I fatti sopravvenuti. Casistica giudiziaria dei fatti rilevanti ai fini della modifica delle condizioni di. separazione e divorzio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I fatti sopravvenuti. Casistica giudiziaria dei fatti rilevanti ai fini della modifica delle condizioni di. separazione e divorzio"

Transcript

1 I fatti sopravvenuti. Casistica giudiziaria dei fatti rilevanti ai fini della modifica delle condizioni di 1 separazione e divorzio 2. SOMMARIO 1. Nuovi oneri familiari. 2. Accresciute esigenze dei figli. 3. Aspettative ereditarie. 4. Aumento del costo della vita. 5. Trasferimento di residenza dei figli. 6. Provvedimenti in limitazione e decadenza dalla potestà genitoriale. 7. Convivenza more uxorio del coniuge beneficiario dell assegno. 8. Revoca dell assegnazione della casa familiare. 9. Nuove nozze del coniuge beneficiario. 10. Peggioramento delle condizioni economiche: scelte personali del coniuge Segue. Insorgenza ed aggravamento di una patologia Segue. Licenziamento Segue. Dimissioni Segue. Pensionamento Segue. Contrazione dei guadagni (rinvio) Segue. Cessazione dell attività commerciale Segue. Cessazione dell elargizione parentale Segue. Fallimenti societari del coniuge. 11. Miglioramenti economici dei coniugi Segue. Attività di lavoro subordinato Segue. Percezione del t.f.r. (o del t.f.s.) Segue. Attività professionale Segue. Carriera universitaria Segue. Carriera politica Segue. Stabile convivenza con figli ed affini Segue. Indipendenza economica dei figli maggiorenni. 12. Modalità di versamento dell assegno di mantenimento: ordine di pagamento diretto. 13. Mantenimento diretto. 14. Regime di affidamento dei figli Segue. L individuazione del genitore collocatario e la permanenza del minore presso ciascun genitore Segue. Il contenuto dell affidamento esclusivo 15. Comportamenti gravemente inadempienti, pregiudizievoli per i figli e ostacolanti le modalità dell affidamento (art. 709-ter c.p.c). 1 L avv. Rita Ielasi ha collaborato alla redazione dei seguenti paragrafi: 4. Aumento del costo della vita; 7. Convivenza more uxorio del coniuge beneficiario dell assegno; 9. Nuove nozze del coniuge beneficiario; Segue. Licenziamento; Segue. Dimissioni; Segue. Pensionamento.

2 160 Capitolo Secondo Nuovi oneri familiari 1. Un fatto nuovo potenzialmente idoneo ad integrare un giustificato motivo sopravvenuto, rispetto alla sentenza di separazione e divorzio (ovvero agli accordi di separazione omologati), è costituito dalla formazione di una nuova famiglia da parte del coniuge obbligato al pagamento dell assegno di mantenimento in favore dell altro coniuge e dei figli, ovvero dal semplice fatto della nascita di un ulteriore figlio, generato dalla successiva unione con un nuovo partner. Secondo un risalente orientamento della Suprema Corte: La formazione di una nuova famiglia non legittima di per sé una diminuzione del contributo per il mantenimento dei figli nati in precedenza, in quanto costituisce espressione di una scelta e non di una necessità e lascia inalterata la consistenza degli obblighi nei confronti della prole (Cass. 22 novembre 2000, n , in Fam. e dir., 2001, 1, 34, con nota critica di G. DE MARZO, Mantenimento dei figli nati da precedente matrimonio e rilevanza della costituzione di una nuova famiglia) 2. Tale indirizzo interpretativo, già oggetto di critiche in dottrina 3, non corrisponde più alle conclusioni cui è giunta la giurisprudenza di legittimità riguardo alla problematica in esame, secondo cui 2 Nello stesso senso, nella giurisprudenza di merito, si veda Trib. Bari 30 ottobre 2006, n. 2681, inedita, secondo cui: «il nuovo dovere di solidarietà coniugale gravante sul convenuto non lo esime certo da quello verso la famiglia originaria, specie da quello derivante dal rapporto di filiazione». 3 Si veda, con riferimento alla nascita di un figlio generato dalla successiva unione, B. DE FILIPPIS, Trattato breve di diritto di famiglia, Padova, 2002, 486, secondo cui: «sembra frutto di antiche concezioni colpevoliste della separazione e del divorzio prescindere, nel caso di così rilevanti modifiche della condizione di una delle parti, da un equilibrato esame della complessiva situazione, discriminando il nuovo nato sulla base del dato formale della priorità del precedente diritto e non del dato sostanziale delle possibilità concrete del genitore e di un equa distribuzione di quanto può trarsi da esse, sulla base dei bisogni di ciascun fruitore di un identico diritto al mantenimento».

3 I fatti sopravvenuti 161 devono essere sicuramente tutelati i rapporti all interno della nuova famiglia (Cass. 17 luglio 2009, n , in Fam. e dir., 2010, 7, 701, con nota di E. RAVOT, Assegno di divorzio: natura e criteri di determinazione). Espressione di tale esigenza è l orientamento giurisprudenziale che, in tema di revisione delle condizioni di divorzio, ha tenuto conto dell incidenza della costituzione del nuovo nucleo familiare sull importo dell assegno dovuto all ex coniuge, enunciando il principio di diritto in base al quale: Ove, a sostegno della richiesta di revisione nel senso della diminuzione o della soppressione dell assegno di divorzio, siano allegati sopravvenuti oneri familiari dell obbligato (derivanti, nella specie, dalla nascita di due figli, generati dalla successiva unione), il Giudice deve verificare se detta sopravvenienza determini un effettivo depauperamento delle sue sostanze, facendo carico all istante in vista di una rinnovata valutazione comparativa della situazione delle parti di offrire un esauriente quadro in ordine alle proprie condizioni economico-patrimoniali (Cass. 23 agosto 2006, n , in Giust. civ., 2007, I, 2807, con nota di G. GIGLIOTTI, Revisione dell assegno post-matrimoniale «mezzi adeguati» e condizioni patrimoniali degli ex coniugi) 4. Analogo principio è stato affermato dai Giudici di legittimità anche in tema di revisione del contributo di mantenimento per i figli, considerato che 4 In senso conforme, Cass. 30 novembre 2007, n , in Cfr., inoltre, Cass. 14 febbraio 2007, n. 3340, in motiv., inedita, che ha confermato la pronuncia di merito che aveva ridotto la misura dell assegno fissato dal Giudice del divorzio in favore dell ex coniuge in considerazione dei maggiori oneri patrimoniali gravanti sull ex marito per effetto del nuovo vincolo assunto (matrimonio contratto con una donna che era iscritta nelle liste di disoccupazione ed era priva di redditi) e della conseguente alterazione dell equilibrio economico sussistente tra le parti al momento della pronuncia di divorzio.

4 162 Capitolo Secondo i sopravvenuti, giustificati motivi a sostegno della richiesta di revisione delle condizioni patrimoniali del divorzio possono riguardare anche i nuovi oneri familiari dell obbligato, derivanti dalla nascita di un figlio, generato dalla successiva unione, sempre che detta insorgenza, considerate tutte le circostanze del caso concreto, abbia determinato un reale ed effettivo depauperamento delle sostanze o della capacità patrimoniale dell obbligato stesso, apprezzato all esito di una rinnovata valutazione comparativa della situazione delle parti. In ogni caso, a tal fine occorre tenere conto che, per un verso, il nuovo dovere di mantenimento dell obbligato va valutato anche alla stregua delle potenzialità economiche della nuova famiglia in cui il bambino è stato generato, e quindi avendo riguardo pure alla condizione dell altro genitore. Là dove, poi, venga in gioco la misura dell assegno di mantenimento per i figli, il nuovo impegno familiare non può costituire ragione per un allentamento delle responsabilità genitoriali verso costoro, in quanto la soddisfazione dei diritti economici dei figli non può essere deteriore nella crisi della famiglia, rispetto a quanto avviene nella famiglia unita: sicché, ove il contributo di mantenimento originariamente fissato dal Giudice del divorzio sia stato determinato in un importo adeguato alle necessità dei figli, ma inferiore all esborso che la capacità economica dell obbligato avrebbe consentito, la richiesta riduzione non può essere disposta, a meno che il contributo, così come in precedenza fissato, non trovi più capienza (e ciò a causa dei doveri derivanti dal motivo sopravvenuto) nella capacità economica dell obbligato stesso, apprezzata anche alla luce dell apporto del nuovo partner (Cass. 24 gennaio 2008, n. 1595, in Allo stesso modo, la Suprema Corte, in tema di quantificazione dell assegno di mantenimento a favore del coniuge ex art. 156 c.c., ha cassato la pronuncia di merito per aver omesso di valutare le circostanze prospettate dal marito obbligato come incidenti sulle proprie condizioni economiche, ed in particolare, il suo obbligo di mantenimento, in misura consona al proprio tenore di vita, di due figli nati dalla nuova relazione (sul punto Cass. n. 6017/2001) (Cass. 4 aprile 2002, n. 4800, in Rep. Foro it., 2003, voce Separazione di coniugi, n. 81). Tale indirizzo interpretativo, che può definirsi, oramai, consolidato, merita piena condivisione, in quanto valorizza e tutela due principi fondamentali contenuti nella Carta costituzionale, e precisamente: a) il principio di eguaglianza, previsto nell art. 3 Cost., che garantisce un pari trattamento economico ai figli naturali rispetto a quelli legittimi, tenuto conto che

5 I fatti sopravvenuti 163 i figli hanno tutti uguali diritti sicché è onere dei genitori provvedere al loro mantenimento. Da ciò consegue che il Giudice chiamato a determinare l assegno di mantenimento dovuto per i figli nati in costanza di matrimonio deve considerare che dal patrimonio del genitore onerato deve detrarsi quanto necessario per il mantenimento del figlio naturale (Cass. 16 maggio 2005, n, 10197, in Foro it., Rep., 2005, voce Separazione dei coniugi, n. 14) 5. Ai fini della quantificazione dell assegno di divorzio, l incidenza sulle disponibilità economiche dell ex marito degli oneri per il mantenimento di due figlie minori, nate dal rapporto di convivenza con la sua nuova compagna, assume un rilievo decisivo in ordine alla ricostruzione della situazione economica delle parti (Cass. 30 novembre 2007, n , in b) il principio di libera espressione della dignità umana, contenuto nell art. 2 della medesima Carta costituzionale, tenuto conto che la scelta del coniuge di costituire una nuova famiglia, non solo è pienamente legittima, ma è anche esplicazione di quei diritti inviolabili di libertà dell uomo «nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità» 6, con la conseguenza che, allorquando il coniuge divorziato si sia formato una nuova famiglia, nei cui confronti è pur sempre legato da impegni riconosciuti dalla legge, occorre temperare la misura dell assegno di divorzio a favore dei membri della prima famiglia nei limiti in cui, questo temperamento, non si risolva in una situazione deteriore rispetto a quella goduta dai componenti della seconda famiglia (Cass. 12 ottobre 2006, n , in In senso conforme, Cass. 16 dicembre 2005, n , inedita. 6 Si veda, in chiave sistematica, Cass. 11 marzo 2006, n. 5378, cit., che ha tutelato la scelta di uno dei coniugi di limitare il proprio impegno lavorativo. 7 In senso conforme, Cass. 26 novembre 2008, n , inedita. In altra occasione, la Suprema Corte ha confermato la pronuncia di merito che, malgrado l accertato squilibrio tra le posizioni economiche dei due coniugi, aveva limitato l importo dell assegno di mantenimento a favore del coniuge debole alla misura già stabilita dal tribunale: «in quanto considerata equa e

6 164 Capitolo Secondo Ciò posto, giova rilevare che i nuovi oneri familiari gravanti su uno dei coniugi (derivino essi dalla formazione di una nuova famiglia ovvero dal semplice fatto della nascita di un ulteriore figlio, generato da una successiva unione) non costituiscono motivi sopravvenuti che giustificano, da soli, la soppressione o la riduzione dell assegno di mantenimento originariamente fissato dal Giudice in favore dell altro coniuge e/o dei figli, essendo necessario accertare se, a seguito degli obblighi economici derivanti da tali nuove insorgenze, si sia determinato un reale ed effettivo depauperamento delle sostanze o della capacità patrimoniale dell obbligato, tenendo conto della capacità economica della nuova famiglia nel suo complesso (e, quindi, anche dell altro coniuge o del nuovo partner). * Ne discende che: Se (si ritiene che) il contributo originariamente è stato fissato in misura che, pur giudicata adeguata alle necessità dei figli, sia inferiore all esborso che la capacità economica dell obbligato avrebbe consentito e a tale ipotesi è equiparabile il sopravvenuto incremento della capacità economica dell obbligato i menzionati motivi non sono da soli sufficienti a giustificare la riduzione, la quale può essere disposta, invece, solamente se e nei limiti in cui il contributo originariamente fissato non trovi capienza egualmente, e cioè nonostante gli obblighi derivanti dai motivi sopravvenuti, nella capacità economica dell obbligato (Cass. 19 gennaio 1991, n. 512, cit.) 8. *congrua proprio per aver rilevato (più di una volta) che il M. doveva adempiere agli obblighi derivanti dai matrimoni precedente e successivo; e doveva in particolare essere messo in grado, nonostante tale esborso in favore della controparte, di mantenere più che adeguatamente sé ed i propri nuovi figli» (Cass. 4 febbraio 2009, n. 2707, inedita). 8 In senso conforme, Cass. 24 gennaio 2008, n. 1595, cit. Si veda, in tema di assegno divorzile, Cass. 4 agosto 2010, n , inedita, secondo cui: «gli oneri derivanti dalla costituzione di una nuova convivenza non hanno comunque incidenza sugli obblighi conseguenti all intervenuta cessazione degli effetti civili del matrimonio, in mancanza di prova di spese aggiuntive». Cfr., inoltre, Cass. 30 novembre 2007, n , cit., che non ha attribuito alcun rilievo, ai fini della chiesta riduzione della misura dell assegno divorzile originariamente fissata, ai nuovi oneri familiari assunti dall altro coniuge: «avuto riguardo alla complessiva situazione patrimoniale dello stesso, di consistenza tale da rendere irrilevanti, ai fini che qui interessano, detti nuovi oneri». In altra occasione, la Suprema Corte ha rigettato il motivo di ricorso dell ex marito, il quale sosteneva che la sentenza di merito, nell attribuire e quantificare l assegno divorzile alla moglie, non aveva tenuto conto del fatto che egli, dall unione con l attuale compagna, aveva generato una figlia: «poiché non vi è prova che la circostanza dedotta con il motivo sia di per sé decisiva, in relazione ai redditi dell obbligato e al contesto complessivo della decisione impugna-

7 I fatti sopravvenuti 165 Nello stesso senso, la giurisprudenza di merito ha affermato che la nascita di un ulteriore figlio dell obbligato * non esplica efficacia automatica ma deve essere accompagnato dalla prova concreta che i maggiori carichi di spesa gravanti sull obbligato rendano in concreto al medesimo impossibile continuare a far fronte, nella loro interezza, a quelli precedentemente assunti nell interesse della prole legittima (Trib. Milano 2 marzo 2009, in Fam., pers. e succ., 2010, 7, 555, con nota di A. COSTANZO) 9. Un altra pronuncia di merito ha rilevato come non sia il semplice fatto della nascita di un ulteriore figlio a giustificare la riduzione dell assegno di mantenimento già disposto a carico dell obbligato, bensì la situazione economica complessiva nel cui contesto tale nuovo fatto si viene a collocare: Si vuol dire che mentre il nuovo rapporto di filiazione può essere irrilevante laddove il padre onerato nei confronti del primo figlio sia percettore di un reddito medio o (meglio ancora) *ta, tenuto anche conto delle maggiori disponibilità maturatesi a seguito della cessazione da parte del ricorrente dall obbligo di versare l assegno di 750,00 euro per la figlia nata dal primo matrimonio» (Cass. 4 novembre 2010, n , in 9 Nella specie, il Tribunale, in applicazione del riferito principio di diritto, ha rigettato la richiesta di riduzione dell assegno divorzile sul rilievo della intatta capacità economica dell obbligato, così come dimostrato dall adozione di consapevoli scelte di vita della nuova coppia da questi formata (consistenti nella cessazione, da parte della seconda moglie, di ogni attività lavorativa). In senso conforme, App. Catania 14 novembre 2007, inedita, secondo cui: «la corresponsione del predetto assegno consente senza dubbio all onerato di mantenere il pregresso tenore di vita e di provvedere adeguatamente pure al doveroso assolvimento dell obbligo di mantenimento in favore dell altro figlio e della attuale compagna», nonché App. Bologna 8 aprile 2009, n. 481, in a tenore della quale: «anche volendo ritenere che il suindicato principio operi come criterio di attribuzione, e non già di quantificazione, nel senso che la formazione di una nuova famiglia e, in particolare, la nascita di ulteriori figli, incidono sugli ineludibili obblighi dell onerato, limitando eventualmente come nel caso di specie la sua capacità economica complessiva e determinando, quindi, una situazione di cui non si può non tener conto ai fini della determinazione del contributo per il mantenimento dell originaria prole (Trib. Messina 10 dicembre 2003, in Arch. civ., 2003, 410; Trib. Napoli 2 maggio 2002, in Giur. napol., 2002, 337), deve considerarsi che il reddito del XX (contrariamente a quanto avverrebbe in caso di accoglimento, in parte qua, dell appello incidentale), considerata anche la capacità di accrescere il proprio patrimonio, dimostrata anche con l acquisto della nuova casa di abitazione, appare compatibile con il mantenimento sia delle figlie nate dalla nuova unione, sia della predetta Serena».

8 166 Capitolo Secondo elevato, tale circostanza finisce per essere decisiva laddove (come nella specie) il genitore goda di scarsi proventi. Ed infatti, è indubitabile che a seguito dei doveri (anch essi meritevoli di tutela) nascenti dal nuovo rapporto di filiazione (sia esso naturale o nato da un secondo matrimonio) la quota di reddito dell onerato, su cui calcolare nel raffronto con i redditi dell ex coniuge (nella specie la resistente, è titolare di un negozio di ottica in una via centrale della città e quindi ha buone risorse da destinare alla prole) il mantenimento del primo figlio, decresce in misura apprezzabile. Se è vero, infatti, che un genitore ben abbiente potrà ammortizzare la nuova esigenza costituita dalla nascita di un secondo figlio tagliando le spese voluttuarie o semivoluttuarie, altrettanto non può dirsi per chi, come il M., percepisce euro 762,00 al mese e non risulta avere altri redditi né vantaggi (e ciò si badi anche a volere ipotizzare che la seconda moglie del M. sul cui reddito nulla è dato sapere collabori in misura paritaria al mantenimento della bambina). Non è, invero, contestabile che se il M. dovesse continuare a pagare alla B. 500,00 euro al mese, gli rimarrebbero soli 262,00 euro da destinare a sé ed alla nuova figlia (Trib. Catania 14 dicembre 2007, in Pertanto, là dove la capacità patrimoniale dell onerato non avrebbe consentito una quantificazione maggiore dell assegno di mantenimento in favore dell altro coniuge o dei figli, il Tribunale, in sede di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio, dovrà tenere in debito conto i nuovi impegni familiari assunti dall obbligato. Ciò significa che il genitore onerato non potrà continuare a contribuire al mantenimento del primo figlio con la stessa somma che ha corrisposto sino alla nascita degli altri figli (siano essi legittimi o naturali), perché, in caso contrario, verrebbero ad essere compresse le esigenze di questi ultimi e ciò non sarebbe né logico, né giusto, alla luce del sopra ricordato principio della pari dignità di tutti i figli. Del resto è di comune esperienza che, quando in una famiglia, ad un primo figlio se ne aggiungono altri, le esigenze del primogenito vengano ad essere compresse in maniera più o meno rilevante a seconda delle condizioni economiche della famiglia stessa (App. Firenze 22 aprile 2009, in Secondo tale pronuncia, è un dato di comune esperienza che il c.d. «carico familiare» incide in maniera diversa quando ad un primo figlio se ne aggiunge un secondo e, poi, un terzo.

9 I fatti sopravvenuti 167 L incidenza dei nuovi oneri familiari sulla capacità economica dell obbligato dovrà essere valutata alla stregua delle potenzialità economica della nuova famiglia costituita da quest ultimo, e, quindi, avendo riguardo alla condizione economica del nuovo coniuge ovvero dell altro genitore (nel caso di nascita di un nuovo figlio). Tali obblighi, poi, in quanto vanno determinati in relazione al contesto che li ha provocati, devono essere valutati, allorché derivino dalla formazione di una nuova famiglia, tenendo conto della capacità economica di questa nel suo complesso, e, quindi, in particolare, anche della capacità economica del nuovo coniuge (Cass. 19 gennaio 1991, n. 512, cit.) 11. Convivenza more uxorio In sede di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio, il Giudice non potrà considerare, quale nuovo fatto sopravvenuto idoneo ad incidere sulla attribuzione e quantificazione dell assegno di mantenimento liquidato in favore dell altro coniuge o dei figli, l asserito obbligo di mantenimento del nuovo partner dell onerato, tenuto conto che il mantenimento della compagna, sia pure convivente more uxorio, non può allo stato della legislazione incidere negativamente sul diritto della moglie al mantenimento, previsto dall art. 156, comma 1, c.c., non esistendo norma che imponendo il mantenimento della convivente, costituisca possibile controbilanciamento del diritto nascente dal richiamato art. 156, comma 1, c.c. in favore della consorte legittima (Cass. 24 aprile 2001, n. 6017, in Familia, 2001, 864). 11 Nella specie, la Suprema Corte, in applicazione del riferito principio di diritto, ha cassato la pronuncia di merito per non aver tenuto conto che il coniuge beneficiario dell assegno aveva sostenuto anche istando per la relativa istruttoria che la capacità economica dell obbligato, pur considerando i nuovi oneri familiari dello stesso, gli avrebbe consentito, stante la entità di tali obblighi in relazione all apporto economico fornito dal nuovo coniuge, la corresponsione del contributo nella misura originariamente fissata.

10 168 Capitolo Secondo Inoltre, la giurisprudenza di legittimità ha affermato che, al fine di determinare l assegno di mantenimento dovuto all altro coniuge, non assumeranno alcun rilievo, i redditi del convivente del coniuge tenuto al pagamento della provvidenza economica, dato che il convivente del coniuge tenuto al pagamento dell assegno divorzile non ha alcun obbligo nei confronti del coniuge di questi, per cui i suoi redditi non possono in alcun modo essere considerati ai fini della determinazione dell ammontare dell assegno divorzile dovuto (Cass. 24 novembre 1999, n , in Foro it., 2000, I, 1229). Tuttavia, un autorevole interprete ha affermato che: Nella valutazione comparativa delle rispettive condizioni economiche dei coniugi la circostanza che il coniuge obbligato all assegno, ovvero il coniuge avente diritto al medesimo, conviva more uxorio con un terzo spiega rilievo se e nei limiti in cui tale convivenza venga ad incidere sulla reale situazione dell uno o dell altro, in quanto si traduca per il primo in esborsi di tipo continuativo proporzionali agli altri suoi impegni economici e quindi qualificabili come adempimento di obbligazione naturale ovvero implichi per il secondo un entrata caratterizzata da regolarità e relativa sicurezza (A. FINOCCHIARO-M. FINOCCHIARO, Diritto di famiglia, III, Il Divorzio, Milano, 1988, 579). Accresciute esigenze dei figli 2. Ai fini della determinazione dell assegno di mantenimento a favore dei figli, l elemento fondamentale da considerare è costituito dalle attuali esigenze economiche degli stessi, rapportate alle condizioni sociali e patrimoniali dei genitori, tenuto conto, per un verso, che:

11 I fatti sopravvenuti 169 Il dovere di mantenere, istruire ed educare la prole, secondo il precetto contenuto nell art. 147 c.c., impone ai genitori di far fronte ad una molteplicità di esigenze dei figli, certamente non riconducibili al solo obbligo alimentare, ma inevitabilmente estese all aspetto abitativo, scolastico, sportivo, sanitario, sociale, all assistenza morale e materiale, alla opportuna predisposizione, fin quando l età dei figli stessi lo richieda, di una stabile organizzazione domestica, idonea a rispondere a tutte le necessità di cura e di educazione (Cass. 2 maggio 2006, n , in Rep. Foro it., 2006, voce Filiazione 3090) e, per altro verso, che: Il Giudice una volta accertato il diritto all assegno di mantenimento ed al contributo per la prole minorenne, deve prendere in considerazione, quale indispensabile elemento di riferimento ai fini di della valutazione di congruità dello stesso, il concreto contesto sociale nel quale coniugi e prole avevano vissuto durante la convivenza, quale situazione condizionante la qualità e la quantità dei bisogni emergenti a cui le contribuzioni devono far fronte, nonché accertare le disponibilità economiche del coniuge a cui carico l assegno va posto, dando adeguata motivazione del proprio apprezzamento, con riguardo pure all aumento delle esigenze economiche del figlio, che è notoriamente legato alla crescita e non ha bisogno di specifica dimostrazione (Cass. 28 gennaio 2009, n. 2191, inedita). Ciò trova esplicita conferma nel fatto che l art. 155, comma 4, c.c., tra i criteri di quantificazione del contributo di mantenimento per i figli minorenni (ma applicabili, analogicamente, anche ai figli maggiorenni non indipendenti economicamente), attribuisce sicura preminenza alle «attuali esigenze del figlio». Tale criterio valorizza, chiaramente, l età dei figli e le effettive esigenze personali, di relazione e scolastiche degli stessi, non limitate al vitto, all alloggio ed alle spese correnti, ma estese all acquisto di beni durevoli (quali, ad es., indumenti e libri), che non rientrano necessariamente nella nozione di «spese straordinarie».

12 170 Capitolo Secondo Del resto, le esigenze attuali del figlio, cui l art. 155 c.c. novellato attribuisce comunque sicura preminenza, non sono certamente soltanto quelle inerenti il vitto, l alloggio e le spese correnti; attinenti ad esse è indubbiamente l acquisto di beni durevoli (indumenti, libri, ecc.), che non rientra necessariamente tra le spese straordinarie; più in generale, le esigenze del minore, necessariamente correlate ad un autonomo e compiuto sviluppo psicofisico, riguardano non solo il profilo alimentare, ma pure quello abitativo, scolastico, sportivo, sanitario, sociale, di assistenza morale e materiale, nonché l opportuna predisposizione di una stabile organizzazione domestica, adeguata a rispondere alle complesse ed articolate necessità di cura ed educazione (Cass. 6 novembre 2009, n , in Rep. Foro it., 2009, voce Filiazione, n. 52). A tal proposito, è significativo che anche la giurisprudenza penale di legittimità abbia sostenuto che le esigenze di vita dei figli sono poziori rispetto a quelle dei genitori (così come si ricava dall art. 30 Cost.), i quali, anche a costo di sacrificare ulteriormente la loro personale condizione (ove sia già caratterizzata da ristrettezze economiche), devono sovvenire ai bisogni di vita della prole, a pena di incorrere nel reato di omessa prestazione dei mezzi di sussistenza 12. Ciò posto, la sopravvenienza di «giustificati motivi» idonei a modificare le condizioni di separazione o divorzio può consistere, anche, nelle accresciute esigenze di vita dei figli (ad es., di studio, di svago o di vestiario). Secondo un consolidato orientamento giurisprudenziale, l aumento delle esigenze del figlio: a) è notoriamente legato alla sua crescita: Anche in termini di bisogni alimentari, ed allo sviluppo della sua personalità in svariati ambiti, ivi compreso quello della formazione culturale e della vita sociale, di tal che tale dazione pecuniaria può, come nella specie, essere quantificata espungendo le necessità della prole che comportano spese straordinarie, eventualmente anche d istruzione, suscettibili di essere autonomamente regolate secondo il diverso regime dell anticipazione pro quota o della ripetizione 12 Si veda, in tal senso, Cass. pen. 27 febbraio 2009, n. 9133, in

13 I fatti sopravvenuti 171 sempre pro quota dei relativi esborsi (in tema, cfr. Cass ), senza che ciò determini sovrapposizione o duplicazione di spesa per l onerato (Cass. 13 gennaio 2010, n. 400, inedita) 13. b) non ha bisogno di specifica dimostrazione: L aumento delle esigenze economiche del figlio non ha bisogno di specifica dimostrazione, essendo notoriamente legato alla crescita (Cass. 3 agosto 2007, n , in Rep. Foro it., 2007, voce Matrimonio 1472) 14. c) legittima, di per sé, la revisione dell assegno di mantenimento per i figli, pure in mancanza di miglioramenti reddituali e patrimoniali del genitore tenuto alla contribuzione, a condizione, però, che l incremento del contributo di mantenimento, rispetto a quello in precedenza fissato, trovi capienza nella capacità economica dell obbligato stesso. In particolare i Giudici di merito hanno legittimamente e plausibilmente ricondotto l avversata maggiorazione del contributo fisso di mantenimento all aumento delle esigenze economiche ordinarie del figlio ormai maggiorenne, verificando, sempre ineccepibilmente, anche la perdurante assenza di indipendenza economica da parte del ragazzo, ancora dedito agli studi universitari e per plausibili ragioni in luogo diverso da quello di residenza, nonché le risorse eco- 13 In senso conforme, Cass. 30 ottobre 2008, n , in che ha confermato la pronuncia di merito, sul rilievo che: «lo stesso ricorso riconosce come naturale e fisiologico l evolversi delle esigenze dei figli connesso alla loro crescita e quindi nessuna violazione vi è stata, dalla Corte di merito, dell art. 155 c.c. nella versione anteriore a quella di cui all art. 2, legge 8 febbraio 2006, n. 54, facendo il provvedimento espresso riferimento alle esigenze dei figli e al tenore di vita da loro goduto in costanza di convivenza con i genitori». 14 In senso conforme, Cass. 22 maggio 2009, n , inedita, nonché, Cass. 30 ottobre 2008, n , cit.

14 172 Capitolo Secondo nomiche di entrambi i genitori e la capienza delle disponibilità patrimoniali dell onerato, delle quali hanno argomentatamente escluso il sopravvenuto peggioramento rispetto all epoca della separazione consensuale (Cass. 13 gennaio 2010, n. 400, cit.). Applicando tali principi di diritto, la Suprema Corte, in una fattispecie in cui la Corte d Appello, in sede di modifica delle condizioni di separazione, aveva aumentato da cinquecento a settecentoquaranta euro mensili il contributo dovuto dal padre al mantenimento dei figli minori per le accresciute esigenze formative, relazionali, ricreative e di vestiario degli stessi, dovute al progredire della loro età, ha rigettato il motivo di ricorso del genitore obbligato, secondo cui la crescita dei figli, costituendo un evento naturale e prevedibile, già tenuto presente in sede di separazione, non poteva considerarsi una circostanza sopravvenuta comportante uno squilibrio nelle condizioni economiche dei coniugi, sul rilievo che: L ultimo comma dell art. 155 c.c. (recepito dal nuovo art. 155-ter) attribuisce ai coniugi il diritto di chiedere in ogni tempo la revisione delle disposizioni relative alla misura ed alle modalità del contributo: perciò escludendo che le modifiche in favore dei figli debbano sottostare allo stesso regime di quelle concernenti i provvedimenti patrimoniali tra coniugi, in quanto l interesse morale e materiale della prole (art. 155 c.c.) è il criterio guida che deve essere tenuto presente dal giudice, il quale deve provvedere considerando, secondo il nuovo testo dell art. 155, anzitutto le attuali esigenze del figlio. D altra parte per la concreta determinazione del relativo ammontare è incensurabile in sede di legittimità, perché formulato in maniera non illogica, l apprezzamento del giudice di merito fondato sulla crescita del figlio e sul progredire della sua età, trattandosi secondo la giurisprudenza di questa Corte di elementi che notoriamente comportano l aumento delle esigenze economiche, e non abbisognano quindi di specifica dimostrazione (Cass. n /2007); tant è che gli stessi ben possono essere compresi fra i parametri indicati dalle parti o dal Giudice in relazione ai quali il nuovo art. 155 consente l adeguamento automatico dell assegno: ancorandolo agli indici ISTAT soltanto in difetto di ogni altra indicazione (Cass. 28 dicembre 2010, n , cit.). Dal canto suo, anche la giurisprudenza di merito ha evidenziato che non è necessario allegare specifiche circostanze di fatto al fine di dimostrare le accresciute esigenze di vita dei figli, in quanto

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Gli ordini di protezione

Gli ordini di protezione Gli ordini di protezione di Germano Palmieri Ricorrenti fatti di cronaca ripropongono pressoché quotidianamente il problema della violenza fra le pareti domestiche; non passa giorno, infatti, che non si

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle 1) Premessa. Con le lenti del tributarista il tema della bilateralità può essere affrontato avendo riguardo ai seguenti tre aspetti: (i) la natura, commerciale

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

I mezzi di impugnazione

I mezzi di impugnazione 4 I mezzi di impugnazione SOMMARIO 1. L appello previsto dall art. 310 c.p.p. 2. Il ricorso per Cassazione previsto dall art. 311 c.p.p. 2.1. La impossibilità di scelta per la difesa del c.d. ricorso per

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

L INFORMAZIONE GIURIDICA

L INFORMAZIONE GIURIDICA L INFORMAZIONE GIURIDICA note di giurisprudenze sulla responsabilità professionale medica nota II/2009 a cura di Alessandro Riccioni e Nicola Mazzera, avvocati in Roma LA CLINICA (DI REGOLA) RISPONDE DELL

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08)

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Diritto ad un processo equo In ordine alla retroattività delle leggi

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli