PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2001

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2001"

Transcript

1 PROGETTO ESECUTIVO PROGRAMMA CCM 2001 DATI GENERALI DEL PROGETTO (MAX 1 PAGINA) TITOLO: Personalizzazione della terapia nelle neoplasie del colonretto mediante l'identificazione di fattori predittivi di efficacia della chemioterapia adiuvante nelle forme operabili e di fattori predittivi di resistenza ai farmaci antiegfr negli stadi avanzati ENTE RESPONSABILE DELL ESECUZIONE: Regione Sicilia NUMERO ID DA PROGRAMMA: 15 PROGETTO INTERREGIONALE 1 : SI X NO REGIONI COINVOLTE: numero: 2 elenco: CCOCentro catanese di oncologia,catania (Sicilia) Cancer Center Humanitas Istituto Clinico Humanitas Rozzano (Milano) Lombardia DURATA PROGETTO: 2 anni COSTO: euro in due anni ( euro all anno) COORDINATORE SCIENTIFICO DEL PROGETTO: nominativo: Dott. Michele Caruso struttura di appartenenza: CCOCentro catanese di oncologia,catania (Sicilia) n. tel: n. fax:

2 Allegato 1 TITOLO: Personalizzazione della terapia nelle neoplasie del colonretto mediante l'identificazione di fattori predittivi di efficacia della chemioterapia adiuvante nelle forme operabili e di fattori predittivi di resistenza ai farmaci antiegfr negli stadi avanzati ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO Descrizione ed analisi del problema L identificazione dei meccanismi eziopatogenetici all origine delle neoplasie del colonretto e la conoscenza di svariati pathways molecolari che sostengono e alimentano la crescita tumorale, ha progressivamente rivoluzionato l atteggiamento terapeutico nei confronti di tali neoplasie. Se in passato le neoplasie del colonretto venivano considerate come un unico gruppo omogeneo, oggi è noto che all interno di tale gruppo esistono diversi sottogruppi, ciascuno con differenti caratteristiche biologiche, aggressività e risposta ai trattamenti medici. Fino a qualche anno fa l impiego della chemioterapia era basato, e come tale giustificato, dalla dimostrazione di un beneficio mediamente osservato su intere popolazioni non selezionate. Negli ultimi anni si sono moltiplicati gli sforzi per identificare terapie mirate che fossero specificamente modulate per particolari sottogruppi di pazienti al fine di ottimizzare l impatto di queste terapie sulla storia naturale delle neoplasie del colonretto. La possibilità di selezionare terapie mirate sulla base delle caratteristiche biologiche di una neoplasia consente la realizzazione di un duplice obiettivo: da una parte l incremento dell efficacia della terapia stessa, dall altra la riduzione della tossicità associata all impiego di particolari farmaci. Tale obiettivo è potenzialmente realizzabile nella gestione delle neoplasie del colonretto sia in stadio precoce (neoplasia resecata) che avanzata (neoplasia metastatica). Soluzioni proposte sulla base delle evidenze Stadio precoce (stadio II) Se è ormai ampiamente riconosciuta l efficacia del trattamento chemioterapico adiuvante nelle neoplasie in stadio III, molti dubbi e controversie persistono sull impatto dello stesso nelle neoplasie in stadio II. Tali neoplasie presentano infatti un basso rischio di recidiva postchirurgia (circa 26%) e di conseguenza, il beneficio derivante dall impiego di una chemioterapia complementare risulta, come da recenti studi, alquanto limitato (rischio di recidiva 22%) a fronte di inevitabili tossicità a breve e medio termine. Per tali motivi, il trattamento chemioterapico adiuvante è attualmente riservato soltanto ad un ristretto gruppo di pazienti con neoplasia del colonretto in stadio II e caratteristiche istopatologiche sfavorevoli. D altra parte, essendo condizionati da una non trascurabile soggettività di definizione e interpretazione, tali indicatori di rischio sono poco riproducibili e non facilmente utilizzabili quali criterio di scelta di un trattamento adiuvante. La possibilità di disporre di fattori biologici oggettivi, facilmente identificabili e riproducibili, indicativi di prognosi nelle neoplasie del colonretto in stadio precoce, consentirebbe una migliore gestione (sia in termini di impiego di terapie adiuvanti che di attuazione del programma di followup clinicostrumentale) dei pazienti sottoposti ad intervento chirurgico per neoplasia in stadio II. Tra i numerosi fattori biologici in studio, un posto di rilievo negli ultimi anni, è stato sicuramente assunto dalla valutazione mutazionale dei microsatelliti. I microsatelliti sono definiti quali sequenze genomiche caratterizzate dalla ripetizione di un solo nucleotide o di unità costituite da due o più nucleotidi. Talvolta, a causa di un alterazione dei geni del mismatch repair (MMR), si verifica una variazione monoallelica o biallelica di tali sequenze nucleotidiche ripetute. Tale fenomeno è noto con il termine di instabilità dei microsatelliti (MSI) e caratterizza circa il 15% di tutte le neoplasie del colonretto. Recenti studi sembrano dimostrare una correlazione tra la presenza di MSI e un ridotto rischio di recidiva delle neoplasie del colonretto in stadio precoce. Inoltre la presenza di MSI è predittiva di una ridotta sensibilità delle cellule tumorali agli effetti citotossici di una chemioterapia precauzionale a base di 5fluorouracile. La conferma di un ruolo prognostico favorevole e predittivo negativo di risposta al trattamento chemioterapico adiuvante della MSI, può consentire una migliore definizione del rischio di recidiva postoperatoria e conseguentemente una più oggettiva valutazione dell entità del beneficio derivante dall impiego di un trattamento adiuvante. E pertanto evidente l impatto che la determinazione di MSI potrebbe avere sulle scelte terapeutiche riducendo nello stesso tempo le tossicità per il singolo paziente ed i costi per l intera comunità. Stadio avanzato (stadio IV) Le recenti acquisizioni sulla biologia delle neoplasie del colonretto hanno consentito il rapido sviluppo di farmaci biologici in grado di rivoluzionare l approccio terapeutico alle neoplasie in fase metastatica e consentire un significativo miglioramento della prognosi. D altra parte, non sempre l introduzione nella pratica clinica di un farmaco biologico è stata accompagnata dalla precisa identificazione dello specifico bersaglio molecolare. Tra tutti i farmaci biologici, quelli che meglio esemplificano tale situazione, sono gli anticorpi monoclonali antiegfr, cetuximab e panitumumab. Entrambi i farmaci agiscono inibendo la trasduzione di importanti segnali di sopravvivenza, proliferazione e angiogenesi, che dal recettore di membrana EGFR giungono al nucleo cellulare attraverso il sistema enzimatico intracellulare delle MAPkinasi (MAPK). Sebbene questo meccanismo sia presente e attivo nella maggior parte delle neoplasie del colonretto, soltanto una parte dei pazienti beneficia di un trattamento con anticorpo monoclonale antiegfr. Diversi anni addietro è stato chiaramente dimostrato come l espressione tumorale del target EGFR non costituisca elemento predittivo di risposta al trattamento con cetuximab. Da quel momento in poi, numerosi studi, retrospettivi e prospettici, sono stati condotti, volti ad identificare precisi marcatori biologici di risposta o resistenza ai farmaci antiegfr D altra parte, numerose evidenze supportano l ipotesi di specifiche mutazioni/alterazioni a carico di varie componenti della cascata enzimatica delle MAPK quali marcatori molecolari di resistenza agli antiegfr. Le mutazioni dei geni KRAS, BRAF, PI3K (limitatamente all esone 20) e la perdita di funzione di PTEN, sembrano costituire utili marcatori biologici per l identificazione dei pazienti che non beneficiano di una terapia con gli anticorpi monoclonali cetuximab e panitumumab. Pertanto, l impiego di una terapia a base di antiegfr potrebbe essere riservato al solo sottogruppo di pazienti potenzialmente responsivi con conseguente 2

3 riduzione di tossicità e costi e generale ottimizzazione delle risorse sanitarie. Fattibilità /criticità delle soluzioni proposte Le analisi biologiche ed immunoistochimiche proposte nel nostro progetto non possono prescindere dalla disponibilità di un adeguato supporto tecnologico. D altra parte, però, si ritiene auspicabile che tecnologie di cui sia riconosciuto il valore in letteratura possano avere una diffusione ampia sul territorio nazionale quanto meno nei centri oncologici di rilievo nazionale o regionale e negli IRCCS oncologici che da sempre hanno un ruolo fondamentale e trainante nella convalida dell innovazione. E' infatti ragionevole ipotizzare che le tecniche più complesse e meno diffuse debbano essere eseguite in centri con esperienza, dove un volume di prestazioni annue adeguate garantisca un elevato standard qualitativo, o in alternativa, essere centralizzate in ambito regionale o concentrate in poche strutture. Le principali criticità che potrebbero ritardare od ostacolare il raggiungimento degli obiettivi preposti sono principalmente legate a problematiche laboratoristiche o, nel caso specifico delle indagini genetiche, alla variabilità caratteristica del genoma umano. Le limitazioni all uso dell immunoistochimica (IHC) sono di tipo tecnico ed interpretativo. Differenti tipi di antigeni richiedono un appropriata preparazione del tessuto. Infatti, alcuni antigeni non sono resistenti alla fissazione e richiedono il rapido congelamento del campione; altri richiedono diversi tipi di fissazione. Una corretta interpretazione del risultato IHC non dipende comunque solo dall adeguatezza tecnica della procedura. In genere è necessario impiegare non un solo anticorpo (Ab), ma un insieme di anticorpi. Alcuni Ab attualmente in commercio (ad esempio, l Ab antiantigene prostataspecifico o PSA) hanno un grande significato diagnostico, altri ne hanno uno più limitato; in questo caso è opportuno selezionare quelli più significativi all interno di un gruppo di Ab. L accurata interpretazione dell immunocolorazione deve richiedere inoltre una familiarità con il vero positivo ed il falso positivo, il vero negativo ed il falso negativo. L uso di controlli positivi e negativi può attenuare tali limitazioni. Le problematiche connesse allo studio dei microsatelliti sono correlate alle caratteristiche stesse di questi marcatori. Essi infatti hanno un elevato livello di polimorfismo, seguono un eredità mendeliana e presentano modelli semplici di evoluzione. L elevata variabilità e specificità li ha resi negli ultimi anni lo strumento più utilizzato in genetica di popolazione. Poiché la maggior parte dei microsatelliti è generespecifica o speciespecifica, la limitazione all uso dei microsatelliti come marcatori del DNA risiede proprio nell isolamento di primer specifici. Un altro fattore che complica l analisi dei microsatelliti è il tasso di mutazione. Quando i microsatelliti si presentano con dimensioni alleliche diverse, il loro tasso di mutazione in un dato locus non è sempre lo stesso e non è costante nel tempo. Infatti il tasso di mutazione e la direzione della mutazione sono influenzate dalla lunghezza dell allele. Le mutazioni e l evoluzione di queste semplici sequenze ripetute derivano da vari e continui processi dinamici. Bibliografia Haydon AM, Jass JR. Emerging pathways in colorectalcancer development. Lancet Oncol 2002; 3: 838. Tejpar S, Saridaki Z, Delorenzi M, et al. Microsatellite Instability, Prognosis and Drug Sensitivity of Stage II and III Colorectal Cancer: More Complexity to the Puzzle JNCI J Natl Cancer Inst 2011; 103 (11): Guastadisegni C, Colafranceschi M, Ottini L and Dogliotti E. Microsatellite instability as a marker of prognosis and response to therapy: A metaanalysis of colorectal cancer survival data Eur J Cancer 2010; 46 (Issue 15): Popat S, Hubner R, Houlston RS. Systematic review of microsatellite instability and colorectal cancer prognosis. J Clin Oncol 2005; 23: Malesci A, Laghi L, Bianchi P et al., Reduced likelihood of metastases in patients with microsatelliteunstable colorectal cancer, Clin Cancer Res 2007; 13: Courtney KD, Corcoran RB, Engelman JA. The PI3K pathway as drug target in human cancer. J Clin Oncol 2010; 28: Rajagopalan H, Bardelli A, Lengauer C, et al. Tumorigenesis: RAF/RAS oncogenes and mismatchrepair status. Nature 2002; 418: 934 Bessa X, Alenda C, Paya A Validation Microsatellite Path Score in a PopulationBased Cohort of Patients With Colorectal Cancer. J Clin Onc 2011 Jul 25. (Epub ahead of print) Allegra J, Jessup JM, Somerfield MR et al. American Society of Clinical Oncology provisional clinical opinion: testing for KRAS gene mutations in patients with metastatic colorectal carcinoma to predict response to antiepidermal growth factor receptor monoclonal antibody therapy, J Clin Oncol 2009; 27: De Roock W, Claes B, Bernasconi D et al.effects of KRAS, BRAF, NRAS, and PIK3CA mutations on the efficacy of cetuximab plus chemotherapy in chemotherapyrefractory metastatic colorectal cancer: a retrospective consortium analysis. Lancet Oncol 2010; 8: Di Nicolantonio F, Martini M, Molinari M et al. Wildtype BRAF is required for response to panitumumab or cetuximab in metastatic colorectal cancer. J Clin Oncol 2008; 26: SartoreBianchi A, Bencardino K, Di Nicolantonio F et al. Integrated molecular dissection of the epidermal growth factor receptor (EGFR) oncogenic pathway to predict response to EGFRtargeted monoclonal antibodies in metastatic colorectal cancer. Target Oncol 2010; 1: Italiano A, Hostein I, Soubeyran I et al. KRAS and BRAF mutational status in primary colorectal tumors and related metastatic sites: biological and clinical implications. Ann Surg Oncol 2010; 17:

4 Loupakis F, Ruzzo A, Cremolini C et al. KRAS codon 61, 146 and BRAF mutations predict resistance to cetuximab plus irinotecan in KRAS codon 12 and 13 wildtype metastatic colorectal cancer. Br J Cancer 2009; 18: Poulikakos PI, Zhang C, Bollag G et al. RAF inhibitors transactivate RAF dimers and ERK signalling in cells with wildtype BRAF. Nature 2010; 464:

5 Allegato 2 OBIETTIVI E RESPONSABILITA DI PROGETTO OBIETTIVO GENERALE: Identificare e validare marcatori biologici di risposta o resistenza ai trattamenti antineoplastici attualmente disponibili nei confronti delle neoplasie del colonretto, al fine di ottimizzare le scelte terapeutiche riducendo le tossicità per il singolo paziente e i costi per l intera comunità. OBIETTIVO SPECIFICO 1: Determinare i fattori indicativi di prognosi nei pazienti con neoplasia del colonretto in stadio II. OBIETTIVO SPECIFICO 2: Applicare la MSI (valutata attraverso l identificazione immunoistochimica degli enzimi MMR, MLH1, MSH2, MSH6 e PMS2) quale fattore prognostico favorevole nei pazienti con neoplasia del colonretto stadio II e quale marcatore predittivo di ridotta sensibilità ad un trattamento chemioterapico adiuvante a base di 5fluorouracile. OBIETTIVO SPECIFICO 3 : Utilizzare le mutazioni di KRAS, BRAF, PI3K (limitatamente all esone 20) e la perdita di funzione di PTEN quali oggettivi e riproducibili fattori indicativi di resistenza ad un trattamento con anticorpi monoclonali antiegfr cetuximab e panitumumab nei pazienti con neoplasia del colonretto in fase metastatica. ENTE RESPONSABILE: Regione Sicilia CAPO PROGETTO: Michele Caruso UNITA OPERATIVE COINVOLTE Unità Operativa 1 Referente Compiti UO di Oncologia CCOCentro Catanese Michele Caruso di Oncologia. Catania (Sicilia) Identificazione dei pazienti oggetto delle valutazioni in studio Raccolta dei dati clinicoanamnestici del beneficio clinico derivante dall impiego dei farmaci in oggetto Unità Operativa 2 Referente Compiti UO di Oncologia medica Cancer Center Lorenza Rimassa Identificazione dei pazienti oggetto Humanitas IRCCS Istituto Clinico delle valutazioni in studio Humanitas. Rozzano, Milano (Lombardia) Raccolta dei dati clinicoanamnestici del beneficio clinico derivante dall impiego dei farmaci in oggetto Unità Operativa 3 Referente Compiti UO di Gastroenterologia IRCCS Istituto Clinico Humanitas. Rozzano, Milano (Lombardia) Luigi Laghi Esecuzione delle indagini genetiche ed immunoistochimiche volte all individuazione dello status dei microsatelliti (analisi dei loci BAT 25, BAT 26) ed immunoistochimica 5

6 (di MLH1, MSH2, MSH6 e PMS2) nei casi MSI. Esecuzione delle indagini molecolari volte all individuazione delle mutazioni dei geni KRAS, B RAF e PI3K (esone 20) Unità Operativa 4 Referente Compiti UO di Anatomia Patologica CCO Giuseppe Nuciforo Analisi KRAS, BRAF, PI3K Centro Catanese di Oncologia. Catania (esone 20) nelle forme di ca. colon (Sicilia) retto avanzate/metastatiche Unità Operativa 5 Referente Compiti UO di Anatomia Patologica IRCCS Massimo Roncalli dello status funzionale Istituto Clinico Humanitas. Rozzano, di PTEN (analisi Milano (Lombardia) imunoistochimica). Unità Operativa 6 Referente Compiti BioStatistica Cancer Center Humanitas IRCCS Istituto Clinico Humanitas. Rozzano, Milano (Lombardia) Laura Giordano della correlazione tra dato clinico e di laboratorio come espresso nei paragrafi precedenti 6

7 Allegato 3 PIANO DI VALUTAZIONE OBIETTIVO GENERALE Identificare e validare marcatori biologici di risposta o resistenza ai trattamenti antineoplastici attualmente disponibili nei confronti delle neoplasie del colonretto, al fine di ottimizzare le scelte terapeutiche riducendo le tossicità per il singolo paziente e i costi per l intera comunità. Dimostrazione della correlazione tra presenza di MSI e prognosi nei pazienti con neoplasia del colonretto in stadio II. Indicatore/i di risultato Dimostrazione della correlazione tra presenza di mutazioni di KRAS, BRAF, PI3K (esone 20), mancata espressione di PTEN e inefficacia (in termini di risposte obiettive e sopravvivenza libera da progressione) di una terapia a base di anticorpo monoclonale antiegfr (cetuximab o panitumumab). Stima del risparmio di tossicità e risorse sanitarie conseguenti all ottimizzazione della terapia, nei pazienti con neoplasia del colonretto in fase iniziale e metastatica. Selezionare una percentuale di pazienti affetti da neoplasia del colon in stadio II trattati chirurgicamente che, sulla base della presenza di MSI nel tessuto tumorale, hanno una prognosi migliore Standard di risultato Selezionare la porzione di pazienti affetti da adenocarcinoma del colonretto metastatico che, sulla base della presenza di mutazioni di KRAS, BRAF, PI3K (esone 20) e la perdita di funzione di PTEN, godrebbero di una minor risposta al trattamento con anticorpi monoclonali antiegfr, risparmiando loro le tossicità, talvolta significative, di tali trattamenti. Risparmiare ad alcuni pazienti, selezionati sulla base di alterazioni biologiche specifiche, trattamenti antineoplastici potenzialmente tossici e con scarso potenziale terapeutico. Evitare inoltre le conseguenze cliniche ed economiche della gestione degli eventi avversi (ambulatoriale od ospedaliera) correlate a tali trattamenti OBIETTIVO SPECIFICO 1 Indicatore/i di risultato Standard di risultato Determinare i fattori indicativi di prognosi nei pazienti con neoplasia del colonretto in stadio II. Numero di pazienti con neoplasia del colonretto in stadio II sottoposti allo studio dei microsatelliti e valutati in termini di terapia ricevuta (sola chirurgia o chirurgia e chemioterapia adiuvante) e outcome (sopravvivenza libera da recidiva e sopravvivenza globale). Confermare che la presenza di MSI nel tessuto tumorale di pazienti affetti da neoplasia del colonretto in stadio II permette di selezionare i pazienti che realmente possono beneficiare di un trattamento chemioterapico adiuvante rispetto a coloro ai quali la chemioterapia comporterebbe solo un aumentato rischio di tossicità. Selezionare una percentuale di pazienti affetti da neoplasia del colon in stadio II trattati chirurgicamente che, sulla base della presenza di MSI nel tessuto tumorale, hanno una prognosi migliore 7

8 OBIETTIVO SPECIFICO 2 Indicatore/i di risultato Standard di risultato Applicare la MSI (valutata attraverso l identificazione immunoistochimica degli enzimi MMR, MLH1, MSH2, MSH6 e PMS2) quale fattore prognostico favorevole nei pazienti con neoplasia del colonretto stadio II e quale marcatore predittivo di ridotta sensibilità ad un trattamento chemioterapico adiuvante a base di 5fluorouracile. Dimostrazione della correlazione tra presenza di MSI e prognosi nei pazienti con neoplasia del colonretto in stadio II. Dimostrazione della correlazione tra presenza di MSI ed efficacia (in termini di riduzione del rischio di recidiva) del trattamento chemioterapico adiuvante a base di 5fluorouracile Selezionare una percentuale di pazienti affetti da neoplasia del colon in stadio II trattati chirurgicamente che, sulla base della presenza di MSI nel tessuto tumorale, hanno una prognosi migliore Confermare che la presenza di MSI nel tessuto tumorale di pazienti affetti da neoplasia del colonretto in stadio II trattati chirurgicamente correla con una minore sensibilità al trattamento chemioterapico adiuvante con 5fluorouracile. OBIETTIVO SPECIFICO 3 Indicatore/i di risultato Standard di risultato Utilizzare le mutazioni di KRAS, BRAF, PI3K (limitatamente all esone 20) e la perdita di funzione di PTEN quali oggettivi e riproducibili fattori indicativi di resistenza ad un trattamento con anticorpi monoclonali antiegfr cetuximab e panitumumab nei pazienti con neoplasia del colonretto in fase metastatica. Numero di pazienti con neoplasia del colonretto in stadio metastatico trattati con terapie a base di anticorpo monoclonale antiegfr (cetuximab o panitumumab), sottoposti allo studio dello stato mutazionale di KRAS, BRAF, PI3K (esone 20) e dell espressione funzionale di PTEN e valutati in termini di outcome (risposta obiettiva, sopravvivenza libera da progressione). Dimostrazione della correlazione tra presenza di mutazioni di KRAS, BRAF, PI3K (esone 20), mancata espressione di PTEN e inefficacia (in termini di risposte obiettive e sopravvivenza libera da progressione) di una terapia a base di anticorpo monoclonale antiegfr (cetuximab o panitumumab). Selezionare la porzione di pazienti affetti da adenocarcinoma del colonretto metastatico che, sulla base della presenza di mutazioni di KRAS, BRAF, PI3K (esone 20) e la perdita di funzione di PTEN, godrebbero di una minor risposta al trattamento con anticorpi monoclonali antiegfr, risparmiando loro le tossicità, talvolta significative, di tali trattamenti. 8

9 CRONOGRAMMA Mese Identificazion e dei pazienti oggetto delle valutazioni in studio Raccolta dei dati clinicoanamnestici x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x Obiettivo specifico 1 del beneficio clinico derivante dall impiego dei farmaci in oggetto Analisi dei loci BAT 25, BAT e di MLH1, MSH2, MSH6, PMS2 della correlazione tra dato clinico e di laboratorio Identificazion e dei pazienti oggetto delle valutazioni in studio Raccolta dei dati clinicoanamnestici x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x Obiettivo specifico 2 del beneficio clinico derivante dall impiego dei farmaci in oggetto Analisi dei loci BAT 25, BAT e di MLH1, MSH2, MSH6, PMS2 della correlazione tra dato clinico e di laboratorio x x 9

10 Identificazion e dei pazienti oggetto delle valutazioni in studio Raccolta dei dati clinicoanamnestici x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x Obiettivo specifico 3 del beneficio clinico derivante dall impiego dei farmaci in oggetto dello status funzionale di PTEN Esecuzione indagini molecolari per mutazione dei geni K RAS, BRAF e PI3K (esone 20) Analisi K RAS, B RAF, PI3K (esone 20) della correlazione tra dato clinico e di laboratorio x x 10

11 Allegato 4 TRASFERIMENTI FINANZIARI A CIASCUNA UNITA OPERATIVA Personale Personale medico e tecnico Beni e servizi Spese generali 10% spese generali Totale Unità Operativa 1 Risorse ANNO 1 ANNO Personale Personale medico e tecnico Beni e servizi Convegni Unità Operativa 2 Risorse ANNO 1 ANNO Spese generali 10% spese generali Totale

12 Unità Operativa 3 Personale Personale medico e tecnico Beni e servizi Reagenti per analisi genetiche, immunoistochimiche e indagini molecolari Risorse ANNO 1 ANNO Spese generali 10% spese generali Totale Personale Beni e servizi Reagenti per indagini molecolari Unità Operativa 4 Risorse ANNO 1 ANNO Spese generali 10% spese generali Totale

13 Personale Beni e servizi Reagenti per analisi in immunoistochimica Unità Operativa 5 Risorse ANNO 1 ANNO Spese generali 10% spese generali Totale Personale Personale medico e tecnico Beni e servizi Unità Operativa 6 Risorse ANNO 1 ANNO Spese generali 10% spese generali Totale TRASFERIMENTO FINANZIARIO GENERALE Risorse Anno 1 Anno 2 Personale Beni e servizi Convegni Spese generali Totale

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto Carmelo Lupo RAS-RAF signaling Activation of the RAS-RAF signaling cascade occurs via the following sequential steps 1 : Activation

Dettagli

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Marcatori molecolari prognostici Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Legnano 24.03.2009 Cancro colorettale - Epidemiologia Il cancro colorettale è la seconda causa di morte per malattie

Dettagli

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò Anticorpi monoclonali Anti-EGFR -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri Valentina Anrò Ruolo Biologico Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Domain Transmembrane Domain

Dettagli

REPORT FINALE DEL PROGETTO III Controllo di qualità nazionale per la valutazione delle mutazioni di RAS nel carcinoma del colon-retto -2014

REPORT FINALE DEL PROGETTO III Controllo di qualità nazionale per la valutazione delle mutazioni di RAS nel carcinoma del colon-retto -2014 REPORT FINALE DEL PROGETTO III Controllo di qualità nazionale per la valutazione delle mutazioni di RAS nel carcinoma del colon-retto -2014 Il Comitato Scientifico AIOM e SIAPEC-IAP ha organizzato per

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

Marcatori molecolari predittivi della risposta ad anticorpi monoclonali terapeutici contro EGFR in pazienti con carcinoma colorettale metastatico

Marcatori molecolari predittivi della risposta ad anticorpi monoclonali terapeutici contro EGFR in pazienti con carcinoma colorettale metastatico Marcatori molecolari predittivi della risposta ad anticorpi monoclonali terapeutici contro EGFR in pazienti con carcinoma colorettale metastatico Francesca Molinari Formazione interna Istituto cantonale

Dettagli

Istituto cantonale di patologia Locarno # " $%& # " $0 !%% ' (!")!"* 1(!")."/ ((($!"* +,"-.&$ (( 1 (."/ (((!"*!") !" # $ %

Istituto cantonale di patologia Locarno #  $%& #  $0 !%% ' (!)!* 1(!)./ ((($!* +,-.&$ (( 1 (./ (((!*!) ! # $ % ? Istituto cantonale di patologia Locarno!"!."/ # " $%!%% ' (!")!"* +,".$ (( # " $0 (!")."/ ((($!"* (."/ (((!"*!") 2%3" 2%3."/ # " $%0 %( *)2%3 (( # $ (! ((*)2%3 # " $ %(."/ ((( *)2%3 %(."/ ((( *)2%3 %(.!

Dettagli

Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon

Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon Carmelo Lupo Coordinatore Tecnico U.O. Anatomia Patologica e Patologia Molecolare

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Università di Pisa Dipartimento di Farmacia Corso di laurea in CTF Corso: Basi biochimiche dell azione dei farmaci Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Pisa, 27/03/2014 Samuela Fabiani

Dettagli

Appunti di genomica e oncologia Importanza clinica delle mutazioni KRAS

Appunti di genomica e oncologia Importanza clinica delle mutazioni KRAS Appunti di genomica e oncologia Importanza clinica delle mutazioni KRAS Cos è il carcinoma colorettale Le neoplasie maligne dell intestino crasso e del retto sono collettivamente note con il nome di carcinoma

Dettagli

CANCRO DEL COLON - Tab.1

CANCRO DEL COLON - Tab.1 CANCRO DEL COLON - Tab.1 Presentazione clinica Workup Soluzioni Polipo sessile o peduncolato con cancro invasivo Polipectomia Esame istologico Colonscopia Marcatura sede Campione integro, completamente

Dettagli

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere In sintesi In passato: la cura del cancro era decisa sulla base della sede di origine della neoplasia (seno, intestino,

Dettagli

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia)

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) Raccomandazioni evidence-based Panitumumab Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 36 Ottobre 2014 Direzione

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO Documento redatto da: Dott.ssa T.Venesio, Dr.ssa A. Balsamo - Laboratorio di Patologia

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Che cos è Prolaris? Una misura molecolare diretta della

Dettagli

RICERCA, INNOVAZIONE E COMPETITIVITA : Quali vantaggi per il Paese e per i pazienti?

RICERCA, INNOVAZIONE E COMPETITIVITA : Quali vantaggi per il Paese e per i pazienti? RICERCA, INNOVAZIONE E COMPETITIVITA : Quali vantaggi per il Paese e per i pazienti? La ricerca oncologica presso l Ospedale S. Filippo Neri di Roma Giampietro Gasparini Associazione G. Dossetti Roma,

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

IL RUOLO DELLE SOCIETA SCIENTIFICHE SIAPeC IAP

IL RUOLO DELLE SOCIETA SCIENTIFICHE SIAPeC IAP Roma 25-26 ottobre 2011 Camera dei Deputati Palazzo Marini Sala della Mercede IL RUOLO DELLE SOCIETA SCIENTIFICHE SIAPeC IAP (Società di Anatomia Patologica e Citopatologia diagnostica Divisione Italiana

Dettagli

Sezione di Oncologia. [Workshop] Tumori del tratto gastrointestinale: tra scienza e pratica III Workshop nazionale

Sezione di Oncologia. [Workshop] Tumori del tratto gastrointestinale: tra scienza e pratica III Workshop nazionale [Workshop] Tumori del tratto gastrointestinale: tra scienza e pratica III Workshop nazionale, 13-14 Novembre 2014 [ Programma preliminare] Giovedì, 13 novembre 10.45 Introduzione e presentazione del corso

Dettagli

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici Percorsi e processi organizzativi nei trattamenti integrati dei tumori gastrointestinali Associazione Dossetti Roma, 25-26 ottobre 2011 Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Dettagli

Le applicazioni pratiche delle scoperte in biologia molecolare Luca Mazzucchelli Istituto cantonale di patologia Locarno

Le applicazioni pratiche delle scoperte in biologia molecolare Luca Mazzucchelli Istituto cantonale di patologia Locarno Le applicazioni pratiche delle scoperte in biologia molecolare Luca Mazzucchelli Istituto cantonale di patologia Locarno Oncologia Lago Maggiore Locarno 25 settembre 2008 Farmaco Target Indicazione Rituximab

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

Paola Capelli Sara Pecori U.O. di Anatomia Patologica Policlinico Borgo Roma

Paola Capelli Sara Pecori U.O. di Anatomia Patologica Policlinico Borgo Roma Verona, 23-24 novembre 2010 Problematiche, funzionalità intestinale e recidive post-chirurgiche. Fattori patologici di risposta alla terapia Paola Capelli Sara Pecori U.O. di Anatomia Patologica Policlinico

Dettagli

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Milena Sinigaglia Quality Systems Management & Health S.r.l. Meetjob Oristano 23/24 Aprile 2013

Dettagli

GENETICA DEL TUMORE DEL COLON-RETTO

GENETICA DEL TUMORE DEL COLON-RETTO GENETICA DEL TUMORE DEL COLON-RETTO EPIDEMIOLOGIA In tutto l'occidente, il cancro del colon-retto occupa, per incidenza, il secondo posto tra i tumori maligni, preceduto dal tumore al polmone nell'uomo

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Lynch TJ, Patel T, Dreisbach L, McCleod M, Heim WJ, Hermann RC, Paschold E, Iannotti NO, Dakhil S, Gorton S, Pautret V, Weber MR, Woytowitz D.

Lynch TJ, Patel T, Dreisbach L, McCleod M, Heim WJ, Hermann RC, Paschold E, Iannotti NO, Dakhil S, Gorton S, Pautret V, Weber MR, Woytowitz D. Lynch TJ, Patel T, Dreisbach L, McCleod M, Heim WJ, Hermann RC, Paschold E, Iannotti NO, Dakhil S, Gorton S, Pautret V, Weber MR, Woytowitz D. Cetuximab and First-Line Taxane/Carboplatin Chemotherapy in

Dettagli

Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni

Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni dei geni predittivi di risposta alla terapia oncologica Carmelo Lupo Casa di Cura La Maddalena Palermo Test molecolari PREDITTIVI di

Dettagli

LA FISSAZIONE E LA PROCESSAZIONE DEI CAMPIONI ISTOLOGICI CON SOSTANZE A BASE ALCOLICA: POSSIBILI VANTAGGI E PROSPETTIVE FUTURE.

LA FISSAZIONE E LA PROCESSAZIONE DEI CAMPIONI ISTOLOGICI CON SOSTANZE A BASE ALCOLICA: POSSIBILI VANTAGGI E PROSPETTIVE FUTURE. LA FISSAZIONE E LA PROCESSAZIONE DEI CAMPIONI ISTOLOGICI CON SOSTANZE A BASE ALCOLICA: POSSIBILI VANTAGGI E PROSPETTIVE FUTURE. Dott.ssa Marchi Barbara Biologa sanitaria COMBINAZIONE TRA LA BIOLOGIA MOLECOLARE

Dettagli

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO Cetuximab può ridurre la massa tumorale per permettere la resezione delle metastasi, anche, in pazienti inizialmente non resecabili,

Dettagli

La sindrome di Lynch. Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC. G. A. Pablo Cirrone. lunedì 11 marzo 2013

La sindrome di Lynch. Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC. G. A. Pablo Cirrone. lunedì 11 marzo 2013 La sindrome di Lynch Cancro colonrettale ereditario non poliposico o HNPCC G. A. Pablo Cirrone 1 Caratteristiche generali I HNPCC (Hereditary Non-Polyposis Colonrectal Cancer) è caratterizzato dalla comparsa,

Dettagli

Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica

Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica 17 corso nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Fattori predittivi nel carcinoma della mammella: le tecniche di Anatomia Patologica incontrano la clinica Dott.ssa Maura Pandolfi Istituto di Anatomia

Dettagli

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche la storia di HER2 V. Martin 28 giugno 2011 HER2: Human Epidermal Receptor HER2 e carcinoma mammario alias c-erb, ERBB2, HER-

Dettagli

Anticorpi monoclonali anti-egfr

Anticorpi monoclonali anti-egfr Università degli Studi di Torino Laurea Specialistica in Biotecnologie Molecolari Corso di Immunologia Prof.G.Forni Anticorpi monoclonali anti-egf Lara Fontani Famiglia recettori T erbb/her Ligandi EGF

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR Presentata da Dott. S. Ortu ASL 2 RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI PANITUMAB ATC L01XC08 (VECTIBIX ) In data febbraio 2010 Per le seguenti motivazioni (sintesi): Monoterapia per il trattamento di pazienti

Dettagli

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH

COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH COMPARAZIONE DELLA METODICA AUTOMATICA SISH (Silver Enhanced In Situ Hybridization) CON LA METODICA MANUALE FISH (Fluorescence In Situ Hybridization) PER LA VALUTAZIONE DELLO STATO DEL GENE HER2 (neu)

Dettagli

Caso clinico. Laura Cimetti

Caso clinico. Laura Cimetti Gazzada Schianno 16 Ottobre 2014 Caso clinico Laura Cimetti Dipartimento di Scienze Chirurgiche e Morfologiche Servizio di Anatomia e Istologia Patologica Università degli Studi dell Insubria e Ospedale

Dettagli

Tumore del colon-retto metastatico

Tumore del colon-retto metastatico Raccomandazioni d'uso Tumore del colon-retto metastatico Parte B: Cetuximab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

PATOLOGIA MOLECOLARE

PATOLOGIA MOLECOLARE Diagnosi rischio individuale diagnosi precoce PATOLOGIA MOLECOLARE prognosi therapia singolo paziente Example of an approximately 40,000 probe spotted oligo microarray with enlarged inset to show detail.

Dettagli

KRAS. Facilità d uso senza confronto. Idylla consente risultati rapidissimi con tempi di intervento minimi da parte dell operatore

KRAS. Facilità d uso senza confronto. Idylla consente risultati rapidissimi con tempi di intervento minimi da parte dell operatore KRAS Facilità d uso senza confronto Circa il 45% di tutti i tumori colorettali metastatici presentano mutazioni degli esoni 2, 3 e 4 dell oncogene KRAS 1. Idylla, il sistema di Biocartis completamente

Dettagli

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Il ciclo cellulare è regolato dall azione di PROTOONCOGENI e (attivatori della proliferazione cellulare) GENI ONCOSOPPRESSORI (inibitori del ciclo

Dettagli

Dialogo sui Farmaci n. 4/2009 PRESCRIVERE NEWS < 186 (Pagina 2 di 5)

Dialogo sui Farmaci n. 4/2009 PRESCRIVERE NEWS < 186 (Pagina 2 di 5) Dialogo sui Farmaci n. 4/2009 PRESCRIVERE NEWS < 186 (Pagina 1 di 5) PANITUMUMAB Indicazioni del nuovo principio attivo Come monoterapia per il trattamento di pazienti con carcinoma colorettale metastatico

Dettagli

Cancer mutations and targeted therapies in cells, mice and patients. Alberto Bardelli

Cancer mutations and targeted therapies in cells, mice and patients. Alberto Bardelli Cancer mutations and targeted therapies in cells, mice and patients Alberto Bardelli Institute for Cancer Research and Treatment University of Torino - Medical School Le analisi molecolari sui tumori umani,

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Indice 1. Introduzione 2. Cosa sono le targeted therapies? 3. Come funzionano le targeted therapies? 4. Perché utilizzare le targeted therapies nel

Dettagli

CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE:

CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE: CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE: QUALE STRATEGIA CLINICA? II Congresso Interregionale AIRO Piemonte-Liguria-Valle d Aosta Grinzane Cavour, 8 ottobre 201 1 Dimensioni del problema Dal

Dettagli

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr. Roberto Benelli TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr.ssa Maria Nincheri Kunz Terapie a bersaglio molecolare

Dettagli

Linfonodo sentinella. AJCC (6th edition 2002) Micrometastasi e ITC. Assenza di metastasi linfonodali

Linfonodo sentinella. AJCC (6th edition 2002) Micrometastasi e ITC. Assenza di metastasi linfonodali Dieci anni di linfonodo sentinella: un primo bilancio L. Mazzucchelli Istituto cantonale di patologia, Locarno Seno Forum 2010, Lugano Linfonodo sentinella Le metastasi linfonodali sono il fattore prognostico

Dettagli

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale LINEE GUIDA ROL - COLON segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale Sostituisce carcinoma in situ o adenoma intramucoso. Stadio

Dettagli

Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi

Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi IV Congresso Regionale I Congresso del Middle Management di Area Tecnica Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi Dott.ssa

Dettagli

Prof. Enrico Cortesi Dipartimento di Scienze Radiologiche, Oncologiche ed Anatomopatologiche, Università Sapienza, Policlinico Umberto I, Roma

Prof. Enrico Cortesi Dipartimento di Scienze Radiologiche, Oncologiche ed Anatomopatologiche, Università Sapienza, Policlinico Umberto I, Roma «INTEGRARE LE CONOSCENZE BIOLOGICHE/ONCOLOGICHE, CHIRURGICHE E RADIOTERAPICHE ALL INTERNO DELLA PRATICA CLINICA. ALGORITMI TERAPEUTICI PER LA GESTIONE IDEALE DELLA NEOPLASIA COLORETTALE METASTATICA» Prof.

Dettagli

18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1

18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1 Tiratura 08/2015: 443.177 Diffusione 08/2015: 285.582 Lettori Ed. II 2015: 2.095.000 Settimanale - Ed. nazionale Dir. Resp.: Umberto Brindani 18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1 Tiratura: n.d. Diffusione 12/2012:

Dettagli

Verso la terapia personalizzata

Verso la terapia personalizzata Verso la terapia personalizzata M.G.Tibiletti Genetista Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese Soroptimist Club Varese Varese 20 aprile 2013 Test genetici DIAGNOSTICI PRESINTOMATICI PREDITTIVI,

Dettagli

Biologia molecolare nella diagnosi citologica

Biologia molecolare nella diagnosi citologica Carcinoma differenziato della tiroide: dalla diagnosi al follow up 21 Marzo 2009 Biologia molecolare nella diagnosi citologica Giovanni Tallini Universita di Bologna Anatomia Patologica Osp. Bellaria Patogenesi

Dettagli

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante RETTO TRATTAMENTO MEDICO 01 Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti che effettuano una terapia medica oncologica e radioterapia post-intervento

Dettagli

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE Linee Guida ITT Istituto Toscano Tumori ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRI della PROVINCIA di AREZZO 3 gennaio 2007 Ivano Archinucci UO di Pneumologia ASL 8 STADI DEL CARCINOMA POMONARE STADIO

Dettagli

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights 16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights RISULTATI PRELIMINARI STUDIO ITACA Lo studio Itaca è uno studio multicentrico italiano di Fase III che confronta un trattamento chemioterapico tailored

Dettagli

Terapia in fase Avanzata

Terapia in fase Avanzata IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO 14 OTTOBRE 2011, ROMA Terapia in fase Avanzata Maria Sofia Rosati Oncologia A Policlinico Umberto I Roma Numeri.. e persone!! ***Solo il 56% *50% dei pz con CRC è over 70 degli

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone I A Cura di: Simona Carnio Divisione di Oncologia Toracica - A.O.U. San Luigi - Orbassano (TO) Silvia Novello Dipartimento di Oncologia - Università

Dettagli

Le terapie neoadiuvanti

Le terapie neoadiuvanti Le terapie neoadiuvanti Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia TERAPIA NEOADIUVANTE definizione SINONIMI: TERAPIA PRIMARIA TERAPIA PREOPERATORIA DEFINIZIONE: trattamento medico somministrato prima

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome E-mail Lucia Stocchi Cittadinanza Italiana Data di nascita 05-03-1978 Il/La sottoscritta, consapevole delle sanzioni penali e leggi speciali

Dettagli

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia La crescita tumorale Classification Evoluzione dei trattamenti RR OS Sites of therapy STAGE II In colon cancer patients

Dettagli

Progetto Tesi di Master Dr. Zamir KADIJA

Progetto Tesi di Master Dr. Zamir KADIJA Progetto Tesi di Master Dr. Zamir KADIJA Profilo mutazionale di oncogeni candidati nel carcinoma broncogeno non-a-piccole cellule condotto su campioni ottenuti mediante biopsia endobronchiale ed agoaspirato

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli

Il Cancro è una malattia genetica

Il Cancro è una malattia genetica Il Cancro è una malattia genetica PROCESSO MULTIFASICO Il Cancro è sempre genetico Talvolta il cancro è ereditario Ciò che viene ereditato non è la malattia, bensì la PREDISPOSIZIONE In assenza di ulteriori

Dettagli

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco

Gravedona 22 ottobre 2010. Ruolo dei farmaci anti HER 2. Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco Gravedona 22 ottobre 2010 Ruolo dei farmaci anti HER 2 Marilena Visini- Renato Ciotti Oncologia Medica-Ospedale A.Manzoni-Lecco LONG SURVIVORS IN MBC FARMACI ANTI HER2 TUMORE MAMMELLA 1950 Diagnosi Operabile

Dettagli

Gruppo C METASTASI CEREBRALI Rischio in base al sottotipo tumorale. Simona Duranti durantisimona@virgilio.it. Progetto Canoa Carcinoma Mammario

Gruppo C METASTASI CEREBRALI Rischio in base al sottotipo tumorale. Simona Duranti durantisimona@virgilio.it. Progetto Canoa Carcinoma Mammario Progetto Canoa Carcinoma Mammario Gruppo C METASTASI CEREBRALI Rischio in base al sottotipo tumorale Simona Duranti durantisimona@virgilio.it Ospedale Sacro Cuore Don Calabria Negrar Verona 22-23 marzo

Dettagli

UNA RISORSA PER LA RICERCA SCIENTIFICA E PER LA SALUTE DELLA COMUNITA

UNA RISORSA PER LA RICERCA SCIENTIFICA E PER LA SALUTE DELLA COMUNITA UNA RISORSA PER LA RICERCA SCIENTIFICA E PER LA SALUTE DELLA COMUNITA Progetto realizzato con il contributo di Cos è Trentino Biobank? Trentino Biobank è una struttura della Azienda Provinciale per i Servizi

Dettagli

PDTA - 04 Rev. 0 del 24/10/2013

PDTA - 04 Rev. 0 del 24/10/2013 PDTA - 04 Rev. 0 del 24/10/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 24.10.2013 Dr.ssa S. Ferrario Dr.ssa M.V. Forleo Dr.ssa E. Piazza Dr.ssa G. Saporetti Dr. E. Goggi

Dettagli

Indicazioni per la richiesta dei marcatori oncologici. Prof.ssa Laura Conti Patologia Clinica IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Roma

Indicazioni per la richiesta dei marcatori oncologici. Prof.ssa Laura Conti Patologia Clinica IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Roma Indicazioni per la richiesta dei marcatori oncologici Prof.ssa Laura Conti Patologia Clinica IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Roma Definizione Una sostanza misurabile quantitativamente nei

Dettagli

MULTIDISCIPLINARIETA E PROCESSO GISMa 26-27 settembre 2013

MULTIDISCIPLINARIETA E PROCESSO GISMa 26-27 settembre 2013 Antonio Maestri UOC Oncologia/Hospice Ospedale Santa Maria della Scaletta Azienda USL di Imola PERCORSI E RIPERCORSI SENOL RT CHIR AN PAT ONCO DIAGNOSTICA SENOLOGICA MULTIDISCIPLINARIETA E PROCESSO CHIRURGIA

Dettagli

Polipi. Sessili. Peduncolati

Polipi. Sessili. Peduncolati Polipi Sessili Peduncolati Polipi Intestinali Polipi iperplastici 25% Polipi amartomatosi

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO METASTATICO

IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO METASTATICO Aggiornamenti dall ESMO 2006 Istanbul, 29 settembre - 3 ottobre IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO METASTATICO primo incontro Andrea Bonetti, Stefano Cascinu, Alfredo Falcone, Evaristo Maiello, Alberto Zaniboni

Dettagli

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Il Consiglio Direttivo Nazionale LILT, nella seduta del 19 marzo 2015, ha formalmente approvato la documentazione relativa ai lavori della Commissione tecnico-scientifica

Dettagli

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare

Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Elenco dei test di patologia cromosomica e molecolare Test Metodo utilizzato Osservazioni, indicazioni Amplificazione genica Her2/neu nei carcinoma mammari e gastrici L amplificazione genica di Her2/neu

Dettagli

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani Trial clinici in oncologia Corrado Magnani Check-list Protocollo Definizione degli obiettivi Chiarezza Aggiornamento rispetto alle conoscenze scientifiche Non replicazione / giustificazione Formulazione

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

Il tra'amento chirurgico e il follow up postchirurgico nello screening

Il tra'amento chirurgico e il follow up postchirurgico nello screening Il tra'amento chirurgico e il follow up postchirurgico nello screening Bruno Andreoni Divisione Chirurgia Generale IEO Facoltà Medicina - Milano Tra'amento chirurgico tumori colon re'o screen detected

Dettagli

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Inspired to innovate Dott.ssa Annamaria Passarelli Direttore di U.O.C. di Medicina di Laboratorio A USL RM G Tivoli Indicazioni per l impiego

Dettagli

Evento Formativo accreditato ECM

Evento Formativo accreditato ECM Evento Formativo accreditato ECM INCONTRI CON L ESPERTO 2015 Aula Polo Oncologico, 6 ottobre, 10 novembre, 24 novembre 2015 ID ECM 1252-132524 ED. 1 Responsabili Scientifici: Dott. A. Fontana, Dott. A.

Dettagli

therapies in ii e iii linea?

therapies in ii e iii linea? I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - linee successive chemioterapia o targeted therapies in ii e iii linea? Attualmente i farmaci approvati nel trattamento di II linea del carcinoma

Dettagli

La Biopsia Prostatica: where are we going?

La Biopsia Prostatica: where are we going? La Biopsia Prostatica: where are we going? Sabato 28 Novembre 2015, Catania Dott. Michele Salemi Screening genetico correlato a rischio di carcinoma prostatico. BRCA1, BRCA2, TP53, CHEK2, HOXB13 e NBN:

Dettagli

IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni

IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO Fausto Roila Oncologia Medica, Terni IL PROBLEMA - CRISI ECONOMICA DEI PAESI INDUSTRIALIZZATI - COSTI SEMPRE PIU ELEVATI DELLA INNOVAZIONE (nuove tecnologie,

Dettagli

XIII Meeting AIRTum, Siracusa 6-8 maggio 2009

XIII Meeting AIRTum, Siracusa 6-8 maggio 2009 CARATTERIZZAZIONE CLINICA, MORFOLOGICA E BIOLOGICA DI DUE GRUPPI ESTREMI DI PAZIENTI CON CARCINOMA COLORETTALE SELEZIONATI ATTRAVERSO UN REGISTRO TUMORI SPECIALIZZATO Annalisa Pezzi, Piero Benatti, Luca

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE AFFETTO DA CARCINOMA DEL COLON E RETTO.

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE AFFETTO DA CARCINOMA DEL COLON E RETTO. PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE AFFETTO DA CARCINOMA DEL COLON E RETTO. A cura di Sara Lonardi, Francasaca Bergamo, Vittorina Zagonel L approccio multidisciplinare integrato è la migliore

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea in medicina e chirurgia - Statistica Medica Disegno dello studio

Dettagli

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia?

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia? Dott.ssa Paola Coco Struttura Semplice Trattamento Medico Sarcomi Adulto, Dott. Daniele Morelli, Responsabile Medicina di Laboratorio Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Sintesi della

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi

Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi HER2Club in gastric cancer Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi Anche quest anno il consueto appuntamento di aggiornamento per gli oncologi di tutto il

Dettagli

Sarcoma epitelioide. Studio osservazionale prospettico

Sarcoma epitelioide. Studio osservazionale prospettico Sarcoma epitelioide Studio osservazionale prospettico marzo 2015 1 Metodologia : Promotore: Autori: Centro coordinatore: Studio osservazionale Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Via Venezian,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Katia Bruna Bencardino Data di nascita 20.08.1977

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Katia Bruna Bencardino Data di nascita 20.08.1977 CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Katia Bruna Bencardino Data di nascita 20.08.1977 Qualifica Dirigente Medico Amministrazione Azienda Ospedaliera Ospedale Niguarda Ca Granda Incarico attuale

Dettagli