Per separazione s intende la conclusione della convivenza tra due coniugi che hanno una relazione stabile e duratura.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per separazione s intende la conclusione della convivenza tra due coniugi che hanno una relazione stabile e duratura."

Transcript

1 Che cosa è la separazione? Per separazione s intende la conclusione della convivenza tra due coniugi che hanno una relazione stabile e duratura. La separazione può essere chiesta da uno o entrambi gli interessati, quando accadono, anche indipendentemente dalla loro volontà, fatti o situazioni che rendono intollerabile la prosecuzione della convivenza o che recano un pregiudizio all educazione dei figli. L intollerabilità è rilevante anche se riguarda uno solo dei coniugi. Con la separazione viene meno l obbligo reciproco, assunto con il matrimonio, della coabitazione e si attenuano anche altri doveri coniugali, ma non vengono meno gli obblighi - di natura patrimoniale - di assistenza materiale né quello di reciproco rispetto. La separazione può essere: 1) consensuale, quando i coniugi sono d accordo sia sulla decisione di separarsi sia sulle condizioni che andranno a regolare i loro rapporti patrimoniali e nei confronti dei figli; 2) giudiziale, quando non esiste accordo dei coniugi riguardo alla decisione e/o alle condizioni della separazione. In tale ipotesi può essere chiesto da un coniuge a carico dell altro che sia pronunciato l addebito della separazione. Il coniuge nei cui confronti sia dichiarato l addebito (cioè la responsabilità del fallimento del matrimonio) perde il diritto al mantenimento e la qualità di erede. La separazione, consensuale o giudiziale che sia non sancisce di per sé lo scioglimento di un matrimonio, cosa che avviene solo con il divorzio. Che cosa fare per separarsi? Fatto salvo che per i coniugi è sempre possibile interrompere la convivenza senza nessun altra azione (separazione di fatto, che non ha alcun effetto giuridico e non determina la sospensione degli obblighi matrimoniali), per attivare una separazione che determini il cambiamento dello stato civile della coppia, i coniugi hanno a disposizione più possibilità: la gestione autonoma, la richiesta all Ufficiale di Stato Civile, l assistenza dei legali, il ricorso al tribunale. La scelta del modo, oltre ad essere personale, dipende dal tipo di separazione (consensuale o giudiziale) e dalla presenza o meno di figli minori o non autosufficienti. Negli ultimi anni si sono succedute varie modifiche all iter della separazione, a seguito di riforme o nuove leggi introdotte. Le novità più importanti che sono state introdotte riguardano soprattutto la separazione consensuale. Le modalità di separazione differiscono in base alla presenza o assenza di figli nella coppia.

2 Separazione consensuale di coniugi che non hanno figli a carico o i cui figli sono maggiorenni e autosufficienti (non solo da un punto di vista economico ma che non sono stati dichiarati incapaci e non portatori di handicap grave ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n ) I coniugi che concordano sulla decisione di separarsi in questo caso hanno due possibilità: A) - discutere tra loro e stilare la richiesta di separazione consensuale - con tali richiesta si presentano dal Sindaco, quale Ufficiale dello Stato Civile, del comune di residenza di uno di loro o del comune presso cui e' iscritto o trascritto l'atto di matrimonio - l' Ufficiale dello Stato Civile deve acquisire da ciascuno dei coniugi adeguata dichiarazione circa l'assenza di figli a carico - l'ufficiale dello Stato Civile riceve da ciascuna delle parti personalmente, con l'assistenza facoltativa di un avvocato, la dichiarazione che esse vogliono separarsi ovvero far cessare gli effetti civili del matrimonio o ottenerne lo scioglimento secondo condizioni tra di esse concordate - l'accordo contenuto nella dichiarazione non può contenere patti di trasferimento patrimoniale - è inoltre esclusa dall'accordo qualunque clausola avente carattere dispositivo sul piano patrimoniale, come - ad esempio - l'uso della casa coniugale, l'assegno di mantenimento o qualunque altra utilità economica tra i coniugi dichiaranti - l'attività di assistenza (facoltativa) resa dall'avvocato deve essere descritta nell'atto redatto dall'ufficiale di stato civile; essa non può essere qualificata in termini di rappresentanza, con la conseguenza che il legale non può sostituire la parte assistita dinanzi al predetto ufficiale. - l'atto contenente l'accordo è compilato e sottoscritto immediatamente dall Ufficiale dello Stato Civile dopo il ricevimento delle dichiarazioni - l'ufficiale dello Stato Civile, quando riceve le dichiarazioni dei coniugi, li invita a comparire di fronte a sé non prima di trenta giorni dalla ricezione per la conferma dell'accordo (la mancata comparizione equivale a mancata conferma dell'accordo) 1 Legge n. 104/92, Art. 3. Soggetti aventi diritto 1. É persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che é causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione. 2. La persona handicappata ha diritto alle prestazioni stabilite in suo favore in relazione alla natura e alla consistenza della minorazione, alla capacità complessiva individuale residua e alla efficacia delle terapie riabilitative. 3. Qualora la minorazione, singola o plurima, abbia ridotto l'autonomia personale, correlata all'età, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione, la situazione assume connotazione di gravità. le situazioni riconosciute di gravità determinano priorità nei programmi e negli interventi dei servizi pubblici. 4. La presente legge si applica anche agli stranieri e agli apolidi, residenti, domiciliati o aventi stabile dimora nel territorio nazionale. le relative prestazioni sono corrisposte nei limiti ed alle condizioni previste dalla vigente legislazione o da accordi internazionali.

3 B) - il termine di 30 giorni è pensato per garantire il diritto di ripensamento dei coniugi che abbiano effettuato la dichiarazione di volere divorziare o separarsi, diritto che resta escluso solo per le dichiarazioni di modifica delle condizioni di separazione e divorzio. - Nel caso in cui sia trascorsa la data assegnata ed i coniugi - o uno di essi - non abbiano confermato l'accordo, è opportuno che l'ufficiale iscriva comunque l'atto già redatto nei registri dello stato civile, dando conto della mancata conferma da parte degli interessati. - la conferma dell accordo determina la separazione e la successiva trascrizione da parte dell'ufficiale dello Stato Civile nella scheda anagrafica individuale degli interessati contenuta negli archivi informatici dell Ufficio di Stato Civile; - gli accordi raggiunti verranno annotati anche negli atti di nascita e negli atti di matrimonio - Ai fini della richiesta di divorzio, i tre anni di separazione legale decorrono dalla data dell'atto contenente l'accordo concluso dinanzi all'ufficiale di stato civile; essa dovrà essere riportata nelle annotazioni ed indicata nella scheda anagrafica individuale degli interessati - uno dei due coniugi avvia una convenzione di negoziazione assistita, cioè un accordo mediante il quale le parti convengono di cooperare in buona fede e con lealtà per risolvere in via amichevole la controversia tramite l'assistenza di avvocati (almeno un avvocato per parte) - in pratica il coniuge tramite il proprio legale invita l altro coniuge a discutere tra loro assistiti dai legali e stilare gli accordi di separazione - l altro coniuge entro 30 giorni può rifiutare, non aderire (anche attraverso la mancata risposta in tempo utile) o aderire all invito - il rifiuto o la non adesione può essere considerata dal giudice (a cui poi passa la pratica) ai fini delle responsabilità delle parti per le spese e per i danni processuali - se aderisce, si ha l incontro con l altro coniuge alla presenza dei rispettivi legali per redigere l accordo di separazione - nell'accordo si da' atto che gli avvocati hanno tentato di conciliare le parti, le hanno informate della possibilità di esperire la mediazione familiare e che gli avvocati hanno informato le parti dell'importanza per il minore di trascorrere tempi adeguati con ciascuno dei genitori - l'accordo può contenere patti di trasferimento patrimoniale, quindi non riguarda solo la gestione dei figli, ma anche l utilizzo della casa coniugale, l assegno di mantenimento, gli eventuali beni comuni - l accordo viene certificato dai legali (gli avvocati certificano l'autografia delle firme e la conformità dell'accordo alle norme imperative e all'ordine pubblico) e viene trasmesso al Procuratore della Repubblica presso il tribunale competente, entro 10 giorni - se il Pubblico Ministero non evidenzia irregolarità, comunica il suo nulla osta - i tre anni di separazione legale necessari per richiedere una sentenza di divorzio decorrono dalla data certificata nell accordo

4 - l'avvocato della parte che ha avviato la convenzione è obbligato a trasmettere entro 10 giorni, all'ufficiale di Stato Civile del Comune in cui il matrimonio è stato iscritto o trascritto, la copia autenticata del nulla osta e dell'accordo redatto e certificato. Separazione consensuale di coniugi che hanno figli a carico minorenni o maggiorenni e non autosufficienti (non solo da un punto di vista economico ma che sono stati dichiarati incapaci o portatori di handicap grave ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104). I coniugi che concordano sulla decisione di separarsi in questo caso possono avviare una convenzione di negoziazione assistita, cioè un accordo mediante il quale le parti convengono di cooperare in buona fede e con lealtà per risolvere in via amichevole la controversia tramite l'assistenza di avvocati - in pratica un coniuge tramite il proprio legale invita l altro coniuge a discutere tra loro assistiti dai legali e stilare gli accordi di separazione - l altro coniuge entro 30 giorni può rifiutare, non aderire (anche attraverso la mancata risposta in tempo utile) o aderire all invito - il rifiuto o la non adesione può essere considerata dal giudice (a cui poi passa la pratica) ai fini delle responsabilità delle parti per le spese e per i danni processuali - se aderisce, si ha l incontro con l altro coniuge alla presenza dei rispettivi legali per redigere l accordo di separazione - nell'accordo si da' atto che gli avvocati hanno tentato di conciliare le parti, le hanno informate della possibilità di esperire la mediazione familiare e che gli avvocati hanno informato le parti dell'importanza per il minore di trascorrere tempi adeguati con ciascuno dei genitori - l'accordo può contenere patti di trasferimento patrimoniale, quindi non riguarda solo la gestione dei figli, ma anche l utilizzo della casa coniugale, l assegno di mantenimento, gli eventuali beni comuni - l accordo viene certificato dai legali (gli avvocati certificano l'autografia delle firme e la conformità dell'accordo alle norme imperative e all'ordine pubblico) e viene trasmesso al Procuratore della Repubblica presso il tribunale competente, entro 10 giorni - se il Pubblico Ministero ritiene che - autorizza l accordo l accordo risponda all interesse dei figli, - l'avvocato della parte che ha avviato la convenzione è obbligato a trasmettere entro 10 giorni, all'ufficiale di Stato Civile del Comune in cui il matrimonio è stato iscritto o trascritto, la copia autenticata del nulla osta e dell'accordo redatto e certificato. - i tre anni di separazione legale necessari per richiedere una sentenza di divorzio decorrono dalla data certificata nell accordo l accordo non risponda all interesse dei figli, - non autorizza l accordo - provvede, entro 5 giorni, a trasmettere il fascicolo al Presidente del Tribunale - il Presidente del Tribunale fissa l udienza di comparizione delle parti - audizione individuale e audizione congiunta delle parti avanti al Presidente, alla presenza dei loro avvocati per la definizione di accordi più rispondenti alle esigenze dei figli - dopo circa un mese dall ultima udienza presidenziale, il Tribunale emette un decreto che omologa la separazione

5 Le procedure appena descritte si applicano oltre che alle soluzioni consensuali di separazione personale, anche a quelle di cessazione degli effetti civili o di scioglimento del matrimonio e di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio. Per completezza si riportano anche i due iter processuali quello della separazione consensuale (sostituito e disincentivato dalle revisioni descritte in precedenza, ma comunque ancora in essere) e quello della separazione giudiziale, tutt ora in vigore. Iter processuale della separazione consensuale - Conflitto di coppia tale da rendere intollerabile la convivenza - Eventuale ricorso ad uno o a due legali (uno per ogni genitore) - Fase preparatoria nella quale si discutono e si stilano gli accordi o clausole relativi all affidamento dei figli, all utilizzo della casa coniugale, all assegno di mantenimento, agli eventuali beni comuni. - Formalizzazione degli accordi (si scrivono e sottoscrivono) - Il ricorso contenente le concordate condizioni di separazione viene depositato personalmente o (se i coniugi lo ritengono opportuno) tramite legali delegati dai genitori, alla cancelleria del Tribunale competente - Fissazione, da parte della Cancelleria del Tribunale, di apposita udienza avanti il Presidente del tribunale stesso (Udienza Presidenziale) - Audizione individuale e audizione congiunta delle parti avanti al Presidente, alla presenza dei loro avvocati ove incaricati, e conferma degli accordi - Dall udienza presidenziale scattano i 3 anni necessari al divorzio tra i coniugi - Dopo circa un mese, il Tribunale emette un decreto che omologa la separazione alle condizioni richieste dalle parti. Iter processuale della separazione giudiziale o Causa di separazione - Conflitto di coppia tale da rendere intollerabile la convivenza, senza possibilità di trovare accordo su tutte le condizioni della separazione e nemmeno sulla volontà di separarsi (uno dei coniugi lo vuole e l altro no) - Decisione del coniuge che vuole ottenere la separazione di rivolgersi ad un legale, che viene delegato (sulla base della sottoscrizione di una procura) a gestire l iter della separazione. - Stesura da parte del legale di un atto contenente tutte le richieste del coniuge relative alle condizioni di separazione ed anche all eventuale richiesta di addebito (cioè che si addebiti la rottura del matrimonio all altro che non ha ottemperato/ha disatteso i doveri del matrimonio) - Deposito, da parte del legale, del ricorso presso la Cancelleria del tribunale competente. - Fissazione, da parte della Cancelleria del Tribunale, di apposita udienza avanti il Presidente del tribunale stesso (Udienza Presidenziale) - Il legale del coniuge ricorrente notifica all altro coniuge il ricorso e del decreto che fissa l udienza (a quest udienza il coniuge convocato può decidere di comparire o no e di munirsi di legale oppure no).

6 - Audizione individuale (un coniuge per volta senza avvocati) e audizione congiunta delle parti (entrambi i coniugi e i loro avvocati) avanti al Presidente (udienza presidenziale) che tenta una riconciliazione o una consensualizzazione della separazione. Se ciò non riesce adotta i provvedimenti provvisori relativi a: autorizzazione ai coniugi a vivere separati affidamento dei figli utilizzo della casa coniugale assegno di mantenimento (mantenimento figli e coniuge) - Rinvio avanti ad un Giudice Istruttore con fissazione d udienza (dopo qualche mese da quella presidenziale) e inizio di una vera e propria causa caratterizzata da audizione di testi, acquisizione di prove ed eventuali perizie. - Nel caso di richiesta di addebito il Giudice a questo punto può riconoscere la colpa della rottura ad uno o all altro dei coniugi o anche a tutti e due (per farlo si basa su atti, documenti, prove) - Conseguenze dell addebito => economiche: chi viene riconosciuto la causa della separazione perde il diritto all eredità, all assegno di mantenimento (ha solo gli alimenti, cioè lo stretto indispensabile alla sopravvivenza) - Si giunge alla sentenza che dirime le questioni su tutti gli aspetti - Anche nella separazione giudiziale il termine dei 3 anni per richiedere il divorzio decorre dall udienza presidenziale, salvo che nel frattempo ci sia stata una sentenza, anche parziale, passata in giudicato

SEPARAZIONE E DIVORZIO DAVANTI ALL UFFICIALE DI STATO CIVILE

SEPARAZIONE E DIVORZIO DAVANTI ALL UFFICIALE DI STATO CIVILE SEPARAZIONE E DIVORZIO DAVANTI ALL UFFICIALE DI STATO CIVILE Angela Marcella Responsabile Servizi Demografici Comune di Bergamo Art. 12 D.L. n. 132/2014 Separazione consensuale, richiesta congiunta di

Dettagli

Negoziazione Assistita L. 162/2014

Negoziazione Assistita L. 162/2014 Avv. Grazia Cristina Battiato Via Olmetto, 5 20123 Milano Tel 02.34931737 - Fax 02.3313664 e-mail: studio.legale@live.it Negoziazione Assistita L. 162/2014 Problemi pratici ed applicativi. L. 162/2014

Dettagli

L.162/14 INCONTRO FORMATIVO DEL 5/3/2015

L.162/14 INCONTRO FORMATIVO DEL 5/3/2015 L.162/14 INCONTRO FORMATIVO DEL 5/3/2015 A) La convenzione di negoziazione assistita da uno o più avvocati è l accordo con cui le parti convengono di cooperare in buona fede e con lealtà per risolvere

Dettagli

SEPARAZIONE E IL DIVORZIO: DAL TRIBUNALE ALL AVVOCATO, ALL UFFICIALE DI STATO CIVILE. Renzo Calvigioni. Made with OpenOffice.org 2

SEPARAZIONE E IL DIVORZIO: DAL TRIBUNALE ALL AVVOCATO, ALL UFFICIALE DI STATO CIVILE. Renzo Calvigioni. Made with OpenOffice.org 2 SEPARAZIONE E IL DIVORZIO: DAL TRIBUNALE ALL AVVOCATO, ALL UFFICIALE DI STATO CIVILE Renzo Calvigioni 1 Decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132 (Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi

Dettagli

Separazione e divorzio

Separazione e divorzio Separazione e divorzio Con l'entrata in vigore del Decreto legge n. 132/2014 convertito con Legge 162/2014 i coniugi che consensualmente intendono separarsi, divorziare o modificare le precedenti condizioni

Dettagli

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI

SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Interruzione effettiva e stabile della convivenza coniugale a seguito di fatti che rendano intollerabile la prosecuzione della vita coniugale o rechino pregiudizio alla

Dettagli

Editrice. D. L. n. 132/2014, separazione e divorzio consensuali: addio Tribunali? Si va direttamente all ufficiale dello stato civile.

Editrice. D. L. n. 132/2014, separazione e divorzio consensuali: addio Tribunali? Si va direttamente all ufficiale dello stato civile. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 16.9.2014 La Nuova Procedura Civile, 5, 2014 Editrice D. L. n. 132/2014, separazione e divorzio consensuali:

Dettagli

separazione & divorzio: istruzioni per l uso

separazione & divorzio: istruzioni per l uso separazione & divorzio: istruzioni per l uso A cura del Centro per il Bambino e la Famiglia di Bergamo con la collaborazione di Rotary Club del Gruppo Orobico Ordine degli Avvocati di Bergamo La lettura

Dettagli

AFFIDAMENTO CONDIVISO - SCHEDA

AFFIDAMENTO CONDIVISO - SCHEDA AFFIDAMENTO CONDIVISO - SCHEDA Codice civile Libro I (delle persone e della famiglia) Titolo VI (del matrimonio) Capo V (Dello scioglimento del matrimonio e della separazione dei coniugi) Articolo 149

Dettagli

marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri. Dal

marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri. Dal LA GRIGLIA NORMATIVA RICHIAMATA DALLA FATTISPECIE Le norme di diritto sostanziale Art. 143 Codice Civile: Diritti e doveri reciproci dei coniugi. Con il matrimonio il marito e la moglie acquistano gli

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROVIGO LEGGE 162/14

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROVIGO LEGGE 162/14 PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI ROVIGO LEGGE 162/14 LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE E DIVORZIO A cura della Commissione Negoziazione assistita dell Ordine

Dettagli

RISOLUZIONE N. 65/E. Roma, 16/07/2015

RISOLUZIONE N. 65/E. Roma, 16/07/2015 RISOLUZIONE N. 65/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16/07/2015 OGGETTO: Istanza di interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000. Accordi di negoziazione assistita ex art. 6, comma

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola

Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola IL PROCURATORE AGGIUNTO DELLA REPUBBLICA Prot. n. 752/20151U Nola,16. 2.2015 ~ AI Presidente del Consiglio dell'ordine Forense di Nola ~ AI Dirigente

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

GIOVANNA SPIRITO FORMULARIO DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO

GIOVANNA SPIRITO FORMULARIO DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO GIOVANNA SPIRITO FORMULARIO DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO con CD-rom allegato SOMMARIO PARTE PRIMA - DISCIPLINA GENERALE LA PROCURA ALLE LITI E LE NOTIFICAZIONI 3 1. ATTO DI CONFERIMENTO DELLA PROCURA

Dettagli

Testo coordinato articolo per articolo

Testo coordinato articolo per articolo Testo coordinato articolo per articolo RIFORMA DELLA GIUSTIZIA CIVILE Pubblicazione del testo coordinato del decreto legge 12 settembre 2014 n. 132, con le modifiche apportate in sede di conversione legge

Dettagli

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Renato Amoroso, Giuseppe Buffone, Giuseppe Cernuto, Fippo D Aquino, Fabrizio D Arcangelo, Francesca Fiecconi, Maria Grazia Fiori, Federico Vincenzo Amedeo

Dettagli

CAPO I - ELIMINAZIONE DELL ARRETRATO E TRASFERIMENTO IN SEDE ARBITRALE DEI PROCEDIMENTI CIVILI PENDENTI

CAPO I - ELIMINAZIONE DELL ARRETRATO E TRASFERIMENTO IN SEDE ARBITRALE DEI PROCEDIMENTI CIVILI PENDENTI SCHEMA DI DECRETO-LEGGE RECANTE: MISURE URGENTI DI DEGIURISDIZIONALIZZAZIONE ED ALTRI INTERVENTI PER LA DEFINIZIONE DELL ARRETRATO IN MATERIA DI PROCESSO CIVILE CAPO I - ELIMINAZIONE DELL ARRETRATO E TRASFERIMENTO

Dettagli

Demos rel. 7.0.3 Pag. 1 di 25

Demos rel. 7.0.3 Pag. 1 di 25 Demos rel. 7.0.3 Demos rel. 7.0.3 Pag. 1 di 25 Sommario 1 Stato civile... 3 1.1 Stampa atti Matrimoni II C... 3 1.1.1 Separazione e Divorzio innanzi all ufficiale dello stato civile... 3 1.1.2 DemosWin:

Dettagli

CAPO I - ELIMINAZIONE DELL ARRETRATO E TRASFERIMENTO IN SEDE ARBITRALE DEI PROCEDIMENTI CIVILI PENDENTI

CAPO I - ELIMINAZIONE DELL ARRETRATO E TRASFERIMENTO IN SEDE ARBITRALE DEI PROCEDIMENTI CIVILI PENDENTI SCHEMA DI DECRETO-LEGGE RECANTE: MISURE URGENTI DI DEGIURISDIZIONALIZZAZIONE ED ALTRI INTERVENTI PER LA DEFINIZIONE DELL ARRETRATO IN MATERIA DI PROCESSO CIVILE CAPO I - ELIMINAZIONE DELL ARRETRATO E TRASFERIMENTO

Dettagli

ADR MEDIA - REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE

ADR MEDIA - REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE ADR MEDIA - REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE Articolo 1 Premessa L applicazione del presente regolamento decorre dalle procedure di mediazioni avviate a partire dal 20 Settembre 2013. Il regolamento

Dettagli

SOMMARIO. Prefazione... XVII. Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3

SOMMARIO. Prefazione... XVII. Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3 SOMMARIO SOMMARIO Prefazione... XVII CAP. 1 INVALIDITA` E IRREGOLARITA` MATRIMONIALI Ratio dell istituto e profili normativi... 3 Schemi di dottrina... 3 F001 Formula per far dichiarare nullo il matrimonio

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte I IL MATRIMONIO E I SUOI EFFETTI. LA CONVIVENZA. Sezione I La promessa di matrimonio. ... Pag. 3

INDICE SOMMARIO. Parte I IL MATRIMONIO E I SUOI EFFETTI. LA CONVIVENZA. Sezione I La promessa di matrimonio. ... Pag. 3 Parte I IL MATRIMONIO E I SUOI EFFETTI. LA CONVIVENZA La promessa di matrimonio... Pag. 3 Il matrimonio: celebrazione e invalidità Il matrimonio civile 1) La celebrazione del matrimonio civile... Pag.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa di Gilda Ferrando e Leonardo Lenti. Parte Prima LE FORME DI SEPARAZIONE

INDICE SOMMARIO. Premessa di Gilda Ferrando e Leonardo Lenti. Parte Prima LE FORME DI SEPARAZIONE INDICE SOMMARIO Premessa di Gilda Ferrando e Leonardo Lenti... Pag. XVII Parte Prima LE FORME DI SEPARAZIONE Capitolo I LA SEPARAZIONE CONSENSUALE di Gilda Ferrando 1. Note introduttive... Pag. 3 2. Natura

Dettagli

LEGGE 10 novembre 2014, n. 162

LEGGE 10 novembre 2014, n. 162 LEGGE 10 novembre 2014, n. 162 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132, recante misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione

Dettagli

LA SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI ED IL DIVORZIO

LA SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI ED IL DIVORZIO BRUNO DE FILIPPIS LA SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI ED IL DIVORZIO della coniugale su coppia, famiglia, figli e beni Seconda CASA EDITRICE ANTONIO MILANI 2012 INDICE-SOMMARIO Indice sommario pag. V

Dettagli

Regolamento per l Organismo di Mediazione dell Ordine Avvocati di Novara

Regolamento per l Organismo di Mediazione dell Ordine Avvocati di Novara Regolamento per l Organismo di Mediazione dell Ordine Avvocati di Novara Art. 1, ambito di applicazione. Ai sensi degli articoli due e cinque del D. Lgs. 04/03/2010 n. 28, come modificato dal D. L. 21

Dettagli

Osservatorio per la Giustizia Civile. Sezione Lavoro e Previdenza. del Tribunale di Reggio Calabria PREMESSA

Osservatorio per la Giustizia Civile. Sezione Lavoro e Previdenza. del Tribunale di Reggio Calabria PREMESSA Osservatorio per la Giustizia Civile Sezione Lavoro e Previdenza del Tribunale di Reggio Calabria VADEMECUM DELLE OPERAZIONI PERITALI per le controversie in materia di invalidità civile, handicap e disabilità,

Dettagli

LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. La Camera dei deputati ed il

LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. La Camera dei deputati ed il LEGGE 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Ufficio studi

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Ufficio studi AS 1612 Conversione in legge del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132, recante misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell'arretrato in materia di processo

Dettagli

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione Assegno Mantenimento Approfondimenti e spiegazioni utili sull assegno di mantenimento: cos è, quando è possibile richiederlo, a chi spetta, come viene quantificato e rivalutato e tanto altro. Assegno di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE 1. Il presente regolamento di applica alla procedura di mediazione a fini conciliativi delle controversie civili e commerciali che le parti intendono risolvere bonariamente.

Dettagli

LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA Commento al d.l. n. 132/2014 conv. in l. n. 162/2014 (a cura di I. BADARACCO - S. PALOMBI - L.VECCHIONE)

LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA Commento al d.l. n. 132/2014 conv. in l. n. 162/2014 (a cura di I. BADARACCO - S. PALOMBI - L.VECCHIONE) LA NEGOZIAZIONE ASSISTITA Commento al d.l. n. 132/2014 conv. in l. n. 162/2014 (a cura di I. BADARACCO - S. PALOMBI - L.VECCHIONE) 1 INDICE CAP. 1. La negoziazione assistita (LEONARDO VECCHIONE) Par. 1.

Dettagli

Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli"

Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli LEGGE 8 febbraio 2006, n.54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 La Camera dei deputati ed il

Dettagli

Articoli tratti dalla newsletter Studio Cataldi - Quotidiano Giuridico, Studio Cataldi, Ascoli Piceno http://www.studiocataldi.it

Articoli tratti dalla newsletter Studio Cataldi - Quotidiano Giuridico, Studio Cataldi, Ascoli Piceno http://www.studiocataldi.it 13/10/2014 L'assegno di mantenimento piccola guida Il dovere di assistenza morale e materiale e l'obbligo di mantenimento del coniuge separato Prima di affrontare il tema della determinazione e della corresponsione

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE. Art. 1. Oggetto ed ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE. Art. 1. Oggetto ed ambito di applicazione REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1 Oggetto ed ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina la procedura di mediazione finalizzata alla conciliazione di una controversia. Possono costituire oggetto

Dettagli

RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE

RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE Con ricorso, depositato in data 3.2.2012, C chiedeva a questo Tribunale di dichiarare la cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario contratto

Dettagli

NEGOZIAZIONE ASSISTITA. UN NUOVO INTOPPO O UN OPPORTUNITÀ? di DIEGO PISELLI

NEGOZIAZIONE ASSISTITA. UN NUOVO INTOPPO O UN OPPORTUNITÀ? di DIEGO PISELLI NEGOZIAZIONE ASSISTITA. UN NUOVO INTOPPO O UN OPPORTUNITÀ? di DIEGO PISELLI La negoziazione assistita. La più interessante tra le misure di degiurisdizionalizzazione dello scorso settembre è stata l introduzione

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

Sommario. I La formazione della coppia... 13. Presentazione...9

Sommario. I La formazione della coppia... 13. Presentazione...9 Presentazione...9 I La formazione della coppia... 13 1 Le scelte possibili...15 1 Come ufficializzare un unione...15 2 I tipi di matrimonio...15 Matrimonio civile o religioso? Il matrimonio concordatario

Dettagli

La nuova disciplina della separazione e del divorzio consensuali

La nuova disciplina della separazione e del divorzio consensuali scheiden La nuova disciplina della separazione e del divorzio consensuali adempimenti prescritti per l ufficiale di stato civile 1 Separare - riconciliare - divorziare separazione personale riconciliazione

Dettagli

D.L. 12 settembre 204 n. 132 convertito in Legge 10 novembre 2014 n. 162 ( in vigore dall 11 novembre 2014)

D.L. 12 settembre 204 n. 132 convertito in Legge 10 novembre 2014 n. 162 ( in vigore dall 11 novembre 2014) Il ruolo del Notaio D.L. 12 settembre 204 n. 132 convertito in Legge 10 novembre 2014 n. 162 ( in vigore dall 11 novembre 2014) Art. 2 : CONVENZIONE DI NEGOZIAZIONE ASSISTITA È l accordo mediante il quale

Dettagli

LE NOVITA INTRODOTTE ALLA DISCIPLINA DELLA MEDIAZIONE CIVILE DAL c.d. DECRETO DEL FARE CONVERTITO IN LEGGE. Articolo di Giulio SPINA

LE NOVITA INTRODOTTE ALLA DISCIPLINA DELLA MEDIAZIONE CIVILE DAL c.d. DECRETO DEL FARE CONVERTITO IN LEGGE. Articolo di Giulio SPINA Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 18.9.2013 La Nuova Procedura Civile, 4, 2013 ----------------------------------------------- LE NOVITA INTRODOTTE

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 132. (GU n.261 del 10-11-2014 - Suppl. Ordinario n. 84) Capo I

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 132. (GU n.261 del 10-11-2014 - Suppl. Ordinario n. 84) Capo I TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 132 Testo del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 212 del 12 settembre 2014), coordinato con la

Dettagli

La mediazione finalizzata alla conciliazione. Diritti riservati 1

La mediazione finalizzata alla conciliazione. Diritti riservati 1 La mediazione finalizzata alla conciliazione Diritti riservati 1 1. Regolamentazione Dlgs. 4 marzo 2010 n. 28 (come mod. art. 84 DL 21.6.2013 n.69, L. di conv. 9.8.2013 n.98) Capo I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

LA SEPARAZIONE CONSENSUALE ALLA LUCE DELLA LEGGE DI RIFORMA N. 54 DELL 8/02/2006

LA SEPARAZIONE CONSENSUALE ALLA LUCE DELLA LEGGE DI RIFORMA N. 54 DELL 8/02/2006 LA SEPARAZIONE CONSENSUALE ALLA LUCE DELLA LEGGE DI RIFORMA N. 54 DELL 8/02/2006 La separazione personale dei coniugi è un istituto regolamentato dalle norme del codice civile (artt. 150 e ss.), dal codice

Dettagli

PREDISPOSIZIONE DI UN MODELLO DI LETTERA-PROPOSTA DI CONVENZIONE E PREDISPOSIZIONE DI UN MODELLO DI CONVENZIONE. Urbano Rosa Francesco Samà

PREDISPOSIZIONE DI UN MODELLO DI LETTERA-PROPOSTA DI CONVENZIONE E PREDISPOSIZIONE DI UN MODELLO DI CONVENZIONE. Urbano Rosa Francesco Samà PREDISPOSIZIONE DI UN MODELLO DI LETTERA-PROPOSTA DI CONVENZIONE E PREDISPOSIZIONE DI UN MODELLO DI CONVENZIONE. Urbano Rosa Francesco Samà INTRODUZIONE Il nostro lavoro ha fatto emergere alcune criticità

Dettagli

TRIBUNALE DI RICORSO PER LA PRONUNCIA DI CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO. il Sig. XXX, nato il..,residente in.

TRIBUNALE DI RICORSO PER LA PRONUNCIA DI CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO. il Sig. XXX, nato il..,residente in. TRIBUNALE DI RICORSO PER LA PRONUNCIA DI CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO Ill.mo Sig. Presidente, il Sig. XXX, nato il..,residente in., via, n., c.f.:., rappresentato e difeso, come da procura

Dettagli

Adozione del regolamento concernente la risoluzione delle controversie insorte nei rapporti tra organismi di telecomunicazioni ed utenti

Adozione del regolamento concernente la risoluzione delle controversie insorte nei rapporti tra organismi di telecomunicazioni ed utenti Delibera n. 182/02/CONS Adozione del regolamento concernente la risoluzione delle controversie insorte nei rapporti tra organismi di telecomunicazioni ed utenti Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana

Dettagli

Art. 150. Separazione personale.

Art. 150. Separazione personale. CODICE CIVILE Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo VI Del matrimonio Capo V Dello scioglimento del matrimonio e della separazione dei coniugi Art. 149. Scioglimento del matrimonio. Il matrimonio

Dettagli

UNIONE ITALIANI NEL MONDO

UNIONE ITALIANI NEL MONDO IM UNIONE ITALIANI NEL MONDO CITTADINANZA ITALIANA DIRITTI E PROCEDURE Introduzione Il possesso della cittadinanza italiana indica l appartenenza allo Stato italiano e serve per avvalersi dei diritti

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 ORE ARGOMENTO NOTE DOCENTI 1 6 ore PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DEL PROGRAMMA

Dettagli

Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell'arretrato in materia di processo civile.

Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell'arretrato in materia di processo civile. DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 132 Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell'arretrato in materia di processo civile. (14G00147) (GU n.212 del 12-9-2014)

Dettagli

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali...

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali... INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. Il diritto di famiglia in senso oggettivo e la nozione di famiglia....... 1 2. L evoluzione della famiglia nel contesto sociale........... 3 3. Il ruolo

Dettagli

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it Affido condiviso di Maria Elena Bagnato Altalex.it In virtù dell istituto dell affidamento condiviso la potestà genitoriale è esercitata da entrambi i genitori che assumono, di comune accordo, le decisioni

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1481

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1481 Senato della Repubblica Fascicolo Iter DDL S. 1481 Modifiche in tema di separazione personale tra coniugi, scioglimento e cessazione degli effetti civili del matrimonio e successione ereditaria del coniuge

Dettagli

Saperne di più. Mediazione Civile. Guida informativa Il procedimento di mediazione civile: informazioni utili per parti e assistenti di parte

Saperne di più. Mediazione Civile. Guida informativa Il procedimento di mediazione civile: informazioni utili per parti e assistenti di parte partner del ICAF - Istituto di Conciliazione e Alta Formazione Via Copernico n.30 20125 Milano Tel.02.67.07.18.77 Fax 02.66.71.56.81 mail info@istitutoicaf.it sito web www.istitutoicaf.it Organismo di

Dettagli

Ordine degli Avvocati dì Pordenów* Palazzo di Giustizia Piazzale Giustinìano, 7 33170 Pordenone

Ordine degli Avvocati dì Pordenów* Palazzo di Giustizia Piazzale Giustinìano, 7 33170 Pordenone * Ordine degli Avvocati dì Pordenów* Palazzo di Giustizia Piazzale Giustinìano, 7 33170 Pordenone Pordenone, 5 agosto 2010 Ai Signori Avvocati e Praticanti Avvocati di Pordenone Loro Indirizzi Oggetto:

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario...

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario... INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario...» XIII CAPITOLO I DALLA RIFORMA DEL 1987 ALLA RIFORMA DEL 2006 1. Breve

Dettagli

Procedura di negoziazione assistita da un avvocato. Relazione

Procedura di negoziazione assistita da un avvocato. Relazione Procedura di negoziazione assistita da un avvocato Relazione Si tratta di una procedura conciliativa alternativa al contenzioso, che riconosce alle parti il potere di autoregolamentazione dei loro rapporti

Dettagli

Guida ipertestuale alla lettura del. Decreto-Legge 12 settembre 2014, n.132 coordinato con la legge di conversione 10 novembre 2014, n.

Guida ipertestuale alla lettura del. Decreto-Legge 12 settembre 2014, n.132 coordinato con la legge di conversione 10 novembre 2014, n. Guida ipertestuale alla lettura del Decreto-Legge 12 settembre 2014, n.132 coordinato con la legge di conversione 10 novembre 2014, n. 162 recante: «Misure urgenti di degiurisdinalizzazione ed altri interventi

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROCEDURA DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE MEDIAMO ADR

REGOLAMENTO DI PROCEDURA DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE MEDIAMO ADR REGOLAMENTO DI PROCEDURA DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE MEDIAMO ADR 1. NOME: L organismo di mediazione è denominato: Mediamo ADR ; 2. SEDE: La sede principale è stabilita in Napoli alla Via San Giacomo,

Dettagli

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale INDICE SOMMARIO Premessa... 5 CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Separazione giudiziale 1. Ricorso per separazione giudiziale senza richiesta di dichiarazione di addebito e senza provvedimenti

Dettagli

Regolamento di mediazione

Regolamento di mediazione Regolamento di mediazione Gennaio 2015 www.adrcenter.com ADR Center è iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 1 del registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione. Regolamento

Dettagli

PREVENTIVO DI MASSIMA. OGGETTO: Cliente // Controparte (Tribunale di. ) Vertenza risarcimento danni Valore della causa.

PREVENTIVO DI MASSIMA. OGGETTO: Cliente // Controparte (Tribunale di. ) Vertenza risarcimento danni Valore della causa. Verona, Gentile Cliente Via.. C.F... PREVENTIVO DI MASSIMA OGGETTO: Cliente // Controparte (Tribunale di. ) Vertenza risarcimento danni Valore della causa. Come da Sua cortese richiesta, con la presente,

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI SEZIONE CIVILE PRIMA BIS Ufficio del Giudice tutelare FOGLIO INFORMATIVO

TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI SEZIONE CIVILE PRIMA BIS Ufficio del Giudice tutelare FOGLIO INFORMATIVO TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI SEZIONE CIVILE PRIMA BIS Ufficio del Giudice tutelare FOGLIO INFORMATIVO AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO (legge 9 gennaio 2004, n. 6) PERCHE SI CHIEDE L amministrazione di sostegno

Dettagli

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO Tomo III Formulario A cura di Michele Angelo Lupoi Con la collaborazione di Carmen Spadea e Silvia Ballestrazzi Indice F01. Modello procura con informativa sulla privacy...

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DELLA PROCEDURA DI MEDIAZIONE Art. 1 Disposizioni generali Art. 1.1 Premessa Art. 1.2 Cariche Art. 2 Avvio della procedura di mediazione 2.1 Richiesta di avvio 2.2 Avvio della mediazione 2.3

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Commissione per lo studio della mediazione e della conciliazione

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Commissione per lo studio della mediazione e della conciliazione Sommario: 1. La competenza territoriale dell Organismo di mediazione 2. L assistenza tecnica 3. Il primo incontro di mediazione 4- L accordo conciliativo 5 Organismi di mediazione forense e revisione delle

Dettagli

IL RICORSO ALLA MEDIAZIONE FAMILIARE NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE GIUDIZIALE

IL RICORSO ALLA MEDIAZIONE FAMILIARE NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE GIUDIZIALE Riassunto IL RICORSO ALLA MEDIAZIONE FAMILIARE NEI PROCEDIMENTI DI SEPARAZIONE GIUDIZIALE Anna Bertoni Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano Questa ricerca ha voluto verificare se e in quali condizioni

Dettagli

21. RICORSO PER SEPARAZIONE PERSONALE GIUDIZIALE

21. RICORSO PER SEPARAZIONE PERSONALE GIUDIZIALE Parte Terza. La separazione personale dei coniugi 21. RICORSO PER SEPARAZIONE PERSONALE GIUDIZIALE TRIBUNALE DI... (1) Ricorso per separazione giudiziale dei coniugi PER..., nata a... (...), il... cod.

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Maggio 2015 Fondazione AEQUITAS A.D.R. Organismo privato di mediazione riconosciuto dal Ministero di Grazia e Giustizia iscritto al n.5 del registro degli organismi abilitati

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO SEPARAZIONE E DIVORZIO Prefazione... XIII I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI 1 SEPARAZIONE CONSENSUALE E CONIUGI ECONOMICAMENTE AUTONOMI La questione... 3 Analisi dello scenario... 3 Inquadramento strategico...

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Ai sensi della disciplina del D.Lgs. 4 marzo 200 n. 28 e successive modificazioni, e al D.I. 18 ottobre 2010 n.180 e successive modificazioni. Siracusa Via Francofonte, 2 Tel.

Dettagli

ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MATERA. Regolamento della procedura di mediazione

ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MATERA. Regolamento della procedura di mediazione ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MATERA Regolamento della procedura di mediazione 1 Oggetto e principi generali. Il presente regolamento (in seguito denominato Regolamento ) disciplina

Dettagli

FILIAZIONE LE FONTI: Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA

FILIAZIONE LE FONTI: Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA Avv. Emanuella Uberti FILIAZIONE LE FONTI: Costituzione 1948 RD 262/42 (C.C.) libro I L. 151

Dettagli

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli.

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli. L. 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 1 marzo 2006, n. 50) Art.1 Modifiche al codice civile. 1. L'articolo

Dettagli

La normativa di riferimento sul divorzio

La normativa di riferimento sul divorzio Modulo 1 > DOCUMENTI 1 La normativa di riferimento sul divorzio Legge 1 dicembre 1970, n. 898 (in Gazz. Uff., 3 dicembre, n. 306) Disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio Articolo 1. 1. Il giudice

Dettagli

CAPITOLO III CAPITOLO IV

CAPITOLO III CAPITOLO IV CAPITOLO I GLI EFFETTI PATRIMONIALI DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO 1. Gli effetti patrimoniali della separazione e del divorzio.... 2 2. La relazione con il c.d. regime primario della famiglia.... 5

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DI CONCILIAZIONE/MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DI CONCILIAZIONE/MEDIAZIONE ORDINE DEGL I A V V OCATI DI LECCE ORGANISMO DI CONCILIAZIONE REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DI CONCILIAZIONE/MEDIAZIONE Art. 1 PRINCIPI GENERALI 1. La Conciliazione/Mediazione è una procedura, comunque denominata,

Dettagli

Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano (siamo a 30 mt MM3 angolo Vittor Pisani/Piazza della Repubblica)

Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano (siamo a 30 mt MM3 angolo Vittor Pisani/Piazza della Repubblica) Agata Christie Investigation Sas Via Luigi Razza 4 20124 Milano Milano Tel. 02 344223 Fax 02 344189 E-mail: max@agatachristie.it website: http://www.agatachristie.it Sede: Via Luigi Razza, 4-20124 Milano

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MORANI, D ALESSANDRO. Modifiche al codice civile e altre disposizioni in materia di accordi prematrimoniali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MORANI, D ALESSANDRO. Modifiche al codice civile e altre disposizioni in materia di accordi prematrimoniali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2669 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MORANI, D ALESSANDRO Modifiche al codice civile e altre disposizioni in materia di accordi

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Osservatorio per la giustizia civile di Milano. Protocollo per i procedimenti ex artt.155 317 bis c.c.

Osservatorio per la giustizia civile di Milano. Protocollo per i procedimenti ex artt.155 317 bis c.c. Osservatorio per la giustizia civile di Milano Protocollo per i procedimenti ex artt.155 317 bis c.c. Norme di carattere generale Art. 1 Richiamo alle disposizioni previste dal protocollo per le udienze

Dettagli

Presentazione... 9 Abbreviazioni usate nel presente testo... 10. Capitolo 1 ± Obblighi nascenti dal matrimonio

Presentazione... 9 Abbreviazioni usate nel presente testo... 10. Capitolo 1 ± Obblighi nascenti dal matrimonio Presentazione... 9 Abbreviazioni usate nel presente testo... 10 Capitolo 1 ± Obblighi nascenti dal matrimonio 1.1 Diritti e obblighi costituzionali... 11 1.2 Obblighi previsti dal codice civile... 12 1.2.1

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI. 1. Scrittura privata avente ad oggetto il conferimento dell incarico professionale

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI. 1. Scrittura privata avente ad oggetto il conferimento dell incarico professionale INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI 1. Scrittura privata avente ad oggetto il conferimento dell incarico professionale...3 2. Dichiarazione del valore della controversia al fine della determinazione

Dettagli

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi?

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi? D.- In caso di separazione, in assenza dei figli, può essere disposta dal giudice l assegnazione della casa coniugale? R.- Ove non vi sia prole convivente, questo tipo di tutela non ha più ragione di sussistere

Dettagli

Le nuove frontiere normative per regolare le relazioni familiari. fra procedure negoziali amministrative e giudiziali. Avv. Maria Elena Guarini

Le nuove frontiere normative per regolare le relazioni familiari. fra procedure negoziali amministrative e giudiziali. Avv. Maria Elena Guarini Le nuove frontiere normative per regolare le relazioni familiari fra procedure negoziali amministrative e giudiziali Avv. Maria Elena Guarini Le relazioni familiari, ed anche le norme di diritto sostanziale,

Dettagli

comma 2 : in alternativa possono chiedere al datore di lavoro di usufruire di 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del 3 anno

comma 2 : in alternativa possono chiedere al datore di lavoro di usufruire di 2 ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del 3 anno GUIDA PER IL RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI HANDICAP (LEGGE 104/92) La legge sull handicap prevede interventi volti concretamente a prevenire e rimuovere le condizioni invalidanti che impediscono lo sviluppo

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI BOLOGNA

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI BOLOGNA OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI BOLOGNA PROTOCOLLO PER I PROCEDIMENTI IN MATERIA DI FAMIGLIA E PERSONE in particolare, procedimenti in materia di: separazione e divorzio (compresi i giudizi di revisione,

Dettagli

Regolamento dell organismo di mediazione ADR Notariato s.r.l.

Regolamento dell organismo di mediazione ADR Notariato s.r.l. Regolamento dell organismo di mediazione ADR Notariato s.r.l. PREMESSE ADR Notariato Srl è un organismo di mediazione iscritto al registro tenuto ai sensi del Decreto del Ministero della Giustizia n. 180

Dettagli

Diritti di avvocato. Pagina 1 di 5

Diritti di avvocato. Pagina 1 di 5 TABELLA B - DIRITTI DI AVVOCATO (redatta dall'autore) I - PROCESSO DI COGNIZIONE E PROCEDIMENTI SPECIALI E CAMERALI DAVANTI AI GIUDICI ORDINARI, AI GIUDICI AMMINISTRATIVI, TRIBUTARI E SPECIALI, AGLI ARBITRI

Dettagli

In evidenza il testo abrogato. Modifiche al Decreto Legislativo 4 marzo 2010 n. 28

In evidenza il testo abrogato. Modifiche al Decreto Legislativo 4 marzo 2010 n. 28 Mediazione: effetti della sentenza della Corte Costituzionale Sentenza 272/2012 - Pres.: QUARANTA, Red.: CRISCUOLO, deposito del 06/12/2012, pubblicazione in G.U. 1 Serie Speciale Corte Costituzionale

Dettagli

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE DELL ORGANISMO MC&F Srl

REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE DELL ORGANISMO MC&F Srl REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE DELL ORGANISMO MC&F Srl APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento si applica alla procedura di mediazione a fini conciliativi (Mediazione ai sensi dei Decreti

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROCEDURA. Art. 1 Ambito di applicazione. Art. 2 Attivazione del procedimento. Domanda di mediazione

REGOLAMENTO DI PROCEDURA. Art. 1 Ambito di applicazione. Art. 2 Attivazione del procedimento. Domanda di mediazione REGOLAMENTO DI PROCEDURA Art. 1 Ambito di applicazione 1. Ai sensi dell art. 2 del D.lgs. n. 28/2010, il presente regolamento é applicabile alla mediazione per la conciliazione di controversie civili e

Dettagli

MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE

MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE CONVEGNO 4 NOVEMBRE 2013 a cura della Commissione di studio sulla Mediazione Arbitrato e Conciliazione MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE a cura della Dott.ssa Lidia Leone 1 MEDIAZIONE SI RIPARTE La nuova

Dettagli

LA SEPARAZIONE PERSONALE TRA I CONIUGI

LA SEPARAZIONE PERSONALE TRA I CONIUGI INDICE PREMESSA LA SEPARAZIONE PERSONALE TRA I CONIUGI 1. ASPETTI GENERALI a) gli effetti b) la giurisdizione e la competenza c) la legge applicabile 2. IL PROCEDIMENTO a) il ricorso b) la notificazione

Dettagli