tumori polmonari 24/11/2009 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "tumori polmonari 24/11/2009 1"

Transcript

1 tumori polmonari 24/11/2009 1

2 -The 2004 World Health Organization/International Association for the Study of Lung Cancer Histological Classification of Lung and Pleural Tumours 1 EPITHELIAL TUMORS 1.1. BENIGN Papillomas Squamous cell papilloma Exophytic Inverted Glandular papilloma Mixed squamous cell and glandular papilloma Adenomas Alveolaradenoma adenoma Papillary adenoma Adenomas of salivary-gland type Mucous gland adenoma Pleomorphic adenoma Others Mucinous cystadenoma Others 1.2. Preinvasive lesions Squamous dysplasia/carcinoma in situ Atypical adenomatous hyperplasia Diffuse idiopathic pulmonary neuroendocrine cell hyperplasia 24/11/2009 2

3 1.3. MALIGNANT Squamous cell carcinoma Variants Papillary Clear cell Small cell Basaloid Small cell carcinoma Variant Combinedsmallcellcarcinoma carcinoma Adenocarcinoma Acinar Papillary Bronchioloalveolar carcinoma Non-mucinous (Clara/pneumocyte type II) Mucinous Mixed mucinous and non-mucinous or intermediate cell type Solid adenocarcinoma with mucin Adenocarcinoma with mixed subtypes Variants Well-differentiated fetal adenocarcinoma Mucinous ( colloid ) adenocarcinoma Mucinous cystadenocarcinoma Signet-ring adenocarcinoma Clear cell adernocarcinoma 24/11/2009 3

4 Large cell carcinoma Variants Large cell neuroendocrine carcinoma Combined large cell neuroendocrine carcinoma Basaloid carcinoma Lymphoepithelioma-like lik carcinoma Clear cell carcinoma Large cell carcinoma with rhabdoid phenotyp Adenosquamous carcinoma Carcinomas with pleomorphic, sarcomatoid or sarcomatous elements Carcinomas with spindle and/or giant cells Carcinosarcoma Pulmonary blastoma Carcinoid tumour Typical carcinoid id Atypical carcinoid Carcinomas of salivary-gland type 3 MESOTHELIAL TUMORS 3.1 Benign: Adenomatoid tumour 3.2 Malignant Epithelioid mesotheliom Sarcomatoid mesothelioma Biphasic mesothelioma 24/11/2009 4

5 Carcinoma squamocellulare (SQC) E l unico istotipo per cui è stata dimostrata la sequenza di trasformazione maligna dalla displasia al carcinoma in situ (lesioni preinvasive) fino al carcinoma invasivo. Tale trasformazione dell epitelio bronchiale inizia con un iperplasia delle cellule basali metaplasia squamosa in cui le cellule colonnari ciliate sono sostituite da cellule poligonali con giunzioni intercellulari, a cui fanno seguito vari gradi di displasia caratterizzati da aumento delle dimensioni nucleari, ipercromasia, e pleomorfismo nucleare. 24/11/2009 5

6 Le alterazioni displastiche interessano l intero spessore della mucosa, sono accompagnate da attività mitotica in tutti gli strati epiteliali, definiscono il carcinoma in situ, come la lesione che precede il carcinoma squamocellulare invasivo 24/11/2009 6

7 Conclusione Aggiungere una frase ad effetto che riassuma la propria posizione i rispetto agli argomenti trattati Riassumere i concetti fondamentali 24/11/2009 7

8 24/11/2009 8

9 24/11/2009 9

10 24/11/

11 Macroscopicamente gli SQC spesso sono necrotici, cavitati infiltrano la pleura e la prete toracica. Microscopicamente si osserva la presenza di spine intercellulari e cheratinizzazione più o meno completa fino alla formazione di perle cornee, e reazione desmoplastica dello stroma; frequentemente si osservano lesioni preinvasive nella mucosa bronchiale in prossimità ità del SQC. Atipie citoarchitetturali più pronunciate, aumento dell attività ità mitotica ti e aree di necrosi ed emorragia caratterizzano gli SQC scarsamente differenziati. 24/11/

12 24/11/

13 24/11/

14 24/11/

15 24/11/

16 Adenocarcinomi (ADC) Molti studi hanno definito l iperplasia adenomatosa atipica (AAH) come probabile lesione preinvasiva degli ADC [adenocarcinoma e carcinoma bronchioloalveolare nonmucinoso(bac)] in quanto sono lesioni i situate t quasi esclusivamente alla periferia i del polmone, esiste una sequenza morfologica e molecolare (accumulo di p53, LOH 3p, 9p, 17p e mutazione di k-ras al codone 12) tra AAH e BAC, si osservano principalmente p in prossimità di ADC ed anche entro la stessa massa neoplastica. 24/11/

17 L AAH costituita da una proliferazione di pneumociti di II tipo minimamente i atipici, i i che rivestono setti alveolari lievemente ispessiti, del diametro<0,5cm. Tuttavia AAH non è presente in tutti i pazienti che sviluppano un ADC e si osserva anche nel 2% di persone che non hanno tumori. 24/11/

18 24/11/

19 24/11/

20 La maggior parte degli ADC sono periferici (60%), sottopleurici e sviluppano sintomi come dolore toracico, dispnea e pleurite tardivamente, molti sono associati a cicatrice che si suppone essere una reazione desmoplastica stromale al tumore. Molto più frequentemente degli SQC danno metastasi linfonodali e a distanza. 24/11/

21 Il grading degli ADC in G1, G2 e G3 si basa sul grado ed estensione della formazione di ghiandole e sulla quantità di produzione di muco PAS+. Le cellule sono colonnari o cuboidali con ampio citoplasma eosinofilo, nuclei basali o centrali, nucleoli evidenti e frequenti mitosi, organizzate in ghiandole, acini, e/o papille. p 24/11/

22 Il BAC è caratterizzato da una crescita tumorale che sostituisce completamente il preesistente epitelio alveolare con preservazione del sottostante setto alveolare, in assenza perciò d invasione stromale, pleurica e di metastasi. La prognosi per i BAC non mucinosi i e solitari, i è ottima con 70% di sopravvivenza a 5 anni 24/11/

23 Esistono 3 tipi, il mucinoso, il non mucinoso ed il misto, il mucinoso spesso tende a diffondere d lungo le vie aree in forma simil polmonitica e multifocale costituito da cellule l con ampi citoplasmi i ripieni i i di muco, il non mucinoso è abbastanza ben circoscritto talora con sclerosi centrale e multifocale costituito da cellule di tipo pneumociti di II e/o di Clara, le prime con inclusioni nucleari contenenti apoproteina surfactante. 24/11/

24 24/11/

25 24/11/

26 24/11/

27 24/11/

28 24/11/

29 24/11/

30 24/11/

31 24/11/

32 24/11/

33 24/11/

34 24/11/

35 24/11/

36 Low grade AAH High grade AAH Adenocarcinoma (including BAC) Clll Cellularity and atypia Nuclear DNA content Aneuploidy CEA p53 expression K-ras mutation -/ C-erb-B2 expression + ++ Loss of Rb and p16 + 3p, 7p, 17p/q LOH /11/ Cyclin D1 overexpression

37 24/11/

38 24/11/

39 Carcinomi a grandi cellule (LCC) Gli LCC insorgono nel 70% nei grossi bronchi ed i restanti sono periferici, in genere sono grosse masse e danno sintomatologia sia centrale che periferica. 24/11/

40 Questi carcinomi non esprimono ovvie o specifiche caratteristiche di differenziaziozione squamosa, ghiandolare o neuroendocrina a livello di microscopia ottica ma a livello ultrastrutturale e con tecniche immunoistochimiche sono evidenti la loro natura epiteliale e le minime o abortive caratteristiche di differenziazione i i specifica: 80% ghiandolare, 10% squamosa ed il restante 10% entrambe. 24/11/

41 LCC sono definiti dall assenza assenza di evidenza di formazione ghiandolare, papillare, acinare e di cheratinizzazione. Questi tumori sono costituiti da grandi cellule che crescono in nidi solidi, con scarso stroma interposto, pleomorfismo nucleare, marcata anaplasia, ampi citoplasmi eosinofili, estese aree di necrosi e numerose mitosi, per definizione sono G3. 24/11/

42 24/11/

43 24/11/

44 Carcinomi (Tumori) neuroendocrini Sono carcinomi che mostrano evidenza di differenziazione i i meuroendocrina: carcinoidi tipici (TC) (carcinomi neuroendocrini ben differenziati), carcinoidi atipici (AC) (carcinomi neuroendocrini moderatamente differenziati), carcinomi a piccole cellule (SCC) e carcinomi neuroendocrini a grandi cellule (LCNC) (carcinomi neuroendocrini scarsamente differenziati). 24/11/

45 Carcinoidi tipici I TC sono centrali, spesso endobronchiali e polipoidi p e danno sintomatologia ostruttiva, raramente possono dare metastasi linfonodali e/o a distanza; il loro pattern di crescita è caratterizzato da nidi ben formati, trabecole e acini di cellule tumorali separati da sottili setti fibrovascolari; le cellule sono monomorfe, rotonde-ovalari, con citoplasma eosinofilo. I TC hanno scarse mitosi (< 2x10HPF), assenza di necrosi 24/11/

46 24/11/

47 24/11/

48 24/11/

49 24/11/

50 Carcinoidi atipici IAC, sono più spesso periferici, sono molto simili ai TC dal punto di vista citoarchitetturale, ma se ne distinguono per maggiori atipie, maggior cellularità, maggiori mitosi (2-10x10HPF) e/o necrosi, spesso hanno focolai di invasione i vascolare e linfatica più frequentemente dei TC metastasi linfonodali e/o a distanza 24/11/

51 24/11/

52 24/11/

53 I carcinomi neuroendocrini scarsamente differenziati (SCC e LCNC) Costituiscono il 20% dei tumori broncogeni sono tumori in cui le caratteristiche ti citomorfologiche i di differenziazione neuroendocrina sono poco evidenti se non con l ultrastruttura lt t tt e l mmunoistochimica i e sono caratterizzati da alta cellularità, atipie citologiche marcate, numerose mitosi (>10x10HPF), ed estese aree di necrosi. 24/11/

54 Carcinomi neuroendocrini a grandi cellule I LCNC sono di recente definizione e non è ancora chiaro se rispondano meglio ai protocolli terapeutici dei SCC o dei LCC, sono costituiti da cellule grandi e rotondopoligonali, nucleoli evidenti e frequenti mitosi, questi tumori mostrano similarità citoarchitetturali con i LCC da cui se differenziano per il pattern neuroendocrino di crescita, per la presenza ultrastrutturale di granuli neurosecretori e per l immunoreattività ai markers neuroendocrini come cromogranina, sinaptofisina. i La prognosi di questi tumori sembra avvicinarsi molto a quella dei SCC. 24/11/

55 24/11/

56 24/11/

57 24/11/

58 Carcinomi a piccole cellule Gli SCC sono centrali ed in genere diagnosticati su lesioni i metastatiche t ti (linfonodi mediastinici), i i) data la loro rapida disseminazione, solo nel meno del 5% dei casi di SCC questo si presenta come un nodulo solitario (malattia limitata). Crescono attorno ai grossi bronchi nell ilo, e caratteristicamente sono costituiti da piccole cellule rotonde-ovalari, con nucleo ipercromico, scarso citoplasma e numerose mitosi il pattern di crescita è diffuso senza stroma interposto, con estese aree di necrosi. 24/11/

59 24/11/

60 24/11/

61 24/11/

62 24/11/

63 24/11/

64 Genetica e patologia molecolare. E stato dimostrato che una varietà di promotori oncogeni, e tumor-suppressor genes hanno un ruolo nella genesi del carcinoma polmonare. i geni promotori principalmente codificano proteine con attività proliferativa o antiapoptotica: EGF receptor (erb-b1/erb-b2). C-myc, L-myc, N-myc (1p32, 2p2.41). K-ras, H-ras, N-ras (11p15.5, 1p13) i tumor-suppressor genes codificano proteine con funzione antiproliferativa p53 (17p12-13), 13), RB1 (13q14) 24/11/

65 La mutazione di p53 è un evento precoce nei tumori polmonari (SQC), ed è stata riportata nel 12-53% dei casi di displasia squamosa e nel 60-90% dei carcinomi in situ Il gene K-ras è più frequentemente mutato negli ADC (30%), ed al codone 12, questa è stata osservata anche nel 40% delle AAH, ipotizzando che tale mutazione sia un evento precoce nella genesi degli ADC. Il gene Rb codifica una fosfoproteina nucleare che controlla il checkpoint di G1 del ciclo cellulare, delezioni del cromosoma 13q14 si sono osservate nell 80% dei SCC. 24/11/

66 24/11/

67 Ligand binding to epidermal growth factor receptor (EGFR) induces homo- and hetero-dimerization of the receptor, resulting in activation of downstream effectors including the Ras MAPK (mitogen-activated protein kinase), PI3K (phosphatidylinositol 3-kinase) Akt, and signal transducer and activator of transcription (STAT) pathways that lead to cell proliferation, survival and many other effects associated with carcinogenesis. The EGFR pathway is frequently activated in never smokers by mutations in the EGFR gene. In smokers, mutations of the KRAS gene often occur, resulting in the release of growth factors, including transforming growth factor- (TGF ), which is a ligand for EGFR. In addition, Ras directly activates the PI3K Akt pathway. Thus, the end result of KRAS or EGFR mutations are virtually identical, and mutations of both genes in adenocarcinomas of the lung are rarely seen. Other methods of activation of these pathways include gene amplification and mutations in BRAF, PIK3CA (a subunit of PI3K), and ERBB2 (also known as HER2). 24/11/

68 24/11/

69 24/11/

70 EGFR MUTATIONS IN LUNG CANCER 24/11/ Sharma, S.V. et al., Nat Rev Carcer 2007; 7:169 81

71 General schematic of the molecular classification of lung cancers. Unsupervised hierarchical clustering analysis illustrates a molecular classification based on genome-wide expression profiles. 24/11/

72 mesotelioma E una neoplasia diffusa che si estende ampiamente nello spazio pleurico associata a versamento pleurico diretta invasione delle strutture toraciche. Negli stadi iniziali i i si hanno vegetazioni i biancastre che rivestono ed in filtrano sia la parete toracica che il polmone negli stadi terminali, incarceramento del polmone che viene circondato e infiltrato da un tessuto bianco lardaceo ed emorragico; 24/11/

73 Microscopicamente è costituito da una mistura di 2 tipi di cellule, le cellule mesoteliali hanno la potenzialità di differenziarsi in senso stromale mesenchimale epiteliale, quest ultimo è la forma usuale del mesotelio, un epitelio che riveste le cavità sierose 24/11/

74 Il tipo sarcomatoide, (mesenchimale) a cellule fusate, rassomiglia ad un fibrosarcoma, il tipo epitelioide è formato da strutture papillari e tubulari rivestite da cellule piatte, cuboidali o colonnari che rassomigliano ad un adenocarcinoma Il tipo misto o bifasico è costituito da entrambe le componenti 24/11/

75 24/11/

76 24/11/

ALTRI TUMORI BRONCO-POLMONARI

ALTRI TUMORI BRONCO-POLMONARI Università degli Studi di Perugia Chirurgia Toracica Aziende Ospedaliere di Perugia e Terni Scuola di Specializzazione in Chirurgia Toracica Direttore: Prof. Francesco Puma ALTRI TUMORI BRONCO-POLMONARI

Dettagli

Tumori Epiteliali della Cute

Tumori Epiteliali della Cute Tumori Epiteliali della Cute Tumori Maligni dell'epidermide Carcinoma a cellule basali (CACB) Carcinoma a cellule squamose (CACS) Carcinoma neuroendocrino a cellule di Merkel (carcinoma neuroendocrino

Dettagli

Polipi serrati: classificazione e diagnostica istopatologica

Polipi serrati: classificazione e diagnostica istopatologica Seminario Regionale Ferrara, 30 marzo 2007 Diagnosi e trattamento dei polipi colorettali: problematiche emergenti nel programma di screening dei tumori del colon-retto Polipi serrati: classificazione e

Dettagli

Polipi. Sessili. Peduncolati

Polipi. Sessili. Peduncolati Polipi Sessili Peduncolati Polipi Intestinali Polipi iperplastici 25% Polipi amartomatosi

Dettagli

XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012. Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site:

XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012. Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site: XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012 Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site: CASI CLINICI Dr.ssa Paola Baccarini, U.O. Anatomia Patologica

Dettagli

Lesioni ghiandolari in campioni bioptici. Giovanni Negri Bolzano

Lesioni ghiandolari in campioni bioptici. Giovanni Negri Bolzano Lesioni ghiandolari in campioni bioptici Giovanni Negri Bolzano Pap test di invio con lesione ghiandolare in 40% dei casi AIS puro in 50.6% dei coni Colposcopia negativa in 24% dei casi Biopsia negativa

Dettagli

Il Nodulo Tiroideo. "Diagnostica Citologica"

Il Nodulo Tiroideo. Diagnostica Citologica Il Nodulo Tiroideo "Diagnostica Citologica" FNAC Con il termine di FNAC (Fine Needle Aspiration Cytology) si intende un prelievo citologico eseguito mediante un ago definito sottile (a partire da 22G ),

Dettagli

Carcinoma basaloide della mammella: definizioni ed implicazioni cliniche. Luca Mazzucchelli SenoForum 2009, Lugano

Carcinoma basaloide della mammella: definizioni ed implicazioni cliniche. Luca Mazzucchelli SenoForum 2009, Lugano Carcinoma basaloide della mammella: definizioni ed implicazioni cliniche Luca Mazzucchelli SenoForum 2009, Lugano L inizio della storia... Perou CM et al. Molecular portraits of human breast tumors. Nature

Dettagli

Traffico intenso dalla cresta neurale

Traffico intenso dalla cresta neurale Ovary/testis Traffico intenso dalla cresta neurale MODULAZIONE NEUROENDOCRINA / EPITELIALE Ruolo pacemaker Fenotipo epiteliale Fenotipo neuroendocrino Fenotipo neuroectodermico Da Hofsli 2006 Incidenza

Dettagli

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Negli ultimi anni c è stato un notevole cambiamento nella gestione diagnosticoterapeutica dei soggetti affetti da neoplasia

Dettagli

CASO CLINICO 1. Dott.ssa Catalina Ciocan, Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro, Torino

CASO CLINICO 1. Dott.ssa Catalina Ciocan, Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro, Torino CASO CLINICO 1 Dott.ssa Catalina Ciocan, Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro, Torino G.U., età 72 anni, maschio ANAMNESI PATOLOGICA REMOTA Ulcera duodenale; Nel 1974 riconosciuta la tecnopatia

Dettagli

TBNA Utilità della Citologia e aspetti metodologici Cristina Maddau

TBNA Utilità della Citologia e aspetti metodologici Cristina Maddau TBNA Utilità della Citologia e aspetti metodologici Cristina Maddau Istituto per lo Studio e la Prevenzione Oncologica Unità Operativa di Citopatologia La citologia polmonare riveste un ruolo rilevante

Dettagli

Epithelial-Mesenchymal Transition in Cancer. Relevance of Periostin Splice Variants

Epithelial-Mesenchymal Transition in Cancer. Relevance of Periostin Splice Variants DISS. ETH NO. 19590 Epithelial-Mesenchymal Transition in Cancer Relevance of Periostin Splice Variants A dissertation submitted to the ETH Zurich For the degree of Doctor of Sciences Presented by Laura

Dettagli

BIOLOGIA DEI TUMORI Concetti generali e classificazione dei tumori

BIOLOGIA DEI TUMORI Concetti generali e classificazione dei tumori BIOLOGIA DEI TUMORI Concetti generali e classificazione dei tumori Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte - CPO Piemonte Corso di base sulla registrazione dei tumori Rho, 10 maggio 2010 Origine dei

Dettagli

CANCRO DELLO STOMACO. CANCRO DELLO STOMACO Fattori di rischio - I - CANCRO DELLO STOMACO

CANCRO DELLO STOMACO. CANCRO DELLO STOMACO Fattori di rischio - I - CANCRO DELLO STOMACO Epidemiologia 4 causa di morte per Ca nel M dopo polmone, intestino e prostata incidenza variabile in diverse parti del mondo, in declino in USA e CE ancora assai elevata in Giappone, Cile, Islanda, RSM

Dettagli

Tumori della vescica e della via urinaria.

Tumori della vescica e della via urinaria. Tumori della vescica e della via urinaria. Il quadro clinico delle neoplasie dell urotelio è in genere dominato dall ematuria macroscopica (presenza nelle urine di sangue visibile ad occhio nudo) nel 75%

Dettagli

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Inspired to innovate Dott.ssa Annamaria Passarelli Direttore di U.O.C. di Medicina di Laboratorio A USL RM G Tivoli Indicazioni per l impiego

Dettagli

Il ruolo della PET/TC nella patologia oncologica polmonare

Il ruolo della PET/TC nella patologia oncologica polmonare Appuntamenti a Fisica Il polmone: patologia, clinica e fisica Dip. di Fisica e Scuola di Specialità in Fisica Medica Università degli Studi di Torino Il ruolo della PET/TC nella patologia oncologica polmonare

Dettagli

Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi

Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi IV Congresso Regionale I Congresso del Middle Management di Area Tecnica Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi Dott.ssa

Dettagli

La stadiazione dei tumori

La stadiazione dei tumori La stadiazione dei tumori Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007 Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte Cosa è lo stadio di un tumore? E la rappresentazione sintetica dell estensione anatomica del tumore.

Dettagli

CANCRO DEL POLMONE. 1. Epidemiologia 2. Anatomia Patologica 3. Clinica. 4. Diagnostica 5. Stadiazione 6. Tecnica Chirurgica

CANCRO DEL POLMONE. 1. Epidemiologia 2. Anatomia Patologica 3. Clinica. 4. Diagnostica 5. Stadiazione 6. Tecnica Chirurgica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA SCUOLA di SPECIALIZZAZIONE in CHIRURGIA TORACICA Direttore: Prof. F. Puma STRUTTURE COMPLESSE DI CHIRURGIA TORACICA AZIENDE OSPEDALIERE di PERUGIA e TERNI CANCRO DEL POLMONE

Dettagli

I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M. CLASSIFICAZIONE CLINICA (prima del trattamento -preoperatoria)

I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M. CLASSIFICAZIONE CLINICA (prima del trattamento -preoperatoria) I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M A cura del Dott. G.Antonini RIASSUNTO La classificazione della Unione Internazionale Contro il Cancro ha proposto una classificazione in base alle dimensioni

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Marcatori molecolari prognostici Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Legnano 24.03.2009 Cancro colorettale - Epidemiologia Il cancro colorettale è la seconda causa di morte per malattie

Dettagli

Carcinoma polmonare. Dott. Mario Bavieri

Carcinoma polmonare. Dott. Mario Bavieri Carcinoma polmonare Dott. Mario Bavieri Carcinoma del polmone : Definizione Categoria diagnostica che comprende l insieme delle neoplasie maligne che originano dai tessuti epiteliali ( carcinomi) che compongono

Dettagli

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore dell ovaio. Adele Caldarella

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore dell ovaio. Adele Caldarella Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007 Tumore dell ovaio Adele Caldarella Tumore dell ovaio in Italia 9 tumore più frequente nel sesso femminile 2.9% delle diagnosi tumorali

Dettagli

Progetto Tesi di Master Dr. Zamir KADIJA

Progetto Tesi di Master Dr. Zamir KADIJA Progetto Tesi di Master Dr. Zamir KADIJA Profilo mutazionale di oncogeni candidati nel carcinoma broncogeno non-a-piccole cellule condotto su campioni ottenuti mediante biopsia endobronchiale ed agoaspirato

Dettagli

«La sola speranza di arrivare un giorno a controllare i tumori risiede nella maggiore comprensione delle cause e della patogenesi di questa malattia»

«La sola speranza di arrivare un giorno a controllare i tumori risiede nella maggiore comprensione delle cause e della patogenesi di questa malattia» «La sola speranza di arrivare un giorno a controllare i tumori risiede nella maggiore comprensione delle cause e della patogenesi di questa malattia» Oncologia Definizioni, e criteri di classificazione

Dettagli

ovaio corpo dell utero collo dell utero (cervice)

ovaio corpo dell utero collo dell utero (cervice) Tumori dell utero Tumori dell apparato genitale femminile ovaio corpo dell utero collo dell utero (cervice) Tumori dell utero Tumori del collo dell utero (cervice) Benigni: polipo cervicale Maligni: carcinoma

Dettagli

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo).

La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). COS'È IL TUMORE ALLA TIROIDE La tiroide è una ghiandola posta nel collo, appena sotto la cartilagine tiroidea (il cosiddetto pomo d'adamo). Ha la forma di una farfalla con le due ali poste ai lati della

Dettagli

Patologia Generale. Prof. P. Bellavite, Corso di Patologia Generale c.d.l. Figiene Dentale Oncologia Generalità

Patologia Generale. Prof. P. Bellavite, Corso di Patologia Generale c.d.l. Figiene Dentale Oncologia Generalità atologia Generale ONCOLOGIA Regolazione della crescita cellulare. Recettori, sistemi di trasduzione, geni coinvolti. Disordini della crescita cellulare non tumorali. I tumori dal punto di vista morfologico

Dettagli

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto Carmelo Lupo RAS-RAF signaling Activation of the RAS-RAF signaling cascade occurs via the following sequential steps 1 : Activation

Dettagli

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Il ciclo cellulare è regolato dall azione di PROTOONCOGENI e (attivatori della proliferazione cellulare) GENI ONCOSOPPRESSORI (inibitori del ciclo

Dettagli

IL CARCINOMA DEL POLMONE

IL CARCINOMA DEL POLMONE II Università degli Studi di Napoli Corso di laurea in Medicina e Chirurgia Sede di Caserta IL CARCINOMA DEL POLMONE A.A. 2007/2008 EPIDEMIOLOGIA Incidenza varia da 2 a 110 casi/100000 abitanti per area

Dettagli

ENDOMETRIOSI E CANCRO

ENDOMETRIOSI E CANCRO ENDOMETRIOSI E CANCRO Bergamo, 7 marzo 2014 Giorgia Mangili Alice Bergamini - Ginecologia Oncologica IRCCS San Raffaele Milano ENDOMETRIOSI E CANCRO Tutto questo è giustificato? Corriere Salute Aprile

Dettagli

Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni

Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni dei geni predittivi di risposta alla terapia oncologica Carmelo Lupo Casa di Cura La Maddalena Palermo Test molecolari PREDITTIVI di

Dettagli

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati]

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] Cancro del colon Il mio comportamento Diagnosi del cancro del colon - clisma Tc - coloscopia con biopsia - T-PET - markers tumorali Cea Ca 19.9 Ca

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone I A Cura di: Simona Carnio Divisione di Oncologia Toracica - A.O.U. San Luigi - Orbassano (TO) Silvia Novello Dipartimento di Oncologia - Università

Dettagli

NSCLC: possibile ruolo della PET C11 Colina. Federica Brena Oncologia Medica A.O. San Gerardo dei tintori Monza

NSCLC: possibile ruolo della PET C11 Colina. Federica Brena Oncologia Medica A.O. San Gerardo dei tintori Monza NSCLC: possibile ruolo della PET C11 Colina Federica Brena Oncologia Medica A.O. San Gerardo dei tintori Monza Abstract La stadiazione del tumore polmonare prevede l esecuzione di una TC con mdc organo

Dettagli

EPITHELIAL TO MESENCHYMAL TRANSITION (EMT) IN DEVELOPMENT AND DISEASES. Cristina Valacca 18 Maggio 2012

EPITHELIAL TO MESENCHYMAL TRANSITION (EMT) IN DEVELOPMENT AND DISEASES. Cristina Valacca 18 Maggio 2012 EPITHELIAL TO MESENCHYMAL TRANSITION (EMT) IN DEVELOPMENT AND DISEASES Cristina Valacca 18 Maggio 2012 DEFINIZIONE L'EMT è un processo biologico che consente a una cellula epiteliale di iniziare numerosi

Dettagli

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere In sintesi In passato: la cura del cancro era decisa sulla base della sede di origine della neoplasia (seno, intestino,

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA. - Il carcinoma dell endometrio

EPIDEMIOLOGIA. - Il carcinoma dell endometrio Il Carcinoma dell Endometrio Prof. Francesco Sesti EPIDEMIOLOGIA - Il carcinoma dell endometrio endometrio rappresenta nel mondo il secondo tumore femminile con 189.000 nuovi casi per anno, preceduto solo

Dettagli

Generalità sugli standard di registrazione

Generalità sugli standard di registrazione Corso intensivo di formazione sui controlli di qualità Generalità sugli standard di registrazione C. Buzzoni 1,2 1 ISPO, Firenze 2 Banca Dati AIRTUM Salerno, 10-12 Giugno 2015 Standard di registrazione:

Dettagli

I Tumori cistici del pancreas. Revisione della letteratura e proposta di un percorso diagnostico ed indirizzo terapeutico.

I Tumori cistici del pancreas. Revisione della letteratura e proposta di un percorso diagnostico ed indirizzo terapeutico. Dott. Massimo Capaldi I Tumori cistici del pancreas. Revisione della letteratura e proposta di un percorso diagnostico ed indirizzo terapeutico. Riassunto In questo lavoro, gli Autori dapprima esaminano

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

CHIRURGIA TORACICA VIDEO- ASSISTITA (VATS): 10 ANNI DI ESPERIENZA PERSONALE

CHIRURGIA TORACICA VIDEO- ASSISTITA (VATS): 10 ANNI DI ESPERIENZA PERSONALE CHIRURGIA TORACICA VIDEO- ASSISTITA (VATS): 10 ANNI DI ESPERIENZA PERSONALE S. SPINI MD, PhD; F. APICELLA MD, FCCP; P. CAPPELLINI MD, L. MAGGI MD Azienda Sanitaria Firenze Nuovo Ospedale S. Giovanni di

Dettagli

Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto. Le patologie amianto-correlate

Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto. Le patologie amianto-correlate Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto Le patologie amianto-correlate Le patologie amianto-correlate La produzione e commercializzazione di prodotti o materiali contenenti amianto è cessata in Italia

Dettagli

Histological subtypes of non small cell lung cancer (NSCLC): benchmark on NSCLC NOS. Are adenocarcinoma decreasing? Our experience on 1636 cases.

Histological subtypes of non small cell lung cancer (NSCLC): benchmark on NSCLC NOS. Are adenocarcinoma decreasing? Our experience on 1636 cases. Histological subtypes of non small cell lung cancer (NSCLC): benchmark on NSCLC NOS. Are adenocarcinoma decreasing? Our experience on 1636 cases. De Pellegrin A., De Maglio G., Pizzolitto S. A.O.U. S.

Dettagli

TUMORI DELL'OCCHIO NEL CANE E NEL GATTO

TUMORI DELL'OCCHIO NEL CANE E NEL GATTO TUMORI DELL'OCCHIO NEL CANE E NEL GATTO I tumori dell occhio possono colpire l orbita, le palpebre, la terza palpebra,l apparato lacrimale, a congiuntiva la sclera la cornea, e l uvea. La diagnosi precoce

Dettagli

CARCINOSARCOMA DELLA COLECISTI ALFAFETOPROTEINA SECERNENTE: PRESENTAZIONE DI UN CASO

CARCINOSARCOMA DELLA COLECISTI ALFAFETOPROTEINA SECERNENTE: PRESENTAZIONE DI UN CASO NUOVO OSPEDALE DI SANTORSO Unità Operativa Complessa di Chirurgia Direttore: Dott. Matteo Rebonato CARCINOSARCOMA DELLA COLECISTI ALFAFETOPROTEINA SECERNENTE: PRESENTAZIONE DI UN CASO Dott.ssa M. Fontana,

Dettagli

CARCINOMA DELLA MAMMELLA E FATTORI DI RISCHIO

CARCINOMA DELLA MAMMELLA E FATTORI DI RISCHIO CARCINOMA DELLA MAMMELLA E FATTORI DI RISCHIO a cura del Dr.G.antonini Quali sono i fattori rischio per il carcinoma della mammella? Il fattore rischio indica la possibilità statistica di ammalare di una

Dettagli

Modellazione dinamica e strumenti per la valutazione sperimentale del comportamento della via EGFR-IGF1R per la linea cellulare H1650

Modellazione dinamica e strumenti per la valutazione sperimentale del comportamento della via EGFR-IGF1R per la linea cellulare H1650 Modellazione dinamica e strumenti per la valutazione sperimentale del comportamento della via EGFR-IGF1R per la linea cellulare H1650 Modellazione dinamica e strumenti per la valutazione sperimentale del

Dettagli

ATTUALITÀ NELLA TERAPIA

ATTUALITÀ NELLA TERAPIA ATTUALITÀ NELLA TERAPIA INTEGRATA LOCOREGIONALE DELLE NEOPLASIE DELLE VIE AEREE DIGESTIVE SUPERIORI DIAGNOSTICA ANATOMOPATOLOGICA Taranto 12-14 gennaio 2012 Dott. Fabrizio Liberati UO Anatomia Patologica

Dettagli

PATOLOGIA MOLECOLARE

PATOLOGIA MOLECOLARE Diagnosi rischio individuale diagnosi precoce PATOLOGIA MOLECOLARE prognosi therapia singolo paziente Example of an approximately 40,000 probe spotted oligo microarray with enlarged inset to show detail.

Dettagli

Evasione apoptosi. Angiogenesi

Evasione apoptosi. Angiogenesi Il cancro rappresenta un gruppo d malaae che comprende almeno 100 Bpi differenb di tumori. A secondo del tessuto di origne si classificano tre Bpi principali di tumori: in tessub epiteliali: Carcinoma

Dettagli

Patologia e aspetti biologici nel carcinoma mammario metastatico

Patologia e aspetti biologici nel carcinoma mammario metastatico Patologia e aspetti biologici nel carcinoma mammario metastatico Cristina Riva Laura Cimetti Dipartimento di Morfologia Umana Università dell Insubria Varese Il 20-30% delle pazienti affette da carcinoma

Dettagli

Linee Guida Patologie Oncologiche Ginecologiche 2012 OVAIO

Linee Guida Patologie Oncologiche Ginecologiche 2012 OVAIO Linee Guida Patologie Oncologiche Ginecologiche 2012 OVAIO 1.0 EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO 1.1 Epidemiologia 1.2 Fattori di rischio 1.1 Epidemiologia Gli studi epidemiologici non possono ancor oggi

Dettagli

Anatomia Patologica Speciale

Anatomia Patologica Speciale Anatomia Patologica Speciale Tumori del Polmone La classificazione WHO distingue: Ca. broncogeno no a piccole cellule (80-90%) o Adenocarcinoma: Bronchioloalveolare Mucinoso (colloide) Papillifero o Ca.

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

Adenocarcinoma polmonare periferico in stadio precoce. Correlazione tra gli aspetti imaging, i sottotipi istologici e il comportamento biologico.

Adenocarcinoma polmonare periferico in stadio precoce. Correlazione tra gli aspetti imaging, i sottotipi istologici e il comportamento biologico. Alma Mater Studiorum-Università di Bologna Dipartimento di Discipline Chirurgiche, Rianimatorie e dei Trapianti Dottorato di Ricerca in Scienze Pneumo-Cardio-Toraciche di Interesse Medico e Chirurgico

Dettagli

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco Gravedona 22 ottobre 2010 Ruolo dei farmaci anti HER 2 Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco LONG SURVIVORS IN MBC FARMACI ANTI HER2 TUMORE MAMMELLA 1950 Diagnosi Operabile

Dettagli

Icarcinomi della tiroide originano dalle

Icarcinomi della tiroide originano dalle CAPITOLO 5 Anatomia patologica e basi molecolari Francesco Nardi, Luigi Faticanti Scucchi, Davide Lazzereschi, Enrico De Antoni Icarcinomi della tiroide originano dalle cellule follicolari e dalle cellule

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

Le neoplasie vescicali

Le neoplasie vescicali 1 EPIDEMIOLOGIA (1) Le neoplasie vescicali SEDE PIU FREQUENTE DI NEOPLASIA DELL APPARATO URINARIO. 4 tumore in ordine di frequenza 8 tumore in ordine di frequenza IN ITALIA NUOVI CASI ANNO: 14.000-3.000

Dettagli

DETERMINAZIONE HER-2 E RISPOSTA A TERAPIA ANTI HER-2

DETERMINAZIONE HER-2 E RISPOSTA A TERAPIA ANTI HER-2 DETERMINAZIONE HER-2 E RISPOSTA A TERAPIA ANTI HER-2 Dr.ssa Caldara Dr.ssa Frisinghelli DIAGNOSI DONNA 47 aa Luglio 2003 quadrantectomia SE sx + svuotamento ascellare con diagnosi di carcinoma duttale

Dettagli

I MARCATORI TUMORALI CLASSICI

I MARCATORI TUMORALI CLASSICI I MARCATORI TUMORALI CLASSICI Serenella Valaperta - Laboratorio Analisi Vanzago, 14 aprile 2011 Marcatore tumorale una sostanza misurabile quantitativamente nei tessuti e nei liquidi corporei, che possa

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

Patologia preneoplastica e maligna del collo uterino

Patologia preneoplastica e maligna del collo uterino Prof. Messalli 19/12/2007 Patologia preneoplastica e maligna del collo uterino L utero è costituito da un corpo, un collo ed un istmo (parte intermedia). A livello dell esocervice il rivestimento epiteliale

Dettagli

Il Cancro è una malattia genetica

Il Cancro è una malattia genetica Il Cancro è una malattia genetica PROCESSO MULTIFASICO Il Cancro è sempre genetico Talvolta il cancro è ereditario Ciò che viene ereditato non è la malattia, bensì la PREDISPOSIZIONE In assenza di ulteriori

Dettagli

DIAGNOSI ANATOMO-PATOLOGICA NEGLI SCREENING DEL CARCINOMA COLO-RETTALE: INDICAZIONI

DIAGNOSI ANATOMO-PATOLOGICA NEGLI SCREENING DEL CARCINOMA COLO-RETTALE: INDICAZIONI DIAGNOSI ANATOMO-PATOLOGICA NEGLI SCREENING DEL CARCINOMA COLO-RETTALE: INDICAZIONI PRESUPPOSTI GENERALI 1) La diagnosi istopatologica in corso di screening è atto medico derivante da intervento di sanità

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO Documento redatto da: Dott.ssa T.Venesio, Dr.ssa A. Balsamo - Laboratorio di Patologia

Dettagli

CANCRO DEL PANCREAS Epidemiologia. quinta causa di morte per cancro tra i M nei paesi occidentali prevalenza M > F incidenza max: 60-70 aa

CANCRO DEL PANCREAS Epidemiologia. quinta causa di morte per cancro tra i M nei paesi occidentali prevalenza M > F incidenza max: 60-70 aa Epidemiologia quinta causa di morte per cancro tra i M nei paesi occidentali prevalenza M > F incidenza max: 60-70 aa Fattori di rischio Fumo di sigaretta (O.R. 2-2.5) Dieta ipolipidica e a basso contenuto

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

Insorgenza tumorale B C

Insorgenza tumorale B C Genetica dei tumori Corso di Genetica Medica Corsi di Laurea in Fisioterapia, Logopedia, Ortott. Ass. Oft, T.N.P.E. Facoltà di Medicina e Chirurgia Alberto Piazza Insorgenza tumorale Processo patologico

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

METASTASI POLMONARI. Terapia Oncologica. Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

METASTASI POLMONARI. Terapia Oncologica. Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma METASTASI POLMONARI Terapia Oncologica Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Metastasi polmonari: EPIDEMIOLOGIA Prevalenza nelle autopsie di

Dettagli

Cancro della pelle. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro

Cancro della pelle. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Cancro della pelle Cause Sintomi Diagnosi Terapia Prognosi Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Cancro della pelle I tumori maligni cutanei sono di diversa forma. Particolarmente frequente

Dettagli

LA PRIMA SETTIMANA. La segmentazione

LA PRIMA SETTIMANA. La segmentazione LA PRIMA SETTIMANA La segmentazione A, uovo fecondato; B, C e D, stadi a 2, 4 e 8 blastomeri. globulo polare Embrioni di topo a diversi stadi di sviluppo. LA PRIMA SETTIMANA compattazione Le varie tappe

Dettagli

Il Tumore Ovarico. Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico

Il Tumore Ovarico. Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico Campagna promossa da Campagna d informazione e sensibilizzazione sul tumore ovarico Il Tumore Ovarico LA MALATTIA Il carcinoma ovarico è il sesto tumore più diagnosticato tra le donne ed è il più grave

Dettagli

La Biopsia Prostatica: where are we going?

La Biopsia Prostatica: where are we going? La Biopsia Prostatica: where are we going? Sabato 28 Novembre 2015, Catania Dott. Michele Salemi Screening genetico correlato a rischio di carcinoma prostatico. BRCA1, BRCA2, TP53, CHEK2, HOXB13 e NBN:

Dettagli

La prevenzione secondaria negli esposti all'amianto: cosa ci ha insegnato lo studio ATOM 002

La prevenzione secondaria negli esposti all'amianto: cosa ci ha insegnato lo studio ATOM 002 AMIANTO, LO STATO DELL ARTE SALUTE E AMBIENTE PREVENZIONE E BONIFICHE Venerdì 17 febbraio 2012 Sala Anfiteatro Azienda Ospedaliero - Universitaria S.M.M. di Udine La prevenzione secondaria negli esposti

Dettagli

Screening in oncologia ginecologica

Screening in oncologia ginecologica Screening in oncologia ginecologica prof. Cobellis 10/12/2007 Oggi parleremo di screening in oncologia ginecologica. In ginecologia, l esempio di quanto sia importante uno screening ben fatto e ben condotto

Dettagli

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia 11 Incontro di Oncologia ed Ematologia Sestri Levante, 18 maggio 2013 Maria Sironi C è ancora un ruolo per la citologia da agoaspirato con ago sottile nella diagnostica dei noduli mammari? 1 mm Quali tecniche

Dettagli

SLIDE SEMINAR CITOLOGIA DELLE VIE URINARIE

SLIDE SEMINAR CITOLOGIA DELLE VIE URINARIE SLIDE SEMINAR CITOLOGIA DELLE VIE URINARIE CASO N 1 STORIA CLINICA SINTESI ANAMNESTICA: maschio, 69 aa., follow-up in paziente con diagnosi di neoplasia uroteliale papillare a basso grado di malignità.

Dettagli

Indicazioni terapeutiche per il carcinoma differenziato della tiroide

Indicazioni terapeutiche per il carcinoma differenziato della tiroide Ferrara, 06 aprile 2013 APPROCCIO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO AL CARCINOMA DIFFERENZIATO DELLA TIROIDE Indicazioni terapeutiche per il carcinoma differenziato della tiroide Roberta Rossi Sezione di Endocrinologia

Dettagli

Il trattamento chirurgico del cancro del polmone

Il trattamento chirurgico del cancro del polmone IV CONVEGNO DI CHIRURGIA TORACICA ONCOLOGICA IL CANCRO DEL POLMONE Il trattamento chirurgico del cancro del polmone Giuliano Urciuoli U.O.D. Chirurgia Toracica Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo POTENZA

Dettagli

6. Prevenzione primaria e secondaria del mesotelioma e patologie tumorali asbesto-correlate

6. Prevenzione primaria e secondaria del mesotelioma e patologie tumorali asbesto-correlate n. 15, maggio-giugno 2012 Ministero della Salute 6. Prevenzione primaria e secondaria del mesotelioma e patologie tumorali asbesto-correlate Concetti generali e dimensione del problema L amianto, un minerale

Dettagli

LA CODIFICA DEI TUMORI

LA CODIFICA DEI TUMORI LA CODIFICA DEI TUMORI San Severino Marche, 22 novembre 2007 Stefano Brocco Obiettivo Evidenziare le peculiarità ed i principi nella codifica dei tumori nella schede di morte con ICD10 - Classificazione

Dettagli

Studio dell espressione nel tumore mammario del cane del recettore HER2/Neu e correlazioni prognostiche.

Studio dell espressione nel tumore mammario del cane del recettore HER2/Neu e correlazioni prognostiche. Università degli Studi di Padova FACOLTÀ DI MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea Specialistica in Medicina Veterinaria DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA, PATOLOGIA COMPARATA E IGIENE VETERINARIA Studio dell

Dettagli

Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto. Le patologie amianto-correlate

Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto. Le patologie amianto-correlate Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto Le patologie amianto-correlate Le patologie amianto-correlate La produzione e commercializzazione di prodotti o materiali contenenti amianto è cessata in Italia

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

Neoplasie polmonari e biomarcatori. Istituto Europeo di Oncologia Milano

Neoplasie polmonari e biomarcatori. Istituto Europeo di Oncologia Milano Neoplasie polmonari e biomarcatori Maria Teresa Sandri Istituto Europeo di Oncologia Milano Agenda I marcatori tumorali nel polmone Dati preliminari su uno studio svolto in IEO Il futuro Percorso diagnostico

Dettagli

Il nodulo polmonare solitario

Il nodulo polmonare solitario Il nodulo polmonare solitario DEFINIZIONE E STORIA Il nodulo polmonare solitario (NPS) è definito come una piccola e ben marginata opacità rotondeggiante uguale o inferiore a 3 cm di diametro, completamente

Dettagli

I tumori della cute. prevenzione diagnosi terapia

I tumori della cute. prevenzione diagnosi terapia I tumori della cute prevenzione diagnosi terapia I tumori della pelle si possono suddividere in due grandi gruppi: melanoma e non-melanoma. Per entrambi la prima causa di insorgenza è un esposizione eccessiva

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

APPROCCIO RADIOTERAPICO

APPROCCIO RADIOTERAPICO Unità Operativa Di Radioterapia Azienda Ospedaliera Di Parma APPROCCIO RADIOTERAPICO Dott.ssa Dell Anna Cristina APPROCCIO RADIOTERAPICO I tumori primitivi del mediastino di interesse radioterapico sono

Dettagli

Bari, 7-10 novembre 2013. CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE CHIRURGIA: tra certezze e controversie Marco Boniardi

Bari, 7-10 novembre 2013. CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE CHIRURGIA: tra certezze e controversie Marco Boniardi CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE Marco Boniardi RUOLO CENTRALE DELLA CHIRURGIA Assenza di terapie complementari efficaci ai fini della guarigione Prognosi più severa rispetto ai tumori differenziati tiroidei

Dettagli

NEUROENDOCRINI GENERICI

NEUROENDOCRINI GENERICI L indagine immunoistochimica richiesta prevede l utilizzo di marcatori neuroendocrini generici NEUROENDOCRINI GENERICI Enolasi Neurono-Specifica (NSE) Sinaptofisina (SYN) Cromogranina generalmente di tipo

Dettagli

cenni di anatomia del testicolo

cenni di anatomia del testicolo cenni di anatomia del testicolo Il gamete maschile è rappresentato della spermatozoo la produzione e maturazione del gamete maschile avviene nel testicolo Il testicolo fa parte dell apparato riproduttivo

Dettagli