ACCORDI TRA I CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E DIVORZIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACCORDI TRA I CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E DIVORZIO"

Transcript

1 ACCORDI TRA I CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E DIVORZIO Per una compiuta definizione e risoluzione delle problematiche di natura fiscale nell'ambito dei procedimenti di separazione personale e divorzio è indispensabile premettere brevi cenni in tema di causa e forma degli accordi che i coniugi raggiungono e formalizzano in sede di procedimento di separazione consensuale (artt. 158 C.C. e 711 C.P.C.) e divorzio (art. 5 e ss. L. 898/70 e successive modifiche ed integrazioni). Al riguardo, premesso e precisato che la relazione non intende occuparsi degli aspetti processuali, si deve far presente che tali accordi, tradizionalmente, contengono una miriade di pattuizioni di svariata natura e contenuto, che è difficile sintetizzare, anche perchè ogni elencazione sarebbe indefettibilmente lacunosa. Si intendono qui trattare principalmente le questioni inerenti ai "trasferimenti" (latu sensu), immobiliari e non, che "avvengono" tra i coniugi in quelle circostanze. La terminologia che ho sopra utilizzato è volutamente e necessariamente (si scusi l'ossimoro) atecnica, proprio alla luce della difficile definizione della causa di tali attribuzioni, delle discussioni sollevate da questo problema, delle diverse soluzioni pratiche adottate, delle imprecisioni o comunque approssimazioni terminologiche ed anche dogmatiche che spesso i verbali di separazione e divorzio contengono, il che può comportare difficoltà con la liquidazione delle imposte che l'agenzia delle Entrate effettua in sede di registrazione dell'accordo di separazione o divorzio o dell'atto esecutivo degli obblighi contenuti nel verbale che suggella il suddetto accordo. La dottrina e la giurisprudenza più risalenti tendevano a frammentare, da un punto di vista della definizione causale, le singole pattuizioni contenute negli accordi di separazione e divorzio, considerando gli stessi come una somma di fattispecie a se stanti, collegate solo dalla occasione nella quale venivano perfezionate, il che portava a risultati non soddisfacenti, contraddittori e comunque incompleti. Difficile, ad esempio, definire i trasferimenti quali donazioni, non fosse altro perchè in queste fasi ben difficilmente emerge un animus donandi, anzi, non è azzardato affermare che sono trasferimenti ove si palesa un atteggiamento reciproco contrario a qualsiasi spontaneità, perchè lo stesso profilo della gratuità è spesso discutibile od assente, perchè le conseguenze (specie in sede di revocabilità, obbligo di collazione, graduazione degli obbligati all'obbligo di prestare gli alimenti in caso di stato di bisogno del donate) sarebbero gravi e non volute dalle parti, perchè i patti sarebbero nulli per difetto di forma, mancando i testimoni, e, ove gli accordi contenessero un "impegno a donare" (frase che pur spesso compare nei verbali che contengono gli accordi in questione)) tale impegno configurerebbe un preliminare di donazione, prevalentemente ritenuto nullo dalla dottrina per difetto di spontaneità, e, comunque, sempre per difetto di forma.

2 Analoghe ragioni si avanzano (salvo quelle proprie della donazione) per criticare le tesi che riconducono i trasferimenti in oggetto allo schema causale della compravendita, o comunque al contratto oneroso. Minoritarie sono le tesi che riconducono la causa degli accordi in questione alla transazione (anche per il rilievo che potrebbero mancare, e spesso mancano, le reciproche concessioni) e/o al negozio solutorio dell'assegno di mantenimento, ciò perchè la giurisprudenza quasi unanime, non sempre peraltro seguita dalla dottrina, ritiene che il diritto e l'obbligo di mantenimento siano diritti di carattere inderogabile, non transabili ex art C.C. né suscettibili di prestazione in luogo di adempimento, anche alla luce della rivedibilità della quantificazione di tale diritto in relazione al mutare delle condizioni, il che contrasta con la volontà dei coniugi di rendere definitive le attribuzioni e, comunque, l'assetto patrimoniale derivante dall'esecuzione degli accordi di separazione e divorzio. Altra tesi dottrinale configura gli accordi in questione come convenzioni matrimoniali: anch'essa è stata criticata, adducendo che le convenzioni matrimoniali sembra debbano necessariamente collegarsi con un regime patrimoniale programmatico della famiglia, nel senso che debbano potersi porre come fonte di uno dei regimi patrimoniali della famiglia ammessi dalla legge (ex art. 159 e ss. C.C.), il che non si riscontra negli accordi in questione; da un punto vista formale, poi, difetta la forma dell'atto pubblico con necessaria presenza dei testimoni, infine è impossibile con gli accordi in questione disciplinare il regime degli acquisti dei coniugi separati, o, peggio, dei non più coniugi a seguito di divorzio. La tesi che pare preferibile, che si è affermata sia in dottrina che in giurisprudenza, pur, si ribadisce, convivendo con altre teorie, così che non si può dire che il dibattito sia concluso sull'argomento, od anche solo sopito, delinea la fattispecie come un negozio con causa atipica, caratterizzato dallo scopo e dalla funzione di soddisfare gli interessi dei coniugi a dare un assetto ai rapporti personali e patrimoniali della famiglia per il periodo successivo alla separazione e al divorzio. Le pronunzie e le opinioni dottrinali riconducibili a tale corrente sono molto numerose e, forse proprio a causa dell'evocata atipicità della causa, hanno spesso contenuti convergenti e diversificati per frammenti, ed un margine di ambiguità e genericità che è spesso il frutto o dell'analisi di fattispecie particolari, le affermazioni riguardo alle quali non è detto sia possibile generalizzare, o dell'analisi di aspetti particolari delle singole fattispecie, che non debbono, probabilmente, essere generalizzate proprio perchè non nate per esserlo. Mi si consenta un apparente salto logico, al termine del quale riprenderò le fila del discorso: pare abbastanza pacifica in giurisprudenza l'affermazione di atto pubblico del verbale che sancisce gli accordi tra i coniugi in caso di separazione e divorzio, quindi di titolo trascrivibile ed iscrivibile presso i registri immobiliari. Atteso ciò giungiamo alle prime conclusioni: * E' ben possibile che in sede di separazione e/o divorzio i coniugi concludano accordi che, di tale sede trovino soltanto occasione ed appoggio e non siano in alcun modo diretti a tratteggiare l'assetto dei reciproci rapporti personali e patrimoniali dopo la fase "fisiologica" del matrimonio, la giurisprudenza li ammette, ma, mi si passi l'espressione, mantiene "mani libere" sulla definizione causale, pertanto:

3 -- Occorre prestare attenzione ad inserire, magari per ragioni di convenienza fiscale, negozi che con l'assetto dei rapporti patrimoniali dei coniugi in dipendenza della separazione o del divorzio nulla hanno a che vedere, essi potrebbero rivelarsi nulli per difetto di forma (donazioni) o, come vedremo poi, ripresi alla tassazione ordinaria, con probabile nuovo contenzioso tra i coniugi, od, infine, comunque impugnati per simulazione, ove l'expressio causae contenuta nei verbali fosse, effettivamente, simulata, e quindi dare luogo ad altro contenzioso. -- E' opportuno, peraltro, che l'expressio causae venga fatta emergere dal contenuto dei verbali, sia perchè parte della giurisprudenza e della dottrina ritiene irrinunziabile l'enunciazione della causa, sia allo scopo di usufruire con maggiore tranquillità del trattamento fiscale agevolato riconosciuto dalla legge e dalla sentenza della Corte Costituzionale oltre citata. -- E' opportuno evitare di qualificare in termini di donazione e vendita gli eventuali negozi traslativi e di impegno contenuti nei verbali, sia per non rischiare pesanti implicazioni civilistiche (donazione) o fiscali (vendita) con impegno di probabile altro contenzioso per acclarare la materia e possibile imputazione di responsabilità al professionista che suggerisca soluzioni non idonee. -- Non c'è troppo da contare sul fatto che, vertendo in tema di protezione di diritti familiari (latu sensu) comunque legati a situazioni in cui sempre esiste, quasi per definizione, un coniuge debole, e quindi un interesse degno di tutela quasi tralatiziamente annoverato tra gli interessi "forti", protetti dal sistema, l'atto dispositivo benefici di una robustissima opponibilità ai terzi: non esiste alcuna norma che sancisca l'impignorabilità dei beni ricevuti a seguito di separazione e/o divorzio tout court o da parte dei creditori estranei alle obbligazioni contratte per soddisfare gli interessi della famiglia, mentre la giurisprudenza, come in tema di atti fra coniugi e principalmente di fondo patrimoniale, non fa discendere dalla qualificazione causale che si è detta preferibile una definizione della stessa in termini di onerosità tout-court, si riserva (vedi Cass del 23/3/2004) di verificare, di volta in volta, la ricorrenza dei presupposti che consentono di ravvisare nelle suddette attribuzioni l'esistenza della gratuità alla luce del disposto dell'art C.C., il che, in presenza di coniugi con creditori "alle calcagna", non deve far pensare alla possibilità di impiegare un facile strumento per sfuggire a possibili revocatorie o sottrarre facilmente i beni da una ventilabile procedura concorsuale. Ecco che la latitudine della fattispecie rischia di trasformarsi in un elemento di incertezza, tra l'altro non facilmente percepibile all'esterno. Attenzione, infine, al fatto che pacificamente l'omologazione del giudice è qualificata come condicio iuris di efficacia dell'accordo, il che non fa sussumere gli accordi in questione tra i provvedimenti giudiziali impugnabili coi normali mezzi processuali, ma vere e proprie fattispecie negoziali, non sottratte alle nullità ordinarie in materia urbanistica (terreni e fabbricati) o fiscale (indivisibilità del c.d. compendio unico) o di altra indole e natura, alle cause d'inefficacia, ai possibili ed innumerevoli problemi di circolazione che i singoli beni coinvolti nelle attribuzioni possono comportare (clausole o norme che sanciscono prelazioni aventi efficacia reale, come per le quote sociali o i terreni agricoli, sempre nelle società, esistenza di clausole di gradimento, di intrasferibilità, patti parasociali etc).

4 Infine un cenno sul ruolo dell'omologazione giudiziale in relazione all'accordo dei coniugi sulla separazione personale. E' noto che, per svariati motivi, i coniugi, a volte, concludono accordi coevi o precedenti rispetto alla formalizzazione del verbale contenente la separazione consensuale che sarà omologata, il cui contenuto è estraneo ad esso, ovvero modificano, attraverso accordi che non vengono sottoposti al vaglio giudiziale, il contenuto degli accordi omologati. Il tutto in apparente contrasto col contenuto dell'art. 158 C.C. e con la posizione che annette all'omologazione il ruolo di condicio iuris dell'accordo. Riguardo agli accordi anteriori o coevi alla separazione, la giurisprudenza prevalente propende per la validità a condizione che non interferiscano con l'accordo omologato, in particolare è stato ritenuto senz'altro ammissibile un accordo che incrementi l'importo dell'assegno di mantenimento a carico di un coniuge, ovvero detti disciplina di dettaglio e specificazione del contenuto dell'accordo omologato. Per quanto riguarda gli accordi successivi, la giurisprudenza e la dottrina più risalenti li consideravano nulli tout court, successivamente venne distinto tra gli accordi aventi ad oggetto obblighi od attribuzioni patrimoniali dei coniugi, validi perchè espressione della volontà negoziale degli stessi, e quelli concernenti gli obblighi personali o di mantenimento dei figli minori, ritenuti invalidi perchè non soggetti ad omologazione. Peraltro la giurisprudenza più recente della Corte di Cassazione ha poi ribaltato il suddetto orientamento (si veda, per tutte, Cass n. 2270), facendo leva sul fatto che l'art. 158 C.C. prevede sì che il controllo omologatorio si appunti particolarmente sugli obblighi di affidamento e mantenimento della prole, ma esso investe anche l'intero contenuto degli accordi in quanto tali e nel loro complesso, quale espressione di un momento negoziale, altrimenti, aderendo all'orientamento che ritiene l'omologazione come estesa solo agli aspetti riguardanti la prole minore, si dovrebbe concludere che una coppia senza figli potrebbe concludere accordi di separazione a prescindere da qualsiasi omologazione giudiziale. Mancando, nella fase successiva agli accordi, la previsione di un procedimento omologatorio ad hoc, la Cass. ha statutito la non necessità di un... impossibile procedimento omologatorio in quella sede e, quindi, la piena validità di tali accordi, salvo il limite, verificabile giudizialmente in sede contenziosa o di richiesta di revisione dell'accordo, del rispetto dell'interesse dei figli. Peraltro la dottrina più recente, facendo appunto riferimento alla natura degli accordi tra i coniugi come espressione della loro capacità negoziale (il giudice non può in sede di separazione consensuale dettare condizioni, ma solo invitare i coniugi a rivedere l'accordo ed, al limite rifiutare l'omologazione sin quando non venga trovata soluzione idonea che non necessariamente deve coincidere con le sue indicazioni) tende ad estendere le soluzioni raggiunte dalla giurisprudenza in tema di accordi successivi alla separazione, anche agli accordi anteriori o coevi, suggerendo che il controllo del giudice ben possa esplicarsi in caso di eventuale impugnazione dell'accordo.

5 Da un punto di vista fiscale l'art. 19 della L. 74/87, che ha riformato in alcuni punti l'originaria L. 898/70 sullo scioglimento e la cessazione degli effetti civili del matrimonio, ha sancito letteralmente "l'esenzione degli atti, dei documenti, e dei provvedimenti relativi di procedimenti di scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, nonchè ai procedimenti esecutivi e cautelari diretti ad ottenere la corrisponsione od a garantire la revisione degli assegni di cui alla L. 898/70, artt. 5 e 10, dall'imposta di registro, di bollo, e da ogni altra tassa". L'A.F. ha opposto molte resistenze all'applicazione delle suddette "agevolazioni" anche agli accordi di separazione, la Corte Costituzionale ha dovuto intervenire due volte per giungere ad un unico trattamento tributario delle due fattispecie, dapprima ne ha esteso l'applicazione all'iscrizione dell'ipoteca legale a garanzia delle obbligazioni assunte dal coniuge nel giudizio di separazione (C. Cost. 15/4/92 n. 176), successivamente per estendere, finalmente e conclusivamente, il suddetto trattamento tributario a tutti gli atti, procedimenti e documenti relativi al procedimento di separazione personale tra i coniugi (C. Cost. 10/5/1999 n. 154). Tali pronunzie hanno indotto la A.F. ad emanare, una prima circolare, n. 49/E del 16 marzo 2000, con la quale venne preso atto del superamento dell'art. 8 lett. f della Tariffa, parte I, allegata alla L. del registro (DPR 131/86) in base alla quale erano considerati soggetti ad imposta fissa di registro unicamente i trasferimenti tra coniugi in sede di separazione personale purchè avessero ad oggetto beni già ricadenti nella comunione fra i coniugi Con la suddetta circolare l'a.f. dava atto dell'"ampia valenza esentativa" rappresentata dalla sentenza della Corte Costituzionale, chiarendo l'applicazione del trattamento fiscale agevolato esteso per effetto della pronunzia agli atti anteriori, purchè oggetto di impugnazione e non definiti con procedimenti esauriti, ribadendo che presupposto dell'esenzione è la mancata rilevabilità degli accordi come indici di capacità contributiva, statuendo che rientrano nel regime esentativo sia i trasferimenti contenuti nei verbali che sanciscono gli accordi di separazione, sia quelli contenuti negli atti che a tali accordi diano esecuzione, purchè l'accordo sia formalizzato nel verbale e possa, quindi, rilevarsi una connessione tra i due documenti. Questo comporta che eventuali accordi tra coniugi che non siano contenuti nel verbale o non diano ad esso esecuzione, perchè anteriori o contestuali od integrativi dello stesso, non vengono, allo stato, ritenuti agevolabili. Si potrebbe dubitare della conclusione almeno nel caso che un eventuale accordo anteriore fosse subordinato alla condizione dell'omologa dell'accordo di separazione e l'accordo, perfezionato successivamente, in qualche modo richiami l'atto perfezionato anteriormente. Il trattamento fiscale largamente esentativo può sintetizzarsi nell'esenzione dell'imposta di registro, di bollo, dalle imposte ipotecaria e catastale e dalla ormai abolita INVIM: in questi termini venne sollevata la questione di costituzionalità nella vertenza che ha portato alla pronunzia della Corte Costituzionale n. 154/1999. L'ambito di applicazione dell'esenzione va, peraltro, attentamente valutato alla luce della lettera della legge e delle varie prese di posizione in argomento. L'art. 19 della L. 74/87 parla di esenzione dall'imposta di bollo, di registro e da ogni altra "tassa".

6 Non è chiara la portata di quest'ultimo termine: la Commissione Tributaria di Milano, sollevando la questione di legittimità costituzionale che portò alla pronunzia della Corte Costituzionale 154/99, tentò di sollecitare la Corte a pronunziarsi sull'ampiezza dell'esenzione, suggerendo un'interpretazione tesa ad equiparare l'espressione "tassa" all'espressione "tributo" alla luce della ratio della norma: favorire i coniugi in una fase difficile del rapporto famigliare e prendere atto della mancata rilevanza di ogni espressione di capacità contributiva nella conclusione degli accordi e nell'esecuzione dei trasferimenti. La Corte, non ha preso posizione espressa, sancendo l'illegittimità costituzionale in particolare sotto il profilo dell'art. 3 della Cost., peraltro accennando anche all'irragionevolezza della norma in relazione agli artt. 21, 31 e 53 Cost., ma non soffermandosi granchè sul punto, probabilmente perchè lo dava per scontato, ma non tenendo conto che spesso l'a.f. se ha assunto un atteggiamento di iniziale chiusura che viene improvvisamente scoperchiato, tende, magari dopo un po' di tempo, a riprendere il percorso già intrapreso che, maliziosamente,va ritenuto il proprio spesso immutabile ed effettivo pensiero. La circolare 49/E del 16/3/2000 pare evidenziare un atteggiamento di larghissima, ma generica, apertura dell'a.f. sulla portata dell'esenzione, in essa viene fatto riferimento alle tipiche imposte d'atto di cui era stato chiesto rimborso nel giudizio nel quale si innestò la questione di legittimità costituzionale sfociata nella sentenza 154/99, ma si sottolinea che "Accertato che dalla richiamata giurisprudenza dell'organo costituzionale traspare appieno che intento del legislatore, al di là delle enunciazioni formali, è stato quello di non aggravare con oneri tributari i procedimenti de quo...ad attribuire ad essa la più ampia portata agevolativa". Ma le implicazioni possibili di natura fiscale, oltre che di natura civilistica, dei nostri trasferimenti sono molte, e, ripeto non aiuta la genericità ed ambiguità, perchè troppo late, delle enunciazioni sulla causa. Così docce fredde in tema di trasferimento o costituzione di diritti sulla casa famigliare: molte separazioni avvengono nei primi anni di matrimonio e, spesso, proprio anche a causa dei sacrifici richiesti dall'acquisto di un'abitazione che costituisce la prima casa: è noto che la nota II bis, alla tariffa, parte I allegata al D.P.R. 131/86, punto 4, prevede la decadenza dell'agevolazione per l'acquisto della prima casa, ed il recupero delle normali imposte dovute, una sanzione del 30% sulla differenza tra le imposte pagate in sede di registrazione e quelle ordinarie recuperate nonchè l'obbligo di pagamento degli interessi in caso di cessione, a qualsiasi titolo, dell'immobile avvenuta prima di 5 anni dall'acquisto e mancato riacquisto di un immobile a titolo abitativo entro 1 anno dalla cessione e sua destinazione ad abitazione principale del cedente entro lo stesso termine; l'a.f. con risoluzione n. 35/E del 1 febbraio 2002 riconobbe la rilevanza della forza maggiore, causata da un impedimento sopraggiunto, imprevedibile e non soggettivo, al fine di evitare la decadenza (in quel caso forza maggiore era costituita da un sisma che colpì l'intero Comune ove il contribuente avrebbe dovuto spostare la residenza).

7 Ma la Corte di Cassazione, con sentenza della sez. 5 n del 20 febbraio 2003, pur rilevando che l'impossibilità di riacquisto in relazione alla necessità di sistemazioni patrimoniali conseguenti ad un procedimento di separazione personale non avrebbe dato luogo ad applicazione di sanzioni, riconosce natura recuperatoria alla pretesa dell'a.f. di applicare le normali imposte a seguito di decadenza per mancato riacquisto annuale di un'abitazione, ritenendo insussistente una causa di forza maggiore e quindi la mancata decadenza. Ancora, con risoluzione dell'a.r. Toscana dell'a.f. in risposta ad un interpello presentato da un Notaio in tema di applicazione del trattamento tributario previsto dall'art. 19 della L. 74/87 all'iva, l'a.f. statuisce che il predetto trattamento tributario deve riferirsi unicamente ai beni già facenti parte del patrimonio di uno o entrambi i coniugi, che, quindi, si deve trattare di atti tra privati che non debbono coinvolgere terzi, quindi nessuna esenzione per ciò che comporta l'iva, il che lascia evidentemente scoperte tutte le ipotesi in cui un coniuge, imprenditore individuale, trasferisca un bene, merce o strumentale, fiscalmente a carico dell'azienda dell'esenzione, presupponendo un istantaneo, precedente auto consumo dello stesso, si suppone. Ma la più pesante restrizione, ingiustificata, è posta dall'a.f. in tema di intestazione dei beni ad uno o più figli. La Corte di Cassazione, sezione tributaria, con sentenza 30 maggio 2005 accoglie il ricorso dei contribuenti diretto ad invocare le agevolazioni in questione anche agli atti di trasferimento a favore dei figli, sul rilievo che, comunque si tratterebbe di atti comunque diretti alla definizione degli assetti patrimoniali della famiglia in conseguenza della separazione e/o divorzio. Questi trasferimenti sono molto frequenti proprio alla luce della resistenza da parte di un coniuge a trasferire all'altro il proprio patrimonio, e, d'altro canto, sono spesso tesi a contribuire, sia pur in modo atipico, al mantenimento dei figli. Tali trasferimenti, dunque vanno incontro proprio a tutte le esigenze che la Corte Costituzionale ha posto a base delle proprie decisioni in materia degli atti inerenti a separazioni e divorzi, compresa la compressione della litigiosità e la possibilità di accedere ad un nuovo equilibrio nei rapporti, anche personali, tra i coniugi litiganti. Ma l'a.f. con risoluzione n. 151/E del 19 ottobre 2005, successiva alla suddetta sentenza della Corte di Cassazione sopra richiamata e che aveva visto soccombere proprio l'a.f., ha, pur adottando un linguaggio che pare lasciare ampi spazi al dubbio (la risoluzione contrariamente al solito, fa ampio uso del verbo "sembra") assunto una posizione di chiusura, ripeto grave alla luce della quasi coeva sentenza che ha visto tale posizione soccombere, ritenendo che trasferimenti a favore di terzi, pur se contenuti nell'accordo di separazione, palesano una causa liberale a favore di un soggetto estraneo al rapporto matrimoniale, quindi non si ricollegano funzionalmente all'accordo di separazione. Il quadro tracciato non può che suggerire prudenza ed incertezza riguardo ad altre questioni che si potrebbero dire aperte, ad esempio il trattamento ai fini IRPEF di eventuali attribuzioni tra i coniugi che potrebbero dar luogo a plusvaleze imponibili ex art. 67 del DPR 917/86, ove ricorrano i presupposti, che però, per fortuna, non ricorrono quasi mai in caso di assegnazione e/o cessione dell'abitazione principale.

8 Ricorrono, però, ove si tratti di altri beni immobili o quote societarie, strumenti finanziari, quando si tratta di beni d'impresa, specialmente quando l'accordo prevede la dazione di una somma di denaro da parte dell'accipiens (o l'accollo di un debito). Se l'interpretazione della Corte Costituzionale sembrerebbe giustificare l'insussistenza di ogni pretesa fiscale, altrettanto non può dirsi per l'atteggiamento dell'a.f. che, ove la fattispecie minimamente traligni dai suoi confini classici ed un po stereotipati, oppone resistenza all'applicazione dell'esenzione donde viene ribadita la necessità di una attenta enunciazione causale nell'accordo, onde prevenire eventuali richieste fiscali. Peraltro in tema di reddito d'impresa, si sottolinea che l'art. 58 n. 3 del DPR 9/7/86 ritiene si verifichi una plusvalenza imponibile ove un bene d'impresa sia destinato al consumo personale o familiare dell'imprenditore, o comunque sia destinato a finalità estranee all'impresa. Un'ultima notazione: si ribadisce, che alcuni negozi tipici traggono dal verbale che sancisce l'accordo di separazione e/o divorzio semplicemente occasione di formalizzazione del consenso, comunque, momento utile per stipula, visto che potrebbe essere poi difficile formalizzarli dopo alla luce di atteggiamento spesso non amichevole e conciliante tra i coniugi post separazione e/o divorzio. Tali patti non sono causalmente qualificati dalla sistemazione delle reciproche situazioni patrimoniali dei coniugi post separazione e/o divorzio, probabilmente non sono attratti dal trattamento tributario agevolato, hanno proprie regole di forma e sostanza che vanno strettamente rispettate. Uno dei casi più frequenti è la divisione dei beni già ricadenti in comunione legale, riguardo a ciò: - è discutibile che possa ritenersi attratta al trattamento fiscale esentativo (la comunione si scioglie per molteplici cause, non solo per separazione personale), - è possibile stipularla nell'ambito dell'accordo di separazione e divorzio, avendo questo forma scritta ed addirittura essendo considerato atto pubblico, - vanno rispettate le norme di cui agli art. 194 e ss. C.C., - è altamente opportuno condizionarne l'efficacia all'avvenuta omologazione dell'accordo di separazione e/o divorzio, che non può ritenersi tout court condicio iuris della divisione, ma l'efficacia della quale consente lo scioglimento della comunione, altrimenti inscindibile se non al verificarsi di una delle altre cause di scioglimento della stessa. Peraltro alcune pronunzie di merito sembrano considerare comunque l'efficacia di tutti i patti contenuti nel verbale che sancisce la separazione consensuale all'omologazione del giudice, quindi a condizionare comunque l'efficacia dei trasferimenti appunto all'omologazione, ma, testualmente, l'accordo dei coniugi acquista efficacia dopo l'omologazione nelle sole materie indicate dall'art. 158 u.c. C.C.

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un coniuge a favore dell altro o a favore dei figli, allo scopo di regolamentare i rapporti patrimoniali

Dettagli

OGGETTO: RICORSO AVVERSO AVVISO DI LIQUIDAZIONE IMPOSTA EMESSO. DALL'AGENZIA ENTRATE NAPOLI. IL del NOTIFICATO

OGGETTO: RICORSO AVVERSO AVVISO DI LIQUIDAZIONE IMPOSTA EMESSO. DALL'AGENZIA ENTRATE NAPOLI. IL del NOTIFICATO ALLA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI NAPOLI ALL'AGENZIA DELLE ENTRATE UFFICIO DI NAPOLI. OGGETTO: RICORSO AVVERSO AVVISO DI LIQUIDAZIONE IMPOSTA EMESSO DALL'AGENZIA ENTRATE NAPOLI. IL del NOTIFICATO

Dettagli

GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E

GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E DIVORZIO E LE CONSEGUENZE SUL PIANO FISCALE. A CURA DELL AVV. RAFFAELLA DE VICO Premessa Diverse sono le questioni di rilevanza fiscale che possono sorgere

Dettagli

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Trasferimenti in sede di separazione e divorzio Domande Frequenti Sommario 1. Prima dell introduzione dell

Dettagli

D.L. 12 settembre 204 n. 132 convertito in Legge 10 novembre 2014 n. 162 ( in vigore dall 11 novembre 2014)

D.L. 12 settembre 204 n. 132 convertito in Legge 10 novembre 2014 n. 162 ( in vigore dall 11 novembre 2014) Il ruolo del Notaio D.L. 12 settembre 204 n. 132 convertito in Legge 10 novembre 2014 n. 162 ( in vigore dall 11 novembre 2014) Art. 2 : CONVENZIONE DI NEGOZIAZIONE ASSISTITA È l accordo mediante il quale

Dettagli

Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014

Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014 Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 128-2012/T Trattamento fiscale dei trasferimenti nella soluzione della crisi del matrimonio secondo la circolare dell Agenzia delle Entrate n. 27/E del 21 giugno

Dettagli

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE AGEVOLAZIONI RELATIVE AI BENI IMMOBILI. Giurisprudenza

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE AGEVOLAZIONI RELATIVE AI BENI IMMOBILI. Giurisprudenza Sentenza del 17/02/2001 n. 2347 - Corte di Cassazione Sentenza del 17/02/2001 n. 2347 - Corte di Cassazione Intitolazione: ESENZIONI ED AGEVOLAZIONI (BENEFICI): IN GENERE - Agevolazioni ex art. 19 legge

Dettagli

RISOLUZIONE N. 65/E. Roma, 16/07/2015

RISOLUZIONE N. 65/E. Roma, 16/07/2015 RISOLUZIONE N. 65/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16/07/2015 OGGETTO: Istanza di interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000. Accordi di negoziazione assistita ex art. 6, comma

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 20 20.03.2014 Benefici prima casa e separazione dei coniugi I recenti approdi della giurisprudenza di legittimità Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 by www.finanzaefisco.it OGGETTO: Trattamento tributario degli atti di costituzione del fondo patrimoniale. L argomento oggetto

Dettagli

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata.

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata. Il decreto del Tribunale per i minorenni che provvede sul mantenimento dei figli naturali è titolo per iscrivere ipoteca. Commento al Decreto del Tribunale di Bologna del 29 giugno 2012. La legge n. 54/20006

Dettagli

RISOLUZIONE N. 49/E. Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso. Roma, 11 maggio 2015

RISOLUZIONE N. 49/E. Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso. Roma, 11 maggio 2015 RISOLUZIONE N. 49/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Permanenza dell agevolazione prima casa in caso di vendita infraquinquennale e riacquisto nell anno anche

Dettagli

Prot. n 154 Salerno, lì 12 Febbraio 2014

Prot. n 154 Salerno, lì 12 Febbraio 2014 Prot. n 154 Salerno, lì 12 Febbraio 2014 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 32/2013. Libera Professione. Trasferimento di beni immobili: l'imposta di registro

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO A CURA DELLA COMMISSIONE STUDI DELLO STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO Palazzo Vitalba, Via Broseta n.35 24122 Bergamo Tel. 035/218296 Fax 035/4229634 E-mail notaio.pallino@studiopallino.it IL TRUST E I

Dettagli

Deviazione degli effetti a favore del terzo e donazione di beni futuri donazione (indiretta) divieto di donazione di beni futuri ex 771 c.

Deviazione degli effetti a favore del terzo e donazione di beni futuri donazione (indiretta) divieto di donazione di beni futuri ex 771 c. Deviazione degli effetti a favore del terzo e donazione di beni futuri La volontà di Caio di deviare gli effetti dell acquisto dell immobile costruendo a favore del figlio Caietto impone di verificare:

Dettagli

IL FONDO P ATRIMONIALE. di Daniela Di Gravio dott.ssa in economia e commercio

IL FONDO P ATRIMONIALE. di Daniela Di Gravio dott.ssa in economia e commercio IL FONDO P ATRIMONIALE di Daniela Di Gravio dott.ssa in economia e commercio 1 - Inquadramento giuridico del fondo patrimoniale Il fondo patrimoniale è disciplinato dagli artt. 167-171 del codice civile,

Dettagli

Regime di imposizione dei trasferimenti aventi ad oggetto terreni

Regime di imposizione dei trasferimenti aventi ad oggetto terreni Regime di imposizione dei trasferimenti aventi ad oggetto terreni Trasferimenti aventi ad oggetto terreni: nozioni introduttive e definizione di "terreno edificabile L'art 1 della Tariffa, parte Prima,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3. PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3. PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3 A: Da: V E Z Z A N I & A S S O C I A T I C/a: Pagine: 5 Fax: Data: 27 maggio 2013 Egregi Signori, PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali si segnala un argomento

Dettagli

notaio Marina Pesarin

notaio Marina Pesarin 29/11/2013 notaio Marina Pesarin Il nuovo regime della fiscalità immobiliare, in vigore dal 1 gennaio 2014, in relazione all'imposta di registro, ipotecaria e catastale Il termine fiscalità immobiliare

Dettagli

Studio n. 853-2014/T ***

Studio n. 853-2014/T *** Studio n. 853-2014/T Regolarizzazione di società di fatto derivante da comunione di azienda nei tributi sui trasferimenti Approvato dall Area Scientifica Studi Tributari il 30 ottobre 2014 Approvato dal

Dettagli

! ! ! ! !! - INTERRUZIONE PER MORTE DI UNO DEI CONVIVENTI rimedio: il testamento - INTERRUZIONE VOLONTARIA rimedio: patto di convivenza INTERRUZIONE VOLONTARIA: - PROVA DELLA CONVIVENZA - ACCERTAMENTO

Dettagli

Studio Galeotti Flori - Firenze. Dott. Stefano Berti

Studio Galeotti Flori - Firenze. Dott. Stefano Berti COMPIUTI NELL AMBITO DI PROCEDURE FALLIMENTARI ED I PROVVEDIMENTI DI AGGIUDICAZIONE, ANCHE IN SEDE DI SCIOGLIMENTO DI COMUNIONI; LA TASSAZIONE DEGLI EVENTUALI CONGUAGLI Firenze, 25 marzo 2015 1 IMPOSTA

Dettagli

AGEVOLAZIONI. Sommario: 1) Agevolazioni prima casa in sede di. acquisto a titolo oneroso; B) Per i trasferimenti

AGEVOLAZIONI. Sommario: 1) Agevolazioni prima casa in sede di. acquisto a titolo oneroso; B) Per i trasferimenti AGEVOLAZIONI Sommario: 1) Agevolazioni prima casa in sede di acquisto a titolo oneroso; B) Per i trasferimenti soggetti ad Imposta sul Valore Aggiunto; imposte ipotecarie e catastali in caso di agevolazioni

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI 2014 cosa cambia e cosa resta invariato

AGEVOLAZIONI FISCALI 2014 cosa cambia e cosa resta invariato STUDIO NOTARILE GIANLUCA CESARE PLATANIA Via dei Partigiani 5 - Bergamo Tel. 035 235001 - Fax 035 235868 www.notaioplatania.it email: gplatania@notariato.it AGEVOLAZIONI FISCALI 2014 cosa cambia e cosa

Dettagli

La difesa del patrimonio

La difesa del patrimonio Mercoledì 19 Marzo 2014 SAVIGLIANO DONAZIONE DI AZIENDE O QUOTE La donazione è il contratto con il quale (art. 769 C.C.), per spirito di liberalità, una parte arricchisce l altra, disponendo a favore di

Dettagli

I TRASFERIMENTI IMMOBILIARI NELL AMBITO DELLA SEPARAZIONE: COME, COSA E A CHI

I TRASFERIMENTI IMMOBILIARI NELL AMBITO DELLA SEPARAZIONE: COME, COSA E A CHI I TRASFERIMENTI IMMOBILIARI NELL AMBITO DELLA SEPARAZIONE: COME, COSA E A CHI Profilo causale dei trasferimenti nell ambito della separazione. Come noto a tutti voi la separazione consensuale unisce aspetti

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 36 09.09.2014 Trust: possibili utilizzi Gestione di partecipazioni, di immobili, passaggio generazionale, trust liquidatorio Categoria: Enti Commerciali/non

Dettagli

IL FONDO PATRIMONIALE

IL FONDO PATRIMONIALE IL FONDO PATRIMONIALE La ricerca risponde a vari quesiti relativi all istituto di cui alla sezione II, titolo VI, libro I del codice civile (artt. 167-176 c.c.), modificato dalla riforma del diritto di

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 67/99/T Trattamento fiscale degli atti relativi ai procedimenti di separazione e divorzio alla luce della recente sentenza della Corte Costituzionale Approvato

Dettagli

Il frazionamento del mutuo e della ipoteca a garanzia

Il frazionamento del mutuo e della ipoteca a garanzia Il presente contributo trae spunto dalla Circolare dell Agenzia del Territorio n. 5 del 28 luglio 2008, alla luce delle recenti disposizioni introdotte dall articolo 8 del decreto legge 31 gennaio 2007,

Dettagli

Risoluzione n. 78/E. Quesito

Risoluzione n. 78/E. Quesito Risoluzione n. 78/E Normativa e Contenzioso Direzione Centrale Roma, 31 marzo 2003 Oggetto: Determinazione della plusvalenza derivante dalla cessione di immobili acquistati per usucapione IRPEF DPR 22

Dettagli

GLI ASPETTI TRIBUTARI

GLI ASPETTI TRIBUTARI GLI ASPETTI TRIBUTARI DELLA CESSIONE DEL CREDITO DEL PROFESSIONISTA di Paolo Dal Monico (Dottore Commercialista in Vicenza) SOMMARIO: I Premessa; II. I.V.A.; III. Lavoratore autonomo che ha già emesso

Dettagli

ESTRATTO DELLO STUDIO DEL Consiglio Nazionale del notariato n. 45-2011/T, approvato dalla Commissione studi Tributari del 23 settembre 2011

ESTRATTO DELLO STUDIO DEL Consiglio Nazionale del notariato n. 45-2011/T, approvato dalla Commissione studi Tributari del 23 settembre 2011 ESTRATTO DELLO STUDIO DEL Consiglio Nazionale del notariato n. 45-2011/T, approvato dalla Commissione studi Tributari del 23 settembre 2011 2.4.3. Cessione di immobile acquisito dal coniuge in sede di

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

Le Imposte per chi Vende un Immobile

Le Imposte per chi Vende un Immobile Le Imposte per chi Vende un Immobile La tassazione della plusvalenza Nella maggior parte dei casi, il privato che vende un bene immobile non paga alcuna tassa, anche se di solito ottiene un guadagno grazie

Dettagli

Giovanni Panzera Notaio in Bologna. TARIFFA NOTARILE aggiornata al 1 gennaio 2014

Giovanni Panzera Notaio in Bologna. TARIFFA NOTARILE aggiornata al 1 gennaio 2014 Giovanni Panzera Notaio in Bologna Via Garibaldi, 7-40124 Bologna ufficio atti tel 051-6447682 fax 051-581284 e-mail gpanzera@notariato.it cassa cambiali tel 051-580719 fax 051-581284 e-mail panzeraprotesti@email.it

Dettagli

Scioglimento della comunione legale tra i coniugi

Scioglimento della comunione legale tra i coniugi Autore: Daniele Minussi Scioglimento della comunione legale tra i coniugi Note Bibliografia Prassi collegate News collegate Vedi anche Percorsi argomentali Lo scioglimento della comunione, ai sensi dell'art.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno.

e, p. c., Ad esclusivo uso interno; è vietata la pubblicazione all esterno. PER POSTA ELETTRONICA Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 luglio 2009 Direzione Centrale Accertamento Alle Direzioni regionali Alle Direzioni provinciali Agli Uffici locali e, p. c., All

Dettagli

1. È configurabile un obbligo per l intermediario di comunicare all investitore i prezzi di carico dei diritti d opzione?

1. È configurabile un obbligo per l intermediario di comunicare all investitore i prezzi di carico dei diritti d opzione? NON CORRETTA QUANTIFICAZIONE DA PARTE DELL INTERMEDIARIO DEI PREZZI DI CARICO DEI DIRITTI D OPZIONE RELATIVI AD UN AUMENTO DI CAPITALE DI SOCIETÀ QUOTATA: RESPONSABILITA INTERMEDIARIO Il sig. [ ] Tizio,

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.3 L'IVA e le altre imposte indirette

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.3 L'IVA e le altre imposte indirette 106 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.3 L'IVA e le altre imposte indirette L'Imposta sul Valore Aggiunto (IVA), emanata con il D.P.R. 633/72, si qualifica come imposta sugli affari

Dettagli

Concordato preventivo: trattamento contabile e fiscale del bonus e delle plusvalenze derivanti dalla liquidazione dei beni

Concordato preventivo: trattamento contabile e fiscale del bonus e delle plusvalenze derivanti dalla liquidazione dei beni Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Concordato preventivo: trattamento contabile e fiscale del bonus e delle plusvalenze derivanti dalla liquidazione dei beni Nell ambito della disciplina

Dettagli

La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria

La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria Dott. Marino Mascheroni Professore a contratto di Diritto Tributario Università di Milano Il trasferimento di azienda farmacia Requisiti

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 42 20.11.2013 Cessione d azienda Ripartizione dei valori, profili di competenza e modalità di tassazione Categoria: Bilancio e Contabilità Sottocategoria:

Dettagli

Il fondo patrimoniale

Il fondo patrimoniale Paolo Tonalini Notaio Il fondo patrimoniale Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO PAOLO

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

(*) Sentenze reperite sul sito www.il- trust- in- italia.it

(*) Sentenze reperite sul sito www.il- trust- in- italia.it Giurisprudenza Tributaria in materia di tassazione di conferimento di beni in Trust (*) Comm. Trib. Prov. Perugia 19.06.2014 n. 470/2/14 Dichiara che, al momento dell'istituzione di un trust, il beneficiario

Dettagli

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: analisi dei profili fiscali di una fattispecie particolare di trasferimento immobiliare tra privati

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: analisi dei profili fiscali di una fattispecie particolare di trasferimento immobiliare tra privati AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: analisi dei profili fiscali di una fattispecie particolare di trasferimento immobiliare tra privati di Alessandra Loiacono Il governo italiano ha da tempo introdotto una serie

Dettagli

LA NUOVA TASSAZIONE DEI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LE NOVITÀ DAL 1 GENNAIO 2014

LA NUOVA TASSAZIONE DEI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LE NOVITÀ DAL 1 GENNAIO 2014 LA NUOVA TASSAZIONE DEI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LE NOVITÀ DAL 1 GENNAIO 2014 Dal 1 gennaio 2014 entra in vigore la normativa che il D. Lgs. 14 marzo 2011 n. 23 già dispose in materia di imposte di registro,

Dettagli

6 LA CESSIONE DEL FABBRICATO

6 LA CESSIONE DEL FABBRICATO IN PRATICA 6 LA CESSIONE DEL FABBRICATO Nel caso di cessione del fabbricato, sia per atto tra vivi che mortis causa, si possono presentare, come vedremo nel capitolo, diverse problematiche di carattere

Dettagli

Roma, 21 giugno 2012. Alle Direzioni regionali e provinciali. Agli Uffici dell agenzia delle entrate. Prot. 2012/93861

Roma, 21 giugno 2012. Alle Direzioni regionali e provinciali. Agli Uffici dell agenzia delle entrate. Prot. 2012/93861 CIRCOLARE N. 27/E Roma, 21 giugno 2012 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell agenzia delle entrate Prot. 2012/93861 OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di imposta di registro- Testo

Dettagli

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE Legge 347/1990 Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II (ma fissa se non c è trasferimento, o iva, prima casa..) Catastale -> se c è voltura Es Servitù

Dettagli

LE DONAZIONI INDIRETTE. L ABUSO DEL DIRITTO Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino - Commissione Studi Tributari CNN

LE DONAZIONI INDIRETTE. L ABUSO DEL DIRITTO Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino - Commissione Studi Tributari CNN LE DONAZIONI INDIRETTE. L ABUSO DEL DIRITTO Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino - Commissione Studi Tributari CNN 1. Il presupposto dell imposta sulle successioni e donazioni, come definito

Dettagli

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis)

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Decreto Legge 25 gennaio 2007 Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza,

Dettagli

Imposte di registro, ipotecaria, catastale e di bollo, tasse ipotecarie, tributi catastali

Imposte di registro, ipotecaria, catastale e di bollo, tasse ipotecarie, tributi catastali di registro, ipotecaria, catastale e di bollo, tasse ipotecarie, tributi catastali dal 1 gennaio 2014 Le nuove disposizioni sono contenute nell art. 10, D.lgs. 14 marzo 2011, n. 23, come modificato dal

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Per anni l Amministrazione Finanziaria ha mantenuto un atteggiamento assolutamente restrittivo nei confronti della cedibilità

Dettagli

21/02/ 14 Agenzia Entrate Circolare n.2 Chiarimenti in tema di Riforma dell imposta di registro

21/02/ 14 Agenzia Entrate Circolare n.2 Chiarimenti in tema di Riforma dell imposta di registro 21/02/ 14 Agenzia Entrate Circolare n.2 Chiarimenti in tema di Riforma dell imposta di registro L Agenzia delle Entrate ha emanato la circolare n. 2/E del 21 febbraio 2014 che fornisce le istruzioni e

Dettagli

Roma, 28 gennaio 2009

Roma, 28 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 23/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 gennaio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 plusvalenza da cessione di immobile allo stato

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2014 pag. 102

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2014 pag. 102 SERVIZI TRIBUTARI ANNO pag. 101 12 marzo 31/FS/om Imposta di registro, ipotecaria e cataste - Atti di trasferimento o di costituzione a titolo oneroso di diritti rei immobiliari Modifiche Chiarimenti -

Dettagli

COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA

COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO N. 191 TRATTAMENTO AI FINI FISCALI DEL CONTRATTO RENT TO BUY DI IMMOBILI Massima

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Pubblicità immobiliare e affari legali Roma, 4 marzo 2015 OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali 2 INDICE Premessa... 3 1. Il decreto di

Dettagli

OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali

OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Pubblicità immobiliare e affari legali Roma, 4 marzo 2015 OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali 2 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. IL DECRETO

Dettagli

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir.

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir. RISOLUZIONE N. 153/E Roma, 11 giugno 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1,

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Cassazione civile, sez. I, 9 maggio 2013, n. 11025 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VITRONE Ugo - Presidente - Dott. DI AMATO Sergio -

Dettagli

CORSO DI DIRITTO TRIBUTARIO IL REGIME FISCALE DEI TRASFERIMENTI. Bibliografia

CORSO DI DIRITTO TRIBUTARIO IL REGIME FISCALE DEI TRASFERIMENTI. Bibliografia Legge Finanziaria 2007: le modifiche relative ai trasferimenti gratuiti a favore di discendenti di aziende, quote sociali ed azioni Senato della Repubblica - Disposizioni per la formazione del bilancio

Dettagli

Dichiarazione annuale IVA: mancato riporto del credito

Dichiarazione annuale IVA: mancato riporto del credito IVA Dichiarazione annuale IVA: mancato riporto del credito di Salvatore Servidio Con risoluzione n. 74/E del 19 aprile 2007, l Agenzia delle Entrate si è occupata di un istanza di interpello presentata

Dettagli

L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE S.U. N. 5068/2016

L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE S.U. N. 5068/2016 SCUOLA DI NOTARIATO DI CATANIA JACOPO DA LENTINI * * * * * CORSO DI SPECIALIZZAZIONE DI DIRITTO DELLE SUCCESSIONE 2015/2016 * * * * * L'ATTO DI DISPOSIZIONE DELLA CD. QUOTINA ALLA LUCE DELLA SENTENZA DELLA

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 104/2000/T Tassazione della cessione di crediti, assistiti da garanzia ipotecaria, derivanti da finanziamento a medio/lungo termine Approvato dalla Commissione

Dettagli

OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche.

OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche. Roma, 22 gennaio 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche. Quesito Nell ambito dei Piani di Sviluppo

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza. Facoltà di GIURISPRUDENZA DIRITTO TRIBUTARIO E CONSULENZA D IMPRESA. a.a. 2015-2016

Università degli Studi di Roma La Sapienza. Facoltà di GIURISPRUDENZA DIRITTO TRIBUTARIO E CONSULENZA D IMPRESA. a.a. 2015-2016 Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di GIURISPRUDENZA MASTER DI SECONDO LIVELLO IN DIRITTO TRIBUTARIO E CONSULENZA D IMPRESA a.a. 2015-2016 Direttore Prof. Pietro Boria Calendario didattico

Dettagli

Agenzia delle Entrate, circolare 7 maggio 2001, n. 44/E, Imposta sulle successioni e sulle donazioni - Legge 21 novembre 2000, n. 342, articolo 69.

Agenzia delle Entrate, circolare 7 maggio 2001, n. 44/E, Imposta sulle successioni e sulle donazioni - Legge 21 novembre 2000, n. 342, articolo 69. Agenzia delle Entrate, circolare 7 maggio 2001, n. 44/E, Imposta sulle successioni e sulle donazioni - Legge 21 novembre 2000, n. 342, articolo 69. Premessa L'articolo 69 della legge 21 novembre 2000,

Dettagli

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Il Fondo patrimoniale: profili di (in)utilità? Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Data 02/07/2015 FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Negozio di destinazione(costituente)

Dettagli

La decisione risulta così motivata: a) la ratio dell'istituzione del Fondo speciale volo di cui alla L. 13/7/1965 n. 859, come modificata dalla L.

La decisione risulta così motivata: a) la ratio dell'istituzione del Fondo speciale volo di cui alla L. 13/7/1965 n. 859, come modificata dalla L. Contributi - Fondo volo - Carattere sostitutivo dell'assicurazione generale obbligatoria INPS - Diritto alla iscrizione per i piloti dipendenti di enti locali - Insussistenza. Corte di Appello di Trento

Dettagli

RISOLUZIONE n. 188/E

RISOLUZIONE n. 188/E RISOLUZIONE n. 188/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 luglio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 - Cessione di fabbricato seguente la consolidazione

Dettagli

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano Datio in solutum di Leonardo Cipriano La datio in solutum (dazione in pagamento o prestazione in luogo dell'adempimento ex art. 1197, co. 1 c.c.) indica la "prestazione in luogo di adempimento", cioè la

Dettagli

CIRCOLARE N. 9/2007. N. pagine complessive: 7 - L originale cartaceo firmato è archiviato presso l Ente emittente

CIRCOLARE N. 9/2007. N. pagine complessive: 7 - L originale cartaceo firmato è archiviato presso l Ente emittente PROT. n. 49267 ENTE EMITTENTE: CIRCOLARE N. 9/2007 Direzione dell Agenzia OGGETTO: Articolo 8 del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40, Portabilità del mutuo;

Dettagli

PARERE GLI ONERI FISCALI INERENTI LA VENDITA DELLA VILLA MAGIERA 1) I PRINCIPALI RIFERIMENTI DELLA NORMATIVA VIGENTE

PARERE GLI ONERI FISCALI INERENTI LA VENDITA DELLA VILLA MAGIERA 1) I PRINCIPALI RIFERIMENTI DELLA NORMATIVA VIGENTE PARERE PROT.int. A3/PAT/A n. 13 del 18.01.2010 GLI ONERI FISCALI INERENTI LA VENDITA DELLA VILLA MAGIERA 1) I PRINCIPALI RIFERIMENTI DELLA NORMATIVA VIGENTE In sintesi e limitatamente a quanto di interesse

Dettagli

Scritto da Administrator Domenica 15 Giugno 2008 10:10 - Ultimo aggiornamento Domenica 15 Giugno 2008 10:40

Scritto da Administrator Domenica 15 Giugno 2008 10:10 - Ultimo aggiornamento Domenica 15 Giugno 2008 10:40 La divisione ereditaria Allorchè più soggetti siano chiamati a succedere al de cuius ed accettino l'eredità, viene ad esistenza uno stato di comunione ereditaria incidentale, cioè occasionata dalla morte

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

Fiscalità degli immobili estranei al regime di impresa, arti e professioni Dott. Giovanni Picchi Dott. Domenico Ballor 1 I redditi diversi immobiliari L art. 67, comma 1, del TUIR prevede alcune fattispecie

Dettagli

RISOLUZIONE N. 5/DF. Il citato comma 380 dell art. 1 della legge di stabilità per l anno 2013 alla:

RISOLUZIONE N. 5/DF. Il citato comma 380 dell art. 1 della legge di stabilità per l anno 2013 alla: RISOLUZIONE N. 5/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 28 marzo 2013 DIREZIONE LEGISLAZIONE TRIBUTARIA E FEDERALISMO FISCALE UFFICIO XII PROT. N. 5534 OGGETTO: Imposta

Dettagli

IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI DONAZIONE DI TITOLI DI STATO 1. SINTESI 2. LEX 3. STUDIO CNN 4. PRASSI 5. GIURISPRUDENZA 6.

IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI DONAZIONE DI TITOLI DI STATO 1. SINTESI 2. LEX 3. STUDIO CNN 4. PRASSI 5. GIURISPRUDENZA 6. IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI DONAZIONE DI TITOLI DI STATO 1. SINTESI 2. LEX 3. STUDIO CNN 4. PRASSI 5. GIURISPRUDENZA 6. ABROGAZIONI 1 1. SINTESI Con la re-istituzione dell imposta sulle successioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 41/E. Roma, 23 aprile 2015

RISOLUZIONE N. 41/E. Roma, 23 aprile 2015 RISOLUZIONE N. 41/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 23 aprile 2015 OGGETTO: Piani urbanistici particolareggiati - Art. 33, comma 3, della legge n. 388 del 2000 Applicabilità regime

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 aprile 2008 Oggetto: Operazioni finanziarie IVA Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Istanza di interpello 2007. Con istanza

Dettagli

GLI OBBLIGHI STRUMENTALI

GLI OBBLIGHI STRUMENTALI GLI OBBLIGHI STRUMENTALI Si tratta di obblighi il cui assolvimento è considerato strumentale ai fini della applicazione del tributo ovvero ai fini del controllo amministrativo. Sono definiti anche obblighi

Dettagli

Le plusvalenze derivanti da cessione di immobili

Le plusvalenze derivanti da cessione di immobili Pagina 1 di 7 Pubblicato su Fiscopiù (http://fiscopiu.it) Home > Focus > Le Plusvalenze derivanti da cessione di immobili 06 Marzo 2015 Redditi diversi di Domenico Montemurno - Dottore Commercialista Alcune

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI NELLA CRISI CONIUGALE DISCIPLINA TRIBUTARIA <><><> <><><> PREMESSA

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI NELLA CRISI CONIUGALE DISCIPLINA TRIBUTARIA <><><> <><><> PREMESSA TRASFERIMENTI IMMOBILIARI NELLA CRISI CONIUGALE DISCIPLINA TRIBUTARIA PREMESSA L incontro di studio è stato organizzato dalla SEZIONE TERRITO- RIALE DELL OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DIRITTO

Dettagli

Fisco e beni del fondo patrimoniale - Sentenza 437/2010 Commissione Tributaria Milano

Fisco e beni del fondo patrimoniale - Sentenza 437/2010 Commissione Tributaria Milano Fisco e beni del fondo patrimoniale La Commissione Tributaria Provinciale di Milano, sezione XXI, con la sentenza n.ro 437 del 20 dicembre 2010, ha statuito che non sono ammesse azioni esecutive e cautelari

Dettagli

Le tasse per chi vende un immobile

Le tasse per chi vende un immobile NOTAIO PAOLO TONALINI Via Dallagiovanna 19-27049 STRADELLA (PV) Telefono 0385 48564 - Fax 0385 43443 Viale Cesare Battisti 17-27100 PAVIA Telefono 0382 530207 - Fax 0382 306455 e-mail: notaio@tonalini.it

Dettagli

Circolare Informativa n. 17/2000. Alle Società Consorziate. Roma, 8 giugno 2000

Circolare Informativa n. 17/2000. Alle Società Consorziate. Roma, 8 giugno 2000 Circolare Informativa n. 17/2000 Alle Società Consorziate Roma, 8 giugno 2000 Rif. 470 Oggetto: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine Finanziamenti posti in essere all estero Risoluzione

Dettagli

Plusvalenze immobiliari in UNICO 2010

Plusvalenze immobiliari in UNICO 2010 Plusvalenze immobiliari in UNICO 2010 di Paolo Parisi (*) L ADEMPIMENTO " UNICO PF: Quadro RL Ai fini delle imposte sui redditi, la cessione a titolo oneroso di immobili posseduti al di fuori dell ambito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 26/E. Roma, 6 marzo 2015

RISOLUZIONE N. 26/E. Roma, 6 marzo 2015 RISOLUZIONE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica applicabilità delle agevolazioni in materia di piccola proprietà contadina alle pertinenze dei terreni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma, 28 gennaio 2005

RISOLUZIONE N. 10/E. Roma, 28 gennaio 2005 RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 gennaio 2005 Oggetto: Istanza di interpello articolo 19 bis-1 del d.p.r. 26 ottobre 1972, n. 633 Esclusione o riduzione della detrazione

Dettagli