SEPARAZIONE CONSENSUALE E REVOCA DEL CONSENSO - Gianni Ballarani - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEPARAZIONE CONSENSUALE E REVOCA DEL CONSENSO - Gianni Ballarani - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA"

Transcript

1 SEPARAZIONE CONSENSUALE E REVOCA DEL CONSENSO - Gianni Ballarani - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE DIRITTO DELLA FAMIGLIA BIBLIOGRAFIA A. FALZEA, La separazione personale, Milano, 1943, passim.; A. D ANTONIO, Irrevocabilità del consenso dei coniugi alla separazione, in Riv. dir. civ., 1959, II, p. 459 ss.; G. DORIA, Negozio di separazione consensuale dei coniugi e revocabilità del consenso, in Dir. fam. pers., 1990, I, p. 500 ss., in nota a Trib. Napoli, 13 marzo 1989; E. GIACOBBE, Separazione consensuale e revoca del consenso, in Rass. dir. civ., 1991, II, p. 698 ss., in nota a Trib. Napoli, 13 marzo 1989; M. SALA, La rilevanza del consenso dei coniugi nella separazione consensuale e nella separazione di fatto, in Riv. trim. dir. proc. civ., 1996, p ss.; G. CALIENDO, Sulla revocabilità unilaterale del consenso alla separazione consensuale, in Fam. dir., 1996, 4, p. 335 ss., in nota a App. Napoli, 29 gennaio 1996 e Trib. S. Maria Capua Vetere, 3 ottobre 1995; A. MORACE PINELLI, La crisi coniugale tra separazione e divorzio, Milano, 2001, p. 129 ss., spec. p. 161 ss.; C.M. BIANCA, La famiglia, Milano, 2005, p. 191 ss., spec. p. 248 ss.; G. OBERTO, La natura dell accordo di separazione consensuale e le regole contrattuali ad esso applicabili, I e II parte rispettivamente in Fam. dir., 1999, p. 601 ss. e 2000, p. 86 ss. SOMMARIO: 1. La separazione in generale. 2. La separazione consensuale: art. 158 c.c. 3. L accordo di separazione consensuale. 4. Il procedimento di separazione consensuale. 5. La natura dell atto di separazione consensuale. 6. Il problema della fonte della separazione consensuale. 7. La revoca del consenso (Rinvio alle note a sentenza). 1. La separazione in generale. La separazione è un provvedimento temporaneo, provvisorio, che trova fondamento nella intollerabile prosecuzione della convivenza o nel grave pregiudizio che tale convivenza può arrecare alla educazione dei figli; la provvisorietà di detta situazione è determinata dal fatto che essa può portare, tanto alla riconciliazione tra i coniugi, quanto al divorzio (cessazione degli effetti civili del matrimonio). La separazione incide sia sui rapporti personali tra i coniugi, sia su quelli patrimoniali: si sospendono i diritti e i doveri che nascono dal matrimonio, salvo quelli verso i figli e quelli di mantenimento e quelli di rispetto reciproco (ad esempio: nella discussione in ordine all obbligo di fedeltà, dottrina e giurisprudenza sono giunti ad affermare in modo adesso condiviso che esso si sospende, purché il comportamento del coniuge separato non sia ingiurioso per l altro coniuge); si scioglie la comunione dei beni e si passa ad un regime temporaneo di separazione: si dividono i beni in parte eguale. 1

2 La causa della separazione, sia essa giudiziale o consensuale, si rinviene nell autonomia dei coniugi di sospendere l attuazione del loro rapporto coniugale, in quanto possibile. Con il passaggio dalle norme codicistiche del 1942 alla riforma del 1975, l istituto cambia fisionomia, caratteri e funzioni: 1942: la separazione era considerata alla stregua di una sanzione legata alla colpa del coniuge per la violazione dei doveri coniugali. La colpa, inoltre, differiva tra marito e moglie in ordine alla violazione dell obbligo di fedeltà. (cfr. art. 150 c.c. 1865). 1975: la separazione viene vista come rimedio alla intollerabilità della convivenza. (Cass. 17 luglio 1997 n. 6566, in Fam. dir., 1998, p. 82 ss.: In tema di separazione personale dei coniugi la riforma del 1975 ha profondamente innovato la previgente disciplina, eliminando la concezione della sanzione basata sulla colpa, ed introducendo il concetto del rimedio ad una situazione di intollerabilità della convivenza, o di grave pregiudizio all educazione della prole, anche indipendente dalla volontà dei coniugi. Conseguentemente, l art. 151 c.c. costruisce un modello unitario di separazione, fondato sull accertamento di presupposti oggettivi, rappresentati dalla sussistenza di fatti tali da integrare la suddetta situazione, rispetto al quale l addebitabilità ad uno o ad entrambi i coniugi si pone come dichiarazione eventuale, da pronunciare nel contesto della separazione, ove ne ricorrano le circostanze. Una volta accertati i presupposti oggettivi per la pronuncia della separazione, e cessata di fatto la convivenza, non possono logicamente più assumere rilievo i comportamenti successivi del coniuge separato, anche se, in ipotesi, idonei a giustificare una dichiarazione di addebitabilità, posto che l addebito trova la sua collocazione esclusivamente nel quadro della separazione, come responsabilità causativa dell intollerabilità della prosecuzione della convivenza, e non ha quindi ragion d essere allorché la convivenza è cessata. Tale necessario collegamento tra convivenza ed addebitabilità della separazione, rende inammissibile la richiesta di addebitabilità anche successivamente ad una separazione consensuale). Con la riforma del 1975 si introduce il terzo comma dell art. 150 c.c. art. 150 c.c.: 1. È ammessa la separazione personale dei coniugi. 2. La separazione può essere giudiziale o consensuale. 3. Il diritto di chiedere la separazione giudiziale o l omologazione di quella consensuale spetta esclusivamente ai coniugi (prima il diritto di chiedere la separazione spettava solo al coniuge non colpevole). La regola di cui al terzo comma vuol significare che i coniugi che agiscono per la separazione lo fanno in funzione di un interesse proprio e non in vista di un interesse superiore della famiglia. 2

3 L interesse ad agire è proprio di ciascuno dei coniugi ed il motivo per cui si chiede la separazione è indifferente ai fini della legittimazione ad agire in giudizio per ottenere la separazione medesima. Art. 151 c.c.: Separazione giudiziale: La separazione può essere chiesta quando si verificano, anche indipendentemente dalla volontà di uno o di entrambi i coniugi, fatti tali da rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza o da recare grave pregiudizio alla educazione della prole (cfr., ancora, Cass. 17 luglio 1997 n. 6566, cit.). I fatti di cui all art. 151 sono intesi in senso tecnico. L intollerabile prosecuzione della convivenza si presta ad essere valutata tanto in chiave oggettiva, quanto soggettiva: in senso oggettivo, rilevano le circostanze per cui l uomo medio possa reputare intollerabile la prosecuzione della convivenza; in senso soggettivo (tesi che è prevalsa) si lascia alla interpretazione del singolo la valutazione in ordine alla intollerabilità. Come dianzi riferito, a seguito della riforma del 75 non esistono più le cause tassative di colpa che legittimano la domanda di separazione e si passa dal criterio della colpa a quello dell addebito. Il codice del 1865, all art. 149 disponeva che: Il diritto di chiedere la separazione spetta ai coniugi nei soli casi previsti dalla legge; ai sensi, infatti, dell art. 150 (c.c. 1865): La separazione può essere domandata per causa di adulterio o di volontario abbandono, e per causa di eccessi, sevizie, minacce e ingiurie gravi. Non è ammessa l azione di separazione, per l adulterio del marito, se non quando egli mantenga la concubina in casa o notoriamente in altro luogo, oppure quando concorrano circostanze tali che il fatto costituisca un ingiuria grave alla moglie. 2. La separazione consensuale: art. 158 c.c. La separazione consensuale era vista con disfavore, tanto in dottrina, quanto in giurisprudenza, sino alla riforma del Il potere di liberarsi dal vincolo di coniugio, infatti, si diceva potesse minare la famiglia come istituzione sociale, dato che essa rispondeva in primo luogo ad esigenze e ad interessi di natura pubblicistica, nel senso che lo Stato privilegiava l interesse della societàfamiglia, piuttosto che gli interessi dei suoi componenti (cfr. Cass. 21 luglio 1971 n. 2374). In tal senso, l omologazione del Tribunale suppliva ad una funzione di controllo pubblico forte da parte del sistema sull attività e le condotte dei coniugi. Con la riforma del diritto di famiglia e con il 3

4 cambio di prospettiva a livello giurisprudenziale e dottrinale che la ha giustificata e che attraverso di essa si è determinata a livello normativo, la funzione del provvedimento di omologazione risponde esclusivamente alla verifica del rispetto degli interessi dei figli minori e dell unità familiare. La riforma del 1975 modifica il I comma dell art. 158: art. 158, c.c e 1942 pre-riforma: la separazione pel solo consenso dei coniugi non può avere luogo senza l omologazione del tribunale (l omologazione era intesa come fonte esclusiva della separazione). art. 158 c.c. post-riforma: la separazione per il solo consenso dei coniugi non ha effetto senza l omologazione del giudice. Il legislatore della riforma, con la modifica del I comma dell art. 158 ha delineato gli elementi che danno luogo alla separazione consensuale aprendo il campo di indagine ai rapporti tra i due: 1. il consenso dei coniugi (ossia l accordo); 2. l omologazione del giudice. 3. L accordo di separazione consensuale. L accordo di separazione consensuale prevede: l assegno di mantenimento per il coniuge economicamente più debole secondo i canoni dell art. 156 c.c. (156, I comma, c.c.: il giudice, pronunciando la separazione (giudiziale), stabilisce a vantaggio del coniuge cui non sia addebitabile la separazione il diritto di ricevere dall altro coniuge quanto è necessario al suo mantenimento, qualora egli non abbia adeguati mezzi propri. I parametri dell adeguatezza sono: 1. stato di bisogno; 2. esistenza libera e dignitosa; 3. stesso tenore di vita goduto in costanza di matrimonio. Nella separazione giudiziale, l addebito di essa ad comporta nei confronti del coniuge cui è addebitata: 1. la perdita del diritto all assegno di mantenimento (che tiene conto del tenore di vita goduto in costanza di matrimonio), pertanto il coniuge avrà eventualmente diritto ai soli alimenti; 4

5 2. effetti successori ex art. 548: il coniuge addebitato ha diritto ad un assegno vitalizio solo se godeva degli alimenti al momento della successione. La quota per il mantenimento dei figli. Con riferimento al mantenimento del figlio maggiorenne, l obbligo perdura fin quando i figli non si trovino nella concreta condizione di procurarsi un reddito proprio, idoneo al soddisfacimento dei loro bisogni e adeguato alla loro formazione e aspirazione. Il principio non vale, però, se i figli siano privi di lavoro per propria volontà o per colpa. (se rimangono inerti, se non si attivano nella ricerca di una occupazione, se rifiutano immotivatamente proposte) Cfr.: Cass. 4756/2002: Si devono escludere profili di colpa nella condotta del figlio che rifiuta una sistemazione lavorativa non adeguata alla sua specifica preparazione, alle sue attitudini e ai suoi effettivi interessi. Quanto meno nei limiti di tempo in cui queste aspirazioni hanno la ragionevole possibilità di essere realizzate e sempre che questo atteggiamento di rifiuto sia compatibile con le condizioni economiche della famiglia Cass /2006: L obbligo dei genitori di concorrere tra loro al mantenimento dei figli perdura immutato finché il genitore interessato alla cessazione dell obbligo non dia la prova che il figlio ha raggiunto l indipendenza economica, ovvero che il mancato svolgimento di un attività economica dipende da un atteggiamento di inerzia ovvero di rifiuto ingiustificato dello stesso, il cui accertamento non può che ispirarsi a criteri di relatività, in quanto necessariamente ancorato alle aspirazioni, al percorso scolastico, universitario e postuniversitario del soggetto, e alla situazione attuale del mercato del lavoro. Le regole sull affidamento, ad oggi comprensive delle le modalità con cui si attueranno i rapporti personali tra coniuge non affidatario e figli (diritto di visita, tempi, vacanze, ecc.); Con l entrata in vigore della legge n. 54 del 2006 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli, la regola è l affidamento condiviso dei figli, così come oggi dispone l art. 155 c.c. Prima dell intervento normativo sull affidamento condiviso (l. 8 febbraio 2006 n. 54), nei casi di separazione e divorzio, nonché nel caso di cessazione della convivenza more uxorio, si assisteva ad una scissione della titolarità dall esercizio della potestà: la prima rimaneva in 5

6 capo ad entrambi i genitori, là dove il secondo era esclusivo dell affidatario, residuando all altro un dovere di controllo sull operato dell affidatario, di concorso per le decisioni di maggior rilievo e la responsabilità per l educazione e l istruzione (nonché una legittimazione attiva a livello giudiziale avverso le decisioni dell altro potenzialmente pregiudizievoli), salvo i casi di decadenza dalla potestà (art. 330 c.c.) ovvero di condotta pregiudizievole ai figli (art. 333 c.c.). L esercizio congiunto o alternato della potestà era previsto come rimedio residuale dall art. 6, II comma, della legge sul divorzio (e trovava così applicazione anche nelle separazioni, data la permeabilità della disciplina del divorzio e della separazione, e nelle cessazioni delle convivenze, grazie al ricorso all analogia per casi simili e materie analoghe). Con la citata legge sull affidamento condiviso i canoni si invertono e ciò che era eccezione diviene regola. L intento normativo perseguito dal legislatore dell affidamento condiviso di elevare quest ultimo a regola generale nella disciplina delle sospensioni e delle cessazioni delle convivenze, coniugali e non, relegando il paradigma dell affidamento esclusivo ad ipotesi residuale, muove da una duplice considerazione, largamente condivisa tanto in dottrina quanto in giurisprudenza. La riconosciuta necessità di impedire (per quanto possibile) che la crisi del rapporto della coppia genitoriale, già di per sé fatto traumatico per la psiche di un minore, possa sortire, per effetto di legge, conseguenze negative - dirette o riflesse - su di esso in ragione della correlata esigenza di tutela forte degli interessi del minore ad un sano sviluppo psico-fisico, si fonde, infatti, con quello che viene definito da più parti diritto del minore alla bigenitorialità, andandosi a porre in chiave di premessa maggiore dell intera costruzione normativa. Il principio secondo il quale è diritto dei figli ricevere cure, istruzione, educazione da entrambe le figure genitoriali (e quindi di avere, non solo il rapporto con entrambi, bensì l apporto di entrambi) anche nelle fasi patologiche delle convivenze, definito, appunto, diritto alla bigenitorialità (cfr., per tutti, ROSSI CARLEO, La separazione e il divorzio, in Trattato di diritto privato, diretto da Bessone, IV, Il diritto di famiglia, t. I, Torino, 1999, p. 238 ss.; ZATTI, Introduzione, in Trattato di diritto di famiglia, diretto da Zatti, I, Famiglia e matrimonio, a cura di Ferrando, Fortino, Ruscello, t. I, Relazioni familiari, Matrimonio, Famiglia di fatto, Milano, 2002, p. 42 ss.), trova riscontro normativo all art. 24 della cd. Carta di Nizza (Carta europea dei diritti fondamentali, adottata a Nizza il 7 dicembre 2000), a norma del quale: Ogni bambino ha diritto di intrattenere regolarmente relazioni personali e contatti diretti con i due genitori, salvo qualora ciò sia contrario al suo interesse, ed è accolto anche dalla più recente giurisprudenza: v., ex multis, Trib. Catania 1 giungo

7 L esercizio esclusivo della potestà, che comporta, appunto, l esclusiva rappresentanza legale e capacità decisionale per le questioni di ordinaria amministrazione, è dunque adesso consentito per i casi di impossibilità di uno dei genitori dovuti a lontananza, incapacità o altro impedimento (art. 317, I comma, c.c.), ovvero qualora si ritenga giudizialmente che l esercizio condiviso possa recare pregiudizio alla prole (vd. artt. 330 e 333 c.c.). L assegnazione della casa familiare al coniuge maggiormente affidatario, dato che in detto luogo si forma la personalità del minore. 4. Il procedimento di separazione consensuale. La separazione consensuale acquista efficacia con l omologazione del Tribunale. L omologazione è provvedimento di volontaria giurisdizione (al di fuori di un giudizio) che rientra nella categoria degli atti autorizzativi. Omologazione: condizione legale necessaria alla efficacia dell atto. Anteriormente all omologazione, l accordo non produce alcun effetto, nemmeno in ordine all impegno delle parti, che sono quindi libere di ritirare il consenso già prestato. Competente alla omologazione è il medesimo Tribunale competente per la separazione. L omologazione si richiede mediante ricorso di uno o di entrambi i coniugi. Ricorso di un coniuge: competente è il Trib. del luogo ove l altro coniuge ha la residenza o il domicilio, in applicazione analogica della norma sulla separazione giudiziale (art. 706, I comma, c.p.c.) Ricorso di entrambi i coniugi: Trib. competente è quello dove l uno o l altro siano residenti o domiciliati. La proposizione del ricorso importa l obbligo del Presidente del Trib. di tentare la conciliazione. A tal fine il Presidente fissa con decreto il giorno della comparizione dei coniugi innanzi ad esso. Se il ricorso è presentato da uno solo dei coniugi, il Presidente fissa il giorno entro il quale deve essere notificato il decreto all altro coniuge. In caso di mancata comparizione di uno o di entrambi i ricorrenti, la domanda non ha più effetto. Se è assente il coniuge che non ha presentato il ricorso, viene fissata una nuova comparizione (art. 707, III comma, c.p.c.) Dalla data di comparizione dei coniugi innanzi il Presidente del Tribunale per il tentativo di conciliazione si computano i termini di durata minima della separazione (tre anni) per poter 7

8 chiedere il divorzio. Il triennio deve maturare anteriormente alla instaurazione del giudizio di divorzio. Il termine decorre ugualmente anche se non si presenta il coniuge cui sia stato notificato il decreto di comparizione. Se il tentativo di conciliazione non ha esito positivo, il Presidente fa verbalizzare la persistente volontà dei coniugi di separarsi e le condizioni eventualmente concordate circa l obbligo di mantenimento e l affidamento. A seguito della relazione fatta dal Presidente, il Trib. procede all omologazione mediante decreto emesso in Camera di consiglio e quindi senza le forme del processo ordinario e senza l intervento del p.m. Il Tribunale non ha facoltà di sindacare nel merito la decisione dei coniugi. Accertata la loro volontà di separarsi e l avvenuto tentativo di conciliazione, l omologazione non può essere rifiutata. La possibilità del rifiuto è prevista quando l accordo non salvaguardi la posizione dei figli (accordi che negano o limitano pesantemente il rapporto personale con un genitore, o anche secondo la legge sull affidamento condiviso con i parenti). Il Tribunale deve esaminare le condizioni riguardanti l affidamento ed il mantenimento dei figli e, se le reputa non sufficientemente conformi al loro interesse, convoca le parti indicando le modifiche da apportare al loro accordo. Se i coniugi insistono nell adottare le condizioni pregiudizievoli per la prole, il Tribunale deve rifiutare l omologazione. Art. 155 sexies, (inserito dalla l. n. 54 del 2006): prima dell emanazione dei provvedimenti, anche in via provvisoria, di cui all art. 155, il giudice può assumere mezzi di prova, ad istanza di parte o che d ufficio. Il giudice dispone, inoltre, l audizione del figlio dodicenne o anche di età inferiore, ove capace di discernimento. La separazione si estingue automaticamente per: espressa volontà dei coniugi (dichiarazione di riconciliazione, da presentare al Tribunale). quando tengono un comportamento non equivoco che sia incompatibile con lo stato di separazione, ai sensi dell art. 157, I comma, c.c. (convivenza, intesa come ripristino della comunione materiale e spirituale; cfr. Cass n , in Giust. civ., 1997, p ss.: ricostituzione del nucleo familiare nell insieme dei sui rapporti materiali e spirituali, animata dal proposito di dare nuovo impulso al vincolo coniugale, ponendo fine agli effetti della separazione. 8

9 Avvenuta la riconciliazione, la separazione può essere chiesta solo sulla base di fatti successivi che abbiano nuovamente reso intollerabile la prosecuzione della convivenza (art. 157, II comma, c.c.). 5. La natura dell atto di separazione consensuale. L accordo di separazione consensuale rientra nella categoria dei negozi giuridici, ossia di quegli atti giuridici che sono espressione della volontà di uno o più soggetti, i quali attraverso di essi operano manifestazione di detta volontà autodeterminando gli interessi che intendono perseguire e le modalità con cui intendono perseguirli, entro i limiti posti dall ordinamento giuridico (meritevolezza giuridico-sociale degli interessi, ex art. 1322, II comma; non contrarietà a norme imperative, all ordine pubblico ed al buon costume, ex art. 1343). In tal senso, infatti, si qualificano i negozi giuridici per la cosiddetta disponibilità degli effetti, segnando ciò il confine rispetto ai c.d. atti giuridici in senso stretto (come ad esempio l atto di costituzione in mora del debitore), in cui la manifestazione di volontà è limitata alla scelta dell atto (predisposto dall ordinamento) per il perseguimento dell effetto che la giustifica; effetto che, però, è predeterminato dalla legge. Come negozio, l accordo di separazione non è qualificabile in termini di contratto (così come definito dall art c.c.: accordo di due o più parti per costituire, regolare o estinguere un rapporto giuridico di natura patrimoniale), in quanto: 1. non ha natura patrimoniale, ma personale (è infatti un accordo di due parti per regolare un rapporto giuridico personale; l atto è qualificato personale in quanto incide in modo diretto sullo status dei coniugi; gli effetti patrimoniali eventuali e riflessi che da detto atto possono conseguire, non qualificano l atto); 2. non regola interessi contrapposti, ma interessi univoci. In dottrina viene definito come negozio bilaterale di natura personale, rientrante nella categoria dei negozi familiari. Sulla natura negoziale dell accordo di separazione cfr. Cass. 25 settembre 1978 n. 4277, in Foro it., 1979, I, c. 718 ss.; in senso conforme, v. Cass. 8 luglio 1998 n. 6664, in Foro it., 1998, I, c ss.; contra, asserisce la natura contrattuale dell accordo Cass. 27 ottobre 1972 n. 3299, in Giust. civ., 1973, I, p. 221 ss.; nel medesimo senso Cass. 5 luglio 1984 n. 3940, in Dir. fam. pers., 1984, I, p. 922 ss. In quanto negozio giuridico, all atto della separazione sono applicabili i principii generali del negozio giuridico; in tal senso, la volontà deve essere attuale e sicura, quindi saranno irrilevanti le dichiarazioni sottoposte a termine o a condizione; si ritengono applicabili all atto negoziale di separazione consensuale: 9

10 1. le norme sui vizii del consenso; 2. le norme sulla capacità: in particolare, se uno dei coniugi è interdetto, la separazione non può essere concordata dal tutore, in quanto atto personalissimo. Se la separazione è consentita all interdetto direttamente, essa è annullabile secondo la regola generale; mentre quella stipulata dal tutore è radicalmente inefficace, esulando dal suo potere rappresentativo. 3. Le norme sulla simulazione (reputa revocabile l omologazione in caso di atto consensuale simulato Trib. Bologna, 7 maggio 2000, in Giur. it., 2000, I, c. 66 ss.; in dottrina aderisce alla ammissibilità C.M. BIANCA, La famiglia, cit., p. 248, spec. nota 211: le parti che simulano intendono porre in essere una situazione di apparenza da utilizzare per i loro fini, e l omologazione occorre per creare tale apparenza. Contra, Cass. 20 novembre 2003 n , in Fam. dir., 2004, p. 473 ss., nonché in Dir. fam. pers., 2005, I, p. 455 ss., con nota di F. DANOVI, È davvero irrilevante (e inattaccabile) la simulazione della separazione?. Secondo il S.C., l accordo ha natura negoziale; possono applicarsi le norme del regime contrattuale, nella specie: vizi del consenso e capacità delle parti; è inammissibile l impugnazione della separazione per simulazione quando i coniugi abbiano chiesto al Tribunale l omologazione: in tal caso la volontà di conseguire lo status di separati è effettiva e non si simula. I fatti che legittimano i coniugi a chiedere la separazione, sia giudiziale, sia consensuale sono: 1. intollerabilità della convivenza; 2. grave pregiudizio per la prole. Il giudice che omologa la consensuale dovrà verificare la conformità della pattuizione agli interessi dei figli. L atto di separazione è valido anche se non contiene disposizioni sui diritti patrimoniali e personali e circa i rapporti con i figli aventi diritto al mantenimento. I coniugi possono accordarsi successivamente. In mancanza di accordo, ciascuno dei due può chiedere al giudice (domanda con atto di citazione) di adottare i necessari provvedimenti integrativi della separazione consensuale. I coniugi possono chiedere al Trib. la modifica delle clausole dell atto di separazione e dei provvedimenti giudiziali riguardo i diritti patrimoniali e la prole (art. 711, u.c., c.p.c.). In tal senso, gli accordi in sede di consensuale si configurano come convenzioni di diritto familiare su cui incidono le vicende sopravvenute che modificano le posizioni personali e patrimoniali delle 10

11 parti: cfr. Cass. 25 settembre 1978 n. 4277; sulla rivedibilità dell assegno v., ex multis, Cass. 5 maggio 2001 n. 3149, in Fam. dir., 2001, p. 442 ss.) Gli accordi possono anche essere modificati dagli stessi coniugi (Cass. 11 giugno 1998 n. 5829: le modificazioni degli accordi successive all omologazione ovvero alla pronunzia presidenziale (di cui all art. 708 c.p.c., modificato dalla legge sull affidamento condiviso che ha integrato l art. in parola aggiungendo il IV comma: contro i provvedimenti di cui al III comma ossia: se la conciliazione non riesce, il Presidente con ordinanza dispone provvedimenti temporanei ed urgenti nell interesse della prole e dei coniugi, nomina il giudice istruttore e fissa l udienza di comparizione e trattazione si può proporre reclamo, entro 10 gg. dalla notificazione del provvedimento, con ricorso alla Corte d appello che si pronunzia in Camera di consiglio), trovando fondamento nell art c.c., devono ritenersi valide ed efficaci a prescindere dall intervento del giudice ex art. 710 c.p.c. (modificabilità dei provvedimenti relativi alla separazione dei coniugi), qualora non superino il limite di derogabilità consentito dall art. 160 c.c. (diritti inderogabili: gli sposi non possono derogare né ai diritti né ai doveri previsti dalla legge per effetto del matrimonio) e, in particolare, quando non interferiscano con l accordo omologato ma ne specifichino il contenuto con disposizioni maggiormente rispondenti, all evidenza, con gli interessi tutelati. 6. Il problema della fonte della separazione consensuale. Il problema riguarda l individuazione dell atto dal quale derivava come effetto lo status di coniuge separato (accordo delle parti, ovvero omologazione del Tribunale) e quindi quale sia il momento determinante la separazione. In dottrina ed in giurisprudenza si contendono il campo le distinte posizioni di quanti: 1. ravvedono la fonte della separazione consensuale nel consenso dei coniugi (ossia nell accordo); per tal via l omologazione è vista come condicio iuris sospensiva degli effetti dell accordo. In questi termini, l omologazione è intesa come mera verifica da parte del giudice che l accordo sia in linea con quello che prevede la legge e che non vi siano ostacoli a riconoscere gli effetti dell accordo (in tal senso, in dottrina, v. FALZEA, CARNELUTTI, BIANCA, BARBIERA, MORACE PINELLI, opere cit.; in giurisprudenza cfr. Cass. 8 luglio 1998 n. 6664, in Foro it., 1998, I, c. 2368, spec. c ove: il giudice è condizionato all accordo dei coniugi). 11

12 Secondo detta impostazione, la tesi trova fondamento a livello normativo negli artt. 158 c.c. e 711 c.p.c., dai quali si evince come l omologazione non sia una fase autonoma, né elemento costitutivo della separazione, dato che essa incide esclusivamente sull effetto della separazione, non sulla causa di essa. Secondo l autorevole opinione del FALZEA, inoltre, tra l accordo e la omologazione non intercorre un legame funzionale (che è ravvisabile in uno stesso procedimento), bensì un nesso strutturale tra causa ed effetto di una medesima fattispecie. La tesi della dottrina sembra trovare particolare conferma nella lettera del I comma dell art. 158 c.c., là dove la norma recita: La separazione per il solo consenso dei coniugi non ha effetto senza l omologazione. L omologazione condiziona, dunque, l effetto, non la fattispecie. In tal senso, secondo l opinione di FALZEA, l omologazione può esser considerata come condicio iuris per il fatto che incide sull effetto in senso sospensivo. Ad ulteriore conforto si pone anche il II comma del medesimo art. 158 c.c.: quando l accordo dei coniugi relativamente all affidamento dei figli è in contrasto con l interesse di questi il giudice riconvoca i coniugi indicando ad essi le modificazioni da adottare nell interesse dei figli e, in caso di inidonea soluzione, può rifiutare allo stato l omologazione. (art. dichiarato costituzionalmente illegittimo nella parte in cui non prevede che il decreto di omologazione della separazione consensuale costituisce titolo per l iscrizione dell ipoteca giudiziale ai sensi dell art c.c.: C. Cost. 18 febbraio 1988 n. 186). Così, il giudice non partecipa alla regolamentazione della separazione consensuale ma certifica dall esterno che quella separazione non leda degli interessi protetti dall ordinamento. I compiti del giudice sono, infatti, limitati: Verifica che l accordo non leda l interesse dei figli. Richiama i coniugi per un accordo lesivo. Suggerisce le modifiche. Se i coniugi non si adeguano rifiuta l omologazione. La fonte della separazione consensuale pare dunque individuabile nell accordo tra i coniugi. 2. Individuano la fonte della separazione nella omologazione, alla quale attribuiscono natura costitutiva. In tale prospettiva, l accordo tra i coniugi rappresenta un mero presupposto. (in tal senso, v. App. Venezia 11 giugno 1983, in Giur. it., 1984, I, 2, c. 666 ss. 12

13 3. Intendono la separazione consensuale come fattispecie complessa a formazione progressiva in cui si combinano l accordo e l omologazione; in tal senso, sino a quando non interviene l omologazione non si ha separazione. Detta fattispecie consta di due elementi: 1. il consenso dei coniugi (l accordo tra i coniugi); 2. l omologazione del giudice. Sulla natura del provvedimento di omologazione, cfr. ex pluribus, Cass. 24 agosto 1990 n. 8712; in senso conforme v. Cass. 10 gennaio 1977 n. 69, in Giust. civ., 1977, I, p. 623 ss. ed in Foro it., 1977, I, c. 62 ss. 7. La revoca del consenso. Può accadere che nelle more tra la presentazione dell accordo di separazione e il decreto di omologazione (tra i quali può passare un considerevole lasso temporale) i coniugi o uno di essi cambino idea, revocando il consenso. Anche in quest ambito si contendono il campo distinte opinioni di dottrina e di giurisprudenza. A fronte, infatti, di chi, sostenendo che il consenso sia revocabile, asserisce che in caso di revoca del consenso l accordo non sia omologabile dal Tribunale, altri, per converso, affermano la irrevocabilità del consenso e, dunque, la omologabilità dell accordo. La irrevocabilità del consenso è sostenuta da: A. FALZEA, La separazione personale, cit., p. 116 ss. F. CARNELUTTI, Separazione per accordo tra i coniugi, in Riv. trim. dir. proc. civ., 1936, II, p. 153 ss. E. GIACOBBE, Separazione consensuale e revoca del consenso, cit., p. 710 ss. L. BARBIERA, Separazione e divorzio: fattispecie, disciplina processuale, effetti patrimoniali, Bologna, 1997, p. 44 Ammette la revocabilità del consenso C.M. BIANCA, La famiglia, cit., p. 250 ss., il quale sostiene che la irrevocabilità implicherebbe la sua efficacia vincolante in contrasto col generale riconoscimento che, relativamente agli atti di disposizione del proprio corpo e del proprio stato, la persona deve essere libera di decidere fin quando non sia intervenuto il mutamento consentito. Secondo altra dottrina (RUBINO), il consenso prestato nei negozi familiari è sempre revocabile prima che l atto abbia prodotto i suoi effetti, in ragione del fatto che la parte deve essere lasciata 13

14 libera di valutare se l atto che sta compiendo sia conforma agli interessi propri e della propria famiglia. Per gli approfondimenti del caso si rimanda in particolare a E. GIACOBBE, Separazione consensuale e revoca del consenso, in Rass. dir. civ., 1991, II, p. 698 ss. 14

15 SEPARAZIONE DEI CONIUGI 1. Separazione come rimedio: Cass. 17 luglio 1997, n. 6566, in Fam. dir., 1998, p. 82 ss. Riforma del 75 non più sanzione per colpa, ma rimedio per intollerabilità della convivenza: quindi l art. 151 c.c. costruisce un modello unitario di separazione fondato su accertamento di presupposti oggettivi irrilevanza dei comportamenti successivi del coniuge separato l addebito trova la sua fonte nella convivenza In tema di separazione personale dei coniugi la riforma del 1975 ha profondamente innovato la previgente disciplina, eliminando la concezione della sanzione basata sulla colpa, ed introducendo il concetto del rimedio ad una situazione di intollerabilità della convivenza, o di grave pregiudizio all educazione della prole, anche indipendente dalla volontà dei coniugi. Conseguentemente, l art. 151 c.c. costruisce un modello unitario di separazione, fondato sull accertamento di presupposti oggettivi, rappresentati dalla sussistenza di fatti tali da integrare la suddetta situazione, rispetto al quale l addebitabilità ad uno o ad entrambi i coniugi si pone come dichiarazione eventuale, da pronunciare nel contesto della separazione, ove ne ricorrano le circostanze. Una volta accertati i presupposti oggettivi per la pronuncia della separazione, e cessata di fatto la convivenza, non possono logicamente più assumere rilievo i comportamenti successivi del coniuge separato, anche se, in ipotesi, idonei a giustificare una dichiarazione di addebitabilità, posto che l addebito trova la sua collocazione esclusivamente nel quadro della separazione, come responsabilità causativa dell intollerabilità della prosecuzione della convivenza, e non ha quindi ragion d essere allorché la convivenza è cessata. Tale necessario collegamento tra convivenza ed addebitabilità della separazione, rende inammissibile la richiesta di addebitabilità anche successivamente ad una separazione consensuale. 2. Contenuto essenziale ed eventuale dell accordo Cass. 15 maggio 1997, n. 4306, in Nuova giur. civ. comm., 1999, I, p. 278 ss., con nota di ZANUZZI Accordo: contenuto essenziale ed eventuale (anche godimento e proprietà dei beni) L'accordo di separazione ha un contenuto essenziale - il consenso reciproco a vivere separati - ed un contenuto eventuale, costituito dalle pattuizioni necessarie ed opportune, in relazione all instaurazione di un regime di vita separata, a seconda della situazione familiare (affidamento dei figli; assegni di mantenimento; statuizioni economiche connesse). Nel contenuto eventuale dell accordo di separazione rientra, quindi, ogni statuizione finalizzata a regolare l assetto economico dei rapporti tra i coniugi in conseguenza della separazione, comprese quelle attinenti al godimento ed alla proprietà dei beni, il cui nuovo assetto sia ritenuto dai coniugi stessi necessario in relazione all accordo di separazione e che il tribunale - con l omologazione - non abbia considerato in contrasto con interessi familiari prevalenti rispetto a quelli disponibili di ciascuno di essi. 15

16 3. Congruità dell accordo e rifiuto di omologazione Cass. 13 febbraio 1985 n. 1208, in Giur. it., 1986, I, 1, c. 118 ss.; in Giust. civ., 1985, I, p ss.; ed in Dir. fam. pers., 1985, I, p. 510 ss La congruità dell accordo deve essere valutata dal giudice al momento della omologazione. Il giudice può rifiutare l omologazione de ritiene la pattuizione non conforme all interesse dei figli. Tutte le condizioni devono essere presentate al giudice. Quindi le clausole concordate prima e non presentate e quelle concordate dopo l omologazione non sono efficaci. In tema di separazione consensuale, la congruità degli accordi raggiunti tra i coniugi sulle condizioni della separazione agli interessi dei figli deve essere valutata dal giudice nel momento dell omologazione; il giudice può rifiutare l omologazione se ritiene non conforme all interesse dei figli la pattuizione che riguarda il loro affidamento e mantenimento. Tale diritto-dovere ha un contenuto reale solo se tutte le condizioni vengono presentate al giudice; conseguentemente sono inefficaci sia le clausole concordate prima ma non presentate all omologazione, sia quelle concordate successivamente all omologazione le une e le altre in concreto non passate al controllo riservato al giudice Potere di controllo del giudice sui contenuti dell accordo anche nel merito. Ne consegue l inefficacia dei patti di definizione del mantenimento non sottoposti al giudice In tema di separazione consensuale dei coniugi, l art. 158 (nuovo testo) c.c., prevedendo il rifiuto dell omologazione per il caso di accordi sul mantenimento dei figli in contrasto con gli interessi dei medesimi, conferisce al giudice il potere-dovere di controllare i suddetti accordi anche nel merito, e non solo cioè in relazione all eventuale contrasto con inderogabili principi di ordine pubblico. Ciò comporta che i patti, con cui i coniugi definiscono nel suo complesso il mantenimento del nucleo familiare, includente figli minori, e non si limitino quindi a regolamentare i rapporti patrimoniali fra loro, restano inefficaci qualora vengano sottratti al vaglio dell omologazione, sia perché non compresi fra le clausole della separazione, sia perché concordati in un momento successivo alla sua omologazione. Cass. 5 luglio 1984 n. 3940, in Dir. fam. pers., 1984, I, p. 922 ss. Ciascuno dei coniugi ha il diritto di condizionare il consenso alla separazione al soddisfacente assetto dei propri interessi economici, ma senza lesione dei diritti inderogabili. È quindi valido un contratto preliminare con cui si promette il trasferimento della proprietà di un immobile all altro coniuge in vista di una futura separazione, anche senza omologazione, purché non vi sia lesione del diritto al mantenimento o agli alimenti Poiché ciascuno dei coniugi ha il diritto di condizionare il proprio consenso alla separazione personale ad un soddisfacente assetto dei propri interessi economici, sempre che in tal modo non si realizzi una lesione di diritti inderogabili, è valido un contratto preliminare con cui uno dei coniugi, in vista di una futura separazione consensuale, promette di trasferire all altro la proprietà di un bene immobile, anche se tale sistemazione dei rapporti patrimoniali avviene al di fuori di qualsiasi controllo da parte del giudice che provvede ad omologare gli accordi di separazione, purché tale attribuzione non sia lesiva delle norme relative al mantenimento od agli alimenti, e ciò, altresì, a prescindere dalle condizioni economiche del coniuge beneficiario, una volta che il diritto al mantenimento, od agli alimenti, di quest ultimo sia stato così riconosciuto dal coniuge obbligato. 16

17 4. Clausole anteriori, contemporanee e successive all omologazione; funzione dell omologazione; non contrarietà ai doveri inderogabili Cass. 22 gennaio 1994, n. 657; in Dir. fam. pers., 1994, I, p. 868 ss.; in Giust. civ., 1994, I, p. 912 ss.; in Nuova giur. civ. comm., 1994, I, p. 710 ss., con nota di FERRARI; in Fam. dir., 1994, p. 139 ss., con nota di CARBONE; in Giur. it., 1994, I, 1, c ss.; in Vita not., 1995, p. 126 ss., con nota di CURTI; in Dir. eccl., 1995, II, p. 148 ss.; ed in Foro it., 1995, I, c ss. Le clausole concordate successivamente all omologazione (non soggette al vaglio giudiziario) incidono sull accordo omologato (col limite del 160 c.c.). Le clausole anteriori o contemporanee al procedimento di omologazione operano de si collocano in posizione di non interferenza con l accordo omologato o in posizione di maggior rispondenza all interesse tutelato In tema di separazione consensuale, mentre le modificazioni pattuite dai coniugi successivamente all omologazione, trovando fondamento nell art c.c., devono ritenersi valide ed efficaci, anche a prescindere dallo speciale procedimento disciplinato dall art. 710 c.p.c., quando non varchino il limite di derogabilità consentito dall art. 160 c.c., le pattuizioni convenute antecedentemente o contemporaneamente all accordo omologato sono operanti soltanto se si collocano in posizione di non interferenza rispetto a quest ultimo (perché concernono un aspetto che non è disciplinato nell accordo formale, oppure perché hanno un carattere meramente specificativo di disciplina secondaria), ovvero in posizione di conclamata e incontestabile maggior rispondenza rispetto all interesse tutelato, come per l assegno di mantenimento concordato in misura superiore a quella sottoposta ad omologazione. Cass. 5 gennaio 1984 n. 14, in Giust. civ., 1984, I, p. 669 ss.; in Vita not., 1984, p. 407 ss.; in Riv. notar., 1984, pp. 375 ss. e 593 ss.; in Giur. it., 1984, I, 1, c ss.; ed in Dir. fam. pers., 1984, I, p. 473 ss. Inefficacia della clausola sull obbligo di contribuzione patrimoniale non sottoposta al vaglio dell omologazione non richiamata nel ricorso per separazione Nel procedimento di separazione consensuale, il regolamento concordato tra i coniugi, pur trovando la sua fonte nell accordo delle parti, acquista efficacia giuridica soltanto in seguito al provvedimento di omologazione. Pertanto, la clausola con cui i coniugi, al di fuori del procedimento di separazione, determinano l obbligo delle contribuzioni patrimoniali nei loro rapporti o verso i figli, ove non sia riprodotta nel verbale omologato dal tribunale, ai sensi degli artt. 158 c.c. e 711 c.p.c., è inefficace, a prescindere dall inclusione o meno nel ricorso per separazione, se le parti non l abbiano espressamente richiamato, dovendo ritenersi assorbita delle clausole incluse invece nel verbale. Cass. 18 settembre 1997, n. 9287, in Giust. civ., 1997, I, p ss., con osservazione di GIANCALONE; in Vita not., 1998, p. 217 ss. Efficacia dell accordo per omologazione operatività dei patti convenuti antecedentemente e contemporaneamente all accordo omologato se in posizione autonoma non collegate al contenuto necessario del regime In tema di separazione consensuale, il regolamento concordato fra i coniugi, pur trovando la sua fonte nell accordo delle parti, acquista efficacia giuridica soltanto in seguito al provvedimento di omologazione, al quale compete l essenziale funzione di controllare che i patti intervenuti tra i coniugi siano conformi ai superiori interessi della famiglia. Ne consegue che le pattuizioni convenute antecedentemente e contemporaneamente all accordo omologato sono operanti solo se si 17

18 collochino in una posizione di autonomia in quanto non immediatamente riferibili né collegate al contenuto necessario del regime di separazione. Cass. 28 luglio 1997, n. 7029, in Giust. civ. Mass., 1997, p Operatività dei patti convenuti antecedentemente e contemporaneamente all accordo omologato se in posizione di non interferenza o di maggior rispondenza all interesse tutelato In tema di separazione consensuale, le modificazioni pattuite dai coniugi antecedentemente o contemporaneamente all accordo omologato sono operanti soltanto se si collocano in posizione di non interferenza rispetto a quest ultimo o in posizione di maggior rispondenza rispetto all interesse tutelato. Cass. 24 febbraio 1993, n. 2270, in Giust. civ., 1994, I, p. 213 ss., con nota di SALA; in Dir. fam. pers., 1994, I., p. 554 ss., con nota di DORIA I patti successivi all omologazione trovano fonte nell art c.c. e sono validi, anche senza omologazione, purché non contrastino con il limite dell art. 160 c.c. In tema di separazione consensuale, le modificazioni pattuite dai coniugi successivamente all omologazione, trovando fondamento nell art c.c., devono ritenersi valide ed efficaci, anche a prescindere dallo speciale procedimento disciplinato dall art. 710 c.p.c., quando non varchino il limite di derogabilità consentito dall art. 160 c.c.; per contro, alle pattuizioni convenute dai coniugi prima del decreto di omologazione e non trasfuse nell accordo omologato, può riconoscersi validità solo quando assicurino una maggiore vantaggiosità all interesse protetto dalla norma (ad esempio concordando un assegno di mantenimento in misura superiore a quella sottoposta ad omologazione), o quando concernino un aspetto non preso in considerazione dall accordo omologato e sicuramente compatibile con questo in quanto non modificativo della sua sostanza e dei suoi equilibri, o quando costituiscano clausole meramente specificative dell accordo stesso, non essendo altrimenti consentito ai coniugi incidere sull accordo omologato con soluzioni alternative di cui non sia certa a priori la uguale o migliore rispondenza all interesse tutelato attraverso il controllo giudiziario di cui all art. 158 cod. civ. Cass. 8 marzo 1995, n. 2700, in Dir. fam. pers., 1995, I, p ss. L omologazione ha lo scopo di attribuire efficacia all accordo privato, senza operare integrazione della volontà negoziale. Se contiene una donazione, l omologazione non vale a rivestire l atto negoziale della forma dell atto pubblico Nel procedimento per la separazione consensuale, di cui all art. 711 c.p.c., il provvedimento di omologazione del Tribunale, operando sul piano del controllo, ha lo scopo di attribuire efficacia all accordo privato dall esterno, senza operare alcuna integrazione della volontà negoziale delle parti. Di conseguenza, ove nell accordo i coniugi abbiano convenuto una donazione, l omologazione non vale a rivestire l atto negoziale della forma dell atto pubblico, richiesto dall art. 782 c.c., che gli artt e 2700 c.c. impongono sia redatto e formato dal pubblico ufficiale. Cass. 20 ottobre 2005 n , in Guida dir., 3 dicembre 2005, n. 46, p. 55 Separazione personale dei coniugi modifiche pattuite dai coniugi successivamente all omologazione validità 18

19 In tema di separazione personale, le modificazioni pattuite dai coniugi successivamente all omologazione, trovando fondamento nell art c.c., devono ritenersi valide ed efficaci, anche a prescindere dallo speciale procedimento disciplinato dagli artt. 710 e 711 c.p.c. senz altro limite che non sia quello di inderogabilità consentito dall art. 160 c.c. Le pattuizioni, invece, convenute dagli stessi coniugi antecedentemente o contemporaneamente al decreto di omologazione e non trasfuse nell accordo omologato sono operanti soltanto se si collocano, rispetto a quest ultimo, in posizione di non interferenza o in posizione di conclamata e incontestabile maggiore (o uguale) rispondenza all interesse tutelato attraverso il controllo di cui all art. 158 c.c. Cass. 22 aprile 1982 n. 2481, in Giust. civ. Mass., 1982, fasc. 4. I patti modificativi degli accordi economici sono validi ed efficaci anche senza l omologazione del giudice, se non lesivi del diritto di mantenimento o di alimenti (avente natura inderogabile, ex art. 160 c.c.) I patti modificativi delle condizioni economiche previste in sede di separazione consensuale sono validi ed efficaci, anche senza l omologazione del tribunale, qualora essi non siano lesivi del diritto di mantenimento o di alimenti, riconducibile al diritto-dovere d assistenza (art. 143 c.c.), avente natura inderogabile (art. 160 c.c.), ma la parte che lamenta tale lesione per il superamento dei limiti della derogabilità - che non è ravvisabile quando tale diritto sia maggiormente tutelato può provocare il relativo accertamento giudiziale. (Nella specie, il marito aveva convenuto di corrispondere alla moglie consensualmente separata una somma mensile doppia rispetto a quella fissata in sede di omologazione a titolo di mantenimento, ma successivamente aveva dedotto la nullità di tale pattuizione. Il giudice del merito aveva ritenuto valido il patto modificativo e la Suprema Corte ha confermato tale pronuncia). Trib. Messina 18 maggio 2006 (decr.): esclude che il tardivo ripensamento di uno dei coniugi, rispetto all'assetto di interessi concordato in sede di separazione consensuale, possa giustificare il procedimento di revisione dei provvedimenti, ex artt. 155 e 156 c.c., che si accompagnano alla stessa separazione), con nota di richiami Separazione personale Consensuale Procedimento di revisione Presupposti Fatti nuovi Necessità Tardivi ripensamenti da parte di uno dei coniugi Irrilevanza (Cod. civ., artt. 155 e 156; cod. proc. civ., art. 710). I provvedimenti di cui agli artt. 155 e 156 c.c. possono essere modificati in qualsiasi tempo, con il procedimento di revisione di cui all art. 710 c.p.c., solo al fine di porre rimedio a discordanze tra la situazione tenuta presente in sede di separazione e la situazione successiva e non per tardivi ripensamenti da parte di uno dei coniugi, non soddisfatto dall assetto di interessi concordato. La clausola rebus sic stantibus, cui sono soggetti i provvedimenti che si accompagnano alla separazione dei coniugi, presuppone, per la loro modifica, la sopravvenienza di circostanze che le parti non ebbero la possibilità di prevedere o non previdero in quella sede» (Sul punto, cfr. Cass. 7 marzo 1990, n. 1800, in Foro it., Rep., 1990, voce Separazione di coniugi, n. 88, secondo cui: «Anche in tema di separazione consensuale, l ammontare dell assegno di mantenimento deve ritenersi soggetto alla clausola implicita del rebus sic stantibus; con la conseguenza che il giudice può e deve disporne la modifica quando l equilibrio economico risultante dai fatti della separazione risulti alterato per la sopravvenienza di circostanze che le parti non ebbero la possibilità di prevedere e non previdero in quella sede). 19

20 5. Decreto di omologazione Cass. 24 agosto 1990 n. 8712, in Giust. civ., 1990, I, p ss. ed in Stato civ. ita., 1992, p. 189 ss Non è impugnabile il decreto della Corte d Appello che decide su reclamo avverso il decreto di omologazione, in quanto atto di contenuto decisorio Non è impugnabile per Cassazione, ai sensi dell art. 111 Cost., il decreto della Corte di Appello che abbia deciso sul reclamo avverso il decreto del tribunale di omologazione della separazione consensuale tra coniugi, costituendo questo provvedimento un atto privo di contenuto decisorio, e quindi inidoneo ad acquistare l efficacia del giudicato sostanziale, che è impugnabile con reclamo ai sensi dell art. 739 c.p.c. e revocabile ai sensi dell art. 742 c.p.c., per vizi di legittimità che non si convertono in motivi di gravame, ma sono in ogni tempo deducibili nell ambito della giurisdizione camerale Decreto di omologazione è atto di controllo privo di contenuto decisorio, perché incide, ma non decide sui diritti soggettivi Il decreto di omologazione della separazione personale consensuale concordata tra i coniugi è un atto di controllo, privo di contenuto decisorio, perchè incide, ma non decide, su diritti soggettivi perfetti; lo stesso, di conseguenza, impugnabile con reclamo alla Corte d appello e revocabile per vizi di legittimità (vizi eccepibili, altresì, in un ordinario processo, ove l esistenza di un valido decreto di omologazione si presenti come imprescindibile condizione di legittimità dell azione), non ha attitudine ad acquistare l efficacia di giudicato sostanziale e non è ammissibile, quindi, il ricorso per Cassazione, avverso il decreto della Corte d appello che abbia deciso sul reclamo contro di esso. Cass. 22 maggio 1990 n. 4613, in Giust. civ. Mass., 1990, fasc. 5 Il provvedimento del presidente del tribunale con cui rimette gli atti al collegio per la omologazione non è impugnabile per Cassazione per difetto di decisorietà In causa di separazione personale dei coniugi, il provvedimento del Presidente del tribunale, il quale rimetta gli atti al collegio per la omologazione della separazione consensuale, ritenendo formato un irretrattabile accordo dei contendenti circa il mutamento del titolo della separazione medesima, e disponga inoltre in ordine all affidamento della prole minore, non è impugnabile, per difetto di decisorietà, con ricorso per Cassazione, ai sensi dell art. 111 Cost., considerando, quanto alla prima statuizione, che la natura ordinatoria della rimessione delle parti al collegio giudicante non resta esclusa per il fatto che in essa si indichi la pronuncia adottanda, alla stregua della provenienza di tale indicazione da organo istituzionalmente privo della potestas iudicandi (e del conseguente suo carattere non vincolante), e, quanto alla seconda statuizione, che si tratta di determinazione provvisoria e cautelare, revocabile e modificabile dal tribunale anche in esito alla rivalutazione degli stessi elementi sulla cui base e' stata emessa. Cass. 16 ottobre 1987 n. 7647, in Giust. civ. Mass., 1987, fasc. 10 Il provvedimento di omologazione di cui all art. 711, comma 4, c.p.c. attribuisce efficacia alla separazione consensuale dei coniugi per il solo fatto che il riscontro sulla sussistenza delle condizioni di legge è stato effettuato con esito positivo; esso non va notificato o comunicato alle parti ed al p.m. ai fini della successiva pronuncia di divorzio. 20

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

I mezzi di impugnazione

I mezzi di impugnazione 4 I mezzi di impugnazione SOMMARIO 1. L appello previsto dall art. 310 c.p.p. 2. Il ricorso per Cassazione previsto dall art. 311 c.p.p. 2.1. La impossibilità di scelta per la difesa del c.d. ricorso per

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis). CONSIGLIO NOTARILE DI BOLOGNA (6 Dicembre 2002) CONVEGNO - La nuova disciplina delle società di capitali: prime indicazioni operative I DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore della Pretura circondariale di Monza

Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore della Pretura circondariale di Monza OPPOSIZIONE ALLE ORDINANZE-INGIUNZIONE DI PAGAMENTO DI SOMME A TITOLO DI SANZIONE AMMINISTRATIVA: PRINCIPALI QUESTIONI ORGANIZZATIVE, ORDINAMENTALI E PROCEDURALI Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali 1. Premessa. 2.La questione della vigenza dell art.23 della legge

Dettagli

Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato

Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato Le Guide per il Cittadino Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva Confconsumatori Federconsumatori

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli