Dott. D. Cortinovis. S.C. Oncologia Medica A.O. San Gerardo Monza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dott. D. Cortinovis. S.C. Oncologia Medica A.O. San Gerardo Monza"

Transcript

1 Algoritmi terapeutici nel NSCLC in stadio avanzato Dott. D. Cortinovis S.C. Oncologia Medica A.O. San Gerardo Monza Il presente slide kit riporta l'esperienza di pratica clinica del Dott. Cortinovis. Per le indicazioni autorizzate di Avastin e Tarceva fare riferimento ai rispettivi RCP di prodotto, visualizzabili attraverso le relative icone Algoritmo aggiornato a Giugno 2015

2 I n t r o d u z i o n e s t o r i c a ( 1) L evoluzione nella storia del trattamento del tumore polmonare non a piccole cellule (NSCLC) ha radici molto profonde nel passato. Per comprendere gli algoritmi terapeutici che guidano il clinico quest oggi è bene eseguire un rapido excursus storico. Prima degli anni 90 la domanda che ci si poneva era legata a quale fosse l impatto di un trattamento medico chemioterapico nel tumore polmonare e solo in seguito a una metanalisi pubblicata nel ci si è convinti che un trattamento medico chemioterapico contenente cisplatino poteva essere una soluzione nel trattamento di prima linea del carcinoma polmonare rispetto alla sola terapia di supporto. Nel decennio si è consolidato sempre di più l impiego di doppiette a base di platino differenziate a seconda delle due macro-istologie: carcinoma polmonare a piccole cellule e non a piccole cellule. 2 BMJ 1995;311(7010): (Ref.1) Jiang L, et al. Int Med J 2012;42(12): (Ref. 2)

3 I n t r o d u z i o n e s t o r i c a ( 2 ) Lo schema cisplatino etoposide per la prima volta era impiegato esclusivamente nel carcinoma a piccole cellule, mentre farmaci di seconda generazione venivano impiegati insieme al cisplatino nel carcinoma polmonare non a piccole cellule. 3 Nell ultimo decennio si è compreso che il tumore polmonare non a piccole cellule è costituito da 2 ulteriori macroidentità: il carcinoma squamoso e quello non squamoso (costituito più frequentemente da adenocarcinoma). Questa differenza è stata notata rispetto al comportamento dei 2 sottotipi di tumore che hanno risposte differenti a seconda della doppietta a base di platino a cui sono esposti. 3,4 Hirsch FR, et al. JTO 2008;3(12): (Ref. 3) Einhorn L. J Clin Oncol 2008;26(21): (Ref. 4)

4 E v o l u z i o n e d e l t r a t t a m e n t o d e l N S C L C a v a n z a t o T r a t t a r e o n o n t r a t t a r e? N S C L C = S C L C <1980 SCLC Platino Etoposide NSCLC Doppietta a base di platino 1 Oggi SCLC Platino Etoposide 2 Squamoso NSCLC Doppietta a base di platino 1 Non squamoso BMJ 1995;311(7010): (Ref.1) Jiang L, et al. Int Med J 2012;42(12): (Ref. 2) Elaborazione grafica da Ref. 1 e 2

5 E v o l u z i o n e d e l t r a t t a m e n t o c h e m i o t e r a p i c o L evoluzione che ha portato alla scelta della terapia chemioterapica legata all istologia fa parte della storia contemporanea. Tuttavia, negli ultimi anni, si è assistito a un ulteriore affinamento nella valutazione del profilo biomolecolare del tumore polmonare non a piccole cellule. In particolare nella forma non squamosa il dato dello stato mutazionale di EGFR prima e la presenza o meno della traslocazione di ALK dopo hanno evidenziato tumori definiti oncogene addicted. 5 Tali tumori che riguardano solo una piccola parte delle forme non squamose (circa il 15-20%) dipendono in maniera stringente da queste varianti genetiche sia per i processi di proliferazione che di invasione che di metastatizzazione. Il blocco da parte di molecole specifiche verso questi targets ha portato non solo a individuare una strategia tailored sulla malattia, ma anche a un impatto decisivo sull outcome clinico di queste particolari patologie. Horn L, Pao W. J Clin Oncol 2009;26: (Ref. 5)

6 S c e l t a d e l t r a t t a m e n t o : d a l l i s t o l o g i a a i d r i v e r o n c o g e n i c i 1999 Selezione istologica 2010 Driver oncogenici* 5 Evoluzione del trattamento del NSCLC Adenocarcinoma Non squamoso Squamoso Carcinoma squamoso EGFR Mu EGFR WT Squamoso Carcinoma a grandi cellule KRAS BRAF PIK3CA EGFR Mu ALK+ KRAS Mu Altro WT non squamoso Squamoso 2008 Horn L, Pao W. J Clin Oncol 2009;27(26): (ref. 5) EGFR MET HER2 ALK Unknown MET+ Standard attuali del trattamento del NSCLC * Incidenza di mutazioni nell adenocarcinoma. KRAS, oncogene virale del sarcoma di Kirsten nel ratto; EGFR, recettore del fattore di crescita epidermico; BRAF, omologo B1 dell oncogene virale del sarcoma murino; HER2, recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano; PIK3CA, phosphatidyl 3-kinase p110 alpha catalytic submit isoform; MET, recettore del fattore di crescita degli epatociti; Mu, mutante; WT, wild-type.

7 D e t e r m i n a n t i d e l l a s c e l t a t e r a p e u t i c a PS (ECOG): stato fisico generale del paziente riassunto dallo score internazionale Performance Status secondo ECOG. ISTOLOGIA: valutazione attraverso l anatomo-patologo del sottotipo di tumore di cui un paziente è affetto e segnatamente la presenza di una forma squamosa rispetto ad una non squamosa. 6,7 STATO BIOMOLECOLARE: valutazione di un pannello biomolecolare generalmente chiesto alla diagnosi di malattia in stadio avanzato, se il materiale bioptico risulta sufficiente, che comprenda lo stato mutazionale di EGFR e la traslocazione del gene ALK-EML4. 8,9 Cadioli A, et al. Am J Surg Pathol 2014;38(4): (Ref.6); Rossi G, et al. Int J Surg Pathol 2013;21(4): (Ref.7); Marchetti A, et al. J Clin Oncol 2005;23(4): (Ref.8); Marchetti A, et al. JTO 2013;8(3): (Ref.9) NB: In questo pannello l età, un tempo considerata un fattore di scelta fondamentale, è oggi meno importante per quanto il mondo del paziente anziano (considerato >70 anni) risulti spesso difficile da standardizzare. Tuttavia è ormai opinione comune considerare le scelte terapeutiche in prima linea nel paziente anziano con un buon Performance Status allo stesso modo del paziente giovane

8 I s t o l o g i a ( 1 ) Carcinoma squamoso vs Carcinoma a piccole cellule p63/p40 +++/+++ (~100%) / TTF-I ++ (~80%) Cromogranina ++ (dot-like) Carcinoma squamoso vs Adenocarcinoma p63/p40 +++/+++ (~100%) + (~20%)/ TTF-I ++ (~80%) Napsin A ++ (~85%) Adenocarcinoma vs Carcinoma a piccole cellule Fig. 3: Confronto tra p63 e p40 per l identificazione di adenocarcinoma (TTF-1 ± /p63 ± /p40 ), carcinoma a cellule squamose (TTF-1 /p63 + /p40 + ) e NSCLC-NOS (TTF1 /p63 ± /p40 ) Rossi G, et al. Int J Surg Pathol 2013; (Ref. 7) Napsin A ++ (~85%) Cromogranina ++ (dot-like) Tab. 2: Immunoistochimica nella diagnosi differenziali e di cancro al polmone Norme principali L espressione Napsin A esclude il carcinoma squamoso e il carcinoma a piccole cellule; l espressione p40 esclude il carcinoma a piccole cellule e l adenocarcinoma; l espressione del fattore di trascrizione tiroideo (TTF-1) esclude il carcinoma squamoso

9 I s t o l o g i a ( 2 ) Come identificato precedentemente il ruolo dell istologia si è dimostrato fondamentale per la scelta dei farmaci più opportuni nel carcinoma polmonare non a piccole cellule. Spesso, tuttavia, il materiale derivante da piccole biopsie o da aspirati è quantitativamente/qualitativamente modesto e non sempre il riconoscimento dell istotipo è fattibile alla prima indagine morfologica dopo colorazione con ematossilina/eosina. Oggi gli anatomopatologi, nelle forme tumorali più difficili da percepire, riescono attraverso un pannello di analisi in immunoistochimica (IHC) a definire con maggiore certezza la corretta attribuzione ad uno specifico sottotipo istologico. 6,7 Cadioli A, et al. Am J Surg Pathol 2014;38(4): (Ref.6); Rossi G, et al. Int J Surg Pathol 2013;21(4): (Ref.7)

10 I s t o l o g i a ( 3 ) TTF1 (tissue transcriptor factor 1), ad esempio, è considerato un fattore espresso sino nell 85% dei casi di adenocarcinoma; la proteina p63 o p40 è correlata nel % dei casi a differenziazione squamocellulare; mentre altri marcatori, tra cui la cromogranina, identificano la presenza di un tumore con caratteristiche neuroendocrine (ad esempio il carcinoma a piccole cellule). Come riportato nella tabella precedente (slide 8) l incrocio di queste colorazioni permette di identificare il sottotipo istologico con verosimile certezza in circa 80-90% dei casi analizzati. 6,7 Questo sforzo ha ridotto, infatti, a circa il 10% quei casi di tumore polmonare non a piccole cellule non altrimenti specificato (NAS) che rende difficile una scelta terapeutica sicuramente esaustiva per il paziente o spesso è foriera di ulteriori tentativi agobioptici. Cadioli A, et al. Am J Surg Pathol 2014;38(4): (Ref.6); Rossi G, et al. Int J Surg Pathol 2013;21(4): (Ref.7)

11 A n a l i s i b i o m o l e c o l a r e ( 1 ) EGFR (sequenziamento diretto) 8 ALK-EML4 (IHC/FISH) 9 Marchetti A, et al. J Clin Oncol 2005;23(4): (Ref.8); Marchetti A, et al. JTO 2013;8(3): (Ref.9)

12 A n a l i s i b i o m o l e c o l a r e ( 2 ) Anche l analisi biomolecolare segue specifiche regole per poter determinare la riproducibilità del risultato. La tecnologia impiegata per determinare la mutazione di EGFR e la traslocazione di ALK è oggi standardizzata. In particolare per EGFR viene generalmente adottata la tecnica del sequenziamento diretto secondo Sanger 8 mentre per ALK la metodica FISH ormai accostata all immunoistochimica 9 viene considerata la metodica di riferimento. Si ricorda che la standardizzazione del laboratorio biomolecolare è oggi guidata in Italia dall unione degli sforzi di due differenti società scientifiche, l Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e la Società Italiana di Anatomia Patologica e Citologia diagnostica (SIAPEC), alle quali si rimanda per gli opportuni riferimenti. 9 Le problematiche legate all interpretazione dei risultati e le più recenti metodiche dotate di maggiore sensibilità e quindi di minore necessità di materiale biologico vanno al di fuori dello scopo di questa presentazione. Marchetti A, et al. J Clin Oncol 2005;23(4): (Ref.8); Marchetti A, et al. JTO 2013;8(3): (Ref.9)

13 S c r e e n i n g m o l e c o l a r e n e l N S C L C ( 1 ) NSCLC Screening simultaneo Test di mutazione KRAS Test di mutazione EGFR Gene di fusione ALK KRAS+ (15-30%) EGFR+ (10) ALK+ (3-5%) Non sensibile a EGFR TKI Sensibile a EGFR TKI Sensibile agli inibitori ALK Altre mutazioni? HER-2, BRAF,MEK1, AKT1, PI3K/m TOR ecc Elaborazione grafica di dati testuali (ref 5 e 10) Horn L, Pao W. J Clin Oncol 2009;26: (ref. 5); Shaw AT, et al. J Clin Oncol 2009;27(26): (ref. 10)

14 S c r e e n i n g m o l e c o l a r e n e l N S C L C ( 2 ) Nella popolazione caucasica la presenza di mutazioni di EGFR in particolare e la traslocazione di ALK riguardano la minoranza della popolazione di pazienti affetti da carcinoma polmonare di tipo non squamoso. Oggi si stima che la mutazione sensibilizzante di EGFR sia presente nel 10-12% di tutta la popolazione di carcinomi polmonari non squamosi 5 e che questa percentuale si abbassi al 3-5% per la presenza di traslocazione di ALK 10. Per molto tempo si è cercato di arricchire questa popolazione andando a individuare laddove vi fossero caratteristiche cliniche particolari 5,10. La presenza di una forma di adenocarcinoma, in paziente donna e non fumatrice incrementa la probabilità di mutazione di EGFR di più del doppio rispetto alla popolazione comune (25-30%); tuttavia si è presto capito che la selezione per fattori clinici o abitudini voluttuarie avrebbe escluso una serie di pazienti che sicuramente avrebbero potuto beneficiare di una strategia terapeutica superiore alla sola chemioterapia. 5,10 Horn L, Pao W. J Clin Oncol 2009;26: (ref. 5); Shaw AT, et al. J Clin Oncol 2009;27(26): (ref. 10)

15 S c r e e n i n g m o l e c o l a r e n e l N S C L C ( 3 ) Per questa ragione, oggi si consiglia di eseguire il test mutazionale di EGFR e ALK in tutta la popolazione di pazienti affetti da carcinoma polmonare non squamoso senza impiegare ulteriori fattori di selezione. Un discorso differente riguarda la determinazione della mutazione di KRAS che è anche la mutazione più frequente nel carcinoma polmonare non squamoso. Essendo una mutazione esclusiva, cioè che la sua presenza dovrebbe escludere la presenza della mutazione di EGFR o ALK, alcuni gruppi di lavoro tendono a determinare ab initio questa mutazione che, laddove positiva, non renderebbe necessario proseguire nell iter di ricerca di ulteriori mutazioni nel pezzo bioptico con risparmio di materiale e tempo di risposta. Tale atteggiamento, tuttavia, non è condiviso da tutti i gruppi e non viene pertanto menzionato nelle linee guida Nazionali AIOM.

16 S c r e e n i n g m o l e c o l a r e n e l N S C L C ( 4 ) Nell immediato futuro sarà possibile l ampliamento del numero di geni da testare come ad esempio la presenza della traslocazione di ROS1 oppure le mutazioni di BRAF 5 o l iperespressione di MET 10. Tali indagini, al momento, devono essere considerate non routinarie anche per via della impossibilità a somministrare l eventuale farmaco attivo. In questi casi la comunità scientifica consiglia di eseguire questi test all interno di studi clinici controllati come metodica di screening. 5,10 Horn L, Pao W. J Clin Oncol 2009;26: (ref. 5); Shaw AT, et al. J Clin Oncol 2009;27(26): (ref. 10)

17 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o P r i m a l i n e a N S C L C n o n s q u a m o s o E G F R wt/ u n k n o w n STADIO IIIB/IV PS 0-2 PLATINO + Pemetrexed 11 (oppure gemcitabina / taxani / vinorelbina) 12 COMBINAZIONI PLATINO + BEVACIZUMAB Paclitaxel 13 / gemcitabina 14 Rappresentazione grafica di dati testuali (ref 11-14) Scagliotti GV, et al. J Clin Oncol 2008;26(21): (Ref.11); Brown T, et al. Health Tecnol Assess 2013;17(31):1-278.(Ref.12) Sandler A, et al. N Engl J Med2006;355(24): (Ref.13); Reck M, et al. J Clin Oncol 2009;27(8): (Ref.14)

18 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o : c o m m e n t o ( 1 ) Stante la parte introduttiva precedente, è possibile ora entrare più nel dettaglio sulle possibili scelte terapeutiche in relazione al disegno di un algoritmo terapeutico in prima linea di terapia. In pazienti affetti da tumore non squamoso in stadio avanzato/non operabile in cui lo stato mutazionale di EGFR sia wild type o non determinabile, la scelta terapeutica ottimale è oggi rappresentata dalla chemioterapia. Osservando il Performance Status come driver determinante, la scelta, al pari di istologia e assetto biomolecolare, oggi in questo ambito ricade sull impiego di cisplatino associato ad un farmaco di terza generazione quale l antimetabolita pemetrexed. Questo suggerimento nasce dallo studio pubblicato nel 2008 da Scagliotti et al. 11 che ha chiaramente identificato nella sottopopolazione di pazienti affetti da carcinoma polmonare non squamoso come pemetrexed fosse superiore rispetto a gemcitabina negli outcomes di attività ed efficacia. Scagliotti GV, et al. J Clin Oncol 2008;26(21): (Ref.11)

19 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o : c o m m e n t o ( 2 ) In alcuni pazienti non candidati a cisplatino per comorbilità (insufficienza renale di grado lieve, diabete mellito non ben compensato, patologie cardiache rilevanti) è possibile utilizzare il carboplatino anche se i dati dello studio registrativo non lo contemplavano come possibilità di scelta. L associazione con altri farmaci spalla quali gemcitabina, taxani, vinorelbina 12 dovrebbe essere considerata come una seconda opzione anche se attiva in questo setting di pazienti. In questa stessa popolazione è possibile impiegare anche una doppietta chemioterapica a cui si aggiunge un anticorpo anti-vegf quale bevacizumab. Lo studio registrativo 13 ha osservato come bevacizumab abbia incrementato in maniera statisticamente significativa la sopravvivenza globale nel gruppo di pazienti trattati con bevacizumab associato a carboplatino e paclitaxel rispetto al solo schema carboplatino e paclitaxel. Brown T, et al. Health Tecnol Assess 2013;17(31):1-278.(Ref.12); Sandler A, et al. N Engl J Med 2006;355(24): (Ref.13)

20 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o : c o m m e n t o ( 3 ) Anche l associazione tra cisplatino, gemcitabina e bevacizumab si è dimostrata attiva rispetto alla sola chemioterapia, 14 tuttavia i dati sono risultati significativi per quanto concerne la sopravvivenza libera da progressione e non la sopravvivenza globale. Bevacizumab è ad oggi registrato in associazione con doppiette a base di platino; tuttavia anche le linee guida nazionali AIOM consigliano la somministrazione in associazione con carboplatino e paclitaxel, essendo questo il trattamento che ha determinato in maniera incontrovertibile un incremento della sopravvivenza globale. Allo stato attuale non è possibile valutare la superiorità di una scelta terapeutica con o senza bevacizumab mancando un dato di confronto testa a testa tra cisplatino e pemetrexed versus carboplatino, paclitaxel e bevacizumab. Reck M, et al. J Clin Oncol 2009;27(8): (Ref.14)

21 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o : c o m m e n t o ( 4 ) La scelta deve avvenire, quindi, attraverso una selezione appropriata del paziente. È noto, infatti, che è controindicazione assoluta somministrare bevacizumab in pazienti che abbiamo una manifesta emottisi 13 e particolare attenzione deve essere posta alla presenza di neoplasie infiltranti direttamente grossi vasi. Tuttavia bisogna sottolineare come bevacizumab, essendo autorizzato solo per la prima linea, non può essere impiegato in linee successive 14, cosa possibile per pemetrexed. Sandler A, et al. N Engl J Med 2006;355(24): (Ref.13); Reck M, et al. J Clin Oncol 2009;27(8): (Ref.14)

22 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o Prima linea NSCLC EGFR wt/unk Paziente anziano STADIO IIIB/IV PS 0-2 >70 anni Combinazioni platino (anziano fit) 15 Monochemioterapia (anziano unfit) 16 Elaborazione grafica di dati testuali (ref 15-16) Gridelli C, et al. J Clin Oncol 2007;25(29): (Ref. 15) Gridelli C, et al. JNCI 2003;95(5): (Ref 16)

23 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o n e l p a z i e n t e a n z i a n o : c o m m e n t o ( 1 ) L ambito del paziente anziano è sicuramente da considerarsi un capitolo difficile in quanto gli studi sviluppati metodologicamente in questa fascia di pazienti sono pochi. Quanto ad oggi appreso deriva dall insufficienza dell età cronologica come unico parametro nel considerare un soggetto anziano. Il cut off di età di 70 anni, considerato in maniera arbitraria, è dai maggiori autori considerato insufficiente per misurare la fragilità di un paziente. 15 Le scale di valutazione geriatrica multidimensionali sono state invocate come il vero strumento per comprendere quando considerare un paziente realisticamente non candidabile a terapie che generalmente possono essere erogate ad una popolazione più giovane. Tuttavia queste scale, per quanto validate, non sono largamente impiegate nella pratica clinica, in parte per la loro lunghezza, in parte per la mancanza di una competenza geriatrica nel team multidisciplinare. Gridelli C, et al. J Clin Oncol 2007;25(29): (Ref. 15)

24 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o n e l p a z i e n t e a n z i a n o : c o m m e n t o ( 2 ) Per questa ragione, nella pratica clinica, spesso la scelta terapeutica viene lasciata maggiormente a una certa percezione soggettiva e di esperienza. Dai dati di letteratura emerge chiaramente che il paziente anziano, in buone condizioni generali e senza apparenti comorbilità può giovarsi di doppiette contenenti cisplatino con adeguamento del dosaggio rispetto all emuntorio renale, 15 mentre risulta necessario l impiego di una monochemioterapia in tutti i restanti casi. 16 Il concetto di associazione tra derivati del platino e secondo farmaco attivo segue i drivers prima descritti e cioè l istologia e la ovvia assenza di mutazioni attivanti EGFR/traslocazione ALK. Per quanto nella pratica clinica si affaccino sempre di più pazienti con età superiore agli 80 anni in buone condizioni generali, ad oggi non ci sono dati utili nell impiego di chemioterapia in questa categoria di veri anziani. Gridelli C, et al. J Clin Oncol 2007;25(29): (Ref. 15) Gridelli C, et al. JNCI 2003;95(5): (Ref 16)

25 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o Prima linea NSCLC ad istotipo squamoso (SCC)/NOS STADIO IIIB/IV PS 0-2 PLATINO + gemcitabina / taxani / vinorelbina 11,12 Elaborazione grafica di dati testuali (ref 11-12) Scagliotti GV, et al. J Clin Oncol 2008;26(21): (Ref.11) Brown T, et al. Health Tecnol Assess 2013;17(31):1-278.(Ref.12)

26 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o N S C L C S C C / N O S : c o m m e n t o ( 1 ) Il carcinoma polmonare squamoso è rimasto ad oggi una patologia orfana rispetto alla forma non squamosa che ha visto, nel trascorrere degli anni, aggiungere opzioni terapeutiche importanti. Con l esclusione di 2 farmaci di rilievo quali pemetrexed e bevacizumab che per motivi differenti non possono essere impiegati e l assenza di drivers riconosciuti quali le mutazioni di EGFR e ALK, l unica reale opzione terapeutica in prima linea rimane una doppietta a base di platino e un secondo farmaco attivo quale gemcitabina, taxani o vinorelbina. 11,12 Scagliotti GV, et al. J Clin Oncol 2008;26(21): (Ref.11) Brown T, et al. Health Tecnol Assess 2013;17(31):1-278.(Ref.12)

27 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o Mantenimento NSCLC nonscc 4/6 cicli doppietta platino + bevacizumab Non PD Bevacizumab 13,14 Pemetrexed (continuation) 17 4/6 cicli doppietta a base di platino Non PD Pemetrexed (switch) 18 Elaborazione grafica di dati testuali (ref 13-14, 17-19) Sandler A, et al. N Engl J Med 2006;355(24): (Ref.13); Reck M, et al. J Clin Oncol 2009;27(8): (Ref.14) Paz-Ares L, Lancet Oncol 2012;13(3): (Ref. 17); Ciuleanu T, et al. Lancet 2009;374: (Ref.18) Cappuzzo F, et al. Lancet Oncol 2010;11(6): (Ref.19) Erlotinib (solo SD) 19 PD, progressione di malattia; SD, malattia stabile.

28 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o n e l m a n t e n i m e n t o : c o m m e n t o ( 1 ) Un ulteriore avanzamento nella strategia terapeutica di pazienti affetti da carcinoma polmonare non squamoso è stata l introduzione del concetto di terapia di mantenimento declinata per i maggiori farmaci disponibili oggi in commercio e in particolare per bevacizumab, pemetrexed ed erlotinib, 13,14, con unica clausola per quest ultimo la restrizione alla sua rimborsabilità in questa indicazione. Queste strategie terapeutiche hanno portato, per la prima volta, a evidenziare delle sopravvivenze globali mediane complessive anche superiori ai mesi con i limiti, tuttavia, di una selezione intrinseca di una popolazione a probabile migliore prognosi. Sandler A, et al. N Engl J Med 2006;355(24): (Ref.13); Reck M, et al. J Clin Oncol 2009;27(8): (Ref.14); Paz-Ares L, Lancet Oncol 2012;13(3): (Ref. 17); Ciuleanu T, et al. Lancet 2009;374: (Ref.18) Cappuzzo F, et al. Lancet Oncol 2010;11(6): (Ref.19)

29 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o n e l m a n t e n i m e n t o : c o m m e n t o ( 2 ) Bevacizumab è stato il primo farmaco ad avere una indicazione alla prosecuzione dopo i 6 cicli di chemioterapia in pazienti non soggetti a progressione di malattia. 13,14 È vero, tuttavia, che gli studi registrativi non davano una risposta sul termine di mantenimento vero e proprio in quanto bevacizumab era prescritto di default in tutti quei pazienti permissivi che non erano in progressione al termine della chemioterapia. Successivamente diversi studi hanno mantenuto questa strategia terapeutica nello schema principale e ad oggi è accettato che bevacizumab debba proseguire in tutti i pazienti che al termine della chemioterapia non siano in progressione e in assenza di controindicazioni specifiche. Sandler A, et al. N Engl J Med 2006;355(24): (Ref.13); Reck M, et al. J Clin Oncol 2009;27(8): (Ref.14)

30 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o n e l m a n t e n i m e n t o : c o m m e n t o ( 3 ) Pemetrexed è stato studiato specificatamente in mantenimento, sia dopo 4 cicli con doppiette a base di platino senza pemetrexed (switch maintenance) 18 che nella doppietta contenente pemetrexed (continuation maintenance). 17 In ambedue le strategie, seppur con un razionale diverso, pemetrexed ha dimostrato un vantaggio negli outcomes di efficacia e in particolare nei termini di sopravvivenza mediana rispetto alla strategia che non contemplava il mantenimento. Infine erlotinib, in una popolazione non selezionata per la mutazione di EGFR, è stato studiato in regime di mantenimento 19 dopo chemioterapia di prima linea in pazienti non in progressione a quest ultima. Il beneficio in termini di incremento della sopravvivenza si è visto in particolare nei pazienti che rimanevano stabili dopo la chemioterapia di prima linea. Tuttavia questo incremento è stato giudicato statisticamente ma non clinicamente significativo e ad oggi il farmaco non è rimborsato per questa indicazione. Da sottolineare come il vantaggio più significativo sia stato ottenuto in quella popolazione in cui lo stato di EGFR è risultato mutato. Paz-Ares L, Lancet Oncol 2012;13(3): (Ref. 17); Ciuleanu T, et al. Lancet 2009;374: (Ref.18); Cappuzzo F, et al. Lancet Oncol 2010;11(6): (Ref.19)

31 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o P r i m a l i n e a N S C L C E G F R M U T + EGFR MUT (sensibilità) Gefitinb Erlotinib Afatinib 26,27 Elaborazione grafica di dati testuali (ref 20-27) Mok TS, et al. N Engl J Med 2009;361(10): (Ref.20); Maemondo M, et al. N Engl J Med 2010;362(25): (Ref.22); Rosell R, et al. Lancet Oncol 2012;13(3): (Ref.23); Zhou C, et al. Lancet Oncol 2011;12(8): (Ref24); Wu Y, et al. JTO 2014; 9 (4): S37 (Ref.25) ; Sequist LV, et al. J Clin Oncol 2013;31(27): (Ref.26); Wu Y, et al. Lancet Oncol 2014;15(2): (Ref.27)

32 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o N S C L C E G F R M U T + : c o m m e n t o ( 1 ) Nella popolazione con mutazioni sensibilizzanti del gene EGFR, in particolare la delezione dell esone 19 e la mutazione puntiforme dell esone 21 (L858R), gli inibitori dell EGFR tirosino chinasici si sono dimostrati vantaggiosi in termini di sopravvivenza libera da progressione rispetto alla chemioterapia. 20,27 Questo vantaggio, comune a tutte le piccole molecole (gefitinib, erlotinib e afatinib) ha portato il valore di sopravvivenza libera da progressione uguale o superiore a quello che si è ottenuto in termini di sopravvivenza globale in popolazioni non selezionate: tra i 9 e i 13 mesi. L assenza di vantaggio in termini di sopravvivenza globale nasce dal cosiddetto fenomeno del cross-over. Parte dei pazienti con mutazione di EGFR nel braccio di chemioterapia ha ricevuto l EGFR TKI come seconda linea Mok TS, et al. N Engl J Med 2009;361(10): (Ref.20); Mitsudomi T, et al. Lancet Oncol 2010;11(2): (Ref21); Maemondo M, et al. N Engl J Med 2010;362(25): (Ref 22); Rosell R, et al. Lancet Oncol 2012;13(3): (Ref 23); Zhou C, et al. Lancet Oncol 2011;12(8): (Ref 24); Wu Y, et al. JTO 2014; S9 (4): S37 (Ref.25); Sequist LV, et al. J Clin Oncol 2013;31(27): (Ref.26); Wu Y, et al. Lancet Oncol 2014;15(2): (Ref.27)

33 A l g o r i t m o t e r a p e u t i c o N S C L C E G F R M U T + : c o m m e n t o ( 2 ) Per quanto non vi siano dati di confronto tra EGFR TKI oggi si può concludere senza dubbio che nei pazienti con mutazione sensibilizzante di EGFR la piccola molecola è la terapia di scelta rispetto alla chemioterapia. La scelta su quale EGFR TKI impiegare in prima linea è oggi fonte di dibattito scientifico. Come spesso succede la strategia terapeutica in questo setting di pazienti si basa sull unione del dato di letteratura e l esperienza del clinico nei confronti di una molecola rispetto a un altra con una particolare attenzione anche al bilancio tra la gestione degli effetti collaterali attesi e l efficacia Mok TS, et al. N Engl J Med 2009;361(10): (Ref.20); Mitsudomi T, et al. Lancet Oncol 2010;11(2): (Ref21); Maemondo M, et al. N Engl J Med 2010;362(25): (Ref 22); Rosell R, et al. Lancet Oncol 2012;13(3): (Ref 23); Zhou C, et al. Lancet Oncol 2011;12(8): (Ref 24); Wu Y, et al. JTO 2014; S9 (4): S37 (Ref.25); Sequist LV, et al. J Clin Oncol 2013;31(27): (Ref.26); Wu Y, et al. Lancet Oncol 2014;15(2): (Ref.27)

34 S e c o n d a l i n e a : f a t t o r i c h e g u i d a n o l a s c e l t a 28 Precedente risposta alla chemioterapia (PR/CR vs SD vs P) TTP Performance status Sesso (donna>uomo) Carico di malattia Istologia (non SCC>SCC) Elaborazione grafica di dati testuali (ref 28) Di Maio M, et al. Eur J Cancer 2010;46(4): (Ref.28)

35 S e c o n d a l i n e a : c o m m e n t o ( 1 ) Allo stato attuale delle conoscenze tutti i pazienti affetti da carcinoma polmonare non a piccole cellule in stadio avanzato/inoperabile tendono a ricadere/progredire dopo l esposizione a una prima linea di terapia medica. La possibilità di ricevere una seconda linea è oggi più elevata rispetto al passato arrivando a sfiorare a seconda delle casistiche anche il 60% della popolazione trattata in prima linea. Esistono anche dei criteri che possono aiutare il clinico in questa decisione in particolare per cercare di evitare effetti collaterali inutili quando realisticamente la spettanza di vita è considerevolmente bassa (<3 mesi). Questa stima, tuttavia, è piuttosto difficile da valutare; esistono dei fattori predittivi di beneficio della seconda linea che in parte seguono anche fattori prognostici che possono essere integrati per determinare una scelta maggiormente consapevole. 28 Di Maio M, et al. Eur J Cancer 2010;46(4): (Ref.28)

36 S e c o n d a l i n e a : c o m m e n t o ( 2 ) Il Performance Status rimane anche per la seconda linea un fattore determinante così come il vantaggio e la durata della risposta alla prima linea. Altri fattori da considerare sono il sesso, l estensione di malattia (numero di organi coinvolti dalla malattia) e l istologia. In questo elenco devono essere aggiunte anche la determinazione delle mutazioni di EGFR e traslocazione di ALK se non determinate precedentemente. In seconda linea, infatti, le piccole molecole, nei pazienti naïve, vengono considerate la scelta migliore. 28 Di Maio M, et al. Eur J Cancer 2010;46(4): (Ref.28)

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

therapies in ii e iii linea?

therapies in ii e iii linea? I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - linee successive chemioterapia o targeted therapies in ii e iii linea? Attualmente i farmaci approvati nel trattamento di II linea del carcinoma

Dettagli

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci

Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Dott. Alessandro Fabbri U.O. Pneumologia ASL 3 PT Direttore ff Dott. Franco Vannucci Negli ultimi anni c è stato un notevole cambiamento nella gestione diagnosticoterapeutica dei soggetti affetti da neoplasia

Dettagli

Lynch TJ, Patel T, Dreisbach L, McCleod M, Heim WJ, Hermann RC, Paschold E, Iannotti NO, Dakhil S, Gorton S, Pautret V, Weber MR, Woytowitz D.

Lynch TJ, Patel T, Dreisbach L, McCleod M, Heim WJ, Hermann RC, Paschold E, Iannotti NO, Dakhil S, Gorton S, Pautret V, Weber MR, Woytowitz D. Lynch TJ, Patel T, Dreisbach L, McCleod M, Heim WJ, Hermann RC, Paschold E, Iannotti NO, Dakhil S, Gorton S, Pautret V, Weber MR, Woytowitz D. Cetuximab and First-Line Taxane/Carboplatin Chemotherapy in

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile. Erlotinib II linea di terapia. Raccomandazioni d'uso. Documento PTR n.

Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile. Erlotinib II linea di terapia. Raccomandazioni d'uso. Documento PTR n. Documento PTR n.131 Raccomandazioni d'uso Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile Erlotinib II linea di terapia A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO)

Dettagli

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI )

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) 1/7 MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) Nome Commerciale XALKORI Principio Attivo Crizotinib Ditta Produttrice Pfizer Italia Srl ATC L01XE16 Formulazione Capsule rigide Dosaggio 200 mg 250 mg Altri antineoplastici

Dettagli

www.medscape.org/viewarticle/805542

www.medscape.org/viewarticle/805542 Lucio Crinò, MD: Salve e benvenuti a questo programma. Sono Lucio Crinò, un oncologo medico di Perugia (Italia). Oggi parleremo degli attuali paradigmi per il trattamento del carcinoma del polmone non

Dettagli

IN II E III LINEA? 216

IN II E III LINEA? 216 NSCLC - linee successive MONO O POLICHEMIOTERAPIA IN II LINEA? 210 CHEMIOTERAPIA O TARgETEd THERAPIES IN II E III LINEA? 216 RuOLO degli INIbITORI del gene di fusione EML4-ALk 222 NSCLC - linee successive

Dettagli

Tumore del polmone Non Small Cell Lung Cancer, non squamoso (mantenimento dopo I linea)

Tumore del polmone Non Small Cell Lung Cancer, non squamoso (mantenimento dopo I linea) Tumore del polmone Non Small Cell Lung Cancer, non squamoso () Raccomandazioni evidence-based A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 38 Aggiornamento Direzione

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome E-mail Lucia Stocchi Cittadinanza Italiana Data di nascita 05-03-1978 Il/La sottoscritta, consapevole delle sanzioni penali e leggi speciali

Dettagli

Art 1 Art 2 Art 3 ore 12,00 del 3 agosto '15

Art 1 Art 2 Art 3 ore 12,00 del 3 agosto '15 AZIENDA U.S.L. 2 - Lucca Via per S.Alessio- Monte S.Quirico 55100 Lucca BANDO PER L'ISTITUZIONE DI N. 1 BORSA DI STUDIO FINALIZZATA ALLA GESTIONE STATISTICA E ALL ESECUZIONE DELLE PROCEDURE OPERATIVE DELLA

Dettagli

Associazione Italiana di Oncologia Medica EDU-FAD. Educazione Medica Continua in Oncologia

Associazione Italiana di Oncologia Medica EDU-FAD. Educazione Medica Continua in Oncologia Associazione Italiana di Oncologia Medica EDU-FAD Educazione Medica Continua in Oncologia Istologia e Fattori Molecolari come Predittori nel Trattamento delle Neoplasie Polmonari non a Piccole Cellule

Dettagli

Evento Formativo accreditato ECM

Evento Formativo accreditato ECM Evento Formativo accreditato ECM INCONTRI CON L ESPERTO 2015 Aula Polo Oncologico, 6 ottobre, 10 novembre, 24 novembre 2015 ID ECM 1252-132524 ED. 1 Responsabili Scientifici: Dott. A. Fontana, Dott. A.

Dettagli

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial H TAILR AIFA TArceva Italian Lung ptimization trial ttimizzazione dell erlotinib per il trattamento di pazienti con tumore del polmone avanzato non a piccole cellule: uno studio italiano randomizzato SISSI

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

GRUPPO PAZIENTI CON MUTAZIONE DI EGFR

GRUPPO PAZIENTI CON MUTAZIONE DI EGFR Q/A DELLA CHAT del 26/10/2011 GRUPPO PAZIENTI CON MUTAZIONE DI EGFR EURTAC TRIAL 1 Nello studio EURTAC come si spiega un Response Rate così basso della CTx rispetto all atteso dei soggetti EGFR mutati

Dettagli

IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni

IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO Fausto Roila Oncologia Medica, Terni IL PROBLEMA - CRISI ECONOMICA DEI PAESI INDUSTRIALIZZATI - COSTI SEMPRE PIU ELEVATI DELLA INNOVAZIONE (nuove tecnologie,

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E.

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E. RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E. pag 1 di 4 Randomized Proteomic Stratified Phase III Study of Second Line Erlotinib versus Chemotherapy in Patients with Inoperable Non Small

Dettagli

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006 ALLEGATO A Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing Principio attivo ERLOTINIB (Tarceva ) SUNITINIB (Sutent ) SORAFENIB (Nexavar

Dettagli

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Studio aperto randomizzato multicentrico di fase III di confronto tra il trattamento con Erlotinib (Tarceva ) e la chemioterapia nei pazienti affetti da carcinoma non a piccole

Dettagli

Protocollo per l analisi mutazionale del gene KRAS. Raccomandazioni aiom e siapec-iap per l analisi mutazionale del gene egfr nel carcinoma polmonare

Protocollo per l analisi mutazionale del gene KRAS. Raccomandazioni aiom e siapec-iap per l analisi mutazionale del gene egfr nel carcinoma polmonare Raccomandazioni aiom e siapec-iap per l analisi mutazionale del gene egfr nel carcinoma polmonare Protocollo per l analisi mutazionale del gene KRAS Aggiornamento Marzo 2014 A cura del Gruppo di Lavoro

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone Terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone I A Cura di: Simona Carnio Divisione di Oncologia Toracica - A.O.U. San Luigi - Orbassano (TO) Silvia Novello Dipartimento di Oncologia - Università

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni

Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni Tecniche di patologia molecolare finalizzate all'analisi di mutazioni dei geni predittivi di risposta alla terapia oncologica Carmelo Lupo Casa di Cura La Maddalena Palermo Test molecolari PREDITTIVI di

Dettagli

Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer)

Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Raccomandazioni d'uso Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Pemetrexed A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia)

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) Raccomandazioni evidence-based Panitumumab Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 36 Ottobre 2014 Direzione

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

Algoritmi e percorsi terapeutici dei Carcinomi del Polmone

Algoritmi e percorsi terapeutici dei Carcinomi del Polmone Algoritmi e percorsi terapeutici dei Carcinomi del Polmone Standard Individualizzata Sperimentale Stadio Ia/Ib T1-2a N0 M0 radicale) CHIR con resezione sub-lobare, solo stadio Ib CHIR con VATS campionamento

Dettagli

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò Anticorpi monoclonali Anti-EGFR -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri Valentina Anrò Ruolo Biologico Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Domain Transmembrane Domain

Dettagli

Dott.ssa Chiara Dell Agnola. MdA Oncologia,AOUI Verona

Dott.ssa Chiara Dell Agnola. MdA Oncologia,AOUI Verona Dott.ssa Chiara Dell Agnola MdA Oncologia,AOUI Verona Malattia metastatica La neoplasia del testa-collo si presenta in oltre la metà dei pazienti in stadio avanzato (Stadio III e IV) 40-80% recidiva loco-regionale

Dettagli

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore polmonare non a piccole cellule

Terapie a bersaglio molecolare nel tumore polmonare non a piccole cellule Terapie a bersaglio molecolare nel tumore polmonare non a piccole cellule Valentina Merlo* Marina Longo** Silvia Novello** * Divisione di Oncologia Medica, AOU Santa Maria della Misericordia, Udine **

Dettagli

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto Carmelo Lupo RAS-RAF signaling Activation of the RAS-RAF signaling cascade occurs via the following sequential steps 1 : Activation

Dettagli

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO Il rapporto tra ormoni e carcinomi della mammella ormonodipendenti venne dimostrato per la prima volta nel 1896 da Beatson. L ovariectomia determinava

Dettagli

LA RETE ONCOLOGICA DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA NOVITA E CONTROVERSIE ASCO 2015 TUMORI TESTA-COLLO

LA RETE ONCOLOGICA DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA NOVITA E CONTROVERSIE ASCO 2015 TUMORI TESTA-COLLO LA RETE ONCOLOGICA DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA NOVITA E CONTROVERSIE ASCO 2015 TUMORI TESTA-COLLO Dott.ssa Marina Schena SC Oncologia Medica I AOU Città della Salute e della Scienza di Torino Head and

Dettagli

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio

Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Innovazioni diagnostiche in oncologia: il ruolo del laboratorio Inspired to innovate Dott.ssa Annamaria Passarelli Direttore di U.O.C. di Medicina di Laboratorio A USL RM G Tivoli Indicazioni per l impiego

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR Presentata da Dott. S. Ortu ASL 2 RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI PANITUMAB ATC L01XC08 (VECTIBIX ) In data febbraio 2010 Per le seguenti motivazioni (sintesi): Monoterapia per il trattamento di pazienti

Dettagli

Tumore del colon-retto metastatico

Tumore del colon-retto metastatico Raccomandazioni d'uso Tumore del colon-retto metastatico Parte B: Cetuximab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

Neoplasie polmonari e biomarcatori. Istituto Europeo di Oncologia Milano

Neoplasie polmonari e biomarcatori. Istituto Europeo di Oncologia Milano Neoplasie polmonari e biomarcatori Maria Teresa Sandri Istituto Europeo di Oncologia Milano Agenda I marcatori tumorali nel polmone Dati preliminari su uno studio svolto in IEO Il futuro Percorso diagnostico

Dettagli

Histological subtypes of non small cell lung cancer (NSCLC): benchmark on NSCLC NOS. Are adenocarcinoma decreasing? Our experience on 1636 cases.

Histological subtypes of non small cell lung cancer (NSCLC): benchmark on NSCLC NOS. Are adenocarcinoma decreasing? Our experience on 1636 cases. Histological subtypes of non small cell lung cancer (NSCLC): benchmark on NSCLC NOS. Are adenocarcinoma decreasing? Our experience on 1636 cases. De Pellegrin A., De Maglio G., Pizzolitto S. A.O.U. S.

Dettagli

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab

Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Università degli Studi di Torino Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche Her2/neu Il ruolo del Pertuzumab Corso di Immunologia Molecolare Anno Accademico 2007/08 Elisa Migliore Her2 nelle

Dettagli

Dal Laboratorio al Reparto, dalla Diagnostica alla Terapia.

Dal Laboratorio al Reparto, dalla Diagnostica alla Terapia. 5 Congresso Nazionale F.I.Te.La.B Innovazione e Formazione nella Medicina di laboratorio Palermo 2-4 Dicembre 2014 Dal Laboratorio al Reparto, dalla Diagnostica alla Terapia. Nicolò Borsellino Direttore

Dettagli

Pubblicazione di informazione scientifica oncologica LO/0904/2008. Update 38 MOPP. Medical Oncology Progress & Perspectives

Pubblicazione di informazione scientifica oncologica LO/0904/2008. Update 38 MOPP. Medical Oncology Progress & Perspectives Pubblicazione di informazione scientifica oncologica LO/0904/2008 Update 38 a cura del GISCAD MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives EDIZIONI TECNOGRAF S.a.s. Via Piave, 14-20010 Canegrate (MI)

Dettagli

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Antonio Palumbo Divisione di Ematologia Universitaria, Ospedale Molinette, Torino Per più di quattro

Dettagli

Horizon Scanning report N 4

Horizon Scanning report N 4 Horizon Scanning report N 4 Test diagnostico per l identificazione delle mutazioni del gene EGFR nei pazienti affetti da carcinoma polmonare NSCLC da trattare con inibitori della tirosin-chinasi Aprile

Dettagli

I PROs in oncologia: dall esperienza alla letteratura scientifica, le indicazioni per un corretto impiego dello strumento

I PROs in oncologia: dall esperienza alla letteratura scientifica, le indicazioni per un corretto impiego dello strumento Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione Pascale di Napoli I PROs in oncologia: dall esperienza alla letteratura scientifica, le indicazioni per un corretto impiego dello strumento Sono molto lieto di

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici Percorsi e processi organizzativi nei trattamenti integrati dei tumori gastrointestinali Associazione Dossetti Roma, 25-26 ottobre 2011 Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

Gefitinib (23-09-2010)

Gefitinib (23-09-2010) Gefitinib (23-09-2010) Specialità: Iressa(Astrazeneca Spa) Forma farmaceutica: 30 CPR 250 mg - Prezzo: euro 3.615 ATC: L01XE02 Categoria terapeutica: Inibitori della proteina chinasi Fascia di rimborsabilità:

Dettagli

Le applicazioni pratiche delle scoperte in biologia molecolare Luca Mazzucchelli Istituto cantonale di patologia Locarno

Le applicazioni pratiche delle scoperte in biologia molecolare Luca Mazzucchelli Istituto cantonale di patologia Locarno Le applicazioni pratiche delle scoperte in biologia molecolare Luca Mazzucchelli Istituto cantonale di patologia Locarno Oncologia Lago Maggiore Locarno 25 settembre 2008 Farmaco Target Indicazione Rituximab

Dettagli

Lancet. 2009 Oct 24;374(9699):1432-40. Commento a cura di Orazio Caffo Oncologia Medica Ospedale Santa Chiara Trento orazio.caffo@apss.tn.

Lancet. 2009 Oct 24;374(9699):1432-40. Commento a cura di Orazio Caffo Oncologia Medica Ospedale Santa Chiara Trento orazio.caffo@apss.tn. Tudor Ciuleanu, Thomas Brodowicz, Christoph Zielinski, Joo Hang Kim, Maciej Krzakowski, Eckart Laack, Yi-Long Wu, Isabel Bover, Stephen Begbie,Valentina Tzekova, Branka Cucevic, Jose Rodrigues Pereira,

Dettagli

SCHEDA FARMACO. (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro)

SCHEDA FARMACO. (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Dabrafenib (Tafinlar)

Dettagli

RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO

RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO Raccomandazione n. 2 - Marzo 2011 INTRODUZIONE La presente Raccomandazione si pone come strumento metodologico di supporto a

Dettagli

Carcinoma basaloide della mammella: definizioni ed implicazioni cliniche. Luca Mazzucchelli SenoForum 2009, Lugano

Carcinoma basaloide della mammella: definizioni ed implicazioni cliniche. Luca Mazzucchelli SenoForum 2009, Lugano Carcinoma basaloide della mammella: definizioni ed implicazioni cliniche Luca Mazzucchelli SenoForum 2009, Lugano L inizio della storia... Perou CM et al. Molecular portraits of human breast tumors. Nature

Dettagli

TBNA Utilità della Citologia e aspetti metodologici Cristina Maddau

TBNA Utilità della Citologia e aspetti metodologici Cristina Maddau TBNA Utilità della Citologia e aspetti metodologici Cristina Maddau Istituto per lo Studio e la Prevenzione Oncologica Unità Operativa di Citopatologia La citologia polmonare riveste un ruolo rilevante

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 95 del 31 gennaio 2012 pag. 1/5 ALEMTUZUMAB L01XC04 Alemtuzumab è indicato per il trattamento di pazienti affetti da leucemia linfocitica cronica a

Dettagli

LE SECONDE LINEE E OLTRE

LE SECONDE LINEE E OLTRE LE SECONDE LINEE E OLTRE Gravedona 14 novembre 2012 MARINA GARASSINO ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI MILANO MULTIDISCIPLINARY TEAM PATIENT LUX-Lung 1: Rationale Afatinib is an irreversible EGFR

Dettagli

Sinossi. Divisione di Medicina Oncologica, Ospedale S.G.Moscati - Avellino (Italia)

Sinossi. Divisione di Medicina Oncologica, Ospedale S.G.Moscati - Avellino (Italia) Sinossi Titolo dello studio: Sperimentatori principali: Studio di fase II randomizzato di sorafenib più gemcitabina o sorafenib più erlotinib in pazienti affetti da tumore del polmone non a piccole cellule

Dettagli

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics

Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Medicina personalizzata: Trasferimento tecnologico kit IVDD di medicina iomolecolare a marchio Alphagenics Milena Sinigaglia Quality Systems Management & Health S.r.l. Meetjob Oristano 23/24 Aprile 2013

Dettagli

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno

Marcatori molecolari prognostici. Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Marcatori molecolari prognostici Milo Frattini Istituto cantonale di patologia Locarno Legnano 24.03.2009 Cancro colorettale - Epidemiologia Il cancro colorettale è la seconda causa di morte per malattie

Dettagli

BOEHRINGER INGELHEIM ITALY

BOEHRINGER INGELHEIM ITALY BOEHRINGER INGELHEIM ITALY Pag 1 of 29 Boehringer Ingelheim ABCD Protocollo di studio Boehringer Ingelheim Italia S.p.A. Via Lorenzini 8 20139 Milan Codice studio: Prodotto in studio: Titolo: Clinical

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1

18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1 Tiratura 08/2015: 443.177 Diffusione 08/2015: 285.582 Lettori Ed. II 2015: 2.095.000 Settimanale - Ed. nazionale Dir. Resp.: Umberto Brindani 18-NOV-2015 da pag. 10 foglio 1 Tiratura: n.d. Diffusione 12/2012:

Dettagli

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor

la storia di HER2 Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche HER2: Human Epidermal Receptor Citogenetica e biologia molecolare dei tumori mammari: implicazioni cliniche la storia di HER2 V. Martin 28 giugno 2011 HER2: Human Epidermal Receptor HER2 e carcinoma mammario alias c-erb, ERBB2, HER-

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

Progetto Tesi di Master Dr. Zamir KADIJA

Progetto Tesi di Master Dr. Zamir KADIJA Progetto Tesi di Master Dr. Zamir KADIJA Profilo mutazionale di oncogeni candidati nel carcinoma broncogeno non-a-piccole cellule condotto su campioni ottenuti mediante biopsia endobronchiale ed agoaspirato

Dettagli

D.G. Sanità D.d.g. 13 settembre 2012 - n. 7837

D.G. Sanità D.d.g. 13 settembre 2012 - n. 7837 6 Bollettino Ufficiale D.G. Sanità D.d.g. 13 settembre 2012 - n. 7837 Indicazioni della direzione generale Sanità in ambito oncoematologico per un uso appropriato di alcuni farmaci e procedure Premesso

Dettagli

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere

Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere Cura personalizzata del tumore del colon-retto metastatico: Che cosa è importante sapere In sintesi In passato: la cura del cancro era decisa sulla base della sede di origine della neoplasia (seno, intestino,

Dettagli

La trasformazione istotipica da NSCLC a SCLC: un inusuale meccanismo di «secondary resistance» ai TKIs

La trasformazione istotipica da NSCLC a SCLC: un inusuale meccanismo di «secondary resistance» ai TKIs La trasformazione istotipica da NSCLC a SCLC: un inusuale meccanismo di «secondary resistance» ai TKIs Dr.ssa Morena Fasano Dr.ssa Carminia Maria Della Corte Seconda Università degli studi di Napoli (SUN)

Dettagli

Istituto cantonale di patologia Locarno # " $%& # " $0 !%% ' (!")!"* 1(!")."/ ((($!"* +,"-.&$ (( 1 (."/ (((!"*!") !" # $ %

Istituto cantonale di patologia Locarno #  $%& #  $0 !%% ' (!)!* 1(!)./ ((($!* +,-.&$ (( 1 (./ (((!*!) ! # $ % ? Istituto cantonale di patologia Locarno!"!."/ # " $%!%% ' (!")!"* +,".$ (( # " $0 (!")."/ ((($!"* (."/ (((!"*!") 2%3" 2%3."/ # " $%0 %( *)2%3 (( # $ (! ((*)2%3 # " $ %(."/ ((( *)2%3 %(."/ ((( *)2%3 %(.!

Dettagli

Problemi di accesso ai farmaci

Problemi di accesso ai farmaci Cancro. Ecco tutti i nuovi farmaci in arrivo. Sono moltissimi, in diversi campi. Ma i sistemi sanitari tremano per impatto economico I mercati si preparano ad assorbire l impatto di una nuova valanga di

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI Nato a Roma il 12-04-1961 e ivi residente in Via Antonino Giuffrè 129 Laureato in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza il 07-04-1988

Dettagli

Fattori predittivi di risposta al trattamento con chemioterapici e/o farmaci biologici nei tumori polmonari

Fattori predittivi di risposta al trattamento con chemioterapici e/o farmaci biologici nei tumori polmonari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dottorato di ricerca in Fisiopatologia Sistemica Ciclo XXIII Fattori predittivi di risposta al trattamento con chemioterapici e/o farmaci biologici nei tumori polmonari

Dettagli

Documento PTR n. 134 relativo a:

Documento PTR n. 134 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 134 relativo a: PACLITAXEL ALBUMINA Agg. Marzo 2013 Luglio 2011

Dettagli

Verso la terapia personalizzata

Verso la terapia personalizzata Verso la terapia personalizzata M.G.Tibiletti Genetista Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese Soroptimist Club Varese Varese 20 aprile 2013 Test genetici DIAGNOSTICI PRESINTOMATICI PREDITTIVI,

Dettagli

UO Qualità, Ricerca Organizzativa e Innovazione Pagina 1 di 5

UO Qualità, Ricerca Organizzativa e Innovazione Pagina 1 di 5 Contenuto ER MITO Epidemiologia e diagnosi biomolecolare le malattie mitocondriali in Emilia PUMANER1301 Studio comparativo tra neratinib più capecitabina in pazienti con carcinoma mammario metastatico

Dettagli

Oncologici: sistemi e politiche per la sostenibilità

Oncologici: sistemi e politiche per la sostenibilità Oncologici: sistemi e politiche per la sostenibilità Pierluigi Navarra Convegno Nazionale SIFEIT: Innovazione e sostenibilità delle politiche farmaceutiche: quale futuro? Roma, 19 Novembre 2014 Forecasting

Dettagli

ASSOCIAZIONE SINAPSY Soluzioni e Servizi Integrati

ASSOCIAZIONE SINAPSY Soluzioni e Servizi Integrati ONCOLOGIA TORACICA: PROGRESSI, CRITICITÀ E PROSPETTIVE Num rif. Ecm 135427 Ed. 1 Crediti 5 Data: Sabato 17 ottobre 2015 Sede: Istituto Oncologico del Mediterraneo, Viagrande Catania Direttori del corso:

Dettagli

Terapia mirata del cancro del polmone non a piccole cellule in stadio avanzato*

Terapia mirata del cancro del polmone non a piccole cellule in stadio avanzato* CHEST Review Terapia mirata del cancro del polmone non a piccole cellule in stadio avanzato* Revisione sugli antagonisti recettoriali del fattore di crescita epidermoidale Gerard A. Silvestri, MD, FCCP;

Dettagli

Dir. Resp.: Alessandro Sallusti

Dir. Resp.: Alessandro Sallusti Tiratura 04/2015: 148.106 Diffusione 04/2015: 83.049 Lettori I 2015: 484.000 Dir. Resp.: Alessandro Sallusti da pag. 37 13-06-2015 Lettori 38.890 http://www.corriere.it/salute/ CONGRESSO AMERICANO DI ONCOLOGIA

Dettagli

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore dell ovaio. Adele Caldarella

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore dell ovaio. Adele Caldarella Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007 Tumore dell ovaio Adele Caldarella Tumore dell ovaio in Italia 9 tumore più frequente nel sesso femminile 2.9% delle diagnosi tumorali

Dettagli

Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi

Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi IV Congresso Regionale I Congresso del Middle Management di Area Tecnica Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico Stato mutazionale del gene K-RAS: K comparazione di metodi di analisi Dott.ssa

Dettagli

Terapia target Nel melanoma maligno avanzato

Terapia target Nel melanoma maligno avanzato Terapia target Nel melanoma maligno avanzato La gestione del melanoma alla luce delle nuove evidenze Torino 07/11/2014 FABRIZIO CARNEVALE SCHIANCA DIVISIONE DI ONCOLOGIA MEDICA FPO IRCCS CANDIOLO. Outline

Dettagli

dr Sherkat Trattamento dei gliomi maligni Terapie combinate

dr Sherkat Trattamento dei gliomi maligni Terapie combinate Trattamento dei gliomi maligni Terapie combinate Epidemiologia Epidemiologia - 1 Incidenza delle neoplasie cerebrali In Europa 5 casi su 100.000 abitanti/anno 2% di tutte le morti per cancro Negli ultimi

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare

Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Meccanismi di controllo della proliferazione cellulare Il ciclo cellulare è regolato dall azione di PROTOONCOGENI e (attivatori della proliferazione cellulare) GENI ONCOSOPPRESSORI (inibitori del ciclo

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Dialogo sui Farmaci n. 4/2009 PRESCRIVERE NEWS < 186 (Pagina 2 di 5)

Dialogo sui Farmaci n. 4/2009 PRESCRIVERE NEWS < 186 (Pagina 2 di 5) Dialogo sui Farmaci n. 4/2009 PRESCRIVERE NEWS < 186 (Pagina 1 di 5) PANITUMUMAB Indicazioni del nuovo principio attivo Come monoterapia per il trattamento di pazienti con carcinoma colorettale metastatico

Dettagli

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati]

Cancro del colon. Diagnosi del cancro del colon. Terapia del cancro del colon. [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] [ Maurizio Pianezza 2008 - Tutti i diritti riservati] Cancro del colon Il mio comportamento Diagnosi del cancro del colon - clisma Tc - coloscopia con biopsia - T-PET - markers tumorali Cea Ca 19.9 Ca

Dettagli

Prof. Enrico Cortesi Dipartimento di Scienze Radiologiche, Oncologiche ed Anatomopatologiche, Università Sapienza, Policlinico Umberto I, Roma

Prof. Enrico Cortesi Dipartimento di Scienze Radiologiche, Oncologiche ed Anatomopatologiche, Università Sapienza, Policlinico Umberto I, Roma «INTEGRARE LE CONOSCENZE BIOLOGICHE/ONCOLOGICHE, CHIRURGICHE E RADIOTERAPICHE ALL INTERNO DELLA PRATICA CLINICA. ALGORITMI TERAPEUTICI PER LA GESTIONE IDEALE DELLA NEOPLASIA COLORETTALE METASTATICA» Prof.

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO GRUPPO DI STUDIO TUMORI CUTANEI LINEE GUIDA PER ANALISI GENETICO MOLECOLARI IN PAZIENTI AFFETTI DA MELANOMA METASTICO Documento redatto da: Dott.ssa T.Venesio, Dr.ssa A. Balsamo - Laboratorio di Patologia

Dettagli