Riconoscimento dei bersagli biologici e disegno dei farmaci a partire dalle osservazioni di genetica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riconoscimento dei bersagli biologici e disegno dei farmaci a partire dalle osservazioni di genetica"

Transcript

1 Riconoscimento dei bersagli biologici e disegno dei farmaci a partire dalle osservazioni di genetica

2 HER2 and breast cancer Human Epidermal growth factor Receptor-2 Anche conosciuto come neu (rat gene) c-erbb-2

3 I RECETTORI CATALITICI

4 Tyrosine- kinase Receptors N-terminale Porzione che presenta la maggiore variabilità C-terminale L attività chinasica è inibita in condizioni di riposo Il legame del recettore con il fattore di crescita induce l attivazione della tirosin- chinasi (=fosforila residui di tirosina) citoplasmatica

5 RTKS ARE CATALYTIC RECEPTORS ACTIVATED BY OLIGOMERIZATION DEPARTMENT OF EXPERIMENTAL AND APPLIED PHARMACOLOGY UNIVERSITY OF PAVIA

6 RECEPTOR PHOSPHORILATION LEADS TO RECRUITMENT OF ADAPTOR PROTEINS GDP Ras GRB2 binds ptyr (SH2) and brings Sos (via SH3) to its substrate (Ras)

7 GEFs (guanidine nucleotide exchange factor, like Sos) ACTIVATE GTPASES (like Ras) DEPARTMENT OF EXPERIMENTAL AND APPLIED PHARMACOLOGY UNIVERSITY OF PAVIA

8 Adapted DEPARTMENT from Sedlacek. OF EXPERIMENTAL Drugs. 2000;59:435. AND APPLIED PHARMACOLOGY UNIVERSITY OF PAVIA EGFR Signaling Pathways Outside Cell Inside Cell Src PLCγ GAP Grb2 Shc Nck Vav Grb7 Crk Ras PKC Abl PI3K MAPK JNK Survival, Migration, Growth, Adhesion, Differentiation

9 The EGFR/HER Family TGF alpha EGF Epi Ligand Binding BTC HB-EGF AR NRG2 NRG1 Epi HB-GF NRG1 BTC NRG2 NRG3 NRG4 Tyrosine Kinase EGFR HER1 C-erbB HER2 C-erbB2 HER3 HER4 Mendelsohn and Baselga. Oncogene. 2000;19:6550. Olayioye et al. EMBO J. 2000;19:3159. Prigent and Lemoine. Prog Growth Factor Res. 1992;4:1. HB-EGF heparin-binding epidermal -growth factor Harari and Yarden. Oncogene. 2000;19:6102. NRG1/2/3/4 neuregulin 1/2/3/4 Earp DEPARTMENT et al. Breast Cancer OF EXPERIMENTAL Res Treat. 1995;35:115. AND APPLIED PHARMACOLOGY Epi exocrine pancreatic UNIVERSITY insufficiency OF PAVIA

10 The HER gene family GENE HER1 (c-erbb-1) HER2 (c-erbb-2) HER3 (c-erbb-3) HER4 (c-erbb-4) LIGAND EGF TGF-α Beta cellulin Heparin-binding growth factor Amphiregulin Epiregulin? Neuregulins Neuregulins EGF = epidermal growth factor TGF-α = transforming growth factor alpha

11 Incidence of EGFR Dysregulation in Selected Human Tumors % EGFR % EGFR % TGFα % HER2 Tumors Expression Mutations Expression Expression Breast Colorectal NA Esophageal NA NA Glioblastoma NA NA Head & neck 95 NA 88 NA NSCLC Ovarian Pancreatic NA Prostate NA NA Salomon et al. Crit Rev Oncol Hematol. 1995;19:183; Moscatello et al. Cancer Res. 1995;55:5536; Garcia de Palazzo et a Cancer Res. 1993;53:3217; Kumar et al. Cancer Lett. 1998;134:177; Nagane et al. Cancer Lett. 2001;162:S17.

12 Role of HER2 in breast cancer (I) HER2 is an oncogene involved in abnormal cell growth HER2 gene amplification or protein overexpression produces activated HER2 receptors, which stimulates cell growth Genes involved in breast cancer: Breast cancer - Genetics Home Reference.webarchive

13 Role of HER2 in breast cancer (II) HER2 gene amplification or receptor overexpression occurs in approximately 30% of metastatic breast cancers HER2-positive tumours are associated with poor prognosis and shortened disease-free/overall survival HER2 receptor provides an extracellular target for novel and specific anticancer treatment (monoclonal antibodies)

14 Transmembrane structure of HER2 monomer Extracellular domain (632 amino acids) Ligand-binding site Plasma membrane Cytoplasm Transmembrane domain (22 amino acids) Intracellular domain (580 amino acids) Tyrosine kinase activity

15 HER2 receptor dimer transmembrane signal transduction pathway Growth factor Binding site Plasma membrane Signal transduction to nucleus Tyrosine kinase activity Cytoplasm Nucleus Gene activation CELL DIVISION

16 HER2 controlla la comunicazione (crosstalk) tra le cellule

17 Indicators of increased HER2 production DEPARTMENT OF EXPERIMENTAL AND APPLIED PHARMACOLOGY UNIVERSITY OF PAVIA Normal Amplification/Overexpression HER2 receptor protein 3 HER2 mrna Cytoplasm Cytoplasmic membrane Nucleus HER2 DNA 1 = gene copy number 2 = mrna transcription 3 = cell surface receptor protein expression 4 = release of receptor extracellular domain

18 Positive HER2 status rates in various tumour types in different studies Tumour type (no. of samples) HER2 protein overexpression (range) Breast cancer (n=2111) 17 37% Ovarian (n=73) 32% Gastric (n=459) 12 55% NSCLC (n=207) 27 56% Mesenchymal (n=94) 37% Bladder (n=141) 36% Oesophageal (n=25) 60 73% Salivary (n=27) 32 62% Hynes NE, Stern DF. Biochim Biophys Acta 1994; 1198:

19 ESPRESSIONE DI HER-2 Il grado di espressione viene misurato con un test di laboratorio: l intervallo di valori è compreso tra 0 (negativo, cioè un tumore che produce cellule senza o con poche di queste proteine sulla superficie cellulare) e 3+ (fortemente positivo). Questo test aiuterà a prevedere se il tipo di tumore esaminato sarà sensibile o meno a questo farmaco.

20 Assays for determination of HER2 status Detection method HER2 macromolecule detected Assay measures IHC Protein Overexpression FISH DNA Amplification ELISA Protein Circulating shed HER2 receptors Western blot Protein Overexpression Northern blot mrna Overexpression Southern, slot blots DNA Amplification RT-PCR DNA Amplification IHC = immunohistochemistry FISH = Fluorescence in situ hybridisation ELISA = Enzyme-linked immunosorbent assay

21 HER2-positive IHC stain IHC Images courtesy of MJ Kornstein, MD, Medical College of Virginia

22 Iperespressione di HER2 Immunoistochimica (DAKO Herceptest ) neg pos

23 HER2-positive FISH stain DEPARTMENT OF EXPERIMENTAL AND APPLIED PHARMACOLOGY UNIVERSITY OF PAVIA

24 Positive or negative HER2 status Normal 0 Normal 1+ Abnormal 2+ Abnormal 3+ Normal Normal Abnormal low amplification Abnormal high amplification IHC Images courtesy of MJ Kornstein, MD, Medical College of Virginia

25 Queste conoscenze su nuovi potenziali bersagli della terapia antitumorale come sono state tradotte in nuovi farmaci?.

26 . per esempio, sviluppando anticorpi contro recettori per fattori di crescita

27 Gli Anticorpi Gli anticorpi sono proteine prodotte dai linfociti b attivati, le plasmacellule. Gli anticorpi sono specifici per quell antigene e si legano ad esso Struttura generale Un anticorpo è costituito da 4 catene, 2 più lunghe (pesanti) e 2 più corte (leggere). Le 4 catene associate hanno la forma di una Y. Le parti terminali di ciascuna catena (parti che legano l antigene) sono dette variabili, perché variano dando la specificità all anticorpo

28 Esistono 5 classi di anticorpi DEPARTMENT OF EXPERIMENTAL AND APPLIED PHARMACOLOGY UNIVERSITY OF PAVIA IgA, IgG, IgM, IgD, IgE, ognuna delle quali ha una specifica funzione ed una diversa struttura Gli anticorpi si legano all antigene e lo rendono facilmente fagocitabile, lo neutralizzano impedendogli di stare liberamente in circolo, inoltre attivano la fissazione del complemento Anticorpi monoclonali: preparazioni di un unico tipo di anticorpi, vengono usate per curare alcuni tipi di tumore

29 Anticorpi monoclonali Immunized mouse Spleen cells Myeloma cells Hybridoma Identical monoclonal antibodies

30 Difetti degli Anticorpi Monoclonali Murini (mumab( mumab) Gli Anticorpi Murini sono immunogenici nell uomo, inducendo lo sviluppo di anticorpi umani neutralizzanti anti-murini (HAMA). Gli HAMA precludono la possibilita di somministrazioni ripetute nel paziente La maggior parte degli anticorpi murini rimangono sperimentali Rappresentano la base di sviluppo di anticorpi umanizzati

31 Anticorpi monoclonali: : generazioni DEPARTMENT OF EXPERIMENTAL AND APPLIED PHARMACOLOGY UNIVERSITY OF PAVIA Fully-Human 3rd Humanized 2nd Chimeric 1st Murine 100% Mouse Protein IBRUMOMAB 25% Mouse Protein CETUXIMAB RITUXIMAB 10% Mouse Protein TRASTUZUMAB GEMTUZUMAB Human (No Mouse Protein) ADALIMUMAB

32 Anti-EGFR antibodies Cetuximab anti-egfr1 chimeric antibody Transtuzumab (Herceptin) anti-her2/neu humanized antibody

33 TRASTUZUMAB (HERCEPTIN) anticorpo monoclonale costruito in laboratorio per attaccare le cellule tumorali che hanno sulla superficie un recettore chiamato HER-2; sono particolarmente sensibili i tipi di tumore che esprimono una grande quantità di questa proteina. HER2 and breast cancer Human Epidermal growth factor Receptor-2 Anche conosciuto come neu (rat gene) c-erbb-2

34 La nascita di TRASTUZUMAB mumab 4D5 è l anticorpo monoclonale murino da cui è derivato Herceptin e si lega specificamente al recettore HER2

35 mumab 4D5 si lega specificamente al recettore HER2 CVN HER1 HER H1 4D H1 4D H1 4D5 108 Immunoprecipita specificamente HER2 185 KD (HER2) CVN = linea cell. di controllo; HER1 = linea cell. HER1 + ; HER2 = linea cell. HER H1 = anticorpo di controllo ; 108 = anti-her1 Hudziak RM et al. Mol Cell Biol 1989;9:

36 mumab 4D5 inibisce la crescita di cellule di tumore mammario SK-BR BR-3 HER2-positive Controllo Numero di cellule 100,000 80,000 60,000 40,000 20,000 mumab 4D Anticorpo (µg/ml)

37 Herceptin (Trastuzumab): Anticorpo Monoclonale Umanizzato anti-her2 Elevata affinita (K d =0.1nM) e specificita 95% umano, 5% murino ridotta immunogenicita

38 Herceptin Meccanismo di Azione Downregulation del recettore HER2

39 Herceptin Meccanismo di Azione Downregulation del recettore HER2 Linea Cell. Tumorali BT-474 p185 HER2 Herceptin (120 ore) nm J Albanell et al. Vall d Hebron, Barcelona

40 Herceptin Meccanismo di Azione Downregulation del recettore HER2 Induce arresto in fase G1 e la p27

41 Cell cycle regulation DEPARTMENT OF EXPERIMENTAL AND APPLIED PHARMACOLOGY UNIVERSITY OF PAVIA

42 Effects of growth factors on cell cycle DEPARTMENT OF EXPERIMENTAL AND APPLIED PHARMACOLOGY UNIVERSITY OF PAVIA

43 Herceptin induce l enzima p27 Sintesi RNA e proteine G2 Divisione cellulare M G1 S Duplicazione DNA Herceptin p27 Arresto Sintesi RNA e proteine

44 Herceptin induce l enzima p27 Tempo (ore) kd Western blot: anti-p MX Sliwkowski et al. Genentech, Inc. DEPARTMENT OF EXPERIMENTAL AND APPLIED PHARMACOLOGY UNIVERSITY OF PAVIA

45 Herceptin induce arresto in fase G1 Linea cell. Tumor. SK-BR-3 2,500 2,500 2,500 2,000 1,500 Controllo MAb %S=20.88 %G 0 /G 1 = ,000 1,500 mumab 4D5 %S=12.41 %G 0 /G 1 = ,000 1,500 Herceptin %S=13.87 %G 0 /G 1 = ,000 1,000 1, Channels Channels Channels MX Sliwkowski et al. Genentech, Inc

46 Herceptin Meccanismo di Azione Downregulation del recettore HER2 Induce arresto in fase G1 e induzione di p27 Inibisce l angiogenesi

47 Herceptin inibisce l angiogenesi Herceptin riduce la produzione del Fattore di Crescita dell Endotelio Vascolare (VEGF) e del Fattore di Crescita dei Fibroblasti (FGF). Questi fattori promuovono la neo-formazione di capillari, cosi favorendo la crescita tumorale attraverso un aumento dell apporto sanguigno e dei fattori nutritivi.

48 Herceptin Meccanismo di Azione Downregulation del recettore HER2 Induce arresto in fase G1 e induzione di p27 Inibisce l angiogenesi Incrementa l attivita della chemioterapia

49 Tumour volume (mm 3 ) Herceptin in combinazione con cisplatino Controllo Herceptin (5mg/kg) 10,000 Cisplatino (3mg/kg) Herceptin (5mg/kg) + cisplatino (3mg/kg) 1, Day Pietras RJ et al. Oncogene 1994;9:

50 Herceptin in combinazione con adriamicina e paclitaxel Controllo Herceptin Chemioterapia Herceptin + Chemioterapia 24 Adriamicina 24 Paclitaxel Volume Tumorale (cm 3 ) Volume Tumorale (cm 3 ) Giorni Giorni Baselga J et al. Cancer Res 1998;58:

51 Herceptin in combinazione con adriamicina e paclitaxel (cont) Eradicazione Tumorale Completa ± chemioterapia C (n=31) H (n=29) A (n=31) H + A (n=31) P (n=31) H + P (n=31) Liberi da tumore a 5 settimane 6% 31% 13% 33% 17% 59% p value C = Controllo H = Herceptin A = Adriamicina P = Paclitaxel Baselga J et al. Cancer Res 1998;58:

52 HER2 induce resistenza a paclitaxel aumentando la p21 HER2 p21 + Arresto Paclitaxel p34 in fase Apoptosi G2/M Yu D. Mol Cell 1998;2:581 91

53 Herceptin Meccanismo di Azione Downregulation del recettore HER2 Induce arresto in fase G1 e induzione di p27 Inibisce l angiogenesi Incrementa l attivita della chemioterapia Riduce il potenziale metastatico

54 Herceptin riduce il potenziale metastatico Herceptin riduce l attivita delle Metallo- Proteinasi 9 e 2 (MMP-9, MMP-2) Queste proteasi facilitano l invasivita e la diffusione dei tumori attraverso la digestione enzimatica dei tessuti.

55

56 Due ulteriori link ank=2 ank=1

57

58

59

60

61

62

63 Background: Herceptin (trastuzumab) is a humanized monoclonal antibody that is being tested in the adjuvant setting. Cost implications of using trastuzumab, as administered in the Breast Cancer International Research Group 006 trial, are being calculated. This provides information on the treatment s value for money. Methods: Standard breast cancer treatment models were set up for different subpopulations according to stage (I, II, III) and menopausal condition (<50 and >50 years). Costs were calculated from the hospital s point of view, using the micro-costing method. Life expectancy data were based on literature. Our comparator was the existing practice. In addition to a sensitivity analysis, a threshold analysis on the prices of trastuzumab and docetaxel was performed to target an acceptable incremental cost-effectivenes ratio. Results: Treatment costs were (doxorubicin and cyclophosphamide / docetaxel and trastuzumab) or (docetaxel, carboplatin and trastuzumab). This was largely (79% and 75%, respectively) attributed to trastuzumab. According to our threshold analysis, an acceptable incremental costeffectiveness ratio can be reached if health improvements are large enough and/or price discounts are given. Conclusions: Trastuzumab is a promising but very expensive antibody. With the current pressure on health-care budgets, cost implications of using trastuzumab in adjuvant setting must be calculated before use of the product becomes wide-spread. This provides essential information for price-setting policies an for policy makers considering reimbursement.

64

65

66 .cambiamo approccio.. DEPARTMENT OF EXPERIMENTAL AND APPLIED PHARMACOLOGY UNIVERSITY OF PAVIA

67

68

69 Summary of the chemical optimization of sorafenib. The Raf1 inhibitor 1 was identified through high-throughput screening. Medicinal chemistry efforts described in the main text led to sorafenib. DEPARTMENT OF EXPERIMENTAL AND APPLIED PHARMACOLOGY UNIVERSITY OF PAVIA

70 SORAFENIB (NEXAVAR) Rispetto ai chemioterapici tradizionali, il sorafenib è in grado di colpire in modo più specifico le cellule tumorali causando meno danni alle cellule sane. Riconosce infatti alcuni recettori presenti sulla superficie delle cellule tumorali con i quali si legano attivando nella cellula malata un sistema di autodistruzione (apoptosi). Sorafenib è un inibitore multi-target della trasmissione del segnale, altamente specifico per l attività kinasica di Raf-1, con il conseguente blocco della suddetta via metabolica RAS/RAF/MAPK. Inibisce inoltre altri recettori tirosin-kinasici, in particolare VEGFR e PDGFR beta con il risultato finale di una inibizione della proliferazione cellulare e della neoangiogenesi.

71 Il contesto Inactive form Active form L attivazione dei geni della famiglia Ras è una condizione critica per la trasduzione, dalla membrana plasmatica al nucleo, del segnale coinvolto nella regolazione del ciclo cellulare, dell espressione genica, della proliferazione e differenziazione cellulare. Nelle cellule normali la proteina Ras è presente in forma inattiva o presenta un attività contenuta.

72 Il contesto In molti tumori umani ed in linee cellulari trasformate, in alcuni casi, l oncogene Ras è mutato, con conseguente sintesi di una proteina strutturalmente alterata. Alternativamente, a seguito della produzione aberrante di fattori di crescita e della loro interazione con specifici recettori, la proteina Ras, a valle della via di trasduzione del segnale, è costitutivamente attiva.

73 Ras esplica le sue funzioni attraverso numerose vie effettrici, tra le quali la meglio caratterizzata è la cascata delle MAP-chinasi che comporta l attivazione sequenziale di tre serin-treonin chinasi (RAF/MEK/MAPK); tale via effettrice conduce alla fosforilazione ed attivazione di vari fattori trascrizionali. DEPARTMENT OF EXPERIMENTAL AND APPLIED PHARMACOLOGY UNIVERSITY OF PAVIA

74 BERSAGLI CELLULARI DEL SORAFENIB DEPARTMENT OF EXPERIMENTAL AND APPLIED PHARMACOLOGY UNIVERSITY OF PAVIA Sorafenib blocks receptor tyrosine kinase signalling (VEGFR, PDGFR, c-kit and RET) and inhibits downstream Raf serine/threonine kinase activity to prevent tumour growt by anti-angiogenic, antiproliferative and/or proapoptotic effects. ERK, extracellular signalregulated kinase; GDNF, glialderived neurotrophic factor; MEK, mitogen-activated protein kinase kinase; PDGFR, plateletderived growth factor receptor; SCF, stem cell factor; VEGFR, vascular endothelial growth factor receptor.

75 Profilo inibitorio in vitro del Sorafenib

76 SORAFENIB (NEXAVAR) A month's supply of the drug will have a wholesale price of about $4,300, according to a Bayer spokeswoman. It will be available almost immediately. The drug is being studied to see if it inhibits other kinds of cancer.

77 SORAFENIB (NEXAVAR) Sorafenib è il primo inibitore orale multichinasico che ha come bersaglio serina/treonina chinasi e recettore tirosinachinasi sia a livello cellulare del tumore, sia a livello della sua vascolarizzazione. I bersagli sono costituiti da due classi di chinasi note per il loro coinvolgimento sia nella proliferazione cellulare del tumore (crescita tumorale), sia nell angiogenesi (vascolarizzazione tumorale), due attività importanti per la crescita del tumore.

78 Via di somministrazione e particolari avvertenze Somministrazione orale di 400 mg (2 compresse da 200 mg), due volte al giorno, lontano dai pasti. In caso di pazienti in stato di gravidanza, Nexavar può causare la perdita del feto. Non allattare durante la terapia. I pazienti devono essere informati che, soprattutto durante le prime sei settimane di trattamento, la pressione sanguigna può aumentare, quindi ci vuole un monitoraggio costante. Il farmaco aumenta il rischio di sanguinamento e i pazienti devono riferire al medico qualunque episodio sospetto.

79 Effetti collaterali I più comuni effetti indesiderati, associati a sorafenib, sono stati: diarrea, rash/desquamazione, fatica, reazioni cutanee mani-piedi, alopecia, nausea, prurito, ipertensione, vomito, anoressia.

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1 1 13. Anticorpi I edizione (vedi singoli sottocapitoli) 13. Anticorpi...1 13.1. STRUTTURA DEGLI ANTICORPI ED I GENI DELLE IMMUNOGLOBULINE...3 13.1.1. Struttura/funzione degli anticorpi...4 13.1.2. Dominii

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI.

IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI. IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI. Marco De Andrea, Raffaella Ravera, Daniela Gioia, Marisa Gariglio e Santo Landolfo Torino, Novara - Italia Riassunto Gli interferoni sono una famiglia di proteine

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII MULTINATIONAL ASSOCIATION OF SUPPORTIVE CARE IN CANCER CONSENSUS CONFERENCE SULLA TERAPIA ANTIEMETICA PERUGIA, 29-31 marzo, 2004 Ultimo aggiornamento: 1 settembre

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA. Biochimica. Ciclo XXI. Settore scientifico disciplinari di afferenza: BIO/10

DOTTORATO DI RICERCA. Biochimica. Ciclo XXI. Settore scientifico disciplinari di afferenza: BIO/10 Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA Biochimica Ciclo XXI Settore scientifico disciplinari di afferenza: BIO/10 TITOLO TESI Trasduzione del segnale e poliamine nell apoptosi

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico Linea di ricerca Via Gattamelata, 64 35128 Padova Linea di ricerca 8 Immunologia dei tumori e approcci terapeutici Innovativi

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni

Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni Federica Morelli, Specialista in Dermatologia e Venereologia, Pescara Claudio Feliciani, Professore associato in Dermatologia e Venereologia, Policlinico

Dettagli

MOD. 506 Termostato bimetallico Bimetallic Thermostat

MOD. 506 Termostato bimetallico Bimetallic Thermostat MOD. 506 Termostato bimetallico Bimetallic Thermostat with cap. 3015001 with cap. 3900001 with connector 3900200 with cable A richiesta disponibile la versione certifi- Version available on request 124

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Gli anticorpi. Elena Adinolfi. Anticorpi ed Antigeni

Gli anticorpi. Elena Adinolfi. Anticorpi ed Antigeni Gli anticorpi Elena Adinolfi Anticorpi ed Antigeni Sono responsabili dell immunità umorale perché sono stati identificati per la prima volta in circolo nel sangue, nella linfa ed in altri fluidi corporei

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

I l Cotto Nobile Arrotat o

I l Cotto Nobile Arrotat o I l Cotto Nobile Arrotat o RAPPORTO DI PROVA N. 227338 Data: 25062007 Denominazione campione sottoposto a prova: NOBILE ARROTATO UNI EN ISO 105454:2000 del 30/06/2000 Piastrelle di ceramica. Determinazione

Dettagli

Synthesis and Reactivity of Silica-Grafted Iridium Pincer Complexes

Synthesis and Reactivity of Silica-Grafted Iridium Pincer Complexes DISS. T N. 21754 Synthesis and eactivity of lica-grafted idium incer Complexes A dissertation submitted to T ZUIC for the degree of DCT F SCINCS resented by MATIN IMLDI Dottore magistrale in Scienze Chimiche,

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

Acidi nucleici non codificanti

Acidi nucleici non codificanti Vol. Giacca 4bozza 17-02-2011 11:05 Pagina 19 Acidi nucleici non codificanti 19 maniera controllata in modo da non favorire la crescita di eventuali tumori presenti in sedi lontane da quella in cui sono

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Valutazione delle tecnologie emergenti

Valutazione delle tecnologie emergenti Dott Tom Jefferson Consulente Sez. Innovazione, Sperimentazione e Sviluppo Valutazione delle tecnologie emergenti Dispositivi Impiantabili: revisioni legislative" - Roma, 7 novembre 2013 L Agenzia Ente

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Gli scambi tra cellula ed ambiente

Gli scambi tra cellula ed ambiente Gli scambi tra cellula ed ambiente Equilibrio osmotico Squilibrio chimico Squilibrio elettrico Equilibrio dinamico Lo scopo dell omeostasi è mantenere l equilibrio dinamico dei compartimenti corporei.

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli