MILANO LEGGE 10 DICEMBRE 2012, N. 219 PRIME APPLICAZIONI DELLE NUOVE NORME PROCESSUALI E SOSTANZIALI RACCOLTA DELLA PRIMA GIURISPRUDENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MILANO LEGGE 10 DICEMBRE 2012, N. 219 PRIME APPLICAZIONI DELLE NUOVE NORME PROCESSUALI E SOSTANZIALI RACCOLTA DELLA PRIMA GIURISPRUDENZA"

Transcript

1 TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE NONA CIVILE LEGGE 10 DICEMBRE 2012, N. 219 PRIME APPLICAZIONI DELLE NUOVE NORME PROCESSUALI E SOSTANZIALI RACCOLTA DELLA PRIMA GIURISPRUDENZA DELLA SEZIONE IX DEL TRIBUNALE DI MILANO a cura di GLORIA SERVETTI Presidente della Sezione IX civile del Tribunale di Milano 1

2 INDICE delle pronunce Trib. Milano, sez. IX civ., sentenza 13 febbraio 2013 ART. 38 DISP. ATT. C.C. COME MODIFICATO DALLA LEGGE 219/2012 REGIME TRANSITORIO ART. 5 C.P.C. ART. 4 LEGGE 219/2012 EFFETTI (38 disp. att. c.p.c.) Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 20 febbraio 2013 FAMIGLIA DI FATTO NON FONDATA SUL MATRIMONIO CESSAZIONE DEL RAPPORTO NECESSARIA VALUTAZIONE, DA PARTE DEL GIUDICE, DELLA INTOLLERABILITÀ DELLA CONVIVENZA ESCLUSIONE SCIOGLIMENTO DAL RAPPORTO AD NUTUM SUSSISTE RICORSO CONGIUNTO EX ART. 317-BIS C.C. NECESSITÀ DELL UDIENZA - ESCLUSIONE (Artt. 2 Cost., 317-bis c.c., 38 disp. att. c.c.) Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 24 aprile 2013 PROCEDIMENTO PER L ESECUZIONE GIUDIZIALE DEL TITOLO DA CUI DIPENDE IL DIRITTO AL MANTENIMENTO DOMANDA RICONVENZIONALE DEL RESISTENTE PER OTTENERE UNA RIDUZIONE DEL MANTENIMENTO STESSO AMMISSIBILITÀ - ESCLUSIONE Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 24 aprile 2013 ORDINE DI DISTRAZIONE ART. 3 LEGGE 219/2012 RICHIAMO DELLA LEGGE 898/1970 (art. 3 comma II legge 219/2012) Trib. Milano, sez. IX civ., ordinanza 29 aprile 2013 DICHIARAZIONE GIUDIZIALE DI PATERNITÀ PROCEDIMENTO RELATIVO A FIGLIO MINORE DI ETÀ MODIFICA DELL ART. 38 DISP. ATT. C.C. AD OPERA DELLA LEGGE 219/2012 COMPETENZA DEL TRIBUNALE ORDINARIO RITO APPLICABILE RITO CAMERALE ESCLUSIONE RITO ORDINARIO SUSSISTE ERRONEA INTRODUZIONE DEL RITO MUTAMENTO DEL RITO - SUSSISTE Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 3 maggio 2013 PROVVEDIMENTO LIMITATIVO DELLA POTESTÀ GENITORIALE EMESSO DAL TRIBUNALE PER I MINORENNI ART. 333 C.C. RICHIESTA DI MODIFICA O REVOCA COMPETENZA TRIBUNALE PER I MINORENNI SUSSISTE TRIBUNALE ORDINARIO ESCLUSIONE LEGGE 219/2012 (art. 333 c.c.; legge 184/1983; legge 219/2012) Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 7 maggio 2013 PROVVEDIMENTI LIMITATIVI DELLA POTESTÀ GENITORIALE ART. 333 C.C. DECADENZA DALLA POTESTÀ GENITORIALE ART. 330 C.C. COMPETENZA DEL TRIBUNALE ORDINARIO ART. 38 DISP. ATT. C.C. LEGGE 219/ PRESUPPOSTI (art. 333 c.c.; legge 184/1983) Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 31 maggio 2013 CONTROVERSIE GENITORIALI FIGLI NON MATRIMONIALI ART. 317-BIS C.C. ART. 3 LEGGE 219/2012 RITO CAMERALE INTRODUZIONE DI UNA UDIENZA CD. FILTRO PER UN TENTATIVO DI CONCILIAZIONE CD. RITO PARTECIPATIVO (art. 317-bis c.c.; 737 c.p.c.) Trib. Milano, sez. IX civ., sentenza 13 giugno 2013 CONTROVERSIE GENITORIALI EX ART. 317-BIS C.C. DOMANDA DI RESTITUZIONE DI IMPORTI ANTICIPATI DA UNO DEI GENITORI - INAMMISSIBILITÀ (art. 317-bis c.c.) Trib. Milano, sez. IX civ., sentenza 19 giugno 2013 DOMANDA PRESENTATA DAL GENITORE PER IL RICONOSCIMENTO DEL FIGLIO NON MATRIMONIALE ART. 250 C.C. (LEGGE 219/2012) COSTITUZIONE DEL GENITORE CHE HA GIÀ RICONOSCIUTO IL QUALE SOLLEVI ECCEZIONI DI RITO (ES. INCOMPETENZA) VALORE DELL ATTO COME OPPOSIZIONE ESCLUSIONE - CONSEGUENZE (art. 250 c.c.) Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 25 giugno 2013 FAMIGLIA DI FATTO NON FONDATA SUL MATRIMONIO CONTROVERSIE GENITORIALI ART. 317-BIS C.C. PROVVEDIMENTI PROVVISORI AMMISSIBILITÀ - SUSSISTE (Artt. 317-bis c.c., 737 c.p.c.) 2

3 Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 26 giugno 2013 DICHIARAZIONE GIUDIZIALE DI PATERNITÀ COMPETENZA TERRITORIALE FORO DEL CONVENUTO - SUSSISTE (art. 269 c.c.) Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 1 luglio 2013 PROCEDIMENTO EX ART. 317-BIS C.C. AMMISSIBILITÀ PRESUPPOSTI CESSAZIONE DELLA CONVIVENZA NECESSITÀ SUSSISTE SUFFICIENZA DELLA RESIDENZA SEPARATA ESCLUSIONE CD. PENDOLARISMO FAMILIARE (Artt. 317-bis, c.c., 737 c.p.c.) Trib. Milano, sez. IX civ., ordinanza 5 luglio 2013 PROCEDIMENTO EX ART. 317-BIS C.C. PENDENTE RICORSO EX ART. 342-BIS C.C. DINANZI AL GIUDICE ADITO EX ART. 317-BIS C.C. NECESSITÀ - SUSSISTE (Artt. 317-bis, 342-bis c.c.) Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 10 luglio 2013 FAMIGLIA DI FATTO NON FONDATA SUL MATRIMONIO CONTROVERSIE GENITORIALI ART. 317-BIS C.C. PROVVEDIMENTI PROVVISORI AMMISSIBILITÀ - SUSSISTE (Artt. 317-bis c.c., 737 c.p.c.) Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 17 luglio 2013 FAMIGLIA DI FATTO NON FONDATA SUL MATRIMONIO CONTROVERSIE GENITORIALI ART. 317-BIS C.C. PROVVEDIMENTI PROVVISORI AMMISSIBILITÀ - SUSSISTE (Artt. 317-bis c.c., 737 c.p.c.) Trib. Milano, sez. I civ., decreto 16 settembre 2013 CONTROVERSIE GENITORIALI COMPETENZA TERRITORIALE RESIDENZA ABITUALE DEL MINORE SUSSISTE TRASFERIMENTO ILLECITO RILEVANZA ESCLUSIONE (artt. 155, 317-bis c.c.) Trib. Milano, sez. I civ., decreto 19 settembre 2013 CONTROVERSIE GENITORIALI ART. 317-BIS C.C. ACCORDO DEI GENITORI RILEVANZA - SUSSISTE (artt. 155, 317-bis c.c.) Trib. Milano, sez. I civ., decreto 19 settembre 2013 CONTROVERSIE GENITORIALI ART. 317-BIS C.C. OMESSA NOTIFICA DEL RICORSO CONSEGUENZE IMPROCEDIBILITÀ SUSSISTE (artt. 155, 317-bis c.c.) Trib. Milano, sez. I civ., decreto 3 ottobre 2013 LEGGE 219/2012 NUOVO ART. 38 DISP. ATT. C.C. NUOVA COMPETENZA CD. PER ATTRAZIONE PRESUPPOSTI PRECEDENTE PENDENZA DI PROCEDIMENTO CD. ORDINARIO AZIONE AUTONOMA EX ART. 317-BIS C.C., PENDENTE DINANZI AL T.M. GIUDIZIO EX ART. 330 C.C. INCOMPETENZA SUSSISTE (artt. 317-bis c.c., 38 disp. att. c.c.). Trib. Milano, sez. I civ., decreto 11 ottobre 2013 LEGGE 219/2012 NUOVO ART. 38 DISP. ATT. C.C. NUOVA COMPETENZA CD. PER ATTRAZIONE DEL TRIBUNALE ORDINARIO RICHIESTA DI MODIFICA DI PRECEDENTE PROVVEDIMENTO EMESSO DAL TM EX ART. 330 C.C. COMPETENZA DEL T.O. ESCLUSIONE (artt. 317-bis, 330 c.c., 38 disp. att. c.c.). 3

4 Le pronunce Trib. Milano, sez. IX civ., sentenza 13 febbraio 2013 ART. 38 DISP. ATT. C.C. COME MODIFICATO DALLA LEGGE 219/2012 REGIME TRANSITORIO ART. 5 C.P.C. ART. 4 LEGGE 219/2012 EFFETTI (38 disp. att. c.p.c.) La legge 219/2012 entrata in vigore il , modificando l'art. 38 disp. att. c.c, ha attribuito al Tribunale Ordinario i provvedimenti ex art. 371bis e 155 c.c relativi ai figli di genitori non coniugati e ha disciplinato il relativo procedimento di competenza collegiale attraverso il rinvio agli art. 737 c.p.c e seguenti nei limiti della compatibilità. Ebbene, la Suprema Corte ha in più occasioni affermato che "ove sia stato adito un giudice incompetente al momento della proposizione della domanda, non può l'incompetenza essere dichiarata se quel giudice sia diventato competente in forza di legge entrata in vigore nel corso del giudizio" (Cass. Sez. III n. 857, Cass. Sez. II n. 857). Deve però osservarsi che la legge 219/2012 ha espressamente previsto una disciplina c.d. transitoria stabilendo espressamente l'art. 4 che "le disposizioni di cui all'art. 3 della citata legge (ovverosia il nuovo art. 38 disp. att c.c. e quindi la nuova competenza e la nuova procedura) si applicano ai giudizi instaurati a decorre dalla data di entrata in vigore delle nuova legge", ovverosia ai procedimenti instaurati a partire dal In presenza di una disciplina transitoria stabilita dalla legge che fa esplicito riferimento al momento dell'instaurazione del giudizio ai fine dell'operatività della nuova normativa in punto di competenza funzionale e di rito applicabile, non può farsi applicazione del pur consolidato orientamento della Suprema Corte sopra riportato in punto di deroga alla perpetuatio jurisditionis, orientamento da ritenersi operante nei soli casi in cui la legge non preveda una disciplina transitoria. Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 20 febbraio 2013 FAMIGLIA DI FATTO NON FONDATA SUL MATRIMONIO CESSAZIONE DEL RAPPORTO NECESSARIA VALUTAZIONE, DA PARTE DEL GIUDICE, DELLA INTOLLERABILITÀ DELLA CONVIVENZA ESCLUSIONE SCIOGLIMENTO DAL RAPPORTO AD NUTUM SUSSISTE RICORSO CONGIUNTO EX ART. 317-BIS C.C. NECESSITÀ DELL UDIENZA - ESCLUSIONE (Artt. 2 Cost., 317-bis c.c., 38 disp. att. c.c.) In materia di famiglia di fatto, non fondata sul matrimonio, non essendo le parti legate da vincolo di coniugio è incontroverso come la cessazione del rapporto possa avvenire ad nutum, ovvero senza necessità per l autorità giudiziaria di accertare il carattere irreversibile della crisi del rapporto attraverso l espletamento di tentativo di conciliazione. Tale considerazione rende, quantomeno in linea di principio e fatte salve eventuali difformi valutazioni di opportunità, superflua la personale comparizione delle parti in caso di presentazione di un ricorso congiunto ex art bis c.c., atteso che l esame del Tribunale risulta elettivamente diretto alla verifica dell adeguatezza degli accordi raggiunti all interesse della prole minore, alla luce del disposto normativo di cui all art. 155, comma secondo, c.c. ( Prende atto, se non contrari all interesse dei figli, degli accordi intervenuti tra i genitori. Adotta ogni altro provvedimento relativo alla prole ) nel testo introdotto dalla Novella n. 54/2006, 4

5 applicabile anche ai procedimenti relativi ai figli di genitori non coniugati (art. 4, comma secondo, legge citata) Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 24 aprile 2013 PROCEDIMENTO PER L ESECUZIONE GIUDIZIALE DEL TITOLO DA CUI DIPENDE IL DIRITTO AL MANTENIMENTO DOMANDA RICONVENZIONALE DEL RESISTENTE PER OTTENERE UNA RIDUZIONE DEL MANTENIMENTO STESSO AMMISSIBILITÀ - ESCLUSIONE La domanda riconvenzionale proposta dal resistente convenuto in giudizio dal ricorrente che abbia agito in processo per l esecuzione del titolo da cui dipende il suo diritto al mantenimento, non può essere stimata ammissibile in ragione della sua strutturale estraneità all oggetto del contendere quale dalla parte ricorrente individuato, oggetto che trova il suo essenziale presupposto nell operatività di un titolo esecutivo già esistente e affatto suscettibile di essere posto in discussione, nella sede adita, relativamente al quantum debeatur, atteso che diversamente si integrerebbe una sorta di inefficacia del titolo medesimo in relazione alla sola proposta istanza intesa a vedere garantito il credito alimentare nella fase meramente attuativa della riscossione. Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 24 aprile 2013 ORDINE DI DISTRAZIONE ART. 3 LEGGE 219/2012 RICHIAMO DELLA LEGGE 898/ L art. 3, secondo comma, legge n. 219/2012 deve essere nella sua strutturazione visto come estensione alla tutela dei figli nati da coppia non coniugata dell omologa fattispecie coniata dal legislatore del 1987 nella disciplina divorzile, così accordandosi prevalenza al preciso richiamo della norma di cui all art. 8, secondo comma e seguenti, legge div. piuttosto che al meno efficace riferimento all ordine che il giudice può essere chiamato a impartire. Ne discende l inammissibilità della domanda proposta dall avente diritto per ottenere il provvedimento di distrazione a mezzo dell intervento giudiziale, non occorrendo ai fini in parola procedere all instaurazione di procedimento giudiziale alcuno. Trib. Milano, sez. IX civ., ordinanza 29 aprile 2013 DICHIARAZIONE GIUDIZIALE DI PATERNITÀ PROCEDIMENTO RELATIVO A FIGLIO MINORE DI ETÀ MODIFICA DELL ART. 38 DISP. ATT. C.C. AD OPERA DELLA LEGGE 219/2012 COMPETENZA DEL TRIBUNALE ORDINARIO RITO APPLICABILE RITO CAMERALE ESCLUSIONE RITO ORDINARIO SUSSISTE ERRONEA INTRODUZIONE DEL RITO MUTAMENTO DEL RITO - SUSSISTE In virtù della nuova formulazione dell art. 38 disp. att. c.c., per effetto della legge 10 dicembre 2012 n. 219, la competenza sull art. 269 c.c., anche in caso di minori, è del Tribunale ordinario e conseguentemente il rito applicabile è quello di cognizione ordinaria ex artt. 163 e ss. c.p.c. La legge 219/2012, infatti, ha rimosso la deroga al rito ordinario che era stata introdotta dall art. 68 della legge così ripristinando la norma generale di cui all'art. 9, comma II c.p.c. Dove il rito sia stato introdotto erroneamente con ricorso invece che con citazione, il giudice può mutare ex officio il rito ex art. 4 d.lgs. 150/2011 con contestuale ordine di integrazione degli atti. Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 3 maggio 2013 PROVVEDIMENTO LIMITATIVO DELLA POTESTÀ GENITORIALE EMESSO DAL TRIBUNALE PER I MINORENNI ART. 333 C.C. RICHIESTA DI MODIFICA O REVOCA COMPETENZA TRIBUNALE PER I MINORENNI SUSSISTE TRIBUNALE 5

6 ORDINARIO ESCLUSIONE LEGGE 219/2012 (art. 333 c.c.; legge 184/1983; legge 219/2012) La modifica del provvedimento urgente di collocamento in Comunità del minore, proposta dalla madre per il ripristino della piena potestà genitoriale, non instaura una controversia ex art. 317-bis c.c. in quanto non riguarda il rapporto tra padre e madre in ordine all esercizio della genitorialità ma la persistenza o meno delle condizioni che giustificano l affievolimento della responsabilità genitoriale. Ne consegue che non sussiste la competenza del giudice ordinario. La legge 10 dicembre 2012 n. 219, riscrivendo l art. 38 disp. att. c.c., ha attribuito al Tribunale ordinario la competenza a pronunciare i provvedimenti limitativi della potestà genitoriale (art. 333 cod. civ.) esclusivamente nel caso in cui sia pendente, «tra le stesse parti, giudizio di separazione o divorzio o giudizio ai sensi dell'articolo 316 del codice civile»: in altri termini, l azione ex art. 333 c.c. proposta in via autonoma non rientra nella competenza del Tribunale ordinario che nemmeno è competente per la declaratoria di cui all art. 330 c.c., ipotizzabile sempre soltanto nel caso in cui penda un procedimento di separazione, divorzio o ex art. 316 c.c.c (v. art. 38, comma I, disp. att. c.c.). Il presupposto per la potestas decidendi del Tribunale Ordinario è, dunque, la concentrazione processuale delle domande. La competenza del Tribunale per i Minorenni si estende anche al provvedimento di modifica o revoca delle limitazioni genitoriali, trovando la sua disciplina normativa in seno all art. 333 comma II c.c., come richiamato anche in parte qua dall art. 38 disp. att. c.c. Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 7 maggio 2013 PROVVEDIMENTI LIMITATIVI DELLA POTESTÀ GENITORIALE ART. 333 C.C. DECADENZA DALLA POTESTÀ GENITORIALE ART. 330 C.C. COMPETENZA DEL TRIBUNALE ORDINARIO ART. 38 DISP. ATT. C.C. LEGGE 219/ PRESUPPOSTI (art. 333 c.c.; legge 184/1983) La legge 10 dicembre 2012 n. 219, riscrivendo l art. 38 disp. att. c.c., ha attribuito al Tribunale ordinario la competenza a pronunciare i provvedimenti limitativi della potestà genitoriale (art. 333 cod. civ.) esclusivamente nel caso in cui sia pendente, «tra le stesse parti, giudizio di separazione o divorzio o giudizio ai sensi dell'articolo 316 del codice civile»: in altri termini, l azione ex art. 333 c.c. proposta in via autonoma non rientra nella competenza del Tribunale ordinario che nemmeno è competente per la declaratoria di cui all art. 330 c.c., ipotizzabile sempre soltanto nel caso in cui penda un procedimento di separazione, divorzio o ex art. 316 c.c.c (v. art. 38, comma I, disp. att. c.c.). Il presupposto per la potestas decidendi del Tribunale Ordinario è, dunque, la concentrazione processuale delle domande. Non solo: la legge richiede espressamente, quale condicio sine qua non per la competenza del tribunale ordinario ex art. 333 c.c., che il processo penda «tra le stesse parti», quanto dunque non ricorrerebbe nel caso di domanda introduttiva proposta dai nonni, in quanto, come noto, gli ascendenti non sono parti del procedimento di separazione, divorzio, o ex art. 316 c.c. Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 31 maggio 2013 CONTROVERSIE GENITORIALI FIGLI NON MATRIMONIALI ART. 317-BIS C.C. ART. 3 LEGGE 219/2012 RITO CAMERALE INTRODUZIONE DI UNA UDIENZA CD. FILTRO PER UN TENTATIVO DI CONCILIAZIONE CD. RITO PARTECIPATIVO (art bis c.c.; 737 c.p.c.) La legge 10 dicembre 2012 n. 219, riscrivendo l art. 38 disp. att. c.c., ha attribuito al Tribunale ordinario la competenza a pronunciare i provvedimenti risolutivi dei conflitti genitoriali ex art. 317-bis c.c. Al cospetto della presentazione di un ricorso ex art. 317-bis c.c., il tribunale dove non sussistano improcrastinabili ragioni d urgenza 6

7 può instaurare previamente il contraddittorio e fissare udienza solo all esito della lettura degli scritti difensivi introduttivi depositati dai genitori, al fine di valutare l opportunità di un preliminare tentativo di conciliazione, in analogia con quanto previsto nel modello processuale tipizzato per i figli minori nati da coniugi uniti da matrimonio. Trib. Milano, sez. IX civ., sentenza 13 giugno 2013 CONTROVERSIE GENITORIALI EX ART. 317-BIS C.C. DOMANDA DI RESTITUZIONE DI IMPORTI ANTICIPATI DA UNO DEI GENITORI - INAMMISSIBILITÀ (art. 317-bis c.c.) E inammissibile, in seno al procedimento ex art. 317-bis c.c., la domanda presentata dal genitore per la restituzione delle somme anticipate nell interesse del figlio non matrimoniale. Trib. Milano, sez. IX civ., sentenza 19 giugno 2013 DOMANDA PRESENTATA DAL GENITORE PER IL RICONOSCIMENTO DEL FIGLIO NON MATRIMONIALE ART. 250 C.C. (LEGGE 219/2012) COSTITUZIONE DEL GENITORE CHE HA GIÀ RICONOSCIUTO IL QUALE SOLLEVI ECCEZIONI DI RITO (ES. INCOMPETENZA) VALORE DELL ATTO COME OPPOSIZIONE ESCLUSIONE - CONSEGUENZE (art. 250 c.c.) Il materia di procedimento di riconoscimento del figlio nato fuori dal matrimonio, non ha valore di opposizione la difesa della parte resistente che, costituendosi, si limiti ad eccepire la incompetenza dell ufficio adito. Ne consegue che il procedimento può essere definito nelle forme semplificate ex art. 250, comma IV, c.c. e l esigenza di celere definizione (nelle forme snelle indicate) esclude l adozione di altri provvedimenti. Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 25 giugno 2013 FAMIGLIA DI FATTO NON FONDATA SUL MATRIMONIO CONTROVERSIE GENITORIALI ART. 317-BIS C.C. PROVVEDIMENTI PROVVISORI AMMISSIBILITÀ - SUSSISTE (Artt. 317-bis c.c., 737 c.p.c.) In materia di controversie genitoriali ex art. 317-bis c.c., i provvedimenti provvisori si rendono certamente opportuni dove, all esito dello scambio delle difese delle parti, il Tribunale registri delle conclusioni «conformi» dei genitori, su alcuni punti della controversia, così accertando, in parte qua, la condivisione di assetti condivisi. In questo caso, l adozione del provvedimento interinale non «sorprende» alcuna delle parti poiché recepisce la volontà (identica) dell uno e dell atro litigante; nemmeno pregiudica l eventuale corso del processo, in quanto, all esito dell istruttoria, il Tribunale conserva il potere di modifica anche ex officio delle statuizioni (cedevoli) provvisoriamente adottate. Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 26 giugno 2013 DICHIARAZIONE GIUDIZIALE DI PATERNITÀ COMPETENZA TERRITORIALE FORO DEL CONVENUTO - SUSSISTE (art. 269 c.c.) In materia di azione ex art. 269 c.c., la competenza si radica nel luogo di residenza del convenuto (Cass. Civ. 1373/1992, Sez. Un.; Cass. Civ., 11021/1997: precedenti che si richiamano ex art. 118 disp. att. c.p.c.), non rintracciandosi, peraltro, nel codice di rito, un foro del concepimento e nemmeno potendosi ritenere prevalente la tutela del minore, in quanto la causa ha ad oggetto la paternità biologica che, se accertata, legittima le domande nell interesse della prole, per le quali, sì, opera il foro di residenza del minore (es. 317-bis c.c., 38 disp. att. c.p.c.). 7

8 Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 1 luglio 2013 PROCEDIMENTO EX ART. 317-BIS C.C. AMMISSIBILITÀ PRESUPPOSTI CESSAZIONE DELLA CONVIVENZA NECESSITÀ SUSSISTE SUFFICIENZA DELLA RESIDENZA SEPARATA ESCLUSIONE CD. PENDOLARISMO FAMILIARE (Artt bis, c.c., 737 c.p.c.) L intervento giudiziale si giustifica per l interesse di una o entrambe le parti a comporre un conflitto genitoriale, insorto nell ambito della famiglia non disgregata (es. art. 145 c.c.) oppure in concomitanza con l erosione del vincolo affettivo (es bis c.c.). L elemento che legittima il ricorso al giudice e che dunque disvela l interesse ad agire (100 c.p.c.) è, allora, la fine del legame affettivo e la disgregazione dell unità familiare, al cospetto della quale è ammissibile un ricorso congiunto dei genitori, affinché il Tribunale convalidi le scelte da essi svolte nell interesse della prole, se del caso anche de plano (v. Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 20 febbraio 2013). In altri termini, l allegazione che rende ammissibile il ricorso congiunto dei genitori - ex art. 317-bis c.c. - non è quella concernente il fatto che non siano sposati o non convivano (avendo residenza separata) bensì l elemento indefettibile della fine della relazione affettiva. E, infatti, l assenza di effettiva «coabitazione» è, ormai, da considerarsi come elemento non determinante ai fini dell esistenza o meno di una compagine familiare posto che, secondo gli ultimi dati statistici ufficiali (fonte: ISTAT), il pendolarismo della famiglia, cioè «le persone che vivono per motivi vari e con una certa regolarità in luoghi diversi dall abitazione abituale» così spesso «mantenendo residenze in luoghi diversi» è ormai dato sociale di fatto accertato e largamente diffuso. Ne consegue che, per l ammissibilità del cd. ricorso congiunto, non è sufficiente allegare la residenza in luoghi diversi o l assenza di coabitazione, ma occorre specificare che la relazione affettiva è terminata. Trib. Milano, sez. IX civ., ordinanza 5 luglio 2013 PROCEDIMENTO EX ART. 317-BIS C.C. PENDENTE RICORSO EX ART. 342-BIS C.C. DINANZI AL GIUDICE ADITO EX ART. 317-BIS C.C. NECESSITÀ - SUSSISTE (Artt bis, 342-bis c.c.) Dove sia già pendente procedimento ex art. 317-bis c.c., è in quella sede che, sussistendone le ragioni e i presupposti, la parte interessata deve rivolgere le eventuali istanze ex art. 342-bis c.c. Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 10 luglio 2013 FAMIGLIA DI FATTO NON FONDATA SUL MATRIMONIO CONTROVERSIE GENITORIALI ART. 317-BIS C.C. PROVVEDIMENTI PROVVISORI AMMISSIBILITÀ - SUSSISTE (Artt. 317-bis c.c., 737 c.p.c.) In materia di controversie genitoriali ex art. 317-bis c.c., nel rito camerale ex artt. 737 c.p.c., 38 disp. att. c.c., è certamente ammissibile una statuizione interinale, poiché il procedimento non la nega espressamente e poiché è prevalente l interesse del minore ad una immediata regolamentazione dei suoi rapporti con i genitori, al fine di evitare che la situazione di «incertezza di diritti e doveri dei genitori non coniugati» determini una gestione confusa e irrazionale degli interessi della prole. Nemmeno può ritenersi che le parti restino sfornite di strumenti di tutela giuridica, essendo sempre ammesso sollecito per la modifica o la revoca (742 c.p.c.) o comunque istanza per la revisione (155-ter c.c.). Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 17 luglio

9 FAMIGLIA DI FATTO NON FONDATA SUL MATRIMONIO CONTROVERSIE GENITORIALI ART. 317-BIS C.C. PROVVEDIMENTI PROVVISORI AMMISSIBILITÀ - SUSSISTE (Artt. 317-bis c.c., 737 c.p.c.) In materia di controversie genitoriali ex art. 317-bis c.c., nel rito camerale ex artt. 737 c.p.c., 38 disp. att. c.c., è certamente ammissibile una statuizione interinale, poiché il procedimento non la nega espressamente e poiché è prevalente l interesse del minore ad una immediata regolamentazione dei suoi rapporti con i genitori, al fine di evitare che la situazione di «incertezza di diritti e doveri dei genitori non coniugati» determini una gestione confusa e irrazionale degli interessi della prole. Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 16 settembre 2013 CONTROVERSIE GENITORIALI COMPETENZA TERRITORIALE RESIDENZA ABITUALE DEL MINORE SUSSISTE TRASFERIMENTO ILLECITO RILEVANZA ESCLUSIONE (artt. 155, 317-bis c.c.) La competenza a conoscere delle questioni relative all affidamento dei minori e alla potestà genitoriale degli stessi (quali le azioni previste agli artt. 155, 317 bis e 333 c.c.) si radica di fronte all autorità giudiziaria del luogo in cui si trova la residenza abituale dei minori. Non può invece radicarsi nel luogo in cui uno dei genitori, unilateralmente e senza consenso dell altro genitore, abbia condotto i minori per sua scelta esclusiva, al fine di tutelare l interesse superiore del minore, evitando che lo spostamento del medesimo da parte di un genitore si riveli arbitrario, assunto unilateralmente e comunque in modo strumentale al raggiungimento di una decisione favorevole nei suoi confronti. Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 19 settembre 2013 CONTROVERSIE GENITORIALI ART. 317-BIS C.C. ACCORDO DEI GENITORI RILEVANZA - SUSSISTE (artt. 155, 317-bis c.c.) Le controversie genitoriali ex art. 317-bis c.c. possono essere definitive mediante accordo dei genitori che, se non contrastante con norme imperative e non in contrasto con l interesse preminente del minore, può essere recepito dal Collegio che provvede in conformità, in analogia a quanto avviene per gli accordi di separazione consensuale. Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 19 settembre 2013 CONTROVERSIE GENITORIALI ART. 317-BIS C.C. OMESSA NOTIFICA DEL RICORSO CONSEGUENZE IMPROCEDIBILITÀ SUSSISTE (artt. 155, 317-bis c.c.) In materia di controversie genitoriali ex art. 317-bis c.c., dove il ricorrente compaia all udienza fissata dinanzi al Collegio, allegando l omessa notifica del ricorso, non è ammessa la concessione di nuovo termine al di fuori delle ipotesi ex art. 153 c.p.c. in quanto in queste ipotesi non è ammessa la rinnovazione della notificazione, trattandosi di rito camerale (v. Cass. civ., Sez. Unite, 30/07/2008, n ; v. Corte Appello Milano, sez. V civ., decreto 25 febbraio 2011) Trib. Milano, sez. IX civ., decreto 3 ottobre 2013 LEGGE 219/2012 NUOVO ART. 38 DISP. ATT. C.C. NUOVA COMPETENZA CD. PER ATTRAZIONE PRESUPPOSTI PRECEDENTE PENDENZA DI PROCEDIMENTO CD. ORDINARIO AZIONE AUTONOMA EX ART. 317-BIS C.C., PENDENTE DINANZI AL T.M. GIUDIZIO EX ART. 330 C.C. INCOMPETENZA SUSSISTE (artt. 317-bis c.c., 38 disp. att. c.c.). Con la legge 219/2012, il legislatore riformulando l art. 38 disp. att. c.c. ha previsto una nuova competenza del T.O. per c.d. attrazione allorquando innanzi al giudice 9

10 ordinario siano in corso, e cioè pendenti, varie tipologie di procedimenti. Pertanto, l innovativo criterio della competenza funzionale per attrazione opera (o può operare) nel senso di ricondurre al giudice ordinario la cognizione anche dei profili inerenti alla limitazione e/o ablazione della responsabilità genitoriale, che in via generale sono attribuiti alla competenza del Tribunale minorile, solo in presenza di una precedente pendenza di un procedimento c.d. ordinario; ne consegue che non può innanzi al giudice ordinario essere in via autonoma instaurato un giudizio riconducibile al quadro normativo dell art. 317 bis c.c. quando sia ancora pendente innanzi al T.M. un procedimento ex art. 330 c.c., la cui naturale estensione applicativa e potenzialità decisoria sono tali da ricomprendere anche l oggetto della domanda che al giudice ordinario viene (posteriormente) proposta. Trib. Milano, sez. I civ., decreto 11 ottobre 2013 LEGGE 219/2012 NUOVO ART. 38 DISP. ATT. C.C. NUOVA COMPETENZA DEL TO SULLE CONTROVERSIE EX ART. 317-BIS C.C. PRESUPPOSTI RICHIESTA DI MODIFICA DI PRECEDENTE PROVVEDIMENTO EX ART. 330 C.C. ASSUNTO DAL TM INCOMPETENZA SUSSISTE (artt. 317-bis c.c., 38 disp. att. c.c.). Con la legge 219/2012, il legislatore riformulato l art. 38 disp. att. c.c. ha previsto una nuova competenza del T.O. per le controversie insorte tra genitori di figli non matrimoniali. Tale competenza non sussiste, tuttavia, dove la domanda sia intesa ad ottenere la modifica di un provvedimento pronunciato dal tribunale per i Minorenni ex art. 330 c.c.: in tal caso non si verte in tema di mero affidamento di minore nato da coppia non coniugata la cui relazione sia cessata, quanto a dire di un caso riconducibile al disposto normativo di cui all art. 317 bis c.c., che presuppone l esercizio integro della potestà genitoriale, bensì di ipotesi in cui si contesta la quantomeno persistente sussistenza di elementi che hanno già condotto all adozione di un provvedimento limitativo della potestà 10

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali 1. Premessa. 2.La questione della vigenza dell art.23 della legge

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Gli ordini di protezione

Gli ordini di protezione Gli ordini di protezione di Germano Palmieri Ricorrenti fatti di cronaca ripropongono pressoché quotidianamente il problema della violenza fra le pareti domestiche; non passa giorno, infatti, che non si

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA DOPO LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE

IL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA DOPO LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE IL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA DOPO LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE Relatore: dr.ssa Antonella MAGARAGGIA pretore presso la Pretura circondariale di Venezia SOMMARIO: I. Introduzione. II. Disciplina del procedimento

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI Incontro di studio in materia di diritto processuale civile in data 24 novembre 2001, presso l Aula Magna del Palazzo di Giustizia Bruno Caccia TORINO, intitolato L obiettivo sulla riforma processuale,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

MAURO BOVE. Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c.

MAURO BOVE. Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c. MAURO BOVE Il procedimento sommario di cognizione di cui agli articoli 702-bis ss. c.p.c. SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Fase introduttiva e complicazioni oggettive e/o soggettive.

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DIRITTO DI FAMIGLIA. Avvocati di Famiglia Sezione territoriale di Bari

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DIRITTO DI FAMIGLIA. Avvocati di Famiglia Sezione territoriale di Bari OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DIRITTO DI FAMIGLIA Avvocati di Famiglia Sezione territoriale di Bari Incontro di studio sul tema: Il giusto processo nel conflitto familiare Bari, 18 marzo 2011 Le impugnazioni

Dettagli

Quando è valida la procura alle liti?

Quando è valida la procura alle liti? PROCESSO / PROCURA ALLE LITI Quando è valida la procura alle liti? L esiguo dettato normativo ha portato ad incertezze e contrasti sulle ipostesi di validità della procura e sulle conseguenze della sua

Dettagli

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001)

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001) Legge 28 marzo 2001 n 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori nonché al titolo VIII del primo libro del codice civile (Gazetta Ufficiale

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore della Pretura circondariale di Monza

Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore della Pretura circondariale di Monza OPPOSIZIONE ALLE ORDINANZE-INGIUNZIONE DI PAGAMENTO DI SOMME A TITOLO DI SANZIONE AMMINISTRATIVA: PRINCIPALI QUESTIONI ORGANIZZATIVE, ORDINAMENTALI E PROCEDURALI Relatore: dott. Raffaele FRASCA pretore

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI CORSO AVVOCATI MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI OPPOSIZIONE SANZIONE AMMINISTRATIVA QUADERNO N. 6 1 Il procedimento di opposizione avverso sanzioni amministrative per violazioni al Codice della Strada

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

(1) Relazione dei senatori Acone e Lipari in Foro it., 1990, V, 406 ss. e spec. 420.

(1) Relazione dei senatori Acone e Lipari in Foro it., 1990, V, 406 ss. e spec. 420. QUESTIONI CONTROVERSIE IN MATERIA DI PROVVEDIMENTI ANTICIPATORI Relatore: dott. Franco DE STEFANO pretore della Pretura circondariale di Salerno SOMMARIO: I cosiddetti provvedimenti anticipatori. Il testo

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali

Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali CORSO n. 21 di Maurizio Villani e Daniela Lorenzo Avvocati tributaristi in Lecce IL TEMA Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali Il presente lavoro riprende quanto già trattato

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Dossier n 135 - Schede di lettura 12 gennaio 2015 Informazioni sugli

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

Le udienze di trattazione della causa nel processo civile ordinario alla luce delle recenti riforme 1.

Le udienze di trattazione della causa nel processo civile ordinario alla luce delle recenti riforme 1. Le udienze di trattazione della causa nel processo civile ordinario alla luce delle recenti riforme 1. Sommario: 1. Tassi di elasticità della nuova disciplina. 2. La prima udienza di trattazione. Le verifiche

Dettagli

IL RITO SPECIALE PER L IMPUGNAZIONE DEI LICENZIAMENTI

IL RITO SPECIALE PER L IMPUGNAZIONE DEI LICENZIAMENTI CAPITOLO TERZO IL RITO SPECIALE PER L IMPUGNAZIONE DEI LICENZIAMENTI VIRGINIA PETRELLA SOMMARIO: 3.1. Inquadramento e ratio del rito licenziamenti. 3.2. La conciliazione obbligatoria nei licenziamenti

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli