Trattamenti farmacologici innovativi:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trattamenti farmacologici innovativi:"

Transcript

1 ANTONIO TORSELLO Trattamenti farmacologici innovativi: 1. Farmaci Biologici 2. Terapie cellulari 3. Internet e le medicine naturali

2 The beginning of androgen blockade (1941) Castration in advanced prostate cancer

3 TARGET THERAPY CHEMIOTERAPIA

4 FARMACI BIOLOGICI Farmaci estremamente selettivi diretti contro una singola struttura (recettore, proteina, sequenza di DNA) riduzione effetti collaterali aumento efficacia della terapia.

5 Sono attualmente disponibili farmaci biologici che trovano applicazione per: 1. artrite reumatoide 2. psoriasi 3. malattie infiammatorie croniche dell'intestino 4. alcuni tipi di tumore.

6 Targeted Therapies Gli umab Gli inib Monoclonal antibodies: si legano a un recettore o altra molecola di segnale extracellulare Tyrosine Kinase Inhibitors: inibiscono attività enzimatiche intracellulari

7 Prima generazione: Etanercept (recettore solubile per TNF-α) Infliximab (anti TNF-α) Adalimumab (anti TNF-α) Anakinra (antagonista recettore IL-1β)

8 Targeted Therapies

9 Farmaci a Bersaglio Molecolare Anticorpi monoclonali.gli umab Rituximab ( CD20) Tocilizumab ( IL-6R) Trastuzumab ( HER2) Cetuximab ( EGFR) Adalimumab ( TNF-α) Bevacizumab ( VEGF) Inibitori della trasduzione del segnale gli inib Imatinib mesilato ( bcr-abl -, c-kit-, PDGF-TKs) Gefitinib ( EGFR-TK) Erlotinib ( EGFR-TK) Bortezomib ( proteasoma) Sorafenib, Sunitinib ( TK)

10 Anticorpi monoclonali approvati dalla FDA per il trattamento antitumorale Anticorpi monoclonali Tipo Coniugato Target Indicazioni Anno di approvazione Rituximab Chimerico IgG1 CD20 NHL 1997 Trastuzumab Umanizzato IgG1 HER2/ neu Carcinoma della mammella 1998 Alemtuzumab Umanizzato IgG1 CD52 CLL 2001 Bevacizumab Umanizzato IgG1 VEGF CRC 2004 Cetuximab Chimerico IgG1 Recett ori EGF CRC 2004 CLL, leucemia linfocitaria cronica; CRC, colorectal cancer; EGF, fattore di crescita dell epidermide; NHL, linfoma non-hodgking; VEGF, fattore di crescita dell endotelio vascolare.

11 Principali effetti indesiderati Serious infections, including sepsis and pneumonia, have been reported in patients receiving TNF-blocking agents. Some of these infections have been fatal. U.S. Food and Drug Administration, 2006 statement

12 Tubercolosi Riattivazione della tubercolosi in pazienti con infezione latente e misconosciuta prima della terapia con farmaci biologici

13 Principali effetti collaterali Reazioni di intolleranza durante la somministrazione: eritema prurito gonfiore crisi vasomotorie durante somministrazione ev

14 Principali effetti collaterali Sviluppo e riattivazione di patologie neurologiche Peggioramento scompenso cardiaco congestizio

15 Costo per il SSN Ci sono più interventi efficaci di quanti ne possiamo finanziare Le risorse sanitarie sono scarse Le risorse dedicate a una terapia non possono essere dedicate a un altra

16 Terapia con biologici: evidenze Costo elevato (~ /anno) Nell early arthritis migliorano la capacità produttiva dei pazienti, riducendo i costi indiretti In AR, PSA, AS migliorano la qualità di vita in modo notevole Sono Costo efficaci ai cut-off attuali già durante il primo anno di terapia

17 TERAPIA CELLULARE Preparazioni cellulari somministrate con finalità analoghe ai farmaci Cellule che subiscono delle manipolazioni Sottopopolazioni cellulari che vengono sottoposte a selezione cellulare e espansione in vitro

18 TERAPIA CELLULARE Staminali embrionali: potenziale proliferativo illimitato Devono essere ottenute da embrioni Problemi etici Staminali adulte: possono dare origine a molti tipi di cellule diverse

19 Terapia attuale con cellule staminali Trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche dopo chemioterapia e radioterapia (neoplasie ematologiche, tumori solidi, malattie autoimmuni severe) Trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche dopo chemioterapia e radioterapia Sangue da cordone ombelicale prelevato alla nascita utilizzato quale sorgente allogenica di cellule staminali ematopoietiche Trapianto di cellule staminali cutanee (trapianto di epidermide)

20 Prospettive future: terapia cellulare Ricostruzione del midollo spinale danneggiato da traumi fisici Malattie degenerative del sistema nervoso (Alzheimer, Parkinson, Huntington, sclerosi laterale amiotrofica, ecc.) Malattie muscolo-scheletriche (displasia ossea, malattie progressive delle giunzioni ossee, osteogenesis imperfecta, miopatie primitive) Malattie infiammatorie di natura sistemica (sindrome di Sjögren); Malattie degenerative della retina, della cornea e dell apparato uditivo Ricostituzione del tessuto cardiaco dopo un infarto acuto del miocardio Malattie metaboliche.

21 Prospettive future: terapia genica Le cellule staminali sono in grado di accettare e tollerare, molto meglio di cellule mature, geni introdotti dall esterno con tecniche d'ingegneria genetica, mirate a correggere l effetto patologico di geni difettosi o mutati Un singolo trasferimento di gene in una cellula staminale renderebbe infatti disponibili cellule del sangue, della pelle, del fegato, e perfino del cervello corrette

22 TERAPIA GENICA Terapia genica di cellule somatiche: consiste nell introdurre geni correttamente funzionanti in cellule somatiche che ne contengono una versione difettosa, responsabile della patologia. Gli effetti di questa terapia restano limitati alla persona che riceve il trattamento e non si trasmettono ai suoi discendenti.

23 TERAPIA GENICA Gli sforzi più intensi si sono incentrati sulla correzione di condizioni causate da mutazioni in singoli geni (es. fibrosi cistica ed emofilia), la cui comparsa ricorrente in certe famiglie ne rivela la natura ereditaria. E opinione comune che la terapia genica possa consentire di trattare con successo le malattie ereditarie.

24 TERAPIA GENICA Per malattie ad eziologia multifattoriale, come il morbo di Parkinson e il cancro, il quadro è complicato dal coinvolgimento dell attività di molti geni e dall interazione tra fattori genetici ed ambientali

25 TERAPIA GENICA Cenni storici: : Approvazione di numerosi protocolli clinici con diversi vettori 1999: Primo decesso causato da vettori virali - rivalutazione di tutti i protocolli clinici 2002: Integrazione retrovirale causa tumorigenesi in paziente trattato Situazione attuale 363 protocolli approvati, 70% riguardanti cancro

26 2002: Integrazione Retrovirale Utilizzo di retrovirus per la terapia genica Possibilità di inserire stabilmente il gene nel cromosoma e di permetterne un espressione in quantità sufficiente Rischio di mutagenesi inserzionale a causa dell integrazione casuale del virus che può causare l attivazione di proto-oncogeni favorendo lo sviluppo di neoplasie

27 Severe combined immunodeficiency

28 La terapia genica:due casi di lucemia Due casi di leucemia in pazienti sottoposti a terapia genica per X-SCID.

29 Il problema etico FDA ha fermato le sperimentazioni per il rischio di neoplasie Questi pazienti non hanno alternative terapeutiche al trapianto di midollo

30 TERAPIA GENICA IN VIVO Introduzione del DNA che esprime il gene di interesse nell organismo sotto forma di plasmide nudo oppure mediante l uso di vettori virali o non virali

31 TERAPIA GENICA IN VIVO Terapia genica per l emofilia Virus contenente il gene per il Fattore VIII Fattore VIII

32 TERAPIA GENICA EX VIVO Introduzione del DNA codificante per il gene di interesse in cellule espiantate e re-introduzione delle cellule nell organismo

33 TERAPIA GENICA EX VIVO Fibroblasti Cellule staminali

34 Le Medicine alternative

35 Diffusione delle medicine alternative Sono circa 7 milioni gli italiani che fanno uso di omeopatia, fitoterapia, fiori di Bach, agopuntura, erbe cinesi e altro ancora, per via del buon consenso popolare che accompagna l uso l di questi rimedi naturali. Si registra a questo proposito un uso massiccio del fai da te : : infatti, molte persone non chiedono consiglio al medico o al farmacista e sperimentano grazie ad amici o parenti o magari in seguito ad informazioni reperite su Internet.

36 MEDICINA NATURALE Le medicine naturali non fanno male? INFUSO Conium maculatum Socrate

37 Fitoterapia E un sistema terapeutico basato sull uso delle piante, sotto forma di estratto, tisana, tintura, decotto, ecc. La fitoterapia si basa sull'utilizzo del fitocomplesso, cioè dell' insieme di tutte le sostanze presenti nella droga (parte della pianta dalla quale si estrae il fitocomplesso). L utilizzo delle piante a scopo medicinale è antichissimo e ha subito radicali modificazioni nel corso dei secoli.

38 Fitoterapia Autorevoli esperti di fitoterapia riconoscono che attualmente non esiste alcun rimedio botanico per un trattamento efficace dell obesit obesità, dell artrite, dei tumori, dell infezione da HIV o dell AIDS.

39 Fitoterapia Secondo la Direttiva 2004/24/CE, entro il 2011 i prodotti vegetali classificati come "medicinali vegetali tradizionali" (Herbal( Medicinal Drug) ) devono adeguarsi a uno specifico iter registrativo per essere immessi sul mercato europeo.

40 Fitoterapia Il problema riguarda soprattutto le piante medicinali utilizzate dalla medicina tradizionale cinese, ayurvedica, tibetana e altre che, pur rientrando in una lunga tradizione d'uso, non rispondono ai requisiti relativi alla determinazione di efficacia, sicurezza e qualità documentati in base a risultati di prove chimico-fisiche, biologiche e microbiologiche.

41 ERBORISTERIA

42 Erboristeria

43 Erboristeria

44 Erboristeria

45 Tradizionale Cinese (1/3) E una scienza globale che considera l uomo nella sua interezza e nella sua intima unione con il macrocosmo (energia macrocosmica) da cui egli ha origine e di cui è l immagine speculare (energia microcosmica).

46 Tradizionale Cinese (2/3) Agopuntura E nata in Cina e le fonti del suo testo base risalgono al III millennio avanti Cristo. L'agopuntura consiste nell'infissione di sottili aghi nei ting. Gli aghi sono composti da un corpo (una bacchetta di acciaio con punta affilata e sottilissima, lunga otto cm) e da un manico (una serpentina di metallo avvolto, di rame, di ottone o di materiale argentato). Gli aghi vengono lasciati nei ting per una ventina di minuti; l'agopuntura non prevede l'iniezione di alcuni tipo di farmaco.

47 Agopuntura Cosa funziona - Operando comunque su terminazioni nervose, l'agopuntura è in grado di ottenere risultati nel campo dell'analgesia (chirurgica o meno). A prescindere da ogni interpretazione filosofica o religiosa, l'azione degli aghi produce un'insorgenza delle onde del pre-sonno e la riduzione del potenziale d'azione degli stimoli dolorosi nonché a livello cerebrale un aumento della soglia del dolore. La rivista scientifica Effective Health Care (2002) parla di efficacia dell'agopuntura: nella nausea e nel vomito che accompagnano un'operazione o la chemioterapia; in dolori che seguono interventi sui denti; in una piccola percentuale di dolori cronici (artrosi, mal di schiena o mal di testa) che non sono stati risolti con le terapie classiche.

48 Agopuntura Cosa non funziona Purtroppo tutto il resto. L'agopuntura non funziona nelle dipendenze (alcol, fumo ecc.: se l'agopuntura funzionasse, il successo sarebbe la miglior pubblicità e non esisterebbero più né drogati nén fumatori) e nella cura dell'obesità. Chi si dice guarito dall'agopuntura in genere soffriva di disturbi vaghi, di natura o causa non meglio identificate, in cui la rimozione casuale del motivo scatenante la patologia, l'effetto tempo o la componente psicologica giocavano un ruolo essenziale.

49 Tradizionale Cinese (3/3) Farmacologia Seguendo i medesimi principi della dietetica (sapore, natura, meridiani destinatari, tendenza), la farmacologia cinese usa tutto ciò che è presente in natura, nel regno animale, vegetale e minerale con una maggior potenza energetica rispetto alla dietetica, tanto da risultare a volte tossica e perfino mortale; per tale motivo l'approccio farmacologico è consigliato per brevi periodi e sotto uno stretto controllo. La farmacologia, impiega decotti, estratti, polveri, pillole e capsule, cerotti, sciroppi e polveri micronizzate.

50 Omeopatia (1/4) Basata sul principio della legge di similitudine secondo cui la guarigione può essere ottenuta mediante la somministrazione, a dosi infinitesimali, di quella sostanza che a dosi farmaceutiche provoca effetti simili a quelli che deve curare. "similia similibus curentur" (il simile cura il simile) Fondata da Samuel Hahnemann ( ).

51 Omeopatia (2/4) L omeopatia è nata in un periodo precedente alla scoperta di virus e batteri, in cui la medicina ufficiale faceva largo uso di salassi e purghe. La filosofia che anima l omeopatia propone una novità dirompente: bisogna curare il malato, non la malattia

52 Omeopatia (3/4) Le diluizioni omeopatiche hahnemanniane si dividono in decimali (DH) e centesimali (CH). La prima diluizione decimale si ottiene mescolando con agitazione (dinamizzazione o succussione: 100 scosse) 1 cc di tintura madre con 9 cc di solvente. Si prende poi 1 cc di questa soluzione e si diluisce con 9 di solvente e così via. Per le diluizioni centesimali il procedimento è identico, ma il rapporto 1 a 100.

53 Omeopatia (4/4) 1DH= 1/10 2DH= 1/100 3DH=1/ DH=1/ DH= 1/ CH= 1/100 2CH=1/ CH= 1/ CH=1/

54 Omeopatia 12 CH= 1* N. di Avogadro = 6,022 * 10 23

55 Omeopatia Dopo il 12CH, secondo il numero di Avogadro, nessuna molecola della tintura madre è più presente nella preparazione memoria dell acqua?

56 Omotossicologia E considerata l evoluzione dell omeopatia classica. Nata in Germania negli anni 60, considera le malattie espressione della lotta che l organismo mette in moto contro le numerose sostanze tossiche (omotossine) che si accumulano al suo interno. Associa rimedi omeopatici a bassa diluizione.

57 Antroposofica (1/4) Venne sviluppata a partire dal 1920 da Rudolf Steiner. La parola deriva dall unione dei termini greci anthropos, uomo, e sofia, conoscenza. Considera la malattia come il frutto della disarmonia delle quattro componenti dell uomo: corpo fisico, corpo eterico, corpo astrale e Io.

58 Antroposofica (2/4) I farmaci utilizzati nell'indirizzo terapeutico antroposofico derivano da un rinnovamento delle usuali tecniche di preparazione omeopatica. Vengono usate anche nuove tecniche di dinamizzazione che sfruttano i processi naturali o la loro imitazione. In una di queste tecniche - del tutto caratteristica e peculiare - le diluizioni progressive di un sale metallico vengono effettuate da successivi cicli biologici di piante adatte, usate come 'eccipienti viventi'. Si ottengono così i metalli vegetabilizzati. Le lavorazioni a monte del processo di dinamizzazione vengono realizzate con l'uso differenziato del calore nelle sue varie forme, dalla digestio fino all'incenerimento; la formazione di specchi metallici; le estrazioni termoritmiche per l'ottenimento di tinture vegetali analcoliche; l'allestimento di preparati di sintesi sul modello di diverse piante medicinali, partendo da sostanze minerali inorganiche.

59 Antroposofica (3/4) In assenza di un'apposita farmacopea antroposofica, attualmente in corso di studio, tali nuove tecniche sono state finora recepite in gran parte dalla Farmacopea Omeopatica Tedesca. Altre peculiarità risultano in modo evidente da specifiche modalità di somministrazione dei farmaci. L'indirizzo terapeutico antroposofico prevede, ad esempio, un uso molto differenziato dei vari gradi di diluizione (dinamizzazione), fino alla D30 o D60 al massimo, e delle diverse modalità di somministrazione: per via orale, per via parentale, per via esterna, secondo specifici criteri, legati sostanzialmente alla tripartizione funzionale dell'organismo umano.

60 Antroposofica (3/3) D30 = 1: D60 =

61 Fiori di Bach I fiori di Bach costituiscono una forma terapeutica naturale a base di numerose specie vegetali selvatiche, utilizzate per problemi di ogni genere, da quelli prettamente fisici sino ai disturbi psicologici più complicati.

62 Fiori di Bach Nel 1930 Edward Bach, partendo dal concetto di fondo secondo il quale la rugiada dei fiori era impregnata delle loro proprietà medicinali, si convinse di essere in grado di giudicare intuitivamente le proprietà curative di alcune piante e le malattie per cui esse potevano costituire un valido rimedio.

63 Fiori di Bach Negli anni successivi Bach arrivò a ottenere 38 preparazioni a base di piante e fiori selvatici e soprattutto riuscì a scoprire il metodo per semplificare e razionalizzare la loro preparazione, lasciandoli semplicemente galleggiare in acqua di sorgente ed esponendoli alla luce del sole.

64 Fiori di Bach La caratteristica principale dei fiori di Bach, comune a molte medicine naturali, è che i rimedi sono prescritti in base a un'analisi della persona, considerata nella sua complessità e globalità,, non soltanto dunque sui sintomi della malattia. Tutti i disturbi di tipo fisico o psicologico insorgono sempre a causa di uno squilibrio interiore e per affrontarli si può ricorrere ai rimedi disponibili in natura, sotto forma di piante medicinali, luce solare, acqua di sorgente e aria pura.

65 URINOTERAPIA Consiste nell'utilizzare l'urina per prevenire o curare determinate malattie, secondo le metodologie più differenti a seconda del tipo di terapia da applicare, ma prevalentemente tramite assunzione orale. L'urinoterapia appartiene dunque a quel genere di terapie alternative molto in voga negli ultimi anni ed è considerata da alcuni forti sostenitori naturopati come vera e propria panacea, una cura naturale in grado di curare ogni malattia, dalla semplice influenza sino a problemi molto più gravi come le polmoniti o il morbo di Parkinson.

66 Urinoterapia Nell'antichità questa pratica veniva letteralmente osannata (esistono testi storici nei quali viene definita come "Frutto della Vita", "Acqua Santa", "Nettare Celeste") e, ancora oggi, i seguaci di questa pratica considerano l'urina come un vero e proprio elisir, asserendo che essa è un distillato del sangue, una sorta di quintessenza fisiologica di altissima potenzialità salutistica.

67 CRISTALLOTERAPIA Nota sin dall'antichità con il nome di litomedicina,, la pratica di utilizzare pietre preziose a scopi curativi veniva impiegata in varie culture asiatiche ed europee, senza però mai raggiungere l'importanza di altre discipline come quelle erboristiche. L'aspetto principale su cui si basa la cristalloterapia riguarda la peculiare caratteristica dei minerali di irradiare, ossia di emettere energia grazie ai loro campi magnetici in modo costante e molto uniforme.

68 Cristalloterapia Secondo la cristalloterapia, ogni cristallo o minerale è in grado di emanare vibrazioni specifiche, dovute all'assorbimento di particolari energie associate ai campi elettromagnetici che lo circondano (la formazione di un minerale richiede tempi molto lunghi, in certi casi di alcune centinaia di anni); queste vibrazioni potrebbero entrare in risonanza con alcuni organi del corpo, influenzando alcune reazioni corporee, spirituali o intellettuali.

69 AROMATERAPIA E un metodo per curare le malattie utilizzando oli altamente concentrati estratti dalle piante, arte già praticata sin dai tempi dei Persiani, dei Greci e dei Romani. Gli oli essenziali vengono utilizzati nell'aromaterapia in diversi modi: possono essere impiegati nei trattamenti con massaggio, essere inalati, aggiunti ai bagni oppure utilizzati in compresse per uso esterno e alcuni oli di cui è garantita la purezza possono essere talvolta ingeriti. Si ritiene che il metodo più rapido per avvertire gli effetti di queste sostanze sia attraverso l'inalazione, in quanto i principi più attivi sono contenuti proprio nell'aroma.

70 Aromaterapia Le sostanze utilizzate dall'aromaterapia sono gli oli essenziali, che vengono prodotti da piccole ghiandole situate nei petali, nelle foglie, negli steli, nella corteccia e nel legno di numerose piante e di molti alberi. L'estrazione di queste sostanze avviene tramite un processo di distillazione, mediante il quale si ottiene la trasformazione dell'essenza in vapore che, una volta raffreddato, è separato in acqua e in olio essenziale. Se l'essenza è dissolta in alcol o in qualche altro solvente, il prodotto che ne deriva è chiamato resina o "assoluto". Sebbene meno pure dell'olio essenziale, poiché tracce del solvente restano anche dopo la purificazione, molte resine o assoluti hanno alcune proprietà terapeutiche. Bisogna comunque prestare molta attenzione a queste sostanze e utilizzarle con cautela, poiché a volte possono provocare allergie o danni alla pelle.

71 Aromaterapia Olio/pianta Aghi di pino Basilico Bergamotto Canfora Cipresso Finocchio Fiori d'arancio Incenso Limone Maggiorana Rosa Rosmarino Effetto Rinfrescante, antisettico Tonico e rinfrescante Tonico, rinfrescante e rilassante Rinfrescante, stimolante Rilassante, rinfrescante Riduce i gonfiori e i dolori gastrici Molto rilassante Rilassante e tonico Rinfrescante, stimolante Riscaldante, rinforzante Rilassante, calmante Tonico e rinfrescante

72 METODO DI BELLA Cosa dicono: Il Metodo di Bella (MDB), attraverso la SOMATOSTATINA inibisce alcuni dei più potenti fattori tumorali, tra cui il GH (ormone della crescita), l IGF e tanti altri. Attraverso i RETINOIDI riporta alla normalità (ridifferenzia) le cellule tumorali, effetto potenziato dall azione sinergica della VITAMINA D, della MELATONINA e della VITAMINA E. I singoli componenti agiscono in maniera sinergica potenziando il loro effetto antitumorale e sviluppando un azione antiossidante, anti-radicali liberi, potenziatrice dell immunità, pro-apoptotica, antiproliferativa, pro-differenziante, e antimetastatica in assenza dei noti effetti tossici dei chemioterapici.

73 METODO HAMER (1/5) Cosa dicono: Il metodo Hamer e altre tecniche mentali, si rivolgono alle cause mentali del cancro. Possono essere molto efficaci nei casi di leucemia e di tumore, specie se non è stata fatta alcuna terapia distruttiva (radio( radio-chemio-chirurgia), o in altre malattie, ma per una guarigione è importante farle SEMPRE,, in ogni caso di malattia. Potete chiedere informazioni a: È una scuola in cui si insegna la Nuova Medicina di Hamer.. Ha formato medici in varie parti d'italia; vi potranno dare il nominativo del medico più vicino alla vostra residenza.

74 METODO HAMER (2/5)

75 METODO HAMER (3/5)

76 METODO HAMER (4/5) Anche una banale allergia che ci trasciniamo da anni, secondo Hamer ha dei precisi conflitti alla base che, una volta individuati e risolti, portano alla risoluzione completa dell allergia stessa A tutte le persone che sono interessate a mantenere il loro stato di benessere e curare in modo dolce, non aggressivo e invasivo, le loro malattie questi libri permettono di accedere alle risorse interiori e di attivarle per una continua e duratura crescita personale e in buona salute

77 METODO ALBERT (Biosystem( Biosystem) Cosa dicono: Oltre che in tumori e leucemie, opportunamente personalizzato, ha dato splendidi risultati in varie malattie, quali sclerosi multipla, distrofia muscolare, SLA, ecc... e perfino in gravi malattie mentali (psicosi). Si basa essenzialmente sulla ricerca ed eliminazione di virus, funghi, parassiti e batteri dall'organismo; secondo nuove, avanzatissime scoperte.

78

79

80

81 METODO SIMONCINI Cosa dicono: La ragione di fondo e i motivi che suggeriscono contro i tumori una terapia con bicarbonato di sodio è l idea che, pur con il concorso di una miriade di fattori concausali variabili, il loro sviluppo e la loro proliferazione locale e a distanza hanno una causa esclusivamente fungina. Al momento, contro i funghi non è dato opporre nessun rimedio utile se non proprio il bicarbonato di sodio. Esempio: Tumori dello stomaco. Se la neoplasia è sviluppata solo dentro la cavità dell organo, in genere regredisce con l assunzione l di 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio in un bicchiere d acqua, d 2 volte al giorno, al mattino a digiuno e prima di cena.

82 NUTRITERAPIA NATURALE Cosa dicono: L'approccio nutriterapico naturale aiuta a rendere le cellule sane più resistenti, bloccando al contempo la fonte di nutrimento delle cellule cancerose. La sua validità contro il cancro è attestata dai numerosi studi scientifici esistenti a livello internazionale.

83 METODO PANTELLINI Cosa dicono: Consiste nell'assunzione, ad intervalli di tempo annuali, di ascorbato di potassio (acquistabile in parecchie farmacie). Anche qui l'obiettivo è quello di tenere basico (sattvico( sattvico) ) il sistema biochimico della persona. Il metodo è usato prevalentemente come preventivo, ma esistono molti casi nei quali il suo uso ha generato la guarigione completa dal cancro.

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza Cellule staminali dal tuo tessuto adiposo Crea la tua riserva di cellule staminali adulte non espanse per Salute Benessere Bellezza inal GmbH persona per la quale è previsto l utilizzo in non espanse,

Dettagli

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO.

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. Fin dalla sua fondazione per opera di padre Agostino Gemelli, l Università Cattolica del Sacro Cuore ha orientato

Dettagli

ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI SASSARI

ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI SASSARI ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO NEI REGISTRI DEI MEDICI ESPERTI NELLE MEDICINE NON CONVENZIONALI AGOPUNTURA - FITOMEDICINA - OMEOPATIA

Dettagli

DIFFERENTI SCUOLE OMEOPATICHE

DIFFERENTI SCUOLE OMEOPATICHE DIFFERENTI SCUOLE OMEOPATICHE COMPLESSISMO I rimedi complessi contengono più rimedi omeopatici miscelati fra loro. E un tentativo da parte dei laboratori omeopatici di semplificare le cose, per rendere

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013. CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future. CHIARA FORONI, Ph.D.

B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013. CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future. CHIARA FORONI, Ph.D. B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013 CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future CHIARA FORONI, Ph.D. Sì, ma io sono così confusa Sai, quando ero una piccola cellula

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Indice 1. Introduzione 2. Cosa sono le targeted therapies? 3. Come funzionano le targeted therapies? 4. Perché utilizzare le targeted therapies nel

Dettagli

LA NUOVA TECNOLOGIA DI TERAPIA AD ONDE MILLIMETRICHE AKTom

LA NUOVA TECNOLOGIA DI TERAPIA AD ONDE MILLIMETRICHE AKTom LA NUOVA TECNOLOGIA DI TERAPIA AD ONDE MILLIMETRICHE AKTom per il trattamento integrato di qualsiasi disturbo fisico e psicologico Da 30 anni la terapia MMW EHF è studiata in Russia sulla base di centinaia

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Indice. Capitolo 1 Introduzione alla terapia genica... 1. Capitolo 2 Acidi nucleici con funzione terapeutica... 11

Indice. Capitolo 1 Introduzione alla terapia genica... 1. Capitolo 2 Acidi nucleici con funzione terapeutica... 11 Romane Giacca 4b 17-02-2011 11:14 Pagina XI Capitolo 1 Introduzione alla terapia genica........................... 1 Geni come farmaci...................................... 1 Terapia genica: una visione

Dettagli

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche Rigenerazione del Sistema Nervoso Biotecnologie Farmaceutiche Concetti Generali Il Sistema Nervoso Centrale (CNS) è resistente a fenomeni rigenerativi Le cellule staminali del CNS sono Presenti in piccolo

Dettagli

AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE.

AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE. CELLULE STAMINALI Il termine trapianto di midollo osseo è oggi sostituito da trapianto di cellule staminali. Queste possono essere AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE. Il trapianto di celule staminali è

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

TI STA A LA TUA SALUTE?

TI STA A LA TUA SALUTE? TI STA A LA TUA SALUTE? La scoperta del secolo! Doveva diventare un farmaco... ... per fortuna e un integratore per tutti! Nobel Ignarro, Ossido Nitrico promettente per Tumori e Alzheimer Roma, 18 luglio

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

Concorso straordinario farmacie. Ecco il bando della Toscana

Concorso straordinario farmacie. Ecco il bando della Toscana Anno I Numero 57 AVVISO Giuramento di Galeno: -Sabato 15 Dicembre 2012 - Concorso Straordinario: - bando della Toscana Notizie in Rilievo Salute e Benessere 1. Le proprietà curative degli oli essenziali

Dettagli

APPLICAZIONI TERAPEUTICHE

APPLICAZIONI TERAPEUTICHE CELLULE STAMINALI: Cellula che ha una elevata capacità di differenziarsi in qualsiasi altro tipo di cellula. Durante la formazione dell'embrione, dalle divisioni dello zigote si formano cellule totipotenti

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 11 Presentata dalla Consigliera Guerra

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1946 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, BIANCHI, CAPEZZONE, CIOFFI, DATO, DE ZULUETA, D ELIA, DIOGUARDI, GARNERO

Dettagli

La Medicina tradizionale cinese e l Agopuntura

La Medicina tradizionale cinese e l Agopuntura Dott.ssa D. Zuliani e Dott. M. Franceschini La Medicina tradizionale cinese e l Agopuntura Che cos'è la Medicina cinese? La Medicina cinese è il sistema di conoscenze mediche teoriche e pratiche formatosi

Dettagli

Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna

Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna Le cellule staminali (SC), embrionali (ES) e somatiche o adulte (SSC) sono cellule dotate della singolare proprietà di rinnovarsi mantenendo

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Il trasporto di sostanze attraverso la membrana cellulare può avvenire con la partecipazione attiva della membrana: in questo caso si parla di trasporto attivo

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE DULBECCO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE DULBECCO RELAZIONE DELLA COMMISSIONE DULBECCO (Sintesi) Il Ministro della Sanità, professor Umberto Veronesi, il 7 settembre scorso, nominò la Commissione di studio sull utilizzo di cellule staminali per finalità

Dettagli

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr. Roberto Benelli TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr.ssa Maria Nincheri Kunz Terapie a bersaglio molecolare

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa

Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa Uni-ATENeO "Ivana Torretta" - Anno Accademico 2013-2014 Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa Caterina Bendotti Dept. Neuroscience caterina.bendotti@marionegri.it

Dettagli

Le terapie immuno-oncologiche

Le terapie immuno-oncologiche Le terapie immuno-oncologiche Le terapie immuno-oncologiche Il sistema immunitario è da tempo al centro dell attenzione dei ricercatori per capire il modo in cui interagisce con le cellule tumorali e,

Dettagli

PER UNA MIGLIORE QUALITA DELLA VITA OCCORRE UNA MEDICINA INTEGRATA. Realizzato da Elena Conti

PER UNA MIGLIORE QUALITA DELLA VITA OCCORRE UNA MEDICINA INTEGRATA. Realizzato da Elena Conti PER UNA MIGLIORE QUALITA DELLA VITA OCCORRE UNA MEDICINA INTEGRATA Realizzato da Elena Conti Enzo Soresi Pierangelo Garzia Edoardo Rosati «Guarire con la nuova medicina integrata» Sperling & Kupfer pp.

Dettagli

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO La leucemia acuta linfoide è una malattia non frequente (15% delle forme leucemiche) in cui vi è una proliferazione maligna di cellule linfoidi nel midollo, nel sangue

Dettagli

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010 PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI VETTORI λ (15-20 Kb) = vettori ottenuti apportando delle modifiche al genoma del batteriofago λ. COSMIDI (40-45 Kb) = plasmidi che contengono i siti cos di λ utili per

Dettagli

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA Luigi Salvagno U.O. di Oncologia ANATOMIA DELLA GHIANDOLA MAMMARIA PROGRESSIONE TUMORALE La progressione neoplastica richiede

Dettagli

Il mieloma multiplo La terapia

Il mieloma multiplo La terapia MIELOMA MULTIPLO Il mieloma multiplo è una malattia neoplastica caratterizzata dalla proliferazione e accumulo nel midollo osseo di linfociti e di plasmacellule che, direttamente o indirettamente, possono

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

Prevenzione e sicurezza:l impiego delle biotecnologie nei laboratori e sue applicazioni cliniche

Prevenzione e sicurezza:l impiego delle biotecnologie nei laboratori e sue applicazioni cliniche Dipartimento Installazioni di Produzione e Insediamenti Antropici Prevenzione e sicurezza:l impiego delle biotecnologie nei laboratori e sue applicazioni cliniche Dott.ssa Barbara Ficociello 27 novembre

Dettagli

corso di AROMATERAPIA E FITOTERAPIA 1 giornata (8 ore totali) C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale

corso di AROMATERAPIA E FITOTERAPIA 1 giornata (8 ore totali) C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale AROMATERAPIA E FITOTERAPIA C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale 1 giornata (8 ore totali) Ente NO-PROFIT di Formazione Professionale Riconosciuto dalla Regione Lombardia 2014/NA37 AROMETERAPIA

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO

BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO BYE BYE CHEMIOTERAPIA!!.ARRIVANO LE BOMBE INTELLIGENTI!!! A A CURA DI ORIANA SURDO Cancro «Massa abnormale di tessuto che cresce in eccesso e in modo scoordinato rispetto ai tessuti normali, e persiste

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti.

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti. possiedono 2 caratteristiche principali: Fonti di cellule staminali pluripotenti: -Si autorinnovano a lungo termine. -Danno origine a tutti i tipi di cellule differenziate. -La massa cellulare interna

Dettagli

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Autori Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XV XIX XXI XXIII 1. Epidemiologia e prevenzione oncologica (M. De Laurentiis, R. Bianco, S. De Placido)

Dettagli

Diagnosi prenatale di malattie geneticamente trasmissibili. Trasferimento genico. Terapia genica DNA per l ambiente

Diagnosi prenatale di malattie geneticamente trasmissibili. Trasferimento genico. Terapia genica DNA per l ambiente Diagnosi prenatale di malattie geneticamente trasmissibili Distrofia muscolare Fibrosi cistica Corea di Huntington Trasferimento genico Insulina Ormone della crescita Eritropoietina Terapia genica DNA

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag.

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag. CAPITOLO 1 indice le neoplasie nell anziano pag. 5 Valutazione del paziente anziano pag. 7 Aspetti generali del trattamento pag. 10 Tumori del colon-retto pag. 11 Tumori della mammella pag. 13 Tumori del

Dettagli

Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies

Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies Staminali: concetti, risultati ti e problemi Lo zigote La prima divisione cellulare Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies Blastula 5 giorni dopo la fertilizzazione Source:

Dettagli

Cellule staminali e ricostruzione d'organo

Cellule staminali e ricostruzione d'organo Cellule staminali e ricostruzione d'organo Marina Morigi, Barbara Imberti Laboratorio Biologia Cellulare e Xenotrapianto, NegriBergamo Il trapianto d organo spesso rappresenta l unica scelta terapeutica

Dettagli

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE Gli acidi grassi omega 3 rappresentano una risorsa fondamentale per la nostra salute, in grado di svolgere numerose funzioni preventive e terapeutiche. Rappresentano un

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali Tumore Cos è il tumore? Il tumore o neoplasia (dal greco neo,, nuovo, e plasìa,, formazione), o cancro se è maligno, è una classe di malattie caratterizzate da una incontrollata riproduzione di alcune

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE. Kytril compresse rivestite con film da 1 mg Kytril compresse rivestite con film da 2 mg

FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE. Kytril compresse rivestite con film da 1 mg Kytril compresse rivestite con film da 2 mg FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE Kytril compresse rivestite con film da 1 mg Kytril compresse rivestite con film da 2 mg Granisetron Legga attentamente questo foglio prima di prendere

Dettagli

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006 ALLEGATO A Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing Principio attivo ERLOTINIB (Tarceva ) SUNITINIB (Sutent ) SORAFENIB (Nexavar

Dettagli

Prodotti fitoterapici: quali normative? i prodotti fitoterapici sono medicamenti. 1. La situazione attuale. Contenuto della presentazione

Prodotti fitoterapici: quali normative? i prodotti fitoterapici sono medicamenti. 1. La situazione attuale. Contenuto della presentazione Prodotti fitoterapici: quali normative? G.M. Zanini, Ciclo di serate la fitoterapia oggi: quali prospettive, Varese, 8 febbraio 2006 Contenuto della presentazione 1. La situazione attuale 2. Alcuni esempi

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini Un patrimonio da difendere e sviluppare L AOU San Luigi per la sua collocazione geografica svolge

Dettagli

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Il ciclo cellulare è regolato dall azione di PROTOONCOGENI e (attivatori della proliferazione cellulare) GENI ONCOSOPPRESSORI (inibitori del ciclo

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

La cellula staminale. Una cellula in grado di autorinnovarsi e di differenziarsi. Viene mantenuta la riserva

La cellula staminale. Una cellula in grado di autorinnovarsi e di differenziarsi. Viene mantenuta la riserva La cellula staminale Una cellula in grado di autorinnovarsi e di differenziarsi Viene mantenuta la riserva Cellule staminali Malattie fino ad oggi incurabili, per le quali si può prospettare un terapia

Dettagli

INTRODUZIONE AL CORSO DI FORME FARMACEUTICHE

INTRODUZIONE AL CORSO DI FORME FARMACEUTICHE INTRODUZIONE AL CORSO DI FORME FARMACEUTICHE Un farmaco (principio attivo PA, sostanza farmacologicamente attiva API, medicamento semplice, soatanza medicinale) è una sostanza che possiede attività terapeutica,

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Tisanoreica - Il Progetto Genomech - Integratori su misura del vostro DNA

Tisanoreica - Il Progetto Genomech - Integratori su misura del vostro DNA Il Sistema Genomech offre un sussidio importante per la nutrizione, perchè se è vero che noi siamo ciò che mangiamo, è anche vero che le variazioni genetiche da individuo a individuo determinano significative

Dettagli

Andrea Pizzini. Farmaci equivalenti: la qualità accessibile a tutti

Andrea Pizzini. Farmaci equivalenti: la qualità accessibile a tutti Andrea Pizzini Farmaci equivalenti: la qualità accessibile a tutti Le informazioni presenti in questa monografia hanno rilevante utilità informativa, divulgativa e culturale ma non possono in alcun modo

Dettagli

Il paziente e la ricerca: cosa sapere

Il paziente e la ricerca: cosa sapere Il paziente e la ricerca: cosa sapere 1 Perché è importante la ricerca? Negli ultimi decenni la ricerca scientifica ha conseguito importanti risultati nella lotta contro i tumori. La qualità e l eccellenza

Dettagli

Carcinoma mammario HER2-positivo in stadio iniziale e avanzato. HER2: la crescita del tumore

Carcinoma mammario HER2-positivo in stadio iniziale e avanzato. HER2: la crescita del tumore IL TUMORE AL SENO Il tumore della mammella è caratterizzato dalla crescita non controllata di cellule che subiscono modificazioni rispetto alle cellule che originano nelle ghiandole dove avviene la produzione

Dettagli

Anno Accademico 2016-2017

Anno Accademico 2016-2017 Anno Accademico 2016-2017 Materie e Piano di Studi per OPERATORE OLISTICO A INDIRIZZO ENERGETICO Per ogni Corso viene espressa la durata in Moduli (1 Modulo = 1/2 giornata = 4 ore di studio), Giorni e

Dettagli

Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario,

Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario, Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario, Colella Sara, Amicone Alessia Cellule staminali CELLULE

Dettagli

LEZIONE 4 area biologica. Le cellule staminali

LEZIONE 4 area biologica. Le cellule staminali Corso di Comunicazione delle Scienze 2011 Lunedi 30 maggio LEZIONE 4 area biologica Le cellule staminali Yuri Bozzi, PhD bozzi@science.unitn.it Laboratorio di Neuropatologia Molecolare CIBIO, Università

Dettagli

I farmaci biologici. Michele Fimiani - Michele Pellegrino. - S. C. Dermatologia - Dipartimento di Medina Clinica e Scienze Immunologiche Applicate

I farmaci biologici. Michele Fimiani - Michele Pellegrino. - S. C. Dermatologia - Dipartimento di Medina Clinica e Scienze Immunologiche Applicate I farmaci biologici Michele Fimiani - Michele Pellegrino - S. C. Dermatologia - Dipartimento di Medina Clinica e Scienze Immunologiche Applicate SIENA La psoriasi è una malattia ad andamento cronico recidivante

Dettagli

27-08-2014 12+1 1 / 2

27-08-2014 12+1 1 / 2 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 12+1 1 / 2 Codice abbonamento: 097156 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 12+1 2 / 2 Codice abbonamento: 097156 Quotidiano Data Pagina Foglio 27-08-2014 22

Dettagli

PATOLOGIA MOLECOLARE

PATOLOGIA MOLECOLARE Diagnosi rischio individuale diagnosi precoce PATOLOGIA MOLECOLARE prognosi therapia singolo paziente Example of an approximately 40,000 probe spotted oligo microarray with enlarged inset to show detail.

Dettagli

Stefania Corso 17 ANNI. Una lotta durata una vita

Stefania Corso 17 ANNI. Una lotta durata una vita Stefania Corso 17 ANNI Una lotta durata una vita Stefania Corso, 17 anni Copyright 2015 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

Dott.ssa SHEILA LEONE Facoltà di Farmacia

Dott.ssa SHEILA LEONE Facoltà di Farmacia FARMACOLOGIA Dott.ssa SHEILA LEONE Facoltà di Farmacia FARMACOLOGIA Studia le proprietà dei FARMACI, l interazione con l ORGANISMO e le REAZIONI CHE NE CONSEGUONO SOSTANZA INERTE NON INTERFERISCE IN ALCUN

Dettagli

sintomi,decorso coinfezioni

sintomi,decorso coinfezioni 2007 L epatite è un infiammazione del fegato; se è causata da un virus l epatite può essere trasmessa da una persona all altra.invece l epatite non è contagiosa se ha origine da abuso di alcool o medicamenti,

Dettagli

1. Capacità di autorinnovamento illimitato

1. Capacità di autorinnovamento illimitato 1. Capacità di autorinnovamento illimitato 2. Capacità di dare origine in risposta a stimoli adeguati e specifici a cellule progenitrici di transito dalle quali discendono popolazioni di cellule altamente

Dettagli

La carcinosi peritoneale

La carcinosi peritoneale La carcinosi peritoneale cos è e come si cura Il peritoneo Il peritoneo è una membrana sottile e trasparente che ricopre la parete interna della cavità addominale e pelvica, e tutti i visceri che vi sono

Dettagli

LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso

LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso in genere agiscono sulle sinapsi, alterando la trasmissione dell impulso nervoso e provocando

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

contengono cellule di origine umana o animale, vitali o non vitali

contengono cellule di origine umana o animale, vitali o non vitali La regolamentazione alla luce della nuova normativa europea Cristina Pintus Responsabile Unità Terapie Avanzate AIFA 51 Simposio AFI Medicinali Biologici e Medicinali per Terapie Avanzate Modelli per le

Dettagli

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Università di Pisa Dipartimento di Farmacia Corso di laurea in CTF Corso: Basi biochimiche dell azione dei farmaci Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Pisa, 27/03/2014 Samuela Fabiani

Dettagli

Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE

Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE Prof.ssa Adriana Albini Angiogenesi come target di terapia LA TERAPIA BIOLOGICA MIRATA: LE PREMESSE Anche se la base comune delle neoplasie è rappresentata dalla crescita incontrollata di cellule trasformate,

Dettagli

Differenziamento cellulare

Differenziamento cellulare Differenziamento cellulare Differenziamento: acquisizione progressiva di nuove caratteristiche che porta a tipi cellulari specifici (es cell muscolari, neuroni,.) Dopo la fecondazione lo zigote va incontro

Dettagli

Medicina Moderna. Master Sperimentale di II Livello

Medicina Moderna. Master Sperimentale di II Livello Master Sperimentale di II Livello Medicina Moderna Integrazione di Terapie Efficaci Convenzionali e Non Convenzionali 1 Anno 2012-2013 Medicina Moderna: capire i livelli moderni di descrizione dei fenomeni

Dettagli

Ricerca farmacologica priclinica e clinica

Ricerca farmacologica priclinica e clinica Ricerca farmacologica priclinica e clinica SPERIMENTAZIONE PRECLINICA DURATA MEDIA?? ANNI Consente di isolare, dalle migliaia di sostanze sottoposte al primo screening di base farmacologico e biochimico,

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

Biologici e Biosimilari

Biologici e Biosimilari Biologici e Biosimilari in oncologia, occhi aperti sulle differenze Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici Introduzione Nel 2010 l Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) insieme

Dettagli

Criteri di esclusione permanente e temporanea del candidato donatore ai fini della protezione della sua salute

Criteri di esclusione permanente e temporanea del candidato donatore ai fini della protezione della sua salute Allegato al Decreto del Ministero della Salute del 3 marzo 2005 Criteri di esclusione permanente e temporanea del candidato donatore ai fini della protezione della sua salute Il candidato donatore affetto

Dettagli

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 Centro di riferimento per la Fitoterapia Cannabis terapeutica: l'esperienza della Regione Toscana. Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 www.cerfit.org www.cerfit.org www.cerfit.org Immortality pills Tang Dynasty

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

Integrazione di silice - Benefici riportati

Integrazione di silice - Benefici riportati Integrazione di silice - Benefici riportati Riduzione del dolore e dell infiammazione dei legamenti Migliorata elasticità della pelle Migliorata idratazione della pelle Stimolazione della formazione e

Dettagli

Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA

Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa Milano, 29 ottobre 2013 A cura di Metodologia e campione di ricerca Campione: Sono state intervistate 1.000

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica

Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domande relative alla specializzazione in: Oncologia medica Domanda #1 (codice domanda: n.541) : Cosa caratterizza il grado T2 del colangiocarcinoma? A: Interessamento del connettivo periduttale B: Coinvolgimento

Dettagli