INDICE SISTEMATICO. Introduzione... PARTE PRIMA SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI CAPITOLO I NORME SOSTANZIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE SISTEMATICO. Introduzione... PARTE PRIMA SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI CAPITOLO I NORME SOSTANZIALI"

Transcript

1 INDICE SISTEMATICO Introduzione... pag. V PARTE PRIMA SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI CAPITOLO I NORME SOSTANZIALI 1. Separazione giudiziale. Presupposti. In genere Intollerabilità della convivenza. Configurabilità Legittimazione all azione Domanda di separazione. Giusta causa di allontanamento dalla residenza familiare. Configurabilità Separazione. Addebitabilità. In genere Pronuncia di addebito successiva alla pronuncia di separazione. Esclusione Condotta dei coniugi. Valutazione. Criteri Fattispecie varie Sindacato di legittimità Comportamenti successivi al verificarsi della situazione d intollerabilità della convivenza. Rilevanza Comportamenti successivi all inizio della causa di separazione. Rilevanza Comportamenti successivi alla pronuncia di separazione. Rilevanza Separazione. Addebitabilità. Infedeltà (anche soltanto apparente). Rilevanza Separazione. Addebitabilità. Infedeltà durante il giudizio di separazione. Rilevanza Separazione. Addebitabilità. Abbandono della casa familiare. Rilevanza Separazione. Addebitabilità. Rifiuto del coniuge di fissare la residenza o di collaborare per la fissazione della stessa o di aderire alle decisioni dell altro coniuge al riguardo. Rilevanza Separazione. Addebitabilità. Rifiuto di un coniuge, opposto all altro coniuge, di far rientrare in famiglia un figlio già concordemente affidato a parenti. Rilevanza Separazione. Addebitabilità. Mutamento di fede religiosa di un coniuge. Rilevanza Separazione. Addebitabilità. Attività lavorativa che venga espletata da uno dei coniugi senza il gradimento dell altro. Rilevanza Separazione. Addebitabilità. Incapacità di un coniuge di adattarsi alla mentalità ed alle strutture patriarcali della famiglia dell altro coniuge. Rilevanza Separazione. Addebitabilità. Coniuge che si è indotto al matrimonio, ed alla convivenza, per interessi economici. Rilevanza... 42

2 VIII Indice sistematico 13. Giudizio di separazione. Accordo tra i coniugi in tema di addebitabilità e di assegno di mantenimento. Efficacia vincolante per il giudice. Esclusione Provvedimenti concernenti i figli, adottati con la pronuncia di separazione. Natura Esclusivo riferimento all interesse dei figli. Elementi di valutazione Contenuto Poteri d ufficio del giudice Sindacato di legittimità Poteri e doveri dei genitori, affidatario e non affidatario Affidamento dei figli ad uno dei genitori, che risieda o intenda trasferirsi all estero. Ammissibilità Affidamento dei figli ad uno dei genitori condizionato al mantenimento della residenza, da parte di questi, in una determinata località. Ammissibilità Collocazione dei figli presso terzi o in un istituto di educazione. Condizioni. Gravi motivi. Configurabilità Separazione. Potere dei genitori di opporsi all espatrio temporaneo dei figli, rifiutando l assenso al rilascio del passaporto. Sussistenza. Potere correttivo e sostitutivo del giudice Separazione consensuale. Mutamento del titolo in separazione addebitabile ad uno dei coniugi. Ammissibilità. Condizioni Separazione consensuale. Successiva domanda di uno dei coniugi di addebito all altro per fatti non sopravvenuti. Ammissibilità. Esclusione Riconciliazione. In genere Riconciliazione nel corso del giudizio di separazione. Configurabilità Effetti processuali e sostanziali Riconciliazione dopo la pronuncia della separazione giudiziale o l omologazione della separazione consensuale. Configurabilità Natura Effetti Dichiarazione espressa di riconciliazione. Efficacia riconciliativa autonoma Riconciliazione. Prova. Mantenimento di una relazione sentimentale con un altra persona. Rilevanza Procedimento di rettificazione degli atti dello stato civile con riguardo ad un atto di nascita di un bambino, dopo trecento giorni dall omologazione della separazione consensuale, cui venga attribuito il cognome del marito. Controversia circa la sussistenza della riconciliazione all epoca del concepimento. Inammissibilità del procedimento Accordo con il quale i coniugi pongono consensualmente fine alla convivenza, al di fuori del regime di separazione. Ammissibilità Regime di separazione personale. Sospensione della prescrizione prevista nei rapporti tra coniugi. Applicabilità Pensione di reversibilità. Diritto del coniuge separato Negazione del relativo diritto al coniuge giudizialmente separato per colpa propria in epoca antecedente alla riforma del diritto di famiglia. Legittimità anche dopo la riforma CAPITOLO II NORME PROCESSUALI 1. Giudizio di separazione. Competenza per territorio Determinazione. Criteri Accertamento del luogo di residenza del convenuto. Criteri Trasferimento del convenuto all estero. Effetti... 74

3 Indice sistematico IX 2. Cause aventi ad oggetto il pagamento o l adeguamento dell assegno di mantenimento o alimentare. Competenza per territorio Competenza per valore Determinazione. Criteri Giudizio di separazione. Nomina di procuratore speciale per il giudizio o per singoli atti. Ammissibilità. Condizioni. Limiti Giudizio di separazione. Pubblico ministero. Intervento. Necessità Poteri Mancato intervento. Nullità della sentenza. Effetti Giudizio di separazione. Integrazione del contraddittorio, in sede di legittimità, nei confronti del pubblico ministero presso il giudice a quo. Necessità. Esclusione Procedimento di separazione consensuale. Partecipazione del pubblico ministero. Necessità. Esclusione Giudizio di separazione. Sospensione dei termini processuali durante il periodo feriale. Questione relativa all applicabilità Giudizio di opposizione a precetto per la corresponsione dell assegno di mantenimento Giudizio di separazione. Elementi di prova. Valutazione. Criteri Preclusioni di ordine processuale. Limiti Giudizio di separazione. Richiesta di pronuncia di addebitabilità da parte di uno o di entrambi i coniugi. Obbligo del giudice di svolgere le relative indagini. Limiti Giudizio di separazione. Morte di uno dei coniugi nel corso dello stesso. Cessazione della materia del contendere Effetti Giudizio di separazione Causa di divorzio pendente davanti ad un giudice francese. Giurisdizione del giudice italiano Ricorso per regolamento preventivo di giurisdizione. Ammissibilità Causa di separazione tra coniugi cittadini italiani, con residenza o domicilio all estero di entrambi o di uno di essi. Giurisdizione del giudice italiano Competenza Notificazione all estero. Perfezionamento. Momento. Rilevanza ai fini della litispendenza Causa di separazione tra coniugi cittadini italiani, di cui uno mantenga anche la cittadinanza di uno Stato straniero. Giurisdizione del giudice italiano Causa di separazione tra cittadino italiano e cittadino straniero. Giurisdizione del giudice italiano. Sussistenza. Condizioni Assoggettamento dei rapporti relativi alla legge straniera. Applicabilità di questa. Effetti Causa di separazione tra coniugi cittadini stranieri. Obbligo del giudice italiano di applicazione della normativa in materia dello Stato di appartenenza delle parti Giudice straniero che pronunci la separazione per colpa di uno dei coniugi. Conformità all ordine pubblico italiano. Efficacia della sentenza straniera Sentenza di separazione tra cittadini italiani resa dal giudice svizzero. Delibazione. Condizioni Legge svizzera. Potestà dei genitori spettante ad entrambi i coniugi durante la separazione. Coincidenza del principio con quello sancito dalla legge italiana. Efficacia della sentenza straniera Giudizio di separazione. Ricorso introduttivo. Effetti. Costituzione dell attore Decreto del presidente del tribunale che, in sede di separazione, anticipa l udienza in precedenza fissata per la comparizione delle parti. Natura ordinatoria. Effetti Delega delle funzioni presidenziali per l udienza di comparizione delle parti. Natura. Effetti Udienza di prima comparizione tenuta dal presidente del tribunale anziché dal presidente delegato dallo stesso, senza previa comunicazione alle parti. Validità... 96

4 X Indice sistematico 22. Ordinanza presidenziale. Natura. Affermazione della competenza territoriale del giudice adito. Reiterazione della contestazione della stessa davanti al giudice istruttore. Ammissibilità Regolamento di competenza. Inammissibilità Ordinanza presidenziale con la fissazione dell udienza di comparizione davanti al giudice istruttore. Omessa notifica. Effetti Udienza presidenziale. Successiva mancata iscrizione della causa a ruolo e mancata comparizione delle parti davanti al giudice istruttore. Riassunzione del processo. Ammissibilità Ordinanza presidenziale che detta provvedimenti temporanei ed urgenti. Efficacia esecutiva Modalità di esecuzione Competenza Ricorribilità per cassazione ex art. 111 Cost.. Esclusione Azione di contestazione dell efficacia esecutiva. Qualificazione Sopravvenuta dichiarazione di nullità del matrimonio. Effetti Provvedimenti temporanei ed urgenti adottati nella fase presidenziale. Questioni concernenti l interpretazione, la revoca e la modifica. Competenza Ordinanza con cui il presidente del tribunale, in giudizio di separazione, ritenga di non dover adottare i provvedimenti temporanei ed urgenti, in relazione alla pendenza di altro giudizio di separazione nel quale sia stato già stabilito in proposito. Impugnabilità Rinnovazione, da parte del giudice istruttore, del tentativo di conciliazione, senza la delega del presidente. Verbale di conciliazione e successiva omologazione. Nullità. Limiti Ordinanza con cui il presidente del tribunale, su ricorso di entrambi i coniugi per separazione consensuale, dichiari «non luogo a provvedere» per difetto del consenso delle parti alla separazione. Natura. Ricorribilità per cassazione ex art. 111 Cost.. Esclusione Provvedimento del presidente del tribunale che sulla base di un accordo tra i coniugi per il mutamento del titolo della separazione rimetta gli atti al collegio «per la omologazione della separazione consensuale», e disponga inoltre sull affidamento dei figli Provvedimento del tribunale che rimetta gli atti al presidente per il tentativo di conciliazione, non effettuato Ricorribilità per cassazione ex art. 111 Cost.. Esclusione Provvedimento d urgenza richiesto da un coniuge, nei confronti dell altro coniuge, in pendenza di causa di separazione, per la restituzione di cose di sua proprietà (depositate in una cassetta di sicurezza). Competenza Giudizio di separazione. Costituzione del convenuto. Domande, anche riconvenzionali. Tempestività. Determinazione Domanda di addebito della separazione proposta dal coniuge convenuto. Natura di domanda riconvenzionale. Effetti Domanda di separazione proposta da uno dei coniugi. Analoga domanda proposta dall altro coniuge in separato giudizio. Ammissibilità. Limiti Domande proposte davanti allo stesso giudice. Effetti Domande proposte davanti a giudici diversi. Effetti Domanda di separazione con addebito al coniuge convenuto. Configurabilità di domanda subordinata implicita di separazione senza addebito. Effetti Domanda di separazione con addebito al coniuge convenuto. Deduzione in appello di fatti nuovi verificatisi nel corso dello stesso giudizio di appello. Ammissibilità Domanda di separazione senza addebito. Successiva domanda di separazione con addebito. Domanda nuova. Configurabilità. Effetti

5 Indice sistematico XI 37. Giudizio di separazione. Domanda di restituzione di quanto corrisposto a titolo di assegno di mantenimento in forza dei provvedimenti temporanei ed urgenti, proposta per la prima volta in appello. Domanda nuova. Configurabilità. Effetti Divieto alla moglie dell uso del cognome del marito. Domanda specifica. Necessità. Mancanza. Effetti Giudizio di nullità del matrimonio o di separazione. Domanda di separazione temporanea. Ammissibilità Fase di appello Domanda di mutamento del titolo della separazione Richiesta di modifica delle disposizioni della separazione, contestuale alla domanda di mutamento del titolo della separazione Forma del ricorso ex art. 706 cod. proc. civ. Necessità Potere del giudice istruttore, nella controversia tra coniugi separati, in ordine agli obblighi di mantenimento dei figli, di fissare, in via provvisoria ed urgente, detto mantenimento Provvedimento del giudice istruttore della causa di separazione, in ordine all affidamento dei figli. Ricorribilità per cassazione ex art. 111 Cost.. Esclusione Provvedimenti camerali emessi in tema di affidamento dei figli, che risolvono una questione di competenza. Impugnabilità Adozione di provvedimenti concernenti i figli nel giudizio di separazione. Competenza Revisione in pendenza dello stesso giudizio. Competenza Domanda di decadenza o limitazione della potestà suifigli. Competenza Mancata emanazione, con la sentenza di separazione, di provvedimenti inerenti ai figli, non prospettati dalle parti. Vizio di omessa pronuncia. Esclusione Sentenza che pronuncia la separazione, con affidamento dei figli. Sopravvenienza di fatti e decisioni del coniuge affidatario pregiudizievoli dell interesse degli stessi. Impugnabilità della sentenza con ricorso per cassazione. Esclusione. Deducibilità dei fatti in sede di esecuzione Provvedimento emesso dalla corte di appello su reclamo per l affidamento dei figli minori, in corso di giudizio di separazione. Estinzione del giudizio. Istanza di regolamento di competenza. Inammissibilità Provvedimenti concernenti i figli, adottati con la pronuncia di separazione giudiziale o consensuale omologata. Revisione. Competenza Procedimento per la modificazione delle condizioni della separazione in relazione al mantenimento dei figli. Intervento del pubblico ministero. Necessità. Esclusione Provvedimenti concernenti i figli, a seguito di pronuncia di nullità del matrimonio concordatario, delibata. Applicabilità delle disposizioni sulla revisione delle condizioni della separazione Provvedimento emesso dalla corte di appello su reclamo avverso il decreto del tribunale per i minorenni relativo all affidamento del figlio minore o al contributo di un genitore per il mantenimento dei figli affidati all altro. Ricorribilità per cassazione ex art. 111 Cost Decreto emesso dalla corte di appello su reclamo avverso la decisione del tribunale in relazione a ricorso di uno dei coniugi che denuncia la violazione delle condizioni della separazione consensuale circa l affidamento dei figli. Ricorribilità per cassazione ex art. 111 Cost.. Esclusione Procura conferita al difensore per la richiesta di modifica delle disposizioni concernenti l affidamento dei figli. Poteri del difensore

6 XII Indice sistematico 53. Istanza diretta a conseguire, nei confronti del coniuge affidatario del figlio minore, l osservanza delle disposizioni fissate in sede di separazione, con riguardo alla regolamentazione delle visite. Competenza Attuazione coattiva del diritto alle visite. Competenza Appello avverso la sentenza di separazione Forma Termine Proposizione con il deposito del ricorso in cancelleria. Effetti Rito camerale Appello proposto con citazione, anziché con ricorso. Effetti Impugnazione limitata al capo relativo all assegno di mantenimento Impugnazione che investa solo i provvedimenti conseguenziali alla separazione e non la separazione stessa. Passaggio in giudicato della pronuncia di separazione Appello avverso il rigetto della domanda in ordine all addebitabilità della separazione. Appello incidentale tardivo dell altro coniuge in ordine al rigetto della propria analoga e contrapposta domanda. Ammissibilità. Condizioni Appello avverso il rigetto della domanda in ordine all addebitabilità della separazione. Appello incidentale tardivo dell altro coniuge per il riesame della sua domanda di assegno di mantenimento, rigettata. Ammissibilità. Esclusione Appello avverso il rigetto della domanda di addebito della separazione proposta dal coniuge convenuto. Domanda subordinata proposta in appello dallo stesso, in sede di precisazione delle conclusioni, di addebito della separazione ad entrambi i coniugi. Domanda nuova. Configurabilità. Esclusione Appello avverso il rigetto della domanda di assegno di mantenimento, con il quale si deduce il diritto al mantenimento per insussistenza di redditi o di sostanze. Appello incidentale tardivo diretto ad ottenere una pronuncia di addebitabilità della separazione. Ammissibilità Decreto della corte di appello in sede di reclamo avverso il decreto del tribunale di omologazione della separazione consensuale. Ricorribilità per cassazione ex art. 111 Cost.. Esclusione Procedimento camerale per la modifica delle condizioni della separazione Competenza Introduzione con ricorso Definizione con decreto Impugnabilità con reclamo. Termine. Decorrenza Decreto della corte di appello Ricorribilità per cassazione Procedimento camerale davanti alla corte di appello su reclamo avverso il decreto del tribunale relativo a domanda di modifica delle condizioni della separazione. Decisione nel merito Produzione di documenti. Ammissibilità. Limiti Astensione degli avvocati e procuratori dall attività giudiziaria. Istanza di rinvio. Rigetto. Nullità del provvedimento. Condizioni Condanna alle spese. Legittimità Giudizio promosso da un coniuge separato per ottenere dall altro coniuge la corresponsione di alimenti. Richiesta in appello di un assegno di mantenimento. Ammissibilità. Condizioni Giudizio promosso da un coniuge separato per ottenere dall altro coniuge un assegno di mantenimento. Riconoscimento di un assegno alimentare, ancorché richiesto per la prima volta in appello. Ammissibilità Questione relativa alla legittimità del riconoscimento di detto assegno in difetto di specifica domanda Sentenza di separazione cassata in relazione all assegno di mantenimento. Obbligo del giudice di rinvio, che accerta l insussistenza delle condizioni per il detto assegno, di ammettere le prove richieste per la dimostrazione dello stato di bisogno ai fini della corresponsione di un assegno alimentare. Sussistenza

7 Indice sistematico XIII 65. Causa di separazione, anche con riguardo all assegno alimentare, e causa per il corrispettivo di prestazioni lavorative effettuate da un coniuge a favore dell altro durante il matrimonio. Rapporto Sentenza non definitiva di separazione, relativa allo status. Ammissibilità Sentenza di separazione, che disponga ulteriore istruttoria sull assegno di mantenimento. Estinzione del giudizio. Effetti sulla sentenza Richiesta di rivalutazione nel giudizio di divorzio dell assegno di mantenimento fissato nel giudizio di separazione. Oggetto Condizioni della separazione consensuale omologata in tema di mantenimento. Titolo esecutivo. Domanda giudiziale di accertamento e di condanna all adempimento delle obbligazioni fissate nel verbale. Difetto d interesse Giudizio promosso da un terzo nei confronti del coniuge assegnatario della casa familiare. Pendenza del giudizio per le modifiche delle condizioni della separazione. Sospensione necessaria del primo. Esclusione Giudizio di separazione. Giudizio di divorzio. Rapporto. Configurabilità di ipotesi di litispendenza, sospensione necessaria o cessazione della materia del contendere. Esclusione Riunione dei procedimenti. Ammissibilità Giudizio di separazione. Giudizio di nullità del matrimonio. Rapporto Sentenza di divorzio intervenuta in pendenza di giudizio di separazione. Effetti. In genere In particolare, sull assegno di mantenimento Giudizio di separazione. Giudizio di nullità del matrimonio. Rapporto tra i due procedimenti Sopravvenienza di sentenza dichiarativa della nullità. Effetti. In genere In particolare, sul provvedimento relativo all affidamento dei figli o alla misura del contributo dovuto da uno degli ex coniugi per il mantenimento degli stessi Accordo di separazione omologato. Impugnabilità per simulazione. Ammissibilità. Esclusione CAPITOLO III LE CONTROVERSIE PATRIMONIALI 1. Diritto al mantenimento. Contenuto Sussistenza. Condizioni Convivenza more uxorio del coniuge beneficiario. Effetti Questione di legittimità costituzionale dell art. 156, primo comma, cod. civ. Manifesta infondatezza Diritto di un coniuge, nei confronti dell altro coniuge, al risarcimento del danno subito per effetto della separazione o dell addebito della stessa. Esclusione Assegno di mantenimento. Determinazione. Criteri Accordo tra i coniugi, precedente alla separazione, che uno di essi non lavorasse. Efficacia dopo la separazione Credito dell assegno di mantenimento. Natura di credito alimentare. Esclusione. Effetti Domande relative all assegno di mantenimento. Onere della prova Assegnazione della casa familiare. Concetto giuridico di «casa familiare» Onere della prova di tale qualità Assegnazione al coniuge affidatario dei figli minori, o che comunque non ne sia il proprietario. Esercizio dei poteri discrezionali del giudice Mancanza o cessazione del presupposto per l assegnazione. Effetti Sentenza di divorzio. Effetti Assegnazione al coniuge non affidatario di figli minori. Questione relativa all ammissibilità

8 XIV Indice sistematico 6.2. Assegnazione al coniuge comproprietario, a titolo di mantenimento. Difetto del diritto al mantenimento. Effetti Diritto attribuito con l assegnazione. Natura. Effetti Ai fini fiscali Spese relative all uso dell abitazione, comprese quelle condominiali Onere Opponibilità del provvedimento al terzo proprietario dell immobile o acquirente dello stesso dal coniuge proprietario o detentore in forza di titolo autonomo Opponibilità al terzo comproprietario dell immobile. Limiti Domanda di rilascio da parte del coniuge proprietario nei confronti dell altro coniuge non assegnatario. Effetti Contratto di locazione di un alloggio ad uno dei coniugi. Provvedimento di assegnazione all altro. Effetti Titolo di detenzione autonoma dell alloggio da parte dell altro coniuge. Ammissibilità. Condizioni. Effetti Alloggio concesso in comodato ai coniugi o ad uno di essi. Provvedimento di assegnazione. Effetti Disposizioni inerenti all assegnazione. Modificabilità Casa coniugale costituita da casa colonica asservita al fondo coltivato dai coniugi in virtù di rapporto soggetto alla l. 3 maggio 1982, n Applicazione della disciplina dell impresa familiare coltivatrice. Effetti. Diritto all assegnazione del coniuge che resta parte del rapporto agrario Patto relativo al godimento della casa familiare, che ne preveda la persistente operatività anche in regime di divorzio. Nullità Domanda di divisione dell immobile. Competenza Diritto del coniuge non assegnatario al trasferimento di una quota di un immobile dell edilizia residenziale pubblica, dato in locazione con patto di riscatto all altro coniuge. Esclusione Diritto all assegno di mantenimento. Decorrenza Mutamento della situazione economica dei coniugi successivo alla proposizione della domanda (anche in rapporto alla svalutazione monetaria). Effetti. Decorrenza Deducibilità del mutamento in sede di opposizione a precetto. Esclusione Adeguamento dell assegno nel giudizio di appello o di rinvio. Ammissibilità Poteri del giudice in genere in ordine alla decorrenza Interessi sulle somme dovute Provvedimento presidenziale di fissazione, in via provvisoria, di un assegno di mantenimento. Natura. Funzione Mutamento della situazione economica dei coniugi (anche in rapporto alla svalutazione monetaria). Effetti sul detto assegno Sentenza di separazione. Effetti sul detto assegno Assegno di mantenimento fissato in via provvisoria con provvedimento presidenziale. Opposizione al precetto per sopravvenuto mutamento della situazione di fatto Configurabilità come opposizione all esecuzione. Competenza Contributo dei coniugi per il mantenimento dei figli. Determinazione Assegno di mantenimento. Poteri istruttori d ufficio Adeguamento automatico Attribuzione di un assegno di mantenimento al coniuge al quale siano affidati i figli. Credito del coniuge affidatario. Natura. Effetti Assegni familiari corrisposti per il figlio al coniuge non affidatario. Diritto agli stessi del coniuge affidatario Raggiungimento della maggiore età del figlio. Effetti Legittimazione all azione Subordinazione dell assegno all adempimento dell obbligo di consentire la visita dei figli al genitore non affidatario. Ammissibilità Coniuge non affidatario che provveda al mantenimento dei figli nel periodo in cui è autorizzato a tenerli presso di sé. Obbligo della corresponsione dell assegno per il mantenimento degli stessi. Esclusione Riduzione dell assegno per il mantenimento dei figli a seguito di altre elargizioni a

9 Indice sistematico XV favore degli stessi o della formazione di una nuova famiglia da parte del genitore. Esclusione Assegno di mantenimento fissato con la pronuncia di separazione giudiziale Questione relativa all ammissibilità della fissazione, nella stessa, di criteri di adeguamento automatico Modifica dell assegno. In genere Condizioni Decorrenza Pendenza del giudizio di divorzio. Effetti Assegno di mantenimento fissato (o non fissato) in sede di separazione consensuale. Mutamento della situazione economica dei coniugi. Giudizio per la modifica (o l attribuzione) di detto assegno. Ammissibilità Effetti Esecuzione, nelle more del giudizio per la modifica, promossa sulla base del verbale di separazione consensuale. Opposizione. Cognizione, da parte del giudice, delle questioni inerenti all ammontare dell assegno in relazione a fatti sopravvenuti alla sua fissazione. Esclusione Facoltà del giudice di ordinare il pagamento dell assegno di mantenimento (o alimentare) a terzi tenuti a versare somme di denaro al coniuge obbligato. Limiti Competenza Esecuzione. Competenza Sequestro conservativo di beni del coniuge obbligato all assegno del mantenimento. In genere Competenza Revocabilità Ammissibilità anche nel caso di matrimonio putativo Decreto della corte di appello in sede di reclamo. Ricorribilità per cassazione ex art. 111 Cost.. Esclusione Cassazione di una sentenza di modifica dell assegno di mantenimento. Obbligo di restituzione dell indebito, a prescindere dal motivo della cassazione ed ancorché trattisi di cassazione con rinvio Atto con cui il coniuge si obblighi a trasferire gratuitamente all altro coniuge determinati beni, successivamente all omologazione della separazione consensuale e ad integrazione della regolamentazione patrimoniale della stessa. Natura. Validità Sopravvenuta dichiarazione di nullità del matrimonio. Effetti Patti tra i coniugi concernenti il regolamento dei rapporti patrimoniali tra di loro e verso i figli, stipulati al di fuori del procedimento di separazione consensuale e non fissati nel verbale di omologazione. Questione relativa all efficacia Accordo dei coniugi, in sede di separazione consensuale, per l adeguamento automatico dell assegno di mantenimento alla svalutazione monetaria. Effetti Clausola che, nella separazione consensuale, escluda o limiti la facoltà di chiedere la modifica dell assegno di mantenimento. Efficacia Messa a disposizione, nel verbale di separazione consensuale, di un alloggio, da parte di un coniuge, a favore dell altro coniuge e del figlio minore, ad integrazione dell assegno di mantenimento. Natura. Effetti Clausola con la quale i coniugi, nel verbale di separazione consensuale, riconoscano o trasferiscano la proprietà esclusiva di singoli beni, mobili od immobili, ad uno di essi o ad entrambi o procedano alla divisione di un bene immobile. Natura. Effetti Accordo con il quale i coniugi, nel verbale di separazione consensuale, convengano una donazione. Effetti Obbligo assunto da un coniuge, nei confronti dell altro coniuge, in sede di separazione consensuale, di trasferire un bene immobile al figlio, per il mantenimento dello stesso. Successivo atto scritto con cui il coniuge obbligato dichiara di trasferire al figlio quel bene. Natura. Effetti

10 XVI Indice sistematico 24. Patti modificativi delle condizioni economiche fissate in sede di separazione consensuale o con i provvedimenti presidenziali. Validità. Condizioni Azione di simulazione dell alienazione dei beni da parte di un coniuge, proposta dall altro coniuge, cui è attribuito, in via provvisoria, in pendenza della causa di separazione, un assegno di mantenimento. Ammissibilità. Condizioni Rinuncia al pagamento dell assegno, di natura alimentare, fissato per la moglie ed i figli in sede di separazione consensuale. Nullità Azione relativa. Legittimazione Diritto all assegno alimentare. Decorrenza Previsione di scadenza. Ammissibilità Diritto agli alimenti del coniuge cui sia stata addebitata la separazione. Impossibilità di trovare un adeguato lavoro. Accertamento. Criteri Diritto agli alimenti. Malattia. Stato transitorio di malattia. Sussistenza. Condizioni Diritto agli alimenti. Coniuge mantenuto dal convivente more uxorio con corresponsioni spontanee e continue. Insussistenza Diritto agli alimenti. Coniuge proprietario di immobili che non procurino reddito sufficiente e non siano suscettibili di alienazioni parziali. Sussistenza Donazione tra coniugi. Revocazione per ingratitudine. Fatti che hanno dato luogo alla separazione. Rilevanza ai fini della revocazione Comunione legale dei beni tra coniugi. Scioglimento per effetto della separazione Riconciliazione. Effetti Potere di fatto esercitato da uno dei coniugi sui mobili di casa appartenenti all altro coniuge, durante la separazione e per più di vent anni. Effetti PARTE SECONDA DIVORZIO CAPITOLO I NORME SOSTANZIALI 1. Pronuncia di divorzio. Presupposti Elementi di prova della definitività della rottura della comunione spirituale e materiale tra i coniugi Legge 1 o dicembre 1970, n Applicabilità ai matrimoni precedenti Indissolubilità del matrimonio religioso. Incidenza sugli effetti civili del matrimonio concordatario. Esclusione Proponibilità della domanda di divorzio. Separazione. Termine triennale di ininterrotta separazione. Natura Interruzione della separazione. Configurabilità. Condizioni Proponibilità della domanda di divorzio. Termine triennale di ininterrotta separazione. Momento iniziale di riferimento per stabilirne la decorrenza, nel caso che vi sia stato in precedenza altro procedimento di separazione, con comparizione dei coniugi davanti al presidente del tribunale Momento finale di riferimento Proponibilità della domanda di divorzio. Passaggio in giudicato della sentenza di separazione giudiziale o della omologazione della separazione consensuale. Necessità. Limiti

11 Indice sistematico XVII 5. Proponibilità della domanda di divorzio. Sentenza di separazione emessa da un giudice straniero. Delibazione della sentenza straniera. Necessità. Esclusione Proponibilità della domanda di divorzio. Condanna dell altro coniuge all ergastolo o a pena superiore a quindici anni. Riferimento esclusivo alla sentenza passata in giudicato Accertamento della sussistenza dei motivi di particolare valore morale o sociale. Competenza esclusiva del giudice penale Domanda di divorzio fondata su una fattispecie legale. Pronuncia di divorzio sulla base di altra fattispecie. Esclusione Disposizioni della disciplina del divorzio che legittimano all azione anche il coniuge cui sia addebitabile la separazione ed inoltre non prevedono una rappresentanza e difesa in giudizio della famiglia e dei figli. Contrasto con i precetti costituzionali. Esclusione Provvedimenti concernenti i figli. Natura Modificabilità Condizioni Adozione con la sentenza non definitiva di divorzio. Ammissibilità Provvedimenti concernenti l affidamento o il mantenimento dei figli. Riferimento esclusivo all interesse dei figli stessi Poteri d ufficio e discrezionali del giudice, in ogni stato e grado del giudizio di merito Mancato esercizio dei poteri in difetto di istanze delle parti. Sindacato di legittimità Provvedimenti concernenti l affidamento dei figli. Competenza del giudice del divorzio. Contemporanea richiesta, davanti ad altro giudice, di revisione delle condizioni dell affidamento fissate in sede di separazione consensuale omologata. Irrilevanza Sentenza di divorzio. Effetti tra le parti. Decorrenza Effetti verso i terzi. Decorrenza Presunzione di concepimento durante il matrimonio del figlio nato entro trecento giorni dal divorzio. Decorrenza del termine dal passaggio in giudicato della sentenza Morte ab intestato di uno dei coniugi. Devoluzione dell eredità al coniuge superstite, ove la sentenza di divorzio non sia ancora passata in giudicato Divieto di uso del cognome del marito. Violazione. Azioni del marito per la cessazione del fatto lesivo e per il risarcimento del danno. Presupposti Diritto del coniuge divorziato all assistenza sanitaria dell ente mutualistico da cui sia assistito l altro coniuge. Domanda relativa. Legittimazione passiva esclusiva dell ente mutualistico Non consumazione del matrimonio. Effetti CAPITOLO II NORME PROCESSUALI 1. Giurisdizione del giudice italiano sulla domanda di divorzio inerente a matrimonio celebrato all estero. Sussistenza. Condizioni Estensione, per connessione, alle questioni attinenti all affidamento dei figli Giurisdizione del giudice italiano sulla domanda di divorzio di cittadini stranieri rifugiati politici in Italia. Effetti Domanda di divorzio. Competenza per territorio. Residenza del convenuto. Individuazione. Elementi di riferimento Interdetto per infermità di mente. Legittimazione

12 XVIII Indice sistematico 3.1. Procedimento di divorzio. Parte un magistrato che esercita le sue funzioni nello stesso ufficio in cui si svolge il procedimento. Deroga agli ordinari criteri di competenza territoriale. Mancata previsione. Questione di legittimità costituzionale. Manifesta infondatezza Domanda di divorzio. Proposizione unitamente alla domanda di scioglimento della comunione. Inammissibilità Rinunzia alla stessa formulata sotto riserva o condizione relativa ad aspetti economici. Inefficacia Giudizio di divorzio. Intervento del pubblico ministero Giudizio di appello Giudizio di cassazione Giudizio di divorzio. Accertamento dell esistenza giuridica del decreto di omologazione della separazione consensuale. Obbligo del giudice di provvedervi d ufficio. Sussistenza Giudizio di divorzio e giudizio di separazione o di modifica delle condizioni della separazione. Rapporto Sentenza di divorzio pronunciata in pendenza del giudizio di separazione o di modifica delle condizioni della separazione. Effetti Omessa regolare notificazione del ricorso introduttivo del giudizio. Rilevabilità Effetti Fattispecie in procedimento di revisione dell assegno divorzile Giudizio di divorzio. Procedura relativa alla comparizione personale dei coniugi davanti al presidente del tribunale. Disciplina legislativa autonoma e completa. Riferimento analogico alle disposizioni della procedura per la separazione. Esclusione Udienza di comparizione davanti al presidente del tribunale. Mancata comparizione non giustificata del ricorrente. Effetti Udienza presidenziale. Mancato esperimento del tentativo di conciliazione per assenza di uno dei coniugi. Effetti Legittimo impedimento. Configurabilità Obbligo delle parti di presentare all udienza presidenziale la documentazione relativa ai redditi ed al patrimonio. Inosservanza. Effetti Obbligo del giudice di far ricorso alla documentazione nelle successive fasi di merito. Esclusione Provvedimenti temporanei ed urgenti del presidente del tribunale. Regolamentazione dei rapporti tra i coniugi in atto in base al regime della separazione (consensuale o giudiziale). Irrilevanza Provvedimenti temporanei ed urgenti adottati nell udienza presidenziale. Potere di revoca o modifica del giudice istruttore o del tribunale Provvedimento. Natura Ordinanza del presidente del tribunale che attribuisce un assegno provvisorio. Natura di titolo esecutivo Conferma nella pronuncia di divorzio. Necessità. Esclusione Provvedimenti adottati nell udienza presidenziale. Abbandono del giudizio di divorzio. Efficacia dei provvedimenti. Permanenza. Conseguenze Attribuzione di un assegno provvisorio. Improponibilità della domanda di divorzio. Efficacia del provvedimento attributivo dell assegno per il periodo dalla sua pronuncia fino al passaggio in giudicato della sentenza dichiarativa dell improponibilità Fissazione, nell udienza presidenziale, dell udienza di comparizione davanti al giudice istruttore. Assegnazione di un termine per la notificazione al convenuto del provvedimento relativo ovvero per la costituzione o l integrazione delle proprie difese. Esclusione Udienza di comparizione delle parti davanti al giudice istruttore, dopo il tentativo di conciliazione. Domande del convenuto connesse alla domanda di divorzio. Ammissibilità

13 Indice sistematico XIX 19. Giudizio di divorzio. Domanda riconvenzionale del convenuto di attribuzione dell assegno divorzile o di attribuzione o di aggiornamento dell assegno di mantenimento in dipendenza dello stato di separazione, e, in genere, di modifica delle condizioni della separazione. Ammissibilità Pronuncia di sentenza non definitiva di divorzio. Presupposti Controversie rinviabili alla sentenza definitiva Passaggio in giudicato della sentenza non definitiva di divorzio Cause concernenti l assegno di divorzio (anche in sede di opposizione a precetto). Procedimenti camerali di revisione delle disposizioni della sentenza di divorzio. Applicabilità della sospensione dei termini processuali durante il periodo feriale Giudizio di divorzio. Sentenza del tribunale della Sacra Rota che dichiara la nullità del matrimonio. Effetti Rapporto tra i due giudizi. In genere Giudizio di divorzio. Morte di uno dei coniugi. Effetti. Morte di uno dei coniugi dopo il passaggio in giudicato della sentenza non definitiva che ha pronunciato il divorzio, durante la prosecuzione del giudizio per la determinazione dell assegno divorzile. Effetti Morte di uno dei coniugi pretesi colludenti nel giudizio di divorzio. Impugnazione della sentenza per revocazione da parte del pubblico ministero. Ammissibilità. Esclusione Domanda di divorzio. Accoglimento. Atteggiamento della parte convenuta di mancata contestazione o adesione alle richieste dell attore. Impugnazione della sentenza. Ammissibilità Precetto per il pagamento dell assegno provvisorio concesso in causa di divorzio. Opposizione all esecuzione. Exceptio de soluto, dopo il passaggio in giudicato della sentenza, in relazione ai versamenti eseguiti. Ammissibilità Domanda riconvenzionale dell opposto, di pagamento dei ratei dell assegno riconosciuti dalla sentenza di divorzio. Ammissibilità Cassazione della sentenza di divorzio. Obbligo di restituzione delle somme percepite sulla base della decisione cassata, ancorché si tratti di annullamento con rinvio Giudizio di rinvio. Limiti Rinvio per la modifica delle condizioni di divorzio. Poteri del giudice Valutazioni di circostanze sopravvenute. Questione relativa all ammissibilità Domanda di corresponsione di assegno periodico non proposta nel giudizio di divorzio. Proposizione successiva. Ammissibilità Notificazione della sentenza, ai fini della decorrenza del termine per l impugnazione. Istanza di parte. Sussistenza. Condizioni Sentenza nel procedimento di divorzio. Appello. Forma Termine Momento di riferimento per la determinazione della tempestività Vizi della notificazione Termine di comparizione Notificazione di pubblico ministero Proposizione dell appello con citazione anziché con ricorso. Effetti Giudizio di appello avverso la sentenza di divorzio. Rito camerale. Trattazione con rito ordinario, anziché con rito camerale. Effetti Domanda di divorzio proposta congiuntamente dai coniugi, soggetta al rito camerale, ed altra domanda soggetta al rito ordinario. Appello. Rito ordinario Giudizio di divorzio. Sentenza di accoglimento della domanda. Interesse del coniuge vittorioso a proporre appello per un adeguamento dell assegno divorzile in relazione al sopravvenuto mutamento delle condizioni economiche dei coniugi. Sussistenza. Diritto alla prova relativa in appello

14 XX Indice sistematico 35. Giudizio di divorzio. Sentenza di rigetto della domanda. Appello. Riproposizione, da parte del coniuge vittorioso, della domanda relativa alle condizioni patrimoniali. Necessità Giudizio di divorzio. Appello. Divieto di domande e prove nuove. Domanda di attribuzione dell assegno divorzile. Domanda di attribuzione della casa familiare. Prova testimoniale contraria a quella già offerta dall attore. Inammissibilità Domanda di attribuzione di un assegno per il mantenimento dei figli. Ammissibilità Sentenza di divorzio impugnata in relazione all entità dell assegno divorzile. Passaggio in giudicato della pronuncia di divorzio Momento di riferimento per la rivalutazione in appello delle condizioni economiche dei coniugi Mutamento della situazione economica (anche per effetto della svalutazione monetaria) sopravvenuto alla sentenza di primo grado. Domanda conseguente. Ammissibilità Prova. Onere Sentenza non definitiva di divorzio passata in giudicato. Prosecuzione del giudizio per la determinazione dell assegno per il mantenimento di un figlio, a favore di uno degli ex coniugi. Morte della parte beneficiaria. Effetti Procedimento per la revisione delle condizioni del divorzio. Rito camerale Competenza Intervento del pubblico ministero Informazioni assunte dal giudice. Onere delle parti Natura del provvedimento Notificazione. Ritualità. Condizioni Obbligo del giudice di provvedere alla liquidazione delle spese del giudizio. Sussistenza Legittimità costituzionale del rito Reclamo. Termine. Decorrenza Legittimità costituzionale del termine Provvedimento della corte di appello. Impugnabilità Domanda proposta nei confronti dell ex coniuge e del figlio, uno solo dei quali domiciliato in Italia. Giurisdizione del giudice italiano. Sussistenza Giudizio di appello su reclamo avverso il decreto del tribunale in ordine alla revisione dell assegno divorzile. Elementi di valutazione Momento di riferimento Censura che venga formulata dal reclamante soltanto con successive note illustrative. Inammissibilità Richieste di modifica avanzate dal resistente. Ammissibilità Decreto camerale della corte di appello su reclamo avverso il decreto del tribunale in ordine alla revisione delle disposizioni concernenti l affidamento e il mantenimento dei figli o alla revisione dell assegno divorzile. Ricorribilità per cassazione ex art. 111 Cost.. Limiti Ricorso per cassazione in procedimento per la revisione delle disposizioni concernenti l affidamento dei figli. Ordine della Corte di integrazione del contraddittorio nei confronti del pubblico ministero. Inosservanza. Inammissibilità del ricorso Pronuncia della corte di appello su reclamo avverso il provvedimento camerale del tribunale sulla domanda congiunta di divorzio. Forma di sentenza. Ricorribilità per cassazione Delibazione di una sentenza di divorzio emessa dal giudice straniero. Contrarietà all ordine pubblico italiano. Determinazione. Criteri Ordine pubblico da considerare nella sentenza riguardante cittadini italiani. Ordine pubblico da considerare nella sentenza riguardante cittadini stranieri Sentenza di divorzio pronunciata dal giudice straniero (nella specie, canadese) secondo il modello del «processo monitorio puro». Delibazione. Contrarietà all ordine pubblico italiano. Sussistenza Delibazione di sentenza di divorzio emessa dal giudice straniero nei confronti di un cittadino italiano. Condizioni Sentenza di divorzio emessa dal giudice italiano successivamente a quella del giudice straniero Causa di divorzio relativa a coniugi italiani. Accettazione della giurisdizione del giudice straniero da parte del

15 Indice sistematico XXI convenuto. Inammissibilità. Delibazione della sentenza del giudice straniero. Esclusione Delibazione di sentenza di divorzio emessa dal giudice straniero tra coniugi cittadini italiani. Applicazione di una legge diversa da quella italiana. Accertamento se il divorzio poteva essere pronunciato anche secondo la legge italiana. Necessità Delibazione della sentenza del giudice straniero che abbia sciolto, per mutuo consenso, o sulla base del libero interrogatorio delle parti, il matrimonio fra cittadini italiani o fra un cittadino italiano o un cittadino straniero. Contrarietà all ordine pubblico italiano. Esclusione Sentenza di divorzio pronunciata sulla base della legislazione tedesca. Delibazione. Contrarietà all ordine pubblico italiano. Esclusione Sentenza di divorzio pronunciata dal giudice svizzero. Delibazione. Disciplina Contrarietà all ordine pubblico italiano. Esclusione Sentenza di divorzio pronunciata dal giudice francese. Delibazione. Contrarietà all ordine pubblico italiano. Esclusione Sentenza di divorzio pronunciata dal giudice svedese. Delibazione. Contrarietà all ordine pubblico italiano. Esclusione Sentenza di divorzio pronunciata dall autorità amministrativa danese. Delibazione. Ammissibilità Delibazione, da parte della corte di appello, delle sentenze di divorzio emesse da giudici stranieri. Pubblico ministero. Intervento necessario Potere d impugnazione CAPITOLO III LE CONTROVERSIE PATRIMONIALI 1. Assegno divorzile. Natura Attribuzione. Condizioni - Attribuzione in unica soluzione Effetti ai fini fiscali Domanda di attribuzione dell assegno divorzile Prova. Onere. Poteri d ufficio del giudice Applicabilità della disciplina della prova al procedimento di revisione delle disposizioni concernenti l assegno divorzile ed il contributo per il mantenimento dei figli Assegno divorzile. Decorrenza Poteri del giudice nella determinazione della stessa. Limiti Decorrenza dell assegno in favore dei figli Sentenza non definitiva di divorzio e prosecuzione del giudizio per la determinazione dell assegno. Momento di riferimento per la detta determinazione Domanda di attribuzione, con decorrenza dalla domanda stessa, e fino alla sentenza definitiva che pronuncia sulla domanda di divorzio, di un assegno alimentare o dell adeguamento dell assegno attribuito in sede di separazione. Ammissibilità Assegno divorzile. Determinazione. Criteri «Le ragioni della decisione». Nozione. Rilevanza. Limiti Assegno divorzile per il mantenimento dei figli. Adeguamento automatico disposto dal giudice. Criteri Assegno divorzile. Esclusione, da parte del giudice, dell adeguamento automatico. Condizioni. «Palese iniquità». Configurabilità

16 XXII Indice sistematico 6. Determinazione giudiziale dell assegno divorzile e per il mantenimento dei figli. Accordi economici preventivi tra i coniugi. Invalidità Statuizioni patrimoniali adottate in sede di separazione. Parametro vincolante. Esclusione Intese economiche prospettate dalle parti con la domanda congiunta di divorzio. Rilevanza Convenzione accessoria alla sentenza di divorzio. Interpretazione Accordi economici preventivi tra coniugi cittadini stranieri validi secondo la legge nazionale dei medesimi. Efficacia diretta in Italia. Sussistenza Assegno divorzile. Criteri per l attribuzione e la determinazione. Applicabilità anche ai rapporti patrimoniali fra coniugi già divorziati alla data di entrata in vigore della l. n. 74 del 1987, in sede di domanda di revisione Sentenza di divorzio che imponga all obbligato la prestazione di idonea garanzia reale o personale. Potere discrezionale del giudice nella valutazione dell idoneità Fideiussione. Ammissibilità Iscrizione di ipoteca sui beni di proprietà del coniuge obbligato. Facoltà attribuita direttamente all altro coniuge Soddisfacimento del credito inerente all assegno divorzile mediante versamenti diretti di terzi debitori del coniuge obbligato I.N.P.S. Qualità di terzo. Sussistenza Attribuzione dell assegno divorzile da corrispondersi periodicamente Prescrizione Fallimento del coniuge obbligato. Effetti Obbligo di corresponsione dell assegno divorzile. Cessazione per nuove nozze del coniuge creditore. Relazione extraconiugale di quest ultimo. Permanenza dell obbligo Qualità di «casa familiare». Prova. Onere Assegnazione della casa familiare. Criteri Poteri del giudice. Limiti Disponibilità della casa familiare da parte del coniuge obbligato. Configurabilità Alloggio assegnato in concessione ad impiegato civile dello Stato. Qualificabilità come casa familiare Nucleo familiare del coniuge assegnatario e dei figli, che abbia perso la propria identità originaria. Permanenza dell assegnazione. Esclusione Cessazione delle condizioni che hanno determinato l assegnazione. Accertamento. Effetti Scioglimento della comunione legale Cessazione dell assegnazione della casa familiare. Domanda di riequilibrio a modifica dei provvedimenti concernenti le condizioni economiche del divorzio. Ammissibilità Revisione delle disposizioni relative all assegnazione della casa familiare. Rito camerale Procedimento per la revisione dell assegnazione della casa familiare. Intervento del pubblico ministero. Necessità. Esclusione Domanda di reintegrazione nel possesso della casa familiare proposta in pendenza del giudizio di divorzio. Competenza Accordo, in sede di separazione consensuale, con cui uno dei coniugi si obbliga a costituire, a favore dell altro, un diritto di usufrutto sull immobile. Irrilevanza ai fini dell assegnazione Assegnazione della casa coniugale. Trascrizione. Opponibilità al terzo acquirente

17 Indice sistematico XXIII 13. Divorzio. Obbligazione alimentare a carico dei figli. Genitore alimentando che gode di un assegno divorzile. Stato di bisogno. Prova. Onere Assegno di mantenimento per il figlio. Determinazione. Criteri Determinazione già compiuta dal giudice della separazione. Riferimento vincolante. Esclusione Periodi in cui i figli vivono presso il genitore non affidatario. Obbligo dello stesso di corrispondere all altro coniuge l assegno per il mantenimento dei figli. Permanenza. Limiti Procedimento per la riduzione dell assegno Assegno del coniuge divorziato all altro coniuge per il mantenimento del figlio maggiorenne convivente Termine finale del mantenimento Onere della prova della cessazione del diritto del figlio al mantenimento Figlio che abbia in passato svolto attività lavorativa. Diritto al mantenimento. Esclusione Azione del figlio divenuto maggiorenne per il mantenimento. Ammissibilità. Legittimazione Figlio minore successivamente adottato. Diritto al mantenimento. Cessazione Coniuge che abbia adempiuto all obbligo di mantenimento dei figli integralmente, pure per la quota facente carico all altro coniuge. Azione per il conseguimento del rimborso di detta quota. Ammissibilità Diritto dell ex coniuge alla pensione di reversibilità. Natura Sussistenza. Condizioni. Titolarità dell assegno divorzile. Configurabilità Questione relativa all applicabilità della disciplina introdotta dalla l. n. 74 del 1987 se la morte dell ex coniuge sia anteriore all entrata in vigore della stessa Disciplina precedente Diritto dell ex coniuge alla pensione di reversibilità. Decorrenza Perequazione automatica del trattamento pensionistico. Spettanza Diritto dell ex coniuge alla pensione di reversibilità. Prescrizione. Termine Controversia relativa alla corresponsione della pensione di reversibilità. Competenza Rito camerale Decisione con sentenza Impugnazioni Termini Giudizio di appello. Ambito del riesame Trattamento a carico dello Stato. Giurisdizione della Corte dei Conti Controversia tra gli aventi causa del coniuge deceduto che investa anche il rapporto con l ente erogatore della pensione, rimasto tuttavia estraneo al procedimento. Proponibilità, da parte di questo, di opposizione ex art. 404 cod. proc. civ Diritto concorrente dell ex coniuge e del coniuge superstite alla pensione di reversibilità. Decorrenza Evento che ha dato luogo alla percezione della pensione da parte del binubo. Irrilevanza Diritto concorrente dell ex coniuge e del coniuge superstite alla pensione di reversibilità. Ripartizione di questa. Criteri. Durata del rapporto matrimoniale. Altri elementi di valutazione Disciplina relativa all attribuzione della pensione di reversibilità. Matrimonio dichiarato nullo. Applicabilità. Esclusione «Altri assegni». Nozione Controversia promossa dal coniuge divorziato per la corresponsione, da parte dell I.N.A.D.E.L., dell indennità premio di servizio che sarebbe spettata al proprio ex coniuge, deceduto. Natura. Competenza Quota dell indennità difine rapporto spettante all ex coniuge Individuazione dell indennità. Criteri Quota dell indennità difine rapporto spettante all ex coniuge. Determinazione Applicabilità della disciplina anche ai coniugi divorziati prima dell entrata in vigore della l. n. 74 del 1987, ove l indennità sia maturata successivamente Epoca dell inizio del rapporto di lavoro. Irrilevanza

18 XXIV Indice sistematico 28. Quota dell indennità difine rapporto spettante all ex coniuge. Attribuzione con lo stesso provvedimento attributivo dell assegno di divorzio. Ammissibilità Revisione dell assegno divorzile e per il mantenimento dei figli. Condizioni. «Giustificati motivi» sopravvenuti Assegno precedentemente non attribuito. Revisione. Ammissibilità Revoca in sede di revisione. Ammissibilità Criteri di valutazione delle circostanze Variazione dell assegno a seguito della revisione. Decorrenza Adeguamento automatico Procedimento di revisione. Disciplina Transazione tra le parti intervenuta nel corso del giudizio di divorzio. Nullità Modifica del sistema di corresponsione dell assegno. Accordo delle parti. Efficacia. Esclusione Assegno a favore del coniuge divorziato a carico dell eredità del coniuge defunto. Natura Attribuzione. Condizioni Controversia. Procedimento Giudizio di divorzio. Pronuncia di revoca della facoltà del marito di amministrazione dei beni dotali. Decorrenza della revoca Divorzio. Caducazione delle donazioni obnuziali. Esclusione Disposizioni che regolano i rapporti patrimoniali tra i coniugi dopo la sentenza di divorzio. Applicabilità ai matrimoni dichiarati nulli. Esclusione

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE ALLEGATO AL VERBALE DELL UDIENZA DEL TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE PROCEDURA N R.G.E. PROCEDIMENTO DI DIVISIONE N. I L G I U D I C E Visto il provvedimento reso all udienza del nella procedura esecutiva

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali 1. Premessa. 2.La questione della vigenza dell art.23 della legge

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato

Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato Le Guide per il Cittadino Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva Confconsumatori Federconsumatori

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

I mezzi di impugnazione

I mezzi di impugnazione 4 I mezzi di impugnazione SOMMARIO 1. L appello previsto dall art. 310 c.p.p. 2. Il ricorso per Cassazione previsto dall art. 311 c.p.p. 2.1. La impossibilità di scelta per la difesa del c.d. ricorso per

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001)

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001) Legge 28 marzo 2001 n 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori nonché al titolo VIII del primo libro del codice civile (Gazetta Ufficiale

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI CORSO AVVOCATI MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI OPPOSIZIONE SANZIONE AMMINISTRATIVA QUADERNO N. 6 1 Il procedimento di opposizione avverso sanzioni amministrative per violazioni al Codice della Strada

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale In vigore dal gennaio 0 Camera di Commercio Internazionale (ICC) Corte Internazionale di Arbitrato 8, Cours Albert er, 7008 Paris/Parigi,

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli