Dott. D. Cortinovis. S.C. Oncologia Medica A.O. San Gerardo Monza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dott. D. Cortinovis. S.C. Oncologia Medica A.O. San Gerardo Monza"

Transcript

1 Algoritmi terapeutici nel NSCLC in stadio avanzato Dott. D. Cortinovis S.C. Oncologia Medica A.O. San Gerardo Monza Il presente slide kit riporta l'esperienza di pratica clinica del Dott. Cortinovis. Per le indicazioni autorizzate di Avastin e Tarceva fare riferimento ai rispettivi RCP di prodotto, visualizzabili attraverso le relative icone Algoritmo aggiornato a Giugno 2015

2 I n t r o d u z i o n e s t o r i c a ( 1) L evoluzione nella storia del trattamento del tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC) ha radici molto profonde nel passato. Per comprendere gli algoritmi terapeutici che guidano il clinico quest oggi è bene eseguire un rapido excursus storico. Prima degli anni 90 la domanda che ci si poneva era legata a quale fosse l impatto di un trattamento medico chemioterapico nel tumore polmonare e solo in seguito a una metanalisi pubblicata nel ci si è convinti che un trattamento medico chemioterapico contenente cisplatino poteva essere una soluzione nel trattamento di prima linea del carcinoma polmonare rispetto alla sola terapia di supporto. Nel decennio si è consolidato sempre di più l impiego di doppiette a base di platino differenziate a seconda delle due macro-istologie: carcinoma polmonare a piccole cellule e non a piccole cellule. 2 BMJ 1995;311(7010): (Ref.1) Jiang L, et al. Int Med J 2012;42(12): (Ref. 2)

3 I n t r o d u z i o n e s t o r i c a ( 2 ) Lo schema cisplatino etoposide per la prima volta era impiegato esclusivamente nel carcinoma a piccole cellule, mentre farmaci di seconda generazione venivano impiegati insieme al cisplatino nel carcinoma polmonare non a piccole cellule. 3 Nell ultimo decennio si è compreso che il tumore polmonare non a piccole cellule è costituito da 2 ulteriori macroidentità: il carcinoma squamoso e quello non squamoso (costituito più frequentemente da adenocarcinoma). Questa differenza è stata notata rispetto al comportamento dei 2 sottotipi di tumore che hanno risposte differenti a seconda della doppietta a base di platino a cui sono esposti. 3,4 Hirsch FR, et al. JTO 2008;3(12): (Ref. 3) Einhorn L. J Clin Oncol 2008;26(21): (Ref. 4)

4 E v o l u z i o n e d e l t r a t t a m e n t o d e l N S C L C a v a n z a t o T r a t t a r e o n o n t r a t t a r e? N S C L C = S C L C <1980 SCLC Platino Etoposide NSCLC Doppietta a base di platino 1 Oggi SCLC Platino Etoposide 2 Squamoso NSCLC Doppietta a base di platino 1 Non squamoso BMJ 1995;311(7010): (Ref.1) Jiang L, et al. Int Med J 2012;42(12): (Ref. 2) Elaborazione grafica da Ref. 1 e 2

5 E v o l u z i o n e d e l t r a t t a m e n t o c h e m i o t e r a p i c o L evoluzione che ha portato alla scelta della terapia chemioterapica legata all istologia fa parte della storia contemporanea. Tuttavia, negli ultimi anni, si è assistito a un ulteriore affinamento nella valutazione del profilo biomolecolare del tumore polmonare non a piccole cellule. In particolare nella forma non squamosa il dato dello stato mutazionale di EGFR prima e la presenza o meno della traslocazione di ALK dopo hanno evidenziato tumori definiti oncogene addicted. 5 Tali tumori che riguardano solo una piccola parte delle forme non squamose (circa il 15-20%) dipendono in maniera stringente da queste varianti genetiche sia per i processi di proliferazione che di invasione che di metastatizzazione. Il blocco da parte di molecole specifiche verso questi targets ha portato non solo a individuare una strategia tailored sulla malattia, ma anche a un impatto decisivo sull outcome clinico di queste particolari patologie. Horn L, Pao W. J Clin Oncol 2009;26: (Ref. 5)

6 S c e l t a d e l t r a t t a m e n t o : d a l l i s t o l o g i a a i d r i v e r o n c o g e n i c i 1999 Selezione istologica 2010 Driver oncogenici* 5 Evoluzione del trattamento del NSCLC Adenocarcinoma Non squamoso Squamoso Carcinoma squamoso EGFR Mu EGFR WT Squamoso Carcinoma a grandi cellule KRAS BRAF PIK3CA EGFR Mu ALK+ KRAS Mu Altro WT non squamoso Squamoso 2008 Horn L, Pao W. J Clin Oncol 2009;27(26): (ref. 5) EGFR MET HER2 ALK Unknown MET+ Standard attuali del trattamento del NSCLC * Incidenza di mutazioni nell adenocarcinoma. KRAS, oncogene virale del sarcoma di Kirsten nel ratto; EGFR, recettore del fattore di crescita epidermico; BRAF, omologo B1 dell oncogene virale del sarcoma murino; HER2, recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano; PIK3CA, phosphatidyl 3-kinase p110 alpha catalytic submit isoform; MET, recettore del fattore di crescita degli epatociti; Mu, mutante; WT, wild-type.

7 D e t e r m i n a n t i d e l l a s c e l t a t e r a p e u t i c a PS (ECOG): stato fisico generale del paziente riassunto dallo score internazionale Performance Status secondo ECOG. ISTOLOGIA: valutazione attraverso l anatomo-patologo del sottotipo di tumore di cui un paziente è affetto e segnatamente la presenza di una forma squamosa rispetto ad una non squamosa. 6,7 STATO BIOMOLECOLARE: valutazione di un pannello biomolecolare generalmente chiesto alla diagnosi di malattia in stadio avanzato, se il materiale bioptico risulta sufficiente, che comprenda lo stato mutazionale di EGFR e la traslocazione del gene ALK-EML4. 8,9 Cadioli A, et al. Am J Surg Pathol 2014;38(4): (Ref.6); Rossi G, et al. Int J Surg Pathol 2013;21(4): (Ref.7); Marchetti A, et al. J Clin Oncol 2005;23(4): (Ref.8); Marchetti A, et al. JTO 2013;8(3): (Ref.9) NB: In questo pannello l età, un tempo considerata un fattore di scelta fondamentale, è oggi meno importante per quanto il mondo del paziente anziano (considerato >70 anni) risulti spesso difficile da standardizzare. Tuttavia è ormai opinione comune considerare le scelte terapeutiche in prima linea nel paziente anziano con un buon Performance Status allo stesso modo del paziente giovane

8 I s t o l o g i a ( 1 ) Carcinoma squamoso vs Carcinoma a piccole cellule p63/p40 +++/+++ (~100%) / TTF-I ++ (~80%) Cromogranina ++ (dot-like) Carcinoma squamoso vs Adenocarcinoma p63/p40 +++/+++ (~100%) + (~20%)/ TTF-I ++ (~80%) Napsin A ++ (~85%) Adenocarcinoma vs Carcinoma a piccole cellule Fig. 3: Confronto tra p63 e p40 per l identificazione di adenocarcinoma (TTF-1 ± /p63 ± /p40 ), carcinoma a cellule squamose (TTF-1 /p63 + /p40 + ) e NSCLC-NOS (TTF1 /p63 ± /p40 ) Rossi G, et al. Int J Surg Pathol 2013; (Ref. 7) Napsin A ++ (~85%) Cromogranina ++ (dot-like) Tab. 2: Immunoistochimica nella diagnosi differenziali e di cancro al polmone Norme principali L espressione Napsin A esclude il carcinoma squamoso e il carcinoma a piccole cellule; l espressione p40 esclude il carcinoma a piccole cellule e l adenocarcinoma; l espressione del fattore di trascrizione tiroideo (TTF-1) esclude il carcinoma squamoso

9 I s t o l o g i a ( 2 ) Come identificato precedentemente il ruolo dell istologia si è dimostrato fondamentale per la scelta dei farmaci più opportuni nel carcinoma polmonare non a piccole cellule. Spesso, tuttavia, il materiale derivante da piccole biopsie o da aspirati è quantitativamente/qualitativamente modesto e non sempre il riconoscimento dell istotipo è fattibile alla prima indagine morfologica dopo colorazione con ematossilina/eosina. Oggi gli anatomopatologi, nelle forme tumorali più difficili da percepire, riescono attraverso un pannello di analisi in immunoistochimica (IHC) a definire con maggiore certezza la corretta attribuzione ad uno specifico sottotipo istologico. 6,7 Cadioli A, et al. Am J Surg Pathol 2014;38(4): (Ref.6); Rossi G, et al. Int J Surg Pathol 2013;21(4): (Ref.7)

10 I s t o l o g i a ( 3 ) TTF1 (tissue transcriptor factor 1), ad esempio, è considerato un fattore espresso sino nell 85% dei casi di adenocarcinoma; la proteina p63 o p40 è correlata nel % dei casi a differenziazione squamocellulare; mentre altri marcatori, tra cui la cromogranina, identificano la presenza di un tumore con caratteristiche neuroendocrine (ad esempio il carcinoma a piccole cellule). Come riportato nella tabella precedente (slide 8) l incrocio di queste colorazioni permette di identificare il sottotipo istologico con verosimile certezza in circa 80-90% dei casi analizzati. 6,7 Questo sforzo ha ridotto, infatti, a circa il 10% quei casi di tumore polmonare non a piccole cellule non altrimenti specificato (NAS) che rende difficile una scelta terapeutica sicuramente esaustiva per il paziente o spesso è foriera di ulteriori tentativi agobioptici. Cadioli A, et al. Am J Surg Pathol 2014;38(4): (Ref.6); Rossi G, et al. Int J Surg Pathol 2013;21(4): (Ref.7)

11 A n a l i s i b i o m o l e c o l a r e ( 1 ) EGFR (sequenziamento diretto) 8 ALK-EML4 (IHC/FISH) 9 Marchetti A, et al. J Clin Oncol 2005;23(4): (Ref.8); Marchetti A, et al. JTO 2013;8(3): (Ref.9)

12 A n a l i s i b i o m o l e c o l a r e ( 2 ) Anche l analisi biomolecolare segue specifiche regole per poter determinare la riproducibilità del risultato. La tecnologia impiegata per determinare la mutazione di EGFR e la traslocazione di ALK è oggi standardizzata. In particolare per EGFR viene generalmente adottata la tecnica del sequenziamento diretto secondo Sanger 8 mentre per ALK la metodica FISH ormai accostata all immunoistochimica 9 viene considerata la metodica di riferimento. Si ricorda che la standardizzazione del laboratorio biomolecolare è oggi guidata in Italia dall unione degli sforzi di due differenti società scientifiche, l Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e la Società Italiana di Anatomia Patologica e Citologia diagnostica (SIAPEC), alle quali si rimanda per gli opportuni riferimenti. 9 Le problematiche legate all interpretazione dei risultati e le più recenti metodiche dotate di maggiore sensibilità e quindi di minore necessità di materiale biologico vanno al di fuori dello scopo di questa presentazione. Marchetti A, et al. J Clin Oncol 2005;23(4): (Ref.8); Marchetti A, et al. JTO 2013;8(3): (Ref.9)

13 S c r e e n i n g m o l e c o l a r e n e l N S C L C ( 1 ) NSCLC Screening simultaneo Test di mutazione KRAS Test di mutazione EGFR Gene di fusione ALK KRAS+ (15-30%) EGFR+ (10) ALK+ (3-5%) Non sensibile a EGFR TKI Sensibile a EGFR TKI Sensibile agli inibitori ALK Altre mutazioni? HER-2, BRAF,MEK1, AKT1, PI3K/m TOR ecc Elaborazione grafica di dati testuali (ref 5 e 10) Horn L, Pao W. J Clin Oncol 2009;26: (ref. 5); Shaw AT, et al. J Clin Oncol 2009;27(26): (ref. 10)

14 S c r e e n i n g m o l e c o l a r e n e l N S C L C ( 2 ) Nella popolazione caucasica la presenza di mutazioni di EGFR in particolare e la traslocazione di ALK riguardano la minoranza della popolazione di pazienti affetti da carcinoma polmonare di tipo non squamoso. Oggi si stima che la mutazione sensibilizzante di EGFR sia presente nel 10-12% di tutta la popolazione di carcinomi polmonari non squamosi 5 e che questa percentuale si abbassi al 3-5% per la presenza di traslocazione di ALK 10. Per molto tempo si è cercato di arricchire questa popolazione andando a individuare laddove vi fossero caratteristiche cliniche particolari 5,10. La presenza di una forma di adenocarcinoma, in paziente donna e non fumatrice incrementa la probabilità di mutazione di EGFR di più del doppio rispetto alla popolazione comune (25-30%); tuttavia si è presto capito che la selezione per fattori clinici o abitudini voluttuarie avrebbe escluso una serie di pazienti che sicuramente avrebbero potuto beneficiare di una strategia terapeutica superiore alla sola chemioterapia. 5,10 Horn L, Pao W. J Clin Oncol 2009;26: (ref. 5); Shaw AT, et al. J Clin Oncol 2009;27(26): (ref. 10)

15 S c r e e n i n g m o l e c o l a r e n e l N S C L C ( 3 ) Per questa ragione, oggi si consiglia di eseguire il test mutazionale di EGFR e ALK in tutta la popolazione di pazienti affetti da carcinoma polmonare non squamoso senza impiegare ulteriori fattori di selezione. Un discorso differente riguarda la determinazione della mutazione di KRAS che è anche la mutazione più frequente nel carcinoma polmonare non squamoso. Essendo una mutazione esclusiva, cioè che la sua presenza dovrebbe escludere la presenza della mutazione di EGFR o ALK, alcuni gruppi di lavoro tendono a determinare ab initio questa mutazione che, laddove positiva, non renderebbe necessario proseguire nell iter di ricerca di ulteriori mutazioni nel pezzo bioptico con risparmio di materiale e tempo di risposta. Tale atteggiamento, tuttavia, non è condiviso da tutti i gruppi e non viene pertanto menzionato nelle linee guida Nazionali AIOM.

16 S c r e e n i n g m o l e c o l a r e n e l N S C L C ( 4 ) Nell immediato futuro sarà possibile l ampliamento del numero di geni da testare come ad esempio la presenza della traslocazione di ROS1 oppure le mutazioni di BRAF 5 o l iperespressione di MET 10. Tali indagini, al momento, devono essere considerate non routinarie anche per via della impossibilità a somministrare l eventuale farmaco attivo. In questi casi la comunità scientifica consiglia di eseguire questi test all interno di studi clinici controllati come metodica di screening. 5,10 Horn L, Pao W. J Clin Oncol 2009;26: (ref. 5); Shaw AT, et al. J Clin Oncol 2009;27(26): (ref. 10)

17 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o P r i m a l i n e a N S C L C n o n s q u a m o s o E G F R wt/ u n k n o w n STADIO IIIB/IV PS 0-2 PLATINO + Pemetrexed 11 (oppure gemcitabina / taxani / vinorelbina) 12 COMBINAZIONI PLATINO + BEVACIZUMAB Paclitaxel 13 / gemcitabina 14 Rappresentazione grafica di dati testuali (ref 11-14) Scagliotti GV, et al. J Clin Oncol 2008;26(21): (Ref.11); Brown T, et al. Health Tecnol Assess 2013;17(31):1-278.(Ref.12) Sandler A, et al. N Engl J Med2006;355(24): (Ref.13); Reck M, et al. J Clin Oncol 2009;27(8): (Ref.14)

18 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o : c o m m e n t o ( 1 ) Stante la parte introduttiva precedente, è possibile ora entrare più nel dettaglio sulle possibili scelte terapeutiche in relazione al disegno di un algoritmo terapeutico in prima linea di terapia. In pazienti affetti da tumore non squamoso in stadio avanzato/non operabile in cui lo stato mutazionale di EGFR sia wild type o non determinabile, la scelta terapeutica ottimale è oggi rappresentata dalla chemioterapia. Osservando il Performance Status come driver determinante, la scelta, al pari di istologia e assetto biomolecolare, oggi in questo ambito ricade sull impiego di cisplatino associato ad un farmaco di terza generazione quale l antimetabolita pemetrexed. Questo suggerimento nasce dallo studio pubblicato nel 2008 da Scagliotti et al. 11 che ha chiaramente identificato nella sottopopolazione di pazienti affetti da carcinoma polmonare non squamoso come pemetrexed fosse superiore rispetto a gemcitabina negli outcomes di attività ed efficacia. Scagliotti GV, et al. J Clin Oncol 2008;26(21): (Ref.11)

19 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o : c o m m e n t o ( 2 ) In alcuni pazienti non candidati a cisplatino per comorbilità (insufficienza renale di grado lieve, diabete mellito non ben compensato, patologie cardiache rilevanti) è possibile utilizzare il carboplatino anche se i dati dello studio registrativo non lo contemplavano come possibilità di scelta. L associazione con altri farmaci spalla quali gemcitabina, taxani, vinorelbina 12 dovrebbe essere considerata come una seconda opzione anche se attiva in questo setting di pazienti. In questa stessa popolazione è possibile impiegare anche una doppietta chemioterapica a cui si aggiunge un anticorpo anti-vegf quale bevacizumab. Lo studio registrativo 13 ha osservato come bevacizumab abbia incrementato in maniera statisticamente significativa la sopravvivenza globale nel gruppo di pazienti trattati con bevacizumab associato a carboplatino e paclitaxel rispetto al solo schema carboplatino e paclitaxel. Brown T, et al. Health Tecnol Assess 2013;17(31):1-278.(Ref.12); Sandler A, et al. N Engl J Med 2006;355(24): (Ref.13)

20 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o : c o m m e n t o ( 3 ) Anche l associazione tra cisplatino, gemcitabina e bevacizumab si è dimostrata attiva rispetto alla sola chemioterapia, 14 tuttavia i dati sono risultati significativi per quanto concerne la sopravvivenza libera da progressione e non la sopravvivenza globale. Bevacizumab è ad oggi registrato in associazione con doppiette a base di platino; tuttavia anche le linee guida nazionali AIOM consigliano la somministrazione in associazione con carboplatino e paclitaxel, essendo questo il trattamento che ha determinato in maniera incontrovertibile un incremento della sopravvivenza globale. Allo stato attuale non è possibile valutare la superiorità di una scelta terapeutica con o senza bevacizumab mancando un dato di confronto testa a testa tra cisplatino e pemetrexed versus carboplatino, paclitaxel e bevacizumab. Reck M, et al. J Clin Oncol 2009;27(8): (Ref.14)

21 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o : c o m m e n t o ( 4 ) La scelta deve avvenire, quindi, attraverso una selezione appropriata del paziente. È noto, infatti, che è controindicazione assoluta somministrare bevacizumab in pazienti che abbiamo una manifesta emottisi 13 e particolare attenzione deve essere posta alla presenza di neoplasie infiltranti direttamente grossi vasi. Tuttavia bisogna sottolineare come bevacizumab, essendo autorizzato solo per la prima linea, non può essere impiegato in linee successive 14, cosa possibile per pemetrexed. Sandler A, et al. N Engl J Med 2006;355(24): (Ref.13); Reck M, et al. J Clin Oncol 2009;27(8): (Ref.14)

22 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o Prima linea NSCLC EGFR wt/unk Paziente anziano STADIO IIIB/IV PS 0-2 >70 anni Combinazioni platino (anziano fit) 15 Monochemioterapia (anziano unfit) 16 Elaborazione grafica di dati testuali (ref 15-16) Gridelli C, et al. J Clin Oncol 2007;25(29): (Ref. 15) Gridelli C, et al. JNCI 2003;95(5): (Ref 16)

23 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o n e l p a z i e n t e a n z i a n o : c o m m e n t o ( 1 ) L ambito del paziente anziano è sicuramente da considerarsi un capitolo difficile in quanto gli studi sviluppati metodologicamente in questa fascia di pazienti sono pochi. Quanto ad oggi appreso deriva dall insufficienza dell età cronologica come unico parametro nel considerare un soggetto anziano. Il cut off di età di 70 anni, considerato in maniera arbitraria, è dai maggiori autori considerato insufficiente per misurare la fragilità di un paziente. 15 Le scale di valutazione geriatrica multidimensionali sono state invocate come il vero strumento per comprendere quando considerare un paziente realisticamente non candidabile a terapie che generalmente possono essere erogate ad una popolazione più giovane. Tuttavia queste scale, per quanto validate, non sono largamente impiegate nella pratica clinica, in parte per la loro lunghezza, in parte per la mancanza di una competenza geriatrica nel team multidisciplinare. Gridelli C, et al. J Clin Oncol 2007;25(29): (Ref. 15)

24 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o n e l p a z i e n t e a n z i a n o : c o m m e n t o ( 2 ) Per questa ragione, nella pratica clinica, spesso la scelta terapeutica viene lasciata maggiormente a una certa percezione soggettiva e di esperienza. Dai dati di letteratura emerge chiaramente che il paziente anziano, in buone condizioni generali e senza apparenti comorbilità può giovarsi di doppiette contenenti cisplatino con adeguamento del dosaggio rispetto all emuntorio renale, 15 mentre risulta necessario l impiego di una monochemioterapia in tutti i restanti casi. 16 Il concetto di associazione tra derivati del platino e secondo farmaco attivo segue i drivers prima descritti e cioè l istologia e la ovvia assenza di mutazioni attivanti EGFR/traslocazione ALK. Per quanto nella pratica clinica si affaccino sempre di più pazienti con età superiore agli 80 anni in buone condizioni generali, ad oggi non ci sono dati utili nell impiego di chemioterapia in questa categoria di veri anziani. Gridelli C, et al. J Clin Oncol 2007;25(29): (Ref. 15) Gridelli C, et al. JNCI 2003;95(5): (Ref 16)

25 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o Prima linea NSCLC ad istotipo squamoso (SCC)/NOS STADIO IIIB/IV PS 0-2 PLATINO + gemcitabina / taxani / vinorelbina 11,12 Elaborazione grafica di dati testuali (ref 11-12) Scagliotti GV, et al. J Clin Oncol 2008;26(21): (Ref.11) Brown T, et al. Health Tecnol Assess 2013;17(31):1-278.(Ref.12)

26 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o N S C L C S C C / N O S : c o m m e n t o ( 1 ) Il carcinoma polmonare squamoso è rimasto ad oggi una patologia orfana rispetto alla forma non squamosa che ha visto, nel trascorrere degli anni, aggiungere opzioni terapeutiche importanti. Con l esclusione di 2 farmaci di rilievo quali pemetrexed e bevacizumab che per motivi differenti non possono essere impiegati e l assenza di drivers riconosciuti quali le mutazioni di EGFR e ALK, l unica reale opzione terapeutica in prima linea rimane una doppietta a base di platino e un secondo farmaco attivo quale gemcitabina, taxani o vinorelbina. 11,12 Scagliotti GV, et al. J Clin Oncol 2008;26(21): (Ref.11) Brown T, et al. Health Tecnol Assess 2013;17(31):1-278.(Ref.12)

27 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o Mantenimento NSCLC nonscc 4/6 cicli doppietta platino + bevacizumab Non PD Bevacizumab 13,14 Pemetrexed (continuation) 17 4/6 cicli doppietta a base di platino Non PD Pemetrexed (switch) 18 Elaborazione grafica di dati testuali (ref 13-14, 17-19) Sandler A, et al. N Engl J Med 2006;355(24): (Ref.13); Reck M, et al. J Clin Oncol 2009;27(8): (Ref.14) Paz-Ares L, Lancet Oncol 2012;13(3): (Ref. 17); Ciuleanu T, et al. Lancet 2009;374: (Ref.18) Cappuzzo F, et al. Lancet Oncol 2010;11(6): (Ref.19) Erlotinib (solo SD) 19 PD, progressione di malattia; SD, malattia stabile.

28 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o n e l m a n t e n i m e n t o : c o m m e n t o ( 1 ) Un ulteriore avanzamento nella strategia terapeutica di pazienti affetti da carcinoma polmonare non squamoso è stata l introduzione del concetto di terapia di mantenimento declinata per i maggiori farmaci disponibili oggi in commercio e in particolare per bevacizumab, pemetrexed ed erlotinib, 13,14, con unica clausola per quest ultimo la restrizione alla sua rimborsabilità in questa indicazione. Queste strategie terapeutiche hanno portato, per la prima volta, a evidenziare delle sopravvivenze globali mediane complessive anche superiori ai mesi con i limiti, tuttavia, di una selezione intrinseca di una popolazione a probabile migliore prognosi. Sandler A, et al. N Engl J Med 2006;355(24): (Ref.13); Reck M, et al. J Clin Oncol 2009;27(8): (Ref.14); Paz-Ares L, Lancet Oncol 2012;13(3): (Ref. 17); Ciuleanu T, et al. Lancet 2009;374: (Ref.18) Cappuzzo F, et al. Lancet Oncol 2010;11(6): (Ref.19)

29 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o n e l m a n t e n i m e n t o : c o m m e n t o ( 2 ) Bevacizumab è stato il primo farmaco ad avere una indicazione alla prosecuzione dopo i 6 cicli di chemioterapia in pazienti non soggetti a progressione di malattia. 13,14 È vero, tuttavia, che gli studi registrativi non davano una risposta sul termine di mantenimento vero e proprio in quanto bevacizumab era prescritto di default in tutti quei pazienti permissivi che non erano in progressione al termine della chemioterapia. Successivamente diversi studi hanno mantenuto questa strategia terapeutica nello schema principale e ad oggi è accettato che bevacizumab debba proseguire in tutti i pazienti che al termine della chemioterapia non siano in progressione e in assenza di controindicazioni specifiche. Sandler A, et al. N Engl J Med 2006;355(24): (Ref.13); Reck M, et al. J Clin Oncol 2009;27(8): (Ref.14)

30 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o n e l m a n t e n i m e n t o : c o m m e n t o ( 3 ) Pemetrexed è stato studiato specificatamente in mantenimento, sia dopo 4 cicli con doppiette a base di platino senza pemetrexed (switch maintenance) 18 che nella doppietta contenente pemetrexed (continuation maintenance). 17 In ambedue le strategie, seppur con un razionale diverso, pemetrexed ha dimostrato un vantaggio negli outcomes di efficacia e in particolare nei termini di sopravvivenza mediana rispetto alla strategia che non contemplava il mantenimento. Infine erlotinib, in una popolazione non selezionata per la mutazione di EGFR, è stato studiato in regime di mantenimento 19 dopo chemioterapia di prima linea in pazienti non in progressione a quest ultima. Il beneficio in termini di incremento della sopravvivenza si è visto in particolare nei pazienti che rimanevano stabili dopo la chemioterapia di prima linea. Tuttavia questo incremento è stato giudicato statisticamente ma non clinicamente significativo e ad oggi il farmaco non è rimborsato per questa indicazione. Da sottolineare come il vantaggio più significativo sia stato ottenuto in quella popolazione in cui lo stato di EGFR è risultato mutato. Paz-Ares L, Lancet Oncol 2012;13(3): (Ref. 17); Ciuleanu T, et al. Lancet 2009;374: (Ref.18); Cappuzzo F, et al. Lancet Oncol 2010;11(6): (Ref.19)

31 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o P r i m a l i n e a N S C L C E G F R M U T + EGFR MUT (sensibilità) Gefitinb Erlotinib Afatinib 26,27 Elaborazione grafica di dati testuali (ref 20-27) Mok TS, et al. N Engl J Med 2009;361(10): (Ref.20); Maemondo M, et al. N Engl J Med 2010;362(25): (Ref.22); Rosell R, et al. Lancet Oncol 2012;13(3): (Ref.23); Zhou C, et al. Lancet Oncol 2011;12(8): (Ref24); Wu Y, et al. JTO 2014; 9 (4): S37 (Ref.25) ; Sequist LV, et al. J Clin Oncol 2013;31(27): (Ref.26); Wu Y, et al. Lancet Oncol 2014;15(2): (Ref.27)

32 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o N S C L C E G F R M U T + : c o m m e n t o ( 1 ) Nella popolazione con mutazioni sensibilizzanti del gene EGFR, in particolare la delezione dell esone 19 e la mutazione puntiforme dell esone 21 (L858R), gli inibitori dell EGFR tirosino chinasici si sono dimostrati vantaggiosi in termini di sopravvivenza libera da progressione rispetto alla chemioterapia. 20,27 Questo vantaggio, comune a tutte le piccole molecole (gefitinib, erlotinib e afatinib) ha portato il valore di sopravvivenza libera da progressione uguale o superiore a quello che si è ottenuto in termini di sopravvivenza globale in popolazioni non selezionate: tra i 9 e i 13 mesi. L assenza di vantaggio in termini di sopravvivenza globale nasce dal cosiddetto fenomeno del cross-over. Parte dei pazienti con mutazione di EGFR nel braccio di chemioterapia ha ricevuto l EGFR TKI come seconda linea Mok TS, et al. N Engl J Med 2009;361(10): (Ref.20); Mitsudomi T, et al. Lancet Oncol 2010;11(2): (Ref21); Maemondo M, et al. N Engl J Med 2010;362(25): (Ref 22); Rosell R, et al. Lancet Oncol 2012;13(3): (Ref 23); Zhou C, et al. Lancet Oncol 2011;12(8): (Ref 24); Wu Y, et al. JTO 2014; S9 (4): S37 (Ref.25); Sequist LV, et al. J Clin Oncol 2013;31(27): (Ref.26); Wu Y, et al. Lancet Oncol 2014;15(2): (Ref.27)

33 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o N S C L C E G F R M U T + : c o m m e n t o ( 2 ) Per quanto non vi siano dati di confronto tra EGFR TKI oggi si può concludere senza dubbio che nei pazienti con mutazione sensibilizzante di EGFR la piccola molecola è la terapia di scelta rispetto alla chemioterapia. La scelta su quale EGFR TKI impiegare in prima linea è oggi fonte di dibattito scientifico. Come spesso succede la strategia terapeutica in questo setting di pazienti si basa sull unione del dato di letteratura e l esperienza del clinico nei confronti di una molecola rispetto a un altra con una particolare attenzione anche al bilancio tra la gestione degli effetti collaterali attesi e l efficacia Mok TS, et al. N Engl J Med 2009;361(10): (Ref.20); Mitsudomi T, et al. Lancet Oncol 2010;11(2): (Ref21); Maemondo M, et al. N Engl J Med 2010;362(25): (Ref 22); Rosell R, et al. Lancet Oncol 2012;13(3): (Ref 23); Zhou C, et al. Lancet Oncol 2011;12(8): (Ref 24); Wu Y, et al. JTO 2014; S9 (4): S37 (Ref.25); Sequist LV, et al. J Clin Oncol 2013;31(27): (Ref.26); Wu Y, et al. Lancet Oncol 2014;15(2): (Ref.27)

34 S e c o n d a l i n e a : f a t t o r i c h e g u i d a n o l a s c e l t a 28 Precedente risposta alla chemioterapia (PR/CR vs SD vs P) TTP Performance status Sesso (donna>uomo) Carico di malattia Istologia (non SCC>SCC) Elaborazione grafica di dati testuali (ref 28) Di Maio M, et al. Eur J Cancer 2010;46(4): (Ref.28)

35 S e c o n d a l i n e a : c o m m e n t o ( 1 ) Allo stato attuale delle conoscenze tutti i pazienti affetti da carcinoma polmonare non a piccole cellule in stadio avanzato/inoperabile tendono a ricadere/progredire dopo l esposizione a una prima linea di terapia medica. La possibilità di ricevere una seconda linea è oggi più elevata rispetto al passato arrivando a sfiorare a seconda delle casistiche anche il 60% della popolazione trattata in prima linea. Esistono anche dei criteri che possono aiutare il clinico in questa decisione in particolare per cercare di evitare effetti collaterali inutili quando realisticamente la spettanza di vita è considerevolmente bassa (<3 mesi). Questa stima, tuttavia, è piuttosto difficile da valutare; esistono dei fattori predittivi di beneficio della seconda linea che in parte seguono anche fattori prognostici che possono essere integrati per determinare una scelta maggiormente consapevole. 28 Di Maio M, et al. Eur J Cancer 2010;46(4): (Ref.28)

36 S e c o n d a l i n e a : c o m m e n t o ( 2 ) Il Performance Status rimane anche per la seconda linea un fattore determinante così come il vantaggio e la durata della risposta alla prima linea. Altri fattori da considerare sono il sesso, l estensione di malattia (numero di organi coinvolti dalla malattia) e l istologia. In questo elenco devono essere aggiunte anche la determinazione delle mutazioni di EGFR e traslocazione di ALK se non determinate precedentemente. In seconda linea, infatti, le piccole molecole, nei pazienti naïve, vengono considerate la scelta migliore. 28 Di Maio M, et al. Eur J Cancer 2010;46(4): (Ref.28)

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII MULTINATIONAL ASSOCIATION OF SUPPORTIVE CARE IN CANCER CONSENSUS CONFERENCE SULLA TERAPIA ANTIEMETICA PERUGIA, 29-31 marzo, 2004 Ultimo aggiornamento: 1 settembre

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica Riv. It. Ost. Gin. 200 Vol. 15 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice... R. Angioli et al. pag. 0 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

numero 3 Agire Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Periodico dell Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori di Milano

numero 3 Agire Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Periodico dell Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori di Milano Settembre / Ottobre 2010 Anno 3 - numero 3 Poste Italiane s.p.a. Spedizione in Abbonamento Postale 70%-DCB Milano Periodico dell Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori di Milano Agire Sistema

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Il polmone destro si divide in tre aree principali (conosciute come lobi) e il polmone sinistro ne ha due.

Il polmone destro si divide in tre aree principali (conosciute come lobi) e il polmone sinistro ne ha due. TUMORE AL POLMONE INFORMAZIONI GENERALI I polmoni Quando inspiriamo, l aria passa dal naso o dalla bocca, attraverso la trachea, la quale si divide in due sezioni tubulari (vie respiratorie), una verso

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Documento complementare al foglio per utenti Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Commenti alla sezione 1: PAP TEST E TEST HPV 1.1 Cos

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Come scrivere una Review

Come scrivere una Review Come scrivere una Review Federico Caobelli per AIMN Giovani Fondazione Poliambulanza - Brescia federico.caobelli@gmail.com SOMMARIO Nel precedente articolo, scritto da Laura Evangelista per AIMN Giovani,

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

2. Neoplasie polmonari

2. Neoplasie polmonari 2. Coordinatori Federico Cappuzzo (Livorno) Andrea Lopes Pegna (Firenze) Marco Lucchi (Pisana) Comitato di redazione Paolo BASTIANI (Firenze), CAMERINI Andrea (Viareggio), CECERE Fabiana Letizia (Firenze),

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere. La Rete Oncologica

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere. La Rete Oncologica LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Piano di riorganizzazione delle reti ospedaliere La Rete Oncologica Piano di Riorganizzazione della Rete - La rete Oncologica della Regione Lazio Piano di riorganizzazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

NUOVI APPROCCI TERAPEUTICI NEL TRATTAMENTO DEI LINFOMI NON HODGKIN DI DERIVAZIONE DAI LINFOCITI T PERIFERICI

NUOVI APPROCCI TERAPEUTICI NEL TRATTAMENTO DEI LINFOMI NON HODGKIN DI DERIVAZIONE DAI LINFOCITI T PERIFERICI Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA EMATOLOGIA CLINICA E SPERIMENTALE ED EMATOPATOLOGIA Ciclo XXI Settore scientifico disciplinare di afferenza: MED/15 MALATTIE DEL SANGUE NUOVI

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 2 A cura di: Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it 3 Prefazione

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli