L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN CONDOMINIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN CONDOMINIO"

Transcript

1 Mercoledì 16 ottobre 1996 L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN CONDOMINIO PREMESSA Tutti i provvedimenti che oggi fanno parte dell intero quadro di normative che regolamentano i comportamenti edificatori nel territorio, ed in particolar modo quelli oggetto della chiacchierata di questa sera, originano dai primi articoli della nostra Costituzione, dove si legge a chiare lettere che tutti i cittadini hanno pari dignità e pari diritti, devono concorrere al progresso della società, la Repubblica nel riconoscere a tutti questi diritti, promuove le condizioni che li rendano effettivi. NORMATIVA DI RIFERIMENTO Introduzione La Legislazione di settore fino all anno 1986 Nell affrontare l ordinamento giuridico riguardante l abolizione delle barriere architettoniche, ci sembra opportuno suddividerlo in tre periodi: 1. la legislazione prima dell anno i piani locali di abolizione delle barriere architettoniche dell anno la legislazione successiva all anno 1986 E facilmente intuibile il motivo della ripartizione in tre periodi. Il primo periodo è caratterizzato dagli interventi normativi che riguardano esclusivamente le strutture pubbliche e quelle di proprietà privata aperte al pubblico. 1 Il secondo periodo, non ne amplia il campo di applicazione, è però importante per l individuazione di strumenti normativi piani locali che vengono prescritti ad uso degli Enti Locali e delle Amministrazioni Pubbliche in generale. 2 Nel terzo periodo, estremamente interessante, il legislatore estende il campo di applicazione delle precedenti normative e vi comprende tutte le strutture private sia residenziali sia non residenziali. 3 1 Legge 118/1971 art D.P.R. 384/ Legge 41/1986 Finanziaria 3 Legge 13/1989 e D.M. 236/1989, Legge Regionale Lombardia 6/1989 rosanna gerini architetto - cascina molino san giuliano milanese - milano - telefax (02)

2 Nei primi due periodi si puntualizzano gli obblighi della pubblica amministrazione nei confronti dei cittadini, quindi tutte le normative di quegli anni, regolamentano gli interventi che riguardano principalmente il tessuto sociale e di interesse collettivo. Tra questi erano inclusi, gli interventi che riguardavano la residenza pubblica, sovvenzionata o agevolata e tutti gli spazi di uso collettivo, anche se di proprietà privata. Nell ultimo periodo, quindi dal 1989 ad oggi, il quadro normativo riferito all eliminazione delle barriere architettoniche nel territorio, è stato completato con l emanazione di leggi nazionali e leggi regionali riguardanti la fruibilità e l accessibilità del patrimonio edilizio privato. In Lombardia, pertanto, le leggi di riferimento più importanti, oltre a provvedimenti di minor rilevanza emanati negli anni successivi, sono la Legge n.13 del 9 gennaio 1989 e relativo Decreto Ministeriale n.236 del 14 giugno 1989 e la Legge della Regione Lombardia n.6 del 20 febbraio Si potrebbe pensare che vista la data di emanazione della legge regionale rispetto a quella nazionale, la stessa altro non sia che un mero recepimento della legge dello stato, ma non è così, le due normative sono in realtà profondamente differenti soprattutto nelle prescrizioni riguardanti i parametri tecnici ; tutto ciò ha però una spiegazione logica, la legge regionale è stata promulgata dopo una lunga gestazione di alcuni anni ed infine trattenuta allo scopo di consentire la pubblicazione di una legge dello stato che però detta solo valori di principio, rinviando il contenuto tecnico ad un successivo atto, il Decreto Ministeriale 236. Corre l obbligo precisare che La legge n.13/89 ha valore di principio, mentre il D.M. n.236/89 ha valore di prescrizione tecnica. La legge regionale n.6/89 applica le norme di principio disciplinando nella sua potestà normativa le prescrizioni tecniche che prevalgono quindi su quelle statali, ove vi sia intervento sugli stessi aspetti e completano la normativa statale sui punti mancanti, mentre possono esservi aspetti non disciplinati dalla normativa regionale che restano in tal caso disciplinati dalla normativa statale. La legge regionale stabilisce dei minimi, nulla esclude l applicabilità di soluzioni più favorevoli : in particolare di quelle eventualmente reperibili nel decreto ministeriale ove nel caso concreto garantiscano un miglior perseguimento dell interesse curato. Nelle parti più favorevoli le prescrizioni del decreto ministeriale, ove inferiori ai minimi prescritti dalla legge regionale, non sono di applicazione doverosa perché ciò determinerebbe una sostanziale disapplicazione della legge, che appare inammissibile poiché : a) quelli regionali sono dei minimi al di sotto dei quali non si può andare ; b) comunque tutte le previsioni del decreto ministeriale sono integralmente disponibili. rosanna gerini architetto - cascina molino san giuliano milanese - milano - telefax (02)

3 E opportuno precisare che nei casi in cui le norme e le prescrizioni attribuiscono rilevanza alla destinazione funzionale di cui alla legge regionale n.6/89 ciascuna porzione (unità ambientale) di immobile soggiace alla disciplina prevista per la propria destinazione. Tutto ciò premesso, per chiarire che nonostante l obbligo di confrontare i diversi contenuti di più leggi, il nostro punto fermo sarà la normativa regionale. Le finalità Le leggi sull eliminazione delle barriere architettoniche dettano norme e dispongono interventi graduali diretti ad assicurare la massima autonomia, nell ambiente costruito, da parte di tutti i cittadini, pertanto si applicano a tutti gli edifici di nuova costruzione e negli interventi di ristrutturazione agli edifici esistenti, come definiti dall art. 31 della legge 457/78, di proprietà privata. Campo di applicazione Le norme delle suddette leggi si applicano a tutti gli edifici, gli ambienti e le strutture, anche di carattere temporaneo, di proprietà pubblica e privata, che prevedano il passaggio o la permanenza di persone. In particolare le disposizioni riguardano : a) gli edifici di uso residenziale abitativo anche pubblica sovvenzionata o agevolata; b) gli edifici e i locali destinati ad attività produttive di carattere industriale, agricolo, artigianale, nonché ad attività commerciali e del settore terziario ; c) le aree ed i percorsi pedonali urbani, nonché i parcheggi ; d) le strutture e gli impianti di servizio di uso pubblico (nel caso della residenza privata ha significato per la comunità dei condomini e degli inquilini), esterni o interni alle costruzioni ; e) i segnali ottici, acustici e tattili da utilizzare negli ambienti di cui alle lettere precedenti. Innovazioni Con le normative sopracitate sono state introdotte alcune definizioni innovative : accessibilità, visitabilità, adattabilità. Per accessibilità si intende la possibilità per chiunque di poter fruire completamente di tutti gli spazi che compongono un territorio, in condizioni di assoluta sicurezza ed autonomia ; quindi l accessibilità dovrà essere garantita in tutto il territorio, negli spazi esterni ai fabbricati e nelle parti comuni (siano esse intese come spazi ad uso della collettività, siano intese in senso stretto quali parti di proprietà comune indivisa ad uso dei diversi proprietari o inquilini). Per visitabilità si intende la condizione che permette a persone con ridotta capacità motoria, di accedere ad alcuni spazi o unità ambientali, garantendone requisiti minimi. Per adattabilità si intende la condizione di poter modificare successivamente, a costi limitati, l ambiente in modo da renderlo completamente accessibile. Si sono anche introdotti due concetti fondamentali : il significato di barriera architettonica, qualsiasi ostacolo che limita o nega l uso ai cittadini, di spazi, edifici e strutture e, in particolare, rosanna gerini architetto - cascina molino san giuliano milanese - milano - telefax (02)

4 impedisce la mobilità dei soggetti con difficoltà motoria, sensoriale e/o psichica, di natura permanente o temporanea, dipendente da qualsiasi causa ; e di barriera localizzativa che rappresenta ogni ostacolo o impedimento della percezione connessi alla posizione, alla forma o al colore di elementi architettonici e dei mezzi di trasporto, tali da ostacolare o limitare o mettere in pericolo la vita di relazione di tutti i cittadini. Sono stati anche meglio descritte le differenti parti delle strutture edilizie a miglior semplificazione delle seguenti descrizioni riguardanti le prescrizioni tecniche per le diverse destinazioni d uso : a) spazi esterni b) edificio c) parti comuni d) unità ambientale e) unità immobiliare SPAZI ESTERNI Si intende l insieme degli spazi aperti, anche se coperti, di pertinenza dell edificio o di più edifici ed in particolare quelli interposti tra l edificio o gli edifici e la viabilità pubblica o di uso pubblico. EDIFICIO Si intende una unità immobiliare dotata di autonomia funzionale, ovvero un insieme di unità immobiliari funzionalmente e/o fisicamente connesse tra loro. PARTI COMUNI Si intendono quelle unità ambientali che servono o che connettono funzionalmente più unità immobiliari. UNITA AMBIENTALE Si intende uno spazio elementare e definito, idoneo a consentire lo svolgimento di attività compatibili tra loro. UNITA IMMOBILIARE Si intende una unità ambientale suscettibile di autonomo godimento ovvero un insieme di unità ambientali funzionalmente connesse, suscettibile di autonomo godimento. A questo punto possiamo esaminare le diverse tipologie di intervento da realizzare per le differenti destinazioni d uso delle singole unità ambientali o immobiliari. La normativa regionale non diversifica gli interventi di nuova costruzione da quelli operati sul patrimonio esistente, mentre la normativa dello stato consente di procedere con interventi minimali, comunque inderogabili, laddove esistano impedimenti di ordine strutturale. rosanna gerini architetto - cascina molino san giuliano milanese - milano - telefax (02)

5 Concessioni ed autorizzazioni a edificare, in deroga agli strumenti urbanistici vigenti Ai fini dell abbattimento delle barriere architettoniche e localizzative, le concessioni e autorizzazioni di edificazione relative agli interventi di cui all art.31 legge 457/78, possono essere eccezionalmente e motivatamente rilasciate in deroga agli standard, limiti o vincoli previsti dagli strumenti urbanistici vigenti. La deroga è concessa solo per gli interventi per i quali non sia possibile intervenire secondo le prescrizioni della normativa sull eliminazione delle barriere architettoniche. Concessioni ed autorizzazioni a edificare, in deroga alle prescrizioni tecniche di attuazione delle leggi sull eliminazione delle barriere architettoniche Le concessioni e autorizzazioni di cui sopra, possono essere motivatamente rilasciate in deroga a quanto previsto dall allegato legge 6/89 nel caso di : presenza di vincoli a tutela dei beni artistici, archeologici, storici e culturali, che non consentano interventi coerenti con le finalità delle leggi per l abbattimento delle barriere architettoniche e localizzative e per l impossibilità tecnica connessa agli elementi statici ed impiantistici degli edifici oggetto dell intervento. Il rilascio di detti provvedimenti di concessione o autorizzazione è comunque subordinato all adozione di soluzioni tecniche alternative alle prescrizioni delle diverse normative, tali da garantire l uso dell immobile secondo le finalità delle normative stesse. Sanzioni L inosservanza delle norme dettate dalla legge 6/89, da parte del titolare della concessione o autorizzazione edilizia, del committente, del Direttore dei lavori, costituisce variazione essenziale di cui all art.8, primo comma, lettera c), della legge 47/85, cui consegue l applicazione delle disposizioni e delle sanzioni previste dalla legislazione vigente. Visti gli obiettivi della normativa sull eliminazione delle barriere architettoniche, che prevede interventi graduali per l adeguamento dell ambiente costruito, in presenza di qualsiasi intervento edilizio di cui all art.31 della legge 457/78, ancorché oggetto della procedura ex art.26 della legge 47/85, in ottemperanza alle prescrizioni di legge si dovranno prevedere per le differenti destinazioni e tipologie, le caratteristiche riportate nella tabella seguente : rosanna gerini architetto - cascina molino san giuliano milanese - milano - telefax (02)

6 NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI EDIFICI RESIDENZIALI UNIFAMILIARI VISITABILI ADATTABILI EDIFICI PLURIFAMILIARI con parti comuni CON MENO DI TRE LIVELLI FUORI TERRA (compresi interrati e/o porticati) nelle UNITA IMMOBILIARI VISITABILI ADATTABILI nelle PARTI COMUNI ACCESSIBILI* EDIFICI PLURIFAMILIARI con parti comuni CON PIU DI TRE LIVELLI FUORI TERRA (compresi interrati e/o porticati) nelle UNITA IMMOBILIARI nelle PARTI COMUNI ACCESSIBILI VISITABILI ADATTABILI NELLE UNITA IMMOBILIARI NON RESIDENZIALI UNITA IMMOBILIARI DESTINATE AD ATTIVITÀ PRODUTTIVE DI CARATTERE : INDUSTRIALE, AGRICOLO, ARTIGIANALE, ATTIVITA COMMERIALI e del SETTORE TERZIARIO ACCESSIBILI Quindi dovranno essere : ACCESSIBILI : 1. SPAZI ESTERNI almeno un percorso che colleghi la viabilità pubblica all ingresso dell edificio 2. PARTI COMUNI in tutti gli edifici con più di tre livelli compresi interrati e/o porticati, dovrà essere installato l ascensore con caratteristiche tecniche prescritte dalla L.R. 6/89 negli edifici con meno di tre livelli compresi interrati e/o porticati, si potrà in via alternativa all ascensore, installare piattaforme elevatrici o montascale 3. UNITA IMMOBILIARI destinate ad attività di carattere : INDUSTRIALE, AGRICOLO, ARTIGIANALE, ATTIVITA COMMERIALI e del SETTORE TERZIARIO VISITABILI e ADATTABILI : 1. UNITA IMMOBILIARI RESIDENZIALI rosanna gerini architetto - cascina molino san giuliano milanese - milano - telefax (02)

7 Fig. A Fig. B Come si può notare, il requisito di adattabilità (Fig. A) è soddisfatto se a fronte di pochi interventi di costo contenuto si trasforma l alloggio in accessibile (Fig. B) ; quindi è sicuramente rosanna gerini architetto - cascina molino san giuliano milanese - milano - telefax (02)

8 adattabile l unità immobiliare che prevede varchi e porte di dimensione netta minima di cm 80, corridoi e passaggi di almeno cm 120, la possibilità di rimozione di un apparecchio sanitario in modo da consentire l avvicinamento laterale alla tazza WC, ecc. Questi ed altri interventi di eliminazione delle barriere architettoniche possono essere realizzati anche con un contributo da parte dello stato. Una innovazione introdotta con la legge dello stato n.13/89 è la possibilità da parte del cittadino, avente diritto, vale a dire, il cittadino a cui sia stata riconosciuta una invalidità permanente, motoria o sensoriale, di realizzare a proprie spese con un contributo in conto capitale dallo stato, tutte le opere di eliminazione delle barriere architettoniche che siano necessarie per il raggiungimento ed il godimento della propria residenza. Tali opere possono essere realizzate sia nelle parti comuni, sia all interno dell unità immobiliare dove il disabile dimora stabilmente, possono essere opere funzionalmente connesse, pertanto concorrere in toto alla concessione del contributo. Il contributo può essere concesso al disabile, ovvero all eventuale tutore o al condominio dove lo stesso dimora. IL CONTRIBUTO VIENE EROGATO COME SEGUE : LE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER LE OPERE DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE SOSTENUTE DA SOGGETTI PRIVATI DEVONO PERVENIRE ENTRO IL 1 MARZO DI OGNI ANNO AL COMUNE DI RESIDENZA POTRANNO ESSERE INOLTRATE SOLAMENTE DA : DISABILE O DA EVENTUALI TUTORI DEL DISABILE rosanna gerini architetto - cascina molino san giuliano milanese - milano - telefax (02)

9 I CONTRIBUTI VENGONO CONCESSI SOLO PER OPERE NON ANCORA REALIZZATE FACCIAMO L ESEMPIO DI... di Rosanna Gerini Un intervento in uno stabile condominiale con caratteristiche di edilizia economica popolare, nella città di Milano. Lo stabile presenta le barriere architettoniche caratteristiche, dell epoca della sua costruzione, inseribile nel primo quarto del secolo diciannovesimo ; periodo storico dove l architettura che riguardava l edilizia popolare, era soggetta anche a pressioni politiche e necessità di creare alloggi per l allora nascente industria lombarda, con speciale riguardo ad attenti studi sul dimensionamento minimo degli standards abitativi e conseguenti spazi comuni. L immobile oggetto dell intervento è composto da nuclei di abitazione serviti da scale indipendenti aventi l accesso unicamente da cortili comuni. Il medesimo è costituito da un piano cantinato e da quattro piani fuori terra, oltre al piano solaio sottotetto. L ingresso della porzione condominiale interessata, avviene da uno dei cortili ed è posto al piano del medesimo con accesso diretto al vano scala comune. Si osserva che il primo piano abitato è rialzato e raggiungibile attraverso una rampa di scala di 6 alzate che superano un dislivello di cm 100. Questa prima rampa di scale, larga cm 136, porta ad un pianerottolo che presenta caratteristiche dimensionali uguali per tutti i piani serviti dalla stessa scala, le dimensioni di tali pianerottoli sono di cm 200 di profondità per una larghezza di cm 235 ; su questi pianerottoli, ad ogni piano si affacciano tre entrate ai relativi appartamenti. Il vano scala è composto dai pianerottoli sopradescritti e da due rampe, per il raggiungimento di ogni piano, di undici alzate larghe cm 96/98 ciascuna, distanti tra loro nella parte centrale di cm 39/40, corredate di balaustra in ferro, centrale, con corrimano in legno. Ogni rampa è interrotta da un pianerottolo intermedio finestrato che misura cm 95 di profondità per cm 235 di larghezza, il tutto fino al raggiungimento del quarto piano abitato, nonché del sottotetto. Le dimensioni, quindi, complessive del vano scala sono di cm 590 per cm 235. Esiste inoltre una scala che dall ingresso del piano terreno porta al piano cantinato, ed è larga cm 85. Lo scopo è certamente quello di eliminare le barriere architettoniche presenti, negli spazi comuni, al fine di consentire, alla popolazione residente oltretutto in prevalenza costituita da persone anziane in parte con difficoltà motorie, l agevole raggiungimento delle proprie abitazioni. rosanna gerini architetto - cascina molino san giuliano milanese - milano - telefax (02)

10 Definizione della tipologia edilizia ai fini dell applicazione della legge Essendo il fabbricato di uso residenziale abitativo di proprietà privata, la normativa di riferimento è la Legge Regionale n.6/89 integrata e completata con le prescrizioni contenute nel Decreto Ministeriale n.236/89. Secondo le tabelle tipologiche contenute nelle leggi, si può definire l edificio plurifamiliare con parti comuni, con più di tre livelli fuori terra ; pertanto sia la legge regionale che il decreto ministeriale, prevedono l installazione di un impianto di sollevamento. Scelta dell intervento La soluzione progettuale più naturale sarebbe l individuare, come luogo più consono all inserimento di un impianto elevatore, il vano scala già esistente. Secondo la legge regionale, i requisiti minimi dimensionali di un ascensore da installare in edifici residenziali sono di cm 130 per cm 90 di vano utile interno della cabina, di cm da 85 a 90 di luce netta della porta della cabina. Le porte di cabina e di piano devono essere del tipo a scorrimento automatico. D.M. 236/89 - all art (Ascensore) L ascensore deve avere una cabina di dimensioni minime tali da permetterne l uso da parte di una persona su sedia a ruote. Le porte di cabina e di piano devono essere del tipo automatico e di dimensioni tali da permettere l accesso alla sedia a ruote. Il decreto ministeriale, ove non sia possibile l installazione di cabine di dimensioni superiori, prevede per gli ascensori da installare in edifici preesitenti, dimensioni ridotte a un minimo di cm 120 per cm 80 di vano utile interno della cabina, di cm 75 di luce netta della porta a scorrimento automatico della cabina. Mentre le porte di piano possono essere anche del tipo ad anta incernierata. Ipotizzando l inserimento di un impianto ascensore, nel vano scala a disposizione (Fig. 1), con dimensioni minime inderogabili di cabina, di cm 80x120, avendo a disposizione una larghezza massima del vano stesso di cm 235, tenendo doverosamente in considerazione gli ingombri tecnici di qualsiasi tipologia di vano corsa, necessari per l alloggiamento del medesimo, ne risulterebbero rampe di scale ridotte ad una larghezza tale da non consentire l agevole passaggio di una persona, tantomeno, come prevedono i regolamenti edilizi comunali, il trasporto di mobili nonché barelle ed una sicura evacuazione in caso di incendio. L impossibilità di poter intervenire nel vano scala esistente, sollecita la ricerca di un area disponibile, adeguata, nella parte esterna all edificio. Fortunatamente la porzione di cortile antistante l ingresso all edificio, permette l inserimento di un ascensore con caratteristiche dimensionali ideali, con annessa relativa scala di servizio (Fig. 2). Per la realizzazione di tale soluzione occorre demolire l esistente scala interna, mantenendo i pianerottoli originali di accesso agli appartamenti, prolungando gli stessi su tutta la superficie del vano scala, collegandoli verso esterno alla nuova struttura ascensore/scala di servizio. rosanna gerini architetto - cascina molino san giuliano milanese - milano - telefax (02)

11 I varchi di collegamento si ricaveranno utilizzando in parte le aperture esistenti collocate sulla facciata dell edificio. Per il superamento dei primi gradini che conducono al piano rialzato, all occorrenza sarà possibile installare una piattaforma montascale perché la larghezza degli stessi ne consente la collocazione. Figura 1 Figura 2 (sezione dell edificio nell area del vano scala comune e vista del profilo del nuovo vano ascensore esterno) Come si evince dal disegno sopra riportato (figura 1), è impossibile dal punto di vista tecnico inserire nel vano scala in questione, qualsivoglia ascensore che rispetti le prescrizioni minime di legge in materia di eliminazione delle barriere architettoniche e conseguentemente essere approvato dalle autorità locali competenti. rosanna gerini architetto - cascina molino san giuliano milanese - milano - telefax (02)

12 Figura 3 (ascensore/scala di servizio collocati all interno del cortile comune) E senza dubbio la soluzione che garantisce il pieno rispetto delle prescrizioni di legge, prevede come evidenziato nella sezione, il prolungamento di tutte le solette degli spazi comuni con un conseguente consolidamento delle strutture esistenti, la realizzazione della scala all esterno più ampia e comoda consente il suo utilizzo anche come scala antincendio (Fig. 3), la costruzione di un ascensore a norma con il rispetto delle distanze previste ; ascensore e scala potranno essere realizzati con materiali che garantiscano il minimo impatto ambientale. Il costo di un intervento di questo tipo sarà giustificato da un incremento di valore di tutto il fabbricato e certamente un miglioramento nella fruizione di tutti gli spazi comuni. Per quanto riguarda la concessione o autorizzazione alla realizzazione di tale intervento, la stessa sarà motivatamente rilasciata in deroga a tutti gli strumenti urbanistici vigenti come previsto nell art.19 della L.R. 6/89. rosanna gerini architetto - cascina molino san giuliano milanese - milano - telefax (02)

Realizzare l adattabilità

Realizzare l adattabilità PROGETTARE UNA CITTA OSPITALE Ciclo di incontri sulla progettazione accessibile Realizzare l adattabilità Bergamo, 24 settembre 2015 ADATTABILITA 1. Definizioni, riferimenti normativi 2. Come si progetta

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA -

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ai sensi del comma 4 dell art. 77 del D.P.R. 380/01 come modificato dal D.lgs 301/02, L. 13/1989 e D.M.

Dettagli

PREMESSE. Tali interventi dovranno peraltro ricadere nella fattispecie della adattabilità, ove tale termine:

PREMESSE. Tali interventi dovranno peraltro ricadere nella fattispecie della adattabilità, ove tale termine: Circolare esplicativa finalizzata a garantire l'adattabilità degli edifici residenziali ai fini del superamento e dell'eliminazione delle barriere architettoniche (20 ottobre 2008) PREMESSE Questa circolare

Dettagli

[STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche.

[STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche. Barrier free design [STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche. [EDIFICI SOCIALI] Circolare del Ministero

Dettagli

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali Ordine degli Architetti P.P.C di Milano Contenuti Piattaforme elevatrici Riferimenti normativi e sgravi fiscali Caratteristiche peculiari e certificazioni Soluzioni progettuali 2 Piattaforme elevatrici

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI NEL COMPARTO 17R DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SITO IN CESANO DI SENIGALLIA DITTA: EDRA IMMOBILIARE S.r.l. Via Cimabue, n 7 - SENIGALLIA

Dettagli

Impianti elettrici e barriere architettoniche (Scheda)

Impianti elettrici e barriere architettoniche (Scheda) Principali norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua ; Guida CEI 64-50 Guida

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili. COMMITTENTE: Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.it PROGETTO: ELABORAZIONE DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. 338 OGGETTO TITOLO

Dettagli

Marca da bollo di valore secondo la legge vigente

Marca da bollo di valore secondo la legge vigente Modulo C Marca da bollo di valore secondo la legge vigente DOMANDA di concessione di contributo per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici residenziali di abitativa

Dettagli

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato Studio Tecnico Ing. MASSIMO CECCARINI Cod. Fisc. CCC MSM 56H14 G999V Part. I.V.A. 00036530970 Viale V. Veneto, 13 59100 PRATO Tel. e Fax 0574 29062 / 607600 Prato, li 27/12/10. e-mail: studiomcmp@conmet.it

Dettagli

LE PROCEDURE IL FABBISOGNO GLI INTERVENTI I CONTRIBUTI EROGATI dal 1989 al 2012

LE PROCEDURE IL FABBISOGNO GLI INTERVENTI I CONTRIBUTI EROGATI dal 1989 al 2012 Regione Marche Servizio Territorio, Ambiente, Energia LE PROCEDURE IL FABBISOGNO GLI INTERVENTI I CONTRIBUTI EROGATI dal 1989 al 2012 La struttura della legge La legge 13/1989 può essere suddivisa in tre

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Elaborato E2 COMUNE DI SESTRI LEVANTE Località San Bartolomeo della Ginestra Zona di P.U.C.: AC(B3) E1 (TPA) territorio di presidio ambientale agricolo Istanza Permesso di Costruire in variante al P.U.C.

Dettagli

Delibera n. 13845 del 11-12-1998 proposta da GIOVANAZZI. Legge provinciale 11 settembre 1998, n. 10, art. 44, 4. comma.

Delibera n. 13845 del 11-12-1998 proposta da GIOVANAZZI. Legge provinciale 11 settembre 1998, n. 10, art. 44, 4. comma. Delibera n. 13845 del 11-12-1998 proposta da GIOVANAZZI Legge provinciale 11 settembre 1998, n. 10, art. 44, 4 comma. Individuazione dei criteri in base ai quali il Servizio Lavori Pubblici degli Enti

Dettagli

art. 3 Beneficiari del contributo art. 4 Oggetto degli interventi art. 5 Interventi e spese ammissibili pag 2/7 e per i sordi.

art. 3 Beneficiari del contributo art. 4 Oggetto degli interventi art. 5 Interventi e spese ammissibili pag 2/7 e per i sordi. Regolamento sulle modalità e i criteri per la concessione dei contributi previsti dall articolo 16 della legge regionale 25 settembre 1996, n. 41 per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche

Dettagli

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi 5. ANALISI SPAZIALE Distribuzione degli spazi L attenzione nella progettazione degli spazi si affianca alla scelta delle tecnologie più evolute per la gestione della qualità ambientale. L edificio è stato

Dettagli

(ai sensi della legge 9/1/1989, n. 13) Il/la sottoscritto/a C.F. nato/a a il abitante (1) in qualità di proprietario affittuario altro (2)

(ai sensi della legge 9/1/1989, n. 13) Il/la sottoscritto/a C.F. nato/a a il abitante (1) in qualità di proprietario affittuario altro (2) DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI ESISTENTI ALLA DATA DELL 11 AGOSTO 1989 (ai sensi della legge 9/1/1989, n.

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Protocollo C H I E D E

Protocollo C H I E D E Protocollo Marca da Bollo. 16,00 Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE

Dettagli

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA Complesso di proprietà di Pentagramma Romagna Spa in via XX Settembre n.38 e Corso Mazzini n.41, sito nel Comune di Cervia (RA). OPERE DI RESTAURO

Dettagli

DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI

DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI PER EDIFICI COSTRUITI DOPO LA DATA DELL 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA

Dettagli

L.R. 41/1996, art. 16 B.U.R. 7/11/2012, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 23 ottobre 2012, n. 0217/Pres.

L.R. 41/1996, art. 16 B.U.R. 7/11/2012, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 23 ottobre 2012, n. 0217/Pres. L.R. 41/1996, art. 16 B.U.R. 7/11/2012, n. 45 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 23 ottobre 2012, n. 0217/Pres. Regolamento sulle modalità e i criteri per la concessione dei contributi previsti dall

Dettagli

FAC-SIMILE DI DOMANDA PER EDIFICI COSTRUITI DOPO 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA (IN MARCA DA BOLLO DI VALORE SECONDO LA LEGGE VIGENTE)

FAC-SIMILE DI DOMANDA PER EDIFICI COSTRUITI DOPO 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA (IN MARCA DA BOLLO DI VALORE SECONDO LA LEGGE VIGENTE) FAC-SIMILE DI DOMANDA PER EDIFICI COSTRUITI DOPO 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA (IN MARCA DA BOLLO DI VALORE SECONDO LA LEGGE VIGENTE) da presentarsi dal 1 gennaio al 1 marzo di ogni anno DOMANDA

Dettagli

MARCA DA BOLLO 14.62 AL SINDACO DEL COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI PROV MI

MARCA DA BOLLO 14.62 AL SINDACO DEL COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI PROV MI MARCA DA BOLLO 14.62 AL SINDACO DEL COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI PROV MI DOMANDA di concessione di contributo per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici residenziali

Dettagli

RIABILITARE (L)A CASA

RIABILITARE (L)A CASA CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA Accessibilità e Domotica: quali le norme e gli strumenti? Disability Manager 21-22-23 NOVEMBRE 2013 Centro Servizi Villa delle Magnolie e Park

Dettagli

COMUNE DI VIMERCATE Sportello Unico Tecnico Servizio Edilizia Privata

COMUNE DI VIMERCATE Sportello Unico Tecnico Servizio Edilizia Privata PT/SUT-EP/P26MU01/2/0 COMUNE DI VIMERCATE Sportello Unico Tecnico Servizio Edilizia Privata BOLLO 16,00 AL SINDACO DEL COMUNE DI VIMERCATE OGGETTO: Domanda di concessione di contributo per il superamento

Dettagli

SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO

SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO MARCA DA BOLLO Euro 16,00 SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO MODULO A DOMANDA PER EDIFICI ESISTENTI ALLA DATA DEL 11 AGOSTO 1989 AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI GUDO VISCONTI DOMANDA di concessione di contributo

Dettagli

CITTA DI TORINO ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN LOCALI PUBBLICI E PRIVATI APERTI AL PUBBLICO.

CITTA DI TORINO ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN LOCALI PUBBLICI E PRIVATI APERTI AL PUBBLICO. All. n. 1 Deliberazione n. 2008 06681/38 CITTA DI TORINO ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN LOCALI PUBBLICI E PRIVATI APERTI AL PUBBLICO. ARTICOLO 31, comma 5, DEL REGOLAMENTO EDILIZIO DELLA

Dettagli

FAC-SIMILE DI DOMANDA PER EDIFICI COSTRUITI DOPO 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA (IN MARCA DA BOLLO DI VALORE SECONDO LA LEGGE VIGENTE)

FAC-SIMILE DI DOMANDA PER EDIFICI COSTRUITI DOPO 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA (IN MARCA DA BOLLO DI VALORE SECONDO LA LEGGE VIGENTE) FAC-SIMILE DI DOMANDA PER EDIFICI COSTRUITI DOPO 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA (IN MARCA DA BOLLO DI VALORE SECONDO LA LEGGE VIGENTE) DOMANDA di concessione di contributo per il superamento

Dettagli

Il sottoscritto... nato a... il... abitante a (1).. C.F.. in qualità di: proprietario affittuario altro (2).

Il sottoscritto... nato a... il... abitante a (1).. C.F.. in qualità di: proprietario affittuario altro (2). Marca da bollo 16,00= AL SINDACO DEL COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI PROVINCIA DI MILANO DOMANDA di concessione di contributo per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici

Dettagli

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche - Barriere Culturali PROGETTARE, COSTRUIRE, ABITARE CON QUALITÀ COLLEGAMENTI ORIZZONTALI COLLEGAMENTI VERTICALI Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma 30 Gennaio 2008 Parma Seminario

Dettagli

Barriere Architettoniche

Barriere Architettoniche Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio ottobre 2009 Barriere Architettoniche (da I QUADERNI Consulente IMMOBILIARE, Suppl. al n. 845 del 30 settembre 2009)

Dettagli

Il/la sottoscritto/a...nato a... il... abitante a (1).. C.F..., in qualità di proprietario affittuario altro (2)...

Il/la sottoscritto/a...nato a... il... abitante a (1).. C.F..., in qualità di proprietario affittuario altro (2)... Bollo 14,62 Modulo C DOMANDA PER EDIFICI COSTRUITI DOPO 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA AL SINDACO DEL COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE DOMANDA di concessione di contributo per il superamento

Dettagli

Catasto terreni di Marostica, censuario di

Catasto terreni di Marostica, censuario di Aggiornamento 05/12/14 RELAZIONE E DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ relativa ai LIVELLI QUALITATIVI DI PROGETTAZIONE AI FINI DEL SUPERAMENTO E DELL ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (art. 1 comma

Dettagli

INDICAZIONI PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI PER L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI PRIVATI

INDICAZIONI PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI PER L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI PRIVATI ALLEGATO 1 DIREZIONE GENERALE CASA E OPERE PUBBLICHE UNITA ORGANIZZATIVA OPERE PUBBLICHE E WELFARE ABITATIVO STRUTTURA PROGRAMMAZIONE OPERE PUBBLICHE INDICAZIONI PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI PER L ELIMINAZIONE

Dettagli

abbattimento delle Barriere Architettoniche

abbattimento delle Barriere Architettoniche Laurea Specialistica in Ingegneria Edile abbattimento delle Barriere Architettoniche Progettazione e sicurezza dei luoghi di lavoro Disabili Il primo provvedimento italiano inerente le barriere architettoniche

Dettagli

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 -

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 - INDICE 1. PREMESSA - 3-2. CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96, RICHIESTA DALLA A.S.L./NA 1, DIPARTIMENTO PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA, IN SEDE DI CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali REQUISITI BASE Gli obblighi di norma si riducono a poche prescrizioni che sinteticamente sono: C D A Il lavabo deve essere di tipo a mensola,

Dettagli

DISPENSA INFORMATIVA. In collaborzione con:

DISPENSA INFORMATIVA. In collaborzione con: In copertina: foto G. Mariotti DISPENSA INFORMATIVA In collaborzione con: Cooperazione Reciproca Pergine Cooperazione Reciproca Pergine è un associazione, promossa dalla Cassa Rurale di Pergine, che si

Dettagli

BARRIERE ARCHITETTONICHE E LOCALIZZATIVE: EXCURSUS DELLE NORMATIVE DELLA REGIONE LOMBARDIA. di Rocco Artifoni

BARRIERE ARCHITETTONICHE E LOCALIZZATIVE: EXCURSUS DELLE NORMATIVE DELLA REGIONE LOMBARDIA. di Rocco Artifoni BARRIERE ARCHITETTONICHE E LOCALIZZATIVE: EXCURSUS DELLE NORMATIVE DELLA REGIONE LOMBARDIA. di Rocco Artifoni ANALISI DELLE NORMATIVE DI CARATTERE REGIONALE La legge sui servizi socio-assistenziali Con

Dettagli

AL SINDACO DEL COMUNE DI... PROV...

AL SINDACO DEL COMUNE DI... PROV... Marca da bollo 16,00 DOMANDA di concessione di contributo per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici residenziali privati ai sensi della legge 9 gennaio 1989, n. 13

Dettagli

COMUNE DI TRIUGGIO Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI TRIUGGIO Provincia di Monza e Brianza Cat. 7 Cl. 12 Fasc. Modulo 1 DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI DI ABITATIVA PRIVATA AI SENSI DELLA LEGGE

Dettagli

Accessibilità esterna e delle parti comuni interne all edificio Accessibilità interna della singola unità immobiliare ad uso abitativo

Accessibilità esterna e delle parti comuni interne all edificio Accessibilità interna della singola unità immobiliare ad uso abitativo AL COMUNE DI GRADO SERVIZIO SOCIO ASSISTENZIALE Viale Papa Giovanni XXIII, 40 34073 GRADO (GO) Bollo 16,00 In caso di mancata apposizione della marca da bollo o in caso di marca da bollo insufficiente,

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO

COMUNE DI SANSEPOLCRO TAVOLA: 9 COMUNE DI SANSEPOLCRO OGGETTO: PIANO DI RECUPERO Edificio Via N. Aggiunti n. 90 TITOLO TAVOLA: ASSEVERAZIONE L. 13/89 COMMITTENTE: FINTRUCKS S.p.a Ing. Bacchi Camillo PROGETTISTA: Dott. ENRICO

Dettagli

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia.

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. studio ajs La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. Premessa!Le considerazioni che seguiranno fanno riferimento alla bozza del nuovo Regolamento Edilizio del 07-01-2005 in discussione

Dettagli

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata OGGETTO: INDIRIZZI INTERPRETATIVI DELLA L. R. 4/2009 AGGIORNAMENTO AL 18.10.2010 ART. 1 Finalità 1) L obiettivo primario

Dettagli

CHIEDE. adeguamento degli impianti idrico sanitari ed elettrici strettamente funzionali all intervento (sono esclusi gli interventi sulla rete

CHIEDE. adeguamento degli impianti idrico sanitari ed elettrici strettamente funzionali all intervento (sono esclusi gli interventi sulla rete Domanda di concessione di contributo per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici residenziali privati ai sensi della Legge 9 gennaio 1989, n. 13 e della L.R. 31 marzo

Dettagli

DOMANDA PER EDIFICI COSTRUITI DOPO 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA

DOMANDA PER EDIFICI COSTRUITI DOPO 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA DOMANDA PER EDIFICI COSTRUITI DOPO 11 AGOSTO 1989, IN REGIME DI ADATTABILITA (IN MARCA DA BOLLO DI VALORE SECONDO LA LEGGE VIGENTE) DOMANDA di concessione di contributo per il superamento e l eliminazione

Dettagli

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e 1 2 Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici; infatti sono stati eliminati tutti

Dettagli

ESEMPIO PER LA RESIDENZA

ESEMPIO PER LA RESIDENZA COMUNE DI BOLZANO GEMEINDE BOZEN ESEMPIO PER LA RESIDENZA PRESENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI E PUBBLICI A COMPLETAMENTO

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI SCHEMI E POSSIBILI SOLUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO COMMERCIALE SCHEMA FUNZIONALE INDICATIVO E DIMENSIONAMENTO ARREDI PER LA ZONA RECEPTION DIMENSIONAMENTO DI

Dettagli

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE I tecnici: Ing. Marco Galperti Geom. Fabio Drufovka PREMESSE Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI BARRIERE ARCHITETTONICHE ACCESSIBILITÀ - C ORRADO B ORTOLIN ( NOV 2014) Circolare 01/03/2002 n. 4 Linee guida per la valutazione della sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro ove

Dettagli

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO

EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO Comune di Milano Settore Concessioni e Autorizzazioni Edilizie QUADERNI TECNICI SULLA FRUIBILITÀ AMBIENTALE Guida alla progettazione senza barriere architettoniche secondo l applicazione delle prescrizioni

Dettagli

Il/La sottoscritto/a... Nato a... (...) il... C.F... D I C H I A R A

Il/La sottoscritto/a... Nato a... (...) il... C.F... D I C H I A R A AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI RIETI Bollo 14,62 DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI, AI SENSI DELLA LEGGE 9 GENNAIO

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

IL CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA LEGGE 67/2006: INCLUSIONE SCOLASTICA E RIMOZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE-GIURISPRUDENZA

IL CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA LEGGE 67/2006: INCLUSIONE SCOLASTICA E RIMOZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE-GIURISPRUDENZA CORSO DI DIRITTO ANTIDISCRIMINATORIO Le nuove frontiere dei diritti dei disabili IL CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA LEGGE 67/2006: INCLUSIONE SCOLASTICA E RIMOZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE-GIURISPRUDENZA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili In presenza di disabili quali ulteriori avvertenze si debbono adottare riguardo la sicurezza antincendio? Il Ministero dell Interno

Dettagli

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N.

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503 Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici TITOLO I - SCOPI E CAMPO DI

Dettagli

Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici

Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l art. 87 della Costituzione; Vista la legge 30

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

LEGGE 9-1-1989 N. 13 (1)

LEGGE 9-1-1989 N. 13 (1) LEGGE 9-1-1989 N. 13 (1) Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati Art. 1 1. I progetti relativi alla costruzione di nuovi edifici,

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 TESTO COMPARATO Prescrizioni Tecniche atte a garantire la fruizione degli edifici residenziali privati, degli

Dettagli

edifici pubblici privati aperti al pubblico

edifici pubblici privati aperti al pubblico Oggetto: parere legale in relazione alle prescrizioni imposte per gli interventi edilizi su edifici privati e pubblici dalle norme sull abbat-timento della barriere architettoniche. E stato chiesto di

Dettagli

2000 - Aggiornamento CT0701ur15 VOCE T 7.1 LRG/XV,1

2000 - Aggiornamento CT0701ur15 VOCE T 7.1 LRG/XV,1 L.R. 20 febbraio 1989, n. 6 LEGGE REGIONALE 20 febbraio 1989, n. 6 «Norme sull eliminazione delle barriere architettoniche e prescrizioni tecniche di attuazione». (B.U. 22 febbraio 1989, n. 8, 1º suppl.

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data SETTEMBRE 2011 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TERRACINA ENTE STRUMENTALE DEL COMUNE DI TERRACINA

AZIENDA SPECIALE TERRACINA ENTE STRUMENTALE DEL COMUNE DI TERRACINA AZIENDA SPECIALE TERRACINA ENTE STRUMENTALE DEL COMUNE DI TERRACINA 04019 Terracina Via G. Leopardi, 73 Tel. 0773 707409 fax 0773 707408 Prot. N. Del Marca da bollo Al Direttore generale Dott.ssa Carla

Dettagli

33100 Udine Via Cjavecis, 7 Tel. 0432 421084 Fax 0432 425196 e-mail info@roncoweb.it www.roncoweb.it

33100 Udine Via Cjavecis, 7 Tel. 0432 421084 Fax 0432 425196 e-mail info@roncoweb.it www.roncoweb.it Questo opuscolo, ha lo scopo di fornire informazioni sui contributi previsti dalla legge N 13/1989 (disposizioni per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche, negli edifici privati)

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA

DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA SCHEDA TECNICA N.08 BAR.ARCH.2010_UPagina 1 di 13 DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA GRUPPO DIPARTIMENTALE NIP CAMPO CONTENUTO N. 08 GIUGNO 2010 OGGETTO DESCRIZIONE SCOPO ELEMENTI DI SCELTA VINCOLI LEGISLATIVI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE ABITAZIONI PERMANENTI URBANE C RESIDENZE COLLETTIVE: residence,

Dettagli

COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto)

COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto) COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto) RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236. " Prescrizioni tecniche necessarie a

Dettagli

ALLEGATO A Delibera Consiglio Comunale n 107 del 13/11/08

ALLEGATO A Delibera Consiglio Comunale n 107 del 13/11/08 ALLEGATO A Delibera Consiglio Comunale n 107 del 13/11/08 Norme regolamentari relative all installazione di impianti tecnologici e di altri manufatti comportanti modifiche dell aspetto esteriore degli

Dettagli

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale Allegati alle NTA C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 Variante n. 232 approvata

Dettagli

2001 - Aggiornamento CT0701ur15 VOCE T 7.1 LRG/XV,1

2001 - Aggiornamento CT0701ur15 VOCE T 7.1 LRG/XV,1 LEGGE REGIONALE 20 febbraio 1989, n. 6 «Norme sull eliminazione delle barriere architettoniche e prescrizioni tecniche di attuazione». (B.U. 22 febbraio 1989, n. 8, 1º suppl. ord.) Titolo I DISPOSIZIONI

Dettagli

NORMATIVA SULL ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEI CONDOMINI

NORMATIVA SULL ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEI CONDOMINI NORMATIVA SULL ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEI CONDOMINI La legge dedicata all eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati,

Dettagli

Indicazioni per l accesso ai contributi per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici residenziali privati

Indicazioni per l accesso ai contributi per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici residenziali privati DIREZIONE GENERALE CASA E OPERE PUBBLICHE UNITA ORGANIZZATIVA OPERE PUBBLICHE E WELFARE ABITATIVO STRUTTURA PROGRAMMAZIONE OPERE PUBBLICHE Indicazioni per l accesso ai contributi per l eliminazione delle

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. sala polivalente/cento sociale ricreativo. utilizzo di cicli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. sala polivalente/cento sociale ricreativo. utilizzo di cicli ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI sala polivalente/cento sociale ricreativo utilizzo di cicli Schema tratto da AA.VV., Enciclopedia pratica per PROGETTARE COSTRUIRE 8 ed. - Hoepli. pag. 28 ERGONOMIA E DIMENSIONAMENTO

Dettagli

BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO)

BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO) BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO) Per le parti non verificabili in progetto la costruzione si adeguerà: D.P.R. 27 aprile 1978, n.

Dettagli

D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96

D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96 D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96 Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni tecniche di riferimento sono contenute nella circolare ministeriale

Dettagli

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 24 in data

Dettagli

I lavori da eseguire devono essere conformi all art. 8 del DM 14 giugno 1989, n.236.

I lavori da eseguire devono essere conformi all art. 8 del DM 14 giugno 1989, n.236. Tra gli interventi previsti per il superamento delle barriere architettoniche negli edifici privati, rientrano sia le installazioni di piattaforme elevatrici, sia le installazioni di impianti servoscala

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

Oggetto: Relazione tecnica di conformità alla L.S. n 13/89, D.M. n 236/89 e DGRV 509/ 10. Disposizioni per favorire il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici. Proprietà/Locatore

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Ristrutturazione: immobili interessati

Ristrutturazione: immobili interessati Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 348 17.12.2013 Ristrutturazione: immobili interessati Categoria: Irpef Sottocategoria: Detrazione 36% Gli interventi, oggetto dell agevolazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO RCHIDUE Associati x l'architettura Arch. Stefano NANNINI arch. Debora INNOCENTI via Castel de Toni, 1/A Casalguidi 51034 (PT) Tel./Fax. 0573.526389; e-mail: archidueassociati@tiscali.it Al Sig. Sindaco

Dettagli

Art. 1 - Finalità. a) al miglioramento della qualità abitativa per preservare,

Art. 1 - Finalità. a) al miglioramento della qualità abitativa per preservare, IL VECCHIO E IL NUOVO PIANO CASA A CONFRONTO con le nuove disposizioni dettate dalla legge regionale n. 32 del 29 novembre 2013 (Bur n. 103 del 30/11/2013) - Il primo dicembre 2013 è entrata in vigore

Dettagli

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA Proprietà : COOP. S. GONDA. Progetto : Arch. Alessio Cantini Arch. Marco Benassai Ing. Sirio Chilleri RELAZIONE

Dettagli

II. Vademecum per la gestione del Fondo nazionale per l eliminazione e il superamento delle barriere architettoniche

II. Vademecum per la gestione del Fondo nazionale per l eliminazione e il superamento delle barriere architettoniche 37 II. Vademecum per la gestione del Fondo nazionale per l eliminazione e il superamento delle barriere architettoniche 1. A cosa serve il fondo per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche

Dettagli

BARRIERE ARCHITETTONICHE

BARRIERE ARCHITETTONICHE Comune di Castel San Pietro Terme Piazza XX Settembre, 3 40024 Castel San Pietro Terme (BO) rea Servizi al Territorio SPORTELLO UNICO PER L EDILIZI BRRIERE RCHITETTONICHE 1 DICHIRZIONE DI CONFORMIT I SENSI

Dettagli