TheraScreen : K-RAS Mutation Kit Per la determinazione di 7 mutazioni nel gene K-RAS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TheraScreen : K-RAS Mutation Kit Per la determinazione di 7 mutazioni nel gene K-RAS"

Transcript

1 Per la determinazione di 7 mutazioni nel gene K-RAS Destinato all'uso con Roche LightCycler 480 Real-Time PCR (Instrument II) (n. di catalogo: ) e con Applied BioSystems 7500 Real-Time PCR System (n. parte: ) Include il manuale dell'utente pubblicato da Roche Diagnostics e intitolato LightCycler Adapt Software v1.1 for the TheraScreen : K-RAS Mutation Kit CE-IVD (n. di catalogo: ) Istruzioni per l'uso Codici dei prodotti Formato del kit Codice prodotto DxS Numero ordine Roche Diagnostics 20 reazioni KR reazioni KR Versione delle istruzioni: DU001g Data di revisione: Maggio 2009 Conservare tra -18 C e -25 C Pagina 1 di 40

2 Indice generale 1. Uso previsto / Indicazioni per l'uso Riassunto e spiegazione del test Principi della procedura Reagenti AVVERTENZE E PRECAUZIONI Conservazione, stabilità e condizioni di spedizione Strumento Campioni Protocollo per la determinazione delle mutazioni K-RAS Limiti del test Prestazioni dei saggi Assistenza tecnica Informazioni su produttori e distributori Data di pubblicazione dell'ultima revisione Riferimenti bibliografici Note per l'acquirente: Pagina 2 di 40

3 IMPORTANTE: prima dell'uso, leggere attentamente queste istruzioni e studiare le caratteristiche dei componenti del kit K-RAS. 1. Uso previsto / Indicazioni per l'uso Uso previsto DxS (in breve, il kit K-RAS) è un test diagnostico in vitro che consente di identificare sette mutazioni somatiche nell'oncogene K-RAS e di eseguire una valutazione qualitativa dello stato mutazionale. Il kit K-RAS è destinato esclusivamente a professionisti qualificati e deve essere utilizzato in ambiente di laboratorio su campioni di DNA estratti da tessuto colorettale fissato in formalina e incluso in paraffina. Indicazioni per l'uso I risultati del kit K-RAS possono aiutare il medico a identificare i pazienti con carcinoma colorettale che potrebbero non trarre beneficio da una terapia anti-egfr, ovvero con inibitori del recettore del fattore di crescita epidermico quali panitumumab o cetuximab. Il kit K-RAS non è destinato all'uso per la diagnosi del carcinoma colorettale. Insieme ad altri importanti fattori prognostici, consente di selezionare i pazienti idonei al trattamento con terapie anti-egfr in base al loro specifico stato mutazionale. Per scegliere la terapia più idonea, il medico dovrà tenere conto sia dello stato mutazionale del paziente, sia di tutti gli altri fattori patologici. Nessuna decisione sulla terapia dei pazienti oncologici dovrebbe basarsi unicamente sullo stato mutazionale del gene K-RAS. 2. Riassunto e spiegazione del test Il kit K-RAS è un dispositivo diagnostico con marchio CE, conforme alla Direttiva Europea sui dispositivi medico-diagnostici in vitro (IVDD 98/79/EC). Spesso nei carcinomi umani vengono riscontrate mutazioni dell'oncogene K-RAS (1-4). La presenza di tali mutazioni è correlata all'assenza di una risposta a determinate terapie antitumorali basate sugli inibitori del recettore del fattore di crescita epidermico (terapie anti-egfr) nei pazienti con carcinoma colorettale metastatico (5-10)(14-21). È possibile identificare sette mutazioni nel gene K-RAS su uno sfondo di DNA genomico wild-type utilizzando un saggio PCR real-time basato sulla tecnologia DxS Scorpions. Si tratta di un metodo estremamente selettivo. Se il numero di copie di DNA è sufficiente, è possibile determinare circa l'1% dei mutanti su uno sfondo di DNA genomico wild-type. Il kit K-RAS è in grado di identificare sette mutazioni K-RAS nei codoni 12 e 13 dell'oncogene K-RAS, come riportato nella Tabella 1. Pagina 3 di 40

4 Tabella 1. Mutazioni K-RAS rilevate dal kit DxS La fonte degli ID COSMIC è il Catalogue of Somatic Mutations in Cancer: Mutazione Cambiamento delle basi ID Cosmic Gly12Ala (GGT>GCT) 522 Gly12Asp (GGT>GAT) 521 Gly12Arg (GGT>CGT) 518 Gly12Cys (GGT>TGT) 516 Gly12Ser (GGT>AGT) 517 Gly12Val (GGT>GTT) 520 Gly13Asp (GGC>GAC) Principi della procedura Per identificare le mutazioni, il kit K-RAS utilizza i saggi PCR real-time associando due diverse tecnologie: ARMS e Scorpions. (11, 12, 13) ARMS La tecnologia ARMS supporta l'amplificazione di specifici alleli o mutazioni. La Taq DNA polimerasi è estremamente efficace per distinguere tra un appaiamento corretto e un appaiamento errato all'estremità in 3 di un primer per PCR. È possibile eseguire un'amplificazione selettiva di specifiche sequenze mutate anche in campioni in cui le sequenze non mutate sono la maggioranza, in quanto: Quando il primer è perfettamente appaiato, l'amplificazione procede con la massima efficienza. Quando la base in 3 presenta un appaiamento errato, si osserva soltanto un'amplificazione di basso livello sullo sfondo. Scorpions La tecnologia Scorpions consente di identificare il risultato dell'amplificazione. Il termine Scorpions è utilizzato per descrivere molecole a doppia funzione che contengono un primer per PCR legato covalentemente a una sonda. Il fluoroforo in questa sonda interagisce con un colorante quencher, anch'esso incorporato nella sonda, che sopprime la fluorescenza. Quando si verifica una reazione PCR e la sonda si lega all'amplicon, il fluoroforo e il quencher si separano, determinando un aumento della fluorescenza proveniente dalla provetta della reazione. Analisi dei dati: metodo Ct Nei saggi real-time Scorpions, il numero di cicli di PCR necessari per rilevare un segnale fluorescente al di sopra del segnale dello sfondo è il parametro con cui vengono misurate le molecole bersaglio presenti all'inizio della reazione. Il punto nel quale il segnale è al di sopra della fluorescenza dello sfondo è denominato "ciclo soglia" (cycle threshold, Ct). Pagina 4 di 40

5 Per conoscere i valori Ct dei campioni si calcola la differenza tra il valore Ct del saggio di mutazione e il valore Ct del saggio di controllo per lo stesso campione. I campioni vengono classificati come positivi alla mutazione se restituiscono un valore Ct inferiore al valore Ct 1% per il saggio. Al di sopra di questo valore, significa che il campione potrebbe contenere meno dell'1% di mutanti (non rientra nel limite di sensibilità dei saggi) oppure non contenere nessun mutante. L'uso dei primer ARMS non esclude che possa verificarsi un innesco inefficiente e che, di conseguenza, il valore Ct dello sfondo nel DNA privo di mutanti possa arrivare con un ritardo significativo. Tutti i valori Ct calcolati dall'amplificazione dello sfondo saranno maggiori dei valori Ct 1% e il campione verrà classificato come negativo alle mutazioni. Il kit K-RAS ha ottenuto il marchio CE per l'uso diagnostico in vitro con Roche Diagnostics LightCycler 480 Real-Time PCR (Instrument II) a 96 pozzetti (n. di catalogo Roche: ) e Applied BioSystems 7500 Real-Time PCR (n. di parte: ) (per brevità strumento LightCycler 480 e strumento ABI7500). Nel caso dello strumento LightCycler 480, il kit K-RAS deve essere utilizzato con l'applicazione LightCycler Adapt Software v1.1 for the TheraScreen K-RAS Mutation Kit CE-IVD (software LightCycler Adapt). Questo software è stato sviluppato per automatizzare la classificazione dei diagrammi di amplificazione in positivi o negativi e per calcolare una soglia adeguata dalla quale sia possibile ottenere i valori Ct. Tali valori vengono utilizzati per calcolare i valori Ct dei campioni, che a loro volta vengono confrontati con i valori di cut-off dell'1%. Il software genera un risultato di positività o di negatività alle mutazioni, rendendo totalmente oggettiva l'analisi e l'interpretazione dei dati ottenuti con il kit K-RAS. Formato del kit K-RAS Il kit K-RAS contiene otto saggi. Un saggio di controllo. Sette saggi di mutazione. Tutte le miscele di reazione contengono un saggio di controllo esogeno, o controllo interno, marcato con HEX (rilevato dal colorante JOE nel sistema ABI7500). In questo modo viene monitorata la presenza di eventuali inibitori, che potrebbero indurre risultati falsi negativi. Saggio di controllo Il saggio di controllo, marcato con FAM, serve per ottenere una valutazione del DNA totale in un campione. Il saggio di controllo amplifica una regione dell'esone 4 del gene K-RAS. I primer e la sonda sono stati formulati in modo da evitare qualsiasi polimorfismo noto del gene K-RAS. Pagina 5 di 40

6 Saggi di mutazione Ogni saggio di mutazione, marcato con FAM, contiene una molecola Scorpion e un primer ARMS che consentono di distinguere il DNA wild-type dall'eventuale DNA mutante rilevato con il saggio PCR real-time. 4. Reagenti Il kit K-RAS contiene un numero di reagenti sufficiente per eseguire la valutazione qualitativa dei campioni ed eseguire i saggi K-RAS per un massimo di 20 o 80 reazioni, a seconda del formato del kit. Formato del kit Codice prodotto DxS Numero ordine Roche Diagnostics 20 reazioni KR reazioni KR Il numero di campioni che è possibile analizzare varia in base alle dimensioni del lotto. Tabella 2. Contenuto del kit K-RAS Reagenti forniti 20 reazioni 80 reazioni Volume Volume Provetta Miscela reazione di controllo 1300 µl 5200 µl 1 Miscela di reazione 12ALA 650 µl 2600 µl 2 Miscela di reazione 12ASP 650 µl 2600 µl 3 Miscela di reazione 12ARG 650 µl 2600 µl 4 Miscela di reazione 12CYS 650 µl 2600 µl 5 Miscela di reazione 12SER 650 µl 2600 µl 6 Miscela di reazione 12VAL 650 µl 2600 µl 7 Miscela di reazione 13ASP 650 µl 2600 µl 8 Miscela standard 300 µl 1000 µl 9 Taq DNA polimerasi 60 µl 240 µl 10 Strumenti e reagenti non forniti con il kit K-RAS I seguenti strumenti e materiali di consumo devono essere reperiti personalmente dall'utente: Strumento LightCycler 480 o sistema ABI7500 Real-time PCR, in grado di eseguire le procedure descritte nel paragrafo 9; protocollo per la determinazione delle mutazioni K-RAS. LightCycler Adapt Software v1.1 di Roche Diagnostics (n. di catalogo ). Piastre per PCR prive di DNAsi da 0,2 ml: piastra a 96 pozzetti per lo strumento LightCycler 480 (n. di cat ) o piastra di reazione a 96 pozzetti ABI MicroAmp Optical (n. parte ) con pellicola adesiva MicroAmp Optical (n. parte ). Provette sterili per la preparazione delle soluzioni Master Mix. Pipette dedicate per la preparazione della miscela per PCR. Pipette dedicate per la distribuzione del DNA templato. H20 sterile, priva di nucleasi. Pagina 6 di 40

7 5. AVVERTENZE E PRECAUZIONI Per uso diagnostico in vitro. Il kit K-RAS non è destinato all'uso per le finalità di screening o diagnosi di nessun tipo di carcinoma, neppure del carcinoma colorettale. Può essere utilizzato contestualmente ad altri importanti fattori prognostici per selezionare i pazienti che potrebbero non trarre beneficio da una terapia oncologica anti-egfr. La scelta della terapia per i pazienti oncologici non deve essere basata esclusivamente sullo stato mutazionale del gene K-RAS. Il medico dovrà tenere conto dello stato mutazionale del paziente e di altri fattori patologici. È possibile congelare/scongelare il contenuto del kit K-RAS fino a 8 volte senza compromettere le prestazioni dei saggi. NON congelare/ scongelare i reagenti del kit K-RAS più di 8 volte. Tenere presente che i campioni tumorali sono disomogenei, pertanto è possibile che i dati ottenuti da un campione siano discordanti dai dati ottenuti per altre sezioni dello stesso tumore. Inoltre i campioni tumorali possono contenere tessuto non tumorale. Si presuppone che il DNA del tessuto non tumorale non contenga le mutazioni K-RAS che vengono rilevate dal kit K-RAS. Tutti i saggi inclusi nel kit K-RAS generano prodotti della PCR corti, tuttavia il kit K-RAS non funzionerà se il DNA è fortemente frammentato. La valutazione del DNA dovrebbe basarsi sulla reazione PCR e potrebbe differire dalla quantificazione, che si basa piuttosto sulle letture della densità ottica. La miscela di reazione in eccedenza viene fornita per la valutazione qualitativa e quantitativa del DNA nei campioni, da eseguire prima dell'analisi con il kit K-RAS. I reagenti del kit K-RAS sono stati diluiti con rapporto ottimale. L'ulteriore diluizione dei reagenti è sconsigliata, in quanto potrebbe provocare un deterioramento delle prestazioni. L'uso di volumi inferiori a 25 µl per le reazioni è sconsigliato, in quanto si potrebbe assistere ad un aumento dei falsi negativi. Tutti i reagenti del kit K-RAS sono formulati in modo specifico per l'uso con i test indicati. Evitare di sostituire i reagenti del kit K-RAS, in caso contrario non saranno più garantite prestazioni ottimali. Per garantire attività e prestazioni ottimali, evitare l'esposizione diretta alla luce dei primer Scorpions per prevenire il loro fotodecadimento. Questa regola vale in generale per tutte le molecole marcate con fluorescenza. Pagina 7 di 40

8 Adoperare la massima cautela per evitare la contaminazione delle reazioni PCR con il materiale di controllo sintetico. Si raccomanda di utilizzare pipette differenti e dedicate durante la preparazione delle miscele di reazione e l'aggiunta del DNA templato. Dedicare un'area del laboratorio alla preparazione e alla distribuzione delle miscele di reazione nelle provette e un'area separata all'aggiunta del templato. Non aprire mai le provette dopo una reazione PCR. Ognuno dei saggi inclusi nel kit K-RAS possiede caratteristiche proprie. Quando si calcola il risultato, è necessario fare riferimento ai parametri corretti del saggio specifico (vedere il paragrafo relativo ai report e all'interpretazione dei dati). Valori Ct di mutazione maggiori di o uguali a 38 dovranno essere considerati negativi o al di sotto dei limiti di sensibilità del kit. I saggi contengono una reazione di controllo esogena, definita controllo interno, oltre alla reazione di interesse specifico (vedere il paragrafo relativo ai principi della procedura). Se entrambi i saggi falliscono, i dati devono essere scartati per la possibile presenza di inibitori in grado di indurre risultati falsi negativi. È possibile ridurre l'effetto degli inibitori diluendo il campione, tuttavia in questo modo anche il DNA verrebbe diluito. È necessario adottare tutte le normali precauzioni del laboratorio, tra le quali: a) Non pipettare per bocca. b) Non fumare, mangiare o bere nelle aree in cui vengono manipolati i campioni o i reagenti del kit. c) Lavarsi le mani dopo avere eseguito il test. Utilizzare esclusivamente la Taq polimerasi (per brevità, Taq) inclusa nel kit, evitando di sostituirla con Taq di altri kit, anche dello stesso tipo, o con Taq di altri produttori. Scongelare soltanto i reagenti che saranno utilizzati nella seduta imminente, evitando di scongelare l'intero kit tutte le volte per limitare al minimo i cicli di congelamento/scongelamento. Informazioni per la sicurezza Attenzione: tutto il materiale chimico e biologico deve essere considerato potenzialmente pericoloso. I campioni sono potenzialmente infettivi e come tali devono essere trattati. L'uso del kit K-RAS è riservato in modo esclusivo a personale qualificato e opportunamente addestrato nelle tecniche di laboratorio. Per adoperare i componenti di questo kit K-RAS è necessario indossare un camice da laboratorio idoneo, guanti monouso e occhiali protettivi. Dopo l'uso, trattare i componenti del kit K-RAS adottando tutte le procedure previste per lo smaltimento dei rifiuti clinici. Pagina 8 di 40

9 6. Conservazione, stabilità e condizioni di spedizione Conservazione Subito dopo la consegna, riporre l'intero contenuto del kit K-RAS in un congelatore termoregolato e conservarlo tra -18 C e -25 C al buio. Evitare di congelare/scongelare inutilmente il contenuto del kit K-RAS. Stabilità Non utilizzare il kit K-RAS dopo la data di scadenza indicata. Il contenuto del kit K-RAS resta stabile fino alla data di scadenza, se conservato nelle condizioni indicate e nella sua confezione originale. È possibile congelare/scongelare il contenuto del kit K-RAS fino a 8 volte senza compromettere le prestazioni dei saggi. NON congelare/scongelare i reagenti del kit K-RAS più di 8 volte. Condizioni di spedizione Durante la spedizione il contenuto del kit K-RAS è conservato in ghiaccio secco, pertanto dovrà essere ancora congelato alla consegna. Se il contenuto del kit K-RAS non dovesse essere congelato alla consegna, o se la confezione esterna dovesse essersi aperta durante il tragitto, o se la scatola non dovesse contenere la nota di accompagnamento, le istruzioni per l'uso o i reagenti, contattare immediatamente il centro Roche Diagnostics più vicino (vedere il paragrafo 12 relativo all'assistenza tecnica). 7. Strumento Per istruzioni complete sull'installazione e il funzionamento dello strumento da utilizzare per la PCR real-time, consultare il manuale dell'utente dello strumento in dotazione. 8. Campioni Il materiale campione deve essere costituito da DNA genomico umano estratto da campioni di carcinoma colorettale inclusi in paraffina e fissati in formalina. Prelievo e preparazione dei campioni 1. Trasporto dei campioni: metodologia di patologia standard, per garantire la qualità dei campioni. 2. Processo consigliato per l'estrazione dei campioni: estrazione del DNA con Qiagen QIAamp DNA FFPE Tissue Kit (n. di catalogo 56404). È necessario apportare le seguenti modifiche al protocollo Qiagen: Le sezioni fissate in formalina e incluse in paraffina (campioni FFPE) devono essere raccolte in vetrini di vetro. La paraffina in eccesso attorno alle sezioni tissutali deve essere raschiata via con uno scalpellino sterile nuovo. Pagina 9 di 40

10 Per raschiare il materiale della sezione tissutale nelle microprovette per centrifuga, servirsi di uno scalpellino nuovo per ogni campione da estrarre. La digestione con Proteinasi K deve poter essere portata a termine e potrebbe durare fino a 48 ore. I campioni devono essere eluiti su 200 µl di tampone ATE (incluso nel kit di estrazione Qiagen). Qualsiasi metodo alternativo per la preparazione dei campioni dovrà essere testato e convalidato dall'utente finale. 3. Conservazione del DNA estratto: a -20 C, prima dell'analisi. Protocollo per la valutazione dei campioni La miscela del saggio di controllo in eccedenza, fornita nel kit K-RAS, deve essere obbligatoriamente utilizzata per eseguire la valutazione del DNA totale nei campioni. Il saggio di controllo amplifica una regione dell'esone 4 del gene K-RAS. Preparare i campioni soltanto con il saggio di controllo, utilizzando la miscela standard come controllo positivo e l'acqua come controllo privo di templato. Notare che, per un uso ottimale dei reagenti del kit K-RAS, è opportuno raggruppare i campioni in batch. I controlli devono essere inclusi in tutte le sedute analitiche. Se si analizzano i campioni uno ad uno, il consumo di reagenti aumenta e, di conseguenza, il numero di campioni che è possibile analizzare con il kit K-RAS diminuisce. Protocollo per la valutazione dei campioni: preparazione della piastra 1. Scongelare la miscela di controllo e la miscela standard contenute nel kit K-RAS, equilibrandole a temperatura ambiente. Miscelare ogni soluzione capovolgendo le provette 10 volte ciascuna, dopo lo scongelamento, in modo da prevenire la concentrazione localizzata di sali. Preparare una quantità sufficiente di soluzioni per analizzare i campioni di DNA, una reazione della miscela standard e una reazione del controllo senza templato, quindi aggiungere 2 reazioni extra. 2. Preparare la soluzione Master Mix facendo riferimento ai volumi dei reagenti indicati nella Tabella 3. Tabella 3. Volumi di Master Mix per il saggio di controllo Saggio Saggio di controllo Master Mix Miscela di Taq (µl)x1 reazione (µl)x1 19,8 0,2 3. NON agitare in vortex la Taq, né le altre miscele di reazione che contengono Taq, altrimenti l'enzima potrebbe inattivarsi. Pagina 10 di 40

11 4. Prima dell'uso, assicurarsi che la Taq abbia raggiunto la temperatura ambiente. Centrifugare la fiala affinché tutta la Taq si raccolga sul fondo, quindi pipettare inserendo il puntale della pipetta appena sotto la superficie della Taq, limitando così il rischio che il puntale si cosparga eccessivamente di Taq. 5. Miscelare la soluzione Master Mix pipettando delicatamente su e giù. 6. Aggiungere immediatamente 20 µl di Master Mix di controllo in ogni pozzetto di reazione. 7. Aggiungere immediatamente 5 µl di campione, miscela standard o acqua (per i controlli senza templato) nei pozzetti di reazione. 8. La piastra deve essere preparata prima, aggiungendo la miscela standard nel pozzetto A1 e il controllo senza templato (acqua) nel pozzetto A2. Tutti gli altri pozzetti utilizzati devono contenere i campioni. 9. Sigillare e centrifugare brevemente la piastra per PCR in modo che i reagenti si raccolgano sul fondo dei pozzetti. 10. Configurare lo strumento facendo riferimento alle istruzioni specifiche della piattaforma in uso. Protocollo per la valutazione dei campioni: impostazione dello strumento LightCycler Inserire immediatamente la piastra nello strumento LightCycler Selezionare l'icona del software LightCycler 480 sul desktop della stazione di lavoro collegata allo strumento. Eseguire la connessione al software e, nella schermata Overview, selezionare New Experiment from Template. Selezionare K-RAS LC480II Run Template nell'elenco dei modelli forniti per la seduta. I parametri del modello in questione sono: 1. Formato di rilevazione: DxS IVD Assays. 2. Volume della reazione: Una fase iniziale di sospensione a 95 C per 4 minuti. 4. Un'amplificazione a 2 fasi per 45 cicli, con una denaturazione a 95 C di 30 secondi e un appaiamento a 60 C di 1 minuto. Una sola acquisizione della fluorescenza nella fase a 60 C. 3. Selezionare la scheda Sample Editor e per Step 1: Select Workflow attivare la casella Abs Quant. Per Select Filter Combinations verificare che entrambi i filtri siano selezionati ( nm e nm). Definire i nomi dei campioni in Step 2 e in Step 3. Impostare Quantification Sample Type su unknown. La colonna dei replicati deve rimanere vuota. Pagina 11 di 40

12 4. Selezionare il pulsante Experiment, quindi fare clic su Start Run per salvare l'esperimento e avviare i cicli. 5. Al termine della seduta selezionare la scheda Analysis e scegliere Abs Quant/2nd Derivative Max nella schermata Create New Analysis. Accettare i valori predefiniti della schermata Create New Analysis. Assicurarsi che il pulsante Filter Comb sia e selezionare il pulsante Calculate. I valori Ct vengono visualizzati nella tabella Samples. 6. Selezionare il pulsante Filter Comb e cambiare i filtri impostando nm. Selezionare il pulsante Calculate e ottenere i valori Ct del controllo esogeno dalla tabella Samples. Protocollo per la valutazione dei campioni: impostazione dello strumento ABI Inserire immediatamente la piastra nello strumento ABI Selezionare l'icona del software del sistema 7500 sul desktop della stazione di lavoro collegata allo strumento. Aprire un nuovo file della seduta nel menu File del software 7500 Sequence Detection, versione Per Assay selezionare Standard Curve (Absolute Quantification). Per Run Mode selezionare Standard Selezionare il pulsante Next per visualizzare una schermata in cui è possibile impostare i rilevatori. Aggiungere all'elenco un rilevatore FAM e un rilevatore JOE, senza impostare i soppressori (Quenchers = none ). Se i rilevatori non esistono già, selezionare il pulsante New Detectors per impostare un rilevatore FAM e un rilevatore JOE con il soppressore impostato su none. 5. Impostare Passive Reference su None e selezionare il pulsante Next. 6. Selezionare l'intera piastra e attivare le caselle relative ai rilevatori FAM e JOE, in modo da garantire che siano monitorati entrambi i coloranti in ogni pozzetto. Selezionare il pulsante Finish. 7. Impostare i cicli nella scheda Instrument (vedere la Tabella 4). Tabella 4. Condizioni per i cicli sullo strumento ABI7500 Temperatura Durata Cicli Raccolta dati Fase 1 95 o C 4 min 1 Fase 2 95 o C 30 sec 60 o C 1 min 40 FAM, JOE Pagina 12 di 40

13 8. Selezionare il pulsante Start per salvare l'esperimento e avviare i cicli. 9. Al termine della seduta assicurarsi che il riferimento passivo sia impostato su none nella schermata di ispezione dei pozzetti. Nella scheda Amplification Plot selezionare tutti i pozzetti in uso e quindi selezionare il colorante JOE nell'elenco dei rilevatori. 10. Controllare il segnale JOE proveniente da ogni campione e confrontarlo con il segnale JOE nel pozzetto del controllo senza templato (NTC). Prendere nota di eventuali campioni la cui curva di amplificazione sia in ritardo o la cui amplificazione sia fallita per il controllo esogeno rispetto al controllo NTC. 11. Nella scheda Amplification Plot selezionare tutti i pozzetti in uso e quindi selezionare il colorante FAM nell'elenco dei rilevatori. 12. Utilizzare l'impostazione automatica della linea di base e il valore Ct manuale, quindi impostare la soglia manualmente al centro della fase esponenziale utilizzando la scala logaritmica per l'asse Y, come descritto nella guida dell'utente dello strumento ABI Selezionare il pulsante Analyse per ottenere i valori Ct. Interpretazione della valutazione dei campioni Valutare i valori Ct del controllo NTC per verificare che non vi siano contaminazioni in grado di indurre un'amplificazione positiva nel canale FAM (Ct < 40) o una reazione fallita del controllo esogeno nel canale HEX (nessun valore Ct), che indicherebbero un problema di impostazione. La miscela standard dovrebbe generare un Ct del saggio di controllo (canale FAM) compreso tra 26 e 29 sullo strumento ABI7500 e 29 sullo strumento LightCycler 480. Scartare i dati se uno di questi 2 controlli della seduta fallisce. Ct del saggio di controllo tra 29 e 35: interpretare i dati con cautela, poiché le mutazioni di livello molto basso potrebbero non essere rilevate. Ct del saggio di controllo tra 35 e 38: nei campioni sono presenti poche copie di DNA amplificabile, mentre le mutazioni possono essere osservate più facilmente quando la maggior parte delle copie è mutata. Ct del saggio di controllo 38: respingere il campione, poiché il DNA è insufficiente e il kit K-RAS non sarà in grado di rilevare le mutazioni. Tenere presente che, se un campione restituisce un Ct del saggio di controllo in ritardo, è necessario confrontare il Ct del saggio di controllo esogeno con il controllo esogeno del controllo NTC. Se, dal confronto con il controllo NTC, il controllo esogeno del campione dovesse risultare in ritardo o negativo, è possibile che sia presente un inibitore. L'effetto di un inibitore può essere ridotto diluendo il campione, tuttavia in questo modo verrebbe diluito anche il DNA. Pagina 13 di 40

14 Diluizione dei campioni: un valore Ct di controllo < 24 provocherà un sovraccarico nei saggi di mutazione. I campioni con Ct di controllo < 24 devono essere diluiti. Tenere presente che, nel caso dello strumento LightCycler 480, i valori Ct ottenuti con il metodo della derivata 2 a potrebbero differire leggermente dai valori ottenuti con il software LightCycler Adapt. È consigliabile diluire i campioni concentrati per riportarli nell'intervallo >24 e < 29 (valori Ct basati sul software 7500 Sequence Detection o sul software LightCycler 480 Instrument), tenendo conto che a una diluizione di ½ punto corrisponderà un aumento del valore Ct di 1 punto. 9. Protocollo per la determinazione delle mutazioni K-RAS Prima dell'uso, leggere attentamente queste istruzioni e studiare le caratteristiche dei componenti del kit K-RAS. Per un uso efficiente del kit K-RAS, è opportuno raggruppare i campioni in batch di 10 unità (in modo da riempire una piastra da 96 pozzetti). Se si utilizzano batch più piccoli, il numero di campioni che sarà possibile analizzare con il kit K-RAS diminuirà. Impostazione degli esperimenti sullo strumento LightCycler 480 Per ogni campione di DNA è necessario analizzare i saggi di controllo e i saggi di mutazione nella stessa seduta PCR, al fine di evitare eventuali variazioni tra le sedute. 1. Scongelare le miscele di reazione e standard contenute nel kit K-RAS, equilibrandole a temperatura ambiente. Miscelare ogni soluzione capovolgendo le provette 10 volte ciascuna, dopo lo scongelamento, in modo da prevenire la concentrazione localizzata di sali. Preparare soluzioni sufficienti per i campioni di DNA, la miscela standard e i controlli NTC, oltre a 2 reazioni extra per ogni miscela (vedere la Tabella 5). Tabella 5. Volumi di Master Mix K-RAS Saggio Saggio di controllo Saggi di mutazione Miscela di reazione (µl)x1 Master Mix Miscela di Taq (µl)x1 reazione (µl) per piastra (x14) Taq (µl) per piastra (x14) 19,8 0,2 277,2 2,8 19,8 0,2 277,2 2,8 2. NON agitare in vortex la Taq, né le altre miscele di reazione che contengono Taq, altrimenti l'enzima potrebbe inattivarsi. Pagina 14 di 40

15 3. Prima dell'uso, assicurarsi che la Taq abbia raggiunto la temperatura ambiente. Centrifugare la fiala affinché tutta la Taq si raccolga sul fondo, quindi pipettare inserendo il puntale della pipetta appena sotto la superficie della Taq per limitare il rischio che il puntale si cosparga eccessivamente di Taq. 4. Miscelare le soluzioni Master Mix pipettando delicatamente su e giù. 5. Aggiungere immediatamente 20 µl di Master Mix nei pozzetti di reazione. 6. Aggiungere immediatamente 5 µl di campione, miscela standard o acqua (per i controlli senza templato) nei pozzetti di reazione. È necessario analizzare ogni campione di DNA sia con i saggi di controllo che con tutti i saggi di mutazione. La configurazione della piastra è illustrata nella Tabella 6. Tabella 6. Configurazione della piastra per il kit K-RAS Configurazione a 96 pozzetti Saggio A Miscela NTC standard Controllo B 12ALA C 12ASP D 12ARG E 12CYS F 12SER G 12VAL H 13ASP Miscela standard Miscela standard Miscela standard Miscela standard Miscela standard Miscela standard Miscela standard NTC 1 NTC 1 NTC 1 NTC 1 NTC 1 NTC 1 NTC Sigillare e centrifugare brevemente la piastra per PCR in modo che i reagenti si raccolgano sul fondo dei pozzetti. 8. Inserire immediatamente la piastra nello strumento LightCycler 480. Impostazione dello strumento LightCycler Selezionare l'icona del software LightCycler 480 sul desktop della stazione di lavoro collegata allo strumento. Eseguire la connessione al software e, nella schermata introduttiva, selezionare New Experiment from Template. Pagina 15 di 40

16 2. Scegliere K-RAS LC480II Run Template nell'elenco Run Templates (per ulteriori dettagli, vedere il paragrafo relativo alla valutazione dei campioni con lo strumento LightCycler 480). 3. Selezionare la scheda Sample Editor e per Step 1: Select Workflow attivare la casella Abs Quant. Per Select Filter Combinations verificare che entrambi i filtri siano selezionati ( nm e nm). Definire i nomi dei campioni in Step 2 e Step 3. Il nome del campione nella colonna 1 deve essere Mixed Standard (miscela standard). Il nome del campione nella colonna 2 deve essere NTC (controllo senza templato). Immettere i nomi dei campioni nelle colonne da 3 a 12. I nomi devono essere identici per tutti i pozzetti in una colonna. L'impostazione di Quantification Sample Type deve essere unknown. La colonna dei replicati deve rimanere vuota, in quanto i replicati non vengono presi in esame dal software LightCycler Adapt. 4. Selezionare il pulsante Experiment, quindi fare clic su Start Run per salvare l'esperimento e avviare i cicli. Analisi dei campioni con lo strumento LightCycler Al termine della seduta con lo strumento LightCycler 480, utilizzare la schermata di navigazione per esportare l'esperimento (file con estensione IXO) in una posizione sicura e accessibile dal software LightCycler Adapt. 2. IMPORTANTE: il software LightCycler Adapt è collaudato per l'uso su un unico sistema di computer, definito come singola unità di controllo (stazione di lavoro) e fornito da Roche Diagnostics per essere utilizzato esclusivamente con LightCycler 480 Instrument II. Per il momento è stato approvato soltanto l'uso del software LightCycler Adapt con un'unità di controllo di tipo standalone (un computer non collegato a una rete). Non è consentito utilizzare altri computer, poiché le prestazioni del software potrebbero diventare imprevedibili. 3. Aprire il software LightCycler Adapt facendo clic sull'icona del software LightCycler Adapt sul desktop della stazione di lavoro, quindi immettere il nome utente nel campo appropriato. Il nome utente specificato in questa schermata verrà utilizzato per identificare l'autore del report. 4. Nella finestra principale utilizzare il pulsante di ricerca per selezionare un file della seduta per lo strumento LightCycler 480 (per annullare una selezione, è necessario chiudere e riavviare il software). 5. Selezionare un tipo di report (formato PDF o CSV). Se si sceglie il formato CSV, viene creata automaticamente anche una versione PDF. 6. Selezionare Analyse per creare il report dei risultati. Il report verrà salvato automaticamente nella cartella contenente il file della seduta e avrà lo stesso nome del file della seduta. 7. Il report verrà visualizzato automaticamente. Pagina 16 di 40

17 8. Il risultato compare nella colonna Mutation Status della tabella Sample Result Table. Interpretazione del report del software LightCycler Adapt 1. Il report del software LightCycler Adapt contiene informazioni generali sulle analisi L'autore del report è la persona che ha avviato il software e creato il report Sono indicate la data e l'ora di esecuzione dell'analisi. 2. Nel report sono presenti informazioni dettagliate sulle analisi, ad esempio il nome file della seduta, il file di definizione dell'algoritmo e la sequenza dell'algoritmo. I dettagli relativi all'algoritmo non possono essere alterati. 3. Nella sezione dei risultati sono indicati il nome completo e il percorso del file della seduta eseguita sullo strumento LightCycler 480, oltre alle seguenti informazioni: 3.1. Il numero di serie dello strumento LightCycler Instrument Name: l'identificativo assegnato allo strumento LightCycler 480 nel software LightCycler Run Date: la data e l'ora di esecuzione della seduta sullo strumento LightCycler Run Operator: il nome della persona connessa al software LightCycler 480 durante l'esecuzione della seduta Experiment Name: il nome file della seduta Software Version: la versione del software installata sullo strumento LightCycler Lot Number: un valore derivato dal campo Lot No. della schermata di impostazione dell'esperimento, nel software dello strumento LightCycler Viene fornita una rappresentazione della piastra con i nomi dei campioni derivati dalla schermata di definizione dei campioni, nel software dello strumento LightCycler Nel campo Run Summary Result viene indicato un risultato riepilogativo della seduta, che può essere Valid o Invalid a seconda dei controlli eseguiti nelle colonne 1 e Controlli della seduta 6.1. Il software LightCycler Adapt calcola automaticamente il valore Ct per la miscela standard in base alla seguente formula: Ct mutazione - Ct controllo = Ct 6.2. Il software LightCycler Adapt confronta questi valori con i valori attesi, indicati nella Tabella 7. Pagina 17 di 40

18 Tabella 7. Valori Ct attesi per il software LightCycler Adapt Saggio Ct miscela standard 12ALA -0,61 12ASP -0,61 12ARG 0,34 12CYS -0,79 12SER -0,13 12VAL 0,1 13ASP -0, Nel report sono indicati i valori Ct e Ct Nel report sono indicati i seguenti Flag/Avvisi relativi ai controlli della seduta nelle colonne 1 e 2: Tabella 8. Flag/Avvisi del software LightCycler Adapt per i controlli della seduta Flag/Avvisi CT_OUT_OF_RANGE EXO_FAIL DELTA_CT_OUT_OF_RANGE EXO_CONTROL_INVALID TARGET_CHANNEL_INVALID Significato Il valore Ct FAM per il saggio di controllo non rientra nell'intervallo Per la miscela standard, il controllo esogeno ha prodotto un Ct < 30 o negativo quando il risultato FAM è negativo I valori Ct delle mutazioni non rientrano nell'intervallo impostato La reazione del controllo esogeno è fallita in un controllo NTC La reazione FAM ha generato un valore Ct positivo in un controllo NTC Il significato di questi Flag/Avvisi è spiegato più dettagliatamente di seguito: CT_OUT_OF_RANGE: il saggio di controllo relativo alla miscela standard deve generare un valore Ct di 26,60 ± 2. Se il saggio non rientra in questo intervallo, viene visualizzato un Flag/Avviso per tutti i pozzetti contenenti la miscela standard, dal momento che i valori Ct non vengono calcolati e la miscela standard non è valida. Significa che il saggio di controllo non funziona correttamente EXO_FAIL: questo Flag/Avviso viene visualizzato se il saggio di controllo esogeno in uno qualsiasi dei pozzetti contenenti la miscela standard è < 30, in quanto potrebbe significare che sono presenti contaminanti della PCR nella miscela. Se il saggio di controllo esogeno fallisce quando una reazione FAM fallisce in uno qualsiasi dei pozzetti contenenti la miscela standard, viene visualizzato il Flag/Avviso EXO_FAIL. Pagina 18 di 40

19 Indica un problema riguardante il saggio, che potrebbe indurre risultati falsi negativi. La miscela standard non è comunque più valida perché la reazione FAM è fallita DELTA_CT_OUT_OF_RANGE: se i valori Ct della miscela standard rientrano nei valori indicati nella Tabella 7 ± 2,00, nel report generato dal software verranno classificati come validi. Se il Ct supera l'intervallo atteso, verrà indicato uno stato non valido e verrà visualizzato questo Flag/Avviso. Indica un problema riguardante un saggio, che potrebbe indurre risultati falsi EXO_CONTROL_INVALID: nei pozzetti contenenti i controlli NTC, il saggio di controllo esogeno deve generare un risultato positivo per tutti gli 8 pozzetti (Ct < 41). Se si ottiene un risultato negativo, viene visualizzato questo Flag/Avviso e viene indicato uno stato non valido. Indica un problema riguardante il saggio, che potrebbe indurre risultati falsi TARGET_CHANNEL_INVALID: negli 8 pozzetti contenenti il controllo NTC, il risultato FAM deve essere negativo (Ct > 38). Qualsiasi amplificazione indicherebbe una contaminazione. Un risultato positivo provocherà la visualizzazione di questo Flag/Avviso e il controllo NTC verrà segnalato come non valido Se lo stato di uno dei pozzetti contenenti la miscela standard o di uno dei pozzetti contenenti il controllo NTC è non valido, nel campo Run Summary Result viene visualizzato il risultato riepilogativo Run Invalid. I nomi dei campioni e i valori Ct dei controlli verranno indicati nella tabella Sample Result Table, tuttavia lo stato delle mutazioni sarà invalid. La miscela standard indica che tutti i saggi funzionano correttamente. In caso contrario, i risultati ottenuti per le mutazioni sarebbero falsi positivi o falsi negativi. Il controllo NTC indica l'assenza di contaminanti nelle soluzioni Master Mix e anche che il controllo esogeno funziona nel modo previsto Qualora il software LightCycler Adapt dovesse visualizzare un messaggio di errore, fare riferimento al paragrafo 12 relativo all'assistenza tecnica. 7. Risultati dei campioni 7.1. Nella tabella Sample Result Table sono indicati i nomi dei campioni, provenienti dal software LightCycler 480, e i valori Ct dei saggi di controllo Il software LightCycler 480 Adapt calcola i valori Ct e determina se un campione è positivo o negativo alle mutazioni sulla base dei valori di cut-off 1% riportati nella Tabella 9. Pagina 19 di 40

20 Tabella 9. Valori di cut-off 1% nel software LightCycler Adapt Saggio Delta Ct 1% 12ALA 6,25 12ASP 7,72 12ARG 6,83 12CYS 6,95 12SER 8,95 12VAL 6,5 13ASP 9, Se il valore Ct di una mutazione è al si sotto del valore corrispondente di cut-off Ct 1%, il campione è definito positivo alla mutazione. Nel report del software LightCycler Adapt verrà indicata la mutazione riscontrata, ma soltanto quella. Se i valori Ct positivi sono 2, nel report verrà indicato il valore minore tra i due. Si presuppone infatti che il secondo valore sia causato dalla reattività crociata di un primer di mutazione legatosi e innescatosi da un'altra mutazione. Nei rari casi in cui viene riscontrata una doppia mutazione, la decisione clinica è comunque identica ai casi di mutazione singola Se i valori Ct del campione sono maggiori dei valori Ct 1%, il campione viene definito negativo alla mutazione (potrebbe contenere una mutazione, ma al di sotto dei limiti di sensibilità del kit) Flag/Avvisi Il software LightCycler Adapt genera un report con i Flag/Avvisi relativi ai campioni e li riassume nella tabella Sample Result Table descritta di seguito (vedere la Tabella 10). Tabella 10. Flag/Avvisi relativi ai campioni nel software LightCycler Adapt Flag/Avviso Significato REP_DILUTION Il Ct del controllo è < 24 CONF_LEVEL Il Ct del controllo è > 28,9 e non è stata riscontrata nessuna mutazione LIMITED Il Ct del controllo è > 35 EXO_FAIL Il saggio di controllo esogeno ha fallito quando la reazione FAM ha fallito in una reazione di mutazione, oppure il Ct del controllo esogeno è < 30. FAIL Il software non è in grado di generare una curva positiva o negativa Il significato di questi Flag/Avvisi è spiegato più dettagliatamente di seguito: REP_DILUTION: Ct controllo < 24. I saggi sono stati convalidati per un livello di DNA che genera un Ct maggiore di o uguale a 24. Se un campione genera un Ct del saggio di controllo più basso, è necessario diluirlo affinché possa rientrare nell'intervallo valido. Pagina 20 di 40

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Aptima Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Per uso diagnostico in vitro. Solo per l esportazione dagli USA. Informazioni generali................................................ 2 Utilizzo previsto................................................................

Dettagli

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Il sistema BD/RDM: integrazione dei Dispositivi medico diagnostici in vitro La rilevazione degli IVD Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Agenda Le attuali modalità di notifica per i dispositivi

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic. Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.it è un sistema integrato completo di tutti i moduli per eseguire

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Avviso per la Sicurezza

Avviso per la Sicurezza Avviso per la Sicurezza PRODOTTO: Nova StatStrip Sistema di Monitoraggio del Glucosio per uso ospedaliero Avviso per la Sicurezza: 01-11SS DATA: 2011-05-02 AVVISO URGENTE PER LA SICUREZZA Nova StatStrip

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Legge del Raffreddamento di Newton

Legge del Raffreddamento di Newton Legge del Raffreddamento di Newton www.lepla.eu Obiettivo L'obiettivo di questo esperimento è studiare l'andamento temporale della temperatura di un oggetto che si raffredda e trovare un modello matematico

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie [COB] Import massivo XML. ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01)

SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie [COB] Import massivo XML. ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01) SINTESI Comunicazioni Obbligatorie [COB] XML ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01) Questo documento è una guida alla importazione delle Comunicazioni Obbligatorie: funzionalità che consente di importare

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis

Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis SAP BusinessObjects Process Analysis XI3.1 Service Pack 3 windows Copyright 2010 SAP AG. Tutti i diritti riservati.sap, R/3, SAP NetWeaver, Duet,

Dettagli

Intrusion Detection System

Intrusion Detection System Capitolo 12 Intrusion Detection System I meccanismi per la gestione degli attacchi si dividono fra: meccanismi di prevenzione; meccanismi di rilevazione; meccanismi di tolleranza (recovery). In questo

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma Guida Categoria alla registrazione StockPlan Connect Il sito web StockPlan Connect di Morgan Stanley consente di accedere e di gestire online i piani di investimento azionario. Questa guida offre istruzioni

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com Guida alla configurazione della posta elettronica bassanonet.com 02 Guida alla configurazione della posta elettronica I programmi di posta elettronica consentono di gestire una o più caselle e-mail in

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Nitro Reader 3 Guida per l' utente

Nitro Reader 3 Guida per l' utente Nitro Reader 3 Guida per l' utente In questa Guida per l'utente Benvenuti in Nitro Reader 3 1 Come usare questa guida 1 Trovare rapidamente le informazioni giuste 1 Per eseguire una ricerca basata su parole

Dettagli

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria MANUALE D USO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2.... 4 3. INVIO CERTIFICATO DI MALATTIA... 4 3.1 SELEZIONE...

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Messa a punto dell analisi della

Messa a punto dell analisi della SSMT Locarno 2012/2013 Lavoro di diploma per il corso di Tecnici in Analisi Biomediche Presso l Istituto Cantonale di Patologia di Locarno Messa a punto dell analisi della traslocazione RET/PTC Lavoro

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2012 Progetto Istanze On Line MOBILITÀ IN ORGANICO DI DIRITTO PRESENTAZIONE DOMANDE PER LA SCUOLA SEC. DI I GRADO ON-LINE 13 Febbraio 2012 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit 1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit Per la determinazione in vitro della 1,25 (OH) 2 Vitamina D in plasma e siero Gültig ab/valid from 17.03.2008 +8 C IMM-K 2112 +2 C 48 1. APPLICAZIONE Il kit ELISA (Enzyme-Linked-Immuno-Sorbent-Assay)

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 OGGETTO: Fornitura in noleggio con somministrazione (durata: cinque anni) di n. 1 sistema per l analisi del linfonodo sentinella modello OSNA integrato

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D Se avete un tablet android, ma non avete la minima idea di come accenderlo, usarlo e avviarlo, seguite queste nostre indicazioni 1. ATTIVAZIONE

Dettagli

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE 1 SOMMARIO 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 2 OFFERTA DEL FORNITORE...4 2.1 LOG ON...4 2.2 PAGINA INIZIALE...4 2.3 CREAZIONE OFFERTA...6 2.4 ACCESSO AL DOCUMENTALE...8

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series 1 Stampanti HP Deskjet 6500 series Per trovare la risposta a una domanda, fare clic su uno dei seguenti argomenti: HP Deskjet 6540-50 series Avvisi Funzioni speciali Introduzione Collegamento alla stampante

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli