Convivenza more uxorio. Diritti, doveri ed obblighi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convivenza more uxorio. Diritti, doveri ed obblighi."

Transcript

1 Articolo tematico corredato di Dottrina e Giurisprudenza (Dott. Giulio Perrotta) Convivenza more uxorio. Diritti, doveri ed obblighi. La FAMIGLIA DI FATTO è la coppia che convive stabilmente, senza che l'unione venga formalizzata mediante il matrimonio, ma col sostanziale rispetto dei doveri matrimoniali in attuazione di un programma di vita in comune. La crescente diffusione sociale del fenomeno, rispetto alla famiglia di diritto tradizionale, non vincolata da un atto matrimoniale e dai doveri ed obblighi derivanti dalle norme del diritto di famiglia, collocate nel codice civile e nelle leggi speciali, ripropone, seppure in termini diversi rispetto al percorso storico-sociale del secolo trascorso, poco più di in decennio fa, le problematiche relative alla configurazione nell'ordinamento giuridico italiano di tale aggregato sociale. Secondo l'opinione consolidata in Dottrina e in Giurisprudenza, la "famiglia di fatto" è da annoverarsi tra le formazioni sociali, volte a favorire lo sviluppo e la piena realizzazione della persona, contemplate dall' art. 2 Cost., fondata sulla solidarietà reciproca, anche se la "famiglia di diritto", fondata sul matrimonio, è (in base all'art. 29 Cost.) la forma di convivenza ed aggregato sociale privilegiata e più socialmente rilevante (Sent. C. Cost. n. 404/1988). La distinta considerazione costituzionale della convivenza, rispetto al rapporto coniugale, non esclude però la comparabilità delle discipline riguardanti particolari aspetti dell'uno e dell'altra, come i diritti e gli obblighi derivanti dal rapporto genitoriale con i figli nati fuori dal matrimonio. Sempre il Giudice delle Leggi, l'anno successivo alla pronuncia sopracitata, ha affermato poi, che in riferimento all'art. 3 Cost., il trattamento giuridico dell'uno rispetto all'altro aggregato sociale non viola il principio di uguaglianza e di ragionevolezza, stante il fatto che le situazioni sono diverse e meritano trattamenti non omogenei pur sempre rispettando formalmente e sostanzialmente il suddetto principio, occorre differenziarli anche se hanno elementi comuni, quali la convivenza (Sent. C. Cost. n. 559/1989), Nel tentativo di trasporre nel nostro ordinamento modelli di regolamentazione ormai collaudati in Paesi, quali la Francia e di Common Law, dove l'una li definisce tramite i excontracts de cohabitation, gli altri tramite i contracts de agreements, che disciplinano in forma articolata e completa i rapporti personali e patrimoniali tra i conviventi, grazie anche a notevoli contributi dottrinale e giurisprudenziale. In Italia manca una normativa in tema e nonostante numerose proposte parlamentari, l'intervento legislativo tarda a trovare una collazione normativa attiva.

2 La non convinta praticabilità della percorribilità legislativa ha indotto parte degli studiosi a proporre l'applicabilità delle norme dettate per la famiglia legittima, sul presupposto di una sostanziale identità strutturale e funzionale; identità, solamente apparente, in quanto manca il vincolo matrimoniale quale atto costitutivo della famiglia legittima (art Cost.). Parte della Dottrina (minoritaria) è andata oltre, ricercando di forme più ampie di tutela, richiamando gli artt. 31, 36 e 37 Cost.. Il concetto di convivenza, intrinseco nell'aggregato sociale di famiglia di fatto, e quindi perno centrale della questione in esame, è poi richiamato in diverse norme dell'ordinamento, senza trovare, però, una logica sistematica organica. Volendo provare a sintetizzare la mole di materiale normativo, si può affermare che la fonte del diritto in materia di convivenza more uxorio è rappresentata prima di tutto dagli artt. 342bis e 342ter c.c. che analizzano la condotta d convivente nel contesto familiare di fatto, per cui se la condotta del convivente causa pregiudizio grave all'integrità fisica, morale o alla libertà altrui, è consentito richiedere la cessazione del fatto lesivo o l'allontanamento coattivo dall'ambiente familiare o da luoghi abitualmente frequentati per un periodo non superiore a 12 mesi, salvo proroga per motivi gravi. Può essere eventualmente corrisposto l'obbligo di un assegno periodico, in caso di difficoltà economica. Continuando con l'analisi delle norme civilistiche, incontriamo l'art. 417 c.c. che consente alla persona stabilmente convivente di richiedere l'interdizione o la nomina di un amministratore di sostegno per il partner. Sul piano processuale, entrano in gioco gli artt. 199 e 681 c.p.p. e il 249 c.p.c., che affermano il non obbligo di testimoniare in capo al convivente e la facoltà in capo a quest'ultimo di domandare la grazia al Presidente della Repubblica. Proseguendo tra le leggi speciali, in ordine temporale, ricordiamo il d.l. 1726/1918 col quale è possibile ottenere la corresponsione della pensione di guerra, in presenza di specifici requisiti, per la vedova, la promessa sposa e la convivente more uxorio, l'art. 6, legge 256/1958 col quale è riconosciuta l'assistenza per i figli naturali non riconosciuti del padre caduto in guerra, quando questo e la madre abbiano convissuto "more uxorio", nel periodo del concepimento, l'art. 2, d.p.r. 136/1958 che considera famiglia anagrafica non solo quella fondata sul matrimonio e legata da rapporti di parentela, affinità, affiliazione ed adozione ma, ogni altro nucleo che si fonda su legami affettivi, caratterizzato dalla convivenza e dalla comunione di tutto o parte del reddito dei componenti per soddisfare le esigenze comuni, quindi anche la famiglia di fatto; l'art. 42, legge 313/1968 col quale il convivente può ottenere il diritto alla pensione di guerra per decesso del partner in operazioni belliche; l'art. 3, legge 354/1975 col quale, il detenuto può chiedere un permesso per visitare il convivente in pericolo di vita; l'art. 5, legge 194/1978 che permette la

3 partecipazione al procedimento d'interruzione della gravidanza indesiderata di chi è indicato "padre del concepito", quindi anche in presenza di convivenza more uxorio; l'art. 44, legge 184/1983 che permette in alcuni casi, l'adozione a chi non è coniugato,concessione attribuita quindi, anche alla famiglia di fatto; l'art. 4, d.p.r. 223/1989 che, in materia di iscrizione anagrafica delle famiglie residenti, fissano la posizione del convivente in un'ottica di obiettiva rilevazione del dato, prescindendo da ogni intento di equiparazione e tutela, l'art e 17.3, legge 179/1992 che, nell'ambito della tutela di un diritto all'abitazione del convivente more uxorio riconosce, in tema di cooperative a proprietà indivisa, il diritto a sostituirsi al socio assegnatario defunto, a condizione che la convivenza, documentata da apposita certificazione anagrafica, risulti instaurata, alla data del decesso, da almeno 2 anni, l'art. 6, legge 149/2001, circa la rilevanza del periodo di mera convivenza ai fini della verificazione della stabilità della coppia in vista dell'adozione e l'art. 5, legge 40/2004, col quale la coppia convivente può ricorrere alla fecondazione artificiale. Gli elementi caratterizzanti della convivenza possono, quindi riassumersi in 6 presupposti: 1) l'assenza D'ATTO FORMALE, quale l'atto matrimoniale, tipico ed essenziale requisito nella famiglia di diritto, che però può essere surrogato da un "accordo o patto di convivenza", in base all'art c.c. (e già presente in diversi paesi del vecchio continenti come la Francia, la Germania e la Svezia e nei paesi di Common law), sono accordi che regolano i loro rapporti personali e patrimoniali con riferimento al periodo di convivenza o a quello successivo (salvo quelli vietati perchè incidono sulla libertà personale, individuale o contra legem), tra cui il versamento di una somma di denaro in caso di rottura, la suddivisione delle spese e l'eventuale costituzione di un fondo comune nell'interesse del nucleo familiare di fatto; 2) la MANCANZA DEL VINCOLO MATRIMONIALE, altrimenti si innesterebbe la famiglia di diritto disciplinata dal c.c. e norme speciali in tema di diritto di famiglia; 3) la SESSUALITA' DEI CONVIVENTI, in quanto ormai anche la Corte Costituzionale ammette le coppie omosessuali (Sent. C. Cost. n. 138/2010), in quanto volte a favorire lo sviluppo della persona, pur escludendo per loro il matrimonio, possono formare comunque un nucleo familiare senza pretendere il regime matrimoniale, avendo carattere non omogeneo rispetto alla normativa civilistica (stessa tesi della C. Costituzionale è della Corte Europea di Strasburgo dei diritti dell'uomo lasciando spazio ai singoli ordinamenti nazionali la decisione se ammetterlo o meno - Sent. CEDU, n /2010- e gli artt. 9 e 21 Carta di Nizza che riconoscono a tutte le coppie, il diritto di formare una famiglia, a priori dal matrimonio, evitando qualunque discriminazione sessuale o incestuosa); 4) l'esistenza DI UN PROGRAMMA DI STABILE CONVIVENZA DELLA COPPIA con spontanea attuazione sostanziale del contenuto dei doveri matrimoniali (comunione di vita

4 materiale e spirituale); 5) la CONFORMITA' DELL'UNIONE AFFETTIVA AI PRINCIPI GENERALI DELL'ORDINAM. GIURIDICO ITALIANO; 6) la CONOSCENZA SOCIALE DELLA CONVIVENZA, tenendo presente che non è possibile parlare di "famiglia di fatto" quando la convivenza è sporadica, svincolata, tenuta segreta o fondata su un matrimonio annullato o svincolato dai doveri matrimoniali. Circa i rapporti personali e patrimoniali tra i conviventi di fatto, non esistono, come previsto per i coniugi, i diritti e i doveri reciproci alla coabitazione, fedeltà, assistenza morale e materiale, collaborazione, contribuzione (art. 143 ss. c.c.); la coppia che non legalizza la propria unione esercita una libertà che la sottrae (anche sul piano sociale) al complesso di impegni e diritti che caratterizzano l unione solennizzata dal matrimonio. La reciproca assistenza nell unione di fatto, in quanto attuazione di quei doveri morali e patrimoniali di solidarietà, posti a fondamento di ogni comunità di tipo familiare, pertanto, non è oggetto di una obbligazione civile ma di una obbligazione naturale, ai sensi dell art c.c., con la conseguenza giuridicamente vincolante che, nel caso di interruzione del rapporto, non è ammessa la ripetizione di indebito salvo eccessiva sproporzione nella contribuzione tale da far pensare che una parte si sia maggiormente arricchita (le Sentt. Cass. n. 389/1957 e 60/1969 riconoscono l'irripetibilità delle prestazioni spontanee adempiute da un convivente per contribuire al soddisfacimento dei bisogni familiari o per risarcire il danno derivante da rottura della convivenza, poichè la contribuzione nella "coppia di fatto" è un dovere morale e sociale, pertanto considerata un'obbligazione naturale). Contrariamente si esprime la giurisprudenza sulla doverosità di mantenere il convivente, quando si pronuncia sull assegno di divorzio dovuto dal convivente more uxorio all ex coniuge: l assegno di divorzio viene contenuto entro limiti tali da permettere al divorziato il contemporaneo mantenimento del convivente. Così, se il rapporto di fatto s'interrompe per la morte del convivente, per cause naturali, il partner superstite non può rivendicare alcun diritto di natura successoria, salvo che sia stato istituito erede testamentario, non risultando incluso tra i chiamati all eredità ab intestato. Diversa è però l ipotesi in cui l assistenza materiale venga meno per la morte del convivente dovuta al fatto illecito di un terzo, per cui, in quest'ultimo caso, al convivente superstite deve essere riconosciuto il diritto al risarcimento del danno da parte del terzo, venendo meno l'apporto economico da lui offerto in vita, se si prova che la durata stabile della convivenza e dei rapporti economici forniti dal de cuius si sarebbero protratti nel tempo (Sent. C. Cost. n. 2988/1994, Sentt. Cass. n. 2449/1977 e 2988/1994).

5 Maggiore complessità ha assunto il problema dei rapporti patrimoniali: nel matrimonio sussiste la separazione e la comunione dei beni; nulla di tutto ciò esiste per la coppia convivente. Pertanto qualora uno dei conviventi abbia solo a proprio nome acquistato un bene immobile, il partner di lui non può, allo scioglimento del rapporto, considerarsi contitolare pro indiviso del bene stesso; tutt al più, qualora venga data esauriente prova, in virtù dell'art c.c., che in quell acquisto è ricompreso il contributo di lavoro domestico e l assistenza morale e materiale del coniuge non intestatario del bene, si ritiene suscettibile d'applicazione l'art c.c. relativa all ingiustificato arricchimento. Le elargizioni in denaro o diversamente compiute da uno dei conviventi a favore dell'altro sfuggono alla disciplina regolamentata per la famiglia legittima. Normalmente sono ritenute obbligazioni naturali, quindi, nel momento in cui vengono compiute, non possono più essere richieste da chi le ha effettuate. A volte, le elargizioni sono invece considerate donazioni. Anche il tema relativo alle prestazioni lavorative tra conviventi è stato oggetto di particolare considerazione e la ricorrenza di un lavoro subordinato in ambito familiare è stata (oggi) ammessa (in passato esclusa per presunzione di gratuità operante nei rapporti coniugali affectionis) in seguito all introduzione dell art. 230bis c.c., inerente all impresa familiare. Ulteriori problemi insorgono con riguardo alla disciplina delle locazioni: se prima, col disposto dell'art. 6.1, legge 392/1978 si prevedeva che solo il coniuge, gli eredi ed i parenti con lui abitualmente conviventi possono succedergli nel contratto di locazione, dopo la questione di legittimità costituzionale sollevata in relazione agli artt. 2 e 3 Cost., il diritto all abitazione che va riconosciuto a tutti coloro che convivono stabilmente con il conduttore. Dopo un lungo cammino, la Corte Costituzionale (Sent. C. Cost. n. 404/1988) ha riconosciuto al convivente more uxorio il diritto di succedere nel contratto di locazione non solo in caso di morte del compagno conduttore dell'immobile, ma anche quando questo si sia allontanato dall'abitazione per cessazione del rapporto di convivenza, in presenza di prole naturale. Ciò sempre per salvaguardare il diritto inviolabile all'alloggio e l'interesse primario dei figli. Parimenti, anche nel caso di separazione volontaria dei conviventi, sia essa consensuale o unilaterale, l art. 6.2, legge 392/1978 è stato dichiarato costituzionalmente illegittimo nella parte in cui non prevede la successione nel contratto di locazione al conduttore che abbia cessato la convivenza, a favore del già convivente affidatario di figli naturali. E' riconoscimento al convivente, in presenza di prole naturale, del diritto di godimento sulla casa familiare, subentrando nel contratto di locazione stipulato dall'altro convivente (Sent. Trib. Milano, 31/05/1989, Sent. C. Cost. n. 166/1998). In assenza di prole, peraltro, è apparso incontestabile il diritto del convivente titolare del contratto,

6 una volta venuta meno l unione, di allontanare ad libitum il partner e di ottenere in via possessoria la liberazione dell immobile. La dottrina dominante e la giurisprudenza affermano che "non si dovrebbe risolvere in modo diverso il conflitto nel caso in cui colui che non intende proseguire la relazione sia proprietario dell immobile adibito a residenza familiare. Pertanto nessuna possibilità di tutela è rinvenibile per il convivente che non sia proprietario o conduttore, ne è configurabile una tutela possessoria, secondo l orientamento della giurisprudenza che, evidenziando la situazione di instabilità della relazione parafamiliare, considera il convivente come detentore per ragioni di ospitalità". La giurisprudenza, ancora, si è anche occupata del caso in cui un soggetto abbia convissuto more uxorio con un altro nell abitazione di questi e fino alla sua morte: in tale ipotesi i giudici hanno ritenuto che il titolo intercorrente tra il convivente non proprietario e il bene non dovesse essere inteso come un comodato vita natural durante e come tale non recedibile ad nutum. In caso di famiglia di fatto, nel pensiero della giurisprudenza, il comodato senza previsione di termine non è perciò esso risolubile, ad nutum, ma si deve ritenere le parti abbiano inteso dar vita a quella speciale figura del contratto in parola che dottrina e giurisprudenza da tempo identificano nel cd. comodato vita natural durante. Da intendersi come quella specie di comodato che, ancorché dell istituto madre ripeta il carattere costitutivo della gratuità del godimento, contiene tuttavia una significativa deviazione in ordine alla durata, poiché il termine di esso è implicitamente correlato alla vita del comodatario, estinguendosi infatti il rapporto, anche laddove l indicazione del termine manchi, non già in forza di un atto volontario del comodante, ma solo al termine della vita del beneficiario. La figura, che potrebbe pur trovare conforto sotto la previsione dell art c.c., laddove essa prevede che il comodato abbia termine quando in mancanza di termine il comodatario si sia servito della cosa in conformità al contratto, gode di tutt altro riconoscimento, che lo rende meritevole di tutela da parte dell ordinamento giuridico, in ragione delle finalità etico-sociali che ne accompagnano la costituzione, affondando piú esattamente le radici nei fondamentali doveri di solidarietà che gravano su tutti i consociali e dei quali specialmente si impone l osservanza in dipendenza dei vincoli di carattere familiare o piú generalmente di carattere morale che si creano tra gli individui. Sul piano della tutela possessoria è discusso se il convivente possa avvalersi di tali rimedi nei confronti degli eredi che vantino diritti sull immobile destinato a comune abitazione. Se in passato la giurisprudenza era propensa a ritenerlo privo di tutela, essendo la sua posizione di detentore non autonoma assimilabile all ospite, recentemente ne ha affermato la detenzione qualificata e la conseguente legittimazione attiva all azione di reintegrazione. L orientamento recente dei giudici di merito è favorevole a riconoscere rilevanza al convivente more uxorio quale legittimato all azione possessoria ex art c.c.; tuttavia, quando uno dei

7 conviventi si sia allontanato dalla casa comune, dove entrambi vivevano con la prole, viene meno la situazione di compossesso che caratterizzava la precedente situazione di fatto. Il possesso esclusivo dell abitazione spetta al convivente rimasto nell abitazione insieme alla prole, al quale va riconosciuta perciò la tutela possessoria esperibile anche nei confronti dell ex convivente. È, infine, riconosciuto al convivente il diritto ad ottenere l'assegnazione dell'alloggio popolare qualora egli appartenga al nucleo familiare (Sent. C. Cost. n. 559/1989). In tema di immobili e convivenza more uxorio, è spinosa la questione del contratto di mutuo stipulato dai conviventi: esso integra gli estremi dell adempimento di un obbligazione naturale oppure è avulso da questa qualificazione per configurarsi invece come un obbligazione giuridica? Ci troviamo quindi nel campo della solidarietà passiva in quanto il contratto di mutuo, a fronte di un unico mutuante (la banca), prevede due mutuatari entrambi obbligati per la medesima prestazione, in modo che ciascuno può essere costretto all adempimento per la totalità e l adempimento da parte di uno libera l altro (art c.c.). L'orientamento prevalente considera impossibile ripetere quanto versanto alla convivente, perchè riconosce in quella condotta, il rispetto dei doveri assunti tramite l'obbligazione naturale di contribuire economicamente per il soddisfacimento dell'aggregato sociale in questione, escludendo che tale meccanismo possa configurarsi in un arricchimento ingiustificato, da parte dell'altro convivente. I rapporti di convivenza more uxorio, poi, possono produrre effetti e conseguenze patrimoniali, anche nei confronti dei terzi, nei seguenti casi: 1) SEPARAZIONE O DIVORZIO PREGRESSO DI UNO DEI CONVIVENTI, per cui si deve considerare la costituzione del nuovo nucleo familiare per la quantificazione dell'assegno di mantenimento o degli alimenti; 2) ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA, per cui il convivente more uxorio, ad oggi, è escluso dai benefici contrattuali; 3) TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI E SUSSIDI DELLE MADRI DISOCCUPATE, per cui le agevolazioni previste dalle amministrazioni locali possono essere utilizzate anche dalle conviventi more uxorio; 4) MATERIA TRIBUTARIA, per cui il convivente more uxorio è responsabile in solido per il pagamento delle imposte che il compagno deve al fisco. Una maggiore equiparazione della famiglia di fatto alla famiglia legittima, infine, si è verificata anche in ambito penale, e precisamente: 1) l'art , lett. a), c.p. (obbligo di testimoniare) prevede la facoltà di astenersi dal testimoniare anche per il convivente more uxorio; 2) l'art. 572 c.p. (maltrattamenti in famiglia) si applica anche al convivente more uxorio; 3) l'art. 680 c.p. (domanda di grazia) che permette al convivente more uxorio di proporre domanda di grazia. Non c'è equiparazione invece tra famiglia di fatto e famiglia legittima in ambito di violazione degli obblighi familiari, poiché in costanza di convivenza more uxorio, tra i compagni non sorgono

8 obblighi giuridicamente vincolanti. Tutte le volte che sono stati adottati provvedimenti che hanno riguardato il fenomeno della convivenza more uxorio, questi sono stati adottati non per tutelare direttamente la famiglia di fatto, ma per salvaguardare interessi costituzionalmente garantiti. Una regolamentazione diretta non vi è mai stata, benché innumerevoli siano state le proposte di legge in tal senso. Dott. Giulio Perrotta

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00 Diritto in diretta l'avv. Daniela Bardoni risponderà ai quesiti degli ascoltatori. Per aiutarvi nelle controversie grandi e piccole della vita quotidiana Partecipa in diretta 06 899291 Sms/Wapp 393 8992913

Dettagli

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile Milano, 7 marzo 2014 TECNICHE REDAZIONALI E CONVIVENZE (ovvero come ovviare sul piano negoziale all assenza di una normativa sulla convivenza) Giovanni

Dettagli

LA PERSONA E LA FAMIGLIA: RIASSUNTO DELLE PROBLEMATICHE TRATTATE A LEZIONE.

LA PERSONA E LA FAMIGLIA: RIASSUNTO DELLE PROBLEMATICHE TRATTATE A LEZIONE. LA PERSONA E LA FAMIGLIA: RIASSUNTO DELLE PROBLEMATICHE TRATTATE A LEZIONE. 1 LA PERSONA. I DIRITTI DELLA PERSONALITA. La categoria dei diritti della personalità. Nozione. Fonti: La Cedu, la Costituzione,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MUSSOLINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MUSSOLINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4405 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MUSSOLINI Disciplina della convivenza familiare e norme in materia di filiazione e di successione

Dettagli

CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI

CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI Il Parlamento ha approvato la legge che istituisce l unione civile tra persone dello stesso sesso e disciplina le convivenze di fatto. Per quanto

Dettagli

SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI

SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI Aggiornato al 12 marzo 2015 Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina

Dettagli

CAPITOLO IV -------------------------------------------------------- LA FAMIGLIA

CAPITOLO IV -------------------------------------------------------- LA FAMIGLIA CAPITOLO IV -------------------------------------------------------- LA FAMIGLIA SEZIONE I FAMIGLIA LEGITTIMA E FAMIGLIA DI FATTO SOMMARIO: 1. Nozione di famiglia. 2. Il fondamento costituzionale della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GIGLI, DELLAI, BUTTIGLIONE, FAUTTILLI, MARAZZITI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GIGLI, DELLAI, BUTTIGLIONE, FAUTTILLI, MARAZZITI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2666 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GIGLI, DELLAI, BUTTIGLIONE, FAUTTILLI, MARAZZITI Disposizioni e delega al Governo in materia

Dettagli

TESTO UNIFICATO ADOTTATO DALLA COMMISSIONE PER I DISEGNI DI LEGGE. NN. 14,197, 239, 314, 909, 1211, 1231, 1360, 1316, 1745, 1763

TESTO UNIFICATO ADOTTATO DALLA COMMISSIONE PER I DISEGNI DI LEGGE. NN. 14,197, 239, 314, 909, 1211, 1231, 1360, 1316, 1745, 1763 TESTO UNIFICATO ADOTTATO DALLA COMMISSIONE PER I DISEGNI DI LEGGE. NN. 14,197, 239, 314, 909, 1211, 1231, 1360, 1316, 1745, 1763 NT La Commissione Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAPEZZONE, BELTRANDI, D ELIA, MELLANO, PORETTI, TURCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CAPEZZONE, BELTRANDI, D ELIA, MELLANO, PORETTI, TURCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1246 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CAPEZZONE, BELTRANDI, D ELIA, MELLANO, PORETTI, TURCO Modifiche al codice civile e altre

Dettagli

La Posizione del Convivente more uxorio nella successione: Tutele e Profili Pratici

La Posizione del Convivente more uxorio nella successione: Tutele e Profili Pratici La Posizione del Convivente more uxorio nella successione: Tutele e Profili Pratici avv. Silvia Salvati Fondazione Forense 25 Settembre 2012 Via Del Cane n. 10/a Le situazioni soggettive conseguenti alla

Dettagli

Vademecum sul Registro delle Unioni civili

Vademecum sul Registro delle Unioni civili Comune di Spilamberto Vademecum sul Registro delle Unioni civili Nuove opportunità per le coppie non sposate 1 INDICE Premessa.. pag. 3 1. Assistenza pag. 4 1.1 Amministrazione di sostegno. pag. 4 1.2

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 684 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI Riconoscimento giuridico di diritti, responsabilità e facoltà

Dettagli

Grillini Titti De Simone 1 Rivolta Titti De Simone 2. Patto Civile di Solidarietà e Unione di Fatto. Patto civile di solidarietà

Grillini Titti De Simone 1 Rivolta Titti De Simone 2. Patto Civile di Solidarietà e Unione di Fatto. Patto civile di solidarietà Grillini Titti De Simone 1 Rivolta Titti De Simone 2 3296 Ottobre 2002 3308 Ottobre 2002 4334 Ottobre 2003 5321 Ottobre 2004 Titolo proposta Ispirazione Obiettivi Patto Civile di Solidarietà e Unione di

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. 795 Salerno, lì 9 Luglio 2014 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 122/2014. Libera professione. Diritto Civile La Comunione legale dei beni Comunione

Dettagli

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi?

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi? D.- In caso di separazione, in assenza dei figli, può essere disposta dal giudice l assegnazione della casa coniugale? R.- Ove non vi sia prole convivente, questo tipo di tutela non ha più ragione di sussistere

Dettagli

178 0 0 - DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA' E DIRITTI Proposta di Deliberazione N. 2013-DL-85 del 26/03/2013

178 0 0 - DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA' E DIRITTI Proposta di Deliberazione N. 2013-DL-85 del 26/03/2013 178 0 0 - DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA' E DIRITTI Proposta di Deliberazione N. 2013-DL-85 del 26/03/2013 ISTITUZIONE DEL REGISTRO AMMINISTRATIVO DELLE UNIONI CIVILI. APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO.

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI E DIRITTI SULLA CASA

CAPITOLO SECONDO RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI E DIRITTI SULLA CASA INDICE PRESENTAZIONE................................................................................ 5 INTRODUZIONE................................................................................. 15 CAPITOLO

Dettagli

Il quadro delle responsabilità civili

Il quadro delle responsabilità civili Firenze Istituto degli Innocenti 11 maggio 2012 Il quadro delle responsabilità civili Relatrice: Manuela Cecchi 1 IL QUADRO DELLE RESPONSABILITÀ CIVILI Secondo il Glossario del portale degli assisti sociali

Dettagli

RAPPORTI PERSONALI E PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI

RAPPORTI PERSONALI E PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI RAPPORTI PERSONALI E PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI Prefazione... Introduzione... 1 1 LA CESSAZIONE DELLA CONVIVENZA: L AFFIDAMENTO CONDIVISO DELLA PROLE La questione... 11 Analisi dello scenario... 11 Inquadramento

Dettagli

Rapporti personali tra conviventi. La soluzione dei contrasti tra i conviventi attraverso il regime delle obbligazioni naturali

Rapporti personali tra conviventi. La soluzione dei contrasti tra i conviventi attraverso il regime delle obbligazioni naturali SOMMARIO: Rapporti personali tra conviventi. La soluzione dei contrasti tra i conviventi attraverso il regime delle obbligazioni naturali. Rapporti patrimoniali tra conviventi. Autonomia privata e convivenza.

Dettagli

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo affettivo ma anche davanti alla legge. La riforma sulla filiazione 1 ha definitivamente abolito

Dettagli

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata.

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata. Il decreto del Tribunale per i minorenni che provvede sul mantenimento dei figli naturali è titolo per iscrivere ipoteca. Commento al Decreto del Tribunale di Bologna del 29 giugno 2012. La legge n. 54/20006

Dettagli

La nuova legge sulle unioni civili e sulle convivenze. di Laura Remiddi

La nuova legge sulle unioni civili e sulle convivenze. di Laura Remiddi La nuova legge sulle unioni civili e sulle convivenze di Laura Remiddi Una persona, come chi scrive, che ha vissuto gli ultimi 50 anni in prima fila, assistendo direttamente a una grande evoluzione sociale

Dettagli

CAPITOLO III CAPITOLO IV

CAPITOLO III CAPITOLO IV CAPITOLO I GLI EFFETTI PATRIMONIALI DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO 1. Gli effetti patrimoniali della separazione e del divorzio.... 2 2. La relazione con il c.d. regime primario della famiglia.... 5

Dettagli

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un coniuge a favore dell altro o a favore dei figli, allo scopo di regolamentare i rapporti patrimoniali

Dettagli

NUOVO TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN.

NUOVO TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. NUOVO TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14, 197, 239, 314, 909, 1211, 1231, 1316, 1360, 1745 E 1763 NT2 LA RELATRICE Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello

Dettagli

Giuseppe ZUCCARO PARERI

Giuseppe ZUCCARO PARERI Giuseppe ZUCCARO PARERI DI SOMMARIO SOGGETTI DI DIRITTO PARERE 1 I diritti civili dello straniero: il residuo ambito applicativo dell art. 16 delle preleggi 3 FAMIGLIA PARERE 2 La tutela del familiare

Dettagli

LA SEPARAZIONE DI FATTO DEI CONIUGI

LA SEPARAZIONE DI FATTO DEI CONIUGI IL DIRITTO PRIVATO OGGI Serie a cura di Paolo Cendon LUCIANO OLIVERO LA SEPARAZIONE DI FATTO DEI CONIUGI GIUFFREED1TORE INDICE SOMMARIO P

Dettagli

6. I soggetti del procedimento di convalida.

6. I soggetti del procedimento di convalida. AMBITO OGGETTIVO E SOGGETTIVO DEL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA 229 6. I soggetti del procedimento di convalida. I soggetti del procedimento di convalida sono, ovviamente, le parti del rapporto sostanziale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE CITTA di GROTTAGLIE Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE ISTITUZIONE E DISCIPLINA DEL REGISTRO DELLE UNIONI CIVILI Testo approvato nella seduta del C.C. del 12/06/2012 Delibera Consiglio Comunale

Dettagli

SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI

SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI 2 luglio 2014 SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle

Dettagli

A cura di Laura Galli

A cura di Laura Galli LA TUTELA RISARCITORIA NELLE RELAZIONI FAMILIARI A cura di Laura Galli Da anni dottrina e giurisprudenza affrontano il problema della tutela risarcitoria dell illecito qualora la vittima sia uno dei congiunti.

Dettagli

ART. 315/333 DEL CODICE CIVILE. Titolo IX Della potestà dei genitori. Art. 315. Doveri del figlio verso i genitori.

ART. 315/333 DEL CODICE CIVILE. Titolo IX Della potestà dei genitori. Art. 315. Doveri del figlio verso i genitori. ART. 315/333 DEL CODICE CIVILE Titolo IX Della potestà dei genitori Art. 315. Doveri del figlio verso i genitori. Il figlio deve rispettare i genitori e deve contribuire, in relazione alle proprie sostanze

Dettagli

INDICE. 1 La separazione personale dei coniugi... 1. Prefazione...

INDICE. 1 La separazione personale dei coniugi... 1. Prefazione... INDICE Prefazione... XXI 1 La separazione personale dei coniugi... 1 1.1 L evoluzione della disciplina della separazione personale dei coniugi: il superamento del principio della indissolubilità del matrimonio

Dettagli

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE IV LA COMPETENZA CIVILE DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI IN MATERIA DI ADOZIONI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione Assegno Mantenimento Approfondimenti e spiegazioni utili sull assegno di mantenimento: cos è, quando è possibile richiederlo, a chi spetta, come viene quantificato e rivalutato e tanto altro. Assegno di

Dettagli

D.Lgs n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014 Decreto filiazione

D.Lgs n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014 Decreto filiazione LA LEGGE 10 DICEMBRE 2012 N. 219 HA INTRODOTTO MODIFICHE DI DIRITTO NELLA DELICATA MATERIA DELLA PROTEZIONE DEL MINORE INTRODUCENDO NELL ORDINAMENTO LA CONDIZIONE UNITARIA DI FIGLIO SENZA PIÙ DISTINZIONI

Dettagli

IL DIRITTO DI FAMIGLIA È il complesso di norme che disciplinano: matrimonio, rapporti tra coniugi, filiazione, adozione, rapporti tra genitori e

IL DIRITTO DI FAMIGLIA È il complesso di norme che disciplinano: matrimonio, rapporti tra coniugi, filiazione, adozione, rapporti tra genitori e IL DIRITTO DI FAMIGLIA È il complesso di norme che disciplinano: matrimonio, rapporti tra coniugi, filiazione, adozione, rapporti tra genitori e figli. (Confronta artt. 29, 30, 31, 36, 37 Cost. e 1 libro

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag.

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag. INDICE-SOMMARIO Indice sommario... pag. V Premessa alla prima edizione... pag. XIX Premessa alla seconda edizione... pag. XXIII CAPITOLO I IL MATRIMONIO 1. Cenni storici... pag. 1 2. Teorie sulla natura

Dettagli

CONFRONTO TRA PROPOSTE DI LEGGE IN MATERIA DI UNIONI CIVILI

CONFRONTO TRA PROPOSTE DI LEGGE IN MATERIA DI UNIONI CIVILI 972 CONFRONTO TRA PROPOSTE DI LEGGE IN MATERIA DI UNIONI CIVILI 28 ottobre 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà PDL CARFAGNA

Dettagli

INDICE. Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI CAPITOLO 2 LA FEDELTÀ CAPITOLO 3 L ASSISTENZA MORALE E MATERIALE

INDICE. Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI CAPITOLO 2 LA FEDELTÀ CAPITOLO 3 L ASSISTENZA MORALE E MATERIALE INDICE Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI 3 1. I profili generali 4 2. Matrimonio ed obblighi coniugali 6 3. I doveri matrimoniali 8 4. La natura inderogabile degli obblighi coniugali

Dettagli

SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI

SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI Legislatura 17ª - 2ª Commissione permanente - Resoconto sommario n. 127 del 02/07/2014 Mostra rif. normativi SCHEMA DI TESTO UNIFICATO CORRETTO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E

Dettagli

A P P R O F O N D I M E N T O

A P P R O F O N D I M E N T O A P P R O F O N D I M E N T O IL CONTRATTO DI COMODATO NOZIONE Il legislatore definisce il comodato come il contratto con cui una parte (c.d. comodante) consegna all altra (c.d. comodatario) una cosa mobile

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI CUNEO Il Giudice Dott. Gian Paolo MACAGNO ha pronunciato la seguente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI CUNEO Il Giudice Dott. Gian Paolo MACAGNO ha pronunciato la seguente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI CUNEO Il Giudice Dott. Gian Paolo MACAGNO ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta in primo grado al

Dettagli

GLOSSARIO del diritto di famiglia e delle successioni

GLOSSARIO del diritto di famiglia e delle successioni GLOSSARIO del diritto di famiglia e delle successioni www.leggiitaliane.it Accettazione dell eredità atto negoziale unilaterale mediante il quale il chiamato fa propria l eredità che gli è conferita per

Dettagli

Allegato 2. Appendice

Allegato 2. Appendice Allegato 2 Appendice Le informazioni riportate di seguito sono riferite alla normativa vigente in materia di ISEE (decreto legislativo n. 109/1998 e successive modifiche). 1. Documenti necessari per ISEE

Dettagli

! ! ! ! !! - INTERRUZIONE PER MORTE DI UNO DEI CONVIVENTI rimedio: il testamento - INTERRUZIONE VOLONTARIA rimedio: patto di convivenza INTERRUZIONE VOLONTARIA: - PROVA DELLA CONVIVENZA - ACCERTAMENTO

Dettagli

Vademecum sul Registro delle Unioni civili. Cosa cambia per chi si ama?

Vademecum sul Registro delle Unioni civili. Cosa cambia per chi si ama? Vademecum sul Registro delle Unioni civili Cosa cambia per chi si ama? A cura di Gianf Tigano Gruppo Diritti Lista civica Per me Modena Consulenza tecnica Notaio Giuliano Fusco Sommario PREMESSA... 5

Dettagli

Quesiti frequenti sulle successioni

Quesiti frequenti sulle successioni Quesiti frequenti sulle successioni Le successioni ereditarie comportano questioni delicate e talvolta difficili da risolvere. Rivolgetevi ad un nostro sportello per ricevere informazioni dettagliate relative

Dettagli

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni...

SOMMARIO. Tabella delle abbreviazioni... SOMMARIO Tabella delle abbreviazioni... XXIII 357 DIRITTO DELLE PERSONE FISICHE, DEI MINORI ED INCAPACI di ADRIANO PISCHETOLA VI.357.1 Atto di disposizione del proprio corpo relativamente alle tecniche

Dettagli

PROGRAMMA EDILIZIO 3.000 CASE PER L AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETÀ

PROGRAMMA EDILIZIO 3.000 CASE PER L AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETÀ PROGRAMMA EDILIZIO 3.000 CASE PER L AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETÀ I locatari o assegnatari in godimento a termine e permanente e gli acquirenti e assegnatari in proprietà degli alloggi devono essere

Dettagli

Proposta di legge "Del Patto Civile di Solidarietà"Presentata dall'on. Dario Rivolta e altri

Proposta di legge Del Patto Civile di SolidarietàPresentata dall'on. Dario Rivolta e altri Proposta di legge "Del Patto Civile di Solidarietà"Presentata dall'on. Dario Rivolta e altri Onorevoli colleghi, la Proposta di Legge per istituire il Patto Civile di Solidarietà nasce dalle nuove esigenze

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LOCATELLI, DI LELLO, DI GIOIA, PASTORELLI, MARZANO, BRANDOLIN. Disciplina delle unioni civili

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LOCATELLI, DI LELLO, DI GIOIA, PASTORELLI, MARZANO, BRANDOLIN. Disciplina delle unioni civili Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2342 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LOCATELLI, DI LELLO, DI GIOIA, PASTORELLI, MARZANO, BRANDOLIN Disciplina delle unioni civili

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 2084. Disciplina delle unioni civili. d iniziativa dei senatori CALIENDO, CARDIELLO e ZIZZA

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 2084. Disciplina delle unioni civili. d iniziativa dei senatori CALIENDO, CARDIELLO e ZIZZA Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2084 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori CALIENDO, CARDIELLO e ZIZZA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 8 OTTOBRE 2015 Disciplina delle unioni civili TIPOGRAFIA

Dettagli

premesso convengono quanto segue:

premesso convengono quanto segue: Modello di convenzione patrimoniale fra conviventi "more uxorio" Con la presente scrittura privata, redatta in... originali, X, nato a..., il..., residente in..., alla via..., n...., codice fiscale...,

Dettagli

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali...

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali... INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. Il diritto di famiglia in senso oggettivo e la nozione di famiglia....... 1 2. L evoluzione della famiglia nel contesto sociale........... 3 3. Il ruolo

Dettagli

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante APPENDICE Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante Dati anagrafici del dichiarante Documento di identità

Dettagli

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO Tomo I La disciplina sostanziale A cura di Michele Angelo Lupoi Indice Introduzione imminente del c.d. divorzio breve, di Rita Lombardi... Pag. I Premessa...» 11 Capitolo

Dettagli

Associazione Sindacale dei Notai della Lombardia

Associazione Sindacale dei Notai della Lombardia Associazione Sindacale dei Notai della Lombardia CITTADINI E DIRITTI FONDAMENTALI NELLA UE RESPONSABILITÀ E OPPORTUNITÀ NUOVE PER IL NOTAIO CASI PRATICI E RECENTI SVILUPPI GIURISPRUDENZIALI Casi pratici

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 197. Modifica al codice civile in materia di disciplina del patto di convivenza

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 197. Modifica al codice civile in materia di disciplina del patto di convivenza Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 197 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori ALBERTI CASELLATI, BONFRISCO, CARIDI e D ASCOLA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 15 MARZO 2013 Modifica al codice

Dettagli

Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze. TITOLO I Delle unioni civili

Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze. TITOLO I Delle unioni civili SCHEMA DI TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE PER I DISEGNI DI LEGGE NN. 14 E CONNESSI Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze TITOLO I Delle

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

INDICE. Art. 215 (Separazione dei beni) SEZIONE I: GENERALITAv. INSTAURAZIONE AUTOMATICA DEL REGIME DI SEPARAZIONE DEI

INDICE. Art. 215 (Separazione dei beni) SEZIONE I: GENERALITAv. INSTAURAZIONE AUTOMATICA DEL REGIME DI SEPARAZIONE DEI Art. 215 (Separazione dei beni) SEZIONE I: GENERALITAv. INSTAURAZIONE AUTOMATICA DEL REGIME DI SEPARAZIONE DEI BENI TRA CONIUGI 1. Premesse. Il rilievo sociale del regime di separazione dei beni... 3 2.

Dettagli

Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano (siamo a 30 mt MM3 angolo Vittor Pisani/Piazza della Repubblica)

Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano (siamo a 30 mt MM3 angolo Vittor Pisani/Piazza della Repubblica) Agata Christie Investigation Sas Via Luigi Razza 4 20124 Milano Milano Tel. 02 344223 Fax 02 344189 E-mail: max@agatachristie.it website: http://www.agatachristie.it Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano

Dettagli

Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze

Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze Considerazioni generali. Il testo unificato, presentato presso la Seconda Commissione Permanente del Senato

Dettagli

INDICE SOMMARIO. pag. Elenco delle abbreviazioni... Prefazione...

INDICE SOMMARIO. pag. Elenco delle abbreviazioni... Prefazione... INDICE SOMMARIO Elenco delle abbreviazioni... Prefazione.... pag. XVII XIX CAPITOLO PRIMO LA FAMIGLIA E LA COSTITUZIONE Guida bibliografica... 3 1. Gli orientamenti dottrinali... 7 1.1. La posizione della

Dettagli

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE

DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTANTE AL CONIUGE SUPERSTITE: È PRELEGATO DEL DIRITTO DI ABITAZIONE Tribunale di Cuneo, 17 febbraio 2010, n. 100 Alberto Serpico L art. 540, comma II, c.c., dispone che al coniuge,

Dettagli

Interventi normativi in Europa in materia di unioni omosessuali. G. Gambino

Interventi normativi in Europa in materia di unioni omosessuali. G. Gambino Interventi normativi in Europa in materia di unioni omosessuali G. Gambino Consiglio d Europa Diritto al rispetto della vita privata e familiare (art. 8 CEDU, 1950): tutela antidiscriminatoria dell orientamento

Dettagli

http://alca.intra.infocamere.it/esam/esamiquestservlet

http://alca.intra.infocamere.it/esam/esamiquestservlet Page 1 of 10 DIRITTO DI FAMIGLIA - SUCCESSIONI - DONAZIONI 1) Quale dei seguenti beni non rientra nella comunione legale dei beni? A [ ] beni immobili acquistati dopo il matrimonio B [*] beni immobili

Dettagli

Roma, 15 gennaio 2015

Roma, 15 gennaio 2015 Roma, 15 gennaio 2015 Forum delle associazioni familiari Audizione presso la Commissione Giustizia del Senato nel dibattito sulla regolamentazione delle unioni civili Il Forum ringrazia il Presidente e

Dettagli

Diritto del minore al suo habitat familiare: palese discriminazione in virtù di un sottostante contratto di comodato o di locazione

Diritto del minore al suo habitat familiare: palese discriminazione in virtù di un sottostante contratto di comodato o di locazione STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Si segnalano di seguito alcune questioni di specifico interesse rinviando, per gli altri contenuti della circolare, al relativo testo.

Si segnalano di seguito alcune questioni di specifico interesse rinviando, per gli altri contenuti della circolare, al relativo testo. Segnalazione novità prassi interpretative DALL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNI CHIARIMENTI SULLA DETRAZIONE DEGLI INTERESSI PER MUTUI E SULLA DETRAZIONE D IMPOSTA DEL 36% PER INTERVENTI DI RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 20 20.03.2014 Benefici prima casa e separazione dei coniugi I recenti approdi della giurisprudenza di legittimità Categoria: Agevolazioni Sottocategoria:

Dettagli

XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d'iniziativa dei DEPUTATI

XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d'iniziativa dei DEPUTATI XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei DEPUTATI Pia LOCATELLI, Marco DI LELLO, Lello DI GIOIA, Oreste PASTORELLI, Michela MARZANO, Giorgio BRANDOLIN Disciplina delle unioni

Dettagli

IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE

IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE Gli effetti di una rottura coniugale, come è noto, sono numerosi e coinvolgono questioni psicologiche, affettive, mutamenti di stile, di vita, limitazioni

Dettagli

Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014

Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014 Focus on COINTESTAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO E SEPARAZIONE DEI CONIUGI: EFFETTI NEI CONFRONTI DEL CREDITORE Ottobre 2014 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli

INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME

INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME Art. 565 (Categorie dei successibili) 1. Successione legittima e famiglia: dalla Riforma del 75 al progetto di Riforma della filiazione.............................

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa generale del manuale... Premessa al I volume... Collaboratori... PARTE PRIMA NOZIONI GENERALI

INDICE SOMMARIO. Premessa generale del manuale... Premessa al I volume... Collaboratori... PARTE PRIMA NOZIONI GENERALI INDICE SOMMARIO Premessa generale del manuale... Premessa al I volume... Collaboratori... IX XI XIX PARTE PRIMA NOZIONI GENERALI CAPITOLO I Le situazioni giuridiche. Gli strumenti di tutela 1. Il diritto

Dettagli

SUPPLEMENTO SPECIALE DEL BOLLETTINO UFFICIALE

SUPPLEMENTO SPECIALE DEL BOLLETTINO UFFICIALE SUPPLEMENTO SPECIALE DEL BOLLETTINO UFFICIALE PER LA CONSULTAZIONE DELLA SOCIETÀ REGIONALE Iniziative legislative, regolamentari, amministrative di rilevante importanza Pubblicazione ai sensi dell'articolo

Dettagli

LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO CON LA LEGGE 219/2012.

LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO CON LA LEGGE 219/2012. A002569,1 A002569 FONDAZIONE INSIEME onlus. Da il sole24 ore del 7/1/2013, di Giorgio Vaccaro, giornalista. (legge 219/2012) Per la

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 70 31.10.2013 Frode fiscale. Sequestro della casa coniugale La casa coniugale è sequestrabile anche se è stata assegnata alla moglie dell indagato

Dettagli

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Interruzione effettiva e stabile della convivenza coniugale a seguito di fatti che rendano intollerabile la prosecuzione della vita coniugale o rechino pregiudizio alla

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

INDICE. Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi)

INDICE. Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi) Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi) SEZIONE I: PRINCIPI GENERALI E DISCIPLINA COSTITUZIONALE 1. I rapporti personali tra coniugi a oltre trent anni dalla riforma del diritto di famiglia.....................................

Dettagli

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it Affido condiviso di Maria Elena Bagnato Altalex.it In virtù dell istituto dell affidamento condiviso la potestà genitoriale è esercitata da entrambi i genitori che assumono, di comune accordo, le decisioni

Dettagli

SI PREGA DI PRENDERE APPUNTAMENTO PRIMA DEL 15 NOVEMBRE 2013 AL N. 0465/339512

SI PREGA DI PRENDERE APPUNTAMENTO PRIMA DEL 15 NOVEMBRE 2013 AL N. 0465/339512 MODULO RACCOLTA DATI PER LA REDAZIONE DELLA DOMANDA DI ASSEGNO DI STUDIO - ANNO SCOLASTICO 2013/2014 COGNOME E NOME DEL SOGGETTO RICHIEDENTE (il genitore o colui che ha l esercizio della potestà o lo studente

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I I MUTAMENTI DELLA FAMIGLIA E L OBBLIGO DI MANTENIMENTO DEL CONIUGE E DEI FIGLI

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I I MUTAMENTI DELLA FAMIGLIA E L OBBLIGO DI MANTENIMENTO DEL CONIUGE E DEI FIGLI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. VII Introduzione...» XI In memoria del compianto Bruno Schettini...» XIV Prefazione: Primo commento alle modifiche apportate dalla legge n. 219 del 10

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni...

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Elenco delle principali abbreviazioni... XVII CAPITOLO PRIMO PROFILI GENERALI Guida bibliografica... 3 1. Premessa... 7 2. La famiglia come formazione sociale... 9 2.1. Il precedente sistema giusfamiliare...

Dettagli

d iniziativa dei senatori DEL PENNINO, SBARBATI, AMATO, CHIAROMONTE, FLERES, NEGRI, PERDUCA, PORETTI e SARO

d iniziativa dei senatori DEL PENNINO, SBARBATI, AMATO, CHIAROMONTE, FLERES, NEGRI, PERDUCA, PORETTI e SARO Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3231 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori DEL PENNINO, SBARBATI, AMATO, CHIAROMONTE, FLERES, NEGRI, PERDUCA, PORETTI e SARO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER L AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE E PER L OSPITALITA TEMPORANEA IN ALLOGGI DI E.R.P, DI CUI AGLI ARTT. 25, c. 6 d) E 27 DELLA L.R. N. 24/2001. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Articoli tratti dalla newsletter Studio Cataldi - Quotidiano Giuridico, Studio Cataldi, Ascoli Piceno http://www.studiocataldi.it

Articoli tratti dalla newsletter Studio Cataldi - Quotidiano Giuridico, Studio Cataldi, Ascoli Piceno http://www.studiocataldi.it 13/10/2014 L'assegno di mantenimento piccola guida Il dovere di assistenza morale e materiale e l'obbligo di mantenimento del coniuge separato Prima di affrontare il tema della determinazione e della corresponsione

Dettagli

Art. 150. Separazione personale.

Art. 150. Separazione personale. CODICE CIVILE Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo VI Del matrimonio Capo V Dello scioglimento del matrimonio e della separazione dei coniugi Art. 149. Scioglimento del matrimonio. Il matrimonio

Dettagli

I PROVVEDIMENTI DEL GIUDICE CIVILE IN MATERIA DI ABUSI FAMILIARI

I PROVVEDIMENTI DEL GIUDICE CIVILE IN MATERIA DI ABUSI FAMILIARI I PROVVEDIMENTI DEL GIUDICE CIVILE IN MATERIA DI ABUSI FAMILIARI La legge 154/01 ha introdotto un articolato sistema in grado di contrastare ogni forma di violenza maturata all interno del nucleo familiare

Dettagli

Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione

Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione 45 Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione di Anna Liconti Traccia Tizio conduce l immobile sito nel Comune

Dettagli

CONVEGNO Trust, uno strumento per le aziende e la famiglia Forlì, 16 Ottobre 2015 IL TRUST NELLA SEPARAZIONE, NEL DIVORZIO E PER LE FAMIGLIE DI FATTO

CONVEGNO Trust, uno strumento per le aziende e la famiglia Forlì, 16 Ottobre 2015 IL TRUST NELLA SEPARAZIONE, NEL DIVORZIO E PER LE FAMIGLIE DI FATTO CONVEGNO Trust, uno strumento per le aziende e la famiglia Forlì, 16 Ottobre 2015 IL TRUST NELLA SEPARAZIONE, NEL DIVORZIO E PER LE FAMIGLIE DI FATTO Intervento a cura di Maria Dadea Il Trust nella fase

Dettagli