GUIDA ALL UTILIZZO DEI SERVIZI STRUTTURA COMPLESSA ANATOMIA PATOLOGICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA ALL UTILIZZO DEI SERVIZI STRUTTURA COMPLESSA ANATOMIA PATOLOGICA"

Transcript

1 Pagina 1 di 32 DIPARTIMENTO PATOLOGIA CLINICA S.C. ANATOMIA PATOLOGICA OSPEDALE S. PAOLO SAVONA OSPEDALE S. CORONA PIETRA LIGURE Direttore: Dr. Ezio Venturino Con certificato n 17551/08/S GUIDA ALL UTILIZZO DEI SERVIZI STRUTTURA COMPLESSA ANATOMIA PATOLOGICA - anno Sede Savona: Via Genova Loc. Valloria Tel Fax Sede Pietra Ligure: Via XX Aprile Tel Fax File:Guida edizione 2014 Redazione: Dr.ssa DeLeonardis, Dott.ssa S.Meloni Data di applicazione Verifica: Dr.ssa De Leonardis Copia controllata Approvazione: Dr.E.Venturino Dott.ssa S.Meloni

2 Pagina 2 di 32 PRESENTAZIONE PERSONALE DELLA S.C. ANATOMIA PATOLOGICA 1. ATTIVITA SVOLTE 2. LA NOSTRA POLITICA ORGANIZZATIVA 3. NOTE INFORMATIVE PER GLI UTENTI ESTERNI 4. MANUALE DI ISTRUZIONE PER L ACQUISIZIONE ED IL TRASPORTO DEI PRELIEVI CITO-ISTOLOGICI CAMPIONI ISTOLOGICI PARTE GENERALE PARTE SPECIALE -Modalità di fissazione CAMPIONI CITOLOGICI PARTE GENERALE PARTE SPECIALE -Modalità di fissazione 5. RISCONTRO DIAGNOSTICO 6. ESAME ESTEMPORANEO INTRAOPERATORIO 7. CONSULENZE 8. HPV TEST 9. TIPIZZAZIONE LEUCOCITARIA CON TECNICA CITOFLUORIMETRICA 10. FISH 11. ANALISI MUTAZIONALE DEL GENE K-RAS, N-RAS, EGFR 12. ESAMI DI IMMUNOFLUORESCENZA DIRETTA 13. ESECUZIONE DI AGOASPIRATI (ATTIVITÀ DI PRELIEVO E DIAGNOSI) 14. ESAMI ESEGUITI IN ALTRA SEDE 15. CONTROLLI DI QUALITA 16. ARCHIVIAZIONE DEL MATERIALE BIOLOGICO

3 Pagina 3 di 32 PRESENTAZIONE L Anatomo Patologo alla richiesta di esame Isto-citopatologico o di Riscontro Diagnostico da parte del Medico curante, fornisce una risposta che ha valore medico legale pari a quello della Cartella Clinica e contiene la diagnosi Isto-citopatologica che è l atto medico conclusivo che deriva dall interpretazione dei dati anamnestici e clinici e dall osservazione macroscopica e microscopica dei campioni inviati. CHI SIAMO La Struttura Complessa di Anatomia Patologica diretta dal Dott. Ezio Venturino effettua la sua attività in due sedi: - Savona Ospedale S. Paolo - Pietra Ligure Ospedale S. Corona MISSION Il Direttore della Struttura Complessa si impegna ad utilizzare tutti gli strumenti necessari al fine di contribuire al miglioramento della qualità, della sicurezza sanitaria e degli operatori e del miglioramento continuo dei servizi erogati per soddisfare le esigenze del cliente/cittadino in un ottica di risparmio e razionalizzazione delle risorse economiche, strumentali e umane mediante: - Introduzione di nuove tecnologie quali sistema di telepatologia per la diagnosi collegiale a distanza - Formazione e coinvolgimento del personale in ogni ordine e grado mediante corsi aziendali, dipartimentali e specialistici per singola disciplina - Procedure certificate secondo il Sistema ISO Diffusione del questionario di soddisfazione cliente esterno e interno e valutazione della soddisfazione dei clienti/utenti - Controlli di qualità interni correlati con reperti fotografici e controlli di qualità esterni in collaborazione con Centri Certificati - Individuazione e monitoraggio degli indicatori per i processi primari e secondari del sistema di Gestione di Qualità.

4 Pagina 4 di 32 PERSONALE DELLA S.C. ANATOMIA PATOLOGICA DIRETTORE STRUTTURA COMPLESSA DOTT. EZIO VENTURINO SEDE SAVONA Alessandra Pastorino, Silvia Ardoino, Luigi Caliendo, Dirigenti medici Anna Dellachà, Monica Peresi, Veronica Errigo (incaricata) Coordinatore Tecnico Responsabile Damiana De Leonardis Citotecnico Maria Cristina Cirucca Biologo Libero Professionista Depetrini Elisabetta Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico Coadiutori amministrativi Infermiere Professionale Operatore socio sanitario Dirigenti Medici Dirigenti Biologi Coordinatore Tecnico Responsabile Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico Collaboratore Amministrativo Coadiutore Amministrativo Esperto Ausiliario specializzato Monica Benvenuto, Roberta Berlen, Oriana Bonifacino, Giovanna Borreo, Cristina Ciocca, Simona Poggi, Caterina Silvestro Lucia Gallotti, Carducci Luisa Graziella Perillo Agnese Fermiano SEDE PIETRA LIGURE Filippo Li Causi, Maria Antonella Provaggi Mariangela Ferro, Lorella Lanza Simona Meloni Michele Alborno, Giacomo Castagneris, Giovanna Maria Cirotto, Elisa Fiorito, Carla Parodi, Marina Pizzi Monica Richero Carla Briozzo, Nadia Barla Antonietta Gobatto

5 1. ATTIVITA SVOLTE DALLA S.C. Pagina 5 di 32 ATTIVITA SVOLTE DA ENTRAMBE LE SEDI Esami istologici Esami citologici Esami estemporanei intraoperatori Esami dell assetto recettoriale e degli indici prognostici (HER-2, recettori per estrogeni e progesterone e indici proliferazione Ki 67 con Mib 1) Attività di consulenza Esami di immunoistochimica SEDE SAVONA Esami di immunofluorescenza diretta Citologia di screening spontaneo cervico-vaginale Screening cervico vaginale organizzato con test HPV e triage citologico Esame di ibridazione in situ con tecnica SISH Analisi mutazionale gene K-Ras, N-Ras, EGFR Test per HPV HC2 Esecuzione di agoaspirati tiroidei (attività di prelievo e diagnosi) in collaborazione con Ambulatorio Endocrinologico (MICI) Consulenza e/o esecuzione di Agoaspirati presso S.S. Dipartimentale di Ecotomografia Riscontri Diagnostici (limitatamente a prodotti fetali) SEDE PIETRA LIGURE Riscontri diagnostici Esami di ibridazione in situ con tecnica FISH Tipizzazione leucocitaria con tecnica citofluorimetrica su sangue periferico, aspirato midollare, liquor, liquidi biologici, broncolavaggio alveolare (BAL), linfonodi A supporto diagnostico le sedi sono dotate di: SEDE SAVONA Un laboratorio di colorazioni istochimiche, che permette tra l altro l identificazione di alcuni microrganismi (tra cui micobatteri, Helicobacter Pylori, miceti ed alcuni protozoi come lo Pneumocystis Carinii). Un laboratorio di immunoistochimica che consente: - l esecuzione di esami in immunofluorescenza diretta (dermopatologia, nefropatologia, etc.); - la immunofenotipizzazione di neoplasie; - la valutazione dell assetto recettoriale ormonale dei carcinomi della mammella; - la valutazione dell indice di proliferazione cellulare e prodotti di oncogeni nei carcinomi della mammella e del colon; - la valutazione dell espressione dell Cerb-B2 nei carcinomi della mammella Un laboratorio di Biologia Molecolare per la identificazione dei virus HPV ad alto rischio, per l analisi mutazionale gene K-Ras, N-Ras ed EGFR Una stazione di telepatologia.

6 Pagina 6 di 32 SEDE PIETRA LIGURE Un laboratorio di colorazioni istochimiche e di istochimica infettivologica (micobatteri, miceti, leishmania, Helicobacter pylori, CMV, ed alcuni protozoi come lo Pneumocystis Carinii). Un laboratorio di immunoistochimica che effettua: - esami di immunofenotipizzazzione cellulare, utilizzata prevalentemente in patologie neoplastiche; - valutazione dell assetto recettoriale ormonale, degli indici di proliferazione cellulare e dei fattori prognostici nei carcinomi della mammella; - ibridazione in situ con tecnica FISH per la ricerca dell amplificazione del gene Her-2 e l analisi molecolare delle urine per il monitoraggio di neoplasie vescicali. Un laboratorio di diagnostica emato - oncologica con tecnica citofluorimetrica che effettua: - determinazioni delle immunodeficienze con conta dei CD4/CD8 - determinazione di marcatori di membrana e conta quantitativa delle cellule (profilo linfocitario o sottopopolazioni linfocitarie) su sangue periferico - analisi degli antigeni dell ontogenesi linfo-emopoietica - identificazione dei disturbi maturativi della linea linfoide e mieloide su sangue midollare - quantificazione e caratterizzazione dei blasti CD34+ - caratterizzazione di leucemie acute, croniche, linfomi e mielomi con valutazione della clonalità e dei fattori prognostici (sangue periferico, midollare, liquidi biologici) - quantificazione e caratterizzazione del contenuto cellulare nei BAL - criopreservazione di cellule da tessuti o sangue per indagini molecolari - caratterizzazione e quantificazione del clone PNH (emoglobinuria parossistica notturna) Un laboratorio di sala settoria che effettua: - Riscontri diagnostici - Pace makers - Autopsie medico -legali Ognuna delle attività diagnostiche comprende un processo: PRE ANALITICO di accettazione del campione, ANALITICO in cui il materiale viene valutato, descritto, campionato, allestito ed in cui i reperti microscopici vengono correlati con i dati clinici; questi processi si completano con la redazione e emissione di un referto scritto. POST ANALITICO di smistamento ed invio del referti, chiarimenti sui referti fornite agli utenti Obiettivo fondamentale della Struttura complessa è quello di fornire referti diagnostici accurati, tempestivi e clinicamente rilevanti, basati sull osservazione di preparati allestiti secondo procedure tecnicamente ottimali. La Struttura di Anatomia ed Istocitopatologia Diagnostica offre servizio di consulenza inerente le seguenti prestazioni aggiuntive:

7 Pagina 7 di 32 assistenza per l espletamento delle pratiche di emissione di copie di referti e copie di vetri richieste da altri enti sanitari; assistenza per lo svolgimento di percorsi di tirocinio formativo e stage in regime di convenzione con le Istituzioni committenti; consulenza ed assistenza nella progettazione ed organizzazione di seminari, convegni e congressi; Tutti i laboratori sono forniti di strumenti e sussidi necessari all espletamento delle attività di diagnostica; inoltre l intera struttura è fornita di postazioni corredate di personal computer e stampanti collegati in rete fra di loro e con il Servizio Informatico Aziendale. Dotazione strumentale Principali attrezzature in dotazione ai singoli laboratori : Microtomi digitali Bagni stendifette termostatati analogici Centraline di inclusione paraffina analogiche Bagni di paraffina Bilance analitiche Citofluorimetro a 5 colori (sede Pietra Ligure) Preparatore campionatore (sede Pietra Ligure) Citocentrifuga e ultracentrifuga Criostati digitali Microscopi ottici Microscopi a fluorescenza Coloritore automatico robotizzato con montavetrini per cito istologia Frigoriferi da 4 c a 80 C Processatori Stufe da 37 c a 60 c Stampigliatrice per vetri (sede Pietra Ligure) Stampigliatrice per blocchetti Agitatori con piastra riscaldante (sede Pietra Ligure) Sistema video-computerizzato per telepatologia Coloritore automatizzato per immunoistochimica / FISH/CISH Cappe aspiranti e a flusso laminare Sistema termal cycle e camere elettroforetiche per analisi del DNA in PCR Forno a microonde per immunoistochimica Piastre refrigeranti Sistema automatico RCS per HPV TEST Sistema COBAS Z480 per analisi mutazionale KRAS, NRAS ed EGFR

8 Pagina 8 di LA NOSTRA POLITICA ORGANIZZATIVA Obiettivo fondamentale del Servizio è quello di fornire referti diagnostici accurati, tempestivi e clinicamente rilevanti, basati sull osservazione di preparati allestiti secondo procedure tecnicamente ottimali. La Struttura di Anatomia ed Istocitopatologia Diagnostica si propone di essere, a livello regionale e nazionale, accreditata dal Ministero della Salute, e in grado di fornire, anche all esterno, prestazioni di assoluta qualità, affidabilità ed innovazione. Per qualità ed affidabilità intendiamo anche il veder riconosciuto il nostro operato, non solo dai nostri clienti, ma anche dalle molteplici Strutture sanitarie regionali e nazionali. Per innovazione intendiamo una revisione continua e critica dei risultati raggiunti allo scopo di trovare nuove proposte volte al miglioramento del servizio erogato. Per qualità delle proposte e delle prestazioni intendiamo un trend valutativo da parte dei nostri clienti che tenda all eccellenza. Per affidabilità delle proposte e delle prestazioni intendiamo il voler mantenere nel tempo la capacità di realizzare prestazioni di elevata qualità nel rispetto dei tempi e degli impegni assunti. Dal è stata adottata la Politica per la Qualità della ASL2 Savonese che esprime la volontà della Direzione Generale e delle Strutture Certificate relativamente a : Assunzione di impegni (esplicitati nel Verbale del riesame da parte della direzione) che possono essere soddisfatti sia per gli aspetti di responsabilità delle S.C. Certificate, sia per gli aspetti di responsabilità della Direzione Generale; Realizzazione della soddisfazione delle esigenze del cliente/utente, tramite l erogazione puntuale di servizi di qualità, conformi ai requisiti di legge; Realizzazione della soddisfazione del proprio personale, attraverso l aggiornamento ed il miglioramento continuo delle conoscenze specifiche e del modo di operare, con l addestramento necessario allo svolgimento delle proprie mansioni e all attuazione del programma di qualità; Rispetto cliente/utente con un comportamento responsabile ed attento alla sicurezza, all igiene del lavoro e alla prestazione e alla protezione dell ambiente nelle Strutture; Impegno continuo delle Strutture Certificate, anche tramite la formazione e l informazione di tutto il Personale, nella Gestione del rischio clinico; Realizzazione del governo delle attività cliniche attraverso l integrazione degli aspetti clinico-assistenziali e di quelli gestionali relativi all assistenza al cittadino, salvaguardando il miglioramento continuo della qualità e nel rispetto dei principi di equità e universalità nell accesso ai servizi; Impegno a garantire la realizzazione di obiettivi di processo e di sistema con attività e procedure idonee a produrre qualità, efficienza, appropriatezza e sicurezza. Le Strutture certificate si impegnano ad ottenere reali miglioramenti della qualità aziendale, anche sotto il profilo economico: Riducendo sia il numero di reclami annuali da parte dei clienti/utenti, sia il numero delle non conformità, attraverso l applicazione di opportune azioni correttive e preventive;

9 Sistema Gestione Qualità Aziendale Pagina 9 di 32 Verificando la soddisfazione dei clienti/utenti ed attivando azioni di miglioramento sulle criticità rilevate; Introducendo nuove attività/servizi/tecnologie che permettano un corretto utilizzo del budget a disposizione delle Strutture; Rispettando o migliorando i risultati economici tramite il controllo del budget concordato con la Direzione Generale. A questo scopo, la Direzione della S.C. Anatomia Patologica è impegnata a vigilare che questa politica sia compresa, attuata e sostenuta da tutto il personale a qualsiasi livello. La Direzione Generale e la Direzione della S.C. Anatomia Patologica si impegnano annualmente a riesaminare la Politica per la Qualità della S.C. Anatomia Patologica per confermarla o aggiornarla secondo le esigenze.

10 Pagina 10 di 32 3.NOTE INFORMATIVE PER GLI UTENTI ESTERNI SEDE SAVONA PRESTAZIONI ESAMI ISTOLOGICI ESAMI BIOPTICI ESAMI CITOLOGICI ESAMI CITOLOGI PREVENTIVI (PAP TEST) HPV TEST AGOASPIRATI TIROIDEI CONSULENZE TELEFONO ED ORARIO PER INFORMAZIONI ore SEDE Palazzina laterale al Monoblocco in direzione Albissola Il Servizio è in funzione dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle Un tecnico di laboratorio biomedico è sempre presente per tutto l orario di apertura. Un dirigente medico è presente dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle ore 15. CASSA TICKETS E RITIRO REFERTI Da LUNEDI al VENERDI dalle ore alle ore ACCETTAZIONE MATERIALE ESTERNO Da LUNEDI a VENERDI dalle ore alle ore Il materiale bioptico prelevato in uno degli Ambulatori dei Presidi Ospedalieri o del Territorio perviene al nostro servizio tramite il paziente stesso o viene inviato dal centro di prelievo tramite personale interno. L accettazione del materiale esterno avviene negli orari di segreteria: Da lunedì a venerdì dalle ore 8.15 alle ore Il materiale da analizzare deve essere sempre accompagnato da specifica richiesta di esame citologico o istologico, richiesta dal paziente al proprio medico di medicina generale su impegnativa regionale come da normativa vigente, redatta dal medico curante o dal medico prelevatore del SSN e presentata al servizio di Anatomia Patologica al momento della consegna del materiale da analizzare. In assenza della suddetta il materiale non potrà essere analizzato. Il ritiro del referto sarà effettuato dall interessato stesso (o da suo delegato secondo le norme previste dalla normativa vigente) presso la S.C. di Anatomia Patologica secondo i tempi stabiliti e comunicati al paziente tramite appositi fogli informativi consegnati al momento del prelievo o della consegna del materiale.

11 Pagina 11 di 32 I tempi di refertazione possono subire variazioni qualora il patologo ritenga necessarie indagini aggiuntive complementari. L assistito, in attesa di consegnare il referto al Medico di base o allo Specialista, se desidera, può richiedere prime spiegazioni ai Medici della S.C. nell orario di ritiro dei referti. La segreteria distribuisce anche note scritte riguardanti modalità di conservazione e raccolta del materiale biologico. I referti di esami esterni non ritirati sono conservati per due anni, allo scadere dei 2 anni saranno smaltiti in conformità alla normativa vigente. TEMPO MEDI DI RISPOSTA DEGLI ESAMI ESAMI CITO-ISTOLOGICI BIOPTICI 5 giorni (min 1g- max 10gg) ESAMI ISTOLOGICI 10 giorni (min 7gg- max 25gg) PAP-TEST 10 giorni (min 7gg- max 30gg) HPV TEST 10 giorni (min 7gg- max 30gg) ESAMI BIOLOGIA MOLECOLARE (KRAS, EGFR) 10 giorni (min 7gg- max 20gg) SEDE PIETRA LIGURE PRESTAZIONI ESAMI ISTOLOGICI ESAMI BIOPTICI ESAMI CITOLOGICI ESAMI DI IBRIDAZIONE IN SITU CON TECNICA FISH TIPIZZAZIONI LEUCOCITARIE CON TECNICA CITOFLUORIMETRICA RISCONTRI DIAGNOSTICI CONSULENZE TELEFONO ED ORARIO PER INFORMAZIONI /2306 ore SEDE Padiglione 2 viale centrale a destra della chiesa ACCETTAZIONE MATERIALE ESTERNO Da LUNEDI a VENERDI dalle ore alle ore Accettazione campioni dalle strutture aziendali. Il Servizio accetta i campioni accompagnati dalla relativa richiesta, non urgenti, provenienti dalle strutture della ASL2, tutti i giorni (sabato e festivi esclusi) dalle ore 7.00 alle ore L'accettazione dei campioni urgenti avviene dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore e in pronta disponibilità il sabato, la domenica e tutti i giorni festivi. Accettazione campioni dalle strutture Sanitarie private della Regione Liguria

12 Pagina 12 di 32 Il Servizio accetta i campioni accompagnati dalla relativa richiesta, non urgenti, provenienti dalle strutture Sanitarie private della Regione Liguria, tutti i giorni (sabato escluso), esclusi i festivi, dalle ore 8.00 alle ore L'accettazione dei campioni urgenti dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore e in pronta disponibilità il sabato, la domenica e tutti i giorni festivi. Accettazione campioni dalle strutture Sanitarie pubbliche della Regione Liguria. Il Servizio accetta i campioni accompagnati dalla relativa richiesta, non urgenti, provenienti dalle strutture Sanitarie pubbliche della Regione Liguria, tutti i giorni (sabato e festivi esclusi) dalle ore 8.00 alle ore L'accettazione dei campioni urgenti dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore e in pronta disponibilità il sabato, la domenica e tutti i giorni festivi. Accettazione campioni da pazienti esterni. Il Servizio accetta i campioni accompagnati da credenziale, non urgenti, provenienti da pazienti esterni, tutti i giorni (sabato e festivi esclusi) dalle ore 8.00 alle ore L'accettazione dei campioni urgenti dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore I referti vengono consegnati secondo le seguenti modalità: 1)Ufficio consegna referti (U.C.R.) per referti di pazienti esterni con ticket regolarmente pagato 2) Segreteria S.C. per referti di pazienti esterni mancanti di pagamento ticket, credenziale o che necessitano di conguaglio ticket 3)Spedizione referti a domicilio di pazienti esterni se richiesta 4) Consegna dei referti ai pazienti privati SEG consegna il referto ai clienti privati dopo opportuna regolarizzazione di pagamento al C.U.P. (Centro Unico Prenotazioni). L assistito, in attesa di consegnare il referto al Medico di base o allo Specialista, se desidera, può richiedere prime spiegazioni ai Medici della S.C. nell orario di ritiro dei referti. La segreteria distribuisce anche note scritte riguardanti: - modalità di conservazione ed eventualmente di raccolta del materiale biologico; TEMPI MEDI DI RISPOSTA AGLI ESAMI ESAMI ISTOLOGICI 10 giorni (min 7gg- max 25gg) ESAMI BIOPTICI 5 giorni (min 1g- max 10gg) ESAMI CITOLOGICI 10 giorni (min 7gg- max 25gg) ESAMI DI IBRIDAZIONE IN SITU CON TECNICA FISH 25 giorni (min 7gg- max 30gg) TIPIZZAZIONI LEUCOCITARIE CON TECNICA CITOFLUORIMETRICA 5 giorni (min 1g- max 10gg) RISCONTRI DIAGNOSTICI 25 giorni (min 7gg- max 30gg)

13 Pagina 13 di 32 Il materiale da esaminare qualora pervenga con caratteri non conformi alle indicazioni fornite dalla presente Guida può essere non accettato o, se accettato, può essere valutato con limiti di adeguatezza specificati 4.MANUALE DI ISTRUZIONE PER L ACQUISIZIONE ED IL TRASPORTO DEI PRELIEVI CITO-ISTOLOGICI CAMPIONI ISTOLOGICI - PARTE GENERALE Ogni campione (o campioni multipli dello stesso paziente) deve essere accompagnato da apposita richiesta di esame istologico. La richiesta di esame deve essere opportunamente protetta dal possibile contatto con liquidi biologici o fissativi. COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA In ogni richiesta devono essere riportati (possibilmente dattiloscritti) i seguenti dati, indispensabili per la corretta esecuzione dell esame istologico: Identificazione del paziente Cognome e nome scritti in carattere stampatello Sesso Data di nascita Se ricoverato o ambulatoriale o day hospital Identificazione del mittente Ospedale di provenienza Reparto o ambulatorio dove è stata eseguita la prestazione Reparto di ricovero, se diverso da quello dove è stata eseguita la prestazione Timbro e firma del medico che ha eseguito la prestazione Nominativo del medico richiedente la prestazione, se diverso dal medico che l ha eseguita. Identificazione del materiale Tipo di prelievo e/o di intervento effettuato Localizzazione topografica del prelievo e materiale inviato Descrizione di eventuali reperi chirurgici In caso di campioni multipli differenziati essi devono essere identificati sulla richiesta mediante numero arabo e riportare lo stesso sul rispettivo contenitore Data di prelievo Ora del prelievo, quando previsto e specificato nella parte speciale. Dati clinici Esami istologici/citologici pertinenti già effettuati (se eseguiti in altra sede riportare la diagnosi completa) Esami radiologici e di laboratorio significativi Eventuali trattamenti in corso o pregressi

14 Diagnosi clinica certa o sospetta Quesiti clinici particolari devono essere chiaramente segnalati Eventuali patologie infettive rilevanti devono essere segnalate. Pagina 14 di 32 IDENTIFICAZIONE DEI CAMPIONI INVIATI Il contenitore deve riportare trascritti sulla parete in maniera chiara e leggibile: i dati anagrafici del paziente ed il reparto di provenienza corrispondenti a quelli della richiesta;. la data dell intervento e il tipo di materiale inviato; in caso di prelievi multipli differenziati deve essere riportato sul contenitore il numero arabo identificativo del campione, corrispondente a quanto riportato sulla richiesta; sul contenitore deve essere evidenziata l eventualità di rischio biologico nel caso di materiali provenienti da pazienti con patologie infettive rilevanti. MODALITA DI INVIO DEL MATERIALE Il materiale deve essere inviato integro, senza tagli e dissezioni preliminari Materiali in liquido fissativo Salvo i casi previsti e specificati nella parte speciale, il materiale deve essere inviato alla S. C. in tamponata al 10% La fissazione deve essere immediata Il volume del fissativo deve essere circa dieci volte quello del campione prelevato Il contenitore deve essere adeguato alle dimensioni del materiale e alla quantità di liquido fissativo Il contenitore deve essere a chiusura ermetica, per evitare la dispersione di liquidi e materiale. Materiale allo stato fresco Devono essere inviati a fresco, con indicazione dell ora del prelievo: I tessuti da sottoporre ad esame estemporaneo intraoperatorio Agobiopsie osteomidollari Gli organi o tessuti asportati per sospetta patologia linfoproliferativa Devono essere inviati in soluzione fisiologica: Le agobiopsie renali con esame in Immunofluorescenza diretta Le biopsie cutanee con esame in Immunofluorescenza diretta I tessuti freschi e in soluzione fisiologica devono essere inviati immediamente dopo il prelievo.

15 Pagina 15 di 32 MODALITA DI TRASPORTO, ACCETTAZIONE ED INVIO REFERTI MODALITÀ DI TRASPORTO Il trasporto dei campioni cito-istologici è regolamentato secondo la procedura aziendale PQA05 UGR Procedura gestione campioni biologici in vigore dal 01 giugno MODALITÀ DI ACCETTAZIONE ESAMI INTERNI SEDE SAVONA Materiale fissato L accettazione del materiale nella S.C. avviene: da lunedì a venerdì dalle ore 7.30 alle ore I campioni bioptici pervenuti entro le ore dal lunedì al venerdì vengono processati in giornata se ritenuti idonei per dimensioni e consistenza dall Anatomopatologo (processazione breve). Materiale allo stato fresco. Il campione fresco deve pervenire alla S.C. Anatomia Patologica entro 20 minuti dal prelievo e negli orari di accettazione del materiale interno: da lunedì a venerdì dalle ore 7.30 alle ore Materiale per esame intraoperatorio Il materiale per esame intraoperatorio deve essere recapitato negli orari di apertura del servizio: da lunedì a venerdì : dalle ore 8 alle ore 15 e deve essere preceduto da comunicazione telefonica alla Segreteria del Servizio di Anatomia Patologica possibilmente il giorno precedente comunicando il nominativo del paziente e il tipo di intervento. MODALITÀ DI INVIO DEI REFERTI INTERNI SEDE SAVONA I referti relativi ad esami provenienti da Strutture ospedaliere sono inseriti in buste chiuse recanti la destinazione, ritirati giornalmente e distribuiti dal servizio pedone interno; I referti relativi ad ambulatori ASL territoriali sono inseriti in busta chiusa recante la destinazione e ritirati giornalmente dagli Autisti della ASL 2; Il referto cartaceo è stampato in copia unica, con firma autografa del/degli esaminatori. La copia autografa viene consegnata/inviata agli utenti aventi diritto. Non viene conservata copia cartacea dei referti a partire dal novembre 2005, ma viene conservata copia elettronica immodificabile di ogni referto nel database aziendale nel rispetto, anche ai fini della privacy, del Regolamento Aziendale, adottato con deliberazione n 171 del 23/02/2006, a cui è affidato il compito di definire le modalità di trattamento di tutti i dati sia con l ausilio di strumenti elettronici che senza l ausilio di strumenti elettronici. Eventuali copie successive non autografe possono essere stampate e consegnate, a richiesta, agli aventi diritto con dicitura copia conforme all originale

16 Pagina 16 di 32 MODALITÀ DI ACCETTAZIONE ESAMI INTERNI SEDE PIETRA LIGURE Materiale fissato L accettazione del materiale nella S.C. avviene: da lunedì a venerdì dalle ore 7.00 alle ore I campioni bioptici pervenuti entro le ore dal lunedì al venerdì vengono processati in giornata se ritenuti idonei per dimensioni e consistenza dall Anatomopatologo (processazione breve). Materiale allo stato fresco. Il campione fresco deve pervenire alla S.C. Anatomia Patologica entro 20 minuti dal prelievo e negli orari di accettazione del materiale interno: da lunedì a venerdì dalle ore 7.30 alle ore Materiale per esame intraoperatorio Il materiale per esame intraoperatorio deve essere recapitato nei seguenti orari: da lunedì a venerdì : ore e deve essere preceduto da comunicazione telefonica alla Segreteria del Servizio di Anatomia Patologica possibilmente il giorno precedente comunicando il nominativo del paziente e il tipo di intervento. MODALITÀ DI INVIO DEI REFERTI INTERNI SEDE PIETRA LIGURE I referti relativi ad esami provenienti da Strutture ospedaliere sono inseriti in buste chiuse recanti la destinazione, ritirati giornalmente e distribuiti dal servizio pedone interno; I referti relativi ad ambulatori ASL territoriali sono inseriti in busta chiusa recante la destinazione e ritirati giornalmente dagli Autisti della ASL 2;

17 Pagina 17 di 32 CAMPIONI ISTOLOGICI- PARTE SPECIALE Vengono elencati i vari organi ed apparati in ordine alfabetico, riportando per ogni tipo di prelievo le adeguate istruzioni per il corretto invio. ORGANO FISSAZIONE ISTRUZIONI PARTICOLARI APPENDICE CECALE nessuna ARTERIE E VENE nessuna ARTI Allegare alla richiesta le refertazioni relative agli esami radiologici, angiografici ed ecografici effettuati. CAVO ORALE nessuna CAVO ORALE (esame in immunofluorescenza) nessuna COLECISTI CUTE (es. istologico normale) Specificare sulla richiesta l ora del prelievo; inviare in soluzione fisiologica; recapitare possibilmente entro 15 minuti dal prelievo. nessuna nessuna CUTE (esame in immunofluorescenza: vasculite, pemfigo, pemfigoide, etc.) nessuna ENDOMETRIO ESOFAGO (biopsia; esofagectomia segmentaria; esofagectomia subtotale; resezione esofagogastrica, etc.) FEGATO (agobiopsie; resezioni cuneiformi; segmentectomia, etc.) Specificare sulla richiesta l ora del prelievo; inviare in soluzione fisiologica; recapitare possibilmente entro 15 minuti dal prelievo. Specificare sempre la data dell ultima mestruazione. GANGLI PERIFERICI NERVOSI

18 INTESTINO (biopsie; polipectomie; resezione segmentaria; emicolectomia; colectomia totale; amputazione retto-sigma,etc) LABBRO (biopsia; resezione cuneiforme) Sistema Gestione Qualità Aziendale Pagina 18 di 32 I segmenti di intestino devono essere opportunamente aperti con forbice bottonuta seguendo una linea di taglio che corra nell ileo adiacente al mesentere e nel colon-retto lungo l antemensenterica (tenia coli anteriore). Quando si tratta di patologia neoplastica si raccomanda di evitare il taglio del tumore a metà. LARINGE (biopsia; cordectomia; laringectomia sovraglotti-ca; laringectomia totale e allargata, etc.) LINFONODO (sospetta patologia linfoproliferativa) LINFONODO (sospetta metastasi) Per poter fornire dati corretti sui margini di reserzione, le cordectomie devono giungere orientate. Specificare sulla richiesta l ora del prelievo; inviare a fresco; recapitare possibilmente entro 15 minuti dal prelievo; LINGUA (biopsia; resezione cu-neiforme; emiglossectomia, etc.) MAMMELLA (per esame estemporaneo: quadrantectomia, nodulectomia, etc.) MAMMELLA (Mastectomia,quadrantectomia, nodulectomia, biopsia,etc.) Specificare sulla richiesta l ora del prelievo; inviare a fresco; recapitare possibilmente entro 15 minuti dal prelievo. In caso di lesioni di piccole dimensioni, e auspicabile che siano contrassegnate con repere. Su lesioni non palpabili non e buona prassi eseguire l esame al congelatore.

19 MANDIBOLA (biopsia; resezioni alveolari; resezione segmentarla;emimandibolectom ia,etc.) MEMBRANE SIEROSE(pleura, pericardio, peritoneo, vaginale te-sticolare, omento, etc) MIDOLLO OSSEO(agobiopsia) MILZA (biopsia,splenectomia) MUSCOLO NASO E CAVITA NASALI (biopsia; polipectomia; resezioni segmentali e atipiche,etc.) OCCHIO (biopsie congiuntivali, enucleazione) OSSO (patologia neoplastica) OSSO (altra patologia) OVAIO e TUBA UTERINA (biopsia; resezione cuneiforme; ovariectomia mono-o bilaterale; salpingo-ooforectomia; salpingectomia parziale o totale,etc.) PANCREAS (biopsia; resezioni parziali; duodenocefalopancreatectomia, etc.) PARATIROIDI Pagina 19 di 32 allegare alla richiesta le refertazioni relative ad eventuali esami radiografici. specificare sulla richiesta l ora del prelievo; recapitare entro 15 minuti dal prelievo. allegare radiografia della lesione e relativi referti. PENE (amputazione; biopsia)

20 Pagina 20 di 32 PLACENTA nessuna Inviare a fresco entro 1 ora dall espulsione o, in alternativa, conservare a 4 C per un tempo massimo di 24 ore. Se l invio non puo avvenire nelle 24 ore, fissare direttamente in formalina 10%. Allegare notizie cliniche dettagliate, riportando anche il peso dell organo all espulsione. POLMONE (agobiopsia; biopsie endo e transbronchiali; lobectomia; pneumectomia totale; resezione atipica, etc.) PROSTATA (agobiopsia; adenomiomectomia; prostatectomia radicale. TUR; Porre le agobiopsie in cassette per inclusione in plastica tra due spugnette-filtri. Indicare sul lato della cassetta lobo DX o SX Nella prostatectomia radicale apporre punti di repere per il corretto orientamento dell organo. RENE (agobiopsia con immunofluorescenza) RENE (nefrectomia totale o parziale, tumorectomia, etc.) STOMACO (biopsia; polipectomia; resezione totale o parziale,etc.) SURRENE (agobiopsia; nodulectomia; adrenalectomia) SVUOTAMENTO LINFONODALE ASCELLARE SVUOTAMENTO LINFONODALE LATERO- CERVICALE (svuotamento radicale; svuotamento condervatico tipico o atipico) nessuna Inviare in soluzione fisiologica; recapitare entro 10 minuti dal prelievo. In mancanza di reperi anatomici, i limiti tra i linfonodi di I, II e III livello devono essere indicati da appositi punti di repere chirurgici. In mancanza di reperi anatomici, il pezzo operatorio deve essere correttamente orientato; le diverse stazioni linfonodali devono essere identificate da appositi punti di repere chirurgici.

GUIDA ALL UTILIZZO DEI SERVIZI DI ANATOMIA E ISTOLOGIA PATOLOGICA E CITOLOGIA DIAGNOSTICA

GUIDA ALL UTILIZZO DEI SERVIZI DI ANATOMIA E ISTOLOGIA PATOLOGICA E CITOLOGIA DIAGNOSTICA Pagina 1 di 28 DIPARTIMENTO PATOLOGIA CLINICA,MEDICINA TRASFUSIONALE, FARMACEUTICA S.C. ANATOMIA E ISTOLOGIA PATOLOGICA E CITOLOGIA DIAGNOSTICA OSPEDALE S. PAOLO SAVONA Direttore: Dr. Ezio Venturino UNI

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DEI SERVIZI STRUTTURA COMPLESSA ANATOMIA PATOLOGICA

GUIDA ALL UTILIZZO DEI SERVIZI STRUTTURA COMPLESSA ANATOMIA PATOLOGICA Pagina 1 di 32 DIPARTIMENTO PATOLOGIA CLINICA S.C. ANATOMIA PATOLOGICA OSPEDALE S. PAOLO SAVONA OSPEDALE S. CORONA PIETRA LIGURE Direttore: Dr. Ezio Venturino Con certificato n 17551/08/S GUIDA ALL UTILIZZO

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONE PER LA PREPARAZIONE ED INVIO CAMPIONI ISTOLOGICI PARTE GENERALE

MANUALE DI ISTRUZIONE PER LA PREPARAZIONE ED INVIO CAMPIONI ISTOLOGICI PARTE GENERALE MANUALE DI ISTRUZIONE PER LA PREPARAZIONE ED INVIO CAMPIONI ISTOLOGICI PARTE GENERALE Identificazione dei campioni Dopo l'asportazione, il campione deve essere posto immediatamente in contenitori appositi

Dettagli

CATALOGO PRESTAZIONI PER I CLIENTI UTENTI ESTERNI

CATALOGO PRESTAZIONI PER I CLIENTI UTENTI ESTERNI U. O. ANATOMIA PATOLOGICA - LEGNANO Direttore Dott.ssa Agnese Assi Telefono segreteria: 0331/449358-449266 Fax:0331/449266 e-mail: anatomopatologialegnano@ao-legnano.it Indirizzo: Via Candiani,2-20025

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA UOC Anatomia Patologica do Borgo Trento Pagina 1 di 14 INTRODUZIONE La UOC di Anatomia Patologica do Borgo Trento fa parte del DAI di Patologia e Diagnostica dell Azienda Integrata Ospedaliera Universitaria

Dettagli

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO... Pagina 1 di 6 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 3.1 Definizioni...2 3.2 Abbreviazioni...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...2

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007. Unità Operativa di Anatomia Patologica Ospedale di Bussolengo

Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007. Unità Operativa di Anatomia Patologica Ospedale di Bussolengo Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007 Unità Operativa di Ospedale di Bussolengo Azienda ULSS n. 22 Bussolengo (VR) Dipartimento di Diagnosi e Cura Unità Operativa di Ospedale di Bussolengo Monoblocco -

Dettagli

Unità Operativa Aziendale di Anatomia Patologica

Unità Operativa Aziendale di Anatomia Patologica Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale Unità Operativa Aziendale di Anatomia Patologica Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Patologia

Dettagli

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA sanitaria Descrizione L obiettivo fondamentale è fornire diagnosi corrette, complete, tempestive e clinicamente rilevanti. Gli esami istologici e citologici

Dettagli

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA sanitaria Descrizione L obiettivo fondamentale è fornire diagnosi corrette, complete, tempestive e clinicamente rilevanti. Gli esami istologici e citologici

Dettagli

Anatomia Patologica per il Paziente

Anatomia Patologica per il Paziente Anatomia Patologica per il Paziente LA DIVISIONE DI ANATOMIA PATOLOGICA, CITOLOGIA DIAGNOSTICA E GENETICA MEDICA DELL AZIENDA OSPEDALIERA SAN GERARDO. ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO Tipologia esami Utenti

Dettagli

Modalità di compilazione della richiesta di esame cito-istologico, di identificazione, invio, trasporto e raccolta dei campioni citoistologici

Modalità di compilazione della richiesta di esame cito-istologico, di identificazione, invio, trasporto e raccolta dei campioni citoistologici Regolamento Modalità di compilazione della richiesta di esame cito-istologico, di identificazione, invio, trasporto e raccolta dei campioni citoistologici R-S-UOQ-07 ed. 2 rev. 00 01 Agosto 2011 originale

Dettagli

Guida all utilizzo dei Servizi di Anatomia ed Istologia Patologica Trieste

Guida all utilizzo dei Servizi di Anatomia ed Istologia Patologica Trieste Guida all utilizzo dei Servizi di Anatomia ed Istologia Patologica Trieste 2 PRESENTAZIONE L Anatomo patologo, alla richiesta di esame Isto-citopatologico o di riscontro diagnostico da parte di un medico,

Dettagli

Rev. N Data Descrizione modifiche

Rev. N Data Descrizione modifiche A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale codice: PR-ANP-002-ICB MANUALE DELLE PROCEDURE pag. 1 di pag. 6 S.C. ANATOMIA PATOLOGICA DIRETTORE Dr. STEFANO TARAGLIO PROCEDURA 2 INVIO CAMPIONI BIOLOGICI Nome Firma

Dettagli

ALLEGATO 2C 91.39.4 91.39.A 91.39.B 91.39.C 91.39.D 91.39.E 91.39.F 91.39.G 91.39.H 91.39.J 91.39.K 91.39.L 91.39.M 91.39.N CODICE NOMENCLATORE

ALLEGATO 2C 91.39.4 91.39.A 91.39.B 91.39.C 91.39.D 91.39.E 91.39.F 91.39.G 91.39.H 91.39.J 91.39.K 91.39.L 91.39.M 91.39.N CODICE NOMENCLATORE ALLEGATO 2C CODICE NOMENCLATORE NOMENCLATORE TARIFFARIO REGIONALE DESCRIZIONE VOCI CATALOGO 91.39.4 ES. CITOLOGICO URINE PER RICERCA CELLULE NEOPLASTICHE Citologico brushing vie urinarie Citologico urinario

Dettagli

Area Funzionale Omogenea Anatomia ed Istologia Patologica. 1.0 Carta dei servizi per il cittadino utente

Area Funzionale Omogenea Anatomia ed Istologia Patologica. 1.0 Carta dei servizi per il cittadino utente Area Funzionale Omogenea 1.0 Carta dei servizi per il cittadino utente Pag. 2 di 9 INDICE 1.1 Generalità 3 1.2 Missione 3 1.3 Il team 3 1.3.1. Come trovarci 4 1.3.2. Orario del servizio 4 1.4 Prodotti

Dettagli

Guida al Servizio. Anatomia Patologica

Guida al Servizio. Anatomia Patologica Guida al Servizio Anatomia Patologica Ospedale Gorizia Responsabile dott. Antonio Colonna Edificio Principale - Sesto Piano Area O Viale Fatebenefratelli, 34 Centralino Ospedale tel. 0481/5921 Ospedale

Dettagli

MANUALE UTENTI/CARTA DEI SERVIZI

MANUALE UTENTI/CARTA DEI SERVIZI Pg 1/ 10 MANUALE UTENTI/CARTA DEI SERVIZI INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER RACCOLTA, PRELIEVO, CONSERVAZIONE, TRASPORTO DEI MATERIALI BIOLOGICI Redazione Verifica Approvazione Data Funzione Visto Data Funzione

Dettagli

Guida all utilizzo dei Servizi di Anatomia - Istologia Patologica Ospedale di Bolzano

Guida all utilizzo dei Servizi di Anatomia - Istologia Patologica Ospedale di Bolzano Guida all utilizzo dei Servizi di Anatomia - Istologia Patologica Ospedale di Bolzano Primario Dott. Guido Mazzoleni Redatto dal Personale Anatomia Patologica Approvato dal Prim. Dott. Guido Mazzoleni

Dettagli

PRESTAZIONI COD.TARIFFARIO TICKET. ANALISI DEL DNA ED IBRIDAZIONE CON SONDA MOLECOLARE (southern blot) 91.29.01 126,53

PRESTAZIONI COD.TARIFFARIO TICKET. ANALISI DEL DNA ED IBRIDAZIONE CON SONDA MOLECOLARE (southern blot) 91.29.01 126,53 PRESTAZIONI COD.TARIFFARIO TICKET ANALISI DEL DNA ED IBRIDAZIONE CON SONDA MOLECOLARE (southern blot) 91.29.01 126,53 ANALISI DEL DNA PER POLIMORFISMO con reazione polimerasica a catena e elettroforesi

Dettagli

MATERIALI CITOLOGICI: PRELIEVO, CONSERVAZIONE E INVIO

MATERIALI CITOLOGICI: PRELIEVO, CONSERVAZIONE E INVIO MATERIALI CITOLOGICI: PRELIEVO, CONSERVAZIONE E INVIO Maria Alma Audi Grivetta Anatomia Patologica Ospedale di Circolo di Varese 8-11-2014 paziente medico laboratorio accettazione + registrazione referto

Dettagli

ANATOMIA PATOLOGICA scheda aggiornata al 11,11,2015

ANATOMIA PATOLOGICA scheda aggiornata al 11,11,2015 ANATOMIA scheda aggiornata al 11,11,2015 MEDICO ORARIO AMBULATORIO Consulenza cito/istologica 220,00 Diagnosi anatomopatologica estemporanea (ogni campione) 165,00 Esame citologico cerv.vaginale (PAP test)

Dettagli

Presidio Ospedaliero Magenta-Abbiategrasso Unità Operativa di Anatomia Patologica

Presidio Ospedaliero Magenta-Abbiategrasso Unità Operativa di Anatomia Patologica Pag. 1 di 11 Azienda Ospedaliera di Presidio Ospedaliero Magenta-Abbiategrasso Unità Operativa di Direttore: dott. M. Cazzaniga Sede: 3 piano del Corpo F dello Stabilimento Ospedaliero G. Fornaroli. Indirizzo:

Dettagli

MANUALE MODALITÀ PRELIEVO Unità Operativa di Anatomia e Istologia Patologica - Prof. Grigioni W.F. Pad 18 e Pad 26

MANUALE MODALITÀ PRELIEVO Unità Operativa di Anatomia e Istologia Patologica - Prof. Grigioni W.F. Pad 18 e Pad 26 Pag 1 / 12 SOMMARIO Esame istologico biopsia chirurgica...2 Esame istologico biopsia endoscopica o con ago sottile...2 Esame istologico biopsia estemporanea...3 Esame citologico su liquido...3 Esame citologico

Dettagli

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella SIAPEC PIEMONTE Concordanza e uniformità di refertazione diagnostica nelle anatomie patologiche della Regione Piemonte Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella Statement

Dettagli

Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA.

Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA. Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA. La Scuola di specializzazione in Anatomia Patologica afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici diagnostici e terapeutici, Classe della

Dettagli

U.O. di ANATOMIA ed ISTOLOGIA PATOLOGICA

U.O. di ANATOMIA ed ISTOLOGIA PATOLOGICA CARTA DEI SERVIZI U.O. di ANATOMIA ed ISTOLOGIA PATOLOGICA Direttore: Dr. Enzo VENZA Segreteria dal lunedì al venerdì 8.30-15.30 In tale orario si effettua l accettazione dei campioni citologici, istologici

Dettagli

Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare

Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare Mission Il Policlinico Tor Vergata ha iniziato, dal 10 gennaio 2001, a costruire insieme con tutti i suoi professionisti l ospedale umano aperto

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI U.O.C. di Anatomia e Istologia Patologica Presidio Ospedaliero S. Eugenio - Azienda USL Roma C Università degli Studi di Roma Tor Vergata Direttore: Prof. Giuseppe Santeusanio Ospedale S. Eugenio Regione

Dettagli

MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE)

MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE) MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE) L esercizio delle attività mediche, al pari di tutte le attività umane, è correlato alla possibilità di generare errori.

Dettagli

S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO

S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Chirurgia fa parte del Dipartimento di Chirurgia Generale e d Urgenza. Comprende la Struttura Semplice

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio di Anatomia Istologia Patologica e Citodiagnostica. Prof. Giuseppe Zamboni. Pagina 1 di 34

CARTA DEI SERVIZI. Servizio di Anatomia Istologia Patologica e Citodiagnostica. Prof. Giuseppe Zamboni. Pagina 1 di 34 CARTA DEI SERVIZI Redatto da: Personale dell U.O. di Anatomia Patologica Approvato da: Prof. Giuseppe Zamboni Pagina 1 di 34 INDICE Pag. 1. Presentazione 3 2. Struttura e ubicazione 4 3. Attività 5 4.

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA - I N D I C E - - Informazioni generali. - Attività svolta. - Accesso al servizio.

REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA - I N D I C E - - Informazioni generali. - Attività svolta. - Accesso al servizio. REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA - I N D I C E - - Informazioni generali - Attività svolta - Accesso al servizio - Il reparto - Standards di Qualità Informazioni Generali U.O.C. DI UROLOGIA Direttore:

Dettagli

Documento 01 Tipologia di Prodotto/Servizio Day Hospital Medico

Documento 01 Tipologia di Prodotto/Servizio Day Hospital Medico Documento 01 Tipologia di Prodotto/Servizio Day Hospital Medico REVISIONE DATA REDATTO E ELABORATO APPROVATO FIRMA 0 27/04/2011 Coord.Infermieristico DH Medico Assungia Cora Direttore U.O.C. Medicina Generale

Dettagli

Il Primario Prof. Fabio Facchetti

Il Primario Prof. Fabio Facchetti Gentile Signora/Signore, in occasione del Suo arrivo presso il 1 Servizio di Anatomia Patologica, per sottoporsi agli accertamenti clinici richiesti dal Suo Medico curante, riteniamo utile fornirle queste

Dettagli

ESSERE RESPONSABILI: PERCORSI INDIVIDUALI IN UN OTTICA DI GRUPPO Responsabilità professionale del Tecnico sanitario biomedico Anatomia Patologica

ESSERE RESPONSABILI: PERCORSI INDIVIDUALI IN UN OTTICA DI GRUPPO Responsabilità professionale del Tecnico sanitario biomedico Anatomia Patologica ESSERE RESPONSABILI: PERCORSI INDIVIDUALI IN UN OTTICA DI GRUPPO Responsabilità professionale del Tecnico sanitario biomedico Anatomia Patologica C. Parodi D. De Leonardis ASL2 S.C. Anatomia Patologica

Dettagli

Dipartimento di Diagnosi e Cura Unità Operativa Complessa di Anatomia, Istologia, Citologia Patologica Direttore: Dott.

Dipartimento di Diagnosi e Cura Unità Operativa Complessa di Anatomia, Istologia, Citologia Patologica Direttore: Dott. Dipartimento di Diagnosi e Cura Unità Operativa Complessa di Anatomia, Istologia, Citologia Patologica Direttore: Dott. Maurizio Lestani CARTA DEI SERVIZI 1 INDICE 1. MODALITÀ DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI

Dettagli

TECNICHE DI CITOLOGIA. P.Grassi. Formazione interna Istituto Cantonale di Patologia Locarno, 16 marzo 2010

TECNICHE DI CITOLOGIA. P.Grassi. Formazione interna Istituto Cantonale di Patologia Locarno, 16 marzo 2010 TECNICHE DI CITOLOGIA P.Grassi Formazione interna Istituto Cantonale di Patologia Locarno, 16 marzo 2010 Diagnostica anatomopatologica DUE APPROCCI CITOPATOLOGIA DIAGNOSTICA ISTOPATOLOGIA DIAGNOSTICA Citodiagnostica

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag.

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag. Rif. P 01 Pag. 1 Sommario 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso REVISIONI N REV. DATA STESURA DESCRIZIONE Rif. PARAGR. Rif. PAGINA 00 20/10/2009 Prima emissione

Dettagli

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY GINECOLOGIA Guida al DAY SURGERY Gentile utente, questa guida contiene le informazioni utili per accedere al Day Surgery. Le indicazioni che troverà nella guida la faciliteranno nel percorso pre e post

Dettagli

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA Struttura Complessa di ONCOLOGIA MEDICA ED EMATOLOGIA Azienda Ospedaliera CARLO POMA - v.le Albertoni, 1 46100 Mantova (Direttore Dr. Enrico Aitini) Gruppo di LavoroEmatologia Dr. Maria Donatella Zamagni,

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA

CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA CORSO INTEGRATO DI INFERMIERISTICA CLINICA MATERNO-INFANTILE INFERMIERISTICA OSTETRICA E GINECOLOGICA MEZZI DI INDAGINE IN GINECOLOGIA 1 ANAMNESI - ginecologica dell infanz - ginecologica ed ostetrica

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via , Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA DI ANATOMIA E CITO-ISTOPATOLOGIA Direttore: Dr EGS d Amore IOCIT013

UNITÀ OPERATIVA DI ANATOMIA E CITO-ISTOPATOLOGIA Direttore: Dr EGS d Amore IOCIT013 MODALITA DI RACCOLTA, INVIO ED ACCETTAZIONE DEL MATERIALE CITOLOGICO 1. Il materiale viene accettato in un orario preciso stabilito dal Responsabile del Servizio ed esposto sia all ingresso del Servizio

Dettagli

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA Allegato A PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA Background Epidemiologico Esclusi i carcinomi della cute, In Italia i cinque tumori più frequentemente diagnosticati

Dettagli

Report Analitico "RICAVI" per Prestazioni Intermedie 1 SEM 2013

Report Analitico RICAVI per Prestazioni Intermedie 1 SEM 2013 ANATOMIA PATOLOGICA ANESTESIA POLO 91.39.3 ES CITOL.DI VERSAM. FINO A 5 COLORAZIONI 1,0 91.41.3 ES.ISTIOCITOP.APP.DIGER.B.END.SEDE UNICA 1,0 A5.01.0 MAT OP DI GROSSO INTESTINO 2,0 326,40 Riepilogo per

Dettagli

Unità Multidisciplinare di Senologia. Dedicato a te, donna. Percorso Senologico. con la collaborazione dell'associazione

Unità Multidisciplinare di Senologia. Dedicato a te, donna. Percorso Senologico. con la collaborazione dell'associazione Percorso Senologico Dedicato a te, donna Unità Multidisciplinare di Senologia con la collaborazione dell'associazione Percorso Senologico dedicato a te, donna Percorso senologico E' un percorso di accoglienza

Dettagli

sintesi dei risultati

sintesi dei risultati sintesi dei risultati In questo primo rapporto collaborativo tra i registri tumori delle province emiliane di Parma, Reggio Emilia e Modena vengono presentati i dati di incidenza, mortalità e sopravvivenza

Dettagli

Indice analitico. A Ampolla di Vater, 147-153 linfonodi regionali, 148, 149. linfonodi regionali (N)

Indice analitico. A Ampolla di Vater, 147-153 linfonodi regionali, 148, 149. linfonodi regionali (N) Indice analitico A Ampolla di Vater, 147-153 linfonodi regionali, 148, 149 classificazione, 149, 151, 152 metastasi a distanza (M), 149-153 raggruppamento in stadi, 153 sedi di metastasi, 149 sede primitiva,

Dettagli

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno A PESCARA NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno LILT La LILT è l unico ente pubblico su base associativa impegnato nella lotta contro i tumori dal 1922 e operante sul territorio

Dettagli

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord S.C IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE ASLTO2 1. ORARI del SERVIZIO TRASFUSIONALE...1 2. RICHIESTA di TERAPIA TRASFUSIONALE...2 3. CAMPIONI di SANGUE...3 4. IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE e DEI CAMPIONI

Dettagli

Elementi di Anatomia Patologica

Elementi di Anatomia Patologica TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA' Elementi di Anatomia Patologica Conegliano, 17-1-2014 Dr.ssa L. Bittesini, Dr.ssa F. Becherini La paziente affetta da una

Dettagli

Mission e Obbiettivi Attività svolta ARZIGNANO MONTECCHIO MAGGIORE VALDAGNO LONIGO

Mission e Obbiettivi Attività svolta ARZIGNANO MONTECCHIO MAGGIORE VALDAGNO LONIGO REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N.5 36071 ARZIGNANO (VI) Via Trento n.4 UNITA OPERATIVA RADIOLOGIA DIRETTORE DR. PIVETTA GIORGIO CARTA DEI SERVIZI Data di prima redazione:15/10/2009

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE - Le informazioni richieste vanno inserite nelle caselle bianche (che si adattano automaticamente al contenuto). - Le parti relative alle Informazioni Generali ed all Attività

Dettagli

Vengono trattate con priorità assoluta e quindi considerate urgenze le seguenti biopsie: 2. Agobiopsie epatiche per diagnosi (BE);

Vengono trattate con priorità assoluta e quindi considerate urgenze le seguenti biopsie: 2. Agobiopsie epatiche per diagnosi (BE); BIOPSIE URGENTI Quali biopsie vengono trattate come urgenze? Vengono trattate con priorità assoluta e quindi considerate urgenze le seguenti biopsie: 1. Agobiopsie di mammella (BM); 2. Agobiopsie epatiche

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA. Informazioni Generali

REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA. Informazioni Generali REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA - I N D I C E - - Informazioni generali - Attività svolta - Accesso al servizio - Il reparto - Standards di Qualità Informazioni Generali U.O.C. DI UROLOGIA Direttore:

Dettagli

In ambito clinico l'anatomia patologica svolge un ruolo fondamentale per la pianificazione di eventuali terapie mediche o chirurgiche fornendo

In ambito clinico l'anatomia patologica svolge un ruolo fondamentale per la pianificazione di eventuali terapie mediche o chirurgiche fornendo ANATOMIA PATOLOGICA Branca specialistica della medicina che studia le malattie umane mediante esame macroscopico degli organi o microscopico dei tessuti e delle cellule In ambito clinico l'anatomia patologica

Dettagli

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI Area Funzionale Chirurgica del Presidio Ospedaliero S.S. Cosma e Damiano di Pescia ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, l Area Funzionale Chirurgica dell

Dettagli

I FLUSSI INFORMATIVI E LA REGISTRAZIONE DEI TUMORI. Ivan Rashid

I FLUSSI INFORMATIVI E LA REGISTRAZIONE DEI TUMORI. Ivan Rashid I FLUSSI INFORMATIVI E LA REGISTRAZIONE DEI TUMORI Ivan Rashid OBIETTIVI Come funzionano i registri tumori (RT)? Quali flussi informativi sono utilizzati dai RT? Quali flussi informativi non sono utilizzati

Dettagli

Citologia, istopatologia labor team w ag

Citologia, istopatologia labor team w ag 202 Citologia Citologia ginecologica, Ginecopatologia Striscio vaginale convenzionale secondo Papanicolaou (PAP) Il materiale deve essere prelevato sia dall esocervice che dall endocervice. Una diagnostica

Dettagli

I TUMORI OGGETTO DI SCREENING: SPECIFICITA DELLA REGISTRAZIONE E VARIABILI AGGIUNTIVE

I TUMORI OGGETTO DI SCREENING: SPECIFICITA DELLA REGISTRAZIONE E VARIABILI AGGIUNTIVE I TUMORI OGGETTO DI SCREENING: SPECIFICITA DELLA REGISTRAZIONE E VARIABILI AGGIUNTIVE Orietta Giuliani Registro Tumori della Romagna IRCCS Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori

Dettagli

Il Nodulo Tiroideo dalla diagnosi alla Terapia

Il Nodulo Tiroideo dalla diagnosi alla Terapia Il Nodulo Tiroideo dalla diagnosi alla Terapia Genova Voltri 15 Dicembre 2012 Luca Anselmi Anatomia Patologica Sestri Ponente Percorso Diagnostico Terapeutico Multidisciplinare ENDOCRINOLOGO RADIOLOGO

Dettagli

Regione Toscana e ASL 1 di Massa e Carrara Servizio Sanitario della Toscana Liceo Artistico Statale Artemisia Gentileschi Progetto per migliorare l informazione ed il rapporto con i cittadini, attuato

Dettagli

studio di diagnosi medica Carta dei Servizi viale regina margherita 270, 00198 roma tel 06/44.23.12.21 r.a. fax 06/44.02.581

studio di diagnosi medica Carta dei Servizi viale regina margherita 270, 00198 roma tel 06/44.23.12.21 r.a. fax 06/44.02.581 studio di diagnosi medica Carta dei Servizi viale regina margherita 270, 00198 roma tel 06/44.23.12.21 r.a. fax 06/44.02.581 e-mail: info@sdmroma.it studio di diagnosi medica 2 Lo Studio di Diagnosi Medica

Dettagli

Fondamenti di. ROMA 16-18 marzo 2016. Ivan Rashid

Fondamenti di. ROMA 16-18 marzo 2016. Ivan Rashid Fondamenti di Tecniche di registrazione ROMA 16-18 marzo 2016 Ivan Rashid Base di diagnosi Basi di diagnosi aggiunti da AIRTUM 0 DCO 1 Clinica 2 Strumentale 3 Autopsia senza istologia 4 Marker tumorale

Dettagli

UNITA OPERATIVA COMPLESSA. EMATOLOGIA d.u SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE OSPEDALE POLICLINICO GIAMBATTISTA ROSSI. Prof.

UNITA OPERATIVA COMPLESSA. EMATOLOGIA d.u SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE OSPEDALE POLICLINICO GIAMBATTISTA ROSSI. Prof. pag. 7 AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE UNITA OPERATIVA COMPLESSA EMATOLOGIA d.u OSPEDALE POLICLINICO GIAMBATTISTA ROSSI MA 28 Rev. 0 del 12.01.12

Dettagli

Biopsia chirurgica piccola diagnostica sede unica Biopsia chirurgica piccola diagnostica sedi multiple Asportazione completa di neoformazione

Biopsia chirurgica piccola diagnostica sede unica Biopsia chirurgica piccola diagnostica sedi multiple Asportazione completa di neoformazione Catalogo delle prestazioni anatomo-patologiche di più frequente esecuzione presso la Unità Operativa di Emolinfopatologia (tratto dal nomenclatore/tariffario delle prestazioni di anatomia patologica dell

Dettagli

Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site

Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012 Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site Diagnosi delle lesioni pancreatiche su materiale prelevato

Dettagli

Consultare : http://www.ginecologia.unipd.it/ http://www.sanita.padova.it/reparti/ostetricia-e-ginecologia-clinica,1001,29

Consultare : http://www.ginecologia.unipd.it/ http://www.sanita.padova.it/reparti/ostetricia-e-ginecologia-clinica,1001,29 Pagina 1 di 14 Indice Presentazione pag. 2 Attività ambulatoriale pag. 3 Ambulatorio ed orari pag. 6 Modalità di accesso pag. 8 Modulo soddisfazione pag. 14 Gentile Signora, il Personale Sanitario desidera

Dettagli

OSPEDALE CLASSIFICATO VILLA SALUS

OSPEDALE CLASSIFICATO VILLA SALUS CARTA DEI SERVIZI DEL SERVIZIO DI RADIOLOGIA Revisione Revisione 00 del 01/06/2010 Revisione 01 del 16/07/2012 Revisione 02 del 08/10/2013 Revisione 03 del 27/02/2015 Revisione 04 del 23/09/2015 Modifiche

Dettagli

Ospedale Guglielmo da Saliceto

Ospedale Guglielmo da Saliceto Ospedale Guglielmo da Saliceto Laboratorio Analisi BIOCHIMICA MICROBIOLOGIA (EDIZIONE Aprile 2014) INDICE 1. PRESENTAZIONE DEL LABORATORIO ANALISI 2. CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO 2.1. MODALITÀ DI ACCESSO

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SCREENING REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO

IL PROGRAMMA DI SCREENING REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO SCREENING DEL TUMORE DEL COLLO DELL'UTERO IL TUMORE DEL COLLO DELL UTERO Il tumore del collo dell utero (o della cervice) è uno dei tumori più frequenti nella donna. In Italia ogni anno ci sono 3.500 nuovi

Dettagli

BIOLOGIA MOLECOLARE E DIAGNOSI DELLE NEOPLASIE VESCICALI: FOLLOW-UP ED IMPLICAZIONI PROGNOSTICHE

BIOLOGIA MOLECOLARE E DIAGNOSI DELLE NEOPLASIE VESCICALI: FOLLOW-UP ED IMPLICAZIONI PROGNOSTICHE Con Il Patrocinio BIOLOGIA MOLECOLARE E DIAGNOSI DELLE NEOPLASIE VESCICALI: FOLLOW-UP ED IMPLICAZIONI PROGNOSTICHE PRESIDENTI DEL CONVEGNO: Prof. Vito Pansadoro Dott. Vittorio Grazioli ROMA 12 aprile 2013

Dettagli

Linfonodo sentinella. metodo OSNA: esperienze e confronto con il metodo tradizionale

Linfonodo sentinella. metodo OSNA: esperienze e confronto con il metodo tradizionale Linfonodo sentinella secondo metodo OSNA: esperienze e confronto con il metodo tradizionale Dott.ssa C.M.. Antonacci U.O. Anatomia Patologica A.O. Ospedale Luigi Sacco di Milano Linfonodo sentinella Il

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 del 15 aprile 2009. Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Bussolengo

Carta dei Servizi rev. 1 del 15 aprile 2009. Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Bussolengo Carta dei Servizi rev. 1 del 15 aprile 2009 Unità Operativa di Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento Materno Infantile Unità Operativa di Ostetricia Ginecologia Monoblocco - Terzo piano Direttore:

Dettagli

Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella

Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella DIPARTIMENTO EMATOLOGIA, ONCOLOGIA E MEDICINA DI LABORATORIO - DIRETTORE: PROF. F.W. GRIGIONI DIPARTIMENTO EMERGENZA/URGENZA, CHIRURGIA GENERALE E DEI TRAPIANTI - DIRETTORE: PROF. A.D. PINNA DIPARTIMENTO

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER NUOVO SITO INTERNET DELL OSPEDALE

CARTA DEI SERVIZI PER NUOVO SITO INTERNET DELL OSPEDALE CARTA DEI SERVIZI PER NUOVO SITO INTERNET DELL OSPEDALE NEFROLOGIA E DIALISI Dipartimento Internistico e delle Specialità Mediche Patologie trattate o esami La S.C. di Nefrologia e Dialisi svolge attività

Dettagli

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Complessità Sistema Sanitario e Sociosanitario Natura delle patologie stadio ed evoluzione necessità assistenziali Domanda popolazione che esprime

Dettagli

PAP TEST. Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici

PAP TEST. Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici PAP TEST Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici UOS di Citopatologia UO di Anatomia ed Istologia Patologica UO di Microbiologia e Virologia Ospedale San Bortolo, Vicenza Revisione

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 1 di 11 Dipartimento di Diagnostica di Laboratorio Responsabile: Prof. Arnaldo Caruso Sezione Specializzata di Ematologia e Coagulazione Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 2 di 11

Dettagli

SISTEMA GESTIONE QUALITA IN ANATOMIA PATOLOGICA: INDICI DI CRITICITA ED ERRORI IN FASE PRE-CLINICA E CLINICA.

SISTEMA GESTIONE QUALITA IN ANATOMIA PATOLOGICA: INDICI DI CRITICITA ED ERRORI IN FASE PRE-CLINICA E CLINICA. SISTEMA GESTIONE QUALITA IN ANATOMIA PATOLOGICA: INDICI DI CRITICITA ED ERRORI IN FASE PRE-CLINICA E CLINICA. S. Meloni, M. Alborno, M. Boetto, G. Castagneris M.A. Ferro, E. Fiorito, L. Lanza, F. Li Causi,

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO... Pagina 1 di 8 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 3.1 Definizioni...2 3.2 Abbreviazioni...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...2

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SALETTA CHIRURGICA. Ottobre 2014 Rev. 0

CARTA DEI SERVIZI SALETTA CHIRURGICA. Ottobre 2014 Rev. 0 CARTA DEI SERVIZI SALETTA CHIRURGICA Ottobre 2014 Rev. 0 INDICE Principi ispiratori Descrizione della struttura Modalità ed orari funzionamento dell Ambulatorio Chirurgico Tipologia e Descrizione della

Dettagli

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia 11 Incontro di Oncologia ed Ematologia Sestri Levante, 18 maggio 2013 Maria Sironi C è ancora un ruolo per la citologia da agoaspirato con ago sottile nella diagnostica dei noduli mammari? 1 mm Quali tecniche

Dettagli

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Informazione per pazienti Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni sul percorso seguito

Dettagli

06.08.2015. Le analisi di Patologia Molecolare in ICP: nuovo flusso di lavoro. A che punto siamo: riassunto. A che punto siamo: riassunto

06.08.2015. Le analisi di Patologia Molecolare in ICP: nuovo flusso di lavoro. A che punto siamo: riassunto. A che punto siamo: riassunto A che punto siamo: riassunto Analisi totali 1200 1000 Le analisi di Patologia Molecolare in ICP: nuovo flusso di lavoro N u m e ro te s ts 800 600 400 200 0 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014* Pat.

Dettagli

MANUALE D USO DELLA STRUTTURA COMPLESSA DI ANATOMIA ED ISTOLOGIA PATOLOGICA E CITODIAGNOSTICA DEL PRESIDIO OSPEDALIERO DI ROVERETO

MANUALE D USO DELLA STRUTTURA COMPLESSA DI ANATOMIA ED ISTOLOGIA PATOLOGICA E CITODIAGNOSTICA DEL PRESIDIO OSPEDALIERO DI ROVERETO Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Sede legale: via Degasperi, 79-38123 Trento - P.IVA e C.F. 01429410226 www.apss.tn.it PRESIDI OSPEDALIERI DI ROVERETO, ARCO, TIONE

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CAMPIONI BIOLOGICI DA STRUTTURE ESTERNE E CONVENZIONATE

PROCEDURA GESTIONE CAMPIONI BIOLOGICI DA STRUTTURE ESTERNE E CONVENZIONATE Pag. 1 di 8 Indice 1. Oggetto e scopo.... 2 2. Campo di applicazione.... 2 3. Responsabilità.... 3 4. Bibliografia.... 3 5. Contenuto.... 3 5.1. Introduzione... 3 5.2 Punti di smistamento Aziendali....

Dettagli

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta la popolazione anche attraverso campagne di promozione e di informazione, rappresentano uno strumento

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta la popolazione anche attraverso campagne di promozione e di informazione, rappresentano uno strumento Prevenzione medica A seguito della segnalazione da parte dei sanitari che hanno diagnosticato una malattia infettiva potenzialmente contagiosa, il personale sanitario dell ASL attua idonei interventi di

Dettagli

Cap 2 - Principali tipi di cancro

Cap 2 - Principali tipi di cancro Cap 2 - Principali tipi di cancro PRINCIPALI TIPI DI CANCRO Ogni cellula presente nell organismo può potenzialmente andare incontro a mutazioni e diventare cancerosa, dando origine a moltissime varianti

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli