FONDO INTEGRATIVO SANITARIO DIRIGENTI AZIENDE FIAT REGOLAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDO INTEGRATIVO SANITARIO DIRIGENTI AZIENDE FIAT REGOLAMENTO"

Transcript

1 FISDAF FONDO INTEGRATIVO SANITARIO DIRIGENTI AZIENDE FIAT REGOLAMENTO NORME GENERALI - PRESTAZIONI C.so Massimo D Azeglio, Torino

2 Indice Premessa Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Iscrizioni e adesioni 2.1 Dirigenti in servizio 2.2 Dirigenti pensionati 2.3 Dirigenti non più in servizio, con diritto a pensione entro 8 anni dalla risoluzione del rapporto di lavoro 2.4 Dirigenti di cui all art. 2.3 divenuti pensionati 2.5 Ex-pensionati di invalidità, a seguito di revoca o sospensione del trattamento pensionistico 2.6 Titolari di pensione ai superstiti o di reversibilità 2.7 Adesioni di altri soggetti, ai sensi dell art. 6.4 dello Statuto 2.8 Dirigenti aderenti, ai sensi dell art. 6.5 dello Statuto Art. 3 Ritardate richieste di adesione Art. 4 Titolare dell assistenza: Capo Nucleo Familiare Art. 5 Decadenza - Riammissioni 5.1 Decadenza Cessazione Esclusione Sospensione Rinuncia volontaria 5.2 Riammissione Art. 6 Decesso del titolare dell assistenza Subentro eredi nelle posizioni creditorie e/o debitorie Art. 7 Familiari aventi titolo per essere assistiti 7.1 Coniuge 7.2.a Figli legittimi o equiparati dalla legge fino al compimento del 18 anno di età 7.2.b Altri figli fino al compimento del 18 anno di età 7.3.a Figli legittimi o equiparati dalla legge, in età compresa tra i 18 e 26 anni compiuti, studenti o militari di leva 7.3.b Altri figli in età compresa tra i 18 e 26 anni compiuti, studenti o militari di leva 7.4.a Figli in età compresa tra i 18 e 26 anni compiuti, né studenti né militari di leva 7.4.b Altri figli in età compresa tra i 18 e 26 anni compiuti, né studenti né militari di leva 7.5 Figli in età compresa tra 26 e 30 anni compiuti 7.6 Figli legittimi ed equiparati, invalidi, indipendentemente dall età 7.7 Genitori del dirigente 7.8 Altri parenti entro il 2 grado del dirigente 2

3 Art. 8 Decorrenza, proroga/riammissione e scadenza dell assistenza dei familiari a. Decorrenza dell ammissione b. Proroga/Riammissione dell assistenza c. Scadenza Art. 9 Vivenza a carico dei familiari Art. 10 Documento di iscrizione/adesione Art. 11 Iscrizioni di dirigenti di nuove Società del Gruppo FIAT Art. 12 Adesioni di dirigenti di Società non del Gruppo FIAT Art. 13 Ricupero prestazioni non spettanti Art. 14 Contributi Art. 15 Forme dell assistenza a. Anticipo b. Acconto Art. 16 Ambito territoriale Art. 17 Iniziative a supporto degli assistiti Art. 18 Richieste di concorso spese Modalità Documentazioni da presentare Art. 19 Termini per l ammissione delle richieste di concorso spese Art. 20 Ricoveri ospedalieri e day hospital 20.1 Ricoveri ospedalieri e/o day hospital in Italia, a totale carico del Servizio Sanitario Nazionale: indennità giornaliera 20.2 Ricoveri ospedalieri e/o day hospital in Italia a pagamento 20.3 Ricoveri ospedalieri e/o day hospital all Estero 20.4 Norme generali e massimali Art. 21 Ricoveri per lungodegenze e malattie croniche 21.a Ricovero o periodo di ricovero presso qualsiasi struttura ospedaliera 21.b Ricoveri presso istituzioni pubbliche o private adibite all assistenza di persone non autosufficienti Art. 22 Assistenza infermieristica 22.a Assistenza infermieristica in ricovero 22.b Assistenza infermieristica domiciliare 22.c Assistenza domiciliare a persona non autosufficiente 3

4 Art. 23 Prestazioni odontoiatriche 23.a Cure odontoiatriche e protesiche 23.b Cure ortodontiche Art. 24 Esami diagnostici e strumentali Esami di laboratorio Art. 25 Terapia fisica Art. 26 Visite specialistiche Visite pediatriche - Consulti Art. 27 Interventi chirurgici ambulatoriali Art. 28 Trasporto infermi Art. 29 Occhiali Lenti a contatto 29.a Occhiali 29.b Lenti a contatto Art. 30 Protesi e presidi sanitari 30.a Apparecchi acustici 30.b Busti ortopedici Cinti erniari Collari ortopedici Corsetti ortopedici Tutori ortopedici 30.c Protesi ortopediche di organi funzionali Art. 31 Quota a carico assistito (ticket) per prestazioni medico/diagnostiche rese in regime di Servizio Sanitario Nazionale Art. 32 Erogazioni Integrative Art. 33 Prestazioni escluse 4

5 PREMESSA In alcuni articoli che seguono è richiesto al Socio di fornire dati personali, relativi a se stesso ed ai propri familiari, e di esibire documentazione sanitaria (es. copia di cartella clinica). Il conferimento dei dati in argomento è facoltativo ma indispensabile per l instaurazione del rapporto associativo, per la sua gestione e per il conseguimento delle prestazioni del FISDAF, vale a dire il pagamento di rimborsi di parte delle spese sanitarie sostenute dai soci e dai loro familiari assistiti. In tale modo il Fondo acquisisce dati, che la legge n. 675/1996 definisce sensibili e che possono essere oggetto di trattamento solo con il consenso scritto degli interessati: consenso che viene richiesto in occasione della prima iscrizione/adesione del socio al FISDAF. Il Fondo da parte sua si impegna all elaborazione e conservazione dei suddetti dati, nel più rigoroso rispetto della riservatezza e in applicazione a quanto stabilito dalla citata norma legislativa. b) Per soggetti medici citati negli articoli che seguono si intendono quelli abilitati alla professione medica secondo la legislazione italiana ed iscritti, come tali, all Ordine dei medici e degli Odontoiatri nonché quelli ad essi equiparati, in base alla legge italiana, se abilitati all estero. Per le prestazioni effettuate in paese estero si intendono soggetti medici quelli riconosciuti come tali secondo la legislazione di quel paese. 5

6 Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento, predisposto e approvato ai sensi dell art lett. k) dello Statuto, disciplina l attività del Fondo Integrativo Sanitario Dirigenti Aziende Fiat FISDAF -, in attuazione delle norme statutarie. E fatto obbligo a tutti i soci l osservanza delle presenti norme regolamentari. L inosservanza per qualsiasi motivo di dette norme sarà oggetto di valutazione da parte del Fondo, con l applicazione dei provvedimenti previsti dagli specifici articoli del presente Regolamento. Art. 2 - Iscrizioni e adesioni 2.1 Dirigenti in servizio L iscrizione dei dirigenti in servizio, di cui all art. 5 dello Statuto, e l adesione dei dirigenti in servizio, di cui all art. 6.3 dello Statuto, deve essere formalizzata dagli interessati utilizzando la modulistica predisposta dal FISDAF. L interessato deve tempestivamente comunicare: i propri dati anagrafici; la data di costituzione del rapporto di lavoro con la qualifica di dirigente, che dà titolo all iscrizione; la Società datrice di lavoro; i dati e le informazioni richiesti e riguardanti i familiari che abbiano diritto all assistenza al momento della propria iscrizione o adesione, come previsto dall art. 7 del presente Regolamento e allegando, comunque, un certificato di stato di famiglia o documento ritenuto equivalente dal Fondo; i dati e le informazioni utili ai fini dell accredito in c/c bancario dei concorsi spese spettanti. Tutte le variazioni dei dati anagrafici (indirizzo, variazione nucleo familiare, ecc) nonché le variazioni dei dati bancari debbono essere segnalate per scritto a firma esclusivamente del titolare capo-nucleo oppure da persona specificatamente delegata (su presentazione di procura notarile, tutela, nomina a curatore, ecc.). L iscrizione o l adesione del dirigente in servizio ha effetto dalla data di nomina a dirigente o assunzione con tale qualifica, semprechè la Società di appartenenza faccia già parte del FISDAF ovvero dalla data di iscrizione/adesione della Società, qualora questa non ne faccia ancora parte. L iscrizione o adesione cessa di avere validità alla data della cessazione del rapporto di lavoro con effetto dal termine dell eventuale periodo di preavviso, anche se sostituito dalla corrispondente indennità, o dalla data di uscita dal Fondo della Società di appartenenza. 6

7 2.2 Dirigenti pensionati E condizione fondamentale per il titolo all adesione al FISDAF come Dirigente in pensione, che non sussista interruzione tra la data di risoluzione del rapporto di lavoro o di termine di preavviso e la data di decorrenza del trattamento pensionistico. L adesione è volontaria: il dirigente in pensione, di cui all art. 6.1, 1 e 2 comma e art. 6.3 dello Statuto, deve avanzare specifica richiesta di adesione ai fini del diritto al riconoscimento delle prestazioni del FISDAF. Non sono ammesse interruzioni tra l iscrizione come dirigente in servizio e l adesione in qualità di pensionato. La richiesta di adesione deve essere manifestata per iscritto dall interessato, su apposita modulistica predisposta dal FISDAF e deve essere fatta pervenire al FISDAF entro 60 giorni dalla cessazione dell attività lavorativa, anche in caso di corresponsione dell indennità sostitutiva di preavviso. E necessario che la richiesta, entro i termini stabiliti, sia inoltrata individualmente con Raccomandata R.R. o con consegna a mano alla segreteria del FISDAF che rilascerà all interessato apposita ricevuta. E condizione statutaria vincolante per il mantenimento del rapporto di adesione al Fondo che, successivamente alla risoluzione del rapporto di lavoro, il dirigente in pensione non intrattenga qualunque altro tipo di attività lavorativa subordinata, in Italia o all estero, e/o comunque non abbia titolo proprio per fruire di prestazioni da parte di Fondo/Cassa o di altro ente di assistenza sanitaria integrativa. La domanda di adesione deve contenere, a firma e sotto la responsabilità del capo-nucleo: i dati anagrafici dell interessato; l indicazione della Società datrice di lavoro contraente l ultimo rapporto di lavoro; la data di effettiva cessazione dell attività lavorativa subordinata e l eventuale data del termine del preavviso sostituito dalla relativa indennità; la prevista data di decorrenza del trattamento pensionistico; la dichiarazione di conoscere il vincolo statutario a non intraprendere altra attività lavorativa subordinata dopo la cessazione del rapporto di lavoro, quale causa di decadenza definitiva dell adesione al FISDAF; la dichiarazione di essere a conoscenza che il mantenimento del proprio titolo all assistenza FISDAF rimane subordinato alla condizione che, per la Società di sua ultima appartenenza, o suoi aventi causa, continuino a sussistere i requisiti e le obbligazioni disposte dagli artt. 5 o 6.3 del vigente Statuto; i dati e le informazioni richiesti e riguardanti i familiari che abbiano diritto all assistenza al momento dell adesione del dirigente in pensione, come stabilito dall art. 7 del presente Regolamento; i dati e le informazioni utili ai fini dell accredito in c/c bancario dei concorsi spese spettanti; l impegno a corrispondere la quota contributiva FISDAF, stabilita a carico del dirigente in pensione. 7

8 Tutte le variazioni dei dati anagrafici (indirizzo, variazione nucleo familiare, ecc.) nonché le variazioni dei dati bancari debbono essere segnalate per scritto a firma esclusivamente del titolare capo-nucleo oppure da persona specificatamente delegata (su presentazione di procura notarile, tutela, nomina a curatore, ecc.). All atto della domanda, l interessato dovrà documentare la propria potenziale posizione di pensionato allegando (o integrando) alla domanda stessa la copia della richiesta di pensione inoltrata all Istituto previdenziale competente. Inizialmente l adesione sarà accolta dal FISDAF in via provvisoria con effetto a far data dalla risoluzione del rapporto di lavoro o dal termine del preavviso, e ciò anche ai fini della contribuzione dovuta e delle prestazioni del Fondo. Successivamente l adesione sarà accolta in via definitiva nel rispetto di detta decorrenza, solo al momento in cui l interessato sarà in grado di comprovare l effettiva acquisizione del trattamento pensionistico spettante, mediante invio al FISDAF del certificato di liquidazione della pensione, entro e non oltre un anno dalla data presunta di pensionamento comunicata nella domanda. Il mancato invio di detto certificato, salvo idonea giustificazione presentata dall interessato, comporterà la sospensione dalle prestazioni (art del presente Regolamento). Se dal certificato di pensione la data di inizio del pensionamento risulterà successiva a quella precedentemente dichiarata nella domanda, l adesione al Fondo dovrà essere normalizzata - per il periodo non coperto - ai sensi dell art. 6.1, 3 comma, e/o 6.5 dello Statuto. 2.3 Dirigenti non più in servizio, con diritto a pensione entro 8 anni dalla risoluzione del rapporto di lavoro. L adesione di dirigenti non più in servizio, di cui all art. 6.1, 3 comma, dello Statuto, deve essere richiesta entro 60 giorni dalla data della risoluzione del rapporto di lavoro ovvero entro il termine del preavviso, anche se sostituto da indennità, utilizzando l apposito modulo predisposto dal FISDAF. L accettazione della richiesta è subordinata alla convalida del Consiglio d Amministrazione - con valutazione discrezionale e non vincolata - del Fondo e al versamento della contribuzione stabilita dal citato articolo statutario. La domanda di adesione deve contenere, a firma e sotto la responsabilità del capo-nucleo: i dati anagrafici dell interessato; l indicazione della Società datrice di lavoro contraente l ultimo rapporto di lavoro; la data di effettiva cessazione dell attività lavorativa subordinata e l eventuale data del termine del preavviso sostituito dalla relativa indennità; la data prevista - entro 8 anni dalla risoluzione del rapporto di lavoro - di decorrenza del trattamento pensionistico INPDAI/INPS; 8

9 l impegno a versare i contributi volontari all Istituto previdenziale competente, qualora siano necessari, per acquisire il diritto al trattamento pensionistico entro 8 anni dalla risoluzione del rapporto di lavoro; la dichiarazione di conoscere il vincolo statutario a non intraprendere altra attività lavorativa subordinata dopo la cessazione del rapporto di lavoro, quale causa di cessazione dell adesione al FISDAF; la dichiarazione di essere a conoscenza che il mantenimento del proprio titolo all assistenza FISDAF rimane subordinato alla condizione che per la Società di sua ultima appartenenza, o suoi aventi causa, continuino a sussistere i requisiti e le obbligazioni disposte dagli artt. 5 o 6.3 del vigente Statuto; i dati e le informazioni richiesti e riguardanti i familiari, che abbiano diritto all assistenza al momento dell adesione del dirigente interessato, come previsto dall art. 7 del presente Regolamento; i dati e le informazioni utili ai fini dell accredito in c/c bancario dei concorsi spese spettanti; l impegno a far pervenire copia del certificato di liquidazione della pensione; l impegno a corrispondere la quota contributiva FISDAF, stabilita a carico del dirigente, aderente ai sensi dell art. 6.1, 3 comma, dello Statuto. Tutte le variazioni dei dati anagrafici (indirizzo, variazione nucleo familiare, ecc.) nonché le variazioni dei dati bancari debbono essere segnalate per scritto a firma esclusivamente del titolare capo-nucleo oppure da persona specificatamente delegata (su presentazione di procura notarile, tutela, nomina a curatore, ecc.). L adesione, di cui al presente punto 2.3, cessa di avere effetti con l acquisizione da parte dell assistito del trattamento pensionistico. 2.4 Dirigenti di cui all art. 2.3 divenuti pensionati L adesione è volontaria: il dirigente già aderente ai sensi dell art. 6.1, 3 comma, dello Statuto deve avanzare specifica richiesta di adesione in qualità di pensionato, utilizzando la modulistica predisposta dal FISDAF, ai fini del diritto alle prestazioni del Fondo. Non sono ammesse interruzioni tra l adesione volontaria, di cui al precedente punto, e l adesione in qualità di pensionato. Il dirigente già aderente ai sensi dell art. 6.1, 3 comma, dello Statuto, entro 60 giorni dall acquisizione del diritto al trattamento pensionistico, deve presentare richiesta di adesione in qualità di pensionato con l osservanza dei termini, condizioni e modalità, come specificato all art. 2.2 del presente Regolamento. E necessario che la richiesta, entro i termini stabiliti, sia inoltrata individualmente con Raccomandata R.R. o con consegna a mano alla segreteria del FISDAF, che rilascerà all interessato apposita ricevuta. E condizione statutaria vincolante, per il mantenimento del rapporto di adesione al Fondo, che il dirigente in pensione non intrattenga qualunque altro tipo di attività lavorativa subordinata in Italia o 9

10 all estero, e/o comunque non abbia titolo proprio per fruire di prestazioni da parte di Fondo/Cassa o di altro ente di assistenza sanitaria integrativa. La domanda di adesione deve contenere, a firma e sotto la responsabilità del capo-nucleo: i dati anagrafici dell interessato; l indicazione della Società datrice di lavoro contraente l ultimo rapporto di lavoro; la data di effettiva cessazione dell attività lavorativa subordinata e la data del termine del preavviso sostituito dalla relativa indennità; la prevista data di decorrenza del trattamento pensionistico; la dichiarazione di conoscere il vincolo statutario a non intraprendere altra attività lavorativa subordinata, quale causa di cessazione dell adesione al FISDAF; la dichiarazione di essere a conoscenza che il mantenimento del proprio titolo all assistenza FISDAF rimane subordinato alla condizione che per la Società di sua ultima appartenenza, o suoi aventi causa, continuino a sussistere i requisiti e le obbligazioni disposte dagli artt. 5 o 6.3 del vigente Statuto; i dati e le informazioni richiesti e riguardanti i familiari, che abbiano diritto all assistenza al momento dell adesione del dirigente in pensione, come previsto dall art. 7 del presente Regolamento; i dati e le informazioni utili ai fini dell accredito in c/c bancario dei concorsi spese spettanti; l impegno a corrispondere la quota contributiva FISDAF, stabilita a carico del dirigente in pensione. Tutte le variazioni dei dati anagrafici (indirizzo, variazione nucleo familiare, ecc) nonché le variazioni dei dati bancari debbono essere segnalate per scritto a firma esclusivamente del titolare capo-nucleo oppure da persona specificatamente delegata (su presentazione di procura notarile, tutela, nomina a curatore, ecc.). 2.5 Ex pensionati di invalidità, a seguito di revoca o sospensione del trattamento pensionistico. Qualora intervenga un provvedimento definitivo di sospensione o di revoca del trattamento pensionistico di invalidità, all interessato si applicano le disposizioni contenute nell art. 2.3 del presente Regolamento. 2.6 Titolari di pensione ai superstiti o di reversibilità Il decesso del dirigente in servizio sospende l adesione al FISDAF per i familiari già assistiti al momento del decesso, i quali conserveranno comunque il diritto alle prestazioni sino al termine del periodo corrispondente all indennità sostitutiva del preavviso, prevista per legge. Il decesso del dirigente pensionato o aderente ai sensi dell art. 6.1, 3 comma, dello Statuto sospende l adesione al FISDAF per i familiari assistiti dal Fondo al momento del decesso. 10

11 Coloro che, a seguito del decesso del dirigente, conseguano il diritto alla pensione per superstiti o di reversibilità e semprechè già assistiti dal FISDAF in quel momento, hanno titolo al proseguimento delle prestazioni del Fondo fino a che permane il diritto al trattamento pensionistico per superstiti o per reversibilità. A tal fine devono avanzare richiesta di adesione, ai sensi dell art. 6.2 dello Statuto, inoltrandola direttamente al FISDAF con l apposito modulo predisposto dal Fondo. L esercizio della facoltà di adesione e tutti i rapporti con il FISDAF fanno capo al soggetto che assume il ruolo di Capo-nucleo, come disciplinato più innanzi all art. 4 del presente Regolamento, subentrando come tale al dirigente capo-nucleo deceduto. La richiesta di adesione deve essere espressa non oltre 60 giorni dalla data del decesso del dirigente e deve essere inoltrata a mezzo Raccomandata R.R. ovvero con consegna a mano alla Segreteria del FISDAF, che rilascerà all interessato dichiarazione di ricezione. Tale richiesta, alla quale dovrà essere sempre allegato un certificato di morte del dirigente, deve contenere, a firma e sotto la responsabilità del capo-nucleo: i dati anagrafici dell interessato; la dichiarazione di essere a conoscenza delle condizioni, di cui all art. 6.2 dello Statuto, in base alle quali l adesione dei superstiti è subordinata all acquisizione ed alla conservazione del diritto al trattamento pensionistico di superstite o di reversibilità e purchè non godano o non abbiano titolo proprio per fruire di altra assistenza sanitaria integrativa o, direttamente, dell assistenza FISDAF; la dichiarazione di essere a conoscenza che il mantenimento del proprio titolo all assistenza FISDAF rimane subordinato alla condizione che per la Società, o suoi aventi causa, di ultima appartenenza del dirigente continuino a sussistere i requisiti e le obbligazioni disposte dagli artt. 5 o 6.3 del vigente Statuto; l elenco dei componenti il nucleo familiare già assistiti dal FISDAF, ai sensi dell art. 7 del presente Regolamento, al momento del decesso del dirigente, con la precisazione di quelli aventi diritto alla pensione per superstiti o di reversibilità, e con l indicazione dei relativi dati anagrafici e del grado di parentela con il dirigente defunto; i dati e le informazioni utili ai fini dell accredito in c/c bancario dei concorsi spese spettanti; l impegno a corrispondere la quota contributiva FISDAF, stabilita a carico dei superstiti. Tutte le variazioni dei dati anagrafici (indirizzo, variazione nucleo familiare, ecc) nonché le variazioni dei dati bancari debbono essere segnalate per scritto a firma esclusivamente del titolare capo-nucleo oppure da persona specificatamente delegata (su presentazione di procura notarile, tutela, nomina a curatore, ecc.). All atto della richiesta, l interessato dovrà documentare la propria potenziale posizione di superstite, allegando la copia della domanda di pensione e dei relativi documenti anagrafici, inoltrati all Istituto previdenziale competente. Inizialmente l adesione sarà accolta dal FISDAF in via provvisoria a far data dal decesso del dirigente già titolare dell assistenza e successivamente l adesione sarà accolta in via definitiva, nel rispetto di detta decorrenza, solo al momento in cui l interessato comproverà l effettiva acquisizione del trattamento pensionistico per superstiti o di reversibilità. A tal fine dovrà tassativamente presentare al FISDAF la copia del certificato di liquidazione della pensione, che convalida, a tutti gli effetti, il titolo per l adesione dei superstiti; tale certificato dovrà essere inviato entro e non oltre un anno dalla data di decorrenza del trattamento pensionistico. 11

12 Il mancato invio di detto certificato, salvo idonea giustificazione presentata dall interessato, comporterà la sospensione dalle prestazioni (art del presente Regolamento). Al decesso del dirigente, possono subentrare - per mancanza di coniuge superstite o per decesso successivamente intervenuto del coniuge superstite - i figli; i medesimi hanno diritto ad aderire al FISDAF come titolari capo-nucleo, previo pagamento della prevista quota contributiva di cui al art. 14 punto b) del presente Regolamento, fintantochè conservano il diritto al trattamento pensionistico di reversibilità o per superstiti e/o, in via del tutto eccezionale, sino al compimento del 26 anno di età, purchè gli interessati comprovino annualmente il perdurare della loro condizione di studente e non svolgano attività lavorativa. Il FISDAF si riserva di verificare periodicamente se perdurano le condizioni che costituiscono titolo per l adesione dei superstiti, ai sensi dell art. 6.2 dello Statuto. Per quanto attiene l assistenza ai familiari si rimanda ai singoli punti dell art. 7 del presente Regolamento, tuttavia si precisa sin d ora che: - I figli minori o maggiorenni che, nel caso di decesso del dirigente, risultino già assistiti e siano titolari di quota di trattamento pensionistico di superstite o di reversibilità, restano beneficiari dell assistenza FISDAF per tale specifico titolo (art. 6.2 dello Statuto). - I figli maggiorenni che, nel caso di decesso del dirigente, non siano titolari di trattamento pensionistico di superstite o di reversibilità, nonché i genitori del dirigente e parenti entro il 2 grado del dirigente deceduto restano beneficiari dell assistenza FISDAF, purchè risultino già assistiti al momento del decesso del dirigente in quanto viventi a suo carico e semprechè siano in possesso dei requisiti di stato e di carenza reddituale che, come specificato dagli artt. 7 e 9, costituiscono condizione per l'ammissione al Fondo come familiari. - La prosecuzione dell assistenza FISDAF per i familiari del dirigente deceduto dovrà essere richiesta dal superstite, subentrato come Capo Nucleo, in quanto titolare di pensione ai superstiti o di reversibilità (art. 6.2 dello Statuto). - A detto superstite non è riconosciuta la facoltà di richiedere ammissione all assistenza FISDAF a favore di figli, genitori e parenti entro il 2 grado non già beneficiari quand era vivente il dirigente deceduto. 2.7 Adesioni di altri soggetti, ai sensi dell art. 6.4 dello Statuto Le richieste di adesione di altri soggetti, di cui all art. 6.4 dello Statuto, devono essere formalmente inoltrate al FISDAF dall interessato e sono soggette a specifica autorizzazione del Consiglio di Amministrazione, il quale può richiedere l ulteriore documentazione, che riterrà necessaria per la valutazione dell istanza stessa. La domanda di adesione deve contenere: - generalità e residenza del richiedente; - dichiarazione di accettare incondizionatamente quanto richiesto e/o deliberato dal Consiglio di Amministrazione; - l impegno a versare la complessiva contribuzione a suo carico; 12

13 - l impegno a comunicare eventuali variazioni delle condizioni, in base alle quali è stata accolta l adesione stessa. L accoglimento o il diniego della domanda da parte del Consiglio di Amministrazione - con valutazione discrezionale e non vincolata - sarà comunicato per scritto al richiedente a cura del FISDAF. Il diritto all assistenza decorre dalla data fissata dal Consiglio di Amministrazione nell eventuale deliberazione di accoglimento della domanda e, in ogni caso, dalla data iniziale del versamento della complessiva contribuzione dovuta ai sensi del predetto articolo dello Statuto. La durata di tali adesioni viene stabilita dal Consiglio di Amministrazione. L acquisizione di trattamento pensionistico da parte di tale aderente individuale non costituisce titolo per usufruire dell assistenza FISDAF prevista dall art. 6.1 dello Statuto in vigore. 2.8 Dirigenti aderenti, ai sensi dell art. 6.5 dello Statuto Le richieste di mantenimento dell adesione, di cui all art. 6.5 dello Statuto, devono essere formalmente inoltrate al FISDAF dal socio interessato, il quale, semprechè non abbia intrapreso altra attività lavorativa subordinata dopo la cessazione del rapporto di lavoro, deve documentare la sua posizione previdenziale, nei confronti dell Ente erogatore del trattamento pensionistico, e la data presunta di decorrenza di tale trattamento. L adesione viene accolta solo per i casi in cui il dirigente non può più proseguire nell adesione al Fondo ai sensi dell art. 6.1, 3 comma, dello Statuto, essendo stata differita per intervenute disposizione legislative la decorrenza del trattamento pensionistico oltre gli 8 anni previsti. La domanda di adesione deve contenere: - generalità e residenza del richiedente; - l impegno a trasmettere, appena in suo possesso, copia del certificato di pensione; - l impegno a versare la complessiva contribuzione a suo carico, così come stabilita dall Assemblea; - l impegno a comunicare eventuali variazioni delle condizioni, in base alle quali è stata accolta l adesione stessa. L accoglimento della domanda sarà comunicato per scritto al richiedente a cura del FISDAF. Tali adesioni avranno validità sino alla data di decorrenza del trattamento pensionistico, con possibilità di verifiche da parte del Fondo. L acquisizione di trattamento pensionistico da parte di tale aderente individuale costituisce titolo per usufruire dell assistenza FISDAF prevista dall art. 6.1 dello Statuto in vigore. Art. 3 - Ritardate richieste di adesione 13

14 Il Consiglio di Amministrazione (art lett. m) dello Statuto) - con valutazione discrezionale e non vincolata - può prendere in esame ed eventualmente accogliere richieste di adesione da parte di dirigenti in pensione, di dirigenti aderenti ai sensi dell art. 6.1,3 comma dello Statuto o di superstiti, con relativi familiari a carico, inoltrate oltre i termini stabiliti dall art. 2 del presente Regolamento, a condizione che: - i soggetti interessati siano in possesso dei requisiti stabiliti per aderire al Fondo; - le cause del ritardo siano motivate e opportunamente documentate. L ammissione, se deliberata, ed il versamento delle relative quote contributive decorreranno dalla data stabilita dal Consiglio di Amministrazione, che si riserva, dopo aver accertato le motivazioni di detto ritardo, di richiedere anche il versamento di una quota una tantum a titolo di ritardata adesione, stabilita annualmente. Rimane inteso che, salva diversa deliberazione del Consiglio di Amministrazione, l assistenza - per tutti i casi di ritardata adesione - decorre dal 1 giorno del mese successivo all inoltro della domanda di adesione. Questo articolo si applica ai soli titolari dell assistenza; per quanto riguarda la ritardata ammissione di familiari si rimanda agli specifici punti dell art. 8 del vigente Regolamento. Art. 4 - Titolare dell Assistenza: Capo Nucleo Familiare I soggetti di cui agli artt. 5 e 6 dello Statuto assumono, per sé e per i propri familiari beneficiari dell assistenza FISDAF, il ruolo di titolare dell assistenza denominato Capo Nucleo Familiare con il quale, soltanto, il Fondo intrattiene i rapporti formali relativi alle pratiche di iscrizione/adesione, di rinnovo dell assistenza, di rendiconto delle prestazioni integrative riconosciute, di accredito dei concorsi spese, di pagamento dei contributi a carico degli assistiti e di ogni altro adempimento amministrativo. Nel caso in cui, al decesso del dirigente titolare, concorrano alla pensione di superstite o di reversibilità più soggetti con diritto a tale trattamento, assume il ruolo di Capo Nucleo il coniuge superstite o, in mancanza di esso, il co-superstite con maggiore età ovvero il tutore, formalmente nominato dal giudice, di figli in minore età o inabili. Il Capo Nucleo, nel caso di impedimento temporaneo o di sopravvenuta incapacità, per le variazioni dei dati anagrafici e/o bancari dovrà essere rappresentato da persona specificatamente delegata (su presentazione di procura notarile, tutela, nomina a curatore ecc.). Come stabilito più avanti all art. 18 del presente Regolamento, spetta esclusivamente al Capo Nucleo sottoscrivere le richieste di concorso spese da inoltrare al FISDAF. Solo per la consegna di dette richieste, con la relativa documentazione, potrà essere incaricato, in via informale, o un familiare o una persona di fiducia. Le deliberazioni di esclusione e/o di sospensione del titolare Capo Nucleo si estendono automaticamente al nucleo familiare, come specificato dagli artt e del presente Regolamento. 14

15 La decadenza dalle prestazioni FISDAF per le cause indicate agli artt e del presente Regolamento si estendono automaticamente a tutti i soggetti assistiti componenti il nucleo familiare. Art. 5 Decadenza - Riammissione 5.1 Decadenza La decadenza dalle prestazioni FISDAF per l intero nucleo familiare può verificarsi per effetto delle seguenti motivazioni: Cessazione a) Per i dirigenti in servizio la risoluzione del rapporto di lavoro con una delle Società di cui agli artt. 5 e 6.3 dello Statuto comporta automaticamente la decadenza della qualità di iscritto o aderente con effetto dalla data di cessazione del rapporto stesso ovvero al termine dell eventuale periodo di preavviso, anche se sostituito dalla corrispondente indennità, salva l ipotesi di risoluzione del rapporto di lavoro per pensionamento (art.6.1 dello Statuto). Le Società datrici di lavoro comunicano al FISDAF ogni risoluzione del rapporto di lavoro dei propri dirigenti in servizio (iscritti o aderenti al FISDAF) entro il 10 giorno del mese successivo a quello della risoluzione, evidenziando l eventuale periodo di preavviso anche se sostituito dalla relativa indennità ed in particolare indicando specificatamente la motivazione di uscita. b) Per i soggetti di cui all art. 6.1, 1 e 3 comma, dello Statuto (dirigenti che risolvono il rapporto di lavoro per pensionamento ovvero con titolo al pensionamento entro 8 anni dalla risoluzione del rapporto di lavoro) e all art. 6.5 dello Statuto, la qualità di aderente cessa automaticamente qualora venga istituito un nuovo rapporto di lavoro subordinato. Di tale evento l interessato è tenuto a dare comunicazione al FISDAF entro 60 giorni dall inizio dell evento stesso. c) Per i capo nucleo titolari superstiti di dirigenti deceduti, la qualità di aderente cessa automaticamente con la decadenza del diritto alla pensione ai superstiti o di reversibilità, ad eccezione di quanto stabilito all art. 2.6 del presente Regolamento per i figli in età compresa tra 18 e 26 anni. La cessazione di tale diritto deve essere comunicata al FISDAF, a cura degli interessati, entro 60 giorni dalla data dell evento. d) Per tutti i soggetti assistiti dal Fondo, la qualità di iscritto, aderente o di beneficiario cessa automaticamente qualora dovesse verificarsi: - la perdita da parte della Società di appartenenza del titolare del nucleo familiare delle condizioni che hanno determinato l appartenenza della Società stessa al FISDAF ai sensi degli art. 5 e 6.3 dello Statuto; 15

16 - il venir meno dei requisiti e delle condizioni individuali che, in conformità alle norme statutarie e regolamentari in vigore, avevano determinato l ammissione al Fondo di ciascun assistito; - il decesso Il FISDAF ha diritto al recupero delle prestazioni, eventualmente già erogate, dalla data di cessazione Esclusione L esclusione può essere deliberata dal Consiglio di Amministrazione, ai sensi dell art. 9 dello Statuto, nei seguenti casi: a) per gravi motivi comportamentali nei confronti del Fondo quali atti di inosservanza e/o di ingiustificata omissione di adempimenti a carico dei soci previsti dalle norme regolamentari, nonché dichiarazioni mendaci e/o lesive nei confronti delle finalità mutualistiche del Fondo; b) per morosità, qualora il pagamento della quota associativa a carico del socio non venga effettuato entro 6 mesi dalla data di decorrenza della contribuzione dovuta. La morosità nel versamento della contribuzione dovuta, secondo le modalità comunicate agli assistiti, sospende immediatamente l erogazione delle prestazioni integrative per l intero nucleo familiare. L erogazione delle prestazioni viene ripristinata al momento in cui viene sanata la morosità. Il FISDAF ha diritto al recupero delle prestazioni, eventualmente già erogate, dalla data di esclusione Sospensione La sospensione, vale a dire una temporanea interruzione nell erogazione delle prestazioni, avviene automaticamente: - nei casi di mancato o ritardato adempimento amministrativo, come previsto nel presente Regolamento, quali ad es.: mancato/ritardato invio certificato di pensione (art. 2.2, 2.3 e 2.4). - in caso di decesso del Dirigente, fintantochè non siano state espletate tutte le necessarie procedure previste per il subentro del/dei superstite/i (art. 2.6 del presente Regolamento). Inoltre il Consiglio di Amministrazione ha la facoltà di deliberare una sospensione temporanea - a carattere cautelativo - dell assistenza a carico del titolare del nucleo familiare, per consentirgli di adempiere correttamente, entro un termine stabilito ed inderogabile, alle obbligazioni omesse e/o interrotte, in ottemperanza a quanto il Consiglio stesso riterrà opportuno deliberare. Provvedimenti di sospensione temporanea a carico del titolare del nucleo familiare possono essere deliberati dal Consiglio di Amministrazione anche nel caso in cui, da verifiche effettuate dal Fondo, risultassero non soddisfatte le condizioni di vivenza a carico dei familiari per 16

17 mendace dichiarazione, resa dal capo nucleo e/o dal familiare stesso (v. art. 7 del presente Regolamento) Rinuncia volontaria Ai sensi degli artt. 5 e 6.3 dello Statuto in vigore, l iscrizione al FISDAF dei dirigenti in servizio deriva da obblighi insiti negli accordi contrattuali costitutivi e regolamentari del Fondo sottoscritti dalle Società socie. Per essi pertanto non è ammessa la rinuncia volontaria. Per i dirigenti in pensione, per i superstiti, per gli aderenti ai sensi dell art comma dello Statuto, per gli aderenti a titolo individuale, di cui all art. 6.4 e 6.5 dello Statuto, il rapporto con il Fondo deriva da un atto di adesione volontaria, così come disciplinato dalle norme statutarie e regolamentari in vigore. Per essi pertanto la cessazione del rapporto con il FISDAF può intervenire, oltrechè per le cause di decadenza e di esclusione, anche per atto di rinuncia volontaria. Tale atto deve essere espresso formalmente per scritto a mezzo di Raccomandata. La rinuncia, una volta formalizzata, ha carattere definitivo a tutti gli effetti ed esclude ogni futura possibilità di riammissione al Fondo del socio e del suo nucleo familiare Riammissione Ai sensi dell art. 8.3 dello Statuto, eventuali riammissioni alle prestazioni FISDAF di Soci decaduti, a seguito di provvedimenti di esclusione o di sospensione, potranno essere deliberate dal Consiglio di Amministrazione - con valutazione discrezionale e non vincolata - che stabilirà le condizioni e le modalità della riammissione stessa. Art. 6 - Decesso di titolare dell assistenza - Subentro eredi nelle posizioni creditorie e/o debitorie Il decesso del Capo Nucleo titolare dell assistenza deve essere al più presto comunicato al FISDAF: ad un eventuale comunicazione telefonica deve seguire in ogni caso l invio di un certificato di morte. Nei crediti e/o debiti del Capo Nucleo titolare, pendenti al momento del decesso relativamente a prestazioni di competenza del Fondo, subentrano tutti gli eventuali eredi, indipendentemente dalla loro posizione di beneficiari o meno dell assistenza integrativa del FISDAF. 17

18 Ai suddetti fini, su richiesta scritta del FISDAF e come previsto dalla modulistica, che in tale occasione viene inviata dal Fondo agli interessati, il titolo di erede dovrà essere attestato con la presentazione della certificazione in originale, come qui di seguito specificata: - certificato di morte (in carta semplice); - attestazione giudiziale rilasciata dal Tribunale Ordinario (con 2 testimoni) o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa di fronte a Notaio, attestante gli eredi aventi diritto per successione legittima o per disposizioni testamentarie, generalità ed indirizzo dei singoli eredi e la causa per cui sono chiamati a succedere. Se la successione è testamentaria, l atto deve precisare che il testamento è l ultimo lasciato dal defunto, che è valido e non è stato impugnato; in presenza di minori l atto deve indicare anche generalità e indirizzo del tutore. Solo nei casi in cui non vi siano disposizioni testamentarie e la somma di competenza degli eredi, giacente presso il FISDAF, sia non superiore a Euro 1.000, gli interessati possono presentare la dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà, resa presso Ufficio Anagrafe ai sensi dell art. 47 del D.P.R. 28 Dicembre 2000, n delega alla riscossione da parte dei coeredi - con allegato per ciascun co-erede copia di documento di riconoscimento in corso di validità*** - che incaricano un unico erede a riscuotere in nome e per conto le spettanze del/della defunto/a. Se la successione è testamentaria, gli atti di delega devono essere sottoscritti con firma autenticata da Notaio o pubblico ufficiale. La delega può essere sostituita da una rinuncia, qualora questa sia l intenzione dei coeredi e/o di tutti gli eredi, con le stesse modalità qui sopra indicate. *** Si ricorda che, ai sensi dell art. 35 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 sono equipollenti alla carta di identità: il passaporto, la patente di guida, la patente nautica, il libretto di pensione, il patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici, il porto d armi, le tessere di riconoscimento, purchè munite di fotografia e di timbro o di altra segnatura equivalente, rilasciate da un amministrazione dello Stato. - copia conforme all originale del testamento, qualora trattasi di successione testamentaria, dopo l avvenuta pubblicazione da parte di Notaio; - in presenza di erede/eredi in età minore o inabili, copia del decreto del Giudice Tutelare di nomina del rispettivo tutore. L erede e/o l erede delegato dovrà comunicare al FISDAF, su apposito modulo, i dati e le informazioni utili ai fini dell accredito in c/c bancario delle competenze spettanti. I moduli di delega e/o di rinuncia vengono altresì trasmessi dal FISDAF agli interessati, unitamente alla richiesta della certificazione sopra indicata. Il FISDAF ha in ogni caso il diritto di recuperare in capo agli eredi qualsiasi somma corrisposta al Capo Nucleo deceduto, allo stesso non dovuta o comunque soggetta a restituzione a norma del presente Regolamento (artt. 13 e 15). Art. 7 - Familiari aventi titolo per essere assistiti 18

19 Su domanda dei soggetti di cui agli artt. 5 e 6 dello Statuto, sono ammessi alle prestazioni del FISDAF i familiari in possesso dei requisiti, specificatamente di seguito indicati e in ottemperanza alle condizioni previste dall art. 7 dello Statuto. L estensione ovvero l esclusione dal diritto alle prestazioni a favore dei familiari aventi titolo deve essere richiesta dal socio, al quale unicamente compete tale facoltà. Il socio ha altresì diritto di non richiedere l ammissione ovvero di richiedere l esclusione di tali familiari. Pertanto i suddetti familiari non conseguono alcun diritto autonomo all assistenza, né sono titolari di posizione propria presso il Fondo, il quale eroga prestazioni ai medesimi esclusivamente tramite il socio. Il socio, con l atto di iscrizione/adesione al FISDAF, e comunque non oltre i 60 giorni dalla decorrenza della stessa, deve segnalare i familiari, per i quali intende richiedere l assistenza, allegando un certificato di stato di famiglia, così come è tenuto a comunicare tempestivamente ogni variazione del proprio nucleo familiare assistito. La condizione di vivenza a carico dei familiari, quando specificatamente richiesta, deve essere comprovata in maniera idonea, come di seguito indicato, secondo i criteri e con i documenti e le modalità stabiliti dal Consiglio di Amministrazione. In ogni caso il FISDAF si riserva di effettuare delle verifiche circa il perdurare delle condizioni di vivenza a carico. Qualora da dette verifiche risultassero non soddisfatte le condizioni di vivenza a carico per mendace e/o omessa dichiarazione del socio, il Consiglio di Amministrazione può deliberare una sospensione temporanea o un esclusione per tutto il nucleo, ai sensi dell art. 5 del Regolamento, con diritto da parte del Fondo al recupero delle prestazioni indebitamente erogate (art. 13 del Regolamento). Le dichiarazioni atte a comprovare stati, qualità personali e fatti inerenti al Capo Nucleo ed al suo stato di famiglia devono essere supportate da idonea documentazione, come prevista dal presente Regolamento e sull apposita modulistica FISDAF. Per tutti gli altri casi, qualora il socio debba attestare stati, qualità personali e fatti inerenti ad altra persona, anche se legata da rapporto familiare con l interessato sottoscrivente, lo stesso dovrà presentare una Dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà resa o presso Anagrafe, ai sensi dell art. 47 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 o presso Notaio, come specificatamente richiesto dal Fondo con apposita modulistica. A tutti i familiari assistiti dal FISDAF si estendono automaticamente gli effetti della decadenza, esclusione/sospensione del Capo nucleo Titolare, come previsto dall art. 5 del presente Regolamento. 7.1 Coniuge L assistenza viene erogata al coniuge, riconosciuto tale secondo l ordinamento statale applicabile, anche non vivente a carico, a condizione che non goda o non abbia titolo proprio per fruire di altra assistenza sanitaria integrativa, salvo che l interessato/a comprovi la non equivalenza complessiva nella tipologia e nel livello delle prestazioni riconosciute dall altro Fondo integrativo o Ente equiparato, che eroghi prestazioni sanitarie integrative. 19

20 Il Capo Nucleo, già coniugato al momento dell iscrizione al FISDAF, può richiedere l ammissione all assistenza a favore del coniuge indicandolo sul modulo di iscrizione ed allegando un certificato di stato di famiglia. Qualora l assistenza venga richiesta successivamente all iscrizione del Capo Nucleo, unitamente alla domanda, dovrà essere prodotta copia del certificato di matrimonio, o documento equipollente per le legislazioni non italiane. Il coniuge, ove sia anch esso dirigente in servizio presso una delle Aziende Socie del FISDAF - art. 5 e 6.3 dello Statuto - ovvero in pensione, uscito da una di dette Società, è a tutti gli effetti titolare dell assistenza FISDAF a titolo proprio e non come familiare. Il coniuge separato, giudizialmente o consensualmente con atto omologato, può conservare - su specifica richiesta del socio - il beneficio dell assistenza, solo quando lo stesso abbia diritto ad assegno alimentare a carico del dirigente, comprovato con la copia della citata sentenza di separazione o del decreto di omologazione. L assistenza FISDAF nei confronti del coniuge separato senza diritto ad assegno alimentare cessa a decorrere dalla data di pronuncia del decreto di omologa, in caso di separazione consensuale, e dalla data di passaggio in giudicato della sentenza, in caso di separazione giudiziale. In caso di scioglimento o annullamento del matrimonio o cessazione degli effetti civili del matrimonio (divorzio) l assistenza FISDAF cessa dal giorno dell annotazione della sentenza. L ex-coniuge divorziato non avrà diritto all assistenza, neppure nel caso in cui consegua il trattamento pensionistico ai superstiti o di reversibilità. In ogni caso di separazione o di divorzio il dirigente deve tempestivamente comunicare tale evento al Fondo, impegnandosi ad inviare copia della relativa sentenza o del decreto di omologa entro un mese dalla data di pubblicazione. In caso di ritardata segnalazione da parte del dirigente di uno degli eventi, di cui al precedente comma, che determinano la scadenza dell assistenza, il Fondo ha comunque diritto a recuperare prestazioni indebitamente percepite (v. art. 13 del presente Regolamento). Per gli assistiti con cittadinanza non italiana si farà riferimento a provvedimenti equipollenti a quelli italiani. 7.2.a Figli legittimi, o equiparati dalla legge, fino al compimento del 18 anno di età Sono considerati figli legittimi o equiparati: figli legittimi, figli legittimati, figli adottivi, figli naturali riconosciuti. Il socio deve inoltrare specifica richiesta di ammissione al momento della Sua iscrizione/adesione al Fondo indicandone i dati anagrafici sull apposita modulistica, unitamente alla certificazione ivi richiesta, come previsto nel presente art. 7 del Regolamento, ovvero in occasione della nascita di un figlio inoltrando specifica domanda, corredata di certificato di nascita. 20

FISDAF REGOLAMENTO NORME GENERALI PRESTAZIONI

FISDAF REGOLAMENTO NORME GENERALI PRESTAZIONI FISDAF REGOLAMENTO NORME GENERALI PRESTAZIONI Indice Art. 1 Oggetto del Regolamento 1 Art. 2 Iscrizione dei Soci persone fisiche Iscritti 2.1 Dirigenti in servizio 1 2.2 Dirigenti prosecutori volontari

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap)

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap) Pensione di reversibilità ENPAM INPS ( ex-inpdap) La pensione di reversibilità, anche conosciuta come pensione ai superstiti, è una prestazione economica erogata, a domanda, in favore dei superstiti La

Dettagli

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI E LA SUCCESSIONE AGLI EREDI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI E LA SUCCESSIONE AGLI EREDI LA PENSIONE AI SUPERSTITI E LA SUCCESSIONE AGLI EREDI A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Emilia Romagna Stefania Trombetti

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI LA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE COS'È È la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa pensione può essere: di reversibilità: se

Dettagli

Regolamento Cassa Sanitaria BNL

Regolamento Cassa Sanitaria BNL Regolamento Cassa Sanitaria BNL Articolo 1 (oggetto e validità del regolamento) Il seguente Regolamento disciplina il funzionamento della Cassa Sanitaria BNL costituita ai sensi dell art. 36 e segg. Cod.

Dettagli

1. NUOVE MODALITA DI ACCERTAMENTO DEI PERIODI DI SOGGIORNO IN SEDE DEI FAMILIARI A CARICO DEL PERSONALE IN SERVIZIO ALL ESTERO

1. NUOVE MODALITA DI ACCERTAMENTO DEI PERIODI DI SOGGIORNO IN SEDE DEI FAMILIARI A CARICO DEL PERSONALE IN SERVIZIO ALL ESTERO C/X/63 DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI AMMINISTRATIVI, DI BILANCIO E IL PATRIMONIO UFFICIO IV Roma, 27 dicembre 2004 Circolare n. 8 ================================ OGGETTO Maggiorazione per situazione

Dettagli

Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP)

Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP) Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP) INDICE Definizione- Differenti regole in ENPAM ed in INPS Slide 3 ENPAM - Pensione indiretta e pensione di reversibilità ai superstiti-superstiti Slide

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA LA PENSIONE DI REVERSIBILITA La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl.n. 636) spetta a: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità Superstiti dell assicurato

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE L assegno per il nucleo familiare e' una prestazione a sostegno delle famiglie dei lavoratori dipendenti e dei titolari di prestazione a carico dell'assicurazione generale obbligatoria,

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

FONDO SANITARIO INTEGRATIVO DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO presso PREVIMEDICAL Via Gioberti, 33 31021 Mogliano Veneto (TV)

FONDO SANITARIO INTEGRATIVO DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO presso PREVIMEDICAL Via Gioberti, 33 31021 Mogliano Veneto (TV) Milano, 18 novembre 2010 Gent. Sig./a [Cognome] [Nome] [Indirizzo] [CAP] [PROV] Oggetto: Fondo Sanitario Integrativo del Gruppo Intesa Sanpaolo Desideriamo informarla che, in data 2 ottobre 2010, Intesa

Dettagli

Previdenza complementare: istruzioni Inps per l intervento del Fondo di Garanzia Francesco Ernandes Consulente del lavoro in Roma

Previdenza complementare: istruzioni Inps per l intervento del Fondo di Garanzia Francesco Ernandes Consulente del lavoro in Roma Previdenza complementare: istruzioni Inps per l intervento del Fondo di Garanzia Francesco Ernandes Consulente del lavoro in Roma L Inps, con circolare 22 febbraio 2008, n. 23, fornisce le istruzioni operative

Dettagli

D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa

D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa IL TESTO UNICO SULLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa AUTOCERTIFICAZIONI

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere:

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere: LA PENSIONE AI SUPERSTITI La Pensione ai superstiti può essere: - di reversibilità: nel caso in cui il defunto fosse già titolare di pensione (di vecchiaia, di anzianità, di inabilità) prima del decesso.

Dettagli

BANDO PER I TRATTAMENTI DI ASSISTENZA - I SEMESTRE 2012

BANDO PER I TRATTAMENTI DI ASSISTENZA - I SEMESTRE 2012 E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 BANDO PER

Dettagli

REGOLAMENTO ADESIONI COLLETTIVE

REGOLAMENTO ADESIONI COLLETTIVE REGOLAMENTO ADESIONI COLLETTIVE Art. 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1 Il presente Regolamento reca le disposizioni di funzionamento del Fondo di Assistenza Sanitaria Integrativa Postevita (nel prosieguo, per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA - Approvato con nota Ministeriale del 25 ottobre 2004 e modifiche approvate con successiva nota Ministeriale del 24 luglio 2006 - Testo integrato in vigore

Dettagli

SETTORE NOTARILE. Il settore riceve il pubblico esclusivamente per appuntamento.

SETTORE NOTARILE. Il settore riceve il pubblico esclusivamente per appuntamento. SETTORE NOTARILE L Ufficio Notarile del Consolato è deputato a ricevere gli atti tra vivi e quelli di ultima volontà, a curare il loro deposito ed a rilasciarne copie ed estratti. Il servizio notarile

Dettagli

CASSA di PREVIDENZA ed ASSISTENZA tra i dipendenti del MINISTERO delle INFRASTRUTTURE e dei TRASPORTI

CASSA di PREVIDENZA ed ASSISTENZA tra i dipendenti del MINISTERO delle INFRASTRUTTURE e dei TRASPORTI CASSA di PREVIDENZA ed ASSISTENZA tra i dipendenti del MINISTERO delle INFRASTRUTTURE e dei TRASPORTI Via G. CARACI, 36-00157 ROMA Roma, 15 dicembre 2005 Ai CAPI degli UFFICI CENTRALI e PERIFERICI del

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012 Direzione Centrale Pensioni Roma, 14/06/2012 Circolare n. 84 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA. Art. 1 Ambito della normativa

REGOLAMENTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA. Art. 1 Ambito della normativa REGOLAMENTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I Ambito della normativa Art. 1 Ambito della normativa 1. Il presente regolamento del Fondo Assistenza Sanitaria (FAS), in

Dettagli

Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS

Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS CIRCOLARE A.F. N. 95 del 22 giugno 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Riduzione delle pensioni di reversibilità: le disposizioni attuative dell INPS Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei Circolare INPS del 25 agosto 1995 n. 234 Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensio- nistico obbligatorio e complementare. Pensioni ai superstiti e trattamenti di invalidità. Nuovi limiti

Dettagli

Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Sistemi Informativi. Roma, 21/03/2013

Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Sistemi Informativi. Roma, 21/03/2013 Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Sistemi Informativi Roma, 21/03/2013 Circolare n. 42 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Denominazione, Forma Giuridica e Sede

STATUTO. Art. 1 Denominazione, Forma Giuridica e Sede STATUTO Art. 1 Denominazione, Forma Giuridica e Sede 1.1. Nell ambito della legislazione vigente è costituito, in forma giuridica di associazione non riconosciuta, un fondo denominato FISDAF, integrativo

Dettagli

C i r c o l a r i. Siri. E d i z i o n e I I d i G i u g n o 2 0 1 5. BONUS BEBÈ, Assegno a sostegno della natalità

C i r c o l a r i. Siri. E d i z i o n e I I d i G i u g n o 2 0 1 5. BONUS BEBÈ, Assegno a sostegno della natalità C i r c o l a r i E d i z i o n e I I d i G i u g n o 2 0 1 5 BONUS BEBÈ, Assegno a sostegno della natalità Siri Consulenza e Organizzazione Srl Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano MI Tel. 0331-776177

Dettagli

23.1 NOZIONI GENERALI

23.1 NOZIONI GENERALI 23 - HANDICAP 23.1 NOZIONI GENERALI Secondo la legge 1 una persona è disabile, ovvero ha un handicap, quando è affetta da un minorazione (fisica, psichica o sensoriale) che provochi difficoltà di apprendimento,

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA )

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) DUE TIPI DI PENSIONE La pensione ai superstiti può essere: 1) DI REVERSIBILITA' : se il defunto è già titolare di pensione diretta (vecchiaia, inabilità, anzianità).

Dettagli

DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF

DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF Allegato A) alla deliberazione del Comitato Esecutivo n. *** dd. **.11.2015 DISCIPLINA PER L APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DICHIARAZIONE ICEF INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI VARIABILI DA CONSIDERARE NELLA

Dettagli

Prestazioni a sostegno del reddito dei lavoratori in caso di riduzione temporanea dell attività lavorativa

Prestazioni a sostegno del reddito dei lavoratori in caso di riduzione temporanea dell attività lavorativa REGOLAMENTO PRESTAZIONI DEL F.I.A.D.A. 1. TITOLO I Norme Generali Art.1 Aziende e lavoratori iscrivibili al Fondo. Art.2 Struttura del Fondo. Art.3 Obblighi dei datori di lavoro. Art.4 Contributi da versare

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Roma, 12/09/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Roma, 12/09/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Roma, 12/09/2014 Circolare n. 104 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

COMUNE DI VILLAMAINA (PROVINCIA DI AVELLINO)

COMUNE DI VILLAMAINA (PROVINCIA DI AVELLINO) COMUNE DI VILLAMAINA (PROVINCIA DI AVELLINO) BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI 9 ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (art. 3 L. R. 02/07/97 n. 18) RISERVATO AI SENSI DELLA L. 4/12/93 N. 493

Dettagli

REGOLAMENTO PER SUBENTRO, OSPITALITA TEMPORANEA, COABITAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO PER SUBENTRO, OSPITALITA TEMPORANEA, COABITAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER SUBENTRO, OSPITALITA TEMPORANEA, COABITAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

n. 7/8 - luglio/agosto 2010

n. 7/8 - luglio/agosto 2010 n. 7/8 - luglio/agosto 2010 A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Argomenti Pensione di reversibilità: requisiti

Dettagli

Regolamento delle Prestazioni ed Assistenze PRESTAZIONI ED ASSISTENZE DELLA CASSA EDILE. Art. 28 del REGOLAMENTO GENERALE

Regolamento delle Prestazioni ed Assistenze PRESTAZIONI ED ASSISTENZE DELLA CASSA EDILE. Art. 28 del REGOLAMENTO GENERALE Regolamento delle Prestazioni ed Assistenze PRESTAZIONI ED ASSISTENZE DELLA CASSA EDILE Art. 28 del REGOLAMENTO GENERALE Punto 1 : COPERTURE ASSICURATIVE ASSITECA per Cassa Edile V.C.O. La Cassa Edile

Dettagli

REGOLAMENTO. approvato dal Consiglio di amministrazione del 15 aprile 2009

REGOLAMENTO. approvato dal Consiglio di amministrazione del 15 aprile 2009 REGOLAMENTO approvato dal Consiglio di amministrazione del 15 aprile 2009 Via Sammontana, 39 50056 MONTELUPO FIORENTINO (FI) codice fiscale 94017550487 tel. 0571-53271 fax 0571-5327265 e-mail: fondopensione.dirigenti@ancc.coop.it

Dettagli

Il sottoscritto / Indirizzo: CAP / / / N telefono. Residenza fiscale (se diversa): Via CAP Comune ( ) indirizzo e-mail cellulare

Il sottoscritto / Indirizzo: CAP / / / N telefono. Residenza fiscale (se diversa): Via CAP Comune ( ) indirizzo e-mail cellulare FONDO PENSIONI PER IL PERSONALE DELLA EX CASSA DI RISPARMIO DI TORINO BANCA CRT S.P.A. Sede legale - 10126 - Torino, Via Nizza 150 tel. 011.19424315 fax 011. 0208932 Iscritto all Albo dei Fondi Pensione

Dettagli

1.Introduzione. Roma, 16/02/200. Ai Dirigenti Generali LORO SEDI. Ai Direttori degli Uffici Centrali e Periferici LORO SEDI

1.Introduzione. Roma, 16/02/200. Ai Dirigenti Generali LORO SEDI. Ai Direttori degli Uffici Centrali e Periferici LORO SEDI Roma, 16/02/200 Ai Dirigenti Generali istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI UFF. 1 NORMATIVA AA.GG. LORO SEDI Ai Direttori

Dettagli

Domanda per la richiesta dell assegno di maternità (ai sensi dell art.66 della legge 448/98)

Domanda per la richiesta dell assegno di maternità (ai sensi dell art.66 della legge 448/98) COMUNE DI IMPRUNETA (Provincia di Firenze) Servizio Affari Generali Ufficio Socio Educativo Domanda per la richiesta dell assegno di maternità (ai sensi dell art.66 della legge 448/98) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

Dettagli

VADEMECUM SULL AUTOCERTIFICAZIONE

VADEMECUM SULL AUTOCERTIFICAZIONE VADEMECUM SULL AUTOCERTIFICAZIONE COSA SI INTENDE PER AUTOCERTIFICAZIONE Con questo termine si intende un insieme di istituti i quali consentono al cittadino di sostituire la certificazione della pubblica

Dettagli

MODULO RICHIESTA PENSIONE DI REVERSIBILITA. L Sottoscritt_. (Prov. ) il / / in Via/P.zza n. Tel. / Fax e-mail C H I E D E

MODULO RICHIESTA PENSIONE DI REVERSIBILITA. L Sottoscritt_. (Prov. ) il / / in Via/P.zza n. Tel. / Fax e-mail C H I E D E MODULO RICHIESTA PENSIONE DI REVERSIBILITA Regione Siciliana FONDO PENSIONI SICILIA Fondo per il pagamento del trattamento di quiescenza e dell indennità di buonuscita del personale regionale Viale Regione

Dettagli

Legge 7 febbraio 1979, n. 29 Ricongiunzione dei periodi assicurativi dei lavoratori ai fini previdenziali.

Legge 7 febbraio 1979, n. 29 Ricongiunzione dei periodi assicurativi dei lavoratori ai fini previdenziali. Legge 7 febbraio 1979, n. 29 Ricongiunzione dei periodi assicurativi dei lavoratori ai fini previdenziali. Art. 1. 1. Al lavoratore dipendente, pubblico o privato, che sia o sia stato iscritto a forme

Dettagli

SCELTA DEL PATRONATO

SCELTA DEL PATRONATO DOMANDA N. PENSIONE CATEGORIA DOMANDA DI PENSIONE AI SUPERSTITI PENSIONE SUPPLEMENTARE AI SUPERSTITI PENSIONE AI SUPERSTITI a carico del seguente Stato estero convenzionato PENSIONE PRIVILEGIATA INDIRETTA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE FORME DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO DELLE FORME DI ASSISTENZA REGOLAMENTO DELLE FORME DI ASSISTENZA TITOLO I NORME DI CARATTERE GENERALE Articolo 1 Forme di assistenza 1.1. Le forme di assistenza di cui all art. 3, comma 3, dello Statuto e dell art. 32 del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L AMMISSIONE IN STRUTTURE RESIDENZIALI DI ANZIANI E ALTRE CATEGORIE DI ASSISTITI.

REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L AMMISSIONE IN STRUTTURE RESIDENZIALI DI ANZIANI E ALTRE CATEGORIE DI ASSISTITI. REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L AMMISSIONE IN STRUTTURE RESIDENZIALI DI ANZIANI E ALTRE CATEGORIE DI ASSISTITI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 28 aprile 1997

Dettagli

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA Alla CASSA ITALIANA PREVIDENZA GEOMETRI Area Servizi Istituzionali Servizio Erogazione Trattamenti ed Iscrizione Ufficio Istruttoria invalidità, inabilità, superstiti e supplementi Lungotevere Arnaldo

Dettagli

OGGETTO: INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA DELLA POSIZIONE PREVIDENZIALE COMPLEMENTARE DI CUI ALL ART. 5 DEL D.LGS. 80/92

OGGETTO: INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA DELLA POSIZIONE PREVIDENZIALE COMPLEMENTARE DI CUI ALL ART. 5 DEL D.LGS. 80/92 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Coordinamento Generale Legale Roma, 22 Febbraio 2008 Circolare n. 23 Allegati 14 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

Fondo Pensioni per il Personale della ex Cassa di Risparmio di Torino Banca CRT Spa Via Nizza,150 TORINO

Fondo Pensioni per il Personale della ex Cassa di Risparmio di Torino Banca CRT Spa Via Nizza,150 TORINO FONDO PENSIONI PER IL PERSONALE DELLA EX CASSA DI RISPARMIO DI TORINO BANCA CRT S.P.A. Sede legale - 10126 - Torino, Via Nizza 150 tel. 011.19424315 fax 011. 0208932 Iscritto all Albo dei Fondi Pensione

Dettagli

a) Nome e cognome: Titolo: (allegare copia carta d identità o passaporto solamente in caso di prima compilazione)

a) Nome e cognome: Titolo: (allegare copia carta d identità o passaporto solamente in caso di prima compilazione) Modulo per la richiesta di detrazione d imposta e per il trattamento previdenziale per i prestatori d opera fiscalmente residenti in Italia (art. 23 del D.P.R. 29.09.1973, n. 600) a) Nome e cognome: Titolo:

Dettagli

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1 TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1. Premessa Preliminarmente va sottolineato che la reversibilità ha natura previdenziale e non assistenziale.

Dettagli

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità.

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità. Circolare INPS del 27 giugno 2001 n. 132 OGGETTO: Articolo 9, comma 3, della legge n. 898/1970, nel testo sostituito dall articolo 13 della legge 6 marzo 1987, n. 74. Attribuzione al coniuge divorziato,

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE NA 16

AMBITO TERRITORIALE NA 16 AMBITO TERRITORIALE NA 16 LEGGE N. 328/2000 REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA IN FAVORE DEI MINORI RICONOSCIUTI DA UN SOLO GENITORE Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione situazione nucleo familiare dal

Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione situazione nucleo familiare dal RESIDENTE ALL ESTERO Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria All Area Gestione e Sviluppo Risorse Umane Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione

Dettagli

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015 L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo Padova, 22 maggio 2015 Il secondo Welfare dei Dottori Commercialisti dott.ssa Anna Faccio In caso di gravidanza

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V Erogazione di sussidi a fondo perduto per disagio economico a seguito di malattia, infortunio o decesso. Testo finale approvato C.I.G. Delibera n.56 del 16/12/2011

Dettagli

GLOSSARIO del diritto di famiglia e delle successioni

GLOSSARIO del diritto di famiglia e delle successioni GLOSSARIO del diritto di famiglia e delle successioni www.leggiitaliane.it Accettazione dell eredità atto negoziale unilaterale mediante il quale il chiamato fa propria l eredità che gli è conferita per

Dettagli

ISCRIZIONE CITTADINI COMUNITARI

ISCRIZIONE CITTADINI COMUNITARI ISCRIZIONE CITTADINI COMUNITARI Decreto legislativo n. 30, del 6 febbraio 2007 CIRCOLARE Attuazione della direttiva 2004/38/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 relativa al diritto

Dettagli

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Coniuge e familiari a carico FRONTESPIZIO

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Coniuge e familiari a carico FRONTESPIZIO ? INQUADRAMENTO NORMATIVO Tratto da: Collana Dichiarazioni Fiscali 2009 Dichiarazione 730, a cura di R. Artina. - V. Artina Coniuge e familiari a carico All'interno del frontespizio del Mod. 730/2009 è

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VI. Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia.

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VI. Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia. REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte VI Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia. Testo finale approvato dal C.I.G. Delibera n. 103 del 29.05.2014 e approvato dai MMVV con nota n. 36/0016601/MA004.A007

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 91 del 21.12.2001) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1 - Il presente

Dettagli

Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015)

Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015) Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015) Effettuare l accesso all Angolo del Dipendente con le credenziali in possesso (Istruzioni

Dettagli

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo.

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. A) La prestazioni per invalidità nel regime generale obbligatorio La legge

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO BANDO DI CONCORSO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO BANDO DI CONCORSO BANDO DI CONCORSO P E R L A P A R T E C I P A Z I O N E A L F O N D O P E R I L S O S T E G N O A L L A C C E S S O A L L E A B I T A Z I O N I I N L O C A Z I O N E F. S. A. L. A N N O 2 0 1 4 ( r e l

Dettagli

PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

PRESTAZIONI ASSISTENZIALI GESTIONE SEPARATA ENPAPI RISPOSTE AI DUBBI PIÙ FREQUENTI PRESTAZIONI ASSISTENZIALI SOMMARIO PRESTAZIONI ASSISTENZIALI - ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE... 2 PRESTAZIONI ASSISTENZIALI - INDENNITÀ DI MATERNITÀ

Dettagli

SI PREGA DI PRENDERE APPUNTAMENTO PRIMA DEL 15 NOVEMBRE 2013 AL N. 0465/339512

SI PREGA DI PRENDERE APPUNTAMENTO PRIMA DEL 15 NOVEMBRE 2013 AL N. 0465/339512 MODULO RACCOLTA DATI PER LA REDAZIONE DELLA DOMANDA DI ASSEGNO DI STUDIO - ANNO SCOLASTICO 2013/2014 COGNOME E NOME DEL SOGGETTO RICHIEDENTE (il genitore o colui che ha l esercizio della potestà o lo studente

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER L AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE E PER L OSPITALITA TEMPORANEA IN ALLOGGI DI E.R.P, DI CUI AGLI ARTT. 25, c. 6 d) E 27 DELLA L.R. N. 24/2001. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze in data 29 marzo 2013 REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM Il sistema previdenziale di categoria Fondi di Previdenza ENPAM Obbligatorietà dei Fondi I Fondi di Previdenza ENPAM sono tutti ad iscrizione obbligatoria ed automatica: 1) FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

FONDAV A TUTTI GLI ISCRITTI ALLE OO.SS./AA.PP.

FONDAV A TUTTI GLI ISCRITTI ALLE OO.SS./AA.PP. FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede legale e uffici: Piazza Barberini, 52 00187 Roma Telefono: 06/37355418 Telefax: 06/37519629 E-mail: segreteria.fondav@ci-spa.it Codice

Dettagli

CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER N. 2 POSTI DI OPERATORE SOCIO SANITARIO O.S.S. A TEMPO INDETERMINATO - FULL TIME CAT. B3

CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER N. 2 POSTI DI OPERATORE SOCIO SANITARIO O.S.S. A TEMPO INDETERMINATO - FULL TIME CAT. B3 Via Dante 93 28047 OLEGGIO (No) C.F. 80000490039 CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER N. 2 POSTI DI OPERATORE SOCIO SANITARIO O.S.S. A TEMPO INDETERMINATO - FULL TIME CAT. B3 In esecuzione alla deliberazione

Dettagli

Regolamento Applicativo dello Statuto della Società di Mutuo Soccorso Mutualitas

Regolamento Applicativo dello Statuto della Società di Mutuo Soccorso Mutualitas Regolamento Applicativo dello Statuto della Società di Mutuo Soccorso Mutualitas Il presente Regolamento è in vigore a far data dal 01/01/2015 Art. 1 Adesione Art.1.1 Ammissione dei soci Possono richiedere

Dettagli

FONDO PENSIONE AGENTI PROFESSIONISTI DI ASSICURAZIONE www.fonage.it. Sede: 00187 ROMA - Via del Tritone, 46 - Tel. 06697643.

FONDO PENSIONE AGENTI PROFESSIONISTI DI ASSICURAZIONE www.fonage.it. Sede: 00187 ROMA - Via del Tritone, 46 - Tel. 06697643. FONDO PENSIONE AGENTI PROFESSIONISTI DI ASSICURAZIONE www.fonage.it Sede: 00187 ROMA - Via del Tritone, 46 - Tel. 06697643.1 - Fax 0669941107 DOMANDA DI PENSIONE AI SUPERSTITI A norma degli artt. 11 bis

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE 2015/2016

DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE 2015/2016 Servizio Autonomo Personale Area Amministrazione Economica Risorse Umane Tel 0817953725/30 Fax 0817953875 A DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE 2015/2016 DATI ANAGRAFICI DEL RICHIEDENTE (compilare

Dettagli

Piani di assistenza 2009-2011 INFORMATIVA

Piani di assistenza 2009-2011 INFORMATIVA Piani di assistenza 2009-2011 INFORMATIVA Premessa. Il CdA di Uni.C.A.-UniCredit Cassa Assistenza, in adunanza 12.12.2008, ha approvato il programma di assistenza sanitaria integrativa 2009-2011 per il

Dettagli

Breve guida all autocertificazione

Breve guida all autocertificazione Breve guida all autocertificazione Cos'è Si può utilizzare per Non si può utilizzare se Come si fa Costi Validità temporale Cittadini non italiani Copie autentiche Documenti di identità Dichiarazioni non

Dettagli

Comune di Marigliano Prov. di Napoli VII SETTORE-POLITICHE SOCIALI TEL.081/8858340

Comune di Marigliano Prov. di Napoli VII SETTORE-POLITICHE SOCIALI TEL.081/8858340 Comune di Marigliano Prov. di Napoli VII SETTORE-POLITICHE SOCIALI TEL.081/8858340 BENEFICI ECONOMICI A FAVORE DEGLI INVALIDI CIVILI INDICE: LE FASI DEL PROCEDIMENTO L ACCERTAMENTO SANITARIO DELL ASL DOVE

Dettagli

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO 1 PRINCIPALI FONTI NORMATIVE E REGOLAMENTARI Legge 335/1995, art. 2, comma 25; Dlgs 103/96; Legge 247/07, art 1, comma 80 (norme di attuazione del Protocollo welfare

Dettagli

Regolamento C.A.L.E.C. C.A.L.E.C. CASSA ASSISTENZA LAVORATORI EDILI DELLE COOPERATIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

Regolamento C.A.L.E.C. C.A.L.E.C. CASSA ASSISTENZA LAVORATORI EDILI DELLE COOPERATIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA C.A.L.E.C. CASSA ASSISTENZA LAVORATORI EDILI DELLE COOPERATIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Via Michelino, 71 Tel.051.510699 Fax. 051.510774 e-mail: info@calecbologna.it Normativa contrattuale relativa il

Dettagli

CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO. regolamento prestazioni

CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO. regolamento prestazioni CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO regolamento prestazioni 9 10 DIRITTO ALLE PRESTAZIONI Hanno diritto alle prestazioni della Cassa Edile di Nuoro gli operai dipendenti di imprese

Dettagli

Documentazione e certificazioni da allegare alle domande di mobilità (art. 9 CCNI 20.12.2007)

Documentazione e certificazioni da allegare alle domande di mobilità (art. 9 CCNI 20.12.2007) Documentazione e certificazioni da allegare alle domande di mobilità (art. 9 CCNI 20.12.2007) La dichiarazione dei servizi prestati. Le domande di mobilità vanno corredate con le dichiarazioni personali

Dettagli

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino - UFFICIO TECNICO - BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N 27 ALLOGGI COMUNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA E PER ULTERIORI ALLOGGI CHE SI RENDERANNO

Dettagli

Aprile 2010. Quota A - pagamento contributi 2010

Aprile 2010. Quota A - pagamento contributi 2010 Aprile 2010 Quota A - pagamento contributi 2010 Nel mese di aprile Equitalia Esatri S.p.A. di Milano ha avviato l attività di notifica degli avvisi di pagamento. I contributi possono essere versati in

Dettagli

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati 1 PRESTAZIONI INTEGRATIVE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PENSIONE ai SUPERSTITI Gestione INDENNITÀ di SCIOGLIMENTO del RAPPORTO di AGENZIA PENSIONE di VECCHIAIA PENSIONE di INVALIDITÀ PENSIONE di INABILITÀ

Dettagli

che il figlio o i figli sono nati o entrati nella propria famiglia anagrafica il: / / e che

che il figlio o i figli sono nati o entrati nella propria famiglia anagrafica il: / / e che che il figlio o i figli sono nati o entrati nella propria famiglia anagrafica il: / / e che sono regolarmente soggiornanti e residenti nel territorio dello Stato (solo nel caso in cui l evento si sia verificato

Dettagli

PENSIONATI 2012 ASSISTENZA SANITARIA

PENSIONATI 2012 ASSISTENZA SANITARIA PENSIONATI 2012 ASSISTENZA SANITARIA Agli Iscritti al Fondo Sanitario Integrativo di Gruppo, beneficiari di prestazioni dirette ovvero tramite polizza assicurativa sanitaria, è data facoltà di proseguire

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05. REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.2015 - INDICE Pag. ART. 1 OBIETTIVO. 3 ART. 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 27.07.2006 - Modificato

Dettagli

Il/La sottoscritto/a Matricola/Società (Cognome e nome) Nato/a a Il

Il/La sottoscritto/a Matricola/Società (Cognome e nome) Nato/a a Il RACCOMANDATA Spettabile Cassa per l Assistenza Sanitaria per il Personale del Gruppo Intesa Via Cechov 50/5 20151 MILANO Il/La sottoscritto/a Matricola/Società (Cognome e nome) Nato/a a Il Residente (Cap.,

Dettagli

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA Alla CASSA ITALIANA PREVIDENZA GEOMETRI Area Servizi Istituzionali Servizio Erogazione Trattamenti ed Iscrizione Ufficio Istruttoria invalidità, inabilità, superstiti e supplementi Lungotevere Arnaldo

Dettagli

ACCORDO PER LA RIPARTIZIONE DELLO STANZIAMENTO PER INTERVENTI DI NATURA ASSISTENZIALE E SOCIALE PER L ANNO 2011

ACCORDO PER LA RIPARTIZIONE DELLO STANZIAMENTO PER INTERVENTI DI NATURA ASSISTENZIALE E SOCIALE PER L ANNO 2011 ACCORDO PER LA RIPARTIZIONE DELLO STANZIAMENTO PER INTERVENTI DI NATURA ASSISTENZIALE E SOCIALE PER L ANNO 2011 sottoscritto il 16 dicembre 2011 in Roma 1 In data 16 dicembre 2011 le delegazioni sottoscrivono

Dettagli

STATUTO. Articolo 1 Ordinamento e Scopo

STATUTO. Articolo 1 Ordinamento e Scopo STATUTO Articolo 1 Ordinamento e Scopo 1. Il Fondo Assistenza Sanitaria Integrativa FASI, associazione non riconosciuta di secondo grado, costituita a seguito del protocollo del 13 aprile 1981 e dell accordo

Dettagli

ALL. A) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (Art. 46 D.P.R. 445 del 28/12/2000 e s.m.i.) Il/la sottoscritto/a.

ALL. A) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (Art. 46 D.P.R. 445 del 28/12/2000 e s.m.i.) Il/la sottoscritto/a. ALL. A) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (Art. 46 D.P.R. 445 del 28/12/2000 e s.m.i.) consapevole delle sanzioni penali, nel caso di dichiarazioni non veritiere e falsità negli atti, richiamate

Dettagli

Codice Fiscale: Sesso: M F Data di nascita: / / Comune di residenza: Provincia: ( )

Codice Fiscale: Sesso: M F Data di nascita: / / Comune di residenza: Provincia: ( ) Da inviare a Fondo Scuola Espero Via Fiume Giallo, 3 00144 - Roma MODULO RICHIESTA LIQUIDAZIONE DIPENDENTI PUBBLICI 1. DATI DELL ISCRITTO 2. OPZIONE PRESCELTA A) RISCATTO integrale della posizione individuale

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA AMIATA GROSSETANO Arcidosso Castel del Piano - Castell'Azzara Cinigiano - Roccalbegna - Santa Fiora - Seggiano Semproniano

COMUNITÀ MONTANA AMIATA GROSSETANO Arcidosso Castel del Piano - Castell'Azzara Cinigiano - Roccalbegna - Santa Fiora - Seggiano Semproniano COMUNITÀ MONTANA AMIATA GROSSETANO Arcidosso Castel del Piano - Castell'Azzara Cinigiano - Roccalbegna - Santa Fiora - Seggiano Semproniano AL PRESIDENTE DELLA COMUNITA MONTANA AMIATA GROSSETANO per tramite

Dettagli