TheraScreen : K-RAS Mutation Kit Per la determinazione di 7 mutazioni nel gene K-RAS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TheraScreen : K-RAS Mutation Kit Per la determinazione di 7 mutazioni nel gene K-RAS"

Transcript

1 Per la determinazione di 7 mutazioni nel gene K-RAS Destinato all'uso con Roche LightCycler 480 Real-Time PCR (Instrument II) (n. di catalogo: ) e con Applied BioSystems 7500 Real-Time PCR System (n. parte: ) Include il manuale dell'utente pubblicato da Roche Diagnostics e intitolato LightCycler Adapt Software v1.1 for the TheraScreen : K-RAS Mutation Kit CE-IVD (n. di catalogo: ) Istruzioni per l'uso Codici dei prodotti Formato del kit Codice prodotto DxS Numero ordine Roche Diagnostics 20 reazioni KR reazioni KR Versione delle istruzioni: DU001g Data di revisione: Maggio 2009 Conservare tra -18 C e -25 C Pagina 1 di 40

2 Indice generale 1. Uso previsto / Indicazioni per l'uso Riassunto e spiegazione del test Principi della procedura Reagenti AVVERTENZE E PRECAUZIONI Conservazione, stabilità e condizioni di spedizione Strumento Campioni Protocollo per la determinazione delle mutazioni K-RAS Limiti del test Prestazioni dei saggi Assistenza tecnica Informazioni su produttori e distributori Data di pubblicazione dell'ultima revisione Riferimenti bibliografici Note per l'acquirente: Pagina 2 di 40

3 IMPORTANTE: prima dell'uso, leggere attentamente queste istruzioni e studiare le caratteristiche dei componenti del kit K-RAS. 1. Uso previsto / Indicazioni per l'uso Uso previsto DxS (in breve, il kit K-RAS) è un test diagnostico in vitro che consente di identificare sette mutazioni somatiche nell'oncogene K-RAS e di eseguire una valutazione qualitativa dello stato mutazionale. Il kit K-RAS è destinato esclusivamente a professionisti qualificati e deve essere utilizzato in ambiente di laboratorio su campioni di DNA estratti da tessuto colorettale fissato in formalina e incluso in paraffina. Indicazioni per l'uso I risultati del kit K-RAS possono aiutare il medico a identificare i pazienti con carcinoma colorettale che potrebbero non trarre beneficio da una terapia anti-egfr, ovvero con inibitori del recettore del fattore di crescita epidermico quali panitumumab o cetuximab. Il kit K-RAS non è destinato all'uso per la diagnosi del carcinoma colorettale. Insieme ad altri importanti fattori prognostici, consente di selezionare i pazienti idonei al trattamento con terapie anti-egfr in base al loro specifico stato mutazionale. Per scegliere la terapia più idonea, il medico dovrà tenere conto sia dello stato mutazionale del paziente, sia di tutti gli altri fattori patologici. Nessuna decisione sulla terapia dei pazienti oncologici dovrebbe basarsi unicamente sullo stato mutazionale del gene K-RAS. 2. Riassunto e spiegazione del test Il kit K-RAS è un dispositivo diagnostico con marchio CE, conforme alla Direttiva Europea sui dispositivi medico-diagnostici in vitro (IVDD 98/79/EC). Spesso nei carcinomi umani vengono riscontrate mutazioni dell'oncogene K-RAS (1-4). La presenza di tali mutazioni è correlata all'assenza di una risposta a determinate terapie antitumorali basate sugli inibitori del recettore del fattore di crescita epidermico (terapie anti-egfr) nei pazienti con carcinoma colorettale metastatico (5-10)(14-21). È possibile identificare sette mutazioni nel gene K-RAS su uno sfondo di DNA genomico wild-type utilizzando un saggio PCR real-time basato sulla tecnologia DxS Scorpions. Si tratta di un metodo estremamente selettivo. Se il numero di copie di DNA è sufficiente, è possibile determinare circa l'1% dei mutanti su uno sfondo di DNA genomico wild-type. Il kit K-RAS è in grado di identificare sette mutazioni K-RAS nei codoni 12 e 13 dell'oncogene K-RAS, come riportato nella Tabella 1. Pagina 3 di 40

4 Tabella 1. Mutazioni K-RAS rilevate dal kit DxS La fonte degli ID COSMIC è il Catalogue of Somatic Mutations in Cancer: Mutazione Cambiamento delle basi ID Cosmic Gly12Ala (GGT>GCT) 522 Gly12Asp (GGT>GAT) 521 Gly12Arg (GGT>CGT) 518 Gly12Cys (GGT>TGT) 516 Gly12Ser (GGT>AGT) 517 Gly12Val (GGT>GTT) 520 Gly13Asp (GGC>GAC) Principi della procedura Per identificare le mutazioni, il kit K-RAS utilizza i saggi PCR real-time associando due diverse tecnologie: ARMS e Scorpions. (11, 12, 13) ARMS La tecnologia ARMS supporta l'amplificazione di specifici alleli o mutazioni. La Taq DNA polimerasi è estremamente efficace per distinguere tra un appaiamento corretto e un appaiamento errato all'estremità in 3 di un primer per PCR. È possibile eseguire un'amplificazione selettiva di specifiche sequenze mutate anche in campioni in cui le sequenze non mutate sono la maggioranza, in quanto: Quando il primer è perfettamente appaiato, l'amplificazione procede con la massima efficienza. Quando la base in 3 presenta un appaiamento errato, si osserva soltanto un'amplificazione di basso livello sullo sfondo. Scorpions La tecnologia Scorpions consente di identificare il risultato dell'amplificazione. Il termine Scorpions è utilizzato per descrivere molecole a doppia funzione che contengono un primer per PCR legato covalentemente a una sonda. Il fluoroforo in questa sonda interagisce con un colorante quencher, anch'esso incorporato nella sonda, che sopprime la fluorescenza. Quando si verifica una reazione PCR e la sonda si lega all'amplicon, il fluoroforo e il quencher si separano, determinando un aumento della fluorescenza proveniente dalla provetta della reazione. Analisi dei dati: metodo Ct Nei saggi real-time Scorpions, il numero di cicli di PCR necessari per rilevare un segnale fluorescente al di sopra del segnale dello sfondo è il parametro con cui vengono misurate le molecole bersaglio presenti all'inizio della reazione. Il punto nel quale il segnale è al di sopra della fluorescenza dello sfondo è denominato "ciclo soglia" (cycle threshold, Ct). Pagina 4 di 40

5 Per conoscere i valori Ct dei campioni si calcola la differenza tra il valore Ct del saggio di mutazione e il valore Ct del saggio di controllo per lo stesso campione. I campioni vengono classificati come positivi alla mutazione se restituiscono un valore Ct inferiore al valore Ct 1% per il saggio. Al di sopra di questo valore, significa che il campione potrebbe contenere meno dell'1% di mutanti (non rientra nel limite di sensibilità dei saggi) oppure non contenere nessun mutante. L'uso dei primer ARMS non esclude che possa verificarsi un innesco inefficiente e che, di conseguenza, il valore Ct dello sfondo nel DNA privo di mutanti possa arrivare con un ritardo significativo. Tutti i valori Ct calcolati dall'amplificazione dello sfondo saranno maggiori dei valori Ct 1% e il campione verrà classificato come negativo alle mutazioni. Il kit K-RAS ha ottenuto il marchio CE per l'uso diagnostico in vitro con Roche Diagnostics LightCycler 480 Real-Time PCR (Instrument II) a 96 pozzetti (n. di catalogo Roche: ) e Applied BioSystems 7500 Real-Time PCR (n. di parte: ) (per brevità strumento LightCycler 480 e strumento ABI7500). Nel caso dello strumento LightCycler 480, il kit K-RAS deve essere utilizzato con l'applicazione LightCycler Adapt Software v1.1 for the TheraScreen K-RAS Mutation Kit CE-IVD (software LightCycler Adapt). Questo software è stato sviluppato per automatizzare la classificazione dei diagrammi di amplificazione in positivi o negativi e per calcolare una soglia adeguata dalla quale sia possibile ottenere i valori Ct. Tali valori vengono utilizzati per calcolare i valori Ct dei campioni, che a loro volta vengono confrontati con i valori di cut-off dell'1%. Il software genera un risultato di positività o di negatività alle mutazioni, rendendo totalmente oggettiva l'analisi e l'interpretazione dei dati ottenuti con il kit K-RAS. Formato del kit K-RAS Il kit K-RAS contiene otto saggi. Un saggio di controllo. Sette saggi di mutazione. Tutte le miscele di reazione contengono un saggio di controllo esogeno, o controllo interno, marcato con HEX (rilevato dal colorante JOE nel sistema ABI7500). In questo modo viene monitorata la presenza di eventuali inibitori, che potrebbero indurre risultati falsi negativi. Saggio di controllo Il saggio di controllo, marcato con FAM, serve per ottenere una valutazione del DNA totale in un campione. Il saggio di controllo amplifica una regione dell'esone 4 del gene K-RAS. I primer e la sonda sono stati formulati in modo da evitare qualsiasi polimorfismo noto del gene K-RAS. Pagina 5 di 40

6 Saggi di mutazione Ogni saggio di mutazione, marcato con FAM, contiene una molecola Scorpion e un primer ARMS che consentono di distinguere il DNA wild-type dall'eventuale DNA mutante rilevato con il saggio PCR real-time. 4. Reagenti Il kit K-RAS contiene un numero di reagenti sufficiente per eseguire la valutazione qualitativa dei campioni ed eseguire i saggi K-RAS per un massimo di 20 o 80 reazioni, a seconda del formato del kit. Formato del kit Codice prodotto DxS Numero ordine Roche Diagnostics 20 reazioni KR reazioni KR Il numero di campioni che è possibile analizzare varia in base alle dimensioni del lotto. Tabella 2. Contenuto del kit K-RAS Reagenti forniti 20 reazioni 80 reazioni Volume Volume Provetta Miscela reazione di controllo 1300 µl 5200 µl 1 Miscela di reazione 12ALA 650 µl 2600 µl 2 Miscela di reazione 12ASP 650 µl 2600 µl 3 Miscela di reazione 12ARG 650 µl 2600 µl 4 Miscela di reazione 12CYS 650 µl 2600 µl 5 Miscela di reazione 12SER 650 µl 2600 µl 6 Miscela di reazione 12VAL 650 µl 2600 µl 7 Miscela di reazione 13ASP 650 µl 2600 µl 8 Miscela standard 300 µl 1000 µl 9 Taq DNA polimerasi 60 µl 240 µl 10 Strumenti e reagenti non forniti con il kit K-RAS I seguenti strumenti e materiali di consumo devono essere reperiti personalmente dall'utente: Strumento LightCycler 480 o sistema ABI7500 Real-time PCR, in grado di eseguire le procedure descritte nel paragrafo 9; protocollo per la determinazione delle mutazioni K-RAS. LightCycler Adapt Software v1.1 di Roche Diagnostics (n. di catalogo ). Piastre per PCR prive di DNAsi da 0,2 ml: piastra a 96 pozzetti per lo strumento LightCycler 480 (n. di cat ) o piastra di reazione a 96 pozzetti ABI MicroAmp Optical (n. parte ) con pellicola adesiva MicroAmp Optical (n. parte ). Provette sterili per la preparazione delle soluzioni Master Mix. Pipette dedicate per la preparazione della miscela per PCR. Pipette dedicate per la distribuzione del DNA templato. H20 sterile, priva di nucleasi. Pagina 6 di 40

7 5. AVVERTENZE E PRECAUZIONI Per uso diagnostico in vitro. Il kit K-RAS non è destinato all'uso per le finalità di screening o diagnosi di nessun tipo di carcinoma, neppure del carcinoma colorettale. Può essere utilizzato contestualmente ad altri importanti fattori prognostici per selezionare i pazienti che potrebbero non trarre beneficio da una terapia oncologica anti-egfr. La scelta della terapia per i pazienti oncologici non deve essere basata esclusivamente sullo stato mutazionale del gene K-RAS. Il medico dovrà tenere conto dello stato mutazionale del paziente e di altri fattori patologici. È possibile congelare/scongelare il contenuto del kit K-RAS fino a 8 volte senza compromettere le prestazioni dei saggi. NON congelare/ scongelare i reagenti del kit K-RAS più di 8 volte. Tenere presente che i campioni tumorali sono disomogenei, pertanto è possibile che i dati ottenuti da un campione siano discordanti dai dati ottenuti per altre sezioni dello stesso tumore. Inoltre i campioni tumorali possono contenere tessuto non tumorale. Si presuppone che il DNA del tessuto non tumorale non contenga le mutazioni K-RAS che vengono rilevate dal kit K-RAS. Tutti i saggi inclusi nel kit K-RAS generano prodotti della PCR corti, tuttavia il kit K-RAS non funzionerà se il DNA è fortemente frammentato. La valutazione del DNA dovrebbe basarsi sulla reazione PCR e potrebbe differire dalla quantificazione, che si basa piuttosto sulle letture della densità ottica. La miscela di reazione in eccedenza viene fornita per la valutazione qualitativa e quantitativa del DNA nei campioni, da eseguire prima dell'analisi con il kit K-RAS. I reagenti del kit K-RAS sono stati diluiti con rapporto ottimale. L'ulteriore diluizione dei reagenti è sconsigliata, in quanto potrebbe provocare un deterioramento delle prestazioni. L'uso di volumi inferiori a 25 µl per le reazioni è sconsigliato, in quanto si potrebbe assistere ad un aumento dei falsi negativi. Tutti i reagenti del kit K-RAS sono formulati in modo specifico per l'uso con i test indicati. Evitare di sostituire i reagenti del kit K-RAS, in caso contrario non saranno più garantite prestazioni ottimali. Per garantire attività e prestazioni ottimali, evitare l'esposizione diretta alla luce dei primer Scorpions per prevenire il loro fotodecadimento. Questa regola vale in generale per tutte le molecole marcate con fluorescenza. Pagina 7 di 40

8 Adoperare la massima cautela per evitare la contaminazione delle reazioni PCR con il materiale di controllo sintetico. Si raccomanda di utilizzare pipette differenti e dedicate durante la preparazione delle miscele di reazione e l'aggiunta del DNA templato. Dedicare un'area del laboratorio alla preparazione e alla distribuzione delle miscele di reazione nelle provette e un'area separata all'aggiunta del templato. Non aprire mai le provette dopo una reazione PCR. Ognuno dei saggi inclusi nel kit K-RAS possiede caratteristiche proprie. Quando si calcola il risultato, è necessario fare riferimento ai parametri corretti del saggio specifico (vedere il paragrafo relativo ai report e all'interpretazione dei dati). Valori Ct di mutazione maggiori di o uguali a 38 dovranno essere considerati negativi o al di sotto dei limiti di sensibilità del kit. I saggi contengono una reazione di controllo esogena, definita controllo interno, oltre alla reazione di interesse specifico (vedere il paragrafo relativo ai principi della procedura). Se entrambi i saggi falliscono, i dati devono essere scartati per la possibile presenza di inibitori in grado di indurre risultati falsi negativi. È possibile ridurre l'effetto degli inibitori diluendo il campione, tuttavia in questo modo anche il DNA verrebbe diluito. È necessario adottare tutte le normali precauzioni del laboratorio, tra le quali: a) Non pipettare per bocca. b) Non fumare, mangiare o bere nelle aree in cui vengono manipolati i campioni o i reagenti del kit. c) Lavarsi le mani dopo avere eseguito il test. Utilizzare esclusivamente la Taq polimerasi (per brevità, Taq) inclusa nel kit, evitando di sostituirla con Taq di altri kit, anche dello stesso tipo, o con Taq di altri produttori. Scongelare soltanto i reagenti che saranno utilizzati nella seduta imminente, evitando di scongelare l'intero kit tutte le volte per limitare al minimo i cicli di congelamento/scongelamento. Informazioni per la sicurezza Attenzione: tutto il materiale chimico e biologico deve essere considerato potenzialmente pericoloso. I campioni sono potenzialmente infettivi e come tali devono essere trattati. L'uso del kit K-RAS è riservato in modo esclusivo a personale qualificato e opportunamente addestrato nelle tecniche di laboratorio. Per adoperare i componenti di questo kit K-RAS è necessario indossare un camice da laboratorio idoneo, guanti monouso e occhiali protettivi. Dopo l'uso, trattare i componenti del kit K-RAS adottando tutte le procedure previste per lo smaltimento dei rifiuti clinici. Pagina 8 di 40

9 6. Conservazione, stabilità e condizioni di spedizione Conservazione Subito dopo la consegna, riporre l'intero contenuto del kit K-RAS in un congelatore termoregolato e conservarlo tra -18 C e -25 C al buio. Evitare di congelare/scongelare inutilmente il contenuto del kit K-RAS. Stabilità Non utilizzare il kit K-RAS dopo la data di scadenza indicata. Il contenuto del kit K-RAS resta stabile fino alla data di scadenza, se conservato nelle condizioni indicate e nella sua confezione originale. È possibile congelare/scongelare il contenuto del kit K-RAS fino a 8 volte senza compromettere le prestazioni dei saggi. NON congelare/scongelare i reagenti del kit K-RAS più di 8 volte. Condizioni di spedizione Durante la spedizione il contenuto del kit K-RAS è conservato in ghiaccio secco, pertanto dovrà essere ancora congelato alla consegna. Se il contenuto del kit K-RAS non dovesse essere congelato alla consegna, o se la confezione esterna dovesse essersi aperta durante il tragitto, o se la scatola non dovesse contenere la nota di accompagnamento, le istruzioni per l'uso o i reagenti, contattare immediatamente il centro Roche Diagnostics più vicino (vedere il paragrafo 12 relativo all'assistenza tecnica). 7. Strumento Per istruzioni complete sull'installazione e il funzionamento dello strumento da utilizzare per la PCR real-time, consultare il manuale dell'utente dello strumento in dotazione. 8. Campioni Il materiale campione deve essere costituito da DNA genomico umano estratto da campioni di carcinoma colorettale inclusi in paraffina e fissati in formalina. Prelievo e preparazione dei campioni 1. Trasporto dei campioni: metodologia di patologia standard, per garantire la qualità dei campioni. 2. Processo consigliato per l'estrazione dei campioni: estrazione del DNA con Qiagen QIAamp DNA FFPE Tissue Kit (n. di catalogo 56404). È necessario apportare le seguenti modifiche al protocollo Qiagen: Le sezioni fissate in formalina e incluse in paraffina (campioni FFPE) devono essere raccolte in vetrini di vetro. La paraffina in eccesso attorno alle sezioni tissutali deve essere raschiata via con uno scalpellino sterile nuovo. Pagina 9 di 40

10 Per raschiare il materiale della sezione tissutale nelle microprovette per centrifuga, servirsi di uno scalpellino nuovo per ogni campione da estrarre. La digestione con Proteinasi K deve poter essere portata a termine e potrebbe durare fino a 48 ore. I campioni devono essere eluiti su 200 µl di tampone ATE (incluso nel kit di estrazione Qiagen). Qualsiasi metodo alternativo per la preparazione dei campioni dovrà essere testato e convalidato dall'utente finale. 3. Conservazione del DNA estratto: a -20 C, prima dell'analisi. Protocollo per la valutazione dei campioni La miscela del saggio di controllo in eccedenza, fornita nel kit K-RAS, deve essere obbligatoriamente utilizzata per eseguire la valutazione del DNA totale nei campioni. Il saggio di controllo amplifica una regione dell'esone 4 del gene K-RAS. Preparare i campioni soltanto con il saggio di controllo, utilizzando la miscela standard come controllo positivo e l'acqua come controllo privo di templato. Notare che, per un uso ottimale dei reagenti del kit K-RAS, è opportuno raggruppare i campioni in batch. I controlli devono essere inclusi in tutte le sedute analitiche. Se si analizzano i campioni uno ad uno, il consumo di reagenti aumenta e, di conseguenza, il numero di campioni che è possibile analizzare con il kit K-RAS diminuisce. Protocollo per la valutazione dei campioni: preparazione della piastra 1. Scongelare la miscela di controllo e la miscela standard contenute nel kit K-RAS, equilibrandole a temperatura ambiente. Miscelare ogni soluzione capovolgendo le provette 10 volte ciascuna, dopo lo scongelamento, in modo da prevenire la concentrazione localizzata di sali. Preparare una quantità sufficiente di soluzioni per analizzare i campioni di DNA, una reazione della miscela standard e una reazione del controllo senza templato, quindi aggiungere 2 reazioni extra. 2. Preparare la soluzione Master Mix facendo riferimento ai volumi dei reagenti indicati nella Tabella 3. Tabella 3. Volumi di Master Mix per il saggio di controllo Saggio Saggio di controllo Master Mix Miscela di Taq (µl)x1 reazione (µl)x1 19,8 0,2 3. NON agitare in vortex la Taq, né le altre miscele di reazione che contengono Taq, altrimenti l'enzima potrebbe inattivarsi. Pagina 10 di 40

11 4. Prima dell'uso, assicurarsi che la Taq abbia raggiunto la temperatura ambiente. Centrifugare la fiala affinché tutta la Taq si raccolga sul fondo, quindi pipettare inserendo il puntale della pipetta appena sotto la superficie della Taq, limitando così il rischio che il puntale si cosparga eccessivamente di Taq. 5. Miscelare la soluzione Master Mix pipettando delicatamente su e giù. 6. Aggiungere immediatamente 20 µl di Master Mix di controllo in ogni pozzetto di reazione. 7. Aggiungere immediatamente 5 µl di campione, miscela standard o acqua (per i controlli senza templato) nei pozzetti di reazione. 8. La piastra deve essere preparata prima, aggiungendo la miscela standard nel pozzetto A1 e il controllo senza templato (acqua) nel pozzetto A2. Tutti gli altri pozzetti utilizzati devono contenere i campioni. 9. Sigillare e centrifugare brevemente la piastra per PCR in modo che i reagenti si raccolgano sul fondo dei pozzetti. 10. Configurare lo strumento facendo riferimento alle istruzioni specifiche della piattaforma in uso. Protocollo per la valutazione dei campioni: impostazione dello strumento LightCycler Inserire immediatamente la piastra nello strumento LightCycler Selezionare l'icona del software LightCycler 480 sul desktop della stazione di lavoro collegata allo strumento. Eseguire la connessione al software e, nella schermata Overview, selezionare New Experiment from Template. Selezionare K-RAS LC480II Run Template nell'elenco dei modelli forniti per la seduta. I parametri del modello in questione sono: 1. Formato di rilevazione: DxS IVD Assays. 2. Volume della reazione: Una fase iniziale di sospensione a 95 C per 4 minuti. 4. Un'amplificazione a 2 fasi per 45 cicli, con una denaturazione a 95 C di 30 secondi e un appaiamento a 60 C di 1 minuto. Una sola acquisizione della fluorescenza nella fase a 60 C. 3. Selezionare la scheda Sample Editor e per Step 1: Select Workflow attivare la casella Abs Quant. Per Select Filter Combinations verificare che entrambi i filtri siano selezionati ( nm e nm). Definire i nomi dei campioni in Step 2 e in Step 3. Impostare Quantification Sample Type su unknown. La colonna dei replicati deve rimanere vuota. Pagina 11 di 40

12 4. Selezionare il pulsante Experiment, quindi fare clic su Start Run per salvare l'esperimento e avviare i cicli. 5. Al termine della seduta selezionare la scheda Analysis e scegliere Abs Quant/2nd Derivative Max nella schermata Create New Analysis. Accettare i valori predefiniti della schermata Create New Analysis. Assicurarsi che il pulsante Filter Comb sia e selezionare il pulsante Calculate. I valori Ct vengono visualizzati nella tabella Samples. 6. Selezionare il pulsante Filter Comb e cambiare i filtri impostando nm. Selezionare il pulsante Calculate e ottenere i valori Ct del controllo esogeno dalla tabella Samples. Protocollo per la valutazione dei campioni: impostazione dello strumento ABI Inserire immediatamente la piastra nello strumento ABI Selezionare l'icona del software del sistema 7500 sul desktop della stazione di lavoro collegata allo strumento. Aprire un nuovo file della seduta nel menu File del software 7500 Sequence Detection, versione Per Assay selezionare Standard Curve (Absolute Quantification). Per Run Mode selezionare Standard Selezionare il pulsante Next per visualizzare una schermata in cui è possibile impostare i rilevatori. Aggiungere all'elenco un rilevatore FAM e un rilevatore JOE, senza impostare i soppressori (Quenchers = none ). Se i rilevatori non esistono già, selezionare il pulsante New Detectors per impostare un rilevatore FAM e un rilevatore JOE con il soppressore impostato su none. 5. Impostare Passive Reference su None e selezionare il pulsante Next. 6. Selezionare l'intera piastra e attivare le caselle relative ai rilevatori FAM e JOE, in modo da garantire che siano monitorati entrambi i coloranti in ogni pozzetto. Selezionare il pulsante Finish. 7. Impostare i cicli nella scheda Instrument (vedere la Tabella 4). Tabella 4. Condizioni per i cicli sullo strumento ABI7500 Temperatura Durata Cicli Raccolta dati Fase 1 95 o C 4 min 1 Fase 2 95 o C 30 sec 60 o C 1 min 40 FAM, JOE Pagina 12 di 40

13 8. Selezionare il pulsante Start per salvare l'esperimento e avviare i cicli. 9. Al termine della seduta assicurarsi che il riferimento passivo sia impostato su none nella schermata di ispezione dei pozzetti. Nella scheda Amplification Plot selezionare tutti i pozzetti in uso e quindi selezionare il colorante JOE nell'elenco dei rilevatori. 10. Controllare il segnale JOE proveniente da ogni campione e confrontarlo con il segnale JOE nel pozzetto del controllo senza templato (NTC). Prendere nota di eventuali campioni la cui curva di amplificazione sia in ritardo o la cui amplificazione sia fallita per il controllo esogeno rispetto al controllo NTC. 11. Nella scheda Amplification Plot selezionare tutti i pozzetti in uso e quindi selezionare il colorante FAM nell'elenco dei rilevatori. 12. Utilizzare l'impostazione automatica della linea di base e il valore Ct manuale, quindi impostare la soglia manualmente al centro della fase esponenziale utilizzando la scala logaritmica per l'asse Y, come descritto nella guida dell'utente dello strumento ABI Selezionare il pulsante Analyse per ottenere i valori Ct. Interpretazione della valutazione dei campioni Valutare i valori Ct del controllo NTC per verificare che non vi siano contaminazioni in grado di indurre un'amplificazione positiva nel canale FAM (Ct < 40) o una reazione fallita del controllo esogeno nel canale HEX (nessun valore Ct), che indicherebbero un problema di impostazione. La miscela standard dovrebbe generare un Ct del saggio di controllo (canale FAM) compreso tra 26 e 29 sullo strumento ABI7500 e 29 sullo strumento LightCycler 480. Scartare i dati se uno di questi 2 controlli della seduta fallisce. Ct del saggio di controllo tra 29 e 35: interpretare i dati con cautela, poiché le mutazioni di livello molto basso potrebbero non essere rilevate. Ct del saggio di controllo tra 35 e 38: nei campioni sono presenti poche copie di DNA amplificabile, mentre le mutazioni possono essere osservate più facilmente quando la maggior parte delle copie è mutata. Ct del saggio di controllo 38: respingere il campione, poiché il DNA è insufficiente e il kit K-RAS non sarà in grado di rilevare le mutazioni. Tenere presente che, se un campione restituisce un Ct del saggio di controllo in ritardo, è necessario confrontare il Ct del saggio di controllo esogeno con il controllo esogeno del controllo NTC. Se, dal confronto con il controllo NTC, il controllo esogeno del campione dovesse risultare in ritardo o negativo, è possibile che sia presente un inibitore. L'effetto di un inibitore può essere ridotto diluendo il campione, tuttavia in questo modo verrebbe diluito anche il DNA. Pagina 13 di 40

14 Diluizione dei campioni: un valore Ct di controllo < 24 provocherà un sovraccarico nei saggi di mutazione. I campioni con Ct di controllo < 24 devono essere diluiti. Tenere presente che, nel caso dello strumento LightCycler 480, i valori Ct ottenuti con il metodo della derivata 2 a potrebbero differire leggermente dai valori ottenuti con il software LightCycler Adapt. È consigliabile diluire i campioni concentrati per riportarli nell'intervallo >24 e < 29 (valori Ct basati sul software 7500 Sequence Detection o sul software LightCycler 480 Instrument), tenendo conto che a una diluizione di ½ punto corrisponderà un aumento del valore Ct di 1 punto. 9. Protocollo per la determinazione delle mutazioni K-RAS Prima dell'uso, leggere attentamente queste istruzioni e studiare le caratteristiche dei componenti del kit K-RAS. Per un uso efficiente del kit K-RAS, è opportuno raggruppare i campioni in batch di 10 unità (in modo da riempire una piastra da 96 pozzetti). Se si utilizzano batch più piccoli, il numero di campioni che sarà possibile analizzare con il kit K-RAS diminuirà. Impostazione degli esperimenti sullo strumento LightCycler 480 Per ogni campione di DNA è necessario analizzare i saggi di controllo e i saggi di mutazione nella stessa seduta PCR, al fine di evitare eventuali variazioni tra le sedute. 1. Scongelare le miscele di reazione e standard contenute nel kit K-RAS, equilibrandole a temperatura ambiente. Miscelare ogni soluzione capovolgendo le provette 10 volte ciascuna, dopo lo scongelamento, in modo da prevenire la concentrazione localizzata di sali. Preparare soluzioni sufficienti per i campioni di DNA, la miscela standard e i controlli NTC, oltre a 2 reazioni extra per ogni miscela (vedere la Tabella 5). Tabella 5. Volumi di Master Mix K-RAS Saggio Saggio di controllo Saggi di mutazione Miscela di reazione (µl)x1 Master Mix Miscela di Taq (µl)x1 reazione (µl) per piastra (x14) Taq (µl) per piastra (x14) 19,8 0,2 277,2 2,8 19,8 0,2 277,2 2,8 2. NON agitare in vortex la Taq, né le altre miscele di reazione che contengono Taq, altrimenti l'enzima potrebbe inattivarsi. Pagina 14 di 40

15 3. Prima dell'uso, assicurarsi che la Taq abbia raggiunto la temperatura ambiente. Centrifugare la fiala affinché tutta la Taq si raccolga sul fondo, quindi pipettare inserendo il puntale della pipetta appena sotto la superficie della Taq per limitare il rischio che il puntale si cosparga eccessivamente di Taq. 4. Miscelare le soluzioni Master Mix pipettando delicatamente su e giù. 5. Aggiungere immediatamente 20 µl di Master Mix nei pozzetti di reazione. 6. Aggiungere immediatamente 5 µl di campione, miscela standard o acqua (per i controlli senza templato) nei pozzetti di reazione. È necessario analizzare ogni campione di DNA sia con i saggi di controllo che con tutti i saggi di mutazione. La configurazione della piastra è illustrata nella Tabella 6. Tabella 6. Configurazione della piastra per il kit K-RAS Configurazione a 96 pozzetti Saggio A Miscela NTC standard Controllo B 12ALA C 12ASP D 12ARG E 12CYS F 12SER G 12VAL H 13ASP Miscela standard Miscela standard Miscela standard Miscela standard Miscela standard Miscela standard Miscela standard NTC 1 NTC 1 NTC 1 NTC 1 NTC 1 NTC 1 NTC Sigillare e centrifugare brevemente la piastra per PCR in modo che i reagenti si raccolgano sul fondo dei pozzetti. 8. Inserire immediatamente la piastra nello strumento LightCycler 480. Impostazione dello strumento LightCycler Selezionare l'icona del software LightCycler 480 sul desktop della stazione di lavoro collegata allo strumento. Eseguire la connessione al software e, nella schermata introduttiva, selezionare New Experiment from Template. Pagina 15 di 40

16 2. Scegliere K-RAS LC480II Run Template nell'elenco Run Templates (per ulteriori dettagli, vedere il paragrafo relativo alla valutazione dei campioni con lo strumento LightCycler 480). 3. Selezionare la scheda Sample Editor e per Step 1: Select Workflow attivare la casella Abs Quant. Per Select Filter Combinations verificare che entrambi i filtri siano selezionati ( nm e nm). Definire i nomi dei campioni in Step 2 e Step 3. Il nome del campione nella colonna 1 deve essere Mixed Standard (miscela standard). Il nome del campione nella colonna 2 deve essere NTC (controllo senza templato). Immettere i nomi dei campioni nelle colonne da 3 a 12. I nomi devono essere identici per tutti i pozzetti in una colonna. L'impostazione di Quantification Sample Type deve essere unknown. La colonna dei replicati deve rimanere vuota, in quanto i replicati non vengono presi in esame dal software LightCycler Adapt. 4. Selezionare il pulsante Experiment, quindi fare clic su Start Run per salvare l'esperimento e avviare i cicli. Analisi dei campioni con lo strumento LightCycler Al termine della seduta con lo strumento LightCycler 480, utilizzare la schermata di navigazione per esportare l'esperimento (file con estensione IXO) in una posizione sicura e accessibile dal software LightCycler Adapt. 2. IMPORTANTE: il software LightCycler Adapt è collaudato per l'uso su un unico sistema di computer, definito come singola unità di controllo (stazione di lavoro) e fornito da Roche Diagnostics per essere utilizzato esclusivamente con LightCycler 480 Instrument II. Per il momento è stato approvato soltanto l'uso del software LightCycler Adapt con un'unità di controllo di tipo standalone (un computer non collegato a una rete). Non è consentito utilizzare altri computer, poiché le prestazioni del software potrebbero diventare imprevedibili. 3. Aprire il software LightCycler Adapt facendo clic sull'icona del software LightCycler Adapt sul desktop della stazione di lavoro, quindi immettere il nome utente nel campo appropriato. Il nome utente specificato in questa schermata verrà utilizzato per identificare l'autore del report. 4. Nella finestra principale utilizzare il pulsante di ricerca per selezionare un file della seduta per lo strumento LightCycler 480 (per annullare una selezione, è necessario chiudere e riavviare il software). 5. Selezionare un tipo di report (formato PDF o CSV). Se si sceglie il formato CSV, viene creata automaticamente anche una versione PDF. 6. Selezionare Analyse per creare il report dei risultati. Il report verrà salvato automaticamente nella cartella contenente il file della seduta e avrà lo stesso nome del file della seduta. 7. Il report verrà visualizzato automaticamente. Pagina 16 di 40

17 8. Il risultato compare nella colonna Mutation Status della tabella Sample Result Table. Interpretazione del report del software LightCycler Adapt 1. Il report del software LightCycler Adapt contiene informazioni generali sulle analisi L'autore del report è la persona che ha avviato il software e creato il report Sono indicate la data e l'ora di esecuzione dell'analisi. 2. Nel report sono presenti informazioni dettagliate sulle analisi, ad esempio il nome file della seduta, il file di definizione dell'algoritmo e la sequenza dell'algoritmo. I dettagli relativi all'algoritmo non possono essere alterati. 3. Nella sezione dei risultati sono indicati il nome completo e il percorso del file della seduta eseguita sullo strumento LightCycler 480, oltre alle seguenti informazioni: 3.1. Il numero di serie dello strumento LightCycler Instrument Name: l'identificativo assegnato allo strumento LightCycler 480 nel software LightCycler Run Date: la data e l'ora di esecuzione della seduta sullo strumento LightCycler Run Operator: il nome della persona connessa al software LightCycler 480 durante l'esecuzione della seduta Experiment Name: il nome file della seduta Software Version: la versione del software installata sullo strumento LightCycler Lot Number: un valore derivato dal campo Lot No. della schermata di impostazione dell'esperimento, nel software dello strumento LightCycler Viene fornita una rappresentazione della piastra con i nomi dei campioni derivati dalla schermata di definizione dei campioni, nel software dello strumento LightCycler Nel campo Run Summary Result viene indicato un risultato riepilogativo della seduta, che può essere Valid o Invalid a seconda dei controlli eseguiti nelle colonne 1 e Controlli della seduta 6.1. Il software LightCycler Adapt calcola automaticamente il valore Ct per la miscela standard in base alla seguente formula: Ct mutazione - Ct controllo = Ct 6.2. Il software LightCycler Adapt confronta questi valori con i valori attesi, indicati nella Tabella 7. Pagina 17 di 40

18 Tabella 7. Valori Ct attesi per il software LightCycler Adapt Saggio Ct miscela standard 12ALA -0,61 12ASP -0,61 12ARG 0,34 12CYS -0,79 12SER -0,13 12VAL 0,1 13ASP -0, Nel report sono indicati i valori Ct e Ct Nel report sono indicati i seguenti Flag/Avvisi relativi ai controlli della seduta nelle colonne 1 e 2: Tabella 8. Flag/Avvisi del software LightCycler Adapt per i controlli della seduta Flag/Avvisi CT_OUT_OF_RANGE EXO_FAIL DELTA_CT_OUT_OF_RANGE EXO_CONTROL_INVALID TARGET_CHANNEL_INVALID Significato Il valore Ct FAM per il saggio di controllo non rientra nell'intervallo Per la miscela standard, il controllo esogeno ha prodotto un Ct < 30 o negativo quando il risultato FAM è negativo I valori Ct delle mutazioni non rientrano nell'intervallo impostato La reazione del controllo esogeno è fallita in un controllo NTC La reazione FAM ha generato un valore Ct positivo in un controllo NTC Il significato di questi Flag/Avvisi è spiegato più dettagliatamente di seguito: CT_OUT_OF_RANGE: il saggio di controllo relativo alla miscela standard deve generare un valore Ct di 26,60 ± 2. Se il saggio non rientra in questo intervallo, viene visualizzato un Flag/Avviso per tutti i pozzetti contenenti la miscela standard, dal momento che i valori Ct non vengono calcolati e la miscela standard non è valida. Significa che il saggio di controllo non funziona correttamente EXO_FAIL: questo Flag/Avviso viene visualizzato se il saggio di controllo esogeno in uno qualsiasi dei pozzetti contenenti la miscela standard è < 30, in quanto potrebbe significare che sono presenti contaminanti della PCR nella miscela. Se il saggio di controllo esogeno fallisce quando una reazione FAM fallisce in uno qualsiasi dei pozzetti contenenti la miscela standard, viene visualizzato il Flag/Avviso EXO_FAIL. Pagina 18 di 40

19 Indica un problema riguardante il saggio, che potrebbe indurre risultati falsi negativi. La miscela standard non è comunque più valida perché la reazione FAM è fallita DELTA_CT_OUT_OF_RANGE: se i valori Ct della miscela standard rientrano nei valori indicati nella Tabella 7 ± 2,00, nel report generato dal software verranno classificati come validi. Se il Ct supera l'intervallo atteso, verrà indicato uno stato non valido e verrà visualizzato questo Flag/Avviso. Indica un problema riguardante un saggio, che potrebbe indurre risultati falsi EXO_CONTROL_INVALID: nei pozzetti contenenti i controlli NTC, il saggio di controllo esogeno deve generare un risultato positivo per tutti gli 8 pozzetti (Ct < 41). Se si ottiene un risultato negativo, viene visualizzato questo Flag/Avviso e viene indicato uno stato non valido. Indica un problema riguardante il saggio, che potrebbe indurre risultati falsi TARGET_CHANNEL_INVALID: negli 8 pozzetti contenenti il controllo NTC, il risultato FAM deve essere negativo (Ct > 38). Qualsiasi amplificazione indicherebbe una contaminazione. Un risultato positivo provocherà la visualizzazione di questo Flag/Avviso e il controllo NTC verrà segnalato come non valido Se lo stato di uno dei pozzetti contenenti la miscela standard o di uno dei pozzetti contenenti il controllo NTC è non valido, nel campo Run Summary Result viene visualizzato il risultato riepilogativo Run Invalid. I nomi dei campioni e i valori Ct dei controlli verranno indicati nella tabella Sample Result Table, tuttavia lo stato delle mutazioni sarà invalid. La miscela standard indica che tutti i saggi funzionano correttamente. In caso contrario, i risultati ottenuti per le mutazioni sarebbero falsi positivi o falsi negativi. Il controllo NTC indica l'assenza di contaminanti nelle soluzioni Master Mix e anche che il controllo esogeno funziona nel modo previsto Qualora il software LightCycler Adapt dovesse visualizzare un messaggio di errore, fare riferimento al paragrafo 12 relativo all'assistenza tecnica. 7. Risultati dei campioni 7.1. Nella tabella Sample Result Table sono indicati i nomi dei campioni, provenienti dal software LightCycler 480, e i valori Ct dei saggi di controllo Il software LightCycler 480 Adapt calcola i valori Ct e determina se un campione è positivo o negativo alle mutazioni sulla base dei valori di cut-off 1% riportati nella Tabella 9. Pagina 19 di 40

20 Tabella 9. Valori di cut-off 1% nel software LightCycler Adapt Saggio Delta Ct 1% 12ALA 6,25 12ASP 7,72 12ARG 6,83 12CYS 6,95 12SER 8,95 12VAL 6,5 13ASP 9, Se il valore Ct di una mutazione è al si sotto del valore corrispondente di cut-off Ct 1%, il campione è definito positivo alla mutazione. Nel report del software LightCycler Adapt verrà indicata la mutazione riscontrata, ma soltanto quella. Se i valori Ct positivi sono 2, nel report verrà indicato il valore minore tra i due. Si presuppone infatti che il secondo valore sia causato dalla reattività crociata di un primer di mutazione legatosi e innescatosi da un'altra mutazione. Nei rari casi in cui viene riscontrata una doppia mutazione, la decisione clinica è comunque identica ai casi di mutazione singola Se i valori Ct del campione sono maggiori dei valori Ct 1%, il campione viene definito negativo alla mutazione (potrebbe contenere una mutazione, ma al di sotto dei limiti di sensibilità del kit) Flag/Avvisi Il software LightCycler Adapt genera un report con i Flag/Avvisi relativi ai campioni e li riassume nella tabella Sample Result Table descritta di seguito (vedere la Tabella 10). Tabella 10. Flag/Avvisi relativi ai campioni nel software LightCycler Adapt Flag/Avviso Significato REP_DILUTION Il Ct del controllo è < 24 CONF_LEVEL Il Ct del controllo è > 28,9 e non è stata riscontrata nessuna mutazione LIMITED Il Ct del controllo è > 35 EXO_FAIL Il saggio di controllo esogeno ha fallito quando la reazione FAM ha fallito in una reazione di mutazione, oppure il Ct del controllo esogeno è < 30. FAIL Il software non è in grado di generare una curva positiva o negativa Il significato di questi Flag/Avvisi è spiegato più dettagliatamente di seguito: REP_DILUTION: Ct controllo < 24. I saggi sono stati convalidati per un livello di DNA che genera un Ct maggiore di o uguale a 24. Se un campione genera un Ct del saggio di controllo più basso, è necessario diluirlo affinché possa rientrare nell'intervallo valido. Pagina 20 di 40

Results Transcriptomics at a glance

Results Transcriptomics at a glance Metodi e tecniche di laboratorio II. Genomica APPLICAZIONI DELLA REAL-TIME PCR Diabetes and AM Project workflow Results Transcriptomics at a glance 33 of the 92 (36% 36%) AM genes analyzed showed a significant

Dettagli

Metodica fu ideata nel 1983

Metodica fu ideata nel 1983 Metodica fu ideata nel 1983 PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando i principi

Dettagli

1 Finalità d uso. 5 Stabilità e modalità di conservazione. 2 Principio del test. 6 Materiali e strumenti addizionali richiesti e non forniti

1 Finalità d uso. 5 Stabilità e modalità di conservazione. 2 Principio del test. 6 Materiali e strumenti addizionali richiesti e non forniti MYCHLE v.3 1 Finalità d uso RealCycler MYCHLE è un kit di reagenti che permette la rilevazione qualitativa per Real-time PCR del DNA di Mycoplasma pneumoniae, Chlamydophila pneumoniae spp. in campioni

Dettagli

Protocollo Crime Scene Investigation

Protocollo Crime Scene Investigation Protocollo Crime Scene Investigation Precauzioni da adottare in laboratorio: - non mangiare o bere - indossare sempre i guanti quando si maneggiano i tubini, i gel, le micropipette - nel dubbio, chiedere!

Dettagli

Pellet cellulare. Vortexare per 10-30 sec. Riscaldare il campione in un termoblocco per 10 min a 100 C

Pellet cellulare. Vortexare per 10-30 sec. Riscaldare il campione in un termoblocco per 10 min a 100 C PrepMan Ultra Sample Preparation Reagent Guida Rapida Per informazioni sulla sicurezza far riferimento alla sezione Safety del PrepMan Ultra Sample Preparation Reagent Protocol (PN 4367554). Per tutti

Dettagli

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica

AlphaReal BREAST Scheda Tecnica AlphaReal BREAST Scheda Tecnica A3 DS RT 607 ARBreast_01_2015.doc Pag. 1 di 5 Rev. 01 del Gennaio 2015 Prodotto: AlphaReal BREAST Codice prodotto: RT-607.05.20 / RT-607.10.20 N Tests: 5/10 tests Destinazione

Dettagli

1 Finalità d uso. 4 Contenuti. 2 Principio del test. 5 Stabilità e modalità di conservazione

1 Finalità d uso. 4 Contenuti. 2 Principio del test. 5 Stabilità e modalità di conservazione HERPLX v.2 1 Finalità d uso RealCycler HERPLX è un kit di reagenti che permette la rilevazione qualitativa per Real-time PCR del DNA di Herpesvirus tipo 1 (HSV1), Herpesvirus tipo 2 (HSV2), virus Varicella-Zoster

Dettagli

Istruzioni d uso. BAG Cycler Check. REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori

Istruzioni d uso. BAG Cycler Check. REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori Istruzioni d uso BAG Cycler Check REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori pronto all uso, prealiquotato Indice 1. Descrizione del

Dettagli

Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675

Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675 Orga Bio Human S.r.l. DIREZIONE E UFFICI: Via Amsterdam 75, 00144 Roma Tel/fax: 06 99701675 SEDE LEGALE: Via Helsinki 21, 00144 Roma Tel. 06 97998273; Fax 06 52246148 e-mail: orgabiohuman@fastwebnet.it

Dettagli

Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E

Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E possibile scegliere selettivamente cosa amplificare (specificità)

Dettagli

ZytoLight SPEC ERG Dual Color Break Apart Probe

ZytoLight SPEC ERG Dual Color Break Apart Probe ZytoLight SPEC ERG Dual Color Break Apart Probe IVD Dispositivo medico-diagnostico in vitro Produttore: ZytoVision GmbH Codice: Z-2138-200 (0.2ml).. Per l identificazione della traslocazione che coinvolge

Dettagli

7900003 24 test Circulating Tumor Cell Control Kit

7900003 24 test Circulating Tumor Cell Control Kit 7900003 24 test Circulating Tumor Cell Control Kit 1 IMPIEGO PREVISTO Per uso diagnostico in vitro Il Kit CELLSEARCH Circulating Tumor Cell Control è stato formulato per essere utilizzato come controllo

Dettagli

Metodi di analisi mutazionale

Metodi di analisi mutazionale Metodi di analisi mutazionale I metodi impiegati per l analisi di mutazioni o polimorfismi nel DNA genomico possono essere suddivise in due principali categorie: (1) metodi per individuare mutazioni note,

Dettagli

Analisi mutazionale di K-RAS metodiche a confronto

Analisi mutazionale di K-RAS metodiche a confronto Analisi mutazionale di K-RAS metodiche a confronto Aula Magna Villa Sironi Gallarate 16 ottobre Dott. Carmelo Lupo Coordinatore Tecnico Anatomia Patologica e Patologia Molecolare Oncologica PERCHÉ K-RAS

Dettagli

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 POS VIR 003 INT rev. 0 del 05/02/2008 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): TERMINATORE NOS

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 POS VIR 003 INT rev. 0 del 05/02/2008 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): TERMINATORE NOS BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 Redatto: U.Marchesi Verificato Responsabile Struttura Semplice: I.M.Ciabatti Verificato RQ: M.Guarducci Approvato Responsabile di Struttura Complessa: D.amaddeo BIOTECNOLOGIE

Dettagli

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 POS VIR 017 INT rev. 1 del 19/06/2009 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): MONITOR PCR LECTINA

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 POS VIR 017 INT rev. 1 del 19/06/2009 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): MONITOR PCR LECTINA BIOTECNOLOGIE pag 1 di 11 Redatto: F.Gatto Verificato Responsabile Struttura Semplice: I.Ciabatti Verificato RQ: M.Guarducci Approvato Responsabile di Struttura Complessa: D.Amaddeo BIOTECNOLOGIE pag 2

Dettagli

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 12 POS VIR 011 INT rev. 2 del 19/06/2009 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): MAIS EVENTO DAS1507

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 12 POS VIR 011 INT rev. 2 del 19/06/2009 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): MAIS EVENTO DAS1507 BIOTECNOLOGIE pag 1 di 12 Redatto: F.Gatto Verificato Responsabile Struttura Semplice: I.Ciabatti Verificato RQ: M.Guarducci Approvato Responsabile di Struttura Complessa: D.Amaddeo BIOTECNOLOGIE pag 2

Dettagli

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 12 POS VIR 001 INT rev. 0 del 05/02/2008 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): MONITOR PCR HMG

BIOTECNOLOGIE pag 1 di 12 POS VIR 001 INT rev. 0 del 05/02/2008 ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI (OGM): MONITOR PCR HMG BIOTECNOLOGIE pag 1 di 12 Redatto: F.Gatto Verificato Responsabile Struttura Semplice: I.M.Ciabatti Verificato RQ: M.Guarducci Approvato Responsabile di Struttura Complessa: D.Amaddeo BIOTECNOLOGIE pag

Dettagli

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Per la purificazione del DNA genomico proveniente dai kit di prelievo Oragene e ORAcollect. Per le istruzioni

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO Documento redatto da: Dott.ssa T.Venesio, Dr.ssa A. Balsamo - Laboratorio di Patologia

Dettagli

Note Tecniche al LightCycler Selezione di sonde di ibridazione per LightCycler. Olfert Landt e Andreas Nitsche, TIB MOLBIOL, Berlino

Note Tecniche al LightCycler Selezione di sonde di ibridazione per LightCycler. Olfert Landt e Andreas Nitsche, TIB MOLBIOL, Berlino Note Tecniche al LightCycler Selezione di sonde di ibridazione per LightCycler Olfert Landt e Andreas Nitsche, TIB MOLBIOL, Berlino 1. Introduzione Scopo di questa nota La detezione di amplicon specifici

Dettagli

ZytoLight SPEC ALK Dual Color Break Apart Probe

ZytoLight SPEC ALK Dual Color Break Apart Probe ZytoLight SPEC ALK Dual Color Break Apart Probe Z-2124-200 20 (0.2 ml) Z-2124-50 5 (0.05 ml) Per la rilevazione della traslocazione che coinvolge il gene ALK a 2p23 mediante ibridazione in situ fluorescente

Dettagli

ZytoLight SPEC ALK/EML4 TriCheck Probe

ZytoLight SPEC ALK/EML4 TriCheck Probe ZytoLight SPEC ALK/EML4 TriCheck Probe Z-2117-200 Z-2117-50 20 (0.2 ml) 5 (0.05 ml) Per la rilevazione del riarrangiamento dei geni ALK- EML4 mediante ibridazione in situ fluorescente (FISH).... Dispositivo

Dettagli

Metodiche Molecolari

Metodiche Molecolari Metodiche Molecolari La rivelazione degli acidi nucleici virali è un altro saggio che può essere utilizzato sia per verificare la presenza di un virus in un determinato campione biologico, sia per studiare

Dettagli

ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe

ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe Z-2015-200 Z-2015-50 20 (0.2 ml) 5 (0.05 ml) Per la rilevazione del gene umano HER2 e degli alfa-satelliti del cromosoma 17 mediante ibridazione in situ fluorescente

Dettagli

Test per il rilevamento o la quantificazione tramite PCR in real-time di Legionella spp. e Legionella pneumophila nei campioni di acqua

Test per il rilevamento o la quantificazione tramite PCR in real-time di Legionella spp. e Legionella pneumophila nei campioni di acqua iq-check Screen Legionella spp. Kit Codice #: 357-8104 iq-check Quanti Legionella spp. Kit Codice #: 357-8102 iq-check Screen L. pneumophila Kit Codice #: 357-8105 iq-check Quanti L. pneumophila Kit Codice

Dettagli

AMFETAMINE urinarie in Fluorimetria - Cod. Z43010 (3,4-MDMA (Ecstasy), 3,4-MDA e 3,4-MDE) Metodo di conferma HPLC

AMFETAMINE urinarie in Fluorimetria - Cod. Z43010 (3,4-MDMA (Ecstasy), 3,4-MDA e 3,4-MDE) Metodo di conferma HPLC AMFETAMINE urinarie in Fluorimetria - Cod. Z43010 (3,4-MDMA (Ecstasy), 3,4-MDA e 3,4-MDE) Metodo di conferma HPLC INTRODUZIONE La MDMA (Ecstasy) è una droga sintetica psicoattiva con una lunga storia di

Dettagli

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR)

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) PCR: reazione polimerasica a catena Inventata da Kary Mullis negli anni 80 (premio Nobel 1993) Serve per ottenere una grande quantita

Dettagli

Maxwell 16 Blood DNA Purification System

Maxwell 16 Blood DNA Purification System Manuale Tecnico Maxwell 16 Blood DNA Purification System Attenzione maneggiare le cartucce con attenzione, le estremità dei sigilli possono essere taglienti. 2800 Woods Hollow Rd. Madison, WI USA Dispositivo

Dettagli

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993).

PCR - Polymerase Chain Reaction. ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). End point PCR vs quantitative Real-Time PCR PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando

Dettagli

Quantificazione di. legionella pneumophila. mediante metodo biomolecolare

Quantificazione di. legionella pneumophila. mediante metodo biomolecolare Quantificazione di legionella pneumophila mediante metodo biomolecolare Laboratorio di Epidemiologia Genetica e Genomica di Sanità Pubblica Istituto di Igiene LABORATORIO DI EPIDEMIOLOGIA GENETICA: ATTIVITA

Dettagli

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine)

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) Isolamento e purificazione di DNA e RNA -Rompere la membrana cellulare -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) -Separare gli acidi nucleici tra loro -Rompere la membrana

Dettagli

Materiali e Metodi MATERIALI E METODI

Materiali e Metodi MATERIALI E METODI MATERIALI E METODI 62 1. Pazienti con IBS Per eseguire l analisi del polimorfismo 5HTTLPR è stato necessario ottenere campioni di sangue intero o saliva dai quali estrarre il DNA genomico. A tal fine è

Dettagli

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno Editoriale n.10 Newsletter aprile 2013 Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo alla realtà di ogni giorno Identificare la specie, un obiettivo fondamentale quando

Dettagli

FluoroSpheres Codice n. K0110

FluoroSpheres Codice n. K0110 FluoroSpheres Codice n. K0110 Quinta edizione Sfere di calibrazione per il monitoraggio giornaliero della citometria a flusso. Il kit contiene i reagenti per 40 calibrazioni. (105800-003) K0110/IT/TJU/2010.11.03

Dettagli

Istruzioni per l uso GenDx SBTexcellerator

Istruzioni per l uso GenDx SBTexcellerator Ottavo edizione Luglio 2011 Istruzioni per l uso GenDx SBTexcellerator Sequence-based typing (SBT) per HLA ad alta risoluzione Genome Diagnostics B.V. Telefono: +31 302 523 799 e-mail: info@gendx.com Web:

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

Esperienza 10: la PCR

Esperienza 10: la PCR Esperienza 10: la PCR La tecnica della polimerizzazione a catena (in inglese polymerase chain reaction) o PCR, permette di amplificare milioni di volte un unico frammento di DNA. Questo metodo è diventato

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO. Art. n. 1 Oggetto e quantità della fornitura

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO. Art. n. 1 Oggetto e quantità della fornitura ALLEGATO A GARA PER LA FORNITURA IN SERVICE DI SISTEMI PER LA PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI E PER L ALLESTIMENTO DI REAZIONI DI PRE-PCR E POST-PCR SU PIATTAFORMA ROBOTIZZATA Azienda Ospedaliera di Padova

Dettagli

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica:

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica: DNA Microarray: griglia di DNA costruita artificialmente, in cui ogni elemento della griglia riconosce una specifica sequenza target di RNA o cdna. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di

Dettagli

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR Dott. Paolo Cascio Tecnica della reazione a catena della DNA polimerasi o PCR (Polymerase Chain Reaction) 1) Introdotta da Kary Mullis alla metà degli anni

Dettagli

Software per DNA MATCH IT! - Guida rapida

Software per DNA MATCH IT! - Guida rapida Software per DNA MATCH IT! - Guida rapida Da usare con le analisi HLA SSO IMMUCOR LIFECODES Per uso diagnostico In Vitro 1 LC1497IT.0 (11/14) Questo manuale è stato realizzato per essere usato con il software

Dettagli

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri).

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri). Retrotrascrizione l mrna viene convertito in cdna per mezzo dell enzima trascrittasi inversa (DNA polimerasi RNAdipendenti ricavate dai virus della mieloblastosi aviaria AMV o della leucemia murina di

Dettagli

PCR. (Reazione a catena della polimerasi) ESTRAZIONE del DNA da gel di AGAROSIO. Corso di INGEGNERIA GENETICA, Prof. Renato Fani,

PCR. (Reazione a catena della polimerasi) ESTRAZIONE del DNA da gel di AGAROSIO. Corso di INGEGNERIA GENETICA, Prof. Renato Fani, PCR (Reazione a catena della polimerasi) & ESTRAZIONE del DNA da gel di AGAROSIO Corso di INGEGNERIA GENETICA, Prof. Renato Fani, ESERCITAZIONE DI LAB. N.2 La PCR (Polymerase Chain Reaction) è una tecnica

Dettagli

Metodo di conferma in HPLC

Metodo di conferma in HPLC 9 - TETRAIDROCANNABINOLO-COOH urinario in UV Cod. Z47010 Metodo di conferma in HPLC INTRODUZIONE Il 9 -THC-COOH è il metabolita urinario principale della Cannabis. La sua determinazione di screening nei

Dettagli

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b)

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a) RT-PCR: serve a valutare l espressione di un gene tramite l amplificazione dell mrna da esso trascritto PCR COMPETITIVA: serve a valutare la concentrazione iniziale di DNA o RNA

Dettagli

Lezione XLI-XLII martedì 17-1-2012

Lezione XLI-XLII martedì 17-1-2012 Lezione XLI-XLII martedì 17-1-2012 corso di genomica aula 8 orario : Martedì ore 14.00-16.00 Giovedì ore 13.00-15.00 Esami 31- gennaio 2012 7- febbraio 2012 28 - febbraio 2012 D. Frezza Esercitazione II

Dettagli

HISTO SPOT Sistema SSO

HISTO SPOT Sistema SSO HISTO SPOT Sistema SSO per la tipizzazione HLA Kit HISTO SPOT Strumento MR.SPOT Software HISTO MATCH Sistema completo certificato per uso IVD Le specifiche di HISTO SPOT Principio: blot SSO reverse miniaturizzato

Dettagli

REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI. ( PCR =Polymerase Chain Reaction)

REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI. ( PCR =Polymerase Chain Reaction) REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI ( PCR =Polymerase Chain Reaction) Verso la metà degli anni 80, il biochimico Kary Mullis mise a punto un metodo estremamente rapido e semplice per produrre una quantità

Dettagli

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE)

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) SALVATORE GIRLANDO LABORATORIO PATOLOGIA MOLECOLARE ANATOMIA PATOLOGICA

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

bla bla Documents Manuale utente

bla bla Documents Manuale utente bla bla Documents Manuale utente Documents Documents: Manuale utente Data di pubblicazione lunedì, 14. settembre 2015 Version 7.8.0 Diritto d'autore 2006-2013 OPEN-XCHANGE Inc., Questo documento è proprietà

Dettagli

Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni

Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni dei geni predittivi di risposta alla terapia oncologica Carmelo Lupo Casa di Cura La Maddalena Palermo Test molecolari PREDITTIVI di

Dettagli

Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari Servizio Provveditorato ed Economato. Via Ospedale, 54 09124 Cagliari Tel. 070/6092130 - Fax 070/6092288

Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari Servizio Provveditorato ed Economato. Via Ospedale, 54 09124 Cagliari Tel. 070/6092130 - Fax 070/6092288 Capitolato Tecnico Caratteristiche generali valide per fornitura in oggetto: Offerta tecnica 1.strumentazione la Ditta dovrà indicare la strumentazione che intende proporre che deve essere nuova di ultima

Dettagli

SEQUENZIAMENTO DEL DNA

SEQUENZIAMENTO DEL DNA SEQUENZIAMENTO DEL DNA Il metodo di Sanger per determinare la sequenza del DNA Il metodo manuale La reazione enzimatica Elettroforesi in gel denaturante di poliacrilammide Autoradiografia Il metodo automatico

Dettagli

Kit per la determinazione di contaminazioni in biologia molecolare REF 7091. 40 Reazioni

Kit per la determinazione di contaminazioni in biologia molecolare REF 7091. 40 Reazioni IT Istruzioni d uso Wipe test Controllo di contaminazione Kit per la determinazione di contaminazioni in biologia molecolare REF 7091 40 Reazioni 1. Descrizione del prodotto Per impedire le contaminazioni

Dettagli

ANNESSO I al CONTRATTO N... "FORNITURA E MANUTENZIONE DI STRUMENTI PER LA REAL-TIME POLYMERASE CHAIN REACTION - 2 LOTTI"

ANNESSO I al CONTRATTO N... FORNITURA E MANUTENZIONE DI STRUMENTI PER LA REAL-TIME POLYMERASE CHAIN REACTION - 2 LOTTI Ref. Ares(2014)2178516-01/07/2014 COMMISSIONE EUROPEA CENTRO COMUNE DI RICERCA Istituto per la Salute e la Tutela del Consumatore Unità di Biologia Molecolare e Genomica ANNESSO I al CONTRATTO N... "FORNITURA

Dettagli

Real Time PCR. La PCR Real Time è in grado di misurare in tempo reale la concentrazione iniziale di una sequenza target in un campione biologico.

Real Time PCR. La PCR Real Time è in grado di misurare in tempo reale la concentrazione iniziale di una sequenza target in un campione biologico. eal Time PC La PC eal Time è in grado di misurare in tempo reale la concentrazione iniziale di una sequenza target in un campione biologico. Gli strumenti per PC eal Time, oltre a fungere da termociclatori,

Dettagli

Istruzioni per l uso IVD Matrix HCCA-portioned

Istruzioni per l uso IVD Matrix HCCA-portioned Istruzioni per l uso IVD Matrix HCCA-portioned Matrice purificata per spettrometria di massa a tempo di volo con desorbimento e ionizzazione laser assistita da matrice (MALDI-TOF-MS). I prodotti CARE sono

Dettagli

AQUADIEN Kit Codice #: 357-8121 96 test

AQUADIEN Kit Codice #: 357-8121 96 test AQUADIEN Kit Codice #: 357-8121 96 test Manuale d istruzioni KIT PER L ESTRAZIONE E LA PURIFICAZIONE DI DNA A PARTIRE DA BATTERI CONTENUTI NEI CAMPIONI DI ACQUA SOMMARIO I. INTRODUZIONE II. III. IV. COMPOSIZIONE

Dettagli

Manuale del test digene HPV Genotyping LQ, kit di amplificazione

Manuale del test digene HPV Genotyping LQ, kit di amplificazione Aprile 2010 Manuale del test digene HPV Genotyping LQ, kit di amplificazione 96 Versione 1 Per l amplificazione dei genotipi di papilloma virus umano (HPV) ad alto rischio 613215 1057457IT QIAGEN GmbH,

Dettagli

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro

di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro di Milazzo Gabriele Mangiagli Graziella Paternò Valentina Lomagno Valeria Mangione Enza Prof. C. Di Pietro Polymerase Chain Reaction Inventata a metà degli anni 80 da Kary Mullis, è a tutt oggi uno strumento

Dettagli

Manuale dell'utente del software della stampante

Manuale dell'utente del software della stampante Manuale dell'utente del software della stampante (Canon Compact Photo Printer Solution Disk versione 6) Windows 1 Sommario Precauzioni per la sicurezza...3 Informazioni preliminari...4 Informazioni sui

Dettagli

MycXtra Kit di estrazione per DNA fungino

MycXtra Kit di estrazione per DNA fungino Per uso diagnostico in vitro: MycXtra MycXtra Kit di estrazione per DNA fungino REF 080-005 Uso previsto Il kit di estrazione per DNA fungino MycXtra è studiato per isolare e purificare il DNA fungino

Dettagli

HISTO SPOT On-Call Typing Kit

HISTO SPOT On-Call Typing Kit Istruzioni per l uso HISTO SPOT On-Call Typing Kit REF 726070 Kit per test di tipizzazione tissutale HLA in biologia molecolare 10 test per HLA-A, B, C, DRB1, DRB3/4/5, DQ, DPB1 IVD 0123 Versione: 03/2014

Dettagli

KRAS. Facilità d uso senza confronto. Idylla consente risultati rapidissimi con tempi di intervento minimi da parte dell operatore

KRAS. Facilità d uso senza confronto. Idylla consente risultati rapidissimi con tempi di intervento minimi da parte dell operatore KRAS Facilità d uso senza confronto Circa il 45% di tutti i tumori colorettali metastatici presentano mutazioni degli esoni 2, 3 e 4 dell oncogene KRAS 1. Idylla, il sistema di Biocartis completamente

Dettagli

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING SCOPO DELL'ATTIVITÀ Ciascuno studente estrae il proprio DNA da cellule della mucosa boccale. Quindi, mediante PCR, vengono amplificati frammenti corrispondenti

Dettagli

Dr.ssa Stefania Bruni CPS_ Tecnico di Laboratorio Biomedico Laboratorio di Fisiopatologia Endocrina Azienda Ospedaliero-Universitaria Sant Anna di

Dr.ssa Stefania Bruni CPS_ Tecnico di Laboratorio Biomedico Laboratorio di Fisiopatologia Endocrina Azienda Ospedaliero-Universitaria Sant Anna di Dr.ssa Stefania Bruni CPS_ Tecnico di Laboratorio Biomedico Laboratorio di Fisiopatologia Endocrina Azienda Ospedaliero-Universitaria Sant Anna di Ferrara Diagnostica Molecolare svolta nel Laboratorio

Dettagli

PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale. Esercizio. Tipizzazione del gene PV92

PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale. Esercizio. Tipizzazione del gene PV92 PROGETTO BIOFORM Corso didattico sperimentale Esercizio Tipizzazione del gene PV92 Elementi trasponibili Che cosa sono gli elementi trasponibili? Sono segmenti di DNA che sono in grado di trasferirsi in

Dettagli

GENEQUALITY TAS QF-PCR v.2.0

GENEQUALITY TAS QF-PCR v.2.0 MANUALE D USO GENEQUALITY TAS QF-PCR v.2.0 cod. 04-25R-25B Sistema per la diagnosi di trisomie dei cromosomi 13-18-21 e di aneuploidie dei cromosomi sessuali GQ-TAS_QF-PCR_v.2.0_manuale_i20130911.docx

Dettagli

ABI-7700 User Bulletin #5

ABI-7700 User Bulletin #5 ABI-7700 User Bulletin #5 1. halogen tungsten lamp 2b. emission filters 3. intensifier 5. ccd detector 350,000 pixels 2a. excitation filters 4. sample plate www.biorad.com 3 Real-time qpcr - La fluorescenza

Dettagli

Installazione e utilizzo di Document Distributor 1

Installazione e utilizzo di Document Distributor 1 1 Il software Document Distributor comprende i pacchetti server e client. Il pacchetto server deve essere installato su sistemi operativi Windows NT, Windows 2000 o Windows XP. Il pacchetto client può

Dettagli

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 SISTEMA A SUPPORTO DEI PROCESSI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELLE ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 Copyright 2010 CSIO Società di Informatica

Dettagli

REPORT FINALE DEL PROGETTO III Controllo di qualità nazionale per la valutazione delle mutazioni di RAS nel carcinoma del colon-retto -2014

REPORT FINALE DEL PROGETTO III Controllo di qualità nazionale per la valutazione delle mutazioni di RAS nel carcinoma del colon-retto -2014 REPORT FINALE DEL PROGETTO III Controllo di qualità nazionale per la valutazione delle mutazioni di RAS nel carcinoma del colon-retto -2014 Il Comitato Scientifico AIOM e SIAPEC-IAP ha organizzato per

Dettagli

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/ MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http:///ecdl/powerpoint/ INTERFACCIA UTENTE TIPICA DI UN SOFTWARE DI PRESENTAZIONE APERTURA E SALVATAGGIO DI UNA PRESENTAZIONE

Dettagli

III giorno: Da questo punto in poi, per entrambe le tipologie di campioni, si segue un protocollo comune:

III giorno: Da questo punto in poi, per entrambe le tipologie di campioni, si segue un protocollo comune: III giorno: 1) Estrazione del DNA genomico da campioni SECCHI e da coltura liquida 2) Preparazione del gel di agarosio 3) Corsa del DNA genomico in gel di agarosio e sua visualizzazione 4) PCR del DNA

Dettagli

PCR. PCR o reazione di polimerizzazione a catena. Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte

PCR. PCR o reazione di polimerizzazione a catena. Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte PCR Prof.ssa Flavia Frabetti PCR o reazione di polimerizzazione a catena Fine anni 80 Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte Permette di estrarre

Dettagli

Scheda 1 Miglioramento della visualizzazione degli elementi del desktop

Scheda 1 Miglioramento della visualizzazione degli elementi del desktop Scheda 1 Miglioramento della visualizzazione degli elementi del desktop 1A - USO DEL PROFILO UTENTI Quando si procede all adattamento di un pc per le esigenze di una persona ipovedente, è utile sfruttare

Dettagli

bla bla Documenti Manuale utente

bla bla Documenti Manuale utente bla bla Documenti Manuale utente Documenti Documenti: Manuale utente Data di pubblicazione mercoledì, 25. febbraio 2015 Version 7.6.2 Diritto d'autore 2006-2013 OPEN-XCHANGE Inc., Questo documento è proprietà

Dettagli

KIT FACTOR II (PROTHROMBIN) G20210A

KIT FACTOR II (PROTHROMBIN) G20210A KIT FACTOR II (PROTHROMBIN) G20210A REF Da utilizzarsi con lo strumento LightCycler 2.0 (numeri di serie 1415001 e successivi) 03 610 195 001 Kit sufficiente per 32 reazioni per un massimo di 30 campioni

Dettagli

METADONE ed EDDP urinari in GC-MS Cod. GC48010. Metodo di conferma in GC-MS

METADONE ed EDDP urinari in GC-MS Cod. GC48010. Metodo di conferma in GC-MS METADONE ed urinari in GC-MS Cod. GC48010 Metodo di conferma in GC-MS INTRODUZIONE Il metadone è un oppioide sintetico utilizzato come farmaco di elezione nella disintossicazione da eroina (e/o oppiacei).

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA INDICE SOFTWARE PER

Dettagli

CellSolutions General Cytology Preservative

CellSolutions General Cytology Preservative CellSolutions General Cytology Preservative Codice di catalogo: C-101 (10 ml fiala) C-101-25 (25 x 10 ml fiale) C-101-200 (8 x 25 x 10 ml fiale) C-101-500 (20 x 25 x 10 ml fiale) C-101L (1 L) C-101G (4

Dettagli

Manuale Utente del Software per il Sistema di Trattamento delle apnee notturne

Manuale Utente del Software per il Sistema di Trattamento delle apnee notturne Manuale Utente del Software per il Sistema di Trattamento delle apnee notturne Pagina ii Avvisi Revisione 103483 Rev A Pubblicato in data 8 febbraio 2013 Sostituisce tutte le versioni precedenti. Avviso

Dettagli

Table of Contents. iii

Table of Contents. iii Rebit 5 Help Table of Contents Guida introduttiva... 1 Come creare il primo punto di recupero... 1 Cosa fa Rebit 5?... 1 Funzioni di Rebit 5... 1 Creazione del primo punto di ripristino... 3 Cosa sono

Dettagli

Guida per l'utente V. 1.9.0.0 e successive

Guida per l'utente V. 1.9.0.0 e successive Progeny Imaging Guida per l'utente V. 1.9.0.0 e successive Rappresentante UE Codice articolo: 00-02-1660 CE Partner 4U ECN: P2436 Esdoornlaan 13 REV.A 3851 DB Maarn Paesi Bassi 0120 Sommario 1 Informazioni

Dettagli

IVD. IVD Diagnostici in Vitro. ThromboFil

IVD. IVD Diagnostici in Vitro. ThromboFil IVD IVD Diagnostici in Vitro ThromboFil Genotipizzazione molecolare del Fattore V di Leiden, Fattore II, MTHFR C677T, MTHFR A1298C attraverso Multiplex PCR / elettroforesi capillare Codice MDS-PTF-001

Dettagli

C V C. Istruzioni per l'uso del Biofortuna SSPGo TM HLA No Template Control Kit BF-40-02. Revisione 2. Luglio 2014

C V C. Istruzioni per l'uso del Biofortuna SSPGo TM HLA No Template Control Kit BF-40-02. Revisione 2. Luglio 2014 DOT136v1 Instructions for Use Biofortuna SSPGo TM HLA No Template Control Kit BF-40-02 Pagina 1 di 7 Istruzioni per l'uso del Biofortuna SSPGo TM HLA No Template Control Kit BF-40-02 Revisione 2 Luglio

Dettagli

Manuale utente PDFONE

Manuale utente PDFONE Manuale utente PDFONE Servizio GEDCONS Societàcon socio unico, soggetta ad attività di direzione e coordinamento (ex art. 2497 bis c.c.) da parte di Credito Emiliano SpA INDICE CENNI SULL ORDINAMENTO DELLE

Dettagli

Apros s.r.l. è lieta di presentarvi

Apros s.r.l. è lieta di presentarvi Apros s.r.l. è lieta di presentarvi Apros Configurator è uno strumento facile ed intuitivo nel suo utilizzo, che vi permetterà di realizzare in breve tempo il dimensionamento di canne fumarie e renderà

Dettagli

RIDASCREEN FAST T-2 Toxin

RIDASCREEN FAST T-2 Toxin RIDASCREEN FAST T-2 Toxin Saggio immunoenzimatico per l analisi quantitativa della tossina T-2 Cod. R5302 Test in vitro Conservare a 2-8 C R-Biopharm AG, Darmstadt, Germany Tel.: +49 (0) 61 51 81 02-0

Dettagli

Istruzioni per l uso HISTO SPOT SSO Kit

Istruzioni per l uso HISTO SPOT SSO Kit Istruzioni per l uso HISTO SPOT SSO Kit Kit per test di tipizzazione tissutale HLA in biologia molecolare 96 Tipizzazioni IVD 0123 REF 726010: HISTO SPOT A Versione: 05/2012 REF 726020: HISTO SPOT B REF

Dettagli

Personalizzazione del PC

Personalizzazione del PC È la prima volta che utilizzi Windows 7? Anche se questa versione di Windows è molto simile a quella precedente, potrebbero tornarti utili alcune informazioni per partire a razzo. Questa Guida contiene

Dettagli

Istruzioni d uso HISTO TYPE SSP Kits Bassa risoluzione

Istruzioni d uso HISTO TYPE SSP Kits Bassa risoluzione Istruzioni d uso HISTO TYPE SSP Kits Bassa risoluzione 0123 Kits per la tipizzazione tissutale degli alleli HLA (Classe I: HLA-A, B, C e Classe II: HLA-DR, DQ) in biologia molecolare IVD 20 tipizzazioni

Dettagli

Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi basati sulla ricerca del DNA e delle proteine

Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi basati sulla ricerca del DNA e delle proteine Università degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN LEGISLAZIONE ALIMENTARE Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi

Dettagli

1. DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

1. DESCRIZIONE DEL PRODOTTO Istruzioni per l uso HISTO SPOT SSO Kit Kit per test di tipizzazione tissutale HLA in biologia molecolare 96 Tipizzazioni IVD 0123 REF 726010: HISTO SPOT A 4D (96 test) Versione: 11/2013 REF 726020: HISTO

Dettagli

Metodi di analisi di OGM

Metodi di analisi di OGM Metodi di analisi di OGM Roberta Onori Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale per la Qualità degli Alimenti e per i Rischi Alimentari Quadro normativo Attività Pre-marketing Indag ini sulla esposizione

Dettagli