Pubblicazione di informazione scientifica oncologica LO/0904/2008. Update 38 MOPP. Medical Oncology Progress & Perspectives

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pubblicazione di informazione scientifica oncologica LO/0904/2008. Update 38 MOPP. Medical Oncology Progress & Perspectives"

Transcript

1 Pubblicazione di informazione scientifica oncologica LO/0904/2008 Update 38 a cura del GISCAD MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives

2 EDIZIONI TECNOGRAF S.a.s. Via Piave, Canegrate (MI) Tel. (+39) Fax (+39) Tutti i diritti riservati. È vietato riprodurre, archiviare in un sistema di riproduzione o trasmettere sotto qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico, per fotocopia, registrazione o altro, qualsiasi parte di questa pubblicazione senza autorizzazione scritta dell Editore. L Editore non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi lesione e/o danno a persona o beni in quanto responsabilità di prodotto, negligenza o altrimenti, oppure a operazione di qualsiasi metodo, prodotto, istruzione o idea contenuti nel materiale di cui trattasi. A causa del rapido progresso nella scienza medica, l Editore raccomanda la verifica indipendente delle diagnosi e del dosaggio dei medicinali. Progetto grafico: Tecnograf s.a.s. Stampato in Italia da Tecnograf s.a.s. Edizione speciale fuori commercio riservata ai Sigg. Medici In copertina Edouard Manet - Giovane bionda dal seno scoperto 1878

3 Pubblicazione di informazione scientifica oncologica Update 38 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives a cura del GISCAD

4

5 Medical Oncology Progress & Perspectives Update 38 EDITORIALE - GISCAD: I BUONI PROPOSITI PER IL 2011 Roberto Labianca Un anno di oncologia in pillole Alberto Sobrero & Roberto Labianca 7 Progetto Europeo TEMPO Marco Pirovano, Alessia Nasisi, Donata Tabiadon 13 INTERVISTA A: Francesco Graziano Farmacogenetica: nuova frontiera della ricerca clinica? Fabio Galli, Sara Amodeo, Dario Castiello, Serena Romano, Eliana Rulli 17 Novità nel trattamento dei tumori polmonari non microcitomi Sheila Piva, Marina Chiara Garassino 19 Novità nel trattamento dei tumori neuroendocrini gastro-intestinali Carlo Carnaghi 27 SPAZIO GISCAD 33

6

7 EDITORIALE: GISCAD: I BUONI PROPOSITI PER IL 2011 Come Presidente del GISCAD e come ogni buon padre di famiglia, all inizio dell anno in corso ho sentito il bisogno di formulare una serie di intendimenti per i mesi che ci aspettano. Su questi propositi non mancheremo di impostare il lavoro del Gruppo per il 2011 e di richiedere la collaborazione delle altre realtà scientifiche che agiscono nel nostro Paese. Allora: Giuro che continueremo a tenere alta la bandiera della ricerca clinica indipendente In ogni caso, non rinunceremo a stimolare le industrie farmaceutiche ad ascoltare le proposte innovative generate dai clinici Sicuramente daremo grande attenzione alle idee dei giovani Come sempre, stimoleremo il dialogo con gli altri Gruppi Cooperativi AIFA e non solo, pensiamo che le Istituzioni pubbliche debbano continuare a fare la loro parte per finanziare la ricerca indipendente Daremo quindi il consueto contributo di idee e di proposte alle sperimentazioni cliniche sulle neoplasie dell apparato digerente 5

8 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 38 Forse non arriveremo al Nobel, ma Ostinati come siamo Riusciremo sicuramente a tenere aperto il dibattito E quindi Vedremo importanti progressi, Eccellenti risultati e Rilevanti avanzamenti nelle conoscenze In sostanza, ci impegniamo ad esserci sempre e a tenere aperto il fronte della ricerca indipendente nel settore dei tumori dell apparato gastroenterico naturalmente insieme a tutti voi che ci state leggendo. Roberto Labianca 6

9 UN ANNO DI ONCOLOGIA IN PILLOLE UN ANNO DI ONCOLOGIA IN PILLOLE Alberto Sobrero & Roberto Labianca Direttori Scientifici Convegno Grandangolo un anno di Oncologia Bevacizumab e interferone nel trattamento del carcinoma renale a prognosi buona o intermedia: analisi della sopravvivenza. Escudier B et al. J Clin Oncol 2010; 28: Il beneficio in termini di PFS (10.2 mesi vs 5.4 mesi, HR 0.63) prodotto della associazione tra bevacizumab e interferone in pazienti con carcinoma renale avanzato non pretrattati è noto da circa due anni (Lancet 2007; 370: ). I dati di sopravvivenza, endpoint primario dello studio AVOREN, non erano ancora noti: 21 mesi in entrambi i bracci. I risultati dello studio non chiariscono completamente i motivi del mancato vantaggio in sopravvivenza. Rimane da stabilire la miglior sequenza di trattamento per pazienti con neoplasia renale avanzata. Gemcitabina e cisplatino: nuovo standard terapeutico nel carcinoma delle vie biliari avanzato. Valle J et al. N Engl J Med 2010; 362: Lo studio ABC 0-2 confronta l outcome in oltre 400 pazienti con neoplasia avanzata, randomizzati a ricevere una combinazione di gemcitabina e cisplatino (Gem 1000 mg/mq g 1,8 + CDDP 25 mg/mq g 1,8 q21) vs sola gemcitabina (1000 mg/mq g 1, 8, 15 q28). Il vantaggio in sopravvivenza (HR 0.64) risultava indipendente dall estensione della malattia (localmente avanzato vs metastatico), dalla sede della neoplasia primitiva e dal PS iniziale del paziente. Va praticato un drenaggio biliare esterno a pazienti con neoplasia cefalo-pancreatica in attesa di chirurgia? Van der Gaag NA et al. N Engl J Med 2010; 362: pazienti sono stati randomizzati all iniziale posizionamento per via endoscopica di stent biliare (N=106) seguito entro 4-6 settimane da chirurgia o a chirurgia immediata con finalità radicale (N=96). Endpoint primario dello studio era il tasso di complicazioni severe, derivanti dalla procedura di drenaggio o della stessa procedura chirurgica. Lo studio ha dimostrato che in pazienti con ittero da compressione sulle vie biliari la chirurgia immediata è più vantaggiosa di quella differita, con un minor tasso complessivo di complicanze (39% vs 74%, HR 0.54), ed un ridotto tasso di complicanze chirurgiche (37% vs 47%, HR 0.71). 7

10 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 38 Imatinib mesilato per pazienti con GIST avanzato: 400 o 800 mg/die? I dati dell analisi MetaGIST. MetaGIST Analysis Group J Clin Oncol 2010, [Epub ahead of print] La metanalisi dei due studi randomizzati dimostra e conferma un modesto, non significativo, vantaggio in sopravvivenza libera da progressione per pazienti trattati con dose iniziale di 800 mg/die. Il solo fattore predittivo di vantaggio in PFS e OS per dose iniziale elevata si riprova essere la mutazione di KIT nell esone 9. Cetuximab combinato a carboplatino e taxano nel trattamento di prima linea di NSCLC avanzato: un passo indietro? Lynch TJ et al. Khambata-Ford S et al. J Clin Oncol 2010; 28: J Clin Oncol 2010; 28: Pur confermando un vantaggio in termini di risposta, l aggiunta di cetuximab alla combinazione di carboplatino e taxano conferma un noto profilo sfavorevole in termini di tossicità e non conferisce alcun vantaggio in sopravvivenza libera da progressione (risultato simile a quello del trial FLEX) ne in sopravvivenza globale (risultato differente a quanto riportato nel trial FLEX). L outcome del trattamento con cetuximab non sembra essere correlato ad alcun determinante biologico. Beneficio della chemioterapia adiuvante per pazienti con carcinoma polmonare: conferma da una metanalisi. NSCLC Meta-analyses Coll. Group Lancet 2010; 375: I dati dimostrano un beneficio marginale ( 4%) del trattamento con chemioterapia in pazienti operati per carcinoma polmonare, indipendentemente dall aver ricevuto anche una trattamento radioterapico, suggerendo che in assenza di comorbidità maggiori, PS deteriorato o altre controindicazioni mediche, il trattamento antiblastico postoperatorio dovrebbe essere considerato nei pazienti operati per neoplasia in stadio IB, II o III. Gefitinib vs cisplatino-docetaxel nel trattamento di prima linea del carcinoma polmonare non a piccole cellule e mutazione del gene EGFR. Mitsudomi T et al. Lancet Oncol 2010; 11: I risultati (HR per PFS = 0.48) sono in linea con quelli di un altro trial giapponese (Mok TS, NEJM 2009) e confermano quanto la scelta del target appropriato sia cruciale nel determinare il beneficio dal trattamento con inibitori delle tirosin-chinasi. Va notato comunque come un terzo circa dei pazienti con mutazione EGFR attivante, non risponda al gefitinib (response rate, gefitinib vs chemioterapia: 62.1% vs 32.2%, p <0.0001). I dati di overall survival non sono ancora maturi. 8

11 UN ANNO DI ONCOLOGIA IN PILLOLE Confronto tra vinflunina e docetaxel nel trattamento di seconda linea del carcinoma polmonare non a piccole cellule. Krzakowsky M, et al. J Clin Oncol 2010 [Epub ahead of print] Nessuna differenza è emersa tra i due trattamenti in termini di tasso di risposta (4.4% vs 5.5%), clinical benefit e qualità di vita. Sebbene sia stata osservata una maggiore incidenza di effetti collaterali (anemia, dolore addominale, stipsi, fatigue) il profilo di tossicità della vinflunina è risultato maneggevole. Vinflunina può pertanto essere considerata un ulteriore opzione nel trattamento di seconda linea del carcinoma polmonare non a piccole cellule. Beneficio dall aggiunta della chemioterapia in donne in postmenopausa con carcinoma mammario endocrino-responsivo e stato linfonodale positivo: ruolo dell Oncotype DX. Albain K, et al. Lancet Oncol 2010; 11: Nessun beneficio in termini di disease-free survival è emerso dall aggiunta della chemioterapia al tamoxifene per le pazienti con basso recurrence score. Viceversa, l analisi multivariata ha mostrato un vantaggio dal CAF nelle pazienti con recurrence score maggiore o uguale a 31. La natura retrospettiva dello studio, la selezione della popolazione esaminata, il regime di chemioterapia impiegato non consentono di trasferire tali risultati nella pratica clinica attuale. La combinazione di lapatinib e trastuzumab nel trattamento del carcinoma mammario HER2 positivo pluritrattato. Blackwell KL, et al. J Clin Oncol 2010; 28: Lo studio EGF ha confrontato l efficacia della monoterapia con lapatinib rispetto alla combinazione lapatinib/trastuzumab in pazienti precedentemente trattate con antracicline, taxani, trastuzumab e in progressione dopo un recente trattamento con trastuzumab per malattia avanzata HER2 positiva. I dati di sopravvivenza si traducono in una riduzione relativa del rischio di morte del 26%. Trastuzumab in combinazione alla chemioterapia: nuovo standard terapeutico nel carcinoma gastrico e della giunzione gastroesofagea HER-2 positivo. Bang YJ et al. Lancet 2010; 376: L utilizzo dell anticorpo monoclonale anti HER-2 in combinazione alla chemioterapia incrementa il tasso di risposta, la PFS e la sopravvivenza, senza procurare svantaggi in termini di qualità di vita. Nella analisi limitata ai pazienti con neoplasia HER-2 3+ in immunoistochimica o HER-2 2+ con FISH amplificata si sono ottenuti i maggiori vantaggi, raggiungendo una sopravvivenza mediana di 16 mesi (vs 11.8 mesi, HR 0.65). 9

12 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 38 5-Fluorouracile vs Gemcitabina nel trattamento postoperatorio del carcinoma pancreatico resecato: i risultati dello studio ESPAC-3. Neoptolemos JP et al. JAMA 2010; 304: Lo studio ha dimostrato una equivalenza per i due regimi utilizzati nel setting adiuvante: nessuna differenza né in parametri di efficacia né negli score di qualità di vita. Si è tuttavia registrato un maggior numero di eventi avversi seri nel braccio di pazienti trattati con FU (14% vs 7.5%, p<0.001). Efficacia della associazione tra panitumumab e chemioterapia nel trattamento del carcinoma colorettale metastatico. Douillard JY et al. Peeters M et al. J Clin Oncol 2010; 28: J Clin Oncol 2010; 28: Quando il panitumumab è combinato ad uno schema di chemioterapia con due farmaci, sia in prima (con oxaliplatino) sia in seconda linea (con irinotecan), si è registrato nella popolazione con carcinoma colorettale KRAS wt un vantaggio in sopravvivenza libera da progressione di circa due mesi e un trend nell aumento di sopravvivenza globale. Nella popolazione KRAS mutata, invece, l utilizzo del panitumumab è detrimentale, in accordo ai dati emersi da altri studi randomizzati. Ipilimumab nel trattamento del melanoma avanzato. Hodi FS et al. N Engl J Med 2010; 363: pazienti con melanoma metastatico HLA-A 0201 positivo, già pretrattati per malattia avanzata, sono stati randomizzati a ricevere ogni tre settimane ipilimumab (3mg/kg), un anticorpo monoclonale anti-ctla-4 che incrementa la risposta del sistema immunitario, un vaccino peptidico gp100 od una combinazione dei due trattamenti. La sopravvivenza a 2 anni è stata del 23.5%, 21.6%, 13.7% rispettivamente, sottolineando l efficacia di ipilimumab. Cabazitaxel: una nuova opportunità terapeutica nel carcinoma prostatico avanzato ormonoresistente. De Bono JS et al. Lancet 2010; 376: Oltre 700 pazienti con carcinoma prostatico avanzato ormonorefrattario pretrattati con docetaxel sono stati randomizzati a ricevere una combinazione di prednisone mitoxantrone o cabazitaxel, un nuovo taxano. Il vantaggio per l utilizzo della combinazione di cabazitaxel ( HR per OS = 0.7 ; per PFS = 0.74) deve essere bilanciato con il maggior rischio di tossicità: neutropenia febbrile (8% vs 1%) e di diarrea (6% vs 1%). Sulla base di questo studio il cabazitaxel è stato approvato dall FDA. 10

13 UN ANNO DI ONCOLOGIA IN PILLOLE KRAS status e trattamento con anti-egfr: tutte le mutazioni predicono resistenza? Il caso della p.g143d. De Roock W et al. JAMA 2010; 304: Nell ipotesi che differenti mutazioni di KRAS predicano differenti gradi di resistenza, gli autori hanno analizzato l associazione tra outcome e presenza di mutazione KRAS sul codone 13 (vs le altre mutazioni) in un dataset di pazienti pretrattati derivato da recenti studi randomizzati. Lo studio di correlazione, retrospettivo e con valore esclusivamente speculativo, propone per la prima volta l esistenza di un gradiente di resistenza agli anti-egfr, piuttosto che un tutto o nulla, in dipendenza dal tipo di mutazione riscontrata nel gene KRAS. Gefitinib vs carboplatino-paclitaxel nel trattamento di prima linea del carcinoma polmonare non a piccole cellule con mutazione del gene EGFR. Maemondo M et al. N Engl J Med 2010; 362: La terapia con gefitinib guadagna una posizione di rilievo nel trattamento di prima linea di pazienti con carcinoma polmonare e mutazione attivante del gene EGFR. Inibizione di ALK (Anaplastic Lymphoma Kinase) nel carcinoma polmonare non a piccole cellule. Kwak EL et al. N Engl J Med 2010; 363: EML4-ALK è un gene di fusione aberrante che codifica per una proteina citoplasmatica con attività chinasica. Crizotinib è un inibitore selettivo delle chinasi ALK e MET che ha dato il 57% di RR in pazienti che avevano già ricevuto 2 o più linee di trattamento, popolazione nella quale il tasso di risposta atteso con la chemioterapia è nella misura del 10%. 11

14 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 38 E per concludere Oncologia, l eredità del 2010: impatto sulla pratica e nuove regole per i farmaci Testo liberamente tratto in sintesi da un intervista di Fabio Fioravanti ad Alberto Sobrero pubblicata su Corriere Medico 2011; Gennaio: pag 8 << A differenza del 2009, nel 2010 non ci sono stati sostanziali cambiamenti degli standard terapeutici, che richiedono un modifica degli algoritmi e che si traducono in variazioni sulla prassi sui malati. Nel 2010 abbiamo avuto soprattutto novità che riguardano l acquisizione di informazioni, che potremmo definire promettenti, ma che non hanno ancora la forza per cambiare lo standard.... Già alla fine del 2009 Alberto Sobrero e Paolo Bruzzi hanno sollevato sul Journal of Clinical Oncology un dibattito che à avuto ampia risonanza a livello mondiale e molto meno a livello nazionale: Incremental advance or seismic shift? The need to raise the bar of efficacy for drug approval. - Sobrero A. Bruzzi P. - J Clin Oncol Dec 10; 27(35): Comment in J Clin Oncol Jul 10; 28(20): e Grande enfasi è stata posta sulla disponibilità dei farmaci biologici e sulle prime dimostrazioni di efficacia ma un altro discorso è quello relativo all impatto sui pazienti. A parte un farmaco superstar (imatinib), per gli altri, gli oncologi parlano di farmaci incrementalisti, certamente importanti ma che non cambiano la pratica. Immettere sul mercato farmaci incrementalisti significa scaricare sull oncologo la responsabilità di scegliere a chi somministrarli, compito che dovrebbe essere delle autorità regolatorie Noi riteniamo al proposito che vada cambiato, o almeno completato il sistema di registrazione oggi basato sull idea del tutto o nulla (o mi guarisci oppure non mi guarisci).. Allora noi diciamo: si all approvazione piena per i farmaci superstar, mentre i farmaci incrementalisti vanno approvati per promuovere nuove ricerche in combinazione con altri farmaci si riconosce la loro potenzialità e si stimola la ricerca di partner farmacologici per superare la soglia di beneficio necessaria ad arrivare sul mercato. >> 12

15 PROGETTO EUROPEO TEMPO (TEMPORAL GENOMICS FOR CHRONO THERAPEUTICS) Progetto Europeo TEMPO (Temporal Genomics for Chrono Therapeutics) Marco Pirovano, Alessia Nasisi, Donata Tabiadon Dipartimento Oncologico, A.O. Ospedale San Carlo Borromeo - Milano Una onesta interpretazione dei dati di letteratura a nostra disposizione riguardanti l indice terapeutico dei farmaci antiblastici induce alcune riflessioni: ancora oggi la nostra conoscenza sulla farmacocinetica e farmacodinamica non è deterministica ma solo probabilistica; questo si traduce nella nostra scarsa affidabilità predittiva nei confronti di tossicità e risposta con evidenti ricadute sui pazienti e sui costi dei trattamenti. In effetti il modello di farmacocinetica che oggi utilizziamo è vecchio di almeno 20 anni e già nei suoi presupposti è macroscopicamente superato. Ancora oggi nel calcolare la dose dei farmaci antiblastici utilizziamo sostanzialmente il BMI, assumendo che: non vi siano differenze interpaziente legate a fattori genetici (geni metabolici), legati al sesso o all età; che nell arco delle 24 ore non vi siano oscillazioni di espressione e trascrizione dei targets molecolari di tossicità e di risposta; che la tossicità stessa della chemioterapia non influenzi la farmacocinetica dei cicli successivi; che il metabolismo del topo maschio da laboratorio sia assimilabile a quello umano. Tutti noi, oggi, sappiamo che questi assunti non sono veri ma non è ancora stato sviluppato un nuovo modello farmacocinetico in grado di integrare tutte queste nuove variabili. Il progetto TEMPO (Temporal Genomics for Chrono Therapeutics) nasce nell anno 2006, all interno del sesto Framework Programme (FP6-STREP project) della Comunità Europea. Il Professor F. Levì, leader europeo negli studi di cronobiologia, Direttore dell INSERM U776 Rythmes biologiques et cancers Unitè de Chronothèrapie, Service de Cancèrologie Hopital Paul Brousse et Universitè Paris XI, decide di creare un network tra alcuni dei principali istituti di ricerca europei (Institut National de la Santè et de la Recherche Mèdicale, INSERM-Villejuif, France; Institut National de Recherche en Informatique et en Automatique, INRIA-Rocquencourt, France; Centre National de la Recherche Scientifique, CNRS-Nice & Roscoff, France; Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Bio-oncologia, Chieti, Italia) e quattro SMEs (Micro, small and medium sized enterprises) che si occupano di ricerca traslazionale (BioSciences, Crèteil, Francia; H.S. Hospital Service, Aprilia-Latina, Italia; Physiomics PLC, Oxford, UK ed INSERM-Trarsfert). L obiettivo generale del progetto TEMPO è quello di migliorare i trattamenti chemioterapici oncologici attraverso la creazione di schedule terapeutiche cronomodulate, personalizzate in base ai ritmi circadiani dei sistemi di detossificazione dei farmaci stessi. 13

16 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 38 I farmaci scelti e studiati nel progetto TEMPO sono due: IRINOTECAN, uno dei chemioterapici maggiormente utilizzati nel trattamento del tumore colorettale in stadio avanzato, farmaco i cui meccanismi d azione e metabolismo sono noti da tempo; SELICICLIB/ROSCOVITINA, un nuovo farmaco, non ancora entrato nella pratica clinica, il cui bersaglio sembrano essere le CDK (chinasi ciclino-dipendenti). Il progetto TEMPO ha integrato dati di cronofarmacogenomica e cronofarmacocinetica del topo (modello murino) con quelli umani e ha definito, utilizzando la modellizzazione matematica (modelli in silico), classi dinamiche omogenee a partire dalle quali si possono disegnare profili ottimali di infusione per Irinotecan e Seliciclib. Le classi dinamiche rappresentano un nuovo concetto: risultano dall identificazione di parametri del soggetto più discriminanti rispetto a quelli attualmente utilizzati nella pratica clinica (peso ed altezza). Il modello biologico attualmente in uso nella comunità medica, infatti, ipotizza una realtà biologica uguale per tutti e completamente scollegata da qualunque ritmicità. E ormai evidente che l efficienza metabolica e catabolica di una cellula è legata alla quantità ed alla qualità dei suoi apparati enzimatici e tali caratteristiche hanno una enorme variabilità interindividuale (fenotipi differenti per geni che codificano per proteine enzimatiche strategiche per il metabolismo di quel dato farmaco) ed intraindividuale (espressione circadiana dei target enzimatici e delle oscillazioni circadiane degli apparati escretori. (Figura1) Obiettivo finale di questo progetto è stato quello di integrare e modellizzare informazioni fenotipiche e traslazionali per ottenere classi di pazienti omogenei per probabilità di risposta e capacità metaboliche; un approccio di questo tipo permetterebbe di avere trattamenti con una più precisa personalizzazione della dose e del tipo di farmaco migliorandone l indice terapeutico (rapporto tra dose efficace e dose tossica) con conseguente netto risparmio di sofferenze per i pazienti e di risorse economiche pubbliche che oggi utilizziamo per la gestione di effetti collaterali di trattamenti inefficaci. Cell division cyc le Circadian tim ing system Repair or apoptosis SCN G2 S M G1 Circadian physiology Repair or apoptosis Molecular clocks Dynamic class Pharmacology determinants Corresponding optimal delivery schedule of irinotecan and seliciclib Figura 1: implicazioni terapeutiche delle interazioni tra il sistema circadiano, il ciclo cellulare e i farmaci. SCN: Nuclei soprachiasmatici, il principale regolatore del ritmo circadiano nell ipotalamo. 14

17 PROGETTO EUROPEO TEMPO (TEMPORAL GENOMICS FOR CHRONO THERAPEUTICS) Questo progetto ha coinvolto 6 gruppi di lavoro (WP) ciascuno con compiti specifici e ben definiti ma tuttavia interattivi fra loro. La maggior parte dei partners del progetto TEMPO hanno già lavorato e pubblicato insieme durante questi ultimi anni e sono fortemente motivati a collaborare per la realizzazione del progetto. WP1 Coordinatore: Franck Delaunay (CNRS Nice) identificazione dei meccanismi molecolari (in vitro) attraverso cui i ritmi circadiani interagiscono ed influenzano l oscillazione degli apparati enzimatici metabolici e catabolici dei farmaci antiblastici (CPT11 e Seliciclib ed i loro metaboliti). WP2 Coordinatore: Francis Lévi (INSERM, Biological rhythms and cancers, University Paris Sud 11, and Medical Oncology, Hospital Paul Brousse, Villejuif, France) analisi, utilizzando modelli matematici (in silico), dell interazione reciproca tra ritmi circadiani e ciclo cellulare e le loro interazioni con il metabolismo dei farmaci con il fine di definire schedule terapeutiche cronomodulate ottimali. WP3 Coordinatore: Jean Clairambault (INRIA Bang and Contraintes projects, Rocquencourt; INSERM U776, Villejuif, France) quantifica del guadagno in termini di indice terapeutico globale ottenuto che deriva dall utilizzo di schedule terapeutiche personalizzate derivanti dalla individuazione di classi dinamiche omogenee (modello murino). WP4 Coordinatore: Marco Pirovano (Dipartimento Oncologico Ospedale San Carlo Borromeo, Milano) correlazione dei dati ottenuti in laboratorio con il modello umano. WP5 Coordinatore: Isabelle Gehart si è occupato dell organizzazione del progetto, delle diverse attività ad esso correlate e del coordinamento dei vari WP. WP6 Coordinatore: Tudor Vujanovich (Helios, Oxford U.K.) ha creato e sta implementando il database dedicato all analisi e meta-analisi dei dati sperimentali ed include le analisi statistiche specifiche. Questo data base sarà il prodotto finale di questo progetto. IL CONTRIBUTO DEL GRUPPO ITALIANO La collaborazione tra il Dipartimento di Farmacologia della Facoltà di medicina di Milano con il Prof. Franco Scaglione e il Prof. Diego Fornasari e il Dipartimento Oncologico dell Ospedale San Carlo Borromeo con il dott. Marco Pirovano, la dott.ssa Alessia Nasisi e il Capo Dipartimento dott.ssa Donata Tabiadon ha permesso la virtuosa interazione tra clinici, farmacologi e farmaco-genetisti. Il principale obiettivo del nostro contributo al progetto TEMPO è stato quello di correlare i polimorfismi dei geni clock con la variabilità di tossicità ed efficacia di Irinotecan nel trattamento del cancro colorettale. La nostra ipotesi di lavoro è che alcuni pazienti, o classi di pazienti, potrebbero trarre beneficio dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici ad una determinata ora in base al loro specifico assetto genico dei geni responsabili della regolazione dei ritmi biologici. Irinotecan, analogo delle camptotechine, inibitore della Topoisomerasi I, è in grado di stabilizzare il complesso topoisomerasi-dna, impedendo così la riparazione del DNA e portando alla morte della cellula. La prima linea di trattamento con irinotecan, 5-fluorouracile ed acido folinico ha incrementato i tassi di sopravvivenza nei pazienti con carcinoma del colon-retto in fase avanzata. Irinotecan ha però diversi effetti collaterali che includono mielosoppressione e diarrea. Recenti studi di farmacogenetica hanno dimostrato che parte della variabilità interindividuale della tossicità di irinotecan può essere spiegata dalla varietà genetica degli enzimi coinvolti nel metabolismo di irinotecan (in particolare UGT1A1). Queste variazioni genetiche potrebbero permetter di stabilire quanto farmaco somministrare a quel determinato paziente ma anche quando somministrarlo. 15

18 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 38 La prima parte del nostro progetto è stata dedicata all identificazione di pazienti che, molto probabilmente, hanno avuto alti gradi di tossicità in relazione a determinati polimorfismi in geni coinvolti nel metabolismo e nella farmacocinetica di irinotecan. Sono stati arruolati 32 pazienti adulti con tumore colorettale metastatico, trattati con irinotecan in monoterapia, parte con modalità cronomodulata (mediante l ausilio di pompe elettroniche Melodie), parte con modalità infusionale continua, presso il reparto di oncologia medica del Professor Levì dell ospedale Paul Brousse di Villejuif (Parigi). Si è reso pertanto necessario soggiornare per qualche mese in Francia al fine di poter consultare le cartelle cliniche relative ai pazienti arruolati. La Dottoressa Alessia Nasisi, dopo aver ottenuto il consenso informato di ogni paziente per il trattamento dei dati personali, ha creato un primo database (il secondo è stato fatto arruolando pazienti con carcinoma colorettale metastatico trattati con polichemioterapia: irinotecan, oxaliplatino, 5-fluorouracile e acido folinico). Il database si compone di fogli excel e contiene informazioni circa i dati anagrafici del paziente, la patologia tumorale e gli interventi chirurgici subiti dal paziente, la terapia chemioterapica con dosi, orari e modalità di somministrazione, ed infine la tossicità ematologica e non, correlata al trattamento chemioterapico. Di ogni paziente sono stati effettuati, dopo consenso informato, uno o più prelievi bioptici sia del tumore primitivo sia, ove possibile, delle sedi di metastasi. Nello studio sono stati presi in considerazione i seguenti parametri: Tossicità dopo chemioterapia con CPT11 Polimorfismi dei geni metabolici del CPT11 (UGT1A1,CES1,ABC1-2) Polimorfismi dei geni clock (Bmal, Clock,Per1,Per2) I campioni bioptici sono stati raccolti e paraffinati presso l ospedale Paul Brousse (Parigi, Francia) e successivamente inviati al Dipartimento di Farmacologia di Milano per le analisi genetiche. Per poter procedere con l analisi genetica, al fine di riconoscere dal blocchetto paraffinato il tessuto sano da quello tumorale, i campioni sono stati tagliati al microtomo (spessore della fetta 5 µm) e le sezioni colorate con ematossilina-eosina. (figure 2-4) Le sezioni colorate con ematossilina ed eosina sono state sovrapposte ai rispettivi tessuti paraffinati e, sulla base delle variazioni morfologiche tra tessuto tumorale e tessuto sano, si è proceduti al prelievo di tessuto con un carotatore discriminando, ove possibile, tra sano e tumorale. Le informazioni ottenute hanno permesso di stabilire alcune evidenze: i polimorfismi dei geni metabolici, presi singolarmente, non correlano con la tossicità. non vi sono differenze genotipiche tra tessuto sano, tumore e metastasi. Le eventuali differenze fenotipiche sarebbero quindi da imputarsi a fenomeni epigenetici. vi è una differenza statisticamente significativa in termini di tossicità tra popolazione maschile e popolazione femminile: le femmine tollerano meglio il CPT11. alcuni geni clock sono coinvolti nella insorgenza di tossicità al CPT11, e in particolar modo un polimorfismo di uno di questi geni predice in maniera assoluta la comparsa di tossicità da CPT11. vi è una differenza statisticamente significativa nel genotipo dei geni clock tra popolazione femminile e maschile. L analisi dell enorme mole di dati generati da questo studio ci terrà impegnati ancora a lungo e speriamo che i risultati possano contribuire alla comprensione dei meccanismi che sottendono la tollerabilità e l efficacia dei farmaci. 16

19 FARMACOGENETICA: NUOVA FRONTIERA DELLA RICERCA CLINICA? INTERVISTA A FRANCESCO GRAZIANO Farmacogenetica: nuova frontiera della ricerca clinica? Intervista a Francesco Graziano Fabio Galli, Sara Amodeo, Dario Castiello, Serena Romano, Eliana Rulli Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri - Milano D: In quale modo la farmacogenetica ha rivoluzionato il concetto di farmacologia? Graziano: Negli ultimi anni sono stati condotti in campo oncologico numerosi studi di tipo farmacogenetico a scopo predittivo e prognostico. La farmacogenetica si basa sullo studio dei polimorfismi nel nostro genoma cioè su variazioni della sequenza genica che si riscontrano comunemente in ogni individuo (un polimorfismo per essere considerato tale deve avere un frequenza nella popolazione >1%) e che nella maggior parte dei casi non comportano alcuna conseguenza funzionale nei vari sistemi biologici cellulari. Una delle forme più comuni di polimorfismo è la sostituzione di base nucleotidica (Single Nucleotide Polymorphism, SNP) che se si verifica in regioni regolatorie o codificanti del gene può determinare differenze inter-individuali nella funzione proteica. Pertanto, due individui potranno avere una differente capacità di eliminare carcinogeni ambientali, oppure potranno rispondere in maniera differente a stimoli esogeni come quelli farmacologici. Per la farmacologia oncologica si è aperta quindi una nuova frontiera: l efficacia e la tossicità dei farmaci oncologici potrebbero essere almeno in parte predefiniti da una specifica analisi di assetto genetico. Sono stati infatti riscontrati vari polimorfismi, sia nelle sequenze geniche coinvolte nella risposta antineoplastica, sia in quelle coinvolte nei meccanismi di attivazione e/o clearance del farmaco. D: Quali sono stati i principali risultati della farmacogenetica? Graziano: I farmaci antiblastici maggiormente studiati in ambito farmacogenetico sono il 5-fluorouracile, l irinotecan e i derivati del platino. Nella maggior parte dei casi, purtroppo, i risultati finora ottenuti in senso predittivo e prognostico sono stati discordanti e, al di fuori dell individuazione di varianti genetiche per il catabolismo dell irinotecan (regione TATA box del promotore del gene UDP-glucorosil-transferasi A1), non abbiamo dati definitivi per un impiego di informazioni farmacogenetiche per definire eventuali strategie terapeutiche in campo oncologico. D: Perché gli studi di farmacogenetica, il cui obiettivo è valutare il ruolo predittivo e/o prognostico dei polimorfismi, hanno dato risultati discordanti? Graziano: Uno dei principali motivi che ha determinato l osservazione di risultati discordanti o in parte deludenti nell ambito della farmacogenetica oncologica è da ricercare nella qualità degli studi finora condotti: studi retrospettivi, eseguiti su un modesto numero di pazienti, spesso con condizioni di eterogeneità della popolazione studiata e delle modalità di analisi farmaco genetica. E chiaro che solo dall analisi di ampie casistiche con arruolamento prospettico randomizzato potrebbero arrivare dei dati definitivi sul ruolo della farmacogenetica oncologica. Purtroppo questo raramente avviene. Probabilmente esiste tuttora una modesta sensibilità da parte dei clinici rispetto a tale problematica che si combina con lo scarso interesse delle aziende farmaceutiche che mirano a destinare il farmaco all intera popolazione e non a delle categorie con determinate caratteristiche geniche. D: Com è possibile superare tali difficoltà? Gli studi ancillari possono risolvere questi problemi? Graziano: La conduzione di uno studio di farmacogenetica oncologica ancillare ad uno studio clinico randomizzato non presenta difficoltà organizzative rilevanti. Non richiede infatti informazioni 17

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO COME E QUANDO GLI ASPETTI TECNICI DEI PROTOCOLLI POSSONO-DEVONO ESSERE OGGETTO-ARGOMENTO DI DECISIONI ETICHE? Fausto Roila Oncologia Medica, Terni NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights 16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights RISULTATI PRELIMINARI STUDIO ITACA Lo studio Itaca è uno studio multicentrico italiano di Fase III che confronta un trattamento chemioterapico tailored

Dettagli

therapies in ii e iii linea?

therapies in ii e iii linea? I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - linee successive chemioterapia o targeted therapies in ii e iii linea? Attualmente i farmaci approvati nel trattamento di II linea del carcinoma

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Negli ultimi anni c è stato un notevole cambiamento nella gestione diagnosticoterapeutica dei soggetti affetti da neoplasia

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale LINEE GUIDA ROL - COLON segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale Sostituisce carcinoma in situ o adenoma intramucoso. Stadio

Dettagli

Lynch TJ, Patel T, Dreisbach L, McCleod M, Heim WJ, Hermann RC, Paschold E, Iannotti NO, Dakhil S, Gorton S, Pautret V, Weber MR, Woytowitz D.

Lynch TJ, Patel T, Dreisbach L, McCleod M, Heim WJ, Hermann RC, Paschold E, Iannotti NO, Dakhil S, Gorton S, Pautret V, Weber MR, Woytowitz D. Lynch TJ, Patel T, Dreisbach L, McCleod M, Heim WJ, Hermann RC, Paschold E, Iannotti NO, Dakhil S, Gorton S, Pautret V, Weber MR, Woytowitz D. Cetuximab and First-Line Taxane/Carboplatin Chemotherapy in

Dettagli

IN II E III LINEA? 216

IN II E III LINEA? 216 NSCLC - linee successive MONO O POLICHEMIOTERAPIA IN II LINEA? 210 CHEMIOTERAPIA O TARgETEd THERAPIES IN II E III LINEA? 216 RuOLO degli INIbITORI del gene di fusione EML4-ALk 222 NSCLC - linee successive

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto Carmelo Lupo RAS-RAF signaling Activation of the RAS-RAF signaling cascade occurs via the following sequential steps 1 : Activation

Dettagli

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò Anticorpi monoclonali Anti-EGFR -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri Valentina Anrò Ruolo Biologico Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Domain Transmembrane Domain

Dettagli

Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile. Erlotinib II linea di terapia. Raccomandazioni d'uso. Documento PTR n.

Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile. Erlotinib II linea di terapia. Raccomandazioni d'uso. Documento PTR n. Documento PTR n.131 Raccomandazioni d'uso Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile Erlotinib II linea di terapia A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO)

Dettagli

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI )

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) 1/7 MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) Nome Commerciale XALKORI Principio Attivo Crizotinib Ditta Produttrice Pfizer Italia Srl ATC L01XE16 Formulazione Capsule rigide Dosaggio 200 mg 250 mg Altri antineoplastici

Dettagli

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia)

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) Raccomandazioni evidence-based Panitumumab Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 36 Ottobre 2014 Direzione

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni

IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO Fausto Roila Oncologia Medica, Terni IL PROBLEMA - CRISI ECONOMICA DEI PAESI INDUSTRIALIZZATI - COSTI SEMPRE PIU ELEVATI DELLA INNOVAZIONE (nuove tecnologie,

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Università di Pisa Dipartimento di Farmacia Corso di laurea in CTF Corso: Basi biochimiche dell azione dei farmaci Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Pisa, 27/03/2014 Samuela Fabiani

Dettagli

Dott. D. Cortinovis. S.C. Oncologia Medica A.O. San Gerardo Monza

Dott. D. Cortinovis. S.C. Oncologia Medica A.O. San Gerardo Monza Algoritmi terapeutici nel NSCLC in stadio avanzato Dott. D. Cortinovis S.C. Oncologia Medica A.O. San Gerardo Monza Il presente slide kit riporta l'esperienza di pratica clinica del Dott. Cortinovis. Per

Dettagli

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici Percorsi e processi organizzativi nei trattamenti integrati dei tumori gastrointestinali Associazione Dossetti Roma, 25-26 ottobre 2011 Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

Le nuove molecole in oncologia prostatica. Gianmauro Numico Direttore SC Oncologia Azienda USL della Valle d Aosta

Le nuove molecole in oncologia prostatica. Gianmauro Numico Direttore SC Oncologia Azienda USL della Valle d Aosta Le nuove molecole in oncologia prostatica Gianmauro Numico Direttore SC Oncologia Azienda USL della Valle d Aosta Castration 2013 Abiraterone 1996 Mitoxantrone 2004 Docetaxel Death Tumor volume Local Therapy

Dettagli

Evento Formativo accreditato ECM

Evento Formativo accreditato ECM Evento Formativo accreditato ECM INCONTRI CON L ESPERTO 2015 Aula Polo Oncologico, 6 ottobre, 10 novembre, 24 novembre 2015 ID ECM 1252-132524 ED. 1 Responsabili Scientifici: Dott. A. Fontana, Dott. A.

Dettagli

Il punto di vista del clinico

Il punto di vista del clinico Il punto di vista del clinico Giulio Metro S.C. Oncologia Medica Ospedale Santa Maria della Misericordia, Azienda Ospedaliera di Perugia Registri di monitoraggio AIFA: stato dell arte ed esperienze a confronto

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome E-mail Lucia Stocchi Cittadinanza Italiana Data di nascita 05-03-1978 Il/La sottoscritta, consapevole delle sanzioni penali e leggi speciali

Dettagli

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO Il rapporto tra ormoni e carcinomi della mammella ormonodipendenti venne dimostrato per la prima volta nel 1896 da Beatson. L ovariectomia determinava

Dettagli

www.medscape.org/viewarticle/805542

www.medscape.org/viewarticle/805542 Lucio Crinò, MD: Salve e benvenuti a questo programma. Sono Lucio Crinò, un oncologo medico di Perugia (Italia). Oggi parleremo degli attuali paradigmi per il trattamento del carcinoma del polmone non

Dettagli

GRUPPO PAZIENTI CON MUTAZIONE DI EGFR

GRUPPO PAZIENTI CON MUTAZIONE DI EGFR Q/A DELLA CHAT del 26/10/2011 GRUPPO PAZIENTI CON MUTAZIONE DI EGFR EURTAC TRIAL 1 Nello studio EURTAC come si spiega un Response Rate così basso della CTx rispetto all atteso dei soggetti EGFR mutati

Dettagli

Tumore del polmone Non Small Cell Lung Cancer, non squamoso (mantenimento dopo I linea)

Tumore del polmone Non Small Cell Lung Cancer, non squamoso (mantenimento dopo I linea) Tumore del polmone Non Small Cell Lung Cancer, non squamoso () Raccomandazioni evidence-based A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 38 Aggiornamento Direzione

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

Terapia in fase Avanzata

Terapia in fase Avanzata IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO 14 OTTOBRE 2011, ROMA Terapia in fase Avanzata Maria Sofia Rosati Oncologia A Policlinico Umberto I Roma Numeri.. e persone!! ***Solo il 56% *50% dei pz con CRC è over 70 degli

Dettagli

Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi

Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi HER2Club in gastric cancer Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi Anche quest anno il consueto appuntamento di aggiornamento per gli oncologi di tutto il

Dettagli

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica Milano, 20 novembre 2015 Dott. Massimo Castoldi Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Medicina di precisione La transizione verso l'era della

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI GEFITINIB ATC L01XE02 (IRESSA ) Presentata da Dott. A. Contu Direttore Oncologia medica ASL 1 Sassari In data luglio 2010 Per le seguenti motivazioni: Iressa è l unico

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea in medicina e chirurgia - Statistica Medica Disegno dello studio

Dettagli

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante RETTO TRATTAMENTO MEDICO 01 Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti che effettuano una terapia medica oncologica e radioterapia post-intervento

Dettagli

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial H TAILR AIFA TArceva Italian Lung ptimization trial ttimizzazione dell erlotinib per il trattamento di pazienti con tumore del polmone avanzato non a piccole cellule: uno studio italiano randomizzato SISSI

Dettagli

Dott. Castellari Sigerio

Dott. Castellari Sigerio Dott. Castellari Sigerio Congresso Terapia Biologica delle patologie neoplastiche e degenerative a cura della Fondazione Di Bella Repubblica di San Marino 16 Gennaio 2010 1 Specialista in Oncologia Generale,

Dettagli

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006 ALLEGATO A Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing Principio attivo ERLOTINIB (Tarceva ) SUNITINIB (Sutent ) SORAFENIB (Nexavar

Dettagli

Tumore del colon-retto metastatico

Tumore del colon-retto metastatico Raccomandazioni d'uso Tumore del colon-retto metastatico Parte B: Cetuximab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

Nel tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC) metastatico o non operabile (I linea di terapia)

Nel tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC) metastatico o non operabile (I linea di terapia) Raccomandazioni evidence-based Afatinib Nel tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC) metastatico o non operabile (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

Specialità: Avastin(Roche spa)

Specialità: Avastin(Roche spa) BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule, non resecabile, avanzato, metastatico o in ricaduta in aggiunta a chemioterapia a base

Dettagli

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO Cetuximab può ridurre la massa tumorale per permettere la resezione delle metastasi, anche, in pazienti inizialmente non resecabili,

Dettagli

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Studio aperto randomizzato multicentrico di fase III di confronto tra il trattamento con Erlotinib (Tarceva ) e la chemioterapia nei pazienti affetti da carcinoma non a piccole

Dettagli

Allegato n 5. Studi clinici controllati condotti dalla Struttura Complessa di Oncologia Medica ed Ematologia nel quinquennio 2003-2007

Allegato n 5. Studi clinici controllati condotti dalla Struttura Complessa di Oncologia Medica ed Ematologia nel quinquennio 2003-2007 Allegato n 5 Studi clinici controllati condotti dalla Struttura Complessa di Oncologia Medica ed Ematologia nel quinquennio 2003-2007 Anno 2003 1. XRP6976/F/2501 Studio randomizzato di fase II che valuta

Dettagli

RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO

RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO Raccomandazione n. 2 - Marzo 2011 INTRODUZIONE La presente Raccomandazione si pone come strumento metodologico di supporto a

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E.

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E. RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E. pag 1 di 4 Randomized Proteomic Stratified Phase III Study of Second Line Erlotinib versus Chemotherapy in Patients with Inoperable Non Small

Dettagli

Stefania Corso 17 ANNI. Una lotta durata una vita

Stefania Corso 17 ANNI. Una lotta durata una vita Stefania Corso 17 ANNI Una lotta durata una vita Stefania Corso, 17 anni Copyright 2015 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR Presentata da Dott. S. Ortu ASL 2 RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI PANITUMAB ATC L01XC08 (VECTIBIX ) In data febbraio 2010 Per le seguenti motivazioni (sintesi): Monoterapia per il trattamento di pazienti

Dettagli

Dott.ssa Chiara Dell Agnola. MdA Oncologia,AOUI Verona

Dott.ssa Chiara Dell Agnola. MdA Oncologia,AOUI Verona Dott.ssa Chiara Dell Agnola MdA Oncologia,AOUI Verona Malattia metastatica La neoplasia del testa-collo si presenta in oltre la metà dei pazienti in stadio avanzato (Stadio III e IV) 40-80% recidiva loco-regionale

Dettagli

Tumori: farmaco immunoterapico efficace contro cancro polmone

Tumori: farmaco immunoterapico efficace contro cancro polmone 1June2015 http://salute.agi.it/farmaci-eterapie/notizie/tumori_farmaco_immunoterapico_efficace_contro_cancro_polmone-201505291356-farrsa1015 Tumori: farmaco immunoterapico efficace contro cancro polmone

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Indice 1. Introduzione 2. Cosa sono le targeted therapies? 3. Come funzionano le targeted therapies? 4. Perché utilizzare le targeted therapies nel

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche la storia di HER2 V. Martin 28 giugno 2011 HER2: Human Epidermal Receptor HER2 e carcinoma mammario alias c-erb, ERBB2, HER-

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

I TUMORI STROMALI GASTROINTESTINALI (GIST) Dr Agostino Ponzetti S.C. Oncologia Medica 1 Città della Salute e della Scienza

I TUMORI STROMALI GASTROINTESTINALI (GIST) Dr Agostino Ponzetti S.C. Oncologia Medica 1 Città della Salute e della Scienza I TUMORI STROMALI GASTROINTESTINALI (GIST) Dr Agostino Ponzetti S.C. Oncologia Medica 1 Città della Salute e della Scienza SOMMARIO TRATTAMENTO ADIUVANTE DOPO RESEZIONE NUOVI FARMACI NELLA MALATTIA METASTICA

Dettagli

Verso la terapia personalizzata

Verso la terapia personalizzata Verso la terapia personalizzata M.G.Tibiletti Genetista Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese Soroptimist Club Varese Varese 20 aprile 2013 Test genetici DIAGNOSTICI PRESINTOMATICI PREDITTIVI,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE MESSINA UFFICIO STAMPA tel 090-3992859 Oncologia Medica AOOR Papardo-Piemonte. Il COEP, Centro Oncologico di

Dettagli

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani Trial clinici in oncologia Corrado Magnani Check-list Protocollo Definizione degli obiettivi Chiarezza Aggiornamento rispetto alle conoscenze scientifiche Non replicazione / giustificazione Formulazione

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

Tumore gastrico Metastatico o non operabile. trastuzumab I linea di terapia. Raccomandazioni d'uso. Documento PTR n.132

Tumore gastrico Metastatico o non operabile. trastuzumab I linea di terapia. Raccomandazioni d'uso. Documento PTR n.132 Documento PTR n.132 Raccomandazioni d'uso Tumore gastrico Metastatico o non operabile trastuzumab I linea di terapia A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA In pazienti con carcinoma polmonare NSCLC in fase iniziale operabile, la chemioterapia adiuvante, aggiunta

Dettagli

Algoritmi e percorsi terapeutici dei Carcinomi del Polmone

Algoritmi e percorsi terapeutici dei Carcinomi del Polmone Algoritmi e percorsi terapeutici dei Carcinomi del Polmone Standard Individualizzata Sperimentale Stadio Ia/Ib T1-2a N0 M0 radicale) CHIR con resezione sub-lobare, solo stadio Ib CHIR con VATS campionamento

Dettagli

Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica

Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica 17 corso nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica Dott.ssa Maura Pandolfi Istituto di Anatomia

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327 C U R R I C U L U M D O T T. S S A E L I S A G R O S S O NATA A CARLOFORTE IL 20/SETTEMBRE/1963 Residente a Quartu Sanr Elena, Viale Colombo, 226 09045 Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel.

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella!

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella! Il trattamento stereotassico delle lesioni surrenaliche in pazienti oligometastatici affetti da NSCLC: una promettente arma per il controllo locale di malattia?! E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore,

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Tumore del colon-retto metastatico

Tumore del colon-retto metastatico Raccomandazioni d'uso Tumore del colon-retto metastatico Parte A: Bevacizumab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone I A Cura di: Simona Carnio Divisione di Oncologia Toracica - A.O.U. San Luigi - Orbassano (TO) Silvia Novello Dipartimento di Oncologia - Università

Dettagli

LE NUOVE TERAPIE MIRATE

LE NUOVE TERAPIE MIRATE LE NUOVE TERAPIE MIRATE Prof. Francesco Cognetti *, Dr.ssa Alessandra Felici ** Le nuove conoscenze sui meccanismi coinvolti nel processo di trasformazione e progressione tumorale ed il riconoscimento

Dettagli

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA )

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) 1/6 MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) FARMACO IN ESAME Nome commerciale Inlyta Principio Attivo Axitinib Ditta Produttrice Pfizer Italia srl ATC L01XE17 Formulazione Compresse rivestite Dosaggio 1 mg

Dettagli

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr. Roberto Benelli TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr.ssa Maria Nincheri Kunz Terapie a bersaglio molecolare

Dettagli

Dr.ssa Enola Maria Vezzani

Dr.ssa Enola Maria Vezzani III ZOOM Journal Club 2013 NH Hotel Bologna 21 Febbraio 2014 Radioterapia loco-regionale nelle pazienti sottoposte a chemioterapia neoadiuvante Dr.ssa Enola Maria Vezzani U.O Radioterapia Oncologica di

Dettagli

LA RETE ONCOLOGICA DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA NOVITA E CONTROVERSIE ASCO 2015 TUMORI TESTA-COLLO

LA RETE ONCOLOGICA DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA NOVITA E CONTROVERSIE ASCO 2015 TUMORI TESTA-COLLO LA RETE ONCOLOGICA DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA NOVITA E CONTROVERSIE ASCO 2015 TUMORI TESTA-COLLO Dott.ssa Marina Schena SC Oncologia Medica I AOU Città della Salute e della Scienza di Torino Head and

Dettagli

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Che cos è Prolaris? Una misura molecolare diretta della

Dettagli

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Antonio Palumbo Divisione di Ematologia Universitaria, Ospedale Molinette, Torino Per più di quattro

Dettagli

Dir. Resp.: Alessandro Sallusti

Dir. Resp.: Alessandro Sallusti Tiratura 04/2015: 148.106 Diffusione 04/2015: 83.049 Lettori I 2015: 484.000 Dir. Resp.: Alessandro Sallusti da pag. 37 13-06-2015 Lettori 38.890 http://www.corriere.it/salute/ CONGRESSO AMERICANO DI ONCOLOGIA

Dettagli

La Rete Oncologica Veneta e i numeri del tumore del polmone nel Veneto

La Rete Oncologica Veneta e i numeri del tumore del polmone nel Veneto La Rete Oncologica Veneta e i numeri del tumore del polmone nel Veneto Padova, 29 ottobre 2015 PierFranco Conte Giulia Pasello, Mario Saugo Dipartimento di Scienze Chirurgiche Oncologiche e Gastroenterologiche

Dettagli

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel.

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. (09-09-2008) Specialità: Avastin(Roche spa) Forma farmaceutica:

Dettagli

SINOSSI DEL PROTOCOLLO

SINOSSI DEL PROTOCOLLO SINOSSI DEL PROTOCOLLO TITOLO DELLO STUDIO: CODICE DEL PROTOCOLLO: SPONSOR: FASE DELLO STUDIO: CENTRI PARTECIPANTI ALLO STUDIO: PERIODO DI STUDIO PIANIFICATO (PRIMO ARRUOLAMENTO ULTIMO PAZIENTE USCITO

Dettagli

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Marcatori molecolari prognostici Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Legnano 24.03.2009 Cancro colorettale - Epidemiologia Il cancro colorettale è la seconda causa di morte per malattie

Dettagli

Sponsor e Comitati Etici a confronto. Presentazione di un successo della ricerca Raffaele Sabia (Vice President Medical AstraZeneca SpA)

Sponsor e Comitati Etici a confronto. Presentazione di un successo della ricerca Raffaele Sabia (Vice President Medical AstraZeneca SpA) Sperimentazione Clinica in Lombardia: punto e a capo? Milano, 5 marzo 212 Associazione Medicina e Persona www.medicinaepersona.org Sponsor e Comitati Etici a confronto Presentazione di un successo della

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO Documento redatto da: Dott.ssa T.Venesio, Dr.ssa A. Balsamo - Laboratorio di Patologia

Dettagli

AGGIORNAMENTO (Dicembre 2012) della Raccomandazione n. 2

AGGIORNAMENTO (Dicembre 2012) della Raccomandazione n. 2 AGGIORNAMENTO (Dicembre 2012) della Raccomandazione n. 2 RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO (già approvata dalla Giunta Regionale nel marzo 2011) Nota: il testo

Dettagli

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica:

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica: TRASTUZUMAB per l'indicazione: in associazione ad un inibitore dell aromatasi nel trattamento di pazienti in postmenopausa affetti da carcinoma mammario metastatico positivo per i recettori ormonali, non

Dettagli

Documento PTR n. 134 relativo a:

Documento PTR n. 134 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 134 relativo a: PACLITAXEL ALBUMINA Agg. Marzo 2013 Luglio 2011

Dettagli