SEPARAZIONE E DIVORZIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEPARAZIONE E DIVORZIO"

Transcript

1 Marina Marino SEPARAZIONE E DIVORZIO Normativa e giurisprudenza a confronto

2

3

4

5 La presente edizione è stata chiusa in redazione il 5 giugno 2012 ISBN Il Sole 24 ORE S.p.A. Sede legale e amministrazione: via Monte Rosa 91, Milano Redazione: via C. Pisacane 1, Pero (MI) Per informazioni: Servizio Clienti Tel Fax Fotocomposizione: Emmegi PrePress, via F. Confalonieri, Milano Finito di stampare nel mese di giugno 2012 da: GRAFICA VENETA, via Malcanton 2, Trebaseleghe (PD) Quarta edizione: giugno 2012 Tutti i diritti sono riservati. Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, Corso di Porta Romana n. 108, Milano 20122, e sito web

6 Indice Introduzione pag. XIII Capitolo 1 La famiglia: i rapporti personali tra i coniugi » L indirizzo familiare e l accordo tra i coniugi » Indirizzo familiare e interesse dei figli » Il rapporto tra i doveri esistenti tra i coniugi e le libertà personali degli stessi » L individuazione dei doveri e diritti tra coniugi » I doveri coniugali e gli accordi tra coniugi » I doveri dei coniugi nei confronti dei figli » 7 Capitolo 2 I rapporti patrimoniali tra i coniugi » Il regime patrimoniale della famiglia. Le convenzioni patrimoniali » La comunione » La natura giuridica della comunione legale dei beni » L oggetto della comunione legale dei beni » La separazione dei beni » Il fondo patrimoniale e il trust familiare » Il patto di famiglia » 29 Capitolo 3 La separazione personale dei coniugi » La separazione consensuale » Gli accordi relativi ai rapporti personali tra coniugi e figli nelle separazioni e nei divorzi: l affidamento dei figli minorenni » L affidamento esclusivo » L affidamento congiunto e l affidamento alternato » L affidamento condiviso: la legge n. 54 del » L affidamento al Comune » La frequentazione e i rapporti fra genitore affidatario e figli » La frequentazione tra il genitore non convivente e i figli » La frequentazione e i rapporti tra il genitore non affidatario e i figli anche in ordine al pernottamento » L ascolto del minore: se, quando, come e da chi » 60

7 VI Separazione e divorzio 3.11 Le modalità dell audizione del minore e le modalità della verbalizzazione di quanto detto dal minore pag Le relazioni con i figli maggiorenni » 65 Capitolo 4 Gli accordi di natura patrimoniale tra i coniugi relativi ai figli » Accordi relativi all assegno di contributo al mantenimento » Ammissibilità della rinuncia all assegno » Prole maggiorenne, ma non autosufficiente: a chi spetta la legittimazione attiva ad agire per pretendere il pagamento dell assegno? » Gli assegni familiari, chi ha diritto di pretenderne il pagamento? » Accordi in tema di usufrutto in favore dei figli minorenni e di spese straordinarie » Modalità alternative di contribuzione: ammissibilità dell assegno una tantum rispetto ai figli? I trasferimenti immobilari in favore dei figli » 71 Capitolo 5 Gli accordi tra i coniugi in ordine all assegnazione della casa coniugale » Differenza tra assegnazione giudiziale e assegnazione consensuale » La natura del diritto di abitazione: opponibilità ai terzi » L orientamento della giurisprudenza di legittimità in tema di opponibilità ai terzi successivamente alla legge 74/ » Opponibilità del diritto di abitazione al locatore » Costituzione di diritti diversi da quelli di cui all art. 155, 4 comma, o di diritti reali sulla casa coniugale » 84 Capitolo 6 Gli accordi di natura patrimoniale tra i coniugi » Assegno di mantenimento: natura, caratteristiche, modalità di corresponsione » Corresponsione una tantum. Calcolo per la determinazione dell una tantum » Le questioni fiscali in ordine al pagamento una tantum » Adeguamento ISTAT e liceità degli accordi modificativi di tale adeguamento » 91 Capitolo 7 La separazione consensuale: aspetti processuali e sostanziali » La simulazione nell accordo di separazione » 95 Capitolo 8 Il controllo giurisdizionale sugli accordi dei coniugi » Limiti, natura, modalità del controllo giurisdizionale in sede di omologazione » Il controllo del p.m » La revoca del consenso, revocabilità unilaterale del consenso: ammissibilità » La revoca del consenso all udienza presidenziale, ammissibilità. La revoca dell accordo dopo l udienza presidenziale e prima dell omologazione....» Trasformabilità della separazione giudiziale in consensuale » 104

8 Indice VII Capitolo 9 La separazione giudiziale: rapporti personali tra coniugi pag Le modifiche apportate alla separazione dalla legge 151/ » L intollerabilità della convivenza » Il grave pregiudizio all educazione della prole » Il passaggio dalla colpa all addebito » I mutamenti giurisprudenziali in tema di addebito » I presupposti dell addebito » La prova dell addebito: aspetti processuali » Conseguenze giuridiche della pronuncia sull addebito » Rilevanza dell addebito ai fini del successivo divorzio » 123 Capitolo 10 Gli aspetti patrimoniali nella separazione e nel divorzio giudiziali » Natura e caratteristiche dell assegno di mantenimento per la moglie.....» Udienza presidenziale nella prassi dei tribunali italiani » Assegno di mantenimento per i figli nella prassi dei tribunali italiani.....» Il mantenimento in favore della prole maggiorenne ma non autosufficiente: a chi spetta la legittimazione attiva ad agire per pretendere il pagamento dell assegno? » La fase istruttoria nella prassi dei tribunali italiani » Cessazione dell obbligo di mantenimento » Provvedimenti a garanzia del pagamento dell assegno » Ordine a terzi di versare direttamente al coniuge beneficiario l assegno di mantenimento » Revoca dei provvedimenti ex art. 156 c.c » Natura e caratteristiche dell assegno alimentare » Natura e caratteristiche dell assegno divorzile » Determinazione dell assegno una tantum » Ordine di deposito della documentazione fiscale e della documentazione bancaria degli ultimi anni a carico delle parti » Accertamento delle capacità economiche e reddituali dell obbligato all assegno di mantenimento » L interposizione fittizia al fine di occultare patrimoni e redditi, secondo l art. 37 D.P.R. 600/ » Acquisizione di informazioni ex art. 210 c.p.c » L utilizzo della consulenza tecnica d ufficio » Le indagini di polizia tributaria » 168 Capitolo 11 L assegnazione della casa coniugale nella separazione o nel divorzio giudiziali.....» La natura del diritto » Assegnazione della casa coniugale in comproprietà tra i coniugi in caso di mancanza di prole o nel caso di figli maggiorenni autosufficienti economicamente » Assegnazione della casa coniugale, quando la stessa è concessa in comodato o locata, quando questa è costituita da un alloggio di edilizia economica e popolare, quando la stessa è in comunione con altri, quando la stessa è costituita da un alloggio di servizio » Assegnazione delle pertinenze, della seconda casa o di parte della casa coniugale » 186

9 VIII Separazione e divorzio 11.5 La trascrizione del provvedimento di assegnazione della casa coniugale: effetti e conseguenze pag. 188 Capitolo 12 Le questioni processuali relative alla separazione e al divorzio giudiziali » Il ricorso: competenza, contenuto e caratteristiche » L assistenza dei difensori all udienza presidenziale » Mancata comparizione delle parti successiva alla emissione dei provvedimenti presidenziali » L annosa questione del rito ambrosiano » Effetti della novella del 1990 (e successive modifiche) » L articolazione delle prove nel ricorso o nei termini di cui all art. 183 comma 6 c.p.c » La pronuncia parziale di separazione: scindibilità della pronuncia sull addebito rispetto alla domanda di separazione » Le pronunce a sezioni unite della Cassazione » La trasformazione della separazione giudiziale in separazione consensuale: ammissibilità » Il mutamento del titolo della separazione: inammissibilità » La costituzione del convenuto e la domanda riconvenzionale » Sopravvivenza dell art. 23 legge n. 74/1987 alle riforme del c.p.c » L appello » Specificità dei motivi di appello » Le domande nuove » Eccezioni in appello » Appello avverso alla sentenza parziale di separazione » L ultrapetizione e l omessa pronuncia » La costituzione delle parti » Le preclusioni per il contumace » Le prove in appello » Produzione documenti nuovi in appello » L appello incidentale: natura, efficacia, termini » L interruzione del processo in appello » La riassunzione del processo in appello » La cessazione della materia del contendere » L estinzione del giudizio » L acquiescenzao » La rinuncia » La sospensione del processo » Il pubblico ministero, natura dell intervento: modalità e tipo di attività prestata » 230 Capitolo 13 Le modifiche apportate dalla legge 80/2005 ai procedimenti di separazione e divorzio» Il ricorso: competenza, contenuto e caratteristiche » Il ricorso: contenuto e caratteristiche dell art. 706 c.p.c » La comparizione personale delle parti art. 707 c.p.c » Tentativo di conciliazione e provvedimenti del presidente. Art. 708 c.p.c. e art. 4, comma 8 legge 898/70 e successive modificazioni » 241

10 Indice IX 13.5 Notificazione dell ordinanza e fissazione dell udienza. Art. 709 c.p.c. e art. 4, commi 9 e 10, legge 898/70 e successive modificazioni pag Udienza di comparizione e trattazione davanti al giudice istruttore. Art. 709-bis c.p.c. e art. 4 comma 11 legge 898/70 e successive modificazioni..» La vigenza dell art. 23 della legge 74/1987 successivamente alla legge 80/ » La separazione consensuale successivamente alla legge 80/ » La sentenza parziale di separazione successivamente alla legge 80/ » L appello nella separazione successivamente alla legge 80/ » La provvisoria esecuzione nella separazione successivamente alla legge 80/ » 255 Capitolo 14 La legge 6 marzo 1987, n » Il divorzio congiunto » La validità degli accordi relativi all utilizzo del cognome del marito, in occasione del divorzio: diritto disponibile o indisponibile? Gli orientamenti giurisprudenziali » Gli accordi di natura patrimoniale relativi ai figli: accordi relativi all assegno, alla sua scadenza, alla sospensione e all adeguamento automatico...» La validità degli accordi preventivi al divorzio negli USA e in Germania..» Gli accordi in vista del divorzio in Italia: contrasto o meno con il principio dell indisponibilità dello status matrimoniale? » Lo svolgimento dell udienza di comparizione dei coniugi dinanzi a un G.D. anziché al collegio: validità o meno della stessa » 264 Capitolo 15 Giudizio di scioglimento o di dichiarazione di cessazione degli effetti civili del matrimonio » L assegnazione della casa coniugale in sede di divorzio » Assegno di divorzio » Gli aspetti processuali: utilità o necessarietà della conferma o modifica dei provvedimenti di ordine economico all udienza presidenziale » Ipotesi di eccezione relativa alla ripresa della convivenza e quindi alla improcedibilità della domanda: le relative verifiche probatorie » Spese di giudizio » Applicabilità della sospensione feriale dei termini ai giudizi di separazione, divorzio e modifica delle condizioni dell una e dell altro » Cumulo del giudizio di divorzio e di quello di scioglimento della comunione legale » 271 Capitolo 16 L esecuzione dei provvedimenti relativi ai figli nei giudizi di separazione o divorzio.» La peculiarità dell esecuzione dei provvedimenti di contenuto non economico » Individuazione del giudice competente per i giudizi ancora in corso.....» Quando il giudizio è definito » Nelle more della pendenza del termine per l impugnazione » Uniche previsioni normative rispetto al giudice tutelare: art. 6, comma 10, legge 898/70 e successive modifiche. Art. 337 c.c » Distinzione tra vigilanza, esecuzione e modifica » 279

11 X Separazione e divorzio 16.7 Le previsioni di cui all art. 709-ter c.p.c.: natura del provvedimento e competenza pag Ricorso introduttivo, procedimento, forma e contenuto del provvedimento conclusivo del procedimento ex art. 709-ter c.p.c » Impugnazione dei provvedimenti ex art. 709-ter c.p.c » Problematiche poste dall art. 709-ter c.p.c. n. 2 e 3 in ordine alla natura del danno risarcibile » 293 Capitolo 17 I procedimenti di modifica delle condizioni di separazione o divorzio » Normativa sostanziale e processuale dei ricorsi per la modifica delle condizioni di separazione » Il rito da applicare nei giudizi di modifica delle condizioni di separazione o divorzio » Problemi del rito camerale: la collegialità riguarda solo la fase decisoria ovvero l intero procedimento? » Contemporanea pendenza del procedimento di modifica delle condizioni della separazione e del divorzio » Reclamabilità del decreto emesso al termine del procedimento camerale di modifica della separazione o del divorzio » Ricorribilità in Cassazione del decreto della Corte di Appello che decide la modifica delle condizioni di separazione » I provvedimenti attinenti la prole sono o meno soggetti al giudicato sia pure nel limite del rebus sic stantibus? » La modifica dei provvedimenti di divorzio » Il giudice competente » Il rito camerale » Individuazione dei «giustificati motivi» presupposto della modifica delle condizioni di divorzio » Decisioni della Cassazione relative ai giudizi di modifica della separazione» 312 Capitolo 18 Il procedimento relativo al riconoscimento della quota di TFR » Normativa sostanziale » Giurisprudenza della Cassazione in merito ai presupposti per il sorgere del diritto alla quota dell indennità di fine rapporto » Competenza territoriale e rito del procedimento ex art. 12 legge 898/70 e succ. mod » Come ci si regola con le anticipazioni sul trattamento di fine rapporto?...» Nell ipotesi di decesso dell ex coniuge che aveva diritto all indennità di fine rapporto; la giurisprudenza costituzionale » 321 Capitolo 19 La reversibilità della pensione » Determinazione della quota di reversibilità in favore dell ex coniuge.....» Il rito da applicare nei giudizi relativi alla determinazione della quota di reversibilità » La titolarità dell assegno divorzile presupposto per l attribuzione di una quota della pensione di reversibilità » Orientamento minoritario » 332

12 Indice XI 19.5 Il provvedimento interinale emesso dal presidente è idoneo a consentire l attribuzione della pensione di reversibilità? pag L ipotesi di morte del coniuge superstite: cumulo automatico della quota di pensione spettante all ex coniuge » L istituto previdenziale che eroga la pensione è contraddittore necessario?» Il calcolo della quota spettante, orientamenti giurisprudenziali precedenti e successivi alla sentenza della Corte costituzionale » 335 Capitolo 20 La riforma 2009: il nuovo processo civile » Gli interventi legislativi volti a curare il processo civile » La riforma 2009: modifiche al giudizio di cognizione ordinario » Modifiche al giudizio in appello » Modifiche al giudizio dinanzi la Corte di Cassazione » Il procedimento sommario di cognizione » La soluzione conciliativa delle controversie civili » 356 Capitolo 21 Le nuove proposte che potrebbero intervenire a salvare il processo civile » La procedura partecipativa » Il diritto collaborativo » 366

13

14 Introduzione Un dato di comune esperienza, confortato dalle risultanze statistiche, mostra come, a partire dagli anni 70 in poi, si sia verificato nel nostro Paese un fenomeno caratterizzato dalla diminuzione dei matrimoni, dalla crescita notevolissima delle separazioni e in misura minore dei divorzi, anche se quest ultimi sono negli ultimi anni notevolemte aumentati. Questo fenomeno non è limitato all Italia, ma si è verificato, in misura molto superiore, in quasi tutti i Paesi europei, e soprattutto nei Paesi più industrializzati. In Italia, la «crisi coniugale» si è verificata con maggiore ritardo rispetto ad altri Paesi e ha presentato caratteristiche peculiari. Infatti il modello familiare, caratterizzato dalla centralità della figura del marito e del padre come colui in capo al quale si concentrava il potere decisionale della famiglia, è stato contestato e messo in crisi prima dal movimento studentesco e poi da quello femminista; sul piano legislativo tali fenomeni si sono tradotti nello sforzo del legislatore per realizzare in concreto i principi costituzionali vigenti dal 1948, ma che non avevano trovato la concreta applicazione nel campo della famiglia. Tale impegno, raccogliendo le istanze e pressioni che venivano da una parte della società, si è tradotto nella legge 19 maggio 1975, n. 151 che ha profondamente modificato l istituto della famiglia. Fino a questa data l autonomia negoziale dei coniugi non era in alcun modo prevista e regolamentata dalla normativa. La concezione più diffusa della famiglia era quella detta «istituzionale», che la considerava come una comunità portatrice di valori superindividuali, rispetto ai quali i diritti dei singoli trovavano limitazioni sostanziali; la famiglia, quindi, considerata una formazione basilare dello Stato si riteneva perseguisse interessi di natura pubblicistica e conseguentemente portatrice di valori assoluti e trascendenti, rispetto ai quali i diritti dei singoli componenti della stessa dovevano soggiacere ed essere sacrifi cati. Tale concezione della famiglia, se portata fino in fondo, avrebbe dovuto spostare il diritto di famiglia dalla sistematica del diritto privato alla sistematica del diritto pubblico, ma nessuno degli autori che hanno sostenuto tale tesi ha mai avuto il coraggio di accettare interamente le conseguenze della propria scelta scientifica. La teoria istituzionale della famiglia venne sottoposta ad una serrata critica, per alcuni versi già nel periodo fascista, laddove alcuni autori contestarono che fosse in concreto possibile individuare l esistenza di un interesse superiore della famiglia e che comunque c era pur sempre una compatibilità tra la funzione sociale del diritto di famiglia e la sua indubbia natura privatistica. La prima conseguenza di questa impostazione era il negare ogni rilievo alla autonomia negoziale delle parti. Successivamente si iniziò a ricondurre i singoli istituti familiari alla categoria

15 XIV Separazione e divorzio del negozio giuridico e si individuò il negozio giuridico familiare, come un vero e proprio atto di autonomia privata. È sicuramente utile domandarsi come mai nel diritto di famiglia sia così notevole la difficoltà a ragionare fuori dagli schemi dell autonomia negoziale e perché così rilevante sia la diffidenza a riguardo. Da un lato vi sono coloro che ritengono che la famiglia sia una formazione sociale con lo scopo di organizzare la vita del gruppo e regolarla con un ordine ad esso interno, autosufficiente, dal quale deve essere esclusa ogni e qualsiasi invadenza del diritto statale, cui si riconosce, al limite, una funzione eventuale e suppletiva. D altro canto vi sono coloro che ritengono che la famiglia sia un gruppo caratterizzato essenzialmente dai doveri e dalla soggezione, con la conseguenza che, anche il potere è al servizio di questi e in tale quadro assume importanza il diritto che arriva ad imporre modelli educativi e una morale collettiva. In buona sostanza il motivo della diffidenza nei confronti dell autonomia privata è dato, essenzialmente, dal timore che riconoscere importanza all autonomia negoziale sia destabilizzante e contrario al mantenimento delle situazioni familiari costituite. Nel tempo, la nozione generale del negozio giuridico ha avuto mutamenti che hanno facilitato l affermazione della teoria del negozio giuridico familiare, vista come mezzo per dare maggiore ampiezza all autonomia dei coniugi. Questa teoria, elaborata alla fi ne degli anni quaranta, trovò la sua piena realizzazione nella Carta Costituzionale che, agli artt. 3 e 29, stabiliva un nuovo e diverso fondamento alla famiglia, basata da quel momento in avanti sulla uguaglianza e pari dignità dei coniugi, e al contempo, la posizione dei singoli, all interno della famiglia, era garantita dall art. 2 della stessa. La nuova e diversa attenzione ai diritti del singolo all interno della famiglia avrebbe poi trovato maggiori sviluppi sia nella legislazione successiva, quale in particolare la legge sul divorzio e la riforma del diritto di famiglia, che nella giurisprudenza costituzionale che, nel tempo, avrebbe adeguato la normativa vigente al dettato costituzionale. Quello che è mancato nel nostro Paese è stata la capacità di modificare nella prassi quotidiana la struttura familiare. Infatti mentre da un lato il legislatore, con la legge 151/75, aveva dotato il Paese di un valido strumento innovativo, dall altro non aveva introdotto strumenti di ordine sociale che consentissero una reale modifica della struttura familiare. Sarebbero stati necessari interventi sulla scuola, sul lavoro, sulla sempre maggiore solitudine, sull isolamento sociale che si è verificato soprattutto nelle grandi città, sulla necessità di garantire i più deboli con una adeguata rete di sostegno sociale, ma questi interventi sono totalmente mancati. La famiglia italiana rimaneva più o meno quella che era in passato, anche se la realtà si era modificata sostanzialmente. Per la maggioranza delle persone nessun cambiamento si era verificato nei ruoli familiari, cosicché, di fatto, del nuovo diritto di famiglia la parte che trovava applicazione era quasi esclusivamente quella che interveniva a regolamentare «la crisi coniugale». La conseguenza perversa di ciò è evidente: il modello familiare rimaneva quello vecchio che inevitabilmente andava in crisi, essendo inadeguato a dare risposte ai nuovi bisogni e alle diverse esigenze della vita, in un Paese che da rurale si era andato rapidamente industrializzando. In tale quadro le persone prive di strumenti di intervento e protezione sociale non riuscivano a sostituire il vecchio modello di famiglia con uno nuovo più rispondente ai cambiamenti che si erano nel frattempo verificati. Del resto gli episodi di cronaca degli ultimi anni, caratterizzati dalla sempre più frequente esplosione della violenza all interno delle famiglie, la dice lunga sulla solitudine ed

16 Introduzione XV abbandono in cui vivono le persone anche nell ambito familiare e come siano mancate in toto le reti di protezione sociale che avrebbero potuto offrire loro l aiuto necessario. Oggi, nel nostro Paese, si assiste a un tentativo di eliminazione, ad opera del legislatore, del principio dell autonomia negoziale dei coniugi, laddove ad esempio si è giunti ad affermare, come nell originario progetto di legge in discussione alla Camere 1, che il consenso dei coniugi in merito all affidamento dei figli una volta prestato è irrevocabile. Si tenta cioè di limitare nuovamente la libertà negoziale dei coniugi, fatto contrario al principio che dalla Costituzione in poi ispira la materia. Nel diritto di famiglia ogni e qualsiasi accordo è sempre soggetto alla più ampia modificabilità e non poteva essere altrimenti, è infatti evidente che debbano potersi modificare gli accordi al fine di mantenerli sempre adeguati ai diritti e alle necessità delle persone che costituiscono il nucleo familiare e che ovviamente nel tempo possono cambiare. Del resto, negli ultimi tempi si è sovente assistito a un tentativo di «degiurisdificare» il diritto di famiglia, tendenza pericolosissima che deve essere combattuta, non solo perché porterebbe a un processo assolutamente inverso a quello della «secolarizzazione» del diritto di famiglia, ma anche perché lo spostamento dalla giurisdizione alla amministrazione porterebbe a non riconoscere come diritti quelli detenuti dai singoli componenti della famiglia, con la conseguente riduzione degli stessi al rango di interessi legittimi: è evidente il gravissimo pericolo contenuto in tale processo. In Europa, al contrario, benché il diritto comunitario ritenga quella della famiglia una materia riservata agli Stati membri, da qualche tempo si è incominciato a lavorare per il raggiungimento di un obiettivo comune: la non facile armonizzazione delle regole relative al diritto di famiglia che oggi sono disciplinate dal diritto internazionale privato. La Commissione europea, infatti presso la Direzione generale Giustizia e Affari interni ha costituito una commissione sulla Cooperazione giudiziaria in materia civile che ha avviato il lavoro sul diritto europeo della famiglia, e già si sono avute le prime risposte positive con una serie di risoluzioni sulla Carta europea dei diritti del minore, sulla sottrazione dei fi gli, sulla responsabilità dei genitori, sulla protezione dei minori. A distanza di tanti anni dalla prima edizione di questo volume si può rilevare che la giurisprudenza ha modificato gli orientamenti iniziali in materia, di fatto la politica e quindi il parlamento non si è assolutamente dimostrato all altezza della situazione, evidentemente occupato ed interessato da ben altre priorità rispetto a quelle della tutela dei diritti civili, che sono il presupposto per una costruzione giuridica in grado di garantire e tutelare a pieno i diritti dei singoli che costituiscono una famiglia, sia essa legittima che di fatto, la quale nel nostro paese non ha ancora trovato alcuna forma di riconoscimento e regolamentazione pur essendo un fenomeno sociale sempre più diffuso. Altro dato di fatto è l impermeabilità, al confronto con le altre realtà europee in questa materia, sia sotto il profilo sostanziale, che sotto il profilo della organizzazione della attività giurisdizionale in materia. Infatti mentre fino ad alcuni anni fa i procedimenti di famiglia avevano durate decisamente inferiori rispetto ai giudizi civili ordinari, oggi si può verificare come il disastro della giustizia civile abbia travolto anche la materia del diritto di famiglia, con tempi di trattazione spaventosi, rispetto ai quali sarebbe necessario da un lato esaminare nuove proposte rispetto al diritto processuale del nostro paese, ma anche riconoscere come ha fatto la Francia ad esempio, la facoltà per gli avvocati di autenticare gli accordi delle parti, o introducendo la procedura partecipativa. 1 Cfr. Progetto Paniz., sulla modifica all art. 155 e segg. c.c.

17

18 Capitolo 1 La famiglia: i rapporti personali tra i coniugi 1.1 L indirizzo familiare e l accordo tra i coniugi Come si è accennato nell introduzione, dal momento in cui i rapporti tra i coniugi sono stati regolati dai principi costituzionali della eguaglianza e pari dignità degli stessi, è evidente che il legislatore, sia pure con grande ritardo, abbia dovuto adeguare il diritto di famiglia al rispetto dei principi costituzionali, e quindi abbia dovuto riconoscere negli artt. 144 e 145 c.c. che l indirizzo della vita familiare fosse deciso con il concorso delle volontà dei due coniugi. Ne è conseguito che la struttura autoritaria che caratterizzava la famiglia fino al 1975 è stata sostituita da una struttura caratterizzata dall eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, che decidono l indirizzo della vita familiare in piena autonomia, che si manifesta nell accordo e quindi nella stipulazione di veri e propri negozi giuridici familiari. Il che significa che la regola fondamentale che caratterizza i rapporti tra i coniugi è quella dell accordo e quindi nei sopraindicati articoli si specifica come quest ultimo sia il metodo che gli stessi dovranno seguire per regolare i rapporti tra di loro. Peraltro, si deve sottolineare come tale metodo posto a base delle relazioni familiari abbia in realtà offerto molte buone prove di sé non solo nella vita, ma anche nella crisi del rapporto coniugale. Va detto che parte della dottrina e per alcuni versi anche parte della giurisprudenza hanno negato all atto della entrata in vigore della riforma del diritto di famiglia, ed alcuni negano tutt ora, che la natura delle intese tra i coniugi sia di carattere negoziale. L affanno con cui una serie di autori, critici rispetto alla autonomia negoziale dei coniugi e al riconoscimento del negozio giuridico familiare, sostengono l esistenza di limiti alla libertà dei coniugi, è davvero singolare perché nessuno ha mai sostenuto che la stessa sia, diversamente dalle altre libertà, assoluta e che la stessa non incontri limiti di sorta, non fosse altro che il limite della libertà dell altro. Questo tentativo di sostenere che, non essendo la libertà dei coniugi assoluta, la conseguenza sia quella della impossibilità di riconoscere la autonomia negoziale agli stessi, è una affermazione errata, in quanto persino nei contratti aventi ad oggetto un contenuto esclusivamente patrimoniale, le parti hanno limitazioni date da norme di carattere generalissimo. Parimenti errato è sostenere che la nostra Carta costituzionale tutela la famiglia, perché al contrario in forza della nostra Costituzione sono tutelati i singoli componenti della stessa. L indirizzo della vita coniugale pertanto altro non è che il programma di vita che

19 2 Separazione e divorzio liberamente i coniugi delineano per sé e per i propri figli, che non ha certo solo un contenuto patrimoniale (ad es. quanta parte dei rispettivi guadagni si risparmia, come si investono gli stessi, quale deve essere il tenore di vita...), ma ha contenuti di natura interpersonale: quali sono i principi in forza dei quali si operano le scelte dei coniugi tra loro e quali sono i principi in base ai quali i coniugi educheranno i figli. Una codificazione di tutti i diversi contenuti che possono comporre tale indirizzo, oltre a essere impossibile, contrasta con la libertà degli stessi. La giurisprudenza costituzionale e anche di merito si è occupata del problema dell autonomia dei coniugi, sia con riferimento alla fissazione della residenza coniugale, sia sotto il profilo della possibilità per la moglie di interrompere la gravidanza senza sentire o contro il parere del marito. La Corte costituzionale ha affrontato il problema dell interruzione volontaria della gravidanza con la sent n. 389 in «Giust. Civ.», 1988, I, 1381 e segg., risolvendo il quesito con la dichiarazione della manifesta inammissibilità costituzionale. La giurisprudenza di merito, dinanzi alla richiesta di pronuncia di addebito della separazione nei confronti del coniuge che ha interrotto la gravidanza contro il parere dell altro coniuge, ha dovuto disattendere la richiesta di pronuncia di addebito, in quanto l esercizio di un diritto garantito dalla normativa vigente non poteva certamente tradursi in una violazione degli obblighi nascenti dal rapporto di coniugio. 1.2 Indirizzo familiare e interesse dei figli È necessario ricordare come oggi i genitori abbiano il compito di crescere, istruire ed educare i figli tenendo conto di quelle che sono le capacità, l inclinazione naturale e le aspirazioni dei figli stessi. Il cambiamento di ottica rispetto al passato è evidente e nell ambito di questi obiettivi la libertà dei genitori è e deve essere totale. Dico questo perché in quelle che sono le valutazioni effettuate nel corso delle Ctu, ma molto più spesso nelle relazioni di servizio sociale, il metro di valutazione delle capacità genitoriali delle parti viene fatto non in relazione ai suddetti principi, ma sulla scorta di modelli familiari che sono o quelli degli operatori sociali o quelli generalmente riconosciuti, magari dalla pubblicità, come modelli di riferimento delle famiglie. Tutto ciò è illegittimo e inammissibile, in quanto ai genitori deve essere lasciata la libertà di scegliere e costruire il proprio modello di famiglia, il tutto con l unico limite del rispetto delle capacità, dell inclinazione naturale e delle aspirazioni dei figli stessi. Le scelte relative ai figli debbono quindi essere frutto di accordo tra i genitori, accordo che dovrà tenere conto del limite posto dalla norma. Questo principio contenuto nell art. 147 c.c., assieme ai principi contenuti negli artt. 144 e 145 c.c., costituiscono i punti più qualificanti della riforma introdotta con la legge , n. 151, quelli cioè caratterizzati dal principio della parità dei coniugi in quanto tali e in quanto genitori e dal metodo dell accordo quale sistema al quale gli stessi debbono fare riferimento nella gestione comune del governo della famiglia, con l intervento del giudice laddove l accordo non venga raggiunto. Non vi è quindi dubbio che la posizione dei figli minori per effetto di tali modifiche legislative che hanno realizzato il contenuto dell art. 30 della Carta costituzionale, diviene una posizione di rilevanza, diversamente che per il passato, all interno della compagine familiare nella quale i genitori esplicheranno la propria autonomia negoziale, tenendo conto dell obbligo di crescere, istruire e mantenere la prole.

20 La famiglia: i rapporti personali tra i coniugi 3 Poco dopo l entrata in vigore di tale norma, si è incominciato a utilizzare il termine «interesse del minore», con sempre maggiore frequenza fino a quando detto termine ha, dapprima perso il significato atecnico con il quale era inizialmente utilizzato, e poi, in modo da dare al medesimo un significato assolutamente non condivisibile, in concomitanza con il tentativo di degiurisdizionalizzare questa materia. Infatti i minorenni sono cittadini che hanno pieni e pari diritti a quelli degli adulti, con la differenza rispetto a questi ultimi che i primi non hanno, fino al compimento della maggiore età, l esercizio di tali diritti. Da questo a dire che i minori sono portatori di interessi, degradando così in un colpo solo i diritti dei minori a interessi, con l inevitabile spostamento della soluzione dei problemi che li riguardano, dalla giurisdizione all amministrazione è un passo tanto grave quanto pericoloso. 1.3 Il rapporto tra i doveri esistenti tra i coniugi e le libertà personali degli stessi I doveri tra i coniugi sono indicati e dettagliati nell art. 143 c.c. e, quel che colpisce immediatamente dopo aver letto detta norma, è come la stessa non faccia alcuna distinzione tra quelli che sono doveri che attengono ai rapporti personali e quelli aventi a oggetto i rapporti patrimoniali tra i coniugi. Vale la pena di interrogarsi su quale sia la relazione tra i doveri indicati all art. 143 c.c. e la libertà della persona. La domanda è rilevante in quanto è proprio dal chiarimento dell essenza di questa relazione che potremo trarre gli elementi utili ai fini della verifica se vi siano o meno le condizioni per la pronuncia in ordine all addebito, poiché configurano addebito della responsabilità non solo le violazioni degli obblighi nascenti dal matrimonio, ma anche tutti quei comportamenti che hanno violato il principio dell uguaglianza dei coniugi. Si è detto che la regola dell accordo è la caratteristica innovativa della riforma del diritto di famiglia, sarà necessario rispondere se tale regola è valida anche in ordine a quelli che sono i diritti personalissimi delle persone. Ovviamente la risposta non può che essere negativa in considerazione del fatto che detti diritti non possono incontrare limitazione alcuna, neppure per effetto di un accordo tra le parti. Tale constatazione non inficia però, come sostengono alcuni autori, né il metodo dell accordo né tantomeno la autonomia negoziale tra i coniugi. È utile riflettere come neppure un contratto avente a oggetto prestazioni economiche da un lato, e la rinuncia a diritti personalissimi dall altro, sia un accordo valido ed efficace, proprio per il principio della indisponibilità di questi diritti. Tra le libertà costituzionalmente garantite dall art. 2 Cost. ricordiamo la libertà di manifestazione del pensiero, la libertà religiosa, la libertà di associazione. La dottrina e soprattutto la giurisprudenza si sono dettagliatamente occupate della questione. Una numerosa produzione giurisprudenziale ha chiarito come i coniugi siano liberi di intrattenere relazioni con persone, sempre che ciò non integri la violazione del dovere di fedeltà, e come al coniuge, che limita o impedisce tale diritto, dovrà essere addebitata la separazione perché tale comportamento integra la violazione della libertà di autodeterminazione dell individuo. Numerose sono state le pronunce rispetto alla libertà religiosa che hanno negato l addebito in quelle situazioni in cui uno dei coniugi abbia nel corso del matrimonio mutato fede religiosa. L esame della giurisprudenza al riguardo è interessante per una constatazione: al momento della crisi coniugale si è tentato di piegare il concetto di addebito a ogni e

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Gli ordini di protezione

Gli ordini di protezione Gli ordini di protezione di Germano Palmieri Ricorrenti fatti di cronaca ripropongono pressoché quotidianamente il problema della violenza fra le pareti domestiche; non passa giorno, infatti, che non si

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali 1. Premessa. 2.La questione della vigenza dell art.23 della legge

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato

Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato Le Guide per il Cittadino Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva Confconsumatori Federconsumatori

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA DA AVVOCATO

LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA DA AVVOCATO LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA DA AVVOCATO Commento al decreto legge 132/2014 convertito dalla legge 162/2014. Formule ed esempi operativi a cura di DIEGO PISELLI www.impresa-societa.com PARTE PRIMA. INTRODUZIONE

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE ALLEGATO AL VERBALE DELL UDIENZA DEL TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE PROCEDURA N R.G.E. PROCEDIMENTO DI DIVISIONE N. I L G I U D I C E Visto il provvedimento reso all udienza del nella procedura esecutiva

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DIRITTO DI FAMIGLIA. Avvocati di Famiglia Sezione territoriale di Bari

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DIRITTO DI FAMIGLIA. Avvocati di Famiglia Sezione territoriale di Bari OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DIRITTO DI FAMIGLIA Avvocati di Famiglia Sezione territoriale di Bari Incontro di studio sul tema: Il giusto processo nel conflitto familiare Bari, 18 marzo 2011 Le impugnazioni

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI Incontro di studio in materia di diritto processuale civile in data 24 novembre 2001, presso l Aula Magna del Palazzo di Giustizia Bruno Caccia TORINO, intitolato L obiettivo sulla riforma processuale,

Dettagli

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001)

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001) Legge 28 marzo 2001 n 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori nonché al titolo VIII del primo libro del codice civile (Gazetta Ufficiale

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI Gianluigi Morlini Giudice del Tribunale di Reggio Emilia * * * * * Ivrea, 14 marzo 2014 * * * * * Sommario: 1. La

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana Francesco Castaldi Avvocato Sommario: 1. L art. 155 c.p.c. - 2. Il ricorso straordinario

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Maria Fausta Maternini (ordinario di Diritto ecclesiastico nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Trieste) Matrimonio civile e matrimonio religioso SOMMARIO: 1. Il matrimonio rapporto

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW)

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Adottata dall Assemblea generale delle NU il 18.12.1979, in vigore internazionale dal 3.9.1981.

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali

Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali CORSO n. 21 di Maurizio Villani e Daniela Lorenzo Avvocati tributaristi in Lecce IL TEMA Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali Il presente lavoro riprende quanto già trattato

Dettagli

IL RITO SPECIALE PER L IMPUGNAZIONE DEI LICENZIAMENTI

IL RITO SPECIALE PER L IMPUGNAZIONE DEI LICENZIAMENTI CAPITOLO TERZO IL RITO SPECIALE PER L IMPUGNAZIONE DEI LICENZIAMENTI VIRGINIA PETRELLA SOMMARIO: 3.1. Inquadramento e ratio del rito licenziamenti. 3.2. La conciliazione obbligatoria nei licenziamenti

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli