II i nuovi farmaci hanno indotto circa il 20% di risposte obiettive come agenti singoli, e fino al 40% in associazione con derivati del platino quali il cisplatino e il carboplatino. La vinorelbina, la gemcitabina e i taxani sono stati confrontati in studi randomizzati con la BSC, rivelandosi superiori in termini di sopravvivenza e di qualità di vita 15,16. I regimi cosiddetti d ultima generazione hanno fornito al medico la possibilità di ampliare la scelta terapeutica; tali regimi hanno dato percentuali di risposta maggiori di quelle ottenute con i regimi di prima generazione (ad esempio mitomicina, ifosfamide e cisplatino), anche se i dati d efficacia non sono significativamente mutati 17. Sono invece diversi i profili di tossicità derivanti dall uso dei vecchi farmaci e dei nuovi : questi ultimi hanno migliorato la compliance dei pazienti al trattamento e hanno fornito al medico la possibilità di scegliere un trattamento sulla base delle problematiche del singolo paziente Cisplatino Mitomicina Vinblastina Ifosfamide Vindesina Regimi terapeutici 1990 Taxani Vinorelbina Gemcitabina Inibitori topoisomerasi Figura 3. Principali farmaci dell arsenale medico, degli ultimi 2 decenni, nella terapia del NSCLC metastatico.

4 4 Recenti Progressi in Medicina, 99, 1, 2008 Fattore di crescita epidermico Nonostante i rapidi progressi realizzati nell ultimo decennio in tema di CT del tumore polmonare non a piccole cellule, solo una piccola percentuale di pazienti trae un reale beneficio dal trattamento antiproliferativo e i dati di sopravvivenza sembrano aver raggiunto un plateau. L interesse dei ricercatori si è quindi spostato verso nuove strategie terapeutiche. Grazie all affinarsi delle tecniche d indagine molecolare è oggi possibile identificare alcune molecole biologiche coinvolte nell iniziazione e nella progressione del carcinoma polmonare. Gli EGF (Epidermal Growth Factor) sono una famiglia di recettori composta di quattro glicoproteine di 170 kda con attività tirosino-chinasica, ligando dipendente, e struttura simile: ErB-1 (EG- FR), ErB-2 (HER2/neu), ErB-3 e ErB-4. Queste molecole recettoriali sono composte da tre domini: una regione extracellulare o ectodomain, dove si trova il sito di legame dell EGF e di numerosi altri fattori di crescita polipeptidici fra cui TGFα amphiregulina, β-cellulina ed altri; una regione idrofobica transmembrana e una parte intracellulare o endodomain, sede dell attività tirosino-chinasica. Quando il ligando si unisce al dominio extracellulare dell EGFR, si ha il reclutamento di un altra molecola della stessa famiglia di recettori dell EGF e la formazione di dimeri (omo o eterodimeri). A questa dimerizzazione, grazie ad una chinasi annessa all EGFR, segue il trasferimento di una molecola di ATP ad un residuo di tirosina della porzione intracellulare del recettore. L autofosforilazione coincide, di fatto, con l inizio della traduzione del segnale a valle che ha come finalità ultima la proliferazione della cellula, l angiogenesi, la differenziazione, la migrazione, l adesione, la trasformazione e l inibizione dell apoptosi. Infatti, i residui di tirosina una volta fosforilati agiscono come siti di legame per effettori di varie vie enzimatiche. Alcuni di questi effettori sono molecole di connessione o adattatori come Grb2 e Shc che servono come complessi base cui possono assemblarsi gli elementi che traducono il segnale per la proliferazione. Altri sono enzimi attivati dalla fosforilazione fra cui SOS, PI3K e Gab-1. Le vie di traduzione del segnale che comprendono RAS e le MAP chinasi, Src e gli attivatori della trascrizione (STAT) inducono la trascrizione dei geni e promuovono le diverse risposte cellulari. A seconda delle combinazioni di dimeri di recettori sulla superficie, avremo il reclutamento di diverse vie enzimatiche all interno della cellula. Vari altri meccanismi cellulari possono influenzare l attività d EGFR nelle cellule tumorali, come la presenza di recettori costitutivamente attivi dovuti a mutazioni del gene d EGFR, ad un deficit dei Biopsie eseguite sull epitelio bronchiale di forti fumatori e sui pezzi operatori di carcinoma polmonare non a piccole cellule hanno dimostrato la presenza del recettore per l epidermal growth factor (EGFR), glicoproteina transmembrana considerata una delle più precoci alterazioni molecolari della cancerogenesi polmonare. meccanismi d inattivazione (fosfatasi o degradazione ed endocitosi del recettore) o ad una cross- attivazione da parte di recettori omologhi o eterologhi. In ogni caso, la via delle MAP chinasi rappresenta una delle vie più importanti per la trasmissione del segnale di proliferazione; la cascata enzimatica di RAS, Raf, MAP/Erk (MEK1) aumenta l attività di fattori di trascrizione come Elk1 e c-fos, che portano alla proliferazione e attivano la progressione del ciclo cellulare. EGFR, inoltre, induce l angiogenesi, aumentando l espressione di VEGF nelle cellule tumorali, interagisce con componenti della via delle integrine coinvolte nell adesione fra cellula e cellula, controllando l invasione delle cellule tumorali, e incrementa l attivazione delle metalloproteinasi della matrice, stimolando la motilità delle cellule tumorali che contribuisce ulteriormente alla metastatizzazione. EGFR inibisce indirettamente l apoptosi attraverso PI3K che attiva Akt, un importante molecola coinvolta nel segnale antiapoptotico attraverso la trascrizione del fattore nucleare kb e indirettamente anche nel controllo della via delle MAP chinasi 18. L aumentata espressione d EGFR è presente in varie neoplasie fra cui NSCLC (40-80%), testa collo (80-100%), colon (25-77%) e molte altre fra cui ovaio, mammella, stomaco, pancreas, vescica, rene e gliomi 19. Nel NSCLC l espressione dell EGFR compare fin dalle prime tappe della cancerogenesi: nella metaplasia squamosa e nel carcinoma in situ. Un 40-60% dei carcinomi squamosi esprime EGFR, mentre lo esprime il 60-90% dei carcinomi non squamosi. Vari studi sembrano suggerire una correlazione fra espressione elevata di EGFR ed una ridotta sopravvivenza nel NSCLC, anche se il ruolo di EG- FR come fattore prognostico sembra essere maggiore se considerato in associazione ai recettori con cui dimerizza, fra cui HER2/neu. Questo problema rimane ancora controverso anche per i diversi modi con cui l espressione dell EGFR è valutata, rendendo difficile confrontare i dati fra i diversi studi; l immunoistochimica in ogni caso sembra essere il più diffuso 20,21. La ricerca di molecole capaci di bloccare l attivazione dell EGFR ha portato, dal punto di vista clinico, a due principali linee di ricerca: 1. Anticorpi monoclonali che si legano alla regione extracellulare adibita ad accogliere i fattori di crescita: mirano a bloccare la cascata sul nascere.

5 J. Rosada et al.: Nuove strategie terapeutiche nel carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico 5 In questo gruppo di molecole troviamo Erbitux (cetuximab) il cui ruolo si è dimostrato particolarmente interessante nel carcinoma del colon retto 22,23. Nel carcinoma del polmone risultati di uno studio di fase II che paragonava la combinazione cisplatino/vinorelbina verso la stessa combinazione con il cetuximab nel NSCLC avanzato hanno mostrato un maggior response rate e nessun aumento significativo in tossicità per l associazione cetuximab e CT. Tali interessanti risultati necessitano di ulteriori conferme. 2. Inibitori dell attività tirosino-chinasica del recettore: queste molecole, di piccole dimensioni, pur non impedendo l interazione ligando-recettore, non permettono che essa possa generare una risposta biologica all interno della cellula. Antagonizzano competitivamente il legame dell ATP col suo sito e impediscono l autofosforilazione, bloccando quindi la via effettrice di propagazione del segnale; essi comprendono gefitinib (Iressa) ed erlotinib (Tarceva). I nuovi farmaci GEFITINIB, ERLOTINIB Gefitinib (ZD1839-Iressa) è un derivato anilinochinazolinico a basso peso molecolare (447 Da), somministrabile per via orale, caratterizzato da una capacità selettiva e reversibile di inibire la tirosin-chinasi dell EGFR. Negli studi preclinici è stata dimostrata la capacità da parte di gefitinib di arrestare il ciclo cellulare in G0/G1 con un meccanismo dose e tempo dipendente, associato all incremento dell espressione degli inibitori di p21 e p27, cicline chinasi-dipendenti; l attività di gefitinib è stata evidenziata in un ampia varietà di tumori fra cui NSCLC, mammella, prostata, colon-retto e ovaio, sia per la molecola da sola sia in combinazione con radioterapia, citochine, endocrinoterapia, altri agenti target specifici e CT; è stato osservato un effetto sinergico con vari agenti citotossici fra cui derivati del platino, taxani, doxorubicina, etoposide e topotecan. In particolare, su linee cellulari di carcinoma mammario inibiva l autofosforilazione di HER2 che è, infatti, preferenzialmente attivato dall eterodimerizzazione con EGFR 24 ; gli studi su animali hanno dimostrato una eccellente biodisponibilità orale e una bassa tossicità sistemica. È stato inoltre dimostrato come nonostante la rapida regressione della crescita cellulare, i tumori trattati ricrescevano non appena il farmaco veniva sospeso e che l attività era simile anche se l espressione di EGFR era diversa fra i modelli animali trattati; era già quindi evidente come non solo fosse necessaria una somministrazione continua del farmaco, ma anche come molti fattori influissero sulla risposta al farmaco fra cui l espressione di recettori mutati, la dimerizzazione e l attivazione a valle del segnale L evidenza negli studi preclinici d attività antitumorale e di un profilo favorevole di tossicità sono stati la premessa per iniziare gli studi di fase I su pazienti affetti da varie neoplasie che esprimono EGFR, fra cui NSCLC, colon-retto, ovaio, testa collo e hanno confermato i dati di biodisponibilità e tollerabilità. I pazienti trattati sono stati più di 250 di cui 100 affetti da NSCLC, tutti già trattati con precedenti terapie. Il dosaggio del farmaco è stato valutato da 50 mg a 1000 mg/die con schedule sia continue sia intermittenti anche per più di sei mesi di terapia; il trattamento è stato generalmente ben tollerato con diarrea e rash acneiforme di grado lieve-moderato che nella maggior parte dei casi regredivano all interruzione del trattamento; la dose massima tollerata è stata fra 700 e 1000 mg/die e la tossicità dose limitante era la diarrea; la valutazione farmacocinetica era a favore di una mono-somministrazione giornaliera del farmaco alla quale si ottenevano concentrazioni plasmatiche attive di gefitinib; lo studio farmacodinamico su biopsie cutanee mostrava che gefitinib produceva inibizione di EGFR; i pazienti valutati hanno mostrato risposte e stabilità di malattia particolarmente interessanti nei pazienti affetti da NSCLC per i quali era evidente anche un beneficio sui sintomi 28,29. Sulla base di questi risultati sono stati disegnati due studi di fase II in pazienti con NSCLC localmente avanzato o metastatico, refrattari alla CT (IDEAL = Iressa Dose Evaluation in Advanced Lung Cancer): i pazienti dell IDEAL 1 dovevano aver effettuato una sola linea di CT a base di cisplatino, mentre nell IDEAL 2 dovevano essere stati sottoposti anche ad una seconda linea a base di docetaxel; venivano quindi randomizzati a ricevere gefitinib alle dosi di 250 o 500 mg al giorno fino a progressione o tossicità inaccettabile; gli obiettivi primari erano la valutazione delle percentuali di risposta, del miglioramento dei sintomi secondo il questionario FACT-L e delle tossicità; gli obiettivi secondari erano la determinazione delle percentuali del controllo dei sintomi, della sopravvivenza libera da progressione; in totale sono stati arruolati nei due studi più di 200 pazienti. Nell IDEAL 1 le percentuali di risposta erano 18,4 e 19% per i due dosaggi di gefitinib; le percentuali di controllo di malattia (SD + RP) erano 54,4 e 51,4% rispettivamente e la sopravvivenza mediana 7,6 e 8 mesi con una sopravvivenza ad un anno di 35 e 30% nei due bracci di trattamento. Nell IDEAL 2 le percentuali di risposta erano 11,8 e 8,8% con un controllo di malattia del 43 e 35,8% per i due dosaggi di gefitinib, con una sopravvivenza mediana di 6,5 e 5,9 mesi e una sopravvivenza ad un anno del 29 e 24%. Le percentuali di miglioramento della sintomatologia sono state di 40% e 37% nell IDEAL 1 e di 43% e 35% nell IDEAL 2 con periodo di meno di 10 giorni per osservare questo incremento nei due studi. Le tossicità di grado 3-4 sono state poco comuni con rash acneiforme e diarrea come effetti più comuni. Non sono stati osservati casi di polmonite interstiziale 29,30.

6 6 Recenti Progressi in Medicina, 99, 1, 2008 Questi dati hanno portato le autorità giapponesi ad approvare l uso di gefitinib in seconda linea nel NSCLC a metà del 2002 e hanno indotto la FDA ad approvarne l uso come trattamento di III linea in pazienti affetti da NSCLC avanzato o metastatico nel maggio Inoltre, negli studi preclinici, gefitinib aveva dimostrato un effetto sinergico con la CT 26 ; anche un successivo studio di fase II aveva confermato questo dato, valutando la combinazione di gefitinib con l associazione carboplatino paclitaxel. Pertanto sono stati disegnati due studi di fase III randomizzati a doppio cieco (INTACT 1 e INTACT 2) per studiare la combinazione di gefitinib somministrato in tre dosaggi diversi (500mg/die, 250 mg/die e placebo) con la CT standard in pazienti affetti da NSCLC localmente avanzato o metastatico, non pretrattati. Nell ambito dell INTACT 1, gefitinib è stato combinato con l associazione cisplatino e gemcitabina, mentre nell INTACT 2 con carboplatino e paclitaxel 31,32. Entrambi questi due studi hanno dimostrato che gefitinib non migliora l efficacia della CT in termini di sopravvivenza, tempo a progressione e risposta obiettiva; gefitinib inoltre non ha aggiunto nessuna tossicità significativa a quella della CT, determinando principalmente diarrea e rash cutaneo; il dosaggio di 250 mg/die, come già nei precedenti studi è stato tollerato meglio dei 500 mg/die; l incidenza di polmonite interstiziale è stata intorno all 1%; questo poco frequente ma grave effetto collaterale, probabilmente correlato a gefitinib, già osservato negli studi IDEAL, è stato particolarmente studiato in Giappone dove il farmaco è già somministrato diffusamente e dove ha determinato numerosi decessi 33. I risultati negativi degli studi IN- TACT, simili a quelli con erlotinib, hanno portato ad approfondire meglio il meccanismo di funzionamento del farmaco e la sua migliore modalità di somministrazione per comprendere i motivi di dati non in linea con quelli d altri inibitori del recettore EGF, associati alla CT, come trastuzumab nella mammella 34 o Erbitux nel colon-retto 27,28. Gli studi preclinici avevano dimostrato un effetto sinergico fra CT e gefitinib, ma i dosaggi dei chemioterapici erano subottimali rispetto a quelli usati sull uomo, dove non vi sarebbe nessun effetto aggiuntivo dalla somministrazione contemporanea di CT e inibitori di EGFR perché entrambi hanno lo stesso target cellulare ed effetti simili su neoplasie, come quelle polmonari, già di per sé chemioresistenti. Altro motivo di fallimento degli studi INTACT poteva essere l assenza di una preselezione di pazienti che potessero rispondere a gefitinib. Tuttavia, a differenza di trastuzumab, non vi è alcuna evidenza di correlazione fra espressione d EGFR e risposta al trattamento. Gli studi pubblicati con Erbitux nel colon retto hanno mostrato tassi di risposte simili in pazienti con diversa espressione d EGFR. Evidenze sperimentali hanno dimostrato che la cellula neoplastica riesce a sfuggire all inibizione della crescita attuata con gli anti-egfr attraverso diverse vie di fuga: è stato dimostrato che le cellule tumorali A431 possono acquisire resistenza ad anticorpi anti-egf come Erbitux attraverso l overespressione costitutiva di fattori proangiogenetici (VEGF) da parte delle cellule tumorali. VEGF, infatti, è secreto dalle cellule tumorali ed ha un ruolo chiave nella regolazione della proliferazione cellulare; per questo sono in corso di studio molecole come ZD6474 che blocchino contemporaneamente il recettore per VEGF(VEGFR-2) e EGFR per eliminare la via di fuga VEGF mediata 35. Il recettore I per l IGF può determinare attivazione costitutiva di segnali antiapoptotici, come Akt e p70s6k, che inibiscono l azione di inibitori di EGFR su cellule di glioblastoma in vitro. Risultati simili possono essere osservati anche su cellule di carcinoma mammario somministrando contemporaneamente IGF-I e trastuzumab 36. Sono stati effettuati studi per valutare il ruolo di erlotinib come agente singolo in seconda e terza linea nel NSCLC e in combinazione con il trattamento standard di prima linea. Lo studio randomizzato di fase III in cui erlotinib è stato utilizzato in pazienti pretrattati affetti da NSCLC avanzato o metastatico ha dimostrato come il farmaco possa prolungare la sopravvivenza, migliorare il tempo a progressione, la sintomatologia e la qualità di vita rispetto al placebo. Nei due studi di fase III (TRIBUTE e TALENT), disegnati come gli studi INTACT, l associazione di erlotinib alla CT di I linea in pazienti affetti da NSCLC in stadio IIIB-IV non ha migliorato i risultati del trattamento standard. Quindi gli studi pubblicati mostrano che i derivati anilinochinazolinici (gefitinib ed erlotinib), inibitori tirosinochinasici dell EGFR, rappresentano un alternativa terapeutica per i pazienti affetti da NSCLC, con una percentuale di risposta del 10-20%, quando questi agenti vengono usati in seconda o terza linea terapeutica in stadio avanzato 30,31,36,37. Oggi sappiamo che la risposta a questi farmaci è caratteristica di un ben distinto sottogruppo di pazienti (figura 4): donne, non fumatori, adenocarcinomi e asiatici 38. Nella maggior parte dei pazienti con elevata risposta e con maggiori tempi di sopravivenza in seguito al trattamento con questi inibitori dell attività tirosino-chinasica del recettore, il tumore, già resistente alla CT di I e II linea conteneva mutazioni nel gene che codifica l EGFR. Queste mutazioni sono costituite da piccole delezioni in-frame o da sostituzioni aminoacidiche (dall aa 747 fino all aa 750) raggruppate intorno alla tasca di legame all ATP del dominio della tiro-

7 J. Rosada et al.: Nuove strategie terapeutiche nel carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico 7 A B Figura 4. TAC torace di una paziente, non fumatrice, affetta da adenocarcinoma al IV stadio, chemioresistente (alla prima e seconda linea terapeutica) che mostra regressione di malattia. A sinistra (A) prima, e a destra (B) dopo somministrazione di inibitori della tirosinchinasi del recettore EGF. Con tecniche TC diverse. sina chinasi (più comunemente una sostituzione della leucina da parte di un alginina a livello del codone 858[L858R]) 37,39. Tutte le mutazioni erano eterozigoti, e mutazioni identiche sono state osservate in più pazienti, a suggerire l esistenza di un guadagno di funzione additivo specifico. Queste mutazioni mediano effetti oncogenici alterando la trasmissione del segnale al di sotto della membrana e di meccanismi antiapoptotici, incrementano la sensibilità del tumore a questi farmaci molto probabilmente attraverso un rimaneggiamento del dominio tirosinokinasico del recettore per il fattore di crescita epidermico(egf), che stabilizza la loro interazione e quella con i suoi inibitori competitivi 44. Inoltre in questi meccanismi hanno un ruolo importante l amplificazione del gene dell EGFR e dell HER2 così come l iperespressione dell EGFR 40. In seguito alle innumerevoli mutazioni riscontrate per il gene che codifica l EGFR e per alcune di quelle degli enzimi che partecipano nelle sue più importanti vie effettrici, la ricerca si è ampliata per interpretare i meccanismi intrinseci della resistenza ai nuovi farmaci, che, anche se tuttora rimangono non completamente chiariti, tuttavia possono includere un elevato livello di chinasi a valle della via di segnale dell EGFR, come per esempio di Akt e di proteina chinasica mitogenica attivata (MAPK). In questo senso, studi pre-clinici hanno dimostrato come alte concentrazioni d erlotinib non solo inibiscono l EGFR ma anche Akt e MAPK, suggerendo che dosi più alte d erlotinib sono in grado di superare la resistenza al farmaco in pazienti con tumori con EGFR espressi, accompagnati da un up-regolation della fosfatidilinositol 3 -chinasi e/o p-akt o da una down-regolation della fosfatasi e tensin omologhi (PTEN) 40. Puntare l Akt e la MAPK in associazione all inibizione dell EGFR-TK rimangono validi obiettivi per future ricerche. I mezzi per questa doppia inibizione possono includere l uso di una dose intermedia d erlotinib, somministrata più frequentemente di una volta a settimana e ad una dose più alta della dose massima tollerata in somministrazione giornaliera, per raggiungere picchi di concentrazioni più alta e, allo stesso tempo, per evitare fluttuazioni significative della concentrazione plasmatica. In alternativa, la simultanea inibizione di EGFR, Akt e MAPK. Considerazioni conclusive 1. Il tumore polmonare continua a rappresentare la prima causa di morte per tumori nell età adulta. Nei pazienti affetti da carcinoma polmonare non a piccole cellule la sopravvivenza a 5 anni è complessivamente intorno al 15%. In quelli in stadio non chirurgico solo l 11% raggiunge i 2 anni di sopravvivenza. La chemioterapia non ha modificato che di pochi mesi la sopravvivenza di questi pazienti; per cui si rendono necessarie altre strategie terapeutiche. 2. La scoperta di gefitinib, erlotinib e di altri farmaci con simile linea d azione può contribuire a migliorare la risposta terapeutica. Una attenta selezione dei pazienti in base: al sesso (femminile), al tipo istologico (adenocarcinoma), alle abitudini al fumo (non fumatori) e alla dotazione di alterazioni citogenenetiche riguardanti le mutazioni del gene che codifica per EGFR, consente un miglior utilizzo di questi farmaci, con maggiore probabilità di risposta e rappresenta una linea terapeutica da esplorare nei prossimi anni.

8 8 Recenti Progressi in Medicina, 99, 1, 2008 Bibliografia 1. Jemal A, Tiwari RC, Murray T, et al. Cancer statistics, Ca Cancer J Clin 2004; 54: Freddari F, Berardi R, Scarrozzi M, Cascinu S, Gridelli C. Il carcinoma del polmone non microcitoma: patologia, biologia e prognosi. Tumori 2004; 3: S Alberg AJ, Samet JM. Epidemiology of lung cancer. Chest 2003; 123:1. 4. Pastorino U, Bellomi M, Bandoni C, et al. Early lung cancer detection with spiral CT and positron emission tomography in heavy smokers: 2-years results. Lancet 2003; 362: Langer CJ, Manola J, Bernardo P, Kugler JW, Bonomi P, Cella D et al. Cisplatin-based therapy for elderly patients with advanced non small cell lung cancer: implications of Eastern Cooperative Oncology Group 5592, a randomized trial. J Natl Cancer inst 2002; 94: Woods RL, Williams CJ, Levi J, et al. A randomised trial of cisplatin and vindesine versus supportive care only in advanced non small cell lung cancer. Br J Cancer 1990; 61: Kaasa S, Lund E, Thorud E, et al. Symptomatic treatment versus combination chemotherapy for patient with extensive non small cell lung cancer. Cancer 1991; 67: Callerino R, Tumarello D, Guidi F, et al. A randomised trial of alternative chemotherapy versus BSC in advanced non small cell lung cancer. J Clin Oncol 1991; 9: Cartei G, Cartei F, Cantone A, et al. Cisplatin- ciclophosphamide- mytomicin combination chemotherapy with supportive care versus supportive care alone for treatment of metastatic non small cell lung cancer. J Natl Cancer Inst 1990 ; 85: Quoix E, Dietemenn A, Charbonnaeu J, et al. La chimiotherapie comportant du cisplatin est elle utile dans le cancer bronchique non microcellulaire au stade IV? Resultats d une étude radomisée. Bull Cancer 1991; 78: Non Small Cell Lung Cancer Cooperative Group. Chemotherapy in non small cell lung cancer: a meta-analysis from 52 randomised clinical trials. Br Med J 1995; 331: Cullen MH, Billingham LJ, Woodroffe CM et al. Mytomicin ifosfamide cisplatin in unresectable non small cell lung cancer: effects on survival and quality of life. J Clin Oncol 1999; 17: American Society of Clinical Oncology. Clinical practice guidelines for the treatment of unresectable non small cell lung cancer. J Clin Oncol 1997; 15: Pfister DG, Johnson DH, Azzoli CG, et al. American Society of Clinical Oncology Treatment of Unresectable Non- Small-Cell Lung Cancer Guidelines: Update J Clin Oncol 2003; 22: Fossella FV, Lee JS, Murphy WK, et al. Phase II of docetaxel for recurrent or metastatic Non Small Cell Lung Cancer. J Clin Oncol 1994; 12: Akeley W. Paclitaxel in advanced Non Small Cell Lung Cancer. Chest 2000; 117: 152s-55s. 17. Crinò L, Scagliotti CV, Ricci S, et al. Gemcitabine and Cisplatin versus Mitomycin, Ifosfamide, Cisplatin in advanced non small cell lung cancer. A randomized phase III study of the Italian Lung Cancer Project. J Clin Oncol 1999; 17: Prenzel N, Fischer OM, Streit S, et al. The epidermal growth factor receptor family as a central element for cellular signal transduction and diversification. Endocr Relat Cancer 2001; 8: Ritter CA, Arteaga CL. The epidermal growth factor receptor tyrosine kinase. A promising therapeutic target in solid tumors. Semin Oncol 2003; 30: Hirsch FR, Varella-Garcia M, Bunn PA, et al. Epidermal growth factor receptor in non small cell lung carcinomas: correlation between gene copy number, protein expression and impact on prognosis. J Clin Oncol 2003; 21: Xia W, Lau YK, Zhang HZ, et al. Combination of EG- FR, Her-2/neu and HER-3 is a stronger predictor for the outcome of oral squamous cell carcinoma than any individual family members. Clin Cancer Res 1999; 5: Saltz LB, Meropol NJ, Lorhrer Sr PJ, et al. Phase II trial of Cetuximab in patients with refractory colorectal cancer that expresses the epidermal growth factor receptor. J Clin Oncol 2004; 22: Cunningham D, Humblet Y, Siena S, et al. Cetuximab monotherapy and Cetuximab plus Irinotecan in Irinotecan-refractory metastatic colorectal cancer. N Engl J Med 2004; 351: Moulder SL, Yakes FM, et al. Epidermal growth factor receptor (HER1) tyrosine kinase inhibitor Zd1839 (Iressa) inhibits HER2/neu (erb-2)-overexpressing breast cancer cells in vitro and in vivo. Cancer Res 2001; 61: Lichtner RB, Menrad A, Sommer A, et al. Signalling-inactive epidermal growth factor receptor/ligand complexes in intact carcinoma cells by quinazoline tyrosine kinase inhibitors. Cancer Res 2001; 61: Sirotnak FM, Zakowski MF, Miller VA, et al. Efficacy of cytotoxic agents against human tumor xenografts is markedly enhanced by coadministration of ZD1839 (Iressa), an inhibitor of EGFR tyrosine kinase. Clin Cancer Res 2000; 6: Ciardiello F, Caputo R, Bianco R, et al. Inhibition of growth factor production and angiogenesis in human cancer cells by ZD1839 (Iressa), a selective epidermal growth factor receptor tyrosine kinase inhibitor. Clin Cancer Res 2001; 7: Ranson M, Hammod LA, Ferry D, et al. ZD1839, a selective oral epidermal growth factor receptor tyrosine kinase inhibitor, is well tolerated and active in patients with solid tumors. Results of a phase I trial. J Clin Oncol 2002; 20: Fukuoka M, Yano S, Giaccone G, et al. Multi-institutional randomized phase II trial of gefitinib for previously treated patients with advanced non small cell lung cancer. J Clin Oncol 2003; 21: Kris MG, Natale RB, Herbst RS, et al. Efficacy of gefitinib, an inhibitor of epidermal growth factor receptor tyrosine kinase, in symptomatic patients with non small cell lung cancer. JAMA 2003; 290: Giaccone G, Herbst RS, Manegold C, et al. Gefitinib in combination with gemcitabine and cisplatin in advanced non small cell lung cancer: a phase III trial- INTACT 1. J Clin Oncol 2004; 22: Herbst RS, Giaccone G, Schiller JH, et al. Gefitinib in combination with paclitaxel and carboplatin in advanced non small cell lung cancer: a phase III trial- INTACT 2. J Clin Oncol 2004; 22: Inoue A, Saijo S, Maemondo M, et al. Severe acute interstitial pneumonia and gefitinib. Lancet 2003; 361: Slamon DJ, Leyland-Jones BH, Shak S, et al. Use of chemotherapy plus a monoclonal antibody against HER2 for metastatic breast cancer that overexpresses HER2. N Engl J Med 2001; 344:

9 J. Rosada et al.: Nuove strategie terapeutiche nel carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico Ciardiello F, Bianco R, Caputo R, et al. Antitumor activity of ZD6474,a vascular endothelial growth factor receptor tytosine kinase inhibitor in human cancer cells with acquired resistance to antiepidermal growth factor receptor therapy. Clin Cancer Res 2004; 10: Perez-Soler R, Chachoua A, Hammond LA, et al. Determinants of tumor response and survival with erlotinib in patients with non-small-cell lung cancer. J Clin Oncol 2004; 22: Shepherd FA, Pereira JR, Ciuleanu T, et al. Erlotinib in previously treated non-small-cell lung cancer. N Engl J Med 2005; 353: Miller VA, Kris MG, Shan N, et al. Bronchioloalveolar pathologic subtype and smoking history predict sensitivity to gefitinib in advanced non small cell lung cancer. J Clin Oncol 2004; 22: Lynch TJ, Daphne WB, Sordella R, et al. Activating mutations in the epidermal growth factor receptor underlying responsiveness of Non-Small- Cell Cancer to Gefitinib. N Engl J Med 2004; 350: Milton DT, et al. A phase I/II study of weekly high-dose Erlotinib in previously treated patients with nonsmall cell lung cancer. Cancer 2006; 107: Indirizzo per la corrispondenza: Dott. Massimo Bindi Via Don Bosco, Pisa

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII MULTINATIONAL ASSOCIATION OF SUPPORTIVE CARE IN CANCER CONSENSUS CONFERENCE SULLA TERAPIA ANTIEMETICA PERUGIA, 29-31 marzo, 2004 Ultimo aggiornamento: 1 settembre

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Il polmone destro si divide in tre aree principali (conosciute come lobi) e il polmone sinistro ne ha due.

Il polmone destro si divide in tre aree principali (conosciute come lobi) e il polmone sinistro ne ha due. TUMORE AL POLMONE INFORMAZIONI GENERALI I polmoni Quando inspiriamo, l aria passa dal naso o dalla bocca, attraverso la trachea, la quale si divide in due sezioni tubulari (vie respiratorie), una verso

Dettagli

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica Riv. It. Ost. Gin. 200 Vol. 15 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice... R. Angioli et al. pag. 0 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

2. Neoplasie polmonari

2. Neoplasie polmonari 2. Coordinatori Federico Cappuzzo (Livorno) Andrea Lopes Pegna (Firenze) Marco Lucchi (Pisana) Comitato di redazione Paolo BASTIANI (Firenze), CAMERINI Andrea (Viareggio), CECERE Fabiana Letizia (Firenze),

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 2 A cura di: Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it 3 Prefazione

Dettagli

Quaderno n. 3 I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto

Quaderno n. 3 I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO Quaderno n. 3 TOMOGRAFIA AD EMISSIONE DI POSITRONI (PET): VALUTAZIONE DEL FABBISOGNO E PIANO DI INVESTIMENTO PER LA REGIONE

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione Stime di rischio stocastico e detrimento sanitario G. Trenta, AIRM, Roma L IPOTESI PORTANTE: LNT Ancorché ci siano riconosciute eccezioni, per i

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE La presentazione dei dati per molte ricerche mediche fa comunemente riferimento a frequenze, assolute o percentuali. Osservazioni cliniche conducono sovente

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE S. Morlino, T. Ranca/,C. Fiorino, V. Carillo, C. Cozzarini, G. Fellin, V.

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013 ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE Bollettino 2013 Informazioni derivate da: ISTAT SDO Schede ministeriali tossicodipendenze ESPAD, PASSI FATTI E CIFRE

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

Studio Multicentrico AIMN: 18 F-FDG PET-TC con o senza mezzo di contrasto nella stadiazione e ristadiazione del cancro del polmone?

Studio Multicentrico AIMN: 18 F-FDG PET-TC con o senza mezzo di contrasto nella stadiazione e ristadiazione del cancro del polmone? Protocollo di studio: Studio Multicentrico AIMN: 18 F-FDG PET-TC con o senza mezzo di contrasto nella stadiazione e ristadiazione del cancro del polmone? Responsabile scientifico: Prof. Alessandro Giordano

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli