famiglia e della prole; - di un contenuto eventuale, attinente ad intese che esulano dagli elementi essenziali della separazione consensuale, in

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "famiglia e della prole; - di un contenuto eventuale, attinente ad intese che esulano dagli elementi essenziali della separazione consensuale, in"

Transcript

1 Traccia n. 6 Gli accordi patrimoniali tra coniugi in sede di separazione e divorzio e la tutela dei creditori. Tipologia, elementi strutturali e problematiche applicative (annullabilità, revocabilità del consenso, simulazione ed assoggettabilità a revocatoria ordinaria e fallimentare. 1. Gli accordi dei coniugi in sede di separazione: contenuto e limiti. In particolare i c.d. accordi omologati e gli accordi a latere (o non omologati): il problema della loro validità. -2. Gli accordi in sede di divorzio su domanda congiunta dei coniugi. -3. Gli accordi preventivi, in vista della futura separazione o del divorzio. -4. Annullabilità dell accordo di separazione consensuale omologato e corollari applicativi La revocabilità del consenso e la simulazione dell accordo di separazione omologato. -5. Il trasferimento immobiliare come contenuto eventuale degli accordi di separazione coniugale: inquadramento dogmatico e disciplina applicabile. In particolare, l assoggettabilità degli atti traslativi a revocatoria ordinaria e fallimentare. 1. Gli accordi dei coniugi in sede di separazione: contenuto e limiti. In particolare i c.d. accordi omologati e gli accordi a latere (o non omologati): il problema della loro validità. Gli accordi dei coniugi in sede di separazione e divorzio hanno assunto un diverso e rinnovato valore a seguito, dapprima della legge sul divorzio n. 898 del 1970 (specie dopo le modifiche apportate dalla l. n. 74/1987) e in seguito della legge di riforma del diritto di famiglia. Il nuovo concetto di famiglia nucleare c.d. privatizzata, ancorata ai principi di parità e solidarietà tra coniugi (artt. 2, 3, 29 Cost.), ha valorizzato la volontà dei coniugi che sovente si esprime mediante l accordo, sia nella fase fisiologica del rapporto, che si concreta nella scelta dell indirizzo di vita familiare (art. 144 c.c.) e dell amministrazione straordinaria dei beni della comunione (art. 180 c.c.); sia nella fase patologica di crisi coniugale, dove si manifesta con la domanda di separazione consensuale e di divorzio congiunto, tipiche espressioni della possibilità per i coniugi di regolamentare la crisi coniugale tanto in sede di separazione che di divorzio. In particolare, nell ambito degli accordi di separazione grande importanza è attribuita alla separazione consensuale, riformata dalla legge n. 151/1975, in quanto rappresenta la massima espressione del concetto di negoziabilità-autonomia dei rapporti coniugali, in ossequio al menzionato obiettivo di riconoscere alla famiglia una vocazione privatistica, enucleabile anche dal dato letterale dell art. 158, co. 1, c.c. e dell art. 711, comma 4, c.p.c., nonché, dell art. 158, co. 2, c.c. Posto il principio dell autonomia dei coniugi è indispensabile enucleare i limiti invalicabili che il legislatore ha previsto in tale ambito. Si tratta, così come disciplinato dal art. 160 c.c.: - dell indisponibilità degli status familiari e dell inderogabilità dei diritti a questi connessi (solo il giudice, in sede di omologazione, è legittimato da un lato a riconoscere lo status di separato e, dall altro, a pronunciare la sentenza di divorzio, costitutiva dello scioglimento del vincolo negoziale); - della salvaguardia dell interesse della prole, unico sostanziale limite, ex art. 711 c.p.c., entro il quale è consentito un penetrante sindacato del giudice, in sede di omologazione della separazione consensuale, rispetto alle scelte effettuate dai coniugi. Il contenuto specifico degli accordi di separazione è composto: - di un contenuto essenziale, c.d. convenzioni di diritto di famiglia, relative prevalentemente alla cessazione del dovere di convivenza e alla regolamentazione degli altri obblighi previsti dall art. 143 c.c. (mantenimento del coniuge, sussistendone i presupposti; affidamento, educazione e mantenimento della prole; per alcuni, anche l assegnazione della casa familiare), che si discostano dai principi tipici dei rapporti contrattuali, in quanto l autonomia dei coniugi è in certa misura limitata in virtù del superiore interesse della 1

2 famiglia e della prole; - di un contenuto eventuale, attinente ad intese che esulano dagli elementi essenziali della separazione consensuale, in quanto sono semplicemente occasionate dalla crisi coniugale, e se hanno un contenuto prettamente patrimoniale, rientrano nei contratti atipici (c.d. contratti di separazione o della crisi) a cui si applica la relativa disciplina (art c.c., in primis). Tali accordi eventuali, occasionati dalla separazione, possono essere anteriori, coevi o successivi all omologazione, nonché possono essere omologati dal tribunale o rimanere a latere. L omologazione degli accordi di separazione da parte del giudice è sostanzialmente dovuta quando si tratta di intese finalizzate a regolare aspetti integrativi ed accessori della separazione consensuale, poiché il principio ispiratore consiste nel rispetto dell autonomia negoziale, naturalmente entro i limiti di inderogabilità dell art. 160 c.c., che limita il controllo giudiziale ad un mero controllo di legittimità (sub specie di non illiceità), ovviamente salvo per il prevalente interesse della prole. In tale prospettiva la legge 8 febbraio 2006, n. 54, «Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli», introducendo l istituto del c.d. affidamento condiviso, valorizza ulteriormente i principi cardine della nuova concezione privatistica della famiglia. Il nuovo art.155 c.c., in particolare, al comma secondo impone al giudice di «prende(re) atto, se non contrari all interesse dei figli, degli accordi intervenuti tra i genitori», e, al comma quarto, prevede che i genitori provvedano al mantenimento dei figli in misura proporzionale al proprio reddito «salvo accordi diversi, liberamente sottoscritti dalle parti». L obbligo del giudice di «tener conto» dell accordo dei coniugi sull affidamento dei figli e sul contributo per il loro mantenimento (art. 6, c. 9, l. div.), arricchisce di contenuti la prospettiva di rafforzamento dell autonomia dei genitori. La diversa ipotesi degli accordi a latere, non cristallizzati nel verbale sottoposto all omologazione del tribunale, ha destato problemi esegetici circa la loro validità o meno, anche in virtù del contenuto, spesso eterogeneo, di tali intese non omologate. Gli accordi non omologati possono tendere a modificare le intese omologate relative ad una separazione consensuale ovvero i provvedimenti emessi dal giudice, all interno di una separazione giudiziale, ovvero, possono essere diretti a delineare le condizioni di una separazione legale, o infine, possono essere finalizzati ad integrare le condizioni di una separazione legale consensuale. Un ulteriore discrimine fra le diverse tipologie di accordi c.d. a latere, può essere rinvenuto nel omento della loro redazione rispetto al provvedimento giudiziale di omologazione della separazione. Esemplificando, si può trattare di intese precedenti in cui le parti stabiliscono le linee di principio su cui verterà la futura separazione, risolvendo anticipatamente alcune delle questioni che naturalmente emergeranno in sede di separazione, come quelle relative alle proprietà comuni, ai necessari trasferimenti immobiliari, ecc.; coeve, in genere relative all ammontare dell assegno di mantenimento, o finalizzate a risolvere questioni di natura fiscale che i coniugi ritengono opportuno non pubblicizzare; ed infine successive, principalmente incentrate su accordi di dettaglio non contenuti nel verbale di omologazione, ovvero relative a problemi emersi solo in fase di esecuzione degli accordi di separazione. Riguardo alla validità di tali intese, è necessario ripercorrere brevemente le diverse soluzioni offerte negli anni dalla giurisprudenza che è passata dal non riconoscere validità a tali accordi, all affermazione della loro piena efficacia, enucleando, però, le necessarie differenziazioni. L iter giurisprudenziale in materia è in linea con l evoluzione del concetto stesso di famiglia e, di conseguenza, del rapporto coniugale che la fonda che si è distaccato dalla forte propensione pubblicistica per valorizzare la prospettiva privatistica insita nella sua stessa essenza. Nella prima fase (anni 80) si assiste all emersione della tesi restrittiva, di matrice pubblicistica, tendente a negare validità tanto agli accordi antecedenti non trasfusi nel verbale di omologazione della separazione consensuale quanto agli accordi successivi allo stesso e modificativi delle condizioni in esso fissate, in quanto l efficacia giuridica di tali intese doveva necessariamente presupporre la loro cristallizzazione nel provvedimento di omologazione del Tribunale (Cass., 5 gennaio1984, n. 14, per gli accordi antecedenti; Cass., 13 febbraio 1985, n per quelli successivi, per i quali si afferma che gli accordi con cui i coniugi modifichino, anche se migliorandole, le condizioni relative al mantenimento del nucleo familiare, includente i figli minori, sono inefficaci se non vengono omologati dal tribunale ). La fase successiva, al contrario, è caratterizzata dall abbandono della concezione pubblicistica che viene sostituita da quella c.d. privatistica, come si evince chiaramente dalle due significative sentenze n del 24 febbraio 1993 e n. 657 del 22 gennaio1994. In particolare, i patti successivi all omologazione, trovando fondamento nell art c.c., devono essere ritenuti validi ed efficaci in quanto meritevoli di tutela secondo l ordinamento giuridico, indipendentemente dal 2

3 procedimento di omologazione disciplinato dagli artt. 710 e 711 c.p.c., salvo gli invalicabili limiti contenuti nell art. 160 c.c.; le pattuizioni antecedenti o coeve alla separazione consensuale omologata, e non trasfuse nel relativo verbale, al contrario, sono validi ed efficaci solo se non «non interferiscono» con quanto stabilito nell accordo omologato, sempre previa verifica di rispondenza all interesse tutelato, nel rispetto dei principi espressi nell art. 158 c.c. In seguito, la Corte ha ribadito in modo uniforme tali principi (v. per es. Cass., n. 7029/97; n. 5829/1998; da ultimo n. 8516/2006; n. 9174/08; n. 2997/09). 2. Gli accordi in sede di divorzio su domanda congiunta dei coniugi. La legge n. 74/1987, di riforma della legge del 1970 ha introdotto il procedimento di divorzio ordinario contenzioso, a cui possono essere applicate le coordinate interpretative delineate per il procedimento di separazione dei coniugi, tanto in relazione all assenza di poteri di intervento del giudice sugli accordi di contenuto patrimoniale inerenti ai rapporti tra i divorziandi, quanto nel senso dell obbligo del giudice di «tener conto» dell accordo dei coniugi sull affidamento dei figli e sul contributo per il loro mantenimento (art. 6, co. 9, l. n. 898/1970, oggi sostituito dall obbligo di «prendere atto» di siffatte intese, ex art. 155, co. 2, c.c., ai sensi dell art. 4, cpv., l. 8 febbraio 2006, n. 54); infine l analogia tra gli accordi di separazione e di divorzio emerge con riferimento alla disponibilità del diritto all assegno in favore del coniuge divorziato, anche quando venga prescelta la liquidazione una tantum del predetto assegno, dietro verifica di equità da parte del tribunale (art. 5, co. 8, l. div. cit.). Il punto centrale dell autonomia dei coniugi in sede di separazione risiede nell accordo posto alla base della richiesta congiunta di divorzio che regolamenta i rapporti consequenziali allo scioglimento del vincolo matrimoniale e ricalca nei tratti essenziali l accordo concluso tra coniugi in sede di separazione negoziale. I presupposti di validità e di efficacia della domanda congiunta di divorzio prevedono, la necessità di un istanza congiunta unitamente alla compiuta indicazione delle relative condizioni anche economiche, sempre nel doveroso rispetto dell interesse dei figli, ex art. 4, co. 13, l. div., che pone il giudice nella possibilità, a seguito del relativo vaglio di merito, di modificare le intese dei coniugi affinché rispondano efficacemente ai reali interessi della prole. 3. Gli accordi preventivi, in vista della futura separazione o del divorzio. Un discorso a parte meritano gli accordi cc.dd. preventivi, siglati dai coniugi in vista della futura proposizione della domanda di separazione o di divorzio, i quali si differenziano dagli accordi patrimoniali tra coniugi sopra esaminati, in sede di o successivamente alla separazione o al divorzio, tendendti a regolamentare profili patrimoniali discendenti dal già acquisito (o dalla contestuale acquisizione) dello status di separato o divorziato. Nel tempo si sono susseguiti divergenti orientamenti circa la qualificazione giuridica di tali intese in vista del futuro ed eventuale divorzio, che sono sfociati in una netta divaricazione tra le conclusioni della dottrina e della maggioritaria giurisprudenza. La giurisprudenza, in particolare, tende a prevedere la nullità di tali accordi per illiceità della causa e/o illiceità o impossibilità dell oggetto, sulla base di una serie di argomentazioni giuridiche. In ordine di tempo è opportuno partire dalla prospettiva pubblicistica tipica degli orientamenti più risalenti secondo cui la nullità per illiceità della causa derivava dalla violazione dell art. 160 c.c., intesa come massima espressione della totale indisponibilità dei diritti e dei doveri che scaturiscono dal matrimonio, ed in particolare dello status coniugalis. Inoltre, la possibilità per i coniugi di revocare o modificare l assegno post-matrimoniale, in forza dell art. 9 l. 898 del 1970, era ritenuta una forma di tutela sufficientemente efficace da rendere superfluo il ricorso agli accordi pre-divorzio (Cass., 4 giugno 1992, n. 6857). Successivamente è emerso l orientamento incentrato sulla primaria e inviolabile libertà insita nella scelta dello status matrimoniale unitamente al fondamentale diritto di difesa nel processo di divorzio, fino a sostenere che gli accordi preventivi possono condizionare il comportamento delle parti non solo per i profili economici preconcordati ma - quando sono accettati in funzione di prezzo o contropartita per il consenso al divorzio - anche per quanto attiene alla volontà stessa di divorziare (Cass. civ., 18 febbraio 2000, n. 1810). Si tratterebbe, in sostanza, di un accordo tendente a configurare una transazione sullo status matrimoniale (Cass. civ., 11 giugno 1997, n. 5244); e ancora, gli accordi preventivi tra i coniugi sul regime economico del divorzio hanno sempre l effetto, se non anche lo scopo, di condizionare il comportamento delle parti nel giudizio concernente uno status; in una sfera, cioè, in cui la libertà di scelta ed il diritto di difesa esigono invece di essere indeclinabilmente garantiti (Cass. civ., 11 agosto 1992, n. 9494; Cass. civ., 28 ottobre 1994, n. 8912; Cass. civ., 7 settembre 1995, n. 9416; Cass. civ., 11 giugno 1997, n. 5244; Cass. civ., 20 marzo 1998, n. 2955). La dottrina maggioritaria, invece, si è mostrata favorevole a riconoscere validità a tali accordi, contestando in toto le argomentazioni addotte dalla giurisprudenza a sostegno della nullità di dette intese, 3

4 sottolineando come l oggetto degli accordi non è determinare lo status, ma regolare i rapporti economici che da questo discendono, nel rispetto della piena autonomia delle parti di optare per una soluzione transattiva della controversia, sempre che si tratti dei profili patrimoniali e non già degli status. In altre parole, la scure della nullità riguarda i soli accordi inerenti lo status coniugalis, dovendosi concludere per la piena validità delle intese tese a regolamentare i diritti disponibili di natura patrimoniale, in ossequio alla valorizzazione della concezione privatistica della famiglia, corroborata altresì, dai principi costituzionali di uguaglianza e solidarietà tra i coniugi (artt. 2, 3 e 29 Cost) e dal nuovo impianto privatistico dell assetto dei loro interessi per effetto delle leggi successive (in particolare, della legge sul divorzio, come riformata nel 1987; e della legge di riforma del diritto di famiglia del 1975). Inoltre, numerose applicazioni dei suddetti principi possono essere rinvenute tanto in tema di separazione consensuale e divorzio, specie se congiunto (artt. 157 e 158 c.c.; art. 711 c.p.c.; artt. 4, co. 13, e 5, co. 8, l. n. 898/1970 e succ. mod.), quanto in materia di riconoscimento degli accordi non omologati, in sede di separazione consensuale, ovvero contenuti nel ricorso di divorzio congiuntivo, nonché, infine, nelle recenti aperture a favore della validità di accordi patrimoniali nelle separazioni di fatto (ancorché inidonei a produrre gli effetti della separazione legale: cfr. per tutte Cass., 17 giugno 1992, n. 7470); 4. Annullabilità dell accordo di separazione consensuale omologato e corollari applicativi Il presupposto fondante della corretta qualificazione giuridica degli accordi omologati in sede di separazione consensuale consiste nell individuazione della natura giuridica e della funzione del decreto di omologazione. Il procedimento di omologazione è composto da due momenti: - uno privatistico, consistente nell accordo fra i coniugi, teso a porre fine alla convivenza e a regolamentare, eventualmente anche sotto il profilo patrimoniale, i conseguenti rapporti familiari; - e uno pubblicistico, rappresentato dal decreto di omologazione emesso dal Tribunale. La valorizzazione dell uno o dell altro momento porta naturalmente verso divergenti soluzioni circa la natura e la funzione dell omologa e di conseguenza dell accordo dei coniugi Tra le diverse ricostruzioni, tre in particolare hanno delineato le tappe fondamentali dell evoluzione interpretativa in materia, incentrandosi rispettivamente: 1) sulla prevalenza del momento pubblicistico della procedura, che assegna al provvedimento il valore di fatto costitutivo della separazione, in relazione al quale, dunque, l accordo delle parti funge da mero presupposto volontario che dà l avvio alla procedura, mancante di ogni contenuto negoziale e, quindi, avulso dall applicazione della disciplina sui vizi del consenso. 2) sulla equidistanza fra il momento privatistico e quello pubblicistico che tende a valorizzare lo scopo unitario sotteso alla complessa fattispecie della separazione consensuale, in cui l accordo dei coniugi corrisponde al presupposto del regolamento concordato tra i coniugi, il provvedimento di omologa funge da condizione di efficacia e al contempo svolge una funzione di controllo della legittimità dell accordo (e merito, nei limiti dell art. 151 c.c.) nonché del rispetto della libertà e regolarità del consenso, con la conseguenza che un eventuale vizio del consenso è di fatto prevenuto o sanato dall omologa. 3) sulla valorizzazione del momento privatistico della separazione, quindi dell accordo tra i coniugi al quale è riconosciuta natura negoziale, con la conseguenza che il provvedimento di omologazione si atteggia a mera condizione sospensiva (legale) di efficacia, avendo detto provvedimento la funzione, da un lato, di verificare che la convenzione sia compatibile con le norme cogenti ed i principi di ordine pubblico e, dall altro, di operare un pregnante controllo a tutela dell interesse dei figli. Resta, dunque, impregiudicata, anche dopo l avvenuta omologazione, la facoltà delle parti di esperire nei confronti della convenzione l azione di annullamento per vizi della volontà, in base alle regole generali del contratto (estensibili ai negozi giuridici non patrimoniali, genus al quale appartengono quelli di diritto di famiglia: Cass., 29 marzo 2005, n. 6625; Cass., 4 settembre 2004, n ; Cass., 20 novembre 2003, n ; Cass., 5 marzo 2001, n. 3149). In questi termini si è recentemente espressa Cass. civ., sez. I, 22 novembre 2007, n , precisando, inoltre, sotto il versante processuale, che è preclusa la possibilità per uno dei coniugi di ottenere l annullamento dell accordo (o la sua nullità) attraverso il procedimento camerale disciplinato dall art. 710 c.p.c.. Tale impostazione è stata, recentemente, confermata da Cass. civ., 20 marzo 2008, n La revocabilità del consenso e la simulazione dell accordo di separazione omologato. La soluzione della questione inerente l ammissibilità di una revoca unilaterale del consenso manifestato alla separazione e alle relative condizioni prima che intervenga l omologazione da parte del Tribunale, è fortemente influenzata dai principi cardine dell orientamento oggi prevalente che sottolinea la natura negoziale dell accordo. Su tali basi, dunque, non dovrà ritenersi ammissibile una revoca del consenso da parte di un solo 4

5 coniuge, nel caso in cui tale revoca abbia ad oggetto i soli rapporti patrimoniali e non già la domanda giudiziale di separazione, ciò anche alla luce del principio dell irretrattabilità degli accordi patrimoniali secondo cui è necessario il consenso congiunto delle parti ex art c.c. per far venir meno l accordo, purché ciò avvenga in sede di udienza presidenziale (in tal senso Cass., n. 6664/1998). Nell ipotesi in cui, al contrario, la revoca del consenso riguardi la domanda di separazione in senso stretto, l ammissibilità è condizionata dalla sua proposizione prima dell udienza presidenziale, nel rispetto dei requisiti di forma della rinuncia alla domanda giudiziale. Le medesime considerazioni valgono per l accordo posto alla base della richiesta congiunta di divorzio, sempre nell ottica della valorizzazione della natura negoziale dello stesso, tanto che il Tribunale non può emettere, in questa procedura, una sentenza difforme rispetto alla volontà delle parti, purché siano rispettati tutti i presupposti previsti ex lege. Partendo dalle esposte premesse si può argomentare, ulteriormente, sulla natura negoziale degli accordi di contenuto patrimoniale, i quali possono essere qualificati, a parere della dottrina maggioritaria, come veri e propri contratti di divorzio con conseguente applicazione della disciplina del contratto nei limiti di compatibilità. In tale ottica può essere interpretato il ruolo del Tribunale, di fatto limitato all accertamento di un «diritto soggettivo potestativo di divorzio» in capo ai coniugi, purché sussistano le condizioni di legge. Inoltre, gli effetti d ordine patrimoniale derivano direttamente dal contratto di divorzio concluso dai coniugi, rispetto al quale la pronuncia del tribunale assume il mero carattere di omologa emessa all esito di un procedimento di controllo sul rispetto delle norme inderogabili del vigente ordinamento, nel pieno rispetto della concezione c.d. privatistica della separazione consensuale che identifica l accordo di separazione alla stregua di atto di natura negoziale, rispetto al quale l omologazione giudiziale è mera condicio iuris di efficacia. A fronte dell impostazione c.d. privatistica della procedura prodromica all omologa dell accordo di separazione consensuale, emerge una questione problematica connessa all esperibilità o meno, in tale ambito, dell azione di simulazione di cui all art c.c., nell ipotesi in cui i coniugi abbiano simulato il raggiungimento di un accordo di separazione, in realtà non rispondente alla loro reale volontà. Le tesi sul tappeto possono enuclearsi in due opposti orientamenti. Secondo l orientamento prevalente in dottrina è ammessa l esperibilità dell azione di simulazione, sulla base della logica connessa alla natura negoziale dell accordo e alla funzione di condizione di efficacia dell omologa, evidenziando come lo stesso art. 123 c.c., nell ammettere expressis verbis l azione di simulazione relativa all atto costitutivo del rapporto (il matrimonio), non può non riconoscere il medesimo diritto rispetto all atto modificativo del rapporto originario. Inoltre, gli effetti dell omologa giudiziale, e quindi della stessa separazione a norma dell art. 157 c.c., possono cessare sul presupposto di un espressa dichiarazione in tal senso dei coniugi ovvero di una riconciliazione per facta concludentia. La giurisprudenza prevalente è, invece, di contrario avviso, come esemplificato da una serie di pronunce di legittimità, fra le quali emerge per importanza la sentenza n /2003, con la quale la Suprema Corte, mantenendo ferma la natura negoziale dell accordo che funge da presupposto fondante della separazione consensuale tra coniugi, e al contempo riconoscendo all omologa una condicio iuris di efficacia, esclude, comunque, l impugnabilità per simulazione dell accordo di separazione una volta omologato, non in ragione della natura giuridica dell accordo o del decreto di omologazione (come tali compatibili con l azione de qua), quanto piuttosto avuto riguardo agli effetti che l ordinamento attribuisce al provvedimento giudiziale. Nel caso di specie non si può parlare di vizio della volontà, in quanto i coniugi vogliono conseguire un determinato status giuridico (di separati), dal quale derivano effetti irretrattabili (salva la riconciliazione o il divorzio) tra di loro e nei confronti dei terzi. In tale prospettiva la manifestazione di volontà diretta ad ottenere l omologa della separazione presuppone l accettazione degli effetti giuridici che ne discendono e, di conseguenza, non rileva un eventuale precedente accordo simulatorio che viene quindi superato dall omologazione della separazione, posto che le parti non possono contestualmente richiedere il provvedimento e non accettare la condizione di separati che naturalmente discende dall omologa della separazione. In altre parole, anche in presenza di un accordo di separazione fittiziamente voluto, la conseguente domanda dei coniugi finalizzata ad ottenere l omologazione non può che essere manifestazione della reale volontà di ottenere lo status di separati, con conseguente superamento del precedente accordo simulatorio. L art. 123 c.c., inoltre, viene interpretato dalla Suprema Corte in senso restrittivo, alla stregua di norma che limita l esperimento dell azione di simulazione ai soli casi espressamente previsti dall ordinamento, in cui, se vi rientra l atto di matrimonio, certamente non quello relativo al provvedimento di separazione. 5. Il trasferimento immobiliare come contenuto eventuale degli accordi di separazione coniugale: inquadramento dogmatico e disciplina applicabile. In particolare, l assoggettabilità degli atti traslativi a revocatoria ordinaria e fallimentare. 5

6 Posta la natura negoziale dell accordo di separazione consensuale omologata, gli interpreti tendono a qualificarlo come un negozio giuridico bilaterale a carattere non contrattuale, nel cui nucleo primario o necessario non si rinviene il carattere della patrimonialità, diversamente rispetto al contenuto eventuale in cui il dato patrimoniale riveste una grande importanza pratica. In particolare, i coniugi possono optare per il trasferimento di beni immobili in adempimento all obbligo di mantenimento e in luogo della prestazione periodica (in tal senso, Cass., 11 novembre 1992, n , Cass., 15 maggio 1997, n e Cass., 17 giugno 2004, n.11342) ovvero con particolare riguardo ai riflessi fiscali (Cass., 20 maggio 2005, n ; Cass., 22 maggio 2002, n. 7493); ovvero costituire diritti reali minori, tra cui, il diritto di abitazione (cfr., in tal senso, già la remota Cass., 12 giugno 1963, n. 1594). Se non sorgono dubbi sulla validità ed efficacia dei suddetti accordi patrimoniali facenti parte del contenuto c.d. eventuale dell accordo di separazione, i maggiori problemi sono emersi nel tentativo di delineare la natura giuridica di tali fattispecie traslative. La tesi dell atipicità della causa e, dunque, del contratto, prevalente in giurisprudenza fino al 2004, valorizza la natura negoziale, con forte caratterizzazione di atipicità di dette clausole a contenuto patrimoniale, qualificandole come espressioni di autonomia contrattuale delle parti interessate (cfr. Cass., 2 dicembre 1991, n ), che producono veri e propri contratti atipici, perfettamente leciti in quanto diretti a realizzare interessi meritevoli di tutela ai sensi dell art c. c. (Cass., 17 giugno 2004, n ; Cass., 11 novembre 1992, n ; Cass., 21 dicembre 1987, n. 9500; Cass., 27 ottobre 1972, n. 3299; con riguardo a clausola inserita in un accordo per la separazione di fatto, Cass., 17 giugno 1992, n. 7470). Le peculiari finalità di tali intese patrimoniali non possono essere ricondotte nè all interno del paradigma delle convenzioni matrimoniali (essendo a contenuto patrimoniale), né di quello della donazione (essendo evidente l animus solvendi e non donandi), ma sono di volta in volta piegate alle esigenze dei coniugi al fine di comporre al meglio i reciproci interessi che emergono nella gestione della crisi del rapporto coniugale. In tal senso, la sentenza Cass. civ., sez. II, 17 giugno 2004, n , ha previsto la possibilità che, in sede di separazione consensuale, il coniuge tenuto a provvedere al mantenimento del figlio minore, possa impegnarsi a trasferire in favore della prole la piena proprietà di un bene immobile, al fine di adempiere all obbligo di mantenimento nei confronti di quest ultimo, precisando, inoltre, come tale pattuizione non sia assoggettabile nè alla risoluzione per inadempimento, a norma dell art cod. civ., nè all eccezione d inadempimento, ai sensi dell art cod. civ., non essendo ravvisabile, in un siffatto accordo solutorio sul mantenimento della prole, quel rapporto di sinallagmaticità tra prestazioni che è fondamento dell una e dell altra, posto che il mantenimento della prole costituisce obbligo ineludibile di ciascun genitore, imposto dal legislatore e non derivante, con vincolo di corrispettività, dall accordo di separazione tra i coniugi, che può al più contribuire a regolamentare le concrete modalità di adempimento dell inderogabile obbligo al mantenimento della prole. La tesi della tipicità della causa, invece, trae fondamento dalla pretesa unitarietà della causa, come elemento unificante delle diverse fattispecie negoziali inerenti gli accordi di separazione volti a definire gli aspetti patrimoniali della crisi coniugale. In tal senso sembra esprimersi la Suprema Corte, nella sentenza n. 5473, del 14 marzo 2006, che qualifica i negozi traslativi di diritti durante la crisi coniugale come negozi tipici rispondenti ad un più specifico e più proprio originario spirito di sistemazione dei rapporti in occasione dell evento di separazione consensuale (il fenomeno acquista ancora maggiore tipicità normativa nella distinta sede del divorzio congiunto). In altre parole, la finalità di sistemazione dei rapporti patrimoniali, restando ontologicamente distinta dai principi insiti negli atti di liberalità a carattere donativo, nonché dai negozi traslativi di diritti reali, è caratterizzata da una sua tipicità propria che, di volta in volta, può arricchirsi di elementi di obiettiva onerosità, ovvero di gratuità, in base alla specifica finalità avuta di mira dai coniugi. La questione dell esperibilità dell azione revocatoria degli atti di disposizione compiuti da un coniuge in adempimento dell accordo di separazione consensuale omologata, è stata positivamente risolta dalla giurisprudenza di legittimità, tanto con riferimento alla revocatoria ordinaria (Cass., 23 maggio 2004, n e Cass. n.5473/2006 cit.) quanto con riguardo alla revocatoria fallimentare (Cass., 12 aprile 2006, n. 8516). Le argomentazioni su cui si basa la soluzione propensa ad ammettere la revocatoria tanto ordinaria che fallimentare degli accordi patrimoniali integranti l accordo di separazione dei coniugi, traggono origine: - dalla natura negoziale degli accordi patrimoniali tra coniugi in sede di separazione consensuale, anche dopo l intervento del decreto di omologa, il quale funge da mera condicio iuris di efficacia, rispetto agli accordi stessi; - dalla piena validità delle clausole che, all interno della regolamentazione dei rapporti consequenziali alla separazione, prevedano il trasferimento di beni immobili o la costituzione di diritti reali minori; - dalla concreta possibilità di lesione dell interesse dei creditori all integrità della garanzia patrimoniale del 6

7 coniuge obbligato, in conseguenza dell adempimento degli accordi di natura prettamente patrimoniale. Con particolare riguardo alla revocatoria ordinaria, la sentenza n del 2004, precisa che ai fini della qualificazione dell atto a titolo oneroso, anziché a titolo gratuito, è necessaria una stringente verifica volta ad accertare, in concreto, la sussistenza della funzione solutorio-compensativa, come ad es. il pagamento di un preesistente e ben individuato credito maturato dal coniuge (in termini anche la già citata sentenza n. 5473/2006). La sentenza della S.C. n del 2006, inoltre, statuisce che in tanto l azione revocatoria può essere agevolmente esperita, in quanto sia finalizzata ad aggredire ogni lesione alle legittime pretese dei creditori, senza però mettere in discussione la sussistenza dell obbligo in sé che sussista, per espressa volontà della legge, in capo ai coniugi. In altre parole, ciò che può divenire oggetto di revocatoria ordinaria o fallimentare riguarda unicamente le modalità di assolvimento degli obblighi dei coniugi, quali stabilite dagli stessi nell ambito dell autonomia negoziale che connota le intese c.d. eventuali dell accordo di separazione. Un ulteriore argomento, infine, riguarda l equivoco sorto in merito alla pretesa inscindibilità della pattuizione attributiva di beni immobili (in quanto correlata all adempimento dell obbligo di mantenimento, oggetto del contenuto necessario dell accordo) dal complesso delle altre condizioni della separazione, poiché, in realtà, non è corretto discutere di revocatoria della separazione, bensì di revocatoria nella separazione. In particolare, vengono colpiti dall azione revocatoria solo gli atti, insiti nella separazione ma comunque autonomi rispetto agli altri segmenti che concorrono a delineare il complesso degli accordi di separazione, capaci di creare un vulnus alle aspettative e alle ragioni dei creditori. Inoltre, anche espungendo dall accordo determinati accordi di natura patrimoniale, dichiaratamente lesivi degli interessi del ceto creditorio, non viene meno l equilibrio dei rapporti fra i coniugi separati, di cui l accordo di separazione costituisce la massima espressione. Il coniuge che possa provare di aver subito una modifica peggiorativa della propria posizione a seguito del vittorioso esperimento dell azione revocatoria, potrà, comunque, agire per la modifica delle condizioni di separazione allegando la suddetta modifica quale fatto sopravvenuto idoneo a legittimare la revisione delle residue condizioni della separazione, a norma dell art. 711 c.p.c., comma 5 (in termini, da ultimo, Cass. civ., 13 maggio 2008, n.11914). 7

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis). CONSIGLIO NOTARILE DI BOLOGNA (6 Dicembre 2002) CONVEGNO - La nuova disciplina delle società di capitali: prime indicazioni operative I DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on LA CANCELLAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI DAL REGISTRO DELLE IMPRESE: EFFETTI E CONSEGUENZE Luglio 2013 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento

La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento Studio n. 216-2014/C La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento Approvato dall Area Scientifica Studi Civilistici il 21 marzo 2014 Lo studio in sintesi (Abstract): Il presente studio si

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

I mezzi di impugnazione

I mezzi di impugnazione 4 I mezzi di impugnazione SOMMARIO 1. L appello previsto dall art. 310 c.p.p. 2. Il ricorso per Cassazione previsto dall art. 311 c.p.p. 2.1. La impossibilità di scelta per la difesa del c.d. ricorso per

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile Capitolo I nel diritto civile SOMMARIO: 1. Il recesso dal contratto: i termini della questione. 2. Il principio della temporaneità dei vincoli contrattuali e la questione del recesso dal contratto. 3.

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Recesso ad nutum, buona fede e abuso del diritto

Recesso ad nutum, buona fede e abuso del diritto Abuso del diritto Recesso ad nutum, buona fede e abuso del diritto Giurisprudenza Contratti in generale CASSAZIONE CIVILE, Sez. III, 18 settembre 2009, n. 20106 - Pres. Varrone - Rel. Urban - P. M. Destro

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

INDICE. 8. Piano dell opera... 48

INDICE. 8. Piano dell opera... 48 INDICE INTRODUZIONE DELIMITAZIONE DELL OGGETTO DELLA RICERCA 1. Delimitazione del campo di osservazione e criteri selettivi delle fattispecie analizzate: premessa... 1 2. Legalità, singolarità e qualificazione

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge

Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge di Matteo Lariccia Sommario: 1. Premessa. La disciplina e i termini dell intervento legislativo, in funzione

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI TESINA di DONATA PAOLINI SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI 1) LA PROPRIETA DEL SOTTOTETTO NEI CONDOMINI Preme innanzitutto precisare che il sottotetto non rientra tra le parti comuni condominiali come elencate

Dettagli

Quando è valida la procura alle liti?

Quando è valida la procura alle liti? PROCESSO / PROCURA ALLE LITI Quando è valida la procura alle liti? L esiguo dettato normativo ha portato ad incertezze e contrasti sulle ipostesi di validità della procura e sulle conseguenze della sua

Dettagli