ACCORDI TRA I CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E DIVORZIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACCORDI TRA I CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E DIVORZIO"

Transcript

1 ACCORDI TRA I CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E DIVORZIO Per una compiuta definizione e risoluzione delle problematiche di natura fiscale nell'ambito dei procedimenti di separazione personale e divorzio è indispensabile premettere brevi cenni in tema di causa e forma degli accordi che i coniugi raggiungono e formalizzano in sede di procedimento di separazione consensuale (artt. 158 C.C. e 711 C.P.C.) e divorzio (art. 5 e ss. L. 898/70 e successive modifiche ed integrazioni). Al riguardo, premesso e precisato che la relazione non intende occuparsi degli aspetti processuali, si deve far presente che tali accordi, tradizionalmente, contengono una miriade di pattuizioni di svariata natura e contenuto, che è difficile sintetizzare, anche perchè ogni elencazione sarebbe indefettibilmente lacunosa. Si intendono qui trattare principalmente le questioni inerenti ai "trasferimenti" (latu sensu), immobiliari e non, che "avvengono" tra i coniugi in quelle circostanze. La terminologia che ho sopra utilizzato è volutamente e necessariamente (si scusi l'ossimoro) atecnica, proprio alla luce della difficile definizione della causa di tali attribuzioni, delle discussioni sollevate da questo problema, delle diverse soluzioni pratiche adottate, delle imprecisioni o comunque approssimazioni terminologiche ed anche dogmatiche che spesso i verbali di separazione e divorzio contengono, il che può comportare difficoltà con la liquidazione delle imposte che l'agenzia delle Entrate effettua in sede di registrazione dell'accordo di separazione o divorzio o dell'atto esecutivo degli obblighi contenuti nel verbale che suggella il suddetto accordo. La dottrina e la giurisprudenza più risalenti tendevano a frammentare, da un punto di vista della definizione causale, le singole pattuizioni contenute negli accordi di separazione e divorzio, considerando gli stessi come una somma di fattispecie a se stanti, collegate solo dalla occasione nella quale venivano perfezionate, il che portava a risultati non soddisfacenti, contraddittori e comunque incompleti. Difficile, ad esempio, definire i trasferimenti quali donazioni, non fosse altro perchè in queste fasi ben difficilmente emerge un animus donandi, anzi, non è azzardato affermare che sono trasferimenti ove si palesa un atteggiamento reciproco contrario a qualsiasi spontaneità, perchè lo stesso profilo della gratuità è spesso discutibile od assente, perchè le conseguenze (specie in sede di revocabilità, obbligo di collazione, graduazione degli obbligati all'obbligo di prestare gli alimenti in caso di stato di bisogno del donate) sarebbero gravi e non volute dalle parti, perchè i patti sarebbero nulli per difetto di forma, mancando i testimoni, e, ove gli accordi contenessero un "impegno a donare" (frase che pur spesso compare nei verbali che contengono gli accordi in questione)) tale impegno configurerebbe un preliminare di donazione, prevalentemente ritenuto nullo dalla dottrina per difetto di spontaneità, e, comunque, sempre per difetto di forma.

2 Analoghe ragioni si avanzano (salvo quelle proprie della donazione) per criticare le tesi che riconducono i trasferimenti in oggetto allo schema causale della compravendita, o comunque al contratto oneroso. Minoritarie sono le tesi che riconducono la causa degli accordi in questione alla transazione (anche per il rilievo che potrebbero mancare, e spesso mancano, le reciproche concessioni) e/o al negozio solutorio dell'assegno di mantenimento, ciò perchè la giurisprudenza quasi unanime, non sempre peraltro seguita dalla dottrina, ritiene che il diritto e l'obbligo di mantenimento siano diritti di carattere inderogabile, non transabili ex art C.C. né suscettibili di prestazione in luogo di adempimento, anche alla luce della rivedibilità della quantificazione di tale diritto in relazione al mutare delle condizioni, il che contrasta con la volontà dei coniugi di rendere definitive le attribuzioni e, comunque, l'assetto patrimoniale derivante dall'esecuzione degli accordi di separazione e divorzio. Altra tesi dottrinale configura gli accordi in questione come convenzioni matrimoniali: anch'essa è stata criticata, adducendo che le convenzioni matrimoniali sembra debbano necessariamente collegarsi con un regime patrimoniale programmatico della famiglia, nel senso che debbano potersi porre come fonte di uno dei regimi patrimoniali della famiglia ammessi dalla legge (ex art. 159 e ss. C.C.), il che non si riscontra negli accordi in questione; da un punto vista formale, poi, difetta la forma dell'atto pubblico con necessaria presenza dei testimoni, infine è impossibile con gli accordi in questione disciplinare il regime degli acquisti dei coniugi separati, o, peggio, dei non più coniugi a seguito di divorzio. La tesi che pare preferibile, che si è affermata sia in dottrina che in giurisprudenza, pur, si ribadisce, convivendo con altre teorie, così che non si può dire che il dibattito sia concluso sull'argomento, od anche solo sopito, delinea la fattispecie come un negozio con causa atipica, caratterizzato dallo scopo e dalla funzione di soddisfare gli interessi dei coniugi a dare un assetto ai rapporti personali e patrimoniali della famiglia per il periodo successivo alla separazione e al divorzio. Le pronunzie e le opinioni dottrinali riconducibili a tale corrente sono molto numerose e, forse proprio a causa dell'evocata atipicità della causa, hanno spesso contenuti convergenti e diversificati per frammenti, ed un margine di ambiguità e genericità che è spesso il frutto o dell'analisi di fattispecie particolari, le affermazioni riguardo alle quali non è detto sia possibile generalizzare, o dell'analisi di aspetti particolari delle singole fattispecie, che non debbono, probabilmente, essere generalizzate proprio perchè non nate per esserlo. Mi si consenta un apparente salto logico, al termine del quale riprenderò le fila del discorso: pare abbastanza pacifica in giurisprudenza l'affermazione di atto pubblico del verbale che sancisce gli accordi tra i coniugi in caso di separazione e divorzio, quindi di titolo trascrivibile ed iscrivibile presso i registri immobiliari. Atteso ciò giungiamo alle prime conclusioni: * E' ben possibile che in sede di separazione e/o divorzio i coniugi concludano accordi che, di tale sede trovino soltanto occasione ed appoggio e non siano in alcun modo diretti a tratteggiare l'assetto dei reciproci rapporti personali e patrimoniali dopo la fase "fisiologica" del matrimonio, la giurisprudenza li ammette, ma, mi si passi l'espressione, mantiene "mani libere" sulla definizione causale, pertanto:

3 -- Occorre prestare attenzione ad inserire, magari per ragioni di convenienza fiscale, negozi che con l'assetto dei rapporti patrimoniali dei coniugi in dipendenza della separazione o del divorzio nulla hanno a che vedere, essi potrebbero rivelarsi nulli per difetto di forma (donazioni) o, come vedremo poi, ripresi alla tassazione ordinaria, con probabile nuovo contenzioso tra i coniugi, od, infine, comunque impugnati per simulazione, ove l'expressio causae contenuta nei verbali fosse, effettivamente, simulata, e quindi dare luogo ad altro contenzioso. -- E' opportuno, peraltro, che l'expressio causae venga fatta emergere dal contenuto dei verbali, sia perchè parte della giurisprudenza e della dottrina ritiene irrinunziabile l'enunciazione della causa, sia allo scopo di usufruire con maggiore tranquillità del trattamento fiscale agevolato riconosciuto dalla legge e dalla sentenza della Corte Costituzionale oltre citata. -- E' opportuno evitare di qualificare in termini di donazione e vendita gli eventuali negozi traslativi e di impegno contenuti nei verbali, sia per non rischiare pesanti implicazioni civilistiche (donazione) o fiscali (vendita) con impegno di probabile altro contenzioso per acclarare la materia e possibile imputazione di responsabilità al professionista che suggerisca soluzioni non idonee. -- Non c'è troppo da contare sul fatto che, vertendo in tema di protezione di diritti familiari (latu sensu) comunque legati a situazioni in cui sempre esiste, quasi per definizione, un coniuge debole, e quindi un interesse degno di tutela quasi tralatiziamente annoverato tra gli interessi "forti", protetti dal sistema, l'atto dispositivo benefici di una robustissima opponibilità ai terzi: non esiste alcuna norma che sancisca l'impignorabilità dei beni ricevuti a seguito di separazione e/o divorzio tout court o da parte dei creditori estranei alle obbligazioni contratte per soddisfare gli interessi della famiglia, mentre la giurisprudenza, come in tema di atti fra coniugi e principalmente di fondo patrimoniale, non fa discendere dalla qualificazione causale che si è detta preferibile una definizione della stessa in termini di onerosità tout-court, si riserva (vedi Cass del 23/3/2004) di verificare, di volta in volta, la ricorrenza dei presupposti che consentono di ravvisare nelle suddette attribuzioni l'esistenza della gratuità alla luce del disposto dell'art C.C., il che, in presenza di coniugi con creditori "alle calcagna", non deve far pensare alla possibilità di impiegare un facile strumento per sfuggire a possibili revocatorie o sottrarre facilmente i beni da una ventilabile procedura concorsuale. Ecco che la latitudine della fattispecie rischia di trasformarsi in un elemento di incertezza, tra l'altro non facilmente percepibile all'esterno. Attenzione, infine, al fatto che pacificamente l'omologazione del giudice è qualificata come condicio iuris di efficacia dell'accordo, il che non fa sussumere gli accordi in questione tra i provvedimenti giudiziali impugnabili coi normali mezzi processuali, ma vere e proprie fattispecie negoziali, non sottratte alle nullità ordinarie in materia urbanistica (terreni e fabbricati) o fiscale (indivisibilità del c.d. compendio unico) o di altra indole e natura, alle cause d'inefficacia, ai possibili ed innumerevoli problemi di circolazione che i singoli beni coinvolti nelle attribuzioni possono comportare (clausole o norme che sanciscono prelazioni aventi efficacia reale, come per le quote sociali o i terreni agricoli, sempre nelle società, esistenza di clausole di gradimento, di intrasferibilità, patti parasociali etc).

4 Infine un cenno sul ruolo dell'omologazione giudiziale in relazione all'accordo dei coniugi sulla separazione personale. E' noto che, per svariati motivi, i coniugi, a volte, concludono accordi coevi o precedenti rispetto alla formalizzazione del verbale contenente la separazione consensuale che sarà omologata, il cui contenuto è estraneo ad esso, ovvero modificano, attraverso accordi che non vengono sottoposti al vaglio giudiziale, il contenuto degli accordi omologati. Il tutto in apparente contrasto col contenuto dell'art. 158 C.C. e con la posizione che annette all'omologazione il ruolo di condicio iuris dell'accordo. Riguardo agli accordi anteriori o coevi alla separazione, la giurisprudenza prevalente propende per la validità a condizione che non interferiscano con l'accordo omologato, in particolare è stato ritenuto senz'altro ammissibile un accordo che incrementi l'importo dell'assegno di mantenimento a carico di un coniuge, ovvero detti disciplina di dettaglio e specificazione del contenuto dell'accordo omologato. Per quanto riguarda gli accordi successivi, la giurisprudenza e la dottrina più risalenti li consideravano nulli tout court, successivamente venne distinto tra gli accordi aventi ad oggetto obblighi od attribuzioni patrimoniali dei coniugi, validi perchè espressione della volontà negoziale degli stessi, e quelli concernenti gli obblighi personali o di mantenimento dei figli minori, ritenuti invalidi perchè non soggetti ad omologazione. Peraltro la giurisprudenza più recente della Corte di Cassazione ha poi ribaltato il suddetto orientamento (si veda, per tutte, Cass n. 2270), facendo leva sul fatto che l'art. 158 C.C. prevede sì che il controllo omologatorio si appunti particolarmente sugli obblighi di affidamento e mantenimento della prole, ma esso investe anche l'intero contenuto degli accordi in quanto tali e nel loro complesso, quale espressione di un momento negoziale, altrimenti, aderendo all'orientamento che ritiene l'omologazione come estesa solo agli aspetti riguardanti la prole minore, si dovrebbe concludere che una coppia senza figli potrebbe concludere accordi di separazione a prescindere da qualsiasi omologazione giudiziale. Mancando, nella fase successiva agli accordi, la previsione di un procedimento omologatorio ad hoc, la Cass. ha statutito la non necessità di un... impossibile procedimento omologatorio in quella sede e, quindi, la piena validità di tali accordi, salvo il limite, verificabile giudizialmente in sede contenziosa o di richiesta di revisione dell'accordo, del rispetto dell'interesse dei figli. Peraltro la dottrina più recente, facendo appunto riferimento alla natura degli accordi tra i coniugi come espressione della loro capacità negoziale (il giudice non può in sede di separazione consensuale dettare condizioni, ma solo invitare i coniugi a rivedere l'accordo ed, al limite rifiutare l'omologazione sin quando non venga trovata soluzione idonea che non necessariamente deve coincidere con le sue indicazioni) tende ad estendere le soluzioni raggiunte dalla giurisprudenza in tema di accordi successivi alla separazione, anche agli accordi anteriori o coevi, suggerendo che il controllo del giudice ben possa esplicarsi in caso di eventuale impugnazione dell'accordo.

5 Da un punto di vista fiscale l'art. 19 della L. 74/87, che ha riformato in alcuni punti l'originaria L. 898/70 sullo scioglimento e la cessazione degli effetti civili del matrimonio, ha sancito letteralmente "l'esenzione degli atti, dei documenti, e dei provvedimenti relativi di procedimenti di scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, nonchè ai procedimenti esecutivi e cautelari diretti ad ottenere la corrisponsione od a garantire la revisione degli assegni di cui alla L. 898/70, artt. 5 e 10, dall'imposta di registro, di bollo, e da ogni altra tassa". L'A.F. ha opposto molte resistenze all'applicazione delle suddette "agevolazioni" anche agli accordi di separazione, la Corte Costituzionale ha dovuto intervenire due volte per giungere ad un unico trattamento tributario delle due fattispecie, dapprima ne ha esteso l'applicazione all'iscrizione dell'ipoteca legale a garanzia delle obbligazioni assunte dal coniuge nel giudizio di separazione (C. Cost. 15/4/92 n. 176), successivamente per estendere, finalmente e conclusivamente, il suddetto trattamento tributario a tutti gli atti, procedimenti e documenti relativi al procedimento di separazione personale tra i coniugi (C. Cost. 10/5/1999 n. 154). Tali pronunzie hanno indotto la A.F. ad emanare, una prima circolare, n. 49/E del 16 marzo 2000, con la quale venne preso atto del superamento dell'art. 8 lett. f della Tariffa, parte I, allegata alla L. del registro (DPR 131/86) in base alla quale erano considerati soggetti ad imposta fissa di registro unicamente i trasferimenti tra coniugi in sede di separazione personale purchè avessero ad oggetto beni già ricadenti nella comunione fra i coniugi Con la suddetta circolare l'a.f. dava atto dell'"ampia valenza esentativa" rappresentata dalla sentenza della Corte Costituzionale, chiarendo l'applicazione del trattamento fiscale agevolato esteso per effetto della pronunzia agli atti anteriori, purchè oggetto di impugnazione e non definiti con procedimenti esauriti, ribadendo che presupposto dell'esenzione è la mancata rilevabilità degli accordi come indici di capacità contributiva, statuendo che rientrano nel regime esentativo sia i trasferimenti contenuti nei verbali che sanciscono gli accordi di separazione, sia quelli contenuti negli atti che a tali accordi diano esecuzione, purchè l'accordo sia formalizzato nel verbale e possa, quindi, rilevarsi una connessione tra i due documenti. Questo comporta che eventuali accordi tra coniugi che non siano contenuti nel verbale o non diano ad esso esecuzione, perchè anteriori o contestuali od integrativi dello stesso, non vengono, allo stato, ritenuti agevolabili. Si potrebbe dubitare della conclusione almeno nel caso che un eventuale accordo anteriore fosse subordinato alla condizione dell'omologa dell'accordo di separazione e l'accordo, perfezionato successivamente, in qualche modo richiami l'atto perfezionato anteriormente. Il trattamento fiscale largamente esentativo può sintetizzarsi nell'esenzione dell'imposta di registro, di bollo, dalle imposte ipotecaria e catastale e dalla ormai abolita INVIM: in questi termini venne sollevata la questione di costituzionalità nella vertenza che ha portato alla pronunzia della Corte Costituzionale n. 154/1999. L'ambito di applicazione dell'esenzione va, peraltro, attentamente valutato alla luce della lettera della legge e delle varie prese di posizione in argomento. L'art. 19 della L. 74/87 parla di esenzione dall'imposta di bollo, di registro e da ogni altra "tassa".

6 Non è chiara la portata di quest'ultimo termine: la Commissione Tributaria di Milano, sollevando la questione di legittimità costituzionale che portò alla pronunzia della Corte Costituzionale 154/99, tentò di sollecitare la Corte a pronunziarsi sull'ampiezza dell'esenzione, suggerendo un'interpretazione tesa ad equiparare l'espressione "tassa" all'espressione "tributo" alla luce della ratio della norma: favorire i coniugi in una fase difficile del rapporto famigliare e prendere atto della mancata rilevanza di ogni espressione di capacità contributiva nella conclusione degli accordi e nell'esecuzione dei trasferimenti. La Corte, non ha preso posizione espressa, sancendo l'illegittimità costituzionale in particolare sotto il profilo dell'art. 3 della Cost., peraltro accennando anche all'irragionevolezza della norma in relazione agli artt. 21, 31 e 53 Cost., ma non soffermandosi granchè sul punto, probabilmente perchè lo dava per scontato, ma non tenendo conto che spesso l'a.f. se ha assunto un atteggiamento di iniziale chiusura che viene improvvisamente scoperchiato, tende, magari dopo un po' di tempo, a riprendere il percorso già intrapreso che, maliziosamente,va ritenuto il proprio spesso immutabile ed effettivo pensiero. La circolare 49/E del 16/3/2000 pare evidenziare un atteggiamento di larghissima, ma generica, apertura dell'a.f. sulla portata dell'esenzione, in essa viene fatto riferimento alle tipiche imposte d'atto di cui era stato chiesto rimborso nel giudizio nel quale si innestò la questione di legittimità costituzionale sfociata nella sentenza 154/99, ma si sottolinea che "Accertato che dalla richiamata giurisprudenza dell'organo costituzionale traspare appieno che intento del legislatore, al di là delle enunciazioni formali, è stato quello di non aggravare con oneri tributari i procedimenti de quo...ad attribuire ad essa la più ampia portata agevolativa". Ma le implicazioni possibili di natura fiscale, oltre che di natura civilistica, dei nostri trasferimenti sono molte, e, ripeto non aiuta la genericità ed ambiguità, perchè troppo late, delle enunciazioni sulla causa. Così docce fredde in tema di trasferimento o costituzione di diritti sulla casa famigliare: molte separazioni avvengono nei primi anni di matrimonio e, spesso, proprio anche a causa dei sacrifici richiesti dall'acquisto di un'abitazione che costituisce la prima casa: è noto che la nota II bis, alla tariffa, parte I allegata al D.P.R. 131/86, punto 4, prevede la decadenza dell'agevolazione per l'acquisto della prima casa, ed il recupero delle normali imposte dovute, una sanzione del 30% sulla differenza tra le imposte pagate in sede di registrazione e quelle ordinarie recuperate nonchè l'obbligo di pagamento degli interessi in caso di cessione, a qualsiasi titolo, dell'immobile avvenuta prima di 5 anni dall'acquisto e mancato riacquisto di un immobile a titolo abitativo entro 1 anno dalla cessione e sua destinazione ad abitazione principale del cedente entro lo stesso termine; l'a.f. con risoluzione n. 35/E del 1 febbraio 2002 riconobbe la rilevanza della forza maggiore, causata da un impedimento sopraggiunto, imprevedibile e non soggettivo, al fine di evitare la decadenza (in quel caso forza maggiore era costituita da un sisma che colpì l'intero Comune ove il contribuente avrebbe dovuto spostare la residenza).

7 Ma la Corte di Cassazione, con sentenza della sez. 5 n del 20 febbraio 2003, pur rilevando che l'impossibilità di riacquisto in relazione alla necessità di sistemazioni patrimoniali conseguenti ad un procedimento di separazione personale non avrebbe dato luogo ad applicazione di sanzioni, riconosce natura recuperatoria alla pretesa dell'a.f. di applicare le normali imposte a seguito di decadenza per mancato riacquisto annuale di un'abitazione, ritenendo insussistente una causa di forza maggiore e quindi la mancata decadenza. Ancora, con risoluzione dell'a.r. Toscana dell'a.f. in risposta ad un interpello presentato da un Notaio in tema di applicazione del trattamento tributario previsto dall'art. 19 della L. 74/87 all'iva, l'a.f. statuisce che il predetto trattamento tributario deve riferirsi unicamente ai beni già facenti parte del patrimonio di uno o entrambi i coniugi, che, quindi, si deve trattare di atti tra privati che non debbono coinvolgere terzi, quindi nessuna esenzione per ciò che comporta l'iva, il che lascia evidentemente scoperte tutte le ipotesi in cui un coniuge, imprenditore individuale, trasferisca un bene, merce o strumentale, fiscalmente a carico dell'azienda dell'esenzione, presupponendo un istantaneo, precedente auto consumo dello stesso, si suppone. Ma la più pesante restrizione, ingiustificata, è posta dall'a.f. in tema di intestazione dei beni ad uno o più figli. La Corte di Cassazione, sezione tributaria, con sentenza 30 maggio 2005 accoglie il ricorso dei contribuenti diretto ad invocare le agevolazioni in questione anche agli atti di trasferimento a favore dei figli, sul rilievo che, comunque si tratterebbe di atti comunque diretti alla definizione degli assetti patrimoniali della famiglia in conseguenza della separazione e/o divorzio. Questi trasferimenti sono molto frequenti proprio alla luce della resistenza da parte di un coniuge a trasferire all'altro il proprio patrimonio, e, d'altro canto, sono spesso tesi a contribuire, sia pur in modo atipico, al mantenimento dei figli. Tali trasferimenti, dunque vanno incontro proprio a tutte le esigenze che la Corte Costituzionale ha posto a base delle proprie decisioni in materia degli atti inerenti a separazioni e divorzi, compresa la compressione della litigiosità e la possibilità di accedere ad un nuovo equilibrio nei rapporti, anche personali, tra i coniugi litiganti. Ma l'a.f. con risoluzione n. 151/E del 19 ottobre 2005, successiva alla suddetta sentenza della Corte di Cassazione sopra richiamata e che aveva visto soccombere proprio l'a.f., ha, pur adottando un linguaggio che pare lasciare ampi spazi al dubbio (la risoluzione contrariamente al solito, fa ampio uso del verbo "sembra") assunto una posizione di chiusura, ripeto grave alla luce della quasi coeva sentenza che ha visto tale posizione soccombere, ritenendo che trasferimenti a favore di terzi, pur se contenuti nell'accordo di separazione, palesano una causa liberale a favore di un soggetto estraneo al rapporto matrimoniale, quindi non si ricollegano funzionalmente all'accordo di separazione. Il quadro tracciato non può che suggerire prudenza ed incertezza riguardo ad altre questioni che si potrebbero dire aperte, ad esempio il trattamento ai fini IRPEF di eventuali attribuzioni tra i coniugi che potrebbero dar luogo a plusvaleze imponibili ex art. 67 del DPR 917/86, ove ricorrano i presupposti, che però, per fortuna, non ricorrono quasi mai in caso di assegnazione e/o cessione dell'abitazione principale.

8 Ricorrono, però, ove si tratti di altri beni immobili o quote societarie, strumenti finanziari, quando si tratta di beni d'impresa, specialmente quando l'accordo prevede la dazione di una somma di denaro da parte dell'accipiens (o l'accollo di un debito). Se l'interpretazione della Corte Costituzionale sembrerebbe giustificare l'insussistenza di ogni pretesa fiscale, altrettanto non può dirsi per l'atteggiamento dell'a.f. che, ove la fattispecie minimamente traligni dai suoi confini classici ed un po stereotipati, oppone resistenza all'applicazione dell'esenzione donde viene ribadita la necessità di una attenta enunciazione causale nell'accordo, onde prevenire eventuali richieste fiscali. Peraltro in tema di reddito d'impresa, si sottolinea che l'art. 58 n. 3 del DPR 9/7/86 ritiene si verifichi una plusvalenza imponibile ove un bene d'impresa sia destinato al consumo personale o familiare dell'imprenditore, o comunque sia destinato a finalità estranee all'impresa. Un'ultima notazione: si ribadisce, che alcuni negozi tipici traggono dal verbale che sancisce l'accordo di separazione e/o divorzio semplicemente occasione di formalizzazione del consenso, comunque, momento utile per stipula, visto che potrebbe essere poi difficile formalizzarli dopo alla luce di atteggiamento spesso non amichevole e conciliante tra i coniugi post separazione e/o divorzio. Tali patti non sono causalmente qualificati dalla sistemazione delle reciproche situazioni patrimoniali dei coniugi post separazione e/o divorzio, probabilmente non sono attratti dal trattamento tributario agevolato, hanno proprie regole di forma e sostanza che vanno strettamente rispettate. Uno dei casi più frequenti è la divisione dei beni già ricadenti in comunione legale, riguardo a ciò: - è discutibile che possa ritenersi attratta al trattamento fiscale esentativo (la comunione si scioglie per molteplici cause, non solo per separazione personale), - è possibile stipularla nell'ambito dell'accordo di separazione e divorzio, avendo questo forma scritta ed addirittura essendo considerato atto pubblico, - vanno rispettate le norme di cui agli art. 194 e ss. C.C., - è altamente opportuno condizionarne l'efficacia all'avvenuta omologazione dell'accordo di separazione e/o divorzio, che non può ritenersi tout court condicio iuris della divisione, ma l'efficacia della quale consente lo scioglimento della comunione, altrimenti inscindibile se non al verificarsi di una delle altre cause di scioglimento della stessa. Peraltro alcune pronunzie di merito sembrano considerare comunque l'efficacia di tutti i patti contenuti nel verbale che sancisce la separazione consensuale all'omologazione del giudice, quindi a condizionare comunque l'efficacia dei trasferimenti appunto all'omologazione, ma, testualmente, l'accordo dei coniugi acquista efficacia dopo l'omologazione nelle sole materie indicate dall'art. 158 u.c. C.C.

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Le imposte sull acquisto di terreni agricoli

Le imposte sull acquisto di terreni agricoli Le imposte sull acquisto di terreni agricoli Paolo Tonalini - Notaio Nuove imposte di registro dal primo gennaio 2014 Dal primo gennaio 2014 sono entrate in vigore alcune modifiche alle imposte di registro,

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

Prezzo-Valore I vantaggi della trasparenza

Prezzo-Valore I vantaggi della trasparenza Le Guide per il Cittadino Prezzo-Valore I vantaggi della trasparenza nelle vendite immobiliari Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Cittadinanzattiva Confconsumatori

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Cancellazione semplificata delle ipoteche

Cancellazione semplificata delle ipoteche Aggiornato al 13 luglio 2011!!"#$$#%&!!"$#$! '()*+, - )+)..///* + 0%1"%$2$ #! 3$! Cancellazione semplificata delle ipoteche 1. Fonte normativa....2 2. L attuale ambito di applicazione della cancellazione

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

IL CONTROLLO DELLE AGEVOLAZIONI NELL IMPOSTA DI REGISTRO. A cura di Elena Galeotti Direzione Regionale Toscana

IL CONTROLLO DELLE AGEVOLAZIONI NELL IMPOSTA DI REGISTRO. A cura di Elena Galeotti Direzione Regionale Toscana IL CONTROLLO DELLE AGEVOLAZIONI NELL IMPOSTA DI REGISTRO A cura di Elena Galeotti Direzione Regionale Toscana Versione febbraio 2010 INDICE 1 PREMESSA...4 2 PRINCIPI GENERALI...4 2.1 Imposta principale,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 24/E. R RrRrrr. Roma, 17 giugno 2015

CIRCOLARE N. 24/E. R RrRrrr. Roma, 17 giugno 2015 CIRCOLARE N. 24/E R RrRrrr Direzione Centrale Pubblicità Immobiliare e Affari Legali Roma, 17 giugno 2015 OGGETTO: Tabelle degli atti soggetti a trascrizione o a iscrizione e delle domande di annotazione

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI TESINA di DONATA PAOLINI SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI 1) LA PROPRIETA DEL SOTTOTETTO NEI CONDOMINI Preme innanzitutto precisare che il sottotetto non rientra tra le parti comuni condominiali come elencate

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

Vendita con riserva della proprietà e successione mortis causa del compratore

Vendita con riserva della proprietà e successione mortis causa del compratore Vendita con riserva della proprietà e successione mortis causa del compratore Si pone il problema di individuare con esattezza gli obblighi tributari dei chiamati all eredità del compratore con patto di

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 211 - GENNAIO / FEBBRAIO 2013 INSERTO. Le partecipazioni societarie e l'impresa nel Diritto di Famiglia

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 211 - GENNAIO / FEBBRAIO 2013 INSERTO. Le partecipazioni societarie e l'impresa nel Diritto di Famiglia IL COMMERCIALISTA VENETO n. 211 - GENNAIO / FEBBRAIO 2013 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLE TRE VENEZIE INSERTO Le partecipazioni societarie e l'impresa nel Diritto

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015 CIRCOLARE N. 30/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 agosto 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle 1) Premessa. Con le lenti del tributarista il tema della bilateralità può essere affrontato avendo riguardo ai seguenti tre aspetti: (i) la natura, commerciale

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli