Target and Differentiation Terapy in oncologia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Target and Differentiation Terapy in oncologia"

Transcript

1 Target and Differentiation Terapy in oncologia Prof. Maurizio Pianezza Dott. Stefano Cucumazzo

2 Cancro: malattia genetica acquisita dalle cellule somatiche Conferma della definizione: aberrazioni cromosomiche Biologia molecolare Citogenetica

3 Cellule tumorali: deviazione del normale valore diploide dei cromosomi Ploidia Combinazioni Morfologia Monosomie delezione Trisomie duplicazione Polisomie inversione traslocazione MSR: regioni cromosomiche amplificate all interno del braccio DM: regioni cromosomiche amplificate all esterno del braccio

4 BANDE CROMOSOMICHE 71 su 329 Riarrangiamenti tumore-associati

5 La citogenetica consente di individuare due classi di geni implicati nello sviluppo e progressione tumorale Proto oncogenes Tumor Suppressors Genes

6 Attivazione dei proto-oncogeni 1 meccanismo: Aumento proteine del gene per iperespressione del gene stesso Delezione del dominio regolatorio 2 meccanismo Trasposizione per traslocazione cromosomica 3 meccanismo Amplificazione genica

7 Proto-oncogene attivazione Oncogene bersaglio Differenti compartimenti cellulari recettore fattore di sistemi di sistemi di diretto crescita trasduzione trascrizione su proteine del segnale del ciclo cellulare

8 Inattivazione dei Tumor Suppressor Genes 1 evento Si inattiva uno dei due alleli 2 evento Linea germinale: tumori ereditari Mutazione somatica: tumori comuni Mutazione somatica che inattiva la restante parte allelica (allele selvaggio) La regione cromosomica che contiene l allele selvaggio viene eliminata attraverso: Non disgiunzione Mancata Ricombinazione mitotica Conversione genica

9 Eventi genetici nella genesi dei tumori solidi Eventi genetici distinti: Attivazione oncogeni Inattivazione tumor suppressors genes Lesioni genetiche multiple: PERDITA ALLELI CHE SI VALUTA CON MARKER D.N.A. CONTROPARTE MOLECOLARE ALLELOTIPO

10 Cambiamenti genetico molecolari: ploidia del tumore Tumori solidi aneuploidia instabilità genomica Aumento numerico dei cromosomi Ipometilazione Gene di Divisione cellulare Progressione di malattia Non-disgiunzione mitotica Cloni iperdiploidii Cloni ipodiploidi Modello Computerizzato Di Shackney Perdita di cromosomi Tetraploidizzazione Crescita cellulare Divisione cellulare Growning Promoting Aberrazione cromosomica

11 Aneuploidia Attivazione oncogenica Doppia e sequenziale non disgiunzione del cromosoma sovraesposizione

12 Cromosoma eucariote CROMATINA Complesso DNA Proteine Cromosomiche RNA Nucleare EUCROMATINA ETEROCROMATINA geneticamente attiva geneticamente inattiva

13 Struttura del DNA

14 Proteine cromosomiche Proteine Istoniche H1 H2a H2b H3 H4 Proteine non Istoniche Enzimi Proteine di trascrizione Proteine di replicazione Nucleosoma DNA avvolto sugli istoni H1 sigilla il DNA Tra 2 nucleosomi: DNA detto Linker Interazione proteine non istoniche che legano il DNA SUL: Centromero: regolano DNA in mitosi e meiosi evita non disgiunzione dei cromosomi Cinetocromo: consentono attacco fibre del fuso mitotico Telomero: evitano rimaneggiamenti cromosomi

15 Struttura degli Istoni

16 Struttura del nucleosoma

17

18

19 RECETTORE Molecola che lega in modo specifico, definito e con affinità precisa uno o più mediatori endogeni e che, in seguito al legame, subisce una modificazione conformazionale in grado di determinare un effetto biologico In base alla localizzazione subcellulare: 1)RECETTORI DI MEMBRANA 2)RECETTORI INTRACELLULARI

20 6 SUPERFAMIGLIE: Recettori di membrana RECETTORI CANALE O IONOTROPI RECETTORI ACCOPPIATI ALLE PROTEINE G O METABOTROPI RECETTORI CON ATTIVITA TIROSIN CHINASICA INTRINSECA RECETTORI CON ATTIVITA GUANILATO CICLASI INTRINSECA RECETTORI PER L ADESIONE CELLULARE RECETTORI PER LE CITOCHINE RECETTORE CANALE trasduzione del segnale molto rapida RECETTORE ACCOPPIATO ALLE PROTEINE G trasduzione del segnale più lunga e più lenta

21 STRUTTURA GENERALE DEI RECETTORI IONOTROPI Caratteristiche strutturali che variano apprezzabilmente tra i vari recettori: composizione e lunghezza del terzo loop citoplasmatico e dell estremità carbossiterminale.

22 RECETTORI METABOTROPI Proteine recettoriali formate da una singola catena polipeptidica che attraversa la membrana plasmaticain corrispondenza di altrettante regioni idrofobiche(regioni transmembranatm). La catena polipeptidica si organizza spazialmente nella membrana in modo da costituire una particella globulare. Sito di legame per il neurotrasmettitore: porzioni transmembranarie o extracellulari della sequenza amminoacidica.

23 Tratto di sequenza tra TM5 e TM6: rivolto verso il citoplasma; importante per il riconoscimento delle proteine G specifiche con cui ciascun recettore si accoppia QUINDI responsabile della specificità dell effetto dell attivazione recettoriale. RECETTORI METABOTROPI

24 Struttura del recettore del fattore di crescita epidermico EGF Attivazione del recettore di EGF RECETTORI TIROSINO CHINASICI

25 Proteine G Eterotrimeri costituiti da 3 subunità: α, ß, γ. α è in grado di legare il GTP e di idrolizzarlo grazie a una attività GTPasica intrinseca Le proteine G trasferiscono informazioni dai recettori alle molecole effettrici attraverso un ciclo di attivazionedeattivazione governato dal legame e dall idrolisi del GTP.

26 Recettori canale o ionotropi Recettori accoppiati alle proteine G o metabotropi

27 EFFETTORI DELLE PROTEINE G CON FUNZIONI DI CANALE IONICO I più studiati sono i canali al calcio operati da proteina G e un numero sempre più crescente di canali al potassio

28 ATTIVAZIONE ED INATTIVAZIONE DELLE PROTEINE G Le proteine G passano continuamente da una conformazione inattiva (GDP legato) ad una attiva (GTP legato). La transizione verso la forma attiva è indotta dal recettore; il ritorno alla forma inattiva è garantito dalla proprietà della subunità αche idrolizza il GTP

29 SISTEMI EFFETTORI Il segnale generato dall interazione recettore proteina G viene tradotto in un messaggio cellulare attraverso l attivazione di EFFETTORI specifici:

30 Meccanismo di azione tirosino chinasico

31 Recettori a tirosin-chinasi

32 ATTIVAZIONE DELLA CASCATA DELLE MAP CHINAS Le MAP chinasi (proteinchinasi attivate da mitogeni) rivestono un ruolo centrale in processi cellulari importanti quali la proliferazione e il differenziamento. Possono essere attivate tramite vie diverse che coinvolgono o l attivazione di recettori per i fattori di crescita ad attività tirosin chinasica o l attivazione di recettori associati a proteine G. Le MAP chinasi sono fosfoproteine fosforilate da una chinasi chiamata MEK. L attivazione delle MAP chinasi determinano traslocazione al nucleo, con conseguente fosforilazione di proteine nucleari, soprattutto fattori di trascrizione che regolano l espressione di geni essenziali per la stimolazione di crescita e differenziamento cellulari.

33 MECCANISMI DI TRASDUZIONE DEL SEGNALE La TRASDUZIONE DEL SEGNALE viene definita come la capacità della cellula di modificare il proprio funzionamento in risposta a una interazione recettoreligando Il ligando rappresenta il PRIMO MESSAGGERO.

34 I secondi messaggeri sono l anello di congiunzione tra l attivazione recettoriale e la generazione della risposta cellulare. Il primo messaggero è invece il neurotrasmettitore responsabile dall attivazione del recettore. Dato che il secondo messaggero è in grado di diffondere nel citoplasma, esso è anche in grado di regolare l attività di processi cellulari che hanno luogo in sedi distanti. I più studiati sono l ADENILATO CICLASI e la FOSFOLIPASI C che generano rispettivamente i SECONDI MESSAGGERI camp e IP3/DAG. EFFETTORI DELLE PROTEINE G CON FUNZIONE ENZIMATICA

35 RECETTORI ACCOPPIATI ALL ADENILATO CICLASI L adenilatociclasi è un enzima ubiquitario che converte ATP in camp; l attività può essere inibita o stimolata da vari recettori associati alle proteineg. Il camp svolge la sua azione di secondo messaggero regolando l attività di diverse proteine cellulari, in particolare le proteinchinasi A (PKA). Attraverso questo meccanismo il Camp controlla una serie di processi cellulari: reazioni metaboliche, secrezione, rilasciamento delle cellule muscolari lisce, attività di canali ionici, trascrizione di geni specifici.

36 RECETTORI ACCOPPIATI ALLA FOSFOLIPASI C Il calcio si lega alla proteina calmodulina e il complesso CA++-calmodulina determina l attivazione di una serie di risposte cellulari

37 STIMOLAZIONE E INIBIZIONE DELL ADENILATO CICLASI AD OPERA DI DIFFERENTI PROTEINE G (a)il legame della noradrenalina al recettore ß attiva Gs che attiva l adenilatociclasi. Questo genera camp che attiva l enzima a valle protein-chinasi A (b)il legame della noradrenalinaal recettore α2 attiva Gi che inibisce l adenilatociclasi

38 RECETTORI ACCOPPIATI ALLA FOSFOLIPASI C Le due vie di attivazione, calcio e proteinchinasi C (PKC), regolano svariati processi cellulari (metabolismo, secrezione, contrazione, attività neuronale, proliferazione)

39 AMPLIFICAZIONE DEL SEGNALE CAUSATA DALLE CASCATE DEL SECONDO MESSAGGERO ASSOCIATO ALLE PROTEINE G

40 SCHEMA RIASSUNTIVO

41

42 I Recettori

43 Feed-back Terapeutico:differenziazione blocco proliferativo Effettori extracellulari Sintesi Proteica Recettori di Membrana Citoplasmatica Trasduttori del Segnale Effettori Intracellulari e secondi messaggeri RNA M.T.R. Piccoli effettori Modulazione espressione genica diretta Recettori nucleari Modulazione Espressione genica indiretta

44 Farmacodinamica La farmacodinamica studia gli effetti biochimici e il meccanismo d azione dei farmaci proponendosi di: identificare i siti di azione dei farmaci delineare le interazioni fisiche o chimiche tra farmaco e cellula caratterizzare la sequenza completa farmaco-effetto definire le basi per l uso razionale dei farmaci e per il disegno di nuovi farmaci

45 Farmacomodulazione Presuppone la conoscenza di: meccanismi biomolecolari normali e nel cancro conoscenza dei dosaggi terapeutici ottimali e i sinergismi tra di essi

46 Farmaci target molecolari Trastuzumab (herceptin) Legame con ER2-NEU codificato da gene C-ERB2 Tirosino chinasico Famiglia EGFR Mammella Stomaco

47 Farmaci target molecolari Imatinib (Glivec) Legame con CD117 Tirosino Chinasico Leucemia mieloide cronica GIST

48 Farmaci target molecolari Rituximab (Mabthera) Legame CD20 Citotossicità complemento-mediata Citotossicità cellulo-mediata Linfoma Non-Hodgkin

49 Farmaci target molecolari Gentuzumab Ozogamicin (Milotarg) Legame CD33+ Citotossicità come rituximab Leucemia mieloide acuta

50 Farmaci target molecolari Bortezomid (Velcade) Blocco del proteosoma Mieloma multiplo

51 Farmaci target molecolari Gefitinib (Iressa) Legame EGFR Tirosino-Chinasico Polmone Apparato digerente

52 Farmaci target molecolari Cetuximab (Erbitux) Legame EGFR Tirosino Chinasico Maggiore efficacia se su pezzo operatorio riscontro immunoistochimico di R1

53 Farmaci target molecolari Bevacizumab (Avastin) Legame VEGF Tutti i tumori solidi con prevalenza di quelli ipervascolarizzati

54 Farmaci target molecolari SU11248 (sperimentale) Legame VEGF Legame PDGF-R

55 Farmaci target molecolari BAY (sperimentale) Inibizione del RAFchinasi Promotore G proteins per effetto antiproliferativo ed antiangiogenetico Tutti i tumori

56 Farmaci target molecolari Batimastat, Barimastat, Ag3340, BAY (sperimentali) Inibitori delle metalloproteinasi intercellulari Inibizione angiogenetica Tutti i tumori

57 Farmaci target molecolari Farnesil difosfato analoghi, CAAXtetrapeptide analogo Inibitore della farnesil transferasi con interruzione dell attività della proteina RAS- H, RAS-K, RAS-N Blocco del messaggio recettoriale da EGF, PDGF, GM-CSF, IL2, IL3

58 Farmaci Molecolari Ormonali Estrogeni (Antagonisti ormonali) Dietil-Stilbestrolo Dietilen-estradiolo Fosfestrolo-tetrasodico Progestinici Medrossi-progesterone acetato (Provera, Farlutal) Megestrolo-Acetato (Megace) Noretisterone (non registrato in Italia)

59 Farmaci Molecolari Ormonali Inibitori delle aromatasi (impediscono conversione androgeni--> estrogeni) Aminoglutetimide NS (Orimeten) Anastrozolo NS (Arimidex) Letrozolo NS (Femara) Formestan S (Entaron) Esemestan S (Aromasin) Trilostato S (non registrato in Italia)

60 Farmaci Molecolari Ormonali Inibizione recettoriale, antagonista ormonale Tamoxifene (Nolvadex) Toremifene (Fareston) Fulvestrant (Fasiodex)

61 Farmaci Molecolari Ormonali Antiandrogeni, antagonisti ormonali Ciproterone (Androcur) Flutamide (Eulexin) Bicalutamide (Casudex)

62 Farmaci Molecolari Ormonali Inibitori LHRH, analoghi ormone di rilascio Buserelina (Suprefat) Goserelin (Zoladex) Leuprorelina (Enantone) Triptorelina (Decapeptil)

63 Blocco Proliferativo Blocco Angiogenetico Blocco Proliferativo Blocco Angiogenetico Somatostatina, Octreotide, Lanreotide, Vapreotide* Azione antiproliferativa: Diretta SST Indiretta IGFR Antiproliferativa Antiangiogenetica Antiproliferativa Antiangiogenetica Differenziante Differenziante FosforilazionePTP Inibizione Inattivazione ERK Inibizione (fosfotirosin fosfatasi) bfgf IGFR Inibizione:RAS (certa) Inibizione ENOS Inattivazione SRC (certo) Attivazione PI3K-AKT SRC (incerto) Ceramide UpRegolation P27 (incerto) espressione Ki67 (incerto) Defosforilazione ERK Inibizione di NO Inibizione enos-no G-Protein inibizione SHP-2 C-SRC

64 Grazie per la cortese attenzione

65 Il cancro è una malattia in cui le cellule sfuggono al meccanismo di controllo della crescita indispensabile per mantenere normale la struttura e le funzioni dei tessuti

66 Il concetto che il cancro sia una malattia genetica delle cellule somatiche ha trovato concretezza grazie agli studi di biologia molecolare e citogenetica molecolare. La prova della teoria della mutazione somatica è il frequente riscontro di aberrazioni cromosomiche nelle neoplasie solide, presentando peraltro un cariotipo molto più complesso rispetto alle neoplasie ematologiche e quindi i cambiamenti cromosomici tumore specifici si rendono più difficoltosi.

67 La tumorogenesi è infatti considerata come il risultato finale di eventi genetici multipli che portano le cellule alla perdita del controllo della crescita ed alla metastatizzazione.

68 Nelle cellule tumorali si riscontrano spesso deviazioni dal normale valore diploide dei cromosomi. Questi cambiamenti citogenetici interessano l aploidia o la morfologia dei cromosomi oppure combinazioni di entrambe le alterazioni. Le monosomie o le trisomie e polisomie appartengono al primo gruppo mentre delezioni, duplicazioni, inversioni e traslocazioni appartengono al secondo gruppo. In più certe regioni cromosomiche possono risultare amplificate e mostrarsi come regioni colorate omogeneamente all interno del braccio cromosomico o all esterno di esso.

69 La specificità dei cambiamenti cromosomici è dimostrata dal fatto che solo 71 delle 329 bande cromosomiche del genoma umano sono interessate da riarrangiamenti tumore associati. Inoltre molti oncogeni cellulari che sono stati localizzati su specifici cromosomi localizzano anche break-point neoplasia associati.

70 L analisi dei cromosomi di cellule tumorali ha evidenziato che solo il 15% presenta alterazioni del cariotipo. Questo dato però, apparentemente discrepante, trova una spiegazione nella tecnica di studio: infatti è difficile ottenere preparati di buona qualità a causa di problemi come l indice mitotico basso e crescita sproporzionata, oppure perché il cariotipo mostra alti numeri modali con molti markers cromosomici bizzarri che probabilmente riflettono l evoluzione del cariotipo ma parallelamente mascherano gli eventi specifici principali.

71 Al momento attuale due classi di geni sono coinvolte nello sviluppo e progressione del cancro: proto-oncogeni e tumor suppressors genes

72 I proto-oncogeni sono normali geni cellulari implicati nel controllo della crescita cellulare. Le mutazioni possono convertirli in oncogeni attivati sovrintendendo in moto patologico alla crescita delle cellule tumorali. Ad oggi sono stati individuati 70 protooncogeni, ed il loro bersaglio è localizzato in differenti compartimenti e funzioni della cellula quale il recettore per la crescita cellulare, i fattori di crescita cellulare, i sistemi di trasduzione intracellulari, i fattori di trascrizione e direttamente sulla proteine che sovrintendono il ciclo cellulare.

73 La mutazione che attiva il proto-oncogene è dovuta ad un aumento delle proteine del gene per imprevedibile espressione del gene e delezione del dominio regolatorio del gene oltre, come secondo meccanismo di trasformazione, vi è la transposizione per translocazione cromosomica. Vi è poi l amplificazione genica che porta ad una sovraespressione degli oncogeni.

74 I tumor suppressor genes formano una categoria di geni di recente scoperta. La loro inattivazione per mutazione libera i meccanismi di crescita negativi da loro esercitati. Il primo risultato che si ottiene è una linea germinale (tumore ereditario) o una mutazione somatica (tumore sporadico) che inattiva uno dei due alleli del gene. Il secondo evento è una mutazione somatica che inattiva la restante parte allelica: il cosiddetto allele selvaggio.

75 Questo è dovuto al fatto che la presenza dell allele selvaggio nella regione cromosomica sede di mutazione provoca la sua eliminazione. Ciò avviene per non disgiunzione, mancata ricombinazione mititoca o conversione genica.

76 Gli studi di genetica molecolare dimostrano come la sequenza adenoma-carcinoma nelle neoplasie colo-rettali sia caratterizzata da un sovrapporsi di eventi genetici distinti tra cui l attivazione di oncogeni e la inattivazione di Tumor Suppressors Genes. Occorrono quindi come avviene in altri tumori, il verificarsi di lesioni genetiche multiple.

77 Per valutare correttamente e quantizzare la perdita di alleli, bisogna testare tutti i cromosomi con almeno un marker DNA, ottenendo una controparte molecolare chiamata allelotipo.

78 Quale parametro quantitativo della perdita multipla di alleli, è stato introdotto il termine di perdita allelica frazionala (F.A.L.) che rappresenta la parte evidenziabile di cromosoma con perdita allelica per singolo tumore.

79 La aneuploidia rappresenta il segnale tipico dei tumori solidi e nello stesso tempo la sua associazione clinico patologica della malattia. Questo sembra si a generato od accompagnato da instabilità del genoma.

80 L evoluzione genetica dei tumori solidi sottostà a delle forze che sono state recentemente messe a fuoco da un lavoro di Shackney che ha sviluppato un modello computerizzato di simulazione temporale delle mutazioni che accompagnano la spontanea mutazione neoplastica. Il modello include la crescita cellulare, la divisione cellulare, la tetraploidizzazione, la perdita di cromosomi, lo sviluppo di aberrazioni strutturali cromosomiche.

81 Mentre la tetraploidizzazione non è il solo meccanismo messo in moto, la non disgiunzione mitotica può portare ad aneuploidia, rappresentando la via preferita di sviluppo di cloni ipodiploidi o iperdiploidi.

82 L instabilità genomica certamente gioca un ruolo centrale nell evoluzione clonale. Oltre all aumento numerico dei cromosomi, la ipometilazione e le mutazioni di uno specifico gene coinvolto nella divisione cellulare sono le teorie a sostegno.

83 I proto-oncogeni attivati sarebbero i candidati migliori per la crescita dose-dipendente con anormalità cromosomiche per l evoluzione di linee aneuploidi come avviene nel modello di Shackney.

84 L aumento di dosaggio del gene mutante, associato ad aneuploidia, è stato identificato in una doppia e sequenziale non disgiunzione del cromosoma dell oncogene attivato.

85 La destabilizzazione di normali cellule diploidi da parte di fattori genetici può sfociare in cloni near-diploidi o tetraploidi.

86 Entrambe queste vie possono sfociare in attivazione di oncogeni o inattivazione di Tumor Suppressors Genes. Le cellule così configurate possono crescere e moltiplicarsi come linea dominante.

87 Analogamente si è dimostrata una forte correlazione tra aneuploidia ed inattivazione di Tumor Suppressors Genes.

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Note sui messagg eri intracellulari (revisione 2005, distribuzione 2005) 1. Introduzione

Note sui messagg eri intracellulari (revisione 2005, distribuzione 2005) 1. Introduzione Note sui messagg eri intracellulari (revisione 2005, distribuzione 2005) 1. Introduzione Com é noto, nella larga maggioranza dei casi, il passaggio attraverso la membrana plasmatica dell infor mazione

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico Linea di ricerca Via Gattamelata, 64 35128 Padova Linea di ricerca 8 Immunologia dei tumori e approcci terapeutici Innovativi

Dettagli

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1 1 13. Anticorpi I edizione (vedi singoli sottocapitoli) 13. Anticorpi...1 13.1. STRUTTURA DEGLI ANTICORPI ED I GENI DELLE IMMUNOGLOBULINE...3 13.1.1. Struttura/funzione degli anticorpi...4 13.1.2. Dominii

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

Cinquant anni dalla scoperta del DNA

Cinquant anni dalla scoperta del DNA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale articolo 2 comma 20/c legge 662/96 - Roma Cinquant anni dalla scoperta del DNA Alcune ricerche dell Istituto Superiore di Sanità Un contributo

Dettagli

Acidi nucleici non codificanti

Acidi nucleici non codificanti Vol. Giacca 4bozza 17-02-2011 11:05 Pagina 19 Acidi nucleici non codificanti 19 maniera controllata in modo da non favorire la crescita di eventuali tumori presenti in sedi lontane da quella in cui sono

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

Radiodays. Elio e le Storie Tese

Radiodays. Elio e le Storie Tese Radiodays Elio e le Storie Tese EFFETTI DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI SULL UOMO Elio Giroletti Dip. Fisica nucleare e teorica, Università di Pavia Ist. Naz. di Fisica Nucleare Sez. Pavia elio.giroletti@pv.infn.it

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA. Biochimica. Ciclo XXI. Settore scientifico disciplinari di afferenza: BIO/10

DOTTORATO DI RICERCA. Biochimica. Ciclo XXI. Settore scientifico disciplinari di afferenza: BIO/10 Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA Biochimica Ciclo XXI Settore scientifico disciplinari di afferenza: BIO/10 TITOLO TESI Trasduzione del segnale e poliamine nell apoptosi

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Neoplasie Endocrine Multiple

Neoplasie Endocrine Multiple Neoplasie Endocrine Multiple di tipo 1 e 2 PREFAZIONE Le Neoplasie Endocrine Multiple (MEN) sono delle sindromi rare caratterizzate dalla presenza di iperplasie/neoplasie di numerose ghiandole endocrine

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Test di logica e cultura generale. 6. Quale di queste parole è estranea alle altre?

Test di logica e cultura generale. 6. Quale di queste parole è estranea alle altre? Test di logica e cultura generale 1. Tre amici Carlo, Piero e Nicola acquistano della frutta al mercato. Ognuno di loro sceglie un diverso tipo di frutta e spende una somma differente. Sapendo che: - Carlo

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

METABOLISMO LIPIDICO. Gli ac. grassi sono ossidati o incorporati in trigliceridi di riserva. Lipidi introdotti con gli alimenti.

METABOLISMO LIPIDICO. Gli ac. grassi sono ossidati o incorporati in trigliceridi di riserva. Lipidi introdotti con gli alimenti. METABOLISMO LIPIDICO cistifellea Lipidi introdotti con gli alimenti Gli ac. grassi sono ossidati o incorporati in trigliceridi di riserva inestino I lipidi sono emulsionati dai sali biliari e resi accessibili

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI.

IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI. IL SISTEMA DELL INTERFERON: CENNI GENERALI. Marco De Andrea, Raffaella Ravera, Daniela Gioia, Marisa Gariglio e Santo Landolfo Torino, Novara - Italia Riassunto Gli interferoni sono una famiglia di proteine

Dettagli

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della struttura secondaria: Minimizzazione dell energia Un

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Laurea Magistrale in Fisica Tesi sperimentale in Fisica Biomedica Studio degli effetti subletali indotti

Dettagli

Messa a punto dell analisi della

Messa a punto dell analisi della SSMT Locarno 2012/2013 Lavoro di diploma per il corso di Tecnici in Analisi Biomediche Presso l Istituto Cantonale di Patologia di Locarno Messa a punto dell analisi della traslocazione RET/PTC Lavoro

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

Le malattie genetiche

Le malattie genetiche Le malattie genetiche Anderlini Beatrice Classe 3^ - Sez. C Liceo Scientifico R. Casimiri Introduzione alle malattie genetiche Tutti gli esseri viventi sono formati da cellule in ogni cellula è presente

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

PRINCIPI INTERPRETATIVI IN CITOLOGIA ONCOLOGICA

PRINCIPI INTERPRETATIVI IN CITOLOGIA ONCOLOGICA Quaderni di dermatologia, Anno 7, n. 1, Giugno 2002 7 PRINCIPI INTERPRETATIVI IN CITOLOGIA ONCOLOGICA DAVIDE DE LORENZI Medico Veterinario, Specialista in Clinica e Patologia degli Animali da Affezione

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

Teorie dell invecchiamento

Teorie dell invecchiamento G GERONTOL 2005;53:57-74 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria EDITORIALE EDITORIAL Teorie dell invecchiamento The aging theories N. FERRARA * **, G. CORBI ** ***, D. SCARPA ****, G. RENGO **, G.

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Dottorato in Biologia Avanzata - 22 ciclo -

Università degli Studi di Napoli Federico II Dottorato in Biologia Avanzata - 22 ciclo - Università degli Studi di Napoli Federico II Dottorato in Biologia Avanzata - 22 ciclo - Effetti citogenetici indotti in cellule umane da ioni pesanti relativistici Candidata: Diana Pignalosa Tutor: Prof.

Dettagli

Di seguito sono mostrati alcuni esempi della prova scritta riguardante il I Parziale.

Di seguito sono mostrati alcuni esempi della prova scritta riguardante il I Parziale. L esame di Chimica Farmaceutica e Tossicologica I, a.a. 2014-2015, consiste in una prova scritta ed una orale. La prova scritta viene effettuata nei giorni, luoghi ed orari che sono presenti on-line (sito

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli