Oggi. Nuove strategie terapeutiche nel carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggi. Nuove strategie terapeutiche nel carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico"

Transcript

1 Oggi Vol. 99, N. 1, Gennaio 2008 Pagg. 1-9 Nuove strategie terapeutiche nel carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico Javier Rosada, Massimo Bindi, Massimiliano Pinelli, Maido Castiglioni Riassunto. Il carcinoma polmonare costituisce una patologia gravata ancora da elevata mortalità, nonostante la terapia convenzionale. Oggi è possibile identificare molecole, come il recettore per il fattore di crescita epidermico, coinvolte nelle più precoci alterazioni molecolari della cancerogenesi. Viene illustrato il ruolo che molecole capaci di bloccare questi recettori possono avere nel trattamento. Parole chiave. Chemioterapia, erlotinib, gefitinib, recettore per il fattore di crescita epidermico, tumore polmonare non microcitoma. Summary. New therapeutic strategies to the advanced non small cell lung cancer. Lung cancer is an elevated mortality disease in spite of conventional therapy. Today it is possible to identify some molecules, as the epidermal growth factor receptor, involved in the earliest molecular alterations of cancerogenesis. Here we show the inhibitors of the epidermal growth factor receptor as a therapeutic mean. Key words. Chemotherapy, epidermal growth factor receptor, erlotinib, gefitinib, non small cell lung cancer. Introduzione Il carcinoma polmonare è una neoplasia in costante e progressivo aumento in tutto il mondo e rappresenta il 12,3% di tutti i tumori Nel corso di questi ultimi anni, è divenuto uno dei principali problemi sociosanitari dei paesi industrializzati e di quelli in via di sviluppo (figura 1). Nei paesi occidentali è la prima causa di morte per tumore nei maschi di età superiore ai 35 anni e la seconda nelle donne fra 35 e 70 anni. Negli USA e in Scozia è la prima causa di morte anche nelle donne, superando il tumore al seno 1. Le stime più recenti sull incidenza nel mondo parlano di circa un milione di nuovi casi ogni anno. I tassi d incidenza per abitanti variano molto da un area geografica all altra in rapporto alle variazioni geografiche e temporali del consumo di tabacco. In Europa il tumore polmonare rappresenta, negli uomini, il 21% di tutti i casi di neoplasia e il 29% di tutte le morti per cancro, mentre nelle donne tali percentuali sono rispettivamente dell 8% e del 4% Il significativo aumento del consumo di sigarette è il principale responsabile del drammatico aumento dell incidenza dei tumori broncopolmonari Figura 1. I tumori polmonari maligni sono in costante e progressivo aumento in tutto il mondo; nel 2000 sono stati i nuovi casi diagnosticati. Una valutazione delle tendenze della mortalità per cancro polmonare in Europa indica un aumento atteso del 10-15% ogni 5 anni per il sesso maschile e del 15-30% per quello femminile 1. IV Divisione Medica, Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana, Pisa. Pervenuto il 21 novembre 2006.

2 2 Recenti Progressi in Medicina, 99, 1, 2008 Il fumo di sigaretta è, infatti, responsabile del 90% dei nuovi casi, essendo diagnosticato nel 50% in fumatori attivi e nel 40% in ex-fumatori con un rapporto dose-effetto: il rischio di ammalarsi aumenta progressivamente con il numero di sigarette fumate e con la durata dell abitudine al fumo. Negli ultimi anni si è rilevato che anche il fumo passivo, con una stima che va da un 30% ad un 50% rispetto ad una popolazione non a rischio, è associato ad un aumento d incidenza 2,3. Terapia medica del carcinoma polmonare I tumori maligni del polmone possono essere raggruppati in due grandi categorie istopatologiche che differiscono per prognosi e atteggiamento terapeutico: i carcinomi anaplastici a piccole cellule, o microcitomi, che rappresentano il 20-25% dei carcinomi polmonari, e i carcinomi non a piccole cellule (NSCLC), che costituiscono il restante 75-80%. Quest ultima categoria, a sua volta, viene divisa in tre sottogruppi: a) carcinoma squamoso o epidermoide, che costituisce il 30-35%; b) adenocarcinoma, con la sua variante bronchioloalveolare, che costituisce il 30%; c) carcinoma anaplastico a grandi cellule con le varianti a cellule giganti e cellule chiare, che rappresenta il 10%. In questi ultimi anni si è avuto un incremento percentuale dell adenocarcinoma a discapito del carcinoma a cellule squamose. Nella maggior parte dei casi, al momento della diagnosi la patologia è in stadio avanzato, inoperabile e spesso è poco praticabile anche un approccio chemioterapico aggressivo per la frequente comorbilità. È infatti riportato che il numero medio di malattie croniche nei soggetti tra i 65 ed i 74 anni d età è almeno di 6 e, tra le patologie prevalenti, riscontriamo le malattie cardiovascolari e le broncopneumopatie croniche. Non vanno inoltre sottovalutati gli effetti tossici a livello d organo, quali quelli dovuti alla ridotta riserva midollare, epatica e renale che inducono una minore tollerabilità a regimi chemioterapeutici aggressivi, soprattutto a quelli contenenti cisplatino 3,5. Soltanto il 20% dei pazienti con NSCLC (tabella 1 nella pagina seguente) si presenta alla diagnosi di malattia in stadio I e II ed è candidato ad un trattamento chirurgico radicale curativo: in questi casi le percentuali di sopravvivenza a 5 anni variano dal 40 al 70% circa. Circa il 40% dei pazienti presenta alla diagnosi una malattia localmente avanzata (stadio III) e le percentuali di sopravvivenza a 5 anni, con solo trattamento locale, variano dal 5 al 25%. Il rimanente 40% dei pazienti presenta alla diagnosi una malattia disseminata (stadio IV). Inoltre, circa il 75% dei pazienti che vengono sottoposti a trattamento chirurgico radicale sviluppa una malattia metastatica in una fase più o meno precoce della propria storia clinica. Per tutti questi pazienti l unica scelta terapeutica è rappresentata dalla chemioterapia (CT). Storia della chemioterapia nel NSCLC metastatico Per molti anni il ruolo svolto dalla chemioterapia (CT) nel trattamento dei pazienti con NSCLC metastatico è stato controverso (figura 2). Negli anni ottanta sono stati condotti alcuni studi randomizzati che hanno confrontato la CT con la sola terapia di supporto (Best Supportive Care = BSC) in pazienti con NSCLC in stadio IV I risultati di tali studi, pubblicati tra la fine degli anni 80 e l inizio degli anni 90, sono stati contraddittori e non hanno chiarito quale delle due alternative terapeutiche potesse offrire un beneficio in termini di sopravvivenza. Nel 1995 il Non Small Cell Lung Cancer Collaborative Group ha condotto una metanalisi con l obiettivo di valutare l impatto della CT sulla sopravvivenza in pazienti con NSCLC in vari stadi di malattia. Per quanto riguarda lo stadio IV, sono stati considerati tutti gli studi, pubblicati e non, che confrontavano la CT con l aggiunta della BSC alla sola BSC 11. La metanalisi dimostra che una CT contenente cisplatino determina un aumento del 10% della sopravvivenza ad un anno, che si traduce in un incremento mediano della sopravvivenza di circa 6 settimane. I risultati della metanalisi sono stati poi confermati da studi prospettici randomizzati 12 e sulla base di questi dati, nel 1997, un gruppo d esperti dell American Society of Clinical Oncology (ASCO) ha elaborato le linee guida cui attenersi nella pratica clinica quotidiana (al di fuori di studi clinici) nel trattare i pazienti con carcinoma a piccole cellule metastatico. Queste linee guida stabiliscono che la chemioterapia è il trattamento indicato in pazienti selezionati (con buon performance status) con NSCLC in stadio IV; la CT dovrebbe comprendere un derivato del platino e non dovrebbe essere protratta per più di 8 cicli 13. Questi dati sono stati aggiornati nella revisione delle linee guida ASCO del 2003 in cui è stato confermata l utilità di un regime a due farmaci comprendente platino in prima linea nel NSCLC stadio IV, da non proseguire per più di sei cicli totali St. randomizzati CT vs BSC Storia Chemioterapia ? METANALISI NSCLC collaborative Group CISPLATINO ( 10% sopravv. 1 anno) = 6 sett. St. randomizzati CT vs BSC conferma ASCO 2003 REVISIONE Linee Guida ASCO Figura 2. Schema che riassume i progressi terapeutici in tema di CT nel NSCLC metastatico. Se all inizio degli anni ottanta solo cinque farmaci antitumorali dimostravano attività superiore al 15% nel trattamento del carcinoma polmonare (cisplatino, mitomicina, vinblastina, ifosfamide e vindesina), negli anni novanta si sono aggiunti nuovi farmaci singolarmente attivi nel NSCLC e con un buon profilo di tossicità fra cui taxani, vinorelbina, gemcitabina e inibitori della topoisomerasi (irinotecano) [figura 3].

3 J. Rosada et al.: Nuove strategie terapeutiche nel carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico 3 Tabella 1. Stadiazione del carcinoma polmonare non a piccole cellule secondo il sistema TNM. Stadio/alla diagnosi T* N** M*** Descrizione NSCLC/ 80% Local 20% IA T1 N0 M0 T1 t 3 cm, circolando da polmone o PV, non segni d invasione più prossimale bronco lobare alla broncoscopia IB T2 N0 M0 T2 t >3 cm, INT BP 2 cm o più distalmente alla carena, INT PV, ass. atelectasia o PmO che non INT polmone in toto IIA T1 N1 M0 N1 INT linfonodale omolaterale peribronchiali e/o ilari e intrapolmonari Localmente avanzato 40% Spravvivenza 1 anno Rate 5 anni IIB T2 N1 M T3 N0 M0 T3 INTA: PT, diaframma, PM, PeP, bronco principale a <2 cm distalmente alla carena, ass. atelectasia o PmO del polmone in toto. IIIA T1 N2 M0 N2 Linfonodi mediastinici omolaterali e/o sottocarenale IIIB Disseminato 40% T2 N2 M0 T3 N1-2 M0 Tutti T IIIB T4 Tutti N IV Tutti T N3 M0 Linfonodi controlaterali, sovraclaveari, ecc Tutti N M0 INTA: mediastino, cuore, grossi vasi, trachea, esofago, carena, VPM, più noduli stesso lobo M1 Metastasi a distanza 20 1 *Tumore; **Linfonodi; ***Metastasi. PV: pleura viscerale, INT: interessa/interessamento, BP: bronco principale, ass: associato, PmO: polmonite ostruttiva, INTA: interessa alcune delle seguente strutture; PT: parete toracica, PM: pleura mediastinica, PeP: pericardio parietale, VPM: versamento pleurico maligno. Negli studi di fase II i nuovi farmaci hanno indotto circa il 20% di risposte obiettive come agenti singoli, e fino al 40% in associazione con derivati del platino quali il cisplatino e il carboplatino. La vinorelbina, la gemcitabina e i taxani sono stati confrontati in studi randomizzati con la BSC, rivelandosi superiori in termini di sopravvivenza e di qualità di vita 15,16. I regimi cosiddetti d ultima generazione hanno fornito al medico la possibilità di ampliare la scelta terapeutica; tali regimi hanno dato percentuali di risposta maggiori di quelle ottenute con i regimi di prima generazione (ad esempio mitomicina, ifosfamide e cisplatino), anche se i dati d efficacia non sono significativamente mutati 17. Sono invece diversi i profili di tossicità derivanti dall uso dei vecchi farmaci e dei nuovi : questi ultimi hanno migliorato la compliance dei pazienti al trattamento e hanno fornito al medico la possibilità di scegliere un trattamento sulla base delle problematiche del singolo paziente Cisplatino Mitomicina Vinblastina Ifosfamide Vindesina Regimi terapeutici 1990 Taxani Vinorelbina Gemcitabina Inibitori topoisomerasi Figura 3. Principali farmaci dell arsenale medico, degli ultimi 2 decenni, nella terapia del NSCLC metastatico.

4 4 Recenti Progressi in Medicina, 99, 1, 2008 Fattore di crescita epidermico Nonostante i rapidi progressi realizzati nell ultimo decennio in tema di CT del tumore polmonare non a piccole cellule, solo una piccola percentuale di pazienti trae un reale beneficio dal trattamento antiproliferativo e i dati di sopravvivenza sembrano aver raggiunto un plateau. L interesse dei ricercatori si è quindi spostato verso nuove strategie terapeutiche. Grazie all affinarsi delle tecniche d indagine molecolare è oggi possibile identificare alcune molecole biologiche coinvolte nell iniziazione e nella progressione del carcinoma polmonare. Gli EGF (Epidermal Growth Factor) sono una famiglia di recettori composta di quattro glicoproteine di 170 kda con attività tirosino-chinasica, ligando dipendente, e struttura simile: ErB-1 (EG- FR), ErB-2 (HER2/neu), ErB-3 e ErB-4. Queste molecole recettoriali sono composte da tre domini: una regione extracellulare o ectodomain, dove si trova il sito di legame dell EGF e di numerosi altri fattori di crescita polipeptidici fra cui TGFα amphiregulina, β-cellulina ed altri; una regione idrofobica transmembrana e una parte intracellulare o endodomain, sede dell attività tirosino-chinasica. Quando il ligando si unisce al dominio extracellulare dell EGFR, si ha il reclutamento di un altra molecola della stessa famiglia di recettori dell EGF e la formazione di dimeri (omo o eterodimeri). A questa dimerizzazione, grazie ad una chinasi annessa all EGFR, segue il trasferimento di una molecola di ATP ad un residuo di tirosina della porzione intracellulare del recettore. L autofosforilazione coincide, di fatto, con l inizio della traduzione del segnale a valle che ha come finalità ultima la proliferazione della cellula, l angiogenesi, la differenziazione, la migrazione, l adesione, la trasformazione e l inibizione dell apoptosi. Infatti, i residui di tirosina una volta fosforilati agiscono come siti di legame per effettori di varie vie enzimatiche. Alcuni di questi effettori sono molecole di connessione o adattatori come Grb2 e Shc che servono come complessi base cui possono assemblarsi gli elementi che traducono il segnale per la proliferazione. Altri sono enzimi attivati dalla fosforilazione fra cui SOS, PI3K e Gab-1. Le vie di traduzione del segnale che comprendono RAS e le MAP chinasi, Src e gli attivatori della trascrizione (STAT) inducono la trascrizione dei geni e promuovono le diverse risposte cellulari. A seconda delle combinazioni di dimeri di recettori sulla superficie, avremo il reclutamento di diverse vie enzimatiche all interno della cellula. Vari altri meccanismi cellulari possono influenzare l attività d EGFR nelle cellule tumorali, come la presenza di recettori costitutivamente attivi dovuti a mutazioni del gene d EGFR, ad un deficit dei Biopsie eseguite sull epitelio bronchiale di forti fumatori e sui pezzi operatori di carcinoma polmonare non a piccole cellule hanno dimostrato la presenza del recettore per l epidermal growth factor (EGFR), glicoproteina transmembrana considerata una delle più precoci alterazioni molecolari della cancerogenesi polmonare. meccanismi d inattivazione (fosfatasi o degradazione ed endocitosi del recettore) o ad una cross- attivazione da parte di recettori omologhi o eterologhi. In ogni caso, la via delle MAP chinasi rappresenta una delle vie più importanti per la trasmissione del segnale di proliferazione; la cascata enzimatica di RAS, Raf, MAP/Erk (MEK1) aumenta l attività di fattori di trascrizione come Elk1 e c-fos, che portano alla proliferazione e attivano la progressione del ciclo cellulare. EGFR, inoltre, induce l angiogenesi, aumentando l espressione di VEGF nelle cellule tumorali, interagisce con componenti della via delle integrine coinvolte nell adesione fra cellula e cellula, controllando l invasione delle cellule tumorali, e incrementa l attivazione delle metalloproteinasi della matrice, stimolando la motilità delle cellule tumorali che contribuisce ulteriormente alla metastatizzazione. EGFR inibisce indirettamente l apoptosi attraverso PI3K che attiva Akt, un importante molecola coinvolta nel segnale antiapoptotico attraverso la trascrizione del fattore nucleare kb e indirettamente anche nel controllo della via delle MAP chinasi 18. L aumentata espressione d EGFR è presente in varie neoplasie fra cui NSCLC (40-80%), testa collo (80-100%), colon (25-77%) e molte altre fra cui ovaio, mammella, stomaco, pancreas, vescica, rene e gliomi 19. Nel NSCLC l espressione dell EGFR compare fin dalle prime tappe della cancerogenesi: nella metaplasia squamosa e nel carcinoma in situ. Un 40-60% dei carcinomi squamosi esprime EGFR, mentre lo esprime il 60-90% dei carcinomi non squamosi. Vari studi sembrano suggerire una correlazione fra espressione elevata di EGFR ed una ridotta sopravvivenza nel NSCLC, anche se il ruolo di EG- FR come fattore prognostico sembra essere maggiore se considerato in associazione ai recettori con cui dimerizza, fra cui HER2/neu. Questo problema rimane ancora controverso anche per i diversi modi con cui l espressione dell EGFR è valutata, rendendo difficile confrontare i dati fra i diversi studi; l immunoistochimica in ogni caso sembra essere il più diffuso 20,21. La ricerca di molecole capaci di bloccare l attivazione dell EGFR ha portato, dal punto di vista clinico, a due principali linee di ricerca: 1. Anticorpi monoclonali che si legano alla regione extracellulare adibita ad accogliere i fattori di crescita: mirano a bloccare la cascata sul nascere.

5 J. Rosada et al.: Nuove strategie terapeutiche nel carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico 5 In questo gruppo di molecole troviamo Erbitux (cetuximab) il cui ruolo si è dimostrato particolarmente interessante nel carcinoma del colon retto 22,23. Nel carcinoma del polmone risultati di uno studio di fase II che paragonava la combinazione cisplatino/vinorelbina verso la stessa combinazione con il cetuximab nel NSCLC avanzato hanno mostrato un maggior response rate e nessun aumento significativo in tossicità per l associazione cetuximab e CT. Tali interessanti risultati necessitano di ulteriori conferme. 2. Inibitori dell attività tirosino-chinasica del recettore: queste molecole, di piccole dimensioni, pur non impedendo l interazione ligando-recettore, non permettono che essa possa generare una risposta biologica all interno della cellula. Antagonizzano competitivamente il legame dell ATP col suo sito e impediscono l autofosforilazione, bloccando quindi la via effettrice di propagazione del segnale; essi comprendono gefitinib (Iressa) ed erlotinib (Tarceva). I nuovi farmaci GEFITINIB, ERLOTINIB Gefitinib (ZD1839-Iressa) è un derivato anilinochinazolinico a basso peso molecolare (447 Da), somministrabile per via orale, caratterizzato da una capacità selettiva e reversibile di inibire la tirosin-chinasi dell EGFR. Negli studi preclinici è stata dimostrata la capacità da parte di gefitinib di arrestare il ciclo cellulare in G0/G1 con un meccanismo dose e tempo dipendente, associato all incremento dell espressione degli inibitori di p21 e p27, cicline chinasi-dipendenti; l attività di gefitinib è stata evidenziata in un ampia varietà di tumori fra cui NSCLC, mammella, prostata, colon-retto e ovaio, sia per la molecola da sola sia in combinazione con radioterapia, citochine, endocrinoterapia, altri agenti target specifici e CT; è stato osservato un effetto sinergico con vari agenti citotossici fra cui derivati del platino, taxani, doxorubicina, etoposide e topotecan. In particolare, su linee cellulari di carcinoma mammario inibiva l autofosforilazione di HER2 che è, infatti, preferenzialmente attivato dall eterodimerizzazione con EGFR 24 ; gli studi su animali hanno dimostrato una eccellente biodisponibilità orale e una bassa tossicità sistemica. È stato inoltre dimostrato come nonostante la rapida regressione della crescita cellulare, i tumori trattati ricrescevano non appena il farmaco veniva sospeso e che l attività era simile anche se l espressione di EGFR era diversa fra i modelli animali trattati; era già quindi evidente come non solo fosse necessaria una somministrazione continua del farmaco, ma anche come molti fattori influissero sulla risposta al farmaco fra cui l espressione di recettori mutati, la dimerizzazione e l attivazione a valle del segnale L evidenza negli studi preclinici d attività antitumorale e di un profilo favorevole di tossicità sono stati la premessa per iniziare gli studi di fase I su pazienti affetti da varie neoplasie che esprimono EGFR, fra cui NSCLC, colon-retto, ovaio, testa collo e hanno confermato i dati di biodisponibilità e tollerabilità. I pazienti trattati sono stati più di 250 di cui 100 affetti da NSCLC, tutti già trattati con precedenti terapie. Il dosaggio del farmaco è stato valutato da 50 mg a 1000 mg/die con schedule sia continue sia intermittenti anche per più di sei mesi di terapia; il trattamento è stato generalmente ben tollerato con diarrea e rash acneiforme di grado lieve-moderato che nella maggior parte dei casi regredivano all interruzione del trattamento; la dose massima tollerata è stata fra 700 e 1000 mg/die e la tossicità dose limitante era la diarrea; la valutazione farmacocinetica era a favore di una mono-somministrazione giornaliera del farmaco alla quale si ottenevano concentrazioni plasmatiche attive di gefitinib; lo studio farmacodinamico su biopsie cutanee mostrava che gefitinib produceva inibizione di EGFR; i pazienti valutati hanno mostrato risposte e stabilità di malattia particolarmente interessanti nei pazienti affetti da NSCLC per i quali era evidente anche un beneficio sui sintomi 28,29. Sulla base di questi risultati sono stati disegnati due studi di fase II in pazienti con NSCLC localmente avanzato o metastatico, refrattari alla CT (IDEAL = Iressa Dose Evaluation in Advanced Lung Cancer): i pazienti dell IDEAL 1 dovevano aver effettuato una sola linea di CT a base di cisplatino, mentre nell IDEAL 2 dovevano essere stati sottoposti anche ad una seconda linea a base di docetaxel; venivano quindi randomizzati a ricevere gefitinib alle dosi di 250 o 500 mg al giorno fino a progressione o tossicità inaccettabile; gli obiettivi primari erano la valutazione delle percentuali di risposta, del miglioramento dei sintomi secondo il questionario FACT-L e delle tossicità; gli obiettivi secondari erano la determinazione delle percentuali del controllo dei sintomi, della sopravvivenza libera da progressione; in totale sono stati arruolati nei due studi più di 200 pazienti. Nell IDEAL 1 le percentuali di risposta erano 18,4 e 19% per i due dosaggi di gefitinib; le percentuali di controllo di malattia (SD + RP) erano 54,4 e 51,4% rispettivamente e la sopravvivenza mediana 7,6 e 8 mesi con una sopravvivenza ad un anno di 35 e 30% nei due bracci di trattamento. Nell IDEAL 2 le percentuali di risposta erano 11,8 e 8,8% con un controllo di malattia del 43 e 35,8% per i due dosaggi di gefitinib, con una sopravvivenza mediana di 6,5 e 5,9 mesi e una sopravvivenza ad un anno del 29 e 24%. Le percentuali di miglioramento della sintomatologia sono state di 40% e 37% nell IDEAL 1 e di 43% e 35% nell IDEAL 2 con periodo di meno di 10 giorni per osservare questo incremento nei due studi. Le tossicità di grado 3-4 sono state poco comuni con rash acneiforme e diarrea come effetti più comuni. Non sono stati osservati casi di polmonite interstiziale 29,30.

6 6 Recenti Progressi in Medicina, 99, 1, 2008 Questi dati hanno portato le autorità giapponesi ad approvare l uso di gefitinib in seconda linea nel NSCLC a metà del 2002 e hanno indotto la FDA ad approvarne l uso come trattamento di III linea in pazienti affetti da NSCLC avanzato o metastatico nel maggio Inoltre, negli studi preclinici, gefitinib aveva dimostrato un effetto sinergico con la CT 26 ; anche un successivo studio di fase II aveva confermato questo dato, valutando la combinazione di gefitinib con l associazione carboplatino paclitaxel. Pertanto sono stati disegnati due studi di fase III randomizzati a doppio cieco (INTACT 1 e INTACT 2) per studiare la combinazione di gefitinib somministrato in tre dosaggi diversi (500mg/die, 250 mg/die e placebo) con la CT standard in pazienti affetti da NSCLC localmente avanzato o metastatico, non pretrattati. Nell ambito dell INTACT 1, gefitinib è stato combinato con l associazione cisplatino e gemcitabina, mentre nell INTACT 2 con carboplatino e paclitaxel 31,32. Entrambi questi due studi hanno dimostrato che gefitinib non migliora l efficacia della CT in termini di sopravvivenza, tempo a progressione e risposta obiettiva; gefitinib inoltre non ha aggiunto nessuna tossicità significativa a quella della CT, determinando principalmente diarrea e rash cutaneo; il dosaggio di 250 mg/die, come già nei precedenti studi è stato tollerato meglio dei 500 mg/die; l incidenza di polmonite interstiziale è stata intorno all 1%; questo poco frequente ma grave effetto collaterale, probabilmente correlato a gefitinib, già osservato negli studi IDEAL, è stato particolarmente studiato in Giappone dove il farmaco è già somministrato diffusamente e dove ha determinato numerosi decessi 33. I risultati negativi degli studi IN- TACT, simili a quelli con erlotinib, hanno portato ad approfondire meglio il meccanismo di funzionamento del farmaco e la sua migliore modalità di somministrazione per comprendere i motivi di dati non in linea con quelli d altri inibitori del recettore EGF, associati alla CT, come trastuzumab nella mammella 34 o Erbitux nel colon-retto 27,28. Gli studi preclinici avevano dimostrato un effetto sinergico fra CT e gefitinib, ma i dosaggi dei chemioterapici erano subottimali rispetto a quelli usati sull uomo, dove non vi sarebbe nessun effetto aggiuntivo dalla somministrazione contemporanea di CT e inibitori di EGFR perché entrambi hanno lo stesso target cellulare ed effetti simili su neoplasie, come quelle polmonari, già di per sé chemioresistenti. Altro motivo di fallimento degli studi INTACT poteva essere l assenza di una preselezione di pazienti che potessero rispondere a gefitinib. Tuttavia, a differenza di trastuzumab, non vi è alcuna evidenza di correlazione fra espressione d EGFR e risposta al trattamento. Gli studi pubblicati con Erbitux nel colon retto hanno mostrato tassi di risposte simili in pazienti con diversa espressione d EGFR. Evidenze sperimentali hanno dimostrato che la cellula neoplastica riesce a sfuggire all inibizione della crescita attuata con gli anti-egfr attraverso diverse vie di fuga: è stato dimostrato che le cellule tumorali A431 possono acquisire resistenza ad anticorpi anti-egf come Erbitux attraverso l overespressione costitutiva di fattori proangiogenetici (VEGF) da parte delle cellule tumorali. VEGF, infatti, è secreto dalle cellule tumorali ed ha un ruolo chiave nella regolazione della proliferazione cellulare; per questo sono in corso di studio molecole come ZD6474 che blocchino contemporaneamente il recettore per VEGF(VEGFR-2) e EGFR per eliminare la via di fuga VEGF mediata 35. Il recettore I per l IGF può determinare attivazione costitutiva di segnali antiapoptotici, come Akt e p70s6k, che inibiscono l azione di inibitori di EGFR su cellule di glioblastoma in vitro. Risultati simili possono essere osservati anche su cellule di carcinoma mammario somministrando contemporaneamente IGF-I e trastuzumab 36. Sono stati effettuati studi per valutare il ruolo di erlotinib come agente singolo in seconda e terza linea nel NSCLC e in combinazione con il trattamento standard di prima linea. Lo studio randomizzato di fase III in cui erlotinib è stato utilizzato in pazienti pretrattati affetti da NSCLC avanzato o metastatico ha dimostrato come il farmaco possa prolungare la sopravvivenza, migliorare il tempo a progressione, la sintomatologia e la qualità di vita rispetto al placebo. Nei due studi di fase III (TRIBUTE e TALENT), disegnati come gli studi INTACT, l associazione di erlotinib alla CT di I linea in pazienti affetti da NSCLC in stadio IIIB-IV non ha migliorato i risultati del trattamento standard. Quindi gli studi pubblicati mostrano che i derivati anilinochinazolinici (gefitinib ed erlotinib), inibitori tirosinochinasici dell EGFR, rappresentano un alternativa terapeutica per i pazienti affetti da NSCLC, con una percentuale di risposta del 10-20%, quando questi agenti vengono usati in seconda o terza linea terapeutica in stadio avanzato 30,31,36,37. Oggi sappiamo che la risposta a questi farmaci è caratteristica di un ben distinto sottogruppo di pazienti (figura 4): donne, non fumatori, adenocarcinomi e asiatici 38. Nella maggior parte dei pazienti con elevata risposta e con maggiori tempi di sopravivenza in seguito al trattamento con questi inibitori dell attività tirosino-chinasica del recettore, il tumore, già resistente alla CT di I e II linea conteneva mutazioni nel gene che codifica l EGFR. Queste mutazioni sono costituite da piccole delezioni in-frame o da sostituzioni aminoacidiche (dall aa 747 fino all aa 750) raggruppate intorno alla tasca di legame all ATP del dominio della tiro-

7 J. Rosada et al.: Nuove strategie terapeutiche nel carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico 7 A B Figura 4. TAC torace di una paziente, non fumatrice, affetta da adenocarcinoma al IV stadio, chemioresistente (alla prima e seconda linea terapeutica) che mostra regressione di malattia. A sinistra (A) prima, e a destra (B) dopo somministrazione di inibitori della tirosinchinasi del recettore EGF. Con tecniche TC diverse. sina chinasi (più comunemente una sostituzione della leucina da parte di un alginina a livello del codone 858[L858R]) 37,39. Tutte le mutazioni erano eterozigoti, e mutazioni identiche sono state osservate in più pazienti, a suggerire l esistenza di un guadagno di funzione additivo specifico. Queste mutazioni mediano effetti oncogenici alterando la trasmissione del segnale al di sotto della membrana e di meccanismi antiapoptotici, incrementano la sensibilità del tumore a questi farmaci molto probabilmente attraverso un rimaneggiamento del dominio tirosinokinasico del recettore per il fattore di crescita epidermico(egf), che stabilizza la loro interazione e quella con i suoi inibitori competitivi 44. Inoltre in questi meccanismi hanno un ruolo importante l amplificazione del gene dell EGFR e dell HER2 così come l iperespressione dell EGFR 40. In seguito alle innumerevoli mutazioni riscontrate per il gene che codifica l EGFR e per alcune di quelle degli enzimi che partecipano nelle sue più importanti vie effettrici, la ricerca si è ampliata per interpretare i meccanismi intrinseci della resistenza ai nuovi farmaci, che, anche se tuttora rimangono non completamente chiariti, tuttavia possono includere un elevato livello di chinasi a valle della via di segnale dell EGFR, come per esempio di Akt e di proteina chinasica mitogenica attivata (MAPK). In questo senso, studi pre-clinici hanno dimostrato come alte concentrazioni d erlotinib non solo inibiscono l EGFR ma anche Akt e MAPK, suggerendo che dosi più alte d erlotinib sono in grado di superare la resistenza al farmaco in pazienti con tumori con EGFR espressi, accompagnati da un up-regolation della fosfatidilinositol 3 -chinasi e/o p-akt o da una down-regolation della fosfatasi e tensin omologhi (PTEN) 40. Puntare l Akt e la MAPK in associazione all inibizione dell EGFR-TK rimangono validi obiettivi per future ricerche. I mezzi per questa doppia inibizione possono includere l uso di una dose intermedia d erlotinib, somministrata più frequentemente di una volta a settimana e ad una dose più alta della dose massima tollerata in somministrazione giornaliera, per raggiungere picchi di concentrazioni più alta e, allo stesso tempo, per evitare fluttuazioni significative della concentrazione plasmatica. In alternativa, la simultanea inibizione di EGFR, Akt e MAPK. Considerazioni conclusive 1. Il tumore polmonare continua a rappresentare la prima causa di morte per tumori nell età adulta. Nei pazienti affetti da carcinoma polmonare non a piccole cellule la sopravvivenza a 5 anni è complessivamente intorno al 15%. In quelli in stadio non chirurgico solo l 11% raggiunge i 2 anni di sopravvivenza. La chemioterapia non ha modificato che di pochi mesi la sopravvivenza di questi pazienti; per cui si rendono necessarie altre strategie terapeutiche. 2. La scoperta di gefitinib, erlotinib e di altri farmaci con simile linea d azione può contribuire a migliorare la risposta terapeutica. Una attenta selezione dei pazienti in base: al sesso (femminile), al tipo istologico (adenocarcinoma), alle abitudini al fumo (non fumatori) e alla dotazione di alterazioni citogenenetiche riguardanti le mutazioni del gene che codifica per EGFR, consente un miglior utilizzo di questi farmaci, con maggiore probabilità di risposta e rappresenta una linea terapeutica da esplorare nei prossimi anni.

8 8 Recenti Progressi in Medicina, 99, 1, 2008 Bibliografia 1. Jemal A, Tiwari RC, Murray T, et al. Cancer statistics, Ca Cancer J Clin 2004; 54: Freddari F, Berardi R, Scarrozzi M, Cascinu S, Gridelli C. Il carcinoma del polmone non microcitoma: patologia, biologia e prognosi. Tumori 2004; 3: S Alberg AJ, Samet JM. Epidemiology of lung cancer. Chest 2003; 123:1. 4. Pastorino U, Bellomi M, Bandoni C, et al. Early lung cancer detection with spiral CT and positron emission tomography in heavy smokers: 2-years results. Lancet 2003; 362: Langer CJ, Manola J, Bernardo P, Kugler JW, Bonomi P, Cella D et al. Cisplatin-based therapy for elderly patients with advanced non small cell lung cancer: implications of Eastern Cooperative Oncology Group 5592, a randomized trial. J Natl Cancer inst 2002; 94: Woods RL, Williams CJ, Levi J, et al. A randomised trial of cisplatin and vindesine versus supportive care only in advanced non small cell lung cancer. Br J Cancer 1990; 61: Kaasa S, Lund E, Thorud E, et al. Symptomatic treatment versus combination chemotherapy for patient with extensive non small cell lung cancer. Cancer 1991; 67: Callerino R, Tumarello D, Guidi F, et al. A randomised trial of alternative chemotherapy versus BSC in advanced non small cell lung cancer. J Clin Oncol 1991; 9: Cartei G, Cartei F, Cantone A, et al. Cisplatin- ciclophosphamide- mytomicin combination chemotherapy with supportive care versus supportive care alone for treatment of metastatic non small cell lung cancer. J Natl Cancer Inst 1990 ; 85: Quoix E, Dietemenn A, Charbonnaeu J, et al. La chimiotherapie comportant du cisplatin est elle utile dans le cancer bronchique non microcellulaire au stade IV? Resultats d une étude radomisée. Bull Cancer 1991; 78: Non Small Cell Lung Cancer Cooperative Group. Chemotherapy in non small cell lung cancer: a meta-analysis from 52 randomised clinical trials. Br Med J 1995; 331: Cullen MH, Billingham LJ, Woodroffe CM et al. Mytomicin ifosfamide cisplatin in unresectable non small cell lung cancer: effects on survival and quality of life. J Clin Oncol 1999; 17: American Society of Clinical Oncology. Clinical practice guidelines for the treatment of unresectable non small cell lung cancer. J Clin Oncol 1997; 15: Pfister DG, Johnson DH, Azzoli CG, et al. American Society of Clinical Oncology Treatment of Unresectable Non- Small-Cell Lung Cancer Guidelines: Update J Clin Oncol 2003; 22: Fossella FV, Lee JS, Murphy WK, et al. Phase II of docetaxel for recurrent or metastatic Non Small Cell Lung Cancer. J Clin Oncol 1994; 12: Akeley W. Paclitaxel in advanced Non Small Cell Lung Cancer. Chest 2000; 117: 152s-55s. 17. Crinò L, Scagliotti CV, Ricci S, et al. Gemcitabine and Cisplatin versus Mitomycin, Ifosfamide, Cisplatin in advanced non small cell lung cancer. A randomized phase III study of the Italian Lung Cancer Project. J Clin Oncol 1999; 17: Prenzel N, Fischer OM, Streit S, et al. The epidermal growth factor receptor family as a central element for cellular signal transduction and diversification. Endocr Relat Cancer 2001; 8: Ritter CA, Arteaga CL. The epidermal growth factor receptor tyrosine kinase. A promising therapeutic target in solid tumors. Semin Oncol 2003; 30: Hirsch FR, Varella-Garcia M, Bunn PA, et al. Epidermal growth factor receptor in non small cell lung carcinomas: correlation between gene copy number, protein expression and impact on prognosis. J Clin Oncol 2003; 21: Xia W, Lau YK, Zhang HZ, et al. Combination of EG- FR, Her-2/neu and HER-3 is a stronger predictor for the outcome of oral squamous cell carcinoma than any individual family members. Clin Cancer Res 1999; 5: Saltz LB, Meropol NJ, Lorhrer Sr PJ, et al. Phase II trial of Cetuximab in patients with refractory colorectal cancer that expresses the epidermal growth factor receptor. J Clin Oncol 2004; 22: Cunningham D, Humblet Y, Siena S, et al. Cetuximab monotherapy and Cetuximab plus Irinotecan in Irinotecan-refractory metastatic colorectal cancer. N Engl J Med 2004; 351: Moulder SL, Yakes FM, et al. Epidermal growth factor receptor (HER1) tyrosine kinase inhibitor Zd1839 (Iressa) inhibits HER2/neu (erb-2)-overexpressing breast cancer cells in vitro and in vivo. Cancer Res 2001; 61: Lichtner RB, Menrad A, Sommer A, et al. Signalling-inactive epidermal growth factor receptor/ligand complexes in intact carcinoma cells by quinazoline tyrosine kinase inhibitors. Cancer Res 2001; 61: Sirotnak FM, Zakowski MF, Miller VA, et al. Efficacy of cytotoxic agents against human tumor xenografts is markedly enhanced by coadministration of ZD1839 (Iressa), an inhibitor of EGFR tyrosine kinase. Clin Cancer Res 2000; 6: Ciardiello F, Caputo R, Bianco R, et al. Inhibition of growth factor production and angiogenesis in human cancer cells by ZD1839 (Iressa), a selective epidermal growth factor receptor tyrosine kinase inhibitor. Clin Cancer Res 2001; 7: Ranson M, Hammod LA, Ferry D, et al. ZD1839, a selective oral epidermal growth factor receptor tyrosine kinase inhibitor, is well tolerated and active in patients with solid tumors. Results of a phase I trial. J Clin Oncol 2002; 20: Fukuoka M, Yano S, Giaccone G, et al. Multi-institutional randomized phase II trial of gefitinib for previously treated patients with advanced non small cell lung cancer. J Clin Oncol 2003; 21: Kris MG, Natale RB, Herbst RS, et al. Efficacy of gefitinib, an inhibitor of epidermal growth factor receptor tyrosine kinase, in symptomatic patients with non small cell lung cancer. JAMA 2003; 290: Giaccone G, Herbst RS, Manegold C, et al. Gefitinib in combination with gemcitabine and cisplatin in advanced non small cell lung cancer: a phase III trial- INTACT 1. J Clin Oncol 2004; 22: Herbst RS, Giaccone G, Schiller JH, et al. Gefitinib in combination with paclitaxel and carboplatin in advanced non small cell lung cancer: a phase III trial- INTACT 2. J Clin Oncol 2004; 22: Inoue A, Saijo S, Maemondo M, et al. Severe acute interstitial pneumonia and gefitinib. Lancet 2003; 361: Slamon DJ, Leyland-Jones BH, Shak S, et al. Use of chemotherapy plus a monoclonal antibody against HER2 for metastatic breast cancer that overexpresses HER2. N Engl J Med 2001; 344:

9 J. Rosada et al.: Nuove strategie terapeutiche nel carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico Ciardiello F, Bianco R, Caputo R, et al. Antitumor activity of ZD6474,a vascular endothelial growth factor receptor tytosine kinase inhibitor in human cancer cells with acquired resistance to antiepidermal growth factor receptor therapy. Clin Cancer Res 2004; 10: Perez-Soler R, Chachoua A, Hammond LA, et al. Determinants of tumor response and survival with erlotinib in patients with non-small-cell lung cancer. J Clin Oncol 2004; 22: Shepherd FA, Pereira JR, Ciuleanu T, et al. Erlotinib in previously treated non-small-cell lung cancer. N Engl J Med 2005; 353: Miller VA, Kris MG, Shan N, et al. Bronchioloalveolar pathologic subtype and smoking history predict sensitivity to gefitinib in advanced non small cell lung cancer. J Clin Oncol 2004; 22: Lynch TJ, Daphne WB, Sordella R, et al. Activating mutations in the epidermal growth factor receptor underlying responsiveness of Non-Small- Cell Cancer to Gefitinib. N Engl J Med 2004; 350: Milton DT, et al. A phase I/II study of weekly high-dose Erlotinib in previously treated patients with nonsmall cell lung cancer. Cancer 2006; 107: Indirizzo per la corrispondenza: Dott. Massimo Bindi Via Don Bosco, Pisa

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò Anticorpi monoclonali Anti-EGFR -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri Valentina Anrò Ruolo Biologico Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Domain Transmembrane Domain

Dettagli

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Il ciclo cellulare è regolato dall azione di PROTOONCOGENI e (attivatori della proliferazione cellulare) GENI ONCOSOPPRESSORI (inibitori del ciclo

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI GEFITINIB ATC L01XE02 (IRESSA ) Presentata da Dott. A. Contu Direttore Oncologia medica ASL 1 Sassari In data luglio 2010 Per le seguenti motivazioni: Iressa è l unico

Dettagli

LE NUOVE TERAPIE MIRATE

LE NUOVE TERAPIE MIRATE LE NUOVE TERAPIE MIRATE Prof. Francesco Cognetti *, Dr.ssa Alessandra Felici ** Le nuove conoscenze sui meccanismi coinvolti nel processo di trasformazione e progressione tumorale ed il riconoscimento

Dettagli

therapies in ii e iii linea?

therapies in ii e iii linea? I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - linee successive chemioterapia o targeted therapies in ii e iii linea? Attualmente i farmaci approvati nel trattamento di II linea del carcinoma

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Indice 1. Introduzione 2. Cosa sono le targeted therapies? 3. Come funzionano le targeted therapies? 4. Perché utilizzare le targeted therapies nel

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Università di Pisa Dipartimento di Farmacia Corso di laurea in CTF Corso: Basi biochimiche dell azione dei farmaci Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Pisa, 27/03/2014 Samuela Fabiani

Dettagli

Anticorpi monoclonali anti-egfr

Anticorpi monoclonali anti-egfr Università degli Studi di Torino Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Corso di Immunologia Prof.G.Forni Anticorpi monoclonali anti-egf Lara Fontani Famiglia recettori T erbb/her Ligandi EGF

Dettagli

Lynch TJ, Patel T, Dreisbach L, McCleod M, Heim WJ, Hermann RC, Paschold E, Iannotti NO, Dakhil S, Gorton S, Pautret V, Weber MR, Woytowitz D.

Lynch TJ, Patel T, Dreisbach L, McCleod M, Heim WJ, Hermann RC, Paschold E, Iannotti NO, Dakhil S, Gorton S, Pautret V, Weber MR, Woytowitz D. Lynch TJ, Patel T, Dreisbach L, McCleod M, Heim WJ, Hermann RC, Paschold E, Iannotti NO, Dakhil S, Gorton S, Pautret V, Weber MR, Woytowitz D. Cetuximab and First-Line Taxane/Carboplatin Chemotherapy in

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Negli ultimi anni c è stato un notevole cambiamento nella gestione diagnosticoterapeutica dei soggetti affetti da neoplasia

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

CANCRO DEL POLMONE. 1. Epidemiologia 2. Anatomia Patologica 3. Clinica. 4. Diagnostica 5. Stadiazione 6. Tecnica Chirurgica.

CANCRO DEL POLMONE. 1. Epidemiologia 2. Anatomia Patologica 3. Clinica. 4. Diagnostica 5. Stadiazione 6. Tecnica Chirurgica. CANCRO DEL POLMONE Prof. Francesco PUMA CANCRO DEL POLMONE 1. Epidemiologia 2. Anatomia Patologica 3. Clinica 4. Diagnostica 5. Stadiazione 6. Tecnica Chirurgica Iter Diagnostico A Stadiazione Istotipo

Dettagli

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006 ALLEGATO A Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing Principio attivo ERLOTINIB (Tarceva ) SUNITINIB (Sutent ) SORAFENIB (Nexavar

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

Stefania Corso 17 ANNI. Una lotta durata una vita

Stefania Corso 17 ANNI. Una lotta durata una vita Stefania Corso 17 ANNI Una lotta durata una vita Stefania Corso, 17 anni Copyright 2015 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI )

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) 1/7 MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) Nome Commerciale XALKORI Principio Attivo Crizotinib Ditta Produttrice Pfizer Italia Srl ATC L01XE16 Formulazione Capsule rigide Dosaggio 200 mg 250 mg Altri antineoplastici

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone I A Cura di: Simona Carnio Divisione di Oncologia Toracica - A.O.U. San Luigi - Orbassano (TO) Silvia Novello Dipartimento di Oncologia - Università

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

Carcinoma mammario HER2-positivo in stadio iniziale e avanzato. HER2: la crescita del tumore

Carcinoma mammario HER2-positivo in stadio iniziale e avanzato. HER2: la crescita del tumore IL TUMORE AL SENO Il tumore della mammella è caratterizzato dalla crescita non controllata di cellule che subiscono modificazioni rispetto alle cellule che originano nelle ghiandole dove avviene la produzione

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC METASTASI CEREBRALI DA CA MAMMELLA 10-30% delle pazienti con tumore mammario in fase avanzata Insorgono tardivamente nella storia naturale della malattia

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore del polmone. Adele Caldarella

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore del polmone. Adele Caldarella Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007 Tumore del polmone Adele Caldarella Frequenza del tumore del polmone in Italia AIRTum AIRTum Mortalità per tumore del polmone AIRTum

Dettagli

Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto. La diagnostica per immagini del polmone e della pleura

Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto. La diagnostica per immagini del polmone e della pleura Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto La diagnostica per immagini del polmone e della pleura PLEURA LE MANIFESTAZIONI - PLACCHE POLMONE RADIOLOGICHE - ISPESSIMENTO DIFFUSO - VERSAMENTO - MESOTELIOMA

Dettagli

Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto

Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto Paola Zambon Registro Tumori del Veneto (IOV IRCCS) Manola Lisiero, Mario Saugo (SER) Belluno, 20 Ottobre 2011 Casi annui in Veneto stimati nel 2011 a partire

Dettagli

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Studio aperto randomizzato multicentrico di fase III di confronto tra il trattamento con Erlotinib (Tarceva ) e la chemioterapia nei pazienti affetti da carcinoma non a piccole

Dettagli

Sinossi. Divisione di Medicina Oncologica, Ospedale S.G.Moscati - Avellino (Italia)

Sinossi. Divisione di Medicina Oncologica, Ospedale S.G.Moscati - Avellino (Italia) Sinossi Titolo dello studio: Sperimentatori principali: Studio di fase II randomizzato di sorafenib più gemcitabina o sorafenib più erlotinib in pazienti affetti da tumore del polmone non a piccole cellule

Dettagli

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Marcatori molecolari prognostici Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Legnano 24.03.2009 Cancro colorettale - Epidemiologia Il cancro colorettale è la seconda causa di morte per malattie

Dettagli

Recettori di superficie

Recettori di superficie Recettori di superficie Esistono 3 classi principali di recettori di superficie 1. Recettori annessi a canali ionici 2. Recettori accoppiati alle proteine G 3. Recettori associati ad enzimi Recettori

Dettagli

INCIDENZA 1. POLMONE 1.250.000 (12,3%) 2. MAMMELLA 1.050.0000 (10,4%) 3. COLON-RETTO 950.000 (9,4%) 4. STOMACO

INCIDENZA 1. POLMONE 1.250.000 (12,3%) 2. MAMMELLA 1.050.0000 (10,4%) 3. COLON-RETTO 950.000 (9,4%) 4. STOMACO Oncologia Medica Disciplina che studia l'epidemiologia, i fattori di rischio, la patogenesi e la terapia dei tumori. L'oncologia medica è una delle specializzazioni più recenti, nata negli Stati Uniti

Dettagli

Terapia mirata del cancro del polmone non a piccole cellule in stadio avanzato*

Terapia mirata del cancro del polmone non a piccole cellule in stadio avanzato* CHEST Review Terapia mirata del cancro del polmone non a piccole cellule in stadio avanzato* Revisione sugli antagonisti recettoriali del fattore di crescita epidermoidale Gerard A. Silvestri, MD, FCCP;

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

Dott. Castellari Sigerio

Dott. Castellari Sigerio Dott. Castellari Sigerio Congresso Terapia Biologica delle patologie neoplastiche e degenerative a cura della Fondazione Di Bella Repubblica di San Marino 16 Gennaio 2010 1 Specialista in Oncologia Generale,

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz LA NEOPLASIA Una competizione costante di aggiornamento contro la storia naturale di una patologia inesorabile Fattore tempo Latenza clinica: da 8 a 16 anni a seconda del tipo

Dettagli

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale LINEE GUIDA ROL - COLON segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale Sostituisce carcinoma in situ o adenoma intramucoso. Stadio

Dettagli

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco Gravedona 22 ottobre 2010 Ruolo dei farmaci anti HER 2 Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco LONG SURVIVORS IN MBC FARMACI ANTI HER2 TUMORE MAMMELLA 1950 Diagnosi Operabile

Dettagli

Neoplasie del polmone. Epidemiologia Terapia medica Prognosi

Neoplasie del polmone. Epidemiologia Terapia medica Prognosi Neoplasie del polmone Epidemiologia Terapia medica Prognosi DIAGNOSI : Neoplasie del polmone RX tradizionale Radiologia DIAGNOSI : Neoplasie del polmone TAC Radiologia TC DIAGNOSI : broncoscopia DIAGNOSI

Dettagli

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E.

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E. RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E. pag 1 di 4 Randomized Proteomic Stratified Phase III Study of Second Line Erlotinib versus Chemotherapy in Patients with Inoperable Non Small

Dettagli

Specialità: Avastin(Roche spa)

Specialità: Avastin(Roche spa) BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule, non resecabile, avanzato, metastatico o in ricaduta in aggiunta a chemioterapia a base

Dettagli

CLASSIFICAZIONE CLINICA Sistema TNM TUMORE LINFONODI METASTASI

CLASSIFICAZIONE CLINICA Sistema TNM TUMORE LINFONODI METASTASI STADIAZIONE Per stadiazione si intende la valutazione dell estensione della malattia mediante esami clinici e strumentali. Tale estensione viene poi tradotta nel sistema TNM che attraverso la definizione

Dettagli

Sponsor e Comitati Etici a confronto. Presentazione di un successo della ricerca Raffaele Sabia (Vice President Medical AstraZeneca SpA)

Sponsor e Comitati Etici a confronto. Presentazione di un successo della ricerca Raffaele Sabia (Vice President Medical AstraZeneca SpA) Sperimentazione Clinica in Lombardia: punto e a capo? Milano, 5 marzo 212 Associazione Medicina e Persona www.medicinaepersona.org Sponsor e Comitati Etici a confronto Presentazione di un successo della

Dettagli

DETERMINAZIONE HER-2 E RISPOSTA A TERAPIA ANTI HER-2

DETERMINAZIONE HER-2 E RISPOSTA A TERAPIA ANTI HER-2 DETERMINAZIONE HER-2 E RISPOSTA A TERAPIA ANTI HER-2 Dr.ssa Caldara Dr.ssa Frisinghelli DIAGNOSI DONNA 47 aa Luglio 2003 quadrantectomia SE sx + svuotamento ascellare con diagnosi di carcinoma duttale

Dettagli

BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO

BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO Cancro «Massa abnormale di tessuto che cresce in eccesso e in modo scoordinato rispetto ai tessuti normali, e persiste

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN PNEUMOLOGIA INTERVENTISTICA GENNAIO OTTOBRE 2010. tumore del polmone. Diagnosi e stadiazione

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN PNEUMOLOGIA INTERVENTISTICA GENNAIO OTTOBRE 2010. tumore del polmone. Diagnosi e stadiazione MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN PNEUMOLOGIA INTERVENTISTICA GENNAIO OTTOBRE 2010 tumore del polmone Diagnosi e stadiazione Firenze 10 Maggio 2010 Carmine Santomaggio, Roberto Mazzanti S O Ds OncologiaMedica

Dettagli

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial H TAILR AIFA TArceva Italian Lung ptimization trial ttimizzazione dell erlotinib per il trattamento di pazienti con tumore del polmone avanzato non a piccole cellule: uno studio italiano randomizzato SISSI

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile. Erlotinib II linea di terapia. Raccomandazioni d'uso. Documento PTR n.

Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile. Erlotinib II linea di terapia. Raccomandazioni d'uso. Documento PTR n. Documento PTR n.131 Raccomandazioni d'uso Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile Erlotinib II linea di terapia A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO)

Dettagli

PATOLOGIA MOLECOLARE

PATOLOGIA MOLECOLARE Diagnosi rischio individuale diagnosi precoce PATOLOGIA MOLECOLARE prognosi therapia singolo paziente Example of an approximately 40,000 probe spotted oligo microarray with enlarged inset to show detail.

Dettagli

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO COME E QUANDO GLI ASPETTI TECNICI DEI PROTOCOLLI POSSONO-DEVONO ESSERE OGGETTO-ARGOMENTO DI DECISIONI ETICHE? Fausto Roila Oncologia Medica, Terni NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMEDICHE Sezione di Patologia Sperimentale e di Oncologia DOTTORATO DI RICERCA IN EPIDEMIOLOGIA MOLECOLARE DEI

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

Avastin è utilizzato con altri medicinali antitumorali per il trattamento dei seguenti tipi di tumore negli adulti:

Avastin è utilizzato con altri medicinali antitumorali per il trattamento dei seguenti tipi di tumore negli adulti: EMA/175824/2015 EMEA/H/C/000582 Riassunto destinato al pubblico bevacizumab Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per. Illustra il modo in cui il comitato per i medicinali

Dettagli

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA In pazienti con carcinoma polmonare NSCLC in fase iniziale operabile, la chemioterapia adiuvante, aggiunta

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome E-mail Lucia Stocchi Cittadinanza Italiana Data di nascita 05-03-1978 Il/La sottoscritta, consapevole delle sanzioni penali e leggi speciali

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

Figura 1 Dati di incidenza del tumore al polmone. Banca dati Associazione Italiana Registri Tumori

Figura 1 Dati di incidenza del tumore al polmone. Banca dati Associazione Italiana Registri Tumori Impatto del fumo sui tumori del polmone in provincia di Sondrio In Italia la neoplasia del polmone è il terzo tumore più comune nei maschi, dopo quello della prostata e quelli non melanomatosi delle cute,

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

IL DIPO e IL PERCORSO DI CURA E RIABILITAZIONE

IL DIPO e IL PERCORSO DI CURA E RIABILITAZIONE IL DIPO e IL PERCORSO DI CURA E RIABILITAZIONE ANTONIO ARDIZZOIA SC di Oncologia Medica Dipartimento Oncologico- DIPO XVI Lecco AO della Provincia di Lecco AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LECCO

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012

ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 dott. ssa Aurora Ferrari la ricerca 9 ONCOLOGIA: I PIU IMPORTANTI PROGRESSI DEL 2012 La Società Americana per l Oncologia Clinica (ASCO) ha reso noto il rapporto annuale, giunto ormai alla sua ottava edizione,

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR Presentata da Dott. S. Ortu ASL 2 RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI PANITUMAB ATC L01XC08 (VECTIBIX ) In data febbraio 2010 Per le seguenti motivazioni (sintesi): Monoterapia per il trattamento di pazienti

Dettagli

I NUOVI FARMACI: LORO APPLICAZIONI ED ASPETTI TECNICO-PRATICI. www.slidetube.it

I NUOVI FARMACI: LORO APPLICAZIONI ED ASPETTI TECNICO-PRATICI. www.slidetube.it I NUOVI FARMACI: LORO APPLICAZIONI ED ASPETTI TECNICO-PRATICI I nuovi farmaci biologici Non sono farmaci chemioterapici Si legano a specifici recettori presenti sulle cellule tumorali inibendone la funzione

Dettagli

LA RETE ONCOLOGICA DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA NOVITA E CONTROVERSIE ASCO 2015 TUMORI TESTA-COLLO

LA RETE ONCOLOGICA DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA NOVITA E CONTROVERSIE ASCO 2015 TUMORI TESTA-COLLO LA RETE ONCOLOGICA DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA NOVITA E CONTROVERSIE ASCO 2015 TUMORI TESTA-COLLO Dott.ssa Marina Schena SC Oncologia Medica I AOU Città della Salute e della Scienza di Torino Head and

Dettagli

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Autori Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XV XIX XXI XXIII 1. Epidemiologia e prevenzione oncologica (M. De Laurentiis, R. Bianco, S. De Placido)

Dettagli

www.medscape.org/viewarticle/805542

www.medscape.org/viewarticle/805542 Lucio Crinò, MD: Salve e benvenuti a questo programma. Sono Lucio Crinò, un oncologo medico di Perugia (Italia). Oggi parleremo degli attuali paradigmi per il trattamento del carcinoma del polmone non

Dettagli

IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO METASTATICO

IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO METASTATICO Aggiornamenti dall ESMO 2006 Istanbul, 29 settembre - 3 ottobre IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO METASTATICO primo incontro Andrea Bonetti, Stefano Cascinu, Alfredo Falcone, Evaristo Maiello, Alberto Zaniboni

Dettagli

coin lesion polmonare

coin lesion polmonare coin lesion polmonare accurata anamnesi ed esame obiettivo impossibile confronto con precedenti radiogrammi lesione non preesistente o modificatasi TC Follow-up caratteri di benignità lesione sospetta

Dettagli

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel.

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. (09-09-2008) Specialità: Avastin(Roche spa) Forma farmaceutica:

Dettagli

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Inspired to innovate Dott.ssa Annamaria Passarelli Direttore di U.O.C. di Medicina di Laboratorio A USL RM G Tivoli Indicazioni per l impiego

Dettagli

Allegato n 5. Studi clinici controllati condotti dalla Struttura Complessa di Oncologia Medica ed Ematologia nel quinquennio 2003-2007

Allegato n 5. Studi clinici controllati condotti dalla Struttura Complessa di Oncologia Medica ed Ematologia nel quinquennio 2003-2007 Allegato n 5 Studi clinici controllati condotti dalla Struttura Complessa di Oncologia Medica ed Ematologia nel quinquennio 2003-2007 Anno 2003 1. XRP6976/F/2501 Studio randomizzato di fase II che valuta

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere In sintesi In passato: la cura del cancro era decisa sulla base della sede di origine della neoplasia (seno, intestino,

Dettagli

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING E NEL TRATTAMENTO DELLA NEOPLASIA POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E METASTATICA Giuseppe De Vincentis 18 FDG PET: presupposti La degenerazione cancerosa si associa

Dettagli

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE Linee Guida ITT Istituto Toscano Tumori ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRI della PROVINCIA di AREZZO 3 gennaio 2007 Ivano Archinucci UO di Pneumologia ASL 8 STADI DEL CARCINOMA POMONARE STADIO

Dettagli

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO Il rapporto tra ormoni e carcinomi della mammella ormonodipendenti venne dimostrato per la prima volta nel 1896 da Beatson. L ovariectomia determinava

Dettagli

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights 16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights RISULTATI PRELIMINARI STUDIO ITACA Lo studio Itaca è uno studio multicentrico italiano di Fase III che confronta un trattamento chemioterapico tailored

Dettagli

IL-2R & IL-15R Alice Praduroux

IL-2R & IL-15R Alice Praduroux Università degli Studi di Torino Facoltà di Biotecnologie Molecolari Anno Accademico 2006/2007 Corso di Immunologia Molecolare IL-2R & IL-15R Alice Praduroux Classificazione Recettori appartenenti alla

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr. Roberto Benelli TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr.ssa Maria Nincheri Kunz Terapie a bersaglio molecolare

Dettagli

IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni

IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO Fausto Roila Oncologia Medica, Terni IL PROBLEMA - CRISI ECONOMICA DEI PAESI INDUSTRIALIZZATI - COSTI SEMPRE PIU ELEVATI DELLA INNOVAZIONE (nuove tecnologie,

Dettagli

Targeted. therapy. o Ai m. i nuovi trattamenti oncologici. Associazione Italiana di Oncologia Medica

Targeted. therapy. o Ai m. i nuovi trattamenti oncologici. Associazione Italiana di Oncologia Medica o Ai m Associazione Italiana di Oncologia Medica Targeted therapy i nuovi trattamenti oncologici Targeted therapy. I nuovi trattamenti oncologici 5 La realtà clinica dei trattamenti integrati Verso una

Dettagli

Torino, 26 Maggio 2011

Torino, 26 Maggio 2011 Torino, 26 Maggio 2011 ANAMNESI PATOLOGICA REMOTA Appendicectomia in età giovanile Infortunio sul lavoro cui è seguita amputazione dito medio mano destra Meniscectomia bilaterale Erniectomia inguinale

Dettagli

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia Sergio Fava Oncologia medica Legnano Oncologia Medica E'una disciplina che derivata dalla Medicina Interna e dalla Oncologia

Dettagli

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica:

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica: TRASTUZUMAB per l'indicazione: in associazione ad un inibitore dell aromatasi nel trattamento di pazienti in postmenopausa affetti da carcinoma mammario metastatico positivo per i recettori ormonali, non

Dettagli

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione SINOSSI TITOLO Studio di fase I-II con Lapatinib in combinazione con capecitabina e vinorelbina come seconda linea di trattamento in pazienti con carcinoma mammario con iperespressione di ErbB2 localmente

Dettagli

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche la storia di HER2 V. Martin 28 giugno 2011 HER2: Human Epidermal Receptor HER2 e carcinoma mammario alias c-erb, ERBB2, HER-

Dettagli

Marcatori molecolari predittivi della risposta ad anticorpi monoclonali terapeutici contro EGFR in pazienti con carcinoma colorettale metastatico

Marcatori molecolari predittivi della risposta ad anticorpi monoclonali terapeutici contro EGFR in pazienti con carcinoma colorettale metastatico Marcatori molecolari predittivi della risposta ad anticorpi monoclonali terapeutici contro EGFR in pazienti con carcinoma colorettale metastatico Francesca Molinari Formazione interna Istituto cantonale

Dettagli

IN II E III LINEA? 216

IN II E III LINEA? 216 NSCLC - linee successive MONO O POLICHEMIOTERAPIA IN II LINEA? 210 CHEMIOTERAPIA O TARgETEd THERAPIES IN II E III LINEA? 216 RuOLO degli INIbITORI del gene di fusione EML4-ALk 222 NSCLC - linee successive

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE

LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE Gianna Regis qualche informazione Il tumore del polmone rappresenta la prima tra le cause di morte tumorale in termini di frequenza tra i maschi e la seconda tra

Dettagli

Dott.ssa Chiara Dell Agnola. MdA Oncologia,AOUI Verona

Dott.ssa Chiara Dell Agnola. MdA Oncologia,AOUI Verona Dott.ssa Chiara Dell Agnola MdA Oncologia,AOUI Verona Malattia metastatica La neoplasia del testa-collo si presenta in oltre la metà dei pazienti in stadio avanzato (Stadio III e IV) 40-80% recidiva loco-regionale

Dettagli

Evento Formativo accreditato ECM

Evento Formativo accreditato ECM Evento Formativo accreditato ECM INCONTRI CON L ESPERTO 2015 Aula Polo Oncologico, 6 ottobre, 10 novembre, 24 novembre 2015 ID ECM 1252-132524 ED. 1 Responsabili Scientifici: Dott. A. Fontana, Dott. A.

Dettagli

Dal luogo d'origine, le cellule tumorali possono migrare per la via linfatica ed ematica in altri organi dove attecchiscono e colonizzano in forma di

Dal luogo d'origine, le cellule tumorali possono migrare per la via linfatica ed ematica in altri organi dove attecchiscono e colonizzano in forma di EPIDEMIOLOGIA Il tumore del polmone rappresenta la prima causa di morte per neoplasia nei paesi industrializzati. Negli USA rappresenta la principale causa di morte nel sesso maschile ed ha ormai superato

Dettagli